Rendiconto di gestione. al 30 dicembre Fondo comune di investimento mobiliare aperto GROUPAMA FLEX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiconto di gestione. al 30 dicembre 2014. Fondo comune di investimento mobiliare aperto GROUPAMA FLEX"

Transcript

1 Rendiconto di gestione al 30 dicembre 2014 Fondo comune di investimento mobiliare aperto GROUPAMA FLEX

2 LA SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO: GROUPAMA ASSET MANAGEMENT Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Groupama Asset Management Società di Gestione del Risparmio S.p.A. è autorizzata ad istituire e gestire fondi comuni d investimento. Fa parte del gruppo GROUPAMA, uno dei principali gruppi francesi e internazionali nato dalla fusione tra le società GAN e GROUPAMA. La S.G.R. è iscritta al n. 20 dell Albo delle società di gestione del risparmio ex art.35 del TUF- Sezione Gestori di OICVM tenuto dalla Banca d Italia ed è inoltre autorizzata a prestare servizi di gestione di portafogli d investimento per conto terzi. La società ha sede legale in Roma, Via Savoia, 23. Il capitale sociale, interamente sottoscritto e versato, ammonta a euro ed è suddiviso in azioni totalmente di proprietà di GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SA., azionista unico. Alla data del 30 dicembre 2014 gli organi amministrativi e di controllo della Società di Gestione del Risparmio risultano così composti: Consiglio di Amministrazione Dr. Philippe Setbon, Presidente Dr. Arnaud Ganet, Amministratore Delegato Dr. Jean-Marie Catala, Amministratore Dr. Jean-Christophe Benzo, Amministratore Dr. Antoine De Salins, Amministratore Collegio Sindacale Dr. Roberto Ascoli, Presidente Dr. Eugenio Arnone, Sindaco effettivo Dr. Giancarlo Muci, Sindaco effettivo Società di Revisione PricewaterhouseCoopers Spa Banca Depositaria BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES Via Ansperto, 5 - Milano 2

3 RENDICONTO DI GESTIONE Forma e contenuto Il presente Rendiconto di Gestione, redatto con riferimento al 30 dicembre 2014, ultimo giorno di Borsa aperta dell esercizio, è stato predisposto in conformità alla normativa e alle disposizioni emanate in attuazione dell art. 6, comma 1, lettera c) numero 3 e dell articolo 37 del d.lgs. n. 58/1998 con Regolamento della Banca d Italia del 08/05/2012 e con D.M. 24 maggio 1999 n 228. Il Rendiconto di Gestione si compone di una Situazione Patrimoniale, di una Sezione Reddituale e di una Nota Integrativa accompagnati dalla Relazione degli Amministratori. Il presente rendiconto si riferisce al secondo anno di gestione del fondo. Criteri di arrotondamento Tutti i prospetti contabili sono redatti in unità di euro. L arrotondamento è ottenuto trascurando i decimali pari o inferiori a 50 centesimi ed elevando all unità superiore i decimali maggiori di 50 centesimi. L importo arrotondato delle voci è ottenuto per somma degli importi arrotondati delle sottovoci; la somma algebrica delle differenze derivanti dagli arrotondamenti operati sulle voci è ricondotta tra le altre attività o passività per la situazione patrimoniale, tra gli altri ricavi od oneri per la sezione reddituale. 3

4 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI Il quadro macroeconomico e dei mercati finanziari Il 2014 è stato, in generale, un anno favorevole per il mercato azionario, che ha mostrato un evoluzione non lineare, bensì caratterizzata da una successione di fasi di maggiore e minore volatilità. In particolare, su tale comparto si sono verificati quattro momenti di correzione dei mercati: la prima a febbraio, legata alle crescenti tensioni geopolitiche in Ucraina; la seconda ad agosto, per i timori sulla debolezza della crescita e dell inflazione della zona Euro; la terza ad ottobre per le preoccupazioni sul rallentamento della crescita mondiale e i dubbi sull evoluzione delle politiche monetarie; la quarta a dicembre, con l accelerazione del ribasso del prezzo del petrolio. Dal punto di vista geografico gli US hanno registrato il rendimento più appetibile; a seguire, Giappone ed Europa. Solo i Paesi emergenti hanno ottenuto una performance negativa. Sul mercato obbligazionario, nel comparto governativo si è verificato un trend di riduzione dei tassi, con i tassi sui titoli di stato decennali che sono diminuiti di 86 bps in US e 140 bps in Germania. Anche il comparto corporate ha beneficiato dell abbassamento dei credit spread, con le obbligazioni investment grade che hanno ben performato sia in Europa sia in US. I bond High Yield hanno avuto trend divergenti in particolare nella parte finale dell anno, con quelli europei che hanno sovraperformato gli americani, che hanno fortemente corretto in seguito al crollo del prezzo del petrolio. Il 2015 si apre con un differenziale congiunturale tra una crescita solida negli US e debole nella zona Euro. Fattori di sostegno alla crescita sono rappresentati dalla diminuzione del prezzo del petrolio e, per la zona Euro, dal deprezzamento dell EUR vs USD. Tutte le aree geografiche, in generale, sono accomunate dalla debolezza della domanda interna, con un trend debole dell inflazione e degli investimenti che conduce le Banche Centrali a mantenere una politica monetaria accomodante, con la stessa Fed che negli US sta ritardando il rialzo dei tassi. Riteniamo che i mercati degli asset rischiosi presenteranno un potenziale di crescita più limitato rispetto a quello degli ultimi anni ed un trend in cui si succederanno fasi di minore e maggiore avversione al rischio, di frequenza e ampiezza significative. Asset Class Primo semestre Anno Equity Euro 3,84% 1,20% Equity US 6,05% 11,39% Equity Japan -6,93% 7,12% Equity Emerging Markets 4,80% -4,63% Convertible Europe 3,11% 4,48% Convertible Global 6,82% 6,02% Corporate Euro High Yield 4,87% 5,66% Corporate US High Yield 5,64% 2,50% Corporate Global Investment Grade 5,06% 7,60% Emerging Debt Hard Currency 9,10% 5,53% Emerging Debt Local Currency 8,64% 7,10% Sovereign Debt US 1,73% 3,05% Sovereign Debt Germany 5,63% 12,00% Volatility Euro -11,51% 51,77% Volatility US -15,67% 39,94% Commodity 7,08% -17,01% 4

5 Currency - EURUSD -0,96% -11,96% Currency - EURJPY -4,34% 0,35% Money Market 0,10% 0,10% Groupama Flex Le scelte di gestione del periodo 30/12/ /12/2014 GROUPAMA FLEX è un fondo flessibile che persegue l obiettivo di un rendimento annuo pari al 7% su un orizzonte temporale di 5 anni e non presenta vincoli predeterminati relativamente agli strumenti finanziari in cui investe. Il Fondo non presenta alcun benchmark di riferimento. Dal punto di vista della gestione, l universo investibile è suddiviso in tre macro asset class: - risky asset (es. titoli azionari; titoli obbligazionari corporate, convertibili, dei paesi emergenti ); - asset di diversificazione (es. titoli governativi, commodities, divise, volatilità ); - asset monetari (strumenti monetari, cash ). L esposizione alle singole asset class viene calibrata in funzione del profilo di rischio/rendimento globale del Fondo, tenuto conto di valutazioni quantitative e qualitative. E possibile assumere un livello di leva finanziaria massimo pari a 2. In un anno caratterizzato da una successione di fasi di maggiore e minore avversione al rischio, la strategia può essere suddivisa in due macro-periodi; nei primi nove mesi dell anno, il portafoglio ha avuto un esposizione sugli asset rischiosi compresa tra l 80% e il 100%, consentendo di beneficiare del trend generalmente rialzista e dei rimbalzi di mercato che hanno seguito i significativi ribassi dei mercati di febbraio e agosto; nell ultimo trimestre, in seguito al picco di volatilità di ottobre e all inizio di una fase di crescente incertezza legata ai dubbi sulla ripresa economica della zona Euro, al forte calo del prezzo del petrolio, alle tensioni geopolitiche e all incertezza sull evoluzione delle politiche monetarie, il portafoglio ha acquisito un approccio più difensivo, non recependo le fasi di recupero dei mercati e terminando l anno con un peso medio degli asset rischiosi pari al 66%. Il posizionamento al 30/12/2014 è il seguente: - risky asset (es. titoli azionari, obbligazionari corporate, convertibili ); 66%; - asset di diversificazione (es. titoli governativi, commodities, divise ); 3%; - asset monetari (strumenti monetari, cash ): 28%. Per quanto riguarda l esposizione al rischio di cambio, questa viene considerata come un asset class di diversificazione; nel periodo considerato il Fondo ha mantenuto un esposizione lunga sul dollaro statunitense, che ha fornito un contributo positivo al rendimento del portafoglio dato il forte apprezzamento dell USD vs EUR, e che rappresenta a fine anno un peso del 3% circa sul totale del portafoglio. Gli strumenti utilizzati nella gestione sono stati, principalmente, gli OICR. Nel caso di utilizzo di OICR bersaglio della società del gruppo Groupama Asset Management le relative commissioni di gestione sono state interamente riaccreditate al fondo; nel caso di OICR fuori gruppo, gli eventuali rebates accordati con le case prodotto sono stati anch essi riaccreditati al Fondo. Le prospettive di investimento In uno scenario economico in cui è evidente la divergenza tra i tassi di crescita di US e zona Euro, tutte le aree geografiche sono generalmente caratterizzate dalla debolezza della domanda interna, 5

6 dell inflazione e degli investimenti, con le rispettive Banche centrali (Fed compresa) che sono invitate a conservare una strategia accomodante. Riteniamo opportuno conservare la nostra view positiva sui mercati degli asset rischiosi, benchè presentino un potenziale di crescita più limitato rispetto a quello degli ultimi anni ed un probabile trend con successioni di periodi di minore e maggiore avversione al rischio, di frequenza e ampiezza significative. L andamento della quota GROUPAMA FLEX Nel periodo 30/12/ /12/2014 la classe G-D ha registrato una performance lorda (total return) pari a +0,44% e la classe N-C, nello stesso periodo, una performance lorda di -0,06%, rispetto ad un target di rendimento annuo del 7%. Segnaliamo, nello specifico, il contributo positivo alla performance dei comparti obbligazionari High Yield di Europa e US, dell azionario americano, della posizione lunga sull USD e il contributo negativo degli investimenti azionari in Giappone e Paesi Emergenti. Ricordiamo la presenza di commissioni di gestione, commissioni di incentivo, costi di banca depositaria ed altri oneri, che incidono negativamente sul rendimento del fondo ma che non gravano sul target di rendimento. In base a quanto sopra detto, precisiamo che non si sono verificate le condizioni per il riconoscimento della commissione di incentivo. ll patrimonio del fondo al 30 dicembre 2014 ammontava a ,28 cosi suddiviso: patrimonio n quote valore unitario Classe G-D , , ,536 Classe N-C , , ,704 Il canale distributivo utilizzato nell anno è stata la società Sol&Fin SIM SpA. 6

7 Rendiconto di gestione del fondo GROUPAMA FLEX al 30/12/2014 Situazione Patrimoniale ATTIVITA Situazione al 30/12/2014 Valore complessivo In % del totale attività Situazione alla fine dell esercizio precedente Valore In % del complessivo totale attività A. Strumenti finanziari quotati , ,680 A1 Titoli di Debito A1.1 Titoli di Stato A1.2 Altri A2 Titoli di Capitale A3 Parti di OICR , ,680 B. Strumenti finanziari non quotati B1 Titoli di Debito B2 Titoli Di Capitale B3 Parti di OICR C. Strumenti finanziari derivati , ,316 C1 Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2 Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati C3 Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati , , D. Depositi Bancari D1 A vista D2 Altri E. Pronti Contro Termine attivi e Operazioni assimilate F. Posizione netta di liquidità , ,534 F1 Liquidità Disponibile , ,421 F2 Liquidità da ricevere per operazioni da regolare , ,074 F3 Liquidità impegnata per operazioni da regolare , ,961 G. Altre Attività , ,470 G1 Ratei attivi , ,470 G2 Risparmio d imposta G3 Altre TOTALE ATTIVITA , ,00 PASSIVITA E NETTO Situazione al 30/12/2014 Valore complessivo Situazione alla fine dell esercizio precedente Valore complessivo H. Finanziamenti Ricevuti 0 0 I Pronti Contro Termine passivi e Operazioni assimilate 0 0 7

8 L. Strumenti Finanziari Derivati 0 0 L1 Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati L2 Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati M. Debiti verso partecipanti 0 0 M1 Rimborsi richiesti e non regolati 0 0 M2 Proventi da distribuire 0 0 M3 Altri 0 0 N. Altre passività N1 Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2 Debiti d imposta 0 0 N3 Altre TOTALE PASSIVITA VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO Valore complessivo netto del fondo Classe G-D Numero quote in circolazione classe G-D , ,113 Valore unitario delle quote classe G-D 100, ,955 Valore complessivo netto del fondo Classe N-C Numero quote in circolazione classe N-C 2.212, ,477 Valore unitario delle quote classe N-C 100, ,769 Movimenti delle quote nell'esercizio della classe GD Quote emesse 0,000 Quote rimborsate 0,000 Movimenti delle quote nell'esercizio della classe NC Quote emesse 48,947 Quote rimborsate 347,727 8

9 Rendiconto di gestione del fondo GROUPAMA Flex al 30/12/2014 Sezione reddituale Rendiconto al 30/12/2014 Rendiconto esercizio precedente A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI A 1. PROVENTI DA INVESTIMENTI A 1.1 Interessi e altri proventi su titoli di debito A 1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale A 1.3 Proventi su parti di O.I.C.R. A 2. UTILE/PERDITA DA REALIZZI A 2.1 Titoli di debito A 2.2 Titoli di capitale A 2.3 Parti di O.I.C.R A 3. PLUSVALENZE/MINUSVALENZE A 3.1 Titoli di debito A 3.2 Titoli di capitale A 3.3 Parti di O.I.C.R A 4. RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DI STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari quotati B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI 0 0 B 1. PROVENTI DA INVESTIMENTI 0 0 B 1.1 Interessi e altri proventi su titoli di debito 0 0 B 1.2 Dividendi e altri proventi su titoli di capitale 0 0 B 1.3 Proventi su parti di O.I.C.R. 0 0 B 2. UTILE/PERDITA DA REALIZZI 0 0 B 2.1 Titoli di debito 0 0 B 2.2 Titoli di capitale 0 0 B 2.3 Parti di O.I.C.R. 0 0 B 3. PLUSVALENZE/MINUSVALENZE 0 0 B 3.1 Titoli di debito 0 0 B 3.2 Titoli di capitale 0 0 B 3.3 Parti di O.I.C.R. 0 0 B 4. RISULTATO DELLE OPERAZIONI DI COPERTURA DI 0 0 STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI Risultato gestione strumenti finanziari non quotati 0 0 C. RISULTATO DELLE OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON DI COPERTURA C 1. RISULTATI REALIZZATI C 1.1 Su strumenti quotati C 1.2 Su strumenti non quotati 0 0 C 2. RISULTATI NON REALIZZATI 0 0 C 2.1 Su strumenti quotati 0 0 C 2.2 Su strumenti non quotati 0 0 D. DEPOSITI BANCARI 0 0 D 1. INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI 0 0 E. RISULTATO DELLA GESTIONE CAMBI E 1. OPERAZIONI DI COPERTURA E 1.1 Risultati realizzati E 1.2 Risultati non realizzati E 2. OPERAZIONI NON DI COPERTURA 0 0 9

10 E 2.1 Risultati realizzati 0 0 E 2.2 Risultati non realizzati 0 0 E 3. LIQUIDITA E 3.1 Risultati realizzati E 3.2 Risultati non realizzati F. ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE 0 0 F 1. PROVENTI DELLE OPERAZIONI PRONTI 0 0 CONTRO TERMINE E ASSIMILATE F 2. PROVENTI DELLE OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI 0 0 Risultato lordo della gestione di portafoglio G. ONERI FINANZIARI -4 0 G 1. INTERESSI PASSIVI SU FINANZIAMENTI RICEVUTI -4 0 G 2. ALTRI ONERI FINANZIARI 0 0 Risultato netto della gestione di portafoglio H. ONERI DI GESTIONE H 1. PROVVIGIONE DI GESTIONE Provvigione di gestione classe G-D Provvigione di gestione classe N-C Provvigione di incentivo classe G-D Commissione di gestione OICR collegati H 2. COMMISSIONI BANCA DEPOSITARIA H 3. SPESE PUBBLICAZIONE PROSPETTI E INFORMATIVA AL PUBBLICO H 4. ALTRI ONERI DI GESTIONE I. ALTRI RICAVI ED ONERI I 1. INTERESSI ATTIVI SU DISPONIBILITÀ LIQUIDE 0 0 I 2. ALTRI RICAVI I 3. ALTRI ONERI Risultato della gestione prima delle imposte L. IMPOSTE 0 0 L 1. IMPOSTA SOSTITUTIVA A CARICO DELL ESERCIZIO 0 0 L 2. RISPARMIO D IMPOSTA 0 0 L 3. ALTRE IMPOSTE 0 0 Utile/perdita dell esercizio Utile/perdita dell esercizio classe G-D Utile/perdita dell esercizio classe N-C

11 NOTA INTEGRATIVA La presente NOTA INTEGRATIVA si compone delle seguenti Parti: Parte A ANDAMENTO DEL VALORE DELLA QUOTA Parte B Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V LE ATTIVITÀ, LE PASSIVITÀ E IL VALORE COMPLESSIVO NETTO Criteri di valutazione Le attività Le passività Il valore complessivo netto Altri dati patrimoniali Parte C Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Sezione VI IL RISULTATO ECONOMICO DELL ESERCIZIO Strumenti finanziari quotati e non quotati e strumenti di copertura Depositi bancari Altre operazioni di gestione e oneri finanziari Oneri di gestione Altri ricavi ed oneri Imposte Parte D ALTRE INFORMAZIONI Parte A - Andamento del valore della quota Nella seguente tabella si riportano il valore della quota, i valori minimo e massimo assunti dalla stessa e le variazioni del valore della quota e dell obiettivo di rendimento per l esercizio Tutti gli indicatori presenti in tale sezione sono calcolati in riferimento al periodo compreso tra il 30/12/2013 e il 30/12/2014. Esercizio 2014 Classe G-D Classe N-C Valore della quota a fine esercizio 100, ,704 Valore massimo della quota 103, ,921 Valore minimo della quota 98,842 98,783 Variazione del valore della quota nell esercizio Variazione del valore dell obiettivo di rendimento nell esercizio -1,39% -0,06% 7,00% 7,00% Precisiamo che sulla Classe G-D è stata effettuata la distribuzione di un dividendo unitario pari a 1,868 euro con ex date 10/03/2014, in riferimento alla performance realizzata nel periodo 26/09/

12 30/12/2013. Nella tabella sopra riportata il relativo tasso di rendimento non tiene conto di tale elemento reddituale, pertanto specifichiamo che la performance total return (cum dividendo) è positiva è pari a +0,44%. Di seguito si riportano i grafici dell andamento della quota del fondo (classe G-D total return e classe N-C) e del rispettivo obiettivo di rendimento nel periodo di riferimento. Alla data iniziale di riferimento (30/12/2013) il Fondo e il relativo Obiettivo di Rendimento sono stati posti pari a ,00 106,00 104,00 102,00 100,00 98,00 96,00 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 Fondo Classe G-D Obiettivo di Rendimento 108,00 106,00 104,00 102,00 100,00 98,00 96,00 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 Fondo Classe N-C Obiettivo di Rendimento Si rammenta che l andamento della performance delle quote del Fondo considera tutte le commissioni, costi e oneri gravanti sul patrimonio del Fondo, mentre sull obiettivo di rendimento non incidono tali componenti. Le performance dalla partenza del Fondo, precisando che la classe G-D è partita in data 26/09/13 e la classe N-C in data 14/11/13, è di +2,41% per la prima e +0,70% per la seconda, contro obiettivi di rendimenti pari, rispettivamente, a +8,95% e +7,94%. Groupama Asset Management SGR effettua, attraverso l utilizzo di applicativi software, e col supporto della funzione di Risk Management di Gruppo, un attività di valutazione e controllo dei fondi comuni 12

13 gestiti, sia al fine di controllare ex post il profilo di rischio-rendimento dei portafogli, sia di supportare ex ante l attività di investimento nella costruzione di portafogli con determinate caratteristiche rischiorendimento. I principali indicatori utilizzati, calcolati al 30 dicembre 2014, sono i seguenti: Esercizio 2014 Classe G-D Classe N-C Standard deviation del fondo 4,53% 4,59% Indice di Sharpe 0,06-0,05 Di seguito la descrizione degli indicatori: - standard deviation: è la volatilità dei rendimenti del portafoglio e rappresenta quindi la sua rischiosità; - indice di Sharpe: indica se il maggior rendimento del fondo rispetto ad un attività priva di rischio è coerente con il maggior rischio che viene assunto. Il Fondo ha una strategia Total Return, con un target di rendimento assoluto, pertanto non può essere rappresentato da indicatori di rischio/rendimento che facciano riferimento ad un benchmark. Per quanto riguarda, in modo specifico, la gestione dei rischi legati all andamento dei singoli mercati si rimanda alla descrizione di tali aspetti presenti nel paragrafo delle scelte di gestione del

14 Parte B - Le attività, le passività e il valore complessivo netto Sezione I - Criteri di valutazione La Società di Gestione, al fine della redazione del presente rendiconto, ha utilizzato i principi contabili e i criteri di valutazione previsti dalla Banca d Italia tenendo conto della peculiarità del Fondo, specializzato nell investimento in quote di OICR rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE. Tali principi e criteri di valutazione sono stati utilizzati anche nel corso del 2014 per la redazione dei prospetti giornalieri e della relazione semestrale. Tali principi e criteri sono di seguito descritti. Valutazione di attività e passività Il valore complessivo netto del Fondo è la risultante della valorizzazione delle attività del Fondo stesso al netto delle passività. Il valore complessivo netto del Fondo tiene conto delle componenti di reddito maturate di diretta pertinenza del Fondo e degli effetti rivenienti dalle operazioni stipulate e non ancora regolate. A tale fine: - con riferimento agli strumenti finanziari occorre fare riferimento alla posizione netta quale si ricava dalle consistenze effettive del giorno rettificate dalle partite relative ai contratti conclusi alla data di valutazione, anche se non ancora regolati. L effetto finanziario di tali contratti si riflette, per l importo del prezzo convenuto, sulle disponibilità liquide del Fondo; - si procede alla valorizzazione di ogni altra operazione non ancora regolata computandone gli effetti nella determinazione del valore del Fondo; - la rilevazione dei proventi e degli oneri avviene nel rispetto del principio di competenza, indipendentemente dalla data dell incasso e del pagamento. Per la determinazione dei valori da applicare alle quantità come sopra individuate, si applicano i criteri di valutazione stabiliti dall Autorità di Vigilanza ai sensi della normativa vigente, e più in particolare si precisa che: - i prezzi unitari utilizzati per la valorizzazione delle parti di OICR in portafoglio sono gli ultimi prezzi disponibili il giorno di Borsa aperta al quale si riferisce il valore della quota; - i prezzi sono rinvenuti sul sito ufficiale della società di gestione dell OICR oggetto di valutazione e verificati su information providers di primaria importanza e su ogni altra fonte disponibile; - le compravendite di OICR sono registrate in portafoglio ottenute le conferme delle operazioni. Le differenze tra i costi medi di acquisto e i prezzi di mercato degli OICR in portafoglio determinano plusvalenze e minusvalenze su strumenti finanziari. Le differenze tra i costi medi di acquisto e i prezzi di vendita per le cessioni poste in essere nel periodo determinano utili o perdite da realizzo su strumenti finanziari. Regime fiscale A partire dal 1 luglio 2011, con l entrata in vigore della Legge n. 10 del 26 febbraio 2011, la tassazione è prevista in capo ai partecipanti del Fondo al momento della percezione dei proventi. 14

15 Sezione II - Le attività II.1 - Strumenti finanziari quotati (OICR in portafoglio) Ripartizione degli strumenti finanziari quotati per Paese di residenza dell emittente. Paese di residenza dell emittente Italia Altri Paesi dell UE Altri paesi OCSE Altri paesi Titoli di debito - di Stato di altri enti pubblici di banche di altri Titoli di capitale - con diritto di voto con voto limitato altri Parti di OICR - aperti armonizzati aperti non armonizzati Altri (da specificare) Totali - in valore assoluto in percentuale del totale delle attività 0% 97,415% 0% 0% Ripartizione degli strumenti finanziari quotati per mercato di quotazione. Mercato di quotazione Italia Altri Paesi Altri paesi OCSE Altri paesi dell UE Titoli quotati Titoli in attesa di quotazione Totali: - in valore assoluto in percentuale delle attività 0 97,415% 0 0 Movimenti nell esercizio Movimenti nell esercizio Controvalore acquisti Controvalore vendite/rimborsi Titoli di debito Titoli di stato Altri 0 0 Titoli di capitale 0 0 Parti di OICR TOTALE

16 Elenco analitico degli strumenti finanziari detenuti Titoli Divisa Quantità Controvalore in Euro % su Totale attività HSBC GIF-EURO H/Y BOND-IC EUR ,438% AXA WORLD FUND-US HY BOND-IUSD USD ,904% GRUOPAMA TRESOREIRE EUR ,783% GROUPAMA ENTREPRISES I EUR ,088% HSBC EURO SHORT TERM AGG-ICEUR EUR ,790% ABN AMRO MM ARIST US-I USD USD ,793% NEUBER BERMAN H/Y BOND-USDINS USD ,126% LODH INVEST CNVRTBLE BD IA -CAP- EUR ,113% PARVEST EQY BEST SEL EURO-I EUR ,954% DNCA INVEST-SO EUROPE-I EUR EUR ,769% GS GR+EM M DEBT LOCAL-IUSDA USD ,498% METROPOLE SELECTION EUR ,145% AMUNDI EQ EM INT DEMAND-AUC USD ,014% Ripartizione degli strumenti finanziari quotati per attività economica Titoli di debito Titoli di capitale Parti di OICR Totale OICR armonizzati Totale II.2 - Strumenti finanziari non quotati In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. II.3 Titoli di debito In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. 16

17 II.4 Strumenti finanziari derivati In corso di esercizio il fondo ha posto in essere operazioni in strumenti finanziari derivati. Operazioni su tassi di interesse: Valore patrimoniale degli strumenti finanziari derivati - Futures su titoli di debito, tassi e altri contratti simili - Opzioni su tassi e altri contratti simili - Swaps e altri contratti simili Margini Strumenti finanziari quotati Strumenti finanziari non quotati Operazioni su tassi di cambio: - Futures su valute e altri contratti simili - Opzioni su tassi di cambio e altri contratti simili - Swaps e altri contratti simili Operazioni su titoli di capitale: - Futures su titoli di capitale, indici azionari e contratti simili - Opzioni su Titoli di capitale e altri contratti simili - Swaps e altri contratti simili Altre operazioni: - Futures - Opzioni - Swaps A fine esercizio il Fondo non deteneva una posizione creditoria in strumenti derivati attivi. Il fondo non ha ricevuto attività in garanzia per l operatività in strumenti finanziari derivati. II.5 - Depositi bancari In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. II.6 - Pronti contro termine attivi e operazioni assimilate In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. II.7 - Operazione di prestito titoli In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. 17

18 II.8 - Posizione netta di liquidità Importo Liquidità disponibile: Liquidità disponibile euro Liquidità disponibile altre Totale Liquidità da ricevere per operazioni da regolare: Liquidità da ricevere su strumenti finanziari euro Liquidità da ricevere su strumenti finanziari altre Liquidità da ricevere su vendite a termine euro Liquidità da ricevere su vendite a termine altre Liquidità da ricevere operazioni su divisa Interessi attivi da ricevere Totale Liquidità impegnata per operazioni da regolare: Liquidità impegnata per operazioni in strumenti finanziari euro Liquidità impegnata per operazioni in strumenti finanziari altre Liquidità impegnata per acquisti a termine euro Liquidità impegnata per acquisti a termine altro Liquidità impegnata per operazioni su divisa Interessi passivi da pagare Totale Totale posizione netta di Liquidità II.9 - Altre Attività Di seguito si riporta la tabella che illustra la composizione delle altre attività Altre attività Ratei attivi Ratei attivi plusvalenza forward da cambio Crediti d imposta 0 Altre 0 Totale Sezione III - Le passività III.1 - Finanziamenti ricevuti Non sono stati ricevuti finanziamenti nell esercizio III.2 - Pronti contro termine passivi e operazioni assimilate In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. III.3 - Operazioni di prestito titoli In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. III.4 - Strumenti finanziari derivati In corso di esercizio il fondo non ha posto in essere operazioni di tale natura. III.5 - Debiti verso partecipanti 18

19 Al 30/12/2014 il fondo non presenta debiti verso partecipanti per quote da regolare. III.6 - Altre passività Di seguito si riporta la tabella che illustra la composizione delle altre passività Altre passività TOTALE Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati Rateo passivo provvigioni di gestione classe G-D Rateo passivo provvigioni di gestione classe N-C -776 Rateo commissione di incentivo 0 Rateo attivo commissione di gestione OICR collegati Rateo passivo banca depositaria Rateo passivo spese custodia -401 Rateo passivo calcolo quota Rateo passivo spese di negoziazione -202 Rateo passivo onorario società di revisione Rateo passivo spese stampa prospetto/avvisi 0 Rateo passivo spese legali Rateo passivo contributo CONSOB Altre Rateo passivo forward da cambio Rateo interessi passivi c/c -4 Sezione IV - Valore complessivo netto La consistenza del patrimonio netto, suddiviso nelle classi attive G-D ed N-C, alla fine del 2014 si configura come segue: Variazioni del patrimonio netto classe G-D Anno 2014 Anno 2013 Anno 2012 Patrimonio netto ad inizio periodo Incrementi a) Sottoscrizioni Sottoscrizioni singole piani di accumulo switch in entrata b) Risultato positivo della gestione Decrementi a) Rimborsi Riscatti Piani di rimborso Switch in uscita b) Dividendi Distribuiti c) Risultato negativo della gestione Patrimonio netto a fine periodo

20 Variazioni del patrimonio netto classe N-C Anno 2014 Anno 2013 Anno 2012 Patrimonio netto ad inizio periodo Incrementi a) Sottoscrizioni Sottoscrizioni singole piani di accumulo switch in entrata b) Risultato positivo della gestione Decrementi a) Rimborsi Riscatti Piani di rimborso Switch in uscita b) Dividendi Distribuiti c) Risultato negativo della gestione Patrimonio netto a fine periodo Come previsto dal Regolamento di gestione del fondo, si rammenta che la classe G è rivolta alle società del gruppo di appartenenza della SGR mentre la classe N è rivolta ai clienti retail. Sezione V - Altri dati patrimoniali 1) A fine esercizio il fondo presenta impegni a fronte di strumenti finanziari derivati ed altre operazioni a termine ai sensi della disciplina di cui al Titolo V, Capitolo III, Sezione II, paragrafi del regolamento Banca d Italia dell 8 maggio 2012 e successive modifiche. Operazioni su tassi di interesse: Ammontare dell'impegno Valore Assoluto % del Valore Complessivo del fondo Futures su titoli di debito, tassi e altri contratti simili 0,000% Opzioni su tassi e altri contratti simili 0,000% Swaps e altri contratti simili 0,000% Operazioni su tassi di cambio: Futures su valute e altri contratti simili 0,000% Opzioni su tassi di cambio e altri contratti simili 0,000% Swaps e altri contratti simili 0,000% Operazioni su titoli di capitale: Futures su titoli di capitale, indici azionari e contratti simili ,064% Opzioni su titoli di capitale e altri contratti simili 0,000% Swaps e altri contratti simili 0,000% Altre operazioni: Futures e contratti simili 0,000% Opzioni e contratti simili 0,000% Swaps e contratti simili 0,000% 20

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy CREDIT SUISSE LIFE & PENSIONS AG (ITALIAN BRANCH) Via Santa Margherita 3 Telefono +39 02 88 55 01 20121-Milano Fax +39 02 88 550 450 REA Registro Imprese di Milano n. 1753146 C.F. Part. IVA 04502630967

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli