Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti"

Transcript

1 Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Di Neil Rasmussen White Paper n. 125 Revisione 1

2 Sintesi Quando i blade server sono densamente popolati è possibile che venga superata la capacità di alimentazione e di raffreddamento di quasi tutte le sale CED tradizionali. Questo white paper spiega come valutare le opzioni e selezionare la migliore strategia di installazione dei blade server al fine di rendere efficaci e prevedibili l'alimentazione e il raffreddamento. 2

3 Introduzione I blade server presentano vantaggi significativi rispetto ai server tradizionali, poiché migliorano la capacità di elaborazione con un consumo energetico ridotto per ciascun server. Tuttavia, l'ingombro ridotto dei blade server consente l'installazione di rack densamente popolati che richiedono una potenza di alimentazione fino a 20 volte superiore e che generano una quantità di calore fino a 20 volte superiore rispetto ai valori medi previsti per le sale CED tradizionali. Questa soluzione può sollecitare in modo significativo i sistemi di alimentazione e raffreddamento esistenti. Per installare i blade server in modo efficace, l'infrastruttura di alimentazione e di raffreddamento di una sala CED deve essere aggiornata oppure i carichi dei blade server devono essere ripartiti su più rack. Esistono diverse strategie per l'installazione dei blade server. Questo white paper fornisce le linee guida per stabilire la strategia di alimentazione e raffreddamento appropriata in base alle necessità e ai vincoli di una installazione specifica. La problematica principale La problematica principale in merito all'installazione dei blade server per la maggior parte delle sale CED esistenti è correlata alla distribuzione dell'alimentazione e del raffreddamento. La maggior parte delle sale CED dispone della capacità di base di alimentazione e raffreddamento ma non dell'infrastruttura per la distribuzione di tale capacità a un'area ad alta densità. Purtroppo, molti utenti non si rendono conto che esiste un problema finché non intraprendono l'installazione. Ciò accade perché virtualmente nessuna sala CED dispone degli strumenti necessari per fornire agli operatori le informazioni in merito alla capacità di densità della sala CED in una determinata area dell'impianto. Le cause tecniche di questi problemi sono descritte dettagliatamente nei white paper e nelle note applicative riportati alla fine del documento; di seguito ne viene riportato un riepilogo: Flusso d'aria insufficiente: I blade server richiedono una potenza nominale pari a circa 120 cfm di aria fredda per kw. La maggior parte delle sale CED esistenti sono in grado di fornire solo cfm di aria per posizione di rack, ovvero un valore di 10 volte inferiore ai rack densamente popolati di blade server con una potenza media per rack al di sotto dei 2 kw. Un blade server che non riceve sufficiente aria fredda finirà per assorbire l'aria calda che produce con un conseguente surriscaldamento. Questa è sicuramente la problematica più rilevante in relazione all'installazione dei blade server. 3

4 Distribuzione dell'alimentazione insufficiente: I blade server assorbono una quantità di energia di gran lunga superiore ai valori di progettazione dei sistemi di distribuzione dell'alimentazione delle sale CED standard. Le cause principali sono fondamentalmente tre: 1) Numero insufficiente e/o tipo errato di collegamenti dell'alimentazione aerei o installati sotto la pavimentazione, 2) Capacità dell'unità di distribuzione dell'alimentazione (PDU) insufficiente, e 3) Numero di interruttori insufficiente. Uno qualsiasi di questi problemi impedisce la possibilità di distribuire alimentazione elettrica ad alta densità. Inoltre, dei due problemi descritti sopra, la questione della distribuzione del raffreddamento rappresenta il vincolo principale. Per questa ragione, il presente white paper si concentra principalmente sulla selezione di un'architettura di raffreddamento. L'architettura di alimentazione verrà scelta in base all'architettura di raffreddamento e alla marca di blade server selezionate. Per ulteriori informazioni, consultate i riferimenti 2, 5, 6 e 7 elencati alla fine del presente documento. 5 metodi diversi per l'installazione dei blade server Esistono 5 approcci di base per il raffreddamento dei blade server. Una volta scelta una soluzione, esiste una varietà di prodotti e tecniche diversi che possono essere utilizzati per l'implementazione. Questi approcci sono descritti in dettaglio nel White Paper APC N. 46, Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità e sono riepilogati nella Tabella 1. Tabella 1 Applicazione dei cinque approcci per il raffreddamento degli armadi ad alta densità Approccio Vantaggi Svantaggi Applicazione 1 Ripartizione del carico Distribuzione degli apparati su più armadi per mantenere un carico di picco basso Funziona ovunque, nessuna pianificazione necessaria Nella maggior parte dei casi non prevede costi aggiuntivi Gli apparati ad alta densità devono essere ripartiti ulteriormente rispetto all'approccio 2. Richiede una maggiore superficie di pavimento Può provocare problemi di trasferimento dati Nelle attuali sale CED, nel caso in cui gli apparati ad alta densità rappresentano una parte minima del carico totale 2 Prestito di raffreddamento Per fornire una capacità di raffreddamento media con regole per consentire il prestito della capacità sottoutilizzata Non sono necessarie nuove apparecchiature Nella maggior parte dei casi non prevede costi aggiuntivi Limite pari a 2 volte la densità di alimentazione di progettazione Richiede una maggiore superficie di pavimento Richiede l'implementazione di regole complesse Nelle attuali sale CED, nel caso in cui gli apparati ad alta densità rappresentano una parte minima del carico totale 4

5 Approccio Vantaggi Svantaggi Applicazione 3 Raffreddamento integrativo Per fornire una capacità di raffreddamento media con la predisposizione di apparati per il raffreddamento integrativo Alta densità dove e quando necessaria Costi di capitale differiti Alta efficienza Utilizzo ottimale dello spazio su pavimento Limite pari a circa 10 kw per armadio I rack e la sala devono essere progettati in anticipo per supportare questo tipo di approccio Nuova costruzione o rinnovo delle strutture esistenti Ambiente misto La posizione degli apparati ad alta densità non è nota in anticipo 4 Area ad alta densità Per creare una particolare fila o area ad alta densità all'interno del centro dati Massima densità Utilizzo ottimale dello spazio su pavimento Gli apparati ad alta densità non devono essere ripartiti Alta efficienza È necessario pianificare in anticipo un'area ad alta densità, o riservare lo spazio necessario È necessario segregare gli apparati ad alta densità Densità kw per rack Quando esiste la necessità di co-locazione dei dispositivi ad alta densità Nuova costruzione o rinnovo delle strutture esistenti 5 Intera sala Per fornire una capacità di raffreddamento ad alta densità a ogni rack Gestione di tutti gli scenari futuri Costi di capitale e operativi elevati 4 volte superiori rispetto ai metodi alternativi Possibile sottoutilizzo di infrastrutture estremamente costose Casi rari ed estremi di farm di grandi dimensioni contenenti apparati ad alta densità con disponibilità di spazio molto limitate Per installare i blade server è necessario selezionare un metodo. La selezione viene effettuata in base ai vincoli dell'attuale installazione e alle esigenze e preferenze dell'utente. 5

6 Il processo di installazione dei blade server Il processo di preparazione dell'ambiente fisico per supportare l'installazione dei blade server include i seguenti elementi chiave: Individuare i vincoli della struttura esistente Individuare le esigenze e le preferenze dell'utente Stabilire il tipo di progettazione appropriato in termini di alimentazione e di raffreddamento Progettare e installare il progetto Nella Figura 1 viene riportata una mappa con la descrizione del processo. La figura mostra una mappa dei flussi del processo con le varie fasi e i dati risultanti per ogni passaggio. Il processo include due loop chiave di front-end, in cui i vincoli e le esigenze e le preferenze dell'utente vengono stabiliti tramite ripetizione. Ciò è essenziale per consentire gli aggiustamenti e i compromessi adeguati. Di norma, i vincoli e le preferenze iniziali cambiano dopo un'analisi della situazione e dei compromessi associati. Nel caso più comune, la preferenza o l'esigenza di popolare densamente i rack con i blade server viene spesso ridimensionata quando le conseguenze di tale approccio vengono pienamente comprese. Questa analisi si verifica nel Loop 2 della mappa dei processi. Un'altra situazione comune si verifica quando, a seguito di una valutazione dell'installazione esistente, vengono evidenziati problemi che possono essere facilmente corretti e si migliora la capacità del centro dati di gestire l'alimentazione dei blade server e i requisiti di raffreddamento. Queste rettifiche si verificano nel Loop 1 della mappa dei processi. Nelle sezioni seguenti vengono descritti più dettagliatamente i diversi processi che contribuiscono alla selezione dell'approccio di progettazione. 6

7 Figura 1 Mappa del processo per la determinazione del metodo di installazione dei blade server appropriato in un centro dati esistente Cambiamenti Condizioni della sala CED Loop 1 Implementare Miglioramenti Individuare i miglioramenti Dati di valutazione Valutare le condizioni Difetti Vincoli dopo i miglioramenti Individuare il miglior approccio Approccio selezionato Pianificazione e implementazione Esigenze dopo gli inevitabili compromessi Individuare le esigenze e le preferenze Esigenze e preferenze preliminari Requisiti di business Loop 2 Alternative Fornire alternative Valutazione dei compromessi Requisiti conflittuali 7

8 Individuare i vincoli della struttura esistente I centri dati esistenti sono caratterizzati da molti vincoli che non possono essere modificati. Tali vincoli sono indicati di seguito: Potenza erogabile di alimentazione di precisione. Il centro dati potrebbe non disporre di potenza erogabile UPS in eccesso sufficiente per alimentare l'installazione dei blade server proposta. Potenza erogabile di raffreddamento di precisione. Il centro dati potrebbe non disporre di potenza erogabile di precisione in eccesso sufficiente per raffreddare l'installazione dei blade server proposta. Tale limitazione si riferisce alla potenza nominale erogabile dei condizionatori dell'aria della sala computer e non del sistema di distribuzione dell'aria. Limiti di spazio su pavimento. Lo spazio su pavimento totale disponibile nel centro dati oppure lo spazio su pavimento disponibile per l'installazione dei blade server può presentare dei limiti. Se inderogabili, tali limiti possono forzare determinati approcci di progettazione. Mancanza di controsoffitto di ripresa. La sala potrebbe non utilizzare o non disporre di un controsoffitto di ripresa per il ritorno dell'aria. L'altezza della sala può essere limitata e non rendere possibile la realizzazione di un controsoffitto di ripresa. Questo vincolo può escludere alcune opzioni di progettazione. Vincoli legati al pavimento flottante. Il pavimento flottante esistente, se presente, potrebbe essere di altezza inferiore a 0,6 m e/o parzialmente occupato da cavi e tubi. Ciò potrebbe limitare la capacità di distribuzione dell'aria del pavimento flottante che potrebbe precludere alcune opzioni di progettazione. Vincoli di peso. Il pavimento del centro dati potrebbe prevedere dei limiti di carico, in particolare nel caso in cui sia presente un pavimento flottante. Questo vincolo può precludere alcune opzioni di progettazione. Di frequente, i vincoli in un centro dati esistente non sono documentati né ovvi, pertanto è necessario effettuare una valutazione delle condizioni. Valutazione delle condizioni esistenti La valutazione delle condizioni esistenti del centro dati è essenziale per procedere all'installazione dei blade server. Questa valutazione può essere superficiale se il numero dei blade server è nell'ordine di un rack di blade server o meno. Tuttavia, per installazioni superiori a un rack, la profondità e il dettaglio della valutazione devono aumentare conseguentemente. 8

9 Durante una valutazione, vengono raccolti vari dati relativi alla potenza erogabile dei sistemi di alimentazione e raffreddamento, inclusa la potenza erogabile nominale e, ancora più importante, la potenza erogabile effettivamente implementata. Inoltre, le condizioni di carico esistenti devono essere valutate per stabilire l'entità e la distribuzione fisica dei carichi. Un altro fattore importante è rappresentato dal fatto che i sistemi di distribuzione dell'alimentazione e del raffreddamento devono essere studiati per quantificare la capacità del sistema per distribuire carichi di alimentazione e raffreddamento ad alta densità. Nei casi in cui la complessità dell'installazione è particolarmente elevata, è consigliabile simulare il centro dati mediante modelli basati su computer, per stabilire le condizioni di fatto esistenti e per effettuare una verifica del progetto proposto. Un esempio di dati di questo modello è riportato nella Figura 2. Figura 2 Modello della fluidodinamica computazionale 3D (CFD, 3D Computational Fluid Dynamics) di una sala CED (fornito dai Servizi professionali APC) Tutti gli operatori delle sale CED dovrebbero possedere delle conoscenze rudimentali per la valutazione di un centro dati. Per installazioni complesse, con costi o rischi elevati, si consiglia di far eseguire tali valutazioni da personale esperto. APC e altri fornitori erogano servizi professionali per la valutazione dei centri dati. 9

10 Identificare le aree di miglioramento Pulizia di base del centro dati Le condizioni esistenti di un centro dati includono spesso un certo numero di punti deboli che dovrebbero essere identificati e corretti prima di procedere con le fasi successive, poiché possono influire sui dati che rappresentano il fondamento per l'installazione dei blade server. Di seguito sono indicati alcuni di questi problemi: Mancata implementazione dei pannelli fittizi Perdite nel pavimento flottante o nel sistema di aerazione Configurazione errata della ripresa dell'aria Configurazione errata delle piastrelle grigliate ventilate del pavimento Cablaggi inutilizzati al di sotto del pavimento che possono essere rimossi Punti di regolazione errati sui condizionatori d'aria Una spiegazione più dettagliata di queste problematiche viene illustrata nel White Paper APC N. 42, Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità, e nel N. 49, Avoidable Mistakes that Compromise Cooling Performance in Data Centers and Network Rooms. Individuare le esigenze e le preferenze dell'utente Oltre ai vincoli fisici della struttura, esistono anche i vincoli posti dai clienti, ovvero le preferenze. Tali vincoli possono essere assoluti oppure possono essere ridimensionati se il costo dell'implementazione è troppo elevato. Tali esigenze o preferenze possono precludere alcune opzioni di installazione dei blade server e suggerirne altre. Le esigenze includono quanto riportato di seguito: Funzionamento ininterrotto. Uno dei requisiti fondamentali è che l'installazione abbia un impatto minimo sul funzionamento del centro dati esistente, con rischi minimi per il funzionamento degli apparati IT Ad esempio, potrebbe non essere possibile pianificare delle interruzioni di servizio. Alta disponibilità del sistema implementato. Un'altra esigenza importante è che il sistema implementato disponga della più alta disponibilità possibile. Tale fattore implica la ridondanza dei sistemi di alimentazione e di raffreddamento e il test del sistema per verificarne la ridondanza. Co-locazione dei server (densamente popolati). Potrebbe essere evidenziata la necessità di popolare i blade server alla massima densità possibile. Le motivazioni di questa esigenza includono: Il sistema installato è un sistema di presentazione o di dimostrazione Esigenza di conservare dello spazio libero su pavimento Requisito legale o normativo per il posizionamento di tutti i server in una sala di piccole dimensioni 10

11 Semplificare il trasferimento dati Desiderio di disporre di un raggruppamento logico degli apparati IT (ad es. co-locazione di tutti i server Web) Proprietari diversi di aree differenti del centro dati Semplificazione dell'amministrazione degli apparati (ad es. gli aggiornamenti) La sensazione (spesso errata) che questa soluzione preveda un risparmio sui costi Si noti che popolare i server alla massima densità può essere estremamente costoso e richiedere una costruzione invasiva oltre alla modifica del centro dati esistente. Si consiglia di prendere in considerazione le alternative che prevedono la ripartizione prima di decidere per la popolazione ad alta densità dei blade server. Effettuare la predisposizione per le installazioni successive. Questa può essere la prima di una serie di installazioni di blade server, nel qual caso, l'attuale installazione deve costituire il fondamento per le installazioni successive e non deve precludere o interferire con le installazioni future. Tempo. Potrebbe essere necessario effettuare l'installazione rapida dei blade server. Se questo è il caso, le fasi relative alla pianificazione, alla selezione dei fornitori e alla costruzione potrebbero risultare sgradite. Costi. La preferenza principale potrebbe essere quella di installare i blade server a costi minimi. Questo aspetto fornisce un'indicazione chiara. Selezione del metodo di installazione Una volta compresi i vincoli della struttura esistente e avere effettuato un'adeguata analisi dei compromessi rispetto alle diverse esigenze e preferenze del cliente, è possibile procedere alla selezione del metodo di installazione tra i 5 metodi principali sopra descritti. Il metodo di installazione viene selezionato sulla base delle esigenze di raffreddamento poiché questo aspetto rappresenta il vincolo principale sui sistemi pratici. Dopo aver stabilito il metodo di installazione, vengono risolti i problemi di alimentazione. 11

12 La variabile chiave che influisce sul metodo di installazione è la densità dell'installazione. Molti clienti presuppongono o preferiscono che i blade server siano installati alla massima densità. Spesso si tratta di un presupposto non appropriato quando si installano i blade server in un ambiente esistente. Infatti, la maggior parte dei blade server utilizza una struttura a chassis modulare e può essere installata a una densità inferiore rispetto alla densità massima del rack. Ad esempio, IBM BladeCenter è composto da uno chassis indipendente che può essere installato a incrementi tra 1 e 6 per rack. Sebbene la ripartizione dei blade server possa dare l'impressione di una riduzione dei vantaggi di questo tipo di installazione, i costi, la disponibilità del sistema e la velocità dell'installazione possono risultare migliorati dalla ripartizione, in particolare se si installano i blade server in un ambiente preesistente. Molti ambienti preesistenti sono stati progettati per una densità di alimentazione pari a 2 kw per rack o inferiore. Quando si installano i blade server a una densità di alimentazione pari a kw per rack in tale tipo di ambiente, gli armadi utilizzano l'infrastruttura di alimentazione e raffreddamento in modo sproporzionato e nel centro dati rimane dello spazio libero aggiuntivo che non può essere utilizzato quando sono in uso tutti i sistemi di alimentazione e raffreddamento. Per questa ragione, non esiste alcun vantaggio reale nel conservare dello spazio durante un'installazione di blade server nei centri dati esistenti. Questo aspetto rende più pratico e più vantaggioso in termini di costi ripartire i blade server nei centri dati esistenti. L'installazione dei blade server alla massima densità rappresenta un vantaggio in termini di costi solo nelle strutture di nuova costruzione appositamente progettate per supportare l'alta densità, quando le dimensioni dell'installazione sono elevate oppure quando esistono rigidi vincoli di spazio. Pertanto, la decisione cruciale nell'installazione dei blade server è il livello in base a cui gli chassis dei blade server sono distribuiti tra i rack, ovvero quanti chassis di blade server verranno installati per ogni rack. La marca e il modello di blade server scelti potrebbero limitare la possibilità di ripartire i blade server; ad esempio, alcuni blade server utilizzano chassis indipendenti facili da ripartire, mentre altri usano un sistema "backplane" che rende la ripartizione una soluzione poco pratica ad eccezione di particolari casi di espansione dell'installazione. Per un approfondimento di tali aspetti, fate riferimento alle Note applicative APC in merito alle marche specifiche di blade server. Quando vengono mappate le diverse densità di installazione degli chassis di blade server in base ai cinque metodi chiave di installazione dei blade server, il risultato ottenuto è quello mostrato nella Tabella 2. 12

13 Tabella 2 Mappa dei criteri dell'installazione dei blade server in base alle diverse combinazioni di densità degli chassis e al metodo di installazione, con l'indicazione delle combinazioni preferite N. di chassis per rack 1 Ripartizione dei carichi Possibile nella maggior parte dei centri dati Prestito di raffreddamento Possibile in tutti i centri dati Raffreddamento integrativo Possibile in tutti i centri dati. Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Area ad alta densità Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative Intera sala Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative 2 Solo se il centro dati dispone di una capacità di raffreddamento insolitamente elevata Possibile nella maggior parte dei centri dati, l'uso dei rack adiacenti potrebbe essere limitato Possibile in tutti i centri dati. Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per le aree o le file nuove. Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per un'intera sala. 3 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Possibile nella maggior parte dei centri dati, ma l'uso dei rack adiacenti potrebbe essere impossibile Richiede un sistema di aspirazione dell'aria calda o condutture Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Limite massimo per sistemi di raffreddamento a pavimento flottante progettati adeguatamente Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per un'intera sala. 4 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Il centro dati deve disporre di una capacità di raffreddamento insolitamente elevata, le regole sono rigide Dipende dalla combinazione specifica di blade server e della soluzione di raffreddamento integrativo Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. È necessario il rinnovamento dell'intera sala 5 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità dei sistemi di raffreddamento integrativo conosciuti Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. È necessario il rinnovamento dell'intera sala 6 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità dei sistemi di raffreddamento integrativo conosciuti Solo se esiste una rigida limitazione dell'area. Costo elevatissimo per ottenere questa densità su un'area sostenuta. Potrebbero essere necessarie delle regole. Costo elevatissimo per ottenere questa densità. È necessario il rinnovamento dell'intera sala Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. 13

14 N. di chassis per rack Ripartizione dei carichi Prestito di raffreddamento Raffreddamento integrativo Costi minimi Costi minimi da a Euro per rack Area ad alta densità da a Euro per rack Intera sala da a Euro per rack Aumento dei costi Facile Procedure necessarie Aumento della complessità di installazione Installazione non invasiva Operazioni di installazione, tubazioni e cablaggio più impegnativi Sono necessari interruzione e rinnovamento dell'intera sala La Tabella 2 mostra che per 30 combinazioni possibili rispetto a sei livelli di ripartizione e 5 metodi di installazione, esistono circa 11 combinazioni preferite e altre 7 combinazioni marginali per un totale di 18 combinazioni praticabili. Per selezionare l'alternativa migliore, migliaia di combinazioni di preferenze degli utenti, vincoli pratici e condizioni esistenti, i dati devono essere mappati su queste 18 combinazioni di installazione. La mappatura richiede delle regole e un'analisi approfondita e può essere implementata come un algoritmo software, tuttavia la descrizione completa va oltre lo scopo di questo documento. Durante lo sviluppo degli strumenti per l'esecuzione di questa analisi, APC ha identificato alcune osservazioni chiave: Se il rapporto di rack blade da installare supera il 25% delle posizioni rack in una sala, è possibile che una sala esistente richieda un rinnovamento totale dei sistemi di alimentazione e raffreddamento. Tale aspetto suggerisce che per installazioni di tali dimensioni debba essere costruita una nuova sala, a meno che non sia possibile chiudere il centro dati per un determinato periodo di tempo. Per i centri dati esistenti che prevedono l'installazione di 1-5 rack di blade server, è opportuno effettuare una ripartizione pari al 25% - 50% del grado di densità totale (ad esempio, meno di 3 chassis per rack) per minimizzare l'impatto sul funzionamento del centro dati e ridurre i costi di installazione. Per la maggior parte dei centri dati, il costo per il raggiungimento di densità molto elevate supera di gran lunga i costi associati all'aggiunta di alcuni rack supplementari. Nel caso diffuso di un centro dati esistente dotato di capacità di raffreddamento e di alimentazione, il raffreddamento integrativo incrementa la densità di installazione e comporta costi ridotti offrendo risultati prevedibili. 14

15 Approcci non consigliati Di seguito è riportato un elenco di approcci e azioni costantemente adottati dagli operatori delle sale CED ma che si sono dimostrati inefficaci. Tali approcci apportano scarsissimi vantaggi e spesso peggiorano la situazione. Riduzione della temperatura dell'aria. Una delle azioni più semplici ma con pessimi risultati che può essere adottata è quella di ridurre il punto di regolazione della temperatura dell'aria dei condizionatori d'aria della sala computer per tentare di eliminare i punti di concentrazione del calore del centro dati. Questa operazione riduce la capacità dei condizionatori d'aria, aumenta notevolmente il consumo di acqua dell'umidificatore e riduce significativamente l'efficienza di funzionamento del centro dati, aumentando di conseguenza i costi dei consumi di elettricità. Tutti gli aspetti descritti si verificano e NON risolveranno il problema, poiché si tratta di un problema del flusso dell'aria e NON di un problema di temperatura. Griglie a pavimento. Un'altra azione apparentemente logica è quella di sostituire le piastrelle grigliate del pavimento flottante con una piastrella dotata di una resistenza all'aria inferiore. Queste piastrelle somigliano più a delle grate e sono diverse dalle comuni piastrelle perforate. Questo approccio può essere utile nel caso di un rack isolato, ma presenta diversi effetti collaterali, in particolare se usato in quantità elevate. L'uso di queste griglie in un centro dati standard provoca la diminuzione del flusso dell'aria in altre aree nonché variazioni significative e non prevedibili nel flusso di aria tra le piastrelle. Questo problema è descritto in dettaglio nel White Paper APC N. 46, "Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità". Ventole collocate nella parte superiore del rack. L'uso di ventole sul pannello superiore dei rack è molto diffuso, sebbene tali ventole non producano alcun vantaggio in un rack IT correttamente progettato. Il problema del surriscaldamento dei server NON è dovuto all'aria calda all'interno del rack. La causa è l'aria calda nelle prese d'aria dei server posizionate sul pannello frontale. Queste ventole producono più calore e possono perfino ridurre la capacità di raffreddamento nei centri dati progettati in modo ottimale. Molti clienti richiedono le ventole dei pannelli superiori in base a specifiche preesistenti senza comprenderne appieno lo scopo. Tuttavia, esistono alcuni dispositivi di ventilazione efficaci da abbinare ai rack; una descrizione dettagliata di questi dispositivi è disponibile nel White Paper APC N. 42, "Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità". Isolazione dei rack. L'isolazione dei rack in un'area aperta su tutti i lati rispetto alle classiche file è una soluzione spesso utilizzata nel tentativo di ridurre la densità in un'area e consentire l'implementazione di più piastrelle grigliate ventilate in associazione con il rack. Tuttavia, questo approccio provoca il ritorno dell'aria calda di scarico intorno ai lati del rack e nell'ingresso dell'aspirazione del server. L'effetto complessivo non produce alcun vantaggio. La soluzione migliore è quella di mantenere una disposizione a corridoi caldi e freddi, utilizzare rack non densamente popolati e pannelli fittizi tra i rack blade, corridoi freddi più ampi, dispositivi di raffreddamento integrativo e/o sistemi di contenimento dei corridoi caldi per incrementare le prestazioni. 15

16 Conclusione L'installazione dei blade server consente un miglioramento significativo della capacità di elaborazione, tuttavia può sollecitare notevolmente i sistemi di alimentazione e di raffreddamento dei centri dati esistenti. Esistono diversi approcci per l'alimentazione e il raffreddamento dei blade server. L'approccio migliore per un'installazione specifica dipende dai vincoli della progettazione esistente e dalle esigenze e preferenze dell'operatore della sala CED. Questo documento descrive gli aspetti e le scelte coinvolti nell'installazione dei blade server. Fornisce la descrizione del processo per la selezione del metodo di installazione in base ai vincoli e alle necessità. La maggior parte degli utenti non comprende i vincoli di raffreddamento posti dall'installazione di blade server densamente popolati. Una volta prese in considerazione le opzioni e i rispettivi vantaggi, le installazioni che prevedono la ripartizione dei blade server verranno giudicate positivamente per molte strutture esistenti grazie ai risparmi in termini di costi e di tempo e alla riduzione delle interferenze con il funzionamento del centro dati. 16

17 Riferimenti 1) White Paper APC N. 46, Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità 2) White Paper APC N. 29, Opzioni di alimentazione per rack ad alta densità 3) White Paper APC N. 49, Avoidable Mistakes that Compromise Cooling Performance in Data Centers and Network Rooms 4) White Paper APC N. 42, Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità 5) Nota applicativa APC n. 76, Configuring Data Centers to Support IBM BladeCenter Servers 6) Nota applicativa APC n. 75, Configuring Data Centers to Support HP BladeSystem p-class Servers 7) Nota applicativa APC n. 74 Configuration of InfraStruXure for Data Centers to Support Dell PowerEdge 1855 Blade Servers Informazioni sull'autore Neil Rasmussen è uno dei fondatori e il Chief Technical Officer di American Power Conversion. Presso APC, Neil Rasmussen gestisce il maggiore budget mondiale per R&S destinato all'infrastruttura di alimentazione, raffreddamento e rack per reti critiche. APC ha centri di sviluppo prodotti in Massachusetts, Missouri, Danimarca, Rhode Island, Taiwan e Irlanda. Attualmente Neil Rasmussen si occupa del coordinamento delle attività di APC per lo sviluppo di soluzioni scalari e modulari per i data center. Prima di fondare APC, nel 1981, Neil Rasmussen ha conseguito laurea e master in Ingegneria elettrica presso il MIT, presentando una tesi sull'analisi di un'alimentazione a 200 MW per un reattore a fusione Tokamak. Dal 1979 al 1981 ha lavorato presso i MIT Lincoln Laboratories studiando i sistemi di accumulo energetico nei volani e i sistemi a energia solare. 17

Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici

Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici di Neil Rasmussen White Paper n. 55 Revisioni 1 Sintesi Esistono nove metodi di base per utilizzare l'aria come mezzo di raffreddamento

Dettagli

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Miglioramento del raffreddamento dei rack mediante l'uso di pannelli fittizi

Miglioramento del raffreddamento dei rack mediante l'uso di pannelli fittizi Miglioramento del raffreddamento dei rack mediante l'uso di pannelli fittizi A cura di Neil Rasmussen White Paper #44 Revisione 1 Sintesi Lo spazio verticale inutilizzato nei rack aperti e negli armadi

Dettagli

1 Le densità per rack e fila indicate nella Figura 1 utilizzano una superficie equivalente di pavimento

1 Le densità per rack e fila indicate nella Figura 1 utilizzano una superficie equivalente di pavimento Il consumo di potenza delle apparecchiature alloggiate in un singolo armadio a rack può variare sensibilmente. Il consumo energetico medio di un armadio in un Data Center è di circa 1,7 kw, ma la potenza

Dettagli

Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica

Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica White Paper 114 Revisione 1 di Neil Rasmussen > In sintesi I costi associati al consumo di energia elettrica rappresentano una quota in costante

Dettagli

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete White Paper # 37 Rev. 4 Sintesi L'infrastruttura fisica e di alimentazione dei data center e delle sale

Dettagli

Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack

Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack Scelta tra sistemi di raffreddamento per Data Center basati su sala, fila o rack White Paper 130 Revisione 2 di Kevin Dunlap e Neil Rasmussen > In sintesi Le apparecchiature IT a densità elevata e variabile

Dettagli

Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità

Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità CLIMAVENETA AISLE CONTAINMENT SYSTEM Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità Nei moderni data center ad alta densità

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

Assessment delle infrastrutture critiche

Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche L'esame professionale condotto dagli esperti di Emerson Network Power assicurerà alla vostra infrastruttura un funzionamento

Dettagli

Parte 1: Spiegazione delle condizioni per l'installazione IBM

Parte 1: Spiegazione delle condizioni per l'installazione IBM Bollettino informativo internazionale per i clienti - Installazione di macchine IBM International Business Machines Corporation Lo scopo di questo bollettino è quello di spiegare le condizioni specificate

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato

Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato Opzioni di raffreddamento per apparecchiature montate su rack con flusso dell'aria da lato a lato A cura di Neil Rasmussen White Paper n. 50 Sintesi Le apparecchiature con flusso dell'aria da un lato all'altro

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER OTTIMO controllo della temperatura, anche con carichi critici, indipendentemente dalle condizioni ambientali bassi consumi di ENERGIA alimentazione

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica "

Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica Dalla virtualizzazione al Datacenter ad Alta Efficienza Energetica " Antonella TRONO APC by Schneider Electric All content in this presentation is protected 2008 American Power Conversion Corporation Una

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

Tutti i vantaggi della tecnologia open IP nel controllo degli accessi fisici. AXIS A1001 Network Door Controller

Tutti i vantaggi della tecnologia open IP nel controllo degli accessi fisici. AXIS A1001 Network Door Controller Tutti i vantaggi della tecnologia open IP nel controllo degli accessi fisici. AXIS A1001 Network Door Controller Aprire la porta al futuro. AXIS A1001 Network Door Controller introduce una maggiore libertà

Dettagli

Raffreddamento modulare per alte densità. Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile

Raffreddamento modulare per alte densità. Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile Raffreddamento modulare per alte densità Soluzioni di raffreddamento prevedibile per un ambiente imprevedibile Indice Introduzione 3 Problematiche delle attuali sale CED 4 Limiti del raffreddamento tradizionale

Dettagli

Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO

Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO Creare un'infrastruttura IT che si adatti al business GUIDA AL CAMBIAMENTO Per decenni, i data center sono stati caratterizzati da un eccesso di provisioning, due o tre volte superiore alle necessità,

Dettagli

per SUNNY BOY, SUNNY MINI CENTRAL, SUNNY TRIPOWER

per SUNNY BOY, SUNNY MINI CENTRAL, SUNNY TRIPOWER Derating termico per SUNNY BOY, SUNNY MINI CENTRAL, SUNNY TRIPOWER Contenuto Il derating termico riduce la potenza dell'inverter, per proteggere i componenti dal surriscaldamento. Nel presente documento

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center

Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center Misurazione dell'efficienza elettrica del Data Center White Paper 154 Revisione 2 di Neil Rasmussen Contenuti Cliccate su una sezione per accedervi > In sintesi Introduzione 2 L'efficienza elettrica del

Dettagli

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione w h i t e p a p e r Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione Prefazione Questo paper descrive due dissipatori di calore, un presidio medicale di aspirazione, un forno da cucina

Dettagli

WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica

WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica Migliorare l'efficienza di un data center esistente: 5 possibili soluzioni di Thermal Management a confronto Introduzione In questo documento

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

Panoramica sulla linea NetShelter SV

Panoramica sulla linea NetShelter SV NetShelter SV Panoramica sulla linea NetShelter SV Armadi informatici universali con caratteristiche e funzionalità essenziali per soddisfare i requisiti fondamentali delle apparecchiature IT montate in

Dettagli

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388 VDI IN A BOX Con le soluzioni Citrix e la professionalità di Lansolution, ora puoi: -Ridurre i costi -Garantire la sicurezza -Incrementare la produttività -Lavorare ovunque* La flessibilità del luogo di

Dettagli

Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS

Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS Modalità ECO-mode: vantaggi e rischi delle modalità a risparmio energetico per gli UPS White Paper 157 Revisione 1 di Neil Rasmussen > In sintesi Molti sistemi UPS (Uninterruptible Power Supply, gruppo

Dettagli

Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000

Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000 Guida alla pianificazione del sito per il server Sun Fire T1000 Sun Microsystems, Inc www.sun.com N. di parte 819-5297-11 Luglio 2006, Revisione A Inviare eventuali commenti su questo documento a: http://www.sun.com/hwdocs/feedback

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate Sistema UPS trifase indipendente dal rack DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate DPA UPScale RI l UPS individuale DPA UPScale RI (rack-independent) indipendente dal rack, è

Dettagli

Condizionatore. Il condizionatore nella sua forma classica è formato da quattro parti fondamentali:

Condizionatore. Il condizionatore nella sua forma classica è formato da quattro parti fondamentali: Condizionatore Il condizionatore è una macchina in grado di produrre una differenza di temperatura (positiva o negativa) che viene ceduta a un fluido che messo in circolazione a sua volta cede questa differenza

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure La protezione dell'alimentazione è talmente essenziale per il funzionamento affidabile delle architetture convergenti da poter essere considerata

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Supporto tecnico software HP

Supporto tecnico software HP Supporto tecnico software HP HP Technology Services - Servizi contrattuali Caratteristiche tecniche Il Supporto tecnico software HP fornisce servizi completi di supporto software da remoto per i prodotti

Dettagli

Eni Green Data Center scheda tecnica

Eni Green Data Center scheda tecnica Eni Green Data Center scheda tecnica Il Green IT Adeguarsi ai principi dello sviluppo sostenibile è entrato ormai tra le mission principali dell'informatica. Il 2% della CO 2 emessa nel mondo proviene,

Dettagli

Atlas Copco. Compressori rotativi a vite a iniezione di olio GX 2-11 - 2-11 kw/3-15 CV

Atlas Copco. Compressori rotativi a vite a iniezione di olio GX 2-11 - 2-11 kw/3-15 CV Atlas Copco Compressori rotativi a vite a iniezione di olio GX 2-11 - 2-11 kw/3-15 CV Nuova serie GX: compressori a vite progettati per durare I compressori a vite Atlas Copco rappresentano da sempre lo

Dettagli

Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità

Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità Di Neil Rasmussen Suzanne Niles White Paper n. 76 Sintesi La natura ci insegna che la modularità rappresenta la soluzione ottimale per la sopravvivenza

Dettagli

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE La nostra missione consiste nell aiutare i clienti a ottimizzare i propri consumi

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

MANUALE TECNICO MTP R410A. Sistema multisplit. (da due a otto unità interne) IMTPTI 0505 50104.00

MANUALE TECNICO MTP R410A. Sistema multisplit. (da due a otto unità interne) IMTPTI 0505 50104.00 MTP R410A Sistema multisplit (da due a otto unità interne) MANUALE TECNICO ISO 9001 - Cert. nº 0128/3 Q U A L C E R T AERMEC S.P.A. I T Y I F I E D S Y S T E M IMTPTI 0505 50104.00 Multisplit ad espansione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Migliori prestazioni. Benchmark energetici

Migliori prestazioni. Benchmark energetici Migliori prestazioni Benchmark energetici I crescenti costi energetici su scala globale, unitamente a un incremento del 2,5% dei consumi energetici nel 2011, stanno creando la necessità di contrastare

Dettagli

miglioramento radicale del livello di servizio e di diffusione di servizi, se si tratta di una organizzazione pubblica.

miglioramento radicale del livello di servizio e di diffusione di servizi, se si tratta di una organizzazione pubblica. ICT E INNOVAZIONE D IMPRESA Casi di successo Rubrica a cura di Roberto Bellini, Chiara Francalanci La rubrica ICT e Innovazione d Impresa vuole promuovere la diffusione di una maggiore sensibilità sul

Dettagli

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente.

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape Spiana la strada verso la virtualizzazione e il cloud Trovo sempre affascinante vedere come riusciamo a raggiungere ogni angolo del globo in

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Fotovoltaico Solare Termico

Fotovoltaico Solare Termico PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Fotovoltaico Solare Termico Fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare

Dettagli

GUIDA AL CAMBIAMENTO. La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center

GUIDA AL CAMBIAMENTO. La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center GUIDA AL CAMBIAMENTO La sfera di cristallo per gestire la disponibilità e le prestazioni del data center C'era una volta... Un gestore di data center che aveva una sfera di cristallo con cui poteva vedere

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it.

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it. Oggetto: gara a procedura aperta ai sensi del D. Lgs 358/92 e s.m.i., per la fornitura di serventi ed apparati a supporto delle DPSV/CMV del Ministero dell Economia e delle Finanze I chiarimenti della

Dettagli

Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria

Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria Seminario Il System Engineering Una disciplina nata per i programmi spaziali ma applicabile a tutti i settori dell Ingegneria Ing. Francesco De Angelis - EMNE PhD Student 29.01.2014 Indice degli argomenti:

Dettagli

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni

Introduzione - Teoria - Esercizi - Caso Studio - Conclusioni 1 Sommario Introduzione Teoria Approccio (alcune osservazioni) Componenti principali Portata d aria Usi inappropriati Perdite Parametri che influenzano i consumi Esercizi Caso Studio Conclusioni 2 3 L

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

I requisiti del Data Center: come guidano la scelta delle tecnologie Thermal Management

I requisiti del Data Center: come guidano la scelta delle tecnologie Thermal Management I requisiti del Data Center: come guidano la scelta delle tecnologie Thermal Management Roberto Felisi Direttore Marketing Thermal Management, Emerson Network Power Il Data Center Trend nel Data Center

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

Consigli pratici e Soluzioni IT per uffici e sale server

Consigli pratici e Soluzioni IT per uffici e sale server Consigli pratici e Soluzioni IT per uffici e sale server White paper 174 Revisione 0 di Victor Avelar > In sintesi Gli uffici e i generalmente sono disorganizzati, privi di monitoraggio e di sistemi di

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI UNA INFRASTRUTTURA SERVER BLADE, PER LA NUOVA SEDE DELLA FONDAZIONE RI.MED CUP H71J06000380001 NUMERO GARA 2621445 - CIG 25526018F9 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail.

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail. CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA alla scoperta di un Nuovo Mondo Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Avezzano Italia luigi.tudico@gmail.com TITOLO SISTEMA DI CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA

Dettagli

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C COOLS SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE COOLSIDE box INVERTER R410A E C 2 COOLSIDE box INTRODUZIONE COOLSIDE BOX è un sistema split composto da una unità motocondensante

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Serie T6590 DISPOSITIVO DI CONTROLLO PER UNITÀ TERMOVENTILANTI

Serie T6590 DISPOSITIVO DI CONTROLLO PER UNITÀ TERMOVENTILANTI APPLICAZIONI Serie T6590 DISPOSITIVO DI CONTROLLO PER UNITÀ TERMOVENTILANTI I termostati digitali serie T6590 possono essere impiegati per controllare valvole, ventole e riscaldatori elettrici ausiliari

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

Specifica dell'architettura modulare dei Datacenter

Specifica dell'architettura modulare dei Datacenter Specifica dell'architettura modulare dei Datacenter White Paper 160 Revisione 0 di Neil Rasmussen Contenuti Cliccate su una sezione per accedervi > In sintesi Introduzione 2 Si registra una tendenza sempre

Dettagli

Servizio Installation e Startup per la famiglia di prodotti HP MSA

Servizio Installation e Startup per la famiglia di prodotti HP MSA Caratteristiche tecniche Servizio Installation e Startup per la famiglia di prodotti HP MSA Servizi HP Vantaggi del Consente alle risorse IT di concentrarsi su attività fondamentali e prioritarie Riduce

Dettagli

Condizionatori d Aria Tipologie

Condizionatori d Aria Tipologie Tipologie Per la climatizzazione di uno o più ambienti esistono oggi diverse soluzioni, che vanno dal semplice condizionatore trasferibile su ruote al più complesso impianto multisplit; qui di seguito

Dettagli

Smart-UPS On-Line Dell

Smart-UPS On-Line Dell Smart-UPS On-Line Dell 230 V UPS online monofase, a doppia conversione, con il migliore fattore di potenza del settore Un UPS versatile sviluppato appositamente per ambienti con alimentazione instabile.

Dettagli

Pacco batteria a durata prolungata (XL) per APC SUM48RMXLBP2U

Pacco batteria a durata prolungata (XL) per APC SUM48RMXLBP2U Manuale dell utente Italiano Pacco batteria a durata prolungata (XL) per APC SUM48RMXLBP2U Da utilizzare con il gruppo di continuità modulare APC Smart-UPS 990-1736 01/2004 Introduzione Il dispositivo

Dettagli

Documento tecnico - Europa. Messaggi di evento Enphase Enlighten. Messaggi e avvisi Enlighten. Tensione CA media troppo elevata

Documento tecnico - Europa. Messaggi di evento Enphase Enlighten. Messaggi e avvisi Enlighten. Tensione CA media troppo elevata Documento tecnico - Europa Messaggi di evento Enphase Enlighten Messaggi e avvisi Enlighten Di seguito vengono riportati i messaggi che potrebbero essere visualizzati in Enlighten o nell'interfaccia di

Dettagli

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved TOP DATA CENTER PERFORMANCES Ventole ad alta portata ed ingressi cavi indipendenti La soluzione Tecnosteel per soddisfare le esigenze specifiche dei nuovi Data-Center. Tra le principali caratteristiche

Dettagli

Il monitoraggio dei consumi

Il monitoraggio dei consumi Il monitoraggio dei consumi VERSIONE 1.1 INDICE Introduzione... 1 Energia elettrica... 2 Contatori e Analizzatori di rete... 2 Sensori per Volt, Ampere e Frequenza... 4 Contatori ad impulsi... 6 Gas, Acqua,

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE Dddd COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE ROMA 30 ottobre 2012 Dddd I DATA CENTRE: esperienze dal campo Lino.Freschini@gmail.com Perche e cosi diversa la progettazione di un DC rispetto ad un altra

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 5,5 a 30 kw. Serie. Modulo

Compressori rotativi a vite da 5,5 a 30 kw. Serie. Modulo Compressori rotativi a vite da 5,5 a 30 kw Serie Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Esigenze evolute, soluzioni esclusive. Condizionatori, refrigeratori e pompe di calore per qualsiasi requisito di raffreddamento

Esigenze evolute, soluzioni esclusive. Condizionatori, refrigeratori e pompe di calore per qualsiasi requisito di raffreddamento Esigenze evolute, soluzioni esclusive Condizionatori, refrigeratori e pompe di calore per qualsiasi requisito di raffreddamento DC ALBERGHI AC AEROPORTI E FERROVIE OSPEDALI MUSEI IMPIANTI SOLARI CONTROL

Dettagli

Aeroporto di Capodichino

Aeroporto di Capodichino 2 0 1 5 Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione fabbricato viaggiatori Ing. Maurizio Landolfi Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione

Dettagli

LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG. Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali

LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG. Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali SEI SERIE PER OGNI APPLICAZIONE Garantiscono l erogazione e il raffreddamento

Dettagli

Le 5 ragioni principali

Le 5 ragioni principali Le 5 ragioni principali per passare ad HP BladeSystem Marzo 2015 Dati sul valore per le aziende La ricerca di IDC rivela che le organizzazioni che eseguono la migrazione ad HP BladeSystem (server blade

Dettagli

1. Assistenza utente per StruxureWare Operations 7.0... 7 1.1 Novità in StruxureWare Operations 7.0... 7 1.2 Requisiti di sistema... 12 1.

1. Assistenza utente per StruxureWare Operations 7.0... 7 1.1 Novità in StruxureWare Operations 7.0... 7 1.2 Requisiti di sistema... 12 1. 1. Assistenza utente per StruxureWare Operations 7.0.......................................................... 7 1.1 Novità in StruxureWare Operations 7.0................................................................

Dettagli

Prestazioni ed efficienza

Prestazioni ed efficienza 01 I Prestazioni ed efficienza Sistemi di gestione dell'aria compressa Superior control solutions SmartAir Master Efficienza. Prestazioni. Monitoraggio. Enorme potenziale per il risparmio energetico La

Dettagli

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale Semplicemente, la scelta naturale Immagina una soluzione a travi fredde con bilanciamento della temperatura, dove riscaldamento

Dettagli

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema DaisaTest Funzioni del Sistema DaisaTest Il Sistema DaisaTest è un tipo di impianto di Illuminazione di Emergenza in grado di monitorare

Dettagli

Serie SPINN da 2,2 a 11 kw

Serie SPINN da 2,2 a 11 kw Serie da 2,2 a 11 kw L aria compressa al vostro servizio Approfittate dei vantaggi ABAC Fin dal 1980, ABAC offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

Serie MT di SolarMax. Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete. Informazioni tecniche

Serie MT di SolarMax. Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete. Informazioni tecniche Serie MT di SolarMax Progettazione e design di impianti distribuiti, in considerazione dell'impedenza di rete Informazioni tecniche Contenuti 1 Introduzione 3 2 Punto di connessione alla rete 4 3 Configurazione

Dettagli

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale 2a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido ISOPA Passive House Vanessa Pereira Technical Officer Bologna, 26 Maggio 2015 Passive House I vantaggi chiave Progettata come nearly zero energy building

Dettagli

Flessibilità ed integrazione degli impianti

Flessibilità ed integrazione degli impianti climatizzazione - progettazione Flessibilità ed integrazione degli impianti Di flessibilità degli ambienti di lavoro per uffici si parla da anni ma sono ancora pochi gli esempi di impianti veramente in

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli