I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate."

Transcript

1 REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per la carenza di alcuni requisiti, assumono un carattere residuale. L art. 67 del TUIR contiene l elencazione tassativa dei redditi rientranti nella categoria in esame. In via generale i redditi diversi: acquistano rilievo al momento della loro percezione (criterio di cassa); concorrono, unitamente agli altri redditi posseduti da un soggetto, a formare il reddito complessivo, fatta eccezione per le plusvalenze derivanti dalla cessione di beni immobili, terreni, aree edificabili che sono naturalmente assoggettate a tassazione separata. La detrazione d imposta Per alcune di queste tipologie di redditi è prevista una detrazione dall imposta lorda non cumulabile con quelle previste per i redditi di lavoro dipendente o di pensione. Le detrazioni: sono collegate all ammontare del reddito complessivo del contribuente (1) spettano secondo due diverse modalità di determinazione, corrispondenti a due classi di reddito complessivo, in particolare: 1. fino a euro 4.800,00 2. da euro 4.801,00 a euro ,00. Ai contribuenti titolari di reddito complessivo superiore a euro ,00 non spetta alcune detrazione d imposta. Nota I redditi diversi dichiarabili nel modello 730. (1) = Ai fini del calcolo della detrazione, il reddito complessivo (la somma dei redditi del contribuente) è assunto al netto del reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e di quello delle relative pertinenze, ma comprende anche il reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni. Si evidenzia che non tutti i redditi diversi possono essere dichiarati nel modello 730. Di seguito si elencano le fattispecie che possono essere indicate nel modello 730 distinguendole in 2 gruppi. I redditi diversi dichiarabili nel 730 per i quali non è prevista la detrazione. Redditi diversi per i quali non è prevista la detrazione Redditi inerenti al possesso di beni immobili quali: - le plusvalenze realizzate mediante lottizzazione e successiva vendita, - le plusvalenze realizzate mediante cessione di beni immobili acquistati o costruiti da meno di cinque anni, - i proventi da utilizzazione da parte di terzi di beni immobili e mobili, - i redditi di beni immobili situati all estero, - i redditi di natura fondiaria non determinabili catastalmente. Redditi che derivano da compensi, indennità, corrispettivi quali: - i redditi derivanti da utilizzazione economica di opere dell ingegno, quando non sono percepiti dall'autore o dall'inventore, - le indennità di trasferta ed i rimborsi forfetari di spesa, i compensi da società e associazioni sportive dilettantistiche. Ce 1

2 I redditi diversi dichiarabili nel 730 per i quali è prevista la detrazione. Dove indicare i redditi diversi. L importo da tassare. Redditi diversi per i quali è prevista la detrazione Redditi che derivano da compensi, indennità, corrispettivi quali: - i corrispettivi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, - i redditi di lavoro autonomo occasionale, - i corrispettivi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere. I redditi diversi vanno dichiarati nel quadro D sezione I del modello 730, nei righi redditi diversi o redditi diversi per i quali è prevista la detrazione. Le varie tipologie di reddito sono distinte da un apposito codice. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è diverso a seconda delle varie tipologie di reddito dichiarate. Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi nel rigo corrispondente agli altri redditi, sommato ai redditi di capitale, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi a tassazione separata per i quali è stata scelta l opzione della tassazione ordinaria. Le eventuali detrazioni sono riportate nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione calcolo dell irpef nel rigo corrispondente a detrazioni per redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ed altri redditi. I calcoli necessari per determinare l importo da assoggettare a tassazione sono effettuati dal CAF. Riferimenti Vedi gli art. 67, 68, 69, 70 e 71 del D.P.R. n.917 del Tuir. Ce 2

3 REDDITI DIVERSI Le PLUSVALENZE da LOTTIZZAZIONE Cos è una lottizzazione. Cos è una plusvalenza Costituisce lottizzazione qualsiasi utilizzazione del suolo che, indipendentemente dal frazionamento fondiario e dal numero dei proprietari prevede la realizzazione contemporanea o successiva di una pluralità di edifici a scopo residenziale, turistico o industriale e, conseguentemente, comporta la predisposizione delle opere di urbanizzazione occorrenti per le necessità primarie e secondarie dell insediamento. Costituisce plusvalenza il reddito realizzato dalla cessione di determinati beni ad un prezzo superiore a quello di acquisto. Sono comprese nei redditi diversi le plusvalenze derivanti: - dalla cessione, anche parziale, di terreni che sono stati oggetto di opere di lottizzazione; - dalla cessione degli edifici costruiti su tali terreni. ATTENZIONE Il reddito derivante da tali cessioni è sempre soggetto a tassazione, anche se acquisito a seguito di successione o donazione e indipendentemente dal momento in cui avviene la cessione del terreno lottizzato. Il valore della plusvalenza Il reddito imponibile delle plusvalenze da cessione immobiliare viene determinato dalla differenza tra il corrispettivo della vendita e il costo d acquisizione aumentato dei costi inerenti, è assoggettato a tassazione al momento della percezione del corrispettivo. (prezzo di vendita spese sostenute) Quindi: per determinare il valore della plusvalenza è necessario: individuare il prezzo di vendita e sottrarre le spese sostenute, come il costo di acquisto del terreno, gli altri costi inerenti la lottizzazione ed eventualmente i costi di costruzione in caso di cessione di fabbricati realizzati sul terreno. Qualora la percezione dei corrispettivi non sia avvenuta totalmente nell anno d imposta considerato, le spese, se già sostenute, vanno calcolate proporzionalmente a quanto percepito. Il costo di acquisto La determinazione del costo di acquisto dipende dalla data e dalle modalità di acquisto del terreno. In particolare si deve considerare: il prezzo di acquisto del terreno, qualora il terreno sia stato acquisito entro i cinque anni precedenti la lottizzazione; il valore normale del terreno al quinto anno anteriore, se il terreno sia stato acquistato da oltre 5 anni rispetto all inizio delle operazioni di lottizzazione; il valore normale del terreno alla data di inizio della lottizzazione, ovvero di i- nizio della costruzione del relativo fabbricato, se il terreno sia acquisito a titolo gratuito, per successione o per donazione; Ce 3

4 il valore determinato secondo le perizie giurate di stima, nel caso in cui il contribuente abbia provveduto alla rivalutazione dei terreni. La documentazione Il corrispettivo percepito per la vendita è indicato nell atto di cessione. Il costo relativo all acquisto del terreno va riscontrato nell atto di acquisto mentre gli altri costi vanno riscontrati dalla documentazione attestante il pagamento di oneri fiscali, dalle fatture emesse dal notaio o da altri professionisti o dalle imprese che hanno effettuato lavori nell area. I dati relativi all operazione, ovvero l ammontare lordo dei corrispettivi, l importo delle spese e il reddito conseguito, devono essere riportati in un apposito prospetto. Tale prospetto, se richiesto, dovrà essere esibito o trasmesso all Agenzia delle Entrate. La compilazione del modello 730 I corrispettivi percepiti per la vendita di immobili a seguito di lottizzazione sono indicati nel quadro D, rigo redditi diversi del modello 730 e vengono contraddistinti dal codice 1. Nella colonna reddito deve essere indicato il reddito lordo percepito cioè il prezzo di vendita. Nella colonna spese va riportata la somma dei costi inerenti la lottizzazione e di altre eventuali spese documentate. ATTENZIONE: I terreni oggetto della lottizzazione vanno dichiarati anche nel quadro A, in quanto per il periodo di possesso precedente alla vendita questi terreni producono redditi di natura fondiaria. L importo da tassare. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è quello risultante dalla differenza tra il prezzo di cessione a titolo oneroso e la somma del costo di acquisto e delle altre spese importo assoggettato a tassazione = prezzo di cessione a titolo oneroso - costi di acquisto + altre spese Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi nel rigo corrispondente agli altri redditi, Rigo altri redditi = importo assoggettato a tassazione + redditi da capitale + redditi da lavoro autonomo I calcoli necessari per determinare l importo da assoggettare a tassazione sono effettuati dal CAF. Riferimenti Vedi anche l approfondimento: Redditi diversi Plusvalenze terreni e fabbricati Per approfondire la cessione delle aree edificabili vai anche al capitolo relativo ai redditi soggetti a tassazione separata. Ce 4

5 REDDITI DIVERSI LE PLUSVALENZE DA CESSIONE DI IMMOBILI Plusvalenze da cessione di immobili Sono considerate redditi diversi le plusvalenze derivanti: dalla cessione a titolo oneroso di terreni agricoli acquistati da non più di cinque anni, dalla cessione a titolo oneroso di fabbricati acquistati o costruiti da non più di cinque anni, dalla cessione a titolo oneroso, di immobili pervenuti per donazione, se non sono trascorsi, alla data della cessione, 5 anni dalla data di acquisto dell immobile da parte del donante. Le cessioni che NON generano plusvalenze La cessione di fabbricati e di terreni non edificabili genera plusvalenza solo se i beni sono stati acquistati o costruiti (per i fabbricati) da non più di 5 anni dalla data della cessione. Quindi Non generano plusvalenze e non sono pertanto imponibili i redditi derivanti dalle cessioni: a titolo oneroso di terreni non edificabili e di fabbricati effettuata dopo i 5 anni dall acquisto; di terreni non edificabili e di fabbricati acquisiti per effetto di successione; di fabbricati acquisiti per usucapione ordinaria o abbreviata; di terreni non edificabili e di fabbricati, pervenuti per donazione, se sono decorsi, alla data della cessione, 5 anni dalla data di acquisto o costruzione dell immobile da parte del donante; di unità immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l acquisto o la costruzione e la cessione, anche inferiore a cinque anni, sono state adibite ad abitazione principale del titolare o dei suoi familiari. Il calcolo della plusvalenza In caso di cessione a titolo oneroso di beni immobili precedentemente acquistati, costruiti o ricevuti per donazione, per calcolare la plusvalenza è necessario sottrarre dal corrispettivo percepito, il prezzo di acquisto aumentato delle spese sostenute. Plusvalenza = corrispettivo percepito - prezzo di acquisto + spese sostenute Per gli immobili acquisiti per donazione si assume come prezzo di acquisto o costo di costruzione quello sostenuto dal donante. Tali spese devono essere inerenti al terreno o al fabbricato ceduto e, a titolo meramente esemplificativo, possono configurarsi nelle seguenti fattispecie: imposte di registro, catastali e ipotecarie pagate all acquisto; spese notarili e accessorie sostenute all atto dell acquisto; spese di manutenzione straordinarie o sostenute per liberare il fabbricato da vincoli. Ce 5

6 In caso di cessione di immobile, costruito nei cinque anni precedenti alla cessione, dal corrispettivo percepito vanno sottratte le spese inerenti il costo di costruzione. Cessione di immobile = Corrispettivo percepito - spese di costruzione Tali spese possono essere quelle relative: al contratto di appalto; alla progettazione; agli oneri di urbanizzazione a consulenze di diverso genere. Nel caso in cui il contribuente abbia provveduto alla rivalutazione del terreno può considerare come costo di acquisizione il valore determinato secondo le perizie giurate di stima. La documentazione Il corrispettivo percepito per la vendita si ricava dall atto di cessione. Il costo di acquisto e gli altri oneri sostenuti relativi al terreno agricolo sono indicati nell atto di acquisto e nella documentazione rilasciata dal Notaio. Le spese inerenti il fabbricato ceduto possono essere riscontrate dalla documentazione attestante il pagamento di oneri fiscali, dalle fatture emesse dal notaio o da altri professionisti o dalle imprese che hanno effettuato lavori nell immobile. I dati relativi all operazione, ovvero l ammontare lordo dei corrispettivi, l importo delle spese e il reddito conseguito, devono essere riportati in un apposito prospetto. Tale prospetto, se richiesto, dovrà essere esibito o trasmesso alla Agenzia delle Entrate. La compilazione del modello 730 I corrispettivi percepiti per la cessione a titolo oneroso di immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni sono indicati nel quadro D, rigo redditi diversi del modello 730 e vengono contraddistinti dal codice 2 Nella colonna reddito deve essere indicato il reddito lordo percepito ovvero l intero ammontare del corrispettivo riscosso. Nella colonna spese vanno indicate le spese sostenute e inerenti al terreno o al fabbricato ceduto. L importo da tassare. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è quello risultante dalla differenza tra il prezzo di cessione a titolo oneroso e i costi iniziali sommati alle spese. Importo assoggettato a tassazione = Prezzo cessione a titolo oneroso - Costi iniziali + spese Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi nel rigo corrispondente agli altri redditi, sommato ai redditi di capitale e ai redditi di lavoro autonomo. I calcoli necessari per determinare l importo da assoggettare a tassazione sono effettuati dal CAF. Ce 6

7 Esempio Un contribuente ha acquistato un immobile nel 2010 per un importo di euro tenuto sfitto. Per tale acquisto ha sostenuto spese per euro. Nel 2011 vende l immobile per un importo di euro. Immobile acquistato nel 2010: - Costo di acquisto = euro - Spese sostenute = euro - Prezzo di vendita = euro Nel quadro D al rigo redditi diversi dovrà riportare i seguenti dati: - nella colonna Tipo di Reddito indicherà il codice 2, che identifica la tipologia di reddito - nella colonna Reddito, l importo del reddito lordo, euro - nella colonna spese, l importo del costo di acquisto sommato alle spese, euro [Importo assoggettato a tassazione = ( ) = ] Nel quadro prospetto di liquidazione (730-3) al rigo altri redditi sarà riportato, a cura del CAF, l importo di euro. L imposta sostitutiva del 20% Riferimenti In caso di cessione a titolo oneroso di fabbricati o terreni agricoli acquistati o costruiti da non più di cinque anni il contribuente, in alternativa all inserimento in dichiarazione dei redditi, può optare, all atto della vendita, per il pagamento di un imposta sostitutiva del 20%. L imposta deve essere versata, a nome del cedente, dal Notaio attraverso il modello F24. Vedi anche l approfondimento: redditi diversi plusvalenze schema riassuntivo Ce 7

8 REDDITI DIVERSI UTILIZZAZIONE DA PARTE DI TERZI DI BENI MOBILI ED IMMOBILI E REDDITI DI NATURA FONDIARIA NON DETERMINABILI CATASTALMEN- TE Utilizzazione di beni mobili ed immobili La compilazione del modello 730 Costituiscono reddito diverso i proventi derivanti dalla sublocazione o dalla concessione in usufrutto di beni immobili, e dall affitto, noleggio o locazione di beni mobili quali ad esempio veicoli. I proventi percepiti a questo titolo devono essere indicati nel quadro D, nella sezione I, rigo redditi diversi del modello 730 e contraddistinti dal codice 3, da indicare nella colonna tipo di reddito. Nella colonna redditi deve essere indicato il reddito lordo percepito. Nella colonna spese, se sostenute, vanno riportate le spese inerenti al reddito dichiarato. La documentazione Il calcolo dell imposta Per loro natura questi redditi non sono certificati tramite modelli predefiniti ma è necessario acquisire eventuali contratti, ricevute e quietanze. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è quello risultante dalla differenza tra il reddito percepito e le spese sostenute. Importo assoggettato a tassazione = reddito complessivo - spese sostenute Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi al rigo corrispondente agli altri redditi. I calcoli necessari per determinare l importo da assoggettare a tassazione sono effettuati dal CAF. Redditi fondiari non determinabili catastalmente La compilazione del modello 730 L importo da tassare. Per redditi di natura fondiaria non determinabili catastalmente si intendono: i censi, le decime a favore di enti ecclesiastici, i quartesi, che sono rendite o canoni gravanti su determinati fondi per effetto di norme anteriori a quelle attualmente in vigore ma fatte salve da specifiche disposizioni; i redditi di natura fondiaria che non possono essere determinati con criteri catastali, come ad esempio l affitto dei terreni per uso non agricolo, l indennizzo ricevuto da un agricoltore per una occupazione temporanea del suo terreno, i redditi derivanti dall affitto di lastrici solari, i redditi dei beni immobili che non sono e non devono essere iscritti in catasto con attribuzione di rendita. Anche questi redditi sono indicati nel quadro D, sezione I, rigo redditi diversi del modello 730 e sono contraddistinti dal codice 4. Nella colonna reddito deve essere indicato il reddito lordo percepito. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è il reddito lordo percepito. Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi al rigo corrispondente agli altri redditi. Ce 8

9 REDDITI DIVERSI IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Il reddito degli immobili situati all estero I redditi dei terreni e dei fabbricati situati all estero concorrono alla formazione del reddito complessivo nell ammontare netto assoggettato ad imposta sui redditi nello Stato estero. Tali redditi sono determinati con modalità diverse a seconda che l immobile sia o meno locato. Gli immobili non locati producono un reddito in Italia pari all ammontare netto soggetto a tassazione nello stato estero. Si tratta in genere di rendite catastali o simili. Analogamente, anche per gli immobili locati si deve tener conto dell ammontare netto soggetto a tassazione nello stato estero. Per le imposte pagate all estero spetta al contribuente un credito di imposta. Se gli immobili locati non sono assoggettati a tassazione all estero, producono comunque un reddito in Italia pari all ammontare del canone di locazione effettivamente percepito, decurtato del 15% a titolo di deduzione forfetaria delle spese. Reddito immobili non assoggettati a tassazione all estero = canone di locazione percepito - 15% Le convenzioni contro le doppie imposizioni. In caso di difformità temporale tra i periodi d imposta presi a base per la tassazione, si assume il periodo d imposta estero che scade nell anno di imposizione italiano. Gli immobili non locati e tenuti a disposizione del contribuente non assoggettati a tassazione nello Stato estero non sono tassati neppure in Italia. Per conoscere l imposizione effettiva dei redditi di immobili ubicati all estero occorre verificare le eventuali convenzioni contro le doppie imposizioni, stipulate fra l Italia e lo Stato estero. Tali convenzioni sono consultabili nel sito Internet dell Agenzia delle Entrate. La compilazione del modello 730. Il monitoraggio fiscale (quadro RW) L importo da tassare. I redditi dei terreni e dei fabbricati situati all estero sono indicati nel quadro D, nella sezione I, rigo redditi diversi del modello 730 e sono contraddistinti dal codice 5. Nella colonna reddito deve essere indicato il reddito lordo percepito. Gli immobili esteri se sono assoggettati a tassazione anche in Italia producono solamente redditi diversi e pertanto non vanno indicati nel quadro B del modello 730 stesso. A partire dall anno d imposta 2009 i possessori di immobili di valore superiore ai euro detenuti all estero, dovranno compilare il quadro RW del modello Unico persone fisiche, indipendentemente dalla circostanza che l immobile produca reddito. Il reddito indicato nella colonna reddito concorre alla formazione del reddito complessivo e pertanto viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi, nel rigo corrispondente agli altri redditi. Ce 9

10 REDDITI DIVERSI UTILIZZAZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO Utilizzazione economica di opere dell ingegno Chi deve dichiarare il reddito Rientrano tra i redditi diversi i proventi derivanti dall utilizzazione economica: di opere dell ingegno di brevetti industriali e di processi di formule e informazioni relative ad esperienze acquisite in campo commerciale, industriale, scientifico percepiti da soggetti diversi dall inventore o dall autore. Devono dichiarare i proventi ricevuti a questo titolo coloro che hanno acquistato i diritti sull utilizzazione economica di opere dell ingegno: a titolo gratuito, come ad esempio gli eredi a titolo oneroso Il reddito imponibile corrisponde: al 100% del compenso se il reddito è percepito dall erede, al 75% del compenso se il reddito è percepito da colui che ha acquistato a titolo oneroso il diritto. La documentazione I compensi sono certificati da un documento che riporta l ammontare lordo del compenso, l ammontare delle ritenute effettuate l ammontare netto erogato. Le ritenute effettuate dal sostituto di imposta sono pari al 20% del totale lordo del compenso se si tratta di diritti d autore acquisiti a titolo gratuito da eredi o donatari, al 20% del 75% del compenso se acquistati a titolo oneroso. La compilazione del modello 730 I redditi derivanti dall utilizzazione economica delle opere dell ingegno percepiti da soggetti diversi dall inventore o autore sono indicati nel quadro D, sezione I, al rigo redditi diversi del modello 730, contraddistinti dal codice 6. Se il contribuente ha acquisito tali diritti a titolo gratuito, deve indicare nella colonna reddito l intero ammontare del compenso percepito. Nel caso in cui il diritto sia pervenuto a titolo oneroso la legge prevede che al reddito sia applicata una deduzione forfetaria del 25% a titolo di spesa. La deduzione non viene applicata in sede di calcolo, quindi in questo ultimo caso è necessario indicare nel quadro D l ammontare del reddito già ridotto. Nella colonna ritenute vanno invece indicate le ritenute subite. L importo da tassare. Il reddito indicato nella colonna reddito concorre alla formazione del reddito complessivo e pertanto viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi al rigo corrispondente agli altri redditi. Le ritenute vengono invece riportate nella sezione Calcolo dell'irpef al rigo Ce 10

11 ritenute sommate alle altre ritenute. Esempio Vediamo ora, con alcuni esempi, come si compila il quadro D in presenza di compensi derivanti dalla utilizzazione di opere dell ingegno. ESEMPIO 1: Un contribuente ha percepito un compenso di euro per l utilizzazione economica di opere dell ingegno acquisite a titolo gratuito per il quale ha subito ritenute per 150 euro. Compenso = euro Ritenute subite = 150 euro Importo del reddito imponibile = ESEMPIO 2: Un contribuente ha percepito un compenso di euro per l utilizzazione economica di opere dell ingegno acquisite a titolo oneroso per il quale ha subito ritenute per 150 euro. Compenso = euro Ritenute subite = 150 euro Importo del reddito diminuito del 25 % = % = 750 Ce 11

12 REDDITI DIVERSI ESERCIZIO DI ATTIVITÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE Compensi per attività sportive dilettantistiche Rientrano tra i redditi diversi: le indennità di trasferta, i rimborsi forfetari di spesa, i premi e i compensi erogati nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche dal CONI, dalle federazioni sportive nazionali, dall Unione Nazionale per l Incremento delle Razze Equine (U- NIRE), dagli enti di promozione sportiva, e da qualunque organismo comunque denominato che persegua finalità sportive dilettantistiche e che da essi sia riconosciuto; ai direttori artistici e ai collaboratori tecnici le prestazioni di natura non professionale da parte di cori, bande musicali e filodrammatiche che perseguono finalità dilettantistiche; i compensi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale resi in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche. Quota di reddito esente La documentazione Non concorrono a formare il reddito: le somme suddette per un importo non superiore complessivamente nel periodo d imposta a euro; i rimborsi di spese documentate relative al vitto, all alloggio, al viaggio e al trasporto sostenute in occasione di prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale. La documentazione necessaria per dichiarare il reddito è costituita dalla certificazione rilasciata dagli organismi sportivi riportante l indicazione delle somme corrisposte e delle relative ritenute effettuate. Gli organismi sportivi devono rilasciare la certificazione anche nel caso in cui i compensi non siano assoggettati a ritenuta perché di importo inferiore a euro. Il percepente che ha rapporti con diversi organismi sportivi deve rilasciare loro, all atto del pagamento, un autocertificazione che attesti gli eventuali compensi della stessa natura erogati da altri soggetti, al fine della verifica dei limiti. L importo da tassare. Il reddito imponibile è determinato dalla parte eccedente l importo di ,28 euro in quanto sono previste particolari modalità di tassazione: i primi 7.500,00 euro, complessivamente percepiti nel periodo d imposta sono esenti, non concorrono, cioè, alla formazione del reddito; sugli ulteriori ,28 euro, è operata una ritenuta a titolo di imposta (con aliquota del 23%); sulle somme eccedenti, è operata una ritenuta a titolo d acconto (con aliquota del 23%). Di fatto tali compensi devono essere dichiarati solo se superano complessivamente 7.500,00 euro. Ce 12

13 La ritenuta a titolo di acconto necessita di una successiva liquidazione dell imposta da effettuarsi tramite la dichiarazione annuale dei redditi. Se il contribuente possiede anche altri redditi imponibili, ad esempio reddito di lavoro dipendente, dovrà riportare in dichiarazione i compensi percepiti di importo superiore ai euro. Perché questi redditi devono essere dichiarati. La compilazione del modello 730 Questi redditi già assoggettati a ritenuta a titolo d imposta non concorrono alla formazione del reddito imponibile sul quale calcolare l imposta dovuta, ma di essi è necessario tener conto per determinare le aliquote da applicare agli scaglioni di reddito. I compensi percepiti a questo titolo devono essere indicati nel quadro D, nella sezione I, al rigo redditi diversi del modello 730, contraddistinti dal codice 7. Nella colonna reddito deve essere indicato l intero ammontare dei proventi percepiti; mentre nella colonna ritenute deve essere indicato il totale delle ritenute IRPEF, mentre il totale dell addizionale regionale trattenuta deve essere riportato nel quadro F, sez. altre ritenute subite, colonna addizionale regionale Irpef per attività sportive dilettantistiche. Quando si indica un reddito di questa tipologia nel quadro D, l importo da riportare è sempre al lordo dei euro. Il calcolo dell imposta Ai soli fini della determinazione delle aliquote per scaglioni, la parte di reddito compresa tra euro e ,29 euro, assoggettata a ritenuta a titolo d imposta, viene riportata nel prospetto di liquidazione al rigo Compensi per attività sportive dilettantistiche con ritenute a titolo di imposta. L importo che concorre alla formazione del reddito complessivo viene indicato nel rigo altri redditi del prospetto di liquidazione, e corrisponde alla parte di reddito eccedente ,29 euro. Ai fini della detrazione Irpef si deve tener conto esclusivamente delle somme eccedenti euro ,29, in quanto esse concorrono alla formazione del reddito complessivo. Ce 13

14 REDDITI DIVERSI I REDDITI DIVERSI CHE DANNO DIRITTO ALLA DETRAZIONE DI IMPO- STA. I redditi che danno diritto alla detrazione d imposta Rientrano nella categoria dei redditi diversi: i compensi percepiti per l esercizio di attività commerciali svolte in modo occasionale, come ad esempio i compensi percepiti dall assicuratore o promotore finanziario per lo svolgimento di un attività di intermediazione occasionale. i compensi per le attività di lavoro autonomo svolte in modo occasionale, cioè saltuariamente, in modo non professionale, senza vincolo di subordinazione senza organizzazione di mezzi ed esclusivamente se l attività è saltuaria e non rientra nell esercizio di arte e professione. i corrispettivi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere. Cosa s intende per attività occasionale Cosa s intende per obblighi di fare o non fare. La documentazione Sono occasionali le attività tipiche del lavoro autonomo svolte saltuariamente come l attività di guida turistica, di facchinaggio ecc. Possono rientrare in questa categoria le indennità corrisposte a seguito di mancato rispetto dell impegno all assunzione, oppure le somme erogate ai lavoratori di categorie protette per la rinuncia all assunzione, i compensi percepiti per la concessione di un intervista in esclusiva, i compensi per l installazione di un ripetitore su di un immobile. I compensi e i corrispettivi in esame, per loro natura non sono certificati tramite modelli predefiniti pertanto è necessario acquisire tutta la documentazione utile a certificare i proventi percepiti e le ritenute subite Normalmente vengono erogati da soggetti obbligati a svolgere la funzione di sostituti d imposta sono certificati da un documento che riporta: l ammontare lordo del compenso; l ammontare delle ritenute effettuate pari al 20% del compenso; l ammontare netto erogato. La compilazione del modello 730 Ai fini della compilazione, le tre tipologie di redditi diversi che danno diritto alla detrazione vanno indicati nel quadro D del modello 730, nel rigo redditi diversi per i quali è prevista la detrazione, contraddistinti dai codici: 1 per i compensi percepiti per l esercizio di attività commerciali svolte in modo occasionale; 2 per i corrispettivi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; 3 per i corrispettivi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere. In tutti i casi, i corrispettivi sono indicati per l intero ammontare nella colonna reddito ; le spese, se presenti, sono indicate nella colonna spese ; le ritenute Ce 14

15 sono indicate nella colonna ritenute. Le spese inerenti. L importo da tassare. Possono essere considerate spese inerenti a tali redditi, quelle strettamente necessarie e sostenute per effettuare la prestazione richiesta, ad esempio si può trattare di spese di trasporto o di spese di cancelleria. L importo che viene assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo è quello risultante dalla differenza tra il reddito percepito e le spese sostenute. Importo assoggettato a tassazione = Reddito percepito - Spese sostenute Tale importo viene riportato nel prospetto di liquidazione 730/3 nella sezione riepilogo dei redditi al rigo corrispondente agli altri redditi. I calcoli necessari per determinare l importo da assoggettare a tassazione sono effettuati dal CAF. Ce 15

16 APPROFONDIMENTO REDDITI DIVERSI - PLUSVALENZE Schema riassuntivo del calcolo delle plusvalenze su cessioni di terreni e fabbricati N Tipologia Area espropriata (senza ritenuta d imposta)) Area espropriata (con ritenuta di imposta del 20%) Area espropriata (con ritenuta di imposta e opzione per tassazione separata) Area edificabile in assenza di convenzione di lottizzazione Area edificabile pervenuta per successione o donazione, con convenzione di lottizzazione Area edificabile con convenzione di lottizzazione (compreso eventuale grezzo) SI Mod.730 Modello Unico D4-cod.2 RL NO --- NO --- SI SI SI SI SI SI D7 cod.7 RM D7 Cod. 6 RM D4-cod.1 RL D7-cod.6 RM D4-cod RL D4-cod.2 RL Plusvalenza Tassazione Terreno agricolo o area non edificabile (esclusi quelli con oltre 5 anni di proprietà) Tassazione ordinaria Imposta sostitutiva 20% Nessuna Nessuna Tassazione separata Tassazione separata Tassazione ordinaria Area edificabile pervenuta per successione o donazione, senza opere di lottizzazione Tassazione separata Tassazione ordinaria Fabbricati venduti entro 5 anni dall acquisto o costruzione Tassazione ordinaria imposta sostitutiva del 20% Calcolo dell imponibile A = Prezzo vendita Invim B = Prezzo acquisto + spese Incrementative (spese Notaio e Registro) IMPONIBILE = A B A = Prezzo di vendita B = Prezzo acquisto + costi inerenti successivi C = B x rivalutazione Istat + Invim IMPONIBILE = A - C A = Prezzo vendita B = Prezzo acquisto + costi inerenti successivi C = B x rivalutazione Istat + Invim IMPONIBILE = A C A = Prezzo di vendita - Invim B = Valore inizio lottizzazione, spese incrementative IMPONIBILE = A B A = Prezzo di vendita B = Valore ai fini successione o donazione C = B x rivalutazione Istat + Invim +Imposte successione o donazione IMPONIBILE = A B A = prezzo di vendita Invim B = prezzo acquisto + spese lottizzazione e grezzo + spese Notaio e Registro IMPONIBILE = A B A = Prezzo di vendita Invim B = Prezzo acquisto + spese incrementative (spese Notaio e Registro) IMPONIBILE = A B Note Esclusi quelli pervenuti per successione Per immobili, ricevuti in donazione e rivenduti nel quinquennio il costo fiscale è quello d acquisto del donante e non quello del donatario. Area appartenente alle zone omogenee E ed F Area appartenente alle zone omogenee A-B-C-D Con opzione per dichiarazione la ritenuta del 20% viene considerata acconto. E ammessa l opzione per la tassazione ordinaria Il costo di terreni pervenuti gratuitamente è pari al valore del terreno alla data di inizio della lottizzazione. Il costo di acquisto di terreni avuti da più di 5 anni prima della lottizzazione è pari al valore del 5 anno antecedente la lottizzazione. Esclusi quelli : - pervenuti per successione o usucapione - che tra acquisto e cessione sono stati adibiti ad abitazione principale del cedente o suoi familiari per la maggior parte del periodo. Per gli immobili, ricevuti in donazione, ceduti a titolo oneroso, si considera il costo d acquisto del donante e non quello del donatario Ce 16

17 ESEMPI PRATICI REDDITI del QUADRO D PAVAN GIOVANNI (dichiarante) NATO A TREVISO il 02/05/1953 Codice Fiscale PVNGNN53E02L407U E residente in Via Gioberti, Vittorio Veneto Il Signor Pavan Giovanni presenta, oltre al modello CUD, una certificazione relativa a compensi di lavoro autonomo occasionale. Compilazione del quadro D CERTIFICAZIONE dei REDDITI erogati e delle RITENUTE operate (ai sensi dell art. 7bis DPR n. 600 nel testo sostituito dal DL n. 314) DATI IDENTIFICATIVI del SOGGETTO PERCIPIENTE PAVAN GIOVANNI Via Gioberti, VITTORIO VENETO data di nascita luogo di nascita Treviso Per gli adempimenti previsti dalle vigenti norme tributarie si attesta che al percepiente su indicato sono stati corrisposti, per l anno 2011, i seguenti compensi: Data pagamentcumentcumento soggetta soggette Estremi do- Totale do- Provv. Non Somme non Tributo Causale Imponibile Aliquota Ritenute Ft. 1 10/ E 70,20 35, , , Ft. 3 10/ E 84,20 42, , ,68 TOTALI 154,40 77, ,20 17,75 DATI IDENTIFICATIVI del SOGGETTO EROGANTE o Sostituto d imposta: Soggetto erogatore: ITALIANA ASSICURAZIONI Via Garibaldi, VERONA Codice fiscale = data Ce 17

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli