VideoLavoro 17 gennaio Autoliquidazione Inail 2013; Adempimenti collocamento obbligatorio. A cura di Alberto Bortoletto e Monica Livella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VideoLavoro 17 gennaio 2013. Autoliquidazione Inail 2013; Adempimenti collocamento obbligatorio. A cura di Alberto Bortoletto e Monica Livella"

Transcript

1 VideoLavoro 17 gennaio 2013 Autoliquidazione Inail 2013; Adempimenti collocamento obbligatorio A cura di Alberto Bortoletto e Monica Livella

2 IL COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO DEI DISABILI IL COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO DEI DISABILI Legge 12/03/1999 n D.P.R. 10/10/2000 n. 333 Legge 12/03/1999 n D.P.R. 10/10/2000 n

3 Il collocamento obbligatorio rappresenta un servizio di sostegno e di collocamento mirato delle persone disabili; si sostanzia in un obbligo, imposto alle aziende che soddisfano specifici requisiti dimensionali, ad assumere un determinato numero di lavoratori svantaggiati (numero che varia in relazione alle dimensioni aziendali) che, altrimenti, in considerazione delle loro condizioni fisiche e psichiche, troverebbero difficilmente collocazione nel mondo del lavoro. 3

4 COMPETENZE: le competenze del collocamento obbligatorio per le persone disabili sono state trasferite dal Ministero del Lavoro alle Regioni e alle Province. Più precisamente, tra le competenze affidate ai servizi per l'impiego territoriali rientrano la cura dell'avviamento lavorativo, la gestione delle graduatorie, il rilascio delle autorizzazioni relative agli esoneri parziali e alle compensazioni territoriali, la stipula delle convenzioni e l'attuazione del collocamento mirato. 4

5 Quali sono le Categorie Protette? INVALIDI CIVILI: Persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche, sensoriali e intellettive con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%. L Organo accertante è la Commissione medica istituita presso le ULSS ed integrata da un operatore sociale e da un medico specialista (art. 4 L.104/92). La Commissione formula una diagnosi rivolta a valutare la capacità globale del disabile(profilo lavorativo, psico-fisico, ed inserimento sociale) ed una relazione conclusiva (cd Verbale di relazione conclusiva) 5

6 I documenti per l'invalido civile Certificato di prima istanza (contiene la patologia e la percentuale di invalidità) che viene rilasciato esclusivamente al lavoratore La Relazione Conclusiva (non contiene la patologia, ma le capacità lavorative che possiede il soggetto) documento che viene rilasciato al lavoratore, ma anche inviato in copia al comitato tecnico 6

7 Iter procedurale invalido civile - Per l iscrizione negli appositi elenchi, il lavoratore si rivolgerà al CPI competente, allegando: copia della relazione conclusiva dichiarazione dei redditi dell anno precedente apposita scheda informativa (una sorta di intervista utile per individuare il percorso scolastico, le precedenti esperienze lavorative, le autonomie di spostamento e le aspirazioni lavorative) 7

8 Le Categorie Protette INVALIDI DEL LAVORO: Soggetti che in età lavorativa, dopo: Un INFORTUNIO sul lavoro MALATTIA PROFESSIONALE hanno subito una riduzione della capacità lavorativa superiore al 33% ORGANO ACCERTANTE: Inail formula una diagnosi rivolta a valutare la capacità globale del disabile (profilo psico-fisico e lavorativo) ed una relazione conclusiva 8

9 Le Categorie Protette INVALIDI DI GUERRA O PER SERVIZIO Persone aventi minorazioni rientranti tra la prima e l ottava delle categorie indicate in allegato al Testo Unico delle norme in materia di pensioni di guerra (DPR 915/78). possono ottenere l iscrizione nell elenco dei disabili anche i coniugi ed i figli dei grandi invalidi per causa di servizio o di guerra a condizione che essa avvenga in via sostituiva dell avente diritto 9

10 Le Categorie Protette - Invalidi di guerra - L Organo accertante è la Commissione medica per le pensioni di guerra La Commissione si pronuncia con l intervento di 3 membri, uno dei quali deve essere uno dei medici designati dall associazione che rappresenta la categoria cui appartiene l invalido La Commissione redige un verbale della visita eseguita, esprimendo il proprio parere in merito all inabiltà a proficuo lavoro 10

11 Le Categorie Protette CENTRALINISTI NON VEDENTI (Legge 113/85) Soggetti privi di vista o con vista non superiore ad un decimo iscritti in un albo professionale costituito presso ogni Direzione Regionale del Lavoro Requisiti per l iscrizione all albo dei centralinisti non vedenti: 1) diploma di centralinista rilasciato da un istituto autorizzato 2) certificato dell ASL comprovante sia la condizione di cieco che il non pregiudizio dell attività di centralinista per la minorazione 11

12 Le Categorie Protette MASSAGGIATORI E MASSIOFISIOTERAPISTI CIECHI (L. 686/61 + L. 403/71) TERAPISTI DELLA RIABILITAZIONE NON VEDENTI (L. 29/94) necessitano dell iscrizione in un apposito albo professionale i datori di lavoro dove possono essere occupati e le modalità di assunzione sono particolari e specifiche 12

13 Le Categorie Protette Art. 18 Legge 68/99 Le quote di RISERVA - Orfani e coniugi superstiti di coloro che sono deceduti per causa di lavoro o di servizio Profughi italiani rimpatriati A favore di tali soggetti è stabilita una quota di riserva da applicare ai datori di lavoro con più di 50 dipendenti, fissata nella misura di un punto percentuale 13

14 Le Categorie Protette Art. 18 Legge 68/99 RISERVA - Sono considerati tali: Gli orfani o in alternativa il coniuge superstite dei caduti sul lavoro o di coloro che siano deceduti per l aggravarsi delle mutilazioni o infermità che hanno dato luogo al trattamento di rendita da infortunio sul lavoro (art. 3 co. 123 l. 244/2007) Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata ed i loro familiari (legge 302/90, art. 1 co.2 legge 407/98, legge 206/2004) soggetti feriti nell adempimento del loro dovere a causa di azioni criminose e, se uccisi nelle medesime circostanze, i loro familiari superstiti (DPR 243/2006) 14

15 Le Categorie Protette Art. 18 Legge 68/99 RISERVA - Vittime del dovere : magistrati, militari dei carabinieri, finanza, funzionari di pubblica sicurezza, vigili del fuoco, altri dipendenti pubblici deceduti o che abbiano subito un invalidità permanente in attività di servizio in conseguenza di eventi di contrasto alla criminalità, ordine pubblico, operazioni di soccorso, tutela della pubblica incolumità (Legge 466/80). Coloro che hanno contratto infermità permanenti invalidanti o alle quali consegua il decesso, in occasione o a seguito di missioni di qualunque natura, effettuata dentro o fuori dai confini nazionali (Legge 266/2005) 15

16 Particolarità di alcune categorie Centralinisti non vedenti: datori di lavoro che hanno un centralino telefonico con almeno 5 linee urbane; nei centralini con più posti deve essere riservato il 51% dei posti (Circ. Min. Lav.21/03/1990 n. 22) Datori di lavoro che installano o trasformano i centralini sono tenuti a darne comunicazione al competente servizio provinciale; lo stesso obbligo è in capo agli operatori telefonici (Circ. Min. Lav. 28/05/2001) In caso di trasformazione del centralino cui consegua una riduzione dei posti e ci sia un esubero, il lavoratore non vedente ha diritto alla retribuzione per 24 mesi 16

17 Particolarità di alcune categorie Massaggiatori e massofisioterapisti ciechi: Datori di lavoro Enti ospedalieri, quando abbiano più di 200 posti letto, in ragione di 1 lavoratore ogni 700 posti letto, ogni 300 per i letti eccedenti Ospedali specializzati per cure ortopediche, traumatologiche, in ragione di 1 lavoratore ogni 50 posti letto Case di cura con almeno 200 posti letto, cliniche specializzate, stabilimenti idrotermali Terapisti della riabilitazione non vedenti: Datori di lavoro: istituti, case di cura, centri di riabilitazione con più di 35 dipendenti 17

18 DISABILI ED ALTRE CATEGORIE PROTETTE - Schema - disabili altre categorie Invalidi civili oltre il 45% Invalidi del lavoro oltre il 33% Non vedenti e sordomuti (anche centralinisti e terapisti) Invalidi di guerra, civili di guerra e di servizio Vittime di terrorismo, criminalità organizzata e dovere Familiari delle vittime della criminalità e del dovere Familiari delle vittime del lavoro e di guerra Profughi rimpatriati art. 1 e 18 della L. n. 68/

19 L OBBLIGO DI RISERVA organico quota di riserva di cui da 15 a 35 1 (disabili) 1 nominativa da 36 a 50 2 (disabili) 1 nominativa 1 numerica oltre 50 7% (disabili) 1% (altre cat.) art. 3 e 18 L. n. 68/ % nominativa 40% numerica 19

20 AZIENDE DA 15 A 35 DIPENDENTI In caso di una nuova assunzione effettuata in aggiunta al personale già in forza, l assunzione del lavoratore disabile deve avvenire entro i 12 mesi successivi a partire dalla data in cui il lavoratore ha preso servizio. 20

21 COMPUTO DELLA QUOTA D OBBLIGO determinazione limite dimensionale (art. 4 legge 68/99, art. 3 DPR 333/2000, circ. min. lav. 17/01/2000 n.4). Soggetti esclusi Apprendisti assunti con contratto di inserimento o reinserimento tempo determinato, con durata inferiore a 6 mesi!! (Da 9 a 0 con L. 92/2012 e successivamente da 0 A 6 con L. 134/2012) Ministero Lavoro Circ.18 del 18/7/2012 PRO QUOTA 2 tempi deteriminato x 9 mesi =1,5 lavoratore) somministrati dirigenti soci di cooperative di produzione e lavoro lavoratori a domicilio e telelavoro assunti per attività da svolgersi esclusivamente all estero lavoratori divenuti inabili dopo l assunzione lavoratori assunti come disabili I part-time si contano per la quota di orario effettivamente svolto con riferimento al normale orario contrattuale; le frazioni percentuali superiori allo 0,50 sono considerate unità I contratti intermittenti computano in proporzione all orario di lavoro effettivamente svolto nell arco di ciascun semestre art. 4 L. n. 68/1999 ed art. 3 D.P.R. n. 333/

22 DISABILITÀ SOPRAVVENUTA 1. lavoratore divenuto disabile in costanza di rapporto di lavoro in conseguenza di infortunio NON lavorativo o malattia con riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 60% e che non sia stata determinata da violazione delle norme in materia di sicurezza e igiene del lavoro da parte dello stesso datore di lavoro 2. lavoratore divenuto disabile in costanza di rapporto di lavoro per infortunio sul lavoro o malattia professionale con un grado di invalidità pari almeno al 34% non causata da violazione delle norme in materia di sicurezza e igiene del lavoro da parte dello stesso datore di lavoro. 22

23 DISABILITÀ SOPRAVVENUTA Il datore di lavoro deve presentare all ufficio competente della Provincia del proprio territorio un apposita richiesta contenente le informazioni atte a dimostrare la sussistenza di una delle due fattispecie in capo al lavoratore divenuto disabile 23

24 IL COMPUTO DEL PART TIME I lavoratori part-time sono computati in proporzione alle ore di lavoro settimanale effettivamente svolto, riproporzionato all orario settimanale previsto dal Ccnl applicato: l eventuale frazione superiore al 50% viene arrotondata all unità superiore e viceversa. ESEMPIO Forza aziendale: 4; Orario normale settimanale: 40 ore 1 lavoratore a 20 h/sett. 1 lavoratore a 24 h/sett. 2 lavoratori a 30 h/sett. Totale ore: 104 : 40= 2,6 quindi 3 unità ai fini della computabilità 24

25 DATORI DI LAVORO ESONERATI Datori di lavoro pubblici e privati che operano nel settore del trasporto aereo, marittimo e terrestre, limitatamente al personale viaggiante e navigante; Datori di lavoro del settore edile limitatamente al personale di cantiere e gli addetti al trasporto; Personale di cantiere indipendentemente dall inquadramento previdenziale dei lavoratori anche direttamente operante nei montaggi industriali o impiantistici o nelle realtive opere di manutenzione svolte in cantiere (L. 92/2012) Datori di lavoro pubblici e privati che operano nel settore degli impianti a fune limitatamente al personale adibito direttamente alle aree operative di esercizio e regolarità dell attività di trasporto; Datori di lavoro del settore dell autotrasporto, per quanto riguarda il personale viaggiante; Datori di lavoro che si occupano di raccolta e trasporto di rifiuti (iscritte nel registro delle imprese e nell albo dei trasportatori in conto proprio) e che operano con mezzi propri in quanto inquadrabili (sul punto si veda Min.Lav. risposta ad interpello n. 1 del 15/01/2010) nel settore del trasporto terrestre, per quanto riguarda il personale viaggiante. 25

26 DATORI DI LAVORO ESONERATI i partiti politici, le organizzazioni sindacali e organizzazioni senza scopo di lucro, operanti nel settore della solidarietà sociale, sussistenza e riabilitazione (la quota si computa con riferimento al personale tecnico-esecutivo e svolgente funzioni amministrative); servizi di polizia, protezione civile e difesa nazionale (per il personale operativo); Le cooperative sociali. 26

27 I RECENTI CHIARIMENTI MINISTERIALI Interpello n.36 del 15 ottobre 2010: i lavoratori occupati in aziende del settore laterizi, nel caso in cui svolgano attività afferenti la produzione di manufatti per il settore dell edilizia stradale, non possono rientrare nella definizione di personale di cantiere, per cui non possono essere esclusi dal computo della base occupazionale ai fini del calcolo della quota di riserva in quanto non presentano i requisiti dettati dall art. 5, co.2, della L. n.68/99. Interpello n.41 del 5 novembre 2010, il personale dipendente non dirigente, appartenente alla categoria dei produttori del settore assicurativo. Ha risposto negativamente anche a questo quesito, non essendo possibile l esclusione non può essere escluso dalla base di computo, tranne nel caso in cui non sia stato assunto mediante l utilizzo delle tipologie contrattuali indicate dall art.4 della L. n.68/99. 27

28 Modalità per assolvere all'obbligo L'obbligo di occupare il disabile si applica in caso di superamento dei limiti fissati dalla legge. Dall'insorgenza dell obbligo, l azienda ha 12 mesi di tempo; qualora effetti un altra assunzione, deve provvedere all assunzione del disabile entro 60 giorni. NON si considerano nuove assunzioni: La sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto, anche se la sostituzione avviene per mansioni diverse (art.2 dpr 333/2000) Dopo una nuova assunzione, seguono repentinamente le dimissioni del nuovo assunto o la cessazione di altro dipendente e quindi venga ripristinato il precedente organico (Circ. Min. Lavoro 26/06/2000 n. 41) Assunzioni di categorie escluse dal computo e disabili L assunzione nelle aziende sino a 35 dipendenti di un disabile con percentuale superiore al 50%, è computato come una unità qualsiasi l orario svolto 28

29 Modalità per assolvere all'obbligo MEDIANTE: richiesta nominativa: assumendo un disabile a propria scelta ed individuato tramite qualsiasi canale; tale possibilità è concessa nella misura 1) aziende da 15 a 35 dipendenti = tutte 2) aziende da 35 a 50 dipendenti = 50% 3) aziende con più di 50 dipendenti = 60% la richiesta nominativa non rappresenta un obbligo, ma una facoltà, pertanto non incorre in sanzione il datore di lavoro che non assuma nominativamente (Nota Min. Lav. 18/03/2005 n.325); in questo caso sopperisce l invio numerico 29

30 Modalità per assolvere all'obbligo Richiesta Numerica: con tale richiesta, l azienda è tenuta ad assumere il disabile che verrà inviato dagli uffici competenti. Il datore non può opporre una generica incollocabilità dello stesso, ma ha l obbligo di reperire mansioni compatibili con lo stato di minorazione fisica e confacenti alla categoria di appartenenza (Cassazione del 28 luglio 2000 n. 9981) Il datore può ritenersi giustificato nel rifiutare l avviamento numerico, esclusivamente quando riesca a dimostrare l impossibilità di un utile collocamento, e che tale inserimento sia pregiudizievole per il soggetto stesso, per i compagni di lavoro e per la sicurezza degli impianti (Cassazione del 24 marzo 2001 n. 4300) 30

31 Modalità per assolvere all'obbligo Passaggio Diretto: è ammissibile questa forma di inserimento quando sussistono le condizioni: 1.il rapporto con l azienda di provenienza deve risultare instaurato nel rispetto delle norme sul collocamento obbligatorio 2.il lavoratore deve aver svolto effettive prestazioni lavorative presso l azienda cedente per un periodo non inferiore ad un anno 3.le nuove mansioni cui viene adibito il lavoratore devono essere identiche o analoghe a quelle precedentemente svolte presso l azienda cedente (Nota Min. Lav. 18/07/2002) 31

32 ASSUNZIONI A TERMINE Ministero del Lavoro, risposta ad interpello n.66/09: i datori di lavoro possono assumere lavoratori disabili con un contratto a tempo determinato, nel rispetto delle previsioni contenute nel D.Lgs. n.368/01, per coprire la quota di riserva anche al di fuori dei limiti imposti dalla convenzione stipulata con gli uffici provinciali: il contratto deve avere una durata superiore a nove mesi, in caso contrario il lavoratore non può essere conteggiato nella quota di riserva.... NUOVA LETTURA??? 32

33 INVIO DEL PROSPETTO INFORMATIVO I datori di lavoro soggetti all obbligo di riserva, devono inviare ai servizi competenti un prospetto informativo da cui risulti il numero dei dipendenti computabili, il numero ed i nominativi dei lavoratori computabili nella quota di legge e le mansioni disponibili per assolvere l obbligo. Il prospetto dev essere riferito alla data del 31 dicembre ed inviato con modalità e periodicità definite con decreto del Ministro del lavoro, entro /il 31 gennaio di ogni anno (per l anno 2013 entro il 15/2 Decreto Direttoriale 2/08/2012). La presentazione del prospetto informativo vale come richiesta di avviamento (numerico). art. 9, c. 6, L. n. 68/1999, modificato dall art. 42, c. 4, D.L. n. 112/2008; D.M. 22/11/

34 LA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DAL 25/06/2008 L invio diventa telematico con modulo definito dal Min. del lavoro di concerto con il Min. per l innovazione, previa intesa con la Conferenza Stato-Regioni. Il datore di lavoro non è tenuto ad inviare il prospetto informativo ai servizi competenti per il collocamento obbligatorio, in assenza di variazioni tali da modificare l obbligo risultante dall'ultimo prospetto inviato Non occorre più produrre il certificato di ottemperanza al fine di partecipare alle gare per appalti pubblici, ma basta una semplice dichiarazione art. 9, c. 6, L. n. 68/1999, mod. dall art. 42, c. 4, D.L. n. 112/2008 ed art. 6,c. 5, L. n. 99/2009; art. 17, c. 1, L. n. 68/1999, modificato dall art. 40, c. 5, D.L. n. 112/

35 LA VARIAZIONE OCCUPAZIONALE AI FINI DELLA PRESENTAZIONE Si ha variazione occupazionale quando l impresa, per effetto di nuove assunzioni, superi i quindici dipendenti o venga variata la fascia (15-35, 35-50, maggiore di 50 dipendenti) entro la quale si situava la precedente soglia occupazionale. 35

36 LA VARIAZIONE OCCUPAZIONALE AI FINI DELLA PRESENTAZIONE L interpello n.65/09 ricorda che l assunzione di un lavoratore non rientrante nella base occupazionale, ad esempio un apprendista, che aumenta l organico ai fini del calcolo della quota di disabili da assumere, non determinando una modifica dell obbligo, non impone l invio del prospetto informativo non incidendo sull obbligo di assunzione del lavoratore diversamente abile. 36

37 UNICITÀ DEL PROSPETTO ll prospetto è unico a livello nazionale: 1)Anche per le aziende che hanno sede legale e unità produttive ubicate in due o più Regioni, e che adempiono all obbligo di invio direttamente, dovranno inoltrare il documento informativo presso il servizio informatico ove è ubicata la sede legale dell azienda. 2)Qualora l obbligo venga adempiuto per il tramite di un soggetto abilitato, quest ultimo invierà tutto il prospetto presso il servizio competente ove è ubicata la sede legale dell intermediario. 37

38 ERRORI NELLA COMPILAZIONE In caso di errore nella compilazione il prospetto può essere: ANNULLATO entro la scadenza del termine previsto per l invio; RETTIFICATO entro 5 giorni dall invio ma limitatamente ai dati non essenziali. 38

39 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: Novità art. 9 D.L. 138/2011 (L. 148/2011) Modica: art. 5, comma 8 della legge n. 68/99, Introducendovi, di seguito, i commi 8bis, 8ter e 8quater. Circ. M.L. 24/10/2011, n

40 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: La nuova impostazione normativa consente in ambito nazionale: - ai datori di lavoro privati - che occupano personale in diverse unità produttive - di poter assumere in un'unità produttiva un numero di lavoratori aventi diritto al collocamento obbligatorio superiore a quello prescritto, portando in via automatica le eccedenze a compensazione del minor numero di lavoratori assunti nelle altre unità produttive; 40

41 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: La nuova impostazione normativa consente, di conseguenza, in ambito nazionale: - alle imprese che sono parte di un gruppo, secondo la definizione dell'articolo 31 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, di poter assumere - ferme restando le aliquote d'obbligo di ciascuna impresa - in una impresa del gruppo avente sede in Italia, un numero di lavoratori aventi diritto al collocamento mirato superiore a quello prescritto, portando in via automatica le eccedenze a compensazione del minor numero di lavoratori assunti nelle altre imprese del gruppo aventi sede in Italia. 41

42 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: Dalle modifiche apportate all'art. 5, comma 8, della legge n. 68/99, derivano importanti conseguenze sotto il profilo della semplificazione amministrativa, venendo meno la complessa procedura per la richiesta dell'autorizzazione alla compensazione prevista dall'art. 5 del D.P.R. n. 333/2000 ed ulteriormente regolamentata dal D.M. 24 aprile 2007, di competenza del Ministero del Lavoro, in caso di unità produttive ubicate in Regioni diverse, e del Servizio provinciale del territorio, ove le unità produttive fossero situate in Province della medesima Regione. 42

43 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: Con l'abrogazione del D.M. 24 aprile 2007, la compensazione, al verificarsi delle condizioni ammesse dalla norma, non trova ostacoli sotto il profilo geografico essendo possibile, sia tra unità produttive della stessa impresa, sia tra imprese dello stesso gruppo, indipendentemente dalla relativa collocazione sul territorio nazionale. 43

44 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: Secondo quanto previsto dal nuovo comma 8bis, introdotto nell'art. 5 della legge n. 68/99, per usufruire della compensazione territoriale sono previsti specifici adempimenti di carattere formale. La compensazione dei lavoratori soggetti alla disciplina del collocamento mirato è infatti subordinata all'obbligo della trasmissione telematica, a ciascuno dei servizi competenti delle province in cui insistono le unità produttive della stessa azienda o le sedi delle diverse imprese del gruppo, del prospetto - per la denuncia degli invalidi - di cui all'articolo 9, comma 6, della legge n. 68/99. 44

45 COMPENSAZIONE TERRITORIALE: In ogni caso la trasmissione dovrà essere effettuata entro il 31 gennaio di ciascun anno. Dalla comunicazione dovrà risultare l'adempimento dell'obbligo a livello nazionale sulla base dei dati riferiti a ciascuna unità produttiva, ovvero a ciascuna impresa appartenente al gruppo. 45

46 LA SOSPENSIONE TEMPORANEA L obbligo di riserva resta temporaneamente sospeso per le imprese che attraversano un periodo di crisi, fino a quando: versano in stato di fallimento, liquidazione coatta amministrativa o amministrazione straordinaria ricorrono alla CIGS o a contratti di solidarietà difensivi ricorrono alla procedura di mobilità, finché perdura il diritto di precedenza dei lavoratori in esubero (6 mesi) - art. 3, 5 comma, Legge n. 68/ Ricorrono alla CIGS in deroga (Interpello Min. Lav. 10 del 10/04/2012) 46

47 L ESONERO PARZIALE I datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici con oltre 35 dipendenti possono chiedere l esonero parziale dall obbligo di riserva in ragione della particolarità, faticosità o pericolosità dell attività lavorativa svolta, dietro pagamento di un contributo di esonero di. 30,64 al giorno L esonero non può eccedere il 60% della quota d obbligo (80% nei settori della vigilanza e del trasporto privato) La domanda va presentata al servizio competente per la sede legale e comporta la sospensione temporanea dell obbligo, nella misura in cui se ne chiede l esonero, con versamento contestuale del contributo sostitutivo Il termine del procedimento è di 120 gg., prorogabile a 150 gg., ma senza l automatismo del silenzio-assenso 47

48 CONVENZIONI: Per favorire il raccordo tra le esigenze delle aziende e quelle dei lavoratori disabili è prevista la possibilità di sottoscrivere apposite convenzioni tra lavoratori, datori di lavoro, uffici per l'inserimento lavorativo dei lavoratori disabili ed enti interessati. Gli obiettivi perseguiti dalle convenzioni possono essere la creazione di un programma personalizzato di interventi, la stabilizzazione, seppure progressiva, del rapporto di lavoro dei lavoratori disabili, la valorizzazione del ruolo delle cooperative sociali come luoghi di crescita professionale. 48

49 LE CONVENZIONI Le convenzioni stipulate con i servizi competenti possono consentire: assolvimento graduale dell obbligo di riserva ampliamento della facoltà di richiesta nominativa ampliamento del periodo di prova ampliamento dell'assunzione a termine ampliamento dei limiti di età per apprendistato (e CFL) assolvimento dell obbligo mediante tirocini formativi agevolazioni economiche art. 11 Legge n. 68/

50 Esistono quattro tipologie di convenzioni: 1) convenzioni ordinarie, che prevedono la determinazione di un programma per favorire un efficace inserimento lavorativo; 2) convenzioni di integrazione lavorativa per l'avviamento di lavoratori disabili che presentino particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario; 3) convenzioni con cooperative sociali o liberi professionisti disabili, che individuano un percorso formativo personalizzato per lavoratori non in grado di accedere direttamente al mercato del lavoro; 4) convenzioni di inserimento lavorativo, introdotte a decorrere dall'

51 AGEVOLAZIONI ECONOMICHE Le Regioni possono riconoscere ai datori di lavoro privati un incentivo alle assunzioni concordate con i servizi competenti, nei limiti del Fondo per il diritto al lavoro dei disabili: - fino al 60% del costo salariale, se invalido all 80% (I-III cat.) - fino al 25% del costo salariale, dal 67% al 79% (IV-VI cat.) - rimborso forfettario delle spese di adeguamento della postazione di lavoro o telelavoro purchè: l assunzione sia a tempo indeterminato, l eventuale periodo di prova abbia avuto esito positivo ed il rapporto di lavoro perduri fino alla concessione del contributo, l anno successivo. art. 13 Legge n. 68/1999, modificato dall art. 1, comma 37, Legge n. 247/2007 (Protocollo Welfare) 51

52 CONVENZIONI DI INSERIMENTO TEMPORANEO Comportano l assunzione a tempo indeterminato ed il contestuale distacco del lavoratore disabile presso cooperative sociali, imprese sociali, disabili liberi professionisti, datori di lavoro privati non soggetti all obbligo, con oneri retributivi e contributivi a carico del soggetto ospitante, al quale il datore di lavoro assicura commesse di lavoro di importo non inferiore limiti: solo una persona o fino al 30% della quota; durata: fino a 12 mesi, prorogabili per altri 12 art. 12 Legge n. 68/1999, modificato dall art. 1, comma 37, Legge n. 247/2007 (Protocollo Welfare) 52

53 CONVENZIONI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Comportano l assunzione diretta del lavoratore disabile da parte di cooperative sociali, imprese sociali, disabili liberi professionisti, datori di lavoro privati non soggetti all obbligo, ai quali il datore di lavoro obbligato assicura commesse di lavoro di importo non inferiore agli oneri retributivi e contributivi derivanti dall assunzione limiti: solo fino al 10% della quota d obbligo e solo per disabili con particolari difficoltà d inserimento durata: non inferiore a 3 anni, prorogabile una sola volta, per un ulteriore periodo non inferiore a 2 anni al termine, è possibile l assunzione agevolata a tempo indeterminato con richiesta nominativa art. 12-bis, Legge n. 68/1999, introdotto dall art. 1, comma 37, Legge n. 247/2007 (Protocollo Welfare) 53

54 CONVENZIONI-QUADRO PREVISTE DALLA RIFORMA BIAGI Stipulate dai servizi competenti con le parti sociali e le associazioni di categoria delle cooperative sociali, previa convalida della Regione, sentita la commissione tripartita di concertazione di cui al D.Lgs. n. 469/1997, stabiliscono: i criteri di individuazione dei soggetti svantaggiati da inserire al lavoro in cooperativa, a cura dei servizi competenti; il coefficiente di calcolo del valore delle commesse, ai fini della copertura della quota d obbligo, legato al numero di lavoratori disabili o svantaggiati inseriti al lavoro nella cooperativa sociale ed al costo del lavoro i limiti massimi di copertura della quota d obbligo con questo strumento (non applicabili alle imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti, tenuti ad assumere solo disabile) ( art. 14 D.Lgs. n. 276/2003 ) 54

55 COMPATIBILITÀ DELLE MANSIONI Il datore di lavoro non può chiedere al lavoratore disabile una prestazione non compatibile con le sue condizioni Nel caso di aggravamento delle condizioni di salute del lavoratore o significative variazioni dell organizzazione aziendale, il lavoratore disabile o il datore di lavoro possono chiedere una verifica della compatibilità delle mansioni svolte, da parte della Commissione medica di cui alla legge n. 104/1992 art. 10, commi 2 e 3, Legge n. 68/

56 LICENZIAMENTO DEL LAVORATORE OBBLIGATORIAMENTE ASSUNTO Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo di un lavoratore assunto d obbligo non può essere determinato dalla disabilità e presuppone la prova in altre mansioni. Il licenziamento per riduzione di personale o giustificato motivo oggettivo, è annullabile qualora il numero dei disabili rimanenti sia inferiore alla quota d obbligo. La comunicazione telematica al Centro per l impiego vale anche ad assolvere l obbligo di comunicare la risoluzione del rapporto di lavoro ai servizi competenti, entro 10 giorni, ai fini della sostituzione con altro avente diritto. art. 10, commi 4 e 5, Legge n. 68/1999 ; Min. Lavoro, 21/12/2007, prot

57 SANZIONI AMMINISTRATIVE PROSPETTO INFORMATIVO ASSUNZIONE DEI DISABILI CONTRIBUTO DI ESONERO PARZIALE Per non aver inviato il prospetto informativo entro il 31 gennaio Per ogni disabile non assunto entro 60 gg. Per non avere versato il contributo giornaliero di. 30, , , 02 al giorno. 57,17 al giorno dal 5 al 24 % e decadenza beneficio art. 15 L. n. 68/

58 DISABILI: ADEGUAMENTO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con decreto 15 dicembre 2010, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n.1 del 3 gennaio 2011, ha reso noto l adeguamento, nei confronti dei datori di lavoro pubblici e privati soggetti alla normativa sul lavoro dei disabili, dell'importo delle sanzioni amministrative previste dall'articolo 15 della legge 12 marzo 1999, n. 68. Il ritardato invio del prospetto informativo entro il termine del 31 gennaio comportava l'applicazione della sanzione amministrativa (art. 15, comma 1, Legge n. 68/1999 modificato dal D.M. 12 dicembre 2005) del pagamento di una somma pari a 578,43, maggiorata di 28,02 per ogni giorno di ulteriore ritardo. L importo della suddetta sanzione, già adeguato con D.M. 12 dicembre 2005, per effetto dell'applicazione della variazione percentuale, è elevato da «euro 578,43» ad «euro 635,11». Mentre la maggiorazione risulta elevata da «euro 28,02» ad «euro 30,76». Ma ad esser rivalutata è anche la sanzione prevista per la mancata copertura delle quote riservate. Infatti, la mancata assunzione del disabile per cause imputabili al datore di lavoro, trascorsi 60 giorni dalla data di insorgenza dell obbligo, comporta l applicazione di una sanzione amministrativa pari a 57,17 al giorno per ciascun soggetto disabile non assunto (art. 15, comma 4, Legge n. 68/1999 modificato dal D.M. 12/12/2005), la quale, per effetto dell'applicazione della già citata variazione percentuale, passa da «euro 57,17» ad «euro 62,77». 58

59 ACCERTAMENTO COMPATIBILITÀ MANSIONI DISABILITÀ Sia il lavoratore, sia il datore di lavoro possono chiedere, ai sensi dell art.10 della L. n.68/99, l accertamento della compatibilità delle mansioni con la condizione di salute del lavoratore e con le sue capacità residue. Nello specifico, la norma prevede esplicitamente le seguenti fattispecie: 1. aggravamento delle condizioni di salute; 2. significative variazioni dell organizzazione del lavoro. L accertamento della compatibilità con le mansioni svolte, finalizzato alla definizione del profilo socio-lavorativo della persona disabile, ivi compreso il grado di compromissione funzionale dello stato psico-fisico e sensoriale, oltre che delle conseguenti capacità residue nonché l indicazione delle eventuali forme di sostegno e strumenti tecnici 10 È opportuno che il datore di lavoro, prima di inoltrare la richiesta agli uffici competenti, verifichi le procedure operative definite a livello locale: è molto probabile trovare modelli e fac simili di richieste, così come procedure definite, elenco di documenti. Una ricognizione telefonica e/o sul sito internet dell ufficio competente può facilitare ogni tipo di adempimento. necessari per l inserimento o il mantenimento al lavoro della persona disabile stessa, è svolto della commissione medica, di cui all art.4 della legge 5 febbraio 1992, n.104, sentito il comitato tecnico di cui all art.6 della L. n.68/99. 59

60 ACCERTAM ENTO COMPATIBILITÀ MANSIONI DISABILITÀ Nel periodo intercorrente tra la richiesta e l esito della valutazione ad opera degli organismi citati sono possibili due percorsi: 1. sospensione non retri buita del rapporto di lavoro, cui può seguire un suo impiego in tirocinio formativo; 2. continuazione del rapporto di lavoro con esplicita disponibilità del disabile interessato. Il rapporto di lavoro può essere risolto nel caso in cui, anche attuando i possibili adattamenti dell'organizzazione del lavoro, i predetti organismi accertino la definitiva impossibilità di reinserire il disabile all'interno dell'azienda. Il rapporto di lavoro può essere risolto nel caso in cui, anche attuando i possibili adattamenti dell'organizzazione del lavoro, i predetti organismi accertino la definitiva impossibilità di reinserire il disabile all'interno dell'azienda. 60

61 L autoliquidazione dei premi INAIL 2012/2013 A cura di Monica Livella 61

62 NORMATIVA DI RIFERIMENTO CIRCOLARI INAIL DI RIFERIMENTO PER AUTOLIQUIDAZIONE 12/13 TESTO UNICO delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (D.P.R. 1124/65 e successive modifiche ed integrazioni) D.Lgs 81/08 e 106/09 Dlgs.38/2000 CIRCOLARE 1/12 e 43/12 (invio telematico) CIRCOLARE 16/12 (imponibili) CIRCOLARE 42/12(minimali e massimali ) CIRCOLARE 39/10 (imponibile contributivo) CORCOLARE 51/10 (imponibile edili) 62

63 IL RAPPORTO ASSICURATIVO Datore di lavoro obbligo assicurativo presentazione della denuncia di esercizio rapporto assicurativo 63

64 I SOGGETTI Sono quasi sempre tre IL DATORE DI LAVORO L ENTE ASSICURATORE IL LAVORATORE 64

65 PRESUPPOSTI DELL OBBLIGO ASSICURATIVO OBBLIGO ASSICURATIVO Requisiti Oggettivi Requisiti Soggettivi Art. 1 T.U. Art. 4 T.U. Attività Svolte Soggetti Assicurati ENTRAMBI 65

66 REQUISITI OGGETTIVI (ART 1 TU) ATTIVITÀ SVOLTE addetti a macchina (meccanismo che utilizza energia animata o meccanica per ottenere un maggior rendimento con minore sforzo, non mossa dalla persona che la usa) occupati in ambienti con macchine (rischio ambientale) elencazione di 28 attività protette a prescindere dalla presenza di macchine (presunzione di pericolosità) 66

67 REQUISITI SOGGETTIVI (ART 4 TU) Persone che in modo permanente od avventizio (non occasionale) prestano opera manuale retribuita alle dipendenze e sotto la direzione altrui Sovrintendenti Soci di società Artigiani Apprendisti Familiari coadiuvanti, soci di coop etc 67

68 SOGGETTI ESCLUSI DALL OBBLIGO INAIL Titolari di ditta individuale non artigiana Commercianti (ditte individuali) Liberi professionisti Altri soggetti (assicurati INPGI, ENASARCO ecc) Marittimi (assicurati presso l ex IPSEMA ora Inail anche se le modalità assicurative continuano ed essere quelle precedenti l accorpamento degli enti ) 68

69 SOGGETTI ASSICURATI INTRODOTTI D.LGS 38/00 dal 16 marzo 2000 (D.Lgs 38/00) I dipendenti dell area dirigenziale I lavoratori parasubordinati Gli sportivi professionisti Le casalinghe 69

70 LA TARIFFA DEI PREMI è uno strumento tecnico che consente la corrispondenza tra premio e rischio è la classificazione tecnica delle lavorazioni adottata con decreto ministeriale 70

71 I SETTORI Con decorrenza all interno della Gestione Industria di cui al Titolo I T.U. sono state individuate 4 diverse gestioni tariffarie: 1. Industria 2. Artigianato 3. Terziario 4. Altre attività 71

72 LA STRUTTURA DELLA TARIFFA elenco classificativo di lavorazioni suddivise secondo criteri tecnici divisione delle lavorazioni in 10 grandi gruppi articolazione di ciascun grande gruppo in gruppi, sottogruppi e voci 72

73 IL PREMIO È il costo dell assicurazione ed è ad esclusivo carico del datore di lavoro, dell artigiano o del lavoratore autonomo dell agricoltura e delle casalinghe. Per i lavoratori dipendenti, il premio si calcola sull importo delle retribuzioni ed in relazione alla pericolosità della lavorazione svolta. Per gli artigiani si fa riferimento a retribuzioni fisse convenzionali. Il premio è fisso (9 classi di rischio) Per i lavoratori autonomi dell agricoltura il premio consiste in un contributo fisso procapite versato all INPS unitamente agli altri contributi previdenziali. 73

74 Azienda Codice fiscale Codice ditta INAIL P.A.T.1 P.A.T.n. P.A.T. 2 Polizza dipendenti e assimilati Polizza artigiani Voci, retribuzioni e tasso Sil./asb. Persone ass.te classi di rischio 74

75 L AUTOLIQUIDAZIONE La scadenza principale per il pagamento dei premi Inail è fissata al 16 febbraio (se non festivo). Entro il 16 febbraio di ciascun anno va effettuata l autoliquidazione dei premi Inail, ossia il calcolo della regolazione a consuntivo dell anno precedente e della rata anticipata per l anno in corso e va presentato entro il 16 marzo, telematicamente, il dato relativo alle retribuzioni effettive erogate nell anno precedente. 75

76 Entro il 31/12/2012 l Inail ha notificato i tassi da applicare per l anno 2013, con il modello 20 SM, che riporta l andamento infortunistico di ogni voce di rischio nell ambito di ogni PAT aziendale. Cosa è bene controllare: che le retribuzioni del Quadro B corrispondano a quelle dichiarate (o accertate) nel triennio 2009/2011 che gli infortunati indicati nel Quadro C siano dipendenti della ditta, assicurati con quella PAT e per quella voce che non vi siano infortuni in itinere (sono oneri indiretti) 76

77 . Allegato 2 SETTORE INDUSTRIA ARTIGIANTO TERZIARIO ATTIVITA' VARIE TASSO AL 1 GENNAIO 2008 MEDIO APPLICABILE CODICE OSCILLAZIONE (*) VOCE % INCIDENZA QUADRO A - CLASSIFICAZIONE ALLA DATA DI ELABORAZIONE QUADRO B - CLASSIFICAZIONE PER IL PERIODO DI OSSERVAZIONE SEDE P.A. DATA- DAL DATA- AL VOCE INC VOCE INC VOCE INC VOCE INC VOCE INC VOCE INC VOCE INC IL MOD 20SM QUADRO C - EVENTI DEFINITI NUM ERO DATA EVENTO NOM INATIVO ASSICURATO T/D/M GG.INDENN SOM M A INDENNITA' QUADRO D - DATI DI SINTESI PER OGNI ANNO DEL PERIODO DI OSSERVAZIONE ANNO TEM P. REND. M ORT. ONERI DI TEM PORANEA ONERI DI RENDITA RISERVA SINISTRI RETRIB.ASSIC. DETERMINAZIONE DEL TASSO APPLICABILE SULLA BASE DEI DATI DEL PERIODO DI OSSERVAZIONE TASSO SPECIFICO AZIENDALE OPERAI/ANNO OSCILLAZIONE 1 OSCILLAZIONE 2 OSCILLAZIONE TOTALE 77

78 L Inail notifica anche le Basi di calcolo : un modello che riporta gli elementi essenziali per poter procedere al calcolo del premio dovuto. Dal dicembre 2012 la comunicazione delle basi di calcolo è stata trasmessa via PEC a quelle ditte che è risultato abbiano comunciato l indirizzo al Registro delle imprese. L invio delle Basi di Calcolo riportano la situazione assicurativa aziendale Cosa è bene controllare: l esatta corrispondenza di codice ditta, codice fiscale, PAT, voci di rischio e periodi assicurativi l esatta corrispondenza di quanto indicato come Importo della Rata anticipata richiesta per l anno 2012, con quanto calcolato (e pagato) dall azienda come Rata 2012 l indicazione sulla Addizionale amianto L 244/07 (SI o NO) 78

79 Dal dicembre 2012 il prospetto delle basi di calcolo per l autoliquidazione 2012/2013 è stato modificato sia nella parte grafica che nei tracciati record. Il prospetto prevede : una sezione regolazione polizza dipendenti con l indicazione del campo POND per le pat ponderate e la nuova tabella regolazione anno 2012 con una colonna Agevolazioni ( solo 003 riduzione Campione d Italia; 005 cooperative e consorzi che manipolano, trasformano e commercializzano prodotti agricoli in zone agricole svantaggiate ; 025 cooperative e consorzi che manipolano, trasformano e commercializzano prodotti agricoli in zone montane svantaggiate ;127 riduzione imprese artigiane L 296/06)

80 Il prospetto prevede : una sezione rata polizza dipendenti con la eventuale indicazione nel campo PRESUNTO del importo delle retribuzioni presunte dichiarate nella denuncia di esercizio sulle quali calcolare il premio relativo al pagamento della rata anticipata riferita al primo anno solare successivo all inizio dell attività una sezione regolazione soggetti autonomi artigiani relativa sezione Agevolazioni con la Una sezione rata soggetti autonomi artigiani Una sezione contributi associativi

81 LE NUOVE BASI DI CALCOLO 81

82 La possibilità di chiedere la riduzione del tasso applicato entro il 29 febbraio 2013 attraverso il mod. OT/24 è possibile chiedere uno sconto del tasso per prevenzione per l anno La compilazione e l inoltro alla competente Sede INAIL dell istanza di riduzione del tasso mod. OT24 deve essere solo on-line, nel Punto Cliente all interno del sito Internet richiamando l applicazione Moduli on line e la funzione Modulo OT24. Da quest anno il modulo presenta ulteriori nuovi elementi. 82

83 Le pecentuali di oscillazione- correlate alla dimensione aziendale espressa in lavoratori /anno (mod 20SM)sono: Fiano a 10 30% Da 11 a 50 23% Da 51 a % Da 101 a % Da 201 a % Oltre 500 7%

84 Condizioni per la concessione dello sconto: regolarità assicurativa, regolarità contributiva, anche nei confronti di altri Enti, regolare applicazione delle norme di cui al D.Lgs. 81/08 e 106/09 aver realizzato, nell anno 2012, degli interventi migliorativi rispetto alle condizioni minime previste e cioè, in alternativa: un grande intervento della sezione A del mod. OT24 interventi nelle sezioni da B a N del mod. OT24 con un punteggio totale di

85 Tutti i soggetti assicuranti che sono titolari di PAT presso l INAIL hanno l obbligo di fare l autoliquidazione, di compilare e trasmettere la Dichiarazione delle retribuzioni mod Sono esonerate dal fare la dichiarazione delle retribuzioni, le aziende artigiane che nell anno 2012 non hanno occupato dipendenti, o hanno occupato soltanto apprendisti 85

86 L esonero però non opera nel caso queste stesse aziende artigiane: abbiano comunque corrisposto un premio anticipato (rata 2012) per i dipendenti, da conguagliare con la regolazione Se invece intendono: per la prima volta di pagare ratealmente i premi dovuti (o di riproporla in fosse stata revocata) revocare la rateazione ex l 449/97 usufruire dello sconto ex l 296/06 nell autoliquidazione 2013/2014 è possibile contattare il Contac Center entro il 16 marzo 86

87 Va ricordato che hanno l obbligo di fare l autoliquidazione e,quindi, di compilare e trasmettere la Dichiarazione delle retribuzioni mod : le aziende individuali non artigiane che occupano familiari coadiuvanti del titolare le società non artigiane che occupano soci lavoratori le aziende che occupano collaboratori parasubordinati Ciò in quanto per questi soggetti, a differenza di quanto avviene per gli artigiani, devono sempre essere dichiarate le retribuzioni convenzionali o di ragguaglio da assoggettare al calcolo del premio assicurativo 87

88 Il mod SEZIONE 1 ANAGRAFICA SEZIONE 2 RETRIBUZIONI SEZIONE 3 SCONTI SEZIONE 4 DETTAGLIO Q.E. SEZIONE 5 DETTAGLIO Q.E. 100 % SEZIONE 6 RATEAZIONE E RIDUZIONE ARTIGIANI L 296/06 88

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici

Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici Dati Anagrafici Ditta Data inizio attività Indicare la data d'inizio attività effettiva della ditta. Indirizzo Sede INAIL Indicare l'indirizzo della

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L alla Gazzetta Ufficiale 23 marzo 1999) con le modifiche apportate dalla Legge 28 giugno

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro Una panoramica dell Istituto: Cosa facciamo L INAIL - Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - persegue una pluralità di obiettivi: ridurre, attraverso un intensa attività

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli