I CONTRATTI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONTRATTI DI LAVORO"

Transcript

1 I CONTRATTI DI LAVORO Sommario: 1. Il lavoro a tempo determinato 1.1 Il contratto di lavoro a tempo determinato 1.2 Le caratteristiche del contratto a tempo determinato 1.3 Il ruolo della contrattazione collettiva 1.4 La proroga del contratto 1.5 Sanzioni in caso di continuazione dopo la scadenza 1.6 Istituti applicabili al contratto a tempo determinato 2. Il lavoro stagionale 2.1 Il superamento dell orario normale 2.2 Precedenza nelle assunzioni 2.3 Computo dei lavoratori stagionali 2.4 Alcune particolarità degli istituti applicabili al lavoro stagionale 3. Il lavoro a tempo parziale 3.1 Il contratto di lavoro a tempo parziale 3.2 Le diverse forme del contratto a tempo parziale 3.3 La distribuzione dell orario di lavoro 3.4 La trasformazione del contratto da tempo pieno a parziale 3.5 Il ruolo della contrattazione collettiva 3.6 La funzione sociale e di incremento della forza lavoro del contratto a tempo parziale 3.7 Istituti applicabili al lavoro a tempo parziale 4. I contratti di formazione in alternanza 4.1 L apprendistato La formazione teorica Quando può essere stipulato il contratto di apprendistato Caratteristiche del contratto Alcune particolarità del rapporto La conclusione del contratto di apprendistato Istituti applicabili al contratto di apprendistato 4.2 Il contratto di formazione e lavoro 4.2.1Le diverse tipologie di contratto di formazione e lavoro Scadenza del contratto I diritti e gli obblighi del lavoratore assunto con CFL

2 4.2.4 Incentivi alla stipulazione di CFL Limiti all assunzione tramite CFL Istituti applicabili al CFL 5. Il lavoro a domicilio 5.1 Lavoro a domicilio autonomo 5.2 Lavoro a domicilio subordinato 5.3 Chi può essere lavoratore a domicilio 5.4 Iscrizione nel registro dei committenti 5.5 Obblighi e diritti delle parti 5.6 Istituti applicabili al lavoro a domicilio 6. I contratti di lavoro atipici: il lavoro interinale e il lavoro parasubordinato 6.1 Il lavoro interinale I rapporti contrattuali tra le parti del rapporto di lavoro interinale Caratteristiche del contratto di prestazione di lavoro interinale Caratteristiche del rapporto di lavoro interinale Casi di ammissibilità per il ricorso al lavoro interinale Divieti al ricorso al lavoro interinale Proroga del contratto di prestazione di lavoro interinale Il ruolo della contrattazione collettiva Apparato sanzionatorio Istituti applicabili al lavoro interinale 6.2 Il lavoro parasubordinato Requisiti del contratto Caratteristiche dei rapporti di parasubordinazione Istituti applicabili ai rapporti di parasubordinazione 1. Il lavoro a tempo determinato Il lavoro a tempo determinato è un contratto di lavoro subordinato la cui durata è già fissata dall'inizio attraverso l'apposizione al contratto di un termine di durata (art.1, L.230/62). Questo contratto può essere stipulato solo in determinate ipotesi, legate ad eventi temporanei e di durata limitata, per mantenere comunque la maggior parte di rapporti a tempo indeterminato. 1.1 Il contratto di lavoro a tempo determinato

3 Il contratto a tempo determinato deve avere obbligatoriamente forma scritta, altrimenti il contratto si considera a tempo indeterminato (non è però necessario precisare per iscritto le motivazioni che hanno indotto alla stipulazione di un contratto a termine). L obbligo della forma scritta si riferisce alla clausola di durata e non all intero contratto. A garanzia del lavoratore è previsto che gli sia consegnata una copia del contratto. Inoltre il datore di lavoro deve, prima ancora di stipulare il contratto di lavoro a tempo determinato, chiederne l'autorizzazione all'ispettorato del lavoro. Il rapporto di lavoro cessa alla scadenza del termine senza che sia necessaria alcuna dichiarazione di recesso unilaterale. Non è sempre possibile stipulare contratti a tempo determinato: alcune ipotesi sono indicate dalla legge, mentre altre sono presenti nei contratti collettivi. 1.2 Le caratteristiche del contratto a tempo determinato I lavoratori assunti a tempo determinato hanno i medesimi diritti ed obblighi dei lavoratori assunti a tempo indeterminato, con una importante eccezione: il contratto a tempo determinato può essere risolto solo per giusta causa e non anche per giustificato motivo. Hanno diritto inoltre allo stesso trattamento economico e giuridico, legale o di fatto, applicato nei confronti dei lavoratori assunti a tempo indeterminato (in proporzione al periodo lavorativo prestato), a meno che non sia incompatibile con il contratto a termine. E dovuto un premio di fine rapporto, proporzionato alla durata del contratto, e corrispondente all indennità di anzianità, prevista per i dipendenti a tempo indeterminato. 1.3 Il ruolo della contrattazione collettiva La contrattazione collettiva può introdurre nuove ipotesi di ricorso al lavoro a tempo determinato (L.56/87), stabilire percentuali massime di utilizzo di lavoratori a tempo determinato e fissare le durate dei contratti in base alle diverse esigenze (in ogni caso la durata dei contratti a tempo determinato non supera l'anno solare).

4 1.4 La proroga del contratto Il contratto a tempo determinato può essere rinnovato (prorogato) solo a determinate condizioni. È necessario infatti che vi sia: il consenso del lavoratore, esistente alla scadenza del contratto originario e desumibile anche da fatti concludenti (non è quindi necessario l atto scritto, ma è sufficiente che il lavoratore continui a lavorare dopo la scadenza del primo contratto); la manifestazione di esigenze contingenti e imprevedibili sopravvenute relative alla stessa attività che richiese l apposizione di un termine al contratto di lavoro (es. prolungamento del periodo di malattia del lavoratore sostituito, richiesta di astensione facoltativa da parte della lavoratrice madre). Il contratto a termine può essere prorogato non più di una volta e per un tempo non superiore alla durata del contratto iniziale. E il datore di lavoro che deve provare l esistenza dei requisiti formali e sostanziali richiesti dalla legge o dal contratto collettivo e l insorgenza di esigenze contingenti e imprevedibili nel caso di proroga del termine, al fine di dimostrare che il contratto a termine non è stato stipulato in frode alla legge. 1.5 Sanzioni in caso di continuazione del rapporto dopo la scadenza In caso di continuazione del contratto di lavoro a tempo determinato è prevista una maggiorazione della retribuzione per ogni giorno di continuazione del rapporto pari al 20% fino al decimo giorno successivo, al 40% per ciascun giorno ulteriore. Se il rapporto continua oltre il ventesimo giorno in caso di contratto di durata inferiore a 6 mesi ovvero oltre il trentesimo giorno negli altri casi, il contratto si considera a tempo indeterminato dalla scadenza di questi termini. Inoltre, qualora il lavoratore venga riassunto a termine entro un periodo di 10 ovvero 20 giorni dalla data di scadenza di un contratto di durata, rispettivamente, inferiore o superiore ai 6 mesi il secondo contratto si considera a tempo indeterminato (art.12 L.196/97 ).

5 1.6 Istituti applicabili al contratto a tempo determinato ISTITUTI APPLICABILI AL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO IstitutoApplicabilitàPrecisazioni Assicurazione per invalidità, vecchiaia, superstiti Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro SINe hanno diritto nella stessa misura dei lavoratori assunti a tempo indeterminato. SIIn caso di infortunio sul lavoro, il lavoratore è tenuto a fare richiesta all'inail per l'erogazione della prestazione. Trattamento economico di malattiasine ha diritto per un numero pari ai giorni lavorati nei 12 mesi immediatamente precedenti. Nel caso in cui i giorni lavorati siano meno di 30, ha diritto al massimo a 30 giorni di copertura assicurativa. MobilitàNO Cassa Integrazione Guadagni OrdinariaSI Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria MaternitàSISpetta indipendentemente dall'ammontare di contributi versati. Indennità di disoccupazionesispetta se sussistono i requisiti previsti dalla legge. Iscrizione al collocamentosiil lavoratore che presta la sua attività per meno di 4 mesi all'anno ha diritto a conservare l'iscrizione nella prima lista del collocamento. NO 2 Il lavoro stagionale Il lavoro stagionale è una forma di lavoro a tempo determinato, che viene stipulato per lo svolgimento di attività aventi carattere stagionale (art.1, co.2, L.230/62 e art.8 bis L.79/83).

6 Il contratto di lavoro stagionale ha le medesime caratteristiche del contratto a tempo determinato, di cui costituisce una tipologia. La stipulazione di contratti per attività stagionali è consentita unicamente per le attività stagionali elencate in uno specifico Decreto del Presidente della Repubblica (D.P.R. n.1525/63). 2.1 Il superamento dell orario normale Per il lavoro stagionale la legge ammette il superamento del limite legale di orario di lavoro, durante periodi dell anno specificatamente individuati. L orario di lavoro non deve superare le 10 ore giornaliere e le 60 settimanali, salvo accordi collettivi che stabiliscano limiti più elevati. In questo caso è necessario trasmettere questi accordi all Ispettorato del lavoro competente per territorio. 2.2 Precedenza nelle assunzioni I lavoratori stagionali hanno diritto di precedenza nelle assunzioni presso la stessa azienda e per la medesima qualifica. È necessario però che il lavoratore manifesti la sua volontà ad esercitare questo diritto entro 3 mesi dalla scadenza del contratto, sia al datore di lavoro che alla Sezione circoscrizionale per l impiego competente per territorio (art.9 bis, L.236/93). 2.3 Computo dei lavoratori stagionali In base al disposto dell art.9 bis della L.236/93 i lavoratori stagionali non concorrono a determinare la quota del 12% che il datore di lavoro deve riservare obbligatoriamente ad alcune categorie protette (disoccupati di lunga durata, lavoratori in mobilità, lavoratori appartenenti a determinate categorie individuate dalla Commissione Regionale per l Impiego). 2.4 Alcune particolarità degli istituti applicabili al lavoro stagionale I lavoratori stagionali godono degli stessi diritti visti per il tempo determinato, con alcune particolarità. Possono beneficiare del trattamento ordinario di disoccupazione, anche a requisiti ridotti, ma devono presentare domanda entro il

7 31 marzo dell anno successivo a quello di riferimento dell attività lavorativa svolta (art.7, co.5, L.160/88). L indennità è erogabile per un numero di giornate pari a quelle lavorate nell anno precedente e, in ogni caso, non superiore al numero di giornate ottenute sottraendo a 312 le giornate di trattamento di disoccupazione eventualmente godute e le quelle di lavoro prestato. In ogni caso non può essere erogata per più di 180 giorni. 3. Il lavoro a tempo parziale Il contratto di lavoro a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato il cui orario è inferiore a quello ordinario previsto per il lavoro a tempo pieno, considerando come periodo di riferimento il giorno, il mese o l'anno (art.5, L. 864/83). È quindi un lavoro a tempo parziale qualsiasi rapporto che preveda, mediamente, un orario di lavoro inferiore alle 40 ore settimanali. Il lavoro a tempo parziale non è considerato essere una forma di rapporto «speciale» in senso proprio, perché la semplice riduzione dell orario di lavoro non influisce sulla struttura del contratto, che rimane quindi un contratto di lavoro subordinato (si applica quindi la disciplina del lavoro subordinato nei casi non espressamente regolati dalla legge specifica in materia, ovvero la L.863/84). 3.1 Il contratto di lavoro a tempo parziale Il contratto a tempo parziale è applicabile a tutti gli ambiti del lavoro dipendente privato, mentre per il settore pubblico esiste una regolamentazione specifica. Solo recentemente è stata introdotta la possibilità di stipulare contratti a tempo parziale anche nel settore agricolo, previo intervento della contrattazione collettiva. Deve avere obbligatoriamente forma scritta, necessaria ad substanziam (significa che se non è redatto in forma scritta non si considera valido l intero contratto, anche se le interpretazioni sugli effetti della mancanza della forma scritta sono diverse). Inoltre, il contratto deve contenere l'indicazione della mansione svolta e la distribuzione dell orario di lavoro, con riferimento al giorno, settimana, mese ed anno. Una copia del contratto dev essere inviata all Ispettorato del lavoro a fini di controllo entro 30 giorni dall assunzione.

8 I lavoratori che intendono svolgere un attività a tempo parziale possono iscriversi in una apposita lista tenuta presso gli uffici di collocamento, la cui iscrizione non è incompatibile con quella nella lista ordinaria. 3.2 Le diverse forme del contratto a tempo parziale Il contratto a tempo parziale può consistere in un: - part-time orizzontale (orario giornaliero ridotto: es. 4 ore al giorno per 5 giorni a settimana); - part-time verticale (solo alcuni giorni a settimana ad orario pieno: es. 2 giorni ad orario pieno a settimana); - part-time ciclico (alternanza di orario pieno e ridotto in alcuni periodi della settimana, del mese o dell anno). Il part-time, nelle sue diverse forme, non deve essere confuso con altre fattispecie di contratti di lavoro basati sulla diversa distribuzione dell orario di lavoro rispetto al contratto a tempo parziale, quali: - il job sharing, (circ. Min.Lav. n.43/98) ovvero l assunzione in solido di un obbligazione di lavoro subordinato da parte di due o più soggetti; - il job splitting, ovvero la suddivisione di un unico posto di lavoro in due posti di lavoro ad orario ridotto; - il flexi time, ovvero una prestazione lavorativa dove viene indicato il numero di ore da prestare durante la giornata, ma non la distribuzione dell orario, che viene determinato discrezionalmente ad opera del lavoratore. 3.3 La distribuzione dell'orario di lavoro Per ciò che concerne la distribuzione dell orario di lavoro, le variazioni sono ammissibili salvo provvedere a retribuire il lavoratore in relazione a tutto il tempo in cui mette a disposizione il proprio lavoro.

9 3.4 La trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale È possibile la trasformazione di un contratto da tempo pieno a parziale, purché l accordo (che deve avere forma scritta) sia convalidato dalla Direzione provinciale del Lavoro, sentito il lavoratore interessato. I lavoratori che hanno trasformato il loro contratto a tempo parziale hanno un diritto di precedenza per le assunzioni a tempo pieno rispetto ad ogni altro dipendente, ma non possono ritornare al tempo pieno a loro discrezione. 3.5 Il ruolo della contrattazione collettiva La contrattazione collettiva ha un ruolo importante nella disciplina del lavoro a tempo parziale e può stabilire: a) il numero di lavoratori a tempo parziale rispetto a quelli a tempo pieno, le mansioni a cui possono essere adibiti questi lavoratori, le modalità di svolgimento delle prestazioni a tempo parziale; b) la possibilità di lavoro supplementare per i lavoratori part-time (la legge vieta il lavoro supplementare nel part-time, salvo diversa disposizione dei contratti collettivi). Per lavoro supplementare nei rapporti part-time deve intendersi il lavoro comunque eccedente i limiti concordati nel contratto di lavoro, avendo riguardo sia all orario giornaliero, sia ai periodi predeterminati nel corso della settimana, mese o anno. 3.6 La funzione sociale e di incremento della forza lavoro del contratto a tempo parziale Attraverso alcune leggi, il lavoro a tempo parziale ha assunto anche una funzione sociale. La L.223/91 ha consentito la trasformazione dei rapporti da tempo pieno a parziale, ad un orario non inferiore alle 18 ore settimanali, con anticipazione del trattamento pensionistico, per i lavoratori che abbiano un età inferiore a non più di 60 mesi a quella richiesta per la pensione di vecchiaia, che abbiano un anzianità contributiva di almeno 15 anni, che operino in imprese che beneficiano del

10 trattamento di cassa integrazione straordinaria da almeno 12 mesi, al fine di arginare il pericolo di perdita di posti di lavoro. L art.2, co.5 della L.863/84 ha previsto la trasformazione di contratti da tempo pieno a parziale, con obbligo di nuove assunzioni, con anticipazione del trattamento pensionistico di vecchiaia per lavoratori che abbiano un età inferiore di non più di 24 mesi a quella prevista per la pensione di vecchiaia e che abbiano maturato i minimi contributivi. Inoltre, recentemente si è discusso un disegno di legge per l'introduzione di incentivi alla stipulazione di contratti a tempo parziale, sulla base di quanto previsto dal Pacchetto Treu (art.13, L.196/97) 3.7 Istituti applicabili al lavoro a tempo parziale ISTITUTI APPLICABILI AL LAVORO A TEMPO PARZIALE Istituto Applicabilità Precisazioni Assicurazione per invalidità, vecchiaia, SI superstiti Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro Sono considerate valide a fini contributivi tutte le settimane di lavoro in cui si supera il minimale contributivo. Aspetti particolari si hanno in caso di trasformazioni da fulltime a part-time. SI Sono assicurati tutti i lavoratori che svolgono attività per le quali è previsto l obbligo assicurativo Trattamento economico di malattia SI Mentre per il part-time orizzontale non sussistono particolarità, pre il parttime verticale occorre fare riferimento ai periodi effettivamente lavorati per avere diritto al trattamento economico di malattia. Mobilità SI Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria SI Cassa Integrazione Guadagni SI Straordinaria Indennità di disoccupazione SI Non spetta nei periodi di non attività previsti dal contratto. Assegno per il nucleo familiare SI Spettano nell intera misura

11 settimanale nel caso di parttime di durata non inferiore a 24 ore settimanali. Se inferiore spettano tanti assegni quante sono le giornate lavorate, indipendentemente numero di ore lavorate. Maternità SI Nel caso in cui la lavoratrice svolga la sua prestazione per meno di 6 ore giornaliere, matura il diritto a permessi retribuiti unicamente per un ora al giorno. Iscrizione al collocamento SI Il lavoratore che presta la sua attività fino a 20 ore settimanali ha diritto a rimanere iscritti nella prima lista del collocamento. dal I contratti di formazione in alternanza I contratti di formazione in alternanza sono contratti che prevedono, in aggiunta alla prestazione lavorativa al parti degli altri rapporti di lavoro, anche la partecipazione ad attività formative che devono consentire a lavoratori giovani di acquisire una certa professionalità o di inserirsi nel mondo del lavoro. A questi contratti, che hanno appunto come destinatari principali giovani lavoratori, sono collegati sgravi contributivi al fine di incentivare i datori di lavoro all assunzione di personale giovane e normalmente privo di esperienza. Il primo contratto di questo tipo presente nell ordinamento italiano è il contratto di apprendistato, che ha lo scopo di consentire ad un lavoratore giovane di imparare un mestiere, mentre solo nel 1984 è stato introdotto il contratto di formazione e lavoro, che ha assolto invece la funzione di incentivare l assunzione di giovani in un periodo di crescente disoccupazione, in particolar modo giovanile L apprendistato Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo determinato a causa mista che ha lo scopo di insegnare al giovane assunto un determinato mestiere: per

12 questo al lavoratore non viene chiesta unicamente una prestazione lavorativa, ma anche di partecipare a attività formative esterne all azienda presso la quale è assunto (L.25/55). La partecipazione attiva del lavoratore è richiesta in considerazione del fatto lavoratore deve essere data sia una formazione pratica, sul luogo di lavoro, sia teorica La formazione teorica Gli apprendisti devono fare almeno 120 ore di formazione teorica annuale, altrimenti il datore di lavoro non può usufruire degli sgravi contributivi connessi al contratto. Le lezioni teoriche riguardano sia aspetti generali del rapporto di lavoro che temi strettamente legati alla professione da apprendere (art.16, L.196/97, D.M. 8 aprile formazione esterna degli apprendisti, circolare Min. Lav. Del 16 luglio messa a regime delle norme di cui all art.16 L.196/97, D.M. 20 maggio individuazione dei contenuti della formazione esterna) Quando può essere stipulato il contratto di apprendistato Il contratto di apprendistato può essere stipulato solo con giovani dai 16 ai 24 anni, anche se, in alcuni casi, come per i lavoratori disabili o per alcuni tipi di lavori particolarmente impegnativi può essere stipulato con giovani di età di 26 anni nel primo caso e di 29 nel secondo. Il datore di lavoro che intende assumere un apprendista deve chiederne preventivamente l autorizzazione alla Direzione provinciale del lavoro competente, specificando a quale mansione sarà adibito e quale qualifica otterrà al termine del periodo di addestramento Caratteristiche del contratto Proprio in ragione del carattere speciale di questo contratto il contratto di apprendistato deve essere redatto per iscritto, altrimenti si considera essere un normale contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Normalmente i contratti collettivi disciplinano in modo più dettagliato le professioni e le durate che possono essere oggetto del contratto di apprendistato.

13 Il numero di apprendisti che un impresa può assumere non può superare il numero di lavoratori qualificati presenti nell impresa. I contratti collettivi fissano normalmente limiti più rigidi. Il contratto deve avere una durata compresa fra 18 mesi e 4 anni. I periodi di lavoro svolti presso diversi datori di lavoro per la medesima qualifica si sommano, a meno che non vi sia stata un interruzione superiore ad un anno da un impiego e l altro. Il contratto di apprendistato non può avere come oggetto attività umili o estremamente semplici; con l art.16 L.196/97 si è stabilito inoltre che anche per i giovani in possesso di un titolo di studio post-obbligo o di un attestato di qualifica professionale è possibile l assunzione come apprendista (cioè anche per ragazzi diplomati o laureati) Alcune particolarità del rapporto Durante il rapporto di apprendistato il lavoratore gode di tutti i diritti e degli obblighi di un lavoratore assunto con un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, con alcune particolarità (L.25/55): - è necessario, prima di assumere il lavoratore, effettuare una visita medica preventiva per accertare l idoneità fisica del lavoratore a svolgere la prestazione lavorativa; - l apprendista, oltre all obbligo di prestare l attività lavorativa, deve anche impegnarsi per imparare a svolgere la professione oggetto dell apprendistato e a partecipare alle lezioni teoriche; - il periodo di prova può essere al massimo di 2 mesi e non può avere come oggetto la capacità del lavoratore a svolgere l attività lavorativa, ma solo la sua attitudine ad apprenderla; - l apprendista ha diritto ad almeno 30 giorni di ferie se minore di 16 anni e 20 giorni se ha un età maggiore a 16 anni; - l apprendista non può lavorare in orari notturni, dalle 22 alle 6;

14 - può essere stipulato anche a tempo parziale, purché sia garantito il buon funzionamento della formazione; - il recesso dal contratto è possibile solo per giusta causa La conclusione del contratto di apprendistato Al termine dell addestramento l apprendista deve sostenere delle prove di idoneità all esercizio della professione oggetto dell apprendistato, le cui modalità sono stabilite dai contratti collettivi, anche se spesso nella pratica accade che è lo stesso datore di lavoro a certificare l acquisizione della qualifica raggiunta (che deve essere riportata sul libretto di lavoro, sul libro matricola e sul libro paga). Il contratto di apprendistato si esaurisce alla scadenza del termine fissato inizialmente: il datore di lavoro può allora decidere di trasformare il contratto a tempo indeterminato e in questo caso il periodo di apprendistato è utile al lavoratore ai fini del calcolo dell anzianità di servizio Istituti applicabili al contratto di apprendistato ISTITUTI APPLICABILI AL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Istituto Applicabilità Precisazioni Assicurazione per invalidità, vecchiaia, SI superstiti Assicurazione contro gli infortuni sul SI lavoro Sono tutelati i lavoratori per i quali è previsto l obbligo di assicurazione. Trattamento economico di malattia NO È previsto un trattamento Mobilità NO Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria NO Cassa Integrazione Guadagni NO Straordinaria Maternità SI economico unicamente per le prestazioni ambulatoriali, ospedaliere, ostetrica, farmaceutica e assistenza sanitaria generica.

15 Indennità di disoccupazione ordinaria NO Non è previsto nemmeno il versamento dei contributi necessari. Indennità di disoccupazione a requisiti ridotti SI È concessa se sono soddisfatti i requisiti previsti per l erogazione dell indennità Il contratto di formazione e lavoro Il CFL è un contratto di lavoro subordinato, a tempo determinato, avente causa mista finalizzato a favorire l occupazione e la formazione professionale di giovani con età compresa fra i 16 ed i 32 anni (L.863/84, L.451/94, L.196/97), anche se un eccezione è prevista per i profughi italiani per i quali non sussistono limiti di età e la durata del contratto può essere di 36 mesi. Il giovane, assunto con contratto di formazione lavoro, ha il duplice obbligo, così come avviene per l apprendistato, di prestare l attività lavorativa e di apprendere i contenuti formativi impartiti dal datore di lavoro Le diverse tipologie di contratto di formazione e lavoro Il legislatore ha predisposto due tipologie differenti di CFL (L.481/94): - un CFL di tipo A, rivolto all acquisizione di professionalità intermedie o alte. Può avere durata massima di 24 mesi e deve prevedere da 80 a 130 ore di formazione minime; - un CFL di tipo B, la cui finalità consiste nell inserimento del giovane nel mondo del lavoro. Ha durata massima di 12 mesi e sono previste almeno 20 di formazione, che devono riguardare la disciplina del rapporto di lavoro, l organizzazione del lavoro, norme di prevenzione ambientale ed antinfortunistica.

16 Una caratteristica comune alle due tipologie è l inquadramento del lavoratore ad un livello inferiore a quello di destinazione (che implica anche un trattamento economico inferiore rispetto al livello di destinazione) Requisiti per la stipulazione di un contratto di formazione e lavoro Possono essere assunti con contratto di formazione e lavoro giovani con età compresa fra 16 e 32 anni. Requisito necessario per poter stipulare un CFL è la presentazione, da parte del datore di lavoro, di un progetto formativo (che stabilisce i tempi e le modalità di svolgimento dell attività di formazione e lavoro), il quale dev essere approvato (respinto o modificato) dalla Commissione regionale per l impiego entro 30 giorni dalla presentazione. Il contratto deve avere forma scritta, pena la trasformazione dello stesso in un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, ed il datore di lavoro è tenuto a consegnarne una copia, insieme ad una copia del progetto formativo, al lavoratore all atto dell assunzione. Possono assumere con CFL gli enti pubblici economici, le imprese ed il loro consorzi, i gruppi di imprese, le associazioni professionali, le associazioni socioculturali, le associazioni sportive, le fondazioni, gli enti pubblici di ricerca ed i datori di lavoro iscritti ad albi professionali, quando il progetto di formazione venga predisposto dagli ordini o dai collegi professionali Proroga del contratto La proroga del contratto oltre il suo termine naturale è concessa solo in determinati casi, quali ad esempio per la sospensione a causa della chiamata alle armi o la gravidanza, questo al fine di garantire il buon esito della formazione. È possibile stipulare CFL a tempo parziale, a patto che la formazione sia garantita in egual misura che per i CFL a tempo pieno Scadenza del contratto Alla scadenza del contratto il datore di lavoro è tenuto a trasmette alla sezione circoscrizionale per l impiego una certificazione dei risultati ottenuti dal

17 lavoratore (per i contratti di tipo A), mentre per i contratti di tipo B è sufficiente rilasciare al lavoratore un attestato sull esperienza svolta. È possibile la conversione del CFL in un contratto a tempo indeterminato anche prima della scadenza, a patto che il lavoratore sia utilizzato in attività corrispondenti alla formazione conseguita I diritti ed obblighi del lavoratore assunto con CFL Il giovane assunto con contratto di formazione e lavoro ha gli stessi diritti ed obblighi di un lavoratore assunto con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, con la particolarità di dover partecipare anche alle attività formative e di impegnarsi per apprendere. Inoltre, come il contratto di apprendistato, è possibile recedere da questo rapporto solo per giusta causa Incentivi economici alla stipulazione di contratti di formazione e lavoro Per questo tipo di contratto esistono incentivi sia di carattere economico che normativo (esclusione dal computo numerico ai fini dell applicazione di alcune leggi, anche se questo punto ha subito modificazioni nel corso del tempo, ad esempio in merito alla disciplina dei licenziamenti la L.108/90 comprende nel computo numerico anche il lavoratori assunti con CFL), in analogia a quanto previsto per l apprendistato. Inoltre è possibile per le imprese che fanno ricorso a questo strumento finalizzare l addestramento del giovane alle esigenze aziendali, acquisire informazioni dettagliate sulla sua attitudine a lavorare ed apprendere ai fini di una eventuale successiva assunzione Limiti all assunzione tramite contratti di formazione e lavoro Un limite, anche se non numerico, alla stipulazione di questi contratti è aver confermato almeno il 60% dei giovani assunti con CFL nei 24 mesi precedenti le nuove assunzioni con CFL (art. 16, co.11, l.451/94; non sono inclusi nel computo numerico i lavoratori dimessi, quelli licenziati per giusta causa e quelli che hanno rifiutato l assunzione a tempo indeterminato). Inoltre non possono assumere giovani con CFL le imprese che hanno lavoratori sospesi in CIG o che hanno proceduto nei 12 mesi precedenti a licenziamenti

18 collettivi per riduzione del personale (a meno che l assunzione non avvenga per professioni diverse da quelle dei lavoratori sospesi o licenziati). Non è possibile stipulare CFL per professionalità elementari (art.8, co.5, L.407/90) Istituti applicabili al contratto di formazione e lavoro ISTITUTI APPLICABILI AL CONTRATTO DI FORMAZIONE E LAVORO Istituto Applicabilità Precisazioni Assicurazione per invalidità, vecchiaia, SI superstiti Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro SI Spetta per i lavoratori obbligati all assicurazione obbligatoria per il tipo di attività svolta. Trattamento economico di malattiane ha diritto per un numero pari ai giorni lavorati nei 12 mesi immediatamente precedenti. Nel caso in cui i giorni lavorati siano meno di 30, ha diritto al massimo a 30 giorni di copertura assicurativa Mobilità NO Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria Maternità Indennità di disoccupazione ordinaria SI NO SI SI Indennità di disoccupazione a requisiti ridotti SI 5 Il lavoro a domicilio Il lavoro a domicilio si caratterizza per il fatto che il lavoratore svolge la sua prestazione presso la propria abitazione o presso un locale di sua proprietà anziché presso

19 l azienda del datore di lavoro. In conseguenza di ciò il contratto ha una regolamentazione specifica rispetto al lavoro subordinato tipico (L.877/83). Il lavoro a domicilio può essere svolto sia con un vincolo di subordinazione che come lavoro autonomo. 5.1 Lavoro a domicilio autonomo Nel caso in cui il lavoratore a domicilio operi invece come lavoratore autonomo è necessario che: sia iscritto all albo delle imprese artigiane; svolga le lavorazioni con i proprio macchinari; scelga autonomamente i tempi di consegna del materiale lavorato; esista nei suoi confronti un rischio d impresa. 5.2 Lavoro a domicilio subordinato Nel lavoro a domicilio subordinato deve naturalmente esistere un vincolo di subordinazione, che si evidenzia con il controllo del datore di lavoro sull attività del lavoratore (controllo che si può avere anche alla consegna del materiale finito). La proprietà delle attrezzature e l uso delle materie può essere sia del datore di lavoro che del lavoratore. Inoltre è necessario che l attività del lavoratore sia inserita nell attività produttiva dell azienda (con riferimento ad un unico prodotto o all intero ciclo produttivo) e che il lavoratore svolga personalmente l attività (può avvalersi però dell'aiuto dei suoi familiari). 5.3 Chi può essere lavoratore a domicilio Unico requisito per poter operare come lavoratore a domicilio è di poter porre in essere un rapporto di lavoro subordinato ( età e libretto di lavoro).

20 Vi sono alcune attività per le quali non è possibile impiegare lavoratori a domicilio e precisamente: quando l attività richiede l impiego di sostanze o materiali nocivi o pericolosi per la salute o l incolumità del lavoratore o dei familiari; quando l azienda committente è interessata da programmi di ristrutturazione, riorganizzazione e di riconversione che abbiano comportato licenziamenti o sospensioni dal lavoro; il divieto in questione dura per un anno dall ultimo licenziamento o sospensione; quando la richiesta di lavoro a domicilio viene effettuata dopo la cessione di macchinari e attrezzature, affidando le lavorazioni a personale in precedenza occupato presso il medesimo datore di lavoro. 5.4 Iscrizione nel registro dei committenti e dei lavoratori a domicilio Il datore di lavoro che intende assumere un lavoratore a domicilio deve iscriversi nell apposito registro dei committenti presso la Direzione Provinciale del lavoro della provincia in cui deve essere svolto il lavoro. Allo stesso modo i lavoratori che intendono svolgere attività di lavoro a domicilio devono iscriversi presso appositi registri dei lavoratori a domicilio presso le Sezioni Circoscrizionali per l impiego: sempre a quest ufficio il datore di lavoro deve comunicare l assunzione di un lavoratore a domicilio (per i lavoratori extracomunitari prima di procedere all assunzione è necessario ottenere un autorizzazione alla Direzione Provinciale del Lavoro competente). 5.5 Obblighi e diritti delle parti Tra gli obblighi del datore di lavoro vi è quello di iscrivere nel libro matricola e nel libro personale di controllo i lavoratori a domicilio assunti. In quest ultimo libro vanno registrate le consegne e riconsegne di materiale di lavoro, la descrizione del materiale consegnato, la quantità, la retribuzione spettante per il lavoro. Deve essere firmato dal datore di lavoro e dal lavoratore sia al momento della consegna del materiale oggetto della lavorazione che alla sua restituzione. Per il lavoratore valgono gli stessi obblighi visti per i lavoratori subordinati (diligenza, segretezza, divieto di concorrenza).

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Diritti e doveri del lavoratore stagionale

Diritti e doveri del lavoratore stagionale Diritti e doveri del lavoratore stagionale 1 Gli argomenti trattati in questa guida sono oggetto di continui aggiornamenti; si consiglia pertanto di fare sempre riferimento agli Enti e Servizi elencati

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative...1 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Legge del 19 gennaio 1955 n. 25

Legge del 19 gennaio 1955 n. 25 Legge del 19 gennaio 1955 n. 25 Disciplina dell'apprendistato TITOLO I - Comitato consultivo e definizione dell'apprendistato Articolo 1 Presso la Commissione centrale per l'avviamento al lavoro e l'assistenza

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli