IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO"

Transcript

1 Unione Europea Fondo Sociale Europeo IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO NOTE DI APPROFONDIMENTO settembre 2013

2

3 PROVINCIA DI LIVORNO 3 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO 1. LA LEGGE 68/99: ALCUNI CENNI La Legge 12 marzo 1999 n. 68 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili), intende garantire anche alle persone disabili il diritto all inserimento e all integrazione lavorativa, offrendo un insieme di articolati ed adeguati servizi di sostegno. Si applica a quattro tipologie di cittadini disabili: le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai disabili intellettivi, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%; le persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%; le persone non vedenti o sorde; le persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio 1. In aggiunta, fra i beneficiari della Legge 68/99 rientrano gli orfani e i cogniugi superstiti di coloro che sono deceduti per cause di lavoro, servizio o guerra o i coniugi e i figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di lavoro, servizio o guerra, i profughi, nonché i soggetti individuati dalla Legge 23 novembre 1998, n. 407 (Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata). Il complesso sistema di sostegno volto ad inserire proficuamente la persona disabile nel contesto produttivo del Paese, è costituito da una serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto più consono alle rispettive inclinazioni e attitudini attraverso l analisi dei posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, nonchè strumenti e relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione (collocamento mirato). Gli uffici competenti provvedono (in accordo con i servizi sociali, sanitari, educativi e formativi del territorio) alla programmazione, all attuazione e alla verifica degli interventi volti a favorire l inserimento dei soggetti, nonché all avviamento lavorativo, alla tenuta delle liste, al rilascio delle autorizzazioni, degli esoneri e delle compensazioni territoriali, alla stipula delle convenzioni, ecc.. 1) L accertamento delle condizioni di disabilità è svolto dalle commissioni previste dalla legge 104/92

4 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO La Legge 68/99 impone ai datori di lavoro pubblici e privati di assumere alle dipendenze lavoratori disabili in una quota pari al 7% dei lavoratori occupati, se occupano più di 50 dipendenti; due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti; un lavoratore, se hanno in forza da 15 a 35 dipendenti. Per i datori di lavoro privati che occupano da 15 a 35 dipendenti, tuttavia, l obbligo si applica solo in caso di nuove assunzioni. Secondo le modifiche introdotte dalla Legge 7 agosto 2012, n.134, si escludono i lavoratori assunti tramite collocamento obbligatorio, i soci di cooperative di produzione e lavoro, i dirigenti, i contratti di inserimento, i lavoratori assunti con contratti di somministrazione, i lavoratori assunti per attività all estero (per la corrispondente durata), i Lavoratori Socialmente Utili (LSU), i lavoratori a domicilio, i lavoratori che hanno svolto lavoro non riconosciuto, gli apprendisti e gli assunti con contratto a tempo determinato fino a 6 mesi. In caso di inadempimento, sono previste sanzioni amministrative disposte dalle direzioni provinciali del lavoro. I relativi introiti sono destinati ad un Fondo regionale per l occupazione dei disabili 2. Trascorsi sessanta giorni dalla data di obbligo di assunzione, per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta la quota dell obbligo, il datore di lavoro è tenuto al versamento, di una somma giornaliera per ciascun lavoratore disabile che risulti non occupato nella medesima giornata. Tuttavia, i datori di lavoro che, per le speciali condizioni della loro attività non possono occupare l intera percentuale dei disabili hanno la facoltà di fare domanda ed essere esonerati a condizione di versare al Fondo Regionale un contributo esonerativo di Euro 30,64 per ogni giorno lavorativo e per ciascuna categoria protetta non assunta. L esonero si ottiene solo in presenza di adeguata motivazione. Inoltre, è prevista la sospensione dell obbligo nei confronti delle imprese che si trovano nelle seguenti situazioni:» imprese in ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale con intervento straordinario di integrazione salariale;» imprese in situazione dichiarata di fallimento, in liquidazione;» imprese che stipulano contratti di solidarietà; 2) Le Regioni istituiscono il Fondo regionale per l occupazione dei disabili, da destinare al finanziamento dei programmi regionali di inserimento lavorativo e dei relativi servizi. Al Fondo sono destinati gli importi derivanti dalla irrogazione delle sanzioni amministrative previste dalle legge 68/99 e i contributi versati dai datori di lavoro, nonché il contributo di fondazioni, enti di natura privata e soggetti comunque interessati.

5 PROVINCIA DI LIVORNO 5» imprese in mobilità limitatamente alla durata della mobilità. Per un ulteriore periodo di 6 mesi qualora la procedura si concluda con il licenziamento di almeno cinque lavoratori;» in attesa di ricevere l autorizzazione, può essere concessa la sospensione per un periodo non superiore a tre mesi, rinnovabile una sola volta. La Legge 68/99 prevede anche una serie di agevolazioni. Infatti, ai sensi dell art.11 L. 68/99 gli uffici possono stipulare convenzioni con il datore di lavoro per l inserimento dei disabili, stabilendo tempi e modalità di assunzione (facoltà di scelta nominativa, svolgimento di tirocini, assunzione con contratto a termine, periodi di prova più ampi). Inoltre, a seguito della stipula una convenzione, un azienda può beneficiare, ai sensi dell art. 13 L. 68/99, dei seguenti contributi all assunzione:» nella misura non superiore al 60% del costo salariale, per ogni lavoratore disabile assunto a tempo indeterminato, che abbia una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria previste dal decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni, ovvero con handicap intellettivo e psichico, indipendentemente dalle percentuali di invalidità;» nella misura non superiore al 25% del costo salariale, per ogni lavoratore disabile assunto a tempo indeterminato, che abbia una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% e il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria di cui al succitato decreto;» il rimborso forfettario parziale delle spese necessarie alla trasformazione del posto di lavoro per renderlo adeguato alle possibilità operative dei disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 50% o per l apprestamento di tecnologie di telelavoro ovvero per la rimozione delle barriere architettoniche che limitano in qualsiasi modo l integrazione lavorativa del disabile. 2. ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO Nel corso del triennio , le persone iscritte al collocamento mirato della Provincia di Livorn o ammontano a unità, di cui i disabili rappresentano la netta maggioranza con il 93,0%.

6 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO I soggetti appartenenti alle categorie protette (art. 18) sono complessivamente 106 e rappresentano il restante 7,0% del totale. Considerando solo la disabilità pari al 100% cioè 1581, quelle caratterizzate da un invalid ità civile sono 1.423, pari al 96,5%, mentre una minore consistenza viene assunta dal gruppo degli invalidi del lavoro con 38 unità. Le iscrizioni effettuate nel periodo oggetto di osservazione sono sostanzialmente equidistribuite a seconda del genere, giacché si realizza un flusso di 793 unità per gli uomini e di 788 unità per le donne. Tuttavia, la quota assunta dalle due componenti varia in modo significativo in relazione a determinati gruppi di utenza: quella maschile risulta prevalente fra gli invalidi del lavoro con l 89,5%, mentre le donne rappresentano il 58,5%. Negli anni è incrementato il numero di soggetti che si iscrivono annualmente negli elenchi del collocamento mirato della Provincia di Livorno, passando da 499 unità del 2009 a 512 unità del 2010 e, infine, a 570 unità del In altre parole, dal 2009 al 2011 le iscrizioni sono aumentate di 71 unità, pari ad una variazione percentuale del +14,2%. Questa crescita, peraltro, è da imputare quasi esclusivamente alla componente femminile, con un aumento da 229 a 305 unità (+76 unità, pari al +33,2%); per gli uomini, invece, si delinea un flusso in lievissima diminuzione. TABELLA 1 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI TOTALE M F T M F T M F T M F T INVALIDI CIVILI DI CUI EXTRACOMUNITARI INVALIDI DEL LAVORO SORDOMUTI INVALIDI PER SERVIZIO CENTRALINISTI NON VEDENTI TOTALE DISABILI CATEGORIE PROTETTE ART TOTALE ISCRIZIONI

7 PROVINCIA DI LIVORNO 7 Complessivamente le iscrizioni hanno interessato disabili di origine extracomunitaria in 57 casi (pari al 3,6% del totale e al 4,0% delle iscrizioni riguardanti invalidi civili); in aggiunta, il relativo flusso risulta in continua ascesa giacché da un livello di 15 unità nel 2009 si è passati ad uno di 26 nel 2011 (+73,3%). FIGURA 1 VARIAZIONI % DEL FLUSSO DELLE ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. ANNI 2009 E Per quanto concerne gli invalidi civili, sebbene limitatamente al 2011, sono disponibili ulteriori informazioni quali l età e la percentuale di invalidità che ci supportano in un ulteriore approfondimento di analisi e riflessione. In particolare, come si evince dalla successiva Tabella 2, nella maggior parte dei casi l iscrizione ha riguardato una persona adulta dal momento che il 47,7% ha fra 41 e 55 anni, mentre un ulteriore 8,4% possiede un età ancora più elevata. I giovani costituiscono, invece, il gruppo meno presente con l 11,5%. In relazione alla distribuzione per classe di età si notano alcune differenze di genere: fra le donne sale il peso della seconda fascia (36,0% versus 28,0% dei maschi), mentre fra gli uomini rivestono una maggiore consistenza le fasce più

8 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO adulte, in particolare la terza fascia che incide per oltre la metà dei casi (50,4% versus 45,5% delle donne). TABELLA 2 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI DI INVALIDI CIVILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CLASSE DI ETÀ E GENERE. VALORI ASSOLUTI E %. ANNO V.A. % M F T M F T ,9 11,3 11, ,0 36,0 32, ,4 45,5 47,7 OLTRE ,7 7,3 8,4 TOTALE ,0 100,0 100,0 Prendiamo ora in considerazione l informazione relativa alla percentuale di invalidità (Tabella 3): per il 61,3% del totale essa oscilla fra il 46% e il 66%; per il 24,9% la riduzione della capacità lavorativa è compresa fra il 67% e il 79%, mentre per il 13,9% è addirittura superiore. Fra le donne si riscontra una maggiore presenza di soggetti con un grado di invalidità più basso contrariamente a quanto avviene per gli uomini, per i quali l incidenza di chi ha un invalidità superiore al 79% pesa per il 17,4%. TABELLA 3 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI DI INVALIDI CIVILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER PERCENTUALE DI INVALIDITÀ E GENERE. VALORI ASSOLUTI E %. ANNO V.A. % M F T M F T DA 46 A 66% ,1 64,0 61,3 DA 67 A 79% ,6 25,1 24,9 OLTRE IL 79% ,4 10,9 13,9 TOTALE ,0 100,0 100,0

9 PROVINCIA DI LIVORNO 9 Dopo aver esaminato come è variato il flusso delle iscrizioni alle liste del collocamento mirato nel corso dell intervallo di tempo considerato nell analisi, nella Tabella 4 si focalizza l attenzione sugli aggregati di stock, vale a dire sull insieme dei soggetti che, alla fine di un determinato periodo (in questo caso l anno), risultano iscritti all elenco introdotto dalla Legge 68/99. Al 31 dicembre 2011 la suddetta lista conteneva soggetti; in prevalenza, si tratta di persone disabili, in particolare, di invalidi civili. Una marcata contrazione dello stock si profila fra il 2009 e l anno successivo giacché si passa da a unità. Nel 2011, al contrario, si delinea un trend del tutto differente con un volume di iscritti nuovamente in ascesa (+361, per un +10,6%) ed una variazione trasversale sia per genere che per tipologia di utenza. TABELLA 4 STOCK DEGLI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI M F T M F T M F T INVALIDI CIVILI INVALIDI DEL LAVORO TOTALE DISABILI CATEGORIE PROTETTE TOTALE ISCRITTI Per quanto riguarda le categorie protette, alla fine del 2011 sono iscritte al collocamento mirato 209 persone, di cui la maggior parte (quasi il 60%) è costituta da vedove e orfani di deceduti per causa di lavoro, cui seguono con il 17,2% gli orfani e le vedove di deceduti per causa di servizio. Al di sopra del 10% si collocano i profughi, gli orfani e vedove di deceduti per causa di guerra. All interno di questo sottoinsieme assume una particolare rilevanza la componente femminile dal momento che ad essa fanno riferimento i due terzi del totale degli iscritti. La successiva Figura 2 mostra la distribuzione dello stock degli iscritti al collocamento mirato in Provincia di Livorno rispetto alle categorie protette.

10 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 2 CATEGORIE PROTETTE: STOCK DEGLI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO. VALORI %. ANNO LA PRESA IN CARICO DELLE PERSONE DISABILI Nella definizione specifica, la presa in carico è l assunzione di responsabilità collegiale e integrata per cui i servizi competenti si fanno carico di elaborare il progetto personalizzato, definire il percorso assistenziale, individuare le risorse necessarie, monitorare la realizzazione degli interventi e valutare i risultati. Essa prevede la progettazione di un percorso personalizzato basato su modalità condivise e confrontabili, tale per cui alla valutazione del bisogno (corredata da fattori osservabili e misurabili) possa far seguito la definizione degli interventi e dei risultati attesi. Si tratta, in definitiva, di un intervento globale che riguarda non solo la persona disabile, ma tutti i sistemi di riferimento (familiare, scolastico, sociale) che ruotano intorno ad essa.

11 PROVINCIA DI LIVORNO 11 La Tabella 5 riporta i dati relativi ai servizi che sono stati erogati a favore degli utenti iscritti al collocamento mirato, disaggregati per Centro per l Impiego. In particolare essi comprendono gli incontri con gli iscritti alla Legge 68/99 per orientamento, sostegno e consulenza, incrocio fra domanda ed offerta di lavoro, servizio di preselezione ai fini dell assunzione, ma anche servizi di consulenza per le aziende. Complessivamente, nel corso del triennio sono stati erogati servizi a fronte di aventi diritto (in media, dunque, ciascun avente diritto ha usufruito di 1,4 servizi). A predominare sono le attività del Centro per l Impiego di Livorno, a cui fa capo l erogazione di servizi (pari a circa il 60% del totale); segue Rosignano con il 20,4%, mentre al terzo e al quarto posto si collocano, rispettivamente, Piombino con il 12,2% e Portoferraio con l 8,3%. È opportuno evidenziare come il rapporto fra servizi ed aventi diritto sia soggetto ad una leggera variazione a seconda del Centro per l Impiego, dal momento che si va da un minimo di 1,2 per Portoferraio ad un massimo di 1,5 per Livorno. TABELLA 5 SERVIZI EROGATI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CENTRO PER L IMPIEGO E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI Servizi M F T Aventi diritto Servizi Aventi diritto Servizi Aventi diritto LIVORNO ROSIGNANO PIOMBINO PORTOFERRAIO TOTALE La distribuzione per Centro per l Impiego varia in maniera rilevante, invece, a seconda del genere. Per gli uomini, infatti, quello di Livorno pesa per il 65,9%, mentre per le donne si registra una misura sensibilmente più contenuta e pari ad un 51,5%. Fra quest ultime, pertanto, sale l incidenza relativa dei restanti Centri per l Impiego, specie di quello di Rosignano, che arriva al 25,9%.

12 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 3 SERVIZI EROGATI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER ANNO DI EROGAZIONE. VALORI ASSOLUTI. ANNI L evoluzione nel tempo del volume dei servizi erogati e degli aventi diritto consente di delineare lo sforzo effettuato dagli operatori della Provincia di Livorno per offrire agli utenti iscritti al collocamento mirato un servizio integrato e qualitativamente elevato. Infatti, mentre gli aventi diritto sono aumentati di 387 unità (+35,8%), il tasso di crescita dei servizi è stato più sostenuto, con 700 unità in più (+46,7%). Questa dinamica caratterizza quasi tutti i Centri per l Impiego, eccezion fatta per Portoferraio, il cui saggio di incremento degli aventi diritto è stato maggiore di quello dei servizi. In termini di servizio, un importante attività erogata a favore delle persone presenti nelle liste del collocamento mirato è rappresentata dai colloqui che vertono, specificatamente, sulla definizione della capacità lavorativa e sulla redazione della scheda lavorativa dei soggetti iscritti. Nel triennio esaminato ne sono stati effettuati a fronte di aventi diritto; come in precedenza, anche in questo caso la maggior parte dei colloqui, in termini di valore assoluto, è stata erogata dal Centro per l Impiego di Livorno. In quasi tutti i casi, il numero dei

13 PROVINCIA DI LIVORNO 13 colloqui supera quello degli aventi diritto, con una media che si attesta ad 1,1 colloquio per avente diritto. Sopra tale media si colloca in particolare Piombino (1,5). L unica eccezione è rappresentata da Portoferraio, per il quale si registra una perfetta corrispondenza fra colloqui e soggetti. TABELLA 6 COLLOQUI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CENTRO PER L IMPIEGO E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI Colloqui M F T Aventi diritto Colloqui Aventi diritto Colloqui Aventi diritto LIVORNO ROSIGNANO PIOMBINO PORTOFERRAIO TOTALE FIGURA 4 COLLOQUI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER ANNO DI EROGAZIONE. VALORI ASSOLUTI. ANNI

14 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO Contrariamente a quanto visto per i servizi, se si analizza la serie storica, si evidenzia come il numero dei colloqui realizzati abbia subito una contrazione nel corso del tempo di circa il -10,4%. Si tratta, in aggiunta, di una riduzione più marcata di quella che contraddistingue gli aventi diritto, per i quali si ha un -9,3%. A livello di Centro per l Impiego, però, si può osservare il dato in controtendenza di Rosignano, per il quale si delinea un aumento sia dei colloqui che dei soggetti che ne beneficiano. 4. GLI AVVIAMENTI Quello degli avviamenti è un interessante parametro di analisi e lettura del collocamento mirato, sia in termini sistemici che funzionali. Per tale motivo di seguito viene riportata un analisi degli avviamenti nella Provincia di Livorno nel periodo In particolare sono state prese in considerazione sia le assunzioni avvenute con chiamata nominativa, che quelle con chiamata numerica: nel primo caso è l azienda che identifica la persona da inserire 3, mentre nel secondo il datore di lavoro fa riferimento alle liste reperibili presso i Centri per l Impiego. Innanzitutto partiamo dal dato complessivo. Nel corso del quadriennio analizzato, gli avviamenti di persone iscritte al collocamento mirato ammontano a 443 unità, realizzate nella maggior parte dei casi (78,6%) attraverso la chiamata nominativa. La Figura 5 evidenzia come fra il 2010 e il 2011 si sia registrata una riduzione da 128 a 100 unità. L ultimo anno, al contrario, fa denotare un inversione di tendenza, sebbene di modesta entità. Indubbiamente la contrazione rilevata è legata agli effetti della recessione che ha diminuito la platea di aziende che hanno l obbligo di assumere persone in disabilità o appartenenti a categorie protette in ottemperanza alla normativa vigente. 3) Le aziende che hanno tra i 15 e i 35 dipendenti possono utilizzare la chiamata nominativa per l individuazione del lavoratore. Quelle tra i 36 e i 50 dipendenti, invece, possono inserire un lavoratore disabile con chiamata nominativa ma per l altro devono ricorrere alla chiamata numerica. Le aziende con più di 50 dipendenti possono inserire il 60% dei dipendenti con chiamata nominativa e il restante 40% con quella numerica.

15 PROVINCIA DI LIVORNO 15 FIGURA 5 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI ASSUNZIONE ED ANNO DI AVVIAMENTO. VALORI ASSOLUTI. ANNI Se si esamina il flusso delle assunzioni per tipologia, in tutti e due i casi si ha una crescita nel passaggio dal 2009 al Nel periodo immediatamente successivo, invece, si evidenziano fluttuazioni piuttosto differenti: per la chiamata nominativa si ha un trend in costante ribasso, mentre per quella numerica si ha una flessione fra il 2010 e il 2011, seguita da una nuova ascesa nel corso del 2012, in corrispondenza della quale si tornano a raggiungere i livelli del Rispetto alla provenienza è interessante sottolineare come solo 7 unità siano rappresentate da extracomunitari. In merito alla distribuzione di genere, inoltre, del totale delle assunzioni il 47,0% fa riferimento alla componente femminile. Va notato come l andamento sia più variabile per gli uomini, per i quali si passa da 71 unità nel 2010 a 45 unità nel 2011 e a 53 unità nel Per le donne, invece, se si considera il triennio, si ha una maggiore stazionarietà delle assunzioni, le quali oscillano fra le 60 e le 50 unità, facendo tuttavia registrare un trend in continua decrescita.

16 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 6 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER GENERE DEGLI ASSUNTI ED ANNO DI AVVIAMENTO. VALORI ASSOLUTI. ANNI Analizziamo con più dettaglio le caratteristiche dei lavoratori coinvolti nelle comunicazioni di assunzione. Dal punto di vista anagrafico è possibile evidenziare che il 44,2% ha riguardato persone con un età compresa fra 41 e 55 anni, mentre il 38,6% ha fra i 27 e i 40 anni. Meno rilevanti le fasce agli estremi della distribuzione, soprattutto quella più adulta che arriva a pesare solamente per il 6,8% del totale. Complessivamente, dunque, si tratta di una popolazione caratterizzata da un età media elevata, pari a circa 40 anni. La distribuzione appena richiamata varia leggermente in base al genere, dal momento che fra gli uomini è più marcata la presenza dei soggetti più adulti (+4,6 punti percentuali rispetto alle donne), contrariamente a quanto accade per la terza fascia di età (41-55 anni), dove la componente maschile presenta un gap di -4,1 punti percentuali rispetto a quella femminile. In particolare, come mostra la Figura 7, per la classe di età gli avviamenti di iscritti al collocamento mirato vedono una presenza del 42,1% di uomini e del 46,2% di donne. Al contrario, per chi ha 55 o più anni, la percentuale dei maschi si attesta all 8,9% e quella delle donne al 4,3%.

17 PROVINCIA DI LIVORNO 17 FIGURA 7 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CLASSE DI ETÀ E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI Per quanto riguarda i livelli di scolarità, invece, la successiva Figura 8 mostra come quasi la metà dei soggetti (49,4%) ha portato a termine la scuola dell obbligo, mentre il 35,0% ha conseguito un diploma di scuola superiore e il 7,7% un diploma di qualifica. Decisamente contenuta, invece, la quota di soggetti in possesso di un titolo universitario (vecchio o nuovo ordinamento) con il 3,8% del totale. Incrociando i dati con la variabile di genere, inoltre, si evidenzia che fra le donne è più frequente aver conseguito un diploma di scuola superiore (10,6% rispetto al 5,1% dei maschi) o un diploma di qualifica (38,9% contro il 31,5% dei maschi). Allo stesso tempo i dati mostrano che in riferimento alla scuola dell obbligo, la differenza fra la componente maschile e quella femminile è piuttosto elevata, con un distacco di quasi 11 punti percentuali a favore della prima.

18 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 8 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TITOLO DI STUDIO E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI FIGURA 9 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI UTENZA E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI

19 PROVINCIA DI LIVORNO 19 In riferimento alla tipologia di utenti, la Figura 9 mostra che l 84% delle assunzioni ha riguardato invalidi civili. Il secondo gruppo più numeroso è costituito dai soggetti appartenenti alle categorie protette con il 9,3%, mentre del tutto residuali sono le assunzioni che si riferiscono a centralinisti non vedenti, invalidi del lavoro e sordomuti. In aggiunta, la distribuzione per tipologia di invalidità non varia eccessivamente a seconda del genere. FIGURA 10 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI UTENZA E CLASSE DI ETÀ DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI Rispetto all età, (Figura 10), la distribuzione per tipologia di utenza che si differenzia in maniera sostanziale da quella complessiva è quella relativa ai più giovani. In questo caso, infatti, il peso degli invalidi civili scende a due terzi (66%), mentre superano la soglia del 10% i sordomuti e soprattutto le categorie protette (14,9%). Anche i centralinisti non vedenti presentano un incidenza maggiore rispetto alle altre classi di età (8,5%).

20 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO TABELLA 7 AVVIAMENTI DI DISABILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER PERCENTUALE DI INVALIDITÀ E TIPOLOGIA DI UTENZA. VALORI %. ANNI Invalido civile Invalido del lavoro Sordomuto Totale DA 46 A 66% 60,0 92,9 0,0 58,7 DA 67 A 79% 27,2 0,0 0,0 25,1 OLTRE IL 79% 12,9 7,1 100,0 14,2 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 Dal punto di vista della distribuzione degli avviamenti in rapporto alla percentuale di invalidità, l analisi evidenzia che il 58,7% dei casi si colloca nella fascia fra il 46% e il 66% di invalidità; per circa un quarto la limitazione della capacità lavorativa va da un minimo del 67% ad un massimo del 79%, mentre per il 14,2% essa supera tale soglia. Nel 6,6% dei casi - dove sono compresi tutti i sordomuti - si arriva al 100%. Se consideriamo le tipologie contrattuali, invece, l analisi fa emergere come gli avviamenti attraverso il collocamento mirato avvengano assai frequentemente attraverso un contratto a tempo indeterminato, con circa il 60% dei casi. Il 36,1% delle assunzioni avviene, invece, mediante un contratto a termine. Poco utilizzate, infine, sono le forme dell apprendistato e del contratto di inserimento. Inoltre, oltre il 45% delle assunzioni risulta a tempo parziale, con un valore che scende al 39,8% in riferimento ai contratti a tempo indeterminato. L analisi della contrattualistica utilizzata per le assunzioni non sembra mettere in evidenza particolari connessioni con le caratteristiche socio-anagrafiche dei lavoratori; più che altro, la probabilità di essere assunto a tempo indeterminato sembra essere maggiormente correlata alla tipologia di utenza e alla percentuale di invalidità. Infatti, se si considera la tipologia di utenza (Figura 11), i dati mostrano come tutti i centralinisti non vedenti siano stati avviati al lavoro mediante il tempo indeterminato; allo stesso modo per gli invalidi civili e i sordomuti ci si attesta o si supera addirittura la soglia del 60% di assunzioni mediante questa modalità. D altro canto, esaminando la percentuale di invalidità (Figura 12) si osserva come a fronte di una maggiore riduzione della capacità lavorativa, l incidenza dei contratti standard arriva ad essere del 68,4%, un valore di oltre dieci punti più alto se confrontato con quello rilevato per chi ha una percentuale di invalidità più contenuta.

21 PROVINCIA DI LIVORNO 21 FIGURA 11 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPO DI CONTRATTO E TIPOLOGIA DI UTENZA. VALORI %. ANNI FIGURA 12 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPO DI CONTRATTO E PERCENTUALE DI INVALIDITÀ. VALORI %. ANNI

22 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO Focalizzando l attenzione sui settori di appartenenza delle imprese che hanno avviato persone iscritte al collocamento mirato, la Figura 13 mostra che il 45,8% degli interessati è stato assunto da realtà imprenditoriali operanti nel comparto dei servizi privati, cui seguono coloro che sono stati inseriti in contesti industriali, con un 24,2%. Più che apprezzabile anche la quota che si rileva tanto per il commercio (15,1%), quanto per la Pubblica Amministrazione (14,7%). Dal punto di vista della ripartizione per genere, nel settore dei servizi, della Pubblica Amministrazione e del commercio, sono presenti in proporzioni maggiori le donne, contrariamente a quanto accade per l industria. A ben vedere si tratta di una dinamica del tutto equivalente a quella che si deduce considerando la popolazione occupata in generale. FIGURA 13 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER SETTORE ECONOMICO DELL IMPRESA E GENERE. VALORI %. ANNI Infine, rapportando i dati sia al settore economico che alla percentuale di invalidità (Figura 14), si vede come i servizi rappresentino il settore di maggiore

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SESTA RELAZIONE AL PARLAMENTO SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 12 MARZO 1999, N. 68 NORME PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI ANNI 2010 2011 Presentazione

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L alla Gazzetta Ufficiale 23 marzo 1999) con le modifiche apportate dalla Legge 28 giugno

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli