CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DEGLI ETRUSCHI DELLA CITTA DI GROSSETO. Allegato C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DEGLI ETRUSCHI DELLA CITTA DI GROSSETO. Allegato C"

Transcript

1 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DEGLI ETRUSCHI DELLA CITTA DI GROSSETO Allegato C LINEE DI ALLESTIMENTO PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DELLA CIVILTÀ ETRUSCA DI GROSSETO: PRINCIPI GENERALI E INDICAZIONI DI METODO (ESTRATTO) 1

2 Andrea ZIFFERERO Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Università degli Studi di Siena con Carmine SANCHIRICO, Elena SANTORO, Giulia TOFANI LINEE DI ALLESTIMENTO PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DELLA CIVILTÀ ETRUSCA DI GROSSETO: PRINCIPI GENERALI E INDICAZIONI DI METODO (ESTRATTO) 1. Verso il progetto del Centro di Documentazione: la teoria museologica e l impianto museografico La proposta di realizzare un Centro di Documentazione della Civiltà Etrusca a Grosseto rappresenta una sfida interessante sotto diversi punti di vista. La ricchezza, infatti, dei temi connessi alla presenza e allo sviluppo storico, topografico e ambientale della civiltà etrusca tra Toscana, Lazio ed Umbria ripropone con forza il tema della trasmissione dei contenuti scientifici ad un pubblico molto vasto, suddiviso in vari segmenti, in una forma diversa (e fortemente innovativa, nella tradizione italiana) da quella usuale del museo o della collezione di reperti archeologici. Il senso e la validità di questo documento risiedono nella volontà di distinguere, in primo luogo dal punto di vista concettuale, in secondo luogo dal punto di vista progettuale, il piano museologico impostato dall archeologo, rispetto al progetto museografico elaborato dall architetto. La qualità e la bontà del risultato finale dipenderanno dal grado di interrelazione raggiunto tra gli esperti delle due discipline: l esperienza di chi scrive, infatti, ha sempre considerato con grande diffidenza la distanza spesso visibile tra il lavoro dell archeologo, che studia il modo di esporre i contenuti, selezionandone di volta in volta i possibili significati e le chiavi di lettura, dal progetto dell architetto, responsabile della forma finale dell ostensione. Lungi dal voler contestare il lavoro museografico espresso dall architettura, il fine della ricerca museologica è proprio quello di operare una proposta cosciente dei contenuti da proporre al pubblico, attraverso un processo di riconoscimento e selezione, stimolato dal contesto da valorizzare: il risultato dipenderà da come 2

3 questi spunti sono recepiti dall architetto e dall intensità del dialogo stabilito tra le diverse componenti (umanistiche e tecniche) dello staff. Nel caso della progettazione di un Centro di Documentazione, qualora si stabilisca di riproporre al visitatore alcuni aspetti del rituale funerario etrusco, le strade da percorrere possono essere molto diverse. La tomba di solito assume nel tempo forme diverse, in base alla condizione del nucleo familiare che vi è sepolto e del senso religioso che promana dal mondo dei vivi e viene trasmesso attraverso un rituale funebre molto codificato: nonostante l apparente semplicità di questi postulati, le opzioni museologiche per rappresentare il mondo funerario etrusco sono potenzialmente infinite. Si può scegliere una soluzione di base, consistente nel collocare oggetti (o copie di oggetti) provenienti da un corredo funebre all interno di una vetrina a forma di parallelepipedo, con lo spazio articolato su vari ripiani e limitarsi a richiamare la pianta della tomba e la disposizione degli oggetti con un disegno esposto all interno della vetrina. Questa è certamente la soluzione più semplice, in grado tuttavia di deprimere, sia dal punto di vista museologico che da quello museografico, il sistema di valori espressi dal contesto. Tra i principali e a titolo di esempio, elenchiamo il valore topografico della tomba, se isolata per esprimere un particolare rapporto del nucleo familiare con la terra di cui detiene il controllo o se inserita in un gruppo di tombe di cui sarebbe interessante proporre i legami di parentela, espressi dai nuclei familiari che vi sono stati sepolti, con l evidente finalità di stimolare il visitatore ad istituire un rapporto tra la famiglia etrusca e la composizione di un nucleo familiare contemporaneo. La tipologia e il numero variabile degli oggetti e degli ornamenti personali deposti con i defunti rispondono sempre ad un rituale funerario che nella civiltà etrusca appare rigidamente codificato. Il vasellame di solito è finalizzato alla celebrazione del defunto attraverso il simposio, culminante nell assunzione di vino miscelato ad acqua, ma esteso anche al consumo o alla conservazione di cibi di cui spesso si sono rinvenuti i resti, nella porzione riservata al defunto, all interno della sepoltura. La disposizione del vasellame all interno della tomba viene spesso ad assumere significati strettamente correlati al trasferimento del defunto dal mondo dei vivi a quello dei morti, talvolta sottolineato dall iconografia o semplicemente dai motivi decorativi espressi dal vasellame. L attenzione degli studiosi si è rivolta sempre di più, negli ultimi anni, alla definizione della cerimonia funebre come un vero e proprio rito di passaggio organizzato dai vivi, attraverso la forma e la decorazione della tomba, l articolazione esterna del tumulo, la messa in luce di aree 3

4 cultuali destinate alla celebrazione delle esequie e/o ai riti successivi alla sepoltura, la presenza di specifici arredi interni. Tutto ciò ha prodotto ricerche scientifiche potenzialmente traducibili in allestimenti nelle sale di un Centro di Documentazione sulla Civiltà Etrusca. Da questo esempio e dai principi che ne derivano emerge con chiarezza la possibilità di far interagire, nel corso della progettazione, lo spazio museale con le diverse soluzioni prospettabili per l esposizione degli oggetti, purchè sia chiaro e definito il piano museologico espresso dall archeologo come contributo insostituibile ed ineludibile al progetto museografico. 2. Il valore del contesto e la prospettiva storica; il metodo del lavoro archeologico Dalle premesse emergono i due principi generali all interno dei quali far muovere prima il piano museologico e poi il progetto museografico del Centro di Documentazione della Civiltà Etrusca a Grosseto: il primo risiede nella considerazione che ciascun oggetto (o copia, o immagine digitale di esso) da proporre al pubblico non sia isolato nei caratteri espressi ma legato ad un contesto di provenienza e di uso, che prevede di solito altri oggetti. Il secondo è la volontà di utilizzare una chiave di lettura storica nella narrazione della civiltà etrusca: tutti gli eventi sono concatenati all interno di un quadro storico che ha precise chiavi di funzionamento e meccanismi all interno dei quali si muove la ricerca archeologica, volta appunto alla ricostruzione storica della civiltà e della cultura etrusca. Il principio contestuale dell esposizione muove in realtà dal trasferire al comparto museale una consolidata tradizione di metodo, nata nel mondo archeologico anglosassone intorno agli anni Sessanta del Novecento e successivamente approdata a diverse linee teoriche nel processo di interpretazione e ricostruzione del mondo antico: linee teoriche basate, comunque, sul considerare il reperto o il monumento archeologico come il frutto di relazioni tra eventi o processi anche complessi, che l archeologo tenta di ricostruire attraverso la sua indagine. L elaborazione teorica di questi principi si osserva oggi, sotto il profilo museografico, dall attenta ricostruzione del contesto di ritrovamento, o altrimenti di uso dell oggetto archeologico, all interno dell esposizione. Questi processi sono concatenati all interno di quadri storici a cui l archeologo tende, apportando tasselli ricavati dalle indagini di scavo o di ricerca di superficie a macroquadri di riferimento, di solito espressi dalle fonti letterarie. In termini museografici, con specifico riferimento alle finalità del Centro, questi principi possono perfettamente aderire alla 4

5 volontà di creare un luogo che fornisca il raccordo informativo a musei archeologici, aree archeologiche, parchi archeologici, centri storici sorti su precedenti siti etruschi, all interno dei quali nessun oggetto o struttura è fine a sé stessa o è considerata di valore soltanto perché opera d arte. Un Centro di questo tipo offre anzi la possibilità di allestire, in modo tradizionale o altrimenti ricorrendo ai mezzi offerti dalla ricostruzione digitale, dei veri e propri quadri informativi basati sul raccordo tra contesti diversi, con la possibilità di aprire approfondimenti ad albero sempre più specifici. Un terzo ambito, più che un principio, al quale ispirare le logiche dell allestimento del Centro di Documentazione è la presenza costante di riferimenti al lavoro dell archeologo e all attività particolare dello studioso della civiltà etrusca, che acquisisce la definizione di etruscologo. Oggi infatti esistono numerosi fraintendimenti, cinematografici o televisivi, sull operato reale dell archeologo e sulle finalità di raccolta dei documenti archeologici, costituiti dai reperti. L esposizione dei reperti nei musei e nelle collezioni archeologiche segue regole e schemi di classificazione e studio delle ceramiche che di solito non sono mai spiegati al visitatore medio, completamente digiuno dei metodi di lavoro e studio dell archeologo. Ne consegue il noto senso di smarrimento o di noia che pervade il visitatore già dalla seconda sala; per combattere questo senso di smarrimento, alcune mostre archeologiche fanno leva sul sensazionalismo e sull eccezionalità dei reperti, in termini di ricchezza e opulenza, con il risultato di stupire l utente, offrendo un immagine della società antica errata e fuorviante, come se fosse composta unicamente da re, principi e principesse. L occasione del Centro potrebbe effettivamente combattere queste tendenze, offrendo un quadro chiaro ed equilibrato su una società antica articolata in molti ceti sociali, con il contributo dei metodi e della disciplina di studio dell archeologo. 3. Tutelare il patrimonio culturale e l ambiente: due aspetti di una stessa politica di conservazione e valorizzazione Un Centro di Documentazione della Civiltà Etrusca dovrebbe, inoltre, avere sempre tra le righe l obiettivo di sensibilizzare il visitatore alla tutela e alla protezione del patrimonio culturale pubblico rappresentato dalla civiltà e dalla cultura degli Etruschi, da sempre sottoposta alla minaccia degli scavi abusivi e all espansione indiscriminata delle periferie delle antiche città etrusche a lunga continuità di vita, quali Cerveteri e Tarquinia, per citare i casi più conosciuti. Uno 5

6 dei valori più significativi dell area medio tirrenica, culla della civiltà etrusca, è rappresentato dall assoluta eccezionalità e variabilità del paesaggio, inteso come forma di adattamento, governata dall uomo, dell ambiente naturale per estrarvi le risorse necessarie alla sopravvivenza delle comunità nel corso del tempo. L Etruria propria, inserita tra il Lazio settentrionale, la Toscana e l Umbria occidentale, offre ancora in modo consistente i resti del paesaggio etrusco: basti pensare alle necropoli rupestri, scolpite nel tufo, distribuite tra il grossetano ed il viterbese, di solito collocate a corona di pianori tufacei ricchi di testimonianze archeologiche ed architettoniche, dall età preromana al Medioevo. La recente formulazione del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, entrato in vigore nel 2004, ha avuto il merito di coniugare alcuni aspetti della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale con la tutela e la valorizzazione del paesaggio, da sempre ambiti distinti nel panorama legislativo italiano, a partire dal A questa azione del legislatore si stanno affiancando progetti di analisi territoriale, condotti da archeologi in collaborazione con botanici, architetti pianificatori del paesaggio e geologi, che stanno dedicando grande attenzione al problema della sopravvivenza di alcuni tratti del paesaggio antico di età protostorica ed etrusca nelle forme del paesaggio odierno. Uno di questi progetti, codiretto da chi scrive, ha visto la partecipazione di etruscologi affiancati da botanici e da biologi molecolari nella ricerca sulle forme di sopravvivenza della vitivinicoltura etrusca nel paesaggio odierno del senese, del grossetano e del viterbese, attraverso la documentazione delle popolazioni di vite selvatica intorno ai siti archeologici. I primi risultati del Progetto VINUM hanno messo in evidenza come in vari casi documentati, le popolazioni di vite selvatica censite nelle forre circostanti i siti dell Etruria centrale e meridionale siano le discendenti di popolazioni coltivate dall età etrusca e romana per ottenere uva da sottoporre a spremitura e fermentazione. Le analisi biomolecolari, che stanno indagando il patrimonio genetico di queste popolazioni, hanno poi messo in evidenza in due casi, registrati in Maremma nell area scansanese, piante di vite selvatica che hanno un elevato grado di similarità genetica con vitigni autoctoni della Toscana e del Lazio. Progetti come questo aumentano in profondità la conoscenza del paesaggio antico e contribuiscono ad affinare nuovi strumenti scientifici per la determinazione dei processi di formazione del paesaggio contemporaneo, in relazione a quadri storici che hanno posto in grande evidenza i volumi impressionanti della produzione vitivinicola etrusca, i cui prodotti, non sopravvissuti ma testimoniati dal commercio delle anfore da trasporto, giungevano per via marina agli insediamenti 6

7 celti, greci e agli empori etruschi distribuiti sulla costa mediterranea tra la Francia meridionale (Costa Azzurra, Provenza e Linguadoca) fino alla Catalogna, tra VI e IV secolo a.c. Una ricaduta di grande valore per i progetti di indagine storica ed archeologica del paesaggio è, inoltre, rappresentata dal fatto che la ricostruzione dell identità storica di produzioni antiche (vitivinicole ma anche olivicole), possa conferire un valore aggiunto alle produzioni tipiche toscane, sempre più esposte alle tendenze fortemente omologanti dei principi della globalizzazione dei mercati. Il dialogo possibile tra la componente naturalistica e la componente archeologica, oggi sollecitata sia dal quadro legislativo nazionale che dagli strumenti promulgati dalle Regioni per conservare e valorizzare il patrimonio ambientale e culturale, potrebbe trovare proprio nel Centro di Documentazione un ideale luogo di sintesi, nel quale proporre lo sviluppo della civiltà etrusca attraverso il contributo dato alla formazione del paesaggio contemporaneo. 4. Ipotesi di approfondimento di temi sulla civiltà etrusca in relazione ai criteri di allestimento del Centro di Documentazione della Civiltà Etrusca di Grosseto Dall analisi del materiale costituente il piano di fattibilità del Centro di Documentazione, possono emergere, al momento alcune semplici linee di orientamento, utili in ogni caso per indirizzare future linee progettuali e rendere più fluidi alcuni passaggi progettuali, sembra pertanto sensato, tuttavia, produrre alcune proposte preliminari in merito al possibile sistema informativo sui temi ospitati nel Centro di Documentazione. Sotto il profilo museologico, il Centro collima perfettamente con le finalità espresse dai Visitor Centers di concezione anglosassone, nati in ambiente statunitense nel secondo dopoguerra per incrementare, attraverso l approfondimento dei temi ambientali legati al rapporto tra uomo e ambiente, la sensibilità e il rispetto dei cittadini americani verso i parchi naturali. Il filone dei Visitor Centers, alimentato con lo sviluppo dell Ente federale statunitense per la conservazione della natura nei parchi (National Park Service), è approdato poi in Europa per il tramite della cultura anglosassone, dove ha avuto larga fortuna con l estensione delle funzioni a scavi e parchi archeologici e a siti di rilevante interesse storico. In Italia questo tipo di centri è arrivato, con la denominazione prevalente di Centro Visita, soprattutto nell ambito della conservazione della natura: oggi qualsiasi parco o riserva naturale prevedono la presenza di un Centro Visita fin dai primi passi della progettazione del piano di assetto e di gestione. Talvolta il Centro Visita è stato concepito anche come porta di ingresso a parchi archeologici di rilevante estensione, come nel Sistema dei Parchi della Val di Cornia (LI): in 7

8 ogni caso, tuttavia, i Centri Visita dei parchi italiani svolgono le funzioni essenziali di informare i visitatori sui contenuti dell area protetta e sui servizi a loro disposizione, fino a svolgere un attività continuata di formazione e sensibilizzazione dei cittadini e dei visitatori attraverso corsi di formazione e cicli di conferenze. Il Centro di Documentazione della Civiltà Etrusca di Grosseto, nella documentazione preliminare acquisita, merita a tutti gli effetti il titolo di un Centro Visita di grande profilo, una vera e propria porta verso l Etruria, in grado di orientare il visitatore su una scala gradualmente sempre più estesa fino a superare i confini della Toscana. Proprio pensando a queste finalità, il Centro di Documentazione di Grosseto ha una natura assolutamente polifunzionale, avendo alla base la missione di informare, orientare e sensibilizzare il visitatore alla scoperta della civiltà etrusca: considerando la novità e l impostazione fortemente innovativa dell iniziativa, si cercherà di avanzare in questo documento preliminare proposte per una linea di allestimento molto diversa da quella abituale dei musei e delle collezioni archeologiche, basate sulla presentazione di oggetti al visitatore. L impiego della tecnologia digitale, ormai molto diffusa nei musei attraverso le ricostruzioni virtuali degli ambienti dovrebbe, tuttavia, essere affiancata da sistemi informativi più tradizionali, pure in grado di coinvolgere in modo efficace il visitatore. Le schede allegate a questo rapporto preliminare rappresentano un esempio possibile per creare sistemi informativi nuovi, evitando lo schema classico del testo su pannello o dell ipertesto ad albero su totem informatico. Seguono altre schede che commentano in modo critico i casi italiani ed europei ritenuti più significativi La Toscana in Etruria La struttura centrale di orientamento, in prossimità dell ingresso, dovrebbe favorire la scoperta autonoma dell Etruria attraverso una sala di accoglienza con postazioni in cui il visitatore possa accedere in modo virtuale e remoto nei Musei, nelle Aree Archeologiche, nei Parchi Archeologici, nei Parchi e nelle Riserve Naturali, negli Antiquaria accanto agli scavi, nei Progetti di Ricerca e negli Scavi Archeologici in corso, nei Laboratori di Restauro e nei Laboratori Scientifici, nelle aule delle Università e nei Dipartimenti di Archeologia, negli Enti di ricerca, negli Uffici delle Soprintendenze per i Beni Archeologici presenti in Toscana, Lazio ed Umbria, nelle forme del lavoro organizzato che si occupano di scavi e lavori nel settore dell archeologia, nelle sedi delle Associazioni no profit e delle Associazioni Onlus con l obiettivo di difendere e accrescere la sensibilità verso il patrimonio archeologico ed i beni culturali italiani. La struttura del sistema informativo di questa sala, che 8

9 potrebbe rappresentare l inizio e la conclusione della visita, a disposizione del visitatore che si presuppone sia più stimolato alla conclusione del percorso ad acquisire informazioni, rappresenta il cuore pulsante del sistema informativo per i segmenti di utenza più consistenti, di solito rappresentati dal turismo scolastico, dalle associazioni, dalle Università popolari e dai gruppi familiari. Questa sala deve saper comunicare in termini essenziali lo spazio geografico della civiltà etrusca ed il relativo orientamento al suo interno, con sistemi di approfondimento ad albero, attraverso piattaforme GIS in grado di contenere anche archivi complessi di informazioni Gli Etruschi, un popolo dalle origini incerte E il luogo che spiega la ricerca contemporanea sugli Etruschi come persone fisiche, presentando gli strumenti della genetica attraverso un archivio di informazioni e di rimandi scientifici, partendo dalle discusse analisi del genoma delle popolazioni contemporanee e dal confronto con le informazioni delle fonti sulle origini del popolo etrusco. E il luogo dove gli Etruschi si possono toccare, nelle riproduzioni di persone reali ricostruite con resine polimeriche, di cui la sepoltura ha conservato la struttura ossea, il cui aspetto è ricostruito dalle tecniche correnti in uso nell archeologia forense. Gli Etruschi presentano sé stessi con l abbigliamento e gli ornamenti che ne distinguono il censo e le identità sociali al momento della sepoltura, in grado tuttavia di rispondere alle curiosità e agli interrogativi più usuali sulla corporatura e sull altezza, sull età media, sul declino fisico prodotto dalla vita agiata, sulle patologie usuali riconoscibili nella struttura ossea. Sono Etruschi provenienti da varie città dell Etruria, la cui struttura ossea è fortunosamente sopravvissuta ed è stata indagata da anatomo patologi che ne hanno ricostruito le abitudini alimentari e le patologie sofferte, fino al paziente lavoro di ricostruzione dei tessuti del volto e del corpo, svolta in modo scientifico secondo i canoni in uso nell archeologia forense. Si osservi come in questa sala il corredo informativo tradizionale (rappresentato da pannelli o didascalie illustrative dei modelli) possa essere ridotto al minimo e come il rapporto con il visitatore sia giocato sul confronto tra la persona antica e la persona contemporanea, che ciascuno può modulare in base al proprio grado di sensibilità o semplicemente, di curiosità. La documentazione relativa alla sala dovrebbe trovare posto in un settore dell ambiente più appartato, organizzato con postazioni o box di approfondimento e relativi monitor. In questa sala, come specificato nella premessa, vi dovrebbero essere approfondimenti particolari sui metodi delle scienze mediche che integrano il lavoro dell archeologo; il rischio di una presentazione molto 9

10 frammentata e priva di inquadramento contestuale potrebbe essere superata dall individuazione di gruppi di persone sepolte nella stessa tomba e quindi collegate da legami familiari, nei quali far emergere la trasmissione di tratti genetici particolari Il paesaggio etrusco Esiste ancora un paesaggio in Toscana che conservi i tratti originali del paesaggio etrusco? Come era la Toscana e l area medio tirrenica tra l età del Ferro e l età etrusca? Quanto erano estesi i boschi ad alto fusto rispetto ai campi coltivati? Sono soltanto alcune delle domande che potrebbe sollevare l esplorazione di questa sala (o queste sale, nel caso si scelga di dedicare più spazio al tema), verosimilmente da organizzare come la period room (stanza di ambientamento) di un museo britannico, in grado di riportare lentamente all indietro il visitatore come in una macchina del tempo, introducendolo nel paesaggio archeologico dell Etruria tirrenica. La sala dovrebbe poter ricostruire ambienti boschivi e zone coltivate con le principali specie vegetali ed animali, documentate negli scavi archeologici. Il settore dedicato alle coltivazioni dovrebbe poter illustrare anche la particolare perizia etrusca nel veicolare le acque meteoriche attraverso sistemi di drenaggio dei campi realizzati da cunicoli, riproducibili con sezioni del suolo agricolo rese a parete. Questa sala potrebbe essere animata in modo tenue dai rumori dell ambiente del bosco e dei lavori agricoli, ricorrendo eventualmente alla stimolazione dell olfatto del visitatore, attraverso il rilascio di essenze. Nei box di approfondimento della sala dovrebbero essere spiegate le fonti e i metodi di approfondimento della ricerca sul paesaggio agricolo in Etruria, i progetti in corso, i prevedibili sviluppi della ricerca e i dati sulla produzione agricola antica, oltre ad una piattaforma GIS per le specie vegetali ed animali richiamate nella sala, in continuo riferimento al sistema dei parchi naturali e delle aree protette in Toscana, Lazio ed Umbria. 5. La città in Etruria Una o più sale dedicate all approfondimento di questa particolare e molto antica forma di organizzazione delle comunità etrusche: la città. La città in Etruria nasce alla fine dell età del Bronzo, cresce nell età del Ferro e assume fin dall VIII secolo a.c. caratteri molto particolari, che si evolvono nel corso del tempo. Di solito è pianificata con accortezza in luoghi adatti ad accogliere molte migliaia di persone, su pianori estesi non distanti dalla costa tirrenica. A partire dal VI secolo a.c. viene di solito fortificata con cinte murarie in pietra locale, che le conferiscono la tipica 10

11 struttura difensiva, spesso accresciuta nel tempo, dal Medioevo all età contemporanea. La città etrusca è la forma politica che sviluppa un deciso controllo sulle campagne, attraverso abitati più piccoli promotori di un economia agricola e di allevamento che non ha pari nell Italia antica. Le campagne più conosciute sotto il profilo archeologico, sono gli agri di Veio, di Cerveteri e di Vulci, con migliaia di piccole fattorie, veri e propri casali con fondamenta, pareti in mattoni crudi e tetti in tegole e coppi, costruiti su piccoli poderi, con annessi luoghi di sepoltura dei defunti. Il rapporto tra città e campagna è alla base di fenomeni di commercio di derrate alimentari di straordinaria portata, che hanno prodotto un quadro di relazioni particolarmente complesso tra gli Etruschi e le altre popolazioni del Mediterraneo. Il tema della città è la base per presentare il rapporto con l ambiente e soprattutto la nascita delle istituzioni politiche dell Etruria, storicamente legate allo sviluppo delle città nell area medio tirrenica. Alla città sono strettamente legate le necropoli, di solito gruppi di tombe con valori monumentali, collocate su pianori separati da corsi d acqua che hanno scavato forre profonde nel suolo vulcanico, a breve distanza dal pianoro della città. L aspetto del mondo funerario, strettamente legato alla rappresentazione che la società etrusca fa di sé stessa e all articolata dottrina religiosa di questo popolo, potrebbe rappresentare un successivo approfondimento rispetto ai temi espressi dalla città. L allestimento dovrebbe sottolineare l apporto urbanistico della città etrusca alla Toscana contemporanea, evidenziando, attraverso specifiche ricostruzioni con programmi di morphing, l evoluzione dei tratti della città etrusca nell area medio tirrenica. Queste sale offrono l opportunità di ricostruire dal vero ambienti reali della città etrusca, attraverso ricostruzioni in scala 1:1 di edifici civili e sacri, partendo dai tipi di case conosciute e permettendo al visitatore di accederne fisicamente negli spazi, dandogli la possibilità di maneggiare copie degli arredi domestici. Un altro settore potrebbe offrire modelli in scala ridotta, che suscitano, tuttavia, un minore impatto emotivo nel visitatore. Tutta la documentazione sull argomento, compreso un archivio di immagini e ricostruzioni tridimensionali, potrebbe essere proposta in formato digitale nei box di approfondimento. 6. Altri temi possibili e osservazioni sui laboratori Il mondo etrusco offre una vastissima serie di possibili temi di approfondimento, in parte presentati nel documento Proposte per un Centro di documentazione della civiltà etrusca : tra essi la religione, le capacità di estrarre i minerali e trasformarli in metalli, la perizia artigianale, la capacità di controllare le acque adattando lagune e porti o alvei fluviali, la capacità di scrivere, la 11

12 forma storica del commercio e della pirateria nel Mediterraneo, le capacità artistiche. Sembra, tuttavia, opportuno sottolineare anche l utilità della formula dei laboratori, per creare possibilità di approfondimento all interno del Centro di Documentazione di Grosseto. I laboratori hanno un elevata capacità di coinvolgimento, in quanto introducono, di solito attraverso l esperienza pratica, all interno di un tema specifico, sollecitando la curiosità e stimolando le capacità manuali. I laboratori servono per ridurre quella distanza imposta dal mondo digitale alla fruizione del bene culturale: la visione della ricostruzione all interno del monitor riduce, infatti, la percezione dell individuo e non sempre ne mantiene i livelli di attenzione: il laboratorio crea invece il contatto fisico con gli oggetti e mantiene elevato e per lungo tempo l interesse. Considerando a parte i laboratori didattici, che hanno ormai acquisito, nel settore archeologico, un notevole patrimonio di esperienza all interno delle attività museali, con programmi specifici indirizzati soprattutto alla scuola dell obbligo, il ventaglio di possibilità offerto dal Centro di Documentazione è molto ampio e potenzialmente aperto al mercato: i segmenti più interessati a svolgere attività formative e pratiche sono oggi le Università Popolari e le Associazioni, oltre ai singoli cittadini. La capacità di sensibilizzare e operare a contatto con persone che sono uscite dal ciclo produttivo del lavoro dovrebbe seriamente essere considerato come un obiettivo primario del Centro, partendo dalla disponibilità all impegno tipica delle persone in pensione, che rappresentano oggi il nucleo forte di molte associazioni culturali italiane. Le attività possibili del Centro sono perciò aperte alla formazioni di personale ausiliario per condurre operazioni di restauro della ceramica e della pietra, sotto la guida di personale esperto che può svolgere questo compito per tutto l anno. 12

13 Scheda 1 POSSIBILI APPLICAZIONI MULTIMEDIALI PER IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DELLA CIVILTÀ ETRUSCA DI GROSSETO Carmine SANCHIRICO Giulia TOFANI Premessa Le innovazioni occorse negli ultimi decenni nel campo delle applicazioni multimediali hanno favorito e in molti casi indotto un sostanziale cambiamento nelle modalità di comunicazione. Tale mutamento ha interessato pienamente anche la comunicazione culturale. In questo caso alle difficoltà insite nella trasmissione di informazioni e concetti complessi e specialistici, quali quelli veicolati da un allestimento museale, si è aggiunta la massificazione dei visitatori. Ciò ha comportato un sostanziale cambiamento sia nel rapporto con i media che nel nostro personale approccio alla conoscenza, sancendo così la sostanziale inefficacia degli allestimenti tradizionali, poiché presupponevano un alto livello culturale e una trasmissione del sapere per mezzo della scrittura. L industrializzazione del tempo libero inoltre ha richiesto all istituzione museale non più una unica funzione di diffusione della cultura bensì la capacità di svilupparne anche l aspetto ludico e di intrattenimento. Da alcuni anni è ormai chiaro come in ambito museale non si possa più prescindere dall uso delle nuove tecnologie multimediali. In tal senso illuminanti sono alcuni esempi che hanno dimostrato quanto necessario debba essere un proficuo confronto tra i tradizionali messaggi museali, ormai evidentemente inadeguati, e le nuove tecnologie. Tale confronto risulta essere ormai inevitabile dal momento che le modalità di apprendimento stanno ritornando ad essere di tipo percettivomotorio, abbandonando il più faticoso metodo di apprendimento simbolico ricostruttivo. Partendo da questa considerazione, si è consolidata negli ultimi tempi una nuova tendenza che indirizza verso una pratica museografica sostanzialmente intrecciata agli aspetti interattivi e multimediali. Le possibilità offerte da questo nuovo modo di comunicare sono state utilizzate, in relazione ai beni culturali, principalmente per tre scopi: tutelare, catalogare e comunicare. Se le prime due 13

14 sono ormai sfruttate con sufficiente diffusione, la terza stenta a trovare una giusta collocazione all interno dei nostri musei. La convinzione che l opera o le sistemazioni tipologico formali parlino da sole è ancora troppo radicata nel sistema di pensiero di chi dovrebbe innovare gli allestimenti. Un esempio basterà a far capire quello che lo scenario di circa dieci anni fa apriva alla comunicazione museale: nel 1994 a Palazzo Ruspoli a Roma venne realizzata una mostra dal titolo Nefertari: Luci d Egitto. A fianco all esposizione tradizionale venne predisposta una sala dove fu ricostruita in digitale, per intero ed in maniera tridimensionale, la tomba della regina. Si trattava di una ricostruzione immersiva in cui il visitatore oltre all esperienza visiva, poteva associare quella uditiva (la regina Nefertari compariva come un ologramma e pronunciava un passo del Libro dei Morti). Questa proposta espositiva ha rappresentato uno dei primi tentativi di coinvolgere il visitatore in esperienze multi sensoriali, ma soprattutto ha raggiunto l obbiettivo di colpire e stimolare chi visitava l allestimento. Per comprendere il successo eclatante ottenuto da questa iniziativa pionieristica occorre considerare come ogni processo di apprendimento si basi su due componenti essenziali: quella cognitiva e quella dinamica. La prima indubbiamente si lega in maniera diretta alla comprensione dell oggetto di apprendimento; la seconda al contrario si basa sull interesse, sul desiderio e sullo stimolo che l oggetto riesce ad esercitare su coloro che devono apprendere. L obbiettivo principale di un allestimento museale o di un Centro di Documentazione deve essere, quindi, quello di favorire questo apprendimento. Le nuove tecnologie informatiche, sviluppate negli ultimi quindici anni, e opportunamente applicate ai beni culturali consentono di potenziare le componenti precedentemente individuate creando una nuova e per certi aspetti più efficace modalità di apprendimento che lo studioso Francesco Antinucci ha sapientemente riassunto nella percezione senso motoria consentita dall interattività (ANTINUCCI 2007, pp ). La forte interazione tra le nuove tecnologie multimediali e il mondo dei beni culturali trova del resto corrispondenza piena nella comune forma di comunicazione delle informazioni che per entrambi avviene su base sensoriale. Esse infatti si avvalgono di un linguaggio semplice, fatto di immagini, suoni, animazioni e ricostruzioni grafiche ma soprattutto della possibilità di manipolazione dell oggetto e di interazione progressiva che consente all utente di sviluppare una propria interpretazione del dato proposto. La realtà virtuale si basa infatti sulla possibilità di scelta da parte di ciascun utente, in maniera autonoma, attiva e soprattutto in tempo reale, del percorso 14

15 da seguire all interno di una ricostruzione tridimensionale. La virtualità, la multimedialità e l'ipertestualità permettono una lettura quindi analitica, formale e semantica dell'oggetto, favorendone così una corretta contestualizzazione e quindi una sua maggiore comprensione. Di seguito verranno presentate, attraverso schede analitiche, alcune delle più rappresentative realizzazioni espositive multimediali e virtuali realizzate in Italia e all estero, così da presentare fattivamente le possibilità offerte dalle nuove tecnologie e in un secondo momento poter proporre delle conclusioni critiche e utili all utilizzo di queste metodologie nel Centro Nazionale di Documentazione Esempi di applicazioni multimediali ai beni culturali Il primo livello di informazione mediatizzata all interno di un museo è rappresentato dagli infopoint o totem; ossia un semplice calcolatore, racchiuso all interno di un involucro protettivo, che fornisce all utente, con un interazione più amichevole possibile, una serie di informazioni come risposte dal sistema. La richiesta di informazioni può avvenire a voce, tramite tastiera o tavoletta digitale, o ancora segnando semplicemente con il dito alcune zone dello schermo. La risposta può essere orale o in forma scritta, con un testo, un'immagine, un filmato o una qualsiasi combinazione di questi elementi. Il secondo livello è rappresentato, al contrario, da quei sistemi computerizzati (work stations) che consentono l'accesso alle informazioni relative ai materiali esposti, ai contenuti degli archivi e al sistema informativo generale dell intero museo. Essi risultano accessibili da vari punti sia dislocati all'interno che all'esterno dell area museale. Le work stations, collegate localmente al sistema informativo del museo e remotamente alle reti geografiche di enti ed istituzioni ad esso affini, sono in grado di fornire servizi di accesso differenziato sia agli archivi dati che ai vari pacchetti software disponibili per il visitatore. Ad esempio, l'accesso ad una work station che visualizza gli oggetti esposti (come accade al Conservatoire Nationale d'arts e Métiers, di Parigi) consente di analizzare i particolari dell'oggetto, di vedere i collegamenti possibili tra l'oggetto stesso ed altri esposti, di ottenere informazioni associate ad una sua contestualizzazione sotto forma di movies o suoni. I percorsi ipermediali educativi rappresentano invece il terzo livello di informazione mediatizzata. Essi sono rappresentati essenzialmente da quei sistemi di comunicazione, derivanti dall'avvento delle tecnologie multimediali ed ipermediali, legati ai percorsi di apprendimento. Un museo può 15

16 essere visitato ed interpretato utilizzando varie chiavi di lettura e considerando percorsi differenziati che fino a poco tempo fa non erano accessibili al grande pubblico, in quanto non facilmente comunicabili su supporto cartaceo. Tale sistema di comunicazione è basato su un approccio completamente diverso della gestione dell'informazione. Infatti, i dati (l'unione di testi, grafica, immagini e suoni) vengono memorizzati in una rete di nodi logicamente connessi, consentendo una flessibilità nel percorso e permettendo all'utente di "navigare" orizzontalmente e verticalmente all'interno del corpus documentario del Museo, in modo più o meno libero. I nuovi allestimenti museali che si basano sull uso di queste tecniche informatiche si avvalgono di tecnologie avanzate come p. es. l auto improvement (che consente la formazione di una nuova visione della realtà nell'utente) o le attività interattive di tipo push bottom ed hands on (permettono al singolo utente di interagire seguendo l evoluzione di un fenomeno dal vivo o di manipolare un dato oggetto in maniera autonoma e creativa attraverso il contatto diretto simulato dalle più moderne strumentazioni presenti sul mercato). Tutte le ricostruzioni riferibili a questo livello possono trovare spazio sia all interno di teatri virtuali o cave sia on line. MUSEO ARCHEOLOGICO VIRTUALE (MAV) Sede: Ercolano (Na) Indirizzo internet: Struttura: 5000 mq di cui 1500 dedicati alle oltre 30 installazioni virtuali, visive e immersive. Le tecnologie impiegate per la realizzazione dell allestimento comprendono le più moderne macchine in commercio (computer, laser, scanner, ologrammi e schermi tridimensionali). A queste apparecchiature si aggiunge un sofisticato sistema di riconoscimento del visitatore che consente di calibrare le informazioni disponibili sulla base dell età e della lingua. Grazie all impiego di una tecnologia all avanguardia è stato possibile realizzare un percorso plurisensoriale ed emozionale dalle spiccate caratteristiche immersive. Attraverso le ricostruzioni virtuali e le interfacce visuali è stato quindi possibile documentare la vita dell antica Ercolano prima dell eruzione del 79 d.c. L intero percorso museale è concepito in maniera tale da rendere ciascun visitatore artefice della scoperta poiché lo catapulta, come novello archeologo, all interno dei cunicoli settecenteschi attraverso i quali gli scopritori del tempo hanno riportato alla luce la città. È possibile così visitare 16

17 la Villa dei Papiri con la sua straordinaria biblioteca o il Foro della città. All ambientazione virtuale si associa la possibilità in alcune sale di interagire attraverso una piattaforma digitale che consente di acquisire maggiori informazioni sugli usi e sui costumi delle genti che abitarono questo territorio. Le ricostruzioni, di notevole impatto emotivo, trovano ulteriore giovamento nella sostanziale penombra che caratterizza l intero percorso e che senza dubbio favorisce la concentrazione del visitatore sulle informazioni proposte (Fig. 1). La presenza esclusiva di ricostruzioni virtuali lascia tuttavia un evidente sensazione di immaterialità che certamente non aiuta il visitatore nel collegare nella maniera più consona l oggetto reale (spesso per grande parte non conservato) con la sua versione virtuale. JORVIK VIKING CENTER Sede: York (Inghilterra) Indirizzo internet: viking centre.co.uk Struttura: allestimento sotterraneo. Propone un viaggio all indietro nel tempo che consente di esplorare, spostandosi a bordo di un mezzo elettrico, l insediamento vichingo, così come doveva apparire in un giorno di mercato, messo in luce nel corso degli anni Ottanta del secolo scorso da una serie di scavi archeologici. Le ricostruzioni proposte al visitatore, basate sui dati acquisiti nel corso della ricerca scientifica, sono in scala 1:1 e riproducono dettagliatamente case, strade, abbigliamenti oltre allo stesso scavo archeologico (Fig. 2). Le riproduzioni sonore come del resto tutte quelle proposte si caratterizzano per un accurato dettaglio. Le voci dei personaggi riproducono dettagliatamente la lingua dei vichinghi oppure i versi degli uccelli sono duplicati di quelli attuali che più di altri somigliano ai versi di quelli presenti nella zona all epoca. MUSEO VIRTUALE DELL ANTICA VIA FLAMINIA Sede: Roma (Museo Nazionale Romano) Indirizzo internet: Struttura: una sala con capienza massima di 25 persone 17

18 Si tratta di una sala allestita negli spazi del Museo Nazionale Romano presso le Terme di Diocleziano che consente a più utenti contemporaneamente di visitare la ricostruzione virtuale di alcuni tra i principali siti di epoca romana localizzabili lungo le prime 13 miglia della via Flaminia. Le ricostruzioni si basano sia sui dati acquisiti sul campo per mezzo di strumentazioni che ne hanno consentito il rilievo (p. es. scannerizzazioni laser) e la mappatura fotografica che su quelli acquisiti dagli specialisti sulla base delle fonti letterarie disponibili o attraverso la comparazione tipologia con edifici coevi. L acquisizione di questi dati permette così di riproporre una ricostruzione verosimile delle strutture. Il Progetto è stato realizzato dall Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del CNR. L allestimento prevede quattro postazioni interattive che consentono ad altrettanti utenti avatar di accedere p. es. alle sale della dimora imperiale dove sarà possibile incontrare alcuni personaggi, tra i quali la stessa Livia (Fig. 3). La proposta virtuale non si limita tuttavia alle quattro postazioni ma consente anche al pubblico presente in sala, grazie all utilizzo di occhiali stereoscopici, di osservare sullo schermo principale ciò che accade nei monitor calandosi così anch essi nella realtà 3d. MUSEO DELLE PURE FORME Sede: Pisa (Museo dell Opera del Duomo) Indirizzo internet: Struttura: una sala La filosofia imperante negli ultimi anni in molti musei è quella di far mettere le mani sugli oggetti in modo da permettere all utente di comprendere gli stessi e in ultima istanza di appropriarsene. È questo il caso del Museo delle Pure Forme di Pisa che attraverso l uso dei più moderni applicativi informatici associati alle nuove potenzialità fornite dalla robotica permette ai visitatori di riappropriarsi dell opera restituendo alla percezione aptica della forma il suo ruolo di centralità nella fruizione. Le nuove tecnologie, attraverso l impiego di particolari esoscheletri e dispositivi elettromeccanici, consentono difatti di trasmettere stimoli sensoriali tattili in grado di simulare la sensazione di contatto tra la mano dell utente e la riproduzione digitale del manufatto. La sensazione del contatto è inoltre amplificata dalla visualizzazione stereoscopica dei modelli digitali (Fig. 4). MUSEO VIRTUALE DELLA CERTOSA DI BOLOGNA 18

19 Sede: Bologna Indirizzo internet: Struttura: teatro virtuale/cave Per quanto riguarda la presentazione dell evoluzione cronologica di un determinato territorio attraverso l uso della realtà virtuale esemplificativo è il caso del progetto realizzato, in collaborazione tra il Comune di Bologna e il CINECA, per l area del Cimitero Monumentale della Certosa. Il Progetto si articola in due macro aeree tra di loro strettamente correlate. La prima è rappresentata dalla visualizzazione in tre dimensioni e ad alta risoluzione della Certosa e del suo territorio, con la ricostruzione della sua storia, dalla necropoli etrusca alla nascita del convento dei Certosini alla metà del XIV secolo fino alla visualizzazione nel dettaglio dei monumenti funerari attuali. Il secondo riguarda, invece, la realizzazione di un database, incardinato sulla mappa digitale del complesso, di tutte le tombe di pregio, del materiale di testo e audiovisivo sui personaggi ospitati dal cimitero e sugli artisti che lo hanno realizzato. Particolarmente interessante per l aspetto archeologico è il lavoro compiuto sulla necropoli etrusca individuata alla fine dell Ottocento durante i lavori di ampliamento del cimitero. Nel dettaglio si è proceduto alla scansione tridimensionale di 15 stele, 3 corredi funerari oltre a 3 tombe integre asportate al momento dei lavori di scavo e contenenti ancora i defunti. Le scansioni 3d degli oggetti e delle singole strutture indagate associate ad un attento lavoro di analisi e interpretazione dei dati scientifici posseduti (archeologici, botanici, storici e paesaggistici), hanno consentito in ultima analisi di proporre una ricostruzione verosimile del paesaggio etrusco (Fig. 5) Possibile impiego delle funzionalità offerte dal WEB Le potenzialità offerte dalla tecnologia non trovano unico impiego nella ricostruzione tridimensionale di interi ambienti fruibile solo on site. Altrettanto affascinante risulta la possibilità di accedere all allestimento o a parte di esso direttamente da casa tramite la rete web. In tal senso di estremo interesse risultano i progetti condotti negli ultimi anni e che hanno consentito di attrarre un pubblico sempre più variegato, incrementando per converso anche il numero di visitatori nei musei e nei siti reali locali. Tra i progetti più interessanti deve essere menzionato quello condotto in stretta collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e il Consiglio Nazionale delle Ricerche e che ha consentito di proporre online parte degli allestimenti del Museo Nazionale dell Iraq (http://www.virtualmuseumiraq.cnr.it). L utente in questo caso ha la possibilità di 19

20 accedere alle ricostruzioni virtuali di alcune tra le principali sale del museo dove potrà consultare oltre a schede dettagliate, foto e filmati dei reperti esposti anche una precisa ricostruzione tridimensionale degli stessi, ottenuta attraverso una semplice ed economica fotomodellazione. La semplicità della proposta, pur corredata da approfondimenti tematici di carattere specialistico, ben si accorda con la necessità di gestione online dei dati e soprattutto ben si indirizza verso un utenza di medio basso livello. La possibilità di rendere fruibile i dati e le informazioni veicolate dall allestimento museale o presenti all interno dei database del Centro anche agli utenti della rete consentirebbe sia di annullare le limitazioni spazio temporali che di favorire l interesse ad effettuare successivamente una vera e propria visita al Centro e ai siti proposti. 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli