QUADRO RQ IMPOSTE SOSTITUTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO RQ IMPOSTE SOSTITUTIVE"

Transcript

1 QUADRO RQ IMPOSTE SOSTITUTIVE P.Sa. PERIODO D IMPOSTA 008 CODICE FISCALE SOCIETÀ DI PERSONE 009 REDDITI QUADRO RQ Imposte sostitutive genzia ntrate Mod. N. SEZIONE I RQ Conferimenti o cessioni di beni o aziende in favore RQ di C.A.F. (art. 8 della L. n. /000) SEZIONE II Scioglimento o trasformazione della società considerata non operativa Plusvalenze da conferimenti di beni o aziende RQ Totale delle plusvalenze RQ sostitutiva dovuta RQ Crediti d imposta concessi alle imprese RQ6 sostitutiva da versare Importo Reddito RQ8 Maggiore valore dei beni RQ9 Riserve e fondi in sospensione RQ0 Saldi attivi di rivalutazione RQ Totale imposta 0% 0% % Codice fiscale Plusvalenze RQ Totale RQ6 Prima rata imposte versate RQ da versare Imponibile RQ Prima rata imposta versata su deduzioni extracontabili RQ Maggiori valori dei beni 008 RQ Totale imposte RQ Prima rata dovuta Imponibile del periodo d imposta Imponibile periodi d imposta precedenti dovuta Immateriali Imponibile Materiali Maggiori valori dei beni 00 6 Totale imposta su deduzioni extracontabili 6 6 0% RQ0 RQ 0% SEZIONE IV RQ Imposte sostitutive per riserve in RQ8 sospensione e deduzioni extracontabili RQ9 (art., commi, lett. q), e 8, della L. n. /00) Aliquota RQ SEZIONE III sostitutiva RQ per conferimenti in SIIQ e SIINQ (art., commi 9 e ss. RQ della L. n. 96/006) SEZIONE V sostitutiva sui maggiori valori dei beni (art., c. della L. n. /00 e art. 6 del Tuir) Plusvalenze da cessioni di beni, aziende o di rami di aziende continua Unico 009 Società di persone ed equiparate

2 segue Codice fiscale (*) Mod. N. (*) SEZIONE V-A sostitutiva sui maggiori valori dei beni (D.L. n. 8/008) RQ6 Maggiori valori Avviamento Marchi Altre attività immateriali Crediti 6% 0% 6 Totale RQ Componenti reddituali e patrimoniali Importo ai fini imposte dirette Importo IRAP RQ8 Maggiore valore ai fini imposte dirette Maggiore valore ai fini IRAP RQ9 Altre attività 6 Totale SEZIONE VI sostitutiva sulle rimanenze finali (D.L. /6/08 n. ) RQ0 RQ Riliquidazione e versamento Maggior valore 008 dovuta Imponibile Aliquota 6% SEZIONE VII Rivalutazione dei beni (D.L. 8/008) RQ RQ RQ Prima rata imposte versate Rivalutazione dei immobili ammortizzabili Rivalutazione dei immobili non ammortizzabili Importo RQ Totale imposta da versare (somma dei righi RQ e RQ) SEZIONE VIII Affrancamento saldo di rivalutazione RQ6 RQ Prima rata di imposta da versare Saldo di rivalutazione Importo Aliquota 0% RQ8 versata (*) Da compilare per i soli modelli predisposti su fogli singoli, ovvero su moduli meccanografici a striscia continua. Il quadro RQ va compilato: dai soggetti che dalle operazioni di conferimento di beni o aziende nonché da cessioni di beni, di aziende o di rami d aziende, a favore di C.A.F., hanno realizzato plusvalenze e optano per l'applicazione dell'imposta sostitutiva del 9% ai sensi dell'art. 8, L. /000 [CFF Ë 80] (Sez. I); dalle società considerate non operative nel periodo d'imposta in corso al..00, nonché da quelle che a tale data si trovano nel primo periodo d'imposta e che, entro il quinto mese successivo a quello di chiusura del medesimo periodo d'imposta, avendo deliberato lo scioglimento ovvero la trasformazione in società semplice, applicano l'imposta sostitutiva ai sensi dell'art., commi da a 8, L...006, n. 96 (Finanziaria 00) (Sez. II); dalle società o associazioni conferenti che hanno scelto, ex art., co., L...006, n. 96, in alternativa alle ordinarie regole di tassazione, l applicazione Unico 009 Società di persone ed equiparate

3 6 di un imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell Irap, in caso di plusvalenze realizzate all atto del conferimento di immobili e di diritti reali su immobili in società che hanno optato o che, entro la chiusura del periodo d imposta del conferente nel corso del quale è effettuato il conferimento, optano per il regime speciale di cui ai co. 9- dell art., L. 96/006 (Sez. III); dai contribuenti per i quali l art., co., lett. q), L...00, n. (Finanziaria 008), modificando l art. 09, co., lett. b), D.P.R. 9/986, ha previsto, con effetto dal periodo d imposta successivo a quello in corso al..00, la soppressione della facoltà per il contribuente di dedurre nell apposito prospetto della presente dichiarazione (quadro EC) gli ammortamenti dei beni materiali e immateriali, le altre rettifiche di valore, gli accantonamenti, le spese relative a studi e ricerche di sviluppo e le differenze tra i canoni di locazione finanziaria di cui all art. 0, co., D.P.R. 9/986 e la somma degli ammortamenti dei beni acquisiti in locazione finanziaria e degli interessi passivi che derivano dai relativi contratti imputati a conto economico (Sez. IV); dai soggetti che si avvalgono della facoltà di cui all art., co., L...00, n. (Finanziaria 008) di ottenere il riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori di bilancio iscritti in occasione di operazioni effettuate entro il periodo d imposta in corso al..00 o entro il periodo d'imposta successivo a quello in corso al..00, nei limiti previsti (Sez. V); dai soggetti che esercitano le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi o di raffinazione petrolio, produzione o commercializzazione di benzine, petroli, gasoli per usi vari, oli lubrificanti e residuati, di gas di petrolio liquefatto e di gas naturale, il cui volume di ricavi supera le soglie previste per l applicazione degli studi di settore (Sez. VI); dai soggetti indicati nell art., co., lett. a) e b), Tuir, nonché dalle società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate che non hanno adottato i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio e che abbiano scelto, anche in deroga all articolo 6 del Codice civile e ad ogni altra disposizione di legge vigente in materia, di rivalutare i beni immobili, ad esclusione delle aree fabbricabili e degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività di impresa, risultanti dal bilancio in corso al..00 (Sez. VII e VIII). Sezione I Conferimenti o cessioni di beni o aziende in favore di C.A.F. RIGO RQ: RIGO RQ: RIGO RQ: RIGO RQ: Plusvalenze da conferimenti di beni o aziende Va indicato l importo delle plusvalenze realizzate a seguito di conferimento di beni o aziende nei confronti di C.A.F. Il valore di realizzo è dato dal valore attribuito alle partecipazioni ricevute in cambio dell'oggetto conferito, ovvero, se superiore, da quello attribuito all'azienda o ai beni conferiti nelle scritture contabili del soggetto conferitario. Plusvalenze da cessioni di beni, aziende o di rami aziendali Va riportata la plusvalenza realizzata a seguito di cessioni di beni, di aziende o di rami aziendali, effettuate dalle società di servizi il cui capitale sociale sia posseduto a maggioranza assoluta dalle associazioni e organizzazioni di cui all art., co., lett. a), b), c), d), e) e f), D.Lgs. /99 [CFF Ë 698a] nei confronti di C.A.F. Totale delle plusvalenze Deve essere riportata la sommatoria degli importi indicati nei righi RQ e RQ. sostitutiva dovuta Va indicato il 9% dell importo indicato a rigo RQ, che può essere compensato con i crediti di cui al rigo RQ. Unico 009 Società di persone ed equiparate

4 8 stintamente in relazione a ciascuna operazione. L applicazione dell imposta sostitutiva può essere richiesta in entrambi i periodi di esercitabilità dell opzione anche in relazione alla medesima categoria omogenea di immobilizzazioni. In tal caso, in relazione alla medesima operazione, il soggetto conferitario, incorporato, fuso o scisso, ai fini della determinazione dell aliquota applicabile nel secondo dei suddetti periodi, assumono rilevanza anche le differenze di valore assoggettate a imposta sostitutiva nel primo periodo. Qualora si sia destinatari di più operazioni straordinarie, ai fini delle aliquote applicabili, occorre considerare la totalità dei maggiori valori che si intendono affrancare, cumulando tutte le operazioni effettuate nel medesimo periodo d imposta. A tal fine nella presente sezione va data evidenza complessivamente dei valori affrancati e dell imposta relativi a ciascuna operazione, indicando nel rigo RQ, i dati per gli affrancamenti relativi al 00 e di cui si è proceduto ad assoggettare parzialmente nella precedente dichiarazione ad imposta sostitutiva, e nel rigo RQ, i dati per gli affrancamenti relativi al 008. RIGHI RQ-RQ: Vanno indicati: l in colonna, l ammontare dei maggiori valori attribuiti ai beni materiali; l in colonna, l ammontare dei maggiori valori attribuiti ai beni immateriali; l in colonna, l importo complessivo derivante dalla somma di colonna e colonna costituente la base imponibile dell imposta sostitutiva; si precisa che sono escluse dalla suddetta base imponibile, ai sensi del co. 6 dell art. del decreto citato, le differenze tra i valori civili e fiscali relative alle immobilizzazioni cedute nel corso dello stesso periodo d imposta di esercizio dell opzione, anteriormente al versamento della prima rata dovuta; l in colonna, l importo dell imposta sostitutiva determinato applicando le aliquote del %, % e 6% agli scaglioni previsti dal co. -ter dell art. 6, Tuir. Il versamento dell imposta sostitutiva deve avvenire in tre rate: la prima, pari al 0% dell importo complessivamente dovuto, entro il termine per il versamento a saldo dell imposta sul reddito e dell Irap relative al periodo d imposta dell operazione di conferimento ovvero, in caso di opzione ritardata o reiterata, a quello successivo; la seconda, pari al 0% (con interessi del,%); la terza, pari al 0%, entro il termine per il versamento a saldo dell imposta sul reddito e dell Irap relative, rispettivamente, al primo e al secondo ovvero al secondo e al terzo periodo successivi a quello dell operazione (con interessi del,%). L opzione si considera perfezionata con il versamento della prima delle tre rate dell imposta dovuta. RIGO RQ: Totale imposte Va indicato l importo complessivo dell imposta sostitutiva dovuta pari alla somma delle colonne dei righi RQ e RQ. RIGO RQ: Prima rata dovuta Va indicato l importo della prima rata annuale pari al 0% del rigo RQ. Sezione V-A In deroga alle disposizioni del co. -ter dell art. 6, Tuir e del relativo decreto di attuazione per le quali si compila la precedente Sezione V, il soggetto beneficiario dell operazione straordinaria che eserciti l opzione prevista dall art., co. 0, D.L , Unico 009 Società di persone ed equiparate

5 8 n. 8, conv. con modif. con L , n., è tenuto a compilare la presente Sezione V-A. L opzione consiste nell assoggettare, in tutto o in parte, ad imposta sostitutiva di cui al co. -ter, art. 6, Tuir con l aliquota del 6%, i maggiori valori attribuiti in bilancio all avviamento, ai marchi d impresa e alle altre attività immateriali. Con tale opzione il soggetto beneficiario potrà effettuare nella dichiarazione ai fini Irpef e Irap del periodo di imposta successivo a quello nel corso del quale è versata l imposta sostitutiva, la deduzione di cui all art. 0, Tuir e agli artt., 6 e, D.Lgs. 6/99, del maggior valore dell avviamento e dei marchi d impresa in misura non superiore ad un nono, a prescindere dall imputazione al conto economico. Allo stesso modo, a partire dal medesimo periodo di imposta di cui sopra saranno deducibili le quote di ammortamento del maggior valore delle altre attività immateriali nel limite della quota imputata a conto economico e, comunque, in misura non superiore ad un nono del valore stesso. Il successivo co., dell art. stabilisce che le predette disposizioni sono applicabili anche per riallineare i valori fiscali ai maggiori valori attribuiti in bilancio ad attività diverse da quelle indicate nell art. 6, co. -ter, Tuir. In questo caso tali maggiori valori sono assoggettati a tassazione con aliquota ordinaria, ed eventuali maggiorazioni, rispettivamente dell Irpef e dell Irap separatamente dall imponibile complessivo. La presente opzione può essere esercitata anche con riguardo a singole fattispecie, come definite dal co. dell art., D.L. 8/008. Per singole fattispecie si intendono i componenti reddituali e patrimoniali delle operazioni aventi la medesima natura ai fini delle qualificazioni di bilancio e dei relativi rapporti di copertura. Il regime qui previsto si rende applicabile per i disallineamenti derivanti dalle operazioni societarie straordinarie effettuate a decorrere dall esercizio successivo a quello in corso al..00 e, ai sensi del citato art., co., L. /00, anche per quelle effettuate precedentemente. In tal caso i soggetti che avessero già esercitato l opzione possono aderire al suddetto regime di riallineamento riliquidando l'imposta sostitutiva dovuta. I maggiori valori assoggettati ad imposta sostitutiva si considerano riconosciuti fiscalmente a partire dall inizio del periodo d imposta nel corso del quale è versata l imposta sostitutiva. RIGO RQ6: Maggiori valori Vanno indicati gli importi dei maggiori valori derivanti dalle differenze tra importi civili e fiscali relativi all avviamento, colonna, ai marchi d impresa, colonna, e alle altre attività immateriali (tra le quali si intende compresa qualsiasi immobilizzazione immateriale a vita indefinita), colonna. In colonna va indicato l importo corrispondente all imposta sostitutiva dovuta, determinato applicando l aliquota del 6% alla somma degli importi indicati nelle colonne, e. Se i maggiori valori sono relativi ai crediti l importo del disallineamento va indicato in colonna e l imposta sostitutiva dovuta, in colonna 6, applicando l aliquota del 0% all importo di colonna, in colonna va indicata la somma degli importi di cui alle colonne e 6 pari all'imposta complessiva dovuta. Tali importi vanno versati in unica soluzione entro il termine di versamento a saldo delle imposte relative all esercizio nel corso del quale è stata posta in essere l operazione utilizzando gli appositi codici tributo. RIGHI RQ-RQ8: vanno indicati, in colonna, la denominazione delle componenti reddituali e patrimoniali relative ad attività diverse da quelle indicate nell'art. 6, comma -ter, Tuir per le quali si è optato per il riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori atrribuiti in bilancio e, colonna, il corrispondente importo del disallineamento rilevante ai fini dell'irpef e in colonna il cor- Unico 009 Società di persone ed equiparate

6 8 rispondente importo del disallineamento rilevante ai fini dell'irap. In tale ultimo caso nel rigo RQ9, comma, va indicato l'importo dei maggiori valori rilevanti ai fini delle imposte dirette corrispondente alla somma della colonna dei righi RQ e RQ8, mentre in colonna la somma dei maggiori valori rilevanti ai fini Irap corrispondente alla somma della colonna dei righi RQ e RQ8. L'importo indicato nel RQ9, colonna, va riportato nel quadro RN al rigo RN. Diversamente, qualora si sia optato per assoggettare a tassazione il valore complessivo delle divergenze civili e fiscali, non vanno compilati i righi RQ e RQ8 e va indicato nel rigo RQ9 in colonna l'importo totale del riallineamento ai fini delle imposte dirette. L'importo indicato nel rigo RQ9, colonna va riportato nel quadro RN al rigo RN. In colonna, l'importo totale del riallineamento ai fini Irap e, in colonna, l'imposta corrispondente all'applicazione dell'aliquota ordinaria dell'irap (la cui percentuale va indicata in colonna ) e in colonna 6 l'imposta corrispondente all'eventuale maggiorazione dell'irap (la cui percentuale va indicata in colonna ); in colonna, l'importo complessivo dell'imposta dovuta, pari alla somma degli importi delle colonne e 6 del rigo RQ9, che deve essere versata in unica soluzione entro il termine di versamento a saldo delle imposte relative all'esercizio nel corso del quale è stata posta in essere l'operazione utilizzando l'apposito codice tributo. Qualora alla data di entrata in vigore del D.L. 9 novembre 008, n. 8, relativamente alle operazioni straordinarie sia stata già esercitata l'opzione prevista dell'art., comma, L. /00, si procede a riliquidare l'imposta sostitutiva dovuta versando la differenza. A tal fine nel rigo RQ0, comma, deve essere indicato l'importo derivante dalla riliquidazione effettuata ai sensi del comma relativa all'imposta sostitutiva versata in precedenza e in colonna, l'importo dell'imposta dovuta pari alla somma degli importi indicati nella colonna del rigo RQ6 e nella colonna del rigo RQ9 al netto dell'importo di cui alla colonna. Tale importo deve essere versato in unica soluzione entro il termine di versamento a saldo delle imposte relative al periodo d'imposta successivo a quello in corso al dicembre 00. Si precisa che qualora alla data di entrata in vigore del D.L. 8/008, relativamente alle operazioni straordinarie per le quali sia stata già esercitata l opzione prevista dall art., co., L. /00, è necessario procede a riliquidare l imposta sostitutiva dovuta versando la differenza. RIGO RQ0: Riliquidazione e versamento In colonna, va indicata la relativa imposta versata in precedenza e in colonna, l importo dell imposta dovuta pari alla somma degli importi indicati nella colonne del rigo RQ6 e nel rigo RQ9. L eventuale differenza a seguito di riliquidazione va versata in unica soluzione entro il termine di versamento a saldo delle imposte relative all esercizio nel corso del quale è stata posta in essere l operazione utilizzando l apposito codice tributo. Sezione VI sostitutiva sulle rimanenze finali Il presente prospetto va compilato dai soggetti che esercitano le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi o di raffinazione petrolio, produzione o commercializzazione di benzine, petroli, gasoli per usi vari, oli lubrificanti e residuati, di gas di petrolio liquefatto e di gas naturale, il cui volume di ricavi supera le soglie previste per l applicazione degli studi di settore. Ai sensi dell art. 8, co. 9, D.L. /008, conv. con modif. con L. /008, è stato Unico 009 Società di persone ed equiparate

7 8 introdotto l art. 9-bis, Tuir, con decorrenza dal periodo d imposta in corso alla data del Per i soggetti interessati la valutazione delle rimanenze finali dei beni indicati all art. 8, co., lett. a) e b), Tuir è effettuata secondo il metodo della media ponderata o del «primo entrato primo uscito» (c.d. FIFO), anche se non adottati in bilancio. La disposizione si applica anche ai soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs ed anche a quelli che abbiano esercitato, relativamente alla valutazione dei beni fungibili, l opzione di cui all art., co., D.Lgs. 8/00. Il maggior valore delle rimanenze finali che si determina per effetto della prima applicazione dell art. 9-bis, Tuir anche per le imprese che si sono avvalse dell opzione di cui all art., co. e, D.Lgs. 8/00 è soggetto ad un imposta sostitutiva dell imposta sul reddito delle società e dell imposta regionale sulle attività produttive con l aliquota del 6%. RIGO RQ: Maggior valore In colonna, va indicato l importo corrispondente alla differenza positiva risultante dalla applicazione del metodo della media ponderata o del FIFO ai beni sopra indicati rispetto al diverso metodo eventualmente adottato, che non concorre alla formazione del reddito di cui al quadro RF in quanto escluso. In colonna va indicato l importo risultante dall applicazione dell aliquota sostitutiva del 6% all importo di colonna. Ex art. 8, co., D.L. /008, l imposta sostitutiva dovuta è versata in un unica soluzione contestualmente al saldo dell imposta personale dovuta per l esercizio di prima applicazione dell art. 9-bis, Tuir. Alternativamente, il contribuente può versare l imposta sostitutiva in tre rate di eguale importo contestualmente al saldo delle imposte sul reddito relative all esercizio di prima applicazione del predetto art. 9-bis, Tuir e dei due esercizi successivi. RIGO RQ: Prima rata imposte versate Va indicato l importo della prima rata. In caso di rateizzazione sulla seconda e terza rata maturano interessi al tasso annuo semplice del %. Tuttavia poiché fino al terzo esercizio successivo all applicazione della citata disposizione le svalutazioni determinate in base all art. 9, co., Tuir fino a concorrenza del maggior valore assoggettato ad imposta sostitutiva non concorrono alla formazione del reddito ai fini dell Ires e dell Irap, le predette svalutazioni determinano la riliquidazione della stessa imposta sostitutiva. In tal caso l importo corrispondente al 6% di tali svalutazioni è computato in diminuzione delle rate di eguale importo ancora da versare; l eccedenza è compensabile a valere sui versamenti a saldo ed in acconto dell imposta sul reddito. Sezioni VII e VIII Rivalutazione dei beni d impresa e affrancamento saldi di rivalutazione Le sezioni VII e VIII vanno compilate, ex art., D.L. 8/008, conv. con modif. con L. /009, dai soggetti indicati nell art., co., lett. a) e b), Tuir, nonché dalle società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate che non hanno adottato Unico 009 Società di persone ed equiparate

8 86 i principi contabili internazionali nella redazione del bilancio e che abbiano scelto, anche in deroga all art. 6 del Codice civile e ad ogni altra disposizione di legge vigente in materia, di rivalutare i beni immobili, ad esclusione delle aree fabbricabili e degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività di impresa, risultanti dal bilancio in corso al..00. La rivalutazione va eseguita nel bilancio o rendiconto dell esercizio successivo a quello in corso al..00, per il quale il termine di approvazione scade successivamente alla data di entrata in vigore del D.L. 8/008 e deve riguardare tutti i beni appartenenti alla stessa categoria omogenea e va annotata nel relativo inventario e nella nota integrativa. Si intendono compresi in due distinte categorie gli immobili ammortizzabili e quelli non ammortizzabili. Il saldo attivo risultante dalle rivalutazioni eseguite va imputato al capitale o accantonato in una speciale riserva designata con riferimento al D.L. 8/008, con esclusione di ogni diversa utilizzazione. La predetta riserva ai fini fiscali costituisce riserva in sospensione di imposta. La riserva, ove non venga imputata al capitale, può essere ridotta soltanto con l osservanza delle disposizioni dei commi secondo e terzo dell art. del Codice civile. Pertanto le imprese possono procedere alla rivalutazione degli immobili ammortizzabili e quelli non ammortizzabili, con esclusione delle aree fabbricabili e degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività di impresa, che risultano dal bilancio relativo all esercizio chiuso entro il..00. Sui maggiori valori iscritti in bilancio per effetto della rivalutazione è dovuta un imposta sostitutiva dell imposta sul reddito delle persone fisiche, dell Irap e di eventuali addizionali nella misura fissata al co. 0 dell'art. del D.L. 8/008, a seconda che si tratti di immobili ammortizzabili o immobili non ammortizzabili, da computare in diminuzione del saldo attivo della rivalutazione ed è indeducibile. Il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere riconosciuto ai fini delle imposte sui redditi e dell Irap a decorrere dal terzo esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita, con il versamento dell imposta sostitutiva. Il saldo attivo della rivalutazione può essere affrancato con l applicazione di una imposta sostitutiva dell imposta sul reddito delle persone fisiche, dell Irap e di eventuali addizionali nella misura del 0%. Le predette imposte sostitutive vanno versate, a scelta del contribuente, in un unica soluzione entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo di imposta con riferimento al quale la rivalutazione è eseguita, ovvero in tre rate di cui la prima con la medesima scadenza di cui sopra e le altre con scadenza entro il termine rispettivamente previsto per il versamento a saldo delle imposte sui redditi relative ai periodi d imposta successivi. In caso di versamento rateale sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi legali con la misura del % annuo da versarsi contestualmente al versamento di ciascuna rata. Gli importi da versare possono essere compensati ai sensi del D.Lgs. /99. Per il versamento dell imposta sostitutiva vanno utilizzati gli appositi codici tributo. Ai sensi dell art., co., D.L. 8/008, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni previste dagli artt., e, L. /000 e quelle previste dal D.M...00, n. 6 e dal D.M , n. 86. Sezione VII Rivalutazione dei beni RIGO RQ: Rivalutazione degli immobili ammortizzabili. In colonna, l ammontare dei maggiori valori attribuiti agli immobili Unico 009 Società di persone ed equiparate

9 8 ammortizzabili e, colonna, l imposta sostitutiva pari alla percentuale indicata nel predetto co. 0 dell'art. del D.L. 8/008 dell importo indicato in colonna. RIGO RQ: Rivalutazione degli immobili non ammortizzabili. In colonna, l ammontare dei maggiori valori attribuiti agli immobili non ammortizzabili e, colonna, l imposta sostitutiva pari alla percentuale indicata nel predetto co. 0 dell'art. del D.L. 8/008 dell importo indicato in colonna. RIGO RQ: Totale imposta da versare (somma del righi RQ e RQ) Va indicata la somma degli importi indicati nella colonna dei righi RQ e RQ, corrispondente all importo dell imposta da versare. RIGO RQ6: Prima rata di imposta da versare In caso di opzione, l importo corrispondente alla prima delle tre rate ai sensi del co., art., D.L. 8/008, dell imposta di cui al rigo RQ. Sezione VIII Affrancamento del saldo di rivalutazione RIGO RQ: Saldo di rivalutazione In colonna, va indicato l ammontare del saldo di rivalutazione da assoggettare ad imposta sostitutiva e, in colonna, l imposta sostitutiva pari al 0% dell importo di colonna. RIGO RQ8: versata In caso di scelta per il versamento in forma rateale, l importo corrispondente alla prima delle tre rate previste ai sensi del co., art., D.L. 8/008, dell imposta di cui al rigo RQ, colonna. Unico 009 Società di persone ed equiparate

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007.

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007. Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo RISOLUZIONE N. 127/E OGGETTO: Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite modello F24, dell imposta sostitutiva per i contribuenti

Dettagli

R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP

R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP 15.1 Sezione I Conferimenti o cessioni di beni o di aziende in favore di CAF (art. 8 della L. n. 342/2000) 15.2 Sezione II Imposta

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE FISCALE B R B G D E M M 0 K TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA Correttiva nei termini Dichiarazione integrativa a favore REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA VENETO Dichiarazione

Dettagli

La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS

La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS Enrico Macario Agenzia delle Entrate DR Liguria Rivalutazione immobili E finalizzata

Dettagli

Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali. Luca Miele Dottore Commercialista

Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali. Luca Miele Dottore Commercialista Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali Luca Miele Dottore Commercialista TRASFERIMENTI DI AZIENDA Anni 2004-2007 2007 In caso di trasferimenti di azienda, la rilevanza

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE OPERAZIONI STRAORDINARIE Il Conferimento d azienda a cura del Dott. Pietro Buttitta Il Conferimento d azienda Gli aspetti civilistici Gli aspetti fiscali Gli aspetti contabili Il conferimento d azienda

Dettagli

La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore.

La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore. La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore. Con l emanazione del DPCM in corso di pubblicazione sulla G.U. è ufficiale la proroga di 20 giorni del termine

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI Prof. Gianfranco FERRANTI Diretta 20 aprile 2009 OBIETTIVO DELLA NORMA: Consentire alle imprese di evidenziare la loro effettiva patrimonializzazione ai fini

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 26 Novembre 2015 Agenda Definizione di conferimento d azienda o di ramo d azienda Regime di neutralità applicabile ai

Dettagli

Oggetto: RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI NEL BILANCIO 2008

Oggetto: RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI NEL BILANCIO 2008 www..com posta@.com Altavilla Vicentina, 31 marzo 2009 associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni tirocinanti dottori commercialisti viviana gentile gaia peloso collaboratori

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca 1 LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA commi da 469 a 472 art. 1 legge 266/2005 Resta immutata la

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Le novità normative e gli impatti sugli intermediari finanziari La nuova imposizione dei redditi di natura finanziaria dopo il D.L.

Dettagli

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009.

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. Torino, 09/06/2009 SCADENZARIO TRIBUTARIO: GIUGNO 2009 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. 1 15 Lunedì IVA Fatturazione differita: Scade il termine per l emissione

Dettagli

Scadenze fiscali: LUGLIO 2011

Scadenze fiscali: LUGLIO 2011 Scadenze fiscali: LUGLIO 2011 data soggetti adempimento modalità codici tributo mercoledì persone fisiche, società semplici, società di persone ovvero persone fisiche che partecipano a società soggette

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi

D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 5 dicembre 2008 a cura dello Studio De Vito e Associati : D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi 00198 Roma 20122 Milano P.IVA Cod. Fisc. 04011511005

Dettagli

Dottori commercialisti

Dottori commercialisti Principali novità di UNICO SC 2009 fascicolo 2 SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Quadro EC Quadro EC riallineamento valori

Dettagli

Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta

Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta a cura di Antonio Gigliotti L art. 15 del D.L. 185/2008 (convertito con modif. dalla L 2/2009) prevede la possibilità di procedere alla rivalutazione

Dettagli

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n.

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 109. [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n. 112 - L. 6 agosto 2008, n. 133 Decorrenza: Dal periodo

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 19 novembre 2013 108/GD/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Contenuto in sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Al 31/12/2008 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

Modalità di attuazione dei commi 150 e 151 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147. IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Modalità di attuazione dei commi 150 e 151 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147. IL DIRETTORE DELL AGENZIA N. protocollo 2014/77035 Modalità di attuazione dei commi 150 e 151 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147. IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

I contratti di trasferimento a titolo oneroso della titolarità (cessione e conferimento) e della gestione dell azienda.

I contratti di trasferimento a titolo oneroso della titolarità (cessione e conferimento) e della gestione dell azienda. CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL DIRITTO TRIBUTARIO PER IL NOTAIO CONSULENTE I contratti di trasferimento a titolo oneroso della titolarità (cessione e conferimento) e della gestione dell azienda Domande

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

Studio Denti & Associati Via Aspromonte 55 Nuoro

Studio Denti & Associati Via Aspromonte 55 Nuoro Egr. Clienti Loro sedi Nuoro, 07 novembre 2016 OGGETTO: Acconti d imposta 2016. Entro il prossimo mercoledì 30 novembre 2016 andrà versata la seconda rata d acconto relativa alle imposte sui redditi ed

Dettagli

Le novità del modello Unico ENC

Le novità del modello Unico ENC Variazioni in aumento L articolo 3, comma 16-quater del D.L. 16/2012, ha modificato l articolo 102, comma 6, del TUIR eliminando la disposizione in base alla quale per i beni ceduti, nonché per quelli

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Misura del versamento L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61

Dettagli

IL RIALLINEAMENTO FISCALE DEI VALORI CONTABILI A SEGUITO DI OPERAZIONI STRAORDINARIE

IL RIALLINEAMENTO FISCALE DEI VALORI CONTABILI A SEGUITO DI OPERAZIONI STRAORDINARIE IL RIALLINEAMENTO FISCALE DEI VALORI CONTABILI A SEGUITO DI OPERAZIONI STRAORDINARIE Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di

Dettagli

Tassazione separata dei redditi delle imprese individuali, SNC e SAS. Rivalutazione di terreni e partecipazioni. Prof.

Tassazione separata dei redditi delle imprese individuali, SNC e SAS. Rivalutazione di terreni e partecipazioni. Prof. Operazioni straordinarie. Tassazione separata dei redditi delle imprese individuali, SNC e SAS. Rivalutazione di terreni e partecipazioni. Prof. Marco PIAZZA La Finanziaria 2008 Operazioni straordinarie

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV

Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV a cura di Gianluca Cristofori Cristofori + Partners s.s.t.p. Milano Torino Verona Ammortamenti deducibili da parte della conferitaria Norma di comportamento ADC

Dettagli

SOCIETÀ di PERSONE, di CAPITALI ed ENC: NOVITÀ di UNICO 2016

SOCIETÀ di PERSONE, di CAPITALI ed ENC: NOVITÀ di UNICO 2016 Circolare informativa per la clientela n. 16/2016 del 5 maggio 2016 SOCIETÀ di PERSONE, di CAPITALI ed ENC: NOVITÀ di UNICO 2016 In questa Circolare 1. Unico società di capitali, di persone e Enc: novità

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore

730, Unico 2016 e Studi di settore 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 103 28.09.2016 Quadro RT e controllo delle plusvalenze A cura di Devis Nucibella Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone fisiche

Dettagli

Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011.

Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011. Irap 2011: nel quadro IS la rideterminazione dell acconto 2010 Casi pratici ed esempi di compilazione del modello IRAP 2011 sono tratti dal volume di Gianluca Dan e Angelo Francioso, IRAP 2011, Ipsoa 2011.

Dettagli

Le novità in tema di deduzione del valore riallineato dei marchi e dell avviamento

Le novità in tema di deduzione del valore riallineato dei marchi e dell avviamento Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Federico Salvadori * Le novità in tema di deduzione del valore riallineato dei marchi e dell avviamento Con la conversione in legge del D.L.

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 11 novembre 2016 167/ER/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca - Acconti 2016 RN61 Mod. Unico2016PF Inferiore o uguale a 51,65 Superiore a 51,65

Dettagli

Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI

Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI ADEMPIMENTO SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESCLUSI COME SI COMPILA Il quadro SX è utilizzato per evidenziare i dati riepilogativi dei crediti e le compensazioni

Dettagli

UNICO PF ADEMPIMENTO " RIFERIMENTI " Legge 27 dicembre 2013 n. 147, art. 1 c. 156 lett. a) SOGGETTI INTERESSATI " PROCEDURE " SCADE "

UNICO PF ADEMPIMENTO  RIFERIMENTI  Legge 27 dicembre 2013 n. 147, art. 1 c. 156 lett. a) SOGGETTI INTERESSATI  PROCEDURE  SCADE UNICO PF quadri RT e RM: rivalutazione delle partecipazioni edellequotesocietarie Riccardo Rizzi e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " FISCO I contribuenti hanno l opportunità

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. N. 62935/2009 protocollo Modificazioni delle istruzioni e dei modelli di dichiarazione UNICO 2009-SP, UNICO 2009-ENC, UNICO 2009-SC, Consolidato nazionale e mondiale 2009 e IRAP 2009 e dei modelli per

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009 COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 00 In base a quanto previsto dalla Finanziaria 00, a decorrere dal 00 la tradizionale dichiarazione IRAP è separata dal modello UNICO e i contribuenti devono trasmettere il

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

REDDITI QUADRO RV Riconciliazione dati di bilancio e fiscali - Operazioni straordinarie. Tipo di beni/voce di bilancio 1 2 ,00

REDDITI QUADRO RV Riconciliazione dati di bilancio e fiscali - Operazioni straordinarie. Tipo di beni/voce di bilancio 1 2 ,00 CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 SOCIETÀ DI CAPITALI 0 genzia ntrate REDDITI QUADRO RV Riconciliazione dati di bilancio e fiscali - Operazioni straordinarie Mod. N. SEZIONE I RICONCILIAZIONE DATI DI

Dettagli

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Prot. 298/2012 Milano, 12-11-2012 Circolare n. 110/2012 AREA: Circolari, Fiscale Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Con l avvicinarsi della scadenza del 30 novembre, termine

Dettagli

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate.

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate. IRAP 2013: cosa c'è di nuovo? Andrea Sergiacomo Il modello IRAP 2013, è destinato ad accogliere le nuove deduzioni per le imprese che assumono a tempo indeterminato lavoratrici e under 35, aumentate nel

Dettagli

Scadenze fiscali: GIUGNO 2013

Scadenze fiscali: GIUGNO 2013 Scadenze fiscali: GIUGNO 2013 data soggetti adempimento modalità codici tributo venerdì 14 lunedì 17 lunedì 17 datori di lavoro o enti pensionistici che prestano assistenza fiscale soggetti Iva contribuenti

Dettagli

SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016

SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016 SALDO IMPOSTE DIRETTE E ACCONTO 2016 1. Importi da versare a saldo e primo acconto dell Irpef 2. Termini di versamento e modalità di versamento 3. Rateazione Il saldo Irpef e relative addizionali risultanti

Dettagli

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI

RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare ELIMINAZIONE DEDUZIONE EXTRACONTABILI (QUADRO

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 46 21.05.2015 Rivalutazione quote e terreni in Unico Categoria: Rivalutazione Sottocategoria: Terreni e partecipazioni I soggetti che hanno

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Trasformazione delle imposte differite attive in crediti d imposta Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Marco Ciavattini Art.

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE RE Compensi derivanti dall attività professionale o artistica

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 11 26.03.2014 Rivalutazione nel bilancio 2013 A cura di Devis Nucibella Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 La Legge di Stabilità 2014, art. 1,

Dettagli

STUDIO DUCOLI. La proroga al della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni

STUDIO DUCOLI. La proroga al della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni Servizio circolari per la clientela Circolare del 08 Ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni 1 LA PROROGA DELLA RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Dettagli

Sono ammesse al regime sia le società di persone che le società di capitali (nonché gli enti commerciali).

Sono ammesse al regime sia le società di persone che le società di capitali (nonché gli enti commerciali). Operazioni straordinarie e decreto anti-crisi: i chiarimenti sul riallineamento Agenzia Entrate, circolare 11.06.2009 n. 28 L opzione per il regime di riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori

Dettagli

Trasformazione di società

Trasformazione di società Trasformazione di società ed enti Tipologie di trasformazione Con la trasformazione un ente cambia veste giuridica, passando da un tipo a un altro (artt. 2498 ss. cod. civ.). Si può trattare di trasformazione

Dettagli

SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP

SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP Circolare informativa per la clientela n. 32/2012 dell'8 novembre 2012 SECONDO ACCONTO d'imposta 2012 IRPEF, IRES e IRAP In questa Circolare 1. Imposte Acconti 2. Secondo acconto Irpef 3. Secondo acconto

Dettagli

(di cui per adeguamento ai parametri o agli studi di settore, per emersione ) Totale compensi (RE2 + RE3 + RE4)

(di cui per adeguamento ai parametri o agli studi di settore, per emersione ) Totale compensi (RE2 + RE3 + RE4) 08UNI/00 quadro RE 8-0-00 8: Pagina (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE Periodo d imposta 00 LIRE Sezione I RISERVATA AI SOGGETTI OBBLIGATI ALLA TENUTA DELLE SCRITTURE CONTABILI Redditi

Dettagli

La disciplina fiscale della cessione di azienda

La disciplina fiscale della cessione di azienda La disciplina fiscale della cessione di azienda Imposte dirette Ai fini delle imposte sui redditi, vi sono le seguenti modalità di tassazione della plusvalenza (pari alla differenza tra il corrispettivo

Dettagli

OGGETTO: Riaperta la rivalutazione di terreni e partecipazioni

OGGETTO: Riaperta la rivalutazione di terreni e partecipazioni OGGETTO: Riaperta la rivalutazione di terreni e partecipazioni Premessa La Legge di Stabilità 2014 ripropone le agevolazioni fiscali introdotte e disciplinate dagli artt. 5 e 7 della L. n. 448/2001 riguardanti

Dettagli

Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016

Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016 Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016 [Carta intestata dello Studio] Spett.le [Fare clic qui e digitare] [Fare clic qui e digitare la sede] [Fare clic qui e digitare luogo

Dettagli

LE ALTRE NOVITÀ DEI MODELLI. dott. Gianluca Odetto

LE ALTRE NOVITÀ DEI MODELLI. dott. Gianluca Odetto LE ALTRE NOVITÀ DEI MODELLI dott. Gianluca Odetto DICHIARAZIONE INTEGRATIVA A FAVORE RETTIFICA DELLA DICHIARAZIONE - RIMBORSI Presentazione della dichiarazione integrativa a favore: entro il termine per

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni PERIODO D IMPOSTA 00 0 QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni RE Codice attività parametri: cause di esclusione studi di settore: cause di esclusione RE Compensi

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2009

MODELLO 730-3 redditi 2009 MODELLO 730-3 redditi 009 prospetto di liquidazione relativo alla assistenza fiscale prestata genzia ntrate Impegno ad informare il contribuente di eventuali comunicazioni dell Agenzia delle Entrate relative

Dettagli

Affrancamento delle partecipazioni non qualificate - Termine del per il versamento dell imposta sostitutiva

Affrancamento delle partecipazioni non qualificate - Termine del per il versamento dell imposta sostitutiva Circolare informativa n. 15 Affrancamento delle partecipazioni non qualificate - Termine del 17.11.2014 per il versamento dell imposta sostitutiva 1 PREMESSA Con l art. 3 co. 15-18 del DL 24.4.2014 n.

Dettagli

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza

I fondi non istituzionali e la tassazione per trasparenza I fondi non istituzionali e la Direttore Settore Fiscale 1 Sommario Il regime di tassazione dei fondi non istituzionali Il regime di tassazione per «trasparenza» degli investitori non istituzionali residenti

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

SCADENZARIO FISCALE LUGLIO 2015

SCADENZARIO FISCALE LUGLIO 2015 SCADENZARIO FISCALE LUGLIO 2015 1 Mercoledì Parti contraenti di contratti di locazione e affitto che non abbiano optato per il regime della "cedolare secca" Versamento dell'imposta di registro sui contratti

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 32/2008 Data: 9 giugno 2008 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 GIUGNO AL 15 LUGLIO 2008 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 giugno al 15 luglio 2008, con il commento dei

Dettagli

L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI

L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma Docente alla Scuola di Polizia Tributaria

Dettagli

La rivalutazione dei beni d impresa

La rivalutazione dei beni d impresa Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 La rivalutazione dei beni d impresa Slide a cura di Francesco Chiaravalle 1 Sommario Premessa Ambito soggettivo Ambito oggettivo Modalità contabili e limiti

Dettagli

Sommario: 1. Premessa. 2. Ambito soggettivo. 3. Ambito oggettivo. Pag 1 di 5

Sommario: 1. Premessa. 2. Ambito soggettivo. 3. Ambito oggettivo.  Pag 1 di 5 Il nuovo regime di riallineamento dei maggiori valori derivanti da operazioni straordinarie - art. 15, commi 10-12, dl n. 185/2008 FRANCESCA SPITALE 23/07/2009 Sommario: 1. Premessa - 2. Ambito Soggettivo

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00 BOZZA INTERNET DEL //00 ore :00 00 genzia ntrate EURO Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti

Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti QUADRO RF 106 E SS PROSPETTO DEL PN Capitale sociale: esplicitare le somme trasferite riguardanti i fondi pubblici per le quali la legge ha permesso l imputazione

Dettagli

Torino, 10/07/2012 SCADENZARIO TRIBUTARIO: LUGLIO 2012. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di luglio 2012.

Torino, 10/07/2012 SCADENZARIO TRIBUTARIO: LUGLIO 2012. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di luglio 2012. Torino, 10/07/2012 SCADENZARIO TRIBUTARIO: LUGLIO 2012 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di luglio 2012. 09 Lunedì UNICO 2012 Persone fisiche e Società di persone titolari di partita

Dettagli

Perugia, 24 aprile Spett.le Cliente. Circolare 5/2009. Oggetto: Le rivalutazioni degli immobili

Perugia, 24 aprile Spett.le Cliente. Circolare 5/2009. Oggetto: Le rivalutazioni degli immobili Sabrina Causio Vincenzo Consiglio Antonello Fagotti Giuseppe Fornari Annalisa Monelletta Sandro Paiano Filippo Maria Pantini Flavia Ricci Massimiliano Tessenda Luca Vannucci * Francesca Ferroni Grazia

Dettagli

L AGEVOLAZIONE ACE E IL MOD. UNICO 2013 SC

L AGEVOLAZIONE ACE E IL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 105 18 APRILE 2013 DICHIARAZIONI L AGEVOLAZIONE ACE E IL MOD. UNICO 2013 SC Art. 1, DL n. 201/2011 Decreto MEF 14.3.2012 Circolare Agenzia Entrate 20.9.2012, n. 35/E Informativa SEAC 14.3.2013,

Dettagli

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2.1 Generalità Il quadro IP va utilizzato dalle società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2012 ai fini dell

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 46 del 14 ottobre 2011 La manovra di Ferragosto (DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di IRES INDICE 1 Premessa... 2

Dettagli

LA TASSAZIONE SOSTITUTIVA DEI CANONI DI LOCAZIONE DEGLI IMMOBILI ABITATIVI PRIME CONSIDERAZIONI

LA TASSAZIONE SOSTITUTIVA DEI CANONI DI LOCAZIONE DEGLI IMMOBILI ABITATIVI PRIME CONSIDERAZIONI LA TASSAZIONE SOSTITUTIVA DEI CANONI DI LOCAZIONE DEGLI IMMOBILI ABITATIVI PRIME CONSIDERAZIONI L art. 3 del d.lgs. 14 marzo 2011 n. 23 ha previsto un regime alternativo, applicabile a seguito di esercizio

Dettagli

Unico società di capitali Novità del modello 2014

Unico società di capitali Novità del modello 2014 Unico società di capitali Novità del modello 2014 Le novità del Modello Unico Società di Capitali 2014, approvato con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate protocollo n. 2014/13942 del

Dettagli

Fiscal News N La circolare di aggiornamento professionale Acconto maggiorato: esempi di calcolo. Premessa

Fiscal News N La circolare di aggiornamento professionale Acconto maggiorato: esempi di calcolo. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 313 19.11.2013 Acconto maggiorato: esempi di calcolo Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'acconto per persone e fisiche e società

Dettagli

N. 502 FISCAL NEWS Acconto cedolare secca. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 502 FISCAL NEWS Acconto cedolare secca. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 502 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 14.11.2011 Acconto cedolare secca Categoria Versamenti Sottocategoria

Dettagli

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1 LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI Prof. Claudia Rossi 1 DATA DI EFFETTO La scissione ha effetto dalla data dell ultima delle iscrizioni dell atto di scissione dell ufficio del registro delle imprese in cui

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 34/2008 Data: 14 luglio 2008 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2008 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 luglio 15 agosto 2008, con il commento dei

Dettagli

Studio. Analisi delle diverse tipologie di affrancamento dei disallineamenti derivanti dall effettuazione di operazioni straordinarie

Studio. Analisi delle diverse tipologie di affrancamento dei disallineamenti derivanti dall effettuazione di operazioni straordinarie Studio Analisi delle diverse tipologie di affrancamento dei disallineamenti derivanti dall effettuazione di operazioni straordinarie 22 Luglio 2010 A cura della Commissione IMPOSTE DIRETTE E REDDITO D

Dettagli

Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi

Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi Nuovo regime di deducibilità degli interessi passivi Art. 1 co. 33 lett. i), l) e co. 34 Gli interessi passivi, diversi da quelli che concorrono a formare il costo dei beni ai sensi dell art. 110, co.

Dettagli

TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. CAPO I Disposizioni generali

TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. CAPO I Disposizioni generali TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CAPO I Disposizioni generali Art. 1 (Presupposto dell imposta) Art. 2 (Soggetti passivi) Art. 3 (Base imponibile) Art. 4 (Coniugi e figli minori) Art.

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del 11-1-2008 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 gennaio 2008 Modalita' applicative per il regime dei contribuenti minimi in attuazione dell'articolo 1,

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 2013 AL 15 SETTEMBRE 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 2013 AL 15 SETTEMBRE 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 13 AL 15 SETTEMBRE 13 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 13 al 15 settembre 13, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. protocollo 2008/23681 Individuazione di determinate situazioni oggettive in presenza delle quali è consentito disapplicare le disposizioni sulle società di comodo di cui all articolo 30 della legge

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE dott. Carlo Cappelluti LA SOCIETA ALFA SRL RILEVA, AL 31 DICEMBRE 2014, UN RISULTATO PRE-IMPOSTE PARI AD EURO 52.400 SI PROVVEDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'irpef e istituzione di una

Dettagli