Guida alla lettura del PROSPETTO INFORMATIVO dei fondi comuni di investimento aperti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla lettura del PROSPETTO INFORMATIVO dei fondi comuni di investimento aperti"

Transcript

1 Guida alla lettura del PROSPETTO INFORMATIVO dei fondi comuni di investimento aperti Cos è il prospetto informativo Ogni fondo (o famiglia di fondi) ha il proprio prospetto informativo, documento predisposto dalla società di gestione del risparmio (sgr) o dalle società di investimento a capitale variabile (sicav) e preventivamente sottoposto alla Consob. In questa Guida ci occuperemo dei prospetti informativi relativi ai fondi armonizzati aperti, cioè quelli comunemente offerti in Italia. Il prospetto informativo è un documento ricco di informazioni utili per: La predisposizione e la consegna del prospetto informativo si inseriscono nella disciplina della sollecitazione del pubblico risparmio che si applica a coloro che offrono prodotti finanziari ed è finalizzata, fra l altro, a: - garantire adeguati livelli di correttezza da parte degli operatori; - garantire la diffusione di adeguate informazione che illustrino le caratteristiche e la rischiosità dell investimento. o comprendere le caratteristiche dei diversi fondi di investimento offerti; o individuare quelli più adatti a costruire un portafoglio adeguato alle proprie esigenze in termini di rischio/rendimento; o effettuare comparazioni fra più fondi; o amministrare il proprio investimento. Deve essere obbligatoriamente consegnato prima della sottoscrizione agli investitori affinché possano leggerlo prima di sottoscrivere. Si compone, oltre al modulo di sottoscrizione, di due parti: la prima riporta le informazioni di Il prospetto: leggerlo prima, non dopo - Spesso succede che il prospetto informativo non venga letto o venga letto solo dopo l investimento. E un errore: leggere il prospetto è un piccolo sacrificio per un grande vantaggio: investire correttamente i propri risparmi. 1

2 carattere generale, le caratteristiche dei singoli fondi e le modalità per sottoscrivere, rimborsare o passare da un fondo all altro; la seconda contiene i risultati storici e i costi effettivamente sostenuti da ciascun fondo. Ad integrazione del prospetto è possibile richiedere alla sgr la consegna del Documento sui soggetti che partecipano all operazione, che contiene informazioni di maggior dettaglio utili per chi vuol approfondire la conoscenza del prodotto e della sgr. Attraverso questa Guida esamineremo i paragrafi che compongono il prospetto ed il documento sui soggetti che partecipano all operazione, evidenziando le informazioni contenute e la loro finalità. PARTE I DEL PROSPETTO: caratteristiche dei fondi e modalità di partecipazione A) Informazioni generali Si compone di quattro paragrafi. Descrive, in termini generali e sintetici: o par. 1 e 2 i compiti dei soggetti che intervengono nell operazione, e cioè sgr, banca depositaria e soggetti collocatori, con indicazione, per la sgr, anche del gruppo di appartenenza; o par. 3 le caratteristiche e le finalità dello strumento fondo comune ; o par. 4 - i rischi generali connessi all investimento in fondi. A comprendere in generale le caratteristiche e le modalità di funzionamento dello strumento fondo comune. 2

3 Importante è l illustrazione, anche questa in termini generali, dei rischi connessi ai singoli strumenti finanziari (azioni, obbligazioni) che possono, in astratto, comporre il patrimonio del fondo. B) Informazioni sull investimento Contiene due paragrafi (par. 5 e 6) che riportano informazioni specifiche per ciascun fondo. o Par. 5 Illustra la politica di investimento di ciascun fondo. In particolare: la valuta di denominazione del fondo; la finalità; l orizzonte temporale dell investitore; il grado di rischio; gli obiettivi di investimento; lo stile gestionale; la destinazione dei proventi; o par. 6 Riporta il parametro di riferimento (benchmark) prescelto per ogni fondo. Le indicazioni relative alla politica di investimento sono essenziali per comprendere il profilo di rischio/rendimento del fondo e, quindi, se è adatto, anche insieme ad altri fondi o prodotti, alle esigenze finanziarie dell investitore. Vediamole in dettaglio: o la valuta indica se il fondo è denominato in euro o altra valuta. Ha un valore essenzialmente informativo, in quanto il fatto che il fondo sia denominato in valuta diversa dall euro non comporta, di per sé, una particolare rischiosità; questa, semmai, deriva dalla valuta in cui sono denominati gli investimenti del fondo; 3

4 o la finalità indica, molto sinteticamente, il risultato che il fondo si propone di ottenere (mantenimento del capitale, graduale accrescimento, incremento rilevante). Ovviamente, obiettivi ambiziosi comportano rischi più elevati; o l orizzonte temporale indica il tempo minimo di permanenza nel fondo. E connesso alla politica di investimento: chi investe in fondi azionari deve necessariamente porsi un orizzonte temporale superiore rispetto all investimento in fondi obbligazionari o monetari; o il grado di rischio viene espresso in termini descrittivi (basso, medio-basso, medio, medio-alto, alto e molto alto) e viene stimato anche in relazione alla volatilità storica del fondo (o del benchmark in caso di fondi da poco operativi), e cioè la variabilità del rendimento registrata nel passato; o gli obiettivi di investimento indicano: 1. le principali tipologie di titoli (azioni, obbligazioni, titoli di stato, ecc.) in cui investe il fondo; 2. le aree geografiche (o i mercati) di riferimento. E evidente che le aree emergenti (paesi in via di sviluppo) presentano maggiori rischi rispetto a paesi industrializzati da un maggior numero di anni; 3. le categorie di emittenti: stati sovrani (o enti governativi o sopranazionali) o società private. Per i primi è importante il merito di credito (rating); per i secondi, possono avere rilevanza anche altri elementi (ad esempio la dimensione, la liquidità dei titoli emessi, ecc.); 4. i settori industriali: alcuni fondi azionari si caratterizzano ulteriormente per il fatto di concentrare gli investimenti in determinati settori (farmaceutico, finanziario, nuove tecnologie, ecc.). Comportano un rischio superiore, in A proposito di fondi obbligazionari Acquistare un fondo obbligazionario non ripara da ogni rischio. Anche se le obbligazioni vengono emesse da Stati o enti sovranazionali. Un elemento importante è infatti rappresentato dalla durata dei titoli che, se particolarmente lunga, comporta un rischio non indifferente, chiamato di tasso di interesse. Questo rischio aumenta con l aumentare della durata del titolo e non si presenta per quei titoli, detti a tasso variabile, che prevedono meccanismi di adeguamento delle cedole ai tassi di mercato (tipici i CCT). 4

5 quanto diminuisce il livello di diversificazione del fondo; 5. gli specifici fattori di rischio: gli investimenti in titoli emessi da società a bassa capitalizzazione; la durata media finanziaria (ossia, semplificando, il tempo mancante alla scadenza) ed il merito di credito (rating) della componente obbligazionaria del portafoglio, gli investimenti in strumenti finanziari emessi dai paesi con un significativo rischio di insolvenza. o lo stile gestionale che indica, innanzi tutto, la relazione con il benchmark, individuando i fondi a gestione attiva e quelli a gestione passiva. In base allo stile si possono individuare anche fondi che adottano particolari metodologie per selezionare i titoli. Ad esempio, se si intende preferire titoli di società che presentano prospettive di elevata crescita degli utili (growth), ovvero se si orienta la selezione verso titoli di società caratterizzate da tassi di crescita più in linea con l andamento economico generale, scegliendo i titoli dal potenziale maggiore rispetto a quello riflesso nei loro prezzi (value). O ancora, se si intende privilegiare valutazioni microeconomiche (bottom up), cioè riguardanti le singole società, ovvero macroeconomiche (top down), concernenti l andamento dei mercati più in generale; o la destinazione dei proventi indica se il fondo è a distribuzione (i proventi maturati vengono periodicamente distribuiti ai partecipanti) ovvero ad accumulazione (i proventi non vengono distribuiti ma accrescono il valore della quota). Dal punto di vista economico non vi è alcuna differenza sostanziale (non si deve pensare, cioè, che un fondo che distribuisca proventi sia per ciò solo più vantaggioso di uno ad accumulazione). Nella gestione attiva, il gestore seleziona i titoli (comunque riferibili al benchmark) che riterrà più promettenti, con lo scopo di ottenere un rendimento maggiore rispetto al benchmark; nella gestione passiva si limiterà a immettere nel fondo gli stessi titoli (e nella stessa proporzione) che compongono il benchmark. Le informazioni di questo paragrafo sono, per così dire, programmatiche, nel senso che 5

6 rappresentano le linee guida del gestore. Per avere un idea degli investimenti concretamente posti in essere il risparmiatore ha un altro strumento informativo: può richiedere alla sgr il rendiconto annuale del fondo, dove è riportata la composizione del portafoglio ed è contenuta una relazione degli amministratori che illustra, fra l altro, la politica gestionale seguita. Nel par. 6 è descritto sinteticamente il benchmark del fondo. Si tratta di un indice di mercato o, più spesso, di una composizione di indici che ha due finalità: o agevolare la comprensione della politica di gestione del fondo (se il benchmark è composto per l 80% dall indice MIB e per il 20% dall indice MTS BOT è evidente che si tratta di un fondo prevalentemente azionario, orientato al mercato italiano, con una parte minore del patrimonio investito in obbligazioni a breve termine); o valutare l abilità del gestore attraverso il confronto (da effettuare con le opportune cautele) dei risultati ottenuti dal fondo e dal benchmark (a questo scopo si utilizzano i dati contenuti nella seconda parte del prospetto). Ulteriori informazioni sugli indici che compongono il benchmark di ciascun fondo sono contenute nel documento sui soggetti che intervengono nell operazione. C) Informazioni economiche (costi, agevolazioni, regime fiscale) Si compone di quattro paragrafi (par. 7, 8, 9 e 10). o Par. 7 costi che il sottoscrittore è chiamato a sostenere; o par. 8 agevolazioni finanziarie connesse alla partecipazione al fondo; o par. 9 (eventuale) altri prodotti abbinati ai fondi; o par. 10 regime fiscale. 6

7 Sono informazioni da tenere in considerazione soprattutto nella scelta di un fondo. Innanzi tutto i costi. La loro importanza è evidente e sono stati ampiamente trattati in un altra nostra pubblicazione, Investire in fondi, disponibile in ovvero a richiesta presso la Consob. Le indicazioni contenute nel paragrafo sono utili per verificare la presenza di soluzioni particolarmente adatte alle proprie esigenze (ad esempio, se si ha intenzione di permanere nel fondo per parecchi anni, si opterà per la soluzione con commissioni di uscita decrescenti che si azzerano dopo un certo numero di anni). Servono anche per confrontare più fondi. A questo fine, ricordando che il prezzo non è tutto, utili informazioni possono provenire dall uso del calcolatore dei costi (realizzato dalla Consob per valutare i costi connessi ai prodotti gestiti e presente in e, soprattutto, dalla valutazione del totale dei costi effettivamente sopportati da ciascun fondo negli ultimi tre anni (c.d. total expenses ratio), riportato nella parte II del prospetto. Le agevolazioni finanziarie, quando previste, diminuiscono (o azzerano) le commissioni (normalmente quelle di sottoscrizione). In alcuni casi sono concesse a categorie di sottoscrittori (medici, agenti di commercio, ecc.) e possono essere specificate nella misura. In altri casi è genericamente previsto che, al momento dell acquisto, possono essere riconosciuti sconti sulle commissioni, precisando la misura massima della riduzione applicabile. In questi casi è importante contrattare per spuntare il massimo sconto. A volte il fondo è abbinato ad un altro prodotto. Tipico il caso del conto-corrente che consente di investire automaticamente la liquidità sul conto, ovvero quello della polizza assicurativa. Possono costituire opportunità in più per chi investe. Trattandosi di prodotti distinti, il prospetto non descrive le loro 7

8 caratteristiche, rinviando ad altra documentazione che sarà consegnata su richiesta. Le informazioni sul regime fiscale indicano la misura dell imposizione fiscale e forniscono indicazioni concrete sugli (eventuali) obblighi di dichiarazione. D) Informazioni sulle modalità di sottoscrizione/rimborso Si compone di quattro paragrafi (par. 11, 12, 13 e 14). o Par. 11 modalità di sottoscrizione; o par. 12 modalità di rimborso; o par. 13 operazioni successive alla prima; o par. 14 utilizzazione di canali alternativi (internet, banca telefonica, ecc.). Non sono particolarmente importanti in sede di scelta del fondo (anche perché sono simili per tutti i prodotti sul mercato). Servono invece per amministrare l investimento. Le informazioni sulla procedura di sottoscrizione e di rimborso servono, oltre che per eseguire correttamente le relative operazioni, anche per quantificare il tempo necessario per l acquisto o il riscatto delle quote e, in particolare, per determinare il giorno di valorizzazione (cioè il giorno che si prende a riferimento per attribuire il valore alle quote sottoscritte o rimborsate): a volte, assumere il valore di un giorno piuttosto che di un altro può avere conseguenze economiche rilevanti. Le stesse considerazioni valgono per quanto riguarda le operazioni successive alla prima, in pratica le operazioni di passaggio fra fondi 8

9 (cc.dd. switch). Di rilievo è l indicazione dei costi eventualmente previsti. Infine, le tecniche di comunicazione a distanza e, quindi, soprattutto internet. L utilizzo di questi strumenti comporta l adozione di procedure e cautele, descritte in questa parte del prospetto, necessarie per assicurare anche a questi canali distributivi le stesse prerogative in termini di tutela del risparmiatore. Nel paragrafo è anche indicata la tempistica per le operazioni disposte on-line e l eventuale diminuzione delle commissioni. E) Informazioni aggiuntive Contiene tre paragrafi (par. 15, 16 e 17). o Par. 15 valorizzazione delle quote; o par. 16 informazioni da rendere ai partecipanti; o par. 17 informazioni a richiesta. Anche queste informazioni servono non tanto nella scelta del fondo ma, piuttosto, nella fase successiva all acquisto. Lo strumento fondo consente al risparmiatore di conoscere in ogni momento il valore del proprio investimento: è sufficiente moltiplicare il numero delle quote possedute per il loro valore. In questo paragrafo sono indicati i quotidiani (e, eventualmente, i siti internet) dove questo valore viene pubblicato e la frequenza di pubblicazione. La sottoscrizione di un fondo comporta l instaurarsi di un flusso informativo a favore del sottoscrittore. Nel par. 16 sono elencate le informazioni che la sgr deve rendere. Importanti, fra queste, sono l invio ogni anno della parte II del prospetto, contenente tutti i dati di rendimento del fondo e del benchmark, 9

10 utili per monitorare l andamento dell investimento, nonché le modifiche di una certa rilevanza riguardanti le caratteristiche essenziali del fondo (ad esempio, il significativo aumento delle commissioni o la modifica degli obiettivi di investimento) che potrebbero indurre l investitore a chiedere il rimborso delle quote. Le indicazioni contenute nel par. 17 riguardano, invece, gli ulteriori documenti che il sottoscrittore ha diritto di richiedere in ogni momento previo pagamento, se previsti, dei relativi oneri di spedizione. Di rilievo, il regolamento di gestione del fondo, i documenti contabili ed il documento sui soggetti che partecipano all operazione. Si tratta di informazioni di maggiore complessità e tecnicità il cui utilizzo consente un maggior livello di approfondimento sull investimento. Sono tempestivamente comunicate ai singoli partecipanti le variazioni concernenti l'identità del gestore, le caratteristiche essenziali del fondo, l'aumento delle spese applicabili ai partecipanti in misura superiore al venti per cento, nonché le caratteristiche dei nuovi fondi inseriti nel prospetto. Le variazioni meno importanti sono comunicate insieme all invio dell'aggiornamento dei dati periodici contenuti nella parte II del prospetto, da effettuare ogni anno entro il mese di febbraio. PARTE II DEL PROSPETTO: illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento dei fondi e dei costi dei fondi Questa parte del prospetto rappresenta, per così dire, la prova su strada. Sono riportati, infatti, i dati maggiormente significativi per valutare il rischio/rendimento ed i costi effettivi sopportati da ciascun fondo. I dati contenuti, riferiti agli anni solari, devono essere aggiornati annualmente, entro il mese di febbraio. La lettura del documento è sicuramente utile per i potenziali sottoscrittori. Lo è anche per coloro che già hanno sottoscritto e che possono, così, monitorare l investimento: a questo fine la sgr, annualmente, deve inviare a tutti i partecipanti un documento contenente tutte le informazioni riportate in questa parte. E un illustrazione storica, e cioè rivolta al passato. Occorre dunque molta attenzione nel valutare i dati, tenendo ben presente che non 10

11 sono indicativi delle performance future del fondo. 1. Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento dei fondi Con riguardo a ciascun fondo viene riportato: - la categoria di appartenenza (ad esempio, azionario Italia, obbligazionario area Europa); - un grafico a barre relativo ai rendimenti annuali ottenuti negli ultimi 10 anni, con indicazione del migliore e peggiore rendimento trimestrale; - un grafico lineare relativo all andamento della quota nell ultimo anno; - il rendimento medio annuo negli ultimi 3 e 5 anni; - data inizio collocamento e durata del fondo; - patrimonio netto del fondo e valore della quota. Tutti i rendimenti vengono riportati a confronto con il benchmark. A valutare il profilo rischio/rendimento del fondo ed il rapporto con il benchmark. Il grafico a barre relativo agli ultimi dieci anni, oltre a fornire indicazioni sulla storia dei rendimenti su un periodo adeguatamente lungo, fornisce anche indicazioni sulla rischiosità del fondo. Abbiamo già visto che il concetto di rischiosità in campo finanziario è connesso al concetto di volatilità che, molto semplicemente, può essere descritta come la variabilità dei rendimenti. Il grafico a barre, riportando contestualmente i rendimenti degli ultimi dieci anni, fornisce, a colpo d occhio, un idea della loro variabilità, e Nei grafici relativi ai fondi obbligazionari italiani i dati di rendimento sono riportati solo a partire dal Ciò è dovuto alla particolarità del nostro mercato obbligazionario a cavallo dell istituzione della moneta unica. Precedentemente, infatti, i titoli italiani presentavano alti rendimenti, che riflettevano gli alti tassi di interesse. Con la moneta unica, ed il rispetto da parte di tutti gli aderenti dei parametri di Maastricht, il rendimento dei nostri titoli si è adeguato a quello dei principali paesi europei. 11

12 quindi della rischiosità del fondo: maggiore la differenza fra le varie barre, maggiore la rischiosità. Anche i dati del migliore e peggiore rendimento trimestrale (riportati solo per i fondi operativi da più di tre anni) forniscono informazioni sulla rischiosità: maggiore la differenza fra i due dati, maggiore la rischiosità. I dati trimestrali, inoltre, danno un idea di cosa ci si possa attendere dal fondo in un ottica di breve periodo, riportando gli estremi del migliore e peggiore rendimento, e cioè di quanto si possa guadagnare o, soprattutto, perdere nel breve periodo. E un indicazione di cui tenere conto, soprattutto nel caso di fondi che, al contrario, presuppongono orizzonti di investimento lunghi. Un Esempio grafico chiarirà quanto sin qui detto: obbligazionario breve termine azionario globale 100,0 90,0 80,0 100,0 90,0 80,0 70,0 70,0 60,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 15,6 11,2 11,7 12,1 6,0 7,0 5,7 2,1 3,8 4, ,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0-1 0,0 37,5 35,9 29,9 18,7 15,1 15,4 7,9-0,7-6,3-9, Miglior rendimento trimestrale : 5,3% Peggior rendimento trimestrale : 0,3 % Miglior rendimento trimestrale : 20,8 % Peggior rendimento trimestrale : - 18,2 % Il grafico del fondo obbligazionario breve termine evidenzia rendimenti annui con differenze limitate e valori assoluti piuttosto bassi: indice di bassa rischiosità abbinata a rendimenti non elevati. Questa conclusione è avvalorata anche dalla limitata differenza fra il migliore e peggiore rendimento trimestrale. Il grafico del fondo azionario internazionale, invece, presenta rendimenti annui molto differenziati fra loro, con 12

13 valori assoluti che raggiungono livelli elevati, ma anche rendimenti negativi: rappresentazione di un fondo potenzialmente redditizio ma molto rischioso, dove i possibili alti rendimenti si possono tramutare in altrettanto possibili gravi perdite. E la notevole differenza fra rendimento trimestrale migliore e peggiore ce lo conferma. Considerazioni analoghe possono essere svolte per il grafico lineare del valore della quota nell ultimo anno. Anche questo strumento, infatti, ci fornisce indicazioni non solo sul rendimento, ma anche sulla rischiosità del fondo, prendendo a riferimento, questa volta, un periodo più breve. Un Esempio sarà utile anche in questo caso. andamento valore quota obbligazionario breve termine andamento valore quota azionario gen. feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic 60 gen. feb m ar apr m ag giu lug ago set ott nov dic Il grafico relativo al fondo obbligazionario rappresenta un andamento regolare, caratterizzato da basse fluttuazioni del valore della quota che evidenziano la modesta rischiosità del fondo. L incremento del valore della quota da inizio a fine anno, infatti, assume un valore che, seppur positivo, non risulta particolarmente elevato. Considerazioni opposte derivano dalla lettura del grafico concernente il fondo azionario: l andamento è assolutamente irregolare, evidenziando performance mensili positive ed altre decisamente negative. Nel caso preso ad esempio, questa maggiore rischiosità ha portato ad un consistente decremento del valore della quota. Il rendimento medio conseguito negli ultimi 3 e 5 anni, invece, fornisce solo indicazioni di rendimento e non di rischiosità. E utile non solo 13

14 per confrontare più fondi attraverso un dato meno frazionato e di più semplice lettura rispetto al grafico a barre, ma anche per confrontare forme di investimento alternative (ad esempio i titoli di stato). Il dato rappresentato è il rendimento medio annuo composto, che non è la semplice media aritmetica fra i rendimenti conseguiti nei singoli anni, ma riflette anche il reinvestimento al termine di ogni periodo dei rendimenti conseguiti nel periodo stesso. Non sarà mai inutile ricordare che i rendimenti passati non sono indicativi dei rendimenti futuri del fondo, e sarebbe un errore scegliere un fondo sulla base dei soli rendimenti conseguiti: i criteri di scelta devono essere, necessariamente, più complessi e articolati, presupponendo l individuazione del proprio profilo di investimento e la valutazione delle caratteristiche, dei rischi e dei costi dei fondi che si intendono acquistare. Nel trattare i dati riportati in questa parte abbiamo sin qui omesso di considerare il fatto che, unitamente ai rendimenti dei fondi, sono riportati quelli dei relativi benchmark (a volte, però, sono riportati i rendimenti del solo benchmark, in quanto quelli del fondo non sono disponibili). E inevitabile che la lettura contestuale dei dati del fondo e del benchmark spinga a confrontare i risultati ottenuti dal fondo. E l operazione è anche corretta, a patto di avere presenti alcune particolarità di questo confronto. I rendimenti del fondo e del benchmark, infatti, non sono automaticamente confrontabili, non essendo totalmente omogenei. Ciò è dovuto al fatto che il fondo è gravato di alcuni oneri non sopportati dal benchmark. In particolare, quelli di natura fiscale e tutte le altre spese (commissioni di negoziazione, di gestione, a favore della banca depositaria e della società di revisione ecc.) a carico del fondo. Questi oneri sono integralmente riassunti (ad eccezione degli 14

15 oneri fiscali e di parte di quelli di negoziazione) nel total expenses ratio di cui al successivo paragrafo. Relativamente agli oneri fiscali, alcuni prospetti informativi riportano i rendimenti del benchmark al netto degli oneri fiscali pagati dal fondo. Ciò è però possibile solo a partire dal luglio 1998, in relazione al mutamento della disciplina fiscale che ha reso agevole questa operazione. Per quanto riguarda le altre spese, si tratta effettivamente di oneri non calcolati nel rendimento del benchmark di cui occorre, pertanto, tenere conto ai fini di un corretto confronto. Un discorso a parte meritano le commissioni di gestione in quanto, seppure non computate nel benchmark, sono corrisposte per ottenere (almeno nei fondi a gestione attiva ) un valore aggiunto, rispetto al mero andamento del mercato, che dovrebbe, quanto meno, ricompensare l investitore del pagamento di questi oneri. La presenza del total expenses ratio, quale indicatore complessivo di tutti i costi a carico del fondo, consente di quantificare tali costi, che hanno inciso sul rendimento del fondo e non, invece, su quello del benchmark. Occorre sottolineare che i risultati del fondo si possono scostare da quelli del benchmark anche, e soprattutto, in relazione allo stile gestionale e, in particolare, al tipo di rapporto esistente fra fondo e benchmark: un fondo a gestione passiva limiterà lo scostamento agli oneri non computati nel benchmark, mentre un fondo a gestione attiva dovrebbe presentare andamenti non sovrapponibili a quelli del benchmark. Nel caso di fondo a gestione attiva, lo scostamento può riguardare sia il rendimento (per cui il fondo renderà più o meno del benchmark), sia la rischiosità. Non sempre un gestore che abbia ottenuto un rendimento inferiore al benchmark deve essere giudicato negativamente: il risultato meno prestante potrebbe infatti conseguire ad un assunzione di rischi minori che, nel caso di andamento negativo dei mercati, avrebbe protetto maggiormente l investitore. 15

16 Alla fine del paragrafo sono riportati dei dati statistici sui singoli fondi. Di rilievo l inizio del collocamento, che ci dice da quanto tempo è operativo il fondo, e la dimensione del patrimonio. La dimensione del patrimonio merita alcune considerazioni: un patrimonio di piccola dimensione riduce la possibilità di una efficace diversificazione del fondo, pur consentendo una maggiore flessibilità nella gestione; al contrario un patrimonio elevato, soprattutto per i fondi che operano in mercati a bassa capitalizzazione, può pregiudicare la loro agilità nel seguire gli andamenti del mercato, in quanto, ad esempio, la decisione di disinvestire un determinato titolo in portafoglio potrebbe determinare una brusca flessione della sua quotazione (e viceversa nel caso di acquisto), con conseguenze negative per la redditività. 2. Costi dei fondi Riporta il valore del total expenses ratio negli ultimi tre anni. Il total expenses ratio è un indicatore efficace per conoscere i costi sopportati dal fondo (esclusi, quindi, quelli di sottoscrizione e rimborso che vengono pagati direttamente dal sottoscrittore). Il dato, che comprende tutti gli oneri ad esclusione di quelli fiscali e di parte di quelli di negoziazione, viene espresso in percentuale (rispetto al patrimonio medio annuo del fondo) e rende agevole per il sottoscrittore determinare quanta parte del suo investimento è stata assorbita dai costi. Inoltre, consente di operare comparazioni fra più fondi (omogenei). La rappresentazione del dato per gli ultimi tre anni, consente di apprezzare anche il trend di 16

17 variazione di questi costi. Occorre avere però l accortezza di verificare che le variazioni dei costi non siano il frutto della modifica delle caratteristiche del fondo. 3. Recapito, anche telefonico, cui inoltrare esposti, richieste di chiarimenti, informazioni o di invio della documentazione a disposizione Riporta i recapiti, anche telefonici e internet (se presente), della società. Per contattare la società. Nel caso di inoltro di esposti, è utile sapere che vengono trattati e registrati dal responsabile del controllo interno, figura obbligatoriamente presente in ogni sgr, cui si potrà fare riferimento per ulteriori informazioni. Modulo di sottoscrizione Il modulo contiene tutte le indicazioni che il sottoscrittore, secondo quanto previsto dal regolamento di gestione, deve fornire per acquistare quote del fondo. Ovviamente, bisogna leggerlo prima di sottoscrivere: allo stesso modo di come non si firmerebbe un assegno in bianco, non si dovrebbe firmare un modulo senza leggerlo. Nel modulo, inoltre, sono riportati tutti i mezzi di pagamento utilizzabili per la sottoscrizione ed i relativi giorni di valuta. Quest ultima indicazione è importante per poter valutare la tempistica dell investimento, in quanto è un elemento essenziale nella procedura di valorizzazione delle quote da sottoscrivere. 17

18 Documento sui soggetti che partecipano all operazione Questo documento contiene dati che integrano il contenuto del prospetto cui si riferisce. Sono informazioni destinate a chi vuole approfondire la conoscenza del fondo. A volte, presuppongono un lettore evoluto che già possieda una buona conoscenza del settore. Si è scelto di non inserirle nel prospetto, che ne sarebbe risultato invevitabilmente appesantito, per comprenderle in un documento autonomo da consegnare solo a richiesta del risparmiatore. Le informazioni contenute devono essere tempestivamente aggiornate dalla sgr. Par. 1 Società di gestione del risparmio Sono presenti una serie di informazioni sulla società che ha istituito e gestisce il fondo. Alcune sono meramente anagrafiche, come ad esempio la denominazione, la sede, la durata, la chiusura dell esercizio sociale, il capitale, gli azionisti; c è anche una sintesi storica sull operatività della società e del gruppo di appartenenza. Altre riguardano invece le persone fisiche che compongono gli organi della società. Le informazioni anagrafiche, è ovvio, servono, per conoscere il soggetto, ed il relativo gruppo di appartenza, cui si stanno affidando i propri risparmi. Pur essendo le sgr tutte autorizzate e vigilate, ciascuno di noi può avere le proprie convinzioni e preferenze in merito ai vari gruppi operanti nel settore finanziario. In caso contrario, può essere 18

19 utile scorrere la sintesi storica della società e del gruppo per conoscere e valutare la relativa tradizione ed esperienza. Ma le società sono pur sempre composte da persone. E opportuno, quindi, passare in rassegna i componenti gli organi sociali per valutare lo spessore delle risorse umane impiegate. Per il consiglio di amministrazione vengono fornite, oltre alle generalità complete dei componenti, la qualificazione (titoli di studio, master, ecc.), l esperienza professionale (attività svolte nel passato) e le attività attualmente svolte al di fuori della sgr che siano significative in relazione alle proprie mansioni nella società (ad esempio, queste attività potrebbero esprimere un ulteriore qualificazione ovvero costituire un pericolo di conflitto di interesse ). Per i componenti del collegio sindacale, le generalità complete e le funzioni (presidente o membro effettivo o supplente). Infine, per l organo direttivo (tipicamente la direzione generale), le generalità dei componenti e le attività svolte al di fuori della sgr. Conclude il paragrafo l elenco degli altri fondi gestiti. Serve a conoscere tutti i prodotti offerti dalla sgr, che potrebbero essere oggetto di ulteriori investimenti da parte del risparmiatore ovvero di passaggio dal fondo sottoscritto. Par. 2 Il fondo Contiene una serie di informazioni sul fondo (o sui fondi) rappresentati nel prospetto informativo. Accanto a mere notizie (data dell approvazione del regolamento e relativa autorizzazione della Banca d Italia), vi sono informazioni focalizzate sulla politica di investimento (variazioni subite nel tempo), sul benchmark (criteri di 19

20 costruzione e pubblicazione) e sulla gestione (eventuale società delegata e informazioni sul gestore) del fondo. Servono a chi vuole approfondire aspetti connessi alla gestione del fondo e, in particolare, alla politica di investimento e alla struttura di gestione. Vi è innanzitutto l illustrazione storica delle variazioni intervenute nella politica di investimento e delle sostituzioni del gestore. E un informazione utile in quanto, ad esempio, in caso di mutamento della politica di investimento le performance ottenute dal fondo perdono gran parte del loro significato. Se il mutamento è significativo, lo perdono del tutto: per questa ragione, all interno della parte II del prospetto, non vengono più riportate. Una variazione recente e significativa, poi, potrebbe fornirci ulteriori indicazioni: ad esempio, che il fondo potrebbe trovarsi in una momentanea situazione di conversione del proprio patrimonio. Analogamente, la sostituzione di gestori del fondo potrebbe avere riflessi sulle performance ottenute e, quindi, costituire elemento da considerare nella loro valutazione. I criteri di costruzione degli indici che costituiscono il benchmark possono fornirci ulteriori indicazioni su questo strumento e, in particolare, sulle modalità di selezione dei titoli rappresentati negli indici. Ad esempio, i titoli possono essere scelti e rappresentati (cioè pesati ) in base alla loro capitalizzazione, e cioè in base al controvalore (al prezzo di quotazione) complessivo di tutte le azioni emesse da una società, ovvero di tutti i titoli obbligazionari che fanno parte di un emissione. Indici così costruiti privilegiano la dimensione delle società (e delle emissioni obbligazionarie) rappresentate. Altro criterio è quello della movimentazione, per cui nell indice pesano di più i titoli più 20

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE Società appartenente al Gruppo Allianz SE Offerta al pubblico di Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked La Scheda Sintetica del Prospetto d offerta deve essere consegnata all Investitore-Contraente,

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy CREDIT SUISSE LIFE & PENSIONS AG (ITALIAN BRANCH) Via Santa Margherita 3 Telefono +39 02 88 55 01 20121-Milano Fax +39 02 88 550 450 REA Registro Imprese di Milano n. 1753146 C.F. Part. IVA 04502630967

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli