Skype: Strumento Facilitatore di Comunicazione Intercontinentale e Interculturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Skype: Strumento Facilitatore di Comunicazione Intercontinentale e Interculturale"

Transcript

1 Skype: Strumento Facilitatore di Comunicazione Intercontinentale e Interculturale João Antonio Telles 1, Livia Assunção Cecilio 2 Di fronte alle necessità dell apprendente del XXI secolo, è possibile affermare che le lezioni frontali da sole non rispondono più alle esigenze degli studenti, ma hanno bisogno di essere ripensate e ristrutturate. La pratica delle lingue straniere deve superare le pareti dell aula. Concetti quali globalizzazione, tecnologie e comunicazione sono fondamentali nell apprendimento dell uso linguistico, nel contatto con altri popoli di tutto il pianeta e nello scambio culturale. È necessario precisare che il contatto diretto in aula non deve essere abbandonato, ma deve essere integrato e arricchito dalla telecollaborazione, dalle opportunità fornite dai computer e dalle connessioni Internet (Nobile, 2006). Le TIC Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione aprono un nuovo ventaglio di opportunità da cogliere nel processo di insegnamento e apprendimento delle lingue proprio per le loro capacità di mettere in contatto diretto l apprendente con la lingua e la cultura straniera. In questo contesto, Skype si colloca come un potente strumento che permette ai docenti di promuovere spazi per gli incontri interculturali in lingua straniera. Questo contributo è organizzato in tre parti: nella prima, presentiamo le caratteristiche di Skype come strumento di 1 Docente del Dipartimento di Educazione all Universidade Estadual Paulista (UNESP), Facoltà di Scienze e Lettere di Assis, Brasile. 2 Dottoranda in Traduzione, Interpretazione e Interculturalità all Università di Bologna, SSLMIT di Forlì. 1

2 2 Capitolo I comunicazione on line che utilizza il parlato, le immagini, la lettura e la scrittura (chat). Nella seconda parte, tracciamo una panoramica delle possibilità di utilizzo di Skype nell insegnamento-apprendimento delle lingue, nella comunicazione interculturale e in altri contesti di apprendimento, oltre a descrivere le facilitazioni e le limitazioni nell uso di tale applicativo. Gli obiettivi di queste prime due parti sono presentare le caratteristiche pratiche dell applicativo corredate da una breve riflessione teorica sulle possibilità di utilizzo di Skype come risorsa didattica nel processo di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere. La terza parte si concentra sull utilizzazione pratica di Skype in tale processo. In questa, viene presentata una panoramica degli studi nel campo della Linguistica Applicata realizzati nell ambito del Progetto Teletandem Brasil: Lingue straniere per tutti. Il progetto ha trasferito la filosofia e i principi dell apprendimento delle lingue straniere in tandem (Brammerts, 2003) per il mezzo virtuale, e utilizza Skype come strumento fondamentale per stabilire i contesti intercontinentali virtuali che promuovono la comunicazione interculturale fra gli apprendenti di lingue straniere. Infine, nella conclusione segnaliamo possibili miglioramenti nell uso di Skype come facilitatore delle interazioni on line finalizzate all insegnamento e all apprendimento. 1. Skype come strumento di comunicazione on line Skype è un programma per le conversazioni orali e in video, in diretta, attraverso Internet. Permette anche di conversare utilizzando la tastiera (chat) e inviare/ricevere file. Con esso è possibile conversare gratuitamente e in tempo reale con un altra persona in qualsiasi parte del mondo che abbia accesso a Internet e Skype installato. È possibile conversare anche in conferenza con un massimo di 5 persone contemporaneamente (servizio a pagamento). Esso permette di lavorare attraverso firewall, NAT e router senza richiedere alcuna configurazione aggiuntiva. Possiede un elenco dei contatti in modo che è possibile registrare amici e permette la ricerca per paese, sesso, città, ecc. Offre altre funzioni, tra cui il controllo della privacy, il blocco durante la conversazione e la segreteria telefonica (servizio a

3 Titolo del Capitolo I 3 pagamento). A queste si aggiunge il servizio SkypeOut che permette, attraverso l acquisto di crediti, di effettuare chiamate dal PC a qualsiasi telefono nel mondo, fisso o mobile, con tariffe vantaggiose. C è anche il servizio SkypeIn, il quale fornisce un numero di rete fissa, dietro il pagamento di una piccola tassa annuale, in modo da poter ricevere attraverso Skype chiamate originate da telefoni comuni! Le chiamate da PC a PC sono gratuite. Quattro caratteristiche segnano Skype come strumento di comunicazione. La prima è che l applicativo richiede, di base, l interazione di almeno due persone, permettendo ad altri di partecipare (conferenza servizio a pagamento). La seconda caratteristica è la multimodalità. Esso porta con sé un continuum modale che parte dall utilizzazione solo della scrittura (uso esclusivo della chat), ricordandoci l antico uso della in modo asincrono (anche se la chat di Skype è sincrona), passa attraverso l uso esclusivo del parlato (senza annotazione nella chat, il che imita la comunicazione telefonica) e l uso esclusivo dell immagine via webcam (è il caso della comunicazione su Skype tra non udenti). La fine di questo continuum è l uso di tutte queste risorse orchestrate insieme, e si avvicina molto alla comunicazione faccia a faccia di tutti i giorni, ma ancora distinta da quest ultima, giacché l immagine della webcam è circoscritta spesso al viso e alla parte superiore del torso degli interlocutori. Questo è il caso soprattutto delle webcam che sono già incorporate al computer e non possono essere cambiate di posizione. La terza caratteristica dell applicativo, legata alla questione della modalità, è che abbiamo due immagini: la più grande è quella della persona con la quale stiamo parlando, mentre la più piccola (che può essere rimossa o spenta) è la nostra. La quarta e ultima caratteristica è, in qualche modo, una conseguenza di quella precedente. Dato che è impossibile conversare guardando le due immagini allo stesso tempo, guardiamo più spesso l immagine del nostro interlocutore (schermo più grande) rispetto alla nostra. Queste due ultime caratteristiche avranno ramificazioni pedagogiche, come vedremo di seguito. 2. Skype come strumento didattico

4 4 Capitolo I Le TIC offrono nuove possibilità e orizzonti all area pedagogica, e in particolare alla pedagogia dell insegnamento delle lingue straniere. In passato, l insegnamento della lingua era rivolto alla possibilità futura di incontrare uno straniero, di viaggiare in un altro paese, o all opportunità di incontri interlinguistici e interculturali (Holmes & O Neill, 2012) in ambiente di lavoro. Al giorno d oggi, i giovani hanno bisogno della lingua straniera per un uso immediato, poiché accedono a Internet e alle lingue estere con pochi clic, attraverso la messaggistica istantanea sui propri telefoni cellulari, ipad e tablet, sempre più comuni ed a prezzi accessibili. Le TIC pongono quindi nuove sfide per l insegnante e per gli studenti; si parla attualmente dell apprendimento ubiquo (ovunque, in qualsiasi momento e con qualsiasi dispositivo). In pochi clic, Skype mette persone di diversi paesi in contatto, sia in coppia che in gruppo (video-conferenze), con risorse di voce, lettura (chat), immagini (webcam), oltre a poter condividere i file. Tramite Skype, studenti di lingue straniere possono non soltanto vedersi, ma anche avere accesso alle immagini del contesto estero nel quale la lingua viene utilizzata. Uno studente brasiliano può, ad esempio, vedere il giardino del suo partner straniero in Francia. Quest ultimo, a sua volta, può vedere le stanze della casa e conoscere tutta la famiglia, compreso il cane, del suo partner brasiliano. Skype e la sua risorsa webcam, pertanto, facilitano la sensazione di telepresenza (Steuer, 1995) l essere lì. L incontro interculturale il luogo in cui persone di diverse culture e visioni del mondo negoziano identificazioni e rappresentazioni culturali e sociali (Kramsch, 1998, Holmes & O Neill, 2012:709) è ora facilitato da tali tecnologie, senza restrizioni geografiche o economiche. Le ramificazioni socio-politiche di tali incontri culturali, in virtù dei progressi tecnologici nell insegnamento delle lingue straniere, sono quindi estese; si pone quindi la questione dell equità di accesso alle lingue e alle nazioni straniere. Studenti delle scuole pubbliche, provenienti da settori sociali economicamente svantaggiati, possono ora avere accesso democratico ad altre culture, perché non dipendono più delle risorse economiche per viaggiare in altri paesi ed entrare in contatto con popoli di lingue

5 Titolo del Capitolo I 5 diverse. Questi incontri interculturali via Skype sfidano anche i governi totalitari impegnati nella vigilanza delle idee delle loro popolazioni. La filosofia umanista di apprendimento in tandem, per esempio, basata su principi di autonomia, collaborazione e reciprocità tra coppie che interagiscono, si scontra con l autoritarismo delle istituzioni scolastiche e governamentali, e funziona come strumento di sovversione dell ordine imposto dalle stesse. Il teletandem, di conseguenza, non riesce a svilupparsi in tali contesti, non arriva neppure ad essere implementato in contesti di vigilanza e controllo ideologici, sia a livello politico che sociale o pedagogico. Sebbene si tratti di uno strumento alquanto potente se usato bene nell articolazione del contesto pedagogico, Skype non garantisce di per sé il successo delle azioni nelle quali viene utilizzato. Ciò che stabilisce il curriculum è il rapporto professore-studente, in quanto è da tale relazione che esso emerge, oltre naturalmente al rapporto tra i partecipanti. Non si può, pertanto, trattare dell autonomia nell apprendimento delle lingue straniere senza considerare il ruolo del docente. Sono le concezioni di linguaggio, di sviluppo umano e di insegnamento-apprendimento del docente (e dei suoi studenti) che definiscono l articolazione del contesto in cui si svolgano le storie di esperienze di insegnamento e apprendimento. Pensiamo in modo critico: nelle nostre storie di apprendimento, dall istruzione di base perfino al dottorato, sempre abbiamo avuto qualcuno (l insegnante/il relatore di tesi) a darci indicazioni su dove andare, a dirci cosa fare e a valutarci. Sono rari o inesistenti (in molti casi) i momenti in cui siamo agenti responsabili e valutatori del nostro proprio apprendimento, delle nostre proprie decisioni pedagogiche. Come sottolinea Paiva (2006), l autonomia è una questione di continuum. Non si nasce con autonomia, ma si impara a essere autonomo. A seconda del contesto sociale, storico e pedagogico nel quale ci sviluppiamo, possiamo camminare da un punto all altro di questo continuum dal più dipendente al più autonomo, nonostante Paiva (2006) sostenga che non si può mai essere completamente autonomi; saremo sempre limitati da qualche aspetto ideologico, contestuale o istituzionale. Così, Skype può essere utilizzato da un insegnante di lingue straniere dai modi più controllanti ai più

6 6 Capitolo I autonomi; può essere usato in un modo meramente grammaticale fino al più comunicativo ed autonomo. Tuttavia, come strumento pedagogico, esso porta con sé le quattro caratteristiche che abbiamo descritto nella prima parte di questo capitolo. Queste caratteristiche possono essere più o meno educative e ideologicamente potenziatrici a seconda di come Skype è utilizzato dai professori e dagli studenti. Torniamo quindi alle quattro caratteristiche segnalate e alle loro possibili ripercussioni pedagogiche: a) Skype richiede, di base, l interazione di almeno due persone, anche se permette ad altri di partecipare: Questa prima caratteristica di Skype permette ai docenti di promuovere spazi per gli incontri interculturali in lingua straniera. In queste interazioni, gli apprendenti hanno l opportunità non solo di mettere in pratica ciò che imparano della lingua straniera con un nativo (o parlante competente), ma anche la possibilità di ricevere feedback linguistico (implicito, esplicito, auto-iniziato, iniziato dall altro) e imparare nuovi vocaboli. Tale dimensione linguistica, legata agli incontri interculturali, è di solito molto importante per i docenti di una lingua straniera. Tuttavia, l apprendimento di una lingua non è limitato alla forma e alla nostra attenzione su di essa. Oltre agli aspetti di Competenza Comunicativa (Canale & Swain, 1980; Canale, 1983), gli aspetti della Competenza Interculturale (Byram, 1997; Deardorff, 2008, 2009) sono ugualmente importanti nell educazione delle lingue straniere e possono essere appresi e praticati in queste interazioni on line. In che modo? Il contatto con individui di altre lingue e culture promuove la riflessione e l auto-valutazione di sé stessi e delle concezioni che abbiamo del mondo (Holmes & O Neill, 2012). Spesso, gli incontri interculturali avvengono sulla base dell individuazione delle differenze. È attraverso le differenze che le identità sono costruite (Woodward, 2003). Gli studenti non praticano semplicemente la lingua straniera, le sue forme e regole, ma esercitano, valutano, riflettono e condividono le loro idee e la capacità di identificare queste differenze.

7 Titolo del Capitolo I 7 La possibilità di usare Skype in conferenza consente di promuovere l interazione tra persone che abitano in differenti paesi e parlano differenti lingue. Due studenti interagenti possono invitare altri amici residenti in diversi paesi a partecipare all incontro interculturale. In ciò sta il grande potenziale pedagogico di questo strumento. La risorsa può articolare contesti interazionali e pedagogici virtuali in cui gli apprendenti non solo mettono in pratica la lingua che stanno imparando, ma ampliano i lori orizzonti ermeneutici (Gadamer, 1994) nelle loro interpretazioni e rappresentazioni della cultura dell Altro, oltre la propria cultura e identità. Niente di più importante per l educazione interculturale delle lingue straniere (Belz & Thorne, 2006) che richiede non soltanto la competenza comunicativa, ma anche strategie di competenze interculturali per affrontare la transculturalità del mondo attuale. b) Il punto di vista multimodale di Skype: È, forse, nel punto di vista multimodale di Skype che risiedono le sue qualità di potenziamento e arricchimento dell educazione interculturale delle lingue straniere. Lo strumento consente il libero esercizio, contemporaneamente, dei molteplici aspetti del linguaggio, in un orchestra di molteplici risorse linguistiche e discorsive che il linguaggio fornisce. Dal punto di vista essenzialmente linguistico, lo studente può praticare la comprensione e la produzione orale nella lingua straniera attraverso le risorse audio. Può, inoltre, praticare le abilità di lettura e produzione scritta per mezzo della chat e la risorsa di invio di documenti e link Internet. Vari tipi di feedback linguistici possono essere dati sincronicamente e asincronicamente dal suo interlocutore nativo (o parlante più competente). Tuttavia, è il ricorso all immagine conferita attraverso la webcam che rende Skype uno strumento speciale per l apprendimento delle lingue straniere. Gli aspetti paralinguistici della comunicazione interculturale sono quasi totalmente a disposizione degli apprendenti. Diciamo quasi perché tali aspetti si restringono al viso e alla parte superiore del torso. c) L immagine dell Altro:

8 8 Capitolo I All interno della sua multimodalità, Skype porta la risorsa dell immagine via webcam come caratteristica peculiare. Questa risorsa fornisce agli studenti, impegnati a imparare una lingua straniera, numerose occasioni di letture interculturali (qualche volta equivocata) dei differenti codici paralinguistici, quali espressioni e reazioni facciali, indizi su come l interazione si sta sviluppando, codici di abbigliamento (colori, stampe dei vestiti, gioielli e bigiotterie, livelli di esposizione delle parti del corpo disponibili su schermo, ecc.) e modi di salutare. Per esempio, durante un interazione via Skype in piena estate, una ragazza brasiliana appare con la canottiera e la spalla scoperta. Studenti argentini, dall altro lato, fanno un suono di esclamazione e sorpresa. Oppure, una studentessa tailandese che saluta la sua partner brasiliana, al termine di un interazione, unendo le mani e abbassando il capo, in segno di riverenza e gratitudine qualcosa di inusuale per i brasiliani. d) Due facce, due immagini: a quale guardiamo? L utilizzo di Skype porta con sé, anche nell ambito della sua multimodalità, una risorsa di immagine inusuale e inesistente nell interazione quotidiana e naturale tra persone: la possibilità di avere la nostra immagine, oltre all immagine del nostro interlocutore (quella in grande), mentre interagiamo tramite il parlato e la scrittura. Nella parte bassa dello schermo appare la nostra immagine, cosa impossibile da avere quando interagiamo dal vivo. In una conversazione normale, otteniamo la nostra auto-immagine attraverso i nostri interlocutori; sono loro che ci dicono, per esempio, che c è qualcosa che non va nei nostri capelli o sul viso. Nell interazione via Skype, questa risorsa di auto-immagine funziona, spesso, come una risorsa di controllo dell aspetto (face control) che vogliamo passare ai nostri interlocutori e, inoltre, come risorsa di controllo dell interazione (Telles, 2011). Tuttavia, lo sviluppo delle competenze linguistiche e interculturali dipenderà dai modi in cui l insegnante esplora le risorse di Skype e dai risultati dell interazione. Per fare questo, è necessario avere una certa preparazione. Per esempio, è comune il fatto che gli studenti parlino di

9 Titolo del Capitolo I 9 più con i loro partner in interazioni libere, via Skype, rispetto a quando sono in classe. Durante queste interazioni, il tempo di utilizzo della lingua da parte dello studente è, spesso, molto maggiore rispetto ad una lezione frontale. Tuttavia, tale esposizione non garantisce l apprendimento della lingua di destinazione ed è compito del professore condurre una mediazione che incentivi l auto-riflessione e l esplorazione degli episodi linguistici e interculturali dell interazione realizzata. Gli studi di Salomão (2008), Funo (2011) e Souza (2012) dimostrano la necessità di una formazione adeguata dei professori per sfruttare al meglio le risorse interattive di Skype e le mediazioni condotte con gli studenti dopo le interazioni. Il ruolo del professore non è solo quello di insegnare la lingua di destinazione, ma anche fornire strategie di apprendimento e favorire lo sviluppo dell autonomia del discente, che si sviluppa con il tempo e la pratica. Ad esempio, nelle interazioni via Skype, gli studenti parlano molto e annotano poco. Parlare, fare attenzione allo sviluppo della conversazione e prendere appunti simultaneamente, costituiscono abilità necessarie durante le interazioni Skype. Tali abilità sono necessarie non solo per registrare l input di nuovi vocaboli, ma anche per rivedere, ricordare e esplorare successivamente le nuove informazioni linguistiche e culturali che vengono acquisite durante e attraverso l interazione con i partner. Infine, per quanto riguarda Skype, dobbiamo segnalare due limiti importanti per il suo utilizzo come strumento didattico. Il primo è l impossibilità di registrare le interazioni. Per questo, è necessario acquistare i cosiddetti plug-in; ad esempio, per registrare l audio congiuntamente, o meno, alle immagini video, è possibile acquistare numerosi plug-in, oppure utilizzare quelli gratuiti disponibili in rete. La registrazione è importante per l insegnamento-apprendimento delle lingue straniere. È per mezzo di questa che lo studente potrà ascoltare, rivedere, valutare e ricostruire la sua prestazione linguistica e discorsiva, principalmente con l aiuto del docente, che può avere accesso alla registrazione con un approccio formativo e valutativo. Il secondo limite di Skype riguarda lo spazio per le annotazioni, oltre alla limitata area della chat, che permette solo una scrittura minimale. Un quadro di annotazioni interattivo (whiteboard) che permetti agli interlocutori di intervenire uno sull annotazione

10 10 Capitolo I dell altro potrebbe essere la soluzione alla necessità di input interattivo scritto. Questo quadro di annotazioni potrebbe, ancora, accettare collage di testi da Internet per la lettura congiunta di entrambi i partner, segnalare parole con l evidenziatore e stampare le annotazioni. Inoltre, l attuale chat di Skype non consente di disegnare; tale possibilità potrebbe significare un importante risorsa strategica per compensare i limiti della conoscenza della lingua straniera durante le interazioni. Risolvere questi problemi e trovare una soluzione alle suddette limitazioni è l obiettivo della società di sviluppo software autrice di Talk & Write e di TAW Soft Progetto Teletandem Brasil: Utilizzando Skype come risorsa didattica nell apprendimento delle lingue e nella comunicazione interculturale 3.1. Una panoramica generale Come si accennava in precedenza, l apprendimento delle lingue in tandem coinvolge coppie di parlanti nativi di differenti lingue che lavorano, in forma collaborativa, per imparare l uno la lingua dell altro. Ognuno dei membri della coppia è, allo stesso tempo, alunno della lingua straniera che desidera imparare (la lingua di competenza del suo partner) e professore della propria (quella che il partner vuole imparare). Abbiamo dato il nome teletandem al contesto in cui l insegnamento-apprendimento è assistito a distanza dal computer, attraverso comunicazione sincronica e per mezzo dell utilizzo delle funzioni di scrittura, lettura, e video-conferenza con applicativi di messaggistica istantanea, come Skype e altri del genere. Per quanto riguarda le risorse umane e tecniche, per realizzare il teletandem sono necessari: (a) una coppia di parlanti di lingue differenti che desiderano parlare l uno la lingua dell altro; (b) un computer connesso alla rete con Skype; (c) un microfono e una cuffia; (d) una webcam. L interazione è in forma completamente gratuita, per mezzo delle funzioni audio, video, lettura e scrittura (chat di Skype o 3 Cfr. il sito

11 Titolo del Capitolo I 11 l applicativo di annotazioni condivise Talk & Write, che funziona come un plug-in di Skype). Grazie all accesso via web, Skype funziona come uno strumento di costruzione di un contesto virtuale di comunicazione interculturale che favorisce il contatto con le lingue e le culture straniere di qualsiasi parte del mondo dove ci sia connessione Internet, oltre a stabilire alleanze, amicizie e scambi di informazioni culturali fra entrambe le parti. Il progetto porta con sé un agenda educativa, politica e interculturale, sia nelle aree di insegnamento-apprendimento delle lingue straniere assistite dai computer, sia nell area di formazione dei professori a tal fine. Si tratta di un progetto interdipartimentale e interistituzionale di ricerca nell ambito dell insegnamento delle lingue straniere a distanza, che coinvolge gli studenti del Corso di Laurea e del Post-laurea dell UNESP Universidade Estadual Paulista, in Brasile. Esso ha inoltre coinvolto ricercatori-collaboratori dei dipartimenti di lingua portoghese delle seguenti università straniere: Northwestern University, Northeastern University, Georgetown University, Truman State University, University of Miami, University of Georgia, Virginia Commonwealth University e University of Miami (EUA), Université Charles-de-Gaulle, Lille III, Université Lumière, Lyon II (Francia), Università del Salento, Università di Bologna - Forlì e Università degli Studi Roma III (Italia), Johannes Gutenberg Universität (Germania), Universidad Nacional de La Matanza (Argentina), Universidad del Trabajo de Uruguay (Uruguay) e Universidad Autónoma de México (Messico). Nella delineazione degli obiettivi del progetto si è tenuto conto del fatto che lo sviluppo delle comunicazioni mediate da Skype presenta nuove congiunture e condizioni tecnologiche per rispondere alle sfide delle limitazioni geografiche, sociali, economiche e formative affrontate dal Brasile. Così, i parametri guida del progetto sono stati: (a) il diritto di accesso democratico e senza limitazioni ai contesti internazionali di apprendimento forniti dalle nuove tecnologie; (b) la possibilità per gli studenti e gli insegnanti di lingue straniere di utilizzare tali tecnologie per imparare, praticare e comunicare in lingue straniere con i parlanti nativi o competenti in queste lingue; (c) la formazione adeguata dei nuovi professori di lingue straniere per queste nuove tecnologie di comunicazione, promuovendo il contatto,

12 12 Capitolo I almeno virtuale, con le persone, le culture e le lingue in cui i nuovi insegnanti saranno laureati; (d) la realizzazione di politiche di insegnamento e di apprendimento delle lingue straniere da parte degli organi di governo, del settore privato e delle agenzie per lo sviluppo della ricerca conoscere le lingue straniere è, dopo tutto, un requisito importante nell educazione e nello sviluppo professionale dei giovani Obiettivi del Progetto Teletandem Brasil Tenendo presente tali esigenze da una prospettiva educazionale, il progetto ha messo a contatto studenti universitari brasiliani e stranieri per imparare l uno la lingua dell altro attraverso il teletandem. Skype ha fornito un ambiente virtuale adeguato per l insegnamentoapprendimento a distanza, in cui studenti universitari si adoperano in reciproca cooperazione per insegnare all altro la propria lingua e cultura, o una lingua e cultura in cui si sentono sufficientemente competenti per insegnarla (non è necessario essere un parlante nativo). Dal punto di vista della ricerca, il progetto si pone tre obiettivi: (a) descrivere l uso che gli studenti fanno degli applicativi di teleconferenza (Skype) come strumenti e contesti multimediali per l apprendimento delle lingue straniere in tandem a distanza; (b) descrivere, da molteplici prospettive, le caratteristiche dell interazione e dell apprendimento tra le coppie di partecipanti; (c) verificare la formazione iniziale e continua del docentemediatore nel contesto di teletandem, con enfasi sul suo ruolo e sui processi alternativi di gestione dell insegnamentoapprendimento La struttura teorica e metodologica Il progetto nel suo fondamento teorico concernente l apprendimento abbraccia la teoria socio-costruttivista, dell apprendimento cooperativo e dell apprendimento trasformativo; mentre, per ciò che riguarda l acquisizione della lingua straniera, si

13 Titolo del Capitolo I 13 basa su teorie relative all autonomia, all approccio lessicale e alla forma. La struttura metodologica è orientata dal paradigma sociocostruttivista. I ricercatori partecipanti hanno adottato la metodologia qualitativa, utilizzando metodi quali studi di caso e di ricerca narrativa (storie raccontate dai partecipanti). Tale struttura ha fatto sì che la comprensione dei fenomeni di apprendimento in tandem fosse ricostruita a partire dall osservazione e dai racconti delle esperienze dei partecipanti. I dati sono stati raccolti attraverso le riprese filmate dei processi di teletandem, utilizzando applicativi di registrazione di ciò che stava succedendo sullo schermo del computer mentre gli studenti utilizzavano Skype per interagire. Altri strumenti di raccolta dati sono stati i diari scritti dai partecipanti e dai docenti-mediatori, le interviste, i questionari, le memorie delle coppie e dei professori, le annotazioni fatte dagli studenti e dai ricercatori e le autobiografie. Dal punto di vista dell analisi dei dati, abbiamo fatto uso dell approccio interpretativista ed ermeneutico, oltre all analisi del discorso e della conversazione Le domande di ricerca del Progetto Teletandem Brasil Le tre domande generali del progetto sono: Che utilizzo fanno gli studenti di Skype come strumento e contesto multimediale per l apprendimento delle lingue straniere in tandem a distanza (teletandem)? Quali sono le caratteristiche dell interazione e dell apprendimento tra le coppie partecipanti al teletandem? Qual è la formazione e il ruolo del docente-mediatore nel teletandem? Avendo ben in mente lo scopo del presente capitolo, limiteremo l indagine solo al primo quesito, con l esposizione di alcuni dati relativi alla seconda domanda, considerato il ruolo di Skype come strumento facilitatore delle interazioni on line del teletandem. È opportuno, inoltre, sottolineare che Skype non è l oggetto di ricerca del progetto, bensì il modo in cui esso viene utilizzato dagli studenti

14 14 Capitolo I (prima domanda di ricerca). Tuttavia, nei risultati che seguiranno, si notano molteplici implicazioni e ramificazioni pedagogiche nell adottare Skype come strumento di interazione interculturale Risultati L uso degli applicativi di messaggistica istantanea e del computer nella pratica di teletandem ha visto nel tempo il succedersi di diversi programmi, a cominciare da MSN Messenger per arrivare alle funzioni di registrazioni audio e video di OoVoo, e concludere con l utilizzo di Skype e Talk & Write (applicativo di annotazioni collaborative on line). Il successo di questi due ultimi applicativi è legato alla loro semplicità e facilità di utilizzo anche da parte di studenti principianti e di coloro che hanno poca dimestichezza con le nuove tecnologie. Le innovazioni che caratterizzano l ambito informatico rendono rapidamente obsoleti gli applicativi attualmente disponibili sul mercato. Per questo, il progetto si è concluso con un test di TAW Soft (Talk & Write Soft). Si tratta di un approfondimento delle risorse dell originario Talk & Write per l uso specifico nell insegnamento di idiomi, che porterà tutto incorporato: suono, immagine, annotazioni interattive sincrone tra i partner, funzioni audio e video-registrazioni, oltre alle funzioni di elenco automatico in ordine alfabetico del vocabolario e delle espressioni annotate dai partner durante le loro sessioni di teletandem (una parola scritta va alla lista di input del vocabolario, come, per esempio: pala, lavagna, legno ; due o più parole andranno alla lista di espressioni, come, per esempio: essere in vena, piove sempre sul bagnato ). TAW Soft permette ancora di incollare le pagine web su cui lavorare come testi, che potranno avere le loro parole, espressioni e frasi evidenziate in colore, sottolineate e commentate tutto fatto in forma condivisa con il partner all estero, permettendo, inoltre, di registrare e stampare tali annotazioni. Gli studi effettuati sull utilizzo delle TIC nell ambito del teletandem dimostrano che una competenza maggiore nell uso dell applicativo da parte di un partecipante non incide, durante le interazioni, nei rapporti di potere tra i partner (Vassallo, 2010). L utilizzo delle immagini webcam veicolate attraverso Skype, invece,

Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil

Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil Nonostante il crescente interesse verso la lingua portoghese, una recente ricerca 1 realizzata all

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

didattica da laboratorio

didattica da laboratorio didattica da laboratorio LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM Premium IDM PREMIUM è una rete didattica multimediale hardware ideata per rendere l insegnamento in laboratorio sempre più dinamico ed

Dettagli

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria Diana Saccardo MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici La riforma scolastica propone l insegnamento-apprendimento

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO Il progetto nasce dall esigenza di creare spazi alternativi per

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata. Silvia Balabio

Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata. Silvia Balabio Strumenti e materiali didattici: sitografia ragionata Silvia Balabio Premessa Le risorse disponibili in rete per l insegnamento dell italiano L2 sono ormai numerose e costituiscono una fonte preziosa per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO AUGUSTA BAGIENNORUM BENE VAGIENNA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO. PRESUPPOSTI PEDAGOGICI L Istituto Comprensivo di Bene Vagienna favorisce ormai da anni l

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione.

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Resoconto in Itinere Parte Pubblica 1 Informazioni sul progetto Acronimo del progetto Titolo

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Progetto Integrazione alunni stranieri ed Educazione all Intercultura Anno scolastico 2011/12

Progetto Integrazione alunni stranieri ed Educazione all Intercultura Anno scolastico 2011/12 Prot. 1754/B15 Milano, 30 Settembre 2011 Progetto Integrazione alunni stranieri ed Educazione all Intercultura Anno scolastico 2011/12 Richiesta accesso fondo Aree a Forte Processo Immigratorio Premessa

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Giorno 2: il mondo Internet Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Contenuti del modulo: La comunicazione attraverso il WEB Mailing list Forum Chat Telefonia VOIP / Videoconferenze Social

Dettagli

High Quality Audio/Video

High Quality Audio/Video EDUCATIONAL High Quality Audio/Video LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM HD PRESENTAZIONE IDM HD nato per la formazione...!!! Protagonista di progetti ambiziosi, per importanti realtà scolastiche,

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso Modello Formativo DIDATEC PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici Concetta Grasso Il docente nel XXI secolo la scuola dell insegnamento Ruolo, funzioni, profili professionali dell insegnante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese)

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento - insegnamento di lingua straniera, significa, individuato un bisogno di apprendimento, per una

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno: Affronta una comunicazione essenziale

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

P.S.I. AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUE COMUNITARIE tedesco e inglese

P.S.I. AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUE COMUNITARIE tedesco e inglese ISTITUTO COMPRENSIVO PRIMIERO P.S.I. AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUE COMUNITARIE tedesco e inglese Le competenze che si intendono sviluppare nel corso del primo ciclo di istruzione sono prioritarie e trasversali

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Sommario. Davide Casella 1 FMSMEETING 2

Sommario. Davide Casella 1 FMSMEETING 2 Guida all utilizzo di FMSmeeting Sommario FMSMEETING 2 BARRA DELLA IMPOSTAZIONI 3 WHITEBOARD / PRESENTATION BOARD 4 AREE VIDEO 7 CHAT BOARD 7 PEOPLE LIST 8 AREA ZOOM 8 F.A.Q.: PROBLEMI ALL UTILIZZO DI

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI LINGUE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw COMUNITARIE ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARVICO CURRICOLO DI L2 /L3 classe prima A.S. 2010/2011 OBIETTIVI FORMATIVI (i nostri OSA) COMPETENZE (Fioroni) Utilizza

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA PO FESR CALABRIA 2007/2013 ASSE IV - QUALITÀ DELLA VITA ED INCLUSIONE SOCIALE Linea d Intervento

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado La Certificazione Internazionale Dall anno scolastico 2012 2013, la nostra scuola secondaria di primo e secondo grado è stata riconosciuta

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro RISORSE COMUNI Milano, 22 gennaio 2003 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro Rosanna Lisco Euform.it

Dettagli

Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE

Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE LIN 01 LIN 02 LIN 03 LIN 04 General Skills Elementary English Course General Skills Pre Intermediate

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm, Prima riga: 0 cm CM n.24/2006; Direttiva MIUR del 27.12.2012; CM n.8/2013 Intestazione

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Guida alla formazione del docente di lingue all uso delle TIC

Guida alla formazione del docente di lingue all uso delle TIC A10 Guida alla formazione del docente di lingue all uso delle TIC Le lingue straniere e l italiano L2 a cura di Ivana Fratter, Elisabetta Jafrancesco Contributi di Simone Aliprandi, Livia Assunção Cecilio,

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione Lingua Straniera Francese a.s. 2015/2016 I docenti di Lingue Straniere cureranno l insegnamento attraverso un metodo funzionale-comunicativo,

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE INFANZIA Il bambino scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott.

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott. ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016 Alla cortese attenzione: Dott. Falessi Roberto Oggetto: Percorsi di formazione linguistica Data: 09

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione di lingua inglese a.s. 2015/2016 L insegnamento della lingua inglese avrà come obiettivo principale l acquisizione delle funzioni comunicative

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli