9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO"

Transcript

1 128 9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO L'Etruria sembra aver costituito il territorio privilegiato di distribuzione della ceramica attica, sia per la potenzialità di commercio di materie prime, sia per la grande ricettività della classe dirigente etrusca verso gli status simbols della cultura greca: anche nel V secolo, quando i corredi si faranno più contenuti, si ha comunque la presenza di almeno un vaso attico, nella maggioranza dei casi la kylix. Si ritiene che nell'atene dell'età arcaica e degli inizi dell'epoca classica, cioè nei periodi più prolifici, la produzione annuale di vasi con decoro figurativo ammontasse a più di 50mila pezzi; questo dato si accorderebbe con il numero dei pittori (circa cento) e della percentuale stimata (1-3%) dei manufatti arrivati sono a noi 1. Intorno al 500 a.c. si stima che oltre la metà della produzione delle coppe a figure rosse fosse per il mercato etrusco 2, ma il dato potrebbe essere sovrastimato per il fatto che gran parte dei reperti in nostro possesso provenga da necropoli etrusche. Se la stima fosse esatta, ci si troverebbe di fronte ad una produzione con caratteristiche preindustriali, che punta su prodotti di pregio, ma che fornisce anche i primi segnali di un procedimento produttivo di routine: un riscontro viene anche dalla frequenza delle iscrizioni con marchi commerciali dei vasi ritrovati in Etruria e nel resto della penisola, mentre sono assenti o sporadiche in altri contesti; inoltre si assiste al graduale abbandono dell'uso della firma. Dopo il 480 a.c. l'intensità dei rapporti commerciali greco-etruschi diminuì gradualmente: la causa sarebbe nelle conseguenze della sconfitta di Cuma che fece perdere agli Etruschi il controllo del Tirreno. Si è molto discusso sulle conseguenze di un tale avvenimento, ma sta di fatto che nelle città dell'etruria meridionale la quantità dei rinvenimenti si riduce a circa la metà. La crisi del mercato tirrenico non sembra però influenzare la produzione delle officine ateniesi che aumentano le loro esportazioni verso le colonie greche dell'italia e aprono nuovi mercati nell'adriatico, come mostrano i ritrovamenti di Bologna, Adria e Spina. Anche se ridotte di quantità, continueranno ad arrivare in Etruria hydriai e coppe potorie, anche quando ormai ad Atene questi vasi erano poco usati 3. Successivamente alla guerra del Peloponneso le officine ceramiche attiche riescono a mantenere il loro livello artigianale e artistico; nel IV secolo diminuisce lo smercio nella Magna Grecia ed in Sicilia perchè quelle aree sviluppano una propria produzione di ceramica a figure rosse, alimentata dall'emigrazione di artigiani ateniesi, che progressivamente afferma un proprio stile, adattato dal gusto coloniale, da cui scaturisce la produzione apulo-campana dai grandi crateri. 1 BOARDMAN 2004, pp SCHEIBLER 2004, p Idem, pp e 207.

2 129 RENDELI 1989 ha condotto con metodo statistici una rilevazione sulla distribuzione in Etruria dei vasi attici da mensa nel periodo fra il secondo quarto del VI ed il terzo quarto del V secolo. Occorre premettere che l interpretazione dei dati sul ritrovamento di ceramica attica deve tener che: - molti vasi sono decontestualizzati a causa della mentalità antiquaria dei ricercatori dei secoli scorsi; - i vasi attici erano considerati oggetti di pregio anche dai violatori di tombe dei secoli antichi, mentre il bucchero non veniva neppure prelevato; - che la composizione del corredo è attendibile solo nei pochi casi in cui la tomba è stata trovata inviolata. La rilevazione è stata compiuta solo per alcune città dell Etruria, ma i cui dati da soli coprono circa il settanta per cento della produzione attica; purtroppo i dati pubblicati nel 1989 sono presentati in percentuale e non in cifra assoluta e questo limita la possibilità di nuove elaborazioni. Tab. 16 Distribuzione vasi attici per periodo e località. Periodo n. esemplari (% sul totale) Vulci (% nel periodo) Cerveteri (% nel periodo) Tarquinia (% nel periodo) Orvieto (% nel periodo) (2,39) 41,93 22,58 3,23 6, (11,39) 51,69 6,55 7,68 12, (37,81) 53,81 10,48 6,12 6, (25,28) 42,73 13,53 8,04 12, (16,18) 28,46 9,38 5,25 22, (5,86) 40,79 9,21 11,4 10,09 Totale 3887 (100) 45,23 10,8 6,87 11,47 Abbiamo comunque costruito una tabella nella quale sono sintetizzate efficacemente le caratteristiche e l evoluzione nel tempo delle importazioni di ceramiche attiche in Etruria. Il dato non è rilevante nel secondo quarto del VI e nel terzo del V sec. a.c., cioè all inizio ed alla fine del periodo a causa dell esiguità del numero di vasi ritrovati. Occorre ribadire che la rilevazione è stata effettuata sulla base delle località dichiarata di ritrovamento dei vasi oggi conosciuti. Le necropoli di Vulci hanno restituito circa la metà della produzione attica oggi conosciuta; seguono ben distanziate Orvieto, Cerveteri e Tarquinia, segno dell'importanza anche di un centro dell'interno che nella seconda metà del V secolo vedrà l'approvvigionamento di ceramiche pervenire non più da Vulci, ma dalla costa adriatica. Il dato di Tarquinia è disomogeneo rispetto agli altri centri, perché deriva dai ritrovamenti nel deposito votivo del santuario di Gravisca, in quanto scarso è stato l'apporto delle necropoli.

3 130 Il periodo di maggiore presenza di vasellame è l'ultimo quarto del VI secolo, mentre una contrazione avviene nel secondo quarto del V secolo; essa è attribuita alle conseguenze della sconfitta di Cuma e delle incursioni siracusane, ma la crisi sembra superata almeno a Vulci che torna a svolgere un ruolo di preminenza nel terzo quarto del V secolo. Il forte incremento nel numero totale dei vasi nel terzo quarto testimonia il risveglio politico e commerciale di Atene, riflesso delle costituzione soloniana e dell'avvento tirannico di Pisistrato. Interessante è l'analisi che Rendeli sviluppa sulla distribuzione della produzione del Pittore di Pentesilea, la cui bottega opera ad Atene nel secondo quarto del V secolo, cioè in un periodo di recessione delle città dell'etruria meridionale, che vede come direttrice privilegiata delle esportazioni di vasi l'area padana ed adriatica (27%), seguita dall'italia meridionale (20%), dall'etruria centrale interna (19%), mentre l'etruria meridionale tirrenica ne detiene solo il 6%. 4 Per quanto riguarda la distribuzione dei ritrovamenti delle diverse forme ceramiche, risulta evidente come Vulci abbia svolto il ruolo di polo preferenziale di larga parte della produzione proveniente dal Ceramico ateniese, legata al repertorio simposiale, mentre Cerveteri ha il monopolio delle anfore nicosteniche. La presenza di canali preferenziali tra città e singole botteghe, per la distribuzione di singole forme, è attestato anche dalle hydriai del Pittore di Antimenes destinate solo al mercato vulcente; le anfore del Pittore di Berlino vanno a Vulci, mentre i crateri da lui dipinti sono suddivisi tra Cerveteri e Tarquinia. In merito all ipotesi che esistessero diretti rapporti tra acquirenti etruschi e artigianato ateniese, riassumendo le ricerche svolte da altri studiosi, Rendeli rileva senz altro che questi dati dimostrano l esistenza di canali privilegiati, quasi esclusivi, per talune forme e per la produzione di determinati laboratori; appare altresì evidente una scarsa redistribuzione dei prodotti da parte delle città costiere, ad eccezione del flusso verso Orvieto. Questo dimostra la presenza di canali commerciali fortemente caratterizzati e consolidati che possono, almeno in parte, aver condizionato le scelte produttive. La ricerca di Rendeli affronta anche la distribuzione sul territorio etrusco della produzione dei principali ceramisti attici a figure rosse: purtroppo i dati (diffusi solo per mezzo di grafici: (Tavv ) sono condizionati dall alto numero di vasi conservati nei musei senza alcuna indicazione del contesto di ritrovamento. 4 RENDELI 1989, p. 562.

4 131 Tav. 35 PERIODO dei PIONIERI ( a.c.) Tav PERIODO TARDO ARCAICO ( a.c.) Appare evidente dal grafico che la produzione dei ceramisti tardo-arcaici abbia avuto come destinazione finale prevalente Vulci, anche se rilevante è la quota dei vasi conservata nei musei senza l indicazione di provenienza certa; considerato che, come evidenziato da

5 132 LISSARRAGUE 1987, la produzione di Makron e Douris è in gran parte legata simposio, appare perciò evidente che questo era il tema che l acquirente richiedeva e per questo era disposto ad affrontare una spesa non indifferente. Nella selezione dei temi iconografici non sembra che l acquirente etrusco ricercasse particolari scene, quanto piuttosto il contesto simposiale in generale, apprezzando sicuramente lo stile dei ceramografi attici, ma soprattutto perché attestava la sicura originalità dell oggetto, destinato ad assumere forti valenze simboliche più che d uso. Questa considerazione è suffragata dai corredi delle tombe meno prestigiose del V secolo, dove compare obbligatoriamente almeno un vaso attico 5, quasi sempre una kylix, forse di uso personale in vita. A fronte di una tale situazione la scelta del tema specifico delle immagini non appare rilevante, né sembra che si ricerchi una precisa attinenza tematica dei vasi figurati alle pratiche sociali e cultuali etrusche. Del resto le immagini delle tombe di Tarquinia, nelle quali si presume forte il gradimento del committente, ci restituiscono un simposio che, almeno fino alla metà del V sec., aveva peculiarità tali da differenziarsi notevolmente da quello greco raffigurato sui vasi del corredo, come la presenza delle consorti e l assenza di particolari valenze omosessuali 6. Per quanto riguarda specificatamente il tema del corteggiamento nella produzione di Makron, non appare significativa la distribuzione territoriale dei 48 vasi schedati, che per il 41,60% non riporta la località di ritrovamento 7, per il 27% proviene da Vulci, mentre il rimanente 25,15% da altre località dell Etruria ed il 6,25% dalla Magna Grecia. Successivamente, come già evidenziato, il tema del corteggiamento si riduce fino a scomparire nella produzione attica con la fine del V sec. a.c. e non si ritrova neppure nella ceramica di produzione etrusca; compare un solo esempio di corteggiamento in una anfora a punta a figure rosse ( a.c.) di provenienza sconosciuta e conservata a Londra al British Museum ( in inv. F. 482, Tav. 37) dove, sui due lati, sono rappresentati due dialoghi, il primo tra un uomo barbato ed una donna con tenia, il secondo tra due giovani. La decorazione, definita arcaizzante, si inquadra in una tendenza revivalistica che sarebbe ravvisata nella produzione del Pittore di Londra F Più interessante ai fini della ricezione dei temi della cultura greca in ambito etrusco è l analisi del simposio e del komos nella pittura tombale di Tarquinia, già sviluppato nel cap. 5 di questa tesi. BIZZARRI 1966 BOARDMAN 2004 Bibliografia al capitolo 9 Bizzarri M., La necropoli di Crocifisso del Tufo, Olschki, Firenze 1966, p Boardman J., Storia dei vasi greci, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Libreria dello Stato, Roma 2004, pp. 5 In proposto si riporta la testimonianza di BIZZARRI 1966 a cui si deve la documentazione dello scavo degli anni sessanta della Necropoli di Crocifisso del Tufo [ ] Nelle tombe monumentali da me scavate mi pare di rilevare che in un corredo di media ricchezza si tenesse ad avere una rappresentanza tipologica della ceramica di importazione limitata ad un solo esemplare [...] (p. 23). 6 Anche la presenza di una coppia di uomini sulla stessa kline può essere interpretata come rappresentazione del legame del defunto con i suoi predecessori (nel caso del simposio nell Ade) o con l erede destinato a succedere nel prestigio gentilizio. 7 Si tratta della decontestualizzazione mussale causata dalla trazione antiquaria del XVIII e XIX sec. 8 CRISTOFANI 1987.

6 CRISTOFANI 1987 Cristofani M., La ceramica a figure rosse, in M. Martelli (a cura di) La ceramica etrusca, la pittura vascolare, De Agostani, Novara 1987, pp e RENDELI 1989 SCHEIBLER 2004 Rendeli M., Vasi attici da mensa in Etruria, Mélanges de l Ecole Francaise de Rome. Antiquité, vol. 101 Numero 2, Roma 1989, pp Scheibler I., Il vaso in Grecia Produzione, commercio e uso degli antichi vasi in terracotta, Longanesi, Milano 2004, pp ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE ANGIOLILLO 2007 ABV ARV2 AUSTIN, VIDAL NAQUET 1982 Angiolillo S., Qui tu, cinta di bende, Ciprie, in coppe d oro, delicatamente versa il vino, nettare mescolato per le nostre feste, in AA.VV., Le perle e il filo, Osanna Edizioni, Venosa 2007, pp Bezley J. D., Attic Black-Figure Vase-Painters, Oxford Bezley J. D., Attic Red-Figure Vase-Painters, Oxford Austin M. Vidal Naquet P., Economie e società nella Grecia antica, Boringhieri, Torino BAGGIO 2003 Baggio M., I gesti della seduzione. Tracce di comunicazione non-verbale nella ceramica greca tra VI e IV sec. a.c., L Erma di Bretschneider, Roma BEARZOT 2009 Bearzot C., Il mercato nel mondo greco:teoria e prassi, in Rivista online Anno VI numero Aprile-Giugno 2009, Scuola Superiore dell'economia e delle finanze Università Cattolica del S.Cuore, Milano BEAZLEY 1947 Beazley, J. D., Some Attic Vases in the Cyprus Museum, Londra BERARD 1986 BÉRARD, DURAND 1986 BERTELLI CENTANNI 1995 Berard C., La condizione delle donne, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp , Bérard C., Durand J.-L., Entrare nel mondo delle immagini, in La città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Modena 1986, pp Bertelli S., Centanni M., Il gesto nel rito e nel cerimoniale dal mondo antico ad oggi, Ponte alle Grazie, Firenze BERTOLLO 1999 Bertollo M., La comunicazione deduttiva come paradigma dell implicito, Tesi di specializzazione in Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano BETTALLI 1985 Bettalli M., Case, botteghe, ergasteria: note sui luoghi di produzione e di vendita nell'atene classica, in Opus, IV, Roma 1985, pp

7 134 BIANCHI BANDINELLI, PARIBENI 1992 BIZZARRI 1966 BOARDMAN, 1974 BOARDMAN, 1992 BOARDMAN 2004 BRENDEL 1983 BURKERT 1983 CALAME 1983 CAMPOREALE 2000 CATONI 2008 CHARBONNEAUX J., MARTIN R., VILLARD F., 1968 CIACCI 2007 Bianchi Bandinelli R. - Paribeni E., L'arte dell'antichità classica. Grecia, UTET Libreria, Torino Bizzarri M., La necropoli di Crocifisso del Tufo, Olschki, Firenze, Boardman J., Athenias Red Figures Vases. The Archaic Period, Thames and Hudson Ltd. London, Boardman J., Athenias Red Figures Vases. The Archaic Period, Thames and Hudson Ltd. London, Boardman J., Storia dei vasi greci, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Libreria dello Stato, Roma, Brendel O. J.., L arte erotica nel mondo greco-romano, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari, 1983, pp. 225, 238. Burkert W., Afrodite e il fondamento della sessualità, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari, 1983, pp , 139. Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari Camporeale G., La ceramica arcaica: impasti e buccheri, in M.Torelli (a cura di) Gli Etruschi Catalogo Mostra Palazzo Grassi Venezia, Bompiani, Milano 2000, pp Catoni M.L., La comunicazione non verbale nella Grecia Antica, Scuola Normale Superiore, Pisa, 2005 e Bollati Boringhieri, Torino Charbonneaux J., Martin R., Villard F., 1968, La Grecia Arcaia, a. C., Biblioteca Universale Rizzoli, Edizioni BUR Arte, Milano Ciacci A., Appunti sulla ceramica di età preromana in Introduzione allo studio della ceramica in archeologia, Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Siena CRISTOFANI 1987 Cristofani M., La ceramica a figure rosse, in M. Martelli (a cura di) La ceramica etrusca, la pittura vascolare, De Agostani, Novara D AGOSTINO, CERCHIAI 1999 DOVER 1985 D Agostino B. Cerchiai L., Il mare, la morte, l amore. Gli Etruschi, i Greci e l immagine, Donzelli editore, Roma Dover K.J., Grek homosexuality, Gerald Duc Worth en Company, LTD, London, 1978, traduzione italiana: L omosessualità nella Grecia antica, Einaudi Editore, Torino DURAND 1984 Durand J. L., La Grèce et l image, in Histoire et linguistique, ed. P. Achard, M.-P. Gruenais, D. Jaulin, Paris 1984, pp

8 135 DURAND 1986 FASCE 1983 FIORINI 2005 Durand J. L. ed altri, Tra i due mondi del vino, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp. 43, 109. Fasce S., Eros dio dell amore, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari 1983, pp Fiorini L, Ceramiche attiche a Gravisca, in Giudice F. e Panini R. (a cura di) Il greco, il barbaro e la ceramica attica, L Erma di Bretschneider, Roma 2005, p. 65. FRANZONI 2006 FRONTISI DUCROUX 1995 C. Franzoni, Tirannia dello sguardo, corpo, gesto, espressione nell arte greca, Einaudi, Torino F. Frontisi Ducroux, L image et la cité, in ead. (a cura di), Iconographie e Anthropologie, Métis IX-X, Parigi GARNIER 1982 GARNIER F., Le language de l image on Moyen Age. I. Signification et symbolisme, Paris, 1982, citato da BAGGIO GIUDICE, PANINI 2003 GRAS 1984 GRAS 2000 HUSRCHMANN 1998 Giudice F. Panini R. (a cura di), Il greco, il barbaro e la ceramica attica: immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni: Atti del convegno internazionale di studi maggio 2001, Catania, Caltanisetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, L Erma di Bretschneider, Roma Gras M., Il commercio, in M. Cristofani (a cura di) Etruschi, una nuova immagine, Giunti, Firenze Gras M., Gli scambi, in M.Torelli (a cura di) Gli Etruschi Catalogo Mostra Palazzo Grassi Venezia, Bompiani, Milano 2000, pp Husrchmann R., Gebarden (III. Griechenjand und Rom), in Der Neue Pauly, vol. 4, Stuttgart ISLER-KERENYI 2001 KUNISH 1997 LEDUC 1990 LISSARRAGUE 1986 Isler-Kerenyi C., Donne di Dioniso: immagini antiche e interpretazioni moderne, in AA.VV. Saperi femminili nella scienza e nella società Atti del Corso di Formazione Pensare un mondo con le donne, Bellinzona 2001, pp Kunish N., 1934, Makrōn, 5th cent. a.c., Forschungen zur antiken Keramik. II Reihe, Kerameus. Bd. 10, P. von Zabern, Mainz/Rhein Leduc C., Come darla in matrimonio?, in Duby G.- Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza Lissarrague F., Un regard sur l imagerie grecque, in L Homme 97-98, Parigi 1986, pp

9 136 LISSARRAGUE 1986a LISSARRAGUE 1987 Lissarague F., Intorno al guerriero, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp Lissarrague F., Un flot d images. Une esthétique du banquet grec, Editions Adam Biro, Paris 1987, edizione italiana, L immaginario del simposio greco, Laterza, Bari LISSARRAGUE 1990 LISSARRAGUE, SCHNAPP 1981 MAUSS 2004 MARTELLI 1989 Lissarrague F., Uno sguardo ateniese, in Duby G.- Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza, Bari Lissarrague F., Schnapp A., Imagerie des Grecs ou Grèce des imagiers?, in Le temps de la réflexion, 2, Gallimard, Parigi Mauss M., Saggio sul dono Università di Francia, Parigi, edizione italiana Piccola Biblioteca Einaudi, Torino M. Martelli, La ceramica greca in Etruria: problemi e prospettive di ricerca, in Atti Firenze 1989, p. 781 ss. MELE 1979 MENICHETTI 1998 PEACOCK 1998 Mele A., Il commercio greco arcaico. Prexis ed emporie, Naples Menichetti M., Archeologia del potere Longanesi & C.- Milano Peacock D.P.S., La ceramica romana tra archeologia e etnografia, con introduzione di G. Pucci, Edipuglia, Santo Spirito, Bari PARIBENI 1958 POLACCO 2009 PUCCI 2004 RENDELI 1989 Makron in Enciclopedia dell Arte Antica Treccani, vol. IV, Roma , p Polacco F., L ultimo ginnasio, in Archeo, rivista mensile, My Way Media Srl Editore, settembre 2009, pp Pucci G., Walburg, l antichità, il novecento, in Quaderni del Walburg Italia, 1, Diabasis, Reggio Emilia pp Rendeli M., Vasi attici da mensa in Etruria, Mélanges de l Ecole Francaise de Rome. Antiquité, vol. 101 Numero 2, Roma RENFREW, BAHN 1999 Renfrew C. Bahn P., Archeologia, teorie, metodi, pratica, Zanichelli, Bologna RICHTER 1969 RIZZO 2000 Richter G. M. A., A Handbook of Greek Art, Phaidon Press Ltd, London, traduzione italiana: L arte greca, di Mila Leva Pistoi, Einaudi, Torino Rizzo M. A., La ceramica attica a figure rosse, La Collezione Augusto Castellani a Villa Giulia, Soprintendenza Archeologica per l Etruria Meridionale, L Erma di Bretschneider, Roma 2000, p

10 137 ROBERTSON 1991 ROUSSELLE 1990 SCHEIBLER 2004 SCHNAPP 1986 Robertson M., Adopting an approach, in Looking at Greek Vases, Cambridge 1991, pp Rousselle A., La politica dei corpi,?, in Duby G.-Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza, Milano Bari 1990, pp Scheibler I., Il vaso in Grecia Produzione, commercio e uso degli antichi vasi in terracotta, Longanesi, Milano Schnapp A., Eros a caccia, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp SETTIS 1975 Settis S., Immagini della meditazione, dell'incertezza e del pentimento nell'arte antica, in Prospettiva, n.2, luglio 1975, pp SGUBBINI MORETTI 2001 Sgubbini Moretti A. M., Veio, Cerveteri, Vulci, Città d'etruria a confronto. Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Villa Poniatowski. 2001, 1 ottobre-30 dicembre, L Erma di Bretschneider, Roma SISSA 1990 TORELLI 1986 TORELLI 2004 TROMBETTI 2009 Sissa G., Filosofie del genere: Platone, Aristotele e la differenza dei sessi, in Duby G.-Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza 1990, pp , 62-63, Torelli M., La storia in Rasenna, Storia e civiltà degli Etruschi, UTET, Milano Torelli, M., Un dono per gli dei. Kantharoi e gigantomachie. A proposito di un kantharos a figure nere da Gravisca. - in: Greek identity in the western Mediterranean. Papers in honour of Brian Shefton, Leiden 2004, pp Trombetti C., (a cura di) Lo sguardo di Eros. Gesti, simboli e immagini della seduzione tra Grecia e magna Grecia, bozze del catalogo della mostra: Matera, Museo archeologico Nazionale Domenico Ridola, 20 marzo 31 agosto 2008 (in corso di stampa), 2009.

11 138 FONTI ARISTOFANE, Nuvole, 961/83 p. 28, nota n. 80. ARISTOTELE, Generazione degli animali, 716a p. 21, nota n. 51. CICERONE, In Pisonem, 1 p. 6, nota n. 2. DEMOSTENE, Discorsi, 59, 122 p. 26, nota n. 73. DIONIGI DI ALICARNASSO, Antichità Romane, p. 72, nota n LIVIO, Primo libro, p. 72, nota n OMERO, Iliade,14, 214 sgg. p. 29, nota n. 85. PLATONE, Leggi, II p. 17, nota n. 43. PLATONE, Repubblica, II, 377 p. 20, nota n. 46. PLATONE, Repubblica, 4 420e p. 16, nota n. 38. PLATONE, Repubblica, Pl., Resp a-c. p. 16, nota n. 41. PLATONE, Simposio, 209a-c, 212a, 206d-e. p. 21, nota n. 48. PLATONE, Simposio, 201 d-204 c, 206 a-e. p. 33, nota n PLATONE, Timeo, 50b p. 21, nota n. 53. PLATONE, Alcibiade primo, 133a p. 31, nota n. 91. PLAUTO, Asinaria, in Paratore E. (a cura di) scheda n. 4, p. 38. PLUTARCO, De Gloria Atheniensium, 2, 346f sgg. p. 15, nota n. 34. PLUTARCO, Questiones Convivales, IX, 15, 747c ss p. 15, nota n. 30. SENOFONTE, Economico, III, VII-X, p. 24, nota n SENOFONTE, Economico, VI, 4-10 p. 58, nota n SENOFONTE, Memorabili, III ss p. 15, nota n. 36. SENOFONTE, Memorabili, p. 24, nota n. 67. SENOFONTE, Simposio, II,8 p. 14, nota n. 29. TACITO, Annali, p. 72, nota n Sitologia

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia MOSAICI d ITALIA Il nome.. la materia.. l idea, un progetto di notevole spessore. Una innovazione certa tutto assolutamente ed esclusivamente Italiano. Gres porcellanato estruso, colori a tutta massa dalle

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore presenta E. Romano, Studio per Demetra e Kore, inchiostro su carta, 2015 La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore 26-28 giugno 2015 Masseria Bannata C.da Bannata, SS 117 bis, km 41 Enna www.pubblicazione.net

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La vita quotidiana ad Atene

La vita quotidiana ad Atene laboratorio 8 Claudia Vinassa La vita quotidiana ad Atene Prerequisiti conoscere la storia di Atene nel v secolo sapere come era strutturata la famiglia in Grecia e qual era la condizione della donna collocare

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 NUMERO LOTTO N 1 DESCRIZIONE E Frullatore da cucina Quick Batter Omre di Monza Prodotto tra gli anni '60 e '70. Spina originale.

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

" Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA!

 Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! ALL OUR YESTERDAYS Scene di vita in Europa attraverso gli occhi dei primi fotografi (1839-1939) 11 aprile - 2 giugno 2014 Pisa, Museo della Grafica, Palazzo Lanfranchi LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! Ognuno

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

EDIPO NELL'ARTE ANTICA *

EDIPO NELL'ARTE ANTICA * Originalveröffentlichung in: Edipo. Il teatro greco e la cultura europea. Atti del Convegno Internazionale (Urbino 15.-19. novembre 1982), Urbino 1986, S. 327-341 EDIPO NELL'ARTE ANTICA * INGRID KRAUSKOPF

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME M. Piccirillo Nella primavera del 1992 un antiquario della Città Santa presentò al Museo dello Studium Biblicum uno stampo per eulogia in pietra, a suo dire,

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015

Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015 Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015 1-3000 3001-3600 3601-4200 4201-4800 4801-5400 5401-6000 6001-6600 6601-7200

Dettagli

Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015

Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015 Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015 1-3000 3001-3600 3601-4200 4201-4800 4801-5400 5401-6000 6001-6600 6601-7200

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016 decima edizione In collaborazione con Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO

LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI MICHELANGELO BUONARROTI 1564-201 LA CAPPELLA SISTINA VENTI ANNI DOPO NUOVO RESPIRO NUOVA LUCE 30-31 ottobre 2014 auditorium conciliazione via della conciliazione, 4 roma 1994

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli