Scuola Media Statale per Ciechi 13 gennaio 2015 Seminario: I PERICOLI DEL WEB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola Media Statale per Ciechi 13 gennaio 2015 Seminario: I PERICOLI DEL WEB"

Transcript

1 Scuola Media Statale per Ciechi 13 gennaio 2015 Seminario: I PERICOLI DEL WEB «Uso consapevole dei Social Network per evitare i pericoli del WEB in modo da non subire reati informatici o non commetterne»

2 Cosa è Internet? Nasce nel 1969 col nome ARPANET al ministero della difesa americano per scambio di comunicazioni Nel 1991 nasce il WWW (World Wide Web)

3 Cosa è Internet? Internet è una rete mondiale di apparati interconnessi tra loro, ciascuno con un indirizzo numerico

4 Cosa è Internet? Quando connettiamo una periferica ad Internet, quindi, siamo potenzialmente raggiungibili da chiunque sia connesso

5 Internet è gratis?

6 No vive di pubblicità!!!!

7 il bene più prezioso per chi offre servizi internet siamo noi quando: Forniamo i nostri dati personali Dichiariamo i nostri gusti Raccontiamo quello che facciamo

8

9 il 79% della popolazione italiana utilizza Internet Tra questi, il 90,4% sono giovani (11-34 anni)

10 - Facebook - MySpace - Badoo - Instagram - Linkedin - Google+ - Ask.fm -.. Social Network

11 Social Network Sebbene le caratteristiche di questi siti siano differenti, tutti consentono di accedere alle proprie informazioni personali e offrono vari meccanismi di comunicazione (forum, chatroom, e- mail, instant messenger) che consentono di connettere gli utenti tra loro.

12 Social Network In alcuni siti è possibile ricercare persone anche secondo vari criteri. Altri siti, invece, hanno comunità o sottogruppi che sono basati su particolari interessi comuni.

13 Social Network L uso dei social network è vietato ai minori di anni 13 ed è sconsigliato ai minori di anni 14

14 Quali sono i rischi? I social network si basano sullo scambio di informazioni tra i partecipanti, così incoraggiano gli utenti a mettere a disposizione una certa quantità di informazioni personali.

15 Quali sono i rischi? La particolare tipologia di questi siti, il desiderio di incrementare le proprie conoscenze ed il falso senso di sicurezza ingenerato dalla rete sono i fattori che spingono gli utenti a

16 Quali sono i rischi? fornire una notevole mole di informazioni personali, non tenendo conto che queste possono cadere in mano a malintenzionati

17 Quali sono i rischi? E CHE.

18 Quali sono i rischi? 1. quanto viene immesso in Internet esce dal nostro controllo, diventa patrimonio del fornitore del servizio

19 Quali sono i rischi? 2. potrebbe essere utilizzato anche anni dopo la pubblicazione, quando magari ce ne siamo dimenticati

20 Quali sono i rischi? Non è possibile avere la certezza che materiale da noi pubblicato e in seguito rimosso sia effettivamente cancellato dal web in quanto.

21 Quali sono i rischi? Ci sono siti di «mirroring» Qualcuno potrebbe aver scaricato quanto da noi messo in rete Il fornitore di servizi potrebbe averlo archiviato

22 Attacchi conseguenti allo sfruttamento di informazioni personali raccolte in Internet Identity Theft : uso indebito dei dati personali Uso indebito coordinate di home banking/numero di carta di credito Spamming Virus/worm Accesso abusivo a sistema informatico Diffamazione Minaccia Adescamento minori Cyber stalking Cyber bullismo

23

24 Pedofilia Il fenomeno della pedofilia è sempre esistito, ma si è accentuato con l avvento di Internet grazie alla facilità con cui è ora possibile reperire materiale video o fotografico ritraente minori. Siti web, forum, programmi di file sharing sono solo alcuni dei mezzi più usati per reperire materiale o individuare minori al fine di prestazioni sessuali.

25 Pedofilia - art. 600 ter c.p. Casi di imputazione 1^ Comma Realizzare esibizioni pornografiche Produrre Indurre minori a partecipare ad esibizioni pornografiche 2^ Comma Commerciare 6-12 anni 3^ Comma Distribuire, divulgare o diffondere materiale o notizie finalizzate all adescamento o allo sfruttamento sessuale Pubblicizzare materiale 1-5 anni 4^ Comma Offrire anche a titolo gratuito - Cedere anche a titolo gratuito Fino a 3 anni 5^ Comma Per 3^ e 4^ comma la pena è aumentata in misura non eccedente i due terzi ove il materiale sia di ingente quantità

26 Pedofilia - art. 600 quater c.p. Casi di imputazione 1^ Comma Procurarsi consapevolmente Detenere Fino a 3 anni 2^ Comma La pena è aumentata in misura non eccedente i due terzi ove il materiale sia di ingente quantità Pornografia virtuale Le disposizioni di cui agli art.600 ter e 600 quater si applicano anche quando il materiale pornografico rappresenta immagini virtuali realizzate utilizzando immagini di minori degli anni 18 o parti di esse ma la pena è diminuita di un terzo Immagini virtuali = immagini realizzate con tecniche di elaborazione grafica non associate in tutto o in parte a situazioni reali, la cui qualità di rappresentazione fa apparire come vere situazioni non reali

27 Reati pedofilia on line a) reato p. e p. dall'art. 600quater c.p. perché, per via telematica, si procurava e deteneva materiale pornografico realizzato mediante l'utilizzo di persone minori degli anni 18. In particolare, dopo aver adescato i minori (nato il ) e (nato il ) sulla piattaforma chat roulette, dapprima si fingeva utente di sesso femminile - utilizzando l account chiara.fsd e proiettando un video ritraente una ragazza priva di indumenti nel corso di plurime sessioni video chat intercorse con i minori - quindi induceva gli stessi a compiere atti di autoerotismo e a compiere atti sessuali reciproci di fronte alla webcam, nonché induceva a realizzare un filmato che lo ritraeva in atti di masturbazione e ad inviarglielo. In ) dal 21 al 23 aprile 2013

28 Reati pedofilia on line b) reato p. e p. dall'art. 61 n. 2, 494 c.p., perché, al fine di commettere il reato di cui al capo a) e procurarsi l illecito vantaggio consistente nel profitto del medesimo reato (detenzione di materiale pedo-pornografico), nonché di incontrare con una delle pp.oo., induceva in errore i minori e in ordine alla propria identità, attribuendosi il nome di chiara e genere femminile. In dal 21 al 23 aprile 2013

29 Reati pedofilia on line c) reato p. e p. dall'art. 609quinquies c.p., perché, al fine di indurre il minore infra-quattordicenne (nato il ) a compiere e subire atti sessuali, mostrava al medesimo materiale pornografico; in particolare, nel corso di almeno una conversazione a mezzo video chat, mostrava al minore un filmato ritraente ragazza nuda ed in esibizione lasciva degli organi genitali. In, il 21 aprile 2013

30 CYBERBULLISMO: una definizione Insieme di azioni di prepotenza, molestia, minaccia o ingiuria reiterate nel tempo, messe in atto da minori nei confronti di altri minori, effettuate tramite mezzi elettronici e/o su spazi virtuali.

31 Cyber-bullismo (tipologia 1) CYBER-BASHING HAPPY SLAPPING Violenze reali su coetanei riprese con videofonini e pubblicati su siti di video-sharing; Danneggiamenti e comportamenti irresponsabili ripresi con videofonini e pubblicati su siti di video-sharing; Momenti privati e situazioni sessuali intime riprese con videofonini e diffuse on-line o via mms tra coetanei

32 Cyber-bullismo (tipologia 2) Flaming : messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali in un forum. "Cyber-stalking" : molestie e denigrazioni ripetute, persecutorie e minacciose mirate a incutere paura. Molestie: spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno.

33 Cyber-bullismo (tipologia 2) Denigrazione : "sparlare" di qualcuno per danneggiare la sua reputazione, via , messaggistica istantanea, ecc. Sostituzione di persona: farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili. Rivelazioni : pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona.

34 Cyber-bullismo (tipologia 2) Inganno : ottenere la fiducia di qualcuno con l'inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici. Esclusione : escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per ferirla.

35 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Anonimato del bullo : il bullo crede di poter essere invisibile e irraggiungibile per le sue incomplete competenze informatiche. L illusione di anonimato può dare il coraggio a persone vittime di bullismo nella vita reale per vendicarsi on-line delle prepotenze subite.

36 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Alterazione della Percezione della gravità delle azioni: la semplicità delle azioni richieste per compiere soprusi informatici (il click di un mouse) e la comodità in cui ci si trova mentre si compiono tali azioni riducono la percezione individuale della gravità degli atti che si compiono e che distorcono la rappresentazione delle eventuali conseguenze di tali azioni sugli altri.

37 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Per gli adolescenti, rende anche difficile immaginare che ci siano leggi specifiche che indicano come illegali tali azioni.

38 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Assenza di limiti spazio-temporali: mentre il bullismo tradizionale avviene di solito in luoghi e momenti specifici (ad esempio in contesto scolastico), il cyber-bullismo investe la vittima ogni volta che si collega al mezzo elettronico. Nel virtuale, data la semplicità con cui è possibile reiterare le molestie, c è maggiore probabilità che il cyber-bullo trasformi gli scherzi in persecuzioni.

39 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Affievolimento del sentimento di compassione della vittima: non si percepisce la vittima come una persona vera e propria, bensì come un'entità semi-anonima e non dotata di emozioni o sentimenti.

40 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Manca cioè, nel rapporto tra cyber-bullo e cyber-vittima, un feedback verbale e corporeo che orienti chi agisce nell interpretazione degli effetti delle azioni sugli altri.

41 L influenza della tecnologia e il cyber-bullismo Il cyber-bullo non riesce a capire che il dolore, la frustrazione e l'umiliazione generate nella vittima, sono tutti sentimenti reali.

42 Profilo di personalità del cyberbullo italiano Ha un età compresa tra i 10 e i 16 anni di età; E uno studente ed ha una relazione (sentimentale, di amicizia, di condivisione della scuola o di attività sportiva) più o meno approfondita con la vittima;

43 Profilo di personalità del cyberbullo italiano Ha una competenza informatica superiore alla media degli adulti e dei coetanei; Potrebbe essere vittima di bullismo tradizionale e utilizzare la rete per perseguitare il suo persecutore;

44 Profilo di personalità del cyberbullo italiano Potrebbe essere uno studente modello, educato e remissivo non solito a comportamenti aggressivi (Ybarra e Mitchell, 2004); Potrebbe essere un bullo tradizionale che prosegue le sue persecuzioni anche on-line (Raskauskas e Stoltz, 2007);

45 Profilo di personalità del cyberbullo italiano Possono passare all atto soggetti che normalmente non commetterebbero azioni di prepotenza poiché sottovalutano la gravità dell azione commessa, ignorano il carattere illegale delle prepotenze, non hanno sotto gli occhi gli effetti diretti sulla vittima.

46 Profilo di personalità del cyberbullo italiano IN SINTESI NON E POSSIBILE TRACCIARE UN PROFILO UNIVOCO

47 Punti di forza per il pedofilo/cyberstalker Controllo dei genitori scarso o assente Insufficiente informazione sui pericoli Fisiologica curiosità dei minori verso tematiche sessuali

48 Punti di forza per il pedofilo/cyberstalker Assenza di comunicazione con i genitori vergogna, imbarazzo; sfiducia, timore di una punizione; percezione del rischio scarsa o nulla; curiosità, complicità.

49 Reati cyberstalker/cyberbullo Cyber stalking reato p. p. dall art. 612 bis commi I e IIIc.p., perché, mediante i social network Ask.fm e Facebook, utilizzando l account/nome utente, con condotte reiterate minacciava e molestava ( n. 07/01/1999), in modo da cagionare un perdurante stato di ansia o di paura; in particolare, mediante numerosi messaggi postati sui citati social network, intimava alla minore gravi conseguenze alla reputazione, anche con riferimenti personali. Con le aggravanti di aver commesso il fatto con mezzo informatico e nei confronti di minore. Accertato in data Milano

50 Reati cyberstalker/cyberbullo Cyber bullismo ( minori che si inviano per scherzo immagini porno di una loro amica minorenne) reato p. e p. dall art. 600ter c.p. perché, mediante l utilizzo dell utenza telefonica, divulgava materiale pedo-pornografico prodotto mediante utilizzo di persone minori degli anni 18. Accertato in data in Lecco

51 I TITOLARI DI RESPONSABILITA Genitori Docenti Studenti firma del PATTO SOCIALE DI CORRESPONSABILITA. I genitori si assumono l impegno di rispondere direttamente dell operato dei propri figli.omissis (Circolare del 15 Marzo 2007, Ministero della Pubblica Istruzione, DPR 235 del 2007) devono informare i genitori dei comportamenti scorretti messi in atto dai figli in orario scolastico e renderli partecipi delle misure punitive e/o riabilitative che si intenderanno adottare nei confronti dei minori. Lo studente, deve essere punito con comportamenti attivi di natura risarcitoria e riparatoria, volti al perseguimento di una finalità educativa. (Circolare del 15 Marzo 2007, Ministero della Pubblica Istruzione, DPR 235 del 2007)

52 La percezione della gravità delle azioni compiute on-line: una ricerca pilota 3 Classi di una scuola media di Roma (età compresa tra 11 e 13 anni) Domande sull uso di internet 4 situazioni tipiche di cyber-bullismo, 3 definizioni: 1. è uno scherzo 2. è un comportamento sbagliato 3. è un reato punito dalla polizia

53 La percezione della gravità delle azioni compiute on-line: una ricerca pilota Situazione 1: Leggendo il diario di un compagno, un ragazzo gli ruba la password del profilo su msn e chatta a nome suo su msn. Situazione 2: Una ragazza scatta una foto col telefonino ad una compagna di classe e utilizza questa foto per aprire un profilo su facebook a nome della compagna. Sul profilo falso a nome dell amica, pubblica l indirizzo di casa dell amica e il suo numero di cellulare. Al telefono dell amica arrivano telefonate da sconosciuti.

54 La percezione della gravità delle azioni compiute on-line: una ricerca pilota Situazione 3: Un gruppo di ragazzi prende in giro una ragazza a scuola, la insultano, le fanno dei dispetti e filmano tutto con il telefonino. I ragazzi mandano via mms il filmato a tutti gli amici e ridono delle prepotenze. Situazione 4: Un ragazzo invia con insulti alla sua ex-ragazza, posta sulla pagina di facebook della ragazza informazioni sulla loro relazione finita, condivide su msn immagini intime perché arrabbiato di essere stato lasciato.

55 Risultati Situazione 1: Intrusione in sistema informatico e sostituzione di persona Comportamento sbagliato Situazione 2: Violazione della privacy e sostituzione di persona Reato Situazione 3: Violazione della privacy Comportamento sbagliato Situazione 4: Molestie, violazione della privacy Comportamento sbagliato I ragazzi più giovani tendono a sottostimare maggiormente la gravità delle situazioni proposte, c è accordo nel classificare la situazione 2 come reato, rari i casi in cui le situazioni vengono classificate come scherzo

56 I vissuti delle vittime Ogni volta che apro la casella di leggo sempre gli stessi insulti, ogni volta che accedo al mio blog lo trovo invaso dalle parolacce, ogni volta che vado su facebook scopro che qualcuno ha messo sulla mia bacheca informazioni false e che mi fanno sembrare una poco di buono io credo di sapere chi sia ma quello che davvero mi pesa è vedere che non la smette, che ormai su internet mi contattano solo per darmi della prostituta e quando cammino in corridoio a scuola mi sento tutti gli occhi addosso e le risatine degli altri cominciano davvero a farmi passare la voglia di andare a scuola Laura, 13 anni vittima di cyberbullismo che sporge denuncia alla Polizia Postale Mi suiciderò domani mattina a scuola, mi butterò dal 3 piano, la vita mi ha distrutto, sono stato sfottuto, picchiato, preso in giro e sputato addosso, basta, addio!! Marco, 12 anni vittima di bullismo che scrive sulla chat di un gioco di ruolo on-line Le persecuzioni, gli insulti, le molestie virtuali inseguono la vittima sempre e ovunque sul web.

57 (ANSA) - ROMA, 25 FEB - Sulla scia della sempre maggiore diffusione di smartphone e altri dispositivi connessi in rete dilaga anche il cyberbullismo, con un quinto dei ragazzi potenzialmente esposto. Lo confermano i dati di diversi studi che stanno cercando di dare una dimensione del fenomeno. Una ricerca della Polizia Postale su un campione di ragazzi delle scuole medie ha stimato nel 20% la percentuale di adolescenti contattati da un potenziale molestatore. Secondo uno studio di Ipsos per Save The Children, invece, 4 adolescenti su 10 hanno assistito a un episodio di bullismo digitale. Molto spesso sono gli stessi ragazzi a mettersi nelle mani di molestatori e bulli, come testimoniato anche da recenti fatti di cronaca. Lo confermano i dati dello studio 'Adolescenti e stili di vita' presentato dalla Societa' Italiana di Pediatria (Sip), secondo cui il 59% degli adolescenti 'parla' a sconosciuti sui social, e una buona percentuale di questi non considera pericoloso far seguire un incontro all''amicizia'. L'indagine evidenzia, ad esempio, che per il 56% dei ragazzi intervistati dare l'amicizia su Facebook ad uno sconosciuto non e' pericoloso, per il 35% non e' pericoloso scambiarsi il numero di telefono e per il 26% non lo e' neanche accettare un incontro. Il 59% dei ragazzi, inoltre, ha dichiarato di aver dato l'amicizia Facebook ad uno sconosciuto; il 22% di avergli detto la scuola che frequenta; il 29% di aver scambiato il numero di telefono; il 18% (22% delle femmine) di avergli inviato una propria foto; il 20% di aver accettato un incontro al quale e' andato insieme ad amici e il 9% di aver accettato un incontro al quale e' andato da solo. Per quanto riguarda il 'sexting', la ricezione e l'invio di immagini e video sessuali via web o cellulare, secondo il Rapporto 2012 di Telefono Azzurro e Eurispes, in Italia almeno un adolescente su quattro ne ha ricevute e il 12,3% inviate.(ansa).

58 Gli adulti e il Cyber-Bullismo In base alla sua esperienza, quale tra i seguenti aspetti definiscono meglio il fenomeno del cyberbullismo? 4% 7% Una serie di comportamenti vessatori e prepotenti messi in atto da ragazzi con l ausilio del computer Un fenomeno che attualmente non ha una particolare rilevanza in ambito scolastico 89% Non ho una percezione diretta di questo fenomeno Secondo Lei una situazione di cyberbullismo può avere maggiori conseguenze Nel normale contesto della vita reale 0% 9% 5% Nell ambiente scolastico In entrambi i casi precedenti 86% In nessun caso, si tratta comunque di un fenomeno che non ha gravi conseguenze

59 Gli adulti e il Cyber-Bullismo (2) A suo avviso quali possono essere per le vittime, gli effetti più dolorosi di un azione di cyberbullismo? 0% Sentirsi escluso da un luogo di 13% socializzazione anche virtuale Vedere pubblicate in internet immagini personali e/o informazioni riservate 51% 36% Sentirsi perseguitato e ridicolizzato quando si utilizza il PC, il telefonino-videofonino, ecc. Non saprei Secondo la sua esperienza, il cyberbullismo è un fenomeno in crescita? 2% 5% Si No Non saprei 93%

60 Gli adulti e il Cyber-Bullismo (3) Secondo lei attualmente nel contesto scolastico sono poste in essere concrete misure preventive atte ad arginare tale fenomeno? 16% 20% Si No Non saprei 64% Su quali aspetti del cyberbullismo vorrebbe approfondire le sue conoscenze? 46% 13% Caratteristiche principali di questo fenomeno e differenze sostanziali con il bullismo tradizionale Comportamenti da adottare nel caso si accerti che qualcuno è vittima o autore di cyber bullismo 41% Quali segnali comportamentali degli studenti devono mettere in allerta la scuola in merito ai rischi del cyber bullismo

61 Precauzioni e contromisure: cosa fare Utilizzare software specifici: Antivirus da mantenere costantemente aggiornati Antispyware in grado di rilevare altri malware o modifiche alla configurazione Personal Firewall che controlli anche le connessioni in uscita e che escluda alcuni protocolli di comunicazione, se necessario Toolbar per i browser (Netcraft, Google Toolbar ecc.) Filtri anti-spam Filtri di navigazione Costante aggiornamento del S.O. e dei software applicativi

62 Precauzioni e contromisure: cosa non fare Cliccare sui link nelle Sempre meglio digitare l indirizzo personalmente Fornire dati sensibili Nessun istituto di credito vi chiederà mai la password o altre informazioni riservate per Fornire dati personali Anche informazioni apparentemente insignificanti potrebbero essere vantaggiose per l attaccante. Le immagini e le informazioni personali possono riemergere a distanza di anni grazie all indicizzazione nei motori di ricerca. Non è consentito pubblicare fotografie relative ad altre persone senza aver ottenuto il loro consenso Rispondere alle Nemmeno per insultare o minacciare denunce

63 Consigli per un uso sicuro della Rete 1. Mantieni il tuo PC ben protetto Usa gli aggiornamenti automatici per avere sempre l ultima versione del software, soprattutto quello per la navigazione internet. Usa firewall, antivirus ed antispam. 2. Custodisci le informazioni personali Prima di inserire i tuoi dati personali su Internet, controlla che siano presenti i segni che indicano la sicurezza della pagina: la scritta https nell indirizzo ed il segno del lucchetto. 3. Crea password solide e tienile al sicuro Non riferire mai le tue password, nemmeno ad amici, e non usare la stessa password per siti diversi. 4. Prima di fare click usa la testa! Quando ricevi un allegato, controlla bene prima di aprirlo: potrebbe essere un virus. Se conosci la persona che lo invia, chiedi conferma che te lo abbia mandato volontariamente; se non la conosci, ignoralo. 5. Non riferire informazioni personali via mail Cognome, indirizzo, numero di telefono, foto sono tutte informazioni personali che non dovresti mai divulgare a soggetti sconosciuti.

64 Consigli per un uso sicuro della Rete 6. Attenzione ai falsi Messaggi allarmistici, richieste disperate di aiuto, segnalazioni di virus, offerte imperdibili fin troppo allettanti, richieste di dati personali per aggiornare il tuo account : diffida di tutti i messaggi di questo tono che vogliono solo catturare la tua attenzione ed approfittare della tua buona fede. 7. Sui social network con allegria e prudenza Su Facebook, Twitter, Windows Live e su tutti gli altri social network controlla bene le impostazioni. Chi può vedere il tuo profilo? Chi può fare ricerche su di te? Scoprire la tua età? Chi può scrivere commenti ed esporti in situazioni che non puoi controllare? 8. Pensa a quello che pubblichi su internet Le tue foto, i tuoi messaggi e le tue conversazioni possono essere viste anche da sconosciuti. Non postare nulla che consideri personale o riservato e di cui potresti pentirti in futuro. 9. Rispetta la netiquette Bisogna essere educati nella vita virtuale così come nella vita reale. La netiquette è un insieme di regole da seguire sui social network, nei forum, nelle community: prima di seguire il tuo istinto, leggi il regolamento del sito in cui ti trovi. Non insultare o mettere in cattiva luce nessuno. Non pubblicare contenuti privati di altre persone.

65 Prevenzione e Contromisure - adulti Regole famigliari Quando utilizzare PC, tablet, smartphone (sia in casa che fuori)? Per quanto tempo? Soprattutto.NON di notte Internet come attività comune Seguire i figli nella navigazione

66 Prevenzione e Contromisure - adulti Collocazione del PC Non nella camera dei figli ma in un posto visibile (in modo da passare «per caso» ) Educazione all uso Non inoltrare «catene di sant Antonio» Non scaricare musica e film, spesso hanno virus Utilizzare un linguaggio corretto anche sul web (netiquette)

67 Prevenzione e Contromisure - adulti Controllo Imparare ad usare il telefono dei figli Controllare contatti, foto e video Controllare la navigazione web Attivare SIM a proprio nome Verificare le ricariche

68 Prevenzione e Contromisure - ragazzi Non prestare il telefono Non fotografarsi e non farsi fotografare soprattutto in atteggiamenti intimi Non inviare foto e video senza autorizzazione dei genitori Non dare numero di telefono agli sconosciuti

69 Qualche dato Nel 2006, nell analisi del rapporto tra Web e minori, è emerso che gli adolescenti italiani navigano nella maggioranza dei casi da soli (74,8%), mentre solo il 2,5% naviga in compagnia dei propri genitori. Circa un bambino su tre (33,6%) si collega ad Internet da solo e quindi in totale libertà e in assenza di controllo, mentre il 29,1% naviga in presenza dei genitori e il 15% in compagnia di amici o dei fratelli. (dati eurispes, 2010)

70 Suggerimenti di Facebook

71 Suggerimenti di Facebook

72 Suggerimenti di Facebook

73 Link utili

74 Per i genitori Accompagnate i vostri figli nel mondo digitale, come fate nel mondo reale!

75 contatti documentazione

76 Dal Corriere della Sera 07/11/14

77

78 Adescamento minori online: i casi, le indagini, le regole (Repubblica) Il casco quando si va in motorino, il preservativo quando si hanno rapporti sessuali: e la privacy quando si posta su Facebook? Con la pubertà, i genitori insegnano ai figli a proteggersi in nuove situazioni. Ma dimenticano una delle attività più pervasive delle loro giornate: scambiarsi foto e messaggi online. Ad aprile la Polizia postale di Udine ha scoperto una rete di 24 pedofili sparsi in tutta Italia, che adescavano ragazzine tra i 12 e i 15 anni tramite Messenger, Skype e Whatsapp. Poi è stata la volta di Lucca, dove un diciannovenne adescava e ricattava su Facebook decine di adolescenti maschi.

79 La cronaca lo dice: l'adescamento online, detto anche grooming, è in aumento. Complice la disattenzione verso la privacy sui social network. Quasi 1 teenager su 3 dà il numero di cellulare a persone conosciute online (dati Save the Children 2011). Secondo un'indagine di Ecpat (End Child Prostitution, Pornography and Trafficking) condotta quest'anno su 131 studenti di 13 anni, il 90% ha aperto un profilo Facebook prima del limite minimo di 13 anni imposto dal social network. Almeno 2 studenti per classe hanno più di 1200 amici. L'80% pubblica una foto al giorno e se compaiono conoscenti non se ne chiede l'autorizzazione. Il 60% ha ricevuto richieste o commenti a sfondo sessuale. Il 90%, in caso di pericolo online, non crede opportuno parlarne coi genitori: ne teme la reazione.

80 IL CASO È quello che è avvenuto a Lucca, dove per anni diversi minori sono stati tormentati da un pedofilo senza parlarne mai a casa. Come racconta a D.it Leonardo Leone, portavoce della Questura della città. Le vittime erano tutti ragazzini della Lucca bene? "A me non piace parlare della Lucca bene. Nel mucchio ci sono cognomi che spiccano, molto noti in città, certamente. Il ceto sociale resta medio alto. Non ho neanche capito come l'adescatore individuasse le vittime, ma è ovvio che se individui il primo soggetto vittima poi il cerchio si stringe sulle sue amicizie".

81 Come è venuto alla luce il caso? "Durante una conferenza stampa suggerii ai genitori presenti: 'Diamo una sbirciatina ai bimbi per vedere chi sono i loro contatti, come utilizzano i loro computer'. In seguito alcuni di loro hanno seguito questo consiglio, e conseguentemente si sono rivolti alla polizia postale perché avevano visto chat strane dei loro figli. Da lì è partita l'indagine. Poi col passaparola sono venuti fuori altri casi. I ragazzi ne hanno parlato all'inizio con imbarazzo e vergogna, avevano 12 e 13 anni, oggi 14 e 15".

82 L'adescamento come avveniva? "Il caso specifico è diverso rispetto agli altri: in questo i bambini venivano avvicinati fisicamente all'uscita di scuola, o tramite altre conoscenze sempre in ambito scolastico, e successivamente ricattati tramite social network. È stato invertito il modus operandi: la diffusione di immagini erotiche carpite con la violenza, atto cui i bambini erano stati costretti, è stata usata come atto di ritorsione. In una perquisizione informatica di questo pedofilo sono state trovate delle cartelle con dei soprannomi: Cicciobello, Occhi azzurri... Si era fatto una vera e propria biblioteca con i file di ogni ragazzino. Questa è stata la cattiveria di questa persona. Ne ha distrutti parecchi: più di 20 accertati. La Polizia Postale li ha sentiti in modo protetto, con l'ausilio di psicologi all'interno di strutture sanitarie".

83 La differenza di età tra adescatore e vittime è spesso poca. Come leggere i segnali di "allarme"? "Si, questo rende tutto più difficile perché una frequentazione tra coetanei o con persone di solo qualche anno più grandi, anche in chat, spesso non desta sospetto nei genitori. Per questo dobbiamo fare sempre attenzione a chi frequentano i nostri figli sui social network, come 30 anni fa mio papà si preoccupava di sapere con chi andavo dopo che uscivo da scuola".

84 CONSIGLI PRATICI A cosa devono prestare attenzione i minori e non solo sui social network? Yasmin Abo Loha, coordinatrice dei programmi Ecpat-Italia, detta le regole.

85 Esiste un profilo ricorrente tra gli adescatori? "No, la casistica è trasversale". E tra le vittime? "Pure, anche se i più esposti sono i minori che utilizzano nick con espliciti richiami alla sfera sessuale o foto in pose ammiccanti".

86 I mi piace forniscono informazioni agli adescatori? "Purtroppo, spesso in buona fede, le informazioni potenzialmente rischiose vengono fornite dagli 'amici '. Un esempio per chiarire cosa potrebbe accadere pur essendo attenti: mi è capitato in più profili di vedere pubblicate le foto dell ingresso di casa di un amico con tag al proprietario e tanto di commento 'a casa di Tizio, a Roma in Via '. A cosa servono le impostazioni sulla privacy e le richieste di non comparire su un elenco telefonico se poi un 'amico' di Facebook lo comunica a tutta la Rete?"

87 Lo stesso vale per le foto? "Sì. Mentre però l informazione sul proprio indirizzo, cellulare, luoghi frequentati, abitudini ecc. c è la tendenza a considerarle informazioni 'riservate', per le foto non è così: la ragione che può determinare la pubblicazione o meno delle stesse è l essere 'venuti bene' oppure no".

Istituto Omnicomprensivo Musicale Statale 12 novembre 2014 Seminario: I PERICOLI DEL WEB

Istituto Omnicomprensivo Musicale Statale 12 novembre 2014 Seminario: I PERICOLI DEL WEB Istituto Omnicomprensivo Musicale Statale 12 novembre 2014 Seminario: I PERICOLI DEL WEB «Uso consapevole dei Social Network per evitare i pericoli del WEB in modo da non subire reati informatici o non

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi?

Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi? Unità di Analisi dei Crimini Informatici Chi? Psicologi Criminologi Investigatori Le Attività.. Supporto all attività investigativa Formazione e sostegno del personale Studio descrittivo dei fenomeni di

Dettagli

Agenda. Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A...

Agenda. Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A... Sicur@Mente in Rete Agenda Aree di intervento della Polizia di stato Esempi pratici Esperienze in atto Q & A... 23 novembre 2012 Villa Corvini Parabiago incontro con la cittadinanza Pedofilia on-line Cyberbullismo

Dettagli

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network L uso sicuro della Rete e dei social network LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Servizio Centrale 20 Compartimenti regionali 80 Sezioni provinciali Compartimenti Polizia Postale Sezioni della Polizia

Dettagli

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO. I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO. I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA LOMBARDIA MILANO I rischi nell uso dei nuovi mezzi di comunicazione Phishing e criminalità informatica La Polizia Postale La

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

Scuola in rete. Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano

Scuola in rete. Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano Scuola in rete Esperienza di educazione all utilizzo coretto di un social network A. Mazzocco - SS1 Arcadia Pertini Milano 1 Social Network a scuola Dal 2005 utilizziamo ThinkQuest, una piattaforma elettronica

Dettagli

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI?

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI? COME MI DIFENDO? Usa gli aggiornamenti automatici per avere sempre l'ultima versione del software. aggiorna l antivirus aggiorna il sistema operativo (Pannello di controllo, Aggiornamenti automatici, oppure

Dettagli

Sicur@mente in Rete. Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza

Sicur@mente in Rete. Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza Sicur@mente in Rete Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza INDICE CYBERBULLISMO PEDOFILIA ON LINE STALKING ON LINE CYBERBULLISMO Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia "bullismo" online) è il termine

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto

Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Che cos e INTERNET? Come nasce? (Arpa-net) 1969-DARPA Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti 1983 evoluzione in Internet Cosa sono i Protocolli

Dettagli

POLIZIA DI STATO Polizia

POLIZIA DI STATO Polizia POLIZIA DI STATO Polizia delle Comunicazioni Sezione Como Via M.E. Bossi 3 - e-mail: 22100 COMO poltel.co@poliziastato.it Tel. 031-27.63.036 - Fax 031-27.63.004 www.poliziastato.it Questura Lecco Lecco,

Dettagli

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia BULLISMO" online)

Dettagli

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO La rete siamo noi Seminario organizzato dal CORECOM e Difensore Civico 19 maggio 2011 Ispettore Capo Luca Villani

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI ISTITUTO COMPRENSIVO 1 DON BOSCO MELLONI Presidenza Corso Garibaldi,142 Portici (NA)Tel.Fax081/475580 Via Roma, 32 -Portici (NA) Tel. 081/482463 Fax 081/471036 C.F. 95169940632 - Cod. Istituto NAIC8CA00L

Dettagli

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK - ingiuria (art.594 c.p.) - diffamazione (art. 595 c.p.) - sostituzione di persona (art.494 c.p.) - violazione della Privacy (Legge 196/2003)

Dettagli

Proteggi la tua famiglia online

Proteggi la tua famiglia online con la collaborazione di Proteggi la tua famiglia online Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi la

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

Navigare sicuri. conoscere la rete per un uso consapevole. 7 febbraio 2015

Navigare sicuri. conoscere la rete per un uso consapevole. 7 febbraio 2015 Navigare sicuri conoscere la rete per un uso consapevole 7 febbraio 2015 Qualche numero da un indagine del C.N.R. effettuata su un campione di 1.560 tra bambini e ragazzi 9 su 10 utilizzano internet L

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti Oggi Purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché spesso

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Un incontro per i genitori delle classi V delle scuole primarie Dr. Stefano Bonato, Psicologo esperto in Nuove Dipendenze Pg. 1 INDICE 1. Premessa

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI : EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI Messaggero Telegrafo Telefono Televisione Internet Comunicazioni satellitari 1 VANTAGGI DELL'EVOLUZIONE Velocità delle comunicazioni Accesso a varie informazioni Scambio

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Formare i docenti per proteggere gli studenti In collaborazione con

Formare i docenti per proteggere gli studenti In collaborazione con Un iniziativa di Formare i docenti per proteggere gli studenti In collaborazione con LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Nata nel 1981 si pone come garante della segretezza della corrispondenza e

Dettagli

10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI

10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI 10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI 1 PENSARCI BENE, PENSARCI PRIMA Pensa bene prima di pubblicare i tuoi dati personali (soprattutto nome, indirizzo, numero di telefono) in un profiloutente, o

Dettagli

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Conoscere E importante conoscere internet tanto quanto l evoluzione avvenuta nel mondo della comunicazione lungo la storia dell essere umano. Con la nascita della

Dettagli

Il mondo dei social network

Il mondo dei social network Il mondo dei social network ( in particolare) Prof. Danilo Piazza Premessa Il presente documento è una sintesi dell incontro svolto in presenza. Come tale esso diventa significativamente fruibile avendo

Dettagli

POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ!

POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ! POLLICINO NELLA RETE EDUCARE A UNA NAVIGAZIONE SICURA: SI PUÒ! Introduzione pag. 2 Strumenti utili per aiutare Pollicino a non perdersi nella Rete pag. 3 A cura di Symantec Consigli utili per aiutare Pollicino

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Progetto Smartphone 4 Smartguys A.S. 2014/2015. Sintesi dei questionari ai ragazzi e ai genitori

Progetto Smartphone 4 Smartguys A.S. 2014/2015. Sintesi dei questionari ai ragazzi e ai genitori Progetto Smartphone 4 Smartguys A.S. 2014/2015 Sintesi dei questionari ai ragazzi e ai genitori Associazione Icaro ce l'ha fatta ONLUS Pagina 1 di 41 Anagrafica dei questionari Associazione Icaro ce l'ha

Dettagli

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING

ASSOCIAZIONE L AMICO CHARLY - ONLUS CYBERBULLING CYBERBULLING di Mariagrazia Zanaboni 1 Congresso Nazionale I MODERNI PREDATORI: IL BULLI SMO Milano, 23-24 ottobre 2009 1 Il bullo nel villaggio globale Costruiamo una cintura di salvataggio! 2 Cyberbulling

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

Compartimento Polizia Postale di Milano Phishing e criminalità informatic a

Compartimento Polizia Postale di Milano Phishing e criminalità informatic a POLIZIA DI STATO COM PARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COM UNICAZIONI PER LA LOM BARDIA MILANO L attività di contrasto e di prevenzione per un uso sicuro di Internet Phishing e criminalità informatic

Dettagli

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE

LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE LA LOTTA ALLA PEDOPORNOGRAFIA IN RETE Dott. Andrea Rossi Polizia postale e delle Comunicazioni Roma, 20 dicembre 2010 L ATTIVITA DI CONTRASTO DELLA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI attività di monitoraggio

Dettagli

La funzione educativa

La funzione educativa La funzione educativa 1 Prima di entrare nel merito della materia, occorre evidenziare fin da subito l esistenza di una corresponsabilità educativo-formativa dei genitori e della scuola nel processo di

Dettagli

Polizia di Stato. Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi. Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino

Polizia di Stato. Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi. Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino Polizia di Stato Dove ci sono loro.. ci siamo anche noi Compartimento Polizia delle Comunicazioni - Torino LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Nascita Attività e competenze Diffusione sul territorio

Dettagli

NATI CON LA RETE. Ragazzi e nuove tecnologie web. Guida all uso consapevole

NATI CON LA RETE. Ragazzi e nuove tecnologie web. Guida all uso consapevole NATI CON LA RETE Ragazzi e nuove tecnologie web Guida all uso consapevole INDICE I ragazzi e Internet La rete non è un semplice sistema di connessione, è piuttosto una parte integrante di costruzione del

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Accompagnare i figli nella crescita Internet e la Rete: come proteggere i minori

Accompagnare i figli nella crescita Internet e la Rete: come proteggere i minori Accompagnare i figli nella crescita Internet e la Rete: come proteggere i minori Premessa Quasi tutte le informazioni inerenti Internet sono un estratto del Vademecum Internet minori @ adulti del Corecom

Dettagli

I rischi e i pericoli della rete.

I rischi e i pericoli della rete. INDICE I rischi e i pericoli della rete (1) I rischi e i pericoli della rete (2) I rischi e i pericoli della rete (3) I rischi e i pericoli della rete (4) I rischi e i pericoli della rete (conclusione)

Dettagli

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Scuola Media Alighieri Sanremo Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Mauro Ozenda Consulente IT (www.tecnoager.eu) 1 SCENARIO ATTUALE MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Per la prima volta nella

Dettagli

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta Progetto: Ragazzi digitali. Per un uso consapevole dei nuovi media. Agli studenti vi invitiamo a rispondere al seguente questionario, anonimo, al fine di comprendere il rapporto che i giovani hanno con

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST AVVISI AI NAVIGANTI VITA DIGITALE VITA REALE Non esiste più una separazione tra la vita on-line e quella off-line. Quello che scrivi e le immagini che pubblichi sui social network hanno quasi sempre un

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org

Una guida per i genitori su. 2015 ConnectSafely.org Una guida per i genitori su 2015 ConnectSafely.org Le 5 PRINCIPALI domande che i genitori hanno su Instagram 1. Perché i ragazzi adorano Instagram? Perché adorano i contenuti multimediali e amano condividerli

Dettagli

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK Internet non è sicuro nemmeno se lo si sa usare, ovvero le vostre informazioni non sono mai al

Dettagli

Promossa da: Assessorato alle Politiche della Sicurezza e Protezione Civile. Un iniziativa di: In collaborazione con:

Promossa da: Assessorato alle Politiche della Sicurezza e Protezione Civile. Un iniziativa di: In collaborazione con: romossa da: Assessorato alle olitiche della Sicurezza e rotezione Civile Un iniziativa di: In collaborazione con: Consigli per la sicurezza sulla strada 1. Sicuri a iedi Spostarsi a piedi è la cosa più

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di

La tutela della privacy nei social network. I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di La tutela della privacy nei social network di Stefano Santini I social network come Facebook, Twitter, My Space raggiungono oggi un livello di diffusione e di accesso pressoché illimitato, permettendo

Dettagli

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO

EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO EDUCAZIONE DIGITALE, UN EFFICACE ANTIVIRUS CONTRO IL CYBERBULLISMO E-PRIVACY 2014 SPRING EDITION LA PRIVACY CHE VERRÀ Firenze, 4-5 aprile 2014 Avv. Valentina Longo Cyberbullismo 2 Cyberbullismo o cyber

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web Internet e Famiglie: non perdersi nel Web N@vigare Sicuri Indicazioni per un uso Consapevole e Protetto Agenda I Ragazzi: cosa fanno online? L utilizzo sicuro Il ruolo dei Genitori Il Fenomeno dei Social

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network «Reiterarsi dei comportamenti e atteggiamenti diretti o indiretti volti a prevaricare un altro con l intenzione di nuocere, con l uso della forza fisica o della prevaricazione psicologica» Farrington,1993

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO delle RISORSE TECNOLOGICHE e di RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA di accesso ad INTERNET nella scuola) Il presente documento denominato PUA (Politica d Uso

Dettagli

Internet = opportunità

Internet = opportunità Utili suggerimenti a genitori ed insegnanti per minimizzare i rischi Chemello Dott. Ing. Nicola Internet = opportunità Navigazione senza limiti per i ragazzi: pro e contro possibili contatti con adulti

Dettagli

Proteggi gli account personali

Proteggi gli account personali con la collaborazione di Proteggi gli account personali Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi gli

Dettagli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Comportamenti illeciti e pericoli LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Specialità della Polizia di Stato nata nel 1981 con la riforma della Polizia

Dettagli

Cyber bullismo e uso consapevole della rete!

Cyber bullismo e uso consapevole della rete! Cyber bullismo e uso consapevole della rete! La rete lo sa! Che sia da computer o da dispositivi mobili, la nostra vita è sempre più connessa, spesso a discapito della privacy Anno scolastico 2015/2016

Dettagli

www.avg.it Come navigare senza rischi

www.avg.it Come navigare senza rischi Come navigare senza rischi 01 02 03 04 05 06.Introduzione 01.Naviga in Sicurezza 02.Social Network 08.Cosa fare in caso di...? 22.Supporto AVG 25.Link e riferimenti 26 [02] 1.introduzione l obiettivo di

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Pillole di Sicurezza Informatica

Pillole di Sicurezza Informatica Pillole di Sicurezza Informatica In un mondo dove il progresso tecnologico aumenta, cresce anche il divario tra le persone che sono in grado di usare quella tecnologia. Qui troverai,delle informazioni

Dettagli

NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO 1. Obiettivi del servizio 1.1 La Biblioteca Civica e il Centro Multimediale del Comune

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Genitori e figli al tempo di Internet Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Di cosa parleremo stasera? I nativi digitali I bambini da 6 a 10 anni 38% usano smartphone o tablet 1 su 3 li usa

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 0 0% Secondaria 281 100% Classe IV Primaria 0 0% V Primaria 1 0% I Secondaria 101 36% II Secondaria 84 30% III Secondaria 95 34% Comune di Cafasse

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 100% Secondaria 0 0% Classe IV Primaria 68 44% V Primaria 87 56% I Secondaria 0 0% II Secondaria 0 0% III Secondaria 0 0% Comune di Cafasse

Dettagli

Sessualità e Internet: i comportamenti dei teenager italiani

Sessualità e Internet: i comportamenti dei teenager italiani Cosa vediamo? Risultati indagine Sessualità e Internet: i comportamenti dei teenager italiani 9 Febbraio 2011 Nobody s Unpredictable 9 Febbraio 2010 Job n. 11-002522 Premessa La diffusione e l utilizzo

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Temiamo le novità? Times of London (1816)

Temiamo le novità? Times of London (1816) Temiamo le novità? Un indecente danza di origine straniera chiamata valzer è stata introdo4a [ ] alla Corte d Inghilterra lo scorso venerdì [ ]. E più che sufficiente ge4are un occhio sull intreccio volu4uoso

Dettagli

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo La Giovii e Sarah ii bullo Franti: "E' malvagio. Quando uno piange, egli ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando fa a pugni, s'inferocisce e tira a far male. Non teme nulla, ride in

Dettagli

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori «Un PC per amico» uso consapevole del computer nei social network e per i compiti http://www.powtoon.com/show/f7jleflspt9/un-pc-per-amico/#/

Dettagli

Identità, reputazione e sicurezza: tra design e psicologia. Dott.ssa Barbara Forresi SOS Il Telefono Azzurro Onlus Torino, 10/12/2013

Identità, reputazione e sicurezza: tra design e psicologia. Dott.ssa Barbara Forresi SOS Il Telefono Azzurro Onlus Torino, 10/12/2013 Identità, reputazione e sicurezza: tra design e psicologia Dott.ssa Barbara Forresi SOS Il Telefono Azzurro Onlus Torino, 10/12/2013 Cosa «fa per noi» la tecnologia? Cosa «ci sta facendo» la tecnologia?

Dettagli

Corso di formazione edizione 2012-13

Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING, CYBERSTALKING L USO INCORRETTO DELLA RETE FRA RAGAZZI E RAGAZZE Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING Cyberbullying cyberbullismo è l uso delle tecnologie informatiche per commettere

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA SERVIZI WEB 2.0 E TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA IL PERCORSO LABORATORIALE L indagine Servizi web 2.0 1 e tutela dei diritti dell infanzia e dell adolescenza è stata realizzata dai

Dettagli

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO 1 INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO ATTIVITA COORDINATA DI ILLUSTRAZIONE DEL TEMA ANNUALE AI CLUB E AGLI ISTITUTI SCOLASTICI 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 2 Legalità

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Poche semplici regole da seguire. per navigare in sicurezza e. sfruttare al meglio le. opportunità offerte dalla Rete

Poche semplici regole da seguire. per navigare in sicurezza e. sfruttare al meglio le. opportunità offerte dalla Rete Poche semplici regole seguire per navigare in sicurezza e sfruttare al meglio le opportunità offerte lla Rete 1 2 1. Proteggi il dispositivo che utilizzi per accedere ad Internet 2. Proteggi la tua password

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

GLI ILLECITI COMMESSI ATTRAVERSO IL WEB FINALIZZATI AL FURTO D IDENTITA

GLI ILLECITI COMMESSI ATTRAVERSO IL WEB FINALIZZATI AL FURTO D IDENTITA GLI ILLECITI COMMESSI ATTRAVERSO IL WEB FINALIZZATI AL FURTO D IDENTITA Torino, 10 dicembre 2013 LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI 20 COMPARTIMENTI 80 SEZIONI 2000 OPERATORI Contrasto Reati Informatici

Dettagli

LA SICUREZZA IN INTERNET

LA SICUREZZA IN INTERNET DIREZIONE DIDATTICA VI CIRCOLO NOVARA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA ORIENTATO A INTERNET E ALLA PIATTAFORMA NOVARETE LA SICUREZZA IN INTERNET Nel 2011 erano connessi ad Internet 10.300.000.000

Dettagli