GUIDA ALLO STAGE NELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLO STAGE NELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO"

Transcript

1

2

3 GUIDA ALLO STAGE NELL ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A CURA DELLA COMMISSIONE SCUOLA DI CONFINDUSTRIA VICENZA

4

5 PRESENTAZIONE La principale valenza dell Alternanza Scuola Lavoro consiste nel facilitare ed orientare lo studente a comprendere l attività professionale dei diversi settori ed ambiti aziendali: è proprio per questo motivo che l impresa assume in questo percorso didattico un importanza fondamentale. Nel territorio veneto molte realtà aziendali - soprattutto quelle di piccole e piccolissime dimensioni - faticano ancora a comprendere appieno che l Alternanza costituisce un investimento a lungo termine che può essere realizzato anche con risorse limitate, individuando nelle attività aziendali quelle che meglio collegano l imparare con il fare e quindi più utili per trasmettere ai giovani in formazione le competenze professionali necessarie per la loro occupabilità, ma anche per soddisfare le esigenze delle imprese. Per facilitare operativamente lo svolgimento della fase aziendale dei progetti di Alternanza Scuola Lavoro la Commissione Scuola di Confindustria Vicenza, coadiuvata da alcuni docenti di istituti superiori della provincia, propone alle imprese dei suggerimenti per la progettazione e lo svolgimento di percorsi formativi all interno delle diverse aree aziendali, percorsi che dovranno naturalmente essere condivisi con i docenti di riferimento dei progetti. La pubblicazione costituisce pertanto un ideale seguito al Vademecum per le Imprese realizzato a livello regionale da Confindustria Veneto con l apporto di tutte le territoriali del sistema, dando questa volta suggerimenti pratici, rivolti soprattutto alle aziende che intendono avvicinarsi per la prima volta a questa modalità formativa. Dopo alcuni veloci suggerimenti per l impostazione dello stage vengono proposte modalità realizzative delle competenze trasversali, per passare poi all esame delle specifiche aree aziendali. Per quanto attiene gli aspetti legati alla produzione nei diversi settori merceologici vengono forniti spunti per il settore meccanico ed elettrotecnico/ elettronico, che potranno essere presi come esempio per individuare attività e compiti più specifici, sulla base delle indicazioni presenti nell opuscolo. In Appendice riportiamo infine i questionari di valutazione del percorso di ASL,per gli studenti e per i tutor aziendali, messi a punto nell ambito di un progetto regionale di Confindustria e Regione Veneto sul tema della verifica dell efficacia dell apprendimento e dei risultati scolastici (il progetto V.E.R.A.) Nell auspicio di aver portato un utile contributo al dialogo tra impresa e scuola nel processo formativo si ringraziano i componenti il gruppo di lavoro che ha permesso la realizzazione di questa guida. IL COORDINATORE DELL AREA SCUOLA Cristian Zoppini

6 Gruppo di lavoro: Caterina Giordano, Maria Marangoni, Antonio Miccoli, Ermenegilda Nicolini, Fabio Pesavento, Cristina Toniolo, Cristian Zoppini.

7 INDICAZIONI E SUGGERIMENTI OPERATIVI Da un punto di vista ottimale il percorso di ASL dovrebbe prevedere: mezza giornata di visita aziendale complessiva prima dell inizio dello stage all avvio del periodo di soggiorno in azienda massimo 40 ore (una settimana) di presa visione degli ambiti aziendali nel seguente ordine: 1 - Commerciale 2 - progettazione/tecnica 3 - Acquisti 4 - Produzione 5 - Logistica 6 - Amministrazione. Nell elenco di attività indicate più sotto sono evidenziate in neretto quelle ritenute indispensabili da far conoscere in questa fase introduttiva generale. Nelle restanti ore di presenza in azienda si attuerà lo specifico percorso formativo in base all indirizzo di studi. Vanno previste anche alcune attività trasversali: sicurezza sul lavoro, organizzazione aziendale (regole, usi, consuetudini), gestione del posto di lavoro, uso del telefono, utilizzo PC e software (gestionale aziendale), archiviazione, posta elettronica, utilizzo lingue straniere, gestione Risorse Umane. Per le aree aziendali si propongono le seguenti attività COMMERCIALE gestione ordine cliente gestione reclami predisposizione offerta analisi del mercato e della concorrenza campagna MKT/comunicazione e pubblicità contratto di vendita archivio clienti/crm gestione portafoglio ordini budget vendite analisi listini

8 PROGETTAZIONE/TECNICA Studio delle fasi Progettazione strumenti tecnici ed informatici prototipazione /R&S ingegnerizzazione/industrializzazione del prodotto post-vendita/assistenza cliente ACQUISTI gestione e valutazione fornitori ordine al fornitore gestione prezziario PRODUZIONE pianificazione e programmazione della produzione tempi e metodi realizzazione del prodotto controllo della produzione controllo qualità (marcatura CE) laboratorio ricerca LOGISTICA controllo in accettazione contabilità di magazzino stoccaggio logistica (produzione su commessa o magazzino) di trasporto AMMINISTRAZIONE fatturazione attiva e passiva rapporti con istituti di credito controllo di gestione tesoreria IVA e Intrastat Contenzioso gestione paghe incassi e pagamenti rapporti con enti (INPS; INAIL, ecc.) e terzi budget aziendale bilanci.

9 COMPETENZE TRASVERSALI Flessibilità: la capacità di sapersi adattare con comportamenti diversi a situazioni che man mano evolvono, cambiano. Nei compiti assegnati (avere estro, fantasia) Nelle procedure (non essere pignoli) Nell organizzazione in cui si lavora (riuscire a capire regole e modi) Creatività: la capacità di apportare innovazioni e novità nel lavoro, nelle procedure e nell organizzazione. Avere spirito critico nell esecuzione delle attività Chiedersi sempre se ci sono modi nuovi e diversi per fare le cose che sto facendo in modo più efficace ed efficiente Apportare idee e proposte all organizzazione per farla evolvere con i tempi e le esigenze che cambiano Individuare quali tecniche o strumenti possono portare in modo più vantaggioso alla soluzione di un problema o di un quesito Spirito d iniziativa: la capacità di essere parte attiva in un organizzazione. Imparare nei modi e nei tempi a proporre soluzioni e idee Anticipare gli eventi e vedere quello che deve ancora succedere e succederà Aspettare i comandi dall alto ma essere già pronti a riceverli per partire immediatamente Dinamicità: capacità di potersi rimettere in gioco e in discussione Saper ascoltare Saper valutare situazioni Saper reinventarsi e riproporsi Solarità: il sorriso e l approccio empatico.

10 Rispetto delle regole / della gerarchia / dei compiti assegnati: capacità di stare in squadra e di stare con le persone Informarsi sulle regole e sull organigramma aziendali Informarsi sulle procedure aziendali (es. sicurezza, rifiuti) Imparare a condividere spazi e tempi con altre persone Formazione continua: la capacità di imparare da ogni esperienza vissuta osservare le situazioni aziendali osservare i colleghi e individuare le regole comportamentali sapersi adattare a usi e consuetudini aziendali Utilizzo delle lingue straniere nella comunicazione parlata e scritta

11 AREA COMMERCIALE ATTIVITÀ Gestione ordine cliente Gestione reclami/ contenzioso Predisposizione offerta Campagna MKT/ comunicazione e pubblicità Contratto di vendita/ conferma d ordine COMPITI dialogo, anche telefonico, con clienti, analisi e sintesi orale/scritta di documenti in lingua, ricerca informazioni affidabilità cliente e creazione scheda cliente con software aziendale, inserimento ordini nel software aziendale, costruzione elenco agenti e suddivisione degli stessi per aree e per tipologie di ordine, preparazione delle conferme ordine, riordino per numerazione degli ordini ricevuti dai clienti affiancamento recupero crediti per solleciti telefonici ed eventuali altre azioni in collegamento con altri uffici (es. ufficio tecnico) affiancamento per stesura preventivi, redazione di offerte analisi e descrizione attraverso infografica di processi di produzione, commercializzazione e marketing (ciclo di vita del prodotto, trend di mercato, analisi statistiche, ricerche di mercato quantitative e qualitative, ricercare fonti di informazione e database, organizzare e rielaborare dati di vendita (sell-in e sell-out), ricerche di mercato con utilizzo di internet, preparazione di una brochure, preparazione di una presentazione in power point, telemarketing, masterizzazione di CD per la presentazione dei prodotti, redazioni di lettere commerciali, gestione sito aziendale, analisi riviste di settore (presenza concorrenti, articoli particolari, ecc.) verifica delle condizioni di pagamento e interfaccia con ufficio amministrazione per la corretta schedulazione degli incassi, controllo costi da riaddebitare al cliente cosi come da contratto di vendita, produzione testi scritti di varia tipologia: relazione, verbale, lettera, etc. secondo le indicazioni del tutor

12 Archivio clienti/crm Gestione portafoglio ordini Budget vendite Analisi listini modifica/aggiornamento anagrafica clienti, smistamento/archivio corrispondenza commerciale a clienti, inserimento nuovi clienti nel gestionale aziendale e/o nel sito web, utilizzo del CRM per la pianificazione commerciale monitoraggio incassi e aggiornamento schede clienti (es. circa l affidabilità) analisi scostamento tra budget preventivo e consuntivo redazione tabelle (excel) per analisi prezzi, quantità, marginalità, profitti preparazione listini prezzi con l utilizzo di excel

13 AREA PROGETTAZIONE / TECNICA INDIRIZZO ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ATTIVITÀ Analizzare, dimensionare reti elettriche ed elettroniche, progettare e realizzare sistemi e dispositivi per l automazione e la robotica Programmare microprocessori, microcontrollori e PLC Utilizzare il computer con software professionali, realizzando programmi ed interfacciamenti per il controllo di apparecchiature automatiche Sviluppare e gestire competenze nella progettazione di impianti di conversione dell energia elettrica anche da fonti alternative Post vendita / assistenza cliente COMPITI studio delle fasi, progettazione, presenziare allo studio rivolto all innovazione dei prodotti aziendali studio delle fasi, progettazione elaborazione mediante strumenti tecnici ed informatici realizzazione del prodotto e gestione scarti, studio di ottimizzazione in considerazione alla produzione, al risparmio energetico e al benessere ambientale, ricevere e archiviare documenti secondo criteri del sistema di gestione della qualità e ricercare documenti in archivio, gestione della sicurezza interna, gestione smaltimento rifiuti gestione reclami per vizi e malfunzionamento, gestione interna dei reclami, interventi esterni di assistenza (straordinari e programmati), gestione contrattuale di intervento, analisi di feed back ed eventuali interventi sul processoprodotto-fornitori

14 INDIRIZZO MECCANICA E MECCATRONICA ATTIVITÀ Analizzare e progettare e disegnare in ambiente CAD, scelta dei materiali Elaborare i cicli produttivi nell ottica del miglioramento della qualità e dell economicità dei prodotti Integrare la meccanica con nozioni di elettronica ed informatica finalizzate all automazione industriale Gestione degli impianti fino al controllo ed ottimizzazione dei flussi energetici nel rispetto delle normative di sicurezza e tutela ambientale Post vendita / assistenza cliente COMPITI studio delle fasi, progettazione, presenziare allo studio rivolto all innovazione dei prodotti aziendali studio delle fasi, progettazione, affiancamento nello sviluppo di nuove tecnologie, macchinari, nuove procedure, prototipazione, R&S, ingegnerizzazione industrializzazione del prodotto, descrivere i metodi utilizzati per ridurre i costi di produzione elaborazione mediante strumenti tecnici ed informatici realizzazione del prodotto e gestione scarti, studio di ottimizzazione in considerazione alla produzione, al risparmio energetico e al benessere ambientale, ricevere e archiviare documenti secondo criteri del sistema di gestione della qualità e ricercare documenti in archivio, gestione della sicurezza interna, gestione smaltimento rifiuti gestione reclami per vizi e malfunzionamento, gestione interna dei reclami, interventi esterni di assistenza (straordinari e programmati), gestione contrattuale di intervento, analisi di feed back ed eventuali interventi sul processoprodotto-fornitori

15 AREA ACQUISTI ATTIVITÀ Gestione e valutazione fornitori Ordine al fornitore Gestione del prezziario COMPITI ricerche sui criteri utilizzati dai competitors, elenco fornitori valutati e aspetti correlati: - quali sono i canoni di valutazione (qualità, tempi di consegna, prezzo e condizioni pagamento) e perchè, - monitoraggio periodico dei fornitori valutati in base ai dati, - quali azioni si intraprendono a fronte di risultati negativi delle prestazioni dei fornitori e perchè, - partner, - capire la differenza tra partner e mero fornitore, - elementi strategici di una partnership descrizione dei criteri aziendali di selezione dei beni da acquistare, ordini a programma - ordini una tantum: - quando ordinare i materiali a programma e quando ordinare i materiali una tantum in base alla tipologia materiale/articolo, - il lotto di riordino e il punto di riordino, - le specifiche tecniche legate all'ordine, dettagli dell'ordine - condizioni di fornitura: - le condizioni economiche, di qualità, di consegna, di trasporto, di pagamento legate all'ordine, capitolati di fornitura: - perchè è importante decidere a monte alcuni aspetti come il prezzo di forniture ripetitive, il rispetto dei tempi di consegna legati al pagamento della prestazione, - analisi e redazione del budget acquisti modalità di feedback (fatture a consuntivo, preventivi, lavori su famiglie di prezzi, info da fornitori, ecc) nel consumo dei beni da acquistare, definizione di un prezzo stabile per acquisto di articoli ripetitivi, la tecnica della scomposizione dei prezzi (scomporre le fasi lavoro, acquisto materia prima, trasporto merce, ricarico del fornitore per il controllo dei prezzi), il prezziario come database di confronto per stimare prezzi di articoli simili, il continuo aggiornamento del prezziario per contribuire alla definizione del budget acquisti

16 AREA PRODUZIONE ATTIVITÀ Pianificazione e programmazione della produzione Tempi e metodi Realizzazione del prodotto Controllo qualità Laboratorio ricerca COMPITI analizzare le modalità organizzative della pianificazione, tecniche di programmazione della produzione, analisi e controllo della produzione, analizzare grafici e diagrammi di flusso produttivo analizzare i tempi di lavorazione prototipazione, R&S ricevere i documenti (segnalazioni, reclami, proposte di miglioramento) e seguire le procedure di registrazione, col supporto del tutor costruire una check list, questionari di monitoraggio, relazioni, etc., analizzare gli esiti dei monitoraggio, avanzare proposte di miglioramento, archiviare documenti secondo i criteri del sistema di gestione della qualità, raccogliere informazioni sullo smaltimento rifiuti seguire le procedure di comportamento stabilite per la sicurezza, utilizzare semplici strumenti di laboratorio, eseguire semplici analisi seguendo le procedure standardizzate, gestione del sistema sicurezza interno, raccogliere, elaborare e rappresentare i risultati dell analisi

17 AREA LOGISTICA ATTIVITÀ Controllo in accettazione Contabilità di magazzino Stoccaggio COMPITI metodi di accettazione materia prima: - quando e perchè si rifiuta di ritirare del materiale in accettazione (non corrispondente all'ordine, difettoso, ecc), - come si strutturano le verifiche della materia prima in accettazione, - come funzionano le procedure di reso autorizzato metodi di presa in carico della materia prima/articoli arrivati in magazzino, funzionamento del software gestionale per gestire le giacenze, il controllo periodico delle giacenze a magazzino, come si struttura un inventario della materia prima/articoli presenti a magazzino e perchè si fa, controlli periodici dei materiali nei magazzini esterni, conto visione, conto sostituzione garanzia, conto vendita, conto riparazione. Seguente sollecito dei materiali che devono essere ritornati al magazzino centrale, analisi e redazione dei documenti di trasporto ubicazione della materia prima in magazzino: - perchè si procede alla creazione delle ubicazioni a magazzino per stoccarvi la materia prima/articoli arrivati, - senso con cui si ubica la materia prima/articoli a magazzino (metodo ABC, articoli pesanti in basso, etc), - come sono organizzate le scaffalature in magazzino e perchè, metodi di prelievo della materia prima per avviarla alla produzione/assemblaggio/spedizione: - distinta di prelievo della materia prima in base all'ordine di produzione/cliente, - organizzazione del prelievo in base alle ubicazioni degli articoli in magazzino, rispetto a quelli che servono alla produzione/assemblaggio/spedizione, metodi di movimentazione della materia prima all'interno del magazzino: - perchè si usano specifiche attrezzature per la movimentazione della materia prima/articoli in magazzino, - senso e metodi con cui si sposta il materiale all'interno del magazzino a servizio della produzione/assemblaggio/ spedizione

18 Logistica produzione su commessa o magazzino, la gestione dello spazio in magazzino, il flusso del prodotto in azienda, l organizzazione delle spedizioni della merce la gestione dell area imballaggio/preparazione prodotto finito, la documentazione di spedizione della merce (anche estero, cos è una dogana, ecc), il programma delle spedizioni del prodotto finito (legato al programma di produzione, anche per organizzare la movimentazione interna del prodotto finito), importanza di mantenere ordine e pulizia nel magazzino

19 AREA AMMINISTRAZIONE ATTIVITÀ Fatturazione attiva e passiva Rapporti con istituti di credito Controllo di gestione Tesoreria IVA e Intrastat Contenzioso COMPITI registrazione fatture e, schede carburanti, riordino DDT in base a causale, smistamento documenti fatture/ddt, gestione documenti su conti dedicati, registrazione fatture passive Italia ed estero, emissione fatture attive, controllo partitario clienti e fornitori, calcolo provvigioni, gestione clienti e fornitori Black List archiviazione ricevute telematiche distinte bonifici e prelevamenti, redazione lettere di credito, inserimento prima nota cassa/banca, gestione home banking, emissione e ritiro riba, controllo addebito commissioni ed interessi bancari, controllo emissione garanzie bancarie registrazione fatture su cdc (centro di costo) e su progetto, analisi scostamenti periodici (mensile/trim.) riordino corrispondenza incassi, predisposizione rcf (flusso di cassa), controllo incassi e pagamenti previsti e gestione liquidità disponibile redazione dichiarazione d intento, archiviazione bolle doganali, liquidazione IVA, controllo registro IVA, calcolo liquidazione IVA mensile e trimestrale, predisposizione F24 e ravvedimento operoso, predisposizione modello Intrastat, emissione fatture CEE ed EXTRACEE, fatture fuori campo IVA predisposizione istanza di autotutela Agenzia delle Entrate

20 Gestione personale Incassi e pagamenti Rapporti con Enti, Agenzia Entrate e Dogana Bilanci aggiornamento indagini per la selezione del personale, preparazione documentazione per i corsi di formazione, aggiornamento archivio (rinnovi contratti a termine, certificati di malattia, curriculum), sistemazione dei cedolini paga in ordine cronologico, calcolo delle ore lavorative e loro inserimento nel gestionale o nello studio paghe, inserimento note spese, controllo registro presenze, rapporti con enti previdenziali registrazioni incassi e pagamenti, attività telefonica di recupero crediti, gestione piani rientro fornitori creazione di tabelle in excel per tabulare tutto ciò che serve per l adesione al CONAI, calcolo contributo Conai, calcolo Enasarco, redazione Black List, studi di settore con analisi economiche e tecniche calcolo ammortamenti, aggiornamento/ verifica registro beni ammortizzabili, scritture di assestamento, rilevazione ratei e risconti, riconciliazione bilancio verifica con IV Direttiva CEE, verifica corrispondenza voci di bilancio con il gestionale, compilazione mastrini di bilancio saldi dare e avere, redazione/aggiornamento nota integrativa, affiancamento per la redazione del Bilancio Sociale (SA8000)

21

22

23 VERIFICA DELL EFFICACIA DEI RISULTATI DELL APPRENDIMENTO SCOLASTICO NEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Questionario studenti/esse 1. Dati intervistato Nome:.... Cognome:.... Codice fiscale: Scuola di provenienza:. 2. Esperienza di alternanza Denominazione azienda:.. Sintetica descrizione dell inserimento in azienda in alternanza scuola lavoro (con riferimento al progetto formativo): 3. Valutazione del percorso curricolare in rapporto alla mansione di inserimento 3.1 Quanto, secondo Lei, le mansioni che sta svolgendo in questa esperienza di alternanza sono coerenti con il suo percorso di studi? (da 1=minimamente coerente a 10=massimamente coerente) 3.2 Nel caso di risposta negativa (ovvero con giudizi da 1 a 5 compreso): per quale ragione ha scelto di accettare questa esperienza nonostante la ritenga non coerente con il suo percorso di studi? (una sola risposta) Ho privilegiato criteri di scelta diversi dalla coerenza con il diploma Il contesto non offriva lavori coerenti con il mio percorso di studi Ho cambiato idea rispetto al mio futuro professionale Altro (specificare) Con riferimento allo svolgimento delle mansioni previste in questa esperienza, indichi per ciascuna delle seguenti conoscenze e competenze il grado di importanza, il grado di padronanza da Lei effettivamente posseduta e il grado di padronanza ottimale necessario per lo svolgimento dei compiti a Lei affidati (scala da 1=nulla a 10=totale). Generali (ad es.: italiano, matematica, scienze, ) Specifiche di base (ad es.: terminologia tecnica in lingua italiana e straniera, conoscenze disciplinari caratterizzanti l indirizzo di studio frequentato) CONOSCENZE Metodologiche e tecniche (ad es.: procedure di base, conoscenze dei prodotti, mercati e tecnologie specifiche di settore, processo produttivo, normative in materia di Sistema-Qualità o certificazione, ) Tra cui (indicare le 3 più importanti)....

24 .. Scegliere in autonomia che cosa e come fare CAPACITA ORGANIZZATIVE, PRODUTTIVE E DI CONTROLLO/VERIFICA DEL LAVORO Organizzare il lavoro Rispettare norme, prescrizioni e specifiche Sapere operare in produzione Tenere sotto controllo la produzione Usare tecnologie di settore o comparto Verificare e valutare processi produttivi e prodotti ALTRE CAPACITA Gestire relazioni e lavorare in team Comunicare in forma scritta nella madrelingua Comunicare in forma orale nella madrelingua 3.4 Con riferimento allo svolgimento delle mansioni previste in questa esperienza, indichi per ciascuna delle 8 competenze-chiave dell Unione Europea il grado di importanza, il grado di padronanza da Lei effettivamente posseduta e il grado di padronanza ottimale necessario per lo svolgimento dei compiti a Lei affidati (scala da 1=nulla a 10=totale) Comunicazioni nella madrelingua Comunicazioni in una lingua straniera Conoscenza e abilità matematiche e di base in scienza e tecnologia Tecnologie informatiche di base 2

25 Capacità di "imparare ad imparare" Competenze civiche e di relazione interpersonale Spirito imprenditoriale Capacità di espressione 3.5 Per concludere: in quale misura, sulla base dell esperienza di alternanza effettuata, sarebbe per Lei importante approfondire durante il percorso di studi secondario ciascuno degli argomenti sotto elencati? (da 1=per nulla importante a 10=molto importante) Economia di impresa Strumenti per la presentazione nel mondo del lavoro (cv, colloquio, ) Diritti e doveri del lavoratore/ice Risoluzione di problemi e proposta di soluzioni Spirito imprenditoriale e imprenditività Lavori in gruppo Gestione di un progetto/intervento in autonomia Utilizzo in situazione della lingua inglese o di altra lingua straniera Capacità di autoaggiornamento Comunicazione e relazione con gli altri Altro (specificare) 3

26

27 VERIFICA DELL EFFICACIA DEI RISULTATI DELL APPRENDIMENTO SCOLASTICO NEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Questionario referenti aziendali (referenti lavorativi/e diretti/e del diplomato) 1. Dati intervistato/a Nome.... Cognome.... Posizione aziendale Dati azienda Denominazione... P. Iva. Classe di dipendenti: < di > Dati studente/ssa Nome:.. Cognome:. Cod. fiscale:.. Sintetica descrizione dell inserimento in azienda in alternanza scuola lavoro (con riferimento al progetto formativo): 4. Canali e modalità di reclutamento 4.1 Quali sono i 3 ambiti principali di relazione tra la Sua azienda e la scuola di provenienza del/della studente/studentessa? Realizzazione di tirocini, stage, ASL Realizzazione di visite aziendali Richiesta di elenchi di diplomati/e per Messa a disposizione di laboratori/tecnologie assunzioni Sponsorizzazione (finanziaria) generica o mirata Collaborazione alla progettazione formativa Altro (specificare) Fornitura di docenze specialistiche oppure testimonianze 5. Valutazione del percorso curricolare del diplomato in rapporto alla mansione di inserimento 5.1 Quale è, secondo Lei, il grado di coerenza generale tra il percorso di studi del/della studente/studentessa e il ruolo dell esperienza in azienda? (scala da 1=nessuna coerenza a 10=totale coerenza). 1

28 5.2 Con riferimento allo svolgimento delle attività previste nel progetto dell esperienza di alternanza del/della studente/ssa, indichi per ciascuna delle seguenti conoscenze e competenze il grado di importanza, il grado di padronanza effettivamente posseduta dal soggetto e il grado di padronanza ottimale necessario per lo svolgimento dei compiti (scala da 1=nulla a 10=totale). Generali (ad es.: italiano, matematica, scienze, ) Specifiche di base (ad es.: terminologia tecnica in lingua italiana e straniera, conoscenze disciplinari caratterizzanti l indirizzo di studio frequentato) CONOSCENZE Metodologiche e tecniche (ad es.: procedure di base, conoscenze dei prodotti, mercati e tecnologie specifiche di settore, processo produttivo, normative in materia di Sistema-Qualità o certificazione, ) Tra cui (indicare le 3 più importanti) Scegliere in autonomia che cosa e come fare CAPACITA ORGANIZZATIVE, PRODUTTIVE E DI CONTROLLO/VERIFICA DEL LAVORO Organizzare il lavoro Rispettare norme, prescrizioni e specifiche Sapere operare in produzione Tenere sotto controllo la produzione Usare tecnologie di settore o comparto Verificare e valutare processi produttivi e prodotti ALTRE CAPACITA Gestire relazioni e lavorare in team Comunicare in forma scritta nella madrelingua 2

29 Comunicare in forma orale nella madrelingua 5.3 Con riferimento allo svolgimento delle attività previste nel progetto dell esperienza di alternanza del/della studente/ssa, indichi per ciascuna delle 8 competenze-chiave dell Unione Europea il grado di importanza, il grado di padronanza effettivamente posseduta dal soggetto e il grado di padronanza ottimale necessario per lo svolgimento dei compiti (scala da 1=nulla a 10=totale) Comunicazioni nella madrelingua Comunicazioni in una lingua straniera Conoscenza e abilità matematiche e di base in scienza e tecnologia Tecnologie informatiche di base Capacità di "imparare ad imparare" Competenze civiche e di relazione interpersonale Spirito imprenditoriale Capacità di espressione 5.4 Considerate le mansioni svolte, in quale misura secondo Lei sarebbe stato importante che il/la studente/ssa approfondisse nel percorso di studi secondario ciascuno degli argomenti indicati qui di seguito? (da 1=per nulla importante a 10=molto importante) Economia di impresa Strumenti per la presentazione nel mondo del lavoro (cv, colloquio, ) Diritti e doveri del lavoratore/ice Risoluzione di problemi e proposta di soluzioni Spirito imprenditoriale e imprenditività Lavori in gruppo Gestione di un progetto/intervento in autonomia Utilizzo in situazione della lingua inglese o di altra lingua straniera Capacità di autoaggiornamento Comunicazione e relazione con gli altri Altro (specificare) 3

30 NOTE

31

32

GUIDA ALLO STAGE '*$&&*&$ f%l»l

GUIDA ALLO STAGE '*$&&*&$ f%l»l GUIDA ALLO STAGE '*$&&*&$ # f%l»l . CONFINDUSTRIA VICENZA GUIDA ALLO STAGE NELL'ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A CURA DELLA COMMISSIONE SCUOLA DI CONFINDUSTRIA VICENZA - PRESENTAZIONE La principale valenza dell'alternanza

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

NOMINATIVO REFERENTE INDIRIZZO E-MAIL A.S.ATTIVAZIONE 2011

NOMINATIVO REFERENTE INDIRIZZO E-MAIL A.S.ATTIVAZIONE 2011 NOMINATIVO REFERENTE INDIRIZZO E-MAIL A.S.ATTIVAZIONE 2011 ATTIVITA PREVISTE X IL PERCORSO DA REALIZZARE..IN SECONDA Classe II igea Durata in ore (minimo 20 ore) 20 Realizzata diminuendo il monte ore annuale

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

1-Componenti: Mario Bertolo, Carmela Brun, Paolo Forin, Lorenzo Gallina, Lia Gamberini, Valter Giacomini, Andrea Michielan, Giorgio Sartori

1-Componenti: Mario Bertolo, Carmela Brun, Paolo Forin, Lorenzo Gallina, Lia Gamberini, Valter Giacomini, Andrea Michielan, Giorgio Sartori TRANSIZIONE SCUOLA - MONDO DEL LAVORO 1-Componenti: Mario Bertolo, Carmela Brun, Paolo Forin, Lorenzo Gallina, Lia Gamberini, Valter Giacomini, Andrea Michielan, Giorgio Sartori 2-Obiettivi del Gruppo:

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

Porte Aperte alle Imprese - Scheda Offerta Stage/Lavoro N. 5 POSIZIONI POSIZIONE N.1/5

Porte Aperte alle Imprese - Scheda Offerta Stage/Lavoro N. 5 POSIZIONI POSIZIONE N.1/5 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA PORTE APERTE ALLE IMPRESE 2011 Porte Aperte alle Imprese - Scheda Offerta Stage/Lavoro N. 5 POSIZIONI Per tali posizione l azienda non effettuerà colloqui a Porte Aperte

Dettagli

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE Progetto TRANSALP Lavoro senza frontiere Analisi delle competenze profilo professionale: CAPO CANTIERE Analisi a cura di CARTESA Data a seguito dell intervista: Persona intervistata: Ruolo: indirizzo,

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali N.PROT. 3448 C/27 del 02 dicembre 2010 Allegato 3 FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "8 MARZO K. LORENZ" Via Matteotti, 42A/3-30035 Mirano - Venezia Tel. 041430955 Fax 041434281 C. F. 90164450273 e-mail: veis02800q@istruzione.it info@8marzolorenz.it pec:

Dettagli

In tempi diversi sono stata responsabile reception, ed anche vice responsabile amministrativa.

In tempi diversi sono stata responsabile reception, ed anche vice responsabile amministrativa. DANIELA TARASCO Nata a Torino il 21/07/1970 Abitante in Via Scarlatti 5 10154 Torino Cellulare 3887565664 ESPERIENZE PROFESSIONALI 17/11/2008-05/04/2013 YESMOKE spa - Settimo Torinese Produzione e vendita

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

IMPIANTI.NET E il gestionale verticale ideato per le aziende che realizzano IMPIANTI TECNOLOGICI

IMPIANTI.NET E il gestionale verticale ideato per le aziende che realizzano IMPIANTI TECNOLOGICI IMPIANTI.NET E il gestionale verticale ideato per le aziende che realizzano IMPIANTI TECNOLOGICI AGGIUNGI NUOVA PROFESSIONALITA ALLA TUA AZIENDA scegliendo la semplicità e l efficienza di IMPIANTI.NET,

Dettagli

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO SERVIZI COMMERCIALI Denominazione della figura OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

coinvolge residente in... Via N.. telefono. e-mail... Giorni/orario:...

coinvolge residente in... Via N.. telefono. e-mail... Giorni/orario:... PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO PER GLI STUDENTI DI CLASSE QUARTA DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI Anno scolastico 2014-2015 l Istituto Statale d'istruzione Superiore Almerico Da Schio

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007 APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA Introduzione al corso Il sistema informativo aziendale Rimini, 2 marzo 2007 Alessandro Spada Alessandro Capodaglio Presentazione del corso Preiscrizione

Dettagli

Professionista nella Posizione Organizzativa: Presidio processi complessi a rilievo finanziario e verifica sostenibilità atti amministrativi

Professionista nella Posizione Organizzativa: Presidio processi complessi a rilievo finanziario e verifica sostenibilità atti amministrativi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione di appartenenza Indirizzo sede lavorativa GIORDANO GIUSEPPE ARPA Lombardia Via Ippolito Rosellini,

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

Development Division. dall'impronta... alla Soluzione. @/arpro. Soluzioni gestionali... alla portata di tutti

Development Division. dall'impronta... alla Soluzione. @/arpro. Soluzioni gestionali... alla portata di tutti N&R Development Division dall'impronta...... alla Soluzione @/arpro Soluzioni gestionali...... alla portata di tutti N & R... un gruppo... un team esperienza, competenza e professionalità al servizio dell

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA 137 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA NELLE TRE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: ELETTRONICA ELETTROTECNICA AUTOMAZIONE VI CONFLUISCONO

Dettagli

MEGAWEB. Soluzione completa per aziende, grossisti e distributori. Magazzino e Gestione Aziendale. La ricerca del risultato è nel nostro DNA

MEGAWEB. Soluzione completa per aziende, grossisti e distributori. Magazzino e Gestione Aziendale. La ricerca del risultato è nel nostro DNA La ricerca del risultato è nel nostro DNA OUTCOME RESEARCH SRL Via Appia, 353 04028 Scauri (LT) Via delle Nereidi, 29 int. 15 00121 Roma Tel. 0771-614.686 614.687 fax 0771-61.46.88 06-5634.7181 www.outcomeresearch.com

Dettagli

Nome. Cognome. Nato/a. In data. Nome. Sede. Istituto d Istruzione Superiore. Dichiarazione della. Certificazione finale delle Competenze.

Nome. Cognome. Nato/a. In data. Nome. Sede. Istituto d Istruzione Superiore. Dichiarazione della. Certificazione finale delle Competenze. Istituto d Istruzione Superiore Dichiarazione della Certificazione finale delle Competenze rilasciata a Nome Cognome Nato/a In data Istituto Nome Sede Padova, Firma del Dirigente Scolastico Elementi identificativi

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI specializzazioni: ODONTOTECNICA MECCANICA TERMICA ELETTRICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI Via Terraglio, 53 31100 TREVISO Tel.

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia

Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia IL GESTIONALE INTELLIGENTE La gestione della tua azienda può diventare INTELLIGENTE Da EdiSoftware una nuova generazione di GESTIONALI Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia Dal 1995, Soluzioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna Le professioni comprese in questa unità raccolgono, controllano e archiviano la documentazione sulle merci esistenti, in entrata e in uscita

Dettagli

Gamma SPRINT. Il Gestionale per le Piccole Imprese

Gamma SPRINT. Il Gestionale per le Piccole Imprese Gamma SPRINT Il Gestionale per le Piccole Imprese GAMMA SPRINT Caratteristiche generali Amministrazione Tesoreria e Finanza L azienda che sceglie Gamma Sprint, come sistema informatico gestionale a supporto

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati 4.1.1.4

Dettagli

Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi

Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi Tecnologie per la crescita dell impresa software, hardware e servizi www.centrosoftware.com la società Centro Software è stata fondata nel 1988 con un obiettivo ambizioso: fornire alle Piccole e Medie

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA VENDITA

Dettagli

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Opzioni: Manutenzione mezzi di trasporto Apparati, impianti e servizi tecnici, industriali e civili QUALIFICHE OPERATORE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADETTO ALLA VENDITA settore

Dettagli

uadro La soluzione integrata Per la gestione aziendale Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro La soluzione integrata Per la gestione aziendale Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda uadro Fa quadrato attorno alla tua azienda Per la gestione aziendale uadro Perché scegliere Quadro Flessibilità e Personalizzazione elevate Quadro non si presenta come il tipico software pacchettizzato

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica

La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica Corso di formazione docenti Milano, 8 Settembre 2009 1 Le ragioni di una più stretta collaborazione scuola - impresa Le

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 1 Titolo del Progetto (che si svolgerà nel corso dell a.s. 2011-2012) 1. Percorsi di scuola lavoro classe 3B operatore meccanici 2.

Dettagli

la GESTIONE AZIENDALE software on-line

la GESTIONE AZIENDALE software on-line la GESTIONE AZIENDALE software on-line per la GESTIONE via AZIENDALE INTERNET (con tecnologia SAAS & CLOUD Computing) 1 Il software gestionale senza costi accessori, dove e quando vuoi! Impresa ON è il

Dettagli

RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE: ALTRE SEDI:

RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE: ALTRE SEDI: AZIENDA RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: TIPO AZIENDA: di produzione Commerciale Di servizio Altro: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE:

Dettagli

Dinamico Professional Elenco Funzionalità

Dinamico Professional Elenco Funzionalità Generale Installazione facile e veloce: il programma è subito pronto per iniziare Non necessità di difficili chiusure / aperture a fine anno, il programma lavora sempre in linea: tutti gli archivi sono

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda

Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Controlli Automatici e Videosorveglianza: una collaborazione scuola-azienda Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado ITIS Giovanni XXIII Roma A cura di Esperti: 1 Introduzione alla

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

mc.corsini@comune.capannori.lu.it

mc.corsini@comune.capannori.lu.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORSINI MARIA CRISTINA Telefono 0583 428211 Cellulare 328.1506241 E-mail mc.corsini@comune.capannori.lu.it Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita Fivizzano

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

Versione Professional

Versione Professional Revolution One Il Software che cresce con Te Versione www.revolutionone.it Contabilità Ordinaria Piano dei conti a 3 Livelli (Mastro,Conto e Sottoconto,fino a 9999 Sottoconti). Inserimento della Prima

Dettagli

per la gestione aziendale

per la gestione aziendale uadro Star DVF Consulting Perché scegliere Quadro Flessibilità e Personalizzazione elevate: Quadro non si presenta come il tipico software pacchettizzato al quale è difficile chiedere delle personalizzazioni.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail CAINELLI SANDRA [Via della Rì, 2 38123 Trento, Italia] Nazionalità Italiana

Dettagli

Analisi dei Processi presentazione. Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174

Analisi dei Processi presentazione. Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174 presentazione Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174 Cos è L Questo servizio serve ad analizzare i processi aziendali, i sistemi in uso, le funzionalità presenti e quelle desiderate. Quest attività

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IFS in Fiera Compito prodotto - Organizzazione evento (compiti, ruoli, mezzi) - Materiali pubblicitari (sito web, logo dell azienda, video, pieghevole, biglietti da

Dettagli

Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Nominativo Referente Indirizzo E-Mail A.S. Attivazione Donatella Barbieri vicepresidenza@istitutotorno.it 2009 Attività

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

Addition, tutto in un unica soluzione

Addition, tutto in un unica soluzione Addition, tutto in un unica soluzione Addition è un applicativo Web progettato e costruito per adattarsi alle esigenze delle imprese. Non prevede un organizzazione in moduli, mette a disposizione delle

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data )

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) NOMINATIVO DEL TIROCINANTE DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA TELEFONO CODICE FISCALE ATTUALE CONDIZIONE ( segnare con una x la casella

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI

GESTIONE MANUTENZIONI SOFTWARE SPECIFICO PER AZIENDE DI MANUTENZIONE GESTIONE MANUTENZIONI Soluzione applicativa integrata ai sistemi: KING AZIENDA KING ENTERPRISE KIMOS www.datalog.it SOFTWARE SPECIFICO PER AZIENDE DI MANUTENZIONE

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa Alternanza scuola lavoro: che cosa significa È una modalità didattica realizzata in collaborazione fra scuole e imprese per offrire ai giovani competenze spendibili nel mercato del lavoro e favorire l

Dettagli

Sistema Ipsoa Professionista

Sistema Ipsoa Professionista Sistema Ipsoa Professionista CONTABILITA RITENUTE CESPITI Competenza e Innovazione al centro del Sistema Un software innovativo Software nativo Windows Interfaccia intuitiva apprendimento immediato Archivi

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: Perata Simonetta CLASSE: IV A c SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

La struttura di IFSNetwork

La struttura di IFSNetwork COS È IFSNETWORK? La struttura di IFSNetwork Sensibilizzazione e orientamento Attivazione Gestione dell impresa Funzioni di servizio per i docenti IFSNetwork è l'ambiente unico on line per lo sviluppo

Dettagli

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla Produzione su commessa GALILEO Produzione su Commessa. La soluzione applicativa si rivolge a quelle aziende del settore manifatturiero e/o impiantista

Dettagli

Istituto scolastico beneficiario:

Istituto scolastico beneficiario: FORMULARIO DEL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO - 10^ edizione triennio 2012-2015 autorizzato con D.D.G. AOODRPU Prot. n. 795 del 29/01/2013 (consegna entro il 30/09/2013 rosa.derosa@istruzione.it;

Dettagli

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda)

Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda) Laura Mengoni Le competenze richieste dalle imprese ai laureati (fonte: indagini Assolombarda) Competenze specialistiche e life skills per le professioni del futuro Milano, 11 Novembre 2011 LE COMPETENZE

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli