Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti"

Transcript

1 Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Di Neil Rasmussen White Paper n. 125 Revisione 1

2 Sintesi Quando i blade server sono densamente popolati è possibile che venga superata la capacità di alimentazione e di raffreddamento di quasi tutte le sale CED tradizionali. Questo white paper spiega come valutare le opzioni e selezionare la migliore strategia di installazione dei blade server al fine di rendere efficaci e prevedibili l'alimentazione e il raffreddamento. 2

3 Introduzione I blade server presentano vantaggi significativi rispetto ai server tradizionali, poiché migliorano la capacità di elaborazione con un consumo energetico ridotto per ciascun server. Tuttavia, l'ingombro ridotto dei blade server consente l'installazione di rack densamente popolati che richiedono una potenza di alimentazione fino a 20 volte superiore e che generano una quantità di calore fino a 20 volte superiore rispetto ai valori medi previsti per le sale CED tradizionali. Questa soluzione può sollecitare in modo significativo i sistemi di alimentazione e raffreddamento esistenti. Per installare i blade server in modo efficace, l'infrastruttura di alimentazione e di raffreddamento di una sala CED deve essere aggiornata oppure i carichi dei blade server devono essere ripartiti su più rack. Esistono diverse strategie per l'installazione dei blade server. Questo white paper fornisce le linee guida per stabilire la strategia di alimentazione e raffreddamento appropriata in base alle necessità e ai vincoli di una installazione specifica. La problematica principale La problematica principale in merito all'installazione dei blade server per la maggior parte delle sale CED esistenti è correlata alla distribuzione dell'alimentazione e del raffreddamento. La maggior parte delle sale CED dispone della capacità di base di alimentazione e raffreddamento ma non dell'infrastruttura per la distribuzione di tale capacità a un'area ad alta densità. Purtroppo, molti utenti non si rendono conto che esiste un problema finché non intraprendono l'installazione. Ciò accade perché virtualmente nessuna sala CED dispone degli strumenti necessari per fornire agli operatori le informazioni in merito alla capacità di densità della sala CED in una determinata area dell'impianto. Le cause tecniche di questi problemi sono descritte dettagliatamente nei white paper e nelle note applicative riportati alla fine del documento; di seguito ne viene riportato un riepilogo: Flusso d'aria insufficiente: I blade server richiedono una potenza nominale pari a circa 120 cfm di aria fredda per kw. La maggior parte delle sale CED esistenti sono in grado di fornire solo cfm di aria per posizione di rack, ovvero un valore di 10 volte inferiore ai rack densamente popolati di blade server con una potenza media per rack al di sotto dei 2 kw. Un blade server che non riceve sufficiente aria fredda finirà per assorbire l'aria calda che produce con un conseguente surriscaldamento. Questa è sicuramente la problematica più rilevante in relazione all'installazione dei blade server. 3

4 Distribuzione dell'alimentazione insufficiente: I blade server assorbono una quantità di energia di gran lunga superiore ai valori di progettazione dei sistemi di distribuzione dell'alimentazione delle sale CED standard. Le cause principali sono fondamentalmente tre: 1) Numero insufficiente e/o tipo errato di collegamenti dell'alimentazione aerei o installati sotto la pavimentazione, 2) Capacità dell'unità di distribuzione dell'alimentazione (PDU) insufficiente, e 3) Numero di interruttori insufficiente. Uno qualsiasi di questi problemi impedisce la possibilità di distribuire alimentazione elettrica ad alta densità. Inoltre, dei due problemi descritti sopra, la questione della distribuzione del raffreddamento rappresenta il vincolo principale. Per questa ragione, il presente white paper si concentra principalmente sulla selezione di un'architettura di raffreddamento. L'architettura di alimentazione verrà scelta in base all'architettura di raffreddamento e alla marca di blade server selezionate. Per ulteriori informazioni, consultate i riferimenti 2, 5, 6 e 7 elencati alla fine del presente documento. 5 metodi diversi per l'installazione dei blade server Esistono 5 approcci di base per il raffreddamento dei blade server. Una volta scelta una soluzione, esiste una varietà di prodotti e tecniche diversi che possono essere utilizzati per l'implementazione. Questi approcci sono descritti in dettaglio nel White Paper APC N. 46, Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità e sono riepilogati nella Tabella 1. Tabella 1 Applicazione dei cinque approcci per il raffreddamento degli armadi ad alta densità Approccio Vantaggi Svantaggi Applicazione 1 Ripartizione del carico Distribuzione degli apparati su più armadi per mantenere un carico di picco basso Funziona ovunque, nessuna pianificazione necessaria Nella maggior parte dei casi non prevede costi aggiuntivi Gli apparati ad alta densità devono essere ripartiti ulteriormente rispetto all'approccio 2. Richiede una maggiore superficie di pavimento Può provocare problemi di trasferimento dati Nelle attuali sale CED, nel caso in cui gli apparati ad alta densità rappresentano una parte minima del carico totale 2 Prestito di raffreddamento Per fornire una capacità di raffreddamento media con regole per consentire il prestito della capacità sottoutilizzata Non sono necessarie nuove apparecchiature Nella maggior parte dei casi non prevede costi aggiuntivi Limite pari a 2 volte la densità di alimentazione di progettazione Richiede una maggiore superficie di pavimento Richiede l'implementazione di regole complesse Nelle attuali sale CED, nel caso in cui gli apparati ad alta densità rappresentano una parte minima del carico totale 4

5 Approccio Vantaggi Svantaggi Applicazione 3 Raffreddamento integrativo Per fornire una capacità di raffreddamento media con la predisposizione di apparati per il raffreddamento integrativo Alta densità dove e quando necessaria Costi di capitale differiti Alta efficienza Utilizzo ottimale dello spazio su pavimento Limite pari a circa 10 kw per armadio I rack e la sala devono essere progettati in anticipo per supportare questo tipo di approccio Nuova costruzione o rinnovo delle strutture esistenti Ambiente misto La posizione degli apparati ad alta densità non è nota in anticipo 4 Area ad alta densità Per creare una particolare fila o area ad alta densità all'interno del centro dati Massima densità Utilizzo ottimale dello spazio su pavimento Gli apparati ad alta densità non devono essere ripartiti Alta efficienza È necessario pianificare in anticipo un'area ad alta densità, o riservare lo spazio necessario È necessario segregare gli apparati ad alta densità Densità kw per rack Quando esiste la necessità di co-locazione dei dispositivi ad alta densità Nuova costruzione o rinnovo delle strutture esistenti 5 Intera sala Per fornire una capacità di raffreddamento ad alta densità a ogni rack Gestione di tutti gli scenari futuri Costi di capitale e operativi elevati 4 volte superiori rispetto ai metodi alternativi Possibile sottoutilizzo di infrastrutture estremamente costose Casi rari ed estremi di farm di grandi dimensioni contenenti apparati ad alta densità con disponibilità di spazio molto limitate Per installare i blade server è necessario selezionare un metodo. La selezione viene effettuata in base ai vincoli dell'attuale installazione e alle esigenze e preferenze dell'utente. 5

6 Il processo di installazione dei blade server Il processo di preparazione dell'ambiente fisico per supportare l'installazione dei blade server include i seguenti elementi chiave: Individuare i vincoli della struttura esistente Individuare le esigenze e le preferenze dell'utente Stabilire il tipo di progettazione appropriato in termini di alimentazione e di raffreddamento Progettare e installare il progetto Nella Figura 1 viene riportata una mappa con la descrizione del processo. La figura mostra una mappa dei flussi del processo con le varie fasi e i dati risultanti per ogni passaggio. Il processo include due loop chiave di front-end, in cui i vincoli e le esigenze e le preferenze dell'utente vengono stabiliti tramite ripetizione. Ciò è essenziale per consentire gli aggiustamenti e i compromessi adeguati. Di norma, i vincoli e le preferenze iniziali cambiano dopo un'analisi della situazione e dei compromessi associati. Nel caso più comune, la preferenza o l'esigenza di popolare densamente i rack con i blade server viene spesso ridimensionata quando le conseguenze di tale approccio vengono pienamente comprese. Questa analisi si verifica nel Loop 2 della mappa dei processi. Un'altra situazione comune si verifica quando, a seguito di una valutazione dell'installazione esistente, vengono evidenziati problemi che possono essere facilmente corretti e si migliora la capacità del centro dati di gestire l'alimentazione dei blade server e i requisiti di raffreddamento. Queste rettifiche si verificano nel Loop 1 della mappa dei processi. Nelle sezioni seguenti vengono descritti più dettagliatamente i diversi processi che contribuiscono alla selezione dell'approccio di progettazione. 6

7 Figura 1 Mappa del processo per la determinazione del metodo di installazione dei blade server appropriato in un centro dati esistente Cambiamenti Condizioni della sala CED Loop 1 Implementare Miglioramenti Individuare i miglioramenti Dati di valutazione Valutare le condizioni Difetti Vincoli dopo i miglioramenti Individuare il miglior approccio Approccio selezionato Pianificazione e implementazione Esigenze dopo gli inevitabili compromessi Individuare le esigenze e le preferenze Esigenze e preferenze preliminari Requisiti di business Loop 2 Alternative Fornire alternative Valutazione dei compromessi Requisiti conflittuali 7

8 Individuare i vincoli della struttura esistente I centri dati esistenti sono caratterizzati da molti vincoli che non possono essere modificati. Tali vincoli sono indicati di seguito: Potenza erogabile di alimentazione di precisione. Il centro dati potrebbe non disporre di potenza erogabile UPS in eccesso sufficiente per alimentare l'installazione dei blade server proposta. Potenza erogabile di raffreddamento di precisione. Il centro dati potrebbe non disporre di potenza erogabile di precisione in eccesso sufficiente per raffreddare l'installazione dei blade server proposta. Tale limitazione si riferisce alla potenza nominale erogabile dei condizionatori dell'aria della sala computer e non del sistema di distribuzione dell'aria. Limiti di spazio su pavimento. Lo spazio su pavimento totale disponibile nel centro dati oppure lo spazio su pavimento disponibile per l'installazione dei blade server può presentare dei limiti. Se inderogabili, tali limiti possono forzare determinati approcci di progettazione. Mancanza di controsoffitto di ripresa. La sala potrebbe non utilizzare o non disporre di un controsoffitto di ripresa per il ritorno dell'aria. L'altezza della sala può essere limitata e non rendere possibile la realizzazione di un controsoffitto di ripresa. Questo vincolo può escludere alcune opzioni di progettazione. Vincoli legati al pavimento flottante. Il pavimento flottante esistente, se presente, potrebbe essere di altezza inferiore a 0,6 m e/o parzialmente occupato da cavi e tubi. Ciò potrebbe limitare la capacità di distribuzione dell'aria del pavimento flottante che potrebbe precludere alcune opzioni di progettazione. Vincoli di peso. Il pavimento del centro dati potrebbe prevedere dei limiti di carico, in particolare nel caso in cui sia presente un pavimento flottante. Questo vincolo può precludere alcune opzioni di progettazione. Di frequente, i vincoli in un centro dati esistente non sono documentati né ovvi, pertanto è necessario effettuare una valutazione delle condizioni. Valutazione delle condizioni esistenti La valutazione delle condizioni esistenti del centro dati è essenziale per procedere all'installazione dei blade server. Questa valutazione può essere superficiale se il numero dei blade server è nell'ordine di un rack di blade server o meno. Tuttavia, per installazioni superiori a un rack, la profondità e il dettaglio della valutazione devono aumentare conseguentemente. 8

9 Durante una valutazione, vengono raccolti vari dati relativi alla potenza erogabile dei sistemi di alimentazione e raffreddamento, inclusa la potenza erogabile nominale e, ancora più importante, la potenza erogabile effettivamente implementata. Inoltre, le condizioni di carico esistenti devono essere valutate per stabilire l'entità e la distribuzione fisica dei carichi. Un altro fattore importante è rappresentato dal fatto che i sistemi di distribuzione dell'alimentazione e del raffreddamento devono essere studiati per quantificare la capacità del sistema per distribuire carichi di alimentazione e raffreddamento ad alta densità. Nei casi in cui la complessità dell'installazione è particolarmente elevata, è consigliabile simulare il centro dati mediante modelli basati su computer, per stabilire le condizioni di fatto esistenti e per effettuare una verifica del progetto proposto. Un esempio di dati di questo modello è riportato nella Figura 2. Figura 2 Modello della fluidodinamica computazionale 3D (CFD, 3D Computational Fluid Dynamics) di una sala CED (fornito dai Servizi professionali APC) Tutti gli operatori delle sale CED dovrebbero possedere delle conoscenze rudimentali per la valutazione di un centro dati. Per installazioni complesse, con costi o rischi elevati, si consiglia di far eseguire tali valutazioni da personale esperto. APC e altri fornitori erogano servizi professionali per la valutazione dei centri dati. 9

10 Identificare le aree di miglioramento Pulizia di base del centro dati Le condizioni esistenti di un centro dati includono spesso un certo numero di punti deboli che dovrebbero essere identificati e corretti prima di procedere con le fasi successive, poiché possono influire sui dati che rappresentano il fondamento per l'installazione dei blade server. Di seguito sono indicati alcuni di questi problemi: Mancata implementazione dei pannelli fittizi Perdite nel pavimento flottante o nel sistema di aerazione Configurazione errata della ripresa dell'aria Configurazione errata delle piastrelle grigliate ventilate del pavimento Cablaggi inutilizzati al di sotto del pavimento che possono essere rimossi Punti di regolazione errati sui condizionatori d'aria Una spiegazione più dettagliata di queste problematiche viene illustrata nel White Paper APC N. 42, Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità, e nel N. 49, Avoidable Mistakes that Compromise Cooling Performance in Data Centers and Network Rooms. Individuare le esigenze e le preferenze dell'utente Oltre ai vincoli fisici della struttura, esistono anche i vincoli posti dai clienti, ovvero le preferenze. Tali vincoli possono essere assoluti oppure possono essere ridimensionati se il costo dell'implementazione è troppo elevato. Tali esigenze o preferenze possono precludere alcune opzioni di installazione dei blade server e suggerirne altre. Le esigenze includono quanto riportato di seguito: Funzionamento ininterrotto. Uno dei requisiti fondamentali è che l'installazione abbia un impatto minimo sul funzionamento del centro dati esistente, con rischi minimi per il funzionamento degli apparati IT Ad esempio, potrebbe non essere possibile pianificare delle interruzioni di servizio. Alta disponibilità del sistema implementato. Un'altra esigenza importante è che il sistema implementato disponga della più alta disponibilità possibile. Tale fattore implica la ridondanza dei sistemi di alimentazione e di raffreddamento e il test del sistema per verificarne la ridondanza. Co-locazione dei server (densamente popolati). Potrebbe essere evidenziata la necessità di popolare i blade server alla massima densità possibile. Le motivazioni di questa esigenza includono: Il sistema installato è un sistema di presentazione o di dimostrazione Esigenza di conservare dello spazio libero su pavimento Requisito legale o normativo per il posizionamento di tutti i server in una sala di piccole dimensioni 10

11 Semplificare il trasferimento dati Desiderio di disporre di un raggruppamento logico degli apparati IT (ad es. co-locazione di tutti i server Web) Proprietari diversi di aree differenti del centro dati Semplificazione dell'amministrazione degli apparati (ad es. gli aggiornamenti) La sensazione (spesso errata) che questa soluzione preveda un risparmio sui costi Si noti che popolare i server alla massima densità può essere estremamente costoso e richiedere una costruzione invasiva oltre alla modifica del centro dati esistente. Si consiglia di prendere in considerazione le alternative che prevedono la ripartizione prima di decidere per la popolazione ad alta densità dei blade server. Effettuare la predisposizione per le installazioni successive. Questa può essere la prima di una serie di installazioni di blade server, nel qual caso, l'attuale installazione deve costituire il fondamento per le installazioni successive e non deve precludere o interferire con le installazioni future. Tempo. Potrebbe essere necessario effettuare l'installazione rapida dei blade server. Se questo è il caso, le fasi relative alla pianificazione, alla selezione dei fornitori e alla costruzione potrebbero risultare sgradite. Costi. La preferenza principale potrebbe essere quella di installare i blade server a costi minimi. Questo aspetto fornisce un'indicazione chiara. Selezione del metodo di installazione Una volta compresi i vincoli della struttura esistente e avere effettuato un'adeguata analisi dei compromessi rispetto alle diverse esigenze e preferenze del cliente, è possibile procedere alla selezione del metodo di installazione tra i 5 metodi principali sopra descritti. Il metodo di installazione viene selezionato sulla base delle esigenze di raffreddamento poiché questo aspetto rappresenta il vincolo principale sui sistemi pratici. Dopo aver stabilito il metodo di installazione, vengono risolti i problemi di alimentazione. 11

12 La variabile chiave che influisce sul metodo di installazione è la densità dell'installazione. Molti clienti presuppongono o preferiscono che i blade server siano installati alla massima densità. Spesso si tratta di un presupposto non appropriato quando si installano i blade server in un ambiente esistente. Infatti, la maggior parte dei blade server utilizza una struttura a chassis modulare e può essere installata a una densità inferiore rispetto alla densità massima del rack. Ad esempio, IBM BladeCenter è composto da uno chassis indipendente che può essere installato a incrementi tra 1 e 6 per rack. Sebbene la ripartizione dei blade server possa dare l'impressione di una riduzione dei vantaggi di questo tipo di installazione, i costi, la disponibilità del sistema e la velocità dell'installazione possono risultare migliorati dalla ripartizione, in particolare se si installano i blade server in un ambiente preesistente. Molti ambienti preesistenti sono stati progettati per una densità di alimentazione pari a 2 kw per rack o inferiore. Quando si installano i blade server a una densità di alimentazione pari a kw per rack in tale tipo di ambiente, gli armadi utilizzano l'infrastruttura di alimentazione e raffreddamento in modo sproporzionato e nel centro dati rimane dello spazio libero aggiuntivo che non può essere utilizzato quando sono in uso tutti i sistemi di alimentazione e raffreddamento. Per questa ragione, non esiste alcun vantaggio reale nel conservare dello spazio durante un'installazione di blade server nei centri dati esistenti. Questo aspetto rende più pratico e più vantaggioso in termini di costi ripartire i blade server nei centri dati esistenti. L'installazione dei blade server alla massima densità rappresenta un vantaggio in termini di costi solo nelle strutture di nuova costruzione appositamente progettate per supportare l'alta densità, quando le dimensioni dell'installazione sono elevate oppure quando esistono rigidi vincoli di spazio. Pertanto, la decisione cruciale nell'installazione dei blade server è il livello in base a cui gli chassis dei blade server sono distribuiti tra i rack, ovvero quanti chassis di blade server verranno installati per ogni rack. La marca e il modello di blade server scelti potrebbero limitare la possibilità di ripartire i blade server; ad esempio, alcuni blade server utilizzano chassis indipendenti facili da ripartire, mentre altri usano un sistema "backplane" che rende la ripartizione una soluzione poco pratica ad eccezione di particolari casi di espansione dell'installazione. Per un approfondimento di tali aspetti, fate riferimento alle Note applicative APC in merito alle marche specifiche di blade server. Quando vengono mappate le diverse densità di installazione degli chassis di blade server in base ai cinque metodi chiave di installazione dei blade server, il risultato ottenuto è quello mostrato nella Tabella 2. 12

13 Tabella 2 Mappa dei criteri dell'installazione dei blade server in base alle diverse combinazioni di densità degli chassis e al metodo di installazione, con l'indicazione delle combinazioni preferite N. di chassis per rack 1 Ripartizione dei carichi Possibile nella maggior parte dei centri dati Prestito di raffreddamento Possibile in tutti i centri dati Raffreddamento integrativo Possibile in tutti i centri dati. Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Area ad alta densità Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative Intera sala Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative 2 Solo se il centro dati dispone di una capacità di raffreddamento insolitamente elevata Possibile nella maggior parte dei centri dati, l'uso dei rack adiacenti potrebbe essere limitato Possibile in tutti i centri dati. Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per le aree o le file nuove. Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per un'intera sala. 3 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Possibile nella maggior parte dei centri dati, ma l'uso dei rack adiacenti potrebbe essere impossibile Richiede un sistema di aspirazione dell'aria calda o condutture Consentita l'installazione di rack blade adiacenti Limite massimo per sistemi di raffreddamento a pavimento flottante progettati adeguatamente Non vantaggioso in termini di costi in confronto alle alternative. Necessario impostare un target di densità più elevato per un'intera sala. 4 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Il centro dati deve disporre di una capacità di raffreddamento insolitamente elevata, le regole sono rigide Dipende dalla combinazione specifica di blade server e della soluzione di raffreddamento integrativo Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. È necessario il rinnovamento dell'intera sala 5 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità dei sistemi di raffreddamento integrativo conosciuti Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. È necessario il rinnovamento dell'intera sala 6 Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità della sala CED standard Non praticabile: la densità di alimentazione supera la capacità dei sistemi di raffreddamento integrativo conosciuti Solo se esiste una rigida limitazione dell'area. Costo elevatissimo per ottenere questa densità su un'area sostenuta. Potrebbero essere necessarie delle regole. Costo elevatissimo per ottenere questa densità. È necessario il rinnovamento dell'intera sala Sono necessari sistemi di evacuazione dell aria calda. 13

14 N. di chassis per rack Ripartizione dei carichi Prestito di raffreddamento Raffreddamento integrativo Costi minimi Costi minimi da a Euro per rack Area ad alta densità da a Euro per rack Intera sala da a Euro per rack Aumento dei costi Facile Procedure necessarie Aumento della complessità di installazione Installazione non invasiva Operazioni di installazione, tubazioni e cablaggio più impegnativi Sono necessari interruzione e rinnovamento dell'intera sala La Tabella 2 mostra che per 30 combinazioni possibili rispetto a sei livelli di ripartizione e 5 metodi di installazione, esistono circa 11 combinazioni preferite e altre 7 combinazioni marginali per un totale di 18 combinazioni praticabili. Per selezionare l'alternativa migliore, migliaia di combinazioni di preferenze degli utenti, vincoli pratici e condizioni esistenti, i dati devono essere mappati su queste 18 combinazioni di installazione. La mappatura richiede delle regole e un'analisi approfondita e può essere implementata come un algoritmo software, tuttavia la descrizione completa va oltre lo scopo di questo documento. Durante lo sviluppo degli strumenti per l'esecuzione di questa analisi, APC ha identificato alcune osservazioni chiave: Se il rapporto di rack blade da installare supera il 25% delle posizioni rack in una sala, è possibile che una sala esistente richieda un rinnovamento totale dei sistemi di alimentazione e raffreddamento. Tale aspetto suggerisce che per installazioni di tali dimensioni debba essere costruita una nuova sala, a meno che non sia possibile chiudere il centro dati per un determinato periodo di tempo. Per i centri dati esistenti che prevedono l'installazione di 1-5 rack di blade server, è opportuno effettuare una ripartizione pari al 25% - 50% del grado di densità totale (ad esempio, meno di 3 chassis per rack) per minimizzare l'impatto sul funzionamento del centro dati e ridurre i costi di installazione. Per la maggior parte dei centri dati, il costo per il raggiungimento di densità molto elevate supera di gran lunga i costi associati all'aggiunta di alcuni rack supplementari. Nel caso diffuso di un centro dati esistente dotato di capacità di raffreddamento e di alimentazione, il raffreddamento integrativo incrementa la densità di installazione e comporta costi ridotti offrendo risultati prevedibili. 14

15 Approcci non consigliati Di seguito è riportato un elenco di approcci e azioni costantemente adottati dagli operatori delle sale CED ma che si sono dimostrati inefficaci. Tali approcci apportano scarsissimi vantaggi e spesso peggiorano la situazione. Riduzione della temperatura dell'aria. Una delle azioni più semplici ma con pessimi risultati che può essere adottata è quella di ridurre il punto di regolazione della temperatura dell'aria dei condizionatori d'aria della sala computer per tentare di eliminare i punti di concentrazione del calore del centro dati. Questa operazione riduce la capacità dei condizionatori d'aria, aumenta notevolmente il consumo di acqua dell'umidificatore e riduce significativamente l'efficienza di funzionamento del centro dati, aumentando di conseguenza i costi dei consumi di elettricità. Tutti gli aspetti descritti si verificano e NON risolveranno il problema, poiché si tratta di un problema del flusso dell'aria e NON di un problema di temperatura. Griglie a pavimento. Un'altra azione apparentemente logica è quella di sostituire le piastrelle grigliate del pavimento flottante con una piastrella dotata di una resistenza all'aria inferiore. Queste piastrelle somigliano più a delle grate e sono diverse dalle comuni piastrelle perforate. Questo approccio può essere utile nel caso di un rack isolato, ma presenta diversi effetti collaterali, in particolare se usato in quantità elevate. L'uso di queste griglie in un centro dati standard provoca la diminuzione del flusso dell'aria in altre aree nonché variazioni significative e non prevedibili nel flusso di aria tra le piastrelle. Questo problema è descritto in dettaglio nel White Paper APC N. 46, "Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità". Ventole collocate nella parte superiore del rack. L'uso di ventole sul pannello superiore dei rack è molto diffuso, sebbene tali ventole non producano alcun vantaggio in un rack IT correttamente progettato. Il problema del surriscaldamento dei server NON è dovuto all'aria calda all'interno del rack. La causa è l'aria calda nelle prese d'aria dei server posizionate sul pannello frontale. Queste ventole producono più calore e possono perfino ridurre la capacità di raffreddamento nei centri dati progettati in modo ottimale. Molti clienti richiedono le ventole dei pannelli superiori in base a specifiche preesistenti senza comprenderne appieno lo scopo. Tuttavia, esistono alcuni dispositivi di ventilazione efficaci da abbinare ai rack; una descrizione dettagliata di questi dispositivi è disponibile nel White Paper APC N. 42, "Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità". Isolazione dei rack. L'isolazione dei rack in un'area aperta su tutti i lati rispetto alle classiche file è una soluzione spesso utilizzata nel tentativo di ridurre la densità in un'area e consentire l'implementazione di più piastrelle grigliate ventilate in associazione con il rack. Tuttavia, questo approccio provoca il ritorno dell'aria calda di scarico intorno ai lati del rack e nell'ingresso dell'aspirazione del server. L'effetto complessivo non produce alcun vantaggio. La soluzione migliore è quella di mantenere una disposizione a corridoi caldi e freddi, utilizzare rack non densamente popolati e pannelli fittizi tra i rack blade, corridoi freddi più ampi, dispositivi di raffreddamento integrativo e/o sistemi di contenimento dei corridoi caldi per incrementare le prestazioni. 15

16 Conclusione L'installazione dei blade server consente un miglioramento significativo della capacità di elaborazione, tuttavia può sollecitare notevolmente i sistemi di alimentazione e di raffreddamento dei centri dati esistenti. Esistono diversi approcci per l'alimentazione e il raffreddamento dei blade server. L'approccio migliore per un'installazione specifica dipende dai vincoli della progettazione esistente e dalle esigenze e preferenze dell'operatore della sala CED. Questo documento descrive gli aspetti e le scelte coinvolti nell'installazione dei blade server. Fornisce la descrizione del processo per la selezione del metodo di installazione in base ai vincoli e alle necessità. La maggior parte degli utenti non comprende i vincoli di raffreddamento posti dall'installazione di blade server densamente popolati. Una volta prese in considerazione le opzioni e i rispettivi vantaggi, le installazioni che prevedono la ripartizione dei blade server verranno giudicate positivamente per molte strutture esistenti grazie ai risparmi in termini di costi e di tempo e alla riduzione delle interferenze con il funzionamento del centro dati. 16

17 Riferimenti 1) White Paper APC N. 46, Potenza e raffreddamento per blade server e rack ad altissima densità 2) White Paper APC N. 29, Opzioni di alimentazione per rack ad alta densità 3) White Paper APC N. 49, Avoidable Mistakes that Compromise Cooling Performance in Data Centers and Network Rooms 4) White Paper APC N. 42, Dieci passi per risolvere i problemi di raffreddamento generati dall'uso di server ad alta densità 5) Nota applicativa APC n. 76, Configuring Data Centers to Support IBM BladeCenter Servers 6) Nota applicativa APC n. 75, Configuring Data Centers to Support HP BladeSystem p-class Servers 7) Nota applicativa APC n. 74 Configuration of InfraStruXure for Data Centers to Support Dell PowerEdge 1855 Blade Servers Informazioni sull'autore Neil Rasmussen è uno dei fondatori e il Chief Technical Officer di American Power Conversion. Presso APC, Neil Rasmussen gestisce il maggiore budget mondiale per R&S destinato all'infrastruttura di alimentazione, raffreddamento e rack per reti critiche. APC ha centri di sviluppo prodotti in Massachusetts, Missouri, Danimarca, Rhode Island, Taiwan e Irlanda. Attualmente Neil Rasmussen si occupa del coordinamento delle attività di APC per lo sviluppo di soluzioni scalari e modulari per i data center. Prima di fondare APC, nel 1981, Neil Rasmussen ha conseguito laurea e master in Ingegneria elettrica presso il MIT, presentando una tesi sull'analisi di un'alimentazione a 200 MW per un reattore a fusione Tokamak. Dal 1979 al 1981 ha lavorato presso i MIT Lincoln Laboratories studiando i sistemi di accumulo energetico nei volani e i sistemi a energia solare. 17

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti,

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, Data Center ELMEC Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, alimentazione e condizionamento. Con il nuovo

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo M. Bramucci D. Di Santo D. Forni Report RdS/2010/221 USO RAZIONALE DELL ENERGIA NEI CENTRI DI CALCOLO M. Bramucci (Federazione

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica White Paper 18 Revisione 1 A cura di Joseph Seymour e Terry Horsley > In sintesi Molti dei misteri relativi ai guasti delle apparecchiature,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta

Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta WHITE PAPER Novembre 2013 Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Dhesikan Ananchaperumal Distinguished Engineer e Vice presidente senior, DCIM, CA Technologies Hervé Tardy Vice presidente e

Dettagli

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio.

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio. www.digitalic.it tecnologie informatiche l business l innovazione l design l Smaltimento e riciclaggio Power Management Data Center Green Tec h +Strofina & annusa DOSSIER GREEN DATA CENTER l TUTTO È GREEN.

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 -

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - La gaa più completa di Sistemi VRF Esclusivo compressore HITACHI SCROLL ad Alta Pressione, garanzia di elevata resa e grande affidabilità nel tempo Scambiatori di calore

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242.

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242. IT.TLZ242.140328 Istruzioni di installazione Sensore di temp. amb. TLZ1242, per inst., IP20/ Sensore di temp. esterna TLZ1243, per inst. esterna, IP54 GOLD/OMPT 1. Generalità Il sensore della temperatura

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli