Bilancio sociale. I.C. Angelica Balabanoff. a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio sociale. I.C. Angelica Balabanoff. a.s. 2014-2015"

Transcript

1 MINISTERO dell ISTRUZIONE dell UNIVERSITA e della RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO A.BALABANOFF RMIC81500 Via A.Balabanoff Roma Tel./fax 06/ sito web C.F CCP n Prot. n A/20 del 9 Luglio 2015 Bilancio sociale I.C. Angelica Balabanoff a.s Il Bilancio sociale si configura come uno strumento di comunicazione con cui l amministrazione rende conto delle scelte, delle attività, dei risultati conseguiti e dell impiego delle risorse, in modo da consentire ai cittadini, agli utenti e ai diversi interlocutori di formulare un proprio giudizio su come l Istituto interpreta e realizza la propria missione istituzionale e il suo mandato. Il bilancio sociale è anche un importante strumento di consapevolezza, con cui la scuola può verificare se gli obiettivi che si è prefissata siano stati raggiunti o si renda necessario adottare diverse procedure. Il bilancio sociale della scuola è anche uno strumento tendente a mettere in relazione tutti i portatori di interesse sul tema della formazione delle nuove generazioni e, di conseguenza, si configura come uno strumento di dialogo e partecipazione in modo che l offerta formativa dell istituto si integri con l offerta formativa del territorio e con quella familiare. L Istituto Comprensivo Angelica Balabanoff è costituito dall a.s. 2010/2011 da tre plessi: uno di scuola primaria e due di scuola secondaria di primo grado, che, pur non presentandosi ancora nel territorio come un unica realtà, hanno intrapreso un percorso di coesione e di identità. Persiste ancora, come già rappresento al termine del precedente a.s., un forte senso di appartenenza al proprio plesso più che all Istituto nel suo complesso. E proseguito nel corso di questo anno un avvicinamento fra i due plessi della scuola secondaria che hanno svolto diverse attività parallele e condivise, programmate in sede di Dipartimenti disciplinari. La scuola Primaria, che ha visto attuarsi negli ultimi anni una totale trasformazione della propria identità attraverso riforme che ne hanno snaturato la natura e che oggi soffre per l impossibilità di realizzare la propria

2 mission educativa, ha iniziato un lento processo di partecipazione e coinvolgimento nelle attività dell istituto. Molto resta da costruire in questa direzione, sia per l identità della scuola che per la costruzione di un curriculo verticale, articolato per competenze, con modalità di verifica dei risultati, criteri e strumenti di valutazione condivisibili e condivisi. Strumento fondamentale continuerà ad essere l articolazione del Collegio dei Docenti per dipartimenti disciplinari, avviata nel precedente anno scolastico, e la costituzione di commissioni orizzontali e verticali fra ordini di scuola, l interscambio di ruoli e di incarichi, l ampliamento del numero dei Docenti coinvolti nella gestione dell Istituto, anche quest anno troppo sbilanciato verso la scuola secondaria. L istituto è una realtà importante e significativa del territorio nel quale è situato; con esso opera in sinergia attraverso diversi strumenti tra cui la partecipazione a varie attività promosse a livello locale e la stipula di varie convenzioni con diverse associazioni territoriali. Gli obiettivi presenti nel POF dell a.s. 2014/2015 hanno rappresentato una linea guida fondamentale dell Istituto e sono stati perseguiti attraverso tutte le attività didattiche sia curriculari che extracurriculari. Gli obiettivi individuati sono qui di seguito ricordati: 1. Crescita del sé; 2. Crescita intellettuale; 3. Crescita sociale 4. Capacità di comprendere e analizzare in modo critico la realtà 5. Sviluppo di un atteggiamento critico e responsabile; Ad essi si sono riferite le diverse attività attuate nel corso dell anno. Accordi di rete e convenzioni L Istituto aderisce all accordo di rete delle scuole del III e IV Municipio, per uscire dall autoreferenzialità, condividere ed insieme attivare progetti di ricerca e innovazione, percorsi di ricerca-azione, attività varie. Le Convenzioni stipulate sono diverse, ma in gran parte riguardano l utilizzo dei locali scolastici; solo tre di queste determinano un ritorno per l Istituto in termini di ricaduta sugli alunni, offrendo un servizio di supporto alla didattica attraverso attività pomeridiane di studio assistito o attività di prescuola. Attualmente le convenzioni in atto sono le seguenti: 1) Scuola formativa sportiva Plesso Scalarini Contributo economico; 2) Compagnia teatrale I Scoordinati Plesso Scalarini Contributo materiale; 4) Associazione I nostri figli al centro della squola Plesso Scalarini Contributo materiale e economico;

3 5) Ascas Plesso Primaria Contributo economico e materiale; 6) Polisportiva Colli Aniene Plesso Balabanoff Contributo economico e materiale; 7) Associazione Adire Plesso Balabanoff Contributo educativo e materiale; 8) Associazione Metahodos Plesso Balabanoff Contributo educativo ed economico; 9) Associazione SenzaTempo Plesso Balabanoff Contributo materiale. TIROCINI FORMATIVI L Istituto ha ospitato un Docente per un Master di II livello in Leadership e Management in Educazione. Dirigenza Scolastica e Governo della Scuola dell Università di Roma Tre, che è stato seguito direttamente da Dirigente scolastico. L Istituto, in quanto Istituto accreditato per i Tirocini Formativi Attivi (TFA) presso l USR - Lazio, ha ospitato 10 tirocinanti, seguiti da otto Docenti Tutor della scuola secondaria; i tirocinanti erano delle seguenti classi di concorso: 3 per l A043 (lettere), 2 per l A059 (matematica e scienze), 1 (tecnologia), 1 (inglese), 1 (spagnolo), 1 (scienze motorie), 1 (educazione musicale). I tirocinanti hanno svolto tutte le ore di tirocinio richieste e sono stati per la scuola sicuramente una risorsa sia nel confronto per i docenti sia nell approccio didattico all interno delle classi. All interno della scuola primaria si sono attivate delle convenzioni con le Università di Roma per ospitare tirocinanti di corsi di laurea in Lingue e Letterature Straniere, in particolare laureandi di lingua coreana, lingua ucraina, lingua rumena per favorire l apprendimento della lingua italiana di alunni provenienti dai paesi suddetti. Le risorse dell istituto Le Risorse Umane dell Istituto sono costituite da personale molto stabile, con contratto a tempo determinato; questo è garanzia di continuità educativa e didattica. Il personale su cui l Istituto ha potuto contare nell a. s. 2014/15 è costituito da 115 addetti: Dirigente Scolastico 97 docenti D.S.G.A. 5 unità di personale amministrativo 12 collaboratori scolastici. Tale entità risulta adeguata per la parte docente della scuola secondaria, non adeguata per la scuola primaria, nella quale i Docenti sono stati costretti a svolgere il proprio servizio in due o più classi e con orario non continuativo.

4 Il personale di segreteria, che è ritornato da 4 unità a 5, ha comunque affrontato molteplici difficoltà dovute alle novità amministrative e burocratiche che hanno appesantito l attività gestionale. Il cambiamento del software gestionale e amministrativo è stato accettato in parte e a tutt oggi non sono ancora completamente impiegate tutte le sue potenzialità. Inoltre il numero dei collaboratori scolastici, pur essendo aumentato di una unità, non riesce a soddisfare pienamente le esigenze dei tre plessi, mandandoli spesso in sofferenza, anche per le varie assenze non sempre programmate. Nel corso dell anno scolastico si sono svolti 7 collegi dei Docenti; 6 consigli di classe e 2 consigli di interclasse; assemblee dei Genitori all inizio dell a.s. per le elezioni dei Rappresentanti; riunioni di staff tra D.s. e F.S. Con il personale ATA sono state effettuati alcuni incontri: uno all inizio dell a.s., suddiviso tra Cs e AA e un altro con il personale AA a metà dell anno per fare il punto sulla gestione della segreteria e per segnalare difficoltà organizzative e amministrative, soprattutto in riferimento al cambio di software. Spesso il Dirigente scolastico ha ascoltato i CS, che hanno sentito la necessità di segnalare problematiche e di cercarne insieme le possibili soluzioni, in particolare nella primaria, dove, vista la mancanza del Referente di plesso, i CS hanno collaborato con il D.s. per la gestione delle diverse problematiche che si sono presentate nel corso dell anno. Purtroppo, si deve continuare a segnalare fra i CS una forte visione settoriale dell Istituto, che comporta anche una netta differenziazione fra i plessi, con la percezione di una distribuzione non equa del carico di lavoro fra il personale collaboratore. Genitori I rapporti con le famiglie sono stati mantenuti attraverso le riunioni periodiche con i rappresentanti di classe e di interclasse. Sono stati organizzati, all inizio dell anno scolastico, incontri specifici del D.s. con i Genitori degli alunni nuovi iscritti sia della primaria che della secondaria. A questi incontri ha preso parte il Presidente del Consiglio d Istituto, mettendo in luce la grande collaborazione tra la scuola e la famiglia e lo spirito di collaborazione tra le due figure di riferimento dell Istituto. Sono stati effettuati altri cinque incontri specifici rivolti ai Genitori: uno sui Disturbi Specifici di Apprendimento (diretto anche ai docenti), uno sul tema della medicina alternativa, uno sul tema dell alimentazione, uno per i genitori degli alunni delle classi terze sul tema dell orientamento scolastico e uno con tutti i rappresentanti di classe. La partecipazione, in particolare nei due riguardanti i temi della salute, non è stata molto ampia, mentre quello con i rappresentanti di classe e interclasse si è rivelato molto utile e partecipato. Da questo incontro, che ha riguardato anche il tema emergente dello stato edilizio della scuola primaria, è partita l iniziativa di avviare una petizione popolare per richiedere l intervento di ristrutturazione del plesso di cui si parla di diverso tempo e che, al momento, nonostante una delibera dalla giunta non risulta essere in bilancio e, pertanto, non preventivabile.

5 Verso il termine dell a.s. il Dirigente ha incontrato i Genitori rappresentanti delle classi terze per illustrare lo svolgimento degli Esami di Stato conclusivi del primo ciclo di istruzione; a questo incontro hanno preso parte anche i rappresentanti degli alunni, che sono stati eletti dall intera classe all inizio dell anno scolastico. Numerosa è stata la presenza dei Genitori alle recite, ai saggi e ai colloqui sia antimeridiani che pomeridiani ed anche durante le due feste tradizionali della scuola, quella di Natale e quella della Natura. Durante la Festa di Natale si è svolto anche un concorso su presepi, alberi o addobbi natalizi, a cui hanno partecipato molte famiglie dei tre plessi. Il D.s. ha personalmente contattato e incontrato, spesso su appuntamento, tutti i genitori che ne abbiano fatto richiesta. Molti di questi incontri si sono svolti anche con la partecipazione dei Docenti degli alunni interessati, con lo scopo di favorire il dialogo e la comprensione reciproca, elementi fondamentali nell educazione dei minori. I Genitori, attraverso gli alunni, si sono resi compartecipi dell iniziativa di solidarietà promossa all interno dell Istituto per conto dell Associazione Italiana Ricerca sul cancro Arance della salute. Le Giornate per la scuola, promosse dal Consiglio di Istituto per il 13 e 14 Giugno hanno visto la partecipazione di pochissimi genitori, essendo mancata anche, per il sopraggiungere di numerosi impegni, l attenzione del D.s. per gestire tale iniziativa. Ancora non è stato istituito il Comitato dei Genitori, che si prevede di far partire assolutamente dal prossimo anno scolastico. o Alunni PRIMARIA: gli alunni iscritti nella scuola primaria sono stati 422, suddivisi in 19 classi, di cui 5 a tempo a tempo normale e 14 a Tempo Pieno; sono stati tutti ammessi alla classe successiva. Sono stati iscritti n. 13 alunni disabili con 7 Docenti di sostegno e 3 AEC, determinando un rapporto alunno/docente abbastanza adeguato. Nel corso dell a.s. sono stati realizzati i seguenti Progetti e attività: il Progetto promosso dal Municipio IV La protezione civile nella didattica, diretto a due classi quinte; il Progetto di Mosaico per le classi quarte e quinte; il Progetto A scuola di gelato, promosso dalla gelateria artigianale Strawberry fields rivolto alle classi quarte; il Progetto di Alfabetizzazione motoria, promosso da Coni in collaborazione con il MIUR, a cui hanno partecipato tutte le classi dell Istituto e che si è concluso con i Giochi d Estate, aperti anche ai Genitori, per le classi III, IV e V con lo scopo di promuovere anche un iniziativa di solidarietà a favore di un Associazione del territorio, Africa Amici ; l evento con la Libreria Itinerante Ottimo Massimo ; progetto di alfabetizzazione di Italiano L2 per alcuni alunni di origine straniera. Sono stati realizzati alcuni spettacoli teatrali in occasione del Natale e della conclusione dell anno scolastico; due classi hanno partecipato alla Festa di Natale; molto più numerosa è stata la

6 partecipazione delle classi alla Festa della Natura, a cui hanno preso parte con l esposizione dei lavori prodotti nel corso dell anno e con alcuni spettacolini teatrali sia di balli tradizionali sia con canzoncine in lingua inglese. SECONDARIA DI PRIMO GRADO: gli alunni iscritti nella scuola secondaria di primo grado sono stati 541, suddivisi in 295 nel plesso di Balabanoff, in 14 classi e 226 nel plesso di Scalarini con 11 classi. Gli esiti degli scrutini hanno determinato la non ammissione di 5 alunni alla classe seconda (4 Scalarini 1 Balabanoff); 5 alunni alla classe terza (4 Scalarini e 1 Balabanoff). Gli alunni disabili sono stati 16 nel plesso Balabanoff con 11 docenti di sostegno, alcuni in servizio nei due plessi o con orario ridotto, e 11 nel plesso Scalarini con 7 docenti di sostegno, alcuni con orario ridotto. Sono sorti alcuni problemi di gestione delle classi, in particolare con alcune classi prime per problematiche legate all integrazione e in alcune seconde per situazioni accadute al di fuori della scuola. Questi eventi hanno tutti richiesto l intervento del Dirigente in quanto, in particolare per i fatti esterni all istituto, si è trattato di alunni e alunne a rischio devianza. I problemi che si sono presentati sono stati, comunque, facilmente gestibili e ciò è stato favorito anche dall attività di accoglienza che è stata realizzata per le classi prime durante la prima settimana di scuola. Questa attività, presentata anche ai Genitori durante l incontro iniziale con il Dirigente, ha riscosso molto gradimento sia da parte degli alunni che delle famiglie. Molto numerose sono state le segnalazioni fatte ai Genitori direttamente dal Dirigente e le ammonizioni scritte relative al comportamento degli alunni; sono stati avviati alcuni provvedimenti disciplinari: a diversi alunni, in base al Regolamento d Istituto, è stato comminato 1 giorno di sospensione senza frequenza. Relativamente ai Regolamenti, è entrato in vigore a partire dall inizio dell a.s. un nuovo regolamento per l uso del telefono cellulare. All interno della scuola secondaria di primo grado sono stati attivati i seguenti progetti nell ambito delle attività didattiche curriculari: Progetto Accoglienza (tutte le classi prime durante la prima settimana di scuola); Save the children (Balabanoff); Progetto La scuola fa la differenza, promosso dalle Elette del IV Municipio, con successiva Mostra itinerante fra le scuole (Balabanoff e Scalarini); Giornata della lettura condivisa della Rete delle scuole del III e IV Municipio (Scalarini e Balabanoff); Giornata della Memoria (incontro con la Sig.ra Lotte Dann Treves e incontro con Sami Modiano all Università Tor Vergata); Progetto Alimentiamoci di buone regole ; Progetto A scuola di tifo ; Progetto Caro Magistrato, ti scrivo ;

7 Progetto La Traviata (Balabanoff e Scalarini); Nell ambito dell ampliamento dell Offerta Formativa sono stati attivati i seguenti corsi pomeridiani: 3 Corsi di Informatica; 1 Corso di Teatro (classe III E Bal.) Corsi di Inglese per Certificazione Trinity (dalle classe V scuola Primaria alla terza secondaria). Molto significativo e altamente qualificante per l Istituto è stato l incontro, in occasione della Giornata della Memoria, con la signora Lotte Van Deves, centenaria di origine ebraica che ha ripercorso attraverso la sua vita i momenti più significativi della storia del Novecento. USCITE DIDATTICHE E CAMPI SCUOLA: Sono state effettuate molte uscite didattiche sia in orario scolastico che di una intera giornata e alcuni campi scuola: o Uscite Primaria: Museo del Giocattolo (Zagarolo); Parco del Mostri (Bomarzo); Parco Archeologico (Civitella Cesi); Necropoli di Cerveteri; Spettacoli ai Teatri Sistina, Nazionale, Euclide, Brancaccio; Museo Explora; Cinema dei Piccoli; Colosseo/Foro Romano; Biblioteca Vaccheria Nardi; Parco Auspicio. o Uscite Secondaria: Napoli; Sangemini Avigliano; Oasi WWF (Alviano); Caprarola Civita Bagnoregio Viterbo; Trevi Bevagna (cartiera); Colosseo e Foro Romano; Spettacoli ai Teatri Argentina, Brancaccio, Don Bosco, Viganò, Auditorium, Gran Teatro, delle Muse, Palladium Orto botanico; Casa della Donna; Villa Farnesina; Palazzo delle Esposizioni; Rione Monti; Mostra Obiettivo natura ;

8 Roma Barocca; Vittoriano Isola Tiberina; Chiostro del Bramante; Irsifar: casa della Memoria; Mostra di Sironi al Vittoriano. o Campi scuola: Vienna: classe III C, III E Sca., III F, III H; Itinerario rinascimentale: classi II A, II C, II D, II E; Puglia e Matera: classi I B II G; Umbria: classi I G I H; Settimana Bianca: Rocca Raso (50 alunni dei due plessi). L Istituto ha anche partecipato a uscite nel territorio che hanno contribuito a far sentire gli alunni parte del tessuto sociale di riferimento: Uscita alla Biblioteca Vaccheria Nardi per saggio di chitarra; Uscita nel quartiere (scuola primaria) per Progetto continuità; Uscite nel quartiere: orchestra itinerante III C Sec. Gli alunni hanno partecipato a seguenti Concorsi: o CONCORSI D ISTITUTO: Gara di matematica (classe V B scuola Primaria ; Olimpiadi di Matematica dell Università Bocconi (classi seconde e terze); Il mestiere del Barbiere (classi seconde e terze) promosso dall antica Barberia Peppino ; o CONCORSI e ATTIVITA MUSICALI dell INDIRIZZO MUSICALE: Concorso per chitarra Civitella Alfedena : vincitori di primi, secondi e terzi premi per solisti e per musica d insieme; Gemellaggio con Istituto Comprensivo Regina Elena : concerto al san Leone Magno e concerto di beneficienza presso il teatro Italia. o GARE e ATTIVITA SPORTIVE: Incontro al Palalottomatica con la Polizia di Stato in occasione dei mondiali di pallavolo; Corsa I Mille di Miguel ; Corsa campestre Giochi Sportivi Studenteschi; Finali regionali di atletica; I più veloci di Roma ; Torneo d Istituto pallavolo classi terze; Gare di canottaggio Tevereremo. AVVIAMENTO ALLA PRATICA SPORTIVA:

9 Avviamento allo sport del Rugby (classi prime e seconde); Avviamento allo sport del Canottaggio. Nel mese di Febbraio è stata realizzata la settimana dello studente, organizzata in collaborazione con gli alunni rappresentanti delle classi terze, che si sono incontrati più volte con il Dirigente scolastico. Durante tale settimana è stata attivata una pausa didattica proponendo agli alunni attività diverse, come film, uno spettacolo teatrale sulla matematica applicata (anche nella scuola primaria), attività sportive e attività di recupero. Il gradimento da parte degli alunni è stato positivo. Contemporaneamente si è svolta a Roccaraso (L Aquila) la settimana bianca, aperta ad alunni di tutte le classi; vi hanno preso parte 50 alunni. Molti dei quali hanno potuto accostarsi per la prima volta allo sport dello sci alpino, non per tutti realizzabile all interno della famiglia. Dal mese di febbraio sono stati realizzati anche 2 corsi di recupero in matematica e 2 per la lingua inglese in entrambi i plessi della secondaria. INDIRIZZO MUSICALE L Indirizzo musicale, caratterizzante il percorso di studi dell Istituto, è presente in 6 classi nel plesso di Via Balabanoff. L istituzione di un unica classe per gli alunni dell indirizzo musicale è risultata molto positiva al fine di favorire l organizzazione pratica della didattica e la condivisione dello stesso linguaggio e degli stessi obiettivi all interno del gruppo. Persistono ancora resistenze all interno del gruppo dei Docenti di strumento per promuovere la musica d insieme, in quanto, come già evidenziato al termine dello scorso, spiccano personalismi e una mancanza della visione d insieme, elementi che ostacolano il progressivo sviluppo armonico di questo ambito educativo così unico e prezioso. E stato avviato un gemellaggio con un altro Istituto Comprensivo ad Indirizzo Musicale, Regina Elena, con cui è stato organizzato un concerto di alto livello presso il Teatro dell Istituto San leone Magno di Roma. Il Collegio dei docenti e il Consiglio d Istituto, dopo una lunga e attenta riflessione, hanno deliberato di richiedere all USR Lazio il raddoppio delle cattedre dell indirizzo musicale in modo da poter attivare questo corso anche nel plesso di Via Scalarini. INCLUSIONE Gli alunni disabili sono stati seguiti nel loro percorso di crescita dai docenti di sostegno e dai docenti di cattedra; hanno lavorato sia all interno del gruppo classe sia in piccoli gruppi di classi parallele; hanno svolto pochi laboratori trasversali, nonostante la pressante richiesta della Dirigenza, in particolare si è realizzato un laboratorio artistico in occasio0ne delle tradizionali Feste dell Istituto. In alcune classi il processo di integrazione ancora fatica ad essere realizzato, in altre è molto positivo, soprattutto laddove tra i soggetti coinvolti si riesce a lavorare in sinergia.

10 DOCENTI I Docenti costituiscono un corpo stabile, in cui l età media risulta più elevata della media nazionale; sono presenti alcuni docenti con contratto a tempo determinato e sono arrivati per trasferimento nuovi Docenti. Per i Docenti sono stati organizzati i seguenti incontri di formazione con partecipazione volontaria: Corso DSA, aperto anche ai Genitori; Corso sull alimentazione, aperto anche ai Genitori; Formazione sicurezza (per il personale non formato: non su base volontaria); Corsi di Power Point e Coding (rivolto in particolare ai Docenti di scuola Primaria); Corsi di formazione sul registro elettronico AXIOS. DEMATERIALIZZAZIONE L Istituto ha cominciato ad usare, in particolare per la scuola secondaria, il registro elettronico AXIOS, che, dopo notevoli resistenze iniziali, ha contribuito allo snellimento e alla velocizzazione della registrazione dei voti e della gestione degli scrutini. EXPO 2015 L Istituto ha scelto di inserire, in collegamento con l evento mondiale di Expo 2015, il tema dell alimentazione all interno del POF 2014/2015 impegnandosi ad affrontare questo argomento all interno della propria proposta didattica nelle classi. Alcuni Docenti hanno dato spazio al tema suddetto proponendo attività didattiche incentrate sull alimentazione. In particolare l Istituto ha partecipato, sotto il coordinamento del CRA-NUT Centro Ricerca Alimentazione e Nutrizione, ad un Progetto chiamato FOODCONS (FOOD CONSUMPTION DATA BASE) che si prefigge lo scopo di offrire permanentemente e pubblicamente l analisi e la consumazione telematica dei Consumi Alimentari. Il Progetto vede la partecipazione di altri importanti soggetti: il CRA- NUT, il Museo Explora, il WWF, l IC Via Monte Zebio, la ASL RM C e, appunto, l IC A. Balabanoff. E questa per l Istituto una grande opportunità educativa e didattica, che è stata presentata alle famiglie in occasione della Festa della Natura e che troverà uno spazio adeguato nel corso del prossimo mese di ottobre in occasione di un evento specifico da costruire e progettare interamente. Il progetto dispone del seguente sito web: RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE In ottemperanza al DPR 80/2013 l Istituto ha costituito il nucleo di Valutazione per provvedere alla stesura del RAV. Il nucleo è composto dal D.s, dai due Docenti collaboratori, da un Docente di scuola Primaria, da un Assistente Amministrativo e da un Collaboratore Scolastico. Il nucleo ha elaborato il questionario scuola, prima tappa di tutto il percorso triennale di valutazione; il personale Docente

11 del nucleo ha partecipato ad un percorso di formazione distrettuale; il personale non docente ha provveduto alla stesura e alla elaborazione dei questionari che sono stati somministrativi ai Docenti e ai Genitori e alunni delle classi IV primaria e II secondaria. Attualmente il RAV è in fase di definizione e sarà pronto entro la fine del mese di Luglio. Il Dirigente scolastico Prof.ssa Anna Proietti

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli