Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro"

Transcript

1 Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro Programma Operativo PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza (FSE) Asse A Adattabilità Scheda descrittiva del Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette per la Provincia di Salerno Il Contesto La Provincia di Salerno assicura i Servizi per l'impiego attraverso una struttura centrale di coordinamento - Ufficio Provinciale dei Servizi per l'impiego (UPSI) - con sede a Salerno e, territorialmente, attraverso 12 Centri per l'impiego con sedi nei comuni di Scafati, Nocera Inferiore, Mercato San Severino, Maiori, Salerno, Battipaglia, Oliveto Citra, Agropoli, Roccadaspide, Vallo della Lucania, Sala Consilina e Sapri. Presso alcuni Centri sono operanti anche strutture subterritoriali denominate Recapiti con sedi a Sarno (CPI Scafati), Angri (CPI Scafati), Castel San Giorgio (CPI Mercato San Severino), Cava de' Tirreni (CPI Maiori), Pontecagnano (CPI Battipaglia), Eboli (CPI Oliveto Citra) e Capaccio (CPI Agropoli). Il Centro per l impiego è quindi un ufficio pubblico con il quale le Province gestiscono e controllano il mercato del lavoro locale. Il CPI eroga e promuove offerte di lavoro delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda ed offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso. Il D.Lgs. 469/97, preceduto dalla legge Bassanini ha sostituito il CPI all Ufficio di collocamento per quanto riguarda compiti e funzioni ad esso relativi. Il CPI è sostanzialmente una delle numerose strutture, attraverso le quali la Regione svolge le sue funzioni. I Centri per l Impiego sono strutture di servizio e nascono con lo scopo di: assistere i cittadini che intendano qualificarsi e inserirsi nel mondo del lavoro, attraverso una serie di attività che ne sollecitino le motivazioni, ne valorizzino le capacità e ne favoriscano la crescita professionale; assistere i datori di lavoro nella ricerca delle figure professionali di hanno bisogno, nell espletamento delle procedure amministrative e nell attivazione degli strumenti previsti dalla normativa per facilitare l assunzione di personale; monitorare il mercato del lavoro territoriale. Nell ambito dei servizi per il lavoro particolare importanza rappresenta il collocamento mirato. Per Collocamento Mirato si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone portatrici di disabilità o di altre forme di svantaggio nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto di lavoro a loro più adatto. Il collocamento mirato è disciplinato dalla Legge 12 marzo 1999 n.68 che stabilisce gli obblighi occupazionali delle aziende pubbliche e private relativamente alla quota dei posti di lavoro da riservare ai diversamente abili e ad altre categorie svantaggiate di persone in cerca di occupazione. Ogni Provincia organizza e struttura in autonomia i servizi per l impiego rivolti al collocamento mirato. In particolare sussistono due possibili modelli operativi:

2 il primo in cui i servizi di collocamento mirato vengono forniti da una struttura centrale che garantisce il servizio sull intero territorio provinciale. Tale struttura opera in maniera coordinata con i CPI che svolgono solo una funzione di prima interfaccia con l utente e di inoltro delle pratiche verso la struttura centrale Il secondo modello decentrato, in cui i servizi vengono erogati direttamente dai singoli centri per l impiego Nel caso della Provincia di Salerno è stato adottato il primo modello in cui è l UPSI (Ufficio Provinciale Servizi per l Impiego), ad avere le competenze relative al collocamento dei disabili e delle categorie protette (iscrizione nell'elenco provinciale, formulazione graduatorie, avviamenti al lavoro). Le finalità del progetto. In un momento in cui l attuale crisi economico-finanziaria influenza sensibilmente l economia dell intero paese, l esigenza di un supporto reale e concreto per i soggetti disabili e quelli appartenenti alle categorie protette è sempre più sentita e necessaria. Il processo di trasformazione dei servizi per l impiego verso la realizzazione della cosiddetta presa in carico della persona assume maggior rilevanza laddove la persona è costretta a vivere una situazione di disagio. Ad oggi l ufficio UPSI non prevede l erogazione di servizi online rivolti al cittadino disabile o appartenente alle categorie protette. Il cittadino è costretto a recarsi di persona o attraverso delega può richiedere che qualcun altro si rechi presso l ufficio UPSI per svolgere le pratiche relative all iscrizione al registro delle categorie protette o semplicemente per richiedere un certificato di iscrizione o piuttosto per presentare una domanda di partecipazione ad un bando. Sebbene il momento dell iscrizione rappresenta un momento importante sia per il contatto che si stabilisce tra il cittadino e l ente, sia perché momento di orientamento e di supporto per il cittadino sarebbe importante virtualizzare o quanto meno darne la possibilità tutti gli altri momenti di contatto tra il cittadino e l ente in modo tale da risparmiare all utente il sacrificio di recarsi presso gli sportelli dell ufficio. Ciò consentirebbe anche uno snellimento dei processi e dell organizzazione dell ufficio favorendo la concentrazione delle risorse su attività di più alto profilo rivolte al monitoraggio della domanda/offerta di lavoro, all orientamento verso l offerta lavorativa, nonché al supporto delle categorie più deboli. Prima dell avvio del progetto (il progetto è iniziato nel settembre 2011), l organizzazione dell ufficio UPSI scontava una mancanza di informatizzazione e digitalizzazione dei flussi e dei processi interni e di coordinamento verso i CPI. La totalità dei documenti e delle informazioni che transitavano attraverso tali flussi, tra CPI ed ufficio UPSI, viaggiava ancora in cartaceo a mezzo posta tradizionale e via fax, ciò rappresentava un ostacolo per l attivazione di quel processo di trasformazione della pubblica amministrazione che dovrebbe garantire una maggiore tracciabilità, celerità ed efficienza nell erogazione dei servizi offerti. La Provincia di Salerno ed in particolare il Settore Politiche del Lavoro ha avviato i lavori legati a quest idea progettuale utilizzando inizialmente solo personale interno e ideando la soluzione come progetto a costo zero.

3 Successivamente, venendo a conoscenza del Bando Servizi Innovativi nel settore dei servizi per il lavoro (iniziativa relativa al PON GAS Obiettivo Convergenza (FSE)) questo Settore, presentando opportuna domanda di adesione, è riuscito ad ottenere supporto e consulenza qualificata da parte del Formez PA nell attivazione di servizi online per disabili e categorie protette. Si tratta di una sfida particolarmente impegnativa poiché ha richiesto non solo il ridisegno dei processi di servizio per la fruizione on line, ma anche la definizione di una piattaforma tecnologica per consentire, nel rispetto della norma, l erogazione dei servizi. Il progetto ha come finalità principale la costituzione di una banca dati per la gestione digitalizzata delle informazioni e dei dati in possesso dell ufficio UPSI. Tale banca dati dovrà risultare unica e condivisa sia per gli operatori dei centri per l impiego che per l ufficio UPSI. L implementazione della banca dati prevede l estensione del SILP (tale attività richiede l intervento di fornitori esterni per la personalizzazione del SILP). Dal punto di vista delle funzioni e dei servizi erogati dall ufficio UPSI, il presente progetto si pone come obiettivo la creazione di servizi online rivolti al cittadino, alle imprese ed agli enti pubblici. Il progetto ha come obiettivi principali quindi: la creazione di una banca dati unica tra CPI ed ufficio UPSI l informatizzazione e digitalizzazione delle procedure per l accesso ai dati: o sia da parte degli operatori dell ufficio UPSI: back office o che da parte del cittadino: front office Le attività svolte. Il progetto ha visto la costituzione di un gruppo di lavoro composto da: personale interno dell ente (Responsabile UPSI più tre collaboratori) cinque consulenti Formez più un coordinatore il gruppo di lavoro ha collaborato anche con il Settore Innovazione Tecnologica dell Ente per l implementazione della piattaforma di riferimento e con l UPSI per la redazione e la verifica dei contenuti. Il progetto ha prodotto i seguenti risultati: completa digitalizzazione di tutti i procedimenti interni e di back office dell UPSI (tutte le istanze che oggi pervengono all UPSI vengono acquisite, tracciate e lavorate digitalmente attraverso il sistema idoc); completa abolizione dell uso della posta tradizionale per la comunicazione verso le imprese ed i liberi professionisti: utilizzo della PEC Posta Elettronica Certificata; completa digitalizzazione della comunicazione tra UPSI e Centri Per l Impiego attraverso l uso del sistema idoc; redazione di un documento di analisi e mappatura di tutti i procedimenti interni all UPSI riguardo il collocamento mirato; redazione di un documento di benchmarking relativo ad altri portali provinciali per quanto concerne i servizi per il collocamento mirato (sono stati considerati come campione di riferimento le province di Milano, Padova, Brescia, Modena e Firenze), la valutazione del

4 campione di riferimento ha consentito di individuare le Best Practice; attivazione canale telematico con diversi enti ed amministrazioni esterne per la gestione della cooperazione tra PA: o puntofisco con Agenzia delle Entrate; o invciv2010 con INPS per presentazione richieste di accertamento invalidità civile (diagnosi funzionale) e visualizzazione/recupero verbali di invalidità; analisi tecnica dell integrazione della banca dati SILP (Sistema Informativo Lavoro Provinciale) per l estensione della stessa affinchè vengano gestiti i dati relativi al collocamento mirato (tale analisi tecnica è stata fornita alla GEPIN attuale fornitore dell Ente nel curare l assistenza al SILP); implementazione struttura tecnologica del portale; disegno grafico e progettazione del portale; redazione contenuti del portale e progettazione servizi online; Il 29 giugno 2012 si è tenuto un Workshop di confronto e scambio di esperienza nell ambito del Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette con il coinvolgimento delle Province di Padova, Brescia e Potenza. In questa sede è stato possibile appunto confrontare lo stato di avanzamento del progetto rispetto a modelli già in essere, ciò ha contribuito a riscontrare le direzioni progettuali intraprese ed ad indirizzare le scelte successive. Il 22 novembre 2012 si è tenuto invece un incontro pubblico con il coinvolgimento dei mezzi di informazione e le parti sociali interessate nonché associazioni di disabili al fine di diffondere e comunicare i risultati dell iniziativa e presentare il portale verticale che rappresenta il frutto del lavoro svolto e quindi la piattaforma attraverso cui la Provincia di Salerno erogherà i servizi online dedicati ai disabili ed alle categorie protette. I benefici apportati dal progetto. Dal punto di vista interno, il progetto ha consentito l accrescimento delle competenze del personale dell ente relativamente ad un approccio maggiormente sistematico e orientato alla gestione dei processi nell ambito dei procedimenti che riguardano il collocamento mirato. Il personale interno ha inoltre visto l accrescimento delle proprie competenze informatiche dettato dall utilizzo quotidiano di procedure volte alla digitalizzazione dei processi per la lavorazione delle pratiche ed istruttorie del Settore. L attivazione del portale è partita da una attenta analisi e riprogettazione dei procedimenti amministrativi gestiti dall UPSI allo scopo di semplificare, razionalizzare e migliorare i servizi offerti. Ci si auspica che ciò porti a facilitare e ottimizzare il lavoro delle risorse umane impegnate dalla Provincia nelle attività di back-office, per realizzare maggiori e migliori servizi direttamente rivolti alle persone (accoglienza, orientamento, assistenza e accompagnamento nelle pratiche, ecc..).

5 Dal punto di vista esterno, le persone con disabilità o appartenenti alle categorie protette, che siano alla ricerca di un'occupazione, potranno iscriversi negli elenchi del collocamento mirato tenuti dalla Provincia seguendo le indicazioni riportate dal portale realizzato nell ambito del presente progetto ed utilizzare i servizi offerti al fine di perseguire una ricerca attiva del lavoro. I cittadini si trovano talvolta in difficoltà nel relazionarsi con la Pubblica Amministrazione. Molto spesso si pongono domande semplici che non trovano sempre risposte altrettanto semplici: Quali sono le normative che mi riguardano? Cosa prevedono? Come funzionano le procedure amministrative? A quali uffici mi devo rivolgere? Di quali servizi posso fruire e con quali modalità? Più in generale, dove posso trovare risposte chiare per le mie esigenze e soluzioni efficaci alle mie problematiche? L attivazione del portale web per il collocamento mirato della Provincia di Salerno nasce proprio per dare una risposta alle esigenze e alle problematiche dei lavoratori disabili e appartenenti alle categorie protette, per consentire il pieno ed effettivo esercizio dei diritti e dei benefici previsti dalla legge 68/99. Il portale è infatti uno strumento progettato sulla base dei fabbisogni dell utenza, per favorire la massima trasparenza dei procedimenti amministrativi e realizzare un modello di interazione tra cittadini e Pubblica Amministrazione più semplice, veloce ed accessibile. Attraverso il portale web per il collocamento mirato della Provincia di Salerno il lavoratore può trovare risposte e soluzioni ad esigenze concrete, quali ad esempio: Come fare per iscriversi negli elenchi provinciali del collocamento mirato, quale documentazione occorre, come e dove deve essere presentata la richiesta Come si partecipa ad un bando, a chi e come deve essere presentata la candidatura, come funzionano le procedure di selezione Come si può richiedere un certificato di iscrizione, come si può comunicare la variazione della percentuale di invalidità, ecc.. Le aziende private e gli enti o pubblici possono trovare nel portale informazioni su tutti adempimenti previsti dalla normativa sulle assunzioni obbligatorie, sugli strumenti, i servizi e le agevolazioni che la Provincia mette a disposizione per favorire le assunzioni nelle aziende di persone con disabilità o appartenenti alle categorie protette. Il portale si candida in pratica diventare il principale riferimento informativo per le aziende in merito alle complesse procedure previste dalla Legge 68/99. In una logica di massima trasparenza, le aziende potranno verificare nel dettaglio l iter procedimentale e identificare tutti gli adempimenti previsti, anche quelli a carico della Provincia. Inoltre i datori di lavoro e i consulenti del lavoro potranno, direttamente attraverso il portale, attivare tutte le procedure di avviamento previste per l inserimento lavorativo delle persone iscritte negli elenchi del collocamento mirato, ottemperando a tutti gli obblighi a carico delle aziende con maggiore celerità, efficienza e facilità. Tramite il Portale l utente, sia esso il cittadino, l impresa o l ente pubblico, può ottenere informazioni utili per l attivazione dei servizi offerti dagli uffici provinciali: richiedere l erogazione di un servizio presentando un istanza all UPSI; consultare le FAQ per acquisire conoscenza riguardo la soluzione a problematiche comuni;

6 acquisire copia elettronica della modulistica prevista dalle procedure dell ufficio; ricevere aggiornamenti riguardo le ultime novità in merito al collocamento mirato; ricevere informazioni relativamente all organizzazione degli uffici provinciali alla loro strutturazione, ubicazione; ricevere informazioni riguardo i recapiti delle strutture da interfacciare. Il Portale offre informazioni dettagliate riguardo le procedure di iscrizione alle liste di cui alla L.68/99 in base alla categoria di appartenenza (ogni categoria prevede un diverso iter procedimentale in merito alla documentazione da presentare e questo spesso costituisce una difficoltà per l utente): Invalidi civili (invalidità superiore al 45%) Invalidi del lavoro (invalidità superiore al 33%) Invalidi per servizio Persone non vedenti e non udenti (cecità assoluta,o con residua capacità visiva max 1/10 ad entrambi gli occhi con eventuale correzione) Invalidi di guerra, invalidi civili di guerra ed invalidi per servizio Possono iscriversi, inoltre, i seguenti soggetti" svantaggiati": Orfani (o equiparati) per cause di servizio di dipendenti di PP.AA. Orfani per lavoro, di dipendenti del settore privato, compresi gli orfani per il sisma del 1980, e sciagure marittime Orfani di guerra Vedove per cause di servizio Vedove per cause di lavoro Vedove di guerra Coniugi e figli di grandi invalidi di servizio equiparati vedove e orfani (l'iscrizione è consentita esclusivamente in via sostitutiva dell'avente diritto a titolo principale - il grande invalido - oppure quando questi sia stato cancellato dagli elenchi del collocamento obbligatorio senza mai essere stato avviato ad attività lavorativa, per causa non imputabile al medesimo) Coniugi e figli di grandi invalidi del lavoro equiparati vedove e orfani (l'iscrizione è consentita esclusivamente in via sostitutiva dell' avente diritto a titolo principale - il grande invalido - oppure quando questi sia stato cancellato dagli elenchi del collocamento obbligatorio senza mai essere stato avviato ad attività lavorativa, per causa non imputabile al medesimo) Profughi italiani rimpatriati Soggetti che hanno riportato una invalidità permanente in conseguenza di atti di terrorismo o di criminalità organizzata e, in caso di morte di questi ultimi, il coniuge e i figli superstiti, qualora siano gli unici superstiti centralinisti non vedenti come da legge n.138/2001 massofisioterapisti e terapisti della riabilitazione non vedenti 11 gennaio 1994 n. 29 Possono iscriversi nell'elenco tenuto dall'ufficio dei Servizi per l'impiego i lavoratori disabili o i soggetti "svantaggiati" prima descritti che abbiano compiuto i 15 anni e non abbiano superato i limiti di età pensionabile previsti dalle leggi; anche i cittadini stranieri non comunitari disabili, regolarmente presenti in Italia, possono richiedere l'iscrizione. Il Portale offre agli utenti già iscritti alle liste di cui alla L.68/99 i seguenti servizi:

7 rilascio di tutte le certificazioni previste dalla legge; variazione e aggiornamento del proprio profilo/iscrizione; consultazione bandi e graduatorie per le offerte di lavoro e procedure di avviamento; Il Portale è rivolto anche alle Imprese ed Enti Pubblici, questi attraverso i servizi offerti possono: Richiedere la stipula di convenzioni: La convenzione è uno degli strumenti introdotti dal legislatore del 99 per attuare le finalità del "collocamento mirato". Attraverso la stipula di apposite convenzioni i datori di lavoro pubblici e privati, soggetti agli obblighi ma anche non soggetti, hanno la possibilità di concordare con gli Uffici i tempi e le modalità di assunzioni e di "ritagliare" per il lavoratore svantaggiato la giusta collocazione all'interno del sistema produttivo. Richiedere il rilascio dei nulla osta per le richieste nominative: L impresa ha la possibilità di presentare agli uffici dei servizi per l impiego una richiesta per il rilascio di un provvedimento di avviamento al lavoro attraverso modalità nominativa. Tale provvedimento viene anche identificato come nulla osta. Presentare il Prospetto informativo: Il prospetto informativo è una dichiarazione che le aziende e gli enti pubblici con almeno 15 dipendenti devono presentare al servizio provinciale competente, indicando la propria situazione occupazionale rispetto agli obblighi di assunzione di personale disabile e/o appartenente alle altre categorie protette, insieme ai posti di lavoro e alle mansioni disponibili, come previsto dalla legge 68/99 La finalità è quella di condividere con l ufficio dei servizi per l impiego tutte le informazioni utili ad attuare quanto previsto dalla legge a proposito di inserimenti lavorativi adeguati alle necessità e caratteristiche delle aziende e delle persone destinatarie, ed in particolare: o il numero complessivo di lavoratori dipendenti in forza all azienda; o la base di computo, ovvero il numero di dipendenti rilevante per stabilire la quota di riserva; o il numero e i nominativi delle persone disabili e appartenenti alle altre categorie protette già alle dipendenze dell azienda ; o il numero di posti di lavoro e relative mansioni disponibili per persone disabili e appartenenti alle altre categorie protette per arrivare ad un completo adempimento dell obbligo. Trasmettere Comunicazioni obbligatorie: Le comunicazioni obbligatorie (CO) sono quelle che i datori di lavoro pubblici e privati devono trasmettere in caso di assunzione, proroga, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro. Richiedere l avviamento di procedura numerica: Nel caso di avviamento tramite procedura numerica l impresa non svolge colloqui di selezione, ma si limita ad ottemperare all assunzione nel momento in cui l ufficio dei servizi per l impiego invia i nominativi delle persone selezionate tramite avviso pubblico, una volta evase le procedure di selezione dei candidati e gestiti eventuali ricorsi Richiedere l avviamento di procedura nominativa (preselezione): Nel caso in cui l impresa sia tenuta ad assumere un soggetto appartenente a categoria protetta tramite procedura nominativa, può chiedere all uffico dei servizi per l impiego di attivare una servizio di preselezione, indicando il profilo richiesto e gli eventuali altri requisiti, professionali e non, che la persona deve possedere. L Ufficio, in tal caso, pubblica un Avviso invitando i soggetti

8 appartenenti alla categoria protetta interessata, a presentare la propria adesione ed il proprio curriculum professionale. Richiedere agevolazioni: il Fondo Nazionale per il diritto al/lavoro dei disabili (art. 15, legge 12 marzo 1999, n. 68 e Decreto del Ministero del Lavoro/Ministero del Tesoro 13 gennaio 2000 n. 91). Possono beneficiare delle agevolazioni e degli incentivi i datori di lavoro privati, anche non soggetti agli obblighi determinati dalla legge n. 68/99 che, nel contesto di una convenzione, presentano programmi per l'assunzione di persone disabili Richiedere la certificazione di ottemperanza agli obblighi: Il certificato di ottemperanza è un documento attraverso il quale l ufficio competente (Provincia in cui ha sede legale l azienda) certifica che il datore di lavoro è in regola con gli obblighi previsti dalla legge 68/99. La legge stabilisce che la certificazione dell ottemperanza sia necessaria in tutti i casi in cui un impresa pubblica o privata partecipi a bandi per appalti pubblici o intrattenga rapporti convenzionali o di concessione con pubbliche amministrazioni. Per essere considerati in regola con gli obblighi previsti in materia di collocamento delle persone con disabilità e appartenenti ad altre categorie protette occorre: o aver presentato regolarmente il prospetto informativo; o avere la quota di riserva interamente coperta con assunzioni oppure aver attivato, a fronte di ogni singola scopertura, strumenti ed adempimenti atti a dimostrare la volontà di ottemperare all obbligo (richieste di assunzione, convenzioni, esoneri parziali, ecc). Richiedere la sospensione: Il diritto a richiedere la sospensione dagli obblighi di assunzione dei disabili sorge nei seguenti casi: o quando l impresa ha chiesto e ottenuto il riconoscimento del trattamento straordinario di integrazione salariale (artt.1 e 3 della Legge 23 luglio 1991, n. 223). In questo caso gli obblighi sono sospesi per la durata dei programmi contenuti nella richiesta di intervento, in proporzione all'attività lavorativa effettivamente sospesa e per il singolo ambito provinciale; o quando l impresa abbia avviato la procedura di mobilità di cui agli artt.4 e 24 della Legge 23 luglio 1991, n In questo caso gli obblighi sono sospesi per la durata della procedura di mobilità e, nel caso in cui la stessa si concluda con almeno cinque licenziamenti, gli obblighi sono parimenti sospesi per il periodo in cui permane il diritto di precedenza all'assunzione disciplinato dall'articolo 8 della medesima legge e dal Decreto Legislativo 297/02 (il diritto di precedenza permane per 6 mesi). Entro sessanta giorni dalla cessazione del beneficio della sospensione, che coincide con la durata dei citati trattamenti, il datore di lavoro deve presentare la richiesta di avviamento per l'ottemperanza degli obblighi di cui alla Legge 68/99. Richiedere il computo o riconoscimento in quota d obbligo: Il riconoscimento si attua quando il datore di lavoro si accorge di avere all interno del suo organico lavoratori disabili o assunti al di fuori delle procedure del collocamento mirato o invalidati in costanza di rapporto di lavoro in conseguenza di infortunio o malattia che non siano stati determinati da violazione delle norme di sicurezza e igiene del lavoro da parte dello stesso datore di lavoro. In questi casi, il datore di lavoro, pubblico o privato, può richiede la computabilità nella quota di riserva degli stessi (articolo 4, comma 4 della Legge 68/99). Al fine del riconoscimento la riduzione

9 della capacità lavorativa di tali lavoratori non dovrà essere inferiore al 60% nel caso di invalidi civili o al 34% nel caso di invalidi del lavoro.

Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette

Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette Progetto Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

CPI COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI

CPI COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI COLLOCAMENTO DISABILI E CATEGORIE PROTETTE CPI CENTRIPERL IMPIEGO PROVINCIADITERNI GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE E PER LE IMPRESE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Sociale Europeo Regione Umbria

Dettagli

La Provincia di Bologna, Settore Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione

La Provincia di Bologna, Settore Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione A V V I S O P U B B L I C O 1 La Provincia di Bologna, Settore Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione RENDE NOTO C O L L O C A M E N T O M I R A T O D E

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it Provincia di Pavia SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it CONVENZIONE EX ART. 11, COMMA 5, LEGGE 68/99 PREMESSO CHE:

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro Guiida siintetiica all collllocamento miirato deii diisabiillii Pagina 1 di 5 CIITTADIINII IINTERESSATII

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova Punto di partenza - Crisi economica del Mercato del Lavoro (utenza aumentata

Dettagli

INFORMATIVA LEGGE 68/99

INFORMATIVA LEGGE 68/99 INFORMATIVA LEGGE 68/99 OBBLIGHI PER LE AZIENDE Con il sistema del collocamento obbligatorio viene imposto alle imprese sia pubbliche che private, di determinate dimensioni, l'obbligo di assumere una percentuale

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Tipo di controllo. Criteri di controllo

Tipo di controllo. Criteri di controllo Settore Normativa di riferimento L. 68/99 art. 3 L. 133/2008 Decreto direttoriale n. 345 del 17/09/2013 Tipo di procedimento Verifica dell ottemperanza all obbligo di assunzione disabili Genere di impresa

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al

Dettagli

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 FAQ FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 D.1 Dopo aver aderito al Piano Alitalia cosa accade in caso di rifiuto a partecipare alle iniziative di politica attiva o a un

Dettagli

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act 24 settembre 2015 da RSS TeleConsul Editore S.p.A. Pubblicati, nella G.U.S.O. 23 settembre 2015, gli ultimi 4 decreti

Dettagli

Progetto. Relazione conclusiva

Progetto. Relazione conclusiva Progetto Relazione conclusiva Premessa Il progetto Dichiar@online, realizzato nell ambito dei Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro, iniziativa attuata da Formez PA, su incarico del

Dettagli

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011 Trani, 11/05/2011 OGGETTO: Pubblicazione FAQ Si pubblica un elenco di FAQ (Frequently Asked Questions) dei Centri per l Impiego, cioè domande che vengono poste più di frequente agli sportelli, al fine

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO POSSIAMO GARANTIRTELO: I CENTRI PER L IMPIEGO SONO VICINI, E TI SONO VICINI indice dei servizi ACCOGLIENZA ISCRIZIONE IN ELENCHI

Dettagli

Newsletter per i datori di lavoro

Newsletter per i datori di lavoro PROVINCIA DI PERUGIA Ufficio Specialistico L. 68 / 99 Newsletter per i datori di lavoro La Danza di Henry Matisse (1909-1910) Anno 1 n. 0 aprile 2013 Via Palermo 106, Perugia Tel. 075 3681959 Fax 075 3681703

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n.

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. 333/2000 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 27 febbraio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA

Giunta Regionale della Campania DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 67 del 17 dicembre 2001 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Decreto n. 2516 del 21 novembre 2001 OSSERVATORIO REGIONALE MERCATO DEL

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013

Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili. SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 Settore Formazione e Lavoro Servizio Occupazione Disabili SOTTOCOMITATO DISABILI 16 aprile 2013 PROGETTO DI GESTIONE INFORMATIZZATA DEGLI ESONERI (PROGETTO MAV) L art. 5 della legge 68/99 disciplina l

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI

INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI Redazione a cura di: Diego Busso Servizio Politiche per il Lavoro Ufficio Inserimento Lavorativo Disabili Pasquale Tarantino Servizio Coordinamento CPI Unità

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale INTRODUZIONE Il Prospetto Informativo Aziendale La disciplina sul diritto al lavoro dei disabili, legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che tutti i datori

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa Promuovere l occupazione delle persone disabili significa accrescere il benessere socio-economico dell intera collettività. Su questo

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15 Federico CONTI Genova 07 Aprile 2016 Employers Day Azioni di sostegno per l attuazione sul territorio delle politiche del lavoro

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette,

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, # SYNERGIE68 #Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, disabili e sul loro inserimento lavorativo.

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D INTESA TRA PREFETTURA UTG DI MODENA, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE, DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, INAIL, AZIENDA USL DI MODENA E AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI MODENA SULLE INIZIATIVE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA I CONSIGLI PROVINCIALI DEGLI ORDINI DEI CONSULENTI DEL

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA I CONSIGLI PROVINCIALI DEGLI ORDINI DEI CONSULENTI DEL Direzione Regionale della Campania PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA E I CONSIGLI PROVINCIALI DEGLI ORDINI DEI CONSULENTI DEL LAVORO PRESENTI NELLA REGIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Regionale della Campania PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA E GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI PRESENTI NELLA REGIONE

Dettagli

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO Torino, 29/01/03 STRUTTURA MITTENTE: NA4 Segreteria IR/*of ALLEGATI: Prot. N. Ai Responsabili dei C.P.I. Ai Responsabili

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare Legge 68/99 LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT M ONZA 8 OT TOBRE 2015 Legge 10 dicembre 2014, n. 183 (Jobs Act) Il governo è delegato ad adottare

Dettagli

11-dicembre-2009 Sala colonne Via Gandolfo, 13. Seminario formativo richieste on-line Legge 68/99

11-dicembre-2009 Sala colonne Via Gandolfo, 13. Seminario formativo richieste on-line Legge 68/99 11-dicembre-2009 Sala colonne Via Gandolfo, 13 Seminario formativo richieste on-line Legge 68/99 Sommario 1. Vantaggi e premessa; 2. Richiesta di nulla osta; - Esempio di compilazione della richiesta di

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA: PER / DEL/2012/ OGGETTO: adempimenti in materia di collocamento mirato ai sensi della l. n. 68/1999 Norme per il

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 Il giorno I Servizi per l'impiego della Provincia.., rappresentati da......... Il Datore di lavoro..... rappresentato da...... Premesso

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

APPROFONDIMENTO SU COLLOCAMENTO DISABILI

APPROFONDIMENTO SU COLLOCAMENTO DISABILI Decreto Legislativo 14 settembre 2015 Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO.

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. Debhorah Di Rosa Anche quest anno è stato prorogato il termine per l invio, esclusivamente telematico, del prospetto informativo

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

Il/La sottoscritto/a chiede di essere ammesso alla selezione sopra citata e a tal fine dichiara quanto segue:

Il/La sottoscritto/a chiede di essere ammesso alla selezione sopra citata e a tal fine dichiara quanto segue: Si raccomanda di riportare in maniera completa e leggibile i dati. Spazio riservato all ufficio concorsi Spazio riservato al Protocollo Generale PROT. N. 3-11/10/11/2 ISTR_TECN_GEOM AL COMUNE DI TRIESTE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera della Giunta Regionale n. 1965/2006 - Prot. n. (LVR/06/1072213) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA la Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" e la legge

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

I compiti e le funzioni del Comitato Tecnico Provinciale

I compiti e le funzioni del Comitato Tecnico Provinciale tratto dal film Modern Times Charlie Chaplin 1936 Modena - Baggiovara Centro Servizi 19 dicembre 2014 Corso ACCERTAMENTO AI SENSI L.68/99: IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO LEGALE, DEL MEDICO DEL LAVORO E DELLO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE, DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA. L Ordine dei Consulenti del Lavoro

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE, DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA. L Ordine dei Consulenti del Lavoro PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE, DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E L Ordine dei Consulenti del Lavoro LE PARTI Agenzia delle Entrate, nella persona del Direttore Regionale, dott.ssa Giovanna

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

Marco Melegari Servizio Inserimento Lavorativo Disabili (SILD)

Marco Melegari Servizio Inserimento Lavorativo Disabili (SILD) ASSESSORATO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE DEL LAVORO Marco Melegari Servizio Inserimento Lavorativo Disabili () INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE Parma, 27 gennaio 2011 L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Regionale della Campania Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO LAVORO FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI

PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO LAVORO FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO LAVORO FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI AVVISO PUBBLICO (ai sensi della D.G.R. n. 1633 del 28 settembre 2010 Assunzioni a tempo indeterminato presso le PP.AA. delle categorie

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde 1. Premesse 1.1 Per incarico della Regione Lombardia, Lombardia Informatica S.p.A. cura la realizzazione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e la sua

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete considerato che - il Ministero dell Economia e delle Finanze, con il D.M. 24 febbraio 2000 e con il successivo D.M. 2 maggio 2001, ha deliberato di

Dettagli