RELAZIONE DI MISSIONE 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI MISSIONE 2009"

Transcript

1 RELAZIONE DI MISSIONE 2009 Centro Ambrosiano di Solidarietà ONLUS Ente Morale - Ente Ausiliario della Regione Lombardia Via Marotta, Milano P.IVA c.f

2 INDICE SESSIONE I COMUNICAZIONE DELLA PRESIDENTE... 3 CEAS DA NUMERI L ASSETTO ISTITUZIONALE... 6 STRUTTURA ORGANIZZATIVA INTERNA... 7 STILE E METODOLOGIA DI INTERVENTO... 9 AREE DI INTERVENTO...10 I BENEFICIARI TIPOLOGIE DI INTERVENTI EROGATI...15 V.1 AREA DIPENDENZE...17 V.2. AREA SALUTE MENTALE...20 V.3. AREA MINORI...23 V.4. AREA DONNE...25 VILLAGGIO SOLIDALE...28 I PROGETTI...29 ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE E PROMOZIONE SUL TERRITORIO...36 RETI DI COLLEGAMENTO...37 CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ...39 IL VOLONTARIATO...40 IL PERSONALE IMPIEGATO...42 ANALISI DELLA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA...45 IL PATRIMONIO...45 ANALISI ENTRATE E PROVENTI...47 ANALISI USCITE E ONERI...49 SESSIONE II ALLEGATO A: BILANCIO D ESERCIZIO ALLEGATO B: NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

3 NOTA DI SINTESI COMUNICAZIONE DELLA PRESIDENTE Il 2009 è stato un importante anno di rilancio per la nostra associazione, un banco di prova della nostra organizzazione in preparazione alle sfide del nuovo decennio. La sfida che abbiamo raccolto, rilanciare Ceas consolidare le sue pratiche gestionali, migliorare l'efficacia e la qualità del suo intervento, ha assorbito le energie del Consiglio Direttivo e della struttura operativa, impegnati sin dal primo momento a garantire continuità alle attività dell'associazione. I dati dell'anno 2009 evidenziano un incremento sostanziale delle entrate da attività istituzionali di circa 15,6 punti percentuale (1.882 M del 2008 a M del 2009) e una ripresa del volume delle entrate extragestione quasi duplicata rispetto all anno precedente (da del 2008 a ). La strategia adottata dal Consiglio di consolidare le strutture residenziali con la promozione e il consolidamento delle strutture di comunità, sul territorio lombardo al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi di riempimento dei posti residenziali, ha dato i suoi frutti e ha portato al raggiungimento del target per tutte le comunità con conseguente risultato positivo. Si segnala in particolare il consolidamento del rapporto di convenzione con l ASL Milano per i posti della comunità Alisei,(euro ) il mantenimento dei livelli convenzionati della comunità San Gregorio (euro ). La grande novità in termini di investimento residenziale è stato il potenziamento dell area donne, di recente organizzazione, attraverso l ingresso del Ceas nella rete delle organizzazioni del Comune di Milano che si occupano di maltrattamento, e il consolidamento della presenza nel tavolo cittadino relativo all art.18 e ai fenomeni di sostegno a vittime di sfruttamento sessuale e tratta. Entrambi gli interventi sono stati svolti in convenzione con l amministrazione Comunale di Milano. In particolare sul tema del maltrattamento Ceas è stato l ente incaricato dall amministrazione Comunale del coordinamento della formazione rivolta alle forze dell ordine e alla polizia municipale sui temi del maltrattamento familiare. Sempre nel 2009 si è avviata la collaborazione con l amministrazione Comunale sulle ordinanze Alcool, dipendenze,prostituzione, che hanno consentito al Ceas di partecipare fattivamente alla creazione delle Unità Multidisciplinari. Si segnala che purtroppo nel corso del 2009 sono state ancora poco efficaci le azioni di fund-raising. In particolare rispetto alla raccolta fondi è importante sottolineare che la difficile situazione di crisi che coinvolge tutti i settori, toglie capacità di raccolta a piccole organizzazioni come la nostra che non hanno grande capacità mediatica e che agiscono la propria politica di fund raising in ambito solo territoriale e per conoscenza diretta dei sostenitori. In particolare è evidente la necessità di predisporre strumenti di comunicazione più capillari e moderni. A fronte di questa buona riuscita nelle entrate l organizzazione è riuscita, nell insieme a contenere costi all interno del budget previsto, sebbene si evidenzia che, nonostante una attenta gestione del personale che ha portato ad una ristrutturazione di tutte le equipe, i costi legati alle risorse umane sono aumentate anche in relazione agli aumenti contrattuali legati al rinnovo del contratto. Anche sul fronte dei pagamenti si registra ancora un certo ritardo nelle tempistiche di pagamento da parte delle amministrazioni pubbliche che ha portato, seppur con un lieve miglioramento rispetto allo scorso anno, ad una consistente esposizione con i circuiti bancari, con incrementi sostanziali del costo del denaro. Nell insieme però il risultato di esercizio è stato più che positivo e sopra le ispettive di budget inizialmente preventivate. Questo risultato deve essere il punto di partenza per l avvio di un nuovo anno teso a consolidare la situazione finanziari e patrimoniale della nostra Associazione, oltre che la sua posizione nel contesto milanese. RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

4 NOTA DI SINTESI Politica strategica per il 2010 Le priorità su cui l'associazione sta lavorando sono: - Potenziare i servizi strutturati ampliando le convenzioni in essere - Migliorare la Gestione delle strutture residenziali, - Raggiungere l accreditamento per tutte le strutture residenziali, - Ottimizzare la gestione delle Risorse, - Valorizzare le Risorse Umane in particolare il volontariato, - procedere ad una attenta analisi delle politiche di accesso ai contributi attraverso le proposte progettuali (gestite direttamente o in paternariato), che comporta un processo di ridisegno dei nostri interventi in alcune aree nell'ottica di evolvere verso un concentrare l azione progettuale su iniziative strettamente legate alla mission associativa - consolidare i rapporti con gli enti partner quali Fondazione Sasso Di Maremma - ristrutturazione dell area logistica,potenziando la presenza tecnica specifica per favorire una migliore efficacia delle spese e degli investimenti relativi alla manutenzione e miglioramento delle strutture e del cortile-villaggio di via Marotta. - Ricertificare con maggiore puntualità gli interventi del CeaS NEL 2010 Riteniamo che questa politica porterà Ceas, al termine del 2010, a consolidare il processo di risanamento, concretizzando una modalità di gestione funzionale al perseguimento di risultati misurabili e alla tracciabilità delle risorse utilizzate per il loro raggiungimento. In questa situazione l'organizzazione ha avviato, sotto la guida del Consiglio Direttivo, un processo finalizzato alla impostazione di processi e meccanismi gestionali orientati alla trasparenza, con l'obiettivo di conseguire entro i primi mesi del 2009 l attivazione del sistema di controllo di gestione e di monitoraggio organizzativo per tutte le sue unità operative. La relazione che presentiamo si articola in due diverse sezioni. - Sessione 1. Relazione di Missione: nella quale rendiamo conto delle attività svolte nel corso dell'anno, fornendo una rappresentazione dell'andamento delle attività istituzionali, dei progetti realizzati e della politica della Raccolta Fondi, delle risorse impiegate. - Sessione 2: nella quale vengono presentati i dati del Bilancio di Esercizio 2009 (Stato Patrimoniale e Rendiconto Gestionale), la Nota Integrativa, la Relazione del Collegio di Revisione. RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

5 NOTA DI SINTESI CEAS DA NUMERI fruitori dei servizi a cui si aggiungono le famiglie e la rete sociale le ore direttamente erogate nei servizi gli interventi erogati ai beneficiari dei servizi supporto alle attività quotidiane il numero dei km percorsi nel 2009 per lo svolgimento delle attività i caffè bevuti alle macchinette 8977 i giorni di scuola frequentati dai bambini del Ceas 5000 euro il fondo donato per il progetto microcredito alle famiglie Rom 3843 telefonate trattate con i servizi di counselling telefonico 3384 le ore doposcuola erogate ai bambini del Villaggio Solidale 1064 i gruppi gestiti con gli ospiti 929 donne fruitici dei servizi 659 incontri di rete (informali e istituzionali) 626 interventi rivolti all'inserimento lavorativo 440 i colloqui con le famiglie 205 i quaderni di scuola utilizzati 182 i donatori che hanno scelto di donare il 5X1000 a Ceas 83 le domande di lavoro pervenute 72 il personale dipendente, i collaboratori e i professionisti 60 le uscite dell'unità di strada "altre strade" 56 i volontari del Ceas 48 gli allenamenti della squadra di calcio del Ceas 26 le donne lavoratrici 23 gli anni di attività del Ceas 15 laboratori teatrali e musicali 13 le casette del progetto ROM 12 i progetti finanziati attivi nel i consiglieri 6 le strutture gestite 5 euro il costo di un CD di Amico Mio RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

6 PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE Il Centro Ambrosiano di Solidarietà (Ce.A.S.) è un'organizzazione non lucrativa del privato sociale che dal 1986 si occupa di accogliere, accompagnare nella crescita, orientare e reintegrare nella società persone con esperienze di disagio individuale, familiare e sociale, aiutandole a raggiungere il maggior grado possibile di benessere e autonomia. Il Ce.A.S. realizza il proprio intervento, in rete con gli enti locali, i servizi territoriali e le associazioni del privato sociale, attraverso: - contesti comunitari residenziali con progetti di orientamento e avviamento al reinserimento sociale (presso la sede milanese di zona 3 e presso la sede di Cabiate CO); - progetti di accoglienza di nuclei famigliari in condizioni di emergenza abitativa o grave marginalità sociale (Zona 3); - alloggi protetti per l autonomia rivolti a donne sole e/o con figli (Zona 3) - alloggi protetti per giovani minori o neo maggiorenni (zone 4 e 5 di Milano) - servizi di ascolto telefonico (Linea Verde Droga) - servizi di counseling - servizi territoriali Tutti i servizi di Ce.A.S. sono certificati ISO 9001 dal novembre L'organizzazione ha la propria sede legale ed amministrativa nonché quella della maggior parte dei servizi residenziali in zona 3, presso via Marotta, 8. Dal punto di vista della natura giuridica è associazione privata riconosciuta, iscritta al registro delle persone giuridiche private della Regione Lombardia, con qualifica di Onlus (D.Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460). In base alle sue disposizioni statutarie redige ed approva annualmente il bilancio d esercizio che è assoggettato a verifica da parte di un Collegio di Revisori indipendenti appositamente nominati. L ASSETTO ISTITUZIONALE Attualmente la struttura di Ce.A.S. si compone di due Enti con personalità giuridica separata: l Associazione Centro Ambrosiano di Solidarietà Onlus e l Associazione Volontari Ce.A.S. Questi due enti lavorano in stretta collaborazione e sinergia al fine di gestire al meglio i numerosi progetti di cui il Ce.A.S. è promotore. La gestione della associazione Ce.A.S è regolata da un organo sovrano, l Assemblea dei soci, a cui partecipano tutti i soci e le socie ed hanno diritto di voto gli iscritti. L assemblea elegge i componenti del consiglio di amministrazione (CdA) che assume tutte le decisioni relative alle strategie da adottare per il consolidamento e lo sviluppo delle attività dell associazione ed è investito dei più ampi poteri per la gestione della stessa. Compongono il Consiglio di Amministrazione dell associazione Ce.A.S. Onlus: NOMINATIVO QUALIFICA TIPOLOGIA DATA NOMINA SCADENZA NOMINA Maria Grazia Guida Presidente Socio volontario 20/04/ /12/2009 Don Virginio Colmegna Consigliere Socio volontario 20/04/ /12/2009 Pietro Dagnino Consigliere Socio volontario 20/04/ /12/2009 Maria Ferpozzi Consigliere Socio volontario 20/04/ /12/2009 Pietro Inchingolo Consigliere Socio volontario 20/04/ /12/2009 Claudio Mattiolo Consigliere Socio volontario 20/04/ /12/2009 Marco Cavedon Consigliere Socio volontario 22/04/ /12/2009 RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

7 PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE Presidente del Collegio dei Revisori: Giuseppe Milan. Sindaci: Luciano Scotuzzi, Vittorio Lo Russo L attuale consiglio è stato eletto nel 2007 e verrà rinnovato dopo l approvazione del presente bilancio STRUTTURA ORGANIZZATIVA INTERNA La struttura organizzativa dell associazione si compone di aree produttive e di aree di supporto (Uffici e logistica) coordinate dalle responsabili d area che compongono lo Staff di Direzione e afferiscono direttamente alla Presidente. Le quattro aree sono: - Area Dipendenze - Area Salute Mentale - Area Minori-Giovani - Area donne - Area Organizzazione e Sviluppo (supporto) Il coordinamento dell associazione avviene attraverso lo Staff di direzione, così composto: NOMINATIVO QUALIFICA AREA/SERVIZIO Maria Grazia Guida Presidente Benedetta Castelli Responsabile Area Area Minori Vita Casavola Responsabile Area Area Salute Mentale Linda Donini Responsabile Area Area Donne - Area Organizzazione e Sviluppo Claudia Polli Responsabile Area Area Dipendenze Gabriele Arosio Coordinatore Servizio Villaggio Solidale Lo Staff di direzione nel corso del 2009 si è riunito n. 30 volte con una cadenza in media bisettimanale. Alla direzione compete la gestione corrente delle attività per le quali ha la responsabilità di analisi, decisionale e di controllo. Un paio di volte l anno in occasione di incontri di programmazione la direzione viene allargata ai responsabili dei servizi residenziali. I servizi residenziali e territoriali sono guidati da un coordinatore o coordinatrice, che risponde direttamente alle responsabili d area. NOMINATIVO QUALIFICA SERVIZIO/PROGETTO AREA Gabriele Arosio Coordinatore Servizio Villaggio Solidale O&S Daniela Brambilla Coordinatrice Progetto Altre Strade Minori - giovani Alessandra Buccheri Coordinatrice Servizio Sistema Qualità O&S Benedetta Castelli Responsabile Area Erasmus e progetti Minori giovani Vita Casavola Responsabile Area Villetta San Gregorio Salute mentale Elena Dragonetti Coordinatrice Servizio Casa Ruth Donne Claudia Polli Responsabile Area LVD e progetti territoriali Dipendenze Graziano Valera Coordinatore Servizio Alisei Dipendenze Lucia Volpi Coordinatrice Servizio Mammamondo Donne RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

8 PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE ORGANIGRAMMA ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI CONSIGLIO DIRETTIVO PRIVACY P008 CONTROLLO DI GESTIONE P010 RAQ P001%P004 PRESIDENZA COMUNICAZIONE FUND RASING SEGRETERIA DI DIREZIONE STAFF DI DIREZIONE PROGETTAZIONE FORMAZIONE AMMINISTRA- ZIONE P009 AREA ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO AREA DONNE AREA MINORI GIOVANI PO023 AREA DIPENDENZE PO023 AREA SALUTE MENTALE PO025 Contabilità IO.053 Acquisti PO.028 Controllo PO.030 Commerciale P007 Casa Ruth Prog.ERASMUS Spf162 U.O ALISEI Spf 152 U.o La Villetta S.Greg Spf171 Fatturazione IO.052 Logistica/Sicur/ Infrastutture PO021 Risorse umane PO.032 Mammamondo Spf 153 Progetti Progetti Progetti Informatica P0031 Coord. Progetti Budget Counselling Linea Verde Droga Spf 151 Cassinettai Segreteria operativa PO.027 VILLAGGIO SOLIDALE RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

9 STILE E METODOLOGIA DI INTERVENTO STILE E METODOLOGIA DI INTERVENTO I valori ai quali Ce.A.S. si ispira e sulla base dei quali porta avanti la mission sono: L'accoglienza Accogliere, significa favorire un'organizzazione e un clima in cui ognuno possa sentirsi a proprio agio, ascoltato e compreso: l'intento del Ceas è quello di aprire spazi relazionali rispettando le difficoltà e le esigenze dell'interlocutore. Questo significa avere cura degli atti comunicativi e consapevolezza degli aspetti della comunicazione legati al verbale e al non verbale (cosa dico, come lo dico, come mi pongo). L'ascolto Ascoltare significa aprirsi all'altro fino a coglierne i limiti, le paure, le risorse e i desideri: il nostro obiettivo è acquisire strumenti che permettano un ascolto che sia comunicazione responsabile. La centralità della persona e del sostegno Porre la persona al centro significa privilegiare e sostenere il benessere individuale e collettivo di coloro che, a diverso titolo, partecipano alla vita della nostra organizzazione: l'intento è quello di mettere al "centro" la persona, con i suoi bisogni, le sue attese, le sue sofferenze, le sue caratteristiche e i suoi sogni, elaborando con lei e per lei le risposte più adeguate. Il Ceas vuole facilitare la crescita umana e professionale degli operatori attraverso momenti di formazione e supervisione, garantendo sempre risorse umane, materiali e professionali adeguate. La condivisione progettuale e la trasparenza Nel nostro operare abbiamo scelto un approccio che valorizza l'incontro con il singolo, la sua storia, i suoi bisogni e desideri; e che valorizza, sia all'interno sia all'esterno del nostro sistema, la condivisione di risorse, informazioni, collaborazioni e la messa in circolo di buone prassi. Per quanto riguarda fattori quali la comunicazione, le responsabilità, le decisioni, le scelte e le strategie, le nostre procedure sono definite, trasparenti e facilmente comprensibili. La responsabilità sociale Organizzare servizi affidabili per qualità e continuità è da sempre un nostro preciso dovere, così come lo è lavorare alacremente per promuovere la migliore integrazione sociale possibile degli ospiti nelle diverse sfere: casa, lavoro, studio, amici. Attraverso la circolarità della comunicazione, ci proponiamo di favorire senza soluzione di continuità la conoscenza, la collaborazione e l'integrazione con i servizi della rete interna ed esterna al sistema. Per rispettare i diritti degli utenti e degli operatori, desideriamo orientare il nostro intervento verso la creazione di servizi di qualità sempre nuovi, promovendo la nostra presenza come risorsa preziosa e necessaria. Tutto ciò nel rispetto critico delle normative vigenti e con la volontà di contrastare qualunque politica che possa favorire l'emarginazione. A garanzia dell'intero sistema abbiamo sempre promosso: - una progettualità condivisa attraverso occasioni di scambio, studio e ricerca; - l'elaborazione di un linguaggio e di strumenti comuni; - un confronto costante sul senso del nostro lavoro e sulle reciproche aspettative; - tavoli di coordinamento, riunioni di equipe, momenti di formazione e supervisione; - la manutenzione costante della comunicazione; - l'accesso alle informazioni, la conoscenza e la comprensione del sistema. RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

10 AREE DI INTERVENTO AREE DI INTERVENTO Per perseguire le proprie finalità l Associazione ha progressivamente ampliato i propri servizi al fine di meglio rispondere alle diverse esigenze delle persone assistite. Di seguito si riporta una sintesi delle aree e dei servizi/strutture per ciascuna area. In una sezione separata saranno invece dettagliatamente descritti i progetti promossi. AREE SERVIZI DESCRIZIONE AREA DIPENDENZE Linea Verde Droga Comunità Alisei Progetto Vela Servizio di ascolto telefonico anonimo e gratuito, in convenzione con il Comune di Milano, che offre consulenza, informazione ed orientamento rispetto alle tematiche della dipendenza. Comunità Residenziale di trattamento specialistico per tossicodipendenti in comorbilità psichiatrica. Accreditata con la Regione Lombardia con d.g.r 16450/2004 e successiva modifica con d.g.r /2004 per accogliere un massimo di 10 pazienti maschi. Servizio di reinserimento ed accoglienza di soggetti ex tossico-alcol dipendenti attraverso l'inserimento in appartamenti sul territorio milanese Servizio in convenzione con il Comune di Milano per accoglienza di massimo 7 utenti. AREA SALUTE MENTALE Villetta san Gregorio Struttura socio-sanitaria di ambito psichiatrico dotata di 13 posti letto (denominabile anche come comunità residenziale a media assistenza per 13 pazienti ) ed è stata accreditata dalla Regione Lombardia con d.g.r. VII/8988 del 7/5/2002 e contratta da ASL Città di Milano con contratto del 14/3/2003 AREA MINORI Erasmus Interventi di integrazione sociale di ragazzi prossimi ai 18 anni, italiani e stranieri, attuati attraverso accoglienza in due appartamenti protetti per l autonomia e il supporto educativo volto alla costruzione di progetti individualizzati. In convenzione con il Comune di Milano. Unità di Strada Interventi in e fuori strada rivolti a prostituti maschi Counselling Servizio operativo presso due sedi in Zona 4 e 5 di Milano, a cui possono rivolgersi gratuitamente ragazze e ragazzi dai 12 anni in su, i loro genitori, gli insegnanti e tutti coloro che si trovano a confrontarsi con il mondo adolescenziale, anche nei suoi aspetti di maggior disagio. Nell ambito del servizio di counseling sono stati sviluppati progetti di rete in collaborazione con diversi soggetti del terzo settore in particolare: - Progetto sestante - Progetto Arcipelago Mazzini - Progetto Arcipelago Mazzini Vodafone - Progetto Start-up RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

11 AREE SERVIZI DESCRIZIONE AREE DI INTERVENTO AREA DONNE Mammamondo Casa Ruth Comunità Residenziale per donne di ogni nazionalità,sole, in gravidanza e o con figli, inviate dal servizio sociale, generalmente, con decreto del Tribunale per i Minori. Accoglie sino a 13 posti. Appartamento protetto per l autonomia per donne italiane e/o straniere con figlo/i a carico provenienti da esperienze di Comunità e/o da situazioni di precarietà socio-abitativa e per donne italiane e/o straniere provenienti da situazioni di violenza domestica e/o abuso e/o precarietà socioeconomica.la struttura ha 5 posti letto e un posto di pronto intervento. Accoglienza convenzionata con enti locali. VILLAGGIO SOLIDALE Progetto ROM Villaggio solidale Progetto di accoglienza in 13 casette mobili di nuclei famigliari che vertono in condizioni di grave emarginazione (oggi sono accolte famiglie rom sgomberate dai campi abusivi) e di supporto educativo per la costruzione di percorsi di integrazione sul territorio, a quattro livelli: quello legale, quello socio-sanitario, quello educativo e quello economico-lavorativo.le persone in carico sono 70. Il progetto è gestito in collaborazione e con i finanziamenti di Fondazione Casa della Carità Infine all Area Organizzazione e Sviluppo fanno capo le attività di Segreteria, amministrazione gestione del personale e logistica che operano a servizio delle aree operative. Di seguito si riporta il dettaglio delle funzioni svolte da ciascuno dei servizi sopra elencati e una breve analisi dell andamento dei servizi e dei progetti nel corso dell anno. RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

12 AREE DI INTERVENTO I BENEFICIARI Beneficiari diretti delle attività svolte dalla Associazione sono gli utenti o ospiti, di seguito viene fornita una panoramica del numero di fruitori dei servizi indicati separatamente per i servizi residenziali e per i servizi territoriali. Beneficiari indiretti delle attività sono le famiglie degli utenti e ospiti, gli enti invianti, i fornitori, le istituzioni territoriali e la comunità. Fermando l attenzione sui beneficiari diretti, nel 2009 sono stati accolti nei servizi residenziali in totale 161 ospiti; mentre i servizi territoriali hanno erogati servizi a n utenti. Di seguito si illustra nel dettaglio la ripartizione in percentuale degli ospiti accolti nei diversi servizi residenziali. Villaggio 41% Area dipendenze 10% area Salute mentale 8% Area Minori 6% Area Donne 35% Per offrire un quadro più chiaro della tipologia di ospiti accolti viene fornita una rappresentazione della composizione dei beneficiari analizzata per età, sesso e paese di provenienza. n. femmine n. maschi ALISEI S.GREGORIO ERASMUS MAMMA MONDO CASA RUTH VILLAGGIO SOLIDALE RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

13 AREE DI INTERVENTO 100% 80% 60% 40% 20% 0% > 50 25<età> 50 17<età> 25 11<età>16 4<età>10 0<età> n. italia n. altre nazioni ALISEI 0 S.GREGORIO 13 ERASMUS MAMMA MONDO CASA RUTH 5 12 VILLAGGIO SOLIDALE 35 TOTALE RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

14 AREE DI INTERVENTO Di seguito si riporta dei beneficiari dei servizi educativi-territoriali n. femmine n. maschi n. italia n. altre nazioni > 50 9% 4<età>10 1% 25<età> 50 15% 11<età>16 40% 17<età> 25 RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

15 AREE DI INTERVENTO TIPOLOGIE DI INTERVENTI EROGATI Una lettura trasversale del volume di interventi che le strutture residenziali erogano agli ospiti, analizzati per tipologia, fornisce un quadro importante del valore aggiunto che i nostri servizi sono in grado di garantire. Di seguito si riporta una sintesi degli interventi erogati agli ospiti dei servizi residenziali: Tipologia intervento erogato TOTALE n. persone prese in carico 161 supporto sociale 5331 colloqui 4491 colloqui con famiglie 440 gruppi 1064 incontri di rete (informali e istituzionali) 419 interventi individuali sulle abilità di base 9338 interventi individuali di risocializzazione 1671 supporto alle attività quotidiane interventi rivolti all'inserimento lavorativo 626 L analisi della tipologia di interventi erogati nell ambito dei singoli servizi mette in forte risalto le specifiche caratteristiche delle singole unità di offerta. n. persone prese in carico VILLAGGIO SOLIDALE CASA RUTH MAMMA MONDO ERASMUS S.GREGORIO ALISEI supporto sociale colloqui colloqui con famiglie gruppi incontri di rete (informali e istituzionali) interventi individuali sulle abilità di base interventi individuali di risocializzazione supporto alle attività quotidiane interventi rivolti all'inserimento lavorativo 0% 50% 100% RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

16 AREE DI INTERVENTO Di seguito si riporta una sintesi degli interventi erogati agli ospiti dei servizi territoriali: Tipologia intervento erogato Totale counselling telefonico 3843 counseling alle famiglie 443 unità di strada 60 interventi nei quartieri 664 incontri di rete 240 tutoring 22 interventi d prevenzione sul territorio 02 laboratori musicale, teatrale 15 Il Counseling telefonico viene erogato dal servizio Linea Verde Droga e Dipendenze erogato in appalto con il Comune di Milano. Nello specifico vengono di seguito declinati, per singolo progetto territoriale, gli utenti presi in carico nel corso del start up sestante umi mazzini cortili Tra banco e realtà vismara Counselling telefonico Counselling unità di strada interventi nei quartieri incontri di rete tutoring interventi d prevenzione sul territorio laboratori musicale, teatrale Nei prossimi paragrafi vengono descritti i singoli servizi, strutture e progetti. Per ciascuno sono esplicitati le attività realizzate nel corso dell anno 2009, punti di forza e criticità e i possibili sviluppi futuri utili alle scelte strategiche per i prossimi anni. RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

17 AREA DIPENDENZE V.1 AREA DIPENDENZE L'Area Dipendenze è stata la prima area di sviluppo del lavoro educativo in cui si è sperimentato il Centro Ambrosiano di solidarietà traendo la propria filosofia dall'esperienza dei Centri Italiani di Solidarietà avviati in Italia da Don Mario Picchi alla fine degli anni '70. Da allora il lavoro terapeutico e riabilitativo, oltre che all'interno delle preposte strutture comunitarie e attraverso i progetti individuali, ha trovato spazio ed arricchimento in ambiti quali il Coordinamento Cittadino Dipendenze ed i Coordinamenti territoriali promossi dall'ufficio dipendenze del Comune di Milano e dall'asl. La partecipazione a suddetti tavoli di lavoro ha consentito la riflessione e la promozione di interventi finalizzati all'integrazione sociale, agli inserimenti lavorativi, agli inserimenti abitativi. Servizio Referente ALISEI Graziano Valera Attività 2009 Capacità di raggiungimento degli obiettivi per il 2009: L obiettivo che l area si era posta per l anno 2009 era di consolidare la riconversione dell intervento in struttura terapeutica di trattamento integrando l esperienza del Centro Diagnosi e Osservazione come modulo all interno del percorso di diciotto mesi. Obiettivi raggiunti nell arco dell anno: riduzione del turn-over dei residenti e conseguentemente una maggiore stabilità delle presenze; miglioramento netto del clima generale di vita quotidiana e d operatività; maggiore efficacia percepita del lavoro psicoeducativo; perfezionamento di un modello d intervento e di comunicazione. I risultati ottenuti hanno permesso, rispetto al budget assegnato dall ASL di Milano, di mantenere i 7 posti. Equipe: la struttura è diretta dal coordinatore pedagogico, Valera, a 38 ore, presente tutti i giorni con funzioni di conduzione del gruppo di lavoro in rapporto agli eventi quotidiani ed in connessione con i progetti personali degli utenti. A rotazione, con l attenzione a favorire il maggior numero d ore di compresenza possibile, lavorano quattro Educatori professionali a 38 ore, un operatore senza titolo, Chemchi, per 38 ore, un volontario e un collaboratore a progetto per due notti. Completano l équipe lo psicologo a 25 ore e lo psichiatra a 8 ore. Inoltre collaborano con la struttura su interventi di psicoterapia di gruppo e arte terapia due consulenti esterni. Rapporti con i servizi territoriali/altri soggetti:i rapporti con i servizi sono stati consolidati attraverso la convocazione di un tavolo di condivisione dei progetti personali per tutti gli ospiti accolti nel 2009, esclusi naturalmente i fuori regione prima e durante il trattamento degli ospiti. Tale organizzazione ha garantito un miglioramento dell andamento dei percorsi. L obiettivo più a lungo termine è di rendere la comunità servizio tra i servizi, cioè non un luogo in cui le persone vengono inserite e poi dimenticate ma una parte di un intervento integrato. Interventi di counseling ed accompagnamento ai familiari degli ospiti: da maggio è stata avviata la presa in carico dei familiari degli ospiti, gestita da una pedagogista counselor (Polli) con il supporto di una psicologa specializzanda che sta svolgendo, presso il Ce.A.S., il tirocinio. L accompagnamento della famiglia è fondamentale e risulta un attributo prezioso e spesso necessario al trattamento, in particolar modo quando è integrato in programma di intervento complessivo. L intervento prevede due fasi: Un primo periodo di conoscenza dei familiari e di osservazione dei modelli relazionali RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

18 AREA DIPENDENZE e di comunicazione interna alla famiglia, le alleanze, i ruoli principali, le regole e i confini, i legami e gli stili di conflitto, seguito dalla somministrazione del genogramma familiare. Un periodo successivo di accompagnamento rispetto ai temi più legati alla fase di trattamento del familiare (paure, aspettative, separazione, rientri in famiglia). Ad oggi sono seguiti 6 nuclei familiari che sostengono almeno un colloquio mensile. Criticità/punti di forza rilevati Criticità rilevate nel corso dell anno - L utenza che è arrivata negli ultimi anni è estremamente complessa nella gestione quotidiana quindi sono necessari momenti di formazione permanente dell equipe oltre alla normale supervisione. Punti di forza - Consolidamento delle procedure previste dall accreditamento dell ASL - Consolidamento delle procedure del manuale Iso 9001 ed attuazione della modulistica - Consolidamento di alcune procedure operative realizzate dal gruppo di lavoro. Servizio Referente Attività 2009 LINEA VERDE DROGA E DIPENDENZE Claudia Polli L équipe della Linea Verde Droga ha garantito una copertura del servizio continuativa. A maggio il Ce.A.S. ha partecipato alla gara d appalto, indetta dal Comune di Milano, per la gestione del servizio; si è aggiudicata la gara che prevedeva la convenzione fino al 31 dicembre 2009 con possibilità di proroga. Il servizio ha ampliato gli interventi: - apertura tutti i giorni dalle 9.00 alle creazione di un sito specifico - attivazione di un forum - attivazione di una chat dedicata - counseling vis a vis per genitori di adolescenti Il flusso delle telefonate ha seguito l andamento degli anni precedenti con una media mensile di circa 250 telefonate. Nel 2009 sono giunte al servizio 3808 telefonate. L équipe attuale si è stabilizzata su 6 operatori professionali (1 responsabile, 4 operatori assunti a tempo indeterminato con impegno part-time ed 1 consulente) e 6 volontari. L équipe si incontra una volta al mese sia per la riunione di coordinamento interna sia per la supervisione. Nel corso del 2009 il CeAS è stato certificato rispetto ai servizi di consulenza telefonica. Prospettive Lavorare per una prosecuzione della gestione del servizio da parte del CEAS possibilmente con una prospettiva pluriennale; Nel caso venga confermato l affidamento al Ceas della Linea Verde Droga si tratterà di ripartire con una progettualità di più ampio respiro puntando su: - individuare percorsi di accompagnamento mirati ai volontari già presenti e canali di contatto con nuovi potenziali volontari; - concertare strategie specifiche di integrazione con l'umi, progettando forme di accompagnamento al servizio - ampliare l'area di contatto con persone che vivono una condizione di dipendenza da comportamenti compulsivi non legati al consumo di sostanze - aggiornare la banca dati sui servizi e aggiornare le informazioni con contatti con le diverse strutture e servizi - Implementare l'utilizzo di strumenti telematici (forum, chat, social network) per RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

19 AREA DIPENDENZE intercettare persone che vivono problematiche di consumo e di dipendenza e che utilizzano la Rete come fonte informativa o come ricerca di soluzioni possibili Criticità/punti di forza rilevati Criticità rilevate - precarietà del servizio per la difficoltà di progettare linee di sviluppo nel medio-lungo periodo (negli ultimi anni si è lavorato in regime di proroga o con convenzioni di durata inferiore all'anno) - necessità di prevedere un ricambio ed un ampliamento del gruppo dei volontari in quanto il gruppo storico si è ridimensionato nel tempo; Punti forza Una continuità sostanziale del gruppo di lavoro che ha determinato forte condivisione del modello d intervento che è andato consolidandosi nel tempo; La continuità della supervisione; il Dott. Cerizza sta accompagnando l équipe in una crescita progressiva delle proprie capacità di gestione di relazioni telefoniche sempre più complesse. Servizio Referente Attività 2009 PROGETTO VELA Claudia Polli Il progetto ha l obiettivo di accogliere in appartamenti extossicodipendenti e exalcoldipendenti per la fase di reinserimento sociale. Vi erano dedicati 1 responsabile e due operatori, tutti part-time. Da giugno 2008 la convenzione con il Comune di Milano è stata rinnovata a singhiozzi, talvolta in modo retroattivo e questo ha sicuramente influenzato l intervento rispetto ad una progettazione precisa e puntuale. Il Ce.A.S. si è visto costretto a ridurre il numero di posti in appartamento e ha introdotto il tutoring e l accompagnamento educativo per 4 persone che risiedono in appartamenti propri. Prospettive Il Ce.A.S ha partecipato ai gruppi di lavoro, convocati dal comune di Milano, per rivedere la convenzione in essere e ha proposto 3 posti in appartamento e 6 casi seguiti attraverso l accompagnamento educativo. Criticità/punti Criticità rilevate di forza rilevati Emergono le seguenti riflessioni: - precarietà del servizio per la difficoltà di progettare linee di sviluppo nel mediolungo periodo; - criticità rispetto al contesto abitativo: in questi anni il Ce.A.S. ha svolto l accoglienza utilizzando appartamenti, assegnati dall Aler collocati nel quartiere Molise-Calvairate che presenta un eterogeneità di situazioni abitative, legate ai suoi inquilini e a chi frequenta il quartiere, che richiede nelle persone che vi abitano una stabilità emotiva/relazionale che i nostri ospiti spesso non hanno. Da qui la riflessione di rinunciare a questa collocazione e individuare un appartamento che può accogliere 3 persone in un contesto meno complesso. - ri-progettazione per creare un intervento residenziale ad hoc per gli ospiti di Alisei che terminano il percorso in comunità ma necessitano di una fase di lavoro e accompagnamento per il raggiungimento dell autonomia. Punti forza Questo progetto rimane un occasione per essere presenti sul territorio rispetto ad un intervento che ha un notevole bisogno ma poche possibilità di risposta. ( a Milano solo tre realtà del privato sociale hanno una convenzione per tali interventi) Consolidare le competenze acquisite nell arco di un decennio; Ampliare in prospettiva l offerta della comunità Alisei garantendo una fase di reinserimento non previsto nella fase di trattamento (18 mesi).se RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

20 AREA SALUTE MENTALE V.2. AREA SALUTE MENTALE A fronte del crescente bisogno di tutela di quei soggetti con disturbi della sfera psichiatrica e del sostegno alle loro famiglie, il Ce.A.S. ha avviato nella seconda metà degli novanta un progetto finalizzato all'accoglienza di persone con conclamati disturbi psichiatrici la cui patologia non fosse compromettente rispetto alle possibilità di reinserimento nella vita sociale. A seguito di continue sperimentazioni di modelli di accoglienza ed intervento e di approfondimenti con le istituzioni pubbliche, si è arrivati a strutturare un tipo di intervento residenziale a cui si affianca un servizio di self-help rivolto alle famiglie delle persone in carico al centro. Struttura Referente Andamento attività anno 2009 (analisi qualiqualitativa) Villetta San Gregorio Vita Casavola Il 2009 per la Villetta San Gregorio è stato un anno di consolidamento dopo il riconoscimento, nel 2008 da parte della ASL dei requisiti per la riclassificazione della comunità in CPM. Nel corso del 2009 sono stati dimessi 4 utenti di cui 3 per compimento del percorso (in strutture di residenzialità leggera a minor protezione) ed 1 per incompatibilità con la ns. comunità. Sono stati inseriti 3 ospiti e siamo in attesa del 4 ingresso che dovrebbe avvenire a giorni contrariamente all'ingresso previsto per fine 2009 a causa di impedimenti da parte dell'asl che a novembre 2009 non ha impegnato fondi da destinare ai ricoveri in strutture accreditate malgrado la nostra convenzione prevedesse un capitolato di spesa per l'accoglienza di 13 utenti per l'intero A questo proposito per evitare di trovarsi in simili situazioni per il futuro la comunità cercherà di programmare con i servizi invianti le dimissioni entro i primi giorni di settembre oppure al 31 dicembre di ogni anno. Equipe di lavoro operativo (per il servizio dalle h. 8 alle h. 21 x 365 giorni) da gennaio 2009 formata da una coordinatrice (da settembre 25 h. settimanali) 4 educatori a tempo pieno 1 operatore generico a tempo pieno 1 signora per le pulizie tutti a tempo pieno 7 ore di prestazione infermieristica giornaliera (5 h al sabato e domenica) 1 consulente medico psichiatra per complessive h. 12 (+ 12 ore di reperibilità) settimanali 1 consulente medico direttore sanitario Tutti i gruppi i sono stati condotti dagli educatori di comunità tranne quello relativo alle attività motorie (il corpo in gioco) condotto da un consulente esterno e da un educatore interno. Nel corso del 2009 sono stati raggiunti tutti gli obiettivi previsti per ciascun utente e la conduzione della comunità ha visto: il mantenimento delle prassi e procedure di intervento rivolte agli ospiti (formulazione del piano di intervento riabilitativo individualizzato, attuazione del percorso riabilitativo, verifica degli obiettivi raggiunti, valutazioni cliniche e psico sociali con applicazione delle scale SCL 90 e Honos); il mantenimento delle procedure previste dall'accreditamento ASL (aggiornamento cartelle cliniche e sanitarie, rispetto standards strutturali, registro prestazioni e inserimento dati Psiche, piano formativo e supervisioni, ecc.) il mantenimento delle procedure del manuale di qualità Iso 9001 e attuazione quotidiana della modulistica relativa RELAZIONE DI MISSIONE ANNO

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli