A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE"

Transcript

1 A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Febbraio 2014

2 Direttore: Giancarlo Magarotto Responsabile linea lavoro sicurezza e antiinfortunistica Pier Maria Jagher Dirigenti medici Maria Vincenza Alessandrì Maria Nicoletta Ballarin Teresio Marchì Annalisa Virgili Tecnici della Prevenzione Fabiano Barbiero Cipriano Bortolato Fabio Bortoli Michela Groppo Luigi Mazzuia Giorgio Perini Annalisa Righetto Amedeo Sartorello Maria Serena Veronese Segreteria Patrizia Garbuio Giuseppe Pastres Loredana Stival 1

3 2

4 Sommario NOTIZIE ANAGRAFICHE SU INFORTUNATO E AZIENDA... 6 GENERE... 6 CLASSI D ETÀ... 6 STATO DI NASCITA... 7 LUOGO DELL INFORTUNIO... 8 COMPARTO... 8 RAPPORTO DI LAVORO... 9 DESCRIZIONE DELLA LESIONE RIPORTATA DALL INFORTUNATO DESCRIZIONE DELLA DINAMICA DELL EVENTO ATTIVITÀ SVOLTA DALL INFORTUNATO AL MOMENTO DELL INFORTUNIO MODALITA DI ACCADIMENTO: FORMA MODALITA DI ACCADIMENTO: AGENTE MATERIALE DESCRIZIONE DELLA CAUSA DELL EVENTO EVITABILITÀ DELL INFORTUNIO ATTIVITÀ SVOLTA DAL SERVIZIO PROVVEDIMENTI con ITER VIOLAZIONI OTTEMPERANZA ALLE PRESCRIZIONI RIASSUNTO DEGLI ELEMENTI DI RILIEVO DELL ANALISI DELLE INDAGINI PER INFORTUNIO

5 4

6 ELABORAZIONE DEI DATI REGISTRATI NEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SERVIZIO Riportiamo qui i risultati emersi dall analisi dei dati registrati nella Procedura Inchieste Infortuni. Sono state analizzate le pratiche chiuse nel Si tratta di 70 indagini infortuni per un totale di 71 infortunati. Le Tabelle mostrano anche i dati relativi alle inchieste chiuse nel 2012 ma le figure e i commenti si riferiscono esclusivamente al In Tabella 1 le inchieste sono suddivise per anno di evento. Il 41% dei casi conclusi è accaduto nello stesso anno dell indagine. Tabella 1 Numero di indagini concluse nel 2013 suddivise per anno di evento. Anno Evento Totale Perc Totale In Tabella 2 le indagini sono suddivise per ente segnalante. Il 57% dei casi vi è stato un input della struttura sanitaria (SUEM/Pronto Soccorso) e il 30% delle segnalazioni è pervenuto da INAIL, Procura della Repubblica, Questura, Carabinieri e Autorità Marittima. Tabella 2 Totale indagini per ente segnalante ENTE_SEGNALANTE Tot. Perc. Tot. Perc. PRONTO SOCCORSO SUEM INAIL PROCURA DELLA REPUBBLICA ALTRO QUESTURA CARABINIERI AUTORITA MARITTIMA VIGILI DEL FUOCO NON COMPILATO 2 3 Totale QUESTURA 10% PROCURA DELLA REPUBBLIC A 7% Figura 1 Anno 2013 CARABINIER I 1% ALTRO 9% INAIL 12% AUTORITA MARITTIMA 1% NON COMPILATO 3% SUEM 14% PRONTO SOCCORSO 43% 5

7 NOTIZIE ANAGRAFICHE SU INFORTUNATO E AZIENDA GENERE In Tabella 3 gli infortunati sono suddivisi per genere: il 90% è di genere maschile. Tabella 3 Totale infortunati suddivisi per genere SESSO Totale Perc. Totale Perc. M F Totale CLASSI D ETÀ La Tabella 4 riporta la distribuzione per classi d età: il 44% degli infortunati ha un età compresa tra i 45 e i 54 anni, il 21% tra i 35 e i 44 anni e il 18% tra anni. Pertanto la fascia di età compresa tra anni comprende lo 83% degli infortunati. Tabella 4 Totale infortunati suddivisi per classi d età Classe Totale Perc Totale Perc Totale Classe d'età

8 STATO DI NASCITA Il 23% degli infortunati è nato all estero. Tabella 5 Totale infortunati suddivisi per Stato di Nascita STATO DI NASCITA Totale Perc Totale Perc Italia Altro Stato Totale Altro Stato 23% Stato di Nascita Italia 77% Tabella 6 Totale infortunati suddivisi per Stato estero di nascita STATO_ESTERO_NASCITA Totale Perc Totale Perc ROMANIA BANGLADESH ALBANIA VENEZUELA 1 1 UCRAINA 1 1 THAILANDIA 1 1 SENEGAL PAKISTAN 1 1 MAROCCO GIORDANIA 1 1 GHANA EGITTO 1 1 BELGIO 1 1 TUNISIA 1 1 SLOVENIA 1 1 MOLDAVIA 1 1 MACEDONIA 1 1 BOSNIA-ERZEGOVINA 1 1 ARGENTINA 1 1 Non indicato 1 1 Totale

9 LUOGO DELL INFORTUNIO Tabella 7 Totale infortunati suddivisi per luogo dell infortunio Luogo dell'infortunio LUOGO INF Totale Perc Totale Perc AZIENDA PROPRIA ALTRA AZIENDA CANTIERE STRADA Altro luogo Totale Cantiere 24% Altro luogo 10% Altra Azienda 28% Strada 1% Azienda Propria 37% Dalla Tabella precedente risulta che il 37% degli infortuni indagati è avvenuto nella sede operativa dell azienda di appartenenza dell infortunato. Mentre per il 52% si sono verificati durante lavori in appalto in altra azienda o in cantiere. I rimanenti in strada o altri luoghi. COMPARTO Prendendo in considerazione solo gli infortuni avvenuti in azienda (propria o altra) riportiamo, nella tabella 8, il comparto della ditta in cui è avvenuto l infortunio. Si evidenzia che circa il 50 % dei comparti sono rappresentati: da fabbricazione di mezzi di trasporto 15%; metallurgia e fabbricazione prodotti in metallo 15%; trasporto marittimo/supporto ai trasporti 15%; fabbricazione prodotti di minerali non metalliferi (vetrerie) 4%. Settori produttivi peculiari del nostro territorio. I rimanenti sono dispersi in quasi una ventina di altri comparti. Tabella 8 Comparto produttivo dell azienda ove è avvenuto l infortunio CODICE DESCRIZIONE Tot. Perc Tot. Perc 30 FABBRICAZIONE DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO 7 15,2 24 METALLURGIA 8 13,1 4 8,7 52 MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ DI SUPPORTO AI TRASPORTI 8 13,1 4 8,7 25 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN METALLO (ESCLUSI MACCHINARI E 3 4,9 3 6,5 ATTREZZATURE) 50 TRASPORTO MARITTIMO E PER VIE D'ACQUA 1 1,6 3 6,5 18 STAMPA E RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI 2 3,3 2 4,3 23 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI 4 6,6 2 4,3 MINERALI NON METALLIFERI 39 ATTIVITÀ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI 2 4,3 8

10 46 COMMERCIO ALL'INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI 1 1,6 2 4,3 MOTOCICLI) 85 ISTRUZIONE 2 3,3 2 4,3 10 INDUSTRIE ALIMENTARI 1 2,2 16 INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO 1 1,6 1 2,2 (ESCLUSI I MOBILI); FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO 20 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI 1 1,6 1 2,2 35 FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA 1 2,2 CONDIZIONATA 38 ATTIVITÀ DI RACCOLTA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI; 2 3,3 1 2,2 RECUPERO DEI MATERIALI 47 COMMERCIO AL DETTAGLIO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI 6 9,8 1 2,2 MOTOCICLI) 55 ALLOGGIO 3 4,9 1 2,2 56 ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE 5 8,2 1 2,2 68 ATTIVITÀ IMMOBILIARI 1 1,6 1 2,2 74 ALTRE ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE 1 2,2 86 ASSISTENZA SANITARIA 1 1,6 1 2,2 87 SERVIZI DI ASSISTENZA SOCIALE RESIDENZIALE 1 2,2 90 ATTIVITÀ CREATIVE, ARTISTICHE E DI INTRATTENIMENTO 2 3,3 1 2,2 99 ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI 1 2,2 Q SANITA' E ASSISTENZA SOCIALE 1 2,2 02 SILVICOLTURA ED UTILIZZO DI AREE FORESTALI 1 1,6 22 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE 1 1,6 42 INGEGNERIA CIVILE 1 1,6 43 LAVORI DI COSTRUZIONE SPECIALIZZATI 1 1,6 45 COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO E RIPARAZIONE DI 2 3,3 AUTOVEICOLI E MOTOCICLI 49 TRASPORTO TERRESTRE E TRASPORTO MEDIANTE CONDOTTE 2 3,3 82 ATTIVITÀ DI SUPPORTO PER LE FUNZIONI D'UFFICIO E ALTRI SERVIZI 1 1,6 DI SUPPORTO ALLE IMPRESE 88 ASSISTENZA SOCIALE NON RESIDENZIALE 1 1,6 Totale RAPPORTO DI LAVORO Il 54% degli infortunati ha un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il 13% a tempo determinato, il 6% un contratto atipico e un altro 8% è autonomo/titolare con o senza dipendenti. Il 17% non aveva un rapporto di lavoro da dipendente o non è stato rilevato. 9

11 Tabella 9 - Numero totale di infortunati suddivisi per rapporto di lavoro RAPPORTO DI LAVORO Totale Perc Totale Perc TEMPO INDETERMINATO Non rilevato/senza rapporto di lavoro TEMPO DETERMINATO CONTRATTO ATIPICO AUTONOMO/TITOLARE SENZA DIPENDENTI AUTONOMO/TITOLARE CON DIPENDENTI SOCIO (ANCHE DI COOPERATIVE) Totale DESCRIZIONE DELLA LESIONE RIPORTATA DALL INFORTUNATO La Tabella 10 riporta gli infortuni indagati suddivisi per gravità, da cui si rileva che 66% degli infortuni hanno determinato inabilità temporanea maggiore di 40 gg e solo uno ha avuto esiti invalidanti permanenti. Vi sono stati 3 infortuni mortali di cui solo uno in orario di lavoro e in occasione di lavoro, mentre gli altri due sono accaduti al di fuori dell attività lavorativa. In realtà vi è stato un secondo infortunio sul lavoro con esito mortale, ma il decesso è avvenuto nel 2014 ad inchiesta ancora in corso. Il rimanente 27% ha concluso il periodo di inabilità in meno di 40gg. Tabella 10 - Numero totale di infortunati suddivisi per esito dell infortunio. ESITO INFORTUNIO Totale Perc Totale Perc INVALIDITÀ TEMPORANEA > 40 GIORNI INVALIDITÀ TEMPORANEA FINO A 40 GIORNI INVALIDITÀ PERMANENTE DECESSO Esito non noto Totale In merito alla gravità, la mediana delle prognosi iniziali è di 35 giorni mentre la mediana totale dei giorni di lavoro persi è 60. La prognosi maggiore è stata di 557 giorni per distorsione tibiotarsica dx. Per questi conteggi non sono stati considerati i decessi e i casi in cui l esito non è stato compilato. 10

12 Tabella 11 indicatori dei giorni di prognosi iniziali e totali (mediana, media e valore massimo) Prognosi INIZIALE Prognosi TOTALE Mediana Media Massimo Totale Infortunati (esclusi i decessi e casi non compilati) 67 E risultato grave (con prognosi totale > 40 giorni) il 69% degli infortuni indagati. Tabella 12 Mediana della prognosi iniziale e totale, totale infortunati di cui totale gravi (>40 giorni) suddivisi per natura della lesione NATURA LESIONE Mediana Progn. INIZIALE Mediana Progn. TOTALE Totale infortunati di cui totale gravi* Mediana Progn. INIZIALE Mediana Progn. TOTALE Totale infortunati di cui totale gravi* FRATTURA % % CONTUSIONE / TRAUMA % % FERITA % % PERDITA ANATOMICA / % % AMPUTAZIONE USTIONE TERMICA % % USTIONE CHIMICA / % % CORROSIONE LUSSAZIONE / DISTRAZIONE / % % DISTORSIONE LESIONE DA ELETTRICITÀ % 0-0% LESIONE DA ALTRI AGENTI % Non indicata % % Totale (46%) *si intendono gravi secondo la definizione medico legale gli infortuni con prognosi totale > 40 giorni 46 (69%) 11

13 DESCRIZIONE DELLA DINAMICA DELL EVENTO ATTIVITÀ SVOLTA DALL INFORTUNATO AL MOMENTO DELL INFORTUNIO La Tabella 13 mostra che: il 70% dei lavoratori stava svolgendo la propria attività abituale di produzione, il 13% la propria attività abituale di manutenzione, il 11% lavorativa occasionale o diversa da quella abituale. il 6% attività non lavorativa Tabella 13 - Numero totale di infortunati suddivisi per attività svolta durante l infortunio ATTIVITA SVOLTA DURANTE INFORTUNIO Totale Perc Totale Perc ATTIVITÀ ABITUALE DI PRODUZIONE ATTIVITÀ ABITUALE DI MANUTENZIONE, REGISTRAZIONE, CAMBIO LAVORAZIONE, ECC. ATTIVITÀ LAVORATIVA OCCASIONALE O DIVERSA DA QUELLA ABITUALE ATTIVITÀ NON LAVORATIVA Totale Attività svolta durante l'infortunio ATTIVITÀ LAVORATIVA OCCASIONALE O DIVERSA DA QUELLA ATTIVITÀ ABITUALE ABITUALE DI 11% MANUTENZIONE, REGISTRAZIONE, CAMBIO LAVORAZIONE, ECC. 13% ATTIVITÀ NON LAVORATIVA 6% ATTIVITÀ ABITUALE DI PRODUZIONE 70% 12

14 MODALITA DI ACCADIMENTO: FORMA L analisi della dinamica infortunistica dimostra una distribuzione un po diversa da quella individuata a livello regionale per i casi mortali (caduta dall alto di persone - caduta di materiali - ribaltamento perdita di controllo di mezzi) dato che ai primi quattro posti troviamo: - 24% caduta dall alto dell infortunato (17 casi su 71); - 18% a contatto con (13 casi) - 10% schiacciato da (esclusi veicoli) (7 casi); - 9% caduto in piano su (6 casi) - 6% colpito da o urtato da (esclusi veicoli) (4 casi) ( caduta di materiali); - 6% investito o urtato o schiacciato da veicolo (4 casi) Tabella 14 - Numero totale di infortunati suddivisi per forma di accadimento. FORMA Totale Perc Totale Perc 11 A contatto con Si è colpito con + 17 Ha urtato contro Si è punto con Ha messo un piede in fallo Movimento scoordinato Sollevando spostando con sforzo Afferrato da Colpito da + 38 Urtato da (esclusi veicoli) Schiacciato da (esclusi veicoli) Travolto da (esclusi veicoli) Rimasto incastrato Folgorato da Caduto dall'alto Caduto in piano su Caduto in profondità Incidente alla guida di Investito o urtato o schiacciato da veicolo ATTIVO non definito CONDIZIONI AMBIENTALI Sconosciuta 2 2 PASSIVO non definito Totale

15 MODALITA DI ACCADIMENTO: AGENTE MATERIALE L agente materiale è l oggetto, la macchina, l attrezzatura, ecc. coinvolto nel provocare il danno alla vittima. La Tabella 15 mostra, per le prime tre forme di accadimento, la diversa distribuzione degli agenti materiali. Per le cadute dall alto si nota che nel 41% si tratta di cadute da edifici (sono compresi sia i solaio/soppalchi che le coperture di edifici), 18% da attrezzature per il lavoro in quota (ponteggi, scale ecc.) e 12% da macchine per caduta da automezzi pesanti. Sono state fatte 4 indagini per schiacciamento da presse e. Tabella 15 Per le tre principali forme di accadimento le tabelle che seguono mostrano il numero totale di infortuni per agente materiale. Anno CADUTO DALL ALTO AGENTE MATERIALE TOTALE Perc. Edifici 7 41 Non definito 5 29 Attrezzature per il lavoro in quota 3 18 Macchine 2 12 TOTALE A CONTATTO CON AGENTE MATERIALE TOTALE Perc. Macchine utensili 5 38 Non definito 4 31 Utensili (portatili) 3 23 Edifici 1 8 TOTALE SCHIACCIATO DA (ESCLUSI VEICOLI) AGENTE MATERIALE TOTALE Perc. Edifici 3 43 Non definito 2 29 Macchine 1 14 Macchine utensili 1 14 TOTALE

16 DESCRIZIONE DELLA CAUSA DELL EVENTO Comportamento: è l atto del lavoratore o di terzi che ha determinato o aumentato la probabilità che si verificasse l infortunio. In Tabella 16 si vede che nel 11% dei casi c è stato un comportamento corretto e prudente, nel 68% un comportamento non corretto o non prudente e nel 21% è stata compilata la voce Tabella non applicabile. Questa voce si compila se nessuna delle voci presenti nella tabella 16-bis è intrinsecamente applicabile o se non è stato possibile esprimere un giudizio. Tabella 16 Numero totale di infortunati suddivisi per tipo di comportamento. COMPORTAMENTO Totale Perc Totale Perc Comportamento corretto e prudente 8 11 Comportamento non corretto o non prudente Tabella non applicabile Totale valido Tabella non applicabile 21% Comportam ento non corretto o non prudente 68% Comportam ento corretto e prudente 11% Tra i 48 comportamenti non corretti prevale la voce posizione o atteggiamento poco sicuro del lavoratore 52%, uso improprio di macchine, apparecchiature, attrezzi o delle mani 8%, sistemazioni improprie 6% e comportamento a ritmo o velocità non sicuri, percorsi inidonei 5%. Tabella 16-bis: Numero totale di infortunati suddivisi per tipi di comportamento non corretto o non prudente. COMPORTAMENTO NON CORRETTO O NON PRUDENTE Totale Perc Totale Perc Posizioni o atteggiamenti poco sicuri Tabella non applicabile Uso improprio di macchine, apparecchiature, attrezzi o delle mani Sistemazioni improprie

17 Comportamento a ritmo o velocità non sicuri, percorsi inidonei Manutenzione, riparazione, attrezzaggio, registrazione pulizia di apparecchiature in esercizio o in movimento Manomissione od esclusione di dispositivi di sicurezza Mancato od errato uso di mezzi di protezione disponibili o indumenti Avvicinamenti -mescolamenti imprudenti 3 5 Arresto, bloccaggio, sbloccaggio, avvertimento mancato 1 2 od errato Totale Ulteriori definizioni in merito al comportamento (specificazioni): con questa voce si individua la causa che sta alla base del comportamento, scegliendo tra: a) informazione/formazione/addestramento mancante o carente; b) mancata o insufficiente vigilanza (il comportamento era stato messo in atto altre volte ma nessuno era intervenuto); c) responsabilità del lavoratore (se il lavoratore ha compiuto occasionalmente e di propria iniziativa operazioni o manovre imprudenti); d) responsabilità di terzi (se l infortunio è stato causato dagli interventi di altre persone cioè da terzi intervenuti in quel momento). La Tabella 17 riporta, per i primi tre comportamenti non corretti o non prudenti, la suddivisione secondo le cause individuate. Si può osservare che per le Posizioni o atteggiamenti poco sicuri la causa del comportamento è stata frequentemente individuata nel lavoratore stesso. Tabella 17 Per i tre principali comportamenti non corretti le tabelle che seguono mostrano il numero totale di infortuni per la specifica causa individuata Comportamento: Posizioni o atteggiamenti poco sicuri Causa del COMPORTAMENTO TOTALE Nessuna Causa specifica 1 Responsabilità del lavoratore 19 Responsabilità di terzi 6 Responsabilità sia di terzi che del lavoratore 1 Mancata o insufficiente vigilanza 2 Informazione/formazione/addestramento mancante o carente 2 Mancata o insufficiente vigilanza e Responsabilità del lavoratore 2 TOTALE 33 16

18 Comportamento: Uso improprio di macchine, apparecchiature, attrezzi o delle mani Causa del COMPORTAMENTO TOTALE Nessuna Causa specifica 2 COLPA DEL LAVORATORE 3 TOTALE 5 Comportamento: Sistemazioni improprie Causa del COMPORTAMENTO TOTALE COLPA DEL LAVORATORE 4 TOTALE 4 Nota: il fatto di aver registrato un comportamento imprudente del lavoratore non significa che gli sia stata poi attribuita la causa dell evento. Condizione di rischio: indica la situazione oggettiva o la circostanza che ha determinato l infortunio (o aumentato la probabilità che si verificasse). Comprende anche problemi relativi a situazioni o procedure usuali e accettate in azienda. La Tabella 18 riporta le condizioni presenti nel momento dell infortunio. Si segnala che nel 11% dei casi si tratta di una situazione non rischiosa e nel 65% di una condizione oggettiva di rischio. Tabella 18 - Numero totale di infortuni suddivisi per condizione oggettiva di rischio. CONDIZIONE DI RISCHIO Totale Perc Totale Perc Condizione non rischiosa Condizione di rischio Tabella non applicabile Totale valido Tabella non applicabi le 24% Condizio ne non rischiosa 11% Condizio ne di rischio 65% 17

19 Tra le condizioni di rischio (specificate nella tabella 18 bis) prevalgono le errate procedure 37%, la voce tabella non applicabile 19% e le condizioni sfavorevoli dell ambiente 14% che probabilmente è stata usata, in modo improprio, anche per indicare la mancanza di protezioni collettive contro la caduta. La mancanza o la non efficienza delle protezioni nelle attrezzature rappresentano il 9%. Tabella 18-bis: Numero totale di infortunati suddivisi per condizione di rischio. CONDIZIONE DI RISCHIO Totale Perc Totale Perc 5.8 Errata procedura Tabella non applicabile Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro ALTRE Protezioni o dispositivi di sicurezza mancanti Protezioni o dispositivi di sicurezza non funzionanti, inefficienti, disattivate Errata sistemazione di materiali Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti Difetti o imperfezioni dell'agente della lesione Totale L indicazione per compilare le due voci CONDIZIONE DI RISCHIO e COMPORTAMENTO è che devono essere sempre compilate ma: Si deve fare una preventiva valutazione sul fatto che il netto prevalere dell una può rendere inconsistente l esistenza dell altra. Si deve comunque porre particolare attenzione alle condizioni di rischio sanabili con mezzi di prevenzione collettiva, unici in grado di garantire in modo adeguato e duraturo la sicurezza (es: se si usa una scala portatile potendo usare altre attrezzature) La Tabella 19 riporta le combinazioni di condizioni oggettive di rischio e comportamenti e si osserva che: in 7 casi non si riscontra né una condizione di rischio né un comportamento scorretto del lavoratore; in 15 casi si è giudicato che alla base dell evento ci sia stato il solo comportamento del lavoratore; in 13 era presente solo una condizione oggettiva di rischio; 18

20 in 6 casi c è stata un associazione dei 2 aspetti considerati, ma in 4 si è poi giudicata prevalente la condizione oggettiva e in un caso il comportamento del lavoratore. Tabella 19-a - Numero totale di infortuni per condizione oggettiva di rischio e comportamento. COMPORTAMENTO CORRETTO e PRUDENTE CONDIZIONE NON RISCHIOSA Comportamento corretto e prudente Condizione oggettiva non 3 0 rischiosa Tabella 19-b COMPORTAMENTO CONDIZIONE NON RISCHIOSA Posizioni o atteggiamenti poco sicuri 6 5 Uso improprio di macchine, apparecchiature, attrezzi o delle 1 mani Arresto, bloccaggio, sbloccaggio, avvertimento mancato od Condizione oggettiva non 1 errato rischiosa Tabella non applicabile 6 1 Sistemazioni improprie 1 TOTALE 13 8 Tabella 19-c COMPORTAMENTO CORRETTO e PRUDENTE CONDIZIONE DI RISCHIO Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro Difetti o imperfezioni dell'agente della lesione Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti 2 Comportamento corretto e Tabella non applicabile 1 2 prudente 5.9 ALTRE Errata procedura Protezioni o dispositivi di sicurezza mancanti 1 1 TOTALE 9 8 Tabella 19-d COMPORTAMENTO CONDIZIONE DI RISCHIO Errata procedura 2 Comportamento a ritmo o velocità non 5.2 Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti 1 sicuri, percorsi inidonei 5.3 Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro 2 1 Mancato od errato uso di mezzi di 5.2 Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti 1 1 protezione disponibili o indumenti 5.3 Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro 1 Manomissione od esclusione di dispositivi di sicurezza 5.6 Protezioni o dispositivi di sicurezza non funzionanti, inefficienti, disattivate

21 5.5 Protezioni o dispositivi di sicurezza mancanti Errata procedura 1 Manutenzione, riparazione, attrezzaggio, 5.6 Protezioni o dispositivi di sicurezza non 1 registrazione pulizia di apparecchiature in funzionanti, inefficienti, disattivate esercizio o in movimento 5.8 Errata procedura Errata procedura Difetti o imperfezioni dell'agente della lesione Tabella non applicabile 3 5 Posizioni o atteggiamenti poco sicuri 5.3 Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro ALTRE Protezioni o dispositivi di sicurezza mancanti Errata sistemazione di materiali Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti Errata procedura 1 1 Sistemazioni improprie 5.3 Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro ALTRE Errata sistemazione di materiali Tabella non applicabile ALTRE Difetti o imperfezioni dell'agente della lesione 2 Tabella non applicabile 5.2 Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti Protezioni o dispositivi di sicurezza mancanti Tabella non applicabile Errata procedura 1 3 Uso improprio di macchine, 5.9 ALTRE 2 apparecchiature, attrezzi o delle mani 5.2 Abbigliamento o DPI non idonei o mancanti Condizioni sfavorevoli dell'ambiente di lavoro ALTRE 2 Avvicinamenti -mescolamenti imprudenti 5.6 Protezioni o dispositivi di sicurezza non 1 funzionanti, inefficienti, disattivate TOTALE EVITABILITÀ DELL INFORTUNIO Con le voci che seguono, singole o combinate, si indica in che modo si sarebbe potuto evitare l infortunio: a) misure tecniche b) misure procedurali c) istruzione/formazione d) vigilanza Le voci non sono alternative tra loro e possono essere compilate anche se per l infortunio non sono state contestate specifiche norme. Dobbiamo far osservare che la 20

22 caratteristica dei flag relativi all evitabilità non ci permette di distinguere i casi in cui non è stata individuata l evitabilità da quelli in cui il campo non è stato compilato dunque la percentuale di casi evitabili è sottostimata. Tabella 20 - Numero totale di casi evitabili per tipo di evitabilità TIPO DI EVITABILITÀ TOT CASI TOT TOT CASI TOT Percentuale EVITABILI CASI* EVITABILI CASI* Percentuale Misure Tecniche Misure procedurali Istruzione / Formazione Vigilanza *sono stati compresi solo i casi in cui l operatore ha individuato Condizioni di rischio e/o Comportamenti imprudenti e quindi aspetti su cui è possibile lavorare preventivamente. La Tabella 21 mostra che il 41% degli infortuni ( 29 casi) potevano essere evitati. I tipi di evitabilità più frequenti individuati, da soli o in combinazione, sono le misure procedurali/formazione 17% (13 casi) dei casi. Nel 11% (8 casi) l evitabilità era possibile con misure tecniche/formazione così come l attuazione della vigilanza avrebbe evitato 11% (8 casi) degli infortuni. Tabella 21 - Numero totale di infortuni evitabili per le diverse combinazioni del tipo di evitabilità. Combinazione di TIPI DI EVITABILITÀ TOT CASI TOT CASI Perc EVITABILI EVITABILI Perc Misure Tecniche Misure procedurali Istruzione / Formazione e Misure tecniche Istruzione / Formazione Vigilanza, Istruzione / Formazione e Misure procedurali 0 0 Vigilanza Misure Tecniche e Misure procedurali 6 8 Istruzione / Formazione e Misure procedurali Misure Tecniche, procedurali, Istruzione / Formazione e 1 1 Vigilanza Misure procedurali e Vigilanza 1 1 Totale infortuni evitabili Non evitabile TOTALE

23 ATTIVITÀ SVOLTA DAL SERVIZIO Di seguito si mostrano le attività svolte per ogni indagine infortunio. Tabella 22 Elenco delle attività svolte dal Servizio Attività svolte Media per Media per Totale Totale indagini indagini S.I.T ,9 86 1,2 ALTRE ATTIVITA' D'UFFICIO 51 0,6 71 1,0 PRIMO SOPRALLUOGO 90 1,1 66 0,9 RIVISITA (SOPRALLUOGO DI) 37 0,4 35 0,5 VERIFICA (SOPRALLUOGO DI) 20 0,2 17 0,2 VALUTAZIONE DOCUMENTALE 17 0,2 10 0,1 INCONTRO / RIUNIONE_ 20 0,2 8 0,1 VERIFICA (SOLO CONTROLLO DOCUMENTALE) 9 0,1 5 0,1 RICHIESTA DOCUMENTAZIONE 16 0,2 5 0,1 NOTIZIA DI REATO 19 0,2 5 0,1 VALUTAZIONE SORVEGLIANZA SANITARIA 1 0,0 1 0,01 ALTRE ATTIVITA' DI UFFICIO 0 1 0,01 RILIEVI /PARERE MEDICO LEGALE 2 0,0 Non compilato 1 0,0 1 0,01 Totale Attività svolte 438 5, ,4 Per le 70 indagini sono stati effettuati 118 sopralluoghi mediamente 1,7 sopralluoghi per ogni indagine effettuata, in specifico: 66 primi sopralluoghi; 35 sopralluoghi di rivisita; 17 verifiche. Tabella 23 - Numero totale di sopralluoghi effettuati a seguito di un infortunio. TIPO_SOPRALLUOGO Totale PRIMO SOPRALLUOGO Totale RIVISITA (SOPRALLUOGO DI) Totale VERIFICA (SOPRALLUOGO DI) Totale

24 Tabella 24 - Numero totale di primi sopralluoghi effettuati a seguito di un infortunio e i relativi esiti. TIPO_SOPRALLUOGO ESITO_SOPRALLUOGO Totale Perc. Totale Perc. REGOLARE IRREGOLARE PRIMO SOPRALLUOGO DITTA CHIUSA 1 1 CANTIERE CHIUSO 2 3 REGOLARE CON DISPOSIZIONE 1 2 CANTIERE DA RIVEDERE 1 2 Totale PRIMO SOPRALLUOGO REGOLARE IRREGOLARE RIVISITA (SOPRALLUOGO DI) REGOLARE CON DISPOSIZIONE 3 9 CANTIERE DA RIVEDERE 1 3 DITTA CHIUSA 1 3 Totale RIVISITA (SOPRALLUOGO DI) REGOLARE VERIFICA (SOPRALLUOGO DI) IRREGOLARE REGOLARE CON DISPOSIZIONI 2 12 Totale VERIFICA (SOPRALLUOGO DI) PROVVEDIMENTI con ITER 758 Su 70 inchieste infortuni, 20 sono state oggetto di almeno un provvedimento 758 (29%) per un totale di 24 verbali (ogni inchiesta può generare più verbali per soggetti diversi). ALTRI PROVVEDIMENTI TIPO_SOPRALLUOGO 2013 DISPOSIZIONE (VERBALE DI SOLE DISPOSIZIONI) 1 SEQUESTRO PROBATORIO 1 SEGNALAZIONI AL MINISTERO 1 PENALE 1 SEQUESTRO PREVENTIVO 1 Totale 5 Il reato penale si riferisce alla rimozione dei sigilli dalle cose sequestrate. VIOLAZIONI Risulta che sono stati contestati 24 articoli nei 24 verbali 758 redatti (1 articolo per provvedimento). 23

25 Il 63% degli articoli contestati si riferisce al Titolo I Capo III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO principalmente: gli art. 18 e 19 sui obblighi del datore di lavoro e dei preposti di vigilare sull osservanza delle norme antinfortunistiche e delle disposizioni aziendali in tale merito; l art. 28 sulla valutazione dei rischi; l art. 37 sulla formazione. Nel 17% dei casi si tratta di violazioni al Titolo III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO ed in particolare è stato individuato l art. 71 Obblighi del datore di lavoro di mettere a disposizione dei lavoratori attrezzature di lavoro conformi alle norme di sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere. Altri articoli il 17% (art. 96 e 112 cantieri; art. 168 e 168 mov. man dei carichi) e luoghi di lavoro conformi alla norma 4%. Tabella 25 - Articoli contestati (raggruppati per titolo e capo ed in seguito riportati in dettaglio) Titolo e Capo Art Articolo 18 - Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 2 Articolo 19-3 TITOLO I - PRINCIPI COMUNI Articolo 20-1 CAPO III - GESTIONE DELLA Articolo 21 Disposizioni relative ai PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO 1 componenti dell impresa familiare Articolo 28-3 Articolo 29 - Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 1 Articolo 37 4 TITOLO II - LUOGHI DI LAVORO CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 64 - Obblighi del datore di lavoro 1 TITOLO III - Uso delle attrezzature e dei DPI CAPO I - USO DELLE ATTREZZATURE DI Articolo 71 - Obblighi del datore di lavoro 4 LAVORO ALTRI ARTICOLI Articoli TOTALE ARTICOLI 24 OTTEMPERANZA ALLE PRESCRIZIONI Il 83% dei provvedimenti è stato ottemperato. Nel caso di non ottemperanza di motivi sono stati essenzialmente di due tipi: in un caso, il contravventore ha ritenuto la violazione infondata; in due casi, vi è stata una inerzia non motivata da parte del contravventore. 24

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CAPITOLO V. Il RLS DI FRONTE AI PROBLEMI DEI DPI

CAPITOLO V. Il RLS DI FRONTE AI PROBLEMI DEI DPI CAPITOLO V Il RLS DI FRONTE AI PROBLEMI DEI DPI SAPER CAPIRE SE L AZIENDA GESTISCE CORRETTAMENTE IL PROCESSO (E SE NO, COME INTERVENIRE) di Leopoldo Magelli Inquadramento generale del problema Naturalmente,

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli