GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET"

Transcript

1 GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET Paolo Canonico, Ernesto De Nito, Gianluigi Mangia Abstract La pervasiva diffusione del web quale ambiente unificante dei sistemi informativi ha favorito, negli ultimi anni, l espansione ed il crescente utilizzo delle reti Intranet nelle organizzazioni. Il possibile contenimento dei costi e l immediatezza d uso di queste applicazioni sono tra i fattori che hanno supportato tale fenomeno e ne giustificano la prevedibile prosecuzione. Lo scopo di questo articolo consiste nel rappresentare le funzionalità operative di Intranet, esplicitandone gli impatti organizzativi riportati da contributi rinvenibili nella letteratura di organizzazione dei sistemi informativi, ed esaminando le evidenze empiriche relative allo studio del caso Alpha. 1

2 1. Introduzione Le reti Intranet rappresentano una tecnologia di crescente rilevanza per le organizzazioni. La loro diffusione si è verificata a partire dalla seconda metà degli anni 90 per un insieme di cause concomitanti, tra cui la crescente popolarità delle applicazioni informatiche che adoperano interfacce grafiche accessibili tramite i web browser, la necessità di un ambiente unico che omogeneizzasse la pluralità di sistemi informativi spesso diffusi nelle organizzazioni, e i costi apparentemente contenuti che tali soluzioni prospettano, almeno in una fase iniziale. In questo paper si introdurranno inizialmente le caratteristiche tecniche e le funzionalità operative di questa tipologia di sistema informativo, per poi evidenziarne gli impatti organizzativi prevalenti riportati in letteratura ed analizzare le evidenze provenienti dallo studio del caso Alpha. 2. Le caratteristiche di Intranet Secondo Karlsbjerg e Damsgaard (2001), una rete Intranet è uno spazio organizzativo di condivisione di informazioni delimitato da differenti standard tecnici e piattaforme interconnesse allo scopo di costituire una rete interna di utenti. Le comunicazioni al suo interno avvengono mediante l uso di un interfaccia grafica di comune impiego per l accesso al web, e sfruttando quali protocolli di comunicazione quelli adoperati per i collegamenti Internet (TCP-IP/HTTP). Ogni applicazione informativa adottata nell organizzazione può essere condivisa mediante Intranet, attraverso l interfaccia grafica costituita dal browser. Intranet rappresenta dunque una sorta di world wide web interno all organizzazione, il cui accesso è riservato ai suoi membri, isolando fisicamente la rete interna dalla comunicazione con l esterno, o interponendo, rispetto all ambiente Internet, un elaboratore (firewall) che filtri gli accessi dall esterno in base a parametri di riconoscibilità e di identificazione predeterminati. Superando i contorni spesso sfumati e le possibili sovrapposizioni tra le varie tipologie di sistemi informativi, identificabili in base a tassonomie dalla specifica valenza didascalica, le conseguenze della tecnologia sulle principali variabili organizzative sono state in passato concettualizzate teoricamente concentrandosi in ambiti molto ampi, 2

3 dall interpretazione dell IT come tecnologia di comunicazione (Huber, 1990), a quella di supporto alla costituzione di sistemi esperti. Un approccio più orientato all individuazione analitica degli effetti della tecnologia, proprio della letteratura di IS, si concentra invece sulle conseguenze organizzative di questa tecnologia rispetto ai livelli di operatività all interno del flusso di lavoro, nella convinzione che la logica di funzionamento del sistema informativo celi un proprio modello di organizzazione (Pasini e Previtali, 1999), e che condizioni con ciò le variabili organizzative che supporta. Intranet si differenzia da applicazioni precedenti con qualche analogia in termini di rilevanza e pervasività (management information systems, posta elettronica, sistemi collaborativi di lavoro di gruppo, CSCW, groupware) per la natura ubiqua ed emergente delle tecnologie web-based (Lyytinen et alii., 1998). In altri termini, l accesso a tali tecnologie non è un operazione da effettuarsi in stretta corrispondenza con l esecuzione di uno o più compiti, ma tende a diventare piuttosto una condizione preliminare a qualsiasi forma di operatività lavorativa. Le singole unità organizzative (e in alcuni casi ciascun attore organizzativo) possono utilizzare tale tecnologia con diversi livelli di adesione. E possibile cioè limitarsi ad eseguire un insieme di procedure cristallizzate secondo schemi fissi, oppure è possibile stabilire un proprio sito Intranet federato a quello della rete aziendale dai contenuti prestabiliti e codificati dal vertice, senza transitare per il controllo della funzione sistemi informativi. Jarvenpaa e Ives (1996) hanno riscontrato un caso emblematico di introduzione di Intranet non iniziato su sollecitazione del top management, ma promosso mediante una serie di iniziative guidate da technology champions, fautori dell adozione della tecnologia sparsi in varie unità funzionali dell azienda studiata. Ulteriori studi empirici (Lamb, 1999) hanno rafforzato l idea che specie nella prima fase di introduzione di Intranet nell organizzazione l iniziativa sia spesso presa dal basso (bottom-up). Singoli individui o piccoli gruppi di lavoro creano in tal modo un certo numero di pagine web che mettono in relazione documenti di interesse specifico dei promotori, e vi forniscono accesso tramite la rete locale dell organizzazione. I fattori che consentono questo fenomeno sono: la disponibilità per l appunto di una rete locale aziendale; la disponibilità di singoli PC ad essere configurati come Intranet server 3

4 locali; l utilizzo già comune dei web browsers; l alta propensione per la navigazione ipertestuale dei membri dell organizzazione. Molte intranet consistono così di un certo numero di siti sviluppati localmente e la cui interconnessione, spesso ordinata successivamente dal vertice per realizzare obiettivi di knowledge management, presenta numerose difficoltà attuative (Ciborra, 1997). Come già avvenuto in passato per altre tecnologie innovative ed utilizzate ampiamente dai membri dell organizzazione (end user computing, Lamb e Davidson, 2000), le reti intranet risultano così essere introdotte sulla spinta di un susseguirsi di interessi e motivazioni, in tempi differenziati. Secondo i fautori di questo modello interpretativo della diffusione delle applicazioni Intranet, tali spinte si combinano nel tempo per rispondere ad influenze di carattere interno ed esterno. Per converso, McNaughton et alii. (1999) hanno messo in luce i rischi di un tale approccio destrutturato che, al di là della prima pionieristica fase di entusiasmo e di inserimento spontaneo di contributi non ordinati, può impedire all organizzazione di beneficiare dei vantaggi potenziali di questa tecnologia. 3. Le ipotesi di effetti organizzativi Facendo riferimento a contributi dalla valenza più specificamente organizzativa, secondo alcuni studi (Hills, 1996; Telleen, 1997; Ryan, 1997) un controllo eccessivo esercitato dal management sugli output dell attività lavorativa realizzata attraverso l uso di Intranet può essere di impedimento ad uno sviluppo delle potenzialità di questa tecnologia. A tale proposito, è opportuno ricordare che, nella letteratura organizzativa in tema di impatti delle ICT, un assunto largamente condiviso recita che the relationship between organization control and information technology becomes more significant as more business processes are mediated by information technology (Orlikowski, 1991). Per Curry e Stancich (2000) Intranet richiede un livello di commitment del vertice aziendale maggiore al crescere della complessità delle procedure migrate su di essa. Il timore in tal caso è che uno sviluppo disordinato e incontrollato della rete interna, fondato sulle potenzialità aperte di questa, possa condurre ad un ambiente tendenzialmente anarchico e poco regolabile. 4

5 D altro canto, è stato però osservato che 'the strategic effectiveness of intranets can often be hampered by the extent of control given to the management '(Damsgaard e Scheepers, 1999). Per Mansell-Lewis (1997), il fattore chiave per sviluppare e preservare un alto standard di contenuto informativo delle Intranet è la capacità per i creatori-fruitori di mantenere allo stesso tempo la proprietà e la responsabilità delle informazioni che in essa rilasciano, pur consentendone la visibilità ad altri soggetti dell organizzazione, tipicamente (quanto meno per le informazioni sensibili) situati a livelli superiori della gerarchia interna. Poiché il management aziendale tende a considerare l informazione che gestisce come fonte e strumento di potere, e di conseguenza l utente di Intranet tende a restringere l accesso ad altri delle informazioni di cui dispone, è necessario non solo porre in essere un intervento di carattere culturale per prevenire gli effetti di una possibile ritrosia (Curry e Stancich, 2000), ma anche che il tema del controllo venga attentamente valutato per identificarne la possibile valenza organizzativa: the control issue is one of the biggest impediments to the adoption of an intranet (Ryan, 1997). Nelson e Todd (1999) hanno esaminato le strategie e le misure concrete adottate dalle organizzazioni per coordinare e controllare lo sviluppo di applicazioni Intranet, riscontrando di fatto nella maggior parte delle organizzazioni esaminate un approccio orientato al controllo. Il concetto di controllo presenta diverse possibili interpretazioni, ma tali significati hanno connaturate due visioni contrapposte: quella del conflitto e quella dell ordine (Oliga, 1996). I meccanismi di controllo infatti possono rappresentare fattori di facilitazione o di vincolo: di facilitazione nel senso che rendono possibile l azione coordinata degli attori organizzativi; di vincolo nel senso che essi restringono di fatto ex ante le modalità ed i risultati di quegli attori (Orlikowski, 1991). Secondo Simons (1995), 'control systems must balance empowerment and control in such a way that empowerment does not lead to a control failure, and correspondingly, control does not lead to an empowerment failure'. Con il contributo di Duane e Finnegan (2003) si pone in luce l ambivalenza degli effetti organizzativi di questa tecnologia, in bilico tra decentramento operativo, accentuato 5

6 dalla disponibilità di una tecnologia di facile penetrazione e apprendimento, e il tema del controllo da parte del management e più in generale della visibilità delle operazioni poste in essere mediante applicazioni Intranet. Le visioni di Intranet riportate scontano una visione dell organizzazione basata sulla cosiddetta sociologia della regolazione (Burrell e Morgan, 1979). In altri termini esse presuppongono una introduzione della tecnologia fondata sul consenso e su un ordine organizzativo prestabilito che tende a perpetuarsi in apparenza senza contrasti. I limiti di questi approcci risiedono nella mancata considerazione della dimensione politica dell organizzazione, ed in particolare della variabile del potere. Il tema della dicotomia degli effetti di Intranet tra decentramento operativo e controllo centralizzato può quindi essere letto rifacendosi ad un approccio che tenga conto di tale variabile. Secondo Stenmark (2003), Intranet è una tipologia di sistema informativo che, per la sua natura aperta e multiforme, e per l insito potenziale di trasparenza e controllo dall alto dei flussi informativi, richiede un attenzione più approfondita proprio agli aspetti politici. In tale ottica l analisi di artefatti tecnologici, quali i sistemi informativi impiegati nell organizzazione, può essere di ausilio alla comprensione delle ricadute organizzative (Masino e Zamarian, 2000). Volendo procedere in questa direzione può risultare opportuno prendere in esame il contributo di Clegg (1989), che analizza in chiave sociologica gli ambiti del potere nelle organizzazioni, rispetto a varie tipologie di attori. Per Clegg l esercizio del potere dipende dalle relazioni tra gli attori e tali relazioni alimentano, influenzano e sostengono gli assetti di potere, che possono essere studiati applicando tre circuiti distinti: il circuito episodico, il circuito sociale e il circuito di integrazione del sistema. Il circuito episodico è il più evidente perché si estrinseca in un risultato visibile, in un azione svolta da un attore su iniziativa di un altro. In questo schema interpretativo della realtà organizzativa gli attori dotati di potere controllano risorse e intessono alleanze per produrre i risultati da essi attesi. Gli attori nello schema di Clegg possono essere gruppi o persino artefatti che appaiono portatori di logiche di funzionamento che rispecchiano interessi determinati. Nel circuito episodico gli attori si contendono risorse, e a prevalere saranno quelli con una base di potere più ampia. 6

7 Il circuito di integrazione sociale riguarda le norme, i significati, il senso di appartenenza, ed influisce sul potere degli attori poiché ne può esaltare o deprimere il riconoscimento nell organizzazione. Il circuito di integrazione di sistema riguarda invece le condizioni materiali e le modalità operative di lavoro nell organizzazione e rappresenta la principale fonte di cambiamento quotidiano nel funzionamento di quest ultima. La base di potere degli attori dell organizzazione è esplicitata in rappresentazioni del circuito episodico ma è condizionata dagli altri due circuiti. Il risultato che scaturisce dal circuito episodico comporta conseguenze su ciascuno degli altri due, che possono aver luogo solo attraverso dei meccanismi di mediazione della realtà organizzativa che possono essere definiti quali punti obbligatori di passaggio (obligatory passage points). Le organizzazioni che hanno successo nell introduzione di un sistema informativo in questa ottica sono quelle che hanno al proprio interno circuiti di potere in cui gli attori dominanti sono in grado di realizzare i propri scopi (Introna, 1997), mantenendo, nonostante la modifica introdotta, la coerenza del circuito sociale e del circuito di integrazione del sistema. Il circuito episodico infatti è finalizzato in prima istanza al risultato visibile, che però riposa sulla tenuta degli altri due circuiti. Seguendo questa chiave di lettura, quando si verifica un innovazione nell organizzazione, si creano nuovi significati e condizioni di lavoro e si impatta sui circuiti sociali e di integrazione di sistema. I sistemi informativi possono dunque svolgere la funzione di punti obbligatori di passaggio posizionati dal management per influire sulla distribuzione del potere nell organizzazione. Il concetto di obligatory passage point nasce negli studi organizzativi con la sociology of translation (Callon, 1991). Il punto saliente di questo approccio consiste nell evidenziare il contenuto politico degli artefatti tecnologici, attraverso il processo di inscrizione (inscription) di intenzioni di attori organizzativi in caratteristiche tecniche d uso degli artefatti (patterns of use), mediante la creazione di attributi, funzionalità, procedure. 7

8 4. Il caso Alpha 4.1 L azienda Alpha è un azienda multinazionale con dipendenti, presente in 70 paesi in tutto il mondo, che si colloca sul mercato della fornitura di servizi a valore aggiunto di information and communication technology. L azienda ha subito negli ultimi anni una serie di rilevanti cambiamenti strategici, passando da un orientamento al prodotto ad un orientamento ai servizi, mantenendo un forte nucleo di competenze in ambito tecnologico. L attuale mission consiste di fatto nel valorizzare le competenze legate alle tecnologie orientandole al mondo dei servizi, erogando servizi di consulenza hardware, software e di processi di business, tendendo a divenire in prospettiva technology and business service provider. Su iniziativa e forte commitment del vertice aziendale, l organizzazione di Alpha ha progressivamente centralizzato i propri processi e, per poter raggiungere tale obiettivo, ha dovuto inevitabilmente adoperare strumenti informatici di supporto, che fossero omogenei in tutto il mondo ma che al contempo consentissero alle realtà locali di gestire localmente problematiche specifiche. Alpha Italia ha 550 dipendenti, che fanno riferimento a due poli operativi cui le forze di vendita fanno riferimento, Milano e Roma, con una terza sede, Napoli, come sede periferica privilegiata, e sedi decentrate di rappresentanza a Padova, Bologna e Torino. Esiste poi una unità di Media Solution Development, un gruppo di ingegneria e di produzione del software; con addetti all analisi dei processi di business e programmatori. Al di fuori delle persone impiegate in quest ultima unità, gli altri dipendenti Alpha in Italia sono in prevalenza figure di natura commerciale (attività di marketing vendita e di delivery), o di servizi. I servizi sono tipicamente delle commesse relative ai progetti in corso, servizi di manutenzione, servizi post-vendita legati al prodotto, manutenzione e installazione. A livello country esiste una struttura divisionale con alcune funzioni (common services) che sono centralizzate per conseguire risparmi di costo. 8

9 L azienda è quindi organizzata in quattro unità operative, vere e proprie Business Units: 1. Systems and technologies: che si occupa di sviluppo di sistemi e monitoraggio delle nuove tecnologie; 2. GIS, Global Infrastructure Services: che offre praticamente tutto l insieme dei servizi abbinati alla gestione delle infrastrutture tecnologiche (servizi relativi alle infrastrutture, dalle manutenzioni ai servizi di assistenza tecnica tradizionali, sia su piattaforme Alpha che sulle piattaforme clienti, e poi tutte le infrastrutture di reti, progettazione di reti, helpdesk, progettazione di helpdesk, sistemi di sicurezza della rete); 3. Enterprise Transformation Services: che eroga servizi di utilizzo al meglio della tecnologia nei processi di business; 4. Outsourcing: in grado di offrire la gestione di sistemi informativi ad organizzazioni che desiderano esternalizzarla. Le divisioni hanno una loro linea gerarchica che riporta direttamente al vertice negli Stati Uniti, e sono tutte indipendenti. I common services sono invece strutture di supporto alle unità operative: Human resources, financial-administration, procurement, legale, qualità (business excellence), relazioni esterne. In questo schema il marketing diventa esclusivamente un aspetto operativo delegato alle singole unità operative. Esiste cioè il marketing strategico con delle figure localizzate a livello di coordinamento per macroaree geografiche (continenti), che gestiscono budget secondo le direttive impartite dalla sede centrale. All interno di queste unità operative, ad esempio in Systems and technologies, vi sono delle figure professionali di vendita che nel caso specifico sono denominate Portfolio sales executive, le quali si occupano di vendere il portafoglio prodotti della divisione, oppure delle figure di Tecnhical Consulting Services, in grado di erogare servizi (consulenti per le tecnologie, ingegneri, esperti di architetture hardware ecc). 4.2 La Intranet aziendale Tutti i dipendenti Alpha hanno la possibilità di accedere alla Intranet aziendale in remoto, sia pure con le limitazioni potenzialmente dovute alla differenza nelle prestazioni di velocità e sicurezza delle comunicazioni. Gli strumenti a disposizione dell utente sono di due tipi: 9

10 1. quelli legati alle potenzialità di Windows NT e software ad esso collegati (Outlook). Esiste un uso intensivo delle potenzialità di outlook che sono sfruttate intensivamente (calendario per la programmazione delle riunioni obbligatorio per tutti i dipendenti Alpha, su esplicita indicazione e commitment da parte del chairman di Alpha: campagna Employed for choice). 2. la Intranet aziendale vera e propria a cui si accede dal portale destinato ai dipendenti (la Intranet Alpha worldwide). Esiste dunque un sito Intranet a livello di Paese con applicazioni di utilità generale: note spese, annunci ai dipendenti, comunicazioni delle unità operative. In esso ciascuna unità operativa ha a livello country la personalizzazione dei contenuti internazionali, con informazioni sia di carattere comunicativo (struttura organizzativa, mansioni, ). Tuttavia la vera killer application di Intranet è quella a supporto dei processi di vendita, con un prodotto browser dedicato di sales force automation (SFA). Le sezioni di questa applicazione sono: il posizionamento attuale del segmento di mercato, il profilo del cliente, l analisi del business, le unità operative coinvolte, la penetrazione di Alpha presso il cliente. Tale applicazione si aggiorna con i contatti avuti con il cliente e le trattative in corso. Lo strumento gestisce: -le informazioni relative al cliente; -le opportunità presso il cliente e le previsioni; -i contatti in corso. I soggetti abilitati ad adoperare l applicazione sono: -le figure professionali di supporto, per poter comprendere la natura del supporto da fornire ai venditori durante la trattativa; -il manager responsabile; -i venditori, che in essa oltre a inserirne le informazioni relative alle varie fasi forniscono anche una quantificazione delle probabilità di chiudere favorevolmente la trattativa; -in ultima analisi, il responsabile della unità operativa, a cui affluiscono i report consolidati a livello paese per tipologie di clienti, ma che può anche visionare in drill down la singola trattativa. In questo caso tale analisi viene assistita da ulteriori informazioni di business intelligence provenienti da altri strumenti informatici, di 10

11 carattere più generale, che ovviamente tengono conto dell andamento di altre trattative simili con altri clienti. Le procedure esistevano prima dell introduzione di Intranet, solo però attraverso linee generali elencate nella metodologia da seguire. Ad esempio la procedura prevedeva, senza formalizzarlo, un momento di pianificazione del business con il cliente. Con Intranet è molto codificata soprattutto la parte delle evidenze (deliverables) delle attività. La tendenza è quella di automatizzare tutto l iter di approvazione di una trattativa: cattura, identificazione, punto di decisione. La modalità di lavoro su Intranet è vissuta, sia da rilevazioni interne sul clima aziendale e sia soggettivamente per gli esiti della prestazione lavorativa, come una forma di controllo e di condivisione esasperata dei dati. Una risposta al problema dell innalzamento del livello di controllo è stato il commitment del vertice aziendale e la condivisione dei successi commerciali che questa strategia ha consentito di realizzare. Importante a scopo motivazionale per i dipendenti è stato l incentivo sia economico e sia di immagine fornito dal vertice aziendale. La centralizzazione delle attività di lavoro su Intranet è stata così recepita come elemento aggregante e non come spinta centrifuga. E stata poi riconosciuta come fondamentale la circostanza per la quale ciascuno in azienda può lavorare su un sistema di informazioni omogenee che può trasferire o far visionare ad altri. Questo senso di appartenenza e di meritocrazia bilancia la percezione di controllo esasperato da parte del management. In definitiva, però, gli effetti relativi all introduzione di questa applicazione si concretizzano in un ampliamento della visibilità di ciascuna fase del processo di vendita, in un aumento delle informazioni disponibili, ma anche nella difficoltà dei venditori di adeguarsi ad una situazione di controllo non vissuta secondo momenti di verifica tradizionali. L applicazione appena descritta consente un interpretazione in chiave politica degli effetti organizzativi di Intranet alla luce del modello di Clegg descritto in precedenza. Il circuito episodico di potere è rappresentato dall interazione tra venditori e management intermedio di controllo: in un azienda quale Alpha il contatto con il mercato è il vero momento della verità (Normann, 1996), sempre più sotto attento esame da parte della direzione delle unità operative. Il circuito di integrazione sociale è 11

12 rappresentato dalla cultura aziendale di trasparenza e appartenenza all azienda, che ha rafforzato la legittimità di questa innovazione. Il circuito di integrazione di sistema è invece esemplificato dall innovazione procedurale che ha inscritta al suo interno una idea di controllo. L introduzione di Intranet in Alpha evidenzia come, nel caso analizzato, tale tipologia di sistema informativo possa rappresentare uno strumento per pervenire ad un assetto in cui la figura professionale del venditore cede potere a scapito del management intermedio che la controlla. 5. Conclusioni L applicazione Intranet in Alpha è il risultato di un percorso di introduzione graduale che ha via via arricchito le potenzialità a disposizione degli utenti fino ad inserirle in maniera organica e imprescindibile nel contesto lavorativo dell organizzazione. Da un lato l organizzazione indagata sembra aver ricomposto il dualismo tra centralità del controllo e iniziativa della base di utenti che ha contrassegnato molte delle implementazioni di questa tecnologia riportate in letteratura. Dall altro essa ha legittimato con l introduzione di Intranet un cambiamento nei meccanismi di potere interni a scapito dei venditori e a favore del management aziendale. L idea di fondo che emerge dall analisi del caso (cristallizzata nel payoff di comunicazione interna Employee for choice) è infatti che i venditori, figura centrale nell organizzazione poiché strutturalmente a contatto con il mercato e le esigenze formulate dai clienti, devono essere in grado di svolgere la propria attività con notevole iniziativa personale ma contemporaneamente con un livello di visibilità della propria azione (e quindi di controllo gerarchico) decisamente maggiore. 6. References Adinolfi, P. (2011). The Italian Electronic Public Administration Market Place: Small Firm Partecipation and Satisfaction, in A.A.V.V., Information Technology and Innovation Trends in Organizations, Berlin: Springer 12

13 Antonelli G., Consiglio S. (2012) I caratteri del gruppo di potenziali imprenditori per la costituzione di un impresa innovativa, in Izzo F. (2012) a cura di, Reti per l Innovazione, McGraw-Hill Companies, Milano Berndtsson J. 1999, Designing an Intranet, Proceedings of the 32nd International Conference on System Sciences. Berni A. (2009), I modelli organizzativi dei sistemi di controllo, cap 4, in Garzella S., Mancini D, Moschera L., Sistemi di controllo interno e soluzioni organizzative, Giappichelli, Torino. pp ISBN: Berni A. (2009), Logica burocratica e logica professionale nei call center, in Willmott H., Knights D., Mercurio R. e Mangia G. (a cura di), Comportamento Organizzativo. Organizzazione aziendale e Management, ISEDI, Torino. Paragrafo 9.6.1, pp ISBN: Berni A., Pezzillo Iacono M., (2008), Standardizzare per integrare: il caso AnsaldoBreda, in De Nito E. e Sicca L.M. (a cura di), Casi Aziendali per la diagnosi Organizzativa, Giappichelli Editore, Torino. ISBN: Berni A., Pezzillo Iacono M., Martinez M. (2012),Organizational Change and Dynamics of Control: An Analysis of Italian Call Center Workplace, Chinese Business Review, Volume 11, Issue 4, Burrell G., Morgan G., Sociological paradigms and organisational analysis. Heinemann, London. Callon M., Techno-economic Networks and Irreversibility in J.Law (a cura di), A Sociology of Monsters, Essays on Power, Technology and Domination, Routledge, London. Cecez-Kecmanovic D., Moodie D., Busuttil A., Plesman F. (1999), "Organisational change mediated by and Intranet", Information Technology & People, Vol.12 N.1, pp Choo C.W., Detlor B., Turnbull D., Working the Web: an empirical model of Web use. Science. Proceedings of the 33rd Hawaii International Conference on System Ciborra C., From Control to Drift, Oxford University Press, Oxford. Clegg S., Frameworks of power. Sage Publications. London. 13

14 Curry A., Stancich L The intranet: an intrinsic component of strategic information management?, International Journal of Information Management, vol. 20, pp Damsgaard J., Scheepers R., Power, influence and intranet implementation, Information Technology & People, vol.12 n.4. De R., Mathew B. 1999, Issues in the management of web technologies: a conceptual framework, International Journal of Information Management, vol. 19, pp Detlor B., Internet-based information systems use in organizations: an information studies perspective, Information Systems Journal vol.13, pp de Vita, P., Mercurio, R., Testa, F. (a cura di), (2007). Organizzazione Aziendale: assetto e meccanismi di relazione, Torino, Giappichelli. Duane A., Finnegan P., 2003, Managing empowerment and control in an intranet environment, Information Systems Journal, Vol. 13 pp Eder L.B., Igbaria M., Determinants of intranet difusion and infusion, Omega vol. 29 pp Franco M., Di Virgilio F., Di Pietro L.,(2010) A Conceptual Representation of Consumer s Group Knowledge and the Possible Role of New Technologies, in JDCTA International Journal of Digital Content Technology and its Applications, Volume 4, Number 7, October 2010, vol4.issue7.2. Hills M., Intranet Business Strategies. John Wiley & Sons, New York. Huber G. P., A Theory of the Effects of Advanced Information Technologies on Organizational Design, Intelligence, and Decision Making, Academy of Management Review, Vol. 15, pp Introna L. D., Management, information and power: a narrative of the involved manager.macmillan, Basingstoke. Jarvenpaa S.L., Ives B. 1996, Introducing transformational information technologies : the case of the world wide web technology, International Journal of Electronic Commerce, vol.1 pp Karlsbjerg J., Damsgaard J., "Make or buy: a taxonomy of Intranet implementation strategies", in Smithson S., Gricar J., Podlogar M., Avgerinou S. (eds.) 14

15 "Global Co-Operation in the New Millennium", Proceedings of the 9th European Conference of Information Systems, Bled, Slovenia, June Lai V.S., Mahapatra R.K. 1998, Evaluation of intranets in a distributed environment, Decision Support Systems, vol. 23, pp Lamb R., Tracing Influence through Intranets of Compliance, Proceedings of Hawaii International Conference on System Sciences, January, 2001, Wailea, Maui, Hawaii. Lamb R., Davidson E., "The new computing archipelago: Intranet islands of practice" in Organizational and social perspectives on information technology, pp , Kluwer, Aalborg, Denmark. Lyytinen K., Rose G., Welke R., The Brave New World of Development in the Internetwork Computing Architecture, Information Systems Journal, vol. 8, pp McNaughton R.B., Quickenden P., Matear S., Gray B., "Intranet adoption and inter-functional coordination", Journal of Marketing Management, Vol.15, pp Mansell-Lewis E., Intranet. Industrial Management & Data Systems, n.4, pp Martinez M., De Marco M., (2005) I criteri di scelta delle metodologie di IS Development: un contributo dalle teorie di progettazione organizzativa, Sinergie; ISSN ; CUEIM. Consorzio universitario economia industriale e manageriale; Vol. 19, Martinez M (2007), I livelli dell'attore organizzativo: azienda, in Mercurio R, Testa F. De Vita P., Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, , Giappichelli, Torino, pag. in 113 pag. fin 160 ISBN: Martinez M (2007), I livelli dell'attore organizzativo: network, in Mercurio R, Testa F. De Vita P., Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, , Giappichelli, Torino, ISBN: Martinez M (2011). ICT, productivity and organizational complementarity. In: CECILIA ROSSIGNOLI, ANDREA CARUGATI. Emerging Themes in Information Systems and Organization Studies. p , BERLINO:Springer Verlag, ISBN:

16 Mercurio R. Cesit Centro Studi sistemi di trasporto collettivo Carlo Mario Guerci ; Adinolfi P. (2005). La clinical governance possibile soluzione ai fabbisogni d'integrazione nelle aziende sanitarie in Mecosan, n.53, pp.85-98, ISSN: Mercurio R., Canonico P., Mangia G., De Nito E., Esposito V. (2009). Interpreting projects - bureaucratical mechanisms or level for change?. ORGANIZACJA I ZARZADZANIE (ISSN: ) pp.5-17 Vol.N 3 (7). Mercurio R., Mangia G. (2009), L'approccio teorico dei critical management studies, in H. Willmott, D. Knights, R. Mercurio e G. Mangia, Comportamento Organizzativo, Isedi, Torino, ISBN/ISSN: Mercurio R., Martinez M. (2009) Modelli di governance e processi di cambiamento nelle public utilities, FrancoAngeli, ISBN Mercurio M. Martinez M., (2005), Scelte manageriali e teorie organizzative: la progettazione organizzativa negli studi di organizzazione aziendale, in Atti del Convegno AIDEA La riconfigurazione dei processi decisionali nel quadro evolutivo della competizione,catania, 7-8 Ottobre, 2004, Giappichelli, Torino Mercurio R., Martinez M., Moschera L.(2000), Le imprese di trasporto ferroviario in Europa: pressioni istituzionali e nuove forme organizzative, in Maggi B. (a cura di ), Le sfide organizzative di fine secolo ed inizio secolo. Tra postfordismo e regolazione. Etas, Milano. Moschera, L., (2007), Forme organizzative e contributi teorici, in de Vita P., Mercurio R., Testa F., (a cura di), Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, G. Giappichelli Editore, Torino Garzella, S., Mancini, D., Moschera, L., (2009) Sistemi di controllo interno e soluzioni organizzative, S, Giappichelli, Torino Moschera, L., (2000), L efficacia organizzativa, capitolo 8, in Mercurio R. e Testa F., Organizzazione. Assetto e relazioni nel sistema di business, Giappichelli, Torino; Moschera, L., (1999), Un modello per l analisi delle relazioni tra information technology e organizzazione, Seges, Arti Grafiche La Regione, Campobasso Murgolo-Poore M.E., Pitt L.F., Ewing M.T Intranet effectiveness, Public Relations Review, vol. 28, pp

17 Nelson R., Todd P., Strategies for managing EUC on the Web, Journal of End User Computing, vol.11, p Newell S., Scarbrough H., Swan J., "From global knowledge management to internal electronic fences: contradictory outcomes of Intranet development", British Journal of Management, Vol.12, pp Ngwenyama O., Groupware, social action and organizational emergence: on the process dynamics of computer mediated distributed work, Accounting, Management and Information Technology. Vol. 8, pp Normann R., Reframing Business: When the Map Changes the Landscape. John Wiley and Sons, New York. Oliga J.C., Power, Ideology, and Control. Plenum Press, New York. Orlikowski W.J., Integrated information environment or matrix of control? The contradictory implications of information technology. Accounting, Management and Information Technology, vol.1, pp Pasini P, Previtali P., Tecnologie Web e Intranet aziendali. Etas, Milano. Pezzillo Iacono M., Martinez M., Mangia G., Galdiero C. (2012), Knowledge creation and inter-organizational relationships: the development of innovation in the railway industry, Journal of Knowledge Management, Vol. 16, No. 4, forthcoming. Rohracher H., Between Innovation and Diffusion: The importance of users in shaping environmental technologies, Proceedings of the International Summer Academy on Technological Studies: User Involvement in Technological Innovation, Deutschlandsberg, Austria, July Ryan B., The Corporate Intranet: Create and Manage an Internal Web for your Organization, 2nd edn, John Wiley and Sons, New York. Piscopo G., La gestione delle risorse umane nella P.A.: principi e strumenti della riforma Brunetta, in Mele R., Adinolfi R., Gestione e controllo delle Pubbliche Amministrazioni dopo la riforma Brunetta, Aracne, Roma. Simons R., Levers of Control. Harvard Business School Press, Boston MA. Stenmark D., Intranet as formative context: a study of an under-utilized corporate web, Proceedings of the Ninth Americas Conference on Information Systems, pp Telleen S.L., Intranet Organization. Wiley, New York. 17

18 18

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Verso la Società dell informazione

Verso la Società dell informazione BIBLIOTECARIO NEL 2000 Verso la Società dell informazione Le professioni dell informazione fra ricerca d identità e linee di convergenza di Carla Basili di società dell informazione non è nuova né recente,

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli