STUFE A GAS. Mod AS Q. Mod AS Q Mod AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A ISTRUZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUFE A GAS. Mod AS Q. Mod AS Q Mod AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A ISTRUZIONI"

Transcript

1 STUFE A GAS Mod AS Q } Mod AS Q Mod AS Q 0051 Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A } 0051 ISTRUZIONI per l'installazione, regolazione accensione e funzionamento L'installazione deve essere fatta secondo le norme UNI CIG /10

2 INSTALLAZIONE norma UNI CIG 7129 ATTENZIONE L'installazione e la manutenzione devono essere eseguite solo da personale autorizzato. VENTILAZIONE DEI LOCALI E POSIZIONE DELL'APPARECCHIO E' necessario che nei locali in cui sono installati degli apparecchi a gas possa affluire almeno tanta aria quanta ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas consumato dai vari apparecchi. E' quindi indispensabile per l'afflusso dell'aria nei locali, praticare nelle pareti che danno verso l'esterno delle aperture con sezione libera totale di 6 cm 2 x ogni kw di portata termica installata con un minimo di 100 cm 2. Collocare la stufa in una posizione tale che l'aria vi possa circolare liberamente attorno e riscaldarsi; evitare di inserirla nelle nicchie esistenti nelle pareti. AVVERTENZA - Le pareti ed il pavimento adiacenti devono resistere ad aumenti di temperatura di circa 80 C. - Evitare l'uso di lacche per capelli nel locale dove si trova la stufa. SCARICO DEI GAS DI COMBUSTIONE Osservare che il collegamento della stufa alla canna fumaria avvenga attraverso un tubo in lamiera del tipo comune da fumisteria del diametro di: 80 mm. - Thermosole mod AS Q - mod AS Q - mod AS Q 80 mm. - Ventosole mod. 246 AS Q 80 mm. - Ventosole mod. 316 AS Q-A curando la perfetta tenuta degli innesti e giunture. Il tubo di collegamento tra la stufa e la canna fumaria deve ricevere lo scarico di una sola stufa. Tutti gli apparecchi a gas muniti di attacco per tubo di scarico devono avere un collegamento diretto a canne fumarie di sicura efficienza o scaricare i prodotti della combustione direttamente all'esterno. IMPORTANTE Durante la messa in opera dei tubi di scarico alla canna fumaria e all'inizio di ogni stagione invernale, prima dell'accensione dell'apparecchio, verificare che all'interno dei tubi e della canna fumaria non ci siano ostruzioni che impediscano o rallentino il passaggio dei gas di combustione. ESEMPI DI INSTALLAZIONI CON SCARICHI DIRETTI ALL'ESTERNO Fig. 1 - TERMINALI DI SCARICO DEI CONDOTTI DI EVACUAZIONE a) c) e) verso l alto NO, perchè a filo muro, con o senza reticella, lo scarico non è ben assicurato a causa della mancanza di tiraggio. b) NO, perchè la differenza di quota necessaria per assicurare lo scarico è troppo ridotta. d) f) SI, perchè la differenza di quota necessaria per assicurare lo scarico è sufficiente. verso l alto NO, perchè anche con il raccordo a T di giuste proporzioni, lo sbocco è troppo vicino al balcone e lo scarico non è assicurato. SI, perchè le distanze sono corrette. SI, perchè le dimensioni dell'aspiratore statico e la sua sistemazione assicurano lo scarico. 2

3 COLLEGAMENTO AL CONDOTTO DEL GAS Bisogna prevedere un rubinetto di intercettazione dei gas a monte della stufa. Per l'allacciamento della stufa alla rete di distribuzione gas, è consigliabile usare tubi metallici. Nei casi però dove, per ragioni varie, non è possibile utilizzare tubi metallici rigidi, usare tubi flessibili di acciaio inossidabile a parete continua a norma UNI CIG 9891 lunghezza max 2 metri. ATTENZIONE Se l'attacco sul tubo della rete gas si trova nella parte opposta a quella dove è montato il raccordo entrata gas della stufa, esiste il pericolo che il tubo vada a contatto della zona più calda dello schienale surriscaldandosi (Fig. 2). Per evitare ciò, occorre far scorrere il tubo in verticale, tenerlo in guida usando l'apposito collare a molla, da fissare nel foro predisposto (Fig. 3) e proseguire in orizzontale nella zona bassa a filo pavimento. La progettazione, l'installazione e la manutenzione degli impianti, di cui sopra, sono di esclusiva competenza di personale qualificato. Consigliamo di rivolgersi al nostro installatore di zona. Fig. 2 Fig. 3 DISPOSITIVO DI CONTROLLO DELLO SCARICO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE Le stufe sono dotate di un dispositivo di sicurezza con la funzione di spegnere la fiamma e quindi il bruciatore quando c'è immissione di fumi nell'ambiente, causata da anomalie di funzionamento della canna fumaria (ostruzioni, distacco dei singoli elementi della tubazione, ecc.). Per la rimessa in funzione dell'apparecchio basta ripetere le operazioni di accensione, come indicato sulle istruzioni d'uso riportate di seguito. Qualora si ripetessero le interruzioni è ASSOLUTAMENTE NECESSARIO richiedere l'intervento di un tecnico e far controllare la corretta evacuazione dei fumi per la SICUREZZA e L'INCOLUMITA' degli utenti. NOTIZIE TECNICHE DEL DISPOSITIVO I M P O R T A N T E Il dispositivo di controllo dello scarico fumi consiste in un termostato con sonda a bulbo a taratura fissa applicato sulla scatola rompitiraggio. In caso di riflusso nell'ambiente dei prodotti della combustione, il termostato sente l'innalzamento della temperatura ed agendo tramite un interruttore a contatti dorati, interrompe l'elemento sensibile della termocoppia provocando la chiusura automatica del gas, e quindi lo spegnimento dell'apparecchio. E' assolutamente vietato disinserire o variare la posizione prefissata del dispositivo. In caso di eventuali guasti al dispositivo per la sostituzione del gruppo intero o delle parti difettose devono essere utilizzati solo pezzi originali. Si ricorda che in caso di arresti ripetuti dell'apparecchio occorre richiedere immediatamente l'intervento di un tecnico qualificato. Non tentare assolutamente di riparare il guasto, potrebbe essere molto pericoloso. 3

4 FUNZIONAMENTO L'installazione e la manutenzione devono essere eseguite solo da personale autorizzato. Per un funzionamento corretto dell'apparecchio provvedere ad una manutenzione annuale eseguita da personale autorizzato. ATTENZIONE Durante il funzionamento tutte le parti dell'apparecchio raggiungono elevate temperature. E' opportuno che i bambini non si avvicinino alla stufa. L'apparecchio non deve mai essere coperto, anche parzialmente, da indumenti, recipienti od altro che possano ostacolare la libera circolazione dell'aria. Tutte le stufe sono dotate di una valvola di sicurezza con bruciatore e termocoppia. Quando la fiamma del bruciatore è accesa, riscalda la termocoppia, la quale apre automaticamente il passaggio del gas al bruciatore principale. Nel caso di spegnimento della fiamma al bruciatore, la termocoppia si raffredda e chiude automaticamente il flusso del gas sia al bruciatore principale che a quello del. COLLEGAMENTO ELETTRICO Solo per Ventosole mod. 246 AS Q - mod. 316 AS Q-A L'allacciamento alla rete elettrica dell'apparecchio deve essere eseguito in conformità alle norme d'installazione vigenti. Ventosole mod. 246 AS Q: L'apparecchiatura funziona a 220/240 V - 50 Hz, ha potenza max 28 W e protezione IP 20. Ventosole mod. 316 AS Q-A: L'apparecchiatura funziona a 220/240 V - 50 Hz, ha potenza max 27 W e protezione IP 20. Pertanto prima di inserire la spina nella presa di alimentazione, accertarsi che la tensione dell'impianto domestico corrisponda a tale valore. La presa dell'impianto deve essere sempre provvista di messa a terra efficiente. Il costruttore non si assume responsabilità alcuna nel caso in cui le norme di sicurezza e antinfortunistiche non vengano rispettate. Qualora si desideri effettuare un collegamento fisso alla rete di alimentazione, bisogna prevedere un dispositivo omnipolare di disinserzione dalla rete con apertura dei contatti di almeno 3 mm. ACCENSIONE BRUCIATORE PILOTA (Fig. 4) Thermosole mod AS Q Aprire il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. Premere a fondo il pulsante e mantenerlo premuto. Premere a fondo il pulsante a scatto (gruppo accensione) una o due volte. Accertarsi attraverso il vetro della facciata, che il bruciatore sia acceso. Mantenere premuto il pulsante per 20 secondi circa, poi rilasciarlo. Qualora il bruciatore non rimanga acceso, ripetere l'operazione. Thermosole mod AS Q - mod AS Q Aprire il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. Ruotare la manopola (1) in modo da far coincidere l'indice di riferimento (2) con il simbolo della manopola. Premere a fondo la manopola (1) e, mantenendola premuta, azionare una o due volte il pulsante a scatto (3) (gruppo accensione). Accertarsi attraverso l'oblò della facciata che il bruciatore sia acceso. Mantenere ancora premuta la manopola (1) per venti secondi circa, poi rilasciarla. Qualora il bruciatore non rimanesse acceso, ripetere l'operazione. Ventosole mod. 246 AS Q Aprire il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. Ruotare la manopola (1) in modo da far coincidere l'indice di riferimento (2) con il simbolo della manopola. Premere a fondo la manopola (1) e, mantenendola premuta, azionare una o due volte il pulsante a scatto (3) (gruppo accensione). Accertarsi attraverso l'oblò della facciata che il bruciatore sia acceso. Mantenere ancora premuta la manopola (1) per venti secondi circa, poi rilasciarla. Qualora il bruciatore non rimanesse acceso, ripetere l'operazione. Ventosole mod. 316 AS Q-A Aprire il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. Ruotare la manopola (1) in modo da far coincidere l'indice di riferimento (2) con il simbolo (3) accensione della valvola. Premere a fondo il tasto (4) e contemporaneamente azionare il pulsante accensione (7). Accertarsi attraverso l'oblò della facciata che il bruciatore sia acceso, rilasciare il pulsante (7), ma mantenere ancora premuto il tasto (4) per venti secondi circa, poi rilasciarlo. Qualora il bruciatore non rimanesse acceso, ripetere l'operazione. 4

5 THERMOSOLE mod AS Q ACCENSIONE BRUCIATORE PRINCIPALE (Fig. 4) Premere il pulsante, quando appare l'indicatore, il bruciatore principale si accende. Premere il pulsante : - Quando appare sull'indicatore il bruciatore è alla massima portata. - Quando appare sull'indicatore il bruciatore è alla minima portata. L'eventuale verificarsi di un abbassamento della fiamma, sarà dovuto unicamente all'insufficienza dell'erogazione di gas specialmente nelle ore di maggior consumo da parte dell'utenza. Per la PRIMA ACCENSIONE premere il pulsante accensione sicurezza più a lungo, per scaricare eventuali residui di aria dalle tubazioni. SPEGNIMENTO Per spegnere solo il bruciatore principale premere il pulsante fino a quando appare sull'indicatore. Per spegnere completamente la stufa chiudere il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. THERMOSOLE mod AS Q Vite Reg. Min. al Bruc. Princ. M PULSANTE ACCENSIONE Fig. 4 THERMOSOLE mod AS Q - mod AS Q VENTOSOLE mod. 246 AS Q - mod. 316 AS Q-A ACCENSIONE BRUCIATORE PRINCIPALE (Fig. 4) E FUNZIONAMENTO TERMOSTATICO Ad ogni posizione della manopola (1) corrisponde approssimativamente, un determinato valore della temperatura ambiente (es teorico: alla posizione 4 corrisponde una temperatura ambiente di 19 C circa). Per l'accensione del bruciatore principale ruotare in senso antiorario la manopola (1) facendo coincidere l'indice di riferimento (2) su un numero desiderato; il bruciatore si accende se la temperatura dell'ambiente è inferiore a quella relativa alla posizione scelta (vedi tabella "Importante per l'utente"). THERMOSOLE mod AS Q - mod AS Q Fig. 4 VENTOSOLE mod. 246 AS Q VENTOSOLE mod. 316 AS Q-A Fig. 4 FUNZIONAMENTO VENTILATORE (Fig. 4) Ventosole mod. 246 AS Q Per far funzionare il ventilatore, premere l'interruttore di funzionamento 4, posto sul cruscotto, sulla Pos. 1. FUNZIONAMENTO VENTILATORE (Fig. 4) Ventosole mod. 316 AS Q-A Il ventilatore è comandato da un interruttore (8) e da un termostato, posti in serie. Premere l'interruttore su posizione (-) o su posizione (=) per il funzionamento al minimo od al massimo. Per spegnere porre l'interruttore su posizione (0). AVVERTENZA Fig. 4 Il ventilatore essendo comandato anche dal termostato entra in funzione automaticamente solo quando lo scambiatore è sufficientemente caldo. 5

6 L'eventuale verificarsi di un abbassamento della fiamma, sarà dovuto unicamente all'insufficienza dell'erogazione di gas specialmente nelle ore di maggior consumo da parte dell'utenza. Per la PRIMA ACCENSIONE premere il pulsante accensione sicurezza più a lungo, per scaricare eventuali residui di aria dalle tubazioni. SPEGNIMENTO Per spegnere solo il bruciatore principale, ruotare in senso orario la manopola (1) facendo coincidere l'indice di riferimento (2) sul simbolo della valvola. Rimarrà accesa solo la fiamma. Per spegnere completamente la stufa ruotare ulteriormente la manopola sulla posizione per VENTOSOLE mod. 316 AS Q-A: premere a fondo il tasto (5) con il simbolo (6). Chiudere il rubinetto di intercettazione del gas fuori stufa. REGOLAZIONE Tutte le stufe sono tarate e collaudate dalla fabbrica per il funzionamento a gas metano. Sono dotate dello stabilizzatore di pressione regolato a: 11 mbar - Thermosole mod AS Q - mod AS Q - mod AS Q (senza stabilizzatore di pressione) 8 mbar - Ventosole mod. 246 AS Q 9 mbar - Ventosole mod. 316 AS Q-A Comunque, le particolari caratteristiche costruttive per il funzionamento multigas facilitano sia la regolazione e la trasformazione a qualsiasi altro tipo di gas (gas liquido, gas città) che la normale manutenzione. Qualora si dovesse variare il funzionamento della stufa con gas diversi da quello di taratura, questa modifica deve essere eseguita con la massima attenzione da tecnici del Servizio Assistenza autorizzati, effettuando le seguenti operazioni: TRASFORMAZIONE A GAS LIQUIDO (Operazione che va eseguita esclusivamente da personale qualificato) THERMOSOLE mod AS Q Thermosole mod AS Q Bruciatore : Svitare il raccordo ugello (C)(fig. 5); Togliere e sostituire l'ugello con un altro adatto; Rimettere il raccordo (C). Si consiglia di togliere prima la candela di accensione posta sotto il raccordo (C) per evitare di danneggiarla. Bruciatore principale: Togliere e sostituire l'ugello (A) (fig. 5) con un altro adatto; Regolare la presa d'aria primaria agendo sulla fascetta (B) (fig. 5) sino ad ottenere sul bruciatore lingue di fiamma di colore azzurro; Per la trasformazione a gas liquido occorre richiedere ai nostri centri di assistenza i relativi ugelli. Il bruciatore funziona bene quando le fiammelle che da questo si sprigionano formano delle "lingue" di colore azzurro alte circa 15 mm ben stabilizzate sui fori di uscita. Per aumentare o diminuire la portata minima del gas al bruciatore principale, effettuare le seguenti operazioni: - Premere il pulsante; - Togliere il tappo a vite M (fig. 4); - Svitare od avvitare la vite posta sotto al tappo M; - Rimettere la vite al tappo M. Thermosole mod AS Q - mod AS Q Stabilizzatore di pressione (fig. 6): Togliere la capottina; Agire con un cacciavite sulla vite (1) avvitandola lentamente a fondo. In tal modo si esclude il regolatore di pressione della valvola e la sua stufa funzionerà con il regolatore montato sulla bombola che deve essere tarato a 30 mbar; Bruciatore (fig. 7): Svitare il raccordo ugello (C); Togliere e sostituire l'ugello con un altro adatto; Rimettere il raccordo. Si consiglia di togliere prima la candela di accensione posta sotto il raccordo (C) per evitare di danneggiarla. Bruciatore principale (fig. 7): Togliere e sostituire l'ugello (A) con un altro adatto; Regolare la presa d'aria primaria tirando o premendo la fascetta (B) sino ad ottenere sul bruciatore lingue di fiamma di colore azzurro, senza punte gialle; Rimettere la capottina. Occorre inoltre montare una riduzione sul portagomma da richiedersi ai nostri centri di assistenza con i relativi ugelli. 6 B Fig. 5 C. raccordo ugello A. ugello B. fascetta aria primaria

7 Ventosole mod. 246 AS Q Stabilizzatore di pressione (fig. 6): Togliere la capottina; Agire con un cacciavite sulla vite (1) avvitandola lentamente a fondo. In tal modo si esclude il regolatore di pressione della valvola e la sua stufa funzionerà con il regolatore montato sulla bombola che deve essere tarato a 30 mbar; Bruciatore (fig. 7): Svitare il raccordo ugello (C); Togliere e sostituire l'ugello con un altro adatto; Rimettere il raccordo. Si consiglia di togliere prima la candela di accensione posta sotto il raccordo (C) per evitare di danneggiarla. Bruciatore principale (fig. 7): Togliere e sostituire l'ugello (A) con un altro adatto; Regolare la presa d'aria primaria tirando la fascetta (B) ad una distanza di 14 mm sino ad ottenere sul bruciatore lingue di fiamma di colore azzurro, senza punte gialle; Rimettere la capottina. Occorre inoltre montare una riduzione sul portagomma da richiedersi ai nostri centri di assistenza con i relativi ugelli. Ventosole mod. 316 AS Q-A Regolazione della portata in uscita (fig. 6): Togliere il cappuccio di protezione; Svitare completamente la vite di regolazione per aumentare al massimo la portata; in questa condizione la stufa funzionerà con il regolatore di pressione montato sulla bombola che deve essere tarato a 30 mbar. Bruciatore (fig. 7): Svitare il raccordo ugello (C); Togliere e sostituire l'ugello con un altro adatto; Rimettere il raccordo. Si consiglia di togliere prima la candela di accensione posta sotto il raccordo (C) per evitare di danneggiarla. Bruciatore principale (fig. 7): Togliere e sostituire l'ugello (A) con un altro adatto; Regolare la presa d'aria primaria tirando la fascetta (B) ad una distanza di 16 mm (+0, -2) sino ad ottenere sul bruciatore lingue di fiamma di colore azzurro, senza punte gialle; Occorre inoltre montare una riduzione sul portagomma da richiedersi ai nostri centri di assistenza con i relativi ugelli. THERMOSOLE mod AS Q - mod AS Q - mod AS Q Categoria II 2H3+ GAS METANO Pressione Bruc. 11 mbar G.P.L. Pressione Bruc. 30 mbar. Modello Nox Class Portata termica kw m 3 /h ø Bruciatore kg./h ø Bruciatore ,50 8,45 9,20 0,690 0,860 0, ,497 0,610 0, THERMOSOLE mod AS Q - mod AS Q C. raccordo ugello A. ugello B. fascetta aria primaria B Fig. 6 Fig. 7 7

8 VENTOSOLE mod. 246 AS Q Modello Categoria II 2H3+ Nox Class Portata termica kw m 3 /h GAS METANO Pressione Bruc. 8 mbar ø Bruciatore mm G.P.L. Pressione Bruc. 28,3 mbar per gas G30 Pressione Bruc. 35,4 mbar per gas G31 kg./h ø Bruciatore mm ,3 1,09 3, ,641 1, C. raccordo ugello A. ugello B. fascetta aria primaria Fig. 6 B Fig. 7 VENTOSOLE mod. 316 AS Q-A Modello Categoria II 2H3+ Nox Class Portata termica kw m 3 /h GAS METANO Pressione Bruc. 9 mbar ø Bruciatore mm G.P.L. Pressione Bruc. 28,5 mbar per gas G30 Pressione Bruc. 36,3 mbar per gas G31 kg./h ø Bruciatore mm ,164 3,10 G25/2 0,697 1,65 G20/1 C. raccordo ugello A. ugello B. fascetta aria primaria Vite di regolazione Fig. 6 B Fig. 7 MANUTENZIONE E PULIZIA ATTENZIONE Prima di procedere a operazioni di pulizia e manutenzione togliere la spina dalla presa di corrente (Mod. 246 AS Q e Mod. 316 AS Q-A). Ad ogni inizio di stagione, prima di riaccendere la stufa, aprire lo sportello laterale e togliere l'eventuale lanugine formatasi all'entrata della presa d'aria del bruciatore principale. Pulire la mantellatura solo a stufa fredda con panno umido, mai con polveri abrasive. 8

9 CASI DI IRREGOLARE FUNZIONAMENTO CAUSE E RIMEDI Il bruciatore non si accende Controllare: - che il gas arrivi alla stufa; - che non ci sia aria nella tubazione; - che il foro dell'ugello bruciatore non sia otturato. Verificare le operazioni di accensione. Il bruciatore si spegne quando si rilascia il pulsante Verificare: - che la fiamma del bruciatore riscaldi la termocoppia; - che l'estremità della termocoppia sia pulita e ben avvitata sull'apposita sede della valvola. Controllare la termocoppia ed eventualmente sostituirla. La fiamma del bruciatore principale fa punte gialle Vi affluisce troppo gas, ridurre la portata o la pressione (vedi regolazione); Vi è poca aria per la combustione, aprire la fascetta per la presa d'aria al bruciatore. La fiamma del bruciatore principale tende a staccare Vi è troppa aria, chiudere la fascetta dell'aria al bruciatore. 9

10 IMPORTANTE PER L'UTENTE (Fig. 7) Per facilitare l'uso della Sua stufa, La invitiamo ad esaminare attentamente questo disegno rappresentante la manopola per la regolazione e la tabella dei dati relativi: Sulla posizione 1 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 10 C. Sulla posizione 2 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 12,5 C. Sulla posizione 3 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 15 C. Sulla posizione 4 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 17,5 C. Sulla posizione 5 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 20 C. Sulla posizione 6 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 22,5 C. Sulla posizione 7 - la stufa si accende se nel locale vi sono meno di 25 C. Per ragioni di ordine tecnico ed ambientali i dati sono approssimativi. Dal disegno e dai dati sopra illustrati si può constatare che: 1) se nel Suo locale la temperatura è di C., la stufa sui numeri non si potrà accendere.. 2) se Lei desidera una temperatura di 22 C., dovrà girare la manopola fra i numeri 5 e 6, Lei potrà quindi scegliere la temperatura che preferisce con il solo spostamento della manopola sui numeri corrispondenti alle varie gradazioni. N.B.: Quando nel locale si raggiungerà la temperatura programmata, le fiamme del bruciatore principale si abbasseranno automaticamente e si rialzeranno solo se la temperatura ambientale diminuirà di 2 o 3 C. THERMOSOLE mod AS Q - mod AS Q VENTOSOLE mod. 246 AS Q VENTOSOLE mod. 316 AS Q-A Fig. 7 Fig. 7 VENTOSOLE mod. 246 AS Q VENTOSOLE mod. 316 AS Q-A Schema elettrico Schema elettrico 10

11 Via Varese, Gallarate - Va - Italy Tel Fax

STUFE A GAS. Mod AS Q. Mod AS Q Mod AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A ISTRUZIONI

STUFE A GAS. Mod AS Q. Mod AS Q Mod AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A ISTRUZIONI STUFE A GAS Mod. 1.62 AS Q } Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q 0051 Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q-A } 0051 ISTRUZIONI per l'installazione, regolazione accensione e funzionamento L'installazione deve essere fatta

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. DELONGHI CS 230TVEX:1

Il tuo manuale d'uso. DELONGHI CS 230TVEX:1 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di DELONGHI CS 230TVEX:1. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Libretto Istruzioni e consigli per : INSTALLAZIONE ACCENSIONE REGOLAZIONE FUNZIONAMENTO MANUNTENZIONE. delle stufe a gas CAT II2H 3+ (Tipo B11 BS)

Libretto Istruzioni e consigli per : INSTALLAZIONE ACCENSIONE REGOLAZIONE FUNZIONAMENTO MANUNTENZIONE. delle stufe a gas CAT II2H 3+ (Tipo B11 BS) Libretto Istruzioni e consigli per : INSTALLAZIONE ACCENSIONE REGOLAZIONE FUNZIONAMENTO MANUNTENZIONE delle stufe a gas CAT II2H 3+ (Tipo B11 BS) Mod. SG 45 T Mod. SG 80 T Mod. SG 120 T Mod. SG 90 T TURBO

Dettagli

710 MINISIT DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE REGOLATORE DI TEMPERATURA. SIT Group CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS

710 MINISIT DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE REGOLATORE DI TEMPERATURA. SIT Group CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS SIT Group 710 MINISIT CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE REGOLATORE DI TEMPERATURA PIN 0085AQ0287 CONTROLLO MULTIFUNZIONALE TERMOSTATICO Controllo

Dettagli

LUCILLA FABIOLA ISIDORA ISIDORA TURBO

LUCILLA FABIOLA ISIDORA ISIDORA TURBO Libretto Istruzioni e consigli per : INSTALLAZIONE ACCENSIONE REGOLAZIONE FUNZIONAMENTO MANUNTENZIONE STUFE A GAS CAT II2H 3+ (Tipo B11 BS) LUCILLA FABIOLA ISIDORA ISIDORA TURBO Con valvola termostatica

Dettagli

820 NOVA DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE.

820 NOVA DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE. SIT Group 820 NOVA CONTROLLO MULTIFUNZIONALE GAS DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE PIN 3AP700/2 CONTROLLO MULTIFUNZIONALE

Dettagli

810 ELETTROSIT. По вопросам приобретения продукции сайт тел. +7 (499)

810 ELETTROSIT. По вопросам приобретения продукции сайт  тел. +7 (499) SIT Group 810 ELETTROSIT CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS COMANDO A PULSANTI TUTTE LE REGOLAZIONI ACCESSIBILI DALL ALTO DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE PIN 63AN7060/3

Dettagli

820 NOVA mv ALIMENTAZIONE TRAMITE TERMOPILA DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO

820 NOVA mv ALIMENTAZIONE TRAMITE TERMOPILA DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO SIT Group 820 NOVA mv CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS ALIMENTAZIONE TRAMITE TERMOPILA DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE

Dettagli

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI STUFE A GAS Mod. 1.62 AS Q } Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q 0051 Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q } 0051 ISTRUZIONI per l'installazione, regolazione accensione e funzionamento L'installazione deve essere fatta

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE

INFORMAZIONI TECNICHE INFORMAZIONI TECNICHE 003/01/TEC 09 ottobre 01 OGGETTO: BERETTA ECOMIX Egregi Collaboratori, Vi informiamo che a breve verrà commercializzata la caldaia a bassa emissione di Nox, denominata ECOMIX, nelle

Dettagli

610 AC3 MANOPOLA DI COMANDO (SPENTO, PILOTA, ACCESO) MANOPOLA DI SELEZIONE DELLA TEMPERATURA TERMOSTATO DI REGOLAZIONE TUTTO O NIENTE

610 AC3 MANOPOLA DI COMANDO (SPENTO, PILOTA, ACCESO) MANOPOLA DI SELEZIONE DELLA TEMPERATURA TERMOSTATO DI REGOLAZIONE TUTTO O NIENTE SIT Group 610 AC3 CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS MANOPOLA DI COMANDO (SPENTO, PILOTA, ACCESO) MANOPOLA DI SELEZIONE DELLA TEMPERATURA TERMOSTATO DI REGOLAZIONE TUTTO O NIENTE DISPOSITIVO TERMOELETTRICO

Dettagli

822 NOVA DOPPIA ELETTROVALVOLA AUTOMATICA DI INTERCETTAZIONE REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO TUTTE LE REGOLAZIONI ACCESSIBILI DALL ALTO

822 NOVA DOPPIA ELETTROVALVOLA AUTOMATICA DI INTERCETTAZIONE REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO TUTTE LE REGOLAZIONI ACCESSIBILI DALL ALTO SIT Group 822 NOVA CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS DOPPIA ELETTROVALVOLA AUTOMATICA DI INTERCETTAZIONE REGOLATORE DI PRESSIONE SERVOASSISTITO TUTTE LE REGOLAZIONI ACCESSIBILI DALL ALTO PIN 63AP7060/2

Dettagli

822 NOVAMIX REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1

822 NOVAMIX REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1 SIT Group 822 NOVAMIX CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS IN FUNZIONE DELLA PORTATA D ARIA RAPPORTO GAS/ARIA 1:1 DOPPIA ELETTROVALVOLA AUTOMATICA DI INTERCETTAZIONE REGOLATORE

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio e di servizio. Dispositivo antincendio. Avvertenze sulla sicurezza. al personale specializzato. per Vitoligno 300-H

VIESMANN. Istruzioni di montaggio e di servizio. Dispositivo antincendio. Avvertenze sulla sicurezza. al personale specializzato. per Vitoligno 300-H Istruzioni di montaggio e di servizio per il personale specializzato VIESMANN Dispositivo antincendio per Vitoligno 300-H Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente alle avvertenze

Dettagli

DUA 24. LIB 0301C - 4 a edizione - 07/98 INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE

DUA 24. LIB 0301C - 4 a edizione - 07/98 INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE DUA LIB 00C - a edizione - 0/ INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE E DIMENSIONI. - CARATTERISTICHE TECNICHE La caldaia DUA è un gruppo termico funzionante a gas con bruciatore atmosferico

Dettagli

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

INFORMAZIONE TECNICA

INFORMAZIONE TECNICA INFORMAZIONE TECNICA 001/09/tec 07 luglio 09 OGGETTO: FONTE -CIAO J MYNUTE J Carissimi Collaboratori, da alcuni giorni vengono commercializzati la nuova gamma di scaldabagni FONTE e a breve saranno in

Dettagli

NOVA REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS: A GRADINI (824 NOVA) - CONTINUA (825 NOVA) DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA

NOVA REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS: A GRADINI (824 NOVA) - CONTINUA (825 NOVA) DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA SIT Group 824-825 NOVA CONTROLLO MULTIFUNZIONALE PER GAS REGOLAZIONE DELLA PORTATA DI GAS: A GRADINI (824 NOVA) - CONTINUA (825 NOVA) DISPOSITIVO TERMOELETTRICO DI SICUREZZA ELETTROVALVOLA DI INTERCETTAZIONE

Dettagli

STUFE A PELLET VERNICIATI IN NERO OPACO

STUFE A PELLET VERNICIATI IN NERO OPACO SERIE TUBI 1,2 mm PER STUFE A VERNICIATI IN NERO OPACO E una linea di canali da fumo appositamente studiata per stufe a pellet che, avendo un ventilatore nel circuito di combustione, richiedono un livello

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello S 14 Scaldabagno a gas CE 0694 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY S 14 - RAD - ITA - MAN.UT - 1209.1 - MIR7VD6FLC ITALIANO ISTRUZIONI

Dettagli

Istruzioni per l installatore

Istruzioni per l installatore ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE QUESTO MANUALE COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE DELL APPARECCHIO. OCCORRE CONSERVARLO INTEGRO E A PORTATA DI MANO PER TUTTO IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO. L'INSTALLAZIONE DOVRÀ

Dettagli

Caldaie murali CLIMIT 24 BF MANUALE PER L'USO

Caldaie murali CLIMIT 24 BF MANUALE PER L'USO Cod. Caldaie murali CLIMIT 24 BF MANUALE PER L'USO IT Gentile Cliente, La ringraziamo per aver acquistato una caldaia Climit Climit BF, un apparecchio modulante a bassa temperatura, di ultima generazione,

Dettagli

Caldaria Condensing. incentivi. Esempio di installazione di Caldaria Condensing all interno di un autofficina. Sistema combinato:

Caldaria Condensing. incentivi. Esempio di installazione di Caldaria Condensing all interno di un autofficina. Sistema combinato: ROBUR_caldariacondensig_commerciale6pag_03-2013 2-04-2013 15:07 Pagina 3 Sistemi combinati caldaia a condensazione per installazione esterna + aerotermi interni per un riscaldamento modulare ad elevata

Dettagli

GEP 14 H SCALDA ACQUA A GAS 14 LITRI TIRAGGIO FORZATO. Istruzioni per l'installazione

GEP 14 H SCALDA ACQUA A GAS 14 LITRI TIRAGGIO FORZATO. Istruzioni per l'installazione GEP 14 H SCALDA ACQUA A GAS 14 LITRI TIRAGGIO FORZATO Istruzioni per l'installazione Prodotto / Produzione Certificazione 1. Operazioni necessarie e avvertimenti di sicurezza prima di installare il vostro

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS. Acquaspeed E - SE. Minimo Ingombro

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS. Acquaspeed E - SE. Minimo Ingombro SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS Acquaspeed E - SE Minimo Ingombro Lo scaldabagno compatto dalle grandi prestazioni I plus Acquaspeed è sicuro gli scaldabagni Acquaspeed sono dotati di controllo di fiamma

Dettagli

DISPOSITIVO MULTIFUNZIONALE GAS/ARIA 1:1 PER APPARECCHI DI COMBUSTIONE A GAS

DISPOSITIVO MULTIFUNZIONALE GAS/ARIA 1:1 PER APPARECCHI DI COMBUSTIONE A GAS SIT Group SIT 848 SIGMA DISPOSITIVO MULTIFUNZIONALE GAS/ARIA 1:1 PER APPARECCHI DI COMBUSTIONE A GAS 9955440 129 Il contenuto è soggetto a modifiche senza preavviso Campo di applicazione Apparecchi domestici

Dettagli

Full. L Amore per il Clima! Stufe Convettive a Gas. Scambiatori di calore in acciaio inox. Il calore in più sempre, dove e quando serve

Full. L Amore per il Clima! Stufe Convettive a Gas. Scambiatori di calore in acciaio inox. Il calore in più sempre, dove e quando serve Full Stufe Convettive a Gas Scambiatori di calore in acciaio inox Il calore in più sempre, dove e quando serve L Amore per il Clima! Full: stufe convettive a gas Full, l eccellenza delle stufe convettive

Dettagli

PROFESSIONAL. Stiro Casa Professional

PROFESSIONAL. Stiro Casa Professional 7 8 11 9 1 2 12 3 4 6 5 10 PROFESSIONAL 1) Tappo brevettato di sicurezza 2) Interruttore caldaia 3) Cavo d alimentazione 4) Tappetino poggiaferro 5) Manopola regolazione temperatura ferro 6) Impugnatura

Dettagli

INDICE. 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" 2.1 Rispondenza alle Direttive "CEE" per apparecchiature a gas

INDICE. 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive CEE 2.1 Rispondenza alle Direttive CEE per apparecchiature a gas INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" 2.1 Rispondenza alle Direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3. Schemi di installazione 4. Tabella dati tecnici 4.1 Caratteristiche dei gas 5.

Dettagli

Termoregolatore TR2000

Termoregolatore TR2000 Termoregolatore TR2000 Il termoregolatore TR 2000 è il dispositivo con cui si comandano le macchine Aerferrisi di climatizzazione. Con esso si regola la temperatura degli ambienti e la velocità di rotazione

Dettagli

MODELLO WR275 1K.P... WR350 1K.P... WR400 1K.P... CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D

MODELLO WR275 1K.P... WR350 1K.P... WR400 1K.P... CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica Per la vostra sicurezza WR 275 1K P WR 350 1K P WR 400 1K P 6 720 602 908 (01 05) AL Se avvertite odore

Dettagli

Bollettino tecnico nr. 5/2015 REGOLATORE di TIRAGGIO

Bollettino tecnico nr. 5/2015 REGOLATORE di TIRAGGIO Bollettino tecnico nr. 5/2015 REGOLATORE di TIRAGGIO Zingonia, 19 gennaio 2015 L efficienza di un impianto fumario è soggetta agli influssi delle caratteristiche dei fumi e alle condizioni climatiche che

Dettagli

Caldaia a pellet Paradigma

Caldaia a pellet Paradigma Caldaia a pellet Paradigma Contenitore a caricamento manuale pellet per PELEO OPTIMA Installazione e istruzioni d uso THIT9450_V1.0_07/17 Sistemi di riscaldamento ecologico Indice Indice 1. Introduzione

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello RBS 24 Elite /S Caldaia murale istantanea con scambiatore integrato CE 0694 RBS 24 ELITE_S - RAD - ITA - MAN.UT - 1205.1-40-00024 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI

Dettagli

Cod GRIGLIE A PIETRA LAVICA - SERIE 9- LD MOD. 90/40 GRL 90/80 GRL 110/40 GRL 110/80 GRL IT CAT. II 2H3+

Cod GRIGLIE A PIETRA LAVICA - SERIE 9- LD MOD. 90/40 GRL 90/80 GRL 110/40 GRL 110/80 GRL IT CAT. II 2H3+ Cod. 252.193.02 GRIGLIE A PIETRA LAVICA - SERIE 9- LD 0051 MOD. 90/40 GRL 90/80 GRL 110/40 GRL 110/80 GRL IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a

Dettagli

KIT TRASFORMAZIONE A GAS G30-G31 (Novella 55-64-71 RAI)

KIT TRASFORMAZIONE A GAS G30-G31 (Novella 55-64-71 RAI) KIT TRASFORMAZIONE A GAS G30-G31 (Novella 55-6-71 RAI) Questa istruzione è parte integrante del libretto dell apparecchio sul quale viene installato il KIT. A tale libretto si rimanda per le AVVERTENZE

Dettagli

1. Caratteristiche dimensioni

1. Caratteristiche dimensioni 1. Caratteristiche dimensioni ø Modelo ø A 11 Litro 110 318 14 Litro 125 130 374 580 G = asse gas EF = asse ingresso acqua fredda EC = asse uscita acqua calda Peso Lordo Netto G EF 42 119 250,5 A 4 EF

Dettagli

Piastra di cottura elettrica

Piastra di cottura elettrica Piastra di cottura elettrica 997-998 A C B Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 IT AVVERTENZE IMPORTANTI LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DELL USO. USANDO GLI APPARECCHI ELETTRICI È NECESSARIO PRENDERE LE OPPORTUNE

Dettagli

CALDAIE MURALI PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ISTANTANEA DI ACQUA CALDA SANITARI

CALDAIE MURALI PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ISTANTANEA DI ACQUA CALDA SANITARI CALDAIE MURALI PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ISTANTANEA DI ACQUA CALDA SANITARI MODELLI CON SCAMBIATORE BITERMICO 20 BTJ 20 BTS MODELLI CON SCAMBIATORE A PIASTRE 20 J 24 J 20 S 24 S EDIZIONE DICEMBRE

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS 3.4.3 5.2005 a gas - camera aperta accensione automatica tramite dinamo Acquasprint Dinamo è lo scaldabagno a camera aperta con accensione automatica che, mediante una microturbina,

Dettagli

Watts Industries. Valvola di sovrappressione tipo ACV EU116 Manuale di istruzioni

Watts Industries. Valvola di sovrappressione tipo ACV EU116 Manuale di istruzioni Watts Industries Valvola di sovrappressione tipo ACV EU116 Manuale di istruzioni 1 Funzionamento La valvola di sovrappressione EU116 è comandata tramite pilota registrabile a due vie, dotato di molla e

Dettagli

Regolatore di temperatura Termostato di sicurezza a riarmo manuale

Regolatore di temperatura Termostato di sicurezza a riarmo manuale Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Regolatore di temperatura Termostato di sicurezza a riarmo manuale Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente alle

Dettagli

Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico

Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione dello scambiatore di calore con sistema idraulico per Vitodens 200-W, tipo B2HA, da 125 a 150 kw Avvertenze sulla sicurezza

Dettagli

Cod. 252.171.00 GRIGLIE A GAS - SERIE 65 MOD. 65/40 GRG GRG/40A 65/70 GRG GRG/70A IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.171.00 GRIGLIE A GAS - SERIE 65 MOD. 65/40 GRG GRG/40A 65/70 GRG GRG/70A IT CAT. II 2H3+ Cod. 252.171.00 GRIGLIE A GAS - SERIE 65 MOD. 65/40 GRG GRG/40A 65/70 GRG GRG/70A IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3. Schemi di installazione

Dettagli

effettometano sicurosicuro.

effettometano sicurosicuro. effettometano sicurosicuro. Da Tea a Te. Dalla sicurezza del metano alla qualità. con il contributo di: Il modo di essere della sicurezza. Progettazione, costruzione e gestione d impianti e reti di distribuzione

Dettagli

MEC MEC C Generatori d aria calda pensili assiali e centrifughi a gas da interno

MEC MEC C Generatori d aria calda pensili assiali e centrifughi a gas da interno Caratteristiche tecniche e costruttive mod. MEC I MEC - MEC C sono generatori di aria calda pensili dove il mantello di copertura è realizzato in lamiera di acciaio verniciata a polveri epossidiche, a

Dettagli

Miscelatori Termostatici OIOLI

Miscelatori Termostatici OIOLI Since 1960 Made in Italy Manuale di Installazione Miscelatori Termostatici OIOLI Art. 20522-TERM incasso doccia/vasca con deviatore a 3 vie MICRO Via Barro, 11 928045 Invorio (No) Italy NORME DI INSTALLAZIONE

Dettagli

MEC MEC C Generatori d aria calda pensili assiali e centrifughi a gas da interno

MEC MEC C Generatori d aria calda pensili assiali e centrifughi a gas da interno Caratteristiche tecniche e costruttive mod. MEC I MEC - MEC C sono generatori di aria calda pensili dove il mantello di copertura è realizzato in lamiera di acciaio verniciata a polveri epossidiche, a

Dettagli

ART. COD. 140 MIXER MATERIALI / MATERIALS OTTONE / BRASS CROMATURA / CHROME PLATING UNI EN 248

ART. COD. 140 MIXER MATERIALI / MATERIALS OTTONE / BRASS CROMATURA / CHROME PLATING UNI EN 248 SCHEDA TECNICA TECHNICAL FEATURES ART. COD. E100 180 210 140 MIXER 145 Ø 50 MATERIALI / MATERIALS OTTONE / BRASS CROMATURA / CHROME PLATING UNI EN 248 Via L. Galvani 8 25064 Gussago (BS) Italy Tel. +39-030

Dettagli

L U X DATI TECNICI. Potenza elettrica caldaia 1000 W Potenza elettrica ferro Capacità nominale caldaia. Ingombro cm 35 x 24 x 27

L U X DATI TECNICI. Potenza elettrica caldaia 1000 W Potenza elettrica ferro Capacità nominale caldaia. Ingombro cm 35 x 24 x 27 L U X 11 6 5 7 8 9 1 10 4 2 3 L U X 1) Tappo brevettato di sicurezza 2) Interruttore luminoso caldaia 3) Interuttore luminoso generale ferro 4) Cavo alimentazione generale 5) Monotubo (Tubo vapore + cavo)

Dettagli

DYNO. ErP 2015 Ready. Serie. Scaldabagni istantanei a gas. 11Lt/min 14Lt/min 17Lt/min

DYNO. ErP 2015 Ready. Serie. Scaldabagni istantanei a gas. 11Lt/min 14Lt/min 17Lt/min Serie DYNO Scaldabagni istantanei a gas 11Lt/min 14Lt/min 17Lt/min ErP 2015 Ready I vantaggi degli scaldabagni istantanei ITALTHERM Punti di forza: 1 Massimo comfort Per coprire tutti i fabbisogni, Italtherm

Dettagli

ARREDO SERIE ARREDO. TUBI 2 mm VERNICIATI IN NERO OPACO

ARREDO SERIE ARREDO. TUBI 2 mm VERNICIATI IN NERO OPACO SERIE TUBI 2 mm VERNICIATI IN NERO OPACO Di gradevolissimo aspetto estetico, sono costruiti con lamiera di acciaio di spessore 2mm ed esternamente rivestiti con una speciale vernice per alte temperature

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS 3.4.2 5.2005 0694 a gas, camera aperta, accensione automatica a batteria Acquasprint Iono è lo scaldabagno a camera aperta per l installazione semplice e veloce senza collegamenti

Dettagli

Principio di funzionamento

Principio di funzionamento anta piano, vaso aperto cod. 612930 anta piano, vaso chiuso cod. 612940 portellone piano, vaso aperto cod. 612950 portellone piano, vaso chiuso cod. 612960 Principio di funzionamento Il termocaminetto

Dettagli

MANUALE MONTAGGIO MR400 REMOTA

MANUALE MONTAGGIO MR400 REMOTA CONSIGLI PER L INSTALLAZIONE REMOTA MR 400 FASE 1: POSIZIONE DELLA MACCHINA PER IL GHIACCIO E DEL CONDENSATORE REMOTO CONTROLLO CORRETTO DELL ALLACCIO: CONDENSATORE REMOTO: Ha bisogno di connessione elettrica

Dettagli

Istruzioni per l'uso

Istruzioni per l'uso Istruzioni per l'uso Caldaia murale a gas TATA SWEET 24 kw TURBO / 20.000 TURBO (S/R) / 29 kw TURBO / 20.000 ASPIRATA (S/R) Per l uso Pregasi conservare Egregio cliente, le caldaie murali a gas TATA Sweet

Dettagli

D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI

D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI Riduzione dei consumi energetici Assenza di pilota permanente, con conseguente risparmio di gas. Efficienza dei bruciatori di nuova generazione con resa finale superiore al 90%. MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE 1 DESCRIZIONE 1.1 GENERALITA' Le caldaie AREA CSI sono a camera stagna tipo C e tiraggio forzato con ventilatore posto a valle della camera di combustione

Dettagli

Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP Kit regolatore di pressione TUNAP Kit accessori GPL

Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP Kit regolatore di pressione TUNAP Kit accessori GPL Pulizia Sistema GPL con micrologic PREMIUM 136 Pulitore rail e iniettori GPL TUNAP 138 00 Kit regolatore di pressione TUNAP 138 60 Kit accessori GPL Introduzione Il sistema TUNAP consente di utilizzare

Dettagli

ECONCEPT 25 C CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE PER SANITARIO E RISCALDAMENTO

ECONCEPT 25 C CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE PER SANITARIO E RISCALDAMENTO CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, PER SANITARIO E RISCALDAMENTO ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE cod. 3544555/0 ediz. 11/2003 1. ISTRUZIONI D USO 1.1 Presentazione Gentile Cliente,

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria 6 720 606 718 IT (03.10) AL Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria W11 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A

ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A ISTRUZIONI PER L USO SPILLATORI A SECCO A N T A 1 ANTA DATI TECNICI Alimentazione: 230V/50Hz Modello Numero vie di spillatura Potenza installata [W] Capacità di spillatura [lt/ora] Peso [kg] Dimensioni

Dettagli

Cod CUCINE CON FORNO MAXI MOD CFGG IT - CAT. II 2H3+

Cod CUCINE CON FORNO MAXI MOD CFGG IT - CAT. II 2H3+ Cod. 252.167.01 CUCINE CON FORNO MAXI MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" 2.1 Rispondenza alle Direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3. Schemi

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOTROL 100. per il conduttore dell'impianto. Termostato ambiente Tipo UTA IT 5/2004 Da conservare!

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOTROL 100. per il conduttore dell'impianto. Termostato ambiente Tipo UTA IT 5/2004 Da conservare! Istruzioni d'uso per il conduttore dell'impianto VIESMANN Termostato ambiente Tipo UTA VITOTROL 100 5/2004 Da conservare! Avvertenze sulla sicurezza Per la Vostra sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente

Dettagli

LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO

LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei

Dettagli

IDRABAGNO. Scaldabagni istantanei a gas camera aperta e camera stagna. IDRABAGNO

IDRABAGNO. Scaldabagni istantanei a gas camera aperta e camera stagna. IDRABAGNO SCALDABAGNI ISTANTANEI Scaldabagni istantanei a gas camera aperta e camera stagna. Idrabagno: per ogni esigenza La linea di scaldabagni Idrabagno è stata progettata da Beretta per rispondere a tutti i

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros Guida al capitolato Paros C.S.I. caldaia murale

Dettagli

INFORMATIVA TECNICA TEC del Oggetto: Nuova Gamma Caldaie a Condensazione. Ciao Green: Egregi CAT,

INFORMATIVA TECNICA TEC del Oggetto: Nuova Gamma Caldaie a Condensazione. Ciao Green: Egregi CAT, INFORMATIVA TECNICA 002-12-TEC del 15.10.2012 Oggetto: Nuova Gamma Caldaie a Condensazione Egregi CAT, in merito all oggetto, Vi comunico che a breve verrà commercializzata una nuova caldaia a condensazione

Dettagli

DOMINA F 30 E CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE PER SANITARIO E RISCALDAMENTO

DOMINA F 30 E CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE PER SANITARIO E RISCALDAMENTO DOMINA F 30 E CALDAIA MURALE A GAS, CAMERA STAGNA, PER SANITARIO E RISCALDAMENTO ISTRUZIONI PER L USO L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE cod. 34320/2 ediz. 03/2004 Appr. nr. B99.06 A - CE 0461 AU 0433 1.

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio e di servizio. Resistenza elettrica. per il personale specializzato

VIESMANN. Istruzioni di montaggio e di servizio. Resistenza elettrica. per il personale specializzato Istruzioni di montaggio e di servizio per il personale specializzato VIESMANN Resistenza elettrica Tipo EHE, 6 kw e 12 kw per l'installazione nel bollitore Avvertenze sulla validità all'ultima pagina Resistenza

Dettagli

HARVIA GRIFFIN INFRA. Centralina di controllo

HARVIA GRIFFIN INFRA. Centralina di controllo HARVIA GRIFFIN INFRA Centralina di controllo 31032009 Le presenti istruzioni per l installazione e l utilizzo sono dirette ai proprietari e agli incaricati della gestione di cabine a infrarossi, radiatori

Dettagli

indice pag. Scaldabagni a gas ondéa HYDROSMART COMPACT 167 con controllo elettronico della temperatura

indice pag. Scaldabagni a gas ondéa HYDROSMART COMPACT 167 con controllo elettronico della temperatura indice pag. ondéa HYDROSMART COMPACT 167 con controllo elettronico della temperatura ondéa LC PVH 171 modulante e accensione automatica alimentata a batteria ondéa LC PV 175 modulante con accensione piezoelettrica

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E D USO ISOFAST C 28 E, ISOFAST F 30 E H-MOD, ISOFAST C 32 E, ISOFAST F 32 E H-MOD, ISOFAST C 35 E, ISOFAST F 35 E H-MOD

MANUALE DI INSTALLAZIONE E D USO ISOFAST C 28 E, ISOFAST F 30 E H-MOD, ISOFAST C 32 E, ISOFAST F 32 E H-MOD, ISOFAST C 35 E, ISOFAST F 35 E H-MOD fast Indice MANUALE DI INSTALLAZIONE E D USO ISOFAST C 28 E, ISOFAST F 0 E H-MOD, ISOFAST C 2 E, ISOFAST F 2 E H-MOD, ISOFAST C E, ISOFAST F E H-MOD IInstruzioni d uso 2 Presentazione UTENTE La garanzia

Dettagli

Istruzioni di montaggio e manutenzione

Istruzioni di montaggio e manutenzione 7 747 000 056 02/2005 IT Per i tecnici specializzati Istruzioni di montaggio e manutenzione Dispositivo di neutralizzazione NE 0.1 Si prega di leggere attentamente le presenti istruzioni prima del montaggio

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas con generatore a turbina (HDG) ed accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas con generatore a turbina (HDG) ed accensione elettronica 6 720 606 712 (02.04) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas con generatore a turbina (HDG) ed accensione elettronica WR11 G... WR14 G... WR18 G... Per la vostra sicurezza

Dettagli

Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO

Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO CARATTERISTICHE TECNICHE: Scheda tecnica DOCCIA ELETTRONICO DA INCASSO -PRESSIONE DI COLLAUDO 5 BAR LIMITI DI IMPIEGO SECONDO LA NORMA EUROPEA EN 11080 PRESSIONE DINAMICA MIN =0.5 BAR PRESSIONE STATICA

Dettagli

VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento kw per la combustione di legna in ciocchi

VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento kw per la combustione di legna in ciocchi VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento 20-50 kw per la combustione di legna in ciocchi Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITOLIGNO 200-S Caldaia

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOFLAME 300. per il personale specializzato

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOFLAME 300. per il personale specializzato Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Vitoflame 300 Tipo VHG Bruciatore a gasolio a fiamma blu con preriscaldatore gasolio per Vitoladens 300-T, Vitola 200, tipo VX2A e Vitorondens

Dettagli

codici: Il prodotto non deve essere smaltito come rifiuto urbano generico, bensì conferito per la raccolta differenziata.

codici: Il prodotto non deve essere smaltito come rifiuto urbano generico, bensì conferito per la raccolta differenziata. BARRIERE D ARIA M a n u a l e d u s o e d i i n s t a l l a z i o n e A T T E N Z I O N E grazie di aver acquistato il nostro condizionatore. prima di usarlo, leggere il manuale d uso accuratamente e conservarlo

Dettagli

STUFA AL CARBONIO CON TIMER 1200 Watt. mod. CH 1204T

STUFA AL CARBONIO CON TIMER 1200 Watt. mod. CH 1204T STUFA AL CARBONIO CON TIMER 1200 Watt mod. CH 1204T manuale d istruzioni European Standard Quality Consigliamo di leggere attentamente il presente manuale d istruzioni prima di procedere nell utilizzo

Dettagli

Kit di trasformazione gas

Kit di trasformazione gas Istruzioni di montaggio Kit di trasformazione gas 8 719 002 043 0/...044 0/...045 0/...367 0/...369 0 Ugelli Metano/ Aria Propanata Coperchio GPL Guarnizione O ring Quadro comandi precedente versione Quadro

Dettagli

COR-IND 1000 F COR-IND 1000/18 COR-IND 1000/24 COR-IND 1500 F COR-IND 1500/24 COR-IND 1500/36

COR-IND 1000 F COR-IND 1000/18 COR-IND 1000/24 COR-IND 1500 F COR-IND 1500/24 COR-IND 1500/36 CORTIS DE IRE IDUSTRIES IDUSTRI IR CURTIS RIDEUX D'IR IDUSTRIE BRRIERE D'RI IDUSTRII CORTIS DE R IDUSTRIIS IDUSTRIEE TOR-UFTSCHEIER IDUSTRIËE UCHTGORDIJE PRZEMYSOWE KURTYY POWIETRZE IPRI ÉGFÜGGÖYÖK BΙΟΜΗΧΑΝΙΚΕΣ

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 9

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 9 Basamento Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato Dati tecnici 4 Descrizione e installazione Aspirazione aria e scarico fumi Accessori 9 1 Novella R.A.I. Guida al capitolato Novella R.A.I. caldaia

Dettagli

Luna Silver Space. Caldaie murali a gas per esterni

Luna Silver Space. Caldaie murali a gas per esterni depliant LUNA silver-space-ita 5-12-2002 9:13 Pagina 1 Luna Silver Space Caldaie murali a gas per esterni depliant LUNA silver-space-ita 5-12-2002 9:14 Pagina 2 Luna Silver Space: la nuova depliant LUNA

Dettagli

MICROJET Scaldabagni a gas

MICROJET Scaldabagni a gas MICROJET Scaldabagni a gas scaldabagno MICROJET Lo scaldabagno istantaneo Hermann con la nuova linea di scaldabagni MICROJET con display digitale è in grado di offrire comfort, affidabilità e sicurezza

Dettagli

CAPPE ESTRAIBILI CE 6010 N CE 9010 N CE 6020 N CE 9020 N

CAPPE ESTRAIBILI CE 6010 N CE 9010 N CE 6020 N CE 9020 N CAPPE ESTRAIBILI CE 6010 N CE 9010 N CE 6020 N CE 9020 N Libretto Istruzioni Gentile Signora, Caro Signore, Se seguirà con cura le raccomandazioni contenute in questo Libretto Istruzioni, la sua Cappa

Dettagli

UNI 7129/08. Impianti a gas per uso domesticoe similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione ed installazione

UNI 7129/08. Impianti a gas per uso domesticoe similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione ed installazione Impianti a gas per uso domesticoe similari alimentati da rete di distribuzione Progettazione ed installazione Parte 3: sistema di evacuazione dei prodotti della combustione Redatto da Per. Ind. Marco Martinetto

Dettagli

i migliori gradi centigradi PEGASUS N Moduli termici bistadio, a basamento, a gas, in ghisa per installazioni in batteria

i migliori gradi centigradi PEGASUS N Moduli termici bistadio, a basamento, a gas, in ghisa per installazioni in batteria i migliori gradi centigradi PEGASUS N Moduli termici bistadio, a basamento, a gas, in ghisa per installazioni in batteria PEGASUS N Gamma La serie PEGASUS N è costistuita da generatori termici a basamento,

Dettagli

Fig. 1 Fig. 2. Fig. 3. Fig. 4

Fig. 1 Fig. 2. Fig. 3. Fig. 4 1000 R 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 4 I TA L I A N O 1) Regolazione temperatura ferro 2) Interruttore luminoso caldaia 3) Pulsante luminoso vapore 4) Interruttore luminoso generale ferro

Dettagli

BFM Bollitore a camera stagna per uso industriale

BFM Bollitore a camera stagna per uso industriale Bollitore a camera stagna per uso industriale BFM 30/50/80/100/120 Ampia gamma di bollitori a camera stagna a tiraggio forzato: l unità può essere collocata anche in ambienti privi di ventilazione Maggiore

Dettagli

Safety presso Swisscom Regola Lavoro con gas propano (044) 1

Safety presso Swisscom Regola Lavoro con gas propano (044) 1 1 Pericoli Lavorando col gas propano bisogna tenere in considerazione i seguenti pericoli / minacce: esplosioni, avvelenamenti soffocamento, ustioni, caduta di oggetti elementi con superfici pericolose

Dettagli

TIPOLOGIA 2 TIPOLOGIA 3 TIPOLOGIA 1 TIPOLOGIA 5 TIPOLOGIA 4

TIPOLOGIA 2 TIPOLOGIA 3 TIPOLOGIA 1 TIPOLOGIA 5 TIPOLOGIA 4 forme di calore. TIPOLOGIE e funzionamento apparecchi a gas I radiatori/stufe a gas sono apparecchi a funzionamento con camera stagna adibiti al riscaldamento di locali ad uso domestico, civile ed industriale.

Dettagli

MODELLO WR275-5K...B... WR350-5K...B... WR440-5K...B... CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D

MODELLO WR275-5K...B... WR350-5K...B... WR440-5K...B... CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertire odore di gas: WR 275-5 K B WR 350-5 K B WR 440-5 K B 6 720 605 991 (01

Dettagli

VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento kw per la combustione di legna in ciocchi

VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento kw per la combustione di legna in ciocchi VIESMANN VITOLIGNO 200-S Caldaia a legna a gassificazione ad alto rendimento 20-50 kw per la combustione di legna in ciocchi Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITOLIGNO 200-S Caldaia

Dettagli

ixincondens 25C/IT (M) (cod. 00916360)

ixincondens 25C/IT (M) (cod. 00916360) ixincondens 25C/IT (M) (cod. 00916360) Caldaie a condensazione a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in alluminio

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio. Sensore pellet Tubo flessibile per pellet Turbina di aspirazione. Avvertenze sulla sicurezza

VIESMANN. Istruzioni di montaggio. Sensore pellet Tubo flessibile per pellet Turbina di aspirazione. Avvertenze sulla sicurezza Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sensore pellet Tubo flessibile per pellet Turbina di aspirazione per Vitoligno 300-C, 8 e 12 kw Avvertenze sulla sicurezza Si prega di attenersi

Dettagli

Marchio di G20 ENGINEERING LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, PRIMA ACCENSIONE, USO E MANUTENZIONE ITALIAN DESIGN

Marchio di G20 ENGINEERING LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, PRIMA ACCENSIONE, USO E MANUTENZIONE ITALIAN DESIGN Marchio di G20 ENGINEERING LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, PRIMA ACCENSIONE, USO E MANUTENZIONE ITALIAN DESIGN MANUALE INCASSO VERS. 10/2016 - REV.1 INDICE Norme Generali 2 Leggi e norme di riferimento 2 Installazione

Dettagli

QUADRO DELLE PRINCIPALI NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO

QUADRO DELLE PRINCIPALI NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO QUADRO DELLE PRINCIPALI NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO Manutenzione, installazione impianti di riscaldamento individuale con apparecchi a gas, cottura cibi Sicurezza impianti gas Legge 06/12/1971 n. 1083

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi (modelli C.S.I.

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi (modelli C.S.I. Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi (modelli C.S.I.) 10 Accessori 13 1 Mynute S Guida al capitolato Mynute

Dettagli

Istruzioni per l'installazione del rilevatore ottico con centralina incorporata, TBLZ-1-72-a GOLD/COMPACT

Istruzioni per l'installazione del rilevatore ottico con centralina incorporata, TBLZ-1-72-a GOLD/COMPACT Istruzioni per l'installazione del rilevatore ottico con centralina incorporata, TBLZ-1-72-a GOLD/COMPACT 1. Generalità Il rilevatore di fumo ottico TBLZ-1-72-a con centralina incorporata viene utilizzato

Dettagli