Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa"

Transcript

1 Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro Est Milano asc Via C. Colombo, 8/B Melzo (MI) T F [Piano Emergo 2012] Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa

2 Contatti e recapiti Per i lavoratori con disabilità - Centro per l Impiego di Melzo Via S. Martino, 4 T F Da lunedì a giovedì: / ; venerdì: Servizio Inserimento Lavorativo I cittadini interessati e che necessitano di un supporto nella ricerca del lavoro si possono rivolgere all assistente sociale del proprio comune e fare richiesta di essere segnalati al SIL - Servizio Inserimento Lavorativo Per i datori di lavoro pubblici e privati - Centro per l Impiego di Melzo Via S. Martino, 4 T F Da lunedì a giovedì: / ; venerdì: Servizio Inserimento Lavorativo Via C. Colombo, 8 - Melzo T F Servizio Occupazione Disabili della Provincia di Milano Call center operativo nei giorni di lunedì - mercoledì - venerdì, dalle 9.30 alle T Progetto realizzato da Afol Est Milano Indagine e interviste a cura di Anna Stella Revisione testi e impaginazione a cura di Simona Pallai Stampato da Grafiche Migliorini - Melzo (MI) Melzo, novembre 2014 Pagina 23

3 Regime sanzionatorio L art. 15 della Legge 68/99 prevede una serie di sanzioni correlate al mancato adempimento dei dettami della norma: 1. per il mancato invio del prospetto informativo di cui all art. 9 comma 6 è prevista la sanzione amministrativa di 635,11 maggiorata di 30,76 per ogni giorno di calendario di ritardo 2. la mancata assunzione dei disabili per cause imputabili al datore di lavoro - trascorsi 60 giorni dall insorgere dell obbligo - comporta la sanzione amministrativa di 62,77 al giorno, dalla data da cui decorre l obbligo di assunzione e per ogni giorno lavorativo 3. se si ha avuta l autorizzazione all esonero parziale e non si versa a Regione Lombardia il contributo semestrale (16 Luglio 16 Gennaio), verrà applicata una maggiorazione su base annua dal 5% al 24%, a titolo di sanzione amministrativa Le sanzioni amministrative vengono disposte dalle Direzioni Provinciali del Lavoro competenti territorialmente e gli introiti delle medesime confluiscono nel Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 68/99. La Legge 92/2012, detta Riforma Fornero, prevede che i servizi preposti al collocamento obbligatorio trasmettano con cadenza mensile alle competenti Direzioni Territoriali del Lavoro l elenco delle aziende che non hanno assolto agli obblighi previsti dalla Legge 68/99. Indice Progetto Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa 4 Chi siamo 7 Servizio Inserimento Lavorativo 8 Applicazione della Legge 68/99 9 Chi è soggetto all obbligo 9 Obbligo di assunzione categorie protette art Modalità di applicazione dell obbligo in casi particolari 10 Esenzioni dell obbligo di assunzione 10 Applicazione dell obbligo in caso di trasformazioni societarie 11 Lavoratori distaccati e trasferiti 11 Prospetto informativo 12 Convenzioni 13 Convenzione di inserimento lavorativo ex art.11 Legge 68/99 13 Convenzioni ex art.14 D.Lgs. 276/03 14 Assunzione e gestione del rapporto di lavoro 15 Nulla osta nominativo 15 Computo 16 Autorizzazioni 17 Esonero parziale 17 Compensazioni territoriali 18 Sospensioni dagli obblighi 19 Incentivi alle assunzioni 20 Tipologie di incentivi 20 Regime sanzionatorio 22 Contatti e recapiti Pagina 22 Pagina 3

4 Piano Emergo 2012 Progetti a favore della diffusione di buone prassi, ricerca e sensibilizzazione Progetto Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa Obiettivi del progetto Accrescere la consapevolezza degli attori del territorio sulle problematiche legate alla disabilità, in particolare riguardo ai processi d integrazione lavorativa favorire la conoscenza degli strumenti messi a disposizione dalla Legge 68/99, sia per le aziende sia per gli utenti disabili promuovere le opportunità offerte dal piano Emergo informare i diversi attori istituzionali (comuni, distretti, cittadini) sui servizi e sulle procedure proposte per facilitare l inserimento lavorativo e il mantenimento del posto di lavoro delle persone con disabilità Descrizione attività Sono state raccolte, approfondite e analizzate alcune esperienze degli attori del territorio, coinvolti a diverso titolo nei processi d inserimento lavorativo: persone disabili, datori di lavoro, cooperative sociali, consulenti del lavoro e associazioni di categoria, comuni e assistenti sociali, servizi specialistici. Tramite lo strumento dell intervista semi-strutturata si è cercato di rilevare le principali criticità e potenzialità nelle varie fasi dell inserimento lavorativo. Le testimonianze raccolte sono state sistematizzate in questo opuscolo informativo, in cui è possibile trovare informazioni puntuali su: servizi finalizzati all integrazione lavorativa attori sociali che possono collaborare con le aziende nell inserimento delle persone disabili normative vigenti in materia strumenti utili a facilitare l incontro tra i bisogni della persona e le esigenze produttive dell azienda La richiesta di ammissione agli incentivi alla competente Provincia deve avvenire tempestivamente ad avvenuto superamento del periodo di prova, e comunque entro il 20 gennaio successivo all anno di assunzione. Con la richiesta, l azienda dovrà dichiarare l ammontare totale del costo salariale annuo presunto da corrispondere al lavoratore, calcolato su un annualità di 12 mesi (punto 15 dell art. 2 del Regolamento CE n. 800/2008), e cioè l importo totale pagabile dal beneficiario degli aiuti in relazione all assunzione, considerati: retribuzione lorda prima delle imposte contributi obbligatori (oneri previdenziali ed assistenziali) contributi assistenziali per figli e familiari Rientrano perciò nei costi salariali: la retribuzione lorda, come specificata nei prospetti paga mensili redatti nel rispetto degli obblighi contrattuali di riferimento; la quota di TFR maturata; i ratei riferiti alle mensilità aggiuntive; la quota di contribuzione INAIL. Tali costi salariali devono essere intesi al netto di eventuali sgravi contributivi previsti dalle vigenti leggi. Nella richiesta l azienda può dichiarare l eventuale costo sostenuto per l adeguamento del posto di lavoro di cui all art.13, comma 1 lettera d) della Legge 68/99, allegando completa e circostanziata rendicontazione delle spese sostenute (fatture quietanzate). Nel caso in cui all atto della richiesta i lavori non fossero conclusi, il datore di lavoro dovrà specificare nella richiesta che si tratta di importo preventivato. Per ogni lavoratore disabile assunto il datore di lavoro deve inviare alla Provincia entro i 60 giorni successivi alla scadenza annuale dalla data di assunzione/trasformazione, il prospetto dei costi salariali effettivamente sostenuti nell annualità precedente. Il periodo di riferimento del costo salariale effettivo è di 12 mesi calcolati a partire dalla data di assunzione a tempo indeterminato. Qualora il rapporto di lavoro sia cessato prima dei 12 mesi, il datore di lavoro dovrà esporre l importo sostenuto relativo al numero di mesi effettivamente lavorati. Se i lavori non fossero conclusi al momento della richiesta il datore di lavoro dovrà provvedere ad inserire il costo effettivamente sostenuto utilizzando il modello Costo salariale relativo alla prima annualità, allegando completa e circostanziata rendicontazione delle spese sostenute. L indagine è consultabile e scaricabile gratuitamente dal sito: Pagina 4 Pagina 21

5 Incentivi alle assunzioni A favore dei datori di lavoro privati (anche se non soggetti all obbligo ex Legge 68/99), che abbiano effettuato assunzioni di lavoratori disabili a tempo indeterminato o che abbiano trasformato l assunzione da tempo determinato a tempo indeterminato. L assunzione deve avvenire in convenzione, stipulata con la Provincia di Milano ai sensi dell art. 11 della legge 68/99. L agevolazione è concessa per la sola prima annualità (Decreto Regionale 11660/2012 allegato A punto d). Tipologie di incentivi 1. 60% del costo salariale annuo sostenuto (l incentivo riconosciuto è fino a un massimo di ) per l assunzione di ogni lavoratore disabile che presenti una delle seguenti condizioni: - riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% in caso di patologia di tipo fisico o sensoriale - riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 46% in caso di patologia psichica o intellettiva % del costo salariale annuo sostenuto (l incentivo riconosciuto è fino a un massimo di 5.000) per ogni lavoratore disabile che presenta la seguente condizione: - riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67 % e il 79 % 3. Contributo per il rimborso forfettario parziale delle spese necessarie alla trasformazione del posto di lavoro, per renderlo adeguato alle possibilità operative dei disabili con invalidità superiore al 50% o per l apprestamento di tecnologie di telelavoro, ovvero per la rimozione delle barriere architettoniche che limitano in qualsiasi modo l integrazione lavorativa del disabile (l importo del contributo non potrà superare l 80% della spesa sostenuta con il limite massimo del contributo pari a ). Per usufruire degli incentivi l assunzione deve rispettare le seguenti condizioni: assunzione effettuata attraverso convenzione, ai sensi dell art. 11 della Legge 68/99, stipulata con la Provincia di Milano, nella quale sia stato determinato un programma di assunzioni mirate assunzioni di persone con disabilità iscritte negli elenchi del collocamento obbligatorio assunzioni con nulla osta in convenzione assunzioni a tempo indeterminato, con avvenuto superamento del periodo di prova contrattuale trasformazioni a tempo indeterminato di rapporto di lavoro a tempo determinato instaurato in convenzione. In tal caso, la data di assunzione di riferimento per gli eventuali incentivi sul costo salariale è quella della trasformazione a tempo indeterminato, superato il periodo di prova. Per il periodo di lavoro a tempo determinato non sono erogati incentivi. Disabilità e lavoro: criticità ed opportunità nell integrazione lavorativa Il lavoro cambia: da anni un vivace dibattito economico e culturale si interroga su questo tema. Si è voluto partire proprio da qui: dalla trasformazione del concetto di lavoro - una volta oggetto con un significato esplicito, ossia un modo per avere un beneficio economico a fronte di una prestazione, ora sempre più strumento d identità e socializzazione - per arrivare a valutare, attraverso la voce dei diversi attori territoriali coinvolti (aziende, cooperative, persone disabili, operatori dei servizi), l'articolata esperienza dell'area est Milano sul tema dell'integrazione lavorativa delle persone diversamente abili. L incapacità di inserire nel mercato del lavoro persone anche solo potenzialmente produttive è fonte di inefficienza economica e sociale (Amartya Sen) Tramite le interviste abbiamo voluto anche fornire alcuni spunti di riflessione sulla trasformazione del mercato del lavoro, che ha portato a dare sempre più enfasi e peso a flessibilità, competitività, adattamento, ritenute oggi competenze chiave per accedere al lavoro e che di fatto non sono sempre sostenibili da chi si trova in condizione di fragilità. L indagine ha permesso di evidenziare positività, criticità e possibili sviluppi necessari al dialogo tra servizi, aziende e persone, e utili soprattutto alla sensibilizzazione di quelle realtà aziendali che non hanno ancora assolto l obbligo per motivi diversi, tra cui la non sufficiente conoscenza della disabilità nel suo complesso. Abbiamo infatti rilevato nelle interviste con alcuni datori di lavoro quanto la conoscenza che diventa prassi condivisa sia una chiave per ridurre paure e perplessità. «Bisogna imparare a conoscere un universo di bisogni che è importante saper decifrare e leggere, non solo per evitare fallimenti ma soprattutto per cercare di creare qui, in azienda, condizioni che portino benessere e non frustrazione o fallimento.» Il campione intervistato è costituito: dall intervista a una responsabile delle risorse umane da aziende e cooperative che hanno assunto persone disabili e che hanno maturato una sensibile esperienza di inserimento e integrazione lavorativa «La nostra cultura organizzativa è sintetizzabile in: tutti sullo stesso piano. Rispetto all'ingresso di categorie protette siamo tutti coinvolti, anche nella diffusione di una cultura che non si basa su diffidenza o paura. Nessun stigma è accettabile, anche quando le condizioni di partenza sono difficili.» dall intervista a una responsabile amministrativa Pagina 20 Pagina 5

6 «L'esperienza in cooperativa riporta alla persona un aumento delle competenze professionali spendibili per un progetto lavorativo futuro. Credo che il vero problema sia il dopo, cioè dopo l'esperienza di una borsa lavoro o di un tirocinio. Penso infatti che l'economia (in senso ampio) non abbia costruito quel dialogo necessario con i servizi, e questo porta ancora oggi le aziende a non assumere una categoria protetta per paura o per mancata conoscenza dell'universo della disabilità.» dall intervista all operatore di una cooperativa da persone disabili che, attraverso il lavoro, hanno raggiunto un relativo benessere e hanno portato nelle realtà produttive competenze tecniche e sociali «Il lavoro è essenziale per la mia dignità, è una parte della vita perché quando non c'è lavoro la vita si dimezza; c'è un vuoto incolmabile perché non sai cosa fare.» «Il lavoro è stato fondamentale per poter riprendere i contatti con le persone; mi ha restituito la dignità che avevo perso con la malattia, mi ha restituito un ruolo, anche di fronte a mio figlio.» dalle interviste a due lavoratori disabili da operatori che, a diverso titolo, operano per l integrazione lavorativa di categorie protette, promuovendo e accompagnando l inserimento delle persone in azienda, e che hanno costruito e sviluppato modelli operativi efficaci alla mediazione tra persona disabile e sistema produttivo. «Se dovessi associare il termine Inserimento lavorativo a qualcosa, direi che non è sinonimo di l'uomo giusto al posto giusto, ma piuttosto di il posto giusto per la persona e per il suo ruolo. Nel nostro lavoro cerchiamo infatti di adattare la posizione lavorativa alla persona.» dall intervista a un operatore da servizi sociali e di cura che svolgono - tra le altre - azioni di supporto all inserimento lavorativo Sospensione dagli obblighi L art. 3 comma 5 della Legge 68/99 e l art. 4 del DPR 333/2000 stabiliscono i casi nei quali gli obblighi occupazionali derivanti dalla Legge 68/99 sono temporaneamente sospesi: cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS) contratto di solidarietà cassa integrazione guadagni in deroga fondo esuberi (per il settore Credito) mobilità licenziamento collettivo amministrazione controllata La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria non sospende gli obblighi. La richiesta deve essere inoltrata al Servizio provinciale della sede legale dell azienda (anche se la procedura riguarda più province), allegando una copia degli accordi sindacali e/o ministeriali/regionali. La sospensione permane per la durata della situazione di crisi formalizzata nei rispettivi accordi. Per la procedura di mobilità che si è conclusa con almeno cinque licenziamenti, gli obblighi sono sospesi per ulteriori 6 mesi dalla data dell ultimo licenziamento (diritto di precedenza). La procedura di mobilità o di licenziamento collettivo, aperta su una qualsiasi sede provinciale dell azienda, sospende gli obblighi del collocamento obbligatorio a livello nazionale; viceversa le altre situazioni di crisi sospendono solo per il singolo ambito provinciale in cui si trova l unità produttiva interessata dalla procedura stessa e la sospensione opera in misura proporzionale al numero di lavoratori coinvolti dalla crisi. Se è stata dichiarata la situazione di crisi aziendale, ma mancano gli accordi sindacali conclusivi, è possibile - in attesa della formalizzazione degli accordi stessi - autorizzare la sospensione per 3 mesi, rinnovabili per una sola volta. «Sono convinta che si debba costruire un tavolo operativo per ridefinire quali strategie adottare per far fronte al cambiamento del lavoro, delle opportunità territoriali, della formazione professionalizzante.» dall intervista alla responsabile di un servizio sociale In generale, dall indagine è emerso come l inserimento lavorativo di persone disabili o svantaggiate rappresenti un bene comune, con effetti positivi sulla comunità locale sotto diversi aspetti, e debba essere costruito con il contributo di diversi soggetti: siamo parte di una rete che va resa funzionale con l apporto di tutti. Pagina 6 Pagina 19

7 La concessione dell esonero parziale impone il versamento di un contributo pari a 30,54 per ogni giorno lavorativo e per ogni disabile non occupato (Decreto Ministero del Lavoro del 21 dicembre 2007 entrato in vigore il 19 febbraio 2008). Se non viene versato a Regione Lombardia il contributo semestrale (16 Luglio 16 Gennaio) verrà applicata una maggiorazione su base annua dal 5% al 24%, a titolo di sanzione amministrativa. Tali somme saranno versate al Fondo regionale per l occupazione dei disabili. In caso di omissione totale o parziale del versamento dei contributi di cui sopra, la somma dovuta può essere maggiorata, a titolo di sanzione amministrativa, dal 5 al 24% su base annua. Si sottolinea che tale possibilità è esercitabile soltanto in relazione all aliquota riservata ai disabili. L esonero dall obbligo di assunzione non è quindi applicabile alle cosiddette categorie protette di cui all art. 18 comma 1 della Legge 68/99 (orfani, vedove ecc.). Compensazioni territoriali L art. 5 comma 8 della Legge 68/99 stabilisce che i datori di lavoro che abbiano più unità produttive sul territorio nazionale, possano presentare domanda per ottenere l autorizzazione ad assumere, in un unità produttiva, un numero di lavoratori aventi diritto al collocamento obbligatorio superiore a quello dovuto, portando tale eccedenza a compensazione del minor numero di lavoratori assunti nelle unità produttive ubicate in province o regioni diverse. La compensazione territoriale non può essere effettuata se le province interessate alle minori assunzioni si trovano in regioni del centro-sud e lo spostamento assuntivo avviene in favore di province del centro-nord (Decreto del Ministero del Lavoro del 24 aprile 2007). La compensazione territoriale opera solo dal momento in cui il datore di lavoro ottiene lo specifico provvedimento autorizzativo. Aziende che occupano fino a 50 dipendenti Nel caso di aziende il cui obbligo sia limitato all assunzione di una (da 15 a 35 dipendenti) o di due persone disabili (da 36 a 50 dipendenti), l obbligo occupazionale deve essere riferito al complesso aziendale nella sua interezza. Quindi, la scelta relativa al luogo in cui effettuare le assunzioni spetta direttamente al datore di lavoro, il quale effettua tale scelta senza necessità di inoltrare agli uffici alcuna preventiva richiesta di autorizzazione alla compensazione. La compensazione territoriale non viene concessa se l azienda richiedente, nella provincia in cui chiede di poter assumere in eccesso, è già titolare o ha comunque già richiesto un provvedimento di esonero parziale. Chi siamo L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro Est Milano è un azienda speciale consortile nata per sostenere lo sviluppo locale attraverso la valorizzazione del capitale umano e del sistema produttivo. L Agenzia Est Milano, che gestisce il Centro per l Impiego di Melzo, ha attivato un sistema integrato di servizi per le imprese e i cittadini nell ambito di lavoro, orientamento e formazione, che coinvolge tutto l est Milano. [servizi al cittadino] >> Area Lavoro Orientamento informazioni, accoglienza, dichiarazione disponibilità al lavoro stato/indennità di disoccupazione, iscrizione liste di mobilità accompagnamento al lavoro / servizio di ricollocazione sistema dotale servizio incontro domanda e offerta di lavoro e tirocini, assistenti familiari collocamento mirato delle categorie protette (Legge 68/99) percorsi valutazione del potenziale per utenti disabili SIL Servizio Inserimento Lavorativo per disabili >> Area Formazione aggiornamento professionale - formazione continua e permanente formazione per apprendisti [servizi ad aziende e amministrazioni pubbliche] >> Area Lavoro Orientamento accoglienza, informazioni su agevolazioni, incentivi, progetti speciali servizio incontro domanda e offerta di lavoro e attivazione tirocini ricollocazione / outplacement interventi formativi per aziende in cassa integrazione in deroga avviamento a selezione nella pubblica amministrazione (art. 16 Legge 56/87) SIL Servizio Inserimento Lavorativo per disabili >> Area Formazione formazione per aziende ed enti formazione per apprendisti e tutor Accreditata presso Regione Lombardia e certificata ISO 9001:2008, è ente strumentale della Provincia di Milano e dei seguenti comuni: Bellinzago L. Bussero Carugate Cassano d Adda Cassina de Pecchi Cernusco s/n. Gessate Grezzago Inzago Liscate Masate Melzo Pioltello Pozzo d Adda Pozzuolo M. Settala Trezzano Rosa Truccazzano Vaprio d Adda Vignate Vimodrone Pagina 18 Pagina 7

8 Servizio Inserimento Lavorativo Il servizio di mediazione ed integrazione lavorativa è finalizzato alla promozione e all inclusione sociale e lavorativa di soggetti disabili e/o appartenenti alle fasce deboli della popolazione, attraverso percorsi propedeutici all integrazione lavorativa. Il servizio, che opera in convenzione con i comuni del territorio, realizza attività di: mediazione con le aziende accompagnamento al lavoro sostegno all inserimento lavorativo L integrazione lavorativa dei soggetti interessati viene attuata attraverso la formulazione di progetti individualizzati e grazie alla collaborazione e al coordinamento con una rete di risorse: comuni ed enti pubblici diversi aziende e unità produttive collaboranti profit e no profit ambiti e occasioni di formazione professionale organizzazioni sindacali enti ed agenzie preposti al collocamento lavorativo e alla promozione dell incontro tra domanda e offerta di lavoro Il Servizio di inserimento lavorativo si rivolge a: persone che si trovano in situazione di particolare svantaggio: disabili, stranieri in difficoltà, giovani a rischio di emarginazione, carcerati ed ex carcerati, soggetti con disagio psichico aziende che ricercano personale appartenente alle categorie protette o profili professionali mirati alle proprie esigenze produttive L intervento è strutturato nelle seguenti fasi: presa in carico con valutazione delle capacità lavorative attraverso colloqui e test psicoattitudinali stesura del progetto di integrazione lavorativa e individuazione dell ambito lavorativo più idoneo alle caratteristiche della persona mediazione con l unità produttiva individuata monitoraggi periodici in azienda Strumenti utili all inserimento: - Tirocinio, permette all azienda di conoscere e formare candidati con cui potrà successivamente collaborare - Integrazione salariale, contributo riconosciuto all azienda e finalizzato a consolidare l integrazione socio-lavorativa di persone disabili e/o esposte al rischio di emarginazione Autorizzazioni Esonero parziale L art. 5 comma 3 della Legge 68/99 prevede la possibilità di esonero parziale dall obbligo di assunzione per i datori di lavoro, pubblici e privati, che occupano almeno 36 dipendenti e che, per le speciali condizioni della loro attività, non possono rispettare interamente l obbligo della riserva. Il Decreto del Ministero del Lavoro 357/00 ha richiesto, per la sussistenza di speciali condizioni di attività, la presenza di almeno una delle seguenti caratteristiche: 1. faticosità della prestazione lavorativa richiesta (necessità della deambulazione, della stazione eretta, movimentazione manuale carichi, elevata manualità ecc.) 2. pericolosità connaturata al tipo di attività, anche derivante da condizioni ambientali nelle quali si svolge l attività stessa (agenti chimici e/o fisici, processo produttivo, impianti tecnologici, macchine e attrezzature, sostanze e materie prime a rischio, condizioni di esecuzione, movimentazione meccanica ecc.) 3. particolare modalità di svolgimento dell attività lavorativa (lavoro esterno e/o articolato su turni, personale viaggiante, particolare specializzazione del personale ecc.) Quando ricorre almeno una delle precedenti condizioni, il datore di lavoro pubblico o privato può richiedere alla Provincia di Milano l esonero parziale con apposita domanda adeguatamente motivata. La domanda dovrà essere presentata al Servizio della provincia dove si trova l unità produttiva per la quale si intende chiedere l esonero. Nel caso in cui l istanza interessi più unità produttive dislocate in diverse province è competente al ricevimento della domanda il Servizio della provincia in cui il datore di lavoro ha sede legale. L esonero può essere concesso nella misura massima del 60% della quota di riserva. Tale percentuale è elevata sino all 80% per le aziende operanti nei settori dei trasporti e della sicurezza. Per il settore della vigilanza l esonero è totale, in applicazione dell art. 3 comma 4 della Legge 68/99. L autorizzazione all esonero viene concessa per un periodo di tempo limitato ed è rinnovabile su richiesta dell azienda. La sospensione parziale degli obblighi occupazionali decorre dalla data di presentazione dell istanza; da tale data decorre anche il calcolo del contributo esonerativo. Questi strumenti non comportano alcun costo per l'azienda: le spese per la loro applicazione sono a carico del Servizio d'inserimento Lavorativo. È inoltre prevista un attività di consulenza a persone già occupate e ad aziende, per fornire informazioni sul collocamento mirato e supportare l integrazione in situazioni di difficoltà. Pagina 8 Pagina 17

9 Computo La Legge 68/99 prevede che i lavoratori che divengono inabili allo svolgimento delle proprie mansioni in conseguenza di infortunio o malattia possono essere computati nella quota di riserva di assunzione se la percentuale di invalidità è almeno del 60% per invalidità civile e del 34% per infortunio/malattia professionale. Nel caso in cui una persona divenga inabile a causa dell inadempimento da parte del datore di lavoro - accertato in sede giurisdizionale - delle norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro, non è possibile richiedere la procedura di computo. Per avviare la richiesta di computo è necessario: chiedere al lavoratore il verbale di invalidità in copia conforme all originale compilare online la richiesta di computo allegando la documentazione indicata Per effettuare la richiesta online sul sito della Provincia di Milano è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso all applicativo COB. Se l azienda ha da 15 a 35 dipendenti può chiedere il computo anche se il lavoratore ha una percentuale di invalidità superiore al 50%, a prescindere dall orario di lavoro svolto, e ottenere il riconoscimento come quota intera anziché come frazione di unità come avviene normalmente. In ogni caso, se per mero errore un lavoratore che appartiene alle categorie protette viene assunto al di fuori delle procedure che regolano il collocamento obbligatorio, è possibile sanare la situazione facendo richiesta di computo anche se la percentuale di invalidità è inferiore al 60%. Applicazione della Legge 68/99 Chi è soggetto all obbligo L'art. 3 della Legge 68/99 prevede che i datori di lavoro pubblici e privati che occupano almeno 15 dipendenti sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori con disabilità (legge 68/99 - art. 1), nella seguente misura: a) 7% dei lavoratori dipendenti, se occupano più di 50 dipendenti; b) 2 lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti; c) 1 lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti. Per i datori di lavoro privati che occupano da 15 a 35 dipendenti, l'obbligo di avere alle proprie dipendenze personale con disabilità insorge solo in caso di nuove assunzioni (legge 68/99 - art. 3). I datori di lavoro privati sono tenuti a: assumere un lavoratore con disabilità entro i 12 mesi successivi a partire dalla data della nuova assunzione aggiuntiva; adempiere contestualmente all'obbligo di assunzione del lavoratore con disabilità se, entro il termine di 12 mesi, procedono ad una seconda nuova assunzione. Non sono considerate nuove, le assunzioni : effettuate per la sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto, per la durata dell'assenza dei lavoratori che sono cessati dal servizio qualora siano sostituiti entro 60 giorni dalla cessazione avvenute ai sensi della Legge 68/99 Anche i datori di lavoro non soggetti ad obbligo o con obbligo già "coperto" possono assumere secondo le modalità d'intervento del collocamento mirato, usufruendo così dei benefici economici previsti dalla legge. Obbligo di assunzione categorie protette art. 18 I datori di lavoro pubblici e privati sono obbligati all'assunzione di categorie protette art. 18 comma 2 Legge 68/99, nella seguente misura: un lavoratore, se occupano da 50 a 150 dipendenti; 1% dei lavoratori dipendenti, se occupano più di 150 dipendenti. Si definiscono categorie protette art.18: - orfani e coniugi superstiti di deceduti per cause di lavoro, di guerra o di servizio oppure per l'aggravarsi dell'invalidità riportata per tali cause; - coniugi e figli di grandi invalidi per cause di guerra, di servizio e di lavoro; - profughi italiani rimpatriati. Pagina 16 Pagina 9

10 Modalità di applicazione dell'obbligo in casi particolari Per i partiti politici, le organizzazioni sindacali e quelle senza scopo di lucro operanti nel campo della solidarietà sociale, dell'assistenza e della riabilitazione, il computo della quota di riserva avviene esclusivamente con riferimento al personale tecnico-esecutivo con funzioni amministrative, e sono obbligati solo in caso di nuove assunzioni. Tale personale va individuato in base alle norme contrattuali e regolamentari applicate da tali organismi (legge 68/99 - art. 3, comma 3, D.P.R. n. 333/ art. 2, comma 5 ). Per gli enti e le associazioni di arte e cultura e per gli istituti scolastici religiosi, che operano senza scopo di lucro, la quota di riserva si calcola, successivamente alla verifica di possibilità di collocamento mirato di cui all'articolo 2 della Legge 68/99, sul personale tecnico-esecutivo e svolgente funzioni amministrative, individuato in base alle norme contrattuali e regolamentari applicate da tali organismi (D.P.R. n. 333/ art. 2, comma 6). Per i servizi di polizia, della protezione civile e della difesa nazionale, il collocamento dei disabili è previsto nei soli servizi amministrativi (legge 68/99 - art. 3, comma 4). Questa regola vale anche per gli istituti di vigilanza privati in quanto l'attività è assimilabile (nota Ministero del Lavoro n. 1238/m20 del 2001). Le imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati, in caso di passaggio di appalto e conseguente incremento di personale presso l'impresa subentrante, escludono dalla base di computo il numero di lavoratori acquisito. La copertura dovrà essere assicurata calcolando la riserva sulla base dell'organico già in servizio presso l'impresa al momento dell'acquisizione dell'appalto, ferma restando la permanenza in servizio dei disabili eccedenti provenienti dall'impresa cessata (Circ. Ministero del Lavoro n. 77/01). Esenzioni dall'obbligo di assunzione Trasporto pubblico I datori di lavoro pubblici e privati che operano nel settore del trasporto pubblico aereo, marittimo e terrestre non sono tenuti ad effettuare le assunzioni obbligatorie per quanto concerne il personale viaggiante. Sono inoltre esentati coloro che operano nel settore degli impianti a fune, in relazione al personale direttamente adibito alle aree operative di esercizio e regolarità del trasporto (Legge 68/99 - art. 5, comma 2). Assunzione e gestione del rapporto di lavoro Nulla osta nominativo A seguito dell individuazione del disabile o della categoria protetta ex art. 18 Legge 68/99, l azienda che intende assumere deve presentare preventiva richiesta di nulla osta nominativo, ottenuto il quale sarà possibile costituire il rapporto di lavoro. Il nulla osta è un autorizzazione - rilasciata dalla Provincia - a conteggiare nelle quote di riserva della Legge 68/99 le persone che si intende assumere. Il nulla osta viene emesso prima dell assunzione e il suo rilascio è di competenza del Servizio Occupazione Disabili. Per l ottenimento del nulla osta, il lavoratore dovrà risultare iscritto nelle apposite liste presso l Ufficio competente della Provincia. Se il lavoratore è iscritto al collocamento di altra provincia, dovrà trasferire l iscrizione presso la provincia in cui si vuole fare l assunzione. Si ricorda a questo proposito che l assunzione di un soggetto disabile o categoria protetta senza preventiva richiesta di nulla osta non dà luogo all assolvimento dell obbligo. Occorre tenere presente che: il nulla osta precede sempre il modello Unificato Lav, qualunque sia la modalità di assunzione concordata con il lavoratore; le assunzioni part-time sono valide come unità intera ai fini del collocamento obbligatorio, se la prestazione lavorativa supera la metà dell orario di lavoro settimanale (esempio: con 40 ore settimanali, il part-time deve essere almeno di 21 ore); nel caso l azienda abbia tra i 15 e i 35 dipendenti è possibile computare il lavoratore disabile a prescindere dall orario di lavoro svolto, se la percentuale di invalidità è almeno pari al 51%. Il datore di lavoro può richiedere il rilascio di un nulla osta tramite presentazione di domanda online nell applicativo COB di Sintesi. Successivamente il datore di lavoro potrà visionare il documento cliccando sul link che comparirà sopra la banda arancione, quando la pratica sarà evasa dall operatore. Autotrasporto I datori di lavoro pubblici e privati che operano nel settore dell'autotrasporto non sono tenuti, per quanto concerne il personale viaggiante, all'osservanza dell'obbligo di assunzioni obbligatorie (Legge 27/ art. 2bis). Il Ministero del Lavoro ha risposto (Interpello n. 1 del 15/01/2010) a un quesito posto da Confindustria e Consiglio dell Ordine dei Consulenti del Lavoro, in merito alla corretta interpretazione dell art. 5, comma 2 della Legge 68/99, precisando che le aziende che si occupano di raccolta e trasporto rifiuti (e come tali sono iscritte nel registro delle imprese e nell albo dei trasportatori in conto proprio) e che operano con mezzi propri possono essere inquadrate nel settore del trasporto terrestre, e usufruire di una parziale esenzione dall obbligo di assunzione di lavoratori disabili. Pagina 10 Pagina 15

11 Convenzione ex art. 14 D. Lgs. 276/03 La convenzione ex art.14 è uno degli strumenti di politica attiva del lavoro che consente alle aziende di assolvere agli obblighi previsti dalla Legge 68/99, favorendo al contempo l inserimento lavorativo in contesti protetti di persone disabili che presentano particolari difficoltà di integrazione nei cicli lavorativi ordinari. Con questo tipo di convenzione, l azienda può assolvere una parte degli obblighi previsti - secondo le percentuali massime fissate nell'accordo quadro provinciale, ovvero nei limiti del 20% della scopertura complessiva - senza assumere direttamente presso di sé il lavoratore disabile, ma affidando commesse di lavoro alle cooperative sociali di tipo B, tali da coprire il costo dei lavoratori inseriti e i correlati costi di produzione. Sono ammesse a sottoscrivere convenzioni le cooperative sociali di tipo B: che garantiscano affidabilità imprenditoriale iscritte all'albo delle cooperative (Legge 381/91) e all'albo regionale (L.R. 21/03) iscritte ad un associazione di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative, firmataria della convenzione inserite nell elenco delle cooperative sociali di tipo B in possesso dei requisiti, aggiornato dalle associazioni di cooperative Sono ammessi a sottoscrivere convenzioni i datori di lavoro privati aderenti alle associazioni datoriali firmatarie dell accordo. Le aziende potranno computare i lavoratori disabili assunti dalla cooperativa a condizione che la restante quota d'obbligo sia stata assolta (con lavoratori in forza, compensazioni territoriali, esoneri, sospensioni, convenzioni artt. 11 e 12). Il servizio occupazione disabili della Provincia di Milano, in raccordo con i servizi accreditati al lavoro del territorio e con le cooperative sociali, provvederà ad individuare i lavoratori disabili da inserire, tra i soggetti in possesso dei requisiti e delle caratteristiche. L accordo stipulato tra l azienda, la Provincia di Milano e una cooperativa sociale di tipo B prevede che: 1. l azienda assegni alla cooperativa una o più commesse di lavoro della durata minima di 12 mesi e non già affidata alla cooperativa stessa nei 12 mesi precedenti 2. la cooperativa, oltre a svolgere per conto dell azienda il lavoro pattuito nel contratto di affidamento della commessa, proceda all assunzione di una o più persone disabili, a copertura di altrettante scoperture dell azienda, con contratto di lavoro dipendente di almeno 12 mesi 3. il lavoratore venga computato nella quota d obbligo dell azienda per tutta la durata della convenzione Inoltre, i massimali dei lavoratori deducibili sono calcolati in base al seguente rapporto: 1 disabile, per imprese committenti sino a 50 dipendenti fino al 20% della quota di riserva, per imprese committenti oltre i 50 dipendenti Pagina 14 Edilizia È considerato personale di cantiere non solo quello operante nelle imprese del settore edile, ma anche quello direttamente operante nei montaggi industriali o impiantistici e nelle relative opere di manutenzione svolte in cantiere, indipendentemente dall inquadramento previdenziale e dalla circostanza che l impresa sia classificabile come edile o che applichi il contratto dell edilizia. Per la definizione dell attività svolta in cantiere si fa riferimento al concetto di cantiere espresso dall art. 89 D.Lgs. 81/2008 (art. 5 comma 2 della Legge 68/99, modificato dall art. 4 comma 27 della Legge 92/2012). Settore minerario I datori di lavoro del settore minerario non sono tenuti all'osservanza dell'obbligo per quanto attiene il personale di sottosuolo e quello adibito alle attività di movimentazione e trasporto del minerale. Inoltre, queste imprese hanno 90 giorni di tempo per inoltrare la richiesta delle unità carenti da inserire per ottemperare all'obbligo di assunzione. Si tratta di una deroga speciale in quanto l'art. 9, comma 1 della Legge 68/99 dispone che tale termine sia di 60 giorni (Legge 10/ art. 2, comma 12quater; Nota operativa Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 12 dicembre 2012, Prot n ). Applicazione dell'obbligo in caso di trasformazioni societarie In caso di trasformazione dell'assetto societario derivante da trasferimento d'azienda, fusione o cessione, in capo al nuovo datore di lavoro si realizza un ampliamento della base occupazionale e determina il sorgere dell'obbligo di assunzione del lavoratore disabile. In questi casi si applica il regime graduale di cui all'art. 2 comma 2 DPR 333/2000 che prevede 12 mesi per effettuare l'assunzione (Interpello Ministero del Lavoro n. 30/2011). Lavoratori distaccati e trasferiti Il datore di lavoro distaccante dovrà includere il lavoratore distaccato nella base di computo della provincia dove è stato originariamente assunto. Se è disabile, dovrà ugualmente essere computato nella quota di riserva della medesima provincia. Ciò che rileva è quindi la Provincia dove è stata effettuata l assunzione, anche se il distaccato presta la propria attività lavorativa in una provincia diversa da quella dove è stato assunto (Circolare del Ministero del Lavoro 2/2010). Per i trasferiti due sono le ipotesi prese in considerazione: se il lavoratore è normodotato dovrà essere incluso nella base di computo della provincia nella quale lavora a seguito del trasferimento; se il lavoratore è disabile dovrà essere computato nella quota di riserva della provincia dove svolge la propria attività lavorativa ed escluso dalla base di computo della provincia dove è stato originariamente assunto. Pagina 11

12 Prospetto informativo Il Prospetto informativo è una dichiarazione che le aziende con 15 o più dipendenti costituenti base di computo devono presentare al servizio provinciale competente, indicando la propria situazione occupazionale rispetto agli obblighi di assunzione di personale disabile e/o appartenente alle altre categorie protette, insieme ai posti di lavoro e alle mansioni disponibili (Legge 68/99). La finalità è quella di condividere tutte le informazioni utili ad attuare quanto previsto dalla legge a proposito di inserimenti lavorativi adeguati a necessità e caratteristiche delle aziende e delle persone destinatarie. La Legge 133/2008 (art. 40, comma 4), ha introdotto l obbligo di trasmissione esclusivamente per via telematica del Prospetto Informativo Aziendale, con il quale i datori di lavoro comunicano ai servizi competenti la loro situazione occupazionale riferita al 31 dicembre dell'anno precedente, ai fini dei successivi adempimenti di legge. Il Prospetto informativo non deve essere inviato tutti gli anni ma solo qualora, rispetto all ultimo invio, vi siano stati cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l obbligo o da incidere sul computo della quota di riserva. Per le aziende operanti in una sola provincia il prospetto deve essere inviato solo alla provincia interessata; se, invece, il datore di lavoro opera in più province, il Prospetto deve essere inviato a ciascuna provincia e, in modo riepilogativo, alla provincia dove si trova la sede legale. Devono inviare il Prospetto informativo direttamente al Ministero del Lavoro le aziende con unità produttive in Regioni diverse. Nel caso di invio del Prospetto da parte di un azienda capogruppo, la regola di invio segue quella dell azienda capogruppo stessa. I soggetti abilitati effettuano tutte le comunicazioni attraverso il servizio informatico regionale ove è ubicata la loro sede legale. I sistemi informatici rilasciano una ricevuta dell avvenuta trasmissione, che fa fede, salvo prova di falso, per documentare l adempimento di legge. Il mancato invio del prospetto informativo prevede la sanzione amministrativa di 635,11 maggiorata di 30,76 euro per ogni giorno di calendario di ritardo. Convenzioni L art. 11 della Legge 68/99 prevede la possibilità per i datori di lavoro di stipulare convenzioni con la Provincia di Milano finalizzate all inserimento lavorativo delle persone con disabilità. Le convenzioni rappresentano un vantaggio per i datori di lavoro poiché consentono di determinare i tempi e le modalità delle assunzioni dei disabili, graduando gli obblighi imposti dalla legge. Inoltre, le convenzioni consentono di richiedere le agevolazioni previste dal Fondo Nazionale e Regionale per il diritto al lavoro dei disabili, la certificazione di ottemperanza e le altre eventuali provvidenze previste dalla normativa vigente. Convenzione di inserimento lavorativo ex art. 11 della Legge 68/99 La convenzione è un contratto che enti pubblici, aziende private e gruppi di imprese possono stipulare con la Provincia di Milano, quando devono assumere lavoratori con disabilità, come stabilito dalla legge. La stipula della convenzione è facoltativa. I vantaggi legati alla stipula della convenzione ex art.11 della Legge 68/99 sono i seguenti: inserire in modo mirato persone con disabilità attraverso percorsi graduali; scegliere i collaboratori nominativamente; accedere alle agevolazioni fiscali e ai contributi riservati a chi stipula la convenzione. Per i gruppi di imprese costituiti ai sensi dell'art. 31 D.L. 276/03, l'art. 9 della Legge 148/2011 riserva la possibilità di stipulare una convenzione di gruppo con il vantaggio di: gestire la scopertura complessivamente, a livello di gruppo; compensare all'interno delle singole società del gruppo eventuali eccedenze e/o carenze; distribuire la scopertura su una o più società del gruppo secondo un programma di dettaglio. Anche gli Enti pubblici possono stipulare convenzioni con la Provincia per assumere persone disabili, nel rispetto dei principi di trasparenza e di pubblica evidenza, come richiesto dalla legge. La richiesta di Convenzione ex art.11 Legge 68/99 deve essere inviata online alla Provincia di Milano. Per inviare la richiesta è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso all applicativo COB che possono essere richieste all indirizzo: Gli utenti abilitati al servizio COB per l invio delle comunicazioni obbligatorie potranno utilizzare le stesse credenziali di accesso. Pagina 12 Pagina 13

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L alla Gazzetta Ufficiale 23 marzo 1999) con le modifiche apportate dalla Legge 28 giugno

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli