LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA"

Transcript

1 LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA Sabrina Iommi LIVORNO, 27 GIUGNO 2011

2 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO TRATTA I SEGUENTI ASPETTI: condizioni abitative dei toscani (confronti internazionali, condizioni di alcune categorie sociali) evoluzione delle condizioni abitative obiettivi e strumenti della politica per la casa evoluzione della politica per la casa caso di studio: beneficiari di due strumenti di politica per la casa in Toscana (alloggi pubblici, contributi per affitto)

3 LE CONDIZIONI ABITATIVE

4 LE CONDIZIONI ABITATIVE IN UN CONFRONTO EUROPEO Caratteristiche dello stock abitativo in Toscana, Italia e Europa. Abitazioni per 100 famiglie % abitazioni vuote Dimens. media delle abitazioni (m 2 ) Superficie media per persona (m 2 ) % Abitaz. Unifamil. % Abitaz. in proprietà % Abitaz. in affitto sociale TOSCANA ,0 91,6 38,7 22,0 74,4 4,3 ITALIA ,5 90,3 36,8 25,3 71,4 4,5 FRANCIA 120 6,8 89,6 37,5 36,8 56,1 17,5 GERMANIA 120 8,2 89,7 40,1 26,6 42,9 6,5 PAESI BASSI 98 2,2 98,0 41,2-55,2 34,6 R. UNITO 105 3,4 86,9 44,0-69,1 20,2 SPAGNA ,9 90,0-31,1 82,0 0,9 EU ,4 89,6 43,8 35,6 61,1 11,3 Fonte: elaborazioni su dati Housing Statistics in the European Union 2004 Secondo i dati EU-SILC, al 2008 il 71% della famiglie toscane vive in una casa di proprietà, il 12% in un alloggio a titolo gratuito, l 11% in una casa in affitto di mercato, il 6% in una casa in affitto sociale.

5 CONDIZIONI ABITATIVE E TITOLO DI GODIMENTO TOSCANA. Caratteristiche delle abitazioni e delle famiglie per titolo di godimento PROBLEMI ABITAZIONE ONEROSITA ECONOMICA TIPOLOGIA FAMILIARE Umidità (%) Spazio insuffic. (%) Spesa per la casa sul reddito (%) Famiglie spesa su reddito >40% (%) Famiglie uniper. (%) Età mediana capofam. (anni) Affitto canone ridotto 24,3 16,0 21,9 10,9 5,4 56 Affitto canone di mercato 22,4 15,0 31,1 41,8 15,6 45 Proprietà con mutuo 6,0 12,1 14,9 6,4 7,6 42 Proprietà senza mutuo 12,2 6,7 7,9 0,9 51,0 63 Titolo gratuito 19,6 6,7 8,3 0,5 20,4 49 Fonte: elaborazioni su dati EU-SILC 2008 Il disagio abitativo, che può assumere varie forme (problemi alle strutture, spazio insufficiente, onerosità, decentramento eccessivo) è complessivamente contenuto, ma intenso per alcune tipologie familiari (giovani, single o famiglie con bambini, basso reddito) e per alcuni titoli di godimento (affitto di mercato). Il disagio, derivando soprattutto dagli alti prezzi, è maggiore nelle aree più costose (aree urbane, aree turistiche).

6 L EVOLUZIONE NELL ULTIMO DECENNIO TOSCANA. Evoluzione dei valori immobiliari, del reddito familiare e degli sfratti per morosità. Nr. Indice 2000= Prezzi abitazioni Reddito familiare Sfratti per morosità In Toscana due sono i dati allarmanti: il numero delle famiglie con un provvedimento di sfratto (5.400 i nuovi sfratti emessi per morosità in toscana 2009, che ci mettono da 1 a 2 anni per diventare esecutivi), il numero dei giovani adulti ancora nella famiglia di origine (sono i 30-34enni ancora in famiglia, di cui 62mila, pari all 81%, occupati)

7 OFFERTA, DOMANDA E PREZZI AD OGGI ABITAZIONI PER 100 FAMIGLIE VALORI IMMOBILIARI euro/m Firenze Firenze Aree turistiche Fino a 115 Da 115 a 130 Da 130 a 150 Da 150 a 200 Più di 200 Fino a euro/m 2 Da a 2000 Da 2000 a Da a Da a Più di 4.000

8 RICAPITOLANDO: COME E CAMBIATO IL PROBLEMA CASA IL PROBLEMA CASA PUÒ DIPENDERE DA: carenza o inadeguatezza delle abitazioni (case senza servizi, in cattive condizioni, in alloggi impropri) spazio insufficiente (case troppo piccole) localizzazione inadeguata (case troppo decentrate) inaccessibilità economica (case troppo costose). Nel passato il problema principale era costituito da carenza e inadeguatezza dello stock abitativo, oggi il problema casa dipende soprattutto dai costi eccessivi, che poi si traducono in case troppo piccole e case troppo decentrate, con conseguente aumento del pendolarismo. OGGI IL PROBLEMA CASA IN PARTICOLARE INTERESSA: famiglie a basso reddito famiglie a bassa patrimonializzazione (giovani, giovani coppie, immigrati) famiglie di 1 sola persona e di 5 e più persone famiglie che vivono nelle aree più costose (principali città e zone turistiche)

9 LA POLITICA PER LA CASA

10 A COSA SERVE LA POLITICA PER LA CASA L idea di fondo è che un mercato caratterizzato da buona offerta di abitazioni a prezzo accessibile, in proprietà e in affitto, favorisca crescita economica e benessere sociale (indipendenza dei giovani, mobilità territoriale, adeguatezza dell alloggio, sostenibilità della spesa, minore trasmissione delle disuguaglianze, ecc.). LE FAMIGLIE DI STRUMENTI PER CORREGGERE I FALLIMENTI DI MERCATO SONO: regolamentazione dell attività degli agenti economici (pianificazione, fissazione di standard, controllo canoni e durata contratti, ecc.) introduzione di imposte e/o sussidi per influenzare il comportamento degli agenti economici (prelievi/agev. fiscali su edificazione, proprietà, affitto, contributi ai costruttori e/o alle famiglie, ecc.) fornitura diretta del bene o servizio (costruzione di alloggi con risorse pubbliche da destinare a proprietà e/o affitto per famiglie a basso reddito) laissez faire o non-politiche (mancata regolamentazione)

11 COME E CAMBIATA LA POLITICA PER LA CASA Obiettivi e strumenti variano al variare del contesto GLI STRUMENTI TRADIZIONALI MIRAVANO A: aumentare l offerta tramite la costruzione di nuove case favorire l accesso alla proprietà della casa IL PROBLEMA ERA LA SCARSA OFFERTA DI ALLOGGI ADEGUATI GLI STRUMENTI PIU RECENTI MIRANO A: sostenere il reddito delle famiglie più povere per consentire loro l accesso al mercato aumentare l offerta di case in affitto tramite agevolazioni fiscali a proprietari e inquilini IL PROBLEMA PRINCIPALE E L ECCCESSIVA ONEROSITA

12 VECCHI E NUOVI STRUMENTI DI POLITICA DELLA CASA Strumento Azione Approccio Benefici per Costi per Problemi Pianificazione Regolativa Tradizionale e attuale Calmierazione affitto di mercato Proprietari terrieri, costruttori Collettività Pressioni, riduzione offerta Regolativa Tradizionale Inquilini Proprietari Conflitti, riduzione offerta Blocco sfratti Regolativa Tradizionale e attuale Edilizia sovvenz. Distributiva Tradizionale e attuale Edilizia agevolata Distributiva Tradizionale e attuale Sgravi fiscali I casa Contributo affitto di mercato Sgravi fiscali per affitto concordato Distributiva Tradizionale e attuale Famiglie deboli urbane Famiglie a basso reddito Famiglie a medio reddito Distributiva Nuovo Famiglie a Proprietari Conflitti, riduzione offerta Collettività Disparità insiders/out siders Collettività Aumento prezzi e proprietà Proprietari Collettività Aumento prezzi e proprietà basso reddito Collettività? Distributiva Nuovo Locatori Collettività?

13 IL CASO DI STUDIO

14 LE CARATTERISTICHE DEI BENEFICIARI IN TOSCANA TOSCANA. Caratteristiche dei beneficiari di alcune misure di politica per la casa Edilizia sovvenzionata (alloggi pubblici) Contributo affitto Edilizia agevolata Reddito familiare medio (euro) Famiglie nel I e II decile di reddito (%) 58,9 77,2 30,3 Famiglie con almeno 1 figlio minore (%) 12,4 36,2 17,2 Famiglie con figli maggiorenni (%) 25,6 3,5 9,3 Famiglie con capof. italiano (%) 92,4 70,5 97,5 Famiglie con capof. straniero (%) 7,6 29,5 2,5 Superficie media alloggio (mq) Contributo pubblico mensile medio (euro) Fonte: elaborazioni su dati Regione Toscana e Gestori edilizia pubblica

15 UNA MISURA DI TARGET EFFICIENCY TOSCANA. Effetto dell intervento pubblico per la casa. Comp. % delle famiglie Alloggio pubblico Contributo affitto 0% 20% 40% 60% 80% 100% Famiglie povere cui si riduce la povertà Famiglie povere che superano la povertà Famiglie non povere che ricevono aiuti pubblici 12 Gli indicatori di target efficiency misurano la capacità di una policy pubblica di indirizzare i trasferimenti verso la parte più bisognosa della popolazione. La massima efficienza si ottiene quando le risorse sono destinate solo alle famiglie bisognose e quando consentono loro di raggiungere o superare la soglia di povertà relativa (60% del reddito mediano). Fonte: elaborazioni su dati Regione Toscana e Gestori edilizia pubblica

16 CAUSE DEL DEFICIT DI TARGET EFFICIENCY NELL EDILIZIA SOVVENZIONATA SI HA UN ECCESSO DI SPESA RISPETTO ALLE NECESSITA DEGLI ATTUALI BENEFICIARI E QUINDI UN DEFICIT DI EFFICIENZA NELL USO DI RISORSE PUBBLICHE (un ampia parte delle risorse è destinata a famiglie non povere o comunque fanno loro superare eccessivamente la soglia di povertà relativa; questo perché i canoni di affitto sono troppo bassi); NEL CONTRIBUTO PER L AFFITTO SI HA UN DEFICIT DI EFFICACIA RISPETTO ALLE NECESSITA DEGLI ATTUALI BENEFICIARI (ovvero il contributo pubblico è talmente esiguo da non consentire il raggiungimento della soglia di povertà relativa ad una buona quota delle famiglie). LE CAUSE DELLA SCARSA TARGET EFFICIENCY DELL EDILIZIA SOVVENZIONATA SONO DA RICERCARSI IN: i criteri usati per la selezione dei beneficiari (reddito convenzionale al posto del reddito ISEE) la bassa rotazione dei beneficiari canoni di locazione degli alloggi pubblici eccessivamente bassi

17 UN ESERCIZIO DI REDISTRIBUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA TOSCANA. Distribuzione per reddito disponibile dopo l intervento pubblico dei beneficiari di alloggio pubblico e del contributo affitto L esercizio mostra che, a parità di spesa complessiva e dati i beneficiari attuali, un aumento dei canoni di locazione nell edilizia sovvenzionata e una distribuzione dei maggiori introiti a favore dei beneficiari del contributo per l affitto rende più equa la distribuzione dei redditi dopo l intervento pubblico. L indice di Gini passa da 0,38 a 0,30. Fonte: elaborazioni su dati Regione Toscana e Gestori edilizia pubblica

18 CONCLUSIONI

19 RICAPITOLANDO: la politica della casa in Italia (e in Toscana) rappresenta tradizionalmente un ambito minore dell intervento pubblico, caratterizzato da frammentazione degli strumenti utilizzati e da forte orientamento verso la promozione dell accesso alla proprietà della casa gli anni 90 hanno visto un ulteriore riduzione dell intervento pubblico in materia, una maggiore apertura ai meccanismi di mercato e l introduzione di alcuni strumenti di sostegno al reddito la prima causa del disagio abitativo contemporaneo è l eccessiva onerosità della casa, essa colpisce soprattutto alcune tipologie familiari (famiglie giovani, famiglie di piccola o grande taglia, famiglie residenti nei maggiori centri) gli strumenti di policy vigenti, oltre a soffrire in generale di una scarsa dotazione di risorse, risentono di un loro basso coordinamento in merito a criteri di selezione dei beneficiari e grado di tutela riconosciuto

20 Per ulteriori informazioni:

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA Sabrina Iommi LIVORNO, 27 GIUGNO 2011 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO TRATTA I SEGUENTI ASPETTI: condizioni abitative dei toscani (confronti

Dettagli

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011 1 I GIOVANI E LA CASA di SABRINA IOMMI - IRPET Firenze, 19 ottobre 2011 Diapositiva 1 1 Alla ricerca di soglie massime... _ sembriamo dei cementificatori. Meglio qualcosa come studi per la definizione

Dettagli

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA 9 Incontro Finanziario dell Autonomia Locale SOCIAL HOUSING: RIORDINO URBANO E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA Giuseppe Roma direttore CENSIS IL RITORNO D ATTENZIONE

Dettagli

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010 NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI Torino, 4 febbraio 2010 LA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: FRENO ALLO SVILUPPO DISTORSIONE DEL MERCATO DELLE

Dettagli

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011 1 I GIOVANI E LA CASA di SABRINA IOMMI - IRPET Firenze, 19 ottobre 2011 Diapositiva 1 1 Alla ricerca di soglie massime... _ sembriamo dei cementificatori. Meglio qualcosa come studi per la definizione

Dettagli

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia BOLOGNA, 4 aprile 2016 Contenuti PREMESSA CONDIZIONI SOCIO- ECONOMICHE DELLE FAMIGLIE STIMA DEL DISAGIO ABITATIVO IN ITALIA DISAGIO ABITATIVO

Dettagli

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011

I GIOVANI E LA CASA SABRINA IOMMI - IRPET. Firenze, 19 ottobre 2011 I GIOVANI E LA CASA di SABRINA IOMMI - IRPET Firenze, 19 ottobre 2011 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO SI PROPONE DI RAGIONARE SUL TEMA DELLA CONDIZIONE ABITATIVA DEI GIOVANI TOSCANI GUARDANDO AI

Dettagli

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

La condizione economica delle famiglie e la distribuzione delle prestazioni prima e dopo la riforma

La condizione economica delle famiglie e la distribuzione delle prestazioni prima e dopo la riforma Terzo incontro nazionale per una riforma del welfare sociale RIDEFINIRE LE POLITICHE SOCIALI SU CRITERI DI EQUITÀ ED EFFICACIA La condizione economica delle famiglie e la distribuzione delle prestazioni

Dettagli

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE PREMESSA IL PROGRAMMA PIU CASE IN AFFITTO VUOLE RISPONDERE: AD UN PROBLEMA SOCIALE PRIMARIO AL BISOGNO DI CITTA SOSTENIBILI

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE

SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE L AFFITTO INCIDE OLTRE IL 40% SUL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE E IL 50% SU QUELLO DA PENSIONE

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari Mario Breglia Presidente di Scenari Immobiliari Firenze, 19 maggio 2016 Fatturato immobiliare europeo: andamento e previsioni (milioni di euro, valori nominali) Paese 2012 2013 2014 2015 2016* Var % 2015/2014

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITA IN ITALIA

SFRATTI PER MOROSITA IN ITALIA Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITA IN ITALIA Luglio2016 1 Fonte Ministero dell Interno 2 Fonte Ministero dell Interno GLI SFRATTI IN ITALIA: ANDAMENTO DELLE

Dettagli

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto Il contesto: l offerta abitativa In Lombardia nel 2011* risultano circa

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative IX Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE 54.829 provvedimenti di sfratto per morosità Canone medio mensile di 605 euro Incidenza

Dettagli

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia R e g g i o E m i l i a 28 Settembre 2007 C o n f e r e n z a d i P i a n i f i c a z i o n e Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia Dati desunti dal Rapporto 2006 dell Osservatorio Regionale

Dettagli

Verso il Reddito di inclusione: il Piano povertà Roma, 20 settembre 2016

Verso il Reddito di inclusione: il Piano povertà Roma, 20 settembre 2016 Verso il Reddito di inclusione: il Piano povertà 2016 Roma, 20 settembre 2016 Verso il Reddito di inclusione La Camera ha approvato il 14 luglio scorso il disegno di legge delega sulla lottaalla povertà.

Dettagli

Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche:

Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche: AZIENDA TERRITORIALE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche: DISAGIO ABITATIVO

Dettagli

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma CGIL La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità SUNIA Roma L indagine sull andamento delle procedure di sfratto è stata effettuata su dati del Ministero dell Interno e sui risultati

Dettagli

L ASSEGNO PER I MINORI UNA RIFORMA DEI TRASFERIMENTI MONETARI PER IL SOSTEGNO DELLE RESPONSABILITÀ FAMILIARI

L ASSEGNO PER I MINORI UNA RIFORMA DEI TRASFERIMENTI MONETARI PER IL SOSTEGNO DELLE RESPONSABILITÀ FAMILIARI Terzo incontro nazionale per una riforma del welfare sociale RIDEFINIRE LE POLITICHE SOCIALI SU CRITERI DI EQUITÀ ED EFFICACIA L ASSEGNO PER I MINORI UNA RIFORMA DEI TRASFERIMENTI MONETARI PER IL SOSTEGNO

Dettagli

Rights to which people at risk of poverty and social exclusion have limited access.

Rights to which people at risk of poverty and social exclusion have limited access. 1 Rights to which people at risk of poverty and social exclusion have limited access. Right to housing Right to work Right to healthcare Right to equality and non-discrimination Right to access to justice

Dettagli

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 4. abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 1. 2. 3. 4. 5. 6. CHE COS E L

Dettagli

I VERI NUMERI DELL IMU

I VERI NUMERI DELL IMU a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 65 I VERI NUMERI DELL IMU Chi ci guadagna e chi ci perde 7 maggio 2013 L imposta comunale sugli immobili

Dettagli

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA 6 Rapporto UIL famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Maggio 2011 INDICE DEI CONTENUTI Nota introduttiva pag. 3 La spesa delle

Dettagli

Risparmi (costi) dell aggiustamento del SIA in base ai differenziali nel costo della vita

Risparmi (costi) dell aggiustamento del SIA in base ai differenziali nel costo della vita Risparmi (costi) dell aggiustamento del SIA in base ai differenziali nel costo della vita Tito Boeri, Paola Monti e Chiara Serra 3 Dicembre 2013 Fondazione Rodolfo Debenedetti 1/21 Outline 1 Introduzione

Dettagli

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA CGIL L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA Roma 10 febbraio 2009 CGIL SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane L indagine effettuata sull offerta del

Dettagli

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 AMBITO TERRITORIALE ROMANO DI LOMBARDIA INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE E AL MANTENIMENTO 1. Premessa La legge Regionale

Dettagli

La mobilità residenziale della città antica. Osservatorio Casa Comune di Venezia - COSES. Indagine 2009

La mobilità residenziale della città antica. Osservatorio Casa Comune di Venezia - COSES. Indagine 2009 La mobilità residenziale della città antica Indagine 2009 Cambi di residenza nel quinquennio 2004-2008 4.753 verso resto comune 2.627 entro la città antica 4.648 verso altri comuni Fonte Comune di Venezia,

Dettagli

Il mercato della locazione in Lombardia

Il mercato della locazione in Lombardia Il mercato della locazione in Lombardia Milano, 29 Gennaio 2009 Circolo della Stampa Gualtiero Tamburini Presidente Nomisma Abitazioni occupate per forma di godimento (in % sul totale delle occupate) Titolo

Dettagli

Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n.

Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n. Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n. 25 Art. 118 bis - Finalità e oggetto (54) 1. Le disposizioni del

Dettagli

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative L EMERGENZA ABITATIVA A PISA Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative IL COMUNE DI PISA IN CIFRE La popolazione del Comune di Pisa continua a aumentare nel 2010 gli abitanti sono 88.217

Dettagli

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 HOUSING SOCIALE La domanda di housing sociale riguarda nuove fasce sociali con esigenze specifiche: - GIOVANI COPPIE - ANZIANI

Dettagli

Città di Latisana Provincia di Udine

Città di Latisana Provincia di Udine Città di Latisana Provincia di Udine SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE di LATISANA Presso il Centro Polifunzionale di Latisana, Via Goldoni n. 22 telefono: 0431-516611; fax: 0431-516637 e-mail:

Dettagli

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE?

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE? CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? Il Decreto Legge n. 102 del 31 agosto 2013 - convertito nella legge n. 124 del 28 ottobre 2013 - ha istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L indagine è stata effettuata su un campione di circa 5.000 offerte di locazione attraverso la rilevazione e classificazione dell offerta

Dettagli

Indice delle tavole e delle figure

Indice delle tavole e delle figure Indice delle tavole e delle figure Figura 2.1 Disuguaglianza e reddito in Europa Anno 2005 29 Figura 2.2 Disuguaglianza e reddito nelle regioni italiane Anno 2005.. 30 Figura 2.3 Indici di concentrazione

Dettagli

REDDITO POVERTA DISUGUAGLIANZA IL CASO ITALIANO

REDDITO POVERTA DISUGUAGLIANZA IL CASO ITALIANO REDDITO POVERTA DISUGUAGLIANZA IL CASO ITALIANO MISURARE IL GRADO DI DISEGUAGLIANZA NELLA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO Indice di Gini. L indice di concentrazione di Gini è una misura sintetica del grado

Dettagli

LA POVERTA IN ITALIA NEL 2009 (ISTAT)

LA POVERTA IN ITALIA NEL 2009 (ISTAT) POVERTA RELATIVA Misura le risorse economiche di ognuno rispetto a quelle possedute da tutti gli altri. La misura della povertà relativa fa uso della soglia della povertà solitamente definita dalla media

Dettagli

L.R. 6/2003, artt. 6 e 12 B.U.R. 8/6/2005, n. 23

L.R. 6/2003, artt. 6 e 12 B.U.R. 8/6/2005, n. 23 L.R. 6/2003, artt. 6 e 12 B.U.R. 8/6/2005, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 maggio 2005, n. 0149/Pres. Regolamento di esecuzione dell articolo 6 della legge regionale 6/2003 concernente gli

Dettagli

Povertà ed esclusione sociale: il quadro pugliese ed il contesto nazionale

Povertà ed esclusione sociale: il quadro pugliese ed il contesto nazionale NEBSOC: LE NUOVE STRATEGIE DELL INCLUSIONE SOCIALE Povertà ed esclusione sociale: il quadro pugliese ed il contesto nazionale Vito Peragine Università degli Studi di Bari Aldo Moro e IPRES Bari, 21 aprile

Dettagli

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 1 ottobre 2015 Dal sistema casa un rafforzamento della ripresa La ripresa, partita sulla

Dettagli

Effetti Economici Indiretti degli interventi sul sistema di trasporto

Effetti Economici Indiretti degli interventi sul sistema di trasporto Corso di PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO prof. ing. Agostino Nuzzolo Effetti Economici Indiretti degli interventi sul sistema di trasporto 1 Gli effetti economici degli investimenti nel settore

Dettagli

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie Milano, 15 settembre 2015 Condizioni abitative delle famiglie italiane Milano, 15 settembre 2015 1 L Italia è, insieme

Dettagli

Quale futuro per il WELFARE locale?

Quale futuro per il WELFARE locale? Quale futuro per il WELFARE locale? Il disagio abitativo: come affrontarlo Biella, 15 novembre 2013 Intervento a cura di : Germana Romano Dirigente dei Servizi Sociali Comune di Biella Cos è il disagio

Dettagli

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico Incontro OTRANTO 28 ottobre 2011 pubblico Incontro pubblico Il disagio abitativo (definizioni ORCA) Disagio Estremo: esclusione abitativa in senso stretto; è la condizione dei senza dimora, di chi non

Dettagli

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia Milano, 15 aprile 2016 LA SITUAZIONE ATTUALE Rapporto annuale sulle politiche abitative in Regione Lombardia (Delibera regionale 4949/21.03.2016)

Dettagli

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa Indice A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2012 INDICE Nota introduttiva pag. 3 La spesa delle famiglie per l abitazione: l acquisto...pag.

Dettagli

La diseguaglianza nella distribuzione del reddito

La diseguaglianza nella distribuzione del reddito La diseguaglianza nella distribuzione del reddito Massimo Baldini, Paolo Silvestri 29 novembre 2013 Questa nota è dedicata alla evoluzione nella diseguaglianza della distribuzione del reddito tra le persone

Dettagli

1) Costituzione del servizio

1) Costituzione del servizio BOZZA DI PROTOCOLLO DI INTESA FRA IL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI, LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SESTO SAN GIOVANNI E L ASSOCIAZIONE UNA CASA PER PER FAVORIRE L INCONTRO FRA DOMANDA ED OFFERTA DI

Dettagli

B5 Reddito e condizioni economiche delle famiglie

B5 Reddito e condizioni economiche delle famiglie B5 Reddito e condizioni economiche delle famiglie In questa scheda sono raggruppate e sintetizzate le informazioni ufficiali, prodotte dall Istat sulla base di diverse indagini, sulla condizione economica

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Benessere economico

Il benessere equo e sostenibile in Emilia-Romagna: un confronto temporale con l Italia. Benessere economico Il benessere equo e sostenibile in : un confronto temporale con l Benessere economico Maggio 2017 N.B. Per agevolare la lettura, nei casi in cui il grafico presenti indicatori chiaramente connotati in

Dettagli

OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA

OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA % Oggi, rispetto a un anno fa (maggio 2014), la sua famiglia riesce a risparmiare? 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 4,2 5,8 3,9 20,1 40,8 29,6 31,2 30,1 23,3 44,3

Dettagli

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO MISURE D.G.R. 2207 I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO Emergono nuove fasce di bisogno la principale causa è la perdita o la forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero I servizi

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO arch. Stefania Falletti Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale

Dettagli

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Perché un agenzia per la casa? Obiettivo di mandato: un piano straordinario contro il disagio abitativo da realizzarsi con la collaborazione di tutte

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Contributo affitti 2013 (FSDA).

CONFERENZA STAMPA. Contributo affitti 2013 (FSDA). CONFERENZA STAMPA Contributo affitti 2013 (FSDA). Il Comune di Milano quest anno non fa il proprio Bando integrativo. Oltre 2.000 famiglie non avranno il contributo per pagare l affitto nelle case private.

Dettagli

Piano di intervento per il sostegno abitativo

Piano di intervento per il sostegno abitativo Piano di intervento per il sostegno abitativo Conferenza stampa 23 maggio 2014 La Delibera approvata ieri dalla Giunta capitolina dà il via libera al nuovo Piano di intervento per il sostegno abitativo

Dettagli

GRUPPI SOCIALI E WELFARE STATE : UNA LETTURA INTEGRATA DEI DATI

GRUPPI SOCIALI E WELFARE STATE : UNA LETTURA INTEGRATA DEI DATI GRUPPI SOCIALI E WELFARE STATE : UNA LETTURA INTEGRATA DEI DATI Giorgio Alleva Presidente dell'istituto Nazionale di Statistica Roma, 5 Dicembre 2017 OUTLINE Percorsi di vita I Gruppi sociali e le condizioni

Dettagli

Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano

Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano MILANO CITTÀ Mercato della compravendita Il mercato milanese della compravendita delle case chiude il 2016 con un tono finalmente più vivace, tempi

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como FONDO SOSTEGNO AFFITTO GRAVE DISAGIO ECONOMICO D.G.R. - Lombardia - n. X/3495 del 30/04/2015, - D.G.C. n. 55 del 13.05.2015. Il Fondo, costituito da risorse Regionali e risorse Comunali, sostiene coloro

Dettagli

NECESSITA DI NUOVE FORME DI FINANZIAMENTO PER IL SOCIAL HOUSING

NECESSITA DI NUOVE FORME DI FINANZIAMENTO PER IL SOCIAL HOUSING INVESTIMENTI NEL SOCIAL HOUSING NELL AMBITO DEL BANDO REGIONALE * PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Redditivita e benefici dei vari scenari * Bando indetto con Decreto

Dettagli

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2016

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2016 Direzione generale Risorse, Europa, innovazione e istituzioni Servizio statistica, comunicazione, sistemi informativi geografici, partecipazione Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2016 Bologna,

Dettagli

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia BOLOGNA, 4 aprile 2016 Contenuti PREMESSA CONDIZIONI SOCIO- ECONOMICHE DELLE FAMIGLIE STIMA DEL DISAGIO ABITATIVO IN ITALIA DISAGIO ABITATIVO

Dettagli

Tavola 1 - Reddito di "cittadinanza" (ddl. n. 1148). Disegno del provvedimento

Tavola 1 - Reddito di cittadinanza (ddl. n. 1148). Disegno del provvedimento Allegato statistico Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica Roma, 11 giugno 2015 Tavola

Dettagli

Francesco Marsico CARITAS ITALIANA Alleanza contro la povertà in Italia POLITICHE E MODELLI DI LOTTA ALLA POVERTÀ

Francesco Marsico CARITAS ITALIANA Alleanza contro la povertà in Italia POLITICHE E MODELLI DI LOTTA ALLA POVERTÀ Francesco Marsico CARITAS ITALIANA Alleanza contro la povertà in Italia POLITICHE E MODELLI DI LOTTA ALLA POVERTÀ Fondazione Ebbene Roma, 4 NOVEMBRE 2015 I contenuti della presentazione 1 2 3 4 La normalità

Dettagli

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del 13.09.2017 Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - anno 2017, in attuazione

Dettagli

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE DISAGIO ECONOMICO: LE REGIONI PIU COLPITE Chi ha il punteggio più alto è stato meno colpito. Dato medio ITALIA = 100 DISAGIO ECONOMICO POSIZIONE REGIONI (punteggio

Dettagli

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti Nuovo regolamento IMU Comune di Asti Prima casa L aliquota per la prima casa rimane invariata. Ad esempio, una prima casa con tre pertinenze (garage, tettoia, magazzino) continua a pagare l aliquota dello

Dettagli

I differenziali di benessere in Toscana: la posizione dell Arcipelago

I differenziali di benessere in Toscana: la posizione dell Arcipelago IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana I differenziali di benessere in Toscana: la posizione dell Arcipelago Giovanni Maltinti Convegno Il sistema delle isole minori La Toscana del mare

Dettagli

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del

BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del BANDO PUBBLICO Approvato dalla Assemblea dei sindaci nella seduta del 13.09.2017 Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - anno 2017, in attuazione

Dettagli

ANALISI SOCIO-ECONOMICHE PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE COMMERCIALI, DI IMPRESA E MERCATO DEL LAVORO (2)

ANALISI SOCIO-ECONOMICHE PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE COMMERCIALI, DI IMPRESA E MERCATO DEL LAVORO (2) ANALISI SOCIO-ECONOMICHE PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE COMMERCIALI, DI IMPRESA E MERCATO DEL LAVORO (2) ANALISI SOCIO-ECONOMICA 2016 DIMENSIONE SPAZIO/TEMPORALE I dati del comune di Fano sono stati confrontati

Dettagli

Reddito e patrimonio: elementi determinanti della stratificazione sociale

Reddito e patrimonio: elementi determinanti della stratificazione sociale CONVEGNO Bolzano 20-10-2016 Differenziazione etnica e stratificazione sociale nella società altoatesina Reddito e patrimonio: elementi determinanti della stratificazione sociale Società Michael Gaismair

Dettagli

Contrastare la crisi: esperienze e prospettive per l inclusione attiva in Europa

Contrastare la crisi: esperienze e prospettive per l inclusione attiva in Europa Seminario transnazionale della Rete Net@work Roma, 29 Novembre 2012 Contrastare la crisi: esperienze e prospettive per l inclusione attiva in Europa Inclusione sociale e contrasto alla povertà: linee strategiche

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 marzo 2016 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Sintesi Nel 2013 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA

IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA CENTRO STUDI IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA Nota CNA N. 11/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO Relatore: Chiar.mo Prof. Raffaele

Dettagli

L economia della famiglia Luigi Campiglio. Bologna Fondazione C.E.U.R. 4 dicembre 2014

L economia della famiglia Luigi Campiglio. Bologna Fondazione C.E.U.R. 4 dicembre 2014 L economia della famiglia Luigi Campiglio Bologna Fondazione C.E.U.R. 4 dicembre 2014 Nel 2013 il Pil pro-capite diminuisce al livello del 1997: il divario con il reddito disponibile pro-capite è del +32%

Dettagli

Le regioni a confronto

Le regioni a confronto Il racconto, il confronto 2003 Il all apertura del nuovo millennio: struttura dinamica struttura e dinamica 2003 Il all apertura del nuovo millennio: benchmarking europeo struttura benchmarking e dinamica

Dettagli

BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE

BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE Valle Imagna Villa d Alme Azienda Territoriale per i Servizi Alla Persona Azienda speciale Consortile BANDO EMERGENZA ABITATIVA 2017 INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO

Dettagli

una casa è una casa La delibera è a cura del Comitato Popolare di Lotta per la Casa.

una casa è una casa La delibera è a cura del Comitato Popolare di Lotta per la Casa. Migliaia di giovani e famiglie non possono pagare l'affitto e chi ha avuto la possibilità di comprare una casa ha pagato un prezzo troppo alto. A Roma ci sono 250.000 case vuote ma se una casa una casa

Dettagli

L AGENDA STRATEGICA. Appunti per. Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia

L AGENDA STRATEGICA. Appunti per. Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia Tecnopolo Reggio Emilia, 23 Aprile 2015 ore 10.00 Appunti per L AGENDA STRATEGICA Ugo Baldini e Giampiero Lupatelli La ricerca

Dettagli

Il mercato della locazione in Lombardia

Il mercato della locazione in Lombardia Il mercato della locazione in Lombardia Milano, 29 Gennaio 2009 Circolo della Stampa Il mercato della locazione in Lombardia I principali risultati dell indagine Daniela Percoco Responsabile Real Estate

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio B O L O G N A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE

Dettagli

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Presentazione della Nota Informativa n. 19 al Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione seduta del 7 luglio 2011 Servizio Studi e Valutazione

Dettagli

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione.

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione. BANDO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AZIONI VOLTE AL SOSTEGNO DEL MANTENIMENTO DELL ABITAZIONE IN LOCAZIONE D.G.R. 6465/2017 - ANNO 2017 Premessa La

Dettagli

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione.

- MISURA 4: sostenere nuclei familiari per il mantenimento dell alloggio in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione. BANDO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AZIONI VOLTE AL SOSTEGNO DEL MANTENIMENTO DELL ABITAZIONE IN LOCAZIONE D.G.R. 6465/2017 - ANNO 2017 Premessa La

Dettagli

La povertà e l esclusione sociale nella programmazione regionale

La povertà e l esclusione sociale nella programmazione regionale La povertà e l esclusione sociale nella programmazione regionale SERVIZIO POLITICHE PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE SOCIALE 1 luglio 2011 Vecchi e nuovi volti della povertà povertà estreme (senza dimora,

Dettagli

IL FUTURO E DI CASA UNA NUOVA POLITICA PER LA CASA TRASFORMAZIONI DELL ABITARE TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E NUOVI BISOGNI SOCIALI

IL FUTURO E DI CASA UNA NUOVA POLITICA PER LA CASA TRASFORMAZIONI DELL ABITARE TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E NUOVI BISOGNI SOCIALI IL FUTURO E DI CASA UNA NUOVA POLITICA PER LA CASA TRASFORMAZIONI DELL ABITARE TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E NUOVI BISOGNI SOCIALI Diego Carrara Assessore alle Politiche sociali, della salute e Attività

Dettagli

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Analisi del contesto Il disagio abitativo coinvolge anche famiglie a medio reddito che non trovano una risposta nell edilizia residenziale pubblica (a canone

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE

ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE POLITICHE DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA AD ASIAGO Rapporto Finale SISTEMI OPERATIVI S.R.L. - VENEZIA Antonio Rigon Federico Zannantonio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

Dettagli

BANDO PUBBLICO. Articolo 1 Soggetto proponente

BANDO PUBBLICO. Articolo 1 Soggetto proponente BANDO PUBBLICO Interventi volti al contenimento dell emergenza abitativa e al mantenimento dell alloggio in locazione - Anno 2017, in attuazione della Deliberazione N X/ 6465 del 10/04/2017 Articolo 1

Dettagli

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017

INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017 LINEA INTERVENTO [aprile 2017 dicembre 2018] INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AL MANTENIMENTO DELL ALLOGGIO IN LOCAZIONE, ANNO 2017 (GIUNTA REGIONALE LOMBARDA DELIBERAZIONE N

Dettagli

Comune di Tivoli. MOZIONE (ex art. 8 Reg. Cons. com.)

Comune di Tivoli. MOZIONE (ex art. 8 Reg. Cons. com.) ! Comune di Tivoli Al Presidente del Consiglio comunale MOZIONE (ex art. 8 Reg. Cons. com.) Oggetto: Elenchi famiglie con morosità incolpevole ed indirizzi per l accesso al Fondo destinato agli inquilini

Dettagli

13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F Novembre 2015

13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F Novembre 2015 1 13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F. 1995-2015 6-7 Novembre 2015 Milano SOSTENGO INTERVENTI ECONOMICI A FAVORE DEI CONIUGI

Dettagli

VULNERABILITÀ SOCIALE: QUADRO DI CONTESTO E STRUMENTI DI ANALISI. Filippo Bongiovanni Milano, 28 gennaio 2016

VULNERABILITÀ SOCIALE: QUADRO DI CONTESTO E STRUMENTI DI ANALISI. Filippo Bongiovanni Milano, 28 gennaio 2016 VULNERABILITÀ SOCIALE: QUADRO DI CONTESTO E STRUMENTI DI ANALISI Filippo Bongiovanni Milano, 28 gennaio 2016 Struttura della presentazione Un chiarimento lessicale Evoluzione congiunturale dell economia

Dettagli

Gli accordi locali per il canone concordato

Gli accordi locali per il canone concordato Gli accordi locali per il canone concordato COS E IL CANONE CONCORDATO? Il canone concordato, introdotto dalla legge 431/98,è un canone di affitto più basso di quello a canone libero (di mercato). Consente

Dettagli

VIVERE IN AFFITTO. Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale. Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto

VIVERE IN AFFITTO. Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale. Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto VIVERE IN AFFITTO Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto Roma, 4 Aprile, 2007 1. IL QUADRO 1.1. La crisi dell affitto Dopo anni di

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI IL FONDO DI HOUSING SOCIALE TRENTINO GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI Il Fondo di Housing Sociale Trentino è un patrimonio autonomo raccolto, mediante una o più emissioni

Dettagli