9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO"

Transcript

1 128 9 LA DIFFUSIONE DELLA CERAMICA ATTICA IN ETRURIA E RICEZIONE DEL TEMA DEL CORTEGGIAMENTO L'Etruria sembra aver costituito il territorio privilegiato di distribuzione della ceramica attica, sia per la potenzialità di commercio di materie prime, sia per la grande ricettività della classe dirigente etrusca verso gli status simbols della cultura greca: anche nel V secolo, quando i corredi si faranno più contenuti, si ha comunque la presenza di almeno un vaso attico, nella maggioranza dei casi la kylix. Si ritiene che nell'atene dell'età arcaica e degli inizi dell'epoca classica, cioè nei periodi più prolifici, la produzione annuale di vasi con decoro figurativo ammontasse a più di 50mila pezzi; questo dato si accorderebbe con il numero dei pittori (circa cento) e della percentuale stimata (1-3%) dei manufatti arrivati sono a noi 1. Intorno al 500 a.c. si stima che oltre la metà della produzione delle coppe a figure rosse fosse per il mercato etrusco 2, ma il dato potrebbe essere sovrastimato per il fatto che gran parte dei reperti in nostro possesso provenga da necropoli etrusche. Se la stima fosse esatta, ci si troverebbe di fronte ad una produzione con caratteristiche preindustriali, che punta su prodotti di pregio, ma che fornisce anche i primi segnali di un procedimento produttivo di routine: un riscontro viene anche dalla frequenza delle iscrizioni con marchi commerciali dei vasi ritrovati in Etruria e nel resto della penisola, mentre sono assenti o sporadiche in altri contesti; inoltre si assiste al graduale abbandono dell'uso della firma. Dopo il 480 a.c. l'intensità dei rapporti commerciali greco-etruschi diminuì gradualmente: la causa sarebbe nelle conseguenze della sconfitta di Cuma che fece perdere agli Etruschi il controllo del Tirreno. Si è molto discusso sulle conseguenze di un tale avvenimento, ma sta di fatto che nelle città dell'etruria meridionale la quantità dei rinvenimenti si riduce a circa la metà. La crisi del mercato tirrenico non sembra però influenzare la produzione delle officine ateniesi che aumentano le loro esportazioni verso le colonie greche dell'italia e aprono nuovi mercati nell'adriatico, come mostrano i ritrovamenti di Bologna, Adria e Spina. Anche se ridotte di quantità, continueranno ad arrivare in Etruria hydriai e coppe potorie, anche quando ormai ad Atene questi vasi erano poco usati 3. Successivamente alla guerra del Peloponneso le officine ceramiche attiche riescono a mantenere il loro livello artigianale e artistico; nel IV secolo diminuisce lo smercio nella Magna Grecia ed in Sicilia perchè quelle aree sviluppano una propria produzione di ceramica a figure rosse, alimentata dall'emigrazione di artigiani ateniesi, che progressivamente afferma un proprio stile, adattato dal gusto coloniale, da cui scaturisce la produzione apulo-campana dai grandi crateri. 1 BOARDMAN 2004, pp SCHEIBLER 2004, p Idem, pp e 207.

2 129 RENDELI 1989 ha condotto con metodo statistici una rilevazione sulla distribuzione in Etruria dei vasi attici da mensa nel periodo fra il secondo quarto del VI ed il terzo quarto del V secolo. Occorre premettere che l interpretazione dei dati sul ritrovamento di ceramica attica deve tener che: - molti vasi sono decontestualizzati a causa della mentalità antiquaria dei ricercatori dei secoli scorsi; - i vasi attici erano considerati oggetti di pregio anche dai violatori di tombe dei secoli antichi, mentre il bucchero non veniva neppure prelevato; - che la composizione del corredo è attendibile solo nei pochi casi in cui la tomba è stata trovata inviolata. La rilevazione è stata compiuta solo per alcune città dell Etruria, ma i cui dati da soli coprono circa il settanta per cento della produzione attica; purtroppo i dati pubblicati nel 1989 sono presentati in percentuale e non in cifra assoluta e questo limita la possibilità di nuove elaborazioni. Tab. 16 Distribuzione vasi attici per periodo e località. Periodo n. esemplari (% sul totale) Vulci (% nel periodo) Cerveteri (% nel periodo) Tarquinia (% nel periodo) Orvieto (% nel periodo) (2,39) 41,93 22,58 3,23 6, (11,39) 51,69 6,55 7,68 12, (37,81) 53,81 10,48 6,12 6, (25,28) 42,73 13,53 8,04 12, (16,18) 28,46 9,38 5,25 22, (5,86) 40,79 9,21 11,4 10,09 Totale 3887 (100) 45,23 10,8 6,87 11,47 Abbiamo comunque costruito una tabella nella quale sono sintetizzate efficacemente le caratteristiche e l evoluzione nel tempo delle importazioni di ceramiche attiche in Etruria. Il dato non è rilevante nel secondo quarto del VI e nel terzo del V sec. a.c., cioè all inizio ed alla fine del periodo a causa dell esiguità del numero di vasi ritrovati. Occorre ribadire che la rilevazione è stata effettuata sulla base delle località dichiarata di ritrovamento dei vasi oggi conosciuti. Le necropoli di Vulci hanno restituito circa la metà della produzione attica oggi conosciuta; seguono ben distanziate Orvieto, Cerveteri e Tarquinia, segno dell'importanza anche di un centro dell'interno che nella seconda metà del V secolo vedrà l'approvvigionamento di ceramiche pervenire non più da Vulci, ma dalla costa adriatica. Il dato di Tarquinia è disomogeneo rispetto agli altri centri, perché deriva dai ritrovamenti nel deposito votivo del santuario di Gravisca, in quanto scarso è stato l'apporto delle necropoli.

3 130 Il periodo di maggiore presenza di vasellame è l'ultimo quarto del VI secolo, mentre una contrazione avviene nel secondo quarto del V secolo; essa è attribuita alle conseguenze della sconfitta di Cuma e delle incursioni siracusane, ma la crisi sembra superata almeno a Vulci che torna a svolgere un ruolo di preminenza nel terzo quarto del V secolo. Il forte incremento nel numero totale dei vasi nel terzo quarto testimonia il risveglio politico e commerciale di Atene, riflesso delle costituzione soloniana e dell'avvento tirannico di Pisistrato. Interessante è l'analisi che Rendeli sviluppa sulla distribuzione della produzione del Pittore di Pentesilea, la cui bottega opera ad Atene nel secondo quarto del V secolo, cioè in un periodo di recessione delle città dell'etruria meridionale, che vede come direttrice privilegiata delle esportazioni di vasi l'area padana ed adriatica (27%), seguita dall'italia meridionale (20%), dall'etruria centrale interna (19%), mentre l'etruria meridionale tirrenica ne detiene solo il 6%. 4 Per quanto riguarda la distribuzione dei ritrovamenti delle diverse forme ceramiche, risulta evidente come Vulci abbia svolto il ruolo di polo preferenziale di larga parte della produzione proveniente dal Ceramico ateniese, legata al repertorio simposiale, mentre Cerveteri ha il monopolio delle anfore nicosteniche. La presenza di canali preferenziali tra città e singole botteghe, per la distribuzione di singole forme, è attestato anche dalle hydriai del Pittore di Antimenes destinate solo al mercato vulcente; le anfore del Pittore di Berlino vanno a Vulci, mentre i crateri da lui dipinti sono suddivisi tra Cerveteri e Tarquinia. In merito all ipotesi che esistessero diretti rapporti tra acquirenti etruschi e artigianato ateniese, riassumendo le ricerche svolte da altri studiosi, Rendeli rileva senz altro che questi dati dimostrano l esistenza di canali privilegiati, quasi esclusivi, per talune forme e per la produzione di determinati laboratori; appare altresì evidente una scarsa redistribuzione dei prodotti da parte delle città costiere, ad eccezione del flusso verso Orvieto. Questo dimostra la presenza di canali commerciali fortemente caratterizzati e consolidati che possono, almeno in parte, aver condizionato le scelte produttive. La ricerca di Rendeli affronta anche la distribuzione sul territorio etrusco della produzione dei principali ceramisti attici a figure rosse: purtroppo i dati (diffusi solo per mezzo di grafici: (Tavv ) sono condizionati dall alto numero di vasi conservati nei musei senza alcuna indicazione del contesto di ritrovamento. 4 RENDELI 1989, p. 562.

4 131 Tav. 35 PERIODO dei PIONIERI ( a.c.) Tav PERIODO TARDO ARCAICO ( a.c.) Appare evidente dal grafico che la produzione dei ceramisti tardo-arcaici abbia avuto come destinazione finale prevalente Vulci, anche se rilevante è la quota dei vasi conservata nei musei senza l indicazione di provenienza certa; considerato che, come evidenziato da

5 132 LISSARRAGUE 1987, la produzione di Makron e Douris è in gran parte legata simposio, appare perciò evidente che questo era il tema che l acquirente richiedeva e per questo era disposto ad affrontare una spesa non indifferente. Nella selezione dei temi iconografici non sembra che l acquirente etrusco ricercasse particolari scene, quanto piuttosto il contesto simposiale in generale, apprezzando sicuramente lo stile dei ceramografi attici, ma soprattutto perché attestava la sicura originalità dell oggetto, destinato ad assumere forti valenze simboliche più che d uso. Questa considerazione è suffragata dai corredi delle tombe meno prestigiose del V secolo, dove compare obbligatoriamente almeno un vaso attico 5, quasi sempre una kylix, forse di uso personale in vita. A fronte di una tale situazione la scelta del tema specifico delle immagini non appare rilevante, né sembra che si ricerchi una precisa attinenza tematica dei vasi figurati alle pratiche sociali e cultuali etrusche. Del resto le immagini delle tombe di Tarquinia, nelle quali si presume forte il gradimento del committente, ci restituiscono un simposio che, almeno fino alla metà del V sec., aveva peculiarità tali da differenziarsi notevolmente da quello greco raffigurato sui vasi del corredo, come la presenza delle consorti e l assenza di particolari valenze omosessuali 6. Per quanto riguarda specificatamente il tema del corteggiamento nella produzione di Makron, non appare significativa la distribuzione territoriale dei 48 vasi schedati, che per il 41,60% non riporta la località di ritrovamento 7, per il 27% proviene da Vulci, mentre il rimanente 25,15% da altre località dell Etruria ed il 6,25% dalla Magna Grecia. Successivamente, come già evidenziato, il tema del corteggiamento si riduce fino a scomparire nella produzione attica con la fine del V sec. a.c. e non si ritrova neppure nella ceramica di produzione etrusca; compare un solo esempio di corteggiamento in una anfora a punta a figure rosse ( a.c.) di provenienza sconosciuta e conservata a Londra al British Museum ( in inv. F. 482, Tav. 37) dove, sui due lati, sono rappresentati due dialoghi, il primo tra un uomo barbato ed una donna con tenia, il secondo tra due giovani. La decorazione, definita arcaizzante, si inquadra in una tendenza revivalistica che sarebbe ravvisata nella produzione del Pittore di Londra F Più interessante ai fini della ricezione dei temi della cultura greca in ambito etrusco è l analisi del simposio e del komos nella pittura tombale di Tarquinia, già sviluppato nel cap. 5 di questa tesi. BIZZARRI 1966 BOARDMAN 2004 Bibliografia al capitolo 9 Bizzarri M., La necropoli di Crocifisso del Tufo, Olschki, Firenze 1966, p Boardman J., Storia dei vasi greci, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Libreria dello Stato, Roma 2004, pp. 5 In proposto si riporta la testimonianza di BIZZARRI 1966 a cui si deve la documentazione dello scavo degli anni sessanta della Necropoli di Crocifisso del Tufo [ ] Nelle tombe monumentali da me scavate mi pare di rilevare che in un corredo di media ricchezza si tenesse ad avere una rappresentanza tipologica della ceramica di importazione limitata ad un solo esemplare [...] (p. 23). 6 Anche la presenza di una coppia di uomini sulla stessa kline può essere interpretata come rappresentazione del legame del defunto con i suoi predecessori (nel caso del simposio nell Ade) o con l erede destinato a succedere nel prestigio gentilizio. 7 Si tratta della decontestualizzazione mussale causata dalla trazione antiquaria del XVIII e XIX sec. 8 CRISTOFANI 1987.

6 CRISTOFANI 1987 Cristofani M., La ceramica a figure rosse, in M. Martelli (a cura di) La ceramica etrusca, la pittura vascolare, De Agostani, Novara 1987, pp e RENDELI 1989 SCHEIBLER 2004 Rendeli M., Vasi attici da mensa in Etruria, Mélanges de l Ecole Francaise de Rome. Antiquité, vol. 101 Numero 2, Roma 1989, pp Scheibler I., Il vaso in Grecia Produzione, commercio e uso degli antichi vasi in terracotta, Longanesi, Milano 2004, pp ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE ANGIOLILLO 2007 ABV ARV2 AUSTIN, VIDAL NAQUET 1982 Angiolillo S., Qui tu, cinta di bende, Ciprie, in coppe d oro, delicatamente versa il vino, nettare mescolato per le nostre feste, in AA.VV., Le perle e il filo, Osanna Edizioni, Venosa 2007, pp Bezley J. D., Attic Black-Figure Vase-Painters, Oxford Bezley J. D., Attic Red-Figure Vase-Painters, Oxford Austin M. Vidal Naquet P., Economie e società nella Grecia antica, Boringhieri, Torino BAGGIO 2003 Baggio M., I gesti della seduzione. Tracce di comunicazione non-verbale nella ceramica greca tra VI e IV sec. a.c., L Erma di Bretschneider, Roma BEARZOT 2009 Bearzot C., Il mercato nel mondo greco:teoria e prassi, in Rivista online Anno VI numero Aprile-Giugno 2009, Scuola Superiore dell'economia e delle finanze Università Cattolica del S.Cuore, Milano BEAZLEY 1947 Beazley, J. D., Some Attic Vases in the Cyprus Museum, Londra BERARD 1986 BÉRARD, DURAND 1986 BERTELLI CENTANNI 1995 Berard C., La condizione delle donne, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp , Bérard C., Durand J.-L., Entrare nel mondo delle immagini, in La città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Modena 1986, pp Bertelli S., Centanni M., Il gesto nel rito e nel cerimoniale dal mondo antico ad oggi, Ponte alle Grazie, Firenze BERTOLLO 1999 Bertollo M., La comunicazione deduttiva come paradigma dell implicito, Tesi di specializzazione in Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano BETTALLI 1985 Bettalli M., Case, botteghe, ergasteria: note sui luoghi di produzione e di vendita nell'atene classica, in Opus, IV, Roma 1985, pp

7 134 BIANCHI BANDINELLI, PARIBENI 1992 BIZZARRI 1966 BOARDMAN, 1974 BOARDMAN, 1992 BOARDMAN 2004 BRENDEL 1983 BURKERT 1983 CALAME 1983 CAMPOREALE 2000 CATONI 2008 CHARBONNEAUX J., MARTIN R., VILLARD F., 1968 CIACCI 2007 Bianchi Bandinelli R. - Paribeni E., L'arte dell'antichità classica. Grecia, UTET Libreria, Torino Bizzarri M., La necropoli di Crocifisso del Tufo, Olschki, Firenze, Boardman J., Athenias Red Figures Vases. The Archaic Period, Thames and Hudson Ltd. London, Boardman J., Athenias Red Figures Vases. The Archaic Period, Thames and Hudson Ltd. London, Boardman J., Storia dei vasi greci, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Libreria dello Stato, Roma, Brendel O. J.., L arte erotica nel mondo greco-romano, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari, 1983, pp. 225, 238. Burkert W., Afrodite e il fondamento della sessualità, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari, 1983, pp , 139. Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari Camporeale G., La ceramica arcaica: impasti e buccheri, in M.Torelli (a cura di) Gli Etruschi Catalogo Mostra Palazzo Grassi Venezia, Bompiani, Milano 2000, pp Catoni M.L., La comunicazione non verbale nella Grecia Antica, Scuola Normale Superiore, Pisa, 2005 e Bollati Boringhieri, Torino Charbonneaux J., Martin R., Villard F., 1968, La Grecia Arcaia, a. C., Biblioteca Universale Rizzoli, Edizioni BUR Arte, Milano Ciacci A., Appunti sulla ceramica di età preromana in Introduzione allo studio della ceramica in archeologia, Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Siena CRISTOFANI 1987 Cristofani M., La ceramica a figure rosse, in M. Martelli (a cura di) La ceramica etrusca, la pittura vascolare, De Agostani, Novara D AGOSTINO, CERCHIAI 1999 DOVER 1985 D Agostino B. Cerchiai L., Il mare, la morte, l amore. Gli Etruschi, i Greci e l immagine, Donzelli editore, Roma Dover K.J., Grek homosexuality, Gerald Duc Worth en Company, LTD, London, 1978, traduzione italiana: L omosessualità nella Grecia antica, Einaudi Editore, Torino DURAND 1984 Durand J. L., La Grèce et l image, in Histoire et linguistique, ed. P. Achard, M.-P. Gruenais, D. Jaulin, Paris 1984, pp

8 135 DURAND 1986 FASCE 1983 FIORINI 2005 Durand J. L. ed altri, Tra i due mondi del vino, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp. 43, 109. Fasce S., Eros dio dell amore, in Calame C., (a cura di), L amore in Grecia, Editori Laterza, Roma-Bari 1983, pp Fiorini L, Ceramiche attiche a Gravisca, in Giudice F. e Panini R. (a cura di) Il greco, il barbaro e la ceramica attica, L Erma di Bretschneider, Roma 2005, p. 65. FRANZONI 2006 FRONTISI DUCROUX 1995 C. Franzoni, Tirannia dello sguardo, corpo, gesto, espressione nell arte greca, Einaudi, Torino F. Frontisi Ducroux, L image et la cité, in ead. (a cura di), Iconographie e Anthropologie, Métis IX-X, Parigi GARNIER 1982 GARNIER F., Le language de l image on Moyen Age. I. Signification et symbolisme, Paris, 1982, citato da BAGGIO GIUDICE, PANINI 2003 GRAS 1984 GRAS 2000 HUSRCHMANN 1998 Giudice F. Panini R. (a cura di), Il greco, il barbaro e la ceramica attica: immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni: Atti del convegno internazionale di studi maggio 2001, Catania, Caltanisetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, L Erma di Bretschneider, Roma Gras M., Il commercio, in M. Cristofani (a cura di) Etruschi, una nuova immagine, Giunti, Firenze Gras M., Gli scambi, in M.Torelli (a cura di) Gli Etruschi Catalogo Mostra Palazzo Grassi Venezia, Bompiani, Milano 2000, pp Husrchmann R., Gebarden (III. Griechenjand und Rom), in Der Neue Pauly, vol. 4, Stuttgart ISLER-KERENYI 2001 KUNISH 1997 LEDUC 1990 LISSARRAGUE 1986 Isler-Kerenyi C., Donne di Dioniso: immagini antiche e interpretazioni moderne, in AA.VV. Saperi femminili nella scienza e nella società Atti del Corso di Formazione Pensare un mondo con le donne, Bellinzona 2001, pp Kunish N., 1934, Makrōn, 5th cent. a.c., Forschungen zur antiken Keramik. II Reihe, Kerameus. Bd. 10, P. von Zabern, Mainz/Rhein Leduc C., Come darla in matrimonio?, in Duby G.- Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza Lissarrague F., Un regard sur l imagerie grecque, in L Homme 97-98, Parigi 1986, pp

9 136 LISSARRAGUE 1986a LISSARRAGUE 1987 Lissarague F., Intorno al guerriero, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp Lissarrague F., Un flot d images. Une esthétique du banquet grec, Editions Adam Biro, Paris 1987, edizione italiana, L immaginario del simposio greco, Laterza, Bari LISSARRAGUE 1990 LISSARRAGUE, SCHNAPP 1981 MAUSS 2004 MARTELLI 1989 Lissarrague F., Uno sguardo ateniese, in Duby G.- Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza, Bari Lissarrague F., Schnapp A., Imagerie des Grecs ou Grèce des imagiers?, in Le temps de la réflexion, 2, Gallimard, Parigi Mauss M., Saggio sul dono Università di Francia, Parigi, edizione italiana Piccola Biblioteca Einaudi, Torino M. Martelli, La ceramica greca in Etruria: problemi e prospettive di ricerca, in Atti Firenze 1989, p. 781 ss. MELE 1979 MENICHETTI 1998 PEACOCK 1998 Mele A., Il commercio greco arcaico. Prexis ed emporie, Naples Menichetti M., Archeologia del potere Longanesi & C.- Milano Peacock D.P.S., La ceramica romana tra archeologia e etnografia, con introduzione di G. Pucci, Edipuglia, Santo Spirito, Bari PARIBENI 1958 POLACCO 2009 PUCCI 2004 RENDELI 1989 Makron in Enciclopedia dell Arte Antica Treccani, vol. IV, Roma , p Polacco F., L ultimo ginnasio, in Archeo, rivista mensile, My Way Media Srl Editore, settembre 2009, pp Pucci G., Walburg, l antichità, il novecento, in Quaderni del Walburg Italia, 1, Diabasis, Reggio Emilia pp Rendeli M., Vasi attici da mensa in Etruria, Mélanges de l Ecole Francaise de Rome. Antiquité, vol. 101 Numero 2, Roma RENFREW, BAHN 1999 Renfrew C. Bahn P., Archeologia, teorie, metodi, pratica, Zanichelli, Bologna RICHTER 1969 RIZZO 2000 Richter G. M. A., A Handbook of Greek Art, Phaidon Press Ltd, London, traduzione italiana: L arte greca, di Mila Leva Pistoi, Einaudi, Torino Rizzo M. A., La ceramica attica a figure rosse, La Collezione Augusto Castellani a Villa Giulia, Soprintendenza Archeologica per l Etruria Meridionale, L Erma di Bretschneider, Roma 2000, p

10 137 ROBERTSON 1991 ROUSSELLE 1990 SCHEIBLER 2004 SCHNAPP 1986 Robertson M., Adopting an approach, in Looking at Greek Vases, Cambridge 1991, pp Rousselle A., La politica dei corpi,?, in Duby G.-Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza, Milano Bari 1990, pp Scheibler I., Il vaso in Grecia Produzione, commercio e uso degli antichi vasi in terracotta, Longanesi, Milano Schnapp A., Eros a caccia, in Città delle immagini. Religione e società nella Grecia antica, Panini Franco Cosimo, Modena 1986, pp SETTIS 1975 Settis S., Immagini della meditazione, dell'incertezza e del pentimento nell'arte antica, in Prospettiva, n.2, luglio 1975, pp SGUBBINI MORETTI 2001 Sgubbini Moretti A. M., Veio, Cerveteri, Vulci, Città d'etruria a confronto. Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Villa Poniatowski. 2001, 1 ottobre-30 dicembre, L Erma di Bretschneider, Roma SISSA 1990 TORELLI 1986 TORELLI 2004 TROMBETTI 2009 Sissa G., Filosofie del genere: Platone, Aristotele e la differenza dei sessi, in Duby G.-Perrot M. Storia delle donne-l Antichità, Editori Laterza 1990, pp , 62-63, Torelli M., La storia in Rasenna, Storia e civiltà degli Etruschi, UTET, Milano Torelli, M., Un dono per gli dei. Kantharoi e gigantomachie. A proposito di un kantharos a figure nere da Gravisca. - in: Greek identity in the western Mediterranean. Papers in honour of Brian Shefton, Leiden 2004, pp Trombetti C., (a cura di) Lo sguardo di Eros. Gesti, simboli e immagini della seduzione tra Grecia e magna Grecia, bozze del catalogo della mostra: Matera, Museo archeologico Nazionale Domenico Ridola, 20 marzo 31 agosto 2008 (in corso di stampa), 2009.

11 138 FONTI ARISTOFANE, Nuvole, 961/83 p. 28, nota n. 80. ARISTOTELE, Generazione degli animali, 716a p. 21, nota n. 51. CICERONE, In Pisonem, 1 p. 6, nota n. 2. DEMOSTENE, Discorsi, 59, 122 p. 26, nota n. 73. DIONIGI DI ALICARNASSO, Antichità Romane, p. 72, nota n LIVIO, Primo libro, p. 72, nota n OMERO, Iliade,14, 214 sgg. p. 29, nota n. 85. PLATONE, Leggi, II p. 17, nota n. 43. PLATONE, Repubblica, II, 377 p. 20, nota n. 46. PLATONE, Repubblica, 4 420e p. 16, nota n. 38. PLATONE, Repubblica, Pl., Resp a-c. p. 16, nota n. 41. PLATONE, Simposio, 209a-c, 212a, 206d-e. p. 21, nota n. 48. PLATONE, Simposio, 201 d-204 c, 206 a-e. p. 33, nota n PLATONE, Timeo, 50b p. 21, nota n. 53. PLATONE, Alcibiade primo, 133a p. 31, nota n. 91. PLAUTO, Asinaria, in Paratore E. (a cura di) scheda n. 4, p. 38. PLUTARCO, De Gloria Atheniensium, 2, 346f sgg. p. 15, nota n. 34. PLUTARCO, Questiones Convivales, IX, 15, 747c ss p. 15, nota n. 30. SENOFONTE, Economico, III, VII-X, p. 24, nota n SENOFONTE, Economico, VI, 4-10 p. 58, nota n SENOFONTE, Memorabili, III ss p. 15, nota n. 36. SENOFONTE, Memorabili, p. 24, nota n. 67. SENOFONTE, Simposio, II,8 p. 14, nota n. 29. TACITO, Annali, p. 72, nota n Sitologia

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Davvero! La Pompei di fine '800 nella pittura di Luigi Bazzani Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 29 marzo al 26 maggio

Dettagli

Il mercato dell auto in Italia

Il mercato dell auto in Italia Il mercato dell auto in Italia 5.. 4.5. 4.. 3.5. 3.. 2.5. 2.. 1.5. 1.. 1996 1997 1998 1999 2 21 22 trasferimenti al netto minivolture immatricolazioni auto nuove Il mercato dell'auto in Italia trasferimenti

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Le importazioni delle ceramiche attiche a figure nere nell entroterra sicano. Un contributo dall esame dei vasi rinvenuti

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia.

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia. GIUSEPPE PROIETTI Nato a Tivoli (RM) il 28/IX/1945. Laureato in lettere classiche, Indirizzo Archeologico, con il voto di 110/110, presso l Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Scuola di Specializzazione

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana;

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana; VENERANDO MARANO CURRICULUM - È professore ordinario di Diritto ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Foggia, dove è titolare degli insegnamenti di Diritto ecclesiastico,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea Formattazione e suggerimenti tesi di laurea 2 FORMATTAZIONE TESI DI LAUREA Carattere testo: Bookmann Old Style, corpo12 Carattere note: Bookmann Old Style, corpo 10 Clicca FORMATO e poi PARAGRAFO Allineamento:

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

Confronto con altre città

Confronto con altre città Il turismo a Torino, dopo i Giochi Confronto con altre città A cura di Piervincenzo Bondonio Dipartimento di Economia e OMERO Due ricerche connesse 1. La vocazione turistica di Torino, dopo i Giochi olimpici

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009

Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009 8 giugno 2010 Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009 L Istat diffonde i dati, relativi al quarto trimestre 2009, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE D.SANTONICO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi Un 2012 all insegna della timida ripresa per il mercato immobiliare residenziale. I primi due mesi dell anno

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova Le origini del radicchio rosso di Treviso non sono del tutto note. Benché esistano testimonianze della

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli)

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli) CAPITOLO II Utenti che non hanno scaricato contenuti digitali nell ultimo anno ma sono consapevoli della possibilità di acquistare contenuti culturali da internet (non downloader consapevoli) I COMPORTAMENTI

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

Cataloghi e guide. Il tesoro nel pozzo. Pozzi deposito e tesaurizzazioni nell antica Emilia Catalogo di mostra, a cura di Sauro Gelichi

Cataloghi e guide. Il tesoro nel pozzo. Pozzi deposito e tesaurizzazioni nell antica Emilia Catalogo di mostra, a cura di Sauro Gelichi Cataloghi e guide Arte e rituali nell antico Perù Catalogo di mostra, a cura di Laura Laurencich Minelli. Modena, Edizioni Cooptip, 1980, cm 24x17, 111 p., 70 ill. b/n, 5,00 solo contovendita Misurare

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo 01. Giuseppe Fiorelli G. Fiorelli (1823-1896) 1896) Nel contesto dell epoca: epoca: H. Schliemann 1822-1890 1890 W. Dörpfeld 1853-1940 1940 A.L.P.

Dettagli

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA VI Mercury S.r.l. RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Riassunto IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Anna Bertoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Questa ricerca ha voluto verificare se e in quali condizioni

Dettagli

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ 298 PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Nelle Collane dirette da Giacomo F. Rech, per la Commissione nazionale per la paritàe le pari opportunitàtra

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Ventennale del Museo Barovier&Toso

Ventennale del Museo Barovier&Toso Ventennale del Museo Barovier&Toso IL PRIMO MUSEO VETRARIO PRIVATO A VENEZIA FESTEGGIA VENTI ANNI Giugno 2015 S ono ormai trascorsi venti anni dall inaugurazione del Museo Barovier&Toso, unico museo privato

Dettagli

Inchiesta sul fenomeno del plagio Università degli Studi di Pisa. La società :

Inchiesta sul fenomeno del plagio Università degli Studi di Pisa. La società : La società : Creatrice del software di sorveglianza e rilevamento del plagio da Internet Vi propone i risultati dello studio effettuato: Inchiesta sul fenomeno del plagio Qualche cifra.. Quasi la metà

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Osservatorio Sport & Turismo

Osservatorio Sport & Turismo Osservatorio Sport & Turismo Il 18 Febbraio scorso si è tenuto a Palazzo Vecchio, all'interno del salone del 200, Firenze Sport Forum, organizzato dall'assessorato allo Sport del Comune di Firenze nell'ambito

Dettagli

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia Massimiliano Musi Sul diritto della navigazione nell antica Grecia ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

loredana.sciolla@unito.it

loredana.sciolla@unito.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Loredana Sciolla c/o Campus Luigi Einaudi, Lungodora Siena 100, 10153 Torino Telefono Campus Luigi

Dettagli

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 Il progetto Passio 2010 e i giovani All interno del progetto Passio 2010 è stata predisposta

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINA AREA ANTROPOLOGICA CLASSI QUINTE LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF (1)..... PROGETTI.... PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE CLASSE V A-B-C-D DISCIPLINA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA CURRICULUM ARCHEOLOGIA

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA CURRICULUM ARCHEOLOGIA SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA CURRICULUM ARCHEOLOGIA Insegnamento ETRUSCOLOGIA E ANTICHITA ITALICHE Docente DOTT. LAURA AMBROSINI S.S.D. dell insegnamento

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi)

1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi) PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE a.s. 2014-2015 DISCIPLINA: STORIA - CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE: I B DOCENTE: SANACORE ROSARIA 1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi) Competenze

Dettagli

DOC.1 Discussione in famiglia

DOC.1 Discussione in famiglia Evaluation du niveau A2 5 ème Session 2012 Epreuve : italien Compréhension de l oral DOC.1 Discussione in famiglia VERO O FALSO? Metti una X sotto vero o falso VERO FALSO 1 Antonella è stata invitata in

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero Istruzione Università e Ricerca Prof. Manuela Farinelli Materia di insegnamento tecniche della lavorazione dei materiali tessili Ricevimento: il dalle alle Aula e- mail: manfarin @gmail.com Programma

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli