Data 2 maggio 2006 Numero Pagine 70. Pagina 1 di 71

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data 2 maggio 2006 Numero Pagine 70. Pagina 1 di 71"

Transcript

1 Manuale d uso SUITE Strumenti di diagnostica Data 2 maggio 2006 Numero Pagine 70 Pagina 1 di 71

2 Indice: 1. GENERALITÀ PREREQUISITI HARDWARE E SOFTWARE Versione PC Windows INSTALLAZIONE SUITE MH TEAM TESTER SISTEMI SCS INTRODUZIONE RICERCA GUASTI IN IMPIANTI SCS AUTOMAZIONE RICERCA GUASTI IN IMPIANTI SCS ANTIFURTO RICERCA GUASTI IN IMPIANTI SCS TERMOREGOLAZIONE Analisi e soluzione di eventuali problemi RICERCA GUASTI IN IMPIANTI SCS DIFFUSIONE SONORA Analisi e soluzione di eventuali problemi RICERCA GUASTI IN IMPIANTI SCS INTEGRATI Integrazione con interfaccia F Integrazione con interfaccia F TILOG INTRODUZIONE UTILIZZO DEL SOFTWARE TILOG SU IMPIANTI SCS( AUTOMAZIONE, ANTIFURTO, TERMOREGOLAZIONE E DIFFUSIONE SONORA) UTILIZZO DEL SOFTWARE TILOG SU IMPIANTI DIGITALI 2 FILI CHIAMATA DA POSTO ESTERNO CHIAMATA DA POSTO ESTERNO + CONVERSAZIONE COMANDO SERRATURA E LUCI SCALE AUTOACCENSIONE - VIDEOCONTROLLO DOMESTICO RESET POSTO ESTERNO UTILIZZO DEL SOFTWARE TILOG SU IMPIANTI DIGITALI 6/8 FILI CHIAMATA DA POSTO ESTERNO CHIAMATA DA POSTO ESTERNO + CONVERSAZIONE COMANDO SERRATURA E LUCI SCALE AUTOACCENSIONE - VIDEOCONTROLLO DOMESTICO RESET POSTO ESTERNO CENTRALINO DI PORTINERIA WIZARD TIPBX INTRODUZIONE PROCEDURA PER IL COLLAUDO DEI CENTRALINI TELEFONICI PABX UTILIZZO DEL SOFTWARE WTIPBX CREAZIONE DELLA CONFIGURAZIONE BASE PERSONALIZZAZIONE CONFIGURAZIONE BASE INSERIMENTO DATI CLIENTE NELLA CONFIGURAZIONE PERSONALIZZATA COLLAUDO DEL CENTRALINO TELEFONICO PABX Pagina 2 di 71

3 1. Generalità Il presente documento ha come scopo il supporto all utente nell uso degli strumenti di diagnostica per i sistemi digitali BTicino. In dettaglio sono disponibili i seguenti strumenti. Piattaforma PC Windows: Tester Antifurto tester per impianti antifurto SCS Tester SCS tester per impianti SCS Automazione, Termoregolazione e Diffusione Sonora Tilog monitor per impianti videocitofonici SCS, SCS Automazione, Termoregolazione, Diffusione Sonora e Antifurto Wizard Tipbx messa in servizio e configurazione di centralini PABX 1.1 Prerequisiti Hardware e Software Versione PC Windows Personal Computer con processore Pentium >800 MHz 128 MB di memoria RAM Scheda grafica SVGA con risoluzione 800x600 Windows 95 rel. B o superiore.con Internet Explore 5.5 o superiore Pagina 3 di 71

4 2. Installazione Suite MH Team Per installare il programma Suite procedere come di seguito descritto: 1) Inserire il Cd-Rom oppure il primo floppy disk (nel caso si abbia il set in tale formato) nel relativo drive (ad esempio D: oppure A:) 2) Eseguire il file setup.exe contenuto nella directory d installazione dell applicativo A questo punto il programma d installazione mostrerà la seguente maschera Alla pressione dell apposito pulsante l installazione continuerà con la seguente finestra nella quale occorre definire il nome della directory dove installare il programma: Pagina 4 di 71

5 La procedura d installazione propone la directory C:\Programmi\Suite 3.0, l utente può però selezionare il direttorio che preferisce mediante l apposito pulsante Al termine della procedura di installazione verrà visualizzata la seguente maschera Nella barra degli strumenti saranno presenti i relativi collegamenti a tutti gli applicativi Pagina 5 di 71

6 3.1 Introduzione Lo scopo del presente documento è di facilitare la ricerca guasti nell ambito di impianti SCS introducendo l utilizzo degli appositi software di diagnostica. Vengono analizzati le singole tipologie di impianto per poi procedere all integrazione tra essi. Proprio per questa prestazione, nel campo della ricerca guasti è opportuno, se si è in presenza di più sistemi interconnessi, per prima cosa sezionare gli impianti e analizzarli singolarmente. Una volta verificata l efficienza dei singoli impianti si può procedere alla verifica delle funzioni di integrazione. In particolare di seguito si vedranno il metodo di ricerca guasti negli impianti Impianti SCS Luci Impianto SCS Antintrusione Impianto SCS Termoregolazione Impianto SCS Diffusione Sonora Integrazioni impianti 3.2 Ricerca Guasti in impianti SCS automazione Tramite software verrà effettuata una verifica automatica della configurazione e conseguente simulazione dell impianto tramite Tester SCS Comandi. Per ulteriori informazioni su questi strumenti fare riferimento alla relativa documentazione. Le tipologie di guasti che generalmente si possono riscontrare su tale impianto sono riassunti nella seguente tabella: Ricerca guasti tramite software (Tester SCS Comandi) Pagina 6 di 71

7 Sintomo Causa Soluzione Alla pressione di un opportuno comando l attuatore non commuta Alla pressione del comando l attuazione viene eseguita, ma lo stato del comando non viene aggiornato (led) Il led di segnalazione a bordo dei dispositivi continua a lampeggiare L attuatore non risponde al comando inviato. Non è un comando punto punto Configurazione errata a)se non si conoscono i valori di A e PL dei dispositivi utilizzare la funzione configurazione per apprendere l indirizzo dei dispositivi e provare ad azionarli. b)testare il comando e l attuatore mediante la modalità simulazione. c)utilizzare la funzione monitoraggio e verificare che ad ogni richiesta stato attuatore corrisponda la relativa risposta. a)verificare che il comando non sia di tipo Ambiente, Gruppo o Generale tramite la funzione configurazione a)controllare la configurazione in modalità manuale dei comandi e degli attuatori interessati (fare attenzione alla configurazione delle sedi A, PL, M) N.B. La procedura di ricerca guasti tramite software deve essere accompagnata da quella manuale con l ausilio di altri strumenti (p. es. multimetro). Per l utilizzo del Tester SCS è possibile collegare l impianto in test al pc attraverso l interfaccia SCS/USB art. L4686/USB o l interfaccia SCS/seriale art. L4686. Pagina 7 di 71

8 Dal menu File, selezionare la porta USB 1 per utilizzare l interfaccia art. L4686/USB o la porta seriale (Com..) per utilizzare l interfaccia art. L4686. Lingua Lingua Porta Seriale Porta Seriale Esci Esci Com 1 Com 1 Com 2 Com 2 Com 3 Com 3 Com 4 Com 4 Com 5 Com 5 Com 6 Com 6 Com 7 Com 7 Com 8 Com 8 Com 9 Com 9 Com 10 Com 10 Com 11 Com 11 Com 12 Com 12 Com 13 Com 13 Com 14 Com 14 Com 15 Com 15 Com 16 Com 16 vusb 1 vusb 1 Pagina 8 di 71

9 Monitoraggio : con questa funzione è possibile visualizzare o esportare su un file, tutti gli eventi che accadono sull impianto, in questo modo è possibile analizzare i singoli eventi per capire gli eventuali malfunzionamenti accaduti. Pagina 9 di 71

10 Configurazione: con questa funzione è possibile verificare la presenza della maggior parte degli oggetti connessi al bus SCS, in questo modo è possibile verificare la corretta configurazione degli oggetti. Simulazione: con questa funzione è possibile creare degli oggetti virtuali (che non necessariamente sono presenti fisicamente) per verificare l efficacia di una eventuale nuova funzione. Pagina 10 di 71

11 3.3 Ricerca Guasti in Impianti SCS antifurto Verrà effettuata una verifica automatica della configurazione e conseguente simulazione dell impianto tramite Tester SCS antifurto. Per ulteriori informazioni su questo strumento fare riferimento alla relativa documentazione. Le tipologie di guasti che generalmente si possono riscontrare su tale impianto sono riassunti nella seguente tabella: Sintomo Causa Soluzione Alla pressione del telecomando non è possibile inserire l impianto Dispositivi impianto in allarme 24h o intrusione a)attivare il monitoraggio impianto e verificare la registrazione degli eventi b)testare l oggetto singolo in modalità interrogazione facendo attenzione all efficienza del tamper Ad impianto inserito viene generato un allarme intrusione o 24h senza alcun motivo apparente Falsi allarmi a)inserire il software in monitoraggio per cercare di poter individuare il dispositivo che ha generato l allarme. Il led di segnalazione delle zone non si accendono Configurazione errata a)attivare la funzione configurazione per poter controllare gli indirizzi dei dispositivi. Per l utilizzo del Tester Antintrusione è possibile collegare l impianto in test al pc attraverso l interfaccia SCS/USB art. L4686/USB o l interfaccia SCS/seriale art. L4686. Dal menu File, selezionare la porta USB 1 per utilizzare l interfaccia art. L4686/USB o la porta seriale (Com..) per utilizzare l interfaccia art. L4686. Pagina 11 di 71

12 Lingua Lingua Porta Seriale Porta Seriale Esci Esci Com 1 Com 1 Com 2 Com 2 Com 3 Com 3 Com 4 Com 4 Com 5 Com 5 Com 6 Com 6 Com 7 Com 7 Com 8 Com 8 Com 9 Com 9 Com 10 Com 10 Com 11 Com 11 Com 12 Com 12 Com 13 Com 13 Com 14 Com 14 Com 15 Com 15 Com 16 Com 16 vusb 1 vusb 1 Monitoraggio: con questa funzione è possibile visualizzare o esportare su un file, tutti gli eventi che accadono sull impianto, in questo modo è possibile analizzare i singoli eventi per capire gli eventuali malfunzionamenti accaduti. Pagina 12 di 71

13 Configurazione: con questa funzione è possibile acquisire la costituzione dell impianto in modo di poter verificare la corretta configurazione degli oggetti Interrogazione: Con questa funzione è possibile interrogare il singolo oggetto per conoscerne i dati caratteristici Pagina 13 di 71

14 NB: con entrambi i software, durante la fase di monitoraggio, è possibile riscontrare i seguenti errori dovuti a disturbi presenti sul bus: Descrizione Diagnosi ERRORE Stop bit errato ERRORE checksum errata ERRORE ETX non identificato ERRORE byte non completo ERRORE interbyte troppo lungo ERRORE lunghezza frame non valida ERRORE buffer over run ERRORE non identificato ERRORE retry frame Errori/disturbi durante la trasmissione della frame visualizzata. RX Ko da disp. xy Pagina 14 di 71

15 3.4 Ricerca Guasti in impianti SCS Termoregolazione. Le tipologie di guasti che generalmente si possono riscontrare su tale impianto, sono elencati nei seguenti paragrafi e saranno analizzati con l utilizzo della centrale 3550 e con l apposito software. La centrale di termoregolazione è dotata di un software di gestione che è in grado di effettuare un test di sistema; se sull impianto si verificano dei problemi, sul display viene visualizzato il simbolo _!_ a tutto schermo o nell'angolo in basso a destra. NB Fare sempre riferimento al manuale installatore della centrale. Qualora compaiano delle segnalazioni di mal funzionamento, premendo un qualsiasi tasto si accede direttamente alla parte di Diagnostica oppure è possibile accedervi dal menu Impostazioni Diagnostica. Se la centrale non segnala problemi, verificare comunque che le sonde stiano comunicando correttamente: nel menu Impostazioni Diagnostica selezionare le zone da verificare ed eseguire un Aggiorna o Visualizza Analisi e soluzione di eventuali problemi Errore su sonda Se la centrale segnala un 'Errore su sonda' verificare che la sonda sia correttamente collegata e configurata (led verde acceso fisso o lampeggiante lentamente, numero di zona corrispondente a quanto previsto sulla centrale):se il collegamento o la configurazione non sono corretti, sistemare il problema ed effettuare un nuovo Aggiorna altrimenti provare a resettare la sonda (togliendo il bus) ed effettuare un Aggiorna sulla centrale; se il problema persiste, sostituire la sonda. Verificare che la centrale non abbia problemi di TX/RX su bus, ad esempio inviando una richiesta stato centrale o utilizzando il software effettuando l interrogazione oggetto termoregolazione Al termine dell interrogazione verificare che ci sia una risposta indicante i valori letti, impostati e la configurazione. In caso di malfunzionamento, provare con un RESET e se il problema persiste provare a sostituire la centrale. Sonda starata Se la sonda funziona, ma non regola correttamente la temperatura, verificare che la misurazione sia corretta: dal menu Stato zone controllare qual è la temperatura misurata; se questa temperatura è distante dal valore reale (misurabile con un termometro), effettuare la taratura (Manutenzione Taratura sonde). Attuatore KO Se la centrale segnala Attuatore KO è necessario procedere come per l anomalia Errore su sonda controllando collegamento, configurazione e interrogando il dispositivo tramite software. Il test sul funzionamento dell attuatore può essere effettuato come sotto indicato - impostare un livello di temperatura molto alto (se in funzione inverno) o molto basso (se in funzione estate) per verificare che gli attuatori della zona Pagina 15 di 71

16 interessata si accendano; il led giallo sulla sonda corrispondente deve essere acceso fisso; - impostare un livello di temperatura molto basso (se in funzione inverno) o molto alto (se in funzione estate) per verificare che gli attuatori della zona interessata si spengano; il led giallo sulla sonda corrispondente deve essere spento. Nota: tra il momento in cui si effettua l'impostazione in centrale e l'accensione o spegnimento degli attuatori possono passare alcuni secondi (in genere una decina). Tabella riassuntiva RISOLUZIONE PROBLEMI: PROBLEMA Segnalazione di batteria guasta Una zona non regola correttamente Una zona segnala 'Errore su sonda' Una zona segnala 'Attuatore KO' Una zona segnala 'Sonda slave KO' Una zona segnala 'T fuori limiti' Una zona segnala 'R/W EEPROM KO' Una zona segnala 'Pompa KO' RISOLUZIONE Verificare il corretto collegamento della batteria. Se il problema persiste, sostituire la batteria. Verificare se sono stati segnalati problemi (Impostazioni Diagnostica Aggiorna) La sonda non risponde; verificare che sia correttamente collegata (led verde acceso fisso o lampeggiante lentamente) e configurata (corretto numero di zona e modalità). Un attuatore non risponde: - verificare che gli attuatori siano correttamente collegati e configurati (provare gli attuatori con il tasto locale); - nel caso di configurazione standard (sonde con MOD=CEN), verificare di aver eseguito la corretta configurazione in centrale (Manutenzione Configura_zone Configura) Una sonda slave non risponde: - verificare che sia correttamente collegata (led verde acceso fisso o lampeggiante lentamente) e configurata (corretto numero di zona, modalità SLA); - verificare la corretta configurazione degli slave da gestire sulla sonda Master. La sonda sta misurando una temperatura troppo bassa o troppo alta: - verificare che sia installata correttamente (ad es. non troppo vicino a fonti di calore); - effettuare la taratura della sonda (Manutenzione Taratura sonde) misurando con un termometro la temperatura ambiente; - se il problema persiste, sostituire la sonda Si è verificato un problema interno sulla sonda; sostituire la sonda. L'attuatore configurato per il controllo della pompa di circolazione (Zona=00) non risponde: - verificare che l'attuatore sia correttamente collegato e configurato (provare l'attuatore con il tasto locale); - verificare la corretta configurazione della gestione pompa sulla sonda. Tutti questi controlli sono effettuabili con la sola centrale grazie all autodiagnosi. Pagina 16 di 71

17 Per agevolare ulteriori controlli dei singoli dispositivi e dell impianto è necessario avvalersi del software di diagnostica Tester SCS per poter effettuare un monitoraggio dell impianto, una interrogazione oggetto termoregolazione ed una lettura completa della configurazione di tutti i dipositivi. Monitoraggio In questa fase è possibile controllare e verificare ogni singola operazione che viene effettuata sull impianto( impostazioni di temperatura, stato attuatori ecc.) ed esportarla. Pagina 17 di 71

18 Esempio di monitoraggio Data e ora Evento Interpretazione 01/09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ Configurazione Impostazione temp modo estate zona 1 a 20 C Temp ambiente misurata zona 1 numero 0 a 26,2 C Impostazione temp modo estate zona 2 a 20 C Temp ambiente misurata zona 2 numero 0 a 26,4 C Impostazione temp modo estate zona 44 a 20 C Temp ambiente misurata zona 44 numero 0 a 25,5 C Attuatore zona 44 numero 1 stato ON VELOCITA' 3 Attuatore zona 1 numero 1 stato ON Attuatore zona 2 numero 1 stato ON VELOCITA' 3 Temp ambiente misurata zona 44 numero 1 a 24,8 C La centrale lavora in modalità estate e deve mantenere la temperatura di 20 C in zona 1 Nella zona 1 è stata riscontrata una temperatura di 26,2 C La centrale lavora in modalità estate e deve mantenere la temperatura di 20 C in zona 2 Nella zona 2 è stata riscontrata una temperatura di 26,4 C La centrale lavora in modalità estate e deve mantenere la temperatura di 20 C in zona 44 Nella zona 44 è stata riscontrata una temperatura di 26,2 C Il fan Coil della zona 44 sta funzionando a velocità 3 Attuatore zona 1 ON (valvola ON OFF) Il fan Coil della zona 2 sta funzionando a velocità 3 Nella zona 44 è stata riscontrata una temperatura di 24,8 C Pagina 18 di 71

19 Questa funzione consente di conoscere la configurazione dei dispositivi dell impianto. Esempio Codice Descrizione Configurazione 3550 Centrale L/N/NT4692 Sonda Z=1 N=0 P=4 MOD=CEN SLA=0 DEL=0 L/N/NT4692 Sonda Z=2 N=0 P=4 MOD=CEN SLA=0 DEL=0 L/N/NT4692 Sonda Z=44 N=0 P=4 MOD=CEN SLA=1 DEL=0 F430/4 Attuatore 2M DIN 4 Z=44 N=1 Pagina 19 di 71

20 F430/2 F430/2 F430/4 F430/2 canali Attuatore 2M DIN 2 canali Z=1 N=1 Attuatore 2M DIN 2 canali Z=0 N=1 Attuatore 2M DIN 4 canali Z=2 N=1 Attuatore 2M DIN 2 canali Z=0 N=2 Interrogazione oggetto termoregolazione Pagina 20 di 71

21 3.5 Ricerca Guasti in impianti SCS Diffusione Sonora Le tipologie di guasti che generalmente si possono riscontrare su tale impianto, sono elencati e verranno analizzati nei paragrafi sotto descritti. La diffusione sonora non ha un dispositivo (come per antifurto e Termoregolazione) che è in grado di effettuare un test di sistema, e quindi è necessario analizzare i singoli casi ed effettuare dei controlli con l ausilio del software di diagnostica tester SCS oltre all utilizzo dei soliti strumenti di misura (multimetro ecc.) e a controlli visivi. Nei paragrafi successivi analizzeremo alcuni casi che si possono verificare sugli impianti analizzando la soluzione di alcuni inconvenienti manualmente e con l aiuto del software Tester SCS Analisi e soluzione di eventuali problemi Tabella riassuntiva RISOLUZIONE PROBLEMI: Inconveniente Causa Soluzione Ad amplificatore acceso si sente un fruscio sul canale DX Ad amplificatore acceso si sente il segnale audio solo sul canale DX L amplificatore passa da ON a Stand-by L amplificatore passa da ON a Stand-by Non si sente alcun suono sulle casse Il sintonizzatore non si accende Il sintonizzatore si accende ma non si sente niente Durante la ripetizione del comando IR il led TX-IR non si accende Configurazione errata sorgenti o amplificatori Manca terminatore di linea art Assorbimento impianto fuori specifica Intervenuta protezione termica Sorgenti esterne (controllo stereo e ingresso RCA non regolate correttamente) Errata configurazione Nodo non collegato correttamente Nessun telecomando IR è stato memorizzato Verificare configurazione Terminare linea correttamente Verifica assorbimento Verifica impedenza diffusori (Z 8Ω) Controllare la regolazione del potenziometro di adattamento livello o alzare il livello del segnale fornito dalla sorgente esterna. Verificare la presenza del configurazione della sede S1 Verificare collegamento morsetti IN e OUT sul nodo Effettuare la memorizzazione Pagina 21 di 71

22 Per agevolare ulteriori controlli dei singoli dispositivi e dell impianto è necessario avvalersi del software di diagnostica Tester SCS per poter effettuare: - monitoraggio dell impianto - lettura completa della configurazione di tutti i dipositivi - interrogazione oggetto diffusione sonora Monitoraggio In questa fase è possibile controllare e verificare ogni singola operazione che viene effettuata sull impianto( regolazione volume, selezione fonti sonore e stazioni ecc.) ed esportarla. Pagina 22 di 71

23 Esempio di monitoraggio Data e ora Evento Interpretazione 07/09/ Inizio monitoraggio 07/09/ /09/ /09/ /09/ Aumenta Volume di 1 Amplificatore 1 Ambiente 1 Stato Volume 14 Amplificatore 1 Ambiente 1 Richiesta ciclamento da Ambiente 1 Richiesta Accensione a Sorgente 2 su Ambiente 1 Regolazione in aumento del volume volume dall'amplificatore 1 Aggiornamento stato del volume richiesta di cambio sorgente sonora dall'amplificatore dell'ambiente 1 Richiesta sulla sorgente n 2 07/09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ /09/ Richiesta Accensione a Sorgente 1 su Ambiente 1 Stato Acceso Sorgente 1 Ambiente 1 Richiesta cambio Stazione/Brano successivo da Ambiente 1 Comunicazione Frequenza sintonia da Sorgente 1 Stato Stazione/Brano 1 su Sorgente 1 Spegnimento Amplificatore 1 Ambiente 1 Stato Spento Amplificatore 1 Ambiente 1 Accensione Amplificatore 1 Ambiente 1 Richiesta sulla sorgente n 1 Aggiornamento stato sorgente sonora richiesta di cambio stazione del sintonizzatore dall'amplificatore dell'ambiente 1 Sintonizzatore comunica frequenza su cui è sintonizzata Aggiornamento stato stazione sintonizzata OFF amplificatore n 1 dell'ambiente 1 Aggiornamento stato amplificatore n 1 dell'ambiente 1 ON amplificatore n 1 dell'ambiente 1 Pagina 23 di 71

24 Configurazione Questa funzione consente di conoscere ed esportare la configurazione dei dispositivi dell impianto di diffusione sonora. Esempio Articolo Descrizione Configurazione L/N/NT4562 Amplificatore da incasso A=1 PF=02 M1=0 M2=0 M3=0 F500 Sintonizzatore Radio DIN A= PF=01 S2=0 M1=0 Ingresso sorgente da L/N/NT4560 incasso A= PF=02 M1=0 M2=0 L4561 Sorgente DIN con IR A= PF=03 M1=0 M2=0 Pagina 24 di 71

25 Interrogazione oggetto diffusione sonora Nell esempio sopra indicato è stato interrogato un amplificatore ed è stata visualizzata la configurazione in ambiente e punto fonico del dispositivo interrogato ed anche le modalità speciali (M1-M2-M3). E possibile verificare lo stato del dispositivo interessato e, visto che si tratta di un amplificatore viene visualizzato anche il livello del volume con le relative icone di regolazione. Pagina 25 di 71

26 3.6 Ricerca Guasti in impianti SCS integrati Integrazione con interfaccia F422 Con l interfaccia F422 (interfaccia SCS SCS) è possibile trovare più impianti SCS connessi tra loro: - SCS automazione, - SCS antifurto - SCS digitale Terraneo Qualunque sia la modalità di utilizzo dell interfaccia F422 occorre tenere presente che i sistemi ad essa collegati costituiscono a tutti gli effetti impianti separati e, come tali, devono sottostare a tutte le regole di dimensionamento ed installazione previste; anche la ricerca guasti deve essere quindi effettuata sul singolo impianto come indicato nei precedenti paragrafi. Se le procedure descritte per i singoli impianti non daranno esito positivo, il problema è da ricercarsi sull interfaccia SCS SCS (configurazione errata o limiti di funzionamento non rispettati). A tal proposito è necessario far riferimento al foglio istruzioni dell articolo F Integrazione Web Server Si parte dal presupposto che nel Web Server sia presente una configurazione adatta per l impianto in cui il Web Server viene inserito. Come configurazione minima si deve avere configurato (utilizzare Tiweb): Un comando che aziona un attuatore dell impianto SCS automazione nella pagina del sistema Illuminazione e automatismi Configurato l allarme intrusione nella pagina del sistema Allarmi Dal P.C. una volta entrati nel sito, occorre selezionare la pagina Illuminazione sulla quale si trovano i comandi sopra menzionati. Agendo sui comandi verificare l attivazione dei relativi attuatori e la scritta comando eseguito. Nel caso in cui l attuazione non avvenga il problema sarà sicuramente nel Web Server e in particolare nella connessione con l impianto SCS. Generare sull impianto antifurto un allarme intrusione, e verificare che nella pagina Allarmi del sito Web del Web Server deve essere presente la relativa segnalazione di allarme in corso. In caso contrario il problema sarà sicuramente nel Web Server e in particolare nella connessione con l impianto SCS antifurto. Pagina 26 di 71

27 4 TiLog Il presente software ha lo scopo di supportare i Centri Assistenza Tecnica per la ricerca guasti nell ambito di impianti SCS : - SCS automazione - SCS termoregolazione - SCS diffusione sonora - SCS antifurto - SCS videocitofonia 6-8 fili - SCS videocitofonia 2 fili Questo software consente di visualizzare le informazioni d'interscambio tra i vari dispositivi dei sistemi SCS. Per l utilizzo di TiLog è obbligatorio collegare l impianto in test al pc attraverso l interfaccia SCS/USB art. L4686/USB. Il monitoraggio del sistema permette la visualizzare di tutti gli eventi che accadono sull impianto, in questo modo è possibile analizzare i singoli eventi per capire gli eventuali malfunzionamenti accaduti. Il software consente inoltre l'esportazione di un file contenente lo storico di tutte le registrazioni effettuate sull'impianto durante l'operazione di monitoraggio. In fase di creazione del file d esportazione del monitoraggio è obbligatorio inserire i riferimenti del codice impianto e riferimento cliente. In un secondo tempo sarà possibile caricare con Tilog il file esportato precedentemente per effettuare un'analisi approfondita del comportamento dell'impianto In caso di richiesta di intervento al Help Desk My Home Team, sarà necessario inviare l esportazione del monitoraggio effettuato sull impianto in modo da fornire al personale BT le informazioni indispensabili per la completa analisi e risoluzione dei problemi riscontrati. Pagina 27 di 71

28 4.1 Introduzione Dopo aver lanciato l applicazione del programma TiLog compare la seguente schermata: Descrizione toolbar GENERALI Carica*: apre file (.log) di monitoraggio precedentemente esportato Esporta: crea un file.log con lo storico del monitoraggio salvandolo nella cartella specificata Configura: imposta la porta seriale su cui è collegata l interfaccia, il tipo d impianto SCS su cui si vuole effettuare il monitoraggio e la ragione sociale del CAT Italiano: imposta la lingua del software Pagina 28 di 71

29 Info: Esci: visualizza la versione del Tilog è possibile uscire dal programma MONITORAGGIO Connetti: inizia la fase di monitoraggio del sistema Canc. Mem.: cancella tutti gli eventi dal file di registrazione monitoraggio, contemporaneamente cancella dallo schermo tutti gli eventi in quel momento visualizzati Svuota: cancella dallo schermo tutti gli eventi in quel momento visualizzati; rimangono però memorizzati nel file di monitoraggio GESTIONE MEMORIA Start: Stop: inizia la memorizzazione degli eventi nel modulo memoria termina la memorizzazione degli eventi nel modulo memoria Download**: scarica tutti gli eventi contenuti nel modulo memoria, senza però cancellare la memoria Erase: cancella tutti gli eventi contenuti nel modulo memoria Durante la fase di monitoraggio non sono disponibili le icone generali. Terminato il monitoraggio, per effettuare l esportazione, è necessario sconnettere l interfaccia premendo sull apposita icona connetti. *gli eventi appartenenti ad un file caricato sono contraddistinti dalla scritta (file) antecedente la descrizione dell evento ** gli eventi appartenenti ad un download del modulo memoria sono contraddistinti dalla scritta MEM antecedente la descrizione dell evento Pagina 29 di 71

30 4.2 Utilizzo del software TiLog su impianti SCS( automazione, antifurto, termoregolazione e diffusione sonora) E' possibile collegare l'interfaccia USB in qualsiasi punto dell'impianto e il software monitorizza gli eventi che avvengono su tutto l'impianto. Il tilog con l interfaccia USB con memoria consente un monitoraggio continuo dell impianto ed è in grado di registrare circa 2000 eventi (oltre questo numero, gli eventi si sovrascrivono). Per effettuare un monitoraggio è necessario procedere come di seguito: -lanciare il programma TiLog -collegare sul bus l'interfaccia USB -selezionare l icona e compare la seguente videata: Impostare la porta USB a cui è connessa l interfaccia, selezionare quale sistema si vuole controllare in fase di registrazione (interfaccia lasciata in modalità registrazione) e selezionare quale sistema si vuole monitorare in diretta con PC collegato. Dopo aver confermato con OK le scelte effettuate, premere sull icona compare la seguente videata con le icone per la registrazione attive: e Pagina 30 di 71

31 Premere sull icona per avviare la registrazione e ripremere l icona per scollegare l interfaccia da PC e lasciarla in registrazione sull impianto. Dopo aver effettuato una registrazione a lungo periodo, ricollegare l interfaccia al PC e ripremere l icona memorizzate: ed eseguire il download delle frame Tutte le frame memorizzate saranno precedute dalla dicitura MEM. Interrompere la registrazione agendo sull icona e disconnettersi tramite l icona Pagina 31 di 71

32 Procedere con il salvataggio dei dati con l icona e inserire il codice impianto (utilizzando la sede Numero Intervento ) e il riferimento del cliente: NB Salvare il file con estensione.log ed inviarlo al Help Desk My Home per analisi. Queste operazioni sono valide per tutti i sistemi SCS Esempi: SCS Automazione Pagina 32 di 71

33 Termoregolazione Pagina 33 di 71

34 .Diffusione sonora In impianti SCS,ad esclusione dell antifurto, il software Tilog è in grado di registrare tutti gli eventi che avvengono sul bus (come per il tester SCS). Antifurto Pagina 34 di 71

35 Negli impianti antifurto, il numero di frame che transitano sul bus sono molti di più rispetto agli altri sistemi, perché la centrale, ogni 4 secondi effettua controlli su tutti i dispositivi presenti sul bus. Queste frame denominate Tamptest non vengono visualizzate, ma occupano spazio sull interfaccia con memoria. Per questo motivo è necessario, staccare l interfaccia il prima possibile dall impianto in seguito ad un allarme per evitare che l evento venga sovrascritto. Pagina 35 di 71

345020-345021. TiIrydeTouchPhone. Istruzioni d uso 10/11-01 PC

345020-345021. TiIrydeTouchPhone. Istruzioni d uso 10/11-01 PC 345020-345021 TiIrydeTouchPhone Istruzioni d uso 10/11-01 PC 2 TiIrydeTouchPhone Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti minimi Hardware 4 1.2 Requisiti minimi Software

Dettagli

Video Display. Manuale Installatore 11/09-01 PC

Video Display. Manuale Installatore 11/09-01 PC Video Display Manuale Installatore 349311 349312 11/09-01 PC INDICE 1 INTRODUZIONE 4 1.1 AVVERTENZE E CONSIGLI 4 1.2 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 4 2 DESCRIZIONE 5 2.1 FUNZIONI PRINCIPALI 5 2.2 VISTA FRONTALE

Dettagli

349340 Video Display Eteris. Manuale installatore 01GF-28W10

349340 Video Display Eteris. Manuale installatore 01GF-28W10 349340 Video Display Eteris Manuale installatore 01GF-28W10 2 Video Display Eteris Indice 1 Introduzione 4 1.1 Avvertenze e consigli 4 1.2 Contenuto della confezione 4 Manuale installatore 2 Descrizione

Dettagli

Video Display Eteris Istruzioni d'uso 01GF-28W10

Video Display Eteris Istruzioni d'uso 01GF-28W10 349340 Video Display Eteris Istruzioni d'uso 01GF-28W10 2 Indice 1 Introduzione e Funzioni Base 5 1.1 Informazioni generali 6 1.2 Il tuo Axolute Video Display: usalo subito! 6 1.2.1 Tasti funzioni videocitofoniche

Dettagli

Manuale d uso. TIDISPLAY Color. Software per la configurazione. del Touch screen a colori 09/06-01 PC

Manuale d uso. TIDISPLAY Color. Software per la configurazione. del Touch screen a colori 09/06-01 PC 09/06-01 PC Manuale d uso TIDISPLAY Color Software per la configurazione del Touch screen a colori 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 4 2. Installazione Pag. 4 3. Concetti fondamentali Pag.

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Manuale Utente 09/08-01 PC

Manuale Utente 09/08-01 PC Manuale Utente 349320 349321 09/08-01 PC Indice 1 Introduzione e Funzioni Base 5 Informazioni generali 6 La tua Video Station: usala subito! 6 Tasti funzioni videocitofoniche Tasti di navigazione Funzioni

Dettagli

Manuale d uso TIF452V

Manuale d uso TIF452V Versione 1.0 05/06-01 PC Manuale d uso TIF452V Software per la configurazione del dispositivo di controllo My Home art. F452V TIF452V INDICE 2 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 3 2. Installazione Pag.

Dettagli

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ F444 Modem Router ADSL per guida DIN MHSERVER2 WEB Server 2 fili di controllo e supervisione audio/video e di sistemi SCS MY HOME MH300 Modem Router ADSL WiFi 298 MY HOME INDICE

Dettagli

Interfaccia radio ricevente

Interfaccia radio ricevente Interfaccia radio ricevente HD575SB - HC575SB - HS575SB Descrizione L interfaccia ricevente è indispensabile per consentire al comando radio senza batteria HA/HB/L572SB di pilotare l impianto My Home.

Dettagli

Versione 3.0. Software per la configurazione dei. dispositivi di controllo My Home. Manuale d uso TiWeb 07/03-PC

Versione 3.0. Software per la configurazione dei. dispositivi di controllo My Home. Manuale d uso TiWeb 07/03-PC Versione 3.0 Manuale d uso TiWeb Software per la configurazione dei dispositivi di controllo My Home 07/03-PC TiWeb 2 R 3 INDICE 1. Requisiti del sistema Pag. 5 2. Installazione Pag. 5 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC

Versione 1.0. Manuale d uso. del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl. Software per la configurazione 02/08-01 PC Versione 1.0 02/08-01 PC Manuale d uso TiStereoControl Software per la configurazione del Controllo stereo (art. L4561N) TiStereoControl 2 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4

Dettagli

Classe 300. Manuale Utente. www.bticino.com

Classe 300. Manuale Utente. www.bticino.com Classe 300 www.bticino.com Classe 300 Classe 300 Indice Il tuo Videocitofono Classe 300 usalo subito! 4 Rispondi ad una chiamata 4 Consulta la segreteria telefonica (solo modello 344622) 6 Effettua un

Dettagli

Centralino Telefonico

Centralino Telefonico PART. T5853C - 11/05 - PC Manuale d installazione Centralino Telefonico 335828 3 INDICE 1. INTRODUZIONE Pag. 7 Avvertenze per l installatore Pag. 7 Contenuto della confezione Pag. 7 2. IL CENTRALINO Pag.

Dettagli

F454. Manuale Software. www.homesystems-legrandgroup.com

F454. Manuale Software. www.homesystems-legrandgroup.com www.homesystems-legrandgroup.com Indice Per iniziare 4 Interazioni con dispositivo 4 Configurazione del dispositivo 5 Home page 7 Configurazioni comuni 8 Configurazione progetto 9 Connessioni di rete

Dettagli

F453. TiF453. Istruzioni d uso 10/11-01 PC

F453. TiF453. Istruzioni d uso 10/11-01 PC F453 TiF453 Istruzioni d uso 10/11-01 PC 2 TiF453 Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 1.1 Requisiti minimi Hardware 4 1.2 Requisiti minimi Software 4 3. Concetti

Dettagli

Programmatore scenari

Programmatore scenari Programmatore scenari scheda tecnica ART. MH00 Descrizione Questo dispositivo permette la gestione di scenari semplici e evoluti fino ad un numero massimo di 300. Grazie al programmatore scenari il sistema

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Manuale per il collegamento e l uso

Manuale per il collegamento e l uso RESET Manuale per il collegamento e l uso Citofoni e videocitofoni per sistemi Due Fili Elvox INDICE VideocitofonI serie T Pag 4 rt7529, 7529/D Citofono serie T Pag 10 rt7509, 7509/D Citofono serie PETRRC

Dettagli

MH201. Manuale Software. www.homesystems-legrandgroup.com

MH201. Manuale Software. www.homesystems-legrandgroup.com www.homesystems-legrandgroup.com Indice Per iniziare Interazioni con dispositivo Configurazione del dispositivo Invia configurazione 8 Ricevi configurazione 9 Aggiorna firmware 0 Richiesta info dispositivo

Dettagli

Touch screen a colori art. H4684

Touch screen a colori art. H4684 Touch screen a colori art. H4684 Manuale d'uso 06/05-01 PC Funzionamento Come si utilizza il Touch screen Frecce di navigazione Home page Pagina di Default Gestisci le applicazioni Scenari Illuminazione

Dettagli

Manuale d uso. e per l'amministratore di rete. Web Server Video 05/06-01 PC F452V

Manuale d uso. e per l'amministratore di rete. Web Server Video 05/06-01 PC F452V Web Server Video Manuale d uso e per l'amministratore di rete 05/06-01 PC F452V Web Server Video 2 INDICE MANUALE D'USO Guida rapida Pag. 3 Utilizzo del Web Server Video con pagine Web da Personal computer

Dettagli

Manuale d uso TiServer

Manuale d uso TiServer Versione 1.0 07/04-PC Manuale d uso TiServer Software per la configurazione dei dispositivi di controllo My Home TiServer 2 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 3 2. Installazione Pag. 3 3. Concetti

Dettagli

Manuale d uso TiSecurityPolyx

Manuale d uso TiSecurityPolyx Versione 1.0 02/08-01-PC Manuale d uso TiSecurityPolyx Software per la configurazione della Centrale Antifurto 3485 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT Interfaccia SCS/SCS scheda tecnica ARt. F422 Descrizione L interfaccia permette la comunicazione fra impianti bus con tecnologia SCS, anche se dedicati a funzioni diverse fra loro. L interfaccia è dotata

Dettagli

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE 392 Caratteristiche generali Catalogo 398 Dispositivi di controllo remoto 391 Controllo remoto offre la possibilità di comandare e controllare tutte le funzioni integrate

Dettagli

My Home. Introduzione MY HOME. My Home

My Home. Introduzione MY HOME. My Home Introduzione MY HOME Introduzione a Caratteristiche generali MY HOME R La casa come tu la vuoi Web Servizi per il controllo e la gestione della casa a distanza Cellulare Telefono fisso CONTROLLO Web server

Dettagli

SOLUZIONE SICUREZZA. Antifurto Base Manuale per l'utente MHKIT85N DOMOTICA U3958A

SOLUZIONE SICUREZZA. Antifurto Base Manuale per l'utente MHKIT85N DOMOTICA U3958A SOLUZIONE SICUREZZA Antifurto Base Manuale per l'utente MHKIT85N DOMOTICA U3958A INDICE DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ANTIFURTO 4 LA CENTRALE ANTIFURTO 5 Il display grafico Cosa segnala il display I tasti

Dettagli

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it BTicino s.p.a. Via Messina, 8 054 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 99.45.45 www.bticino.it info.civ@bticino.it 6/0- SC PART. T54B Sistema antifurto Manuale di impiego INDICE IMPIANTO ANTIFURTO

Dettagli

Part. T6068A. portineria. Centralino di. Terraneo. Istruzioni d uso per l installatore 01/02 - PC. Art. 344002

Part. T6068A. portineria. Centralino di. Terraneo. Istruzioni d uso per l installatore 01/02 - PC. Art. 344002 Part. T6068A Terraneo Centralino di portineria Istruzioni d uso per l installatore 01/02 - PC Art. 344002 INDICE GENERALE 1 INTRODUZIONE 5 AVVERTENZE E CONSIGLI 5 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 5 VISTA GENERALE

Dettagli

Manuale d uso TiSecurity

Manuale d uso TiSecurity Versione 2.1 10/05-01-PC Manuale d uso TiSecurity Software per la configurazione delle Centrali Antifurto 3500/3500N e 3500 GSM 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 4 2. Installazione Pag. 4

Dettagli

F454 Web Server. Istruzioni d uso. www.homesystems-legrandgroup.com

F454 Web Server. Istruzioni d uso. www.homesystems-legrandgroup.com F454 Web Server www.homesystems-legrandgroup.com Web Server Indice Introduzione e funzioni base 5. Modalità di connessione 6.. Connessione con rete dati 6..2 Connessione remote 6.2 Utilizzo del Web Server

Dettagli

IT MANUALE TECNICO. Manuale tecnico software ViP Manager Art. 1449. www.comelitgroup.com

IT MANUALE TECNICO. Manuale tecnico software ViP Manager Art. 1449. www.comelitgroup.com IT MANUALE TECNICO Manuale tecnico software ViP Manager Art. 1449 www.comelitgroup.com SOMMARIO 1 Installazione software ViP Manager Art. 1449... 5 1.1 Requisiti sistema....5 1.2 Procedura di installazione...5

Dettagli

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti.

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti. SOFTWARE PER CENTRALI FENICE Software_Fenice_1.2.0 12/09/2012 Questo Software permette all'installatore di programmare le centrali della serie Fenice, di aggiornare i firmware dei vari componenti del sistema

Dettagli

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Informazioni generali... 3 1.1 Requisiti di sistema...

Dettagli

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC Versione 2.0 03/07-01 PC Manuale d uso TiManager Software per la gestione degli applicativi Bticino TiManager INDICE 2 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 4 2. Installazione Pag. 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO PS Remote Control Rel.2.0 Ver 2.0.0 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO MANUALE UTENTE di Angrilli Ing. Davide Via Iseo, n.4/b 65010 Spoltore (PE) Tel/fax 0854972260

Dettagli

SISTEMA. SEZIONE 1 (Rev. B) INDICE DI SEZIONE. Scaricabile dal sito www.urmet.com nell area Manuali Tecnici. sez.1. Glossario...2

SISTEMA. SEZIONE 1 (Rev. B) INDICE DI SEZIONE. Scaricabile dal sito www.urmet.com nell area Manuali Tecnici. sez.1. Glossario...2 SEZIONE 1 (Rev. B) SISTEMA Scaricabile dal sito www.urmet.com nell area Manuali Tecnici. caratteristiche generali 2 Glossario...2 TIPOLOGIE DI IMPIANTO 3 Esempi di impianti per varie capacità...4 FUNZIONAMENTO

Dettagli

Emotihome. Manuale d uso. Ver. 1.1.0.2. BAX S.r.l. 13/01/2011

Emotihome. Manuale d uso. Ver. 1.1.0.2. BAX S.r.l. 13/01/2011 2011 Emotihome Manuale d uso Ver. 1.1.0.2 BAX S.r.l. 13/01/2011 EmotiHome La schermata iniziale di EmotiHome che appare lanciando il collegamento sul desktop dopo l installazione, è la seguente. Funzioni

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Caratteristiche principali Telefono piccolo e leggero con interfaccia USB per la telefonia VoIP via internet. Compatibile con il programma Skype. Alta qualità audio a 16-bit. Design compatto con tastiera

Dettagli

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com L4561N Controllo Stereo www.legrand.com Controllo Stereo Indice Controllo Stereo 1 Introduzione 4 1.1 Avvertenze e consigli 4 1.2 Descrizione generale 4 2 Installazione 5 2.1 Schema di collegamento al

Dettagli

BMSO1001. Management Utilities. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Management Utilities. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Management Utilities Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Management Utilities Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

ITALIANO. Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice G-820 Utente Segnalazioni Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

Centralino Telefonico

Centralino Telefonico PAT. T5843C 11/05 - PC Manuale d installazione Centralino Telefonico 335818 3 INDICE 1. INTODUZIONE Pag. 7 Avvertenze per l installatore Pag. 7 Contenuto della confezione Pag. 7 2. IL CENTALINO Pag. 8

Dettagli

Home comfort, sicurezza, risparmio energetico, comunicazione audio/video e controllo a distanza modularità installativa l'integrazione funzionale

Home comfort, sicurezza, risparmio energetico, comunicazione audio/video e controllo a distanza modularità installativa l'integrazione funzionale My Home è la domotica di Bticino e rappresenta il nuovo modo di progettare l'impianto elettrico di casa. Grazie alla moderna tecnologia digitale è infatti possibile realizzare soluzioni evolute in termini

Dettagli

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso PART. T8742A - 12/03 - PC Impianto antifurto Manuale d'uso Indice 1 Introduzione 5 Terminologia Operatività dell impianto La Centrale antifurto 3500 2 Funzionamento 9 Descrizione della centrale a 4 zone

Dettagli

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM Introduzione Grazie per aver preferito il nostro prodotto. La centrale wireless DS1 SL è uno dei migliori antifurti disponibili

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Guida Applicazioni My Home. Comunicazione. Chiamata citofonica su telefoni interni. Trasferimento di una chiamata citofonica su un telefono interno.

Guida Applicazioni My Home. Comunicazione. Chiamata citofonica su telefoni interni. Trasferimento di una chiamata citofonica su un telefono interno. Guida pplicazioni y Home 13 Comunicazione Chiamata citofonica su telefoni interni Trasferimento di una chiamata citofonica su un telefono interno. Con il centralino PBX è possibile rispondere ad una chiamata

Dettagli

Programma di Interfaccia S.M.A.R.T.

Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. PRIME DIGITAL Manuale d Uso Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. Dicembre 2-2013 IT Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. MANUALE D USO Soggetto a cambiamenti senza preavviso 1 Manuale d Uso S.M.A.R.T. PRIME

Dettagli

Servizio Fonia Cloud PBX

Servizio Fonia Cloud PBX Servizio Fonia Cloud PBX Manuale utente Telefono VoIP Polycom VVX 400 e servizi offerti dalla piattaforma Cloud PBX Acantho Revisioni del documento Revisione Autore Data Descrizione 1.0 P. Pianigiani 11/12/2014

Dettagli

IT MANUALE UTENTE. Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote 3.0 per dispositivi. Passion.Technology.Design.

IT MANUALE UTENTE. Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote 3.0 per dispositivi. Passion.Technology.Design. IT MANUALE UTENTE Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote.0 per dispositivi Passion.Technology.Design. Indice Installazione... Autoconfigurazione gestore di appartamento... 4 Autoconfigurazione utente...

Dettagli

Manuale Utilizzo App VEDO 2.1.0

Manuale Utilizzo App VEDO 2.1.0 IT MANUALE UTILIZZO Manuale Utilizzo App VEDO 2.1.0 PER DISPOSITIVI: www.comelitgroup.com Indice Installazione App VEDO... 3 Configurazione Applicazione... 4 Connessione dispositivo...4 Per la connessione

Dettagli

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il Bellavista 2010 srl Carate Brianza Via Tazzoli Cos è MY HOME? MY HOME è il sistema domotico di BTicino e rappresenta l attuale modo di progettare l impianto elettrico. My Home amplia le possibilità della

Dettagli

SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA. Asciugabiancheria a condensa con pompa di calore ENV06 HP

SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA. Asciugabiancheria a condensa con pompa di calore ENV06 HP SERVICE MANUAL ASCIUGABIANCHERIA Electrolux Home Italia S.p.A. Numero di pubblicazione Corso Lino Zanussi, 30 I - 33080 Porcia PN - 599 71 61 36 Fax: + 39 0434 394096 IT Asciugabiancheria a condensa con

Dettagli

S T R U M E N T I & S E R V I Z I

S T R U M E N T I & S E R V I Z I Via S. Silvestro, 92 21100 Varese Tel + 39 0332-213045 212639-220185 Fax +39 0332-822553 www.assicontrol.com e-mail: info@assicontrol.com C.F. e P.I. 02436670125 STRUMENTI & SERVIZI per il sistema qualità

Dettagli

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso Software EasyKool Istruzioni per l'uso 2 1 Indice 1 Indice 1 Indice... 3 1.1. In questo manuale... 5 2 Descrizione delle prestazioni... 5 2.1. Utilizzo... 5 2.2. Requisiti di sistema... 6 3 Prima di utilizzare

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

TP5 HQ CENTRALE DI ALLARME A MICROPROCESSORE CON COMUNICATORE TELEFONICO GESTIONE DELLE CHIAVI ELETTRONICHE

TP5 HQ CENTRALE DI ALLARME A MICROPROCESSORE CON COMUNICATORE TELEFONICO GESTIONE DELLE CHIAVI ELETTRONICHE TP5 HQ CENTRALE DI ALLARME A MICROPROCESSORE CON COMUNICATORE TELEFONICO GESTIONE DELLE CHIAVI ELETTRONICHE MANUALE PER L'UTENTE Versione documento: 3.0 Data Aggiornamento: Agosto 2000 Versione TP5: 2.xx

Dettagli

Servizio Fonia Cloud PBX

Servizio Fonia Cloud PBX Servizio Fonia Cloud PBX Manuale utente Telefono VoIP Snom 710 e servizi offerti dalla piattaforma Cloud PBX Acantho Revisioni del documento Revisione Autore Data Descrizione 1.0 P. Pianigiani 12/12/2014

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

Centralino telefonico PABX

Centralino telefonico PABX 345829 Centralino telefonico PABX Istruzioni d'uso 08/13-01 PC 2 1 Introduzione 6 1.1 Il Centralino telefonico 6 Descrizione generale 6 2 Utilizzo 8 2.1 Funzioni telefoniche 8 Tasti dedicati presenti sui

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE. IntellyGate Guida di installazione ed uso

Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE. IntellyGate Guida di installazione ed uso Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE Di seguito vengono riassunti i passi da seguire per installare l'intellygate. 1. Accedere alle pagine web di configurazione

Dettagli

Interfaccia software per pc

Interfaccia software per pc Interfaccia software per pc Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche quotidiane.

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801

C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801 Centrale Antifurto C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801 Manuale per l'utente 24832301-08-02-10 GLOSSARIO Zone o Ingressi Per Zone o Ingressi, si intendono le fonti da cui provengono gli allarmi, che possono

Dettagli

BMSO1001. Virtual Switch. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Switch. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Switch Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Switch Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti fondamentali

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Sistema PICnet - PN Digiterm

Sistema PICnet - PN Digiterm Sistema PICnet - PN Digiterm PN DIGITERM - modulo di termoregolazione e gestione camera Il modulo PN DIGITERM è costituito da un modulo da guida DIN (6m) per le connessioni con le apparecchiature e da

Dettagli

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI)

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Manuale Utente SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Indice Informazioni preliminari 2 Prima accensione del dispositivo 2 Caratteristiche 2 Specifiche tecniche 3 Led di segnalazione

Dettagli

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional Serie 70 Termometro digitale Temp70 Temp70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Termometro Temp70 _ Ver. 1.0 01/2014 Indice dei contenuti

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

SOFTWARE DI TELEPROGRAMMAZIONE GUIDA PER L UTENTE

SOFTWARE DI TELEPROGRAMMAZIONE GUIDA PER L UTENTE SOFTWARE DI TELEPROGRAMMAZIONE GUIDA PER L UTENTE 7IS-80305 Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l.

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Residenza Airone PELLA (NO) fraz. Alzo Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Le soluzioni domotiche My Home è il sistema di automazione domestica di BTicino

Dettagli

BMSO1001. Orchestrator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Orchestrator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Orchestrator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Orchestrator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti fondamentali 4

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Agorà 2. Mod. 1372. Sch.1372/312. Software Applicativo ScaiTerm2Net

Agorà 2. Mod. 1372. Sch.1372/312. Software Applicativo ScaiTerm2Net Agorà 2 Mod. 1372 DS1372-012 LBT8051 Software Applicativo ScaiTerm2Net Sch.1372/312 INDICE 1 GENERALITÀ... 3 2 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA:... 3 3 INSTALLAZIONE... 3 4 AVVIO DEL PROGRAMMA... 4 5 USO DELL

Dettagli

1.1 Installazione di ARCHLine.XP

1.1 Installazione di ARCHLine.XP 1.1 Installazione di ARCHLine.XP 1.1.1 Contenuto del pacchetto di ARCHLine.XP Controllare il contenuto del vostro pacchetto ARCHLine.XP : Manuale utente di ARCHLine.XP (se in formato elettronico è contenuto

Dettagli

Manuale PC APP EVOLUZIONE UFFICIO

Manuale PC APP EVOLUZIONE UFFICIO Manuale PC APP EVOLUZIONE UFFICIO Release 1.1 1 Sommario 1 INTRODUZIONE... 4 2 PREREQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 4 3 INSTALLAZIONE DELLA PC APP... 5 3.1 DOWNLOAD DA PORTALE CONFIGURA EVOLUZIONE UFFICIO...

Dettagli

Manuale Utilizzo App Intercall Remote ViP

Manuale Utilizzo App Intercall Remote ViP IT MANUALE UTILIZZO Manuale Utilizzo App Intercall Remote ViP PER DISPOSITIVI: www.comelitgroup.com Indice Installazione App Intercall Remote ViP... 3 Configurazione Applicazione... 4 CONFIGURAZIONE INDIRIZZO

Dettagli

T12Win Software di programmazione per Operatori Automatici T11/T12

T12Win Software di programmazione per Operatori Automatici T11/T12 TEMA TELECOMUNICAZIONI S.r.l. Telecomunicazioni - Elettronica - Microapplicazioni Audiotelefoniche T12Win Software di programmazione per Operatori Automatici T11/T12 DOCUMENTAZIONE PRELIMINARE Software

Dettagli

PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA

PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA PIÙ POTERE ALLA COMUNICAZIONE, PIÙ SCELTA NELL ESTETICA Elekta è la linea di moduli di chiamata videocitofonici dedicata ad IPervoice. Completamente digitalizzata e con una struttura monoblocco, Elekta

Dettagli

SoftSwitchboard. Manuale utente 12/10-01 PC

SoftSwitchboard. Manuale utente 12/10-01 PC SoftSwitchboard Manuale utente 12/10-01 PC 2 SoftSwitchboard Manuale utente Indice 1. Introduzione 4 2. Descrizione dell interfaccia 4 2.1 Area Chiamate in entrata 5 2.2 Area Chiamate in uscita 5 2.3 Area

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA 7IS-80376 29/06/2015 SOMMARIO FUNZIONI ALBERGHIERE... 3 Richiamo funzioni tramite menu... 3 Check-in... 3 Costi... 4 Cabine... 4 Stampe... 5 Sveglia... 6 Credito... 6 Stato

Dettagli

MANUALE OCCHIALI SPY 720P

MANUALE OCCHIALI SPY 720P MANUALE OCCHIALI SPY 720P CARATTERISTICHE: 1- I migliori occhiali spy con telecamera in HD al mondo 2- Immagini video ad alta qualità con colori brillanti e ricchi 3- Design flessibile per facce differenti

Dettagli

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici R Allarmi tecnici MY HOME R 65 Caratteristiche generali Tramite gli allarmi tecnici si possono mettere sotto controllo i dispositivi dell abitazione che in caso di malfunzionamento potrebbero provocare

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

Home plus /Office plus

Home plus /Office plus Home plus /Office plus Centrale PBX ISDN Manuale d Uso Ver.1.0 Programma di Configurazione Via Serenari, 1 40013 Castel Maggiore (BO) Italia Telefono +39 051 706711 fax +39 051 706700 http://www.saiet.it

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

Manuale Utilizzo App Intercall ViP

Manuale Utilizzo App Intercall ViP IT MANUALE UTILIZZO Manuale Utilizzo App Intercall ViP PER DISPOSITIVI: www.comelitgroup.com Indice Installazione App Intercall ViP... Configurazione indirizzo Vip... 4 Rispondere a una chiamata... 5 Gestione

Dettagli

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE ENTERPRISE 2006 INTERFACCIA GRAFICA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DI SISTEMI 1019 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Enterprise-ITA-27-05-2008 2006 1 Sommario Introduzione... 3 Release... 3 Principali caratteristiche...

Dettagli

MANUALE. Software di teleprogrammazione

MANUALE. Software di teleprogrammazione MANUALE Software di teleprogrammazione Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche quotidiane. I prodotti

Dettagli

Guida operativa di EasyMP Monitor V4.31

Guida operativa di EasyMP Monitor V4.31 Guida operativa di EasyMP Monitor V4.31 Notazioni utilizzate nel manuale La seguente tabella contiene i simboli utilizzati nel presente manuale, insieme alla spiegazione dei relativi significati. Attenzione

Dettagli