PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO"

Transcript

1 PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO Progetto per l esame di Web 2.0. Prof. Andrea Perego Autori: Dante Attanasio Domenico Gaglioti

2 PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO... 1 OBIETTIVI... 3 SITUAZIONE ATTUALE... 3 SOLUZIONE... 3 OVERVIEW SISTEMA... 4 Flusso informativo... 4 Autenticazione... 6 Sicurezza e Denial of service... 6 Privacy... 7 SPECIFICHE... 7 V-Card... 7 RDF/XML Web Services SOAP Web Services REST IMPLEMENTAZIONE Mappatura database Funzione di ricerca nel database Web services Fogli di stile XSLT ONTOLOGIA Rubrica_ateneo.owl Istanze dell ontologia EVOLUZIONI ATTUALE SITO WEB BIBLIOGRAFIA... 34

3 Obiettivi L obiettivo del progetto è quello di rendere disponibile, tramite protocolli standard i dati relativi ai contatti, al ruolo e alla struttura di afferenza del personale di varie tipologie che afferisce all Università degli Studi dell Insubria. Queste attività possono essere riassunte come la ristrutturazione della Rubrica Pubblica di Ateneo. Una delle prime applicazioni che usufruirà di tale servizio sarà una pagina del nuovo sito web d Ateneo. Situazione attuale Attualmente i dati della rubrica di Ateneo sono memorizzati su un database Sql Server che viene interrogato e popolato da una applicazione web realizzata in proprio all interno del centro S.I.C. con tecnologia Asp.Net e denominata Servizi On Line. Tale applicazione è usata in Ateneo per gestire le richieste e i servizi degli utenti. Tramite task pianificati denominati DTS (Data Transformation Services) di Sql Server, i dati di interesse per la rubrica pubblica vengono quotidianamente esportati sul database dell attuale sito Web nottetempo. Questa modalità di esportazione presenta grossi svantaggi: i dati esposti sulla rubrica Internet non sono aggiornati in tempo reale, ma soltanto dopo l esecuzione del task giornaliero. le procedure create per l esportazione non sono riutilizzabili per altre applicazioni i dati restano chiusi nel database e non sono disponibili per altre applicazioni Soluzione La soluzione prevede di esportare i dati tramite Internet utilizzando un formato standard: V-CARD. I dati saranno quindi interrogabili mediante 2 web service: un web service SOAP realizzato in ASP.NET e pubblicato sul server web IIS 6, già installato nei server d Ateneo. Questo servizio è pensato per l integrazione di applicazioni che necessitano di protocolli di rete sicuri e affidabili come SOAP. Un web service REST realizzato sempre in ASP.NET che sia interrogabile da chiunque, anche da un semplice browser tramite un semplice URL. Entrambi i servizi restituiranno un documento RDF/XML e sarà carico del client tradurre i dati nel formato desiderato tramite fogli di stile. Al client saranno comunque forniti dei fogli di stile

4 reperibili on-line per effettuare le trasformazioni del documento RDF nei formati più comuni, tra cui XHTML, XML e ovviamente VCARD. Una delle applicazioni già note che sfrutterà questi servizi (nel dettaglio il servizio web REST) sarà una pagina web del nuovo sito di Ateneo. Overview sistema I web services dovranno fornire i dati relativi ai contatti di una persona. Verrà interrogato il database per restituire la lista di persone trovate corrispondenti al nominativo indicato dall utente e per ognuno la lista dei suoi contatti. Per ogni utente i dati che verranno forniti saranno i seguenti: Nome e cognome Struttura di afferenza dell Ateneo Ruolo e funzione di afferenza all Ateneo (personale tecnico\amministrativo, docente, etc ) Lista di contatti (mail, fax, telefono) Flusso informativo La richiesta iniziale parte da un client, un qualsiasi agente che sia in grado di interrogare un web services SOAP o REST. In base al web services scelto dovrà passare come parametro una stringa contenente il nome (o parte di esso) che si desidera cercare. Sono accettate soltanto stringhe di almeno 5 caratteri, questo per evitare ricerche sull intera rubrica che potrebbero rallentare il server. Il servizio web userà il parametro ricevuto con la richiesta per effettuare una query sul database ed estrarre i dati. Questi saranno formattati in un documento RDF/XML come da specifiche W3C (1) per il formato VCARD, integrato con le informazioni aggiuntive dell ontologia del sistema. Il documento verrà inviato al client sfruttando lo stesso protocollo di rete usato per la richiesta iniziale. Il grafico in Figura 1 illustra il flusso informativo:

5 Figura 1 - Flusso informativo In Figura 2 è mostrato un diagramma di caso d uso, nel quale l attore utente effettua la richiesta che viene ricevuta dall attore Web Services nella sua generalizzazione (REST o SOAP) ed esegue l azione di ricerca dell utente, a sua volta composta da 3 azioni: l interrogazione al database, la creazione del documento RDF/XML e l eventuale trasformazione nel formato desiderato (XHTML,XML,VCARD). Figura 2 - Diagramma casi d'uso Infine in Figura 3 è mostrata la sequenza di una possibile interrogazione dei web services:

6 Figura 3 - Diagramma di sequenza E importante evidenziare come, per ottimizzare le richieste al WebServices, sia sufficiente una sola chiamata per ottenere tutte le informazioni richieste contenute dal documento RDF/XML. Per ottenere poi i formati desiderati il lavoro è demandato al browser che deve soltanto scaricare i fogli di stile da un repository (che al momento corrisponde allo stesso sito del WebService ma potrebbe essere spostato in qualsiasi posto ottimizzando le risorse). Autenticazione Il servizio di visualizzazione\esportazione dei dati di rubrica non richiede un processo di autenticazione, in quanto i contatti dei dipendenti dell Ateneo sono pubblici e attualmente pubblicati sul sito web dell Università dell Insubria e disponibili senza processi di autenticazione. Sicurezza e Denial of service Essendo questo servizio disponibile al pubblico è necessario predisporre dei sistemi di sicurezza che salvaguardino il servizio web da tecniche di hacking come la sql injection, il cross scripting etc Il linguaggio di programmazione ASP.NET prevede ed implementa delle tecniche che consentono di ostacolare questi meccanismi. Analizzando per esempio la tecnica di sql injection, questa tecnica consiste nello sfruttare i parametri di input del servizio web come cavallo di troia per lanciare script o comandi dannosi per il database. Questa tecnica può essere neutralizzata con

7 un attento esame dei parametri di input, prima di usarli per comporre query SQL. ASP.NET prevede l utilizzo di oggetti definiti Parameter, in cui vengono effettuati controlli sulla tipologia del parametro (intero, date time, stringa etc ) e per i parametri di tipo stringa vengono individuati pattern di stringhe potenzialmente pericolosi e neutralizzati. Per quanto riguarda invece Denial of Service, questa è una tecnica del tutto diversa, il cui obiettivo è quello di rendere il servizio web inutilizzabile sovraccaricandolo di richieste in modo che il server esaurisca le risorse disponibili per soddisfarle tutte e vada quindi in crash. Anche in questo caso, l applicazione ASP.NET prevede tecniche per evitare questo tipo di attacchi (come specificato nella documentazione msdn (2) ). Per esempio: Le richieste possono essere limitate in dimensione (default 4Mb). Per ogni richiesta di un client, viene controllato che questo sia ancora connesso prima di inserire in coda la richiesta. Questo consente di evitare che un hacker possa inviare una serie di richieste simultanee e poi si disconnetta I tempi di esecuzione di una richiesta hanno un timeout configurabile. Questo consente di evitare che una richiesta vada in loop occupando tutte le risorse del server Privacy Tutti i dati esportati dal servizio web non contengono dati sensibili, quindi non ci sono particolari problemi di privacy per la diffusione su Internet tramite i servizi web. Specifiche V-Card I dati della rubrica di Ateneo sono tipi di dati molto comuni e usati in diversi ambiti e da diversi tipi di applicazioni (client di posta, pagine web, cellualari e smart phone). E quindi importante che il web service possa esportare tali dati adattandosi alle esigenze del client che lo interroga. Sono previste quindi 4 formati possibili di diffusione de contatti di un utente: o V-CARD formattato tramite RDF/XML secondo specifiche W3C (1): questo consentirà a tutte le applicazioni web di ottenere i dati in un formato più comune, intuitivo e facilmente renderizzabile in ambito web mediante trasformazione XSLT in linguaggio XHTML. Questo è il formato che viene sempre restituito al browser. La trasformazione negli altri formati avviene tramite fogli di stile;

8 o o V-CARD trasformato in codice XHTML ottenuto tramite trasformazione con foglio di stile dal formato RDF. I dati dell utente vengono rappresentati in uno specchietto riassuntivo, con una struttura minimale, pensata per essere integrata all interno di altre applicazioni; o V-CARD formattato tramite XML: questo formato viene trasformato direttamente dal formato RDF/XML mediante un foglio di stile e ricalca in maniera fedele la struttura del documento originale, semplicemente non contiene predicati RDF. E pensato per applicazioni che non supportano RDF o V-CARD formattato come indicato nel documento RFC (3):utilizzando questo protocollo standard si consente lo scambio dei contatti tra varie applicazioni e vari dispositivi, soprattutto mobili. Nel RFC è definito il formato e i campi che saranno utilizzati per l implementazione del web service. RFC 2426 (4) è stato usato per attingere le specifiche dei campi utilizzati nella nostra implementazione. Nei contatti V-CARD verranno mappati i campi presenti sulla rubrica pubblica, quindi il nome e il cognome, i dati relativi al ruolo della persona all interno dell Ateneo e la struttura di afferenza. Infine la lista di tutti i contatti disponibili, telefoni, mail etc In Tabella 1 è presente la lista dei campi V-CARD che verranno utilizzati nel progetto: (i campi contrassegnati in rosso sono obbligatori, quindi devono essere sempre presenti in ogni contatto V- CARD): Tabella 1 - Elenco campi formato V-CARD Nome campo Descrizione Esempio MIME DIRECTORY FEATURES Name Source Usato come nome da visualizzare nelle informazioni di MIME TYPE (spesso associato al campo source) Indica l origine del contatto (solitamente un ldap, un database o un AD) IDENTIFICATION TYPES Dante Attanasio

9 fn Nome completo, seguendo la Dante Attanasio semantica X.520 Common Name Attribute n Indica le varie parti del nome, Attanasio;Dante includendo prefissi o suffissi onorifici TELECOMMUNICATIONS ADDRESSING TYPE TEL;TYPE=work Un singolo numero telefonico **** formattato in base allo standard X.500. Type indica che questo numero è lavorativo TEL;TYPE=work,cell Come sopra, per la fonia mobile ******* TEL;TYPE=work,fax Come sopra, fax **** Casella di IMPP;TYPE=sip Eventuale account sip X-SKYPE Eventuale account skype ORGANIZATIONAL TYPES TITLE Titolo della persona (inserito soltanto per il personale docente) ORG Campo fisso composta dall organizzazione e la struttura di afferenza Università Insubria;Centro SIC Esempio di contatto vcard BEGIN:VCARD VERSION:3.0 FN:DANTE ATTANASIO N:ATTANASIO;DANTE ORG:Università Insubria;CENTRO DI SERVIZI SISTEMI INFORMATIVI E COMUNICAZIONE; TEL;TYPE=WORK,CELL: TEL;TYPE=WORK,FAX:

10 TEL;TYPE=WORK: URL:www.uninsubria.it X-SKYPE:dante.attanasio X-SIP:dante.attanasio_sip END:VCARD Il formato V-CARD è un formato di testo che risulta molto leggero per la diffusione ma presenta degli svantaggi notevoli: Non è un formato strutturato Non consente di fornire una semantica delle informazioni che contiene, come relazioni tra i dati, proprietà etc Non è un documento trasformabile in formati diversi, come invece può essere un documento XML o RDF/XML RDF/XML Il Resource Description Framework (RDF) è lo strumento base proposto da W3C per la codifica, lo scambio e il riutilizzo di metadati strutturati e consente l'interoperabilità tra applicazioni che si scambiano informazioni sul Web. L'RDF Data Model si basa su tre principi chiave: 1. Qualunque cosa può essere identificata da un Universal Resource Identifier (URI). 2. The least power: utilizzare il linguaggio meno espressivo per definire qualunque cosa. 3. Qualunque cosa può dire qualunque cosa su qualunque cosa. Il W3C ha definito anche una rappresentazione in questo formato per i contatti V-CARD, in quanto il formato testuale usato dai sistemi di posta risulta poco adatto per lo scambio tra applicazioni di vario tipo, soprattutto in ambito web, per i motivi sopra descritti. I punti di forza di questa rappresentazione sono i seguenti: Formato strutturato che grazie ai predicati rdf contiene una descrizione degli oggetti rappresentati E una struttura dati derivata da xml ed è facilmente integrabile nel web2.0 grazie a protocolli di web services molto diffusi nella rete

11 Ontology Web Language è un linguaggio di markup estensione di RDF usato per rappresentare la semantica di un sistema, specificando delle classi, delle proprietà e delle relazioni tra di esse. Lo scopo di OWL è quindi quello di creare delle ontologie che descrivano delle basi di conoscenza, su cui sia possibile effettuare delle deduzioni e integrarle con altre ontologie sfruttando i diffusi strumenti e protocolli di comunicazione tipici dell ambiente web (XML, web services, http etc..). Web Services SOAP Simple Object Access Protocol è un protocollo per lo scambio di informazioni sulla rete. Il W3C ha standardizzato il tipo di servizio che sfrutta il protocollo Http per lo scambio dei pacchetti. Un oggetto SOAP si basa anch esso sul metalinguaggio XML e ha una sua struttura divisa essenzialmente in 2 parti: Il segmento opzionale Header contiene meta-informazioni come quelle che riguardano il routing, la sicurezza e le transazioni. Il segmento obbligatorio Body trasporta il contenuto informativo e talora viene detto carico utile, o payload. Questo deve seguire uno schema definito dal linguaggio XML Schema. Web Services REST Questo tipo di servizio web è stato introdotto per soddisfare i requisiti del più grosso cliente dell applicazione in oggetto, cioè il portale di Ateneo. REST non è un vero e proprio protocollo ma è più un architettura di rete che ha come principio base il concetto di risorsa (fonti di informazioni), a cui si può accedere tramite un identificatore globale (un URI). Per utilizzare le risorse, le componenti di una rete (componenti client e server) comunicano attraverso una interfaccia standard (ad es. HTTP) e si scambiano rappresentazioni di queste risorse (il documento che trasmette le informazioni). Nel nostro caso il protocollo utilizzato per la comunicazione è proprio HTTP e la risorsa è un documento RDF/XML contenente i contatti di un dipendente dell Ateneo. Implementazione Mappatura database I campi del contatto V-CARD saranno mappati sul database esistente dei Servizi On Line. In Figura 4 Schema E-R Database è specificato il diagramma completo dello schema E-R della parte di database utilizzato per la visualizzazione dei dati inerenti i contatti dell utente.

12 Figura 4 Schema E-R Database Lo schema mostra i collegamenti della tabella utenti, che ovviamente contiene i dati anagrafici dell utente. L utente può avere delle strutture di afferenza, per ogni struttura un ruolo diverso. Infine, i Servizi On Line gestiscono le richieste dell utente, in particolare la casella di posta elettronica e le utenze telefoniche. Per entrambe sono quindi presenti delle entità specifiche che gestiscono le varie tipologie di dati e lo stato in cui si trovano. Infine è presente un entità Contatti_usr che consente all utente di inserire dei contatti personali. Tutte queste tabelle saranno disponibili al web services sotto forma di una vista che effettua il join tra le diverse tabelle dello schema e che è denominata come V_RUBRICA_PUBBLICA. Su questa vista verrà effettuata questa query:

13 SELECT DISTINCT cognome,nome,ruolo FROM V_RUBRICA_PUBBLICA WHERE cognome + ' ' + nome LIKE '%?NOME%' Ogni riga di risultato rappresenta un contatto. Ogni riga contiene anche le informazioni anagrafiche dell utente, che nel caso abbia più di un contatto sono duplicate. In Tabella 2 è visualizzato un esempio dei risultati del metodo cerca_persone indicato nel paragrafo successivo. Tabella 2 - Risultati interrogazione vista Cognome Nome Ruolo Matricola Id Tipo Contatto CSA utente contatto ATTANASIO DANTE Personale Tecnico Amministrativo ATTANASIO DANTE Personale Tecnico Amministrativo ATTANASIO DANTE Personale Tecnico Amministrativo ATTANASIO DANTE Personale Tecnico Amministrativo P Fax P Tel P Cell P a.it I campi cognome e nome saranno usati per i campi name, fn e n. Ruolo mappa il campo role. Il campo id_utente e il campo matricola_csa sono due diversi identificativi dell utente, il primo sul database, il secondo nei sistemi di contabilità dell Ateneo Carriere e Stipendi. Entrambi possono essere utili in possibili integrazioni con altri sistemi. Dalle altre colonee vengono estratti i vari contatti degli utenti, ed in base al campo tipo_contatto vengono tipizzati e formattati nel rispettivo campo. I tipi di contatto per cui non è prevista una mappatura verranno ignorati. Funzione di ricerca nel database Entrambi i web services implementano una funzione principale che, data una stringa, effettua la ricerca sul database con la query sopra specificata. Il risultato della query viene quindi formattato in codice RDF/XML come specificato nei paragrafi seguenti.

14 String Cerca_persone(string nome):, passando come parametro una stringa contenente il nome (o una sua parte) restituisce un documento RDF/XML (sempre di tipo stringa) contenente la lista degli utenti corrispondenti ai criteri indicati. o Parametri: nome: Il parametro passato a questo metodo sarà utilizzato come filtro sui campi nome e cognome dell utente nel database. Deve avere almeno 5 caratteri. Nella prima versione del progetto il numero di parametri si limita al nome, ma in versioni successive si possono prevedere ulteriori filtri, per esempio sulla struttura di afferenza o sul ruolo della persona (per esempio Docente o Personale Tecnico Amministrativo). o Return value: E un documento XML/RDF che contiene la lista degli utenti corrispondenti ai criteri indicati nel parametro con la lista di tutti i dati e di tutti i contatti dell utente. La funzione è stata realizzata mediante ASP.NET e il seguente è il codice che genera il documento RDF/XML: //restituisce un documento XML con la lista degli utenti corrispondenti al pattern indicato public XmlDocument searchusers(string name,string struttura_par, string id_utente_par) //effettua la connessione al database SqlCommand cmd = conn.createcommand(); SqlCommand cmd2 = conn.createcommand(); name = name.tolower(); XmlDocument x = new XmlDocument(); DataSet ds = new DataSet(); name = name.replace("'", "''"); name = name.replace(";", ""); name = name.replace(",", ""); name = name.replace("\"", ""); //query che effettua la ricerca degli utenti sulla vista v_rubrica_pubblica cmd.commandtext = "SELECT DISTINCT id_utente,matricola_csa,cognome,nome,ruolo,tipo_contatto,contatto,struttura,indirizzo FROM V_RUBRICA_PUBBLICA "; string and=" WHERE "; //if (id_utente_par!= "") // // cmd.commandtext += and + " id_utente=" + id_utente_par; // //else //

15 if (name!= "") cmd.commandtext += and + " cognome + ' ' + nome and = " AND "; //if (struttura_par!= "") // // cmd.commandtext += and + " struttura LIKE '%" + struttura_par + "%'"; // and = " AND "; // // cmd.commandtext+=" order by id_utente,tipo_contatto,contatto"; SqlParameter par_nome = new DbType.String); par_nome.value = "%" + name + "%"; cmd.parameters.add(par_nome); SqlDataAdapter da_emp = new SqlDataAdapter(cmd); try conn.open(); //inizializzo il file di risposta caricando un file xml di template x.load(server.mappath(template)); //inizializzo le variabili string id_utente = "-1"; string matricola_csa = ""; string cognome = ""; string nome = ""; string struttura = ""; string ruolo = ""; string tipo_contatto = ""; string contatto = ""; string indirizzo = ""; XmlNodeList nodi = x.getelementsbytagname("rdf:rdf"); XmlNode root = nodi.item(0); XmlNode user = x.createelement("employee");//istanzio user per primo utilizzo int users = -1; string[] strutture=new string[5]; int i_strutture = 0; //carico la lista delle struttura da_emp.fill(ds, "employee"); for (int i = 0; i < ds.tables["employee"].rows.count; i++) if (id_utente!= ds.tables["employee"].rows[i]["id_utente"].tostring()) //incremento il contatore users++; //resetto i contatori i_strutture = 0; strutture = new string[5]; //immagazzino i nuovi dati dell'utente cognome = ds.tables["employee"].rows[i]["cognome"].tostring().trim().replace("'","''"); nome = ds.tables["employee"].rows[i]["nome"].tostring().trim().replace("'", "''"); bool isstruttura = cognome.contains("generici");

16 if (isstruttura) cognome = ""; struttura = ds.tables["employee"].rows[i]["struttura"].tostring().replace("'", "''").Replace(" ", "%20"); ruolo = ds.tables["employee"].rows[i]["ruolo"].tostring(); if (isstruttura) ruolo = "Struttura"; tipo_contatto = ds.tables["employee"].rows[i]["tipo_contatto"].tostring(); contatto = ds.tables["employee"].rows[i]["contatto"].tostring(); indirizzo = ds.tables["employee"].rows[i]["indirizzo"].tostring(); id_utente = ds.tables["employee"].rows[i]["id_utente"].tostring(); matricola_csa = ds.tables["employee"].rows[i]["matricola_csa"].tostring(); //creo il tag per il nuovo utente con l'about rdf user = x.createelement("employee",namespace_local); XmlAttribute a = x.createattribute("rdf","about",namespace_rdf); //a.value = nome + "%20" + cognome; a.value = matricola_csa; user.attributes.append(a); root.appendchild(user); XmlNode id_user = x.createelement("id_user",namespace_local); id_user.innertext = id_utente; user.appendchild(id_user); XmlNode m_csa = x.createelement("matricola_csa", NAMESPACE_LOCAL); m_csa.innertext = matricola_csa; user.appendchild(m_csa); NAMESPACE_VCARD); NAMESPACE_VCARD); NAMESPACE_RDF); NAMESPACE_VCARD); //creo i tag dei dati anagrafici vcard:fn,vcard:n (family e given name) XmlNode fn = x.createnode(xmlnodetype.element, "v", "fn", fn.innertext = nome + " " + cognome; user.appendchild(fn); XmlNode fnn = x.createnode(xmlnodetype.element, "v", "n", XmlNode rdf = x.createnode(xmlnodetype.element, "rdf", "Description", XmlNode n = x.createnode(xmlnodetype.element, "v", "family", n.innertext = cognome; rdf.appendchild(n); n = x.createnode(xmlnodetype.element, "v", "given", NAMESPACE_VCARD); n.innertext = nome; rdf.appendchild(n); fnn.appendchild(rdf); user.appendchild(fnn); //get struttura //user.appendchild(getstruttura(x,struttura,indirizzo,ruolo)); //strutture[i_strutture++] = struttura; //inserire is enrolled to n = x.createelement("isenrolledto",namespace_local); a = x.createattribute("rdf","resource",namespace_rdf); a.value = struttura;

17 n.attributes.append(a); user.appendchild(n); //se la struttura non è stata inserita, inserirla XmlNode s = getstruttura(x, struttura, indirizzo, ruolo); if (s!= null) root.appendchild(s); strutture[i_strutture++] = struttura; //aggiungo il primo contatto user.appendchild(getcontatto(x, tipo_contatto, contatto)); else //se la struttura è diversa ne inserisco un altro isenrolledto e faccio un altro check bool uguale=false; struttura = ds.tables["employee"].rows[i]["struttura"].tostring().replace("'", "''").Replace(" ", "%20"); for (int j = 0; j < strutture.length; j++) if (strutture[j]!= null) if (strutture[j] == struttura) uguale = true; break; if (!uguale) ruolo = ds.tables["employee"].rows[i]["ruolo"].tostring(); indirizzo = ds.tables["employee"].rows[i]["indirizzo"].tostring(); NAMESPACE_RDF); //inserire is enrolled to XmlNode n = x.createelement("isenrolledto",namespace_local); XmlAttribute a = x.createattribute("rdf", "resource", a.value = struttura; n.attributes.append(a); user.appendchild(n); //se la struttura non è stata inserita, inserirla XmlNode s = getstruttura(x, struttura, indirizzo, ruolo); if (s!= null) root.appendchild(s); strutture[i_strutture++] = struttura; //ricarico i dati del contatto seguente tipo_contatto = ds.tables["employee"].rows[i]["tipo_contatto"].tostring(); if (contatto!= ds.tables["employee"].rows[i]["contatto"].tostring()) //se il contatto è diverso da quello precedente lo aggiunge //questo controllo consente di evitare il problema per cui, lato database, i contatti venivano

18 //duplicati se l'utente aveva più afferenze contatto = ds.tables["employee"].rows[i]["contatto"].tostring(); //aggiungi gli ulteriori contatti user.appendchild(getcontatto(x, tipo_contatto, contatto)); catch (Exception ex) //intercetto eccezioni, in caso di errori. Popolare un file di log finally //chiudo l'ultimo contatto e chiudo il file da_emp.dispose(); ds.dispose(); conn.close(); return x; Web services L implementazione dei 2 tipi di web services è praticamente identica, cambia soltanto la modalità di connessione al servizio. Il web services SOAP è interrogabile da un client compatibile all indirizzo Il client dovrà aprire una socket, connettersi al servizio web SOAP del quale potrà vedere i metodi esposti, quindi potrà chiamare il metodo e passare il parametro. Infine otterrà un documento RDF/XML che verrà passato all applicazione che ha lanciato il client SOAP e che potrà formattare il documento sfruttuando il foglio di stile xslt disponibile on-line oppure trasformando con un foglio di stile xslt personalizzato. Il webservices REST invece non necessita di una socket di connessione, bensì è sufficiente passare il parametro name a questo URI: In Figura 5 è mostrato il risultato di una chiamata usando come parametro il pattern Attanasio :

19 Figura 5 - Esempio ricerca con un singolo risultato Il documento RDF/XML, se non specificato con altri parametri illustrati nei paragrafi seguenti,trasforma il documento in una pagina XHTML usando il foglio di stile on-line descritto in seguito. Inserendo attan anziché attanasio si ottengono 2 risultati che vengono visualizzati come mostrato in Figura 6:

20 Figura 6 - Esempio ricerca con più di 1 risultato Il codice XHTML ottenuto è volutamente minimale, in quanto questa visualizzazione serve soltanto per avere un risultato leggibile per utenti o applicazioni che non usano questo web service integrato in altre applicazioni. Inoltre, il codice generato può facilmente essere riutilizzato da altre applicazioni per integrare questi semplici specchietti all interno della propria struttura XHTML (come avviene per il portale di Ateneo mostrato in Figura 7 ).

21 Figura 7 - Risultato ricerca integrato con il sito di Ateneo Il foglio di stile usato per la trasformazione XHTML è il seguente: A sua volta il foglio di stile usa un foglio di stile CSS per la visualizzazione dei contenuti ed è disponibile anch esso on-line a questo indirizzo: E però possibile per l utente ottenere il codice RDF/XML senza che siano applicate trasformazioni; per fare ciò è sufficiente aggiungere all URI sopra indicata il parametro rdf=1 come nel seguente esempio:

22 ottenendo così il documento RDF mostrato nello specchietto seguente: <rdf:rdf xml:base="http://w3.ateneo.uninsubria.it/insubriawebservicesrest/rubrica.aspx?name="> <Employee rdf:about="p006010"> <id_user>1196</id_user> <matricola_csa>p006010</matricola_csa> <v:fn>dante ATTANASIO</v:fn> <v:n> <rdf:description> <v:family>attanasio</v:family> <v:given>dante</v:given> </rdf:description> </v:n> <isenrolledto rdf:resource="centro%20di%20servizi%20sistemi%20informativi%20e%20comunicazione"/> <v: > <rdf:description> </rdf:value> </rdf:description> </v: > <v: > <rdf:description> </rdf:description> </v: > <v: > <rdf:description> </rdf:description> </v: > <v: > <rdf:description> </rdf:description> </v: > <v:tel> <rdf:description> <rdf:value> </rdf:value> <rdf:type rdf:resource="http://www.w3.org/2001/vcard-rdf/3.0#work"/> <rdf:type rdf:resource="http://www.w3.org/2001/vcard-rdf/3.0#fax"/> </rdf:description> </v:tel> <v:tel> <rdf:description> <rdf:value> </rdf:value> <rdf:type rdf:resource="http://www.w3.org/2001/vcard-rdf/3.0#work"/> </rdf:description> </v:tel> </Employee> <OrgUnit rdf:about="centro%20di%20servizi%20sistemi%20informativi%20e%20comunicazione"> <hasemployees rdf:resource="s300167"/> <hasemployees rdf:resource="px92721"/> <hasemployees rdf:resource="p006010"/> <hasemployees rdf:resource="p001269"/> <hasemployees rdf:resource="p001110"/> <hasemployees rdf:resource="px95819"/> <hasemployees rdf:resource="p001219"/> <hasemployees rdf:resource="p006028"/>

23 <hasemployees rdf:resource="p001256"/> <hasemployees rdf:resource="p000157"/> <hasemployees rdf:resource="p001214"/> <hasemployees rdf:resource="p001169"/> <hasemployees rdf:resource="p001033"/> <hasemployees rdf:resource="p001014"/> <hasemployees rdf:resource="p001006"/> <hasemployees rdf:resource="p001258"/> <hasemployees rdf:resource="p001293"/> <hasemployees rdf:resource="p001292"/> <hasemployees rdf:resource="p035027"/> <hasemployees rdf:resource="p001103"/> <hasemployees rdf:resource="p001091"/> <hasemployees rdf:resource="p001100"/> <hasemployees rdf:resource="p001170"/> <hasemployees rdf:resource="p001266"/> <hasemployees rdf:resource="p001066"/> <hasemployees rdf:resource="p001736"/> <hasemployees rdf:resource="p001098"/> <v:org> <rdf:description> <v:orgname>universita' Insubria</v:orgname> <v:orgunit>centro%20di%20servizi%20sistemi%20informativi%20e%20comunicazione</v:orgunit> <v:orgaddress>via Valleggio COMO (Piano 0) </v:orgaddress> <v:role>personale Tecnico Amministrativo</v:role> </rdf:description> </v:org> </OrgUnit> </rdf:rdf> Passando invece il parametro xml=1, si ottiene un documento XML, che può risultare più leggero e fruibile per alcune applicazioni che non supportano il formato RDF. Il browser riceve sempre un documento in formato RDF, che però tramite il foglio di stile (disponibile on-line) sotto indicato viene trasformato direttamente dal browser nel seguente documento XML <users> <user id_user="1196" name="dante ATTANASIO"> <id_user>1196</id_user> <matricola_csa>p006010</matricola_csa> <fn>dante ATTANASIO</fn> <n> <family>attanasio</family> <given>dante</given> </n> <isenrolledto>centro DI SERVIZI SISTEMI INFORMATIVI E COMUNICAZIONE</isEnrolledTo> <org name="centro%20di%20servizi%20sistemi%20informativi%20e%20comunicazione"> <orgname>universita' Insubria</orgname> <orgunit>centro%20di%20servizi%20sistemi%20informativi%20e%20comunicazione</orgunit> <orgaddress>via Valleggio COMO (Piano 0) </orgaddress> <role>personale Tecnico Amministrativo</role> <hasemployees matricola_csa="s300167"/> <hasemployees matricola_csa="px92721"/> <hasemployees matricola_csa="p006010"/> <hasemployees matricola_csa="p001269"/>

24 <hasemployees matricola_csa="p001110"/> <hasemployees matricola_csa="px95819"/> <hasemployees matricola_csa="p001219"/> <hasemployees matricola_csa="p006028"/> <hasemployees matricola_csa="p001256"/> <hasemployees matricola_csa="p000157"/> <hasemployees matricola_csa="p001214"/> <hasemployees matricola_csa="p001169"/> <hasemployees matricola_csa="p001033"/> <hasemployees matricola_csa="p001014"/> <hasemployees matricola_csa="p001006"/> <hasemployees matricola_csa="p001258"/> <hasemployees matricola_csa="p001293"/> <hasemployees matricola_csa="p001292"/> <hasemployees matricola_csa="p035027"/> <hasemployees matricola_csa="p001103"/> <hasemployees matricola_csa="p001091"/> <hasemployees matricola_csa="p001100"/> <hasemployees matricola_csa="p001170"/> <hasemployees matricola_csa="p001266"/> <hasemployees matricola_csa="p001066"/> <hasemployees matricola_csa="p001736"/> <hasemployees matricola_csa="p001098"/> </org> </ > <tel> </tel> <fax> </fax> </user> </users> L integrazione con la pagina di ricerca del personale presente sul nuovo sito web, userà proprio questo sistema, dato che ingloberà il codice xml ottenuto dal servizio web all interno del codice XML che viene creato runtime dal CMS di Ateneo. Infine, è possibile ottenere anche il formato VCARD, semplicemente inserendo il parametro vcard=1in coda alla richiesta: In questo caso il foglio di stile usato è comunque disponibile a questo indirizzo, ma la trasformazione viene realizzata lato server per consentire al browser di ricevere il documento già con un mime type corretto, anziché come semplice stringa:

25 Questo foglio di stile trasforma il documento RDF/XML in un documento di tipo testo in formato VCARD, in modo che sia un oggetto che l utente possa salvare (Figura 8) e caricare nei vari client che supportano il formato vcard (come per esempio la maggior parte dei client di posta elettronica come mostrato in Figura 9). Figura 8 - Esempio di salvataggio file vcf

26 Figura 9 - Esempio di un contatto importato in un'applicazione di Windows I web services sono entrambi realizzati in ASP.NET ed usano un codice molto simile per chiamare la funzione sopra descritta e passare il documento RDF/XML come risposta, il seguente è il codice eseguito alla chiamata della pagina del servizio REST: protected void Page_Load(object sender, EventArgs e) if (Request.QueryString.Count > 0) //metodo che viene chiamato al caricamento della pagina if (Request.QueryString["rdf"]!= null) //se viene passato il parametro rdf=1 carico un template che non punta a nessun file xslt e restituisce l'rdf pulito template = "template_data.xml"; if (Request.QueryString["vcard"]!= null) //se viene passato il parametro vcard=1 carico un template xml che punta al foglio di stile rubrica_vcard.xslt template = "template_vcard.xml";

27 if (Request.QueryString["xml"]!= null) //se viene passato il parametro xml=1 carico un template xml che punta al foglio di stile rubrica_toxml.xslt template = "template_xml.xml"; //se nessuno dei due precedenti è stato impostato carico il template di default che usa il foglio di stile rubrica.xslt che trasforma il documento RDF\XML in un documento XHTML string name = ""; string struttura = ""; string id_user = ""; //if (Request.QueryString["name"]!= null Request.QueryString["struttura"]!=null Request.QueryString["id_user"]!=null) if (Request.QueryString["name"]!= null && Request.QueryString["name"].ToString().Length >= 4) //se il parametro name contiene dei dati name = ""; if (Request.QueryString["name"]!= null) name = Request.QueryString["name"].ToString(); struttura = ""; if (Request.QueryString["struttura"]!= null) struttura = Request.QueryString["struttura"].ToString(); id_user = ""; if (Request.QueryString["id_user"]!= null) id_user = Request.QueryString["id_user"].ToString(); if (Request.QueryString["vcard"]!= null) Response.Clear(); Response.ContentType = "text/v-card"; Response.ContentEncoding = System.Text.Encoding.UTF32; //Response.ContentEncoding = System.Text.Encoding.i; XmlDocument doc = searchusers(name, "", ""); XslCompiledTransform myxsltransform = new XslCompiledTransform(); myxsltransform.load(server.mappath("rubrica_vcard.xslt").tostring()); XmlNodeReader reader = new XmlNodeReader(doc); myxsltransform.transform(reader, null, Response.OutputStream); Response.AppendHeader("Content-Disposition", "attachment;filename=" + name + ".vcf"); Response.Flush(); Response.End(); return; else Response.Clear(); Response.ContentType = "text/xml";//imposto il mimetype if (Request.QueryString["xml"]!= null) WriteRubrica(name, struttura, id_user, Response.OutputStream, OP_SEARCH_USERS_XML); else WriteRubrica(name, struttura, id_user, Response.OutputStream, OP_SEARCH_USERS);

28 Response.Flush(); Response.End(); return; else risposta_errore(); else risposta_errore(); public void WriteRubrica(string name, string struttura, string id_user, Stream stream, int type) //XmlTextWriter ijo = (XmlTextWriter)XmlTextWriter.Create(stream); XmlWriterSettings settings = new XmlWriterSettings(); settings.encoding = new UTF8Encoding(false); //settings.encoding = Encoding.GetEncoding("UTF-32");//imposto encoding del file xml settings.indent = true; settings.omitxmldeclaration = false; using (XmlWriter writer = XmlWriter.Create(stream, settings)) XmlDocument doc = new XmlDocument();//crea un documento xml if (type == OP_SEARCH_USERS_XML) doc = searchusers(name, struttura, id_user);//richiama il metodo searchusers che restituisce il documento RDF\XML XslCompiledTransform myxsltransform = new XslCompiledTransform(); myxsltransform.load(server.mappath("rubrica_toxml.xslt").tostring()); XmlNodeReader reader=new XmlNodeReader(doc); myxsltransform.transform(reader, writer); else if (type == OP_PARS_NOT_VALID) doc.load(server.mappath("template_empty.xml")); doc.writecontentto(writer); else if (type == OP_SEARCH_USERS) doc = searchusers(name, struttura, id_user);//richiama il metodo searchusers che restituisce il documento RDF\XML else if (type == OP_SEARCH_STRUTTURE) doc = getcontattistruttura(name); else if (type == OP_LIST_STRUTTURE) doc = getlistastrutture(); doc.writecontentto(writer);//scrive il documento al writer, che è lo stream di oupput dell'oggetto Response, cioè l'oggetto che risponde alla richiesta HTTP

29 Fogli di stile XSLT I fogli di stile sono usati per 3 scopi principali nell applicazione: Il file rubrica.xslt è usato per trasformare il documento RDF/XML in un documento XHTML Il file rubrica_toxml.xslt è usato per convertire da RDF/XML a XML Il file rubrica_vcard.xslt è usato per trasformare il documento RDF/XML in un file VCARD con estensione vcf. Il file rubrica_ateneo.xslt è usato per trasformare l ontologia rubrica_ateneo.owl in un documento XHTML leggibile da un browser per gli utenti finali Rubrica.xslt Il foglio di stile rubrica.xslt, trasforma il documento RDF/XML in un documento XHTML molto semplice che presenta la lista di utenti in cui per ognuno visualizza uno specchietto con le informazioni riguardo al ruolo e alla struttura di afferenza e la lista dei contatti. Questo foglio di stile disponibile all indirizzo è la modalità di default con cui viene trasformato l output su una richiesta al servizio web REST. Ovviamente questo foglio di stile è comunque disponibile per qualsiasi applicazione abbia un documento XML aderente alla ontologia definita. Il file con il codice XSLT è raggiungibile a questo indirizzo: Rubrica_toxml.xslt Questo foglio di stile trasforma il documento RDF originario in un documento analogo ma in formato XML. Questo nasce dall esigenza di avere, per l integrazione con il portale di Ateneo, la lista dei contatti in formato diverso da RDF, non supportato dal cms, dato che la porzione di codice XML generata dal servizio WEB deve essere inglobata in un documento XML più ampio generato run-time dal CMS. L intero documento XML viene poi a sua volta trasformato con dei fogli di stile lato server dal CMS. Nei fogli di stile caricati nel cms sarà presente la parte di codice necessaria alla trasformazione in XHTML definita nel file RUBRICA.XSLT. Il file rubrica_toxml.xslt è raggiungibile a questo indirizzo:

30 Rubrica_vcard.xslt Questo foglio di stile converte il documento XML\RDF in un file testuale aderente allo standard VCARD. Nel caso ci siano più utenti nel documento originario, il formato v-card consente di inserire più contatti accodando le schede v-card nel file. Il file rubrica_vcard.xslt è disponibile a questo indirizzo: Rubrica_ateneo.xslt Questo foglio di stile traduce il documento OWL in un documento XHTML, per renderlo leggibile agli utenti che devono consultare l ontologia. Ontologia Rubrica_ateneo.owl L ontologia della nostra applicazione si basa innanzitutto su un ontologia già esistente che viene importata, cioè l ontologia VCARD ( ). Questa ontologia descrive tutte le classi, le proprietà e le relazioni necessarie per descrivere le varie tipologie di contatti esistenti e le relative associazioni ad una persona. Abbiamo esteso questa ontologia introducendo delle proprietà e delle classi più aderenti al nostro sistema riguardanti un dipendente, definito dalla classe Employee e la sua afferenza ad una unità organizzativa del nostro Ateneo, definita dalla classe OrgUnit. In Figura 10 è mostrato il diagramma di classe per l ontologia:

31 Figura 10 - Diagramma classe ontologia Le proprietà di queste 2 classi sono rappresentate a questo indirizzo: Nella classe Employee è definita la proprietà isenrolledto. Questa proprietà definisce per il soggetto Employee, il predicato isenrolledto, cioè l afferenza all oggeto, cioè una unità organizzativa. Questa proprietà ha una cardinalità minima di una unità organizzativa, cioè un dipendente deve afferire almeno ad una struttura, e non esiste invece un limite superiore. Nella classe OrgUnit è presente la proprietà inversa di isenrolledto, cioè hasemployees, nella quale per il soggetto, cioè l unità organizzativa, vale il predicato hasemployees, cioè ha afferenza con l oggetto, cioè un dipendente. Anche in questo caso, una struttura deve avere almeno 1 dipendente afferente, mentre non c è limite massimo. Infine, per la classe Employee è stato definita una data properties id_user che non era definita nell ontologia vcard e che è un attributo specifico dell ontologia della nostra applicazione web. E stata inoltre aggiunta anche la proprietà matricola_csa che rappresenta la matricola del personale nel sistema di Carriere e Stipendi di Ateneo. Questo valore viene usato per istanziare l entità Employee. Sia matricola_csa che id_user sono due valori che identificano un utente. E stato scelto di esportarli entrambi, in quanto possono essere molto utili come chiave per l integrazione in vari sistemi, come per esempio per tutti i sistemi di Ateneo che usano la matricola come chiave univoca del dipendente.

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli