INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI. 1) Regolarità Durc 2) Rispetto regolarità dei trattamenti economici normativi previsti dai CCNL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI. 1) Regolarità Durc 2) Rispetto regolarità dei trattamenti economici normativi previsti dai CCNL"

Transcript

1 INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI 1) Regolarità Durc 2) Rispetto regolarità dei trattamenti economici normativi previsti dai CCNL

2 INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI La riforma Fornero (L. 92/2012) ha introdotto dei principi che devono essere rispettati per accedere alle agevolazioni alle assunzioni: gli incentivi non spettano se l'assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o della contrattazione collettiva; gli incentivi non spettano se l'assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine; gli incentivi non spettano se il datore di lavoro o l'utilizzatore con contratto di somministrazione abbiano in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale gli incentivi non spettano con riferimento a quei lavoratori che siano stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da un datore di lavoro che al momento del licenziamento presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume ovvero risulti con quest'ultimo in rapporto di collegamento o controllo ai fini della determinazione del diritto agli incentivi e della loro durata, si cumulano i periodi in cui il lavoratore ha prestato l'attività in favore dello stesso soggetto, a titolo di lavoro subordinato o somministrato l'inoltro tardivo delle comunicazioni telematiche obbligatorie inerenti l'instaurazione e la modifica di un rapporto di lavoro o di somministrazione producono la perdita di quella parte dell'incentivo relativa al periodo compreso tra la decorrenza del rapporto agevolato e la data della tardiva comunicazione

3 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 407/90 circolare Inps 137/ DISOCCUPATI DA ALMENO 24 MESI - LAVORATORI SOSPESI E BENEFICIARI DI TRATTAMENTO INTEGRATIVO STRAORDINARIO DA ALMENO 24 MESI Tipologia assunzione: TEMPO INDETERMINATO ANCHE PART-TIME Agevolazione: per 36 mesi ABBATTIMENTO CONTRIBUTIVO pari: - al 50% per il centro-nord - al 100% per il mezzogiorno e per le imprese artigiane ovunque ubicate Agli studi professionali l incentivo spetta nella misura del 50%

4 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 99/2013 di conversione del d.l. 76/2013 legge n. 92 del 28 giugno DISOCCUPATI DA ALMENO 24 MESI - LAVORATORI SOSPESI E BENEFICIARI DI TRATTAMENTO INTEGRATIVO STRAORDINARIO DA ALMENO 24 MESI Con le modifiche apportate dalla Legge 92/2012 l unico caso in cui il datore di lavoro non può godere delle agevolazioni contributive è quello in cui i dipendenti siano stati licenziati per giustificato motivo oggettivo o per riduzione del personale entro sei mesi dal licenziamento. Requisiti per i 24 mesi: lo stato di disoccupazione si conserva qualora lo svolgimento dell attività lavorativa sia tale da assicurare un reddito annuale non superiore alle soglie annualmente stabilite con delibere regionali. Lo stato di disoccupazione è sospeso in caso di rapporti a termine di durata fino a 6 mesi.

5 DESTINATARI Riferimento normativo: Art. 4, commi 8-11 legge n. 92 del 28 giugno 2012; circolare INPS 111/2013; circolare MLPS 34/2013; messaggio INPS 12212/2013 Lavoratori over 50 anni, disoccupati da oltre 12 mesi Donne di qualunque età, prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi ovvero prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi e residenti in aree svantaggiate Agevolazione: L incentivo consiste nella riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per le seguenti durate: In caso di assunzione a tempo indeterminato la riduzione spetta per diciotto mesi. In caso di assunzione a tempo determinato la riduzione spetta fino a dodici mesi. In caso di trasformazione da t.d. a t.i. la riduzione spetta per complessivi diciotto mesi a condizione che intervenga entro la scadenza del beneficio L incentivo spetta anche in caso di part-time ed è altresì espressamente previsto per l assunzione a scopo di somministrazione. L incentivo spetta anche per i rapporti di lavoro subordinato instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro, ai sensi della legge 142/2001. E espressamente previsto il divieto di cumulo agevolazioni per la stessa azienda Possibilità di cumulo con gli incentivi della l..407/90

6 DESTINATARI Riferimento normativo: Art. 4, commi 8-11 legge n. 92 del 28 giugno 2012; circolare INPS 111/2013; circolare MLPS 34/2013; messaggio INPS 12212/2013 Lavoratori over 50 anni, disoccupati da oltre 12 mesi Donne di qualunque età, prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi ovvero prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi e residenti in aree svantaggiate Tipologia di assunzione: le assunzioni a tempo indeterminato; le assunzioni a tempo determinato; le trasformazioni a tempo indeterminato di un precedente rapporto agevolato Sono esclusi dai benefici il lavoro domestico e quello intermittente Requisiti: L età si deve considerare al momento dell assunzione o trasformazione, e il possesso dello stato di disoccupazione disciplinato dal d.lgs.181/2000 per gli over 50. Per le Donne non è richiesta la preventiva iscrizione al Cpi (Circ. Inps 34/2013)

7 DESTINATARI Riferimento normativo: Legge n. 92 del 2012, comma 10- bis dell art. 2 D.L. 76/2013 Lavoratori in ASPI Agevolazione Il 50% dell indennità mensile Aspi a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto dall Inps se fosse rimasto disoccupato viene destinata al datore di lavoro che l assume Tipologia di assunzione Tempo pieno ed indeterminato Beneficiari Tutti i datori di lavoro, compresi gli Studi professionali

8 DESTINATARI Riferimento normativo Dec. Min. lavoro 19/04/13 Circolare INPS n.150 del 25/10/2013 Lavoratori LICENZIATI per GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO nei 12 mesi precedenti l assunzione Tipologia di assunzione Tempo Determinato Tempo indeterminato Part-time o a Scopo di Somministrazione Agevolazione tempo indeterminato: 190,00 mensili per 12 mesi tempo determinato: 190,00 mensili per 6 mesi part-time: importo ridotto in rapporto alla effettiva durata dell orario di lavoro

9 ASSUNZIONE PER SOSTITUZIONE DI Riferimento normativo: Art. 10, comma 2, della legge n. 53/2000, poi confluito nell art. 4 del D.L.vo n. 151/2001 LAVORATRICE IN ASTENSIONE OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA PER MATERNITÀ da parte di aziende con max 20 dipendenti Agevolazione: Sgravio contributivo del 50% per un massimo di dodici mesi. Esso è riconosciuto anche se c è un accavallamento delle prestazioni tra il lavoratore uscente e quello entrante, finalizzato, anche per la fase del rientro, allo scambio del lavoro e agli adattamenti conseguenti. Tipologia di assunzione : Tempo determinato

10 DESTINATARI Riferimento normativo L. 236/93; L. 223/91 art. 8 c. 4; Circolare INPS 137/2012. Soggetti in CIGS da almeno 3 MESI, dipendenti da aziende in CIGS da almeno 6 MESI Tipologia assunzione: TEMPO PIENO E INDETERMINATO Agevolazione: Incentivo di natura contributiva: per 12 mesi contribuzione pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali Incentivo di natura economica: Riconoscimento di una somma pari al 50% dell indennità di mobilità per: un periodo non superiore a 9 mesi per chi ha meno di 50 anni un periodo non superiore a 21 mesi per chi ha più di 50 anni un periodo non superiore a 33 mesi per chi ha più di 50 anni e residente in aree del mezzogiorno o ad alto tasso di disoccupazione

11 UNDER 30 art. 1 D.L. 76/2013 (Decreto Lavoro) convertito nella L. 99/2013 Circolare INPS 131/2013 Giovani tra i 18 e i 29 anni Provvedimento sperimentale con agevolazione a tempo, cioè per assunzioni effettuate dal 07/08/2013 ed entro il 30/06/2015 1/3 della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali e comunque non superiore a 650,00 mensili: per 18 MESI, in caso di assunzione iniziale a tempo indeterminato per 12 MESI, in caso di trasformazione a tempo indeterminato NO PER LAV. DOMESTICO, INTERMITTENTE O RIPARTITO a) Privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi (vedi dopo) ovvero b) Privi di diploma di scuola media superiore o professionale In sede di conversione è stata cancellata la previsione per chi viveva solo con persone a carico È riconosciuta solo a condizione che l assunzione o la trasformazione comporti un INCREMENTO OCCUPAZIONALE NETTO e che tale incremento venga mantenuto per ogni mese di calendario di vigenza dell incentivo Tempo indeterminato Trasformazione a tempo indeterminato (entro 6 mesi)

12 UNDER 30 art. 1 D.L. 76/2013 (Decreto Lavoro) convertito nella L. 99/2013 Privo di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi Tale elemento va interpretato alla luce del DM 20 marzo 2013 (G.U. del 2 luglio 2013), in base al quale esso si considera posseduto anche se il giovane è stato dipendente con un contratto a termine non superiore a sei mesi o se, per lo stesso periodo, ha prestato attività di lavoro autonomo o parasubordinato per un reddito non superiore a euro, o euro per le collaborazioni coordinate e continuative e le altre prestazioni ex art. 50, comma 1, lettera c-bis, del DPR n. 917/1986. Sul punto, occorre considerare quanto affermato dal Ministero del Lavoro nella circolare n. 24 del 25 luglio 2013, quando ha affermato che il limite temporale dei sei mesi non si riferisce tanto alla regolarità del rapporto ma alla rilevanza sotto il profilo della durata. L assunzione a tempo indeterminato del giovane può avvenire anche con contratto di apprendistato ma, chiarisce la circolare INPS n. 131/2013, in considerazione della circostanza che per il rapporto di apprendistato l ordinamento già prevede una disciplina di favore caratterizzata da forme di contribuzione ridotta rispetto alla contribuzione ordinaria, altrimenti dovuta dal datore di lavoro -, l incentivo previsto dall art. 1 del D.L. n. 76/2013 per l assunzione di un apprendista non può superare mensilmente l importo della contribuzione dovuta dal datore di lavoro per il medesimo apprendista (ad esempio, a fronte di una contribuzione mensile pari all 11,61% - quota a carico del datore -, l incentivo spetterà nella misura mensile dell 11,61% della retribuzione imponibile previdenziale).

13 APPRENDISTATO Tipologia Contratto di lavoro subordinato, a tempo indeterminato, finalizzato all assunzione dei giovani tra i 15 e i 29 anni per favorire la transizione tra scuola e lavoro» L.Fornero: Forma tipica di ingresso dei giovani 1) Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale Destinatari Giovani ANNI Finalità Acquisizione qualifica professionale Acquisizione diploma professionale 2) Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere Giovani ANNI Apprendere un mestiere Conseguire una qualifica professionale Il contratto di apprendistato per la qualifica o il diploma professionale, una volta conseguito il titolo, può essere trasformato in contratto di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere. In questo caso la durata massima complessiva dei due periodi di apprendistato non può eccedere quella individuata dalla contrattazione collettiva. 3) Apprendistato di alta formazione e di ricerca Giovani ANNI Diploma istruzione secondaria Titoli di studio universitari Titoli di alta formazione Dottorati di ricerca Praticantato per accesso professioni ordinistiche

14 D.L. 76/2013, convertito in L. 99/2013, introduce semplificazioni, derogatorie del Testo Unico (Dlgs 167/2011), riguardanti: 1. il piano formativo individuale 2. la registrazione della formazione 3. la formazione nel caso di imprese multilocalizzate Tali semplificazioni avrebbero dovuto essere accolte nelle linee guida adottate dalla Conferenza Stato-Regioni entro il 30 settembre A partire dal 1 ottobre 2013, in assenza di accordo in sede di Conferenza unificata, tali previsioni trovano diretta applicazione, salva la possibilità di una diversa disciplina in seguito all adozione delle richiamate linee guida ovvero in seguito all adozione di disposizioni di specie da parte delle singole regioni. La Circolare n. 35/2013 del Ministero del Lavoro fornisce le prime indicazioni operative al personale ispettivo sulla applicazione della L. 99/2013, con particolare riferimento al contratto di apprendistato, richiamando i contenuti della precedente Circolare ministeriale n. 5/2013.

15 di natura contributiva Incentivi apprendistato L. 92/2012 e Circ. INPS 128/2011 di natura economica dal 01/01/13: 1,61% per un triennio per i datori di lavoro dimensionati fino a nove unità che assumono apprendisti nel periodo 1º gennaio dicembre 2016; 3,11% nel primo anno e 4,61% nel secondo anno per i datori di lavoro dimensionati fino a nove dipendenti che hanno assunto apprendisti entro il 31 dicembre 2011, fermo restando che, a partire dal terzo anno, sarà pari all 11,61% 11,61% per tutti i rapporti di apprendistato instaurati da datori di lavoro con un organico superiore alle nove unità 10% per tutti i rapporti di apprendistato instaurati, ai sensi dell art. 7, comma 4, del DLGS 167/2011, da datori di lavoro con lavoratori iscritti nelle liste di mobilità assunzione fino a due livelli inferiori a quello di approdo, per tutta la durata del rapporto, salva diversa regolamentazione da parte dei CCNL di categoria di natura normativa esclusione dalla base di computo per l applicazione di particolari istituti previsti per legge o contrattazione collettiva (es. Computo dell aliquota per disabili) contribuzione a carico dei lavoratori sempre uguale al 5,84% DURATA VARIABILE 3-5 ANNI Possibile deroga per età o durata se disabile (dietro autorizzazione del collocamento obbligatorio provinciale) di natura fiscale le spese sostenute per la formazione degli apprendisti sono escluse dalla base per il calcolo dell IRAP

16 TIROCINI FORMATIVI FAVORIRE L INGRESSO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO ATTRAVERSO LA FORMAZIONE FINALIZZATA A: ARRICCHIMENTO CONOSCENZA ACQUISIZIONE DI COMPETENZE PROFESSIONALI INSERIMENTO E REINSERIMENTO LAVORATIVO EXTRA-CURRICULARI REGIONE ABRUZZO Linee guida DGR 154 del 12/03/2013 DESTINATAR I FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO: DIPLOMATI E LAUREATI (entro 12 mesi dal conseguimento del titolo) DURATA: MASSIMO 6 MESI IN FAVORE DI PERSONE SVANTAGGIATE e/o DISABILI: INVALIDI (SOGGETTI DISABILI EX ART. 1 L. 68/99) ALCOLISTI -TOSSICODIPENDENTI DETENUTI ECC.. DURATA: 12/24 MESI DI INSERIMENTO - REINSERIMENTO AL LAVORO: INOCCUPATI DISOCCUPATI LAVORATORI MOBILITA LAV. SOSPESI IN REGIME DI CASSA INTEGRAZIONE DURATA: MASSIMO 6 MESI

17 Attività di TUTORAGGIO TUTOR AZIENDALE (soggetto ospitante): attività di affiancamento del tirocinante e responsabilità di realizzazione del piano formativo TUTOR DIDATTICO (soggetto promotore): garante della regolarità e della realizzazione corretta del tirocinio formativo SOGGETTI OSPITANTI: TUTTI I DATORI DI LAVORO PUBBLICI E PRIVATI NUMERO TIROCINI ATTIVABILI: 1 da 1 a 6 dip. Indet. o socio lavoratore 2 da 7 a 19 dip. Indet. o socio lavoratore 10% oltre 20 dip. Indet. o socio lavoratore COSTO AZIENDALE: 1. OBBLIGO ASSICURAZIONE INAIL 2. OBBLIGO ASSICURAZIONE RESP. CIVILE VERSO TERZI 3. RIMBORSO SPESE A FAVORE DEL TIROCINANTE (MINIMO 600 MENSILI)

18 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 223/91, L. 167/2011 (apprendisti) Lavoratori in mobilità L. 223/91 Tipologia assunzione: a) TEMPO INDETERMINATO (anche part-time) b) TEMPO DETERMINATO c) APPRENDISTATO (Art. 7, comma 4, L.167/2011) Incentivi di natura Contributiva Economica Normativa

19 a) TEMPO INDETERMINATO (anche part-time) Agevolazione: Incentivo di natura contributiva: contribuzione come per gli apprendisti, pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali per 18 mesi Incentivo di natura economica: Se goduta dal lavoratore, il datore di lavoro percepisce il 50% dell indennità di mobilità residua per un massimo di 12 mesi (o 24/36 mesi a seconda dell età ed ubicazione geografica)

20 b) TEMPO DETERMINATO fino a 12 mesi Agevolazione: Incentivo di natura contributiva: contribuzione pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. In caso di trasformazione a tempo indeterminato l agevolazione si protrae per altri 12 mesi Incentivo di natura normativa: Mancata applicazione del Dlgs 368/2001: motivazioni del causalone (tecnico, produttive, organizzative e sostitutive) e computo contratti totali ai fini dei 36 mesi Possibilità di riassumere, sia a tempo determinato che indeterminato, gli stessi lavoratori posti in mobilità decorsi 6 mesi dal licenziamento (nota 25/i/ del 13/7/2006 del Ministero del Lavoro)

21 Rif. Normativa: art. 7, c. 4, L. 167/2011 c) APPRENDISTATO Agevolazione: Incentivo di natura contributiva: Uguali a quelli previsti per i lavoratori in mobilità Incentivo di natura economica: Inquadramento del lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto alla categoria spettante, in applicazione del CCNL PER IL LAVORATORE IN MOBILITA NON SI APPLICANO I LIMITI DI ETA PROPRI DELLA CATEGORIA APPRENDISTATO

22 DESTINATARI Detenuti (lavoro carcerario sia all interno che all esterno degli Istituti penitenziari) Riferimenti normativi: Art. 7, comma 8, del DL n. 101/2013 art. 1, comma 2, della legge n. 193/2000 art. 4, comma 3 bis, della legge n. 381/1991 Agevolazione Agevolazioni contributive e fiscali sono previste sia per le cooperative sociali che per le imprese pubbliche o private che organizzano attività produttive o di servizi all interno delle carceri, impiegando persone detenute o internate. La norma di riferimento è sempre contenuta nell art. 4, comma 3 bis, della legge n. 381/1991, introdotto dall art. 1, comma 2, della legge n. 193/2000. L art. 7, comma 8, del Decreto Legge n. 101/2013 ha riscritto successivamente il comma 1 dell art. 3 della legge n. 193/2000.

23 DESTINATARI Riferimenti normativi: Art. 7, comma 8, del DL n. 101/2013 art. 1, comma 2, della legge n. 193/2000 art. 4, comma 3 bis, della legge n. 381/1991 Detenuti (lavoro carcerario sia all interno che all esterno degli Istituti penitenziari) Incentivi di natura contributiva Il Decreto Interministeriale 9 novembre 2001 che stabilisce gli incentivi di natura contributiva chiarisce cosa si intende per lavoro carcerario sia all interno che all esterno degli Istituti penitenziari: mentre per le cooperative sociali è indifferente il posto di svolgimento ai fini del riconoscimento del bonus, per le imprese pubbliche e private è essenziale che il lavoro si svolga all interno del carcere (circolari INPS n. 134/2002 e n. 11/2004) Incentivi di natura fiscale Il DM 25 febbraio 2002, n. 87 ha affermato che alle imprese che assumono detenuti viene riconosciuto un credito mensile d imposta per ognuno di essi pari a 700 euro (DL 101/2013, convertito con modifiche in L. 125 del 30 ottobre 2013): esso è proporzionale in ragione delle giornate di lavoro prestate. Per gli assunti a tempo parziale il credito d imposta è strettamente correlato alle ore lavorative prestate.

24 DESTINATARI Riferimenti normativi: Art. 7, comma 8, del DL n. 101/2013 art. 1, comma 2, della legge n. 193/2000 art. 4, comma 3 bis, della legge n. 381/1991 Detenuti (lavoro carcerario sia all interno che all esterno degli Istituti penitenziari) Il credito d imposta è riconosciuto anche alle aziende che: a) svolgono attività di formazione nei confronti dei detenuti e degli internati (anche quelli ammessi al lavoro esterno ex art. 21 della legge n. 354/1975): in ogni caso il credito d imposta è riconosciuto soltanto se, poi, si giunge all assunzione dei detenuti formati; b) svolgono attività formative mirate a fornire professionalità ai detenuti destinati a svolgere attività gestite in proprio dall Amministrazione penitenziaria. Le agevolazioni in favore delle imprese sono subordinate al verificarsi di alcune condizioni: a) assunzione dei detenuti o degli internati con contratto di lavoro subordinato non inferiore a trenta giorni; b) corresponsione di un trattamento economico e normativo non inferiore a quello previsto dalla contrattazione collettiva.

25 DESTINATARI Riferimento normativo: Legge 68/99 riformata dall art. 1, comma 37, della L. 247/2007 Lavoratori diversamente abili L art. 13 della legge n. 68/1999 ha previsto una serie di incentivi in favore delle imprese che assumono portatori di handicap: fino al 31 gennaio 2007 esse consistevano in una fiscalizzazione totale o parziale degli oneri previdenziali. A partire dal 1 gennaio 2008, a seguito delle novità intervenute con il c.d. protocollo del Welfare, recepite nell art. 1, comma 37, della legge n. 247/2007, le agevolazioni sono di natura economica. Le Regioni e le Province autonome concedono contributi diretti commisurati ad una determinata percentuale del costo salariale annuo del lavoratore disabile e variabili in funzione del grado di riduzione della capacità lavorativa del soggetto medesimo. Alle assunzioni previste da convenzioni stipulate prima del 1 gennaio 2008 (anche se le stesse sono avvenute dopo), continua ad applicarsi il previgente sistema di fiscalizzazione.

26 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 12 n. 68/ 1999; art. 1 c. 37 L n. 247/2007 Lavoratori diversamente abili Destinatari: Soggetti diversamente abili con particolari gradi e tipologie di riduzione della capacità lavorativa (art.1 della legge n. 68/1999) Al collocamento obbligatorio si possono iscrivere persone disabili disoccupate: invalidi civili, con minorazioni "fisiche" "psichiche" e "sensoriali" e portatori di "handicap intellettivo" con una percentuale d'invalidità superiore al 45%; non vedenti con cecità assoluta o cecità parziale (residuo visivo non superiore ad 1/10 ad entrambi gli occhi con eventuale correzione di occhiali); sordomuti dalla nascita o prima dell'apprendimento della lingua parlata; invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33% invalidi di guerra, invalidi civili di guerra e invalidi per servizio con minorazioni comprese dalla prima all'ottava categoria di cui alle tabelle annesse al T.U. n. 915/78 e succ. modif.; o vittime del terrorismo e della criminalità organizzata. Si possono iscrivere anche persone appartenenti alle categorie protette (art.18 L.68/99): orfani e coniugi superstiti di coloro che sono deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio e i figli o i coniugi di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio o di lavoro; profughi italiani rimpatriati.

27 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 12 n. 68/ 1999; art. 1 c. 37 L n. 247/2007 Lavoratori diversamente abili Assoggettati all obbligo: I datori di lavoro che occupano dai 15 ai 35 dipendenti che effettuano una nuova assunzione, ad incremento dell'organico, hanno l'obbligo di assunzione di un lavoratore disabile entro 12 mesi dall'insorgenza dell'obbligo o contestualmente alla seconda nuova assunzione ad incremento dell'organico. La presentazione dei prospetti informativi deve avvenire entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello dell'insorgenza dell'obbligo. I datori di lavoro che occupano dai 36 ai 50 dipendenti hanno l'obbligo di assunzione di due lavoratori disabili. I datori di lavoro che occupano oltre i 50 dipendenti hanno l'obbligo di assunzione di lavoratori disabili pari al 7% sul totale dei lavoratori in forza. Queste aziende hanno inoltre l'obbligo di assumere una percentuale pari all'1% di lavoratori appartenenti alle categorie protette (ex articolo 18 legge 68/1999).

28 DESTINATARI Riferimento normativo: L. 12 n. 68/ 1999; art. 1 c. 37 L n. 247/2007 Lavoratori diversamente abili Agevolazione Per ciascuna assunzione, il contributo può arrivare a coprire: fino al 60% del costo salariale lordo annuo, per l assunzione di lavoratori con una percentuale di invalidità non inferiore all 80% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra o con handicap psichico; fino al 25% del costo salariale annuo lordo, per l assunzione di lavoratori con una percentuale di invalidità compresa tra il 67% ed il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra; il rimborso forfettario parziale delle spese sostenute per l adeguamento della postazione di lavoro dei disabili con una percentuale di invalidità superiore al 50% o per l apprestamento di tecnologie di telelavoro o per la rimozione di barriere architettoniche

29 Riferimento normativo: Art. 4, commi 3 e 3 bis L. n. 381/1991; Art. 51 L. 448/1998 Cooperative sociali Inserimento di persone svantaggiate sia come soci che come dipendenti Destinatari Invalidi fisici,psichici e sensoriali Ex-degenti di ospedali psichiatrici I soggetti in trattamento psichiatrico I tossico dipendenti Gli alcolisti I minori con difficoltà in ambito familiare i condannati e gli internati ammessi alle misure alternative alla detenzione e al lavoro all'esterno

30 Riferimento normativo: Art. 4, commi 3 e 3 bis L. n. 381/1991; Art. 51 L. 448/1998 Cooperative sociali Beneficiari Le Cooperative sociali anche le c.d. cooperative sociali ad oggetto plurimo. Queste ultime si caratterizzano per: a) la gestione dei servizi socio sanitari; b) lo svolgimento di attività diverse (agricole, commerciali, industriali o di servizi) finalizzate all inserimento lavorativo delle persone svantaggiate Per poter beneficiare dell incentivo è necessaria l'iscrizione nell'albo informatico delle società cooperative, sia nella sezione cui si riferisce l'attività lavorativa svolta, sia nella prevista sottosezione relativa alle cooperative sociali.

31 Riferimento normativo: Art. 4, commi 3 e 3 bis L. n. 381/1991; Art. 51 L. 448/1998 Cooperative sociali Agevolazione Sgravio totale dei contribuiti, compresi quelli a carico del lavoratore (art. 4 co3 L 381/1991) L art. 4,co 3 bis afferma che le aliquote sulle retribuzioni corrisposte ai detenuti o agli internati nelle strutture penitenziarie, agli ex degenti di ospedali psichiatrici giudiziari e alle persone condannate ed internate ammesse al lavoro esterno, sono ridotte in una misura individuata ogni biennio attraverso un decreto concertato tra il Ministro della Giustizia e quello dell Economia. Gli sgravi trovano piena applicazione nei confronti dei detenuti e degli internati ammessi al lavoro esterno anche nei sei mesi successivi alla fine dello stato detentivo.

32 Riferimento normativo: Art. 20, L. n. 223/1991 Contratti di reinserimento (di alcune particolari categoria) Destinatari Lavoratori in trattamento speciale di disoccupazione da almeno dodici mesi. Sono i lavoratori dipendenti di imprese edili e affini che siano stati licenziati per una delle seguenti cause: cessazione dell attività aziendale; ultimazione del cantiere o delle singole fasi lavorative; riduzione di personale; stato di grave crisi occupazionale conseguente al completamento di impianti industriali o di opere pubbliche di grandi dimensioni; mancata ripresa dell attività al termine di un programma di CIGS.

33 Riferimento normativo: Art. 20, L. n. 223/1991 Contratti di reinserimento (di alcune particolari categoria) Beneficiari Imprese che non abbiano in corso sospensione dal lavoro o abbiano proceduto a riduzioni di personale nei dodici mesi precedenti Agevolazione Contribuzione ridotta del 75% per i primi dodici mesi se il lavoratore è disoccupato da meno di 24 mesi Disoccupato da 2 a 3 anni la contribuzione è ridotta per 24 mesi Disoccupato da più di tre anni la contribuzione è ridotta per 36 mesi

34 Riferimento normativo: Art. 20, L. n. 223/1991 Contratti di reinserimento (di alcune particolari categoria) Incentivi di natura normativa I lavoratori assunti con contratto di reinserimento sono esclusi dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti per l applicazione di particolari normative ed istituti. Tipologia contrattuale Il contratto di reinserimento può essere anche part time o a termine, deve essere stipulato per iscritto e copia del contratto stesso deve esser inviata, entro 30 giorni, alla Direzione Territoriale del Lavoro e alla sede INPS territorialmente competenti

35 DESTINATARI Riferimento normativo: art. 9, co 2, del Dl n. 301/1996; art. 20, co 2, L n. 266/1997; art. 1, co 1175 e 1176 della L. n. 296/2006; Dm 24 ottobre 2007 Dirigenti privi di occupazione Finalità: favorire l inserimento lavorativo di lavoratori con alte qualifiche; Tipo di contratto: contratto a tempo indeterminato e a tempo determinato; Datore di lavoro: tutte le imprese (escluse quelle artigiane) che occupano meno di 250 dipendenti ed i consorzi tra di esse, gli enti pubblici economici e le cooperative di produzione lavoro; Lavoratori: lavoratori dipendenti che, al momento della cessazione del loro rapporto di lavoro, rivestono la qualifica di dirigente;

36 Riferimento normativo: Art. 20, L. n. 266/1997 Segue: tipologia di incentivo Per ciascun dirigente assunto è concesso un contributo pari al 50% della contribuzione complessiva dovuta per una durata non superiore a 12 mesi.

37 DESTINATARI Riferimento normativo: D.M. n. 593/2000 Art. 24 D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134/2012 Art. 17 L n. 2/2009 Ricercatori o lavoratori con profili altamente qualificati Destinatari (Art. 5 D.M. n. 593/2000): Imprese che esercitano attività industriale diretta alla produzione di beni e servizi; Imprese che svolgono attività di trasporto per terra, per acqua o per aria. Imprese artigiane di produzione come individuate dalla legge n. 443/1985 Centri di ricerca con personalità giuridica autonoma; Consorzi e società consortili con particolari caratteristiche I parchi scientifici e tecnoligici individuati con deliberazione ministeriale

38 DESTINATARI Riferimento normativo: D.M. n. 593/2000 Art. 24 D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134/2012 Art. 17 L n. 2/2009 Segue: Ricercatori o lavoratori con profili altamente qualificati Art. 24 D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134/2012 Vengono riconosciuti una serie di incentivi di natura fiscale a favore delle imprese che assumono a tempo indeterminato: Personale in possesso di un dottorato di ricerca universitario, conseguito presso una università italiana o straniera se riconosciuta equipollente Personale in possesso di laurea magistrale nelle discipline di ambito tecnico o scientifico espressamente previste

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli