Casi d uso (use cases)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casi d uso (use cases)"

Transcript

1 Casi d uso (use cases) proposti da Ivar Jacobson nel 1992 termine nuovo, ma tecnica consolidata (studio degli scenari di operatività degli utilizzatori di un sistema) sono i modi in cui il sistema può essere utilizzato (cioè le funzionalità che il sistema mette a disposizione dei suoi utilizzatori) 1 Caso d uso (definizione Jacobson) un caso d uso è una sequenza di transazioni in un sistema il cui compito è di conseguire un risultato di valore misurabile per un singolo attore del sistema. (Jacobson 1995) 2 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 1

2 Use Cases Strumento impiegato durante la fase di analisi per catturare il comportamento esterno del sistema da sviluppare, senza dover specificare come tale comportamento viene realizzato (sistema=black-box) Forniscono una descrizione dei modi in cui il sistema potrà essere utilizzato L analisi dei casi d uso può essere integrata con l analisi orientata agli oggetti, per aiutare a scoprire le responsabilità delle classi e le interazioni fra gli oggetti 3 Casi d uso per descrivere le interazioni utente-sistema Un caso d uso può essere descritto sotto forma di scenario di interazione (dialogo) tra gli utilizzatori ed il sistema. Esempio: il cliente richiede l elenco dei prodotti il sistema propone i prodotti disponibili il cliente sceglie i prodotti che desidera il sistema fornisce il costo totale dei prodotti selezionati il cliente conferma l ordine il sistema comunica l accettazione dell ordine L attenzione è rivolta all interazione, non alle attività interne al sistema 4 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 2

3 Use case: Descrizione: Modifica prenotazione. L operatore riceve dal cliente o agenzia una richiesta di modifica della prenotazione. Viene attivata la gestione delle prenotazioni e richiesto al cliente il nominativo sotto il quale era stata effetuata la prenotazione ed inserito nel sistema dall operatore. Quindi verrano visualizzati i dati della prenotazione relativa e il cliente metterà l operatore a conoscenza delle modifiche che intende apportare al suo soggiorno (eliminare giorni, aumentare giorni, cambiare periodo di soggiorno). S il cliente intende modificare il periodo di soggiorno l operatore attiverà prima la cancellazione e quindi l inserimento della prenotazione. Eccezioni: Attori: Use Case Extends: Use Case Uses: Use Case Inputs: Use Case Outputs: Criterio di accettazione: Aspettative collegate: Requisiti o Use Case collegati: nn. Cliente/agenzia e operatore. nn. Inserimento prenotazione (UC-PRE.02) e cancellazione prenotazione (UC-PRE-03). Dati forniti dal cliente e nominativo. Modifica della prenotazione ed eventualmente dello stato delle stanze. Il sistema dovrà garantire che le modifiche chieste dal cliente vengano memorizzate. Effetuare le modifiche di prenotazione. F-PRE-06, UC-PRE-02, UC-PRE-03 Stato Release Priorità Stabilità Livello di comprensione Finale 1 Richiesto Stabile Piena comprensione Versione: 2.0 Data: 08/ 04/ 98 Compilato da: Danzi Francesca Note: 5 Un secondo esempio Sistema per la gestione delle vendite dei prodotti di una azienda Focus: la possibilità da parte del venditore di effettuare l evasione di un ordine 6 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 3

4 Use case diagram 7 Il modello dei casi d uso Presenta una vista del sistema tramite attori, casi d uso e associazioni tra essi Attore Caso d uso Relazione di associazione 8 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 4

5 Attore Un ruolo (o un insieme di ruoli) che l utente del caso d uso svolge nell interagire col sistema. E esterno al sistema Può essere: Una classe di persone fisiche (es. Fornitore) Un altro sistema software (es. Sistema di contabilità) Un dispositivo hardware esterno (es. Sensore) Un attore sollecita il sistema con qualche evento e ne riceve un output. ogni attore rappresenta una classe, cioè un insieme che può corrispondere a più elementi ES. l'attore "cliente" rappresenta la classe che comprende tutti i singoli clienti 9 Attori Gli attori possono essere un mezzo per individuare gli use case. Spesso è più facile individuare una lista di attori, e quindi capire quali siano i loro obiettivi e di quali interazioni col sistema essi debbano essere protagonisti. Quali attori? Quando gli attori sono sistemi esterni, non è sempre facile capire quando essi vadano considerati. interazioni esterne iniziatori di interazioni richieste di funzionalità dall esterno utenti indiretti Criterio guida: gli use case devono indicare funzionalità fruibili dall esterno ( 10 ai morsetti del sottosistema considerato) Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 5

6 Non sempre l attore scatena il caso d uso Esempio: dopo due mesi dalla consegna al compratore di un bene viene notificato l ordine di pagamento. destinatario: compratore esterno (ignaro del sistema SW) beneficiario: ufficio non coinvolto nell emissione dell ordine causa immediata: funzione interna che verifica le scadenze Rispetto ad un caso d uso, un attore può Nei confronti di un certo use case, un attore può: esserne il beneficiario esserne coinvolto (come operatore-protagonista) esserne il controllore esserne informato Caso d Uso Descrive il comportamento del sistema quando sollecitato da un attore, come visto da esso, fornendo un risultato osservabile all attore Il comportamento è descritto in maniera testuale, come sequenza di transazioni del sistema, il cui compito è produrre un risultato di valore misurabile per un attore del sistema. Una transazione è un insieme atomico di attività (sono completate o non sono eseguite affatto) La descrizione di un caso d uso definisce cosa accade nel sistema in seguito all evento di innesco Generalmente nasce con una richiesta da parte di un attore, ma può anche essere il sistema stesso ad iniziare il caso d uso (es. Produzione cedolini a fine mese, ricarico automatico di un magazzino) si conclude con la produzione di tutte le risposte relative alla richiesta Un caso d uso corrisponde ad un compito che l attore vuole eseguire (l attore inizia il caso d uso) o il sistema deve eseguire (il sistema inizia il caso d uso) 12 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 6

7 Caso d uso e transazioni Esempio: cliente apri conto corrente Transazioni: verifica esistenza cliente in archivio anagrafico acquisizione nuove informazioni anagrafiche acquisizione firma digitalizzata registrazione nuovo conto corrente il punto di vista da adottare nella definizione dei casi d uso è quello dell attore, non quello delle funzionalità interne al sistema 13 Esempio: centralina telefonica per ufficio Trasferisci chiamata Utente Accetta chiamata Interrompe chiamata Effettua chiamata diretta Centralinista Effettua chiamata indiretta 14 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 7

8 Descrizione di un caso d uso Definisce cosa accade nel sistema in seguito all evento di innesco (scenario): come e quando il caso d uso inizia chi inizia il caso d uso interazione tra attore/i e caso d uso e cosa viene scambiato come e quando c è bisogno di dati memorizzati o di memorizzare dati come e quando il caso d uso termina Sono descritti scenari normali e scenari alternativi (o eccezionali) Stili di descrizione: testuali, con un flusso chiaro di eventi da seguire diagrammatici 15 Use case, istanze e scenari Uno Use Case individua una tipologia di storie d uso del sistema Una istanza dello Use Case individua una specifica storia d uso Specifica una delle possibili sequenze di azioni che possono avvenire durante lo svolgimento dello use case Scenario: E una istanza di use case corredata da una descrizione esplicita Uno scenario individua e descrive esplicitamente una particolare istanza di uno use case, ovvero una delle possibili varianti Ad es. un ordine può essere elaborato regolarmente, o può mancare la merce ordinata o può mancare il credito nei confronti dell ordinante, Ciascuno di questi casi è uno scenario 16 specifico dello use case gestione ordini. Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 8

9 Casi d uso e scenari scenario base: è (di solito) quello che prevede il successo del caso d uso, ed uno svolgimento lineare scenari alternativi: possono essere di successo o fallimento, con complicazioni varie non è necessario (e sarebbe molto costoso) analizzare in dettaglio tutti i possibili scenari di un caso d uso (combinazioni di varianti) è invece necessario individuare le singole possibili varianti che possono portare al fallimento del caso d uso, o che comportano trattamenti particolari le varianti possono essere aggiunte nei successivi raffinamenti dello use case 17 Esempio: Effettua chiamata interna Scenario 1: chiamata effettuata con successo L utente solleva la cornetta Il tono di libero interno suona L utente compone il numero La chiamata è inoltrata sulla rete telefonica Il telefono chiamato squilla Il tono di attesa suona L utente chiamato risponde I telefoni sono connessi Il telefono chiamato cessa di squillare Il tono di attesa finisce L utente chiamato ripone la cornetta sul telefono I telefoni sono disconnessi L utente ripone la cornetta sul telefono 18 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 9

10 Esempio: Effettua chiamata interna Scenario 2: chiamata effettuata ma il telefono chiamato è occupato L utente solleva la cornetta Il tono di libero interno suona L utente compone il numero La chiamata è inoltrata sulla rete telefonica Il telefono chiamato è occupato Il tono di occupato suona L utente ripone la cornetta sul telefono 19 Esempio: apertura conto corrente scenario base: 1.il cliente si presenta in banca per aprire un nuovo c/c 2.l addetto riceve il cliente e fornisce spiegazioni 3.se il cliente accetta fornisce i propri dati 4.l addetto verifica se il cliente è censito in anagrafica 5.l addetto crea il nuovo conto corrente 6.l addetto segnala il numero di conto al cliente varianti: (3a) se il cliente non accetta il caso d uso termina (3b) se il conto va intestato a più persone vanno forniti i dati di tutte (4a) se il cliente (o uno dei diversi intestatari) non è censito l addetto provvede a registrarlo, richiede al cliente la firma dello specimen e ne effettua la memorizzazione via scanner 20 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 10

11 Esempio: apertura conto corrente (ulteriore dettaglio) (5) l addetto crea il nuovo conto corrente scenario base: 1.l addetto richiede al sistema la transazione di inserimento nuovo conto 2.il sistema richiede i codici degli intestatari 3.l addetto fornisce i codici al sistema 4.il sistema fornisce le anagrafiche corrispondenti, e richiede le condizioni da applicare al conto 5.l addetto specifica le condizioni e chiede l inserimento 6.il sistema stampa il contratto con il numero assegnato al conto varianti: (3a) se il sistema non riconosce il cliente, o se fornisce un anagrafica imprevista, l addetto può effettuare correzioni o terminare l inserimento 21 Use Case e requisiti Requisiti e use case requisito (funzionale): funzionalità, o aspetto di dettaglio di una funzionalità, richiesta dal committente use case: modalità di utilizzo del sistema da parte di un utilizzatore (attore) ogni use case può soddisfare più requisiti funzionali un requisito funzionale può dare origine a più use case a ogni use case possono venire associati più requisiti non funzionali 22 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 11

12 Relazioni fra casi d uso Tra gli use case possono esistere relazioni di tipo generalization, include, extend Tali relazioni sono usate per strutturare ulteriormente un modello dei casi d uso generalizzando/specializzando un caso d uso estraendo comportamenti comuni tra essi (include) distinguendo comportamenti varianti rispetto a quello base (inserendo tali comportamenti in altri use case che estendono quello base) 23 Generalizzazione fra casi d uso Un caso d uso figlio eredita il comportamento ed il significato del caso d uso padre Il figlio può aggiungere o modificare il comportamento del padre (es. Caso d uso Valida Utente) Valida utente Controlla Password Controlla Retina 24 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 12

13 Relazione di Inclusione Un comportamento comune a più casi d uso diventa un caso d uso che è incluso nei casi d uso di partenza. L inclusione avviene in un punto preciso della descrizione del caso d uso includente. Il caso incluso non ha senso da solo. Rappresentato graficamente come una dipendenza stereotipata come <<include>> Descrizione di Segue iter ordinativo: Effettua ordinativo Segue iter ordinativo <<include>> <<include>> Valida utente - ottieni e verifica numero ordinativo - include (Valida utente) - per ogni parte dell ordine, interroga lo stato, quindi rapporta all utente 25 Relazione di Estensione Comportamenti alternativi o eccezionali (opzionali) di un caso d uso formano dei casi d uso che estendono il caso d uso generale nel caso d uso esteso viene inserito un punto d estensione nei sottocasi d uso si fa riferimento a questi punti caso d'uso generale <<extend>> <<extend>> sottocaso d'uso 1 sottocaso d'uso 2 26 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 13

14 Esempio: gestione ordinativi bancari <<extend>> (fissa priorità) Effettua ordinativo <<include>> Schedula ordinativi Segui iter ordinativo <<include>> Valida utente Controlla password generalization 27 Esempio: centralina telefonica <<include>> Componi numero Trasferire chiamata <<include>> <<include>> Effettua chiamata indiretta Effettua chiamata diretta <<extend>> <<extend>> Effettua chiamata interna Effettua chiamata esterna 28 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 14

15 Passi per la costruzione di un modello dei casi d uso Identificazione degli attori Identificazione dei casi d uso Definizione delle associazioni fra attori e casi d uso Descrizione dei casi d uso Strutturazione dei casi d uso Identificazione degli attori Identificare le persone che interagiscono con il sistema per eseguire qualche compito persone che necessitano del sistema per svolgere qualche compito persone che il sistema richiede per svolgere qualche compito considerare sia i compiti principali che quelli di supporto al sistema, quali manutenzione ed amministrazione Raggruppare le persone identificate secondo i loro ruoli (responsabilità) rispetto al sistema Identificare altri sistemi software e dispositivi esterni che interagiscono con il sistema per svolgere qualche compito 30 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 15

16 2. Identificazione dei casi d uso Per ogni attore: identificare i compiti o funzioni che l attore deve essere in grado di eseguire identificare i compiti che il sistema richiede che l attore esegua Raggruppare compiti e funzioni in casi d uso i casi d uso devono corrispondere ad un obiettivo specifico per l attore o per il sistema raggruppare funzioni che sono eseguite in sequenza o che sono innescate dallo stesso evento il caso d uso non deve essere nè troppo grande nè troppo piccolo Assegnare al caso d uso un nome significativo che sintetizzi la/le funzionalità svolta/e Definizione delle associazioni fra attori e casi d uso Ogni attore deve partecipare in almeno un caso d uso Ogni caso d uso deve avere almeno un attore con cui comunica Se due attori partecipano agli stessi casi d uso considerare la possibilità di combinarli in un unico attore 32 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 16

17 4. Descrizione dei casi d uso Considerare sia lo scenario principale che scenari alternativi ed eccezionali Per ogni scenario specificare: come e quando il caso d uso inizia chi avvia il caso d uso interazione tra attore/i e caso d uso e cosa viene scambiato come e quando c è bisogno di dati memorizzati o di memorizzare dati come e quando il caso d uso termina Se due casi d uso hanno comportamenti leggermente diversi e gli stessi attori, considerare la possibilità di avere un unico caso d uso con scenari alternativi Strutturazione dei casi d uso Identificare le relazioni di estensione: specializzare i casi d uso che hanno molti scenari alternativi collegare i nuovi casi d uso a quelli di partenza mediante relazione <<extend>> Identificare le relazioni di inclusione individuare parti comuni in casi d uso diversi collegare i casi d uso che condividono una parte comune al nuovo caso d uso (rappresentante il comportamento condiviso) mediante l associazione <<include>> 34 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 17

18 I casi d uso sono necessariamente OO? sono stati inventati in ambito Object Oriented descrivono il sistema dal punto di vista delle funzionalità disponibili per gli attori esterni (come i messaggi OO) non rivelano la strutturazione interna del sistema costituiscono il punto di partenza migliore per una progettazione OO...ma sono utilizzabili anche in un processo di sviluppo non-oo non è necessario conoscere la teoria OO per utilizzarli e per capirli 35 implementazione dei casi d uso requisiti casi d uso analisi e progettazione object oriented analisi e progettazione strutturate altre tecniche (a piacere) acquisto componenti componenti (file, programmi) 36 Ingegneria del Software - Prof. G. A. Di Lucca 18

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Obiettivo della lezione Casi d uso La modellazione dei requisiti funzionali I casi d uso Gli attori Gli scenari Come scrivere casi d uso Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Proposti da Ivar Jacobson

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio di Sistemi e Processi Organizzativi UML

Dettagli

LINEE GUIDA - UML - CASI D USO

LINEE GUIDA - UML - CASI D USO Linee guida UML - Casi d uso pag. 1 di 22 LINEE GUIDA - UML - CASI D USO Adriano Comai 2001-2004 Versione 2.0 del 12-3-2004 Linee guida UML - Casi d uso pag. 2 di 22 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2 Esempio 1: CarMatch CarMatch è una società di franchising fondata con lo scopo di promuovere il car sharing CarMatch fornisce un servizio per i potenziali condivisori di automobili cercando di abbinare

Dettagli

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 I casi d uso I casi d'uso (use case) sono una tecnica utilizzata per identificare i requisiti funzionali

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini UML La prima versione ufficiale risale

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

UML - Unified Modeling Language

UML - Unified Modeling Language UML E CASI D USO UML - Unified Modeling Language Linguaggio stardardizzato per identificare e modellizzare le specifiche di un S.I. Coerente con il paradigma della programmazione ad oggetti Definito a

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti. 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1

UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti. 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1 UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti PROVVISORIO 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1 Casi d uso Oggi l anaiisi dei casi d uso è considerata uno dei passi più importanti dell intero

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 42 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica Industriale

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Prof. Marcello Sette mailto://marcello.sette@gmail.com http://sette.dnsalias.org 1 aprile 2008 Diagrammi UML 3 UML: richiami..........................................................

Dettagli

Obiettivi. Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi

Obiettivi. Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi Sistemi Informativi SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti UML Use Case Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo modellato il dominio business e i dati L obiettivo

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML)

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) a cura di Giacomo PISCITELLI Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica Politecnico di Bari Questi appunti sono ricavati da una

Dettagli

Business Modeling UML

Business Modeling UML Business Modeling UML versione 16 marzo 2009 Adriano Comai http://www.analisi-disegno.com Obiettivo di questa introduzione fornire alcuni elementi di base sul business modeling UML i temi esposti sono

Dettagli

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it Progetto Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso manuel.comparetti@iet.unipi.it 1 Documenti da produrre Il progetto deve comprendere i seguenti documenti: Documento di specifica

Dettagli

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti Prime fasi nella produzione del software &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Capitolato d appalto o doc. formale di richiesta prodotto Incontri con il committente e/o interviste Esercitazione Studio del dominio

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist www.roccatello.it

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist <eduard.roccatello@3dgis.it> www.roccatello.it Modellazione e progettazione con UML Eduard Roccatello 3D GIS Specialist www.roccatello.it Object Oriented Analysis and Design Consente di modellare un sistema attraverso l

Dettagli

dal 1977 il partner che ti differenzia! Cos e Web Assistance+?

dal 1977 il partner che ti differenzia! Cos e Web Assistance+? MANUALE UTENTE Cos e Web Assistance+? WEB ASSISTANCE + e innanzitutto uno sforzo di trasparenza che SI.EL.CO. fa nei confronti dei propri clienti; siamo convinti che chi cerca di fare bene il proprio lavoro

Dettagli

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova RIFERIMENTI ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 I riferimenti devono essere precisi

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici Release 5.20 Manuale Operativo BONIFICI Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici La gestione dei bonifici consente di automatizzare le operazioni relative al pagamento del fornitore tramite bonifico bancario,

Dettagli

Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016" Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento!

Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016 Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016" Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Obiettivi della lezione" Introdurre il linguaggio UML per

Dettagli

Manuale Amministratore

Manuale Amministratore Manuale Amministratore Indice 1. Amministratore di Sistema...3 2. Accesso...3 3. Gestione Azienda...4 3.1. Gestione Azienda / Dati...4 3.2. Gestione Azienda /Operatori...4 3.2.1. Censimento Operatore...5

Dettagli

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Si deve progettare un sistema per la gestione di liste nozze on line. Il sistema rende possibile la consultazione di un catalogo on line, la creazione di una lista

Dettagli

ASSISTENZA. Indice degli argomenti. Gestione Contratti e Interventi

ASSISTENZA. Indice degli argomenti. Gestione Contratti e Interventi 2 Manuale Operativo Release 4.60 Manuale Operativo ASSISTENZA Gestione Contratti e Interventi GESTIONE ASSISTENZA è il modulo applicativo pensato e realizzato per soddisfare le esigenze delle diverse tipologie

Dettagli

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo RECUPERO CREDITI Gestione del Credito Clienti Programma pensato per la funzione di gestione del credito: permette di memorizzare tutte le informazioni relative alle azioni

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Funzioni di Back Office

Funzioni di Back Office Funzioni di Back Office SOCIETA' PER I SERVIZI BANCARI - SSB S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via Faravelli, 14-20149 Milano - Cap.Soc. 10.763.984,27 int.vers. T: +39 02 3484.1 F: +39 02 3484.4098

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 22 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Un esempio di specifica, analisi, progetto e sviluppo utilizzando ICONIX Ditta di Noleggio Dvd Un sistema per la gestione di una ditta di noleggio dvd che ha più

Dettagli

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE Gestione Archivi 2 Configurazioni iniziali 3 Anagrafiche 4 Creazione prestazioni e distinta base 7 Documenti 9 Agenda lavori 12 Statistiche 13 GESTIONE ARCHIVI Nella

Dettagli

Analisi dei Requisiti e Specifica

Analisi dei Requisiti e Specifica Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V2.1 Analisi dei Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Visual Paradigm for UML Standard Edition(Universit?????? di Torino)

Visual Paradigm for UML Standard Edition(Universit?????? di Torino) Use Case Diagram Treno Visual Paradigm for UML Standard Edition(Universit?????? di Torino) RitiroBiglietto Ricercare e Presentare Software di ricerca soluzioni 0.. Extension Points p Ritiro a Casa Ritiro

Dettagli

SOMMARIO 1. PREMESSA E PRESENTAZIONE 2 1.1. PRINCIPALI CARATTERISTICHE... 2 1.2. ESEMPIO PRATICO... 3 2. ATTIVAZIONE NEL PROGRAMMA PAGHE 4

SOMMARIO 1. PREMESSA E PRESENTAZIONE 2 1.1. PRINCIPALI CARATTERISTICHE... 2 1.2. ESEMPIO PRATICO... 3 2. ATTIVAZIONE NEL PROGRAMMA PAGHE 4 SOMMARIO 1. PREMESSA E PRESENTAZIONE 2 1.1. PRINCIPALI CARATTERISTICHE... 2 1.2. ESEMPIO PRATICO... 3 2. ATTIVAZIONE NEL PROGRAMMA PAGHE 4 2.1. COME INVIARE UNA AZIENDA IN GAP... 5 2.2. ATTIVITÀ CHE VERRANNO

Dettagli

Use case diagrams and templates in the specification of functional requirements

Use case diagrams and templates in the specification of functional requirements Software Engineering - A.A. 13/14 Use case diagrams and templates in the specification of functional requirements Enrico Vicario Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Laboratorio Scienza e Tecnologia

Dettagli

Software di gestione clienti, appuntamenti, presenze e fatturazione

Software di gestione clienti, appuntamenti, presenze e fatturazione Software di gestione clienti, appuntamenti, presenze e fatturazione Pensato per un centro di fisioterapia con 8-10 dipendenti, può essere utilizzato in qualsiasi struttura occorre prendere e gestire degli

Dettagli

Introduzione. Modellazione visuale. Perché UML. cont.) Perché UML (cont( Contributi principali

Introduzione. Modellazione visuale. Perché UML. cont.) Perché UML (cont( Contributi principali Unified Modeling Language Introduzione Davide Frey Corso di Ingegneria del Software Tratto dal materiale di Luciano aresi Politecnico di Milano Modellazione visuale Perché UML richiesta ordine consegna

Dettagli

Manuale "Conto Corrente e servizi"

Manuale Conto Corrente e servizi Manuale "Conto Corrente e servizi" Indice Conti Correnti Saldo.3-7 Movimenti..8-13 Assegni.14-17 Bonifico nostra Banca..18-24 Bonifico altra Banca.25-31 Bonifico Postale 32-38 Bonifico periodico 39-46

Dettagli

MANUALE OPERATORE. Edizione Giugno 2014

MANUALE OPERATORE. Edizione Giugno 2014 MANUALE OPERATORE Edizione Giugno 2014 Manuale Operatore PasKey tribunalionline - Giugno 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 ACCESSO OPERATORE... 5 SERVIZI ON LINE... 7 SITUAZIONE RAPPORTI... 7 DOCUMENTI ON

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 4.9.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Aladino (Gestionale per Hotel)

Aladino (Gestionale per Hotel) Aladino (Gestionale per Hotel) Indice: 1 - Introduzione 2 - Configurazione - 2.1 Configurazione tipologie camere - 2.2 Configurazione Camere - 2.3 Configurazione Listino Camere - 2.4 Configurazione Listino

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

Esempio ordini 08UMLEX1.1

Esempio ordini 08UMLEX1.1 Esempio ordini 08UMLEX1.1 Sommario Specifiche del sistema di gestione ordini Specifiche Use Case Use Case Specifiche del diagramma delle classi Diagramma delle classi Specifiche per lo scenario della richiesta

Dettagli

Gestione di una rosticceria

Gestione di una rosticceria Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina di Ingegneria del Software Gestione di una rosticceria di Fabio Zanella Matr. 1598

Dettagli

Gestione Automatizzata di un Parco Safari

Gestione Automatizzata di un Parco Safari Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Informatica Tesina di Ingegneria del Software (Anno accademico 2001 2002) Gestione Automatizzata di un Parco Safari Notazione: UML

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 25/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

ING SW. Progetto di Ingegneria del Software. e-travel. Requisiti Utente. Specifiche Funzionali del Sistema

ING SW. Progetto di Ingegneria del Software. e-travel. Requisiti Utente. Specifiche Funzionali del Sistema Pagina: 1 e-travel ING SW Progetto di Ingegneria del Software e-travel Requisiti Utente Specifiche Funzionali del Sistema e Pagina: 2 di 9 Indice dei contenuti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...

Dettagli

Simplex. Gestione integrata del magazzino e della contabilità aziendale

Simplex. Gestione integrata del magazzino e della contabilità aziendale Simplex Gestione integrata del magazzino e della contabilità aziendale Simplex è il risultato di diversi anni di lavoro spesi al servizio delle aziende, nel forte e deciso intento di offrire loro strumenti

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

object oriented analysis

object oriented analysis object oriented analysis 1 attività di analisi l obiettivo dell analisi è raggiungere la piena comprensione del dominio di interesse lo strumento è la descrizione di un modello di dominio mediante un opportuno

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED Lorenzo Saladini 1. Introduzione In questo capitolo vengono presentati alcuni degli elementi necessari al corretto sviluppo di sistemi informatici secondo una metodologia

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

La Metodologia adottata nel Corso

La Metodologia adottata nel Corso La Metodologia adottata nel Corso 1 Mission Statement + Glossario + Lista Funzionalià 3 Descrizione 6 Funzionalità 2 Schema 4 Schema 5 concettuale Logico EA Relazionale Codice Transazioni In PL/SQL Schema

Dettagli

OOA Esercizi. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

OOA Esercizi. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 OOA Esercizi UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Sistema SW per Online Shopping Requisiti Utente Il sistema software deve supportare l azienda X che vende computer online I clienti che accedono al sistema

Dettagli

Sequence Diagram e Collaboration Diagram

Sequence Diagram e Collaboration Diagram Sequence Diagram e Collaboration Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Sommario Interaction

Dettagli

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 14-02-2006 Messaggio n. 4711 Allegati OGGETTO: Nuova applicazione ICRATE web per liquidazione delle

Dettagli

Informazioni sul documento

Informazioni sul documento Analisi Dei Requisiti Informazioni sul documento Titolo documento Analisi Dei Requisiti Versione attuale v1.0.0 Data versione attuale 2012/07/12 Data creazione 2012/07/08 Redazione Luca Guerra Stato documento

Dettagli

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI Gestionale Integrato, tagliato su misura per gli Studi Commerciali e i Consulenti del Lavoro. ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI LECCE FONDAZIONE

Dettagli

Modulo standard per la gestione del Quality & Customer/Supplier

Modulo standard per la gestione del Quality & Customer/Supplier Modulo standard per la gestione del Quality & Customer/Supplier management (QM-RM) Sono Moduli che si attivano con valore economico per postazione di lavoro concorrente. Il modulo QM permette di gestire

Dettagli

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE... Manuale Operatore Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...6 4.1. Saldi...6 4.1.1. Riepilogo saldi...6

Dettagli

Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre.

Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre. Scheda descrittiva del programma Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre. ceduto in riuso Pagina 1 di 53 1 SEZIONE 1 CONTESTO ORGANIZZATIVO 1.1 Generalità 1.1.1 Identificazione e classificazione dell amministrazione

Dettagli

Centralino telefonico PABX

Centralino telefonico PABX 345829 Centralino telefonico PABX Istruzioni d'uso 08/13-01 PC 2 1 Introduzione 6 1.1 Il Centralino telefonico 6 Descrizione generale 6 2 Utilizzo 8 2.1 Funzioni telefoniche 8 Tasti dedicati presenti sui

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi Modulo Gestione Protocollo Manuale Utente Manuale Utente del modulo Gestione Protocollo Pag. 1 di 186 SPIGA...1 Modulo Gestione Protocollo...1

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli

Net-Store. Gestionale per esercizi commerciali e magazzini

Net-Store. Gestionale per esercizi commerciali e magazzini Gestionale per esercizi commerciali e magazzini è un programma gestionale facile ed efficiente per migliorare la propria azienda. Include la capacità di Gestione per Fatture e DDT, Carico Merci, Logistica

Dettagli

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Allegato tecnico al Capitolato d'appalto 06 luglio 2009 Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Specifiche

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione del Debito Pubblico - Ufficio IV PROGETTO CEAM

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione del Debito Pubblico - Ufficio IV PROGETTO CEAM Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione del Debito Pubblico - Ufficio IV PROGETTO CEAM Monitoraggio Indebitamento Enti Locali e Territoriali e Accesso ai Mercati Rilevazione

Dettagli

SiStema dam e Stampa. automatizzata

SiStema dam e Stampa. automatizzata 0100101010010 0100101010 010101111101010101010010 1001010101010100100001010 111010 01001010100 10101 111101010101010010100101 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 1 0 1 0 1 1 1 0 1 0 010010101001010 1111101010101

Dettagli

Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa

Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Il Modulo di Analisi dei Classamenti e i Moduli di Bonifica dell Anagrafe Comunale SOR Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e e catastale mediante modelli

Dettagli

Gestione Albo Fornitori

Gestione Albo Fornitori Gestione Albo Fornitori Documentazione utente - Gestione Albo Fornitori Pagina 1 di 29 - Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Registrazione utente... 3 2.1 Registrazione nuovo utente... 3 2.2 Registrazione

Dettagli

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE 0 SOMMARIO TARGET DOCUVISION 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI MODULI 5 LOGICA OPERATIVA MODULO DOCUVISION 6 LOGICA OPERATIVA DELLE FUNZIONALITA WORKFLOW 7 GESTIONE DOCUMENTI

Dettagli

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI Sistema Informativo di EMITTENTI aventi l Italia come Stato membro di origine i cui valori mobiliari sono ammessi alla negoziazione in un altro Stato membro dell Unione Europea Art. 116 bis, comma 1, del

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2016.0.3

Dettagli

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

Multiexport on-line. Nota introduttiva trattativa On Line. Procedura per l inserimento di nuove trattative

Multiexport on-line. Nota introduttiva trattativa On Line. Procedura per l inserimento di nuove trattative Multiexport OnLine Multiexport on-line. Pag. 3 Nota introduttiva trattativa On Line Pag. 4 Procedura per l inserimento di nuove trattative Pag. 12 Nota introduttiva Leon Notifiche Pag. 13 Procedura per

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai UML un linguaggio universale per la modellazione del software Adriano Comai 2 Finalmente uno standard per l analisi e disegno OO? L'obiettivo è ambizioso. Lo Unified Modeling Language (UML) vuole essere,

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions Febbraio 2015 Web Reservation System Frequently Asked Questions Questo documento riporta l elenco delle domande più frequenti che sono state formulate all helpdesk di Hotelplan Italia in merito all utilizzo

Dettagli

Sebina OpenLibrary. Bollettino di Release v.2.5. Applicabile a rel. 2.4. Sebina OpenLibrary Bollettino di release 2.5

Sebina OpenLibrary. Bollettino di Release v.2.5. Applicabile a rel. 2.4. Sebina OpenLibrary Bollettino di release 2.5 Pag.1 di 16 Sebina OpenLibrary Bollettino di Release v.2.5 Applicabile a rel. 2.4 Pag.2 di 16 Indice 1. Gestione catalogo... 3 1.1 Catalogazione documento: modifica denominazione... 3 1.2 Ricerca nel catalogo

Dettagli

UN NUOVO PRODOTTO...3 CONTI CORRENTI...4

UN NUOVO PRODOTTO...3 CONTI CORRENTI...4 UN NUOVO PRODOTTO...3 Disponibilità del servizio...3 CONTI CORRENTI...4 Estratto conto...4 Dati storici...5 Assegni...6 Utenze...6 Il Mio Bilancio...6 PAGAMENTI...9 Bonifici on line Italia...9 Bonifico

Dettagli