p r o g r a m m a p r i m o s e m e s t r e d u e m i l a q u a t t o r d i c i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "p r o g r a m m a p r i m o s e m e s t r e d u e m i l a q u a t t o r d i c i"

Transcript

1 p r o g r a m m a p r i m o s e m e s t r e d u e m i l a q u a t t o r d i c i

2

3 La Technology Transfer è la società italiana più autorevole ed una delle società più importanti in Europa nel settore della formazione avanzata di Professionisti di Information Technology. La formazione è un elemento strategico della massima importanza, ma come scegliere, fra la grande offerta esistente, le proposte di qualità? La Technology Transfer è il partner più affidabile per l eccellenza dei suoi seminari, l importanza dei temi affrontati, la grandissima reputazione e professionalità dei docenti, la collaborazione con le più importanti società internazionali del settore, l indipendenza dai venditori hardware e software. Infatti le più importanti industrie, banche, società di servizi e pubblica amministrazione hanno scelto e continuano a scegliere i nostri servizi. technology transfer: investire in KNoW-HoW p r i m o S E m E S T r E 1

4 alcune società che HaNNo partecipato ai Nostri seminari 2 p r i m o S E m E S T r E Abn Amro Bank Accenture Aci Informatica Agenzia del Territorio Alenia Aermacchi Alitalia Almaviva Anritsu Solutions Arma dei Carabinieri Autostrade Banca Carige Banca d Italia Banca Marche Banca Mediolanum Banca Nazionale del Lavoro Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Sondrio Banca Sella Banco de Portugal Bank of Indonesia Barilla Bayer Healthcare Benetton British Aerospace BSI B-Source Sa BT Italia Caixa General de Depositos Camera dei Deputati Cap Gemini Cariparma e Piacenza Cassa Depositi e Prestiti Cedacri Cineca Consob Cnr Comune di Bologna Comune di Brescia Comune di Cagliari Comune di Ferrara Comune di Genova Comune di Milano Comune di Roma Comune di Torino Comune di Trieste Consip Consob Corte dei Conti Crediop Dexia Credito Emiliano Crif Csi Piemonte Datasiel Deltatre Deutsche Bank Elasis Elsag Datamat Enav Enea Enel Engineering Eni Equitalia Ericsson Esso Euler Hermes Siac European Central Bank European Commission European Investment Bank Fao Ferrari Ferrero Fiat Fondiaria Sai Gambro Generale de Banque Generali Business Solutions Gruppo Vitrociset Gtech Guardia di Finanza Guccio Gucci H3G Hellenic Bank Hewlett Packard

5 Ibm Iconsulting Ikea Illy Caffè Inail Infocamere Infogroup Informatica Trentina Inps Insiel Intesa Sanpaolo Istat Iveco KPMG Kraft Kuwait Petroleum Lombardia Informatica Luxottica Marina Rinaldi Mediaset Ministero della Difesa Ministero della Giustizia Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero del Lavoro Ministero del Tesoro Ministero delle Comunicazioni Mondadori Monte dei Paschi di Siena New York University Nordea Norwegian Telecom NTT Data Philip Morris Europe Pfizer Pirelli Polska Telefonia Poste Italiane Presidenza del Consiglio dei Ministri Provincia Autonoma di Bolzano Provincia di Bologna Raffineria di Milazzo Rai Rcs Editori Reale Mutua Assicurazioni Regione Emilia Romagna Regione Lazio Regione Toscana Regione Veneto Roche Sace Sara Assicurazioni Saudi Telecom Senato della Repubblica Sirti Sistemi Sisal Sky Italia Snam Rete Gas Societè des Bourses Francais Sogei Statoil Swedbank Swisscom Mobile Telecom Italia Telefonica de España Telepass Toro Assicurazioni Turk Telekom Turkcell Teknoloji Ubi Banca Ufficio del Garante Unicredit Union Bank of Estonia Union Bank of Finland United Nations Varie Università Varie Asl Vipnet Croatia Vittoria Assicurazioni Vodafone Wind Yoox alcune società che HaNNo partecipato ai Nostri seminari p r i m o S E m E S T r E 3

6 seminari internazionali primo semestre 2014 TITOLO DOCENTE LUOGO DATA EURO BYOD Security: come evitare un disastro nelle Vostre Aziende Ken van Wyk Roma Marzo 1600 Tutto sul Cloud Computing: Concetti, Strategie, Architetture, Attori e Tecnologie Max Dolgicer Roma 2-4 Aprile 1600 Mastering the Requirements Process Suzanne Robertson Roma 7-9 Aprile 1600 Mastering Business Analysis James Robertson Roma Aprile 1200 Modern Data Platforms John O Brien Roma Aprile 1200 Guida per migrare al Cloud: cosa, come e quando Gerhard Bayer Roma 5-6 Maggio 1200 Allineare Business e IT: approccio Business Architecture Mike Rosen Roma 5-6 Maggio 1200 Le scelte architetturali che funzionano Mike Rosen Roma 7-8 Maggio 1200 TML5: Sviluppo software per applicazioni Web e Mobile Richard Clark Roma 7-9 Maggio 1600 Dashboard: la nuova faccia dell Operational Intelligence? Shaku Atre Roma Maggio 1200 Agile Software Development: Hands-on Practices, Principles, Agile Modeling and TDD Craig Larman Roma Maggio 2600 Big Data: 10 regole d oro per pianificare, progettare, implementare e gestire Shaku Atre Roma Maggio p r i m o S E m E S T r E Agile TDD and Refactoring Craig Larman Roma Maggio 1200

7 TITOLO DOCEN TE LUOGO DATA EURO seminari internazionali primo semestre 2014 Certified ScrumMaster Course PLUS Craig Larman Roma Maggio 1600 Business Analysis with Business Rules Ronald Ross Gladys S.W. Lam Roma Maggio 1200 International Data Warehousing, Business Analytics and BI Summit 2014 Multispeaker Roma Maggio 1400 Extreme Project Management Ed Yourdon Roma Maggio 1600 La nuova tecnologia database Rick van der Lans Roma 3 Giugno 700 Lean Data and Application Integration using Data Virtualization Rick van der Lans Roma 4 Giugno 700 Software Excellence nel 2014 Capers Jones Roma 5-6 Giugno 1300 Enterprise Information Management: dalla strategia all implementazione Mike Ferguson Roma 9-11 Giugno 1600 La metodologia Ten Steps per la Data Quality Danette McGilvray Roma Giugno 1200 Applicare Lean UX (User Experience) ai progetti Agili Jim Hobart Roma Giugno 1200 Mobile UX (User Experience) Workshop Jim Hobart Roma Giugno 1200 Enterprise Architecture John Zachman Roma Giugno 1200 IT Platform 3.0 Conference: using Cloud, Mobile, BYOT and Web API Multispeaker Roma Giugno 1400 Big Data Multi-Platform Analytics Mike Ferguson Roma Giugno 1600 p r i m o S E m E S T r E 5

8 BYod security come prevenire un disastro nella Vostra azienda KeN VaN WYK 6 p r i m o S E m E S T r E Le apparecchiature mobili hanno invaso l azienda come mai prima e molti chiedono al dipartimento di IT il supporto del BYOD (Bring Your Own Device). Supportare le necessità del personale con le sue apparecchiature BYOD e mantenere la sicurezza dell azienda è diventata una delle più importanti sfide alla sicurezza che l IT si trova ad affrontare. Questo workshop analizza i problemi che circondano i BYOD, sia per apparecchiature Google Android, sia per quelle ios (iphone e ipad). I partecipanti impareranno come fare un analisi statica delle mobile apps per verificare i più comuni punti deboli della sicurezza come: una protezione insufficiente dei dati sensibili dell utente memorizzati nel mobile device, la ricerca di segreti embedded nelle mobile apps, l esplorazione delle perdite di informazione dal lato canale. Quindi i partecipanti apprenderanno come fare un analisi dinamica delle mobile apps per vedere i più comuni punti deboli riguardo alla sicurezza come: perdita di informazioni attraverso key logs, screen shots e altro, uso non adeguato di SSL/TLS per criptare dati sensibili che transitano sul network. Partendo da qui, il seminario prosegue spiegando come configurare le apparecchiature Android e ios per massimizzare la loro sicurezza. I partecipanti useranno tools per bloccare la configurazione di sicurezza sui devices Android e ios. Infine verranno esaminati i prodotti disponibili che possono rappresentare una soluzione per gestire consistenti flotte di mobile devices. I partecipanti inoltre impareranno quali prodotti sono disponibili per fare un management centralizzato dei deployments di BYOD in azienda. Le caratteristiche e le capabilities dei prodotti saranno comparate in modo tale che i partecipanti saranno in condizione di decidere efficacemente quali prodotti si adattano meglio alla propria organizzazione e come selezionarli. Verranno anche discusse le implicazioni sulla policy in modo che i partecipanti avranno una visione realistica di quello che li aspetta quando implementeranno prodotti di Mobile Management. Il seminario sarà ricco di esercitazioni. I partecipanti dovranno portare il proprio mobile device e il proprio laptop con sistema operativo Windows o OS X. Alla fine del workshop i partecipanti impareranno: I rischi associati ai mobile devices in azienda Come analizzare staticamente e valutare i punti di debolezza delle mobile apps Ad analizzare dinamicamente e valutare i punti di debolezza delle mobile apps Come configurare in sicurezza un apparecchiatura Android o ios Come gestire la sicurezza di una grande flotta di apparecchiature Android e/o ios in un azienda È un riconosciuto esperto di Information Security di fama internazionale, autore del libro Incident Response and Secure Coding. È membro del Board of Directors e Stering Committee di FIRST.org, una organizzazione no-profit. È columnist di Computerworld ed è Project Leader dell Open Web Application Security Project (OWASP) igoat project. Ha più di 23 anni di esperienza nel settore dell IT Security, ha operato a livello accademico, militare e nei settori commerciali. Ha occupato posizioni tecniche prestigiose alla Tekmark, Para-Protect, SAIC, oltre che al Dipartimento della Difesa e alle Università di Canergie Mellon e Lehigh. È stato membro e chairman del comitato esecutivo di FIRST (Forum of Incident Response and Security Teams) ed è stato uno dei fondatori di CERT (Computer Emergency Response Team). Roma Marzo 2014 Euro 1600 (+IVA)

9 Negli ultimi anni il Cloud Computing ha avuto grande attenzione. Spesso è stato usato per applicazioni non critiche per il Business, come o quelle applicazioni che possono essere date in outsourcing ad un vendor che offre grandi applicazioni di Business in un modello SaaS (Software as a Service). Ma oggi è chiaro che molte aziende stanno valutando la possibilità di espandere la portata del Cloud. Questo seminario fornisce una panoramica sulle principali caratteristiche e potenzialità del Cloud, come virtualizzazione, condivisione ed elasticità, differenziando fra IaaS (Infrastructure as a Service), SaaS (Software as a Service) e PaaS (Platform as a Service). Queste tre tipologie di servizi Cloud saranno illustrate attraverso le offerte dei vari vendors come Microsoft, salesforce.com, IBM, Amazon, Google ed altri. Quindi discuterà come lo sviluppo delle applicazioni per il Cloud differisce dall approccio di sviluppo tradizionale. In questo contesto il seminario si focalizza sulla sinergia fra SOA e Cloud Computing. Si spiegheranno le difficoltà di trasportare verso il Cloud le applicazioni che non sono Service Oriented e come i principi di design di SOA sono meglio adattabili al Cloud Computing. Il seminario inoltre indirizza i principali punti per lo sfruttamento del Cloud che sono le problematiche di sicurezza, la Governance e l integrazione delle applicazioni del Cloud con i sistemi on-premise. tutto sul cloud computing concetti, strategie, architetture, attori e tecnologie È Direttore dell ISG, una società di New York specializzata in IT strategy, sviluppo e integrazione di applicazioni distribuite su larga scala usando Service Oriented Architectures. Mr. Dolgicer è una riconosciuta autorità nel campo del computing distribuito. Durante i suoi 30 anni di esperienza ha gestito molti progetti di sviluppo per importanti aziende. La sua conoscenza tecnica copre tutto lo spettro delle tecnologie di Middleware con particolare enfasi sul design e sullo sviluppo di architetture distribuite. È Contributing Editor della rivista Application Development Trends, e un autorevole speaker nelle principali conferenze del settore. max dolgicer Roma 2-4 Aprile 2014 Euro 1600 (+IVA) p r i m o S E m E S T r E 7

10 mastering the requirements process Le persone usano il software, ma altre persone hanno costruito quel software. Questo è il problema: risolverlo significa capire qual è il vero lavoro degli utenti del Business e di cosa hanno veramente bisogno per svolgerlo al meglio. A questo punto i requisiti ottenuti devono essere comunicati a quelli che costruiranno il sistema, i clienti e i fornitori. Gli analisti di requisiti hanno bisogno di un processo che fornisca una struttura per organizzare questi requisiti, anche se questo processo ha bisogno di essere molto flessibile per adattarsi a ciascuna particolare situazione. Questo worshop insegna questo processo e si basa sul famoso Requirements Process Volere che fin dalla sua prima versione è stato adottato e adattato per migliorare i requisiti di migliaia di organizzazioni in tutto il mondo. Il Volere requirements specification template collega i requisiti funzionali, non funzionali e vincoli del Business ai modelli di requisiti e li connette alle specifiche di design. Questo seminario è indispensabile per analisti di Business, requirements engineers, systems managers, project leaders, consulenti, analisti di sistema e pianificatori. Si rivolge a tutti gli stakeholders: sia gli utenti che i clienti avranno benefici dall apprendimento di come partecipare a questo approccio multi-disciplinare. Questo workshop è un must per tutti coloro che hanno la responsabilità di costruire e rilasciare i prodotti giusti: quelli che verranno usati. In particolare il seminario si focalizza su: Un processo per la raccolta dei requisiti corretti Metodi per scoprire i requisiti da tutti gli stakeholders Metodi per conoscere quando la Vostra soluzione combacia perfettamente con le necessità dell utente L abilità di scrivere una specifica dei requisiti completa e non ambigua Miglioramento delle relazioni fra sviluppatori, clienti e fornitori I partecipanti al seminario riceveranno una copia del libro di Suzanne Robertson Mastering the Requirements Process. suzanne robertson 8 p r i m o S E m E S T r E È una system engineer specializzata nel campo dei requisiti. È un Principal dell Atlantic Systems Guild. Ha scritto e tenuto numerosi corsi su systems analysis, quality assessment e software design sia per sistemi procedurali che Object-Oriented. Ha scritto con James Robertson i libri: Complete Systems Analysis: the Workbook, the Textbook, the Answers (Dorset House), Mastering the Requirements Process (Addison Wesley), Led Project Management: Discovering David s Slingshot (Addison Wesley). Ha più di 30 anni di esperienza nella specifica e nella costruzione dei sistemi. Ha ideato Volere, un insieme completo di processi e templates per valutare la qualità dei requisiti e per la specifica dei requisiti di Business. Roma 7-9 Aprile 2014 Euro 1600 (+IVA)

11 La Business Analysis è il fondamento di qualsiasi tipo di cambiamento del Business e di sviluppo di un sistema automatizzato. Il compito della Business Analysis è quello di investigare sul lavoro del Business per trovare sia i problemi da correggere che le migliori soluzioni per i processi di Business. La Business Analysis è una combinazione di modellazione, pensiero sistemico, innovazione, comunicazione, persuasione e di molti altri skills analitici. In breve, il compito del Business Analyst è quello di capire il Business reale e comunicarlo in modo che tutti gli stakeholders raggiungano un consenso sulla maniera ottimale per migliorarlo. L analista di Business è responsabile di guidare gli aspetti orientati al Business del progetto, assicurando che venga risolto il vero problema con soluzioni innovative che diano il massimo beneficio. Questo workshop Vi insegnerà a fare tutto questo. mastering BusiNess analysis In particolare i partecipanti impareranno: A scoprire le vere necessità del Business, non solo quelle di cui si parla di più A migliorare i processi di Business applicando automazione o altri mezzi A definire un progetto in modo da ottenere reali benefici e avere tutti gli stakeholders d accordo sugli obiettivi A determinare lo scopo del progetto che dia più benefici per migliorare il lavoro A usare i vari modelli per capire e comunicare i processi di Business e i dati memorizzati A capire come usare gli eventi di Business per partizionare il Business in modo da comprenderlo con più facilità A presentare e comunicare le proprie idee A migliorare le comunicazioni interpersonali A pensare in maniera sistematica e a cercare la migliore strada per trovare le soluzioni ottimali per il Business Come essere un analista di Business migliore È un consulente, docente, autore e project leader. Il suo lavoro nell area della Business Analysis e della raccolta dei requisiti è apprezzato da molti clienti in molte parti del mondo. È co-autore di Mastering the Requirements Process, Requirements-Led Project Management e dell approccio Volere per l engineering dei requisiti. È anche fondatore dell Atlantic Systems Guild, un think thank conosciuto in tutto il mondo per le sue tecniche innovative di systems engineering. James robertson Roma Aprile 2014 Euro 1200 (+IVA) p r i m o S E m E S T r E 9

12 modern data platforms Per ottenere un valore di Business più significativo dai Big Data e da Business Analytics le aziende stanno ripensando all Architettura e alla sua modernizzazione per integrare i Big Data con i Data Warehouses esistenti e con i databases analitici. La framework di Radiant Advisor modern Data platforms è un approccio completamente indipendente dai vendors che permette alle aziende di far leva sui significativi avanzamenti delle tecnologie di Data Management, grandi progressi nel computing e BI capabilities per trasformare le architetture di BI. L industria del Data Warehousing e della Business Intelligence ha fatto grandi passi avanti nelle ultime decadi e attualmente vengono sfidate affinché estendano le classiche architetture che sono andate bene per tanti anni. Oggi viene largamente riconosciuto il fatto che la BI e l analitica creano un vantaggio competitivo strategico e sono la chiave per la creazione delle learning organizations. Questo seminario spiega la framework e le metodologie per modernizzare i Data Warehouses e trasformarli in moderne piattaforme dati che permettono di massimizzare il Business Value dai Big Data e dai databases analitici. In particolare i partecipanti impareranno: Una nuova framework per moderne piattaforme dati Come si evolvono le architetture di Data Warehouses I benefici dei databases analitici come MPP, colonnari e in-memory I principali requisiti che indirizzano le decisioni di architettura e tecnologia per soddisfare i livelli di servizio Come gestire il contesto semantico sui databases SQL e NoSQL Perché la virtualizzazione e i data services sono una componente critica dell architettura A capire i Big Data con Hadoop e MPP A capire altri databses NoSQL da una prospettiva BI JoHN o BrieN Ha oltre 20 anni di esperienza nei settori del Data Warehousing e Business Intelligence. La combinazione dei diversi ruoli che ha avuto come professionista, consulente e vendor nella industria BI rendono unico ed originale il suo punto di vista. Come leader riconosciuto nel settore della BI ha pubblicato molti articoli ed è stato speaker in molte importanti Conferenze negli Stati Uniti e in Europa. Oggi Mr. O Brien fa ricerca, offre servizi di strategic advisory e guida le aziende alla nuova generazione di Information Management, architettura e tecnologie emergenti. 10 p r i m o S E m E S T r E Roma Aprile 2014 Euro 1200 (+IVA)

13 Il Cloud Computing è diventato molto velocemente un must nel nostro panorama IT. Per molte aziende andare verso il Cloud non è una cosa semplice perché operano in ambienti complessi di IT e hanno quindi la necessità di una strategia che includa approcci di migrazione. Questo seminario spiega quali sistemi potrebbero essere migrati (a livello applicativo e a livello infrastrutturale, come ad esempio: servers, storage, network) e quali funzioni sono considerate a basso rischio per la migrazione al Cloud. Si discuterà come pianificare la migrazione a un Cloud IaaS e i modelli di deployment. Che cosa occorre per la migrazione di un applicazione legacy al Cloud? Non tutte le applicazioni legacy sono buone candidate. Il seminario descriverà un approccio per la migrazione legacy dando informazioni su tools che possono aiutare. Una volta che abbiamo migrato le applicazioni esistenti o se scegliamo di rimpiazzarle con applicazioni SaaS, il problema dell integrazione diventa inevitabile. I nostri sistemi aziendali hanno numerosi punti di contatto con le altre applicazioni e connetterli è molto più problematico rispetto alla tradizionale integrazione all interno del firewall. Se a questo aggiungiamo i requisiti dei business partners e l integrazione mobile, allora capiamo come mai Gartner parla di un incremento del 30% dei costi d integrazione nei prossimi anni. La migrazione al Cloud non è solo un problema tecnico ma coinvolge molti aspetti organizzativi. Questo seminario discuterà le sfide che l organizzazione si troverà ad affrontare. Il Cloud Computing comporta molti pericoli, come ad esempio la creazione di un IT ombra, la proliferazione di macchine virtuali e costi incontrollati, la proliferazione di dati e moto altro. Per avere una migrazione di successo abbiamo bisogno di una governance che definisca e implementi politiche per il deployment e l utilizzazione di servizi Cloud. La migrazione al Cloud non avviene in una notte ma è un viaggio e richiede una roadmap che indichi la rotta. Guida per migrare al cloud cosa, come e quando È un Senior Consultant della ISG (International Systems Group), una società di consulenza specializzata nello sviluppo e integrazione di applicazioni distribuite su larga scala usando SOA. Il suo lavoro include il design di architetture per Service Oriented Integration e lo sviluppo di applicazioni di e-business. Ha una laurea in fisica e una in Computer Science. GerHard BaYer Roma 5-6 Maggio 2014 Euro 1200 (+IVA) p r i m o S E m E S T r E 11

14 allineare BusiNess e it un approccio Business architecture Una delle principali sfide che i Managers di Information Technology si trovano ad affrontare è quella di allineare i sistemi IT con le strategie di Business. Noi abbiamo combattuto per decadi con approcci ad hoc per risolvere il problema, ma molto spesso con risultati insoddisfacenti. Finalmente siamo arrivati alla Business Architecture che fornisce un approccio formale, collaudato ed efficace per ottenete l allineamento. Il primo step è quello di descrivere la strategia e gli obiettivi di Business, quindi si fa il mapping fra queste strategie, le attività e i processi di Business. Per definire formalmente il collegamento tra strategie di alto livello e le capabilities specifiche di IT che le supportano ci sono molte tecniche, come: Business Motivation Models, Value Chains, Value Streams, Context Diagrams, Capability Maps. Infine assegniamo queste capabilities ai modelli di processo e ai servizi SOA. Questo seminario illustra l approccio Business Architecture per ottenere l allineamento fra Business e IT nella Vostra organizzazione. È inoltre strutturato come un mix di presentazioni, sessioni interattive di discussione ed esercizi in gruppi di lavoro per dare la possibilità ai partecipanti di applicare tutto quello che viene appreso. In particolare i partecipanti: Conosceranno la Business Architecture Acquisiranno esperienza con diverse tecniche di allineamento Impareranno il collegamento fra Architettura, Allineamento e Performance organizzativa Capiranno come allineare la propia organizzazione IT con il Business mike rosen È Chief Scientist al Wilton Consulting Group, una società di consulenza specializzata in Enterprise Architecture, SOA e soluzioni Model-Driven. È anche Direttore per l Enterprise Architecture del Cutter Consortium e Direttore editoriale del SOA Institute. La sua attuale e importante attività riguarda l implementazione di soluzioni SOA agili e flessibili. Ha molti anni di esperienza nell architettura e design di applicazioni e più di 20 anni di esperienza nello sviluppo di prodotti per tecnologie distribuite come DCE, CORBA, DCOM, J2EE, Web Services, Transaction Processing e Messaging. È uno speaker di fama internazionale e autore di molti libri, tra cui ricordiamo Applied SOA: Architecture and Design Strategies. 12 p r i m o S E m E S T r E Roma 5-6 Maggio 2014 Euro 1200 (+IVA)

15 Molte organizzazioni hanno capito che adottare un architettura è necessario per gestire la crescita della complessità, i costi e l allineamento dell IT ma allo stesso tempo non sono sicure su cosa sia esattamente un architettura, come partire con la creazione di un architettura o come creare una struttura organizzativa che la supporti. I molti interrogativi e le molte scelte creano una grande confusione. Dovreste adottare una framework architetturale? Se sì, quale? Come ricavare il massimo beneficio dai tools e quando è il tempo giusto per usarli? Di quali aspetti dell architettura (business, information, application technology) avete bisogno? Quali risultati dovrebbero essere prodotti dagli architetti per ciascuna di queste prospettive? Di quali skills hanno bisogno? Come formare architetti dalle Vostre risorse esistenti? Come si relazionano gli architetti con il business, lo sviluppo e i gruppi operativi? Come interfaccia l architettura con gli outsourcers? Quale tipo di governance è richiesta? Qual è il valore aggiunto offerto dall architettura e come può essere misurato? Questo seminario mette i partecipanti in condizione di rispondere a tutte queste domande e di produrre immediatamente valore con l architettura. In particolare i partecipanti impareranno: Come iniziare un programma architetturale La chiave per allineare i deliverables con i propri obiettivi, la propria cultura e gli stakeholders Come costruire un team stellare di Business Architecture Le differenze fra strutture federate e centralizzate La differenza fra Enterprise Architect e Solution Architect Come allineare Agile e Architettura I fattori di successo e gli ostacoli nei programmi architetturali Di quanta governance avete bisogno? Usare le metriche per dimostrare il proprio valore È Chief Scientist al Wilton Consulting Group, una società di consulenza specializzata in Enterprise Architecture, SOA e soluzioni Model-Driven. È anche Direttore per l Enterprise Architecture del Cutter Consortium e Direttore editoriale del SOA Institute. La sua attuale e importante attività riguarda l implementazione di soluzioni SOA agili e flessibili. Ha molti anni di esperienza nell architettura e design di applicazioni e più di 20 anni di esperienza nello sviluppo di prodotti per tecnologie distribuite come DCE, CORBA, DCOM, J2EE, Web Services, Transaction Processing e Messaging. È uno speaker di fama internazionale e autore di molti libri, tra cui ricordiamo Applied SOA: Architecture and Design Strategies. Roma 7-8 Maggio 2014 Euro 1200 (+IVA) le scelte architetturali che FuNZioNaNo mike rosen p r i m o S E m E S T r E 13

16 Html5: sviluppo software per applicazioni Web e mobile HTML5 non è solo un miglioramento di HTML ma rappresenta una pietra miliare nello sviluppo di HTML e un enorme avanzamento per le moderne applicazioni Web. Steve Jobs diceva: il mondo sta andando verso HTmL5 e Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha detto: Se vuoi fare qualcosa di universale, non ci sono dubbi, il mondo sta andando verso HTmL5. In questo workshop intensivo hands-on i partecipanti impareranno come creare pagine Web e applicazioni Web HTML5 usando il nuovo markup CSS3 e HTML5 Javascript APIs. Verranno spiegate tutte le nuove features di HTML5 e il loro uso nelle applicazioni pratiche ed in particolar modo nelle applicazioni mobile. Alla fine del workshop i partecipanti saranno in grado di: Creare pagine Web sia dal lato server che dal lato client, usando le ultime tecnologie HTML5 Riusare il contenuto HTML in differenti contesti includendo differenti browsers, dimensioni dello schermo e orientamenti Creare pagine che, in modo sicuro, mettano insieme informazioni provenienti da diverse sorgenti Progettare e costruire applicazioni client-server scalabili che girano su Web Mantenere una compatibilità con i legacy browsers Il corso copre HTML5, architettura applicativa e tecniche di sviluppo applicativo: semantica, CSS3, Multimedia, Grafica e 3D, device access, performance, offline e storage, connettività. richard clark Gestisce il gruppo di training di Kaazing ed è uno sviluppatore software di grande esperienza. Ha insegnato per Apple e HP, ha sviluppato applicazioni Web per le Fortune 100 ed ha pubblicato applicazioni Apple ios. È un rinomato speaker di fama internazionale. 14 p r i m o S E m E S T r E Roma 7-9 Maggio 2014 Euro 1600 (+IVA)

17 Per rimanere competitive le aziende hanno la necessità di considerare con molta attenzione la Business Intelligence. Per le banche, i servizi finanziari, le assicurazioni, il retail, le telecomunicazioni, la pubblica amministrazione ecc, la conoscenza approfondita dei clienti, impiegati, partners, vendors e concorrenti è di vitale importanza. E questa è l Intelligenza sul Vostro Business! Il principale obiettivo della Business Intelligence: un migliore processo decisionale a tutti i livelli di una organizzazione e una migliore performance dell organizzazione. Esistono molti esempi di disastri di organizzazioni che non gestivano la performance. Un Dashboard può essere uno strumento molto potente per l analisi, il reporting e anche il forecasting ma il principale uso del Dashboard dovrebbe essere Performance Management, basato su un insieme di obiettivi strategici, selezionati, valutati e messi in opera attraverso i KPIs (Key Performance Indicators). Oggi siamo inondati da dati e anche da decine e decine di reports. Un uso efficace del Dashboard riduce drasticamente questa marea di dati partendo dal principio che coloro che devono prendere delle decisioni, a tutti i livelli, necessitano di informazione sintetica, presentata in maniera comprensibile e in un formato user-friendly. Spesso un grafico è più significativo di mille parole. Questo seminario è una guida completa del tipo how to per la pianificazione, la progettazione, l implementazione, l uso e la manutenzione di Dashboards di Performance. Mostra con molti esempi vari tipi di Dashboard e come uno spreadsheet qualche volta viene usato come un Dashboard. Discute le diverse sfumature di Scorecards, Balanced Scorecards, misure e metriche, andando in dettaglio sui KPIs (Key Performance Indicators). Sottolinea le caratteristiche dei Dashboards ben progettati, chiarisce quello che deve essere fatto e non deve essere fatto nell implementazione dei Dashboards e mette in allerta i partecipanti su dove l implementazione di un Dashboard può essere sbagliata. Il seminario è ricco di workshops. Alla fine del seminario i partecipanti saranno in condizione di installare Dashboards quando torneranno in azienda. È una speaker eccezionale che ha la reputazione di catturare l attenzione dei partecipanti e di mantenere vivo l interesse anche in presenza di argomenti complessi. È presidente di Atre Group, Inc. una società di consulenza, training e publishing nel settore della Business Intelligence. È stata Partner in Price Waterhouse e per 14 anni in IBM. I suoi articoli sono frequentemente pubblicati in Computerworld, information Week, information management, Tech Web e altre importanti pubblicazioni di computer. Ha scritto numerosi libri fra i quali ricordiamo il best seller Database: Structured Techniques for Design, Performance and Management pubblicato da John Wiley and Sons, che ha venduto più di copie ed è stato adottato da molte importanti Università tra cui Harvard, Columbia, Cornell, MIT, New York University, Stanford and U.C. Berkeley. L ultimo libro pubblicato è Business Intelligence Roadmap: The Complete Project Lifecycle for Decision- Support Applications. Roma Maggio Euro 1200 (+IVA) dashboard la nuova faccia dell operational intelligence? shaku atre p r i m o S E m E S T r E 15

18 agile software development esercitazioni pratiche, principi, agile modeling e tdd craig larman 16 p r i m o S E m E S T r E Questo workshop ad alto impatto, ricco di esercitazioni pratiche sullo sviluppo software Agile, si rivolge a sviluppatori che cercano uno sviluppo solido e concreto dei propri skills ed è basato sulla decennale esperienza di coaching e di applicazione dell Agile Modeling e Development. Ciò che conta veramente non è un insieme di diagrammi e documenti, ma una qualità che garantisca che il sistema soddisfi le necessità e i vincoli dei vari committenti. Ossia, come possiamo applicare in maniera efficace il modeling in un approccio Agile pratico e con grande valore aggiunto? E tutto questo come può essere integrato con la programmazione e i test automatizzati per creare un grande software? Come possiamo fare il design software usando agilità tecnica per permettere un agilità del business? Infine, quali sono i principi per fare un design di sistemi eleganti, comprensibili ed estendibili? In questo workshop molto intenso troverete le adeguate risposte a queste domande. Il seminario si articola in presentazioni e, nella maggior parte del tempo, in esercitazioni. I partecipanti vengono organizzati in gruppi con i quali il docente lavora a rotazione e costruisce Case Studies che applicano Agile modeling, principi e patterns. Il Coach Vi aiuterà nell implementazione dei Vostri sistemi, mentre Voi imparerete delle pratiche molto potenti di TDD (Test-Driven Development) con Refactoring. E ancora Acceptance TDD per andare verso requisiti come test eseguibili. Il workshop prevede molte interazioni su diversi Case Studies in cui i gruppi di lavoro operano attraverso dei cicli ripetitivi di Agile modeling, specification by examples table-tests che supportano acceptance TDD e quindi sviluppo con unit TDD. In ciascun ciclo il Coach introduce gradualmente più principi e tecniche per costruire software con agilità. Saranno applicate una varietà di tecniche di insegnamento messe a punto negli ultimi 20 anni di coaching e mentoring tese a massimizzare l apprendimento, valore e divertimento includendo buzz groups, multi-modal learning e moltissime esercitazioni pratiche. È un management consultant che si occupa di organizational ridesign e systems thinking, con particolare enfasi sull utilizzo di principi, pratiche e Lean thinking da parte di grandi società di sviluppo software. È anche coach di executive teams per l introduzione a livello Enterprise di metodi Agili e Lean. Questi argomenti sono stati trattati negli ultimi 2 suoi libri: Scaling Lean & Agile Development: Thinking & Organizational Tools e Practices for Scaling Lean & Agile Development: Successful Large, Multisite & Offshore Product Development with Large-Scale Scrum. Mr. Larman è stato lead Coach per l adozione di Lean software development alla Xerox, è ed è stato consulente per l adozione di Large-scale Scrum e Enterprise Agile alla Ericsson, Bank of America Merrill Lynch, Alcatel-Lucent, UBS, Nokia Networks, Siemens Networks, Thomson Reuters, Statoil, Cisco-Tandberg e in molte altre importanti aziende. Ha scritto best seller come Agile and Iterative Development: A Manager s Guide e Applying UML and PAtterns An Introduction to OOA/D and Iterative Development. È stato uno dei pionieri di Practicing ScumMasters e uno dei primi consulenti al mondo a essere autorizzati a fare il coach e a certificare nuovi ScruMasters. Ha aiutato organizzazioni con più di sviluppatori ad adottare Scrum. Roma Maggio 2014 Euro 2600 (+IVA)

19 La rivoluzione dell informazione è provocata dalla grandissima quantità di dati che si accumulano ogni microsecondo in tutto il mondo. Ma una cosa è la raccolta dei Big Data, un altra cosa è l utilizzo di questi dati per migliorare il nostro processo di Decision Making. La Business Intelligence e i sistemi analitici devono essere in grado di portare la giusta informazione, alle persone giuste, nel tempo giusto e a costi giusti in modo da poter prendere le giuste decisioni di business. Molte aziende stanno valutando come cominciare con i Big Data e come rendere utili i dati accumulati. Che ci piaccia o no siamo obbligati a mettere a punto una strategia sui Big Data per decidere se bisogna cominciare immediatamente con un progetto Big Data oppure star seduti a guardare il treno che passa. Quanto meno dovete considerare le tecnologie Big Data e le loro implementazioni per poter prendere una decisione informata sulle Vostre eventuali iniziative sui Big Data. Cosa imparerete: Le dieci regole d oro di Shaku Atre sui Big Data e come implementarle nella Vostra organizzazione Perché la gestione di Big Data è diventata praticabile Quale tecnologia ha reso possibile la gestione dei Big Data Come gli utenti stanno rispondendo ai Big Data Quali tipi di skills sono necessari per condurre con successo un progetto di Big Data Come organizzare, integrare e analizzare dati per creare intelligenza per il Business Dove cominciare con i Big Data e raccogliere i benefici È una speaker eccezionale che ha la reputazione di catturare l attenzione dei partecipanti e di mantenere vivo l interesse anche in presenza di argomenti complessi. È presidente di Atre Group, Inc. una società di consulenza, training e publishing nel settore della Business Intelligence. È stata Partner in Price Waterhouse e per 14 anni in IBM. I suoi articoli sono frequentemente pubblicati in Computerworld, information Week, information management, Tech Web e altre importanti pubblicazioni di computer. Ha scritto numerosi libri fra i quali ricordiamo il best seller Database: Structured Techniques for Design, Performance and Management pubblicato da John Wiley and Sons, che ha venduto più di copie ed è stato adottato da molte importanti Università tra cui Harvard, Columbia, Cornell, MIT, New York University, Stanford and U.C. Berkeley. L ultimo libro pubblicato è Business Intelligence Roadmap: The Complete Project Lifecycle for Decision-Support Applications. Roma Maggio 2014 Euro 1200 (+IVA) BiG data 10 regole d oro per pianificare, progettare, implementare e gestire shaku atre p r i m o S E m E S T r E 17

20 agile tdd and refactoring Questo corso hands-on spiega come applicare il Test-Driven Development (TDD) e il Refactoring, e utilizzare le più popolari frameworks Open Source per il TDD e come usarle con un IDE popolare. TDD è potente e concreto. È la pratica di scrivere sempre il codice di test prima del codice che deve essere testato. In questo workshop i partecipanti apprenderanno come pensare e applicare il design e la programmazione test-driven per fare in modo che diventi un metodo consistente per il proprio team di sviluppo. I partecipanti impareranno e lavoreranno con la popolare framework TDD JUnit (se usate java, oppure con altre popolari frameworks xunit, se lavorate con altri linguaggi). In questo corso apprenderete come creare stubs, fakes, mocks, object factories/mothers, come spezzare le dipendenze e come applicare metodi di dependency injection. Lavorerete con legacy code per bring it under test e applicherete TDD. Refactoring è un rigoroso skill di design per migliorare la struttura del codice senza modificare il suo comportamento esterno. Il Refactoring è parte del ciclo TDD. In questo corso imparerete i vari code smells e i refactorings per ripulirli. Il Refactoring dipende dai tools automatici di refactoring costruiti dentro IDE o editors come Netbeans, Eclipse, SlickEdit o emacs; in questo workshop apprenderete come applicare un tool automatico di Refactoring. Si concluderà con una breve introduzione a una pratica chiamata Acceptance TDD requirements eseguibili con verifica automatica. Sarete introdotti alla popolare framework FIT e alla metodologia di Acceptance TDD. craig larman 18 p r i m o S E m E S T r E È un management consultant che si occupa di organizational ridesign e systems thinking, con particolare enfasi sull utilizzo di principi, pratiche e Lean thinking da parte di grandi società di sviluppo software. È anche coach di executive teams per l introduzione a livello Enterprise di metodi Agili e Lean. Questi argomenti sono stati trattati negli ultimi 2 suoi libri: Scaling Lean & Agile Development: Thinking & Organizational Tools e Practices for Scaling Lean & Agile Development: Successful Large, Multisite & Offshore Product Development with Large-Scale Scrum. Mr. Larman è stato lead Coach per l adozione di Lean software development alla Xerox, è ed è stato consulente per l adozione di Large-scale Scrum e Enterprise Agile alla Ericsson, Bank of America Merrill Lynch, Alcatel-Lucent, UBS, Nokia Networks, Siemens Networks, Thomson Reuters, Statoil, Cisco-Tandberg e in molte altre importanti aziende. Ha scritto best seller come Agile and Iterative Development: A Manager s Guide e Applying UML and PAtterns An Introduction to OOA/D and Iterative Development. È stato uno dei pionieri di Practicing ScumMasters e uno dei primi consulenti al mondo a essere autorizzati a fare il coach e a certificare nuovi ScruMasters. Ha aiutato organizzazioni con più di sviluppatori ad adottare Scrum. Roma Maggio 2014 Euro 1200 (+IVA)

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS BUSINESS PROFILE LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS Omnia Group è costituito da un complesso di aziende operanti nei settori della consulenza e dell erogazione di servizi informatici. L azienda è caratterizzata

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER 2012 NUMERO 16 SOLUZIONI PER IL TUO BUSINESS IN PRIMO PIANO PRENDI LA DECISIONE GIUSTA Assumi il controllo dei tuoi dati UN NUOVO SGUARDO AI DATI ANALITICI Trasforma le informazioni sul tuo business MAGGIORE

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management.

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management. Stefano Perna Informazioni Personali Residenza Viale Spartaco, 91 00174 Roma Telefono (+39) 320 6974861 (+39) 340 2267281 Email perna.stefano@gmail.com Sito http://www.stefanoperna.it Luogo e Data di nascita

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli