Agenzia di Sviluppo Milano Metropoli SpA in Liquidazione- Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenzia di Sviluppo Milano Metropoli SpA in Liquidazione- Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2012"

Transcript

1 IN LIQUIDAZIONE 1

2 Agenzia di Sviluppo Milano Metropoli S.p.A. in liquidazione Sede: Milano Via Vivaio 1 Cap. Soc ,00= i.v. Codice fiscale: R.E.A. di Milano n ******** Stato patrimoniale Attivo A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti 31/12/ /12/2011 Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (A) 0 0 B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento 0 0 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità ) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno ) immobilizzazioni in corso e acconti ) altre 0 Totale immobilizzazioni immateriali II - Immobilizzazioni materiali 1) terreni e fabbricati ) impianti e macchinario ) attrezzature industriali e commerciali ) altri beni ) immobilizzazioni in corso e acconti Totale immobilizzazioni materiali III - Immobilizzazioni finanziarie 1) Partecipazioni b) imprese collegate d) altre imprese Totale partecipazioni ) Crediti d) verso altri 0 esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 Totale crediti verso altri 0 0 Totale crediti 0 0 Totale immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo circolante II - Crediti 2

3 1) verso clienti esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso clienti ) verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese collegate bis) crediti tributari esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti tributari ter) imposte anticipate esigibili entro l'esercizio successivo 0 0 Totale imposte anticipate 0 0 5) verso altri esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso altri Totale crediti IV - Disponibilità liquide 1) depositi bancari e postali ) denaro e valori in cassa Totale disponibilità liquide Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti Ratei e risconti attivi Totale ratei e risconti (D) Totale attivo Passivo e patrimonio netto A) Patrimonio netto I - Capitale II - Riserve da soprapprezzo delle azioni IV - Riserva legale VII - Altre riserve, distintamente indicate. Riserve facoltative Differenza arrotondamento unità di Euro 0 0 Totale altre riserve VIII - Utili (perdite) portati a nuovo IX - Utile (perdita) dell'esercizio. Utile (perdita) dell'esercizio Utile (perdita) residua Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili ) altri Totale fondi per rischi ed oneri

4 C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti 4) debiti verso banche esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo Totale debiti verso banche ) debiti verso fornitori esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso fornitori ) debiti verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso imprese collegate ) debiti tributari esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti tributari ) debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale ) altri debiti esigibili entro l'esercizio successivo Totale altri debiti Totale debiti E) Ratei e risconti Ratei e risconti passivi Totale ratei e risconti Totale passivo e patrimonio netto CONTI D ORDINE RISCHI ASSUNTI DALL IMPRESA 31/12/ /12/2011 A) FIDEIUSSIONI Fideiussioni prestate ad altri soggetti 0 B) GARANZIE REALI Garanzie ipotecarie TOTALE RISCHI ASSUNTI DALL IMPRESA C) BENI DI TERZI PRESSO L IMPRESA Beni in leasing - TOTALE BENI DI TERZI PRESSO L IMPRESA D) ALTRI CONTI D ORDINE Garanzie ricevute TOTALE ALTRI CONTI D ORDINE TOTALE CONTI D ORDINE

5 Conto economico 31/12/ /12/2011 A) Valore della produzione: 1) ricavi delle vendite e delle prestazioni ) incrementi di immobilizzazioni per lavori interni ) altri ricavi e proventi contributi in conto esercizio Altri Totale altri ricavi e proventi Totale valore della produzione B) Costi della produzione: 6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci ) per servizi ) per godimento di beni di terzi ) per il personale: a) salari e stipendi b) oneri sociali c) trattamento di fine rapporto d) trattamento di quiescenza e simili 0 Totale costi per il personale ) ammortamenti e svalutazioni: a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali d) svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilità liquide Totale ammortamenti e svalutazioni ) accantonamenti per rischi ) oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (A - B) C) Proventi e oneri finanziari: 15) proventi da partecipazioni Altri 0 15 Totale proventi da partecipazioni ) altri proventi finanziari: d) proventi diversi dai precedenti da imprese collegate 0 0 Altri Totale proventi diversi dai precedenti Totale altri proventi finanziari ) interessi e altri oneri finanziari Altri Totale interessi e altri oneri finanziari Totale proventi e oneri finanziari ( bis)

6 D) Rettifiche di valore di attività finanziarie: 19) svalutazioni: a) di partecipazioni 0 0 Totale svalutazioni 0 0 Totale delle rettifiche di valore di attività finanziarie (18-19) 0 0 E) Proventi e oneri straordinari: 20) Proventi 21) Oneri 22) differenza arrotondamento unità di Euro -2 2 Altri Totale proventi differenza arrotondamento unità di Euro 0 0 Altri Totale oneri Totale delle partite straordinarie (20-21) Risultato prima delle imposte (A - B + - C + - D + - E) Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate imposte correnti imposte anticipate Totale delle imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate ) Utile (perdita) dell'esercizio

7 Agenzia di Sviluppo Milano Metropoli S.p.A. in liquidazione Sede: Milano Via Vivaio 1 Cap. Soc ,00= i.v. Codice fiscale: R.E.A. di Milano n ******** NOTA AL BILANCIO 31/12/2012 ATTIVO Immobilizzazioni B I) Immobilizzazioni immateriali Descrizione Beni Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno Variazioni dello Statuto in Corso Totale Immob. Immateriali A B C D E F G Storico Fondo 2011 Bilancio 2011 Acquisti Svalutazione Amm.to Bilancio 2011 A-B C+D-E-F+H CRITERI DI VALUTAZIONE Stante l avvenuta messa in liquidazione della società, e venendo, quindi, a mancare il presupposto dell utilità pluriennale, si è provveduto a svalutare l intero valore residuo delle immobilizzazioni immateriali. B II) Immobilizzazioni materiali A B C D E F G H L Beni Storico 2011 Fondo 2011 Bilancio 2011 A-B Acquisti 2012 Dismissio ni 2012 Contributi Impianti Amm.to 2012 Bilancio 2012 Valore f.do Fabbricato Incubatore Lib Terreno Incubatore Lib Totale Terreni e Fabbricati Impianti telefonici Impianti generici Totale impianti e macchinari Attrezzature industriali e commerciali Descrizione Beni Lordo 2011 Fondo 2011 Bilancio 2011 A-B Acquisti 2012 Dismissioni 2012 Rettifica Contributi Impianti Amm.to 2012 Bilancio 2012 Valore f.do 7

8 Allestimenti commerciali Totale attrezz. industriali e commerciali Mobili e arredi Macchine ufficio elettriche Macchine ufficio elettroniche Automezzi Radio mobili Beni di modico valore Beni strum. inf. al milione Totale Altri beni Totale Immobilizzazio ni in corso Totale CRITERI DI VALUTAZIONE Rispetto agli anni precedenti sono stati portati (a risconti passivi) i contributi in conto impianti direttamente a diminuzione del relativo bene materiale di imputazione. Descrizione Beni Rettifica Contributi Impianti Fabbricato Incubatore Lib Impianti telefonici Impianti generici Attrezzature industriali e commerciali 68 Mobili e arredi Totale Immobilizzazioni in corso Totale Immobilizzazioni Materiali ACQUISTI RILEVANTI NELL ANNO BII-3a) Costo attrezzature industriali e commerciali Milano Metropoli nel corso del 2012 in occasione della manifestazione presso l Idroscalo Midro 2012 ha valutato, rispetto alla ripetibilità della manifestazione fino al 2015 ed alla conseguente economicità ad un contratto di locazione, di acquistare dei pontili attualmente posizionati presso l Idroscalo. L acquisto è stato valutato previo parere favorevole della Provincia di Milano, socio in parte finanziatore della manifestazione. 8

9 B III) Immobilizzazioni finanziarie Descrizione Beni Immobilizzazioni Finanziarie Imprese collegate - Partecipazione La Fucina Altre imprese - Partecipazioni BCC Sesto Totale Immobilizzazioni Finanziarie Bilancio 2011 C A-B Acquis ti 2012 D Svalutazion i 2012 E Bilancio 2012 G C+D-E-F+H CRITERI DI VALUTAZIONE Si è provveduto a svalutare l intera partecipazione dell imprese collegate (La Fucina S.c.r.l.) considerando l avvenuta messa in liquidazione della stessa (la quale ha registrato nel 2012 un risultato d esercizio stimato, in quanto non ancora approvato - negativo maggiore rispetto al valore di iscrizione della partecipazione). Nella voce partecipazione in altre imprese viene classificata la partecipazione nella Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni, valutata al costo di acquisto. Attivo Circolante CII) CREDITI Crediti 31/12/ /12/2011 Crediti v/clienti Fatture da emettere Note di credito da emettere Clienti conto anticipi Effetti all'incasso 0 0 Fondo svalutazione crediti clienti Totale Crediti Verso Clienti L'adeguamento del valore nominale dei crediti al valore di presunto realizzo è stato ottenuto mediante apposito fondo svalutazione crediti che ha subito, nel corso dell'esercizio, le seguenti movimentazioni: Fondo svalutazione Descrizione ex art Codice civile Saldo al 31/12/ Utilizzo nell'esercizio Accantonamento dell esercizio Saldo al 31/12/

10 Crediti verso imprese collegata La Fucina Scarl Crediti verso imprese collegate 31/12/ /12/2011 Crediti commerciali v/collegate Fatture da emettere v/collegate NC da emettere v/collegate Totale crediti verso imprese collegate Crediti tributari 31/12/ /12/2011 Crediti Tributari Erario c/ritenute su contributi Ritenute subite su interessi attivi 3 14 Sostituto imposta tfr Crediti v/erario x acconti IRES Crediti v/erario x acconti IRAP Erario c/iva Credito Irpeg (Milano Innovazione) Totale crediti tributari Crediti verso altri Crediti verso altri 31/12/ /12/2011 Fornitori c/anticipi Crediti v/inail Crediti diversi Crediti v/dipendenti Crediti su carte prepagate Crediti per depositi cauzionali Crediti verso altri diversi Totale crediti verso altri C IV) DISPONIBILITÀ LIQUIDE Disponibilità liquide 31/12/ /12/2011 Depositi bancari Banca Intesa San Paolo Denaro e valori in cassa Totale disponibilità liquide

11 D) RATEI E RISCONTI ATTIVI RATEI E RISCONTI ATTIVI 31/12/ /12/2011 Ratei attivi Risconti attivi TOTALE RATEI E RISCONTI ATTIVI Si allega tabella di dettaglio dei ratei e dei risconti attivi Ratei Attivi Risconti attivi Descrizione Importo Progetto C2C Network Progetto INOPLACE UE Progetto Cluster Cord Progetto Walfare Progetto C2C Network Ministero Progetto INOPLACE Ministero Progetto Cluster Cord Ministero Progetto Distretto Nautica Driade Totale Descrizione Importo supporto informatico Servizio di connettività c/o Lib mese Pag premio pol. n Incendio rischi ordinari Pag.pol.MAG_00153_ 000_12_D Manutenzione e assistenza tecnica impianto 3COM Pag premio pol. n Elettrica 998 Pag premio polizza n RC rischi vari 978 Rinnovo annuale licenze e supporto IBM Lotus Notes 936 Servizio di distribuzione comunicati stampa 807 Canone finanziario per macch. aziendale Lancia 640 Manutenz. apparecch. di sicurezza c/o Lib 538 Canone annuale frecce direzionali 521 Pag premio pol (Tutela Legale) 446 Canone operativo per macch. aziendale Lancia 408 Manutenzione gruppo di continuità 261 Pag premio pol. n Incendio + rischi 224 Rinnovo licenze Mago installate 222 Assistenza tecnica antincendio 208 Pagamento abbonamento rivista " Italia Oggi" anno Abbonamento a Il Sole 24 Ore 151 Servizio disinfestazione periodo 129 Contratto assistenza cliente Mago

12 Abbonamento a Il Corriere della Sera on- line 87 Pag premio polizza n RC fabbricati 82 Abbonamento on line de "Il Giornale" 73 Abbonamento on-line Libero 70 Licenze antivirus x Mi Met Worry free business security v7.x 50 Traffico telefonico 1 bimestre Canone di sanificazione fontanella acqua Abbonamento "La Settimana fiscale" 25 Consegna ecobox pile+ritiro e recupero rifiuti 23 Totale PASSIVO B) Fondi per Rischi ed Oneri Fondo rischi ed oneri 31/12/ /12/2011 Fondo per trattamento fine mandato Amministratore Delegato Fondo rischi e oneri su progetto Eta Beta Fondo per rischi ed oneri su progetto Welfare Fondo per rischi ed oneri per spese legali Fondo per rischi ed oneri vari Totale fondo rischi ed oneri Fondo per rischi ed oneri vari sono stati stanziamento in via prudenziale a fronte dei contenziosi in essere con n. 2 collaboratori a progetto i quali hanno richiesto l accertamento della natura subordinata del rapporto intercorso con conseguente liquidazione di tutte le differenze retributive in termini di Trattamento di Fine Rapporto, tredicesima e quattordicesima mensilità e contributi; C) Fondo Trattamento di Fine Mandato Il Fondo trattamento di fine rapporto ammonta ad ed è stato calcolato sulla base delle disposizioni di legge e del contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria. Nel corso dell esercizio il fondo ha avuto la seguente movimentazione: Consistenza Utilizzi dell esercizio Accantonamento dell esercizio: di cui TFR devoluto ad Enti previdenziali Imposta sostitutiva TFR -978 Consistenza

13 Si segnala che, conformemente a quanto disposto dalla legge finanziaria 2007, alcuni dipendenti hanno deciso di destinare il proprio TFR presso enti previdenziali. D) Debiti I debiti iscritti in bilancio ammontano complessivamente a , sono totalmente esigibili entro l esercizio successivo e sono composti dalle seguenti categorie di seguito dettagliate: Debiti verso banche I debiti verso gli istituti di credito ammontano ad e di seguito gli stessi vengono riepilogati, confrontati con l esercizio precedente e commentati: Debiti verso banche 31/12/ /12/2011 Banca Cred. Coop. Sesto S.G. a Breve termine Banca Cred. Coop. Sesto S.G. a Lungo termine Banca Intesa 0 0 Totale debiti verso banche I debiti sono stati suddivisi secondo l esigibilità a breve e lungo termine. La natura è la seguente: in data 10 luglio 2012 l istituto BCC di Sesto San Giovanni deliberava a favore di Mimet un mutuo fondiario dell importo complessivo di Euro della durata di 7 anni. Con il presente contratto la Società si impegnava a corrispondere mensilmente una rata costante di circa Euro 21 mila e costituiva a favore dell istituto di credito ipoteca di secondo grado sostanziale sesto grado formale per l importo totale di Euro sull immobile denominato Incubatore LIB - sede operativa di Mimet. Euro 482,6 mila verso l istituto BCC di Sesto San Giovanni fanno riferimento all affidamento di c/c concesso a Mimet in data 6 febbraio fino alla concorrenza massima di Euro 500 mila - e con scadenza 31 dicembre La Società a garanzia dell affidamento rilasciava a favore della Banca ipoteca sull Incubatore LIB per la somma complessiva di Euro 750 mila. Debiti verso fornitori Debiti verso fornitori 31/12/ /12/2011 Debiti v/fornitori Fatture da ricevere Nota di credito da ricevere Totale debiti verso fornitori I debiti di natura commerciale sono iscritti al valore nominale, al netto degli sconti ricevuti. 13

14 Debiti imprese collegate Nell esercizio preso in esame sono presenti i debiti verso la società collegata La Fucina S.c.r.l. per riferiti a servizi sul progetto Welfare. Debiti tributari Debiti tributari 31/12/ /12/2011 Erario c/ritenute lavoratori autonomi Erario c/ritenute lavoratori dipendenti Debiti v/erario imposta rivalutazione TFR 939 Erario c/irap Totale debiti tributari Debiti verso Istituti Previdenziali Debiti verso istituti di previdenza 31/12/ /12/2011 Debiti v/inps Debiti v/fondo Est Altri enti di previdenza Istituti ferie e 14a dipendenti Totale debiti verso istituti di previdenza Relativamente ai debiti verso Inps è in corso la richiesta di rateizzazione in 24 rate. Altri debiti Altri debiti 31/12/ /12/2011 Istituti ferie e 14a dipendenti Cauzioni Debiti v/s terzi Totale altri debiti

15 E) RATEI E RISCONTI PASSIVI RATEI E RISCONTI PASSIVI 31/12/ /12/2011 Ratei passivi Risconti passivi Totale ratei e risconti passivi Ratei Passivi Descrizione Importo Costo IMU secondo semestre rata mutuo fondiario dicembre Int. pass. 6 rata mutuo fondiario Terza e quarta rata Tarsu anno Fondi integrativi TFR Mascaretti 4 trim Fondi integrativi TFR Mascaretti 3 trim Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 16/10/ Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 16/11/ Costo accise coogeneratore dicembre Fondi integrativi Zerga 13 e dicembre Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 17/12/ Costo accise coogeneratore ottobre Costo accise coogeneratore novembre Fondi integrativi Zerga novembre Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 17/09/ Fondi integrativi Melis 13 e dicembre Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 20/08/ Interessi e sanzioni su pag. IRPEF del 16/07/ Fondi integrativi Stanzione 4 trim ' Fondi integrativi Melis novembre Spese per incontro a Siviglia a marzo Nota spesa Gallicchio del 30/11/ Totale

16 Risconti Passivi Descrizione Importo Risconti Incubati Lib Progetto Eta Beta Totale A) PATRIMONIO NETTO La composizione del patrimonio netto è di seguito dettagliata: PATRIMONIO NETTO 31/12/ /12/2011 Capitale sociale Riserve da sovrapprezzo azioni Riserva legale Riserva da arrotondamento 0 0 Altre riserve Perdite a nuovo Utile/perdita d'esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO A I) CAPITALE SOCIALE Il capitale sociale al 31 dicembre 2012 è costituito integralmente da azioni ordinarie e risulta essere invariato rispetto all esercizio precedente. Descrizione n. Azioni v. nominale Totale azioni ordinarie Il capitale sociale è posseduto per il 100% da Enti Pubblici. SOCI NUMERO VALORE TOTALE EURO % AZIONI NOMINALE PROVINCIA DI MILANO , ,2885% C.C.I.A.A. MILANO , ,4175% COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI , ,4244% COMUNE DI CINISELLO BALSAMO , ,5479% COMUNE DI BRESSO , ,5479% COMUNE DI COLOGNO MONZESE , ,7739% TOTALE % 16

17 Debiti verso Istituti di credito assistiti da garanzie reali Il debito nei confronti della Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni è relativo ad un contratto di apertura di credito in conto corrente assistito da garanzia ipotecaria prestata nei confronti dell Istituto di Credito stesso e all apertura di un mutuo fondiario. Nel corso degli anni ha subito la seguente esposizione: Periodo di riferimento Apertura di credito Valore Ipoteca Stato /6/ In essere * In essere Conti d ordine Il dettaglio delle garanzie ipotecarie e delle fideiussioni prestate è il seguente: Casuale Ente Beneficiario Importo Garanzia ipotecaria prestata alla BCC di Sesto San Giovanni a fronte di uno scoperto di conto corrente Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni Totale Garanzie Ipotecarie Di seguito viene riportato il dettaglio delle garanzie ricevute: Causale Contraente Importo Fideiussione bancaria relativa al deposito cauzionale per contratto di prestazione di servizio incubazione c/o LIB Fideiussione bancaria relativa al deposito cauzionale per contratto di prestazione di servizio incubazione c/o LIB Alpha Consulting Aryon Solutions Totale Garanzie Ricevute CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi delle vendite e delle prestazioni 31/12/ /12/2011 Ricavi per prestazione di servizi Incrementi di immobilizzazioni per lavori int Contributi in c/ esercizio Altri TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE

18 Dettaglio dei ricavi per prestazione di servizi: Descrizione Importo Ricavi da Incubatore Lib Servizi progetto Città Metropolitana Servizi progetto Parco Agricolo Servizi progetto Martesana Servizi progetto Midro Servizi progetto Paes Novate Servizi progetto Mille giorni all Expo Servizi progetto Incubatore Valtrompia Servizi progetto Distretto Neo Rurale Servizi progetto Paes Assago Servizi progetto Bando 10 idee Servizi progetto Quartiere di Cormano B) COSTI DELLA PRODUZIONE Costo dei servizi Di seguito si fornisce il dettaglio dei costi più rilevanti con il confronto rispetto all anno precedente. Servizi 31/12/ /12/2011 Energia elettrica Gas riscaldamento Spese di vigilanza Acqua Manutenzioni straordinarie Canoni di assistenza vari Spese legali Telefoniche Spese per fideiussioni Spese pubblicità e promozione su progetti Spese viaggi vitto e alloggio interni e conto terzi Prestazioni occasionali Servizi di pulizia Assicurazioni Compensi ad amministratori Compensi ai sindaci Spese telefoniche radiomobili indetraibili Spese di spedizione Prestazioni professionali Studi di fattibilità Buoni pasto e mense Rimborsi chilometrici

19 Compensi parasubordinati Spese notarili Acquisto attrezzatura minuta Costi per licenza Personal Computer Contributi Inps lavoratori autonomi Spese per connessione Internet Costo del personale Personale 31/12/ /12/2011 Salari e stipendi Oneri sociali Trattamento di fine rapporto Totale PERSONALE Oneri diversi di gestione Oneri diversi di gestione 31/12/ /12/2011 Imposta Municipale Unica (IMU) Tassa sui Rifiuti Altre Imposte e Tasse Tassa Diritti Siae 251 Tassa di Concessione Governativa Tassa di Proprietà Autoveicoli Abbonamenti Riviste, Giornali, Quotidiani Costi per Acquisto Libri Multe e Ammende Multe e Sanzioni Automobilistiche Omaggi a Clienti e Articoli Promozionali Omaggi e Regalie al Personale 0 63 Imposta di bollo Certificazioni Diritti Camerali Quote Associative Spese per bolli 4 5 Spese per Acquisto Francobolli Spese per Acquisto Valori Bollati Spese per Spedizione Raccomandate Arrotondamenti 35 6 TOTALI C) PROVENTI E ONERI FINANZIARI Proventi da partecipazioni 31/12/ /12/2011 Altri proventi da dividendi partecipazione BCC 0 15 Totale proventi da partecipazioni

20 Altri proventi finanziari Interessi attivi bancari Interessi attivi su dep. Cauzionali 0 2 Interessi di mora Totale altri proventi finanziari Totale Proventi Finanziari Interessi e altri oneri finanziari Interessi passivi bancari Differenze cambio passive 0-31 Spese Diverse Interessi passivi da altri debiti Interessi da Oneri Fin. Diversi 0-2 Interessi legali su cauzioni Totale interessi e altri oneri finanziari Totale Oneri Finanziari Totale proventi e oneri finanziari E) PROVENTI E ONERI STRAORDINARI Proventi straordinari 31/12/ /12/2011 Sopravvenienze/insussistenze attive Plusvalenze ordinarie Differenza arrotondamenti in 2 2 Totale PROVENTI STRAORDINARI Oneri straordinari 31/12/ /12/2011 Sopravvenienze/insussistenze passive Perdite su partecipazioni La Fucina Differenza arrotondamenti in 0 0 Totale ONERI STRAORDINARI Totale proventi e oneri straordinari I proventi straordinari sono costituiti esclusivamente da sopravvenienze attive di cui, di seguito, se ne espone il dettaglio: 20

21 Sopravvenienze Attive Descrizione Importo Rettifica su compensi Rettifiche anni precedenti 616 Altre sopravvenienze Le sopravvenienze passive sono riferite a chiusure di alcune posizioni debitorie e creditorie non di competenza dell esercizio e di seguito se ne espone il dettaglio: Sopravvenienze Passive Descrizione Importo Cespiti Sistemazione partite anni precedenti Altre sopravvenienze

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO CHIAREZZA, VERITÀ, CORRETTEZZA, I CONTI D ORDINE, IL BUDGET D ESERCIZIO, IL CONTROLLO DI GESTIONE, LA RICERCA DEL DATO FALSO O INATTENDIBILE: IL FALSO IN BILANCIO Relatore:

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli