I TUOI AFFARI STANNO AL CENTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TUOI AFFARI STANNO AL CENTRO"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE ITALIANA DEITEMPORARY SHOP, SHOWROOM BUSINESS CENTER, EVENT SPACE E DEI SERVIZI CONNESSI I TUOI AFFARI STANNO AL CENTRO Relazione di Roberto Mari Presidente Assotemporary Camera di Commercio di Milano Milano, 17 Settembre 2013

2 1- I BUSINESS CENTRE: cosa sono I Business Centre (denominati anche Temporary Office o Uffici Residence) sono attività d impresa riferite alla gestione di Centri nei quali si esercita l attività di prestazione di uffici arredati, uffici virtuali e a giornata, supportata da servizi accessori centralizzati: - Reception e segreteria, centralino telefonico, fax, fotocopie, internet, commissioni Noi usiamo dire ai nostri Clienti: Voi pensate a sviluppare il Vostro business; a tutto il resto a tutto quello che Vi può servire di assistenza, organizzazione e servizi pensiamo noi. I Business Centre si caratterizzano per alcune peculiarità che ne hanno determinato affermazione e successo: - Operatività immediata (se il Cliente è solvibile e ha le carte in regola, in mezz ora può iniziare - No investimenti fissi (solo il deposito che sarà restituito) - Flessibilità sulla fruizione degli spazi e dei servizi organizzati (paghi solo se e quanto richiedi) - Disponibilità di servizi e tecnologia avanzate nonché di personale qualificato - Risparmio effettivo rispetto alla locazione tradizionale (da studi e comparazioni effettuate, viene stimato un risparmio nell ordine di almeno un terzo) 2- UN PO DI STORIA Nel 1982 con una decina di imprenditori già operativi nel settore, abbiamo costituito ANIUR, associazione degli uffici residence aderente a Confcommercio, con sede a Milano. Fra le prime esigenze, e in assenza di specifiche norme di legge, emergeva la necessità di approfondire gli aspetti fiscali, legali e contrattuali della nostra attività, al fine di ricavarne un corpo documentale chiaro e ben definito. Con la collaborazione di un importante studio legale, nel 1983 abbiamo svolto un ottimo lavoro, sino a presentare in uno specifico convegno la gamma completa di modulistica contrattuale che poi abbiamo suggerito a tutti i nostri Soci. Nel 1987, per dare maggiore visibilità e peso contrattuale, abbiamo registrato (all Ufficio Registro di Milano) le Condizioni Generali, previamente sottoposte a vari aggiornamenti opportunamente ricavati dall esperienza. 3- ASSOTEMPORARY: una nuova Associazione Nel maggio 2010 è stata costituita presso Confcommercio di Milano, una nuova Associazione per la tutela di nuove iniziative commerciali: i negozi temporanei.

3 In tale Associazione, previa apertura di uno specifico dipartimento Business Centre, siamo confluiti in diversi operatori, fra i quali i Soci fondatori di ANIUR e quattro ex Presidenti della stessa Associazione. In Assotemporary sono oggi rappresentati n. 35 business centre per un totale di 1500 locali di ufficio, oltre a n. 120 temporary shop/showroom e servizi connessi. 4- SERVIZIO ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO: CCIA di Milano All inizio del 2012, con il patrocinio della CCIA di Milano e con il sostegno di Confcommercio, Assotemporary ha attivato ampia collaborazione con le categorie rappresentative di clienti Business Centre che ha portato a importanti risultati: - Il contratto TIPO - Il codice autodisciplina presentati oggi e gli USI, adottati dalla Commissione Provinciale degli Usi il 23 maggio E stato un lavoro molto impegnativo per i Consiglieri e vari Soci di Assotemporary, svolto in serrato contradditorio con significative rappresentanze dei nostri Clienti. (Per fortuna i nostri Clienti sono ben meno esigenti e più arrendevoli.!) I documenti che oggi presentiamo sono frutto di tale ampio dibattito e dell esperienza di oltre 30 anni degli operatori di Business Centre, che da sempre hanno promosso la loro attività, investendo su: - ampia gamma e qualità dei servizi resi al cliente - attenzione alle sue esigenze - modalità contrattuali corrette e trasparenti Il contratto TIPO e il CODICE di autodisciplina recepiscono molto bene queste istanze, frutto di impegnativa opera di analisi e verifica durata oltre un anno, e costituiscono come ben afferma il Segretario Generale della CCIA nella prefazione al testo una garanzia di imparzialità e certezza giuridica che solo un ente come la Camera di Commercio può dare. 5- IL CONTRATTO TIPO Nello specifico del contratto TIPO, diciamo che: - anzitutto è stato definito che il contratto di Business Centre non è un affitto o una locazione ma un contratto a causa unitaria secondo l art c.c. (prestazione

4 continuativa di servizi). L Agenzia della Entrate ha recentemente confermato la legittimità di tale scelta (circolare 1/3/2007 n. 12 art. 8.1). - La stessa Agenzia nel 2008 (prot /2008) ha attribuito un codice ATECO a questa attività: Gestione di uffici temporanei, uffici residence - Il contratto viene stipulato sotto forma di corrispondenza commerciale e, come tale, esente da bollo. Questa procedura è stabilita in relazione alle effettive modalità della trattativa con il Cliente, dal quale essa viene ben accettata, sia quando trattisi di piccola azienda che di multinazionale. Al termine della trattativa, il Cliente firma l ordine/contratto che diventa efficace con la conferma del Centro e il versamento della caparra. - L alternativa scrittura privata, avrebbe invece l onere dell imposta di bollo (che potrebbe assommare a circa 90 per contratto), vincolo di un certo rilievo soprattutto per i contratti più modesti. Lo schema contrattuale è molto semplice e comunque esaustivo nella descrizione delle varie condizioni. Troviamo anzitutto la proposta di contratto, in cui l aspirante Cliente definisce le proprie richieste in ordine al tipo di ufficio, prezzo, durata e rinnovi e si impegna a versare una caparra al fine di dare piena efficacia al contratto. Le condizioni generali descrivono i servizi resi dal Business Centre, le modalità della loro utilizzazione, le obbligazioni del Cliente e le usuali correnti pattuizioni di rito (riservatezza, responsabilità, garanzie, risoluzioni delle controversie, ). La parte 3 del contratto è l accettazione sempre sotto forma di corrispondenza commerciale con cui il Business Centre conferma l ordine del Cliente. Al fine di recepire l ampia varietà dei modi di prestazione dei servizi da parte dei Business Centre (abbiamo piccoli Centri da 15 uffici e multinazionali con centinaia di locali), nelle Condizioni Specifiche viene lasciato lo spazio perché ogni singolo Centro possa precisarvi le proprie caratterizzazioni di alcuni servizi. 6- CONCLUSIONI Questi documenti costituiscono risposta efficacie alle nuove esigenze di mercato, nel settore dei servizi, settore in forte evoluzione, e nel contempo sono uno strumento importante per lo sviluppo e la promozione dei Business Centre. Il nostro auspicio è che essi contribuiscano altresì ad ampliarne la conoscenza e l utilizzazione: che si realizzi sempre più concretamente il significativo logo di questo convegno I tuoi affari stanno al Centro (e cioè al Business Centre)!!

5 *Presidente di COGESTA SPA, proprietaria e gestore di: Conservatorio22 Business Centre Siloe Business Centre Borgonuovo Temporary Show room Borgonuovo Residence Siloe Residence

RACCOLTA PROVINCIALE DEGLI USI BUSINESS CENTER (TEMPORARY OFFICE)

RACCOLTA PROVINCIALE DEGLI USI BUSINESS CENTER (TEMPORARY OFFICE) RACCOLTA PROVINCIALE DEGLI USI BUSINESS CENTER (TEMPORARY OFFICE) SOMMARIO Denominazione e tipologia di attività... Art. 1 SEZIONE A UFFICI ARREDATI Contenuto del contratto... Art. 2 Corrispettivo...

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DI ASSOTEMPORARY

CODICE DI AUTODISCIPLINA DI ASSOTEMPORARY t ASSO IEMPO RARY CAMERA DI COMMERCIO 1.ft....

Dettagli

Le imprese individuali

Le imprese individuali Registro Imprese Le imprese individuali - L iscrizione - Il trasferimento sede da altra provincia - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività Indice Come descrivere l attività 1

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a:

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a: Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla aderente a:! 1 CONTRATTO TIPO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE TURISTICO E PER USO VACANZA Ai

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso

Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso Per effettuare la preiscrizione al Corso in argomento,

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE Allegato A alla delibera n. 294 del 13/12/2005 REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 Costituzione La Borsa Immobiliare dell Umbria, istituita con deliberazione della Giunta Camerale n. 719 del 25/11/1991 e successivi

Dettagli

CATALOGO SERVIZI Italy America Chamber of Commerce of Texas

CATALOGO SERVIZI Italy America Chamber of Commerce of Texas CATALOGO SERVIZI Italy America Chamber of Commerce of Texas sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Italy America Chamber

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI NONANTOLA

ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI NONANTOLA ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI NONANTOLA (Firmato e depositato il 26 novembre 2004) IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N. 431 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI,

Dettagli

LETTERA F -MODELLO I formazione professionale RICHIESTA DOCUMENTI ARTICOLO 27. LETTERA A -MODELLO D dirigenti e personale altamente specializzato

LETTERA F -MODELLO I formazione professionale RICHIESTA DOCUMENTI ARTICOLO 27. LETTERA A -MODELLO D dirigenti e personale altamente specializzato RICHIESTA DOCUMENTI ARTICOLO 27 LETTERA A -MODELLO D dirigenti e personale altamente specializzato 1. LETTERA DI MOTIVAZIONE DEL DISTACCO, SPECIFICANDO I COMPITI SPECIFICI E PARTICOLARI CHE IL LAVORATORE

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ;

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ; Al Responsabile dell Ufficio Tecnico Settore Urbanistico Del Comune di MORCONE Bollo 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PER : Il/La sottoscritto/a Nato/a a Codice fiscale/partita Iva /con sede in Via

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015)

Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015) Allegato 1 al Vademecum per le locazioni sperimentali (EXPO 2015) CONTRATTO TIPO SPERIMENTALE DI LOCAZIONE DI IMMOBILE e SERVIZI INTEGRATI CONNESSO A MANIFESTAZIONE DI PRIMARIO INTERESSE PUBBLICO Con la

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Circolare prot. n. 946084 del 17.02.2003 Chiarimenti sulle modalità e sulle procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni previste nei bandi per le incentivazioni

Dettagli

I beni non strumentali: adempimenti per le locazioni

I beni non strumentali: adempimenti per le locazioni 7 Convegno Diocesano I beni non strumentali: adempimenti per le locazioni Montarioso, 15 novembre 2014 Ing. Gianpaolo Gallù 1 Quali sono beni non strumentali? Beni Ecclesiastici Patrimonio Stabile Beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO

REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO Comune di Rovereto Provincia di Trento REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale 23.10.2000, n. 90

Dettagli

Direzionale Eur per gli associati Federlazio

Direzionale Eur per gli associati Federlazio Direzionale Eur per gli associati Federlazio Direzionale Eur offre da 24 anni nel cuore dell EUR postazioni di lavoro immediatamente operative in eleganti uffici ed ampi open space, utilizzabili in modo

Dettagli

PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA. Andrea Casadei Della Chiesa

PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA. Andrea Casadei Della Chiesa PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA Andrea Casadei Della Chiesa Milano Marittima, 12 dicembre 2009 1 Bozza non corretta Nel lavoro di tutti i giorni, sono spesso chiamato ad occuparmi

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

ART. 1 SCOPO ED ARTICOLAZIONE DEL REGOLAMENTO

ART. 1 SCOPO ED ARTICOLAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI, SPESE DI SPONSORIZZAZIONE, SPESE PER RELAZIONI PUBBLICHE, CONVEGNI, MOSTRE, PUBBLICITÀ E RAPPRESENTANZA. ART. 1 SCOPO ED ARTICOLAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

Perché scegliere eprofessionals?

Perché scegliere eprofessionals? RECAPITI TELEFONICI Cirelli Nicolino Ufficio 0652169132 Cellulare 3385265092 Di Veroli Cesare Ufficio 065783032 Cellulare 3386325912 Tocci Giovanni Ufficio 062157801 Cellulare 3356102364 Perché scegliere

Dettagli

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche.

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche. Prontuario per la gestione della Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona (adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 5 settembre 2007) Art. 1 Premessa La Sala Convegni

Dettagli

Pertanto, con la presente scrittura privata, da valere a tutti gli effetti di legge tra le Parti,

Pertanto, con la presente scrittura privata, da valere a tutti gli effetti di legge tra le Parti, Contratto di Affiliazione Commerciale Franchising Documento redatto ai sensi: Regolamento (UE) N. 330/2010 della Commissione del 20 aprile 2010: relativo all applicazione dell art. 101, paragrafo 3, del

Dettagli

Via Degli Olmetti n 18 00060 Formello (Rm) Tel: 06 9075215 Fax: 06 90400875

Via Degli Olmetti n 18 00060 Formello (Rm) Tel: 06 9075215 Fax: 06 90400875 Uffici Arredati Time Office & Services propone ai professionisti e alle aziende un'ampia scelta di servizi, tra i quali, uffici completamente arredati, sale riunioni/presentazioni e segreteria, il tutto

Dettagli

Contratto di locazione commerciale per attività industriale

Contratto di locazione commerciale per attività industriale Contratto di locazione commerciale per attività industriale Addì ***, in *** sono presenti: - ***, con sede legale in ***, P. IVA ***, nel presente atto rappresentata da ***, C.F. ***, residente in ***,

Dettagli

Attività gestionali e organizzative ma anche pronto intervento nella risoluzione degli imprevisti

Attività gestionali e organizzative ma anche pronto intervento nella risoluzione degli imprevisti IL SERVIZIO SU MISURA PER TE! Attività gestionali e organizzative ma anche pronto intervento nella risoluzione degli imprevisti Turbo è sempre al Vostro fianco: un partner su cui potete fare affidamento.

Dettagli

Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale.

Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale. Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale. Svoltosi il seguente dibattito: Il Sindaco illustra l argomento posto

Dettagli

Mediazione civile e commerciale

Mediazione civile e commerciale Cosa è la mediazione per la conciliazione?...3 Come si può avviare una mediazione?...3 Come viene scelto il mediatore?...3 Può la parte scegliere il proprio mediatore di fiducia?...3 La mediazione è obbligatoria?...4

Dettagli

LA LEGGE SUL FRANCHISING. Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge

LA LEGGE SUL FRANCHISING. Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge LA LEGGE SUL FRANCHISING Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge Art.1 (Definizione) Con il contratto di franchising un impresa, detta affiliante, concede ad un altra, detta affiliata, contro

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN MESSICO. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN MESSICO. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN MESSICO sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana in Messico (CCIM) favorisce lo

Dettagli

Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING

Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING ASSOCIARSI CHI SIAMO STRUMENTI SERVIZI Federazione Italiana Franchising Confesercenti Via Nazionale, 60 00184 Roma T +

Dettagli

RISOLUZIONE N. 84/E. Roma, 16 settembre 2014

RISOLUZIONE N. 84/E. Roma, 16 settembre 2014 RISOLUZIONE N. 84/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 settembre 2014 OGGETTO: Interpello Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente e alle rendicontazioni relative a rapporti di deposito

Dettagli

Curitiba Parana Brasile

Curitiba Parana Brasile CATALOGO SERVIZI sintesi dei principali servizi per le Imprese e le Amministrazioni e Curitiba Parana Brasile Curitiba Parana Brasile INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO DI AZIENDA PRECEDUTA DA UNA LOCAZIONE ***

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO DI AZIENDA PRECEDUTA DA UNA LOCAZIONE *** TRIBUNALE DI LECCO Fallimento nr. 38/2014 Tomasi S.r.l. in liquidazione Giudice Delegato: Dott. Dario Colasanti Curatore: Avv. Stefano Artese *** AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE INFORMATIVA EX ART. 4 D.LGS N. 28/2010 E ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI DESIGNAZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER

PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER PRESENTAZIONE AGENTI & BROKER UFFICI PRESTIGIOSI NEL CUORE DEL DISTRICT DI ROMA UNIQUE STUDIO - Comunicazione & Marketing IL PRIMO BUSINESS CENTER DI ROMA Direzionale Eur è stato il primo business center

Dettagli

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I Usi bancari 1) MODALITA CONTABILI PER IL CALCOLO E MISURA DEGLI INTERESSI I rapporti di dare e avere relativi al conto, con saldo debitore o creditore,

Dettagli

RUSTICI INDUSTRIALI Regolamento

RUSTICI INDUSTRIALI Regolamento RUSTICI INDUSTRIALI Regolamento Nella programmazione del Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale della Provincia di Benevento (Consorzio Asi), i Rustici Industriali sono destinati alla promozione

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

ACCORDO. (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE

ACCORDO. (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE ACCORDO (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE e AMBROSI NERINO, AMBROSI FABIO, AMBROSI ROBERTO I sottoscritti AMBROSI NERINO nato a Casaleone il 05.02.1965, residente in Casaleone

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

RISOLUZIONE N.95/E QUESITO

RISOLUZIONE N.95/E QUESITO RISOLUZIONE N.95/E Direzione Centrale Direzione Normativa Centrale Normativ Roma, 17 ottobre 2012 OGGETTO: Interpello ex Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. (Cessione crediti GSE, articolo 6 della Tariffa,

Dettagli

COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI Costi e adempimenti amministrativi - 39 COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI 1. Impresa in un giorno inizio dell attività di mediazione: impresa individuale 43 e società (Già modello base I1 44 / I2 /UL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI Copia per la Banca FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Esperia S.p.A., Sede Legale: Via Filodrammatici, 5-20121 Milano - Capitale Sociale Euro 62.999.999,92 i.v. - Iscritta

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI VENDITA DEI TITOLI DI VIAGGIO E/O SOSTA GTT

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI VENDITA DEI TITOLI DI VIAGGIO E/O SOSTA GTT CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI VENDITA DEI TITOLI DI VIAGGIO E/O SOSTA GTT contratto n /2013 tra Il Gruppo Torinese Trasporti S.p.A., con sede legale in Torino, Corso Turati 19/6, P.IVA 08559940013 Cod.

Dettagli

PROPOSTA D ACQUISTO. cap città provincia

PROPOSTA D ACQUISTO. cap città provincia www.borsatoscana.it Formulario contrattuale predisposto dalle Camere di Commercio I.A.A. di Firenze, Prato, Pistoia, Grosseto per la Borsa toscana del Mercato immobiliare, a tutela dei consumatori e degli

Dettagli

Istruzioni per l interessato

Istruzioni per l interessato Modello: richiesta parere preventivo.doc Revisione n. 01 del 03/09/2005 Pagina 1 su un totale di 10 (compilazione a cura dell ufficio) Spazio per apporre il timbro di protocollo Data: Prot. Codifica interna:

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

UFFICIO REGISTRO IMPRESE

UFFICIO REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA TRENTO UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO AL REGISTRO DELLE IMPRESE DEI BILANCI FINALI DI LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETA DI CAPITALE

Dettagli

Avviso pubblico per la ricerca di locali sfitti e/o inutilizzati a destinazione commerciale in centro storico.

Avviso pubblico per la ricerca di locali sfitti e/o inutilizzati a destinazione commerciale in centro storico. Avviso pubblico per la ricerca di locali sfitti e/o inutilizzati a destinazione commerciale in centro storico. PREMESSA La Società di promozione del centro storico Modenamoremio Soc. Coop. Consortile,

Dettagli

AVVISO D ASTA N... DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP

AVVISO D ASTA N... DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP AVVISO D ASTA N... Allegato 1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL ASTA DELL UNITÀ IMMOBILIARE A DESTINAZIONE NON RESIDENZIALE DI PROPRIETÀ DELL INPDAP Il/la sottoscritto/a Cognome Nome Comune di nascita Provincia

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRENDITORI UFFICI RESIDENCE

ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRENDITORI UFFICI RESIDENCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRENDITORI UFFICI RESIDENCE aderente PRIMA MAPPATURA NAZIONALE CENTRI UFFICI RESIDENCE ============================================================= Palermo, 14 15 settembre 2006

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di viaggio e accompagnamento Sequenza di processo Composizione

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione... VII

SOMMARIO. Introduzione... VII SOMMARIO Introduzione... VII Capitolo 1 L accesso alla giustizia 1. Introduzione... 3 2. L accesso alla giustizia: un problema innanzitutto sociale... 8 3. Lo sviluppo delle procedure ADR... 15 4. L accesso

Dettagli

I servizi da noi offerti sono i seguenti:

I servizi da noi offerti sono i seguenti: Trento, 18 giugno 2015 Spett.le Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Oggetto: convenzione servizi per Vostri Associati Come da accordi, Vi presentiamo una convenzione riguardante i nostri servizi

Dettagli

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona AREA TERRITORIO AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio Patrimonio e Demanio BANDO DI GARA PER LOCAZIONE DEL BAR RISTORANTE SITUATO PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

Dettagli

Condizioni Generali di Assicurazione (CGA)/

Condizioni Generali di Assicurazione (CGA)/ Condizioni Generali di Assicurazione (CGA)/ Assicurazione cauzione d affitto Edizione 01.2014 8054254 09.14 WGR 759 It Sommario La vostra assicurazione in sintesi........... 3 Condizioni Generali di Assicurazione.........

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di PEGNO SU TITOLI E VALORI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

TUTTO CIO' PREMESSO SI CONVIENE TRA LE PARTI QUANTO SEGUE

TUTTO CIO' PREMESSO SI CONVIENE TRA LE PARTI QUANTO SEGUE Convenzione tra L AdEPP, Associazione degli Enti Previdenziali Privati, con sede in Roma, via E. Quirino Visconti 8, c.f. 96318570585 in persona del suo Presidente e Legale Rappresentante avv. Maurizio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle imprese Roma, 29 settembre 2014, prot.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI

R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI R E G G I O E M I L I A PROTOCOLLO DEONTOLOGICO DELLE IMPRESE DI SERVIZI 2 Sommario Prima parte: disposizioni generali... 5 1. Finalità... 5 2. Accettazione del Protocollo deontologico... 5 3. Comitato

Dettagli

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO NOZIONE DI LEASING Il Leasing o locazione finanziaria è una nuova tecnica contrattuale nata per soddisfare una specifica esigenza dell'impresa: quella di disporre dei beni strumentali necessari per l'attività

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

AVVISO DI AFFITTO AZIENDA CENTRO SPORTIVO RICREATIVO COMUNALE NEL COMUNE DI SAINT-OYEN

AVVISO DI AFFITTO AZIENDA CENTRO SPORTIVO RICREATIVO COMUNALE NEL COMUNE DI SAINT-OYEN COMUNE DI COMMUNE DE SAINT-OYEN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE Rue du Grand-Saint-Bernard n. 52 11010 Saint-Oyen Aosta. Italia Tel. +39 0165 78522 Fax +39 0165 78478 www.comune.saintoyen.ao.it

Dettagli

L Orientamento al Lavoro e la Ricollocazione Lavorativa

L Orientamento al Lavoro e la Ricollocazione Lavorativa Verona, 18 aprile 2008 Prot. n.111/08 Ai Colleghi Consulenti del Lavoro delle Province di Verona, Vicenza e Mantova Soci aggregati iscritti all ANCL Soci praticanti iscritti all ANCL LL.SS. L ANCL Sindacato

Dettagli

rientro del denaro ottimizzando l'efficienza delle vostre risorse aziendali interne.

rientro del denaro ottimizzando l'efficienza delle vostre risorse aziendali interne. Il Servizio ALL in di Intercrediti offre, in affiancamento alle risorse aziendali, la gestione completa del cliente, dalla fase dell ordine fino ad arrivare all Azione Legale se necessaria. Servizio di

Dettagli

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate Oggetto: Dogane Depositi IVA Alla luce dell ultimo intervento normativo in materia di Depositi IVA (Art.

Dettagli

contratto di locazione

contratto di locazione 1 guida alla compilazione del contratto di locazione per gli studenti universitari dell'aquila 2 IL CONTRATTO Ecco qualche indicazione utile per la compilazione di un contratto di affitto. Le indicazioni

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda)

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) INDICE-SOMMARIO Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) Capitolo I IL LEASING FRA DIRITTO POSITIVO E PRASSI NEGOZIALE 1. Evoluzione storica, struttura formale e sostrato tecnico-aziendale del leasing.

Dettagli

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione

CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY. sintesi dei principali servizi e modalità di erogazione CATALOGO SERVIZI CAMERA di COMMERCIO ITALIANA IN SYDNEY sintesi dei principali servizi e 1 INTRODUZIONE CHE COSA E Il Catalogo Servizi della Camera di Commercio Italiana di Sydney (CCIE Sydney) favorisce

Dettagli

Codice di comportamento degli agenti immobiliari

Codice di comportamento degli agenti immobiliari Codice di comportamento degli agenti immobiliari Approvato con delibera della Giunta camerale n.69 del 29 maggio 2014 Articolo 1 Finalità 1. Il presente Codice di comportamento contiene norme finalizzate

Dettagli

Spett.le. Accordo di libera collaborazione

Spett.le. Accordo di libera collaborazione Spett.le Accordo di libera collaborazione Facendo seguito alle conversazioni intercorse, abbiamo il piacere di comunicarvi che, aderendo alla Vs. richiesta di instaurare con la. un rapporto di collaborazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DISCIPLINA DELL AFFITTO DI POLTRONA/CABINA. nelle attività di acconciature ed estetica.

LINEE GUIDA PER LA DISCIPLINA DELL AFFITTO DI POLTRONA/CABINA. nelle attività di acconciature ed estetica. ALLEGATO A) LINEE GUIDA PER LA DISCIPLINA DELL AFFITTO DI POLTRONA/CABINA nelle attività di acconciature ed estetica. 1. Nell ambito dell attività professionale di acconciatore ed estetista, condotta da

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART. 1 Oggetto dell appalto Il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell ente locale

Dettagli

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery Cos è il franchising Il franchising è un sistema di collaborazione commerciale tra due imprese indipendenti: da una parte c è il produttore o un offerente di servizi, detto affiliante o Franchisor, e dall

Dettagli

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori......

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori...... All. 4 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO DI NATURA TRANSITORIA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 1) Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a

Dettagli

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008. 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008. 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 26 Giugno 2008 1. Riconoscimento vocale e gestione dei sistemi informatici Il Garante per la protezione dei dati personali, con Provvedimento del 28 febbraio 2008,

Dettagli

PRIVATIZZAZIONI E LIBERO MERCATO: risparmio reale per i consumatori?

PRIVATIZZAZIONI E LIBERO MERCATO: risparmio reale per i consumatori? PRIVATIZZAZIONI E LIBERO MERCATO: risparmio reale per i consumatori? MARTEDÌ, 17 DICEMBRE 2013 Ore 14,30 18,30 Teatro VITTORIA Torino Via Gramsci n. 4 CONSUMER FRIENDLY La redazione di contratti consumer

Dettagli

Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia

Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia Se sei pronto ad entrare nel mondo dell'imprenditoria, siamo lieti di accoglierti nella nostra rete in Franchising. Minimo investimento ed innumerevoli vantaggi

Dettagli

IL VOSTRO DIAMO UFFICIO A SPAZIO ALLE E QUANDO VOLETE

IL VOSTRO DIAMO UFFICIO A SPAZIO ALLE E QUANDO VOLETE IL VOSTRO DIAMO UFFICIO A SPAZIO ALLE ROMA, COME VOSTRE IDEE E QUANDO VOLETE CHI SIAMO A Roma Centro e all Eur, da oltre 25 anni Pick Center offre ad aziende e liberi professionisti la possibilità di iniziare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SEGRETARIATO SOCIALE PROFESSIONALE DEL COMUNE DI AVELLINO PIANO DI ZONA AMBITO A3

REGOLAMENTO DEL SEGRETARIATO SOCIALE PROFESSIONALE DEL COMUNE DI AVELLINO PIANO DI ZONA AMBITO A3 REGOLAMENTO DEL SEGRETARIATO SOCIALE PROFESSIONALE DEL COMUNE DI AVELLINO PIANO DI ZONA AMBITO A3 ART.1 ISTITUZIONE DEL SEGRETARIATO SOCIALE PROFESSIONALE DI AMBITO In conformità al quadro normativo definito

Dettagli

NOTA TECNICA E NORMATIVO PRODOTTO AFFITTO SERENO

NOTA TECNICA E NORMATIVO PRODOTTO AFFITTO SERENO DIREZIONE OPERATIVA venerdì 13 settembre 2013 NOTA TECNICA E NORMATIVO PRODOTTO AFFITTO SERENO OGGETTO DELLA COPERTURA Affitto Sereno è una polizza che rientra nel ramo ministeriale 16 (perdite pecuniarie)

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE sigla numero data CONSORZIO PER LA GESTIONE DEL PARCO ADDA NORD C.d.A. 39 30.09.2010 Oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA PARCO ADDA NORD E POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO INDACO - PER IL

Dettagli

C O M U N E D I MASSAROSA

C O M U N E D I MASSAROSA Regolamento comunale per interventi (sistemazioni abitative e contributi) a famiglie in condizioni di emergenza abitativa (approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 10.06.2013) Art. 1 Generalità

Dettagli

CARTA DI CREDITO MONTEPASCHI UNICA MULTIFUNZIONE

CARTA DI CREDITO MONTEPASCHI UNICA MULTIFUNZIONE Pag. 1 / 6 Foglio Informativo CARTA DI CREDITO MONTEPASCHI UNICA MULTIFUNZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41

Dettagli

CAP Assicurazione di protezione giuridica

CAP Assicurazione di protezione giuridica Privati e aziende CAP Assicurazione di protezione giuridica Tutela globale per tutte le esigenze: privalex, firmalex e contratti speciali. w.cap.ch A company of CAP: sicurezza, affidabilità e competenza

Dettagli

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore.

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore. COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese UFFICIO GESTIONE DEL TERRITORIO PROTEZIONE CIVILE P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186 e.mail: utc@gorlamaggiore.org BANDO

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

Il nostro obiettivo è il vostro

Il nostro obiettivo è il vostro Il nostro obiettivo è il vostro L Azienda L'incremento della competitività dei mercati, la necessità di aumentare la pressione quantitativa e qualitativa ed il conseguente bisogno di focalizzazione sulle

Dettagli

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli