IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO"

Transcript

1 Unione Europea Fondo Sociale Europeo IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO NOTE DI APPROFONDIMENTO settembre 2013

2

3 PROVINCIA DI LIVORNO 3 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO 1. LA LEGGE 68/99: ALCUNI CENNI La Legge 12 marzo 1999 n. 68 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili), intende garantire anche alle persone disabili il diritto all inserimento e all integrazione lavorativa, offrendo un insieme di articolati ed adeguati servizi di sostegno. Si applica a quattro tipologie di cittadini disabili: le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai disabili intellettivi, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%; le persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%; le persone non vedenti o sorde; le persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio 1. In aggiunta, fra i beneficiari della Legge 68/99 rientrano gli orfani e i cogniugi superstiti di coloro che sono deceduti per cause di lavoro, servizio o guerra o i coniugi e i figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di lavoro, servizio o guerra, i profughi, nonché i soggetti individuati dalla Legge 23 novembre 1998, n. 407 (Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata). Il complesso sistema di sostegno volto ad inserire proficuamente la persona disabile nel contesto produttivo del Paese, è costituito da una serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto più consono alle rispettive inclinazioni e attitudini attraverso l analisi dei posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, nonchè strumenti e relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione (collocamento mirato). Gli uffici competenti provvedono (in accordo con i servizi sociali, sanitari, educativi e formativi del territorio) alla programmazione, all attuazione e alla verifica degli interventi volti a favorire l inserimento dei soggetti, nonché all avviamento lavorativo, alla tenuta delle liste, al rilascio delle autorizzazioni, degli esoneri e delle compensazioni territoriali, alla stipula delle convenzioni, ecc.. 1) L accertamento delle condizioni di disabilità è svolto dalle commissioni previste dalla legge 104/92

4 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO La Legge 68/99 impone ai datori di lavoro pubblici e privati di assumere alle dipendenze lavoratori disabili in una quota pari al 7% dei lavoratori occupati, se occupano più di 50 dipendenti; due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti; un lavoratore, se hanno in forza da 15 a 35 dipendenti. Per i datori di lavoro privati che occupano da 15 a 35 dipendenti, tuttavia, l obbligo si applica solo in caso di nuove assunzioni. Secondo le modifiche introdotte dalla Legge 7 agosto 2012, n.134, si escludono i lavoratori assunti tramite collocamento obbligatorio, i soci di cooperative di produzione e lavoro, i dirigenti, i contratti di inserimento, i lavoratori assunti con contratti di somministrazione, i lavoratori assunti per attività all estero (per la corrispondente durata), i Lavoratori Socialmente Utili (LSU), i lavoratori a domicilio, i lavoratori che hanno svolto lavoro non riconosciuto, gli apprendisti e gli assunti con contratto a tempo determinato fino a 6 mesi. In caso di inadempimento, sono previste sanzioni amministrative disposte dalle direzioni provinciali del lavoro. I relativi introiti sono destinati ad un Fondo regionale per l occupazione dei disabili 2. Trascorsi sessanta giorni dalla data di obbligo di assunzione, per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta la quota dell obbligo, il datore di lavoro è tenuto al versamento, di una somma giornaliera per ciascun lavoratore disabile che risulti non occupato nella medesima giornata. Tuttavia, i datori di lavoro che, per le speciali condizioni della loro attività non possono occupare l intera percentuale dei disabili hanno la facoltà di fare domanda ed essere esonerati a condizione di versare al Fondo Regionale un contributo esonerativo di Euro 30,64 per ogni giorno lavorativo e per ciascuna categoria protetta non assunta. L esonero si ottiene solo in presenza di adeguata motivazione. Inoltre, è prevista la sospensione dell obbligo nei confronti delle imprese che si trovano nelle seguenti situazioni:» imprese in ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale con intervento straordinario di integrazione salariale;» imprese in situazione dichiarata di fallimento, in liquidazione;» imprese che stipulano contratti di solidarietà; 2) Le Regioni istituiscono il Fondo regionale per l occupazione dei disabili, da destinare al finanziamento dei programmi regionali di inserimento lavorativo e dei relativi servizi. Al Fondo sono destinati gli importi derivanti dalla irrogazione delle sanzioni amministrative previste dalle legge 68/99 e i contributi versati dai datori di lavoro, nonché il contributo di fondazioni, enti di natura privata e soggetti comunque interessati.

5 PROVINCIA DI LIVORNO 5» imprese in mobilità limitatamente alla durata della mobilità. Per un ulteriore periodo di 6 mesi qualora la procedura si concluda con il licenziamento di almeno cinque lavoratori;» in attesa di ricevere l autorizzazione, può essere concessa la sospensione per un periodo non superiore a tre mesi, rinnovabile una sola volta. La Legge 68/99 prevede anche una serie di agevolazioni. Infatti, ai sensi dell art.11 L. 68/99 gli uffici possono stipulare convenzioni con il datore di lavoro per l inserimento dei disabili, stabilendo tempi e modalità di assunzione (facoltà di scelta nominativa, svolgimento di tirocini, assunzione con contratto a termine, periodi di prova più ampi). Inoltre, a seguito della stipula una convenzione, un azienda può beneficiare, ai sensi dell art. 13 L. 68/99, dei seguenti contributi all assunzione:» nella misura non superiore al 60% del costo salariale, per ogni lavoratore disabile assunto a tempo indeterminato, che abbia una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria previste dal decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni, ovvero con handicap intellettivo e psichico, indipendentemente dalle percentuali di invalidità;» nella misura non superiore al 25% del costo salariale, per ogni lavoratore disabile assunto a tempo indeterminato, che abbia una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% e il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria di cui al succitato decreto;» il rimborso forfettario parziale delle spese necessarie alla trasformazione del posto di lavoro per renderlo adeguato alle possibilità operative dei disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 50% o per l apprestamento di tecnologie di telelavoro ovvero per la rimozione delle barriere architettoniche che limitano in qualsiasi modo l integrazione lavorativa del disabile. 2. ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO Nel corso del triennio , le persone iscritte al collocamento mirato della Provincia di Livorn o ammontano a unità, di cui i disabili rappresentano la netta maggioranza con il 93,0%.

6 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO I soggetti appartenenti alle categorie protette (art. 18) sono complessivamente 106 e rappresentano il restante 7,0% del totale. Considerando solo la disabilità pari al 100% cioè 1581, quelle caratterizzate da un invalid ità civile sono 1.423, pari al 96,5%, mentre una minore consistenza viene assunta dal gruppo degli invalidi del lavoro con 38 unità. Le iscrizioni effettuate nel periodo oggetto di osservazione sono sostanzialmente equidistribuite a seconda del genere, giacché si realizza un flusso di 793 unità per gli uomini e di 788 unità per le donne. Tuttavia, la quota assunta dalle due componenti varia in modo significativo in relazione a determinati gruppi di utenza: quella maschile risulta prevalente fra gli invalidi del lavoro con l 89,5%, mentre le donne rappresentano il 58,5%. Negli anni è incrementato il numero di soggetti che si iscrivono annualmente negli elenchi del collocamento mirato della Provincia di Livorno, passando da 499 unità del 2009 a 512 unità del 2010 e, infine, a 570 unità del In altre parole, dal 2009 al 2011 le iscrizioni sono aumentate di 71 unità, pari ad una variazione percentuale del +14,2%. Questa crescita, peraltro, è da imputare quasi esclusivamente alla componente femminile, con un aumento da 229 a 305 unità (+76 unità, pari al +33,2%); per gli uomini, invece, si delinea un flusso in lievissima diminuzione. TABELLA 1 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI TOTALE M F T M F T M F T M F T INVALIDI CIVILI DI CUI EXTRACOMUNITARI INVALIDI DEL LAVORO SORDOMUTI INVALIDI PER SERVIZIO CENTRALINISTI NON VEDENTI TOTALE DISABILI CATEGORIE PROTETTE ART TOTALE ISCRIZIONI

7 PROVINCIA DI LIVORNO 7 Complessivamente le iscrizioni hanno interessato disabili di origine extracomunitaria in 57 casi (pari al 3,6% del totale e al 4,0% delle iscrizioni riguardanti invalidi civili); in aggiunta, il relativo flusso risulta in continua ascesa giacché da un livello di 15 unità nel 2009 si è passati ad uno di 26 nel 2011 (+73,3%). FIGURA 1 VARIAZIONI % DEL FLUSSO DELLE ISCRIZIONI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. ANNI 2009 E Per quanto concerne gli invalidi civili, sebbene limitatamente al 2011, sono disponibili ulteriori informazioni quali l età e la percentuale di invalidità che ci supportano in un ulteriore approfondimento di analisi e riflessione. In particolare, come si evince dalla successiva Tabella 2, nella maggior parte dei casi l iscrizione ha riguardato una persona adulta dal momento che il 47,7% ha fra 41 e 55 anni, mentre un ulteriore 8,4% possiede un età ancora più elevata. I giovani costituiscono, invece, il gruppo meno presente con l 11,5%. In relazione alla distribuzione per classe di età si notano alcune differenze di genere: fra le donne sale il peso della seconda fascia (36,0% versus 28,0% dei maschi), mentre fra gli uomini rivestono una maggiore consistenza le fasce più

8 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO adulte, in particolare la terza fascia che incide per oltre la metà dei casi (50,4% versus 45,5% delle donne). TABELLA 2 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI DI INVALIDI CIVILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CLASSE DI ETÀ E GENERE. VALORI ASSOLUTI E %. ANNO V.A. % M F T M F T ,9 11,3 11, ,0 36,0 32, ,4 45,5 47,7 OLTRE ,7 7,3 8,4 TOTALE ,0 100,0 100,0 Prendiamo ora in considerazione l informazione relativa alla percentuale di invalidità (Tabella 3): per il 61,3% del totale essa oscilla fra il 46% e il 66%; per il 24,9% la riduzione della capacità lavorativa è compresa fra il 67% e il 79%, mentre per il 13,9% è addirittura superiore. Fra le donne si riscontra una maggiore presenza di soggetti con un grado di invalidità più basso contrariamente a quanto avviene per gli uomini, per i quali l incidenza di chi ha un invalidità superiore al 79% pesa per il 17,4%. TABELLA 3 FLUSSO DELLE ISCRIZIONI DI INVALIDI CIVILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER PERCENTUALE DI INVALIDITÀ E GENERE. VALORI ASSOLUTI E %. ANNO V.A. % M F T M F T DA 46 A 66% ,1 64,0 61,3 DA 67 A 79% ,6 25,1 24,9 OLTRE IL 79% ,4 10,9 13,9 TOTALE ,0 100,0 100,0

9 PROVINCIA DI LIVORNO 9 Dopo aver esaminato come è variato il flusso delle iscrizioni alle liste del collocamento mirato nel corso dell intervallo di tempo considerato nell analisi, nella Tabella 4 si focalizza l attenzione sugli aggregati di stock, vale a dire sull insieme dei soggetti che, alla fine di un determinato periodo (in questo caso l anno), risultano iscritti all elenco introdotto dalla Legge 68/99. Al 31 dicembre 2011 la suddetta lista conteneva soggetti; in prevalenza, si tratta di persone disabili, in particolare, di invalidi civili. Una marcata contrazione dello stock si profila fra il 2009 e l anno successivo giacché si passa da a unità. Nel 2011, al contrario, si delinea un trend del tutto differente con un volume di iscritti nuovamente in ascesa (+361, per un +10,6%) ed una variazione trasversale sia per genere che per tipologia di utenza. TABELLA 4 STOCK DEGLI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CATEGORIA DI UTENZA E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI M F T M F T M F T INVALIDI CIVILI INVALIDI DEL LAVORO TOTALE DISABILI CATEGORIE PROTETTE TOTALE ISCRITTI Per quanto riguarda le categorie protette, alla fine del 2011 sono iscritte al collocamento mirato 209 persone, di cui la maggior parte (quasi il 60%) è costituta da vedove e orfani di deceduti per causa di lavoro, cui seguono con il 17,2% gli orfani e le vedove di deceduti per causa di servizio. Al di sopra del 10% si collocano i profughi, gli orfani e vedove di deceduti per causa di guerra. All interno di questo sottoinsieme assume una particolare rilevanza la componente femminile dal momento che ad essa fanno riferimento i due terzi del totale degli iscritti. La successiva Figura 2 mostra la distribuzione dello stock degli iscritti al collocamento mirato in Provincia di Livorno rispetto alle categorie protette.

10 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 2 CATEGORIE PROTETTE: STOCK DEGLI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO. VALORI %. ANNO LA PRESA IN CARICO DELLE PERSONE DISABILI Nella definizione specifica, la presa in carico è l assunzione di responsabilità collegiale e integrata per cui i servizi competenti si fanno carico di elaborare il progetto personalizzato, definire il percorso assistenziale, individuare le risorse necessarie, monitorare la realizzazione degli interventi e valutare i risultati. Essa prevede la progettazione di un percorso personalizzato basato su modalità condivise e confrontabili, tale per cui alla valutazione del bisogno (corredata da fattori osservabili e misurabili) possa far seguito la definizione degli interventi e dei risultati attesi. Si tratta, in definitiva, di un intervento globale che riguarda non solo la persona disabile, ma tutti i sistemi di riferimento (familiare, scolastico, sociale) che ruotano intorno ad essa.

11 PROVINCIA DI LIVORNO 11 La Tabella 5 riporta i dati relativi ai servizi che sono stati erogati a favore degli utenti iscritti al collocamento mirato, disaggregati per Centro per l Impiego. In particolare essi comprendono gli incontri con gli iscritti alla Legge 68/99 per orientamento, sostegno e consulenza, incrocio fra domanda ed offerta di lavoro, servizio di preselezione ai fini dell assunzione, ma anche servizi di consulenza per le aziende. Complessivamente, nel corso del triennio sono stati erogati servizi a fronte di aventi diritto (in media, dunque, ciascun avente diritto ha usufruito di 1,4 servizi). A predominare sono le attività del Centro per l Impiego di Livorno, a cui fa capo l erogazione di servizi (pari a circa il 60% del totale); segue Rosignano con il 20,4%, mentre al terzo e al quarto posto si collocano, rispettivamente, Piombino con il 12,2% e Portoferraio con l 8,3%. È opportuno evidenziare come il rapporto fra servizi ed aventi diritto sia soggetto ad una leggera variazione a seconda del Centro per l Impiego, dal momento che si va da un minimo di 1,2 per Portoferraio ad un massimo di 1,5 per Livorno. TABELLA 5 SERVIZI EROGATI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CENTRO PER L IMPIEGO E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI Servizi M F T Aventi diritto Servizi Aventi diritto Servizi Aventi diritto LIVORNO ROSIGNANO PIOMBINO PORTOFERRAIO TOTALE La distribuzione per Centro per l Impiego varia in maniera rilevante, invece, a seconda del genere. Per gli uomini, infatti, quello di Livorno pesa per il 65,9%, mentre per le donne si registra una misura sensibilmente più contenuta e pari ad un 51,5%. Fra quest ultime, pertanto, sale l incidenza relativa dei restanti Centri per l Impiego, specie di quello di Rosignano, che arriva al 25,9%.

12 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 3 SERVIZI EROGATI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER ANNO DI EROGAZIONE. VALORI ASSOLUTI. ANNI L evoluzione nel tempo del volume dei servizi erogati e degli aventi diritto consente di delineare lo sforzo effettuato dagli operatori della Provincia di Livorno per offrire agli utenti iscritti al collocamento mirato un servizio integrato e qualitativamente elevato. Infatti, mentre gli aventi diritto sono aumentati di 387 unità (+35,8%), il tasso di crescita dei servizi è stato più sostenuto, con 700 unità in più (+46,7%). Questa dinamica caratterizza quasi tutti i Centri per l Impiego, eccezion fatta per Portoferraio, il cui saggio di incremento degli aventi diritto è stato maggiore di quello dei servizi. In termini di servizio, un importante attività erogata a favore delle persone presenti nelle liste del collocamento mirato è rappresentata dai colloqui che vertono, specificatamente, sulla definizione della capacità lavorativa e sulla redazione della scheda lavorativa dei soggetti iscritti. Nel triennio esaminato ne sono stati effettuati a fronte di aventi diritto; come in precedenza, anche in questo caso la maggior parte dei colloqui, in termini di valore assoluto, è stata erogata dal Centro per l Impiego di Livorno. In quasi tutti i casi, il numero dei

13 PROVINCIA DI LIVORNO 13 colloqui supera quello degli aventi diritto, con una media che si attesta ad 1,1 colloquio per avente diritto. Sopra tale media si colloca in particolare Piombino (1,5). L unica eccezione è rappresentata da Portoferraio, per il quale si registra una perfetta corrispondenza fra colloqui e soggetti. TABELLA 6 COLLOQUI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CENTRO PER L IMPIEGO E GENERE. VALORI ASSOLUTI. ANNI Colloqui M F T Aventi diritto Colloqui Aventi diritto Colloqui Aventi diritto LIVORNO ROSIGNANO PIOMBINO PORTOFERRAIO TOTALE FIGURA 4 COLLOQUI ED AVENTI DIRITTO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER ANNO DI EROGAZIONE. VALORI ASSOLUTI. ANNI

14 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO Contrariamente a quanto visto per i servizi, se si analizza la serie storica, si evidenzia come il numero dei colloqui realizzati abbia subito una contrazione nel corso del tempo di circa il -10,4%. Si tratta, in aggiunta, di una riduzione più marcata di quella che contraddistingue gli aventi diritto, per i quali si ha un -9,3%. A livello di Centro per l Impiego, però, si può osservare il dato in controtendenza di Rosignano, per il quale si delinea un aumento sia dei colloqui che dei soggetti che ne beneficiano. 4. GLI AVVIAMENTI Quello degli avviamenti è un interessante parametro di analisi e lettura del collocamento mirato, sia in termini sistemici che funzionali. Per tale motivo di seguito viene riportata un analisi degli avviamenti nella Provincia di Livorno nel periodo In particolare sono state prese in considerazione sia le assunzioni avvenute con chiamata nominativa, che quelle con chiamata numerica: nel primo caso è l azienda che identifica la persona da inserire 3, mentre nel secondo il datore di lavoro fa riferimento alle liste reperibili presso i Centri per l Impiego. Innanzitutto partiamo dal dato complessivo. Nel corso del quadriennio analizzato, gli avviamenti di persone iscritte al collocamento mirato ammontano a 443 unità, realizzate nella maggior parte dei casi (78,6%) attraverso la chiamata nominativa. La Figura 5 evidenzia come fra il 2010 e il 2011 si sia registrata una riduzione da 128 a 100 unità. L ultimo anno, al contrario, fa denotare un inversione di tendenza, sebbene di modesta entità. Indubbiamente la contrazione rilevata è legata agli effetti della recessione che ha diminuito la platea di aziende che hanno l obbligo di assumere persone in disabilità o appartenenti a categorie protette in ottemperanza alla normativa vigente. 3) Le aziende che hanno tra i 15 e i 35 dipendenti possono utilizzare la chiamata nominativa per l individuazione del lavoratore. Quelle tra i 36 e i 50 dipendenti, invece, possono inserire un lavoratore disabile con chiamata nominativa ma per l altro devono ricorrere alla chiamata numerica. Le aziende con più di 50 dipendenti possono inserire il 60% dei dipendenti con chiamata nominativa e il restante 40% con quella numerica.

15 PROVINCIA DI LIVORNO 15 FIGURA 5 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI ASSUNZIONE ED ANNO DI AVVIAMENTO. VALORI ASSOLUTI. ANNI Se si esamina il flusso delle assunzioni per tipologia, in tutti e due i casi si ha una crescita nel passaggio dal 2009 al Nel periodo immediatamente successivo, invece, si evidenziano fluttuazioni piuttosto differenti: per la chiamata nominativa si ha un trend in costante ribasso, mentre per quella numerica si ha una flessione fra il 2010 e il 2011, seguita da una nuova ascesa nel corso del 2012, in corrispondenza della quale si tornano a raggiungere i livelli del Rispetto alla provenienza è interessante sottolineare come solo 7 unità siano rappresentate da extracomunitari. In merito alla distribuzione di genere, inoltre, del totale delle assunzioni il 47,0% fa riferimento alla componente femminile. Va notato come l andamento sia più variabile per gli uomini, per i quali si passa da 71 unità nel 2010 a 45 unità nel 2011 e a 53 unità nel Per le donne, invece, se si considera il triennio, si ha una maggiore stazionarietà delle assunzioni, le quali oscillano fra le 60 e le 50 unità, facendo tuttavia registrare un trend in continua decrescita.

16 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 6 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER GENERE DEGLI ASSUNTI ED ANNO DI AVVIAMENTO. VALORI ASSOLUTI. ANNI Analizziamo con più dettaglio le caratteristiche dei lavoratori coinvolti nelle comunicazioni di assunzione. Dal punto di vista anagrafico è possibile evidenziare che il 44,2% ha riguardato persone con un età compresa fra 41 e 55 anni, mentre il 38,6% ha fra i 27 e i 40 anni. Meno rilevanti le fasce agli estremi della distribuzione, soprattutto quella più adulta che arriva a pesare solamente per il 6,8% del totale. Complessivamente, dunque, si tratta di una popolazione caratterizzata da un età media elevata, pari a circa 40 anni. La distribuzione appena richiamata varia leggermente in base al genere, dal momento che fra gli uomini è più marcata la presenza dei soggetti più adulti (+4,6 punti percentuali rispetto alle donne), contrariamente a quanto accade per la terza fascia di età (41-55 anni), dove la componente maschile presenta un gap di -4,1 punti percentuali rispetto a quella femminile. In particolare, come mostra la Figura 7, per la classe di età gli avviamenti di iscritti al collocamento mirato vedono una presenza del 42,1% di uomini e del 46,2% di donne. Al contrario, per chi ha 55 o più anni, la percentuale dei maschi si attesta all 8,9% e quella delle donne al 4,3%.

17 PROVINCIA DI LIVORNO 17 FIGURA 7 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER CLASSE DI ETÀ E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI Per quanto riguarda i livelli di scolarità, invece, la successiva Figura 8 mostra come quasi la metà dei soggetti (49,4%) ha portato a termine la scuola dell obbligo, mentre il 35,0% ha conseguito un diploma di scuola superiore e il 7,7% un diploma di qualifica. Decisamente contenuta, invece, la quota di soggetti in possesso di un titolo universitario (vecchio o nuovo ordinamento) con il 3,8% del totale. Incrociando i dati con la variabile di genere, inoltre, si evidenzia che fra le donne è più frequente aver conseguito un diploma di scuola superiore (10,6% rispetto al 5,1% dei maschi) o un diploma di qualifica (38,9% contro il 31,5% dei maschi). Allo stesso tempo i dati mostrano che in riferimento alla scuola dell obbligo, la differenza fra la componente maschile e quella femminile è piuttosto elevata, con un distacco di quasi 11 punti percentuali a favore della prima.

18 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO FIGURA 8 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TITOLO DI STUDIO E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI FIGURA 9 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI UTENZA E GENERE DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI

19 PROVINCIA DI LIVORNO 19 In riferimento alla tipologia di utenti, la Figura 9 mostra che l 84% delle assunzioni ha riguardato invalidi civili. Il secondo gruppo più numeroso è costituito dai soggetti appartenenti alle categorie protette con il 9,3%, mentre del tutto residuali sono le assunzioni che si riferiscono a centralinisti non vedenti, invalidi del lavoro e sordomuti. In aggiunta, la distribuzione per tipologia di invalidità non varia eccessivamente a seconda del genere. FIGURA 10 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPOLOGIA DI UTENZA E CLASSE DI ETÀ DEGLI ASSUNTI. VALORI %. ANNI Rispetto all età, (Figura 10), la distribuzione per tipologia di utenza che si differenzia in maniera sostanziale da quella complessiva è quella relativa ai più giovani. In questo caso, infatti, il peso degli invalidi civili scende a due terzi (66%), mentre superano la soglia del 10% i sordomuti e soprattutto le categorie protette (14,9%). Anche i centralinisti non vedenti presentano un incidenza maggiore rispetto alle altre classi di età (8,5%).

20 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO TABELLA 7 AVVIAMENTI DI DISABILI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER PERCENTUALE DI INVALIDITÀ E TIPOLOGIA DI UTENZA. VALORI %. ANNI Invalido civile Invalido del lavoro Sordomuto Totale DA 46 A 66% 60,0 92,9 0,0 58,7 DA 67 A 79% 27,2 0,0 0,0 25,1 OLTRE IL 79% 12,9 7,1 100,0 14,2 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 Dal punto di vista della distribuzione degli avviamenti in rapporto alla percentuale di invalidità, l analisi evidenzia che il 58,7% dei casi si colloca nella fascia fra il 46% e il 66% di invalidità; per circa un quarto la limitazione della capacità lavorativa va da un minimo del 67% ad un massimo del 79%, mentre per il 14,2% essa supera tale soglia. Nel 6,6% dei casi - dove sono compresi tutti i sordomuti - si arriva al 100%. Se consideriamo le tipologie contrattuali, invece, l analisi fa emergere come gli avviamenti attraverso il collocamento mirato avvengano assai frequentemente attraverso un contratto a tempo indeterminato, con circa il 60% dei casi. Il 36,1% delle assunzioni avviene, invece, mediante un contratto a termine. Poco utilizzate, infine, sono le forme dell apprendistato e del contratto di inserimento. Inoltre, oltre il 45% delle assunzioni risulta a tempo parziale, con un valore che scende al 39,8% in riferimento ai contratti a tempo indeterminato. L analisi della contrattualistica utilizzata per le assunzioni non sembra mettere in evidenza particolari connessioni con le caratteristiche socio-anagrafiche dei lavoratori; più che altro, la probabilità di essere assunto a tempo indeterminato sembra essere maggiormente correlata alla tipologia di utenza e alla percentuale di invalidità. Infatti, se si considera la tipologia di utenza (Figura 11), i dati mostrano come tutti i centralinisti non vedenti siano stati avviati al lavoro mediante il tempo indeterminato; allo stesso modo per gli invalidi civili e i sordomuti ci si attesta o si supera addirittura la soglia del 60% di assunzioni mediante questa modalità. D altro canto, esaminando la percentuale di invalidità (Figura 12) si osserva come a fronte di una maggiore riduzione della capacità lavorativa, l incidenza dei contratti standard arriva ad essere del 68,4%, un valore di oltre dieci punti più alto se confrontato con quello rilevato per chi ha una percentuale di invalidità più contenuta.

21 PROVINCIA DI LIVORNO 21 FIGURA 11 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPO DI CONTRATTO E TIPOLOGIA DI UTENZA. VALORI %. ANNI FIGURA 12 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER TIPO DI CONTRATTO E PERCENTUALE DI INVALIDITÀ. VALORI %. ANNI

22 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO Focalizzando l attenzione sui settori di appartenenza delle imprese che hanno avviato persone iscritte al collocamento mirato, la Figura 13 mostra che il 45,8% degli interessati è stato assunto da realtà imprenditoriali operanti nel comparto dei servizi privati, cui seguono coloro che sono stati inseriti in contesti industriali, con un 24,2%. Più che apprezzabile anche la quota che si rileva tanto per il commercio (15,1%), quanto per la Pubblica Amministrazione (14,7%). Dal punto di vista della ripartizione per genere, nel settore dei servizi, della Pubblica Amministrazione e del commercio, sono presenti in proporzioni maggiori le donne, contrariamente a quanto accade per l industria. A ben vedere si tratta di una dinamica del tutto equivalente a quella che si deduce considerando la popolazione occupata in generale. FIGURA 13 AVVIAMENTI DI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO, PER SETTORE ECONOMICO DELL IMPRESA E GENERE. VALORI %. ANNI Infine, rapportando i dati sia al settore economico che alla percentuale di invalidità (Figura 14), si vede come i servizi rappresentino il settore di maggiore

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette,

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, # SYNERGIE68 #Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, disabili e sul loro inserimento lavorativo.

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 1 dicembre 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego Allegato 2 (Da presentare in triplice copia) PROT. DEL CONVENZIONE DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA PER L AVVIAMENTO DI DISABILI CHE PRESENTANO PARTICOLARI CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA DI INSERIMENTO NEL CICLO

Dettagli

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15 Federico CONTI Genova 07 Aprile 2016 Employers Day Azioni di sostegno per l attuazione sul territorio delle politiche del lavoro

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n.

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. 333/2000 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 27 febbraio

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI NOTA INFORMATIVA INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI Art. 13 della Legge 68/99 riguardano assunzioni a tempo indeterminato o trasformazioni a tempo indeterminato di contratti a termine 1. SOGGETTI DESTINATARI Datori

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale INTRODUZIONE Il Prospetto Informativo Aziendale La disciplina sul diritto al lavoro dei disabili, legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che tutti i datori

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro Guiida siintetiica all collllocamento miirato deii diisabiillii Pagina 1 di 5 CIITTADIINII IINTERESSATII

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa Promuovere l occupazione delle persone disabili significa accrescere il benessere socio-economico dell intera collettività. Su questo

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni San Michele all Adige, 3 giugno 2015 L

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare Legge 68/99 LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT M ONZA 8 OT TOBRE 2015 Legge 10 dicembre 2014, n. 183 (Jobs Act) Il governo è delegato ad adottare

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Il collocamento obbligatorio

Il collocamento obbligatorio Vantaggi, convenzioni, obblighi e procedure Il collocamento obbligatorio Il collocamento obbligatorio ha come disposizione cardine la L.68 del 12 marzo 1999, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale serie generale

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre MISURE/64 1 Ottobre Introduzione Nel la regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

LIFC - QUALITA DELLA VITA

LIFC - QUALITA DELLA VITA 1 Dando per scontato che la persona con FC è già a conoscenza dei suoi diritti e delle leggi che lo tutelano: 2 Dando per scontato che la persona FC ha concluso il percorso di studi ed è pronto per entrare

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Modello di convenzione programmatica convenzione ai sensi dell art.11 (commi 1, 2 e 4) Legge 68/99. Il giorno presso. Tra LA PROVINCIA DI

Modello di convenzione programmatica convenzione ai sensi dell art.11 (commi 1, 2 e 4) Legge 68/99. Il giorno presso. Tra LA PROVINCIA DI PROVINCIA DI LIVORNO DIPARTIMENTO DELLE CULTURE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO Unità di Servizio LAVORO Via G. Galilei, 40 57100 LIVORNO Tel. 0586/257527-554 Fax 0586/449623 Modello di convenzione programmatica

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Area della dirigenza Settembre 2007 Rapporto previsto dall art. 46, comma 3 del D.Lgs 30 marzo 2001 n.165

Dettagli

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Progetti di Inclusione sociale e Inserimento lavorativo Sambuca di Sicilia (AG) 23 Marzo 2012 Presentazione Politiche e servizi

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

Il Mezzogiorno usufruisce solo del restante 16,2%

Il Mezzogiorno usufruisce solo del restante 16,2% Il rapporto elaborato dall Ufficio Studi Confartigianato relativamente all andamento del credito nel nostro Paese evidenzia una serie di criticità particolarmente accentuate per ciò che concerne la capacità

Dettagli

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Nota a cura di Lorenzo Lusignoli 1. Alcune considerazioni sulla ripartizione delle risorse Gli effetti

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ARTE LICEO ARTISTICO STATALE G.de Chirico TORRE ANNUNZIATA (NA) ORDINE DI SERVIZIO N. Prot. n. 3682 A32 Torre Annunziata 17 /7/2013

ISTITUTO STATALE D ARTE LICEO ARTISTICO STATALE G.de Chirico TORRE ANNUNZIATA (NA) ORDINE DI SERVIZIO N. Prot. n. 3682 A32 Torre Annunziata 17 /7/2013 ISTITUTO STATALE D ARTE LICEO ARTISTICO STATALE G.de Chirico TORRE ANNUNZIATA (NA) ORDINE DI SERVIZIO N Prot. n. 3682 A32 Torre Annunziata 17 /7/2013 A TUTTO IL PERSONALE Albo Sito Web OGGETTO: DISPONIBILITA

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it Provincia di Pavia SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it CONVENZIONE EX ART. 11, COMMA 5, LEGGE 68/99 PREMESSO CHE:

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

Indicatori delle risorse umane

Indicatori delle risorse umane Indicatori delle risorse umane Migros si impegna con passione a favore di un clima lavorativo motivante e orientato alla produttività, e offre un ampia gamma di incarichi in diverse funzioni e professioni.

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro CRITERI ATTUAZIONE CONVENZIONI CON LE AZIENDE PRIVATE ------------ P R E M E S S A Nel disegnare queste linee guida per la stipula delle Convenzioni

Dettagli

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011 Trani, 11/05/2011 OGGETTO: Pubblicazione FAQ Si pubblica un elenco di FAQ (Frequently Asked Questions) dei Centri per l Impiego, cioè domande che vengono poste più di frequente agli sportelli, al fine

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO.

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. Debhorah Di Rosa Anche quest anno è stato prorogato il termine per l invio, esclusivamente telematico, del prospetto informativo

Dettagli

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria 14-11-2015 Numero 15-14 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2014 1 Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria Jobs Act e sgravi contributivi

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili Dentro il mondo del lavoro I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili 1 2 Il Collocamento Mirato - (L.68/99) Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Le politiche regolative regionali in materia di offerta cinematografica

Le politiche regolative regionali in materia di offerta cinematografica Consiglio Regionale della Toscana Settembre 007 Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 8 a cura del Settore Analisi della normazione Le politiche regolative regionali in materia

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate Malgrado l occupazione femminile abbia registrato a partire dall inizio del 2000 un forte incremento, segnando tassi di crescita annui

Dettagli

I SERVIZI PER L IMPIEGOL

I SERVIZI PER L IMPIEGOL I SERVIZI PER L IMPIEGOL Assessore ai Servizi per l Impiegol Francesco Brendolise CONSIGLIO PROVINCIALE 6 LUGLIO 2012 SOSTEGNO AL REDDITO 1. MICROCREDITO 2. FONDO DI SOLIDARIETA 1. PROGETTO MICROCREDITO

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli