SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 2"

Transcript

1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno

2 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra Liverani Luisa Poli Susy 2

3 SOMMARIO 1. DISABILI ISCRITTI ALL ELENCO DEI BENEFICIARI DELLA LEGGE 68/ TOTALE DEI DISABILI ISCRITTI ALL ELENCO DEI BENEFICIARI DELLA LEGGE 68/ NUOVI ISCRITTI ALL ELENCO DEI DISABILI BENEFICIARI DELLA LEGGE 68/99 NELL'ANNO AVVIAMENTI AL LAVORO DI LAVORATORI DISABILI ISCRITTI ALL ELENCO DEI BENEFICIARI DELLA LEGGE 6 8 / 9 9 NELL ANNO IL COLLOCAMENTO DEI DISABILI E LA CRISI CONVENZIONI LAVORATORI APPARTENENTI ALLE CATEGORIE PROTETTE DI CUI ALL'ART. 18 LEGGE 68/99 (ORFANI, VEDOVE, PROFUGHI...) AVVIAMENTI AL LAVORO DI DEI LAVORATORI APPARTENENTI ALLE CATEGORIE PROTETTE DI CUI ALL'ART. 18 LEGGE 68/99 (ORFANI, VEDOVE, PROFUGHI...) I SERVIZI DEI CENTRI PER L'IMPIEGO PER I LAVORATORI DISABILI E PER LE ALTRE CATEGORIE BENEFICIARIE DELLA L. 68/ I LAVORATORI DISABILI E LE ALTRE CATEGORIE BENEFICIARIE DELLA L. 68/ I SERVIZI RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI E ALLE ALTRE CATEGORIE BENEFICIARIE DELLA L. 68/ Le politiche a sostegno dei lavoratori disabili Il servizio di incontro d/o per disabili e per le altre categorie beneficiarie della L. 68/ I DATORI DI LAVORO PUBBLICI E PRIVATI IN OBBLIGO DI ASSUNZIONE L ATTI VI TÀ DEL S.I.I.L. - SOSTEGNO INTEGRATO INSERIMENTO LAVORATIVO

4 1. DISABILI ISCRITTI ALL ELENCO DEI BENEFI CI ARI DELLA LEGGE 68/ Totale dei disabili iscritti all elenco dei beneficiari della legge 68/99 Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 6 8 / 9 9 immediatamente disponibili al lavoro al 31 dicembre 2012 n iscritti Le persone disabili immediatamente disponibili al lavoro iscritte all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili, al 31/12/2012, sono Si tratta per la maggior parte di invalidi civili, che raggruppano il 95,1% delle iscrizioni. Per quanto riguarda il genere non si registra una rilevante differenza di iscritti, tra donne e uomini, infatti sono donne, mentre sono uomini. Rispetto al 2011 si rileva un aumento degli iscritti pari a 127 unità. Genere FEMMINE MASCHI Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per genere al 31 dicembre - comparazione n lavoratori V.A V.A V.A V.A. 952 V.A. 837 V.A V.A V.A. 967 V.A. 860 V.A FEMMINE MASCHI 4

5 Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per tipo di iscrizione al 31 dicembre INVALIDI CIVILI V.A ; 95,1% SORDOMUTI V.A. 22 ; 0,9% INVALIDI DEL LAVORO V.A. 94 ; 3,9% MINORATI VISTA V.A. 0; 0% INVALIDI PER SERVIZIO V.A. 3 ; 0,1% 5

6 Per quanto riguarda il tipo di disabilità, come negli anni precedenti, nell'anno 2012 si rileva una predominanza assoluta di lavoratori con disabilità di tipo fisico (pari al 68,1%), mentre quella meno presente risulta essere la disabilità di tipo intellettivo (pari al 6,8%). Per quanto riguarda la percentuale di disabilità la maggior parte dei lavoratori (pari al 44,5%) si colloca nella fascia da 46% a 66%. Anno Percentuale Invalidità Fisica Psichica Intellettiva Totale (*) % da 33% a 45% ,0 da 46% a 66% , da 67% a 79% ,0 oltre 79% ,0 non rilevato , Totale ,0 da 33% a 45% ,7 da 46% a 66% , da 67% a 79% ,3 oltre 79% ,2 non rilevato , Totale ,0 da 33% a 45% ,9 da 46% a 66% , da 67% a 79% ,4 oltre 79% ,1 non rilevato , Totale ,0 (*) Nella tabella non vengono presi in considerazioni i disabili per cui non è stata ancora rilasciata la diagnosi funzionale Disabili iscritti all'elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per tipo di disabiità al 31/12/2012 Senza diagnosi funzionale; V.A. 358; 14,8% Invalidità Intellettiva; V.A. 139; 5,8% Invalidità Fisica; V.A. 1402; 58,0% Invalidità Psichica; V.A. 517; 21,4% 6

7 Entrando nel dettaglio delle informazioni sulle persone disabili iscritte al collocamento mirato emerge che: - si registra una forte presenza nella fascia di età dai 41 ai 54 anni, sono infatti gli iscritti che rappresentano il 47,7% del totale; - rispetto alla provenienza il 90,8% degli iscritti è costituito da italiani, mentre il 7,5% da extracomunitari e l 1,7% da comunitari; - un altro elemento utile a descrivere le caratteristiche degli iscritti è quello relativo al titolo di studio, che vede una presenza significativa di ben persone, che hanno assolto l obbligo scolastico pari al 59,5% del totale degli iscritti, seguiti da coloro che sono in possesso di un diploma secondario superiore, ovvero 532 persone, pari al 22% degli iscritti Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per fasce di età al 31 dicembre V.A n iscritti 600 V.A. 496 V.A V.A. 107 V.A. 99 V.A. 1 4,4% 4,1% 20,5% 47,7% 23,2% <= e oltre fasce di età 7

8 Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per provenienza al 31 dicembre comunitari V.A. 42 extracomunitari V.A ,7% 7,5% 90,8% italiani V.A Disabili iscritti all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per titolo di studio al 31 dicembre Laurea 4,3% Titolo post laurea 0,3% Non rilevato 3,6% Nessun titolo di studio 1,3% Altro titolo accademico 0,4% Diploma secondario superiore 22,0% Obbligo scolastico 59,5% Qualifica 8,5% 8

9 1.2 Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della legge 6 8 / 9 9 nell'anno n. 313 iscritti I nuovi iscritti disabili nell anno 2012 sono 313, mentre nel 2011 si erano registrate 336 nuove iscrizioni. Rispetto all'anno precedente si può notare il ritorno ad un sostanziale equilibrio fra il numero degli fra uomini e delle donne iscritti. Genere FEMMINE MASCHI Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per genere - comparazione n lavoratori V.A. 158 V.A. 144 V.A. 161 V.A. 151 V.A. 127 V.A. 155 V.A. 192 V.A. 185 V.A. 153 V.A FEMMINE MASCHI 9

10 I nuovi iscritti nel 2012 confermano alcune caratteristiche di dettaglio che sono state rilevate in riferimento al numero totale degli iscritti per quanto riguarda - il tipo di iscrizione, il maggior numero di nuovi iscritti e cioè 305 su 313 sono invalidi civili, e rappresentano il 97,4% degli iscritti del 2012; - la provenienza, il 88,5% è costituito da italiani, mentre il 7,7% da extracomunitari e il 3,8% da comunitari; - per quanto attiene al titolo di studio, la maggior parte degli iscritti dell'anno 2012 e cioè il 50,5%, pari a 158 lavoratori, ha assolto l obbligo scolastico ed il 27,5% ha un diploma secondario superiore; resta un sostanziale equilibrio per quanto riguarda i laureati ed i lavoratori in possesso di qualifica che nel 2012 sono entrambi pari al 7,0%. Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per tipo di iscrizione nell'anno 2012 INVALIDI CIVILI V.A. 305 ; 97,4% SORDOMUTI V.A. 2 ; 0,6% INVALIDI DEL LAVORO V.A. 6; 1,9% 10

11 Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per provenienza nell'anno 2012 Extracomunitari V.A. 24; 7,7% Comunitari V.A. 12; 3,8% Italiani V.A. 277; 88,5% Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per titolo di studio nell'anno 2012 Laurea; V.A. 22 ; 7,0% Titolo post laurea; V.A. 3 ; 1,0% Non rilevato; V.A. 21 ; 6,7% Nessun titolo; V.A. 1 ; 0,3% Diploma secondario superiore; V.A. 86 ; 27,5% Obbligo scolastico; V.A. 158 ; 50,5% Qualifica; V.A. 22 ; 7,0% 11

12 Pur permanendo una forte presenza nella fascia di età dai 41 ai 54 anni, sono infatti 139 i nuovi iscritti, appartenenti a questa fascia che rappresentano il 44,4% del totale degli iscritti del 2012, si puo' notare che, rispetto all'anno precedente, si è verificato un aumento dei nuovi iscritti nella fascia di età più alta (dai 55 anni in su) mentre in generale calano le iscrizioni di disabili delle altre fasce di età. fasce d'età Iscritti 2012 Iscritti 2011 var. % <= , , , , ,3 55 e oltre ,0 totale ,8 160 Nuovi iscritti all elenco dei disabili beneficiari della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per fasce di età nell'anno V.A n iscritti 80 V.A V.A V.A V.A. 19 9,3% V.A. 1 6,1% 23,3% 44,4% 16,6% <= e oltre fasce di età 12

13 2. AVVIAMENTI (1) AL LAVORO DI LAVORATORI DISABILI ISCRITTI ALL ELENCO DEI BENEFICIARI DELLA LEGGE 68/99 NELL ANNO Nell anno 2012 i disabili avviati al lavoro sono stati 262 di cui solo 18 con avvio numerico, e 244 con avvio nominativo. In merito a questo aspetto specifico si ripropone così un quadro pressoché invariato rispetto agli anni precedenti. Nell anno 2012 per quanto attiene al numero degli avviamenti totali si è registrato un leggero calo pari al 5,1% rispetto al Anche per gli avviamenti avvenuti tramite convenzione si è registrato un calo del 20,6%, che ripercorre l'andamento dell'anno precedente dove il calo era stato del 20,0%. Tipo avviamento Uomini Donne Totale 2012 Totale 2011 Var % 11/12 Totale 2010 Var % 10/11 NOMINATIVI , ,6 NUMERICI , ,0 TOTALE , ,5 di cui tramite convenzione , ,0 Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio - comparazione V.A. 244 V.A. 267 V.A. 274 V.A. 274 V.A V.A. 18 V.A. 9 V.A. 15 V.A. 7 V.A. 7 NOMINATIVI NUMERICI (1) per avviamento si intende l'invio del lavoratore all'impresa; l'avviamento non corrisponde necessariamente all'assunzione da comunicazione obbligatoria. 13

14 Per quanto concerne le informazioni più dettagliate sui 262 avviamenti al lavoro di disabili nell anno 2012, si vede una netta prevalenza sul totale: - di avviamenti relativi a lavoratori che hanno un età maggiore di 45 anni, sono infatti 127 persone pari al 48,5%; - di avviamenti di cittadini italiani e comunitari che rappresentano il 96,9% degli avviamenti di lavoratori disabili; - di avviamenti di lavoratori con disabilità di tipo fisico che rappresentano quasi i due terzi degli avviamenti totali (mentre quelli relativi a lavoratori con disabilità di tipo psichico ed intellettivo sono il 13,7%); - degli avviamenti con contratto a tempo determinato (part-time e full-time) che rappresentano il 45,4% del totale; a questi vanno aggiunti il 30,9% degli avviamenti con contratto a tempo determinato di tipo stagionale. 140 Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio per fasce di età - anno 2012 V.A n lavoratori V.A ,5% 40 V.A ,2% 20 V.A ,7% - V.A. 1 7,3 % <= 18 19/24 25/34 35/44 >= 45 fasce d'età 14

15 Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio per provenienza - anno 2012 extracomunitari; V.A. 8 ; 3,1% comunitari + italiani; V.A. 254 ; 96,9% Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio per tipo di disabilità - anno 2012 senza diagnosi funzionale V.A ,7% intellettivo V.A. 21-8,0% psichico V.A. 15-5,7% fisico V.A ,6%

16 Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio per tipo di contratto - anno 2012 stagionali; V.A. 81; 31% Tempo indeterminato full-time; V.A. 47; 18% apprendistato; V.A. 3; 1% contratto di inserimento; V.A. 1; 0% Tempo indeterminato part-time; V.A. 11; 4% Tempo determinato part-time; V.A. 41; 16% Tempo determinato full-time; V.A. 78; 30% 16

17 2.1 Il collocamento dei disabili e la crisi L'impatto della crisi sul mercato del lavoro ravennate sembra non aver intaccato in modo sostanziale le assunzioni del personale disabile, che risultano, in termini assoluti, molto simili a quelli registrati nel 2008 quando la crisi non aveva ancora manifestato i suoi effetti. Le assunzioni che si registrano nel 2012 sono 262, contro le 276 del 2011, le 289 del 2010, le 281 del 2009 e le 290 del La flessione è dovuta al fatto che molte imprese soggette alle assunzioni obbligatorie di persone disabili hanno risentito del difficile andamento congiunturale e per il ricorso alla cassa integrazione speciale e alle procedure di mobilità, hanno sospeso l'obbligo di assunzione fino al termine degli ammortizzatori. La performance positiva dell'assunzione dei disabili puo' essere dovuta a diversi fattori: innanzitutto la responsabilità sociale dei datori di lavoro del territorio che fanno comunque fronte ai propri oneri di assumere personale disabile nonostante la crisi. Contribuisce anche la stretta collaborazione delle imprese con il Servizio del Collocamento Mirato della Provincia di Ravenna, che a sua volta opera in una logica di rete con tutte le istituzioni e gli organismi locali che a vario titolo si occupano di lavoratori disabili, agevolandone l'inserimento lavorativo anche attraverso percorsi personalizzati con l'assistenza di personale specializzato che assiste nel tempo non solo il lavoratore ma anche il datore di lavoro. La Direzione Territoriale del Lavoro sostiene l'attività del collocamento obbligatorio della Provincia intervenendo presso le aziende in caso di inadempienza. La Provincia continua a promuovere presso le aziende ancora in obbligo, il ricorso allo strumento della convenzione previsto dalla Legge 68/1999, che permette la programmazione delle assunzioni, dando la possibilità alle aziende di posticipare la data di assunzione del disabile per consentire la ricerca della persona più adatta allo svolgimento della mansione prevista. 17

18 3. CONVENZIONI Convenzioni ai sensi dell'art. 1 1 legge 6 8 / 9 9 tra datori di lavoro pubblici e privati e Provincia di Ravenna per l inserim ento di lavoratori disabili iscritti Per quanto riguarda il numero delle convenzioni stipulate dalle aziende con la Provincia di Ravenna, per assolvere all obbligo di assunzione di personale disabile, bisogna tener conto che nell'anno 2011 il Comitato Tecnico che approva le convenzioni si era sciolto in concomitanza alle elezioni provinciali di maggio 2011 e si è ricostituito solo a dicembre Quindi molte delle convenzioni richieste dalle aziende nel 2011 (34 in tutto) sono state approvate dal Comitato Tecnico nel gennaio Per questo motivo il numero di convenzioni per l'assunzione di persone disabili richieste dalle aziende nel 2012 risulta superiore rispetto a quello chiesto negli anni precedenti. totale 2012 (*) totale 2011 var % Convenzioni stipulate = ,3 Lavoratori da assumere in convenzione = ,1 (*) Dato relativo alle convenzioni richieste nell'anno convenzioni richieste nel 2011 approvate dal Comitato Tecnico nel gennaio Convenzioni stipulate ai sensi dell'art. 11 Legge 68/99 e lavoratori interessati - Comparazione 2011 / ; V.A. 112 (*) ; V.A. 88 (*) 2011; V.A ; V.A. 95 n lavoratori Convenzioni stipulate Lavoratori da assumere in convenzione 18

19 4. LAVORATORI APPARTENENTI ALLE CATEGORI E PROTETTE DI CUI ALL'ART. 18 LEGGE 68/99 (ORFANI, VEDOVE, PROFUGHI...) Beneficiari del collocam ento obbligatorio ai sensi dell art. 1 8 della Legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro al 31 dicembre 2011 n. 110 iscritti Le persone appartenenti all articolo 18 della legge 68/99 immediatamente disponibili al lavoro iscritte all elenco dei beneficiari della Legge 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili, al 31/12/2012, sono 110. Si tratta per la maggior parte di vedove/orfani di lavoro, sono infatti 61 e rappresentano oltre la metà delle iscrizioni. Per quanto riguarda il genere prevalgono, come negli anni precedenti, le donne, in particolare nel 2012 queste ultime sono 68 e 42 sono gli uomini. Genere FEMMINE MASCHI Beneficiari del Collocamento Obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per genere al 31 dicembre - comparazione n lavoratori V.A. 68 V.A. 65 V.A. 53 V.A. 51 V.A. 49 V.A. 42 V.A. 35 V.A. 30 V.A. 31 V.A FEMMINE MASCHI 19

20 70 60 Beneficiari del Collocamento Obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per tipo di iscrizione al 31 dicembre V.A V.A. 15 V.A. 16 V.A ,6% 14,5% 55,5% 16,4% - PROFUGHI VEDOVE/ORFANI DI GUERRA VEDOVE/ORFANI DI LAVORO VEDOVE/ORFANI DI SERVIZIO Entrando nel dettaglio delle informazioni riguardanti gli iscritti al collocamento obbligatorio ai sensi dell art.18 della Legge 68/99 emerge che: - permane una forte presenza di iscritti nella fascia di età dai 41 ai 54 anni, sono infatti 55 gli appartenenti a questa fascia, pari al 50,0%, in aumento rispetto all'anno precedente; - rispetto alla provenienza anche nel 2012 il 98,2% degli iscritti è costituito da italiani ed il 1,8% da extracomunitari (mentre non ci sono iscritti comunitari); - un altro elemento utile a descrivere le caratteristiche degli iscritti è quello relativo al titolo di studio, che vede una presenza significativa di persone, ben 50, che hanno assolto l obbligo scolastico, seguiti da coloro che sono in possesso di un diploma secondario superiore, ovvero 34 persone. 20

21 Beneficiari del Collocamento Obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per fasce di età al 31 dicembre 60 V.A n iscritti V.A.21 V.A V.A. 7 V.A. 5 - V.A. 1 6,4% 4,5% 19,1% 50,0% 19,1% <= e oltre fasce di età Beneficiari del Collocamento Obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/9968/99 immediatamente disponibili al lavoro per provenienza al 31 dicembre Italiani; V.A. 108 ;98,2% Extracomunitari; V.A 2 ; 1,8% 21

22 Beneficiari del Collocamento Obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/99 immediatamente disponibili al lavoro per titolo di studio al 31 dicembre Altro titolo accademico 2% Laurea 11% Titolo post laurea 1% Non rilevato 1% Nessun titolo di studio 0% Diploma secondario superiore 31% Obbligo scolastico 45% Qualifica 9% 22

23 5. AVVIAMENTI (2) AL LAVORO DEI LAVORATORI APPARTENENTI ALLE CATEGORIE PROTETTE DI CUI ALL'ART. 18 LEGGE 68/99 (ORFANI, VEDOVE, PROFUGHI...) Nel 2012 sono stati 40 gli avviamenti di categorie protette appartenenti all'art.18 legge 68/99, di cui 10 numerici e 30 nominativi. Nel 2012 si è registrata una variazione percentuale del 130,8% degli avviamenti in più rispetto al 2011, tornando ai valori complessivi del Gli avviamenti nominativi rappresentano il 75% degli avviamenti totali, in quanto, per gli appartenenti all'art.18 legge 68/99, le richieste di assunzione nominative rappresentano la modalità più efficace per l'individuazione del candidato. Gli operatori dei nostri servizi di incontro d/o dei Centri per l'impiego vengono messi in contatto con il referente dell'azienda "scoperta" per definire in dettaglio il profilo richiesto a copertura della quota d'obbligo e contestualmente viene avviata la ricerca in banca dati e pubblicata la richiesta di personale. Questo procedimento a distanza di due anni ha portato a risultati positivi, con un incremento degli avviamenti rispetto all'anno precedente. Tipo avviamento Donne Uomini Totale 2012 Totale 2011 Var % 11/12 Totale 2010 Var % 10/11 NOMINATIVI , ,5 NUMERICI , ,8 TOTALE , ,1 (2) per avviamento si intende l'invio del lavoratore all'impresa; l'avviamento non corrisponde necessariamente all'assunzione da comunicazione obbligatoria. 23

24 Avviamenti al lavoro di beneficiari del collocamento obbligatorio ai sensi dell art. 18 della L. 68/99 - comparazione ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A ; V.A. 5 0 NOMINATIVI NUMERICI 24

25 Nel 2012 il numero maggiore di avviamenti riguarda gli iscritti di età superiore ai 25 anni, con una suddivisione pressochè uguale fra le tre fasce di età (25/34, 35/44 e 45 anni) Per quel che riguarda la provenienza, la totalità degli avviamenti al lavoro riguarda lavoratori italiani e comunitari. 16 Avviamenti al lavoro di beneficiari del collocamento obbligatorio ai sensi dell art. 1 8 della L. 6 8 / 9 9 per fasce di età - anno V.A V.A V.A. 10 n lavoratori ,5% 25,0% 37,5% 4 2 V.A. 2-5,0% V.A. 0 <= 18 19/24 25/34 35/44 >= 45 classi di età 25

26 6. I servizi dei Centri per l'impiego per i lavoratori disabili e per le altre categorie beneficiarie della L. 68/ I lavoratori disabili e le altre categorie beneficiarie della L. 68/99 Le persone immediatamente disponibili al lavoro al 31/12/2012 iscritte all elenco dei beneficiari della Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili sono Di questi sono disabili; si tratta per la maggior parte di invalidi civili (2.297 pari al 90,9%), mentre gli iscritti alle altre categorie beneficiarie del collocamento obbligatorio ai sensi dell art. 18 della Legge 68/99 (orfani, vedove, profughi...) sono 110. Complessivamente le donne sono (pari al 51.2%). Nell'anno 2012 si registra un aumento totale di 137 iscritti, pari al 5,4% del totale degli iscritti. Persone beneficiarie della Legge 68/99 immediatamente disponibili (dato di stock) Serie storica IV trim IV trim IV trim IV trim orfani e altri F M totale parziale disabili F M totale parziale totale Disaggregando il dato per Centri per l'impiego possiamo notare che il 60,0% degli orfani e il 55,5% dei disabili sono iscritti presso il Centro per l'impiego di Ravenna, il 20,0% degli orfani e il 24,0% dei disabili presso il Centro per l'impiego di Lugo, il 20,0% degli orfani e il 20,5% dei disabili presso il Centro per l'impiego di Faenza. 26

27 Persone beneficiarie della Legge 68/99 immediatamente disponibili suddivise per CPI (dato di stock) F M totale % totale Faenza ,0 orfani e altri Lugo ,0 Ravenna ,0 totale orfani e altri ,0 Faenza ,5 disabili Lugo ,0 Ravenna ,5 totale disabili ,0 totale Il 70,0% dei lavoratori iscritti ha un'età superiore ai 40 anni. Quelli con un'età compresa fra i 41 e i 54 anni sono il 47,8%, il 23,0% supera i 55 anni. Persone beneficiarie della Legge 68/99 immediatamente disponibili suddivise per fascia età 23,0% 0,1% 4,5% 4,1% 20,5% 47,8% <= e oltre Il 70,7% risulta disoccupato, il 14,4% risulta inoccupato, l'8,3% è precario. I nuovi lavoratori immediatamente disponibili iscritti all elenco dei beneficiari della L. 68/99 nel 2012 sono 352, sostanzialmente stabili rispetto al 2010 (355). N uovi lavorat ori iscrit t i nell elenco dei beneficiari della L. 6 8 / 9 9 nell'anno ( dato di flusso). Serie storica anni orfani e altri (art.18 L. 68/99) F M totale parziale disabili F M totale parziale totale

28 Il 44,8% ha un età compresa fra i 41 e i 54 anni e l'88,4% è costituito da italiani. Più della metà ha assolto l'obbligo scolastico e circa un quarto ha un diploma di scuola secondaria superiore. Nel 2012 sono state effettuate 302 assunzioni3 di cui 262 per disabili, in flessione rispetto agli anni precedenti. Il 90,7% delle assunzioni derivano da richiesta nominativa da parte dell'azienda. orfani e altri disabili Assunzioni dei lavorat ori iscrit t i nell elenco dei beneficiari della L. 6 8 / 9 9 Serie storica ** tipo avviamento richiesta nominativa richiesta numerica totale parziale richiesta nominativa richiesta numerica totale parziale di cui tramite convenzione totale ** Dati ricavati manualmente dalla banca dati del Collocamento Obbligatorio I 262 lavoratori disabili sono stati avviati per il 30,9% come stagionali (81 persone); per il 45,4% a tempo determinato (119 persone), per il 22,1% a tempo indeterminato (58 persone). Disaggregando il dato per tipo di orario vediamo che i contratti a tempo determinato part-time sono il 15,6% del totale dei contratti attivati, quelli a tempo indeterminato part-time il 4,2%. Tre sono le persone che sono state avviate con contratto di apprendistato. 3 Per "assunzione" si intende "l'invio del lavoratore all'impresa", come indicato all'interno dei "nulla-osta "rilasciati alle aziende. Le assunzioni tramite convenzione possono fare riferimento anche a convenzioni stipulate in anni precedenti. 28

29 Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio suddivisi per tipo di contratto - anno ,9% 17,9% 4,2% 1,1% 0,4% 15,6% 29,8% TEM PO INDETERM INATO TEM PO DETERM INATO CONTRATTO DI INSERIM ENTO ALTRE TIPOLOGIE (Stagionale) TEM PO INDETERM INATO (part-time) TEM PO DETERM INATO (part-time) APPRENDISTATO Dei lavoratori disabili avviati circa la metà ha un'età superiore ai 45 anni, il 30,2% ha un'età compresa fra i 35 e i 44 anni. Avviamenti al lavoro di lavoratori disabili iscritti al collocamento obbligatorio suddivisi per fasce d'età - Anno ,4% 7,3% 13,7% 48,5% 30,2% <=18 19/24 25/34 35/44 >=45 29

30 6.2 I servizi rivolti alle persone disabili e alle altre categorie beneficiarie della L. 68/99 Il numero di utenti con disabilità che hanno usufruito di almeno un servizio (4) erogato nell'ambito del collocamento mirato dei Centri per l'impiego della provincia di Ravenna è pari a 1551 nell'anno Si precisa che l'utente che si rivolge piu' volte al Centro per l'impiego per usufruire di diversi servizi viene conteggiato una sola volta nell'arco dell'anno ed a tale utente viene associato un solo movimento di assunzione attraverso il collocamento mirato nello stesso anno. N. utenti di cui assunti* N. utenti di cui assunti* N. utenti di cui assunti* N. utenti di cui assunti* N. utenti * entro i 12 m esi successivi all ultim o servizio usufruito dall utente di cui assunti* Dato non ancora disponibile Considerando, allo stesso modo, un arco temporale di quattro anni, dal 2008 al 2011, il numero di utenti con disabilità che hanno usufruito di almeno un servizio erogato nell'ambito del collocamento mirato dei Centri per l'impiego della provincia è pari a 3603 e di questi sono 1533 quelli che sono stati assunti almeno una volta nello stesso periodo Il numero di prestazioni erogate dai servizi del Collocamento mirato ai lavoratori con disabilità nell'anno 2012 è 5.223, di cui 2.373, pari al 45,4%, effettuati dal servizio di Accoglienza Categorie Protette. (4) Per Servizio si intende: colloqui di accoglienza, colloqui di orientamento e colloqui di accompagnamento al lavoro. 30

31 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Accesso ai servizi (presa in carico, verifica dati...) n totale di prestazioni erogate Colloqui orientativi Tirocini Inserimento in Banca Dati Selezione di candidature coerenti con le richieste di personale totale Il numero di utenti disabili che hanno ricevuto prestazioni con il collocamento mirato nell'anno 2012 è pari a lavoratori. Si precisa che l'utente che si rivolge piu' volte al Centro per l'impiego per usufruire di diversi servizi viene conteggiato una sola volta nell'arco dell'anno in base al numero di prestazioni che ha ricevuto. N DI UTENTI n. utenti con 1 prestazione n. utenti da 2 a 3 prestazioni n. utenti da 4 a 5 prestazioni n. utenti con oltre 5 prestazioni totale

32 6.2.1 Le politiche a sostegno dei lavoratori disabili La congiuntura economica negativa che ha colpito il nostro territorio in questi ultimi anni e la conseguente difficoltà occupazionale, ha ulteriormente aumentato le difficoltà di ingresso nel mercato del lavoro di "fasce deboli", quali i lavoratori disabili. I Centri per l impiego della Provincia di Ravenna, al fine di favorire l inserimento lavorativo delle persone disabili in cerca di lavoro, hanno predisposto un pacchetto di servizi e strumenti specificamente pensati per aiutarli. Accanto alle attività di accompagnamento al lavoro standard (colloqui di orientamento e di aggiornamento) sono quindi stati previsti interventi innovativi anche utilizzando risorse finanziarie specifiche (Fondo Regionale Disabili). Il colloquio di orientamento che avviene a seguito dell'iscrizione al collocamento mirato, sancisce la presa in carico dell'utente e l'accesso ai servizi messi a disposizione dal Centro per l'impiego per le persone con disabilità. Dalla seconda metà del 2011, dopo il primo colloquio, in cui l'utente fornisce informazioni relative al proprio percorso formativo-lavorativo e concorda con l'operatore i profili professionali da inserire nella banca dati per favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro, è previsto ogni anno un colloquio che ha lo scopo di mantenere aggiornata la banca dati e di proporre misure di politica attiva per facilitare l'inserimento lavorativo. Durante i colloqui, si è cercato di conoscere più nel dettaglio la composizione della banca dati dei centri per l'impiego, in termini di conoscenze e competenze possedute dagli utenti, per individuare il livello di occupabilità e definire le misure di politica attiva più idonee a diminuire il gap tra i requisiti richiesti e quelli posseduti. Al termine del colloquio l'operatore contestualizza la condizione della persona rispetto alla sua occupabilità sulla base di un "continuum" di competenze acquisite o da acquisire. In sintesi i colloqui di orientamento che la persona disabile sostiene al centro per l'impiego rispondono alle seguenti esigenze: - acquisire informazioni sulle esperienze formative e professionali, sulle competenze, le risorse e i vincoli delle persone disabili per inserirle in banca dati e agevolare l'attività di incontro domanda e offerta di lavoro; 32

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SESTA RELAZIONE AL PARLAMENTO SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 12 MARZO 1999, N. 68 NORME PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI ANNI 2010 2011 Presentazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L alla Gazzetta Ufficiale 23 marzo 1999) con le modifiche apportate dalla Legge 28 giugno

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia 1.1 Introduzione: obiettivi della ricerca e metodologia... 5 1.1.1 Obiettivi... 5 1.1.2 Il contesto

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della FLC CGIL PIEMONTE - Via Pedrotti n. 5 - Torino

inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della FLC CGIL PIEMONTE - Via Pedrotti n. 5 - Torino inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della - Via Pedrotti n. 5 - Torino Torino, 8 febbraio 2010 Per contatti o segnalazioni: e-mail: c.innamorato@flcgil.it sito

Dettagli