telematica sanitaria e telemedicina introduzione il modello ISO/OSI il modello TCP/IP il modello a tre strati di Cisco CCNA (elementi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "telematica sanitaria e telemedicina introduzione il modello ISO/OSI il modello TCP/IP il modello a tre strati di Cisco CCNA (elementi)"

Transcript

1 telematica sanitaria e telemedicina introduzione il modello ISO/OSI il modello TCP/IP il modello a tre strati di Cisco CCNA (elementi)

2 Architettura a strati La realizzazione di servizi di rete richiede l interazione tra processi applicativi su due host p.e. Ai processi applicativi non interessa la struttura della rete né i dettagli del trasferimento dei dati. Se due calcolatori in rete (host) fossero uniti da un canale ideale, le loro preoccupazioni sarebbero: stabilire la connessione sincronizzare il dialogo (si parla insieme, uno alla volta, etc.) effettuare conversioni (ASCII, EBCDIC) svolgere le azioni necessarie al servizio richiesto (p.e., trasferimento file)

3 Architettura a strati Come rendere ideale il canale di comunicazione che unisce gli host su cui sono ospitate le applicazioni che devono interagire? Occorre: (1) Annullare l effetto degli errori di linea su ogni tratta host-nodo e nodo-nodo (2) Provvedere all indirizzamento e all instradamento dei pacchetti nella rete (3) evitare la congestione e sincronizzare la produzione ed il consumo di pacchetti su ogni singola tratta e da host a host (controllo di flusso) (4) garantire il recupero dei pacchetti perduti, l eliminazione dei duplicati, il riordinamento (a seconda del servizio offerto)

4 Architettura a strati Alcuni aspetti principali caratterizzano i compiti precedenti: (a) si tratta di una serie di problemi risolvibili in modo indipendente, anche se ognuno ha bisogno dei risultati di una serie di problemi precedenti (b) alcune funzioni base, quali controllo di errore, controllo di flusso, controllo di sequenza, etc., ricorrono in forma concettualmente simile in diversi livelli gerarchici (c) si tratta in ogni caso di problemi di comunicazione e pertanto per risolverli è necessaria una qualche forma di interazione tra i due sistemi comunicanti (le regole che stabiliscono le modalità di tale interazione prendono il nome di protocolli).

5 Architettura di rete Una architettura di rete è dunque una particolare strutturazione in livelli funzionali (o layer) con i relativi protocolli

6 Protocolli di comunicazione a protocol is an official procedure or system of rules for a given activity a computer communication protocol, therefore, is a set of rules that govern the exchange of information within a network. communication protocols define the manner in which peer processes communicate among various computer hardware devices. the protocols set the rules for functions such as passing and extraction of messages and handling error conditions.

7 Protocol layering We can organize the modules of protocol sw on each machine into layers. Each layer will, then, handle a specific communication sub-problem. Many types of problems arise when data in the form of packets gets communicated within a network. Some of them are: host failure link failure network congestion data congestion packet delay or loss data corruption data duplication or packet out of sequence

8 Protocol layering as we can see, when there is such a variety of potential problems in data communication, it is impractical to set a single protocol to handle all of them. Therefore, it makes sense to organizethe protocol sw into different layers, so that each layer can handle a particular set of problems

9 layered protocol characteristics each layer has a predefined set of functions layers provide services to their immediate upper layers, hiding the details of the service peer layers communicate using a peer protocol layers are separated from each other with interfaces layer N layer N peer protocol layer N

10 Advantages of layering data hiding and encapsulation (data structures, algorithms, etc... in a layer are not visible to other layers) reduced complexity (complex systems can be decompoed into more easily understood pieces and a layer can be omitted if some or all of its sevices are not needed) increased evolution (systems can evolve faster, since layers can be changed while still integrating with existing systems) easy extension (alternate services can be offered at layer N+1 that share the services of layer N) multi vendor integration (alternate implementations of a layer can co-exist) easy testing (confidence in correct operation, enhanced by testing each layer independently)

11 advantages of layering a product from one vendor that implements functionality at a particular layer, will be much more likely to interoperate with another vendor's product at another layer because both vendors are following the model example: a Microsoft application (application layer) sending traffic over a Cisco router (network layer)

12 common layered models a)iso's OSI layered model b)tcp/ip layered model c)cisco's 3 layered model d)ibm's SNA model ISO/OSI Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical TCP / IP Application Transport Internet Network Access Physical

13 SNA vs. OSI

14 SNA model Data link control (DLC)- Defines several protocols, including the Synchronous Data Link Control (SDLC) protocol for hierarchical communication, and the Token Ring Network communication protocol for LAN communication between peers. SDLC provided a foundation for ISO HDSL and IEEE Path control- Performs many OSI network layer functions, including routing and datagram segmentation and reassembly (SAR) Transmission control- Provides a reliable end-to-end connection service (similar to TCP), as well as encrypting and decrypting services Data flow control- Manages request and response processing, determines whose turn it is to communicate, groups messages, and interrupts data flow on request Presentation services- Specifies data-transformation algorithms that translate data from one format to another, coordinate resource sharing, and synchronize transaction operations Transaction services- Provides application services in the form of programs that implement distributed processing or management services

15 SNA Model SNA was designed around the host-toterminal communication model that IBM's mainframes use. IBM expanded the SNA protocol to support peer-to-peer networking. SNA is still widely deployed

16 open and closed systems layered models may be open or closed an open system is a system in which its architecture is not a secret and is open for everyone who is interested in using, changing and reworking on it, for his or her specific requirement (OSI). a closed or proprietary system is a system in which the architecture is kept a secret from the general users by its creator. if a user wants to use it in any manner, he has to obtain the authorization from the vendor, leading to lack of standardization (SNA).

17 Evolution of OSI model In the 1970s', proprietary early network designs evolved. In the early 1980s', manufacturers began attempting standardization. Two bodies, which lead the movement for standardization, were: ISO (International Organization for Standardization) and IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) IEEE standardized protocols for the Token Ring and Ethernet network types, while ISO developed a networing model known as the Open Systems Interconnect (OSI) reference model.

18 OSI reference model OSI is an ISO standard for worldwide communications that defines a networking framework, for implementing protocols in seven layers. The OSI reference model describes the functions involved in data communication. it is a conceptual framework for understanding the complex interactions that occurr; OSI is not a protocol that performs any specific function in the networking process; it is not a code or software; the OSI model defines data communication functions, in terms of 7 layers;

19 OSI reference model each layer is responsible for certain basic functions, such as: getting data from one device to another or getting data from an application on one computer to another the OSI model does host-to-host networking, and divides that into layered protocols, sometimes called a stack, consisting of abstractions, called layers. communication between peer entities at a given layer is done via one or more protocols; this communication is invoked via the interface with the adjacent layer

20 OSI reference model OSI model allows vendors to implement specific functionality into their networking devices. a network card is a layer 1 (physical) device a switch is a layer 2 (data link) device a router is a layer 3 (network) device this helps the vendors to easily interoperate with other vendor's devices that follow the same road map, the OSI model.

21 Principi base L architettura OSI si basa su una serie di principi progettuali, di seguito elencati: (1) non creare un numero eccessivo di layer ai fini della loro definizione ed integrazione (2) raccogliere funzioni simili nello stesso layer (3) creare layer che possano essere completamente riprogettati (per usufruire di nuove tecnologie) senza influire sui layer precedenti e seguenti.

22 Principi base Ancora: (4) creare un layer ovunque ci sia bisogno di introdurre un nuovo livello di astrazione nel trattamento dei dati (es: morfologia, sintassi, semantica) (5) far si che cambiamenti di funzioni e protocolli all interno di un layer non influenzino altri layer (6) definire interazioni solo tra layer contigui

23 OSI reference model some important data communication concepts related to OSI layers are: 1. protocol data units 2. data encapsulation/decapsulation

24 Protocol data units Layer Application Presentation Session Transport Network Data Link PDU Name Data Data Data Segment Packet Frame data exists at each layer in units called PDU the table gives the names of PDU at each layer Physical Bits

25 Encapsulation / decapsulation decapsulation Layer Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical PDU Name Data Data Data Segment Packet Frame Bits encapsulation encapsulation process by which data moves between different PDU types each layer or protocol accepts a message from a layer (or protocol) above it and places its own header encapsulation occurrs, as data moves from higher to lower layers decapsulation: reverse of encapsulation decapsulation occurrs as data moves from lower to higher layers

26 Data encapsulation process application data transport header application data network header transport header application data data link header network header transport header application data data link header protocol headers are added as data moves from higher to lower layers

27 I livelli Lo scopo di ciascun livello è quello di fornire servizi ai livelli superiori, mascherando come questi servizi sono implementati Ogni livello passa dati e informazioni di controllo al livello sottostante, sino a quando si raggiunge il livello fisico che effettua la trasmissione

28 Livello fisico Trasmissione di sequenze non strutturate di bit sul canale fisico di comunicazione Problemi: meccanici, elettrici, funzionali e procedurali delle interfacce di rete (componenti che connettono l'elaboratore al mezzo fisico) e le caratteristiche del mezzo fisico. Specifica: codifiche dei bit (lunghezza temporale, forma, etc.) caratteristiche dei cavi e dei connettori

29 Physical layer the physical layer handles all the physical aspects of communication, between two directly connected physical entities physical properties include electromechanical characteristics of the medium or links between the communication physical entities, such as connectors voltages transmission frequencies, etc... the physical layer provides an unstructured bit stream, which can be used by higher layers, to provide the basis for higher layer communication services

30 Physical layer main functionality: transmits bits data units: bits devices: multiplexer/repeater examples: LAN e WAN implementations such as Ethernet, Fast Ethernet, RS-232, etc...

31 Livello data link Trasmissione sequenziale strutturata di dati (frames o trame) tra nodi adiacenti priva di errori non segnalati Deve: identificare l inizio e la fine dei pacchetti (framing) rilevare e recuperare errori eventualmente gestire ritrasmissioni gestire il controllo di flusso Per le reti locali gestisce il controllo di accesso al mezzo trasmissivo (protocolli di accesso multiplo)

32 Data Link layer the Data Link layer accepts the bit stream provided by the physical layer and provides reliability of transfer of data between two directly connected entities. the Data Link layer's functionality includes: flow control error detection and control topologies (star, bus, ring...) Access control (MAC) the Data Link is divided into two sub-layers: Medium Access Control (MAC) and Logical Link Control (LLC)

33 LLC sub-layer The LLC sub-layer is responsible for reliable transfer of messages-link protocol data units (LPDUs), between two directly connected Layer two entities. Its functions include: framing, indicating where a Layer 2 message begins and ends sequence control error control flow control

34 MAC sub-layer MAC is closely associated with the physical layer and defines the means by which the physical medium may be accessed it coordinates, to seize a shered channel, multiple MAC entities like a teacher deciding between students conflicting interests to speak the Mac layer provides a limited form of error control, especially for any header information that defines the MAC-level destination and higher-layer access mechanism Ethernet (IEEE 802.3) is a prime example of a shared medium with a defined MAC sub layer functionality

35 MAC address the Mac sub-layer carries the physical MAC address of each device on the network. The MAC address is a 48- bit address that's encoded on each network device such as router interface or NIC, by its manufacturer it's the Mac address that the physical layer uses to move data between nodes of the network. no two devices in the worl have same MAC addresses (...) E3-42-A8-BC is an example of a MAC address. The first 6 hexadecimal digits (3 bytes) specify the vendor/manufacturer; the other 6 digits define the host

36 Data Link layer main functionality: MAC address, error control data units: frames devices: switch, bridge, router examples: Frame Relay, X.25 (also operates at the Physical and Network layer)

37 Livello di rete Instradamento dei pacchetti (routing) attraverso i nodi intermedi della sottorete di comunicazione Deve: conoscere la topologia della rete scegliere il cammino migliore per far arrivare ciascun pacchetto a destinazione gestire congestioni della rete gestire le incompatibilità di reti eterogenee (internetworking)

38 Network layer the Network Layer defines the functions necessary to support data communication between indirectly connected entities. It has the ability of forwarding messages from one Layer 3 entity to another, until the final destination is reached. Network Layer functions include: routing forwarding of packets to its final destination host providing logical addressing: IP addresses

39 Network layer: routing forwarding and routing of a packet is accomplished, independent of both the media and transmission types used at any step along the way it is like a postal department, where the letter is passed from location to location, until it reaches the destination address on the envelope the network layer is the domain of wide area networks (WANs) Network layer uses logical addresses to pass packets through communication network of routers, to the final host

40 Network layer main functionality: routing, logical addressing (IP) data units: packets devices: router and layer 3 switches examples: IP, IPX, NetBEUI, routing protocols (RIP, OSPF, BGP, IGRP, etc...)

41 Livello di trasporto Fornisce servizi per il trasferimento affidabile dei dati (messaggi) end-to-end controllabili dall utente Deve: aprire e chiudere le connessioni frammentare e riassemblare i messaggi rilevare e correggere gli errori (duplicazione, perdita o mancata sequenzializzazione dei blocchi di dati) controllare il flusso e le congestioni inviare diversi dati (per conto di diversi processi) su un unica connessione (multiplexing) inviare un unico dato su connessioni diverse (per aumentare il throughput)

42 Transport layer the Transport Layer is concerned with getting Layer 4 messages - called segments or transport protocol data units (TPDUs) from source to destination, in a reliable manner. Layer 4 is an end-to-end communication, unlike the hop-by-hop communication at layer 3 Characteristics & services include: flow control error detection and recovery the support of different flows of data to different applications on the same host (multiplexing)

43 Transport layer the general idea is that two communicating hosts need not to be concerned with the topology of the internet work which lies between them. They only need to know the state of their communication. If part of the cloud suffers a failure, the Layer 3 entities (routers) will deal with it and recover dinamically. apart from potential retransmission of any lost segments, the hosts' layer 4 entities do not have to be at all concerned with routing and recovery activities at Layer 3.

44 Transport layer Classification of services: transport services can be classified according to the quality of service that they provide to the layers above. There are two types of service quality: reliable and unreliable. A reliable service is one that makes sure that data is not lost during a transfer and to provide the data errorfree to the service user. It ensures that the receiver acknowledges the receipt of each item of data, and to check that no data is lost in. An unreliable service does not have a mechanism to ensure that the receiver did receive the data sent. The receiver has to check for errors on each block of data, and when even a single unknown bit is detected, the complete data block is discarded.

45 Transport layer Classification of services: transport services may also be classified as: Connection-oriented: the sender of data first establishes a logical connection with the prospective receiver of the data, sends the data and then terminates the connection. This provides in-sequence delivery; that is, the service user receives packets in the order they were sent. TCP is connection-oriented and uses a 3 way handshake to establish a connection before data is sent. Connectionless: the sender does not establish a contact with the receiver first. Whenever there is a data packet ready to be sent, it independently routes the packet to a gateway. As the routers choose the routes dinamically it is possible that different packets from a single session take different routes, and also may arrive out of order to the destination.

46 Transport layer main functionality: connection and flow control adding reliability with error detection and recovery data unit: segments devices: gateway examples: TCP, UDP

47 Livello di sessione Organizzazione del dialogo e della sincronizzazione tra due programmi applicativi e del conseguente scambio di dati Deve: gestire connessioni tra diverse applicazioni controllare la sincronizzazione invio/ricezione inserendo dei checkpoints nel flusso dei dati abilitare il login a macchine remote (anche in modalità time-sharing)

48 Session layer the session layer controls communication or dialogue between applications on hosts synchronization of communicating applications comes into play, when coordinated timing of corresponding events at the end points is imperative, such as in financial transactions

49 Session layer main functionality: controls dialogues between applications data unit: data devices: gateway examples: NFS (network file system), SQL, RPC, NetBios, XWindows

50 Livello di presentazione Garantisce l indipendenza ai processi applicazione rispetto alle differenze nella rappresentazione dei dati (sintassi) Deve: negoziare la sintassi di trasferimento effettuare le conversioni con le rappresentazioni locali dei dati (es., traduzione tra ASCII ed EBCDIC)

51 Presentation Layer this Layer performs any necessary data transformations or formatting required by the end applications. Functions of the presentation layer include: data compression file formatting encryption Common data formatting is important because it allows the same application file to be accessed by the application, running on different computer platform

52 Presentation layer main functionality: formatting, encryption and compression data unit: data devices: gateway examples: MPEG, ASCII, QuickTime, GIF, TIFF, JPEG

53 Livello di applicazione Definizione dei servizi per l utente e del funzionamento dei programmi applicativi Fornisce i servizi utilizzati dall utente, quali: Network Virtual Terminal, che consente il remote job entry (es. TELNET Protocol) File transfer: rende la manipolazione di files indipendente dal particolare file system in uso sui singoli hosts fra i quali variano le convenzioni sui nomi di files, le codifiche di testo, ecc (es. FTP) Electronic Mail (es. SMTP)

54 Application Layer the Application Layer provides the services that directly support an application running on a host. This layer is closest to the end user. Examples of layer 7 services include: FTP Telnet SNMP (simple network man. protocol) most network management activities are based on the services provided by layer 7.

55 Application layer main functionality: provides network services to applications data unit: data devices: gateway examples: Telnet, SMTP, FTP, SNTP

56

57 TCP/IP model - introduction the TCP/IP model was creatad by the US Department of Defense to create a network that could survive any conditions some of the layers in the TCP/IP model have the same names as layers in the OSI model TCP/IP is a protocol specific model (where OSI is a protocol independent model)

58 TCP/IP model layers TCP / IP Application Transport Internet Network Access Application layer: includes the OSI Application, Presentation and Session layers Transport layer: similar to OSI, with TCP (transmission control protocol) and UDP (user datagram protocol) operating at this layer Internet layer: similar to OSI Network layer. IP resides at this layer Network Access layer: combines all functionality of Physical and Data Link layers of OSI model

59 Application layer Protocolli più diffusi: TELNET: permette il login a macchine remote, mettendo a disposizione un terminale virtuale FTP: File Transfer Protocol SMTP: Simple Mail Transfer Protocol DNS: Domain Name Server (gestisce la mappatura Hosts Addresses) NNTP: Network News Transfer Protocol (per la circolazione di notiziari on line) HTTP: Hyper Text Transfer Protocol (per il trasferimento di ipertesti, dotati cioè di links)

60 Transport layer Prevede due protocolli: TCP: Transmission Control Protocol fornisce collegamenti di tipo connection oriented prevede forme di controllo di flusso assieme all Internet Protocol dà il nome al modello UDP: User Datagram Protocol fornisce collegamenti di tipo connectionless delega il controllo di flusso alle applicazioni adatto a comunicazioni in cui il prompt delivery è più importante di un accurate delivery es. trasmissioni voce e video)

61 Internet/network layer Corrisponde al livello di rete del modello OSI. Fornisce esclusivamente comunicazioni connectionless. Funzionalità principali: Routing degli IP Packets Controllo delle congestioni

62 Network access / host-to-network layer Raggruppa i livelli Data Link e Fisico del modello ISO/OSI Il modello TCP/IP non descrive dettagliatamente il suo funzionamento Definisce unicamente l unità di informazione che circola in rete come IP Packet

63 Confronto fra OSI e TCP-IP L OSI fa emergere con evidenza tre concetti chiave risultando aderente alla moderna filosofia di programmazione object oriented: Servizi Interfacce Protocolli (Peers protocols) L oggetto principale è il layer

64 Confronto fra OSI e TCP-IP Nel caso dell OSI il modello precede la realizzazione dei protocolli. Risulta quindi più organico ma anche ridondante. (I livelli Presentation e Session non hanno avuto un particolare sviluppo nella reale evoluzione delle reti). Nel caso del TCP/IP il modello è venuto definendosi come semplice descrizione di protocolli già esistenti e risulta inadatto a descrivere sistemi basati su diversi protocolli (minore generalità).

65 Confronto fra OSI e TCP-IP Servizi e comunicazioni: ISO/OSI: il Network layer prevede protocolli sia per la comunicazione connection oriented che per quella connectionless. Il Transport layer ha protocolli esclusivamente connection oriented. La scelta del tipo di servizio è dunque invisibile all utente. TCP/IP: la doppia possibilità risiede nel Transport layer (TCP e UDP), mentre l Internet layer prevede solo comunicazione connectionless. Il tipo di servizio è una scelta disponibile all utente, anche se legata alla reliability (TCP: reliable, UDP: unreliable)

66 Confronto fra OSI e TCP-IP ISO/OSI modello: utile ed adeguato per la descrizione delle reti protocolli: sviluppi praticamente inesistenti TCP/IP modello: del tutto inadatto alla descrizione generale di altri sistemi protocolli: largamente diffusi e utilizzati in tutto il mondo

67 Cisco 3 layer model - introduction Cisco has defined a hierarchical model, known as the hierarchical inter-networking model. This model simplifies the task of building a reliable, scalable, and less expensive hierarchical inter-network. it focuses on the 3 layers of a network: core layer distribution layer access layer

68 Core layer this layer is considered the backbone of the network, and includes the high-end switches and high-speed cables such as fibre cables does not route traffic at the LAN devices in this layer do no packet manipulation speed and reliable delivery of packets are important at this layer

69 Core layer high data transfer rate speed and efficiency load sharing (a particular load can travel through multiple network connections) low latency period use of high-speed, low latency circuits packet processing is fast since the device is only concerned with forwarding packets, and not enforcing policies high reliability multiple data paths high fault tolerance

70 Distribution layer this layer includes LAN-based routers and layer 3 switches it ensures that packets are properly routed between subnets and VLANs it is also called the workgroup layer

71 Distribution layer this layer is responsible for routing. It also provides policy-based network connectivity, including: packet filtering (firewalling) QoS (the router or layer 3 switches can read packets and prioritize delivery, according to policies) control broadcast and multicast (boundary for bc and mc domains) this layer performs queuing and provides packet manipulation of the network traffic

72 Access layer it includes hubs and switches it is also called the desktop layer because it focuses on connecting client nodes, such as workstations to the network it ensures that packets are delivered to end users computers

73 Access layer it contains devices that allow workgroups and users to use the services provided by the Distribution and Core layers in this layer we have the ability to expand or contract collision domains, using a repeater, hub, or standard switch in this layer switch is an advanced version of a hub, rather than a high-powered device found at the core layer

74 Access layer at this layer we can: enable MAC address filtering create separate collision domains to improve performances share bandwidth handle switch bandwidth (load balancing)

75 Cisco 3 layer model Core layer Distribution layer Access layer

76 Cisco 3 layer model - benefits The benefits of the Cisco 3-layer hierarchical model include: high performance: efficient management and troubleshooting policy creation (filters, rules) scalability behavior protection of the network

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio Reti di calcolatori Lezione del 18 maggio Riepilogo concetti Il software di rete La gestione della rete non può essere lasciata alle applicazioni-utente Necessità di un software specifico dedicato a gestire

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Virtual LAN: VLAN I lucidi presentati al corso

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI MASTER IN TELEMEDICINA RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.4n Gruppo di Ricerca in Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione: Elettronica, Informatica, Telecomunicazioni

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

RETI E PROBLEMATICHE DI RETE. Introduzione. Rete di calcolatori. V. Moriggia 1. Le reti di calcolatori

RETI E PROBLEMATICHE DI RETE. Introduzione. Rete di calcolatori. V. Moriggia 1. Le reti di calcolatori RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 1 1.2 Introduzione E virtualmente impossibile per la persona media trascorrere 24 ore senza usare direttamente o indirettamente una qualche forma di rete di computer Sistemi

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Mainframe Network. Giada Rauti I semestre 2008-2009

Mainframe Network. Giada Rauti I semestre 2008-2009 Mainframe Network Giada Rauti I semestre 2008-2009 Docente: Giada Rauti Laureata in Fisica nel I985 presso l Universita La Sapienza di Roma. Inizia la sua attivita lavorativa presso l istituto di astrifisica

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli

Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Principali organismi di standardizzazione Modello di riferimento OSI Descrizione dei livelli 6.2 User N+1_Layer User REQUEST RESPONSE CONFIRMATION

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

le certificazioni presso il dipartimento di informatica Protocolli di rete corso Cisco CCNA #1 Networking basics aderire? CCNA1 - CISCO a.a.

le certificazioni presso il dipartimento di informatica Protocolli di rete corso Cisco CCNA #1 Networking basics aderire? CCNA1 - CISCO a.a. le certificazioni presso il dipartimento di informatica Protocolli di rete a.a. 2008-2009 Francesco Dalla Libera CCNA1 - CISCO non rilasciamo una certificazione vera e propria ma una qualificazione per

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP 11.1 TCP/IP Transport Layer 11.1.1 Introduzione al transport layer Lo scopo primario del livello transport, livello 4 del modello OSI, è di

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

Manufacturing Automation Protocol (MAP)

Manufacturing Automation Protocol (MAP) Manufacturing Automation Protocol (MAP) Sviluppato specificatamente per comunicazioni tra computer in un ambiente di produzione industriale Nel 1980 General Motors decide di iniziare lo sviluppo di un

Dettagli

Appunti del corso di PROF. G. BONGIOVANNI

Appunti del corso di PROF. G. BONGIOVANNI Appunti del corso di PROF. G. BONGIOVANNI Premessa... 2 1) INTRODUZIONE...3 1.1) Usi delle reti di elaboratori... 4 1.2) Aspetti hardware delle reti... 5 1.2.1) Tecnologia trasmissiva... 5 1.2.2) Scala

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli.

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli. Università degli Studi di Parma Elementi Base del Modello OSI Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D Modello OSI mezzi fisici Connessioni Struttura a Livelli Per ridurre la complessità progettuale, tutte

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2004/2005 Capitolo 2 Strati protocollari e modelli di servizio alberto.polzonetti@unicam.it Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Le

Dettagli

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection

Fieldbus. Introduzione terminologia. Industrial network systems. A short introduction to fieldbus for industrial applications. Systems interconnection Fieldbus Industrial network systems A short introduction to fieldbus for industrial applications Introduzione terminologia Systems interconnection Es. The OSI model (not mandatory) LAYER FUNCTION EXAMPLES

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 1 Informazioni Logistiche

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 1 Informazioni Logistiche INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 1 Informazioni Logistiche Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Informazioni pratiche Orario lezioni Teoria:

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 Reti di Trasporto Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08 1 Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 2 Reti dati per le aziende 2) 10.0.2.x 3) 10.0.3.x 4) 10.0.4.x 1) 10.0.1.x 5) 10.0.5.x 8) 10.0.8.x 6)

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media Livello DataLink Livello DataLink According to the OSI model, the DataLink layer is placede directly abovethe physicallayerand itsgoal isassuringefficiencyand reliability in the communication process between

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE RETI DI CALCOLATORI 1. Cosa è Internet?

ARCHITETTURA DELLE RETI DI CALCOLATORI 1. Cosa è Internet? ARCHITETTURA DELLE RETI DI CALCOLATORI 1 FROSIO IURI LAB. MAVR frosio@dsi.unimi.it Cosa è Internet? A SPECIFIC COMPUTER NETWORK Non l unica rete, ma la più importante!!! INTERNET: - NUTS & BOLTS: componenti

Dettagli

Una definizione di Rete

Una definizione di Rete Modulo 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Lo stack protocollare application: supporta le applicazioni che

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 5. Elementi di base di reti

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 5. Elementi di base di reti Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 5. Elementi di base di reti Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/~milazzo/ milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2014/15 - II Semestre FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Lucidi delle Lezioni - Capitolo IX Struttura

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Stratificazione protocollare (Protocol Layering )

Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Le reti sono complesse! olti elementi: host router fisici dalle caratteristiche diverse applicazioni protocolli hardware, software Domanda: Come organizzare

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione Francesco Fontanella Software delle reti Una rete è costituta da macchina diverse; Come è possibile farle comunicare?

Dettagli

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802.

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802. Reti e sottoreti LAN, MAN, WAN, PAN Nodi di rete, client e server NOS (Network Operating System) Reti Peer-to-Peer Componenti hardware per le reti Cablaggio Schede di rete (NIC-Network Interface Card)

Dettagli

Livello Network di Internet. Francesco Dalla Libera

Livello Network di Internet. Francesco Dalla Libera Livello Network di Internet Francesco Dalla Libera agenda parte prima IP addressing & subnetting parte seconda protocollo IP parte terza routing & forwarding parte quarta il futuro: IP vers 6 FDL - 2002

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Interconnessione di LAN Hub, bridge e switch

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO Cisco Networking Academy Program Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO 1 Networking Academy Program 2.0 Portfolio 18 Corsi complessivi CAREERS Enterprise Networking CCNP Advanced Routing

Dettagli

Reti di Computer. A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it

Reti di Computer. A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it Reti di Computer A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it Cosa. Concetti fondamentali di Rete Cos e una rete Perché creare una rete Classificazione e tipologie di rete

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 5: Reti di Calcolatori. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 5: Reti di Calcolatori. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 5: Reti di Calcolatori Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Connettiamo due calcolatori... 2 Perché una rete di calcolatori? Condividere risorse utilizzo

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 2 Livelli di astrazione Network layers Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Protocol Layers Sistemi complessi!

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le reti e la rete Internet. Mauro Gaspari mauro.gaspari@unibo.it

Le reti e la rete Internet. Mauro Gaspari mauro.gaspari@unibo.it Le reti e la rete Internet Mauro Gaspari mauro.gaspari@unibo.it 1 Telecomunicazioni L area delle telecomunicazioni riguarda Trasmissione di voce e video Comunicazione di dati (Data Communication) In questo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Internetworking. www.vincenzocalabro.it

Internetworking. www.vincenzocalabro.it Internetworking 1 Internetworking Bridge, Router, Brouter e Gateway servono ad interconnettere reti diverse. L interconnessione può avvenire su base locale o remota. Si collocano a livelli diversi del

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli