Renato Filosa e Giuseppe Marotta. Stabilità finanziaria e crisi. Il ruolo dei mercati, delle istituzioni e delle regole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Renato Filosa e Giuseppe Marotta. Stabilità finanziaria e crisi. Il ruolo dei mercati, delle istituzioni e delle regole"

Transcript

1 Supplmnto analitico al tsto, dito nl 011 dalla Socità ditric Il Mulino, Bologna, di Rnato Filosa Giuspp Marotta Stabilità finanziaria crisi. Il ruolo di mrcati, dll istituzioni dll rgol Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 1

2 Indic, con rifrimnti all pagin dl tsto Filosa-Marotta (FM) 1. La sclta dl rgim di cambio: un modllo analitico (Ghosh t al. 00) : FM, p Bank run com sito dl dilmma dl prigioniro: FM p Un modllo di prima gnrazion di attacco al cambio fisso (Krugman 1978): FM, p Un modllo di sconda gnrazion di attacco al cambio fisso: il ruolo dl tasso di disoccupazion (Jann 000): FM, p Un modllo di sconda gnrazion di attacco al cambio fisso: il ruolo dl dbito (Sachs t al. 1996): FM, p Un modllo di trza gnrazion di attacco al cambio fisso (Krugman 1999, 003): FM, p Attacchi spculativi ai cambi fissi d quilibri multipli: smpio numrico: FM p Bilanci pr post crisi in Argntina: smpio numrico: FM p. 97. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag.

3 Introduzion Il supplmnto si articola in 8 paragrafi ch trattano analiticamnt taluni tmi ch nl volum sono svolti in forma non tcnica. Nl primo è sposto un smplic modllo formal riguardant la sclta dl rgim di cambio ch prmtt di intrprtar l ragioni ch, in molt pasi (industriali in via di sviluppo), hanno portato all adozion di rgimi di cambio fisso dl succssivo abbandono, volontario o traumatico. Il modllo spon i vantaggi gli svantaggi l condizioni ncssari pr la sostnibilità di un rgim di cambi fissi. Il scondo spon la logica di un gioco non cooprativo dl tipo dilmma dl prigioniro ch intrprta il vrificarsi di un bank run com vnto ch si auto ralizza, pr smpio nl modllo torico di Diamond Dybvig. I paragrafi da 3 a 6 contngono smplici formalizzazioni di modlli di attacco spculativo ai rgimi di cambio di prima (Krugman), sconda (Obstfld) trza gnrazion (Krugman). I modlli di sconda trza gnrazion sono qulli ch mglio smbrano fornir una spigazion dll sistnza di quilibri multipli dll principali crisi di cambio avutsi in alcuni pasi industriali (Scandinavia) ni maggiori Pasi mrgnti dll Amrica Latina dll Asia. Il paragrafo 7 fornisc un smpio numrico dll condizioni ch, pr l sistnza di una moltplicità di quilibri, scoraggiano o vicvrsa inducono attacchi spculativi al cambio. Infin, il paragrafo 8 fornisc un smpio numrico dgli fftti sui bilanci di privati dll banch dlla controvrsa dcision adottata dall Argntina nl 00 di fissar tassi di cambio dl pso risptto al dollaro USA divrsi pr l attivo pr il passivo dll banch. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 3

4 1. La sclta dl rgim di cambio: un modllo analitico (Ghosh t al. 00) Una prima quazion dl modllo è rapprsntata dalla funzion di offrta aggrgata con sorprsa o alla Lucas. Essa è data dalla 1) y E( ) 0, var( ), 0. dov y è l output gap, ovvro la discrpanza prcntual risptto al livllo di prodotto natural, corrispondnt all utilizzo in condizioni normali di fattori produttivi dll conomia, π sono, rispttivamnt, l inflazion ffttiva qulla attsa, η è una variabil stocastica, con valor attso nullo varianza σ η, ch rapprsnta uno shock ral (o di offrta), qual ad smpio una diminuzion (aumnto) inattsa dll ragioni di scambio. Dalla 1), in assnza di shock, l output gap di quilibrio, corrispondnt al caso in cui l inflazion ffttiva è ugual a qulla attsa (ovvro non ci sono sorprs inflazionistich), è nullo. La sconda quazion rapprsnta il tasso di crscita dlla domanda di monta in trmini rali, ch si suppon pr smplicità dipnda dall inflazion attsa da uno shock nominal (si pnsi a una rstrizion o a un spansion montaria o all introduzion inattsa di un nuovo strumnto finanziario sostituto dlla monta com i fondi comuni montari o, anch, alla accrsciuta sostituibilità tra monta in valuta domstica d stra). L quilibrio dl mrcato montario è quindi dato dalla m v E 0, var, 0 da cui si ha ch l inflazion è ) m v Il tasso di crscita dll offrta di monta (Δm) è dato, usando un approssimazion logaritmica (vdi anch Riquadro 1 nl capitolo ), dalla somma dl tasso di crscita dl crdito intrno (Δd) di qulla dll risrv valutari (Δr) cioè m d r Il modllo si chiud assumndo ch valga la parità ni potri d acquisto (Purchasing Powr Parity) rlativa 3) * s Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 4

5 ovvro ch, in condizioni di librtà ngli scambi commrciali, il diffrnzial positivo (ngativo) di inflazion domstica (π) risptto a qulla stra (π*) sia annullato dalla variazion dl tasso di cambio nominal (dov s è il logaritmo dl tasso di cambio nominal a pronti S (quotato com il przzo intrno dlla valuta stranira), così da vitar in quilibrio mutamnti nl tasso di cambio ral (dfinito com SP*/P dov P* P sono rispttivamnt il livllo di przzi stri nazionali). Nl modllo, lo strumnto con cui la banca cntral può influnzar il livllo dl prodotto, crando una sorprsa inflazionistica, è la variazion dl crdito. In rgim di cambi fissi (s quindi è Δ=0) s pr comodità analitica π*=0, dalla 3) si ha ch π = 0 quindi dalla ), in assnza di shock nominali, non muta lo stock di monta. S la banca cntral scgli di variar il crdito, ottin dunqu solo ch l risrv diminuiscono di un ammontar ugual all aumnto dl crdito, ovvro m 0, d r. In rgim di cambi flssibili la Banca Cntral può ancora scglir di variar il crdito, ma in qusto caso l risrv sono fiss ( r 0) mntr il tasso di cambio nominal è ndogno. Pr valutar gli fftti sul prodotto sull inflazion, cioè su du misur dl bnssr collttivo, di du rgimi di cambio si considri il valor attso dlla funzion di prdita L, i cui du argomnti sono la discrpanza, risptto agli obittivi, dll inflazion dl prodotto. Più spcificamnt, l inflazion obittivo sia π = 0 l obittivo dl prodotto sia un output gap pari a y 0, nll ipotsi, alla Barro Gordon, ch la banca cntral ritnga ch si possa accrscr il prodotto risptto all output gap nullo ch è cornt con l sito dll transazioni tra gli agnti privati, ma ch non ncssariamnt porta al pino utilizzo di fattori produttivi. Il valor attso dlla funzion di prdita sinttizza, con sgno mno (da qui il trmin prdita) il livllo di utilità social consguibil con un dato livllo dll inflazion dl prodotto. L obittivo pr la banca cntral è dunqu di minimizzarla scglindo il livllo ottimo dllo strumnto costituito dalla variazion dl crdito. Sia la funzion di prdita L(oss) 4) L = ½ E { A( y y) } 0 A dov E(.) è l oprator aspttativa il cofficint A rapprsnta il pso rlativo attribuito dalla banca cntral ai du obittivi. Il rgim di cambio fisso (pgging). Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 5

6 S il cambio è fisso, com già dtto, l inflazion intrna è ugual a qulla stra: 5) * 0. In qust circostanz la politica montaria non ha fftti né sul rddito né sull inflazion, prché l offrta di monta è fissa gli shock nominali sono assorbiti dall risrv: è cioè r, purché naturalmnt la dimnsion dllo shock non sia troppo grand, così da saurir l risrv valutari quindi impdir la continuazion dl rgim di cambio fisso. Allo stsso tmpo gli shock rali si riflttono pr intro sul prodotto: dalla 1), il mantnimnto di un inflazion, ugual a qulla (nulla) stra, ha luogo al costo di una maggior variabilità dl prodotto 6) y. Sostitundo i valori dll inflazion dl prodotto nlla 4) calcolando il valor attso di qusta sprssion, ch sarà indicato con il simbolo LP (dov P sta pr pgging), si ottin: _ 7) LP= 1/ A y Il rgim di cambi fluttuanti. La sclta di qusto rgim è qullo nl cui contsto la Banca Cntral scgli di prsguir una politica montaria attiva scglindo il livllo ottimal di Δd. Ciò si ottin minimizzando risptto a qusta variabil la funzion di prdita. Ciò prché si ipotizza, com in Barro Gordon, ch la banca cntral possa, a diffrnza di privati, ossrvar gli shock ragir tmpstivamnt di consgunza. Sostitundo la 1) la ) nlla 4) snza l oprator E(.) ricavando l condizioni dl primo ordin pr la minimizzazion dlla funzion (cioè uguagliando a zro la drivata prima risptto a Δd) si ha: 8) d { A Ay A (1 v) v }/ 1 A Sostitundo la 8) nlla ) si ricava ch l inflazion è: 9) { A Ay A }/(1 A ). Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 6

7 I privati, conoscndo la rgola di comportamnto dlla banca cntral data dalla 8) l inflazion consgunt possono formular dll aspttativ razionali sul livllo d inflazion, π, calcolando il valor attso dlla 9), ch è dato dalla 10) Ay 0.. Ciò implica ch la banca cntral non può sorprndr sistmaticamnt il pubblico prché, com si può dimostrar sostitundo la 10) nlla 1) supponndo ch gli shock rali siano assnti, l output gap non è influnzato da _ y 11) y ( ) { A }/(1 A ). L attivismo, prtanto, dtrmina solo un bias inflazionistico all conomia, dato ch l inflazion è maggior di qulla attsa x ant in cui il valor attso dgli shock ra nullo, com risulta dalla sgunt sprssion ottnuta sostitundo la 11) nlla 9): 1) A /(1 A ) Ay. Sostitundo la 11) la 1) nlla 4) si può infin calcolar il valor attso dlla funzion di prdita ch dnotrmo con LF (dov F sta pr fluttuanti): 13) LF= 1/ {(1 A )[( A ) /(1 A ) Ay ]} Il confronto fra i du rgimi di cambio altrnativi. La valutazion di vantaggi dgli svantaggi in trmini di prodotto inflazion dl du rgimi di cambio si ottin confrontando la 7) con la 13). A tal fin gli autori considrano divrsi casi particolari ch mglio consntono qusta valutazion ch soprattutto pongono in vidnza ch la supriorità di un rgim sull altro non è assoluta, ma dipnd anch dalla natura dgli shock cui l conomia è soggtta. _ Si considri dapprima il caso spcial in cui y. Dal confronto si ottin ch 14) LP > LF s solo s A ( A ) /(1 A ) (1 A ). Si supponga, inoltr, ch l conomia sia soggtta solo a shock rali ( 0). Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 7

8 In qusto caso è LP > LF: il rgim di cambi fluttuanti è quindi il miglior; risultato opposto si ha s invc sono prsnti solo shock nominali ( 0) Qusti risultati confrmano la tsi tradizional scondo cui un rgim di cambi fluttuanti isola l conomia dagli shock rali mntr qullo con cambi fissi la isola da qulli nominali. Quanto all inflazion, s si ignora il trmin _ A y non vi sono diffrnz fra i du rgimi: l inflazion è la stssa, smprché l inflazion stra sia infrior o nulla, ma la variabilità dll inflazion intrna è maggior nl rgim di cambi fluttuanti, data la prsnza di shock nlla 1). Il scondo caso particolar, consistnt nl supporr ch gli shock nominal ral siano uguali a zro ma ch la banca cntral abbia l incntivo a crar sorprs inflazionistich (si assum anch ch i privati formulino dll aspttativ razionali sull inflazion ch consgu dall sclt dlla banca cntral), è finalizzato a concntrar l attnzion su du tmi fondamntali dlla politica montaria: la disciplina dlla banca cntral ( cioè la sua propnsion a vitar l attivismo nlla crazion dl crdito intrno) qullo dlla crdibilità dll impgno antinflazionistico. Data l ipotsi di assnza di shock il confronto fra la 5) la 1) porta a concludr ch l inflazion è minor s si adotta il rgim di cambio fisso smpr ch l inflazion stra sia zro. Qusto risultato è dovuto a du fattori disciplina crdibilità. L fftto di disciplina si ricava confrontando i valori dlla crscita montaria: ssa è pari a zro ( m 0 ) s si è in rgim di pgging mntr assum valor positivo, poiché è P m F ( 1 v) A y 0, s si adotta il rgim di cambi fluttuanti. L fftto di crdibilità è valutato in bas al valor dll inflazion attsa ni du rgimi: in qullo di pgging l inflazion è dl tutto assnt ( 0 ) mntr in qullo di cambi fluttuanti, dalla 1), è positivo. S poi si confrontano la 6) la 11) si ossrva ch in ntrambi i rgimi il prodotto è ugual a zro in un contsto nl qual l inflazion è più bassa s l autorità adottano un rgim di pgging: qusto rgim prtanto conduc a un livllo di bnssr maggior di qullo ch si avrbb adottando un rgim di cambi fluttuanti. Qusti risultati, ovviamnt, prsuppongono ch l inflazion dl pas stro al qual vin ancorato il cambio sia nulla o più bassa di qulla domstica. S invc l inflazion stra foss positiva assumss il valor dato dalla 1) s gli shock rali fossro corrlati, i du rgimi si quivarrbbro. Qusto prché s il pas stro al qual ci si àncora col pgging dovss scglir di tollrar l inflazion qusto rgim di cambio non sarbb in grado di rimuovr l inflazion importata. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 8 P

9 L ultima qustion, analitica ma di fondamntal importanza pr la politica conomica, riguarda l condizioni ch dtrminano l abbandono dl pgging. Qusto rgim di cambi è soggtto al problma di incornza tmporal, prché s mutano l condizioni iniziali ch hanno portato alla sua adozion sso può divnir conomicamnt costoso al punto da rndrn convnint pr l autorità abbandonarlo.. Bank run com sito dl dilmma dl prigioniro Du dpositanti invstono la loro dotazion individual, D, in uno strumnto finanziario msso da un intrmdiario ch dà diritto al rimborso al valor nominal alla fin dl primo priodo (assimilabil dunqu a un dposito a vista) oppur alla partcipazion pro quota alla distribuzion dl ricavo crto di un invstimnto bipriodal, R, il cui invstimnto nl primo priodo è pari a D. L'intrmdiario cssa di oprar alla fin dl scondo priodo. S un dpositant chid il rimborso dl dposito alla fin dl primo priodo l'intrmdiario, ch dv smobilizzar anticipatamnt l invstimnto bipriodal, ottin r, tal ch D>r>D. Usando la logica di un gioco non cooprativo tipo dilmma dl prigioniro si possono individuar i bnfici (pay-off) di ciascuna mossa in rlazion alla mossa dll altro individuar, s ci sono, quilibri, ovvro situazioni in cui ntrambi sono soddisfatti. Si può mostrar in particolar ch i du dpositanti, a sconda ch sclgano di prlvar (P) o non prlvar (NP) alla fin dl primo priodo, danno luogo a du quilibri di Nash, uno di quali, qullo ch produc minori bnfici pr ntrambi, è carattrizzabil com un bank run. La forma normal dl gioco è: Dpositant P NP Dpositant 1 P r, r D, r-d NP r-d, D R, R 3. Un modllo di prima gnrazion di attacco al cambio fisso. Flood Marion [1998], partndo dalla formalizzazion di Krugman [1979], laborano un smplic modllo log-linar (ovvro con l variabili sprss in logaritmo natural, salvo dov indicato divrsamnt) ch bn rapprsnta i mccanismi fondamntali scondo i quali si sono Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 9

10 svolti, in concrto, gli attacchi spculativi al rgim di cambio di divrsi pasi, com ad smpio il Mssico nl 1994 (vdi par..1 dl cap. 3). Pr smplicità spositiva si assum prvision prftta, ovvro aspttativ ch coincidono con i valori ralizzati dll variabili considrat. L quilibrio nl mrcato montario è dato dalla (1) m p = -α(i) dov m è lo stock di monta, p il livllo di przzi intrni, i è il tasso d intrss (in punti prcntuali) α>0. In bas all idntità contabil (approssimata nl caso di variabili in logaritmo) dl bilancio dlla banca cntral di un conomia aprta ch finanzia con mzzi montari il dficit pubblico, lo stock di monta è ugual alla somma dl crdito intrno (d) dll risrv valutari (r): () m = d + r. In qust conomia valgono la parità assoluta di potri d acquisto la parità scoprta di tassi d intrss cioè (3) p = p* + s (4) i = i* + ds dov p* i* sono, rispttivamnt il livllo di przzi il tasso d intrss (in punti prcntuali) stri s è il tasso di cambio a pronti (quotato com il przzo intrno dlla valuta stranira); ds è il diffrnzial di s (ovvro, trattandosi di una variabil in logaritmo, la variazion prcntual, attsa ralizzata, dl tasso di cambio). La parità fissa dl cambio implica ch s è ugual a un valor costant ŝ ch, quindi, ds = 0 i = i*, pr cui, sostitundo l (), (3) (4) nlla (1), si ottin: (5) r + d - p* - ŝ = -α( i* ). Pr dati tasso di cambio przzi tasso d intrss stri, la domanda di monta riman costant. Di consgunza, s si suppon ch d crsca al tasso μ, l risrv r diminuiranno allo stsso tasso, fino ad annullarsi, con consgunt abbandono dl cambio fisso. La domanda al cntro di modlli di prima gnrazion è quando si vrifichrà l attacco spculativo, in anticipo risptto a qusta data. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 10

11 L risrv sono compltamnt saurit al momnto t = T dll attacco, in cui pr acquistar valuta stra, di cui ci asptta la rivalutazion, si ha una riduzion incipint dlla domanda di monta, in corrispondnza a un tasso d intrss domstico ch aumnta risptto a qullo stro, in modo ch sia rispttata la parità scoprta di tassi d intrss. Si dimostra ch T = (r 0 - αμ) / μ. L sprssion indica ch la data dll attacco è tanto più vicina al momnto inizial t = 0 quanto minor è il livllo inizial dll risrv r 0 quanto maggior è il tasso di crscita dl crdito μ. 4. Un modllo di sconda gnrazion di attacco al cambio fisso: il ruolo dl tasso di disoccupazion Jann [000] mostra com i dilmmi di politica conomica l aspttativ dgli opratori intragiscono nl far prvalr un quilibrio con mantnimnto dl cambio fisso risptto a uno in cui si rinunci all obittivo. La funzion di prdita ch l autorità dvono minimizzar la rlazion di Phillips ch costituisc il vincolo dl problma di ottimo siano L t 1 (1) U c, 1s svalutazion, 0 s cambio fisso () U, 0 1, 0 t1 U t dov U è lo scostamnto dl tasso di disoccupazion dal suo valor natural, ovvro qullo corrispondnt al prodotto di quilibrio in lungo priodo in un conomia a przzi flssibili, π è il tasso d inflazion ffttivo (con l indic è qullo attso). La funzion di prdita L includ, oltr agli scostamnti dlla disoccupazion futura dai valori naturali, anch un costo c (ad smpio rputazional, ni confronti dgli lttori o dgli invstitori ch hanno crduto agli impgni prsi) s si scgli l abbandono dl rgim di cambio fisso. Una trza rlazion è qulla dlla parità di potri d acquisto rlativa, in bas alla qual l inflazion ffttiva/attsa è ugual alla svalutazion ffttiva/attsa dl cambio, ovvro * * (3) ds, 0 dov, pr comodità, il tasso d inflazion stro (con astrisco) è nullo ds, mantnndo il significato di simboli dl capitolo di qusto documnto, è la variazion prcntual dl cambio nl priodo: s positivo, si ha svalutazion. L intrazion tra aspttativ dgli spculatori l sclt dll autorità conomich può ssr rapprsntata com sgu. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 11

12 Assnza di aspttativ di svalutazion. Nl caso di mantnimnto dl cambio fisso, dalla (3) l inflazion ffttiva attsa sarà nulla; s si scgli di svalutar, l inflazion ffttiva sarà positiva, pari a ds, mntr qulla attsa sarà nulla. La sclta di non sorprndr il mrcato mantnndo il cambio fisso sarà prfribil s il valor dlla corrispondnt funzion di prdita, L F, sarà infrior a qullo nl caso di svalutazion, L D, ovvro s, avndo sostituito la () nlla (1) tnuto conto dlla (3) F D (4) L U U ds L t t il ch si vrifica s (5) c/ ds Ut ds. Aspttativ di svalutazion. Nl caso in cui si confrmino l aspttativ, l inflazion ffttiva qulla attsa saranno pari a ds; s si scgli di mantnr il cambio fisso, l inflazion ffttiva sarà nulla, mntr qulla attsa sarà pari a ds. La sclta di sorprndr il mrcato mantnndo il cambio fisso sarà prfribil s il valor dlla corrispondnt funzion di prdita L F sarà infrior a qullo nl caso di svalutazion, L D, ovvro F D (6) L U ds U c L t t il ch si vrifica s (7) ds. Considrando insim (5) (7) si conclud ch, oltr a quilibri in cui la sclta dll autorità di politica conomica convalida l aspttativ dgli opratori (mantnimnto dl cambio fisso o suo abbandono, rispttivamnt quando Φ> αds Φ<- αds), sono possibili pr valori intrmdi αds <Φ <αds du quilibri, con cambio fisso con svalutazion, cornti o non cornti con l aspttativ. Inoltr, a sconda di valori di U di c, l conomia può passar da un rgim di cambio a un altro nonostant l aspttativ dgli opratori. Ad smpio, da una situazion in cui la sclta ottimal è qulla dl mantnimnto dl cambio fisso, ciò è cornt con l aspttativ dgli opratori (Φ > αds), un aumnto di U può ridurr Φ fino farlo ricadr nll intrvallo di valori in cui può ssr possibil anch una sclta, a sorprsa, di svalutazion o, addirittura, qusto è l unico quilibrio possibil (prché così si ritin di aumntar l sportazioni ntt quindi la domanda aggrgata). Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 1

13 5. Un modllo di sconda gnrazion di attacco al cambio fisso: il ruolo dl dbito. Nl modllo di Sachs t al. [1996], l attacco al cambio fisso non avvin, com ni modlli di prima gnrazion, com consgunza di ccssi nlla crazion dl crdito intrno volti al finanziamnto dlla spsa pubblica o prché vi siano gravi squilibri ni fondamntali dll conomia, ma prché si manifsta fra gli agnti conomici un aspttativa ngativa ch si autoralizza. In qusto modllo, il nuclo dll analisi si concntra sulla situazion dbitoria dl pas sulla convinzion dgli agnti conomici ch ssa divnti non sostnibil una volta ch il livllo dl dbito pubblico supri una crta soglia critica, una situazion qusta, com si vdrà, ch si attaglia bn non solo al caso dl Mssico ma anch a qulla di pasi dl Sud Est asiatico. Nl modllo l attacco non ha, invc, luogo, s il livllo dl dbito è sufficintmnt piccolo. S l ammontar dl dbito assum un valor intrmdio fra qusti du strmi, vi è una moltplicità di livlli di quilibrio dl cambio l attacco avvin o non avvin a sconda dllo stato dll aspttativ dgli agnti conomici. In qusta situazion l attacco avvin, l conomia trovrà una divrsa situazion di quilibrio carattrizzata da un livllo di cambio dprzzato, s gli agnti conomici ritngono ch il mantnimnto dl livllo dl cambio sia troppo costoso pr il govrno (costo in trmini di risors ncssari pr srvirlo o di prdita di comptitività oppur costo di rputazion); altrimnti, l conomia si mantrrà nlla situazion di quilibrio già sistnt. Il modllo considra il caso di un conomia unipriodal (pr cui non è ncssario datar l variabili) aprta di piccol dimnsioni, pr cui il fattor d intrss R (ovvro capital da rimborsar intrssi maturati, al tasso i), data la librtà ni movimnti di capital, è qullo prvalnt all stro (nll conomia al qual il cambio è ancorato) il tasso d inflazion π è ugual a qullo stro, ch anch in qusto caso pr comodità è posto pari a zro. Dat qust ipotsi, pr la parità di potri d acquisto rlativa (vdi q. 3 nl Riquadro ) il tasso di svalutazion dl cambio è ugual al tasso d inflazion. In qusto contsto, dfinndo con x l impost in trmini rali, il govrno ch agisc in modo discrzional in qusto caso minimizza la funzion di prdita L (8) L 1 x, 0 dov α sprim il pso rlativo attribuito allo scostamnto dll inflazion dal valor obittivo d inflazion nulla risptto a qullo dll impost, ch riducono il consnso pr il govrno, subordinatamnt al vincolo di bilancio (9) x, 0 Rb, Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 13

14 dov b è lo stock ral dl dbito pubblico (consolidando anch nl sttor pubblico la banca cntral). La (9) indica ch il srvizio dl dbito (pr rimborso dl capital pagamnto dgli intrssi) può avvnir, oltr ch utilizzando l impost, anch ricorrndo all imposta da inflazion a carico di crditori, s l inflazion ffttiva è suprior a qulla attsa. Pr data inflazion attsa, il govrno minimizza la funzion di prdita dtrminando i valori ottimi dll impost dll inflazion ffttiva ( quindi, dat l ipotsi, dlla svalutazion dl cambio). Analiticamnt, sostitundo la (9) nlla (8) drivando risptto a π, dall condizioni dl prim ordin si ottin ch i valori ottimi dll du variabili sono: 1 (10) x x 1 Rb, 1 ch sostituiti nlla (8) danno il valor minimo dlla funzion di prdita: d (11) L ( b, ) 1 Rb dov l indic d sta pr svalutazion. Conoscndo qual sarbb la sclta ottima dl govrno, gli opratori non si faranno sorprndr smpr ma aggiustranno in modo opportuno l loro aspttativ d inflazion ( di svalutazion), pr cui sotto ipotsi di prvision prftta l inflazion ffttiva ottima sarà ugual a qulla attsa, ovvro, dalla (10), uguagliando nlla sconda rlazion π π, si ottin 1 (1) Rb. S il govrno s impgna a non svalutar è π=0 il vincolo di bilancio divnta Rb x qusto caso il valor dlla funzion di prdita, dov f indica il mantnimnto dl cambio fisso, è dtrminata dal valor dll impost richist pr soddisfar il srvizio dl dbito: f (13) L b Rb 1.. In Poiché λ<1, si avrà ch L d < L f, suggrndo ch il govrno avrà un incntivo a svalutar abbandonando l impgno di mantnr fisso il livllo dl cambio. Così facndo, tuttavia, il govrno dovrà sopportar un costo c (di rputazion ni confronti dgli lttori o dgli invstitori ch hanno crduto agli impgni prsi). Prtanto, la svalutazion ha luogo s L d +c < L f ovvro, usando la (11) la (13), s Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 14

15 c (14) Rb k, k Qusta sprssion dic ch la svalutazion avvrrà s l aspttativ di svalutazion sono molto lvat /o il dbito è troppo alto, rndndo splicita la tntazion pr il govrno di non mantnr l impgno a mantnr fisso il cambio, di consgunza, gli opratori formulranno l loro aspttativ di svalutazion considrando il livllo dl dbito. Si possono distingur tr casi, du di quali indicano un unico quilibrio, ovvro il mantnimnto dl cambio fisso l altrnativa dl suo abbandono, mntr il trzo è carattrizzato da quilibri multipli. Si supponga di porr π = 0: ciò è compatibil con l sclt dl govrno di mantnr il cambio fisso s Rb k, ovvro s il dbito è sufficintmnt basso. Pr valori dl dbito sufficintmnt alti in cui, invc, la disguaglianza non è rispttata anch con π =0, non sarbb razional attndrsi il mantnimnto dl cambio fisso. In fftti, sostitundo l prvisioni prftt dgli opratori sull sclt ottimali dl govrno, ovvro la (1), nlla (14) si ricava ch qust aspttativ di svalutazion, ovvro π > 0, saranno convalidat s Rb > λk. N sgu ch possono ssr distinti tr intrvalli di valori pr Rb ch danno luogo a tr divrs condizioni di quilibrio nll conomia. S Rb λk, l unico quilibrio crdibil è qullo in cui si ha il mantnimnto dl cambio fisso, qualunqu siano l aspttativ dgli opratori, quindi in particolar π = 0 è convalidato. S Rb > k, l unico quilibrio crdibil è qullo in cui il cambio fisso è abbandonato, qualunqu siano l aspttativ dgli opratori, quindi in particolar qulla di π = 0 non sarbb convalidata. Nlla zona di crdibilità parzial λk < Rb k si hanno quilibri multipli ch si autoralizzano. Nll intrvallo sono, infatti, possibili ntrambi gli quilibri, qual si vrifichrà dipndrà dall aspttativ dgli opratori, s cioè π = 0 o qull sprss nlla (1), la sclta dipndrà dai loro animal spirits, a loro volta condizionati dalla crdibilità dl govrno dato il contsto conomico in cui assum impgni. Nl caso dl Mssico l attacco avvnn, com si vdrà nl succssivo capitolo, prché il pas divnn illiquido: l ammontar dll risrv ch si dovvano ssr usat pr ripagar il dbito a brv in scadnza ra, infatti, notvolmnt minor dl dbito stsso. Si crò, così, la situazion di crdibilità parzial ch conduss a un attacco slf-fulfilling al rgim di cambio. 6. Un modllo di trza gnrazion di attacco al cambio fisso. Sgundo Krugman [003] si considri un conomia aprta in cui, risptto alla vrsion di bas dl modllo IS-LM a przzi fissi, la domanda aggrgata intrna dipnd ngativamnt dal tasso di cambio ral. Più spcificamnt, s ipotizzi: Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 15

16 (1) y D( i, y, SP*/ P) NX ( y, SP*/ P) quilibrio sul mrcato di bni () M / P L( y, i) quilibrio sul mrcato dlla monta (3) i i* parità scoprta di tassi d intrss dov i sgni +/- sotto i simboli indicano l fftto di variazioni dll singol variabili a parità di condizioni (drivat parziali) y = prodotto, i = tasso d intrss, S = cambio nominal sprsso, com in prcdnza, com quantità di valuta stra pr unità di valuta domstica, P = livllo di przzi, M = stock di monta l astrisco indica variabili str. In bas alla (1), un dprzzamnto dl cambio ral, SP*/P, ha un fftto positivo sull sportazioni ntt, NX, ma anch uno ngativo sulla domanda aggrgata intrna, D, appunto prché l onr ral dll indbitamnto in valuta si accrsc pr dbitori ch hanno ricavi in valuta local pr qusta via il vincolo finanziario pr la spsa divin più stringnt (minor autofinanziamnto aumnto dl rischio di crdito pr i finanziatori strni vincolano la capacità di spsa pr invstimnti). La () sprim la consuta condizion LM di uguaglianza tra lo stock ral la domanda dlla monta, ch dipnd positivamnt dal prodotto ngativamnt dal tasso d intrss. Graficamnt, nllo spazio (S, y), combinando la () la (3) si ottin la rtta AA, prpndicolar all ass dll asciss, ch pr dato livllo dllo stock ral di monta di przzi stri individua il livllo dl prodotto ch assicura l uguaglianza di tassi d intrss intrno d stro. Quanto alla (1), qusta può graficamnt dar luogo a una rapprsntazion a srpntina: inizialmnt, pr livlli bassi di S, prval quantitativamnt l fftto positivo sull sportazioni ntt su qullo ngativo sulla domanda intrna, quindi la curva GG è inclinata positivamnt; succssivamnt, pr valori più svalutati dl cambio, il scondo fftto prval sul primo, il ch giustifica un andamnto all inditro dlla GG; infin, pr livlli di svalutazion ancor più lvati una volta uscit dal mrcato l imprs più indbitat in valuta, può di nuovo prvalr l fftto positivo dl cambio. Graficamnt, l curv AA GG possono intrscarsi in più punti, di cui du rapprsntano quilibri stabili, in corrispondnza a divrsi livlli dl cambio: in particolar, oltr a uno normal, può ssrcn uno (crisi gmll) contraddistinto da una fort svalutazion da una situazion di crisi patrimonial pr imprs ( banch) ccssivamnt indbitat in valuta. Al scondo tipo di quilibrio si può giungr s l aspttativ dgli invstitori provocano un attacco spculativo di dimnsioni sufficintmnt ampi da produrr una svalutazion lvata dl cambio. La AA può anch assumr un inclinazion ngativa (A A ) nl caso in cui la banca cntral crchi di contrastar la svalutazion con intrvnti sul mrcato di cambi, vndndo risrv ritirando Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 16

17 monta (ovvro, nlla (), anziché M si abbia M ( S) ). Si noti ch una politica montaria rstrittiva, ch sposti la A A a A A, consntirbb di vitar la ralizzazion dll quilibrio di crisi, ma al costo di una maggior caduta dl prodotto. S A'' A' A quilibrio di crisi G quilibrio normal G A'' A A' y 7. Attacchi spculativi ai cambi fissi d quilibri multipli: smpio numrico. Si considri una banca cntral ch al momnto in cui si sauriscano l su risrv ufficiali dv svalutar il cambio dl 50 pr cnto (ovvro S, dfinito com przzo domstico dlla valuta stra, passa ad smpio da 1 a 1,5). Sul mrcato di cambi vi sono du spculatori, idntici, ciascuno di quali può prndr a prstito fino al controvalor in valuta stra, al cambio inizial, di 6, sopportando un costo fisso pari a 1 (ad smpio pr intrssi cc). Ciascuno spculator conosc l ammontar dll risrv ufficiali dlla banca cntral. Anch in qusto caso, in un gioco non cooprativo tipo dilmma dl prigioniro si possono individuar i bnfici (pay-off) di ciascuna mossa in rlazion alla mossa dll altro individuar, s ci sono, quilibri, ovvro situazioni in cui ntrambi sono soddisfatti. Una mossa di attacco al cambio fisso consist nl chidr la convrsion in valuta stra di finanziamnti in valuta domstica. La scommssa è ch l saurimnto di risrv provochi la svalutazion dl cambio, con il bnficio di ottnr, con un oprazion di convrsion di sgno opposto, una plusvalnza nlla valuta in cui ci si è indbitati ccdnt il costo dl finanziamnto. 1. Caso di risrv abbondanti risptto all disponibilità dgli spculatori: 0 > 1. Equilibrio unico: convin non attaccar pr forzar la svalutazion. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 17

18 Spculator Non attacca Attacca Spculator 1 Non attacca 0, 0 0, -1 Attacca -1, 0-1, -1 Con risrv abbondanti, il cambio fisso è agvolmnt difndibil. Dalla matric di pay-off si può notar ch qualunqu sia la sclta dllo spculator, pr lo spculator 1 è prfribil scglir di non attaccar; lo stsso val, a parti invrtit.. Caso di risrv scars risptto all disponibilità complssiv dgli spculatori, ma pari a qull di un singolo: 6 < 1. Equilibrio unico: attaccar. Spculator Non attacca Attacca Spculator 1 Non attacca 0,0 0, Attacca,0 ½, ½ Com si ottin un pay-off di : il singolo attaccant vnd valuta domstica in cambio di valuta stra. L saurimnto dll risrv provoca la svalutazion dl 50 pr cnto, il ch implica pr lo spculator di potr rimborsar il prstito, convrtndo nlla valuta domstica al nuovo cambio, con una plusvalnza di 3, quindi al ntto dl costo dl prstito pari a 1, un pay-off di. Com si ottin un pay-off di 1/: s ntrambi attaccano, si ripartiscono alla pari la plusvalnza, ciascuno ottin 1,5, al ntto dl costo dl prstito pari a 1, un pay-off di ½. Anch in qusto caso, c è una stratgia dominant, ch consist nll attacco: qualunqu sia la sclta dllo spculator, pr lo spculator 1 è prfribil scglir attaccar; lo stsso val, a parti invrtit. 3. Caso di risrv intrmdi, infriori risptto all disponibilità complssiv dgli spculatori, ma supriori a qull di un singolo: 10 < 1. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 18

19 attaccar. Equilibri multipli: s l altro non attacca, mglio non attaccar; s l altro attacca, mglio Spculator Non attacca Attacca Spculator 1 Non attacca 0,0-0,1 Attacca -1,0 3/, 3/ Com si ottin un pay-off di 3/: s ntrambi attaccano, si ripartiscono alla pari la plusvalnza, ciascuno ottin, al ntto dl costo dl prstito pari a 1, (1/)*(1/*10) 1 = 3/. In qusto caso non c è una stratgia dominant. Pr lo spculator 1, la mossa prfribil è non attaccar s l altro non attacca, attaccar s l altro attacca; lo stsso val a parti invrtit. S i du riscono a coordinarsi, è chiaro ch tra i du quilibri scgliranno qullo in cui, attaccando, ottngono pay-off positivi. 8. Bilanci bancari pr post crisi in Argntina: smpio numrico. Pr-crisi con Currncy Board: 1$ = 1 pso; post contabili sguit da $ indicano ch sono dnominat in valuta stra. Privati Banch Attivo Passivo Attivo Passivo Impianti 1100 Prstiti $1100 Prstiti $1100 Dpositi $300 Dpositi $300 Titoli 300 Dpositi 300 Dpositi 300 Prstiti stri $700 Capital ntto 600 Capital ntto 100 Total 1700 Total 1700 Total 1400 Total 1400 Post-crisi, snza Currncy Board, con cambio 1$ = 1 pso s passività di privati; 1$ = 1,4 pso s passività bancari in valuta stra. Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 19

20 Privati Banch Attivo Passivo Attivo Passivo Impianti 1100 Prstiti 1100 Prstiti 1100 Dpositi Dpositi Titoli 300 Prstiti stri 980 Capital ntto 70 Capital ntto -300 Total 180 Total 180 Total 1400 Total 1400 Post crisi, snza Currncy Board, con cambio 1$ = 1 pso s passività di privati; 1$ = 1,4 pso s passività bancari in valuta stra; 1$ = 3,9 pso s dpositi in valuta stra, dopo amparo. Privati Banch Attivo Passivo Attivo Passivo Impianti 1100 Prstiti 1100 Prstiti 1100 Dpositi Dpositi Titoli 300 Prstiti stri 980 Capital ntto 1470 Capital ntto Total 570 Total 570 Total 1400 Total 1400 Supplmnto onlin a R. Filosa G. Marotta, Stabilità finanziaria crisi, Bologna. Il Mulino, 011 Pag. 0

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Srvizio Tnio i Bino Romgn S i Rimini Lvori: 11162_INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO E MESSA IN SICUREZZA DELLA STRADA PROVINCIALE SP. 84 VALPIANO MIRATOIO, IN LOCALITA CA GUIDI LA PETRA, IN COMUNE

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli