Il Museo della Storia Antica del Territorio di Bientina Vittorio Bernardi. Una guida alla visita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Museo della Storia Antica del Territorio di Bientina Vittorio Bernardi. Una guida alla visita"

Transcript

1 Francesca Grassini Il Museo della Storia Antica del Territorio di Bientina Vittorio Bernardi. Una guida alla visita Guida ai Musei e ai Monumenti della Rete Museale Valdera 4

2 Comune di Bientina Provincia di Pisa 2012 Edizioni La Grafica Pisana ISBN Collana diretta da Antonio Alberti Credits Immagini e grafici dell archivio della SBAT. Ad esclusione delle figg di F. Ghizzani Marcìa e L. Dieci dalla mostra Gli Etruschi e le vie d acqua, Museo Civico di Montopoli. E delle figg. 1, 8, 9, 11, 28, 34 di A. Alberti. Impaginazione e stampa La Grafica Pisana Bientina (PI)

3 Indice Presentazione di Giulio Ciampoltrini 5 Breve storia della ricerca archeologica nell antico Lago di Bientina 7 Il Museo: la chiesa di San Girolamo 9 Età del Bronzo Finale. Fossa 5, villaggio su piattaforme 10 Età Arcaica. Fossa 2, i cambiamenti del paesaggio e la Terra dei Quattro Fiumi 21 Il V secolo a.c. La necropoli del Podere 56. Dall apice alla crisi del popolamento 38 Bibliografia di riferimento 46 Informazioni 47

4

5 Presentazione Il 27 novembre del 1999 la comunità di Bientina coronò il sogno rimasto tale per più di quaranta anni di Vittorio Bernardi: raccogliere in un museo i segni della storia etrusca del territorio del Comune. La passione del Bernardi al quale giustamente è stato dedicato il Museo aveva sollecitato a scavi di necropoli e insediamenti quando (gli anni Cinquanta del Novecento) questi temi della ricerca erano inusuali in un lembo di Toscana che, per una lettura parziale delle fonti antiche, si voleva assegnare all ambito culturale ligure, benché il primo e più autorevole fra gli archeologi che avevano presentato ritrovamenti del territorio (il Ghirardini) già sul finire dell Ottocento avesse riconosciuto i chiari segni della cultura etrusca nella tomba emersa nel settore settentrionale della bonifica del lago di Bientina (o di Sesto, come lo denominava la Repubblica di Lucca, conservando l antica terminologia medievale), al Rio Ralletta. Sono state le rinnovate indagini degli anni Ottanta e Novanta del XX secolo a chiarire risolutivamente dubbi che non avrebbero mai dovuto affiorare, e a fornire materiale per entrare sin nella vita quotidiana degli Etruschi fioriti per qualche secolo nel territorio che oggi è di Bientina. Infine, l attenzione per la tutela e l impegno degli eredi della passione di Vittorio Bernardi hanno portato a scoprire, nell area di Fossa Cinque, i precedenti del sistema di insediamenti etruschi già dell VIII, e poi del VI e V secolo a.c.: il villaggio dell età del Bronzo Finale che occupò, intorno al 1000 a.c., il cuore della piana oggi bonificata, è un impressionante testimonianza di quanto rimane ancora sepolto, giacché solo con l apertura di profondi fossati è stato possibile individuarlo ed esplorarne alcuni lembi. Le razionali vetrine a isola del museo ospitato nel San Girolamo, progettate da Mario Pagni, propongono dunque al visitatore 5

6 un arcipelago che è anche un percorso nella storia del territorio di Bientina, dal 1000 a.c. sino al V secolo a.c., quando una secolare storia si esaurisce in circostanze climatiche avverse, che porteranno a nuovi sistemi di insediamenti. Oggi questo itinerario può essere seguito in compagnia della guida in cui Francesca Grassini ha sintetizzato rivedendoli quando era il caso alla luce dei nuovi dati e delle nuove metodiche di ricerca i frutti di tanti anni di indagini. Non c è dubbio che per la fruizione di contesti archeologici di non immediata lettura come quelli di Bientina la presenza di una guida in persona interattiva al massimo sia sempre preferibile, ma la chiarezza e la misura profuse nell opera fanno sì che si riesca a sentire presente l autrice, con l impegno e la competenza della nuova generazione di archeologi a cui appartiene. Giulio Ciampoltrini 6

7 Breve storia della ricerca archeologica nell antico Lago di Bientina. La visita al museo di Bientina riserva la sorpresa di rivedere il passato di un territorio ormai trasformato da un lungo corso di bonifiche. Al di sotto delle sue acque e del fango, Bientina custodiva da secoli un tesoro destinato ad illuminare gli studiosi su quanto avvenisse già nel volgere dell XI secolo a.c. nell area del Lago, restituendo l abitato di Fossa 5. Ma non è solo il remoto 1. Una delle vetrine del museo. insediamento di Fossa 5 ad essere tornato alla luce durante le opere di bonifica, dal momento che è uno dei ritrovamenti più recenti, effettuati sotto la guida di G. Ciampoltrini. Grazie all opera di tutela della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, le vetrine del museo ospitano anche i reperti dell abitato arcaico di Fossa 2, il quale costituisce il confronto principale per le ricostruzioni dei modelli insediativi del Valdarno Inferiore, la Piana di Lucca e la città di Pisa. Queste restituzioni avvenivano tra il 1990 e il 1997, ma all interno del museo sono esposti anche i grandi cinerari della necropoli del Podere 56, che tornò alla luce durante le attività di bonifica degli anni 50 dello scorso secolo. La storia delle scoperte archeologiche in questi territori inizia verso la fine del 800, quando furono completate le opere di bonifica totale del lago di Sesto. Durante alcuni lavori per aprire un 7

8 8 nuovo corso al Rio Ralletta, nel Comune di Capannori, venne identificato quanto rimaneva di una tomba di V sec. a.c., che restituì un magnifico cratere attico a figure rosse e un corredo d oreficerie. Fu poi il 1929 un altro anno foriero di belle scoperte, quando emerse a Bientina in località Isola un altro cratere attico a figure rosse che è databile all inizio del IV sec. a.c. Il cratere del Rio Ralletta è esposto insieme alle oreficerie al Museo Nazionale di Villa Guinigi a Lucca, il cratere di Isola invece fu depositato nei magazzini del Museo Archeologico di Firenze, dove si trova tuttora. Le restituzioni dell area del Bientina hanno contribuito ad alimentare un annoso dibattito, per fortuna ormai concluso, sull appartenenza etrusca o ligure di questi territori. Fu tra i primi Vittorio Bernardi, grande appassionato di storia locale, ad asserire che l area del Bientina fosse senza ombra di dubbio etrusca e non ligure. Come sappiamo, l evolversi della ricerca ha dato ragione al Bernardi ed ha oscurato ogni altra possibilità d interpretazione in questo ambito. Lo studioso partecipò negli anni 80 del Novecento alle indagini archeologiche condotte dalla Soprintendenza nel territorio e scrisse anche una prima pubblicazione, che è al momento quanto abbiamo riguardo a quelle ricerche (V. Bernardi Archeologia nel Bientina, Pontedera 1986). È proprio all illuminato Bernardi che è dedicato il museo etrusco di Bientina. In anni più recenti A. Andreotti, G. Ciampoltrini e M. Cosci hanno fatto emergere in maniera sempre più chiara la storia e i cambiamenti di questi territori, attraverso prove non soltanto raccolte durante gli scavi archeologici, ma anche lette nel paesaggio immortalato da una foto aerea o satellitare. Grazie a questi studi, oggi sappiamo come si comportavano in antico i corsi d acqua a Bientina, dove i rami dell antico fiume Auser si intrecciavano tra loro e poi raggiungevano l Arno. I puntuali contributi di G. Ciampoltrini hanno presentato anno dopo anno le nuove ipotesi interpretative e i più recenti risultati, fino ad arrivare alla pubbli-

9 cazione di Marzo 2010 degli scavi di Fossa 5, riaperti tra il 2005 e il 2009, dopo le prime scoperte degli anni 90 del secolo scorso (G. Ciampoltrini, a cura di, I segni dell Auser 9. Fossa 5 della bonifica di Bientina, Lucca 2010). Il museo: la chiesa di San Girolamo Tra i monumenti di maggiore rilievo a Bientina c è la Chiesa di San Girolamo. In questo edificio della prima metà del XVII secolo, già officiato dalla omonima Confraternita e in tempi più recenti dalla Misericordia, è stata collocata la mostra archeologica permanente a partire dal La Confraternita di San Girolamo nacque a Bientina nel 1627 e fece costruire la chiesa attraverso i soldi raccolti con le elemosine. Fino al 1785 celebrò in questa chiesa e poi il Granduca di Toscana, Pietro Leopoldo di Lorena, promulgò una legge che soppresse tutte le Compagnie e le Confraternite religiose nel Granducato. La Compagnia di San Girolamo o di Carità arrivò in qualche modo fino al 1908, quando si trasformò in Fraternità della Misericordia. Nel 1984 la Chiesa crollò parzialmente per cause naturali e dopo il restauro cambiò la sua destinazione e divenne museo. Infine è curioso sapere che San Girolamo è patrono degli archeologi, per il suo interesse verso l antichità. Il Santo di Stridone viene commemorato il 30 settembre. 9

10 Età del Bronzo Finale. Fossa 5, villaggio su piattaforme. Il villaggio di Fossa Fossa 5, lungo la strada provinciale Bientina Altopascio. Durante la bonifica del Lago tra il nella Fossa 5 V fossato della bonifica ma anche nel fossato aderente al lato orientale della Provinciale Bientina/Altopascio fu individuata l esistenza di un insediamento costituito da una decina di capanne e del complesso ambiente fluviale sul quale erano state costruite (fig. 2). Attraverso i dati di scavo e lo studio delle immagini satellitari è stato possibile apprendere che il villaggio di Fossa 5 si impostava alla confluenza di due rami dell Auser che andavano a tuffarsi nell Arno all altezza di Bientina. Le due diramazioni dell Auser, 10

11 Auser I e Auser II, dovevano costituire i limiti dell insediamento e creare di conseguenza non pochi problemi di gestione dei loro corsi (fig. 3). Tenendo conto di queste delimitazioni, è stato ipotizzato che le capanne fossero distribuite su un sistema di isolotti fluviali esteso per una decina di ettari, dove potevano essere contenute almeno 50 unità abitative. Tuttavia è stato possibile indagare soltanto una piccola parte di Fossa 5, quella che è stata intercettata del tutto casualmente dalle fosse di bonifica. Questo insediamento sembra essere la testimonianza di un momento di grande espansione da parte della rete di piccoli villaggi che caratterizza il periodo conclusivo dell Età del Bronzo. Ma la consistenza demografica e le dimensioni di Fossa 5 sembrano elevarsi ad un livello superiore a quello dei contemporanei abitati delle aree urbane di Pisa e Volterra, che preludono alla nascita delle due importanti città dell Etruria Settentrionale. Tuttavia Fossa 5 si dissolverà in due o tre generazioni, senza che ancora siano del tutto chiare le motivazioni. Sono state formulate però due ipotesi, la prima attribuisce la causa della fine di quest insediamento a fattori ambientali, mentre la seconda individua la causa della fine o dello spostamento di Fossa 5 3. Paleoalveo dell Auser, ricostruito in base ai dati delle immagini da satellite. nelle mire di controllo territoriale di Pisa o di 11

12 4. Ricostruzione del reticolato di pali della capanna 1. Volterra. Durante gli ultimi scavi, l accuratezza delle indagini ha permesso ad E. Abela di fornire un ipotesi ricostruttiva delle strutture abitative che si trovavano in quest insediamento dell Età del Bronzo Finale. Dagli scavi emergono in più casi i resti di una palificazione disposta su file parallele (fig. 4), che doveva generare un complesso di forma rettangolare, con i lati lunghi compresi tra i 9 ed i 6 m e quelli corti di circa 4-5 m. Le abitazioni potevano arrivare a coprire un area di circa 81 m 2 e la loro costruzione si impostava su di un impalcato ligneo, per il quale veniva sistemato uno strato preparatorio di sedimento poi compattato, in modo da poter consolidare il terreno sul quale sarebbero stati infissi i pali, poiché nei livelli sottostanti erano presenti sabbie che altrimenti avrebbero creato problemi di instabilità. Le piattaforme sembrano essere regolate nei metodi costruttivi da un unità di misura, che si basa su un piede di circa 30 cm. È stata notata una fine consapevolezza artigiana che impiega il legno secondo una tecnica utilizzata e conosciuta forse già da due secoli, la quale sa distribuire alle varie componenti della struttura la materia lignea che più conviene, scegliendo tra quercia, olmo e ontano (fig. 5). Le strutture erano composte da due settori, uno occupato dall abitazione vera e propria ed un ambulacro esterno. I con- 12

13 5. Rilievo e foto di uno dei crolli delle piattaforme in legno. fronti per questo tipo di piattaforme si trovano sia in ricostruzioni museali che in strutture ancora in uso in un ampio territorio che va dall Oceano Indiano al Pacifico. Le piattaforme di Fossa 5 non si trovano mai costruite direttamente sull acqua, ma sul dosso fluviale, per essere in grado di affrontare le esondazioni fluviali. In funzione delle abitazioni i focolari erano apprestati sul suolo antistante o, come mostrarono i complessi portati in luce fra 1990 e 1994, in concavità esterne create appositamente. In uno tra i casi esplorati, il focolare era stato apprestato quasi al centro dell abitazione, che probabilmente possedeva un apertura nelle campate centrali, per consentire di accendere il fuoco direttamente sul suolo, scongiurando al meglio le possibilità d incendio. Tuttavia, proprio in questa struttura sono state individuate le tracce di un incendio che la distrusse in parte. Nella maggioranza dei contesti indagati, invece, è stato rilevato un consistente strato di sabbia alluvionale a copertura delle fasi di vita dell insediamento, con ogni probabilità da ricondurre ad un potente allagamento che determinò la 13

14 fine della vita del villaggio di Fossa 5, modificando il paesaggio col quale aveva convissuto. I materiali di Fossa Materiali dalle aree 3, 4, 5 e 6. I materiali raccolti soprattutto nei siti 3 e 5 indicano una cronologia che risale all estremo Bronzo Finale ( a.c.) e sono stati già più volte studiati ed editi da G. Ciampoltrini. Tra i reperti si evidenziano la scodella emisferica carenata (fig. 6.1) con fondo piano e labbro rientrante. L impasto è nero bruno e rifinito a stecca. L ansa è impostata sul limite dell orlo e appiattita ai lati dalla pressione delle dita. Il sistema decorativo è solitamente reso con la rotellatura e crea il motivo a falsa cordicella, oppure attraverso alcune linee incise che riempiono lo spazio andando a formare meandri. I confronti di questo sistema decorativo si 14

15 trovano in un area piuttosto vasta che va fin oltre l Appennino e arriva a Bologna, anche se il contesto di riferimento principale resta il vicino abitato di Stagno (LI), dove si prediligono più o meno gli stessi motivi decorativi. La coppa con profilo continuo (fig. 7.4), vasca profonda e orlo rientrante, è di difficile confronto, nonostante sia possibile recuperare quella somigliante con le olle rinvenute in un contesto coevo, a Sorgenti della Nova, Farnese (VT), alle quali si avvicina come decorazioni. Le linee parallele orizzontali incise al di sotto dell orlo sono incluse entro due file di trattini a cordicella e sono un tipo di decorazione che trova confronti anche a Stagno (LI) e alle Ripaie di Volterra (PI). Altro esempio di forma aperta è la tazza carenata (figg. 6.3; 7.2 e 8) con gola distinta e profilo sinuoso. Il fondo di questo tipo di tazza è solitamente ombelicato, e presenta un sistema decorativo complesso, costituito dal motivo a cordicella alternato a linee in- 7. Materiali dall area 5. 15

16 cise; a zig- zag; a linee parallele e oblique a gruppi di tre, oppure a festoni. L impasto è nero in superficie e in frattura con minutissimi inclusi e superfici rifinite a stecca. La particolare raffinatezza artigiana dedicata alla modellazione e alle decorazioni di queste tazze ha fatto pensare che fossero prodotte da artigiani specializzati. In particolare alcuni esemplari presentano anse sormontanti decorate con motivi a rosetta, a linee incise o da nervature che sembrano imitare modelli metallici. Queste coppe si trovavano tra il vasellame destinato ad imbandire la mensa, ma la loro destinazione doveva essere soltanto per il momento del bere bevande di particolare pregio. La forma si trova a Fossa 5 riprodotta anche in esemplari meno raffinati e senza decorazioni che hanno un impasto bruno o bruno scuro. 8. Tazze carenate. I confronti di quest ultimo tipo più semplice si incontrano anche nel contesto di Stagno (LI). In quest ultimo contesto sono stati rinvenuti molti vinaccioli, che fanno pensare ad una bevanda ricavata dall uva già in questo periodo. 9. Ansa cornuta con bugna pronunciata all interno. Ancora d imitazione metallica e di alto pregio è l ansa che termina in corna cave e bugna pronunciata all interno (figg. 7.1 e 9) recuperata nei 16

17 materiali di risulta dell area 5. L ansa è decorata con stampiglie tipiche del Volterrano. Tra i manufatti che potevano avere funzione di contenitori da dispensa ci sono alcune olle con corpo ovoide e labbro svasato (fig. 6.4). Su questi vasi la decorazione si trova sulla parte superiore dell orlo e sull esterno del corpo. La decorazione può essere stata eseguita attraverso l incisione di linee ondulate oppure con metope rettangolari riempite da motivi di vario genere. La complessità dell apparato figurativo finora descritto per la decorazione dei vasi di Fossa 5 si traduce in vero e proprio linguaggio al di sopra di una fuseruola (fig. 10) proveniente dallo stesso contesto. La piccola fuseruola biconica offre la possibilità di leggere sulle sue pareti due scene figurate, nella scena b (fig. 10) è possibile leggere una figura umana che affronta una sorta di mostro serpentiforme, mentre nella scena a (fig. 10) si riconosce un cane che segue una figura umana, la quale affronta anche in questo caso un mostro serpentiforme. Si tratta di un esemplare decisamente inconsueto e difficile è stata l accettazione della lettura di quest immagine da parte della comunità scientifica che ha volutamente approfondito la problematica per evitare facili abbagli. La contrapposizione tra uomo e mostro è un motivo che si trova rappresentato non soltanto su altri supporti ceramici 10. Fuseruola con scena figurativa. 17

18 18 dipinti, ma anche su opere di alta metallurgia, come il carrello cerimoniale di Bisenzio. Le immagini illustrate sulla fuseruola si collocherebbero in questo panorama di opere che mostrano l affrontarsi tra l uomo che rappresenta la caccia e la forza, lato a, e la donna che è simbolo della magia, lato b, ed entrambi lottano contro il mostro, l orcus. Poiché la rarissima fuseruola si fa portatrice di questo alto significato, è stato anche pensato un suo possibile uso diverso dall abituale destinazione nella filatura, ovvero quello di pendaglio. Il repertorio ceramico di Fossa 5 offre anche alcune olle di forma biconica (fig. 11) con labbro svasato, fondo piano, provviste di un cordone plastico sulla carenatura e di un sistema decorativo ancora affidato a cordoni plastici. Questa forma è diffusa in Toscana centro-settentrionale e anche oltre Appennino, ma i confronti più convincenti per i nostri esemplari si trovano nelle comunità del bronzo finale delle Apuane, a Stagno (LI) e a Volterra. Le olle sono prodotte in un impasto bruno o bruno rossastro che costituisce anche un boccale troncoconico con fondo piano, presa obliqua e cordone plastico decorativo. Dagli scavi recenti sono stati recuperati più frammenti attribuibili a dolia impiegati come contenitori di derrate alimentari solide o liquide. Gli impasti di questi grandi contenitori sono di colore bruno rossastro, non molto depurato, e con superfici rifinite a stecca. Inoltre sono stati recuperati alcuni utensili relativi alla cucina. In particolare un bollitoio (fig. 6.6) di forma cilindrica con labbro leggermente svasato, munito di presa e relativo coperchio carenato provvisto di pomello di presa dall area Olla biconica.

19 I manufatti in materiale diverso dalla ceramica sono alcuni manici e punteruoli in osso e due valve di conchiglie, forate per essere appese al collo. L insediamento di Fossa 5 mostra notevoli punti di contatto con il contesto di Stagno (LI) datato all XI sec. a.c. inoltrato, ma introduce anche in questo periodo proto-etrusco un corposo arricchimento di motivi decorativi che saranno propri della cultura etrusca dell Età del Ferro. Per fissare al meglio la cronologia dell insediamento è stata particolarmente utile agli studi la fibula in bronzo serpeggiante ad occhio con grande staffa simmetrica, arricchita da catenella inserita nella molla, poiché è pertinente ad un tipo diffuso soltanto tra Bronzo Finale e Ferro Iniziale in una ristretta fascia tirrenico settentrionale. In sintesi Fossa 5 testimonia il ripopolamento della piana dell Auser durante l XI sec. a.c., dopo che quest area della Toscana vede un periodo di contrazione dell insediamento tra XIII e XII secolo a. C. probabilmente dovuto a condizioni ecologiche critiche. Da un confronto tra i dati di scavo degli anni 90 del Novecento e i più recenti dati degli scavi è stato ipotizzato che ci fosse una sorta di pianificazione dell occupazione del territorio e che ogni unità insediativa potesse avere un area di pertinenza di circa 2000m 2 e di conseguenza che Fossa 5 potesse comprendere complessivamente un area di circa ha nei quali si sarebbero potute trovare circa unità. Inoltre le strutture su piattaforma indicano lo stretto rapporto tra fiume e civiltà, la quale doveva vivere di cerealicoltura ed allevamento. Non c è per ora un conforto archeologico tangibile della verosimile ipotesi dell utilizzo dei rami dell Auser a Fossa 5 come via di commercio, tuttavia in tale periodo l Arno e l Auser offrivano una comoda via di comunicazione pedemontana, testimoniata anche dal rinvenimento dei ripostigli di bronzi delle Apuane e del Livornese. Si deve considerare anche la contemporaneità tra la rete di insediamenti d altura della Garfagnana, dell alta Luni- 19

20 giana (Camporgiano, Castelvecchio di Piazza al Serchio, Pieve di San Lorenzo) e Fossa 5. Inoltre i materiali ceramici degli insediamenti del Bronzo Finale della Garfagnana hanno straordinarie somiglianze con i tipi noti nelle culture dell Italia Settentrionale durante l XI secolo a.c. (proto- Golasecca III). Tutte queste analogie contribuiscono ad affermare che con ogni probabilità dovevano esistere contatti quantomeno tra il comparto della Garfagnana, Fossa 5 e l area del Livornese, durante il Bronzo Finale. 12. Immagine di scavo, focolare della capanna 1. 20

21 Età Arcaica. Fossa 2, i cambiamenti del paesaggio e la Terra dei Quattro Fiumi. L abitato di Fossa Fossa 2 e gli altri insediamenti d Età Arcaica lungo il corso dell Auser. Le tracce della distribuzione dell insediamento nell area della bonifica di Bientina durante l alta Età Arcaica sono state individuate soprattutto lungo le rive dell Auser I, con i contesti del Bottaccio Sud, il Podere 53, Fossa 4, Fossa 3 e Fossa 2 (fig. 13). Di tutti questi importanti contesti, l unico del quale conosciamo qualcosa di più oltre alla cronologia indicativa è Fossa 2, poiché fu parzialmente scavato durante le opere di bonifica, mentre per Fossa 3 e Fossa 4 non sono stati per ora effettuati scavi in esten- 21

22 sione e profondità. Si tratta di un contesto d abitato che venne indagato nel 1993 da A. Andreotti. La casa d Età Arcaica (fig. 14) è stata individuata attraverso il riconoscimento di un asportazione di forma sub-rettangolare nel terreno e una serie di buche di alloggiamento per i pali lignei che erano stati infissi nel terreno, per sorreggere la struttura portante. L elevato dell abitazione doveva essere totalmente costituito da legno e la distribuzione delle buche di palo indica che la struttura era suddivisa in due ambienti, il primo al di sopra della traccia quadrangolare, nel quale era anche custodito il fuoco, mentre il secondo era antistante e di dimensioni minori e con ogni certezza costituiva il vestibolo. All esterno della casa doveva essere stata apprestata una sorta di pavimentazione con la giustapposione di ciottoli di fiume. 14. La capanna di fossa due individuata attraverso le buche di palo, in nero, ed il focolare. Per recuperare alcuni confronti all edificio è possibile riferirsi alla pianta delle tombe a camera (fig. 15) coeve al contesto, poiché riproducono la planimetria e la forma delle abitazioni. Alcune sepolture dell Etruria Settentrionale possiedono un ampio vestibolo rettangolare che precede una camera funeraria anch es- 22

23 15. I rilievi di Fossa 2 e di Piari a confronto con la Tomba dei Boschetti di Comeana. sa rettangolare, ma di dimensioni maggiori, come la tomba dei Boschetti di Comeana. Ma non è soltanto il confronto con il monumento tombale a fornirci una conferma della corretta interpretazione delle tracce archeologiche di Fossa 2, dal momento che in Garfagnana in un insediamento datato tra il VII ed il VI sec. a.c. in località Piari, Vagli di Sotto, è stata nuovamente riconosciuta la composizione costituita da vestibolo e camera contigui. Inoltre è presente un ulteriore esempio coevo al nostro, quello di Montacchita, vicino Palaia (PI), indagato tra il 2003 e il L indagine archeologica ha rilevato le tracce di una struttura residenziale costituita da un vestibolo quadrangolare disposto sul piano di campagna, dal quale si accedeva in un ambiente sub-circolare sottoscavato in un vero e proprio fondo di capanna. A sorreggere la copertura era stato impiantato un solo palo portante disposto in posizione centrale. M. Baldassarri ha proposto di reperire confronti tra i monumenti tombali etrusco settentrionali ed ha richiamato alla nostra attenzione la planimetria delle tholoi del territorio volterrano Casaglia, Casale. Queste corrispondenze tra dimore dei morti e insediamenti individuate per l Etruria nord occidentale tra la fine del VII e i primi del VI sec. a.c. non sono altro che una conferma del fatto che in Etruria le tombe a camera restituiscono l immagine degli abitati, come si può osservare nella grande necropoli della Banditaccia di Cerveteri, sia nell orientalizzante tomba della Capanna, che nelle arcaiche tombe a dado. 23

24 Intorno alla metà del VI sec. a.c. alle capanne con struttura simile a quella di Fossa 2 si alternano quelle di planimetria sub-circolare o ellittica nel vasto distretto che va dal Valdarno alla Garfagnana. Lo scavo delle Melorie di Ponsacco ha testimoniato un esempio di pianta circolare durante il VI sec. a.c. La capanna è stata individuata grazie agli alloggiamenti delle buche di palo nel lato meridionale e di ciottoloni in quello settentrionale. Inoltre è stato identificato il possibile crollo delle pareti della struttura in seguito ad un incendio, che erano costituite da argilla concotta. Invece un esempio più tardo di abitazione che si articola nei due ambienti, vestibolo e camera, c è nell insediamento della Granchiaia, in Val di Chiecina, il quale presenta una semplificazione tecnologica dell impianto della struttura, poiché non è stata creata una struttura portante in legno, bensì una più semplice edificazione in argilla cruda. Fossa 2, tessera di un mosaico che ricompone il corso antico di quattro fiumi. Il contesto di Fossa 2 sembra trovarsi al centro di un vasto areale intorno al quale durante il VI a.c. si estende l insediamento etrusco presentando notevoli affinità, che noi in parte abbiamo già individuato nelle tipologie costruttive. L area che comprende Valdarno Inferiore, Valdera, pianura di Lucca, valle del Serchio sembra avere una cultura comune che fa riferimento alla città di Pisa. Pisa in Età Arcaica è una città in pieno sviluppo e si colloca come centro propulsore e sbocco al mare di tutti questi centri, messi in comunicazione attraverso le vie d acqua fluviale. Attraverso la correlazione dei dati archeologici relativi all Età Arcaica e le interpretazioni delle immagini satellitari, G. Ciampoltrini e M. Cosci hanno proposto una lettura del paesaggio antico, all interno del quale l Auser è il corso d acqua protagonista dell area di Bientina. Il fiume aveva un corso complesso a canali intrecciati, che subì una regolarizzazione da parte del- 24

25 le opere di bonifica cinquecentesche, quando ancora colmava con il lago di Sesto la despressione tra Cerbaie e monti Pisani. L Auser/Serchio si divideva appena raggiunta la pianura a valle della stretta di Ponte a Moriano, i bracci di sinistra si riunivano per gettarsi nell Arno all altezza di Bientina, Auser I e II; il ramo centrale invece è l odierno Ozzeri; il braccio di destra, l Auserculus, era secondario e poi diventò il ricco corso d acqua che oggi conosciamo come Serchio. Uno dei rami dell Auser si staccava per andare poco a sud del centro storico di Lucca. Lungo il dosso di questa diramazione dell Auser sono stati ritrovati la necropoli di via Squaglia, zona San Concordio Lucca e un abitato nella zona dell ex-officina del gas. Una traccia della suddivisione in molti rami dell antico Auser è stata indagata di recente a Lucca, quando è stato riconosciuto un tratto del fiume (fig. 16) attivo in Età Etrusca poco ad est del centro della città, immediatamente a nord di San Filippo. Il letto del fiume è stato identificato attraverso il rinvenimento di ciottoli e ghiaie con la presenza di materiale ceramico riferibile al VI V secolo a.c. ed a poche centinaia di metri di distanza era già stato scavato alcuni anni fa il villaggio di V sec. a.c. di Tempagnano. La ricerca è stata un importante conferma di quanto finora si ipotizzava sulla base della foto interpretazione, che l Auser in antico fosse un fiume a canali incrociati, come è oggi il Tagliamento nel nord est dell Italia. L Arno costituiva la via di comunicazione più veloce tra l area di Bientina e la costa. L attuale corso del fiume è esito di una tormentata opera dell uomo, che forse ha iniziato a subire fin dalle colonizzazioni augustee. Queste ultime trasformarono profondamente il volto delle pianure dell Etruria Settentrionale. Si deve a M. Cosci la lettura dei paleo-alvei sulle immagini aeree e satellitari, che rivelano una serie di sovrapposizioni dei meandri tra S. Croce sull Arno e Bientina (fig. 17). A raccontarci della modifica del corso dell Arno sono anche i documenti che registrano le opere di bonifica fatte verso gli anni 60 del 500 nel 25

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Gli Etruschi della Valdera. Forme dell insediamento fra VII e V secolo a.c.

Gli Etruschi della Valdera. Forme dell insediamento fra VII e V secolo a.c. La serie dei Quaderni della Rete Museale della Valdera si apre con un volume dedicato alla presentazione di due scavi che fra 2003 e 2006 hanno permesso di cogliere le forme dell insediamento etrusco nella

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Turismo Scolastico Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Parco Archeologico di Roselle e Museo Storico Archeologico della Maremma: Una delle più importanti città della Dodecapoli

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 IL COMPRENSORIO CONSORTILE Il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio si estende

Dettagli

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere Introduzione STRUTTURA STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere l'intera costruzione. Per gli edifici di civile abitazione (residenziali), nei casi usuali

Dettagli

Per i giorni d inverno del 77, per i sogni di Agliatone e di Cerreto I SEGNI DELL AUSER ARCHEOLOGIA A LUCCA E NELLA VALLE DEL SERCHIO

Per i giorni d inverno del 77, per i sogni di Agliatone e di Cerreto I SEGNI DELL AUSER ARCHEOLOGIA A LUCCA E NELLA VALLE DEL SERCHIO Per i giorni d inverno del 77, per i sogni di Agliatone e di Cerreto I SEGNI DELL AUSER ARCHEOLOGIA A LUCCA E NELLA VALLE DEL SERCHIO Finito di stampare nella Tipografia La Grafica Pisana in Bientina nel

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/ FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo degli usi e costumi della gente trentina a colloquio con Giovanni Kezich http://www.museosanmichele.it/ Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO Progetto didattico Anno scolastico 2013-2014 Lo scavo come strumento di conoscenza:

Dettagli

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare

La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare La Costa degli Etruschi dalle vie dei boscaioli e dei minatori al mare Tre giorni a piedi nella Costa degli Etruschi. Dall elegante Campiglia Marittima si entra nel Parco di San Silvestro tra le antiche

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2010 Visita guidata alla Necropoli Etrusca della Banditaccia e al Museo Ruspoli di Cerveteri (Roma) venerdì 26, sabato 27, domenica 28 marzo 2010 N.B.:

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA CONSORZIO della CHIUSA di CASALECCHIO e del CANALE di RENO Via della Grada, 12 40122 Bologna Tel. 051.6493527 Fax 051.5280238 E-mail: info@consorzireno-savena.it www.consorzireno-savena.it Pianta generale

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

Gli Animali della Preistoria

Gli Animali della Preistoria Gli Animali della Preistoria Lynx lynx Lince Hippopotamus amphibius - Ippopotamo anfibio Coelodonta antiquitatis Rinoceronte lanoso Ursus spelaeus Orso delle caverne Felis silvestris Gatto selvatico Mammuthus

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Le fotografie come fonte per il restauro

Le fotografie come fonte per il restauro Le fotografie come fonte per il restauro Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le province di Bologna, Ferrara, Forlì Cesena, Ravenna e Rimini Soprintendenza per il

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!!

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! UNA NECROPOLI ETRUSCA ALLA MATTONARA Scoperta nel giugno del 2002

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

RELAZIONE PRELIMINARE

RELAZIONE PRELIMINARE IL RIPRISTINO DEL PONTE SEICENTESCO DELLA MADONNA DEL CANALE VILLA DI TRESANA RELAZIONE PRELIMINARE Comune di Tresana Il corso d acqua denominato fosso della Madonna del canale, nel corso del disastroso

Dettagli

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 È noto che il turismo oltre a innescare un maggior consumo di risorse (acqua, energia ecc.) genera anche un consistente aumento dei rifiuti. I dati che abbiamo

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

GITE DI SOCIALIZZAZIONE

GITE DI SOCIALIZZAZIONE GITE DI SOCIALIZZAZIONE ANNO 2015/2016 PER LE SCUOLE SUPERIORI Il Parco archeologico si trova in collina e sorge sulle rive del fiume Trebbia. La vegetazione attuale ripropone le essenze tipiche del Neolitico.

Dettagli

D&P Turismo e Cultura snc

D&P Turismo e Cultura snc D&P Turismo e Cultura snc La Società D&P turismo e cultura si occupa generalmente della valorizzazione del patrimonio culturale e della promozione turistica della regione Marche, offrendo una vasta gamma

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio

Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio Intervento di venerdì 7 maggio 2010 Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio Premessa n. 1 Innanzitutto vorrei sgombrare subito il campo da inevitabili fraintendimenti: quello che vedete

Dettagli

CASA BURGOLO Giubiasco

CASA BURGOLO Giubiasco Residenza CASA BURGOLO Giubiasco Per informazioni, riservazioni e vendita / Für Informationen, Reservierungen und Verkauf IMMOBILIARE MAZZOLENI ROBERTO SA Immobiliare Mazzoleni Roberto SA Via Stazione

Dettagli