3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE"

Transcript

1 3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE

2 NEOLITICO ed ETA DEL RAME VII-III mill. a.c. La ceramica si distingue in: Ceramica vascolare fine per mensa: scodelle, boccali, vasi, ecc.. Ceramica vascolare grossolana per cottura e conservazione derrate alimentari: orci, orcioli Ceramica non vascolare: cucchiai, fusaiole, statuette femminili, ecc.. Tecnica: a colombino e a stampo Decorazioni: a incisione, impressione e a cordoni Cottura: forni a cielo aperto, buche coperte di sterpaglie, atm. riducente, T 700 C Aree di produzione: area del Nilo ( a. C.), Mesopotamia ( a.c), Cina (4000 a. C.). Diffusione: in Europa ( 4000 a.c.) prevalentemente dalla Mesopotamia attraverso il Danubio e attraverso lo stretto di Gibilterra e le isole e le penisole del Mediterraneo. In Italia si diffuse la ceramica impressa dalle coste delle Marche a quelle della Puglia e in Sicilia e in Italia del Nord si sentì l influenza del Neolitico danubiano.

3 Ceramici della protostoria mesopotamica (IV millennio a.c.)

4 Ceramica neolitica

5 Ceramica neolitica Ceramica età del rame

6 ETA DEL BRONZO - II mill. a.c. La ceramica si distingue in: Ceramica vascolare fine per mensa: scodelle, boccali, vasi, ecc.. Ceramica vascolare grossolana per cottura e conservazione derrate alimentari: orci, orcioli Ceramica non vascolare di uso domestico: cucchiai, fusaiole, ecc Ceramica non vascolare culturale: statuette, animali, ecc.. Tecnica: a colombino, a cercine, a stampo e a tornio a spinta Decorazioni: a incisione, impressione (fine), a cordoni, a bugne (grossolana) Cottura: fornaci orizzontali con atm. riducente e T C Aree di produzione: Isola di Creta (Stile Minoico), e territorio ellenico (Stile elladico), Turchia (Tilmen) Diffusione: in tutto il bacino del Mar Mediterraneo TIPOLOGIE: Ceramica Egea: ( a.c.) Stile Minoico ed Elladico (ceramiche micenee). Ceramica Geometrica Greca: (fine II millennio a.c.) vasi in argilla depurata, lavorati al tornio, decorati con motivi geometrici realizzati in bruno sul colore dell argilla.

7 Ceramica dell età del bronzo

8 Ceramica Egea del Tardo Minoico

9 Ceramica Geometrica Greca

10 ETA DEL FERRO IX - IV sec. a.c. CERAMICA CORINZIA : (VIII-VI sec. a.c.) è caratterizzata da argilla pallida, molto depurata con motivi ornamentali orientalizzanti (scene mitologiche, animali reali o fantastici) che sostituiscono i motivi geometrici.

11 Ceramica Corinzia

12 CERAMICA ATTICA: metà VIII - fine IV sec. a.c. Si tratta della più alta testimonianza della ceramica greca che divenne ben presto la prima e dal 520 a.c. l unica degna. Deriva dalle contemporanee espressioni artistiche corinzie dalle quali differisce per i motivi decorativi (si dà risalto non più a motivi geometrici e animalistici, ma a figure umane). TIPOLOGIE: La più antica è quella a figure nere. Verso il 530 a.c. fu inventata una nuova tecnica a figure rosse. Un terzo stile è quello della ceramica attica a suddipintura (fine VI sec. - primi decenni del V sec. a C.). Diffusa era anche la ceramica a vernice nera.

13 Ceramica Attica a figure nere

14 Ceramica Attica a figure rosse

15 Ceramica Attica a figure rosse

16 Ceramica Attica a vernice nera

17 CERAMICA VILLANOVIANA L età del ferro vede svilupparsi in Europa e nel nord-italia alcuni centri di produzione ceramica con decorazioni geometriche (civiltà Hallstatt - Alto Danubio e Villanoviana - Villanova, Bologna). La ceramica villanoviana è ampiamente documentata tramite i suoi ritrovamenti nelle tombe che sono state trovate vicino a Bologna (Villanova, Misa), ma anche in Toscana e in Lazio. I Villanoviani cremavano i loro morti e riponevano le ceneri in ossari di ceramica a pasta piuttosto grossolana ( ceramica d impasto ). L amalgamarsi della cultura padana con quella toscana fa sfumare la civiltà villanoviana in quella etrusca.

18 Ceramica villanoviana Ossuari biconici

19 Urne cinerarie Ceramica villanoviana

20 CERAMICA ETRUSCA: VIII-metà del I sec. a.c La ceramica etrusca imitò largamente le tipologie vascolari, le tecniche e i decori della ceramica greca e di quella ellenistica importata e ritrovata nelle diverse necropoli. La ceramica si distingue in: Ceramica depurata o fine per mensa: scodelle, boccali, brocche, calici, ecc..( VI-IV sec a.c.) Ceramica d impasto (grossolana) per cottura e conservazione derrate alimentari: olle, tegami, ecc.. Ceramica non vascolare di uso domestico: rocchetti, fusaiole, fornelli, pesi da telaio, ecc Ceramica non vascolare culturale: statuette, animali, ecc.. Laterizi: coppi, tegole, antefisse (VI-V sec a.c.) Terrecotte architettoniche: antefisse Tecnica: introduzione del tornio a spinta (ceramiche uso domestico), a stampo (laterizi) Decorazioni: a incisione, impressione, a cordoni, a bugne, dipinture Cottura: fornaci verticali con atm. riducente e ossidante T C. Aree di produzione: territorio della Toscana, di parte dell Umbria e del Lazio

21 TIPOLOGIE: Bucchero : costituisce la più antica tipologia di ceramico etrusco (inizio produzione: VII sec. a. C. a Cerveteri); il vasellame è di colore nero (dentro e fuori), é lucido con decori a incisione o a rilievo ed é ottenuto con tecnica al tornio. Sono state formulate diverse ipotesi relative al procedimento tecnico di lavorazione del B.; si è pensato ad un impasto di argilla e polvere di carbone o di altre sostanze coloranti; ad una fumigazione durante la cottura; ma l ipotesi più verosimile è che la particolare colorazione derivi da un fenomeno che si verificava durante la cottura: si trattava di una riduzione degli ossidi di ferro contenuti nell argilla con formazione di magnetite, facilitata da un ambiente di cottura fumoso e riducente. Non tutti i buccheri appaiono di colore nero intenso; alcuni, meno pregiati, sono di colore più chiaro tendente al grigio (bucchero grigio) e ciò si ritiene in relazione con imperfezioni nel procedimento di cottura. I motivi decorativi si presentano assai diversi a seconda dell età e si distinguono tra quelli tracciati o impressi, mediante stampi, sulla superficie prima della cottura. Ceramica dipinta: (IV-III sec. a.c.) imitazione della produzione greca (a figure nere, rosse e a suddipinture). Ceramica a vernice nera: (IV-III sec. a.c.) imitazione della produzione greca di ceramica a vernice nera.

22 Bucchero

23 Ceramica dipinta

24 Ceramica a vernice nera

25 ETA ROMANA: II sec a.c.- VI sec. d.c La ceramica si distingue in: Ceramica depurata o fine per mensa: piatti, scodelle, boccali, brocche, tazze Ceramica d impasto (grossolana) per cottura e conservazione derrate alimentari: olle, tegami, anfore, ecc.. Ceramica non vascolare di uso domestico: lucerne, pesi da telaio, ecc Ceramica non vascolare culturale Laterizi: coppi, tegole, mattoni, mattonelle pavimentali Terrecotte architettoniche: antefisse Tecnica: tornio a spinta, stampo o matrice, tecniche abbinate Decorazioni: a rilievo, graffite, a barbottina (pareti sottili, lucerne), sigilli, dipinture Cottura: fornaci verticali in muratura con atmosfera riducente e ossidante T C.

26 TIPOLOGIE: Ceramica a vernice nera: (IV sec. a.c.) imita la ceramica a vernice nera attica; si usa un argilla molto depurata, meno ferrosa. La tecnica usata è quella del tornio; la vernice è applicata ad immersione. Ceramica a vernice rossa: (II sec. a.c.) argilla usata uguale a quella della ceramica a vernice nera, ma la cottura avviene in ambiente ossidante. Terra sigillata: ceramiche ad argilla molto depurata e a vernice rossa che portano un bollo o sigillo; il termine poi è stato esteso a tutte le ceramiche romane a vernice rossa anche senza sigillo. La produzione di terre sigillate inizia intorno al I sec. a.c. ad Arezzo (sigillate aretine) per poi affermarsi e venire prodotti in tutto il territorio dell Impero. La tecnica di lavorazione è al tornio; la verniciatura avviene per immersione; vi è ricchezza di decorazioni; cottura in forni ad atmosfera ossidante. Ceramica a pareti sottili: ceramica per uso prevalentemente potorio caratterizzate da pareti estremamente sottili (1/2 mm - 3mm). La ceramica assume un aspetto simile al metallo per lucentezza, ottenuta mediante vernici arancio-rossastre, per durezza e suono.

27 Terre sigillate

28 In Italia ALTO MEDIOEVO - IV - X sec. d.c Nell alto Medioevo continua la produzione di ceramica con la tecnica del tornio a mano. Si produce quasi esclusivamente ceramica grezza (olle, pentole, coperchi, catini) e va scomparendo, in ambito padano, la produzione di ceramica fine e di laterizi: nella costruzione di edifici di culto e di tombe si riutilizzano spesso laterizi di età romana e si fabbricano soprattutto laterizi di copertura per edifici importanti. Si diffonde l uso di scolpire i laterizi ( tagliapietrecotte ) che continuerà anche nel basso Medioevo. La decorazione vascolare è incisa e ottenuta con l uso di un pettine o di una punta d osso o di legno. Per la cottura si utilizzano i forni verticali romani (prevalentemente peri laterizi) oppure i forni tipo orizzontale simili a quelli dell età del Bronzo (per ceramici).

29 Nel vicino Oriente CERAMICA BIZANTINA La denominazione di questa ceramica non si ricollega a poche e note officine, ma comprende la produzione, a volte assai varia, del territorio noto come impero di Bisanzio (IV-V sec. d.c.). L identificazione stilistica non è quindi precisa: si notano influenze egizie, orientali, ma soprattutto persiane. Scarsi sono i reperti a disposizione e non sempre facile l attribuzione, poiché la fede cristiana ha fatto decadere presto l uso di fornire ai defunti un corredo vascolare che permette uno studio sui ceramici dettagliato e attendibile. I luoghi di ritrovamento in Italia sono a Venezia, nelle Valli di Comacchio e nel territorio di Ravenna. La maggior parte dei ceramici è verniciata con vernici piombifere e sotto la vernice c è l ingobbio. I bizantini facevano decorare le loro ceramiche cotte da vasai greci con cerchi, archi, quadrati che erano riempiti con motivi di animali simbolici (aquila, grifone, leone, colomba) fogliame e schizzi di paesaggi. Le ceramiche non verniciate venivano decorate con graffiti e invetriate.

30 BASSO MEDIOEVO - XI - XV sec. d.c In Italia Per la produzione della ceramica si introduce l uso del tornio a piede. Si continua la produzione ceramica grezza (olle, pentole, coperchi, catini), accanto ad essa inizia la produzione di ceramica invetriata (vernice piombifera) da forno. Si afferma la produzione di ceramica smaltata (maiolica). L introduzione di questa nuova tecnica risente degli influssi spagnoli, islamici, cinesi e orientali che, attraverso gli scambi commerciali delle repubbliche marinare, rappresentavano una temibile concorrenza alla ceramica ormai stagnante prodotta in Italia. La prima ceramica smaltata è nota come maiolica arcaica o mezza maiolica ( ) decorata con motivi geometrici e figurati in colore bruno (Fe), verde (Cu) e blu (Co) utilizzata prevalentemente come ceramica da mensa e come ceramica architettonica (Chiese di S. Francesco, S. Domenico e S.Giacomo Maggiore a Bologna). Viene prodotta a Orvieto, Siena, Toscana e Faenza (Romagna). Da qui l evolversi della produzione con la nascita di fabbriche a Montelupo, Siena, Firenze, Orvieto, Deruta, Perugia, Roma, Sicilia (Sciacca e Caltagirone), Faenza. Riprende la produzione di laterizi con l uso di telai in legno; i laterizi possono anche essere rivestiti da smalto e verniciati: laterizi rivestiti

31 Ceramiche del Basso Medioevo Ceramica invetriata Maiolica arcaica

32 Ceramiche del Basso Medioevo Maiolica arcaica

33 Ceramiche del Basso Medioevo Maiolica arcaica

34 Ceramiche del Basso Medioevo Maiolica

35 Ceramiche del Basso Medioevo Maiolica

36 Ceramiche del Basso Medioevo Maiolica

37 DALLA CINA LE PORCELLANE In Cina già in epoca neolitica, con la dinastia Yin, si producevano ceramiche cotte fino a 1200 C, con rivestimenti alcalini ricchi in ferro, preludio di prodotti ancora più raffinati eccellenti prodotti durante la dinastia Han (206 a.c d.c.). Da questi primi secoli a.c. la tecnica cinese non fece altro che progredire. In epoca Tang (VII-X secolo) nacque la porcellana vero fiore all occhiello della produzione ceramica cinese. L impasto era costituito da una miscela di caolino (50%), feldspati e quarzo in parti circa uguali. Gli oggetti foggiati venivano rivestiti a crudo con ingobbio e quindi invetriati con rivestimento chiaro. La cottura avveniva ad alte temperature e l impasto vetrificava diventando del tutto impermeabile e mantenendo un colore praticamente bianco.

38 DALLA CINA LE PORCELLANE Ceramica dinastia Yin Ceramica dinastia Han

39 DALLA CINA LE PORCELLANE Porcellana dinastia Tang Porcellana dinastia Yuan (XIII-XIV secolo)

40 DALLA CINA LE PORCELLANE In Europa, la consistente importazione di porcellane cinesi che avveniva fra la fine 1400 e gli inizi del 1500 scatenò l esigenza di imitare gli impasti bianchi e fini delle ceramiche orientali. La prima porcellana venne prodotta in Italia, a Firenze ( ) per impulso del granduca Francesco I dei Medici e fu detta porcellana dei Medici. Era una porcellana tenera costituita da argilla bianca, sabbia bianca fine e marzacotto (composto di sabbia, sale e feccia di vino cotta). La temperatura di cottura era di 1100 C (temperatura massima per i forni dell epoca). La decorazione era molto simile a quella della maiolica. Essendo tenera, questa porcellana risultava scalfibile da una punta d acciaio a differenza della porcellana dura cinese. Vennero prodotti circa 60 pezzi a titolo solo sperimentale.

41 Porcellane medicee Porcellane tenere

42 DALLA CINA LE PORCELLANE Dopo circa un secolo, in Francia, sotto il regno di Luigi XIV, iniziò una attività analoga, destinata ad avere più successo di quella italiana. Questa porcellana aveva una composizione costituita da: 70-75% di silice, 14-18% di ossido di calcio, 6-7% di alcali. Anch essa era tenera, ma rispetto alla medicea ebbe vita meno effimera. Fra i centri di produzione si possono annoverare: Rouen, Saint-Cloud, Chantilly, Mennecy, Bourg-la Reine e la fabbrica reale di Vincennes- Sèvres. Solo a partire dal 1700, dopo vari tentativi, a Meissen, in Sassonia si scoprì la formula per produrre la porcellana dura. Nel corso del 1700 l Europa si arricchì di centri manufattorieri. In Italia, il primo centro manufattoriero fu a Venezia ( ). Importanti poi furono le manifatture del conte Ginori a Doccia (Firenze) dal 1735 e di Capodimonte (Napoli) dal 1743.

43 Porcellane di Meissen (Sassonia) Porcellane dure

44 Porcellane dure in Italia Porcellane di Capodimonte

45 Porcellane dure in Italia Porcellana di Capodimonte Porcellana di Ginori

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

STORIA DELLA CERAMICA

STORIA DELLA CERAMICA STORIA DELLA CERAMICA La ceramica dagli inizi ad oggi (Sardella,Salviato,Zardin,Zanzi) 1 CERAMICA : La parola ceramica deriva dal greco kéramos che significa letteralmente argilla per stoviglie : questo

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA CERAMICA ARTISTICA E TRADIZIONALE DI IMPRUNETA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA CERAMICA ARTISTICA E TRADIZIONALE DI IMPRUNETA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA CERAMICA ARTISTICA E TRADIZIONALE DI IMPRUNETA Ai sensi della Legge 9 luglio 1990 n. 188 Approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico in data 21/03/2008 Cenni storici La

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta)

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta) gialloocra DIDATTICA DELL ARCHEOLOGIA E DELL ARTE a cura di Elisa Brighi ed Evelina Garoni Organizziamo visite guidate e laboratori tematici, indirizzati alle scuole e agli adulti con l'obiettivo di sperimentare

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

TITOLO: La pittura vascolare

TITOLO: La pittura vascolare 1E 120308_CaloriPitturavascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO: La pittura vascolare La pittura vascolare: tutto ciò che resta della pittura greca Vario utilizzo e tipologie dei vasi Vari stili di pittura vascolare

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Il cufico in Puglia.

Il cufico in Puglia. Il cufico in Puglia. Un particolare tipo di calligrafia arabica 1 prende il nome dalla città irachena di al-kufah, sede di califfato prima che fosse trasferito a Baghdad. Al contrario del corsivo, detto

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia IL GIOCO DELL OCA Un po di storia 1 Il Gioco dell oca è un gioco di percorso molto antico: alcuni documenti degli antichi Egizi o alcuni reperti dell antico popolo cinese dimostrano che questo tipo di

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati)

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati) ELENCO ENCICLOPEDIE Enciclopedia: Gli animali V.1 (ed. Fabbri) (Gli animali delle paludi) Enciclopedia: Gli animali V.2 (ed. Fabbri) (Gli animali delle foreste, delle selve) Enciclopedia: Gli animali V.3

Dettagli

GRECIA CLASSICA scultura e pittura. Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83

GRECIA CLASSICA scultura e pittura. Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83 GRECIA CLASSICA scultura e pittura Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83 83 1200-400 a.c. Grecia classica XII sec. a.c. L invasione dei Dori, fine di Micene

Dettagli

TOUR CARATTERISTICO DELLA TURCHIA: ISTANBUL E CAPPADOCIA

TOUR CARATTERISTICO DELLA TURCHIA: ISTANBUL E CAPPADOCIA TOUR CARATTERISTICO DELLA TURCHIA: ISTANBUL E CAPPADOCIA 8 giorni / 7 notti CODICE PACCHETTO: TUR 2548 1 Giorno: PARTENZA CON VOLO PER ISTANBUL Ritrovo dei partecipanti almeno due ore prima della partenza

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono . Storia dell arte L arte antica Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono andate perse nel corso del tempo. Dell arte preistorica (fino al 3000 a.c.) ci sono giunte le figure

Dettagli

Urne cinerarie Tutti sono venuti dalla polvere, e tutti tornano alla polvere.

Urne cinerarie Tutti sono venuti dalla polvere, e tutti tornano alla polvere. Urne cinerarie Tutti sono venuti dalla polvere, e tutti tornano alla polvere. Art. UR-1/1 colore: schizzi di colore su base bianca 2 fuoco. Chiusura con pomelli in ottone cromato Art. UR-1/2 colore: pennellate

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

Le pavimentazioni per interni in cotto policromo

Le pavimentazioni per interni in cotto policromo Caterina Gargari Tecnologia Le pavimentazioni per interni in cotto policromo La policromia dei moderni laterizi per pavimentazioni rappresenta ancor oggi una risorsa per il progettista che voglia abbinare

Dettagli

FILIGRANA E GRANULAZIONE

FILIGRANA E GRANULAZIONE Tecniche di lavorazione orafe FILIGRANA E GRANULAZIONE Pierangelo Fiorino ORO nome latino simbolo numero atomico peso specifico durezza temperatura di fusione aurum AU 79 19,3 gr/cm3 2,5-3 (scala Mohs)

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L ABITAZIONE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA

L ABITAZIONE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ABITAZIONE Quando si parla della vita quotidiana di un popolo, la prima immagine che ce ne viene

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto)

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto) Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA (effettivamente svolto) Insegnate: Prof. MARCO PINAMONTI Classi: 2E, 3E, 3D, 3P, 4E/D, 4P, 5P, 5E Materia: STORIA

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce CORSO DI PACKAGING DESIGN Prof.ssa Cristina Croce Brevi cenni di storia del packaging Preistoria Società antiche il cibo si consuma dove lo si trova Primi contenitori: zucche, conchiglie, tronchi cavi,

Dettagli

i listelli Colla Malta Prefabbricazione

i listelli Colla Malta Prefabbricazione i listelli Colla Malta Prefabbricazione i listelli listello a colla UNIECO ha sviluppato ricerche e realizzato impianti produttivi all avanguardia che la collocano tra le aziende maggiormente specializzate

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

Archeologia sperimentale a Murlo

Archeologia sperimentale a Murlo Anno 18 - n 3 (85/87-Sc) Reg. Tribunale di Siena n 665-21/4/98 Direttore responsabile: Annalisa Coppolaro Redazione: Piazza delle Carceri 10 53016 Murlo Numero Speciale Blu Etrusco 2015 QUADERNO TRIMESTRALE

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

59. 57. ritrovata a Sant Ippolito. Reca sul corpo una decorazione geometrica impressa. VIII secolo a.c.. Museo Vernarecci, Fossombrone.

59. 57. ritrovata a Sant Ippolito. Reca sul corpo una decorazione geometrica impressa. VIII secolo a.c.. Museo Vernarecci, Fossombrone. 59. 57. 58. 56. Ciotola carenata con ansa a nastro e appendice a cilindretto. Proviene da località Chiaruccia di Fano in cui è stato individuato il sito di un villaggio dell età del bronzo. Fano, Museo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia Artisti come Meret Oppernhheim, Mario Persico, Fabrizio Clerici, Luca, Mimmo Paladino, Santolo,

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2010 Visita guidata alla Necropoli Etrusca della Banditaccia e al Museo Ruspoli di Cerveteri (Roma) venerdì 26, sabato 27, domenica 28 marzo 2010 N.B.:

Dettagli

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA. Architettura romana UTILIZZO DELL ARCO NELL ARCHITETTURA ROMANA

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA. Architettura romana UTILIZZO DELL ARCO NELL ARCHITETTURA ROMANA TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA Strade e ponti Viadotti Acquedotti Pont du Gard (20-16 a.c): Ltot = 270m Luci campate: 25 m Chi vorrà paragonare le inattive

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 3 M (anno scolastico 2011/2012) MODULO N 1 Storia dell Arte U.D. 1 - Arte preistorica L

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana U.O. III - Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas Progetto didattico : Dal Museo

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

A Roma un progetto di. domestico/ urbano, intimo/aperto

A Roma un progetto di. domestico/ urbano, intimo/aperto A Roma un progetto di interni tra luce/ombra, domestico/ urbano, intimo/aperto Claudia e Alessandro, nella pagina accanto con Orlando, amano ricercare oggetti d arte, come l opera fotografica di Luigi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

Il muro stampato Ideal Work.

Il muro stampato Ideal Work. Il muro stampato Ideal Work. 02 Stampo: Roccia continua I tuoi desideri, la nostra esperienza. Sistema di Qualità Aziendale Certificato Pensa alla parete che desideri: bella, unica perchè personalizzabile

Dettagli

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare attenzione alla ricerca nel campo dell innovazione tecnologica,

Dettagli

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia.

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia. Tipi di Muri delle strutture principali a Panta Rei Dormitorio Sala Polivalente Corpo di collegamento Legenda Balle di Paglia Struttura principale Paglia e Terra Muro d accumulo Cassa Vuota Parete Vetrata

Dettagli

La datazione. Temi e problemi

La datazione. Temi e problemi La datazione Temi e problemi Premessa Normalmente si dice che esistono datazioni assolute e datazioni relative. Le prime indicano un anno preciso; le seconde una sequenza di prima poi. In realtà,, ciò

Dettagli

stufe e ceramiche artistiche www.ceramichecielle.it

stufe e ceramiche artistiche www.ceramichecielle.it stufe e ceramiche artistiche www.ceramichecielle.it L azienda Depositaria di oltre 150 anni di tradizione e cultura nella produzione delle tipiche stufe di Castellamonte in ceramica refrattaria, Cielle

Dettagli

L ARCHITETTURA ROMANA

L ARCHITETTURA ROMANA L ARCHITETTURA ROMANA L eredità etrusca La civiltà etrusca si sviluppa in Italia tra la fine del IXe l inizio dell VIII sec a.c. occupando un area che arrivò ad estendersi tra la pianura Padana e la Campania;

Dettagli