Bilancio d esercizio 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio d esercizio 2014"

Transcript

1 Bilancio d esercizio 2014 Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al Bilancio di esercizio Nota integrativa - parte integrante al bilancio di esercizio al Rendiconto Finanziario al Relazione della Società di revisione 48 Relazione del Collegio Sindacale 50

2

3 Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al

4 Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al Cari soci, il 2014 appena concluso, pur essendo il terzo anno di attività per il nostro intermediario, ha rappresentato un momento fondamentale sia nella definizione dell assetto organizzativo, sia nella messa a punto della strategia di sviluppo. Da un punto di vista organizzativo e istituzionale sono stati affrontati e perfezionati elementi necessari per rendere più efficace il funzionamento tecnico della società. In particolare: l adozione di un applicativo gestionale di matrice bancaria, con la connessa internalizzazione progressiva delle funzioni di segnalazione verso l Autorità di Vigilanza, anche in accordo con la normativa antiriciclaggio; e il consolidamento dei rapporti territoriali che ha portato da una parte al rafforzamento della base sociale con l ingresso di un nuovo socio, dall altra a un rinnovato dialogo con la componente volontaria che da sempre accompagna il nostro lavoro. Altrettanto importante il lavoro sul fronte dello sviluppo operativo. Da segnalare innanzitutto lo sforzo di rielaborazione del piano industriale, che ha messo a fuoco un progressivo ampliamento delle attività ormai consolidate nei contesti post-emergenziali di Abruzzo ed Emilia attraverso interventi in altre regioni o settori vicini alla nostra esperienza e sensibilità (da aree geografiche contigue come Veneto, Lazio e Lombardia con progetti pilota legati all imprenditoria femminile e al micro-franchising, o sperimentazioni di servizi di supporto al welfare aziendale). In questa stessa direzione si sono avviati, nell ultima parte dell esercizio concreti passi in avanti per mettere a punto un prodotto di erogazione diretta, fortemente voluto dal nuovo socio toscano Fondazione Un Raggio di Luce. MICROCREDITO PER L ITALIA IS SPA Costituita il 29/12/2011 Codice fiscale Partita iva SEDE LEGALE: VIA S. GIOVANNI IN LATERANO ROMA RM Numero R.E.A. RM Registro Imprese di ROMA n Iscritta al nr dell elenco gen. degli intermed.fin. di cui all art. 106 D.Lgs. 385/1993 Capitale Sociale ,00 i.v. Il 2014 è stato anche l anno in cui la normativa relativa al microcredito ha visto completarsi (al netto delle Disposizione per l iscrizione degli intermediari ex art. 111 TUB, in attesa di imminente emissione da parte di Banca d Italia) l intero strumentario per essere finalmente ed efficacemente attuata nel nostro paese. La definizione di un quadro normativo comunque più preciso e chiaro, all interno del quale collocare le attività di microcredito, chiamerà nel corso del prossimo esercizio la nostra società a un maggior impegno di analisi strategica per confrontare modelli organizzativi e di business e orientare conseguentemente la propria struttura verso il concreto raggiungimento degli obiettivi statutari declinati secondo principi di sostenibilità e attenzione all impatto sociale generato. In Italia, infatti, terzo paese europeo, dopo Francia e Romania, a dotarsi di una normativa organica specifica, il microcredito si è comunque sviluppato sin qui, in modo formale e informale, per dare una concreta risposta all elevato tasso di esclusione finanziaria (circa il 25%) tutt ora presente nel paese. I dati pubblicati nel Rapporto dell Ente Nazionale per il Microcredito evidenziano una forte accelerazione del settore che nel solo 2013 (ultima rilevazione disponibile) ha visto erogazioni per 76 milioni di euro nell ambito del microcredito imprenditoriale e per 26 milioni di euro a favore di privati e famiglie. 4

5 È opportuno rimarcare come Microcredito per l Italia con oltre 20 milioni di euro di garanzie prestate dal 2011 a oggi (e 13 milioni di garanzie ancora attive a fine 2014) abbia giocato un ruolo di primo piano nelle dinamiche di crescita del settore, affermandosi come primo operatore italiano, per volumi, nel comparto specifico del microcredito imprenditoriale. Un target, quest ultimo, affrontato fin dall inizio con una strategia già coerente con la normativa appena emessa in tema di sostegno al micro-imprenditore e alla micro-impresa. Osservando più da vicino i dati operativi relativi al 2014 emerge un rallentamento delle erogazioni nei due principali scenari d intervento di Microcredito per l Italia: l Abruzzo (dove il volume di garanzie prestate passa dai euro del 2013 ai euro del 2014) e l Emilia (che passa dai euro del 2013 ai euro del 2014). Una flessione in parte dovuta a un calo fisiologico delle richieste di credito rispetto agli anni immediatamente successivi ai due terremoti, cui si è aggiunta nell ultimo trimestre anche una situazione di stallo legata alla ridefinizione degli accordi con le banche locali partner (che, di fatto, hanno respinto le nuove condizioni proposte a ottobre 2014). Questa congiuntura, unita all emergere delle prime insolvenze e delle relative escussioni (quest ultime pari a quasi tutte concentrate in Abruzzo), ha intensificato sia l attenzione al monitoraggio del portafoglio e all accompagnamento dei clienti nella fase post erogazione, sia la ricerca di strumenti ulteriori di copertura del rischio. Questi ultimi si sono concretizzati nell accesso alla controgaranzia attraverso il Fondo per le PMI del Ministero dello Sviluppo Economico, sia pure soltanto per alcuni target e per alcuni specifici ambiti geografici. Il rallentamento (ma forse sarebbe più corretto definirlo ri-orientamento ) delle attività in Abruzzo ed Emilia è stato accompagnato dal parallelo sviluppo di altri fronti operativi che realizzano un auspicata diversificazione - nei prodotti, nei servizi e nelle aree geografiche d intervento - in grado di incidere positivamente sul conto economico a partire dal prossimo esercizio. Segnaliamo in particolare: l avvio dell operatività in Toscana con la sperimentazione di un prodotto di erogazione diretta (prime erogazioni nella primavera 2015), il coinvolgimento di un nuovo socio e la costruzione di una rete locale di collaborazione e supporto in quattro province (Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara) l avvio dell operatività in Veneto, l individuazione di uno specifico target di microimpresa, il coinvolgimento di un nuovo partner bancario e le prime erogazioni a inizio 2015 l avvio dell operatività in Lazio su due fronti: da un lato un intensa attività di ascolto e accompagnamento al credito nell ambito di un progetto promosso dall Ente Nazionale per il Microcredito; dall altro un attività di erogazione di garanzie secondo lo schema classico già sperimentato in Emilia e Abruzzo l avvio di un progetto di microcredito aziendale all interno del sistema di welfare dedicato ai dipendenti di una delle più importanti aziende italiane. Nell ambito di questa diversificazione e intensificazione delle attività, merita una precisazione circa l articolazione della nostra struttura organizzativa. L assetto presentato e commentato in sede di relazione di gestione 2013 ha conosciuto un processo di consolidamento durante tutto l esercizio in esame. Da rimarcare come siano state impostate e implementate tutte le principali procedure di amministrazione, gestione e monitoraggio, sia dell azienda in senso stretto, sia con rifermento al processo del credito. Parallelamente è stato intensificato il dialogo con il variegato mondo del volontariato e dell associazionismo locale, che sin dall inizio ci segue e accompagna nelle nostre attività, ben ribadendo i confini dei reciproci obblighi e impegni, ma anche procedendo con sempre maggiore precisione nello sviluppo di quei servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio che anche la normativa delegata in tema di 5

6 microcredito (DM 17 ottobre 2014 n. 176, Disciplina del microcredito, in attuazione dell articolo 111, comma 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385) ha introdotto formalmente nel nostro ordinamento. Sono state anche visitate diverse ipotesi di rafforzamento delle fonti da impiegare per le nostre attività di inclusione finanziaria: sono state sottoscritte convenzioni con istituti di credito e fondazioni di comunità, volte a sviluppare ulteriormente presenza e impegno nei territori in cui siamo già operativi. Purtroppo va segnalato come, all inizio dell esercizio 2015, ben due operatrici e la stessa direttrice, abbiano lasciato la nostra organizzazione, tutte e tre per ragioni personali, finendo così per determinare un accelerazione circa la necessità di ripensare l articolazione della nostra struttura operativa, anche alla luce di una più generale necessità di sostenibilità dell azione di gestione e sviluppo delle nostre attività. A questo si aggiunge la necessità di reperire nuove risorse da impiegare; in questa direzione molteplici e diversificate sono le opportunità al vaglio, tra queste: l attivazione di fondi di terzi (anche attingendo alla programmazione europea), campagne di capitalizzazione mirata o l assunzione di un ruolo di Management Company di Fondi Impact Investing (in partnership, con primari Investitori Istituzionali nazionali ed esteri) o di Trust caritatevoli. Merita anche una segnalazione la possibilità, in corso di avanzata negoziazione, di collocare un prestito obbligazionario dedicato presso un Ente Previdenziale Privato per il lancio di una operazione di social impact bond su scala nazionale. Quest ultima concreta ipotesi di lavoro, unitamente a una seconda legata al lancio di un comparto domestico di un Fondo SICAV-SIF lussemburghese di ancor più ampia consistenza e mirato a rafforzare la nostra presenza in Veneto, Lombardia, Toscana e Lazio, rappresentano una occasione imprescindibile per avviare con sempre maggior convinzione interventi in erogazione diretta: sia per innegabili benefici in ordine alla redditività del conto economico, di cui l intermediario ha estremamente bisogno, sia per superare le difficoltà incontrate nella seconda parte dell anno e di cui si è già dato conto. In questo ci potranno sicuramente aiutare anche le positive evoluzioni delle due società partecipate. La prima, 2pay IMEL divenuto formalmente intermediario autorizzato nel corso dei primi mesi dell anno in corso potrà contribuire sia all implementazione di servizi legati a incassi e pagamenti da proporre a propria clientela, sia all offerta di servizi specifici come quelli legati alla gestione delle rimesse per la clientela migrante. L altra, che detiene lo sviluppo di una piattaforma denominata il cui rilascio in produzione è in corso di finalizzazione, potrà offrire una parte significativa di quei servizi ausiliari di cui l intermediario che offre microcredito si deve tempestivamente dotare secondo la normativa vigente, ma che rappresentano anche una modalità per mettere in rete e favorire uno scambio orizzontale fra le diverse realtà già finanziate o in cerca di un sostegno per intraprendere. Pertanto, sarà necessario orientare rapidamente la nostra attività su tre principali fronti: presidio del portafoglio regionale abruzzese-emiliano, con particolare cura del rapporto con i nostri beneficiari e con la rete dei volontari che condividono con noi l impegno; impulso deciso verso operazioni in erogazione diretta, ottimizzando le risorse a nostra disposizione e, nel rispetto della normativa di settore, andandone a reperire di nuove; sviluppare appieno le sinergie con il nostro network, al fine di massimizzarne tutte le opportunità che può portare. È una sfida impegnativa: vale la pena di raccoglierla con determinazione ed entusiasmo. Anche per l alto valore intrinseco che porta con sé: offrire occasioni di riscatto sociale e orizzonti di futuro, in un contesto generale in cui in Italia stanno ormai prevalendo solo paure, egoismi di settore e interessi di parte. 6

7 Nel 2014 Microcredito per l Italia ha accompagnato il processo, avviato nel precedente esercizio, di rafforzamento della struttura operativa, di messa a punto delle diverse funzioni aziendali e di definizione delle procedure. Un attenzione particolare è stata riservata da un lato alle interazioni tra la struttura operativa, il consiglio di amministrazione e gli organi di controllo, dall altro all equilibrio tra le funzioni aziendali interne alla struttura e quelle ancora affidate a consulenti e service esterni. Struttura organizzativa Tra le funzioni interne alla struttura sono comprese quelle relative all Area amministrativa, all Area del credito e all Area commerciale. Tra le funzioni affidate a consulenti esterni rientrano quelle di Compliance & Risk management e quelle di Responsabilità del sistema informativo aziendale, compresa la gestione delle segnalazioni di vigilanza e degli adempimenti relativi all archivio unico informatico ai fini antiriciclaggio, di gestione dell anagrafe tributaria, di gestione del servizio di indagini finanziarie, di gestione del sistema di segnalazione dati aggregati ai fini antiriciclaggio. Per entrambe le funzioni esterne l incarico spetta al dott. Diego Occari, dottore commercialista e revisore legale, ex multis già responsabile della funzione di conformità alle norme per Banca Padovana Credito Cooperativo S.c., responsabile della funzione di conformità alle norme per Diaman Sim Spa, membro e presidente di Organismi di Vigilanza e Controllo per la prevenzione dei reati penali, Amministratore unico di Prima Fiduciaria Srl. Attualmente resta in capo al Comitato di credito la delibera in merito all erogazione credito, mentre il processo di istruttoria interno viene gestito sui territori dai responsabili dei singoli progetti, con un Consigliere delegato che supporta la valutazione tecnica. Resta pertanto necessaria l individuazione di una figura di analista finanziario a supporto dell attività di concessione di credito e di garanzie, così da rendere più fluido il processo di delibera. La responsabilità della revisione interna è stata assegnata al Presidente del Consiglio di amministrazione che, in conformità alle vigenti disposizioni di vigilanza, non ha incarichi operativi nell intermediario. Nel corso del 2014 Microcredito per l Italia ha implementato in modo definitivo il nuovo gestionale bancario. Esso viene utilizzato sia per la gestione del processo del credito, permettendone così il monitoraggio puntuale di ogni fase e garantendo un dialogo costante con gli altri soggetti coinvolti (tra i quali volontari, operatori e organo deliberante), sia per la gestione amministrativa e l invio di segnalazioni all organo di vigilanza. Software gestionali Nei primi anni di operatività Microcredito per l Italia è stato impegnato nella gestione delle attività di microcredito post terremoto in Abruzzo (all interno di un intervento affidato in prima battuta al Consorzio Etimos e ad Etimos Foundation) e nello sviluppo delle attività di microcredito post terremoto in Emilia, Lombardia e Veneto (grazie a un fondo di garanzia affidato a Etimos Foundation). In entrambi i casi si è operato attraverso un meccanismo di erogazione di garanzie nei confronti di due target: privati e piccole e microimprese. Sviluppo operativo: aree geografiche, prodotti e servizi Il 2014 è stato contraddistinto da ulteriori sviluppi operativi, coerenti con l ambizione di affermarsi come operatore specializzato di microcredito non solo in relazione ai contesti post emergenza, bensì in risposta a fenomeni di impoverimento e di restrizione dell accesso al credito legati alla contingenza economica del nostro paese. In questo senso gli sviluppi operativi si sono concretizzati in una 7

8 graduale estensione territoriale delle attività, nello sviluppo di nuovi prodotti e nell offerta di nuovi servizi. Per quanto riguarda lo sviluppo territoriale, è stato assicurato un progressivo allargamento della presenza di Microcredito per l Italia in Veneto, Lazio e Toscana (per ora limitatamente alle province di Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara). Sul fronte dei prodotti, va segnalata l offerta di un prodotto specifico di erogazione diretta del credito, destinato al target microimpresa. Sul fronte dei servizi, da sottolineare sia lo sviluppo di attività di consulenza e ascolto legate a programmi di microcredito e welfare aziendali, sia più in generale il potenziamento dei servizi di accompagnamento alla creazione e alla gestione d impresa che connotano sempre più l attività di microcredito, così definita nei decreti attuativi del Testo Unico Bancario. Sviluppo strategico: le partecipazioni Nel corso del 2014, Microcredito per l Italia ha consolidato le due partecipazioni strategiche acquisite nel 2013 per lo sviluppo delle proprie attività: 2Pay Imel srl e srl. 2Pay Imel Srl, di cui Microcredito per l Italia è socio al 33%, è una New.Co iscritta tra le start up innovative della Camera di Commercio di Venezia che propone lo sviluppo di un innovativo sistema di pagamento mediante smartphone. Nel Pay ha ottenuto il riconoscimento come Imel (Istituto di moneta elettronica) da parte di Banca d Italia e messo a punto l app operativa che ha permesso l avvio delle attività nei primi mesi del Numerose sono le potenzialità di interazione e sviluppo tra le funzionalità di 2Pay (come sistema di pagamento che disintermedia banche e carte di credito) e l operatività di Microcredito per l Italia. srl, di cui Microcredito per l Italia è socio al 51%, sta sviluppando una piattaforma web di servizi a supporto della microimpresa che si basa sulla logica dei social network e si propone come complementare alle attività di credito e accompagnamento che Microcredito per l Italia già offre sui territori. Andamento della gestione Andamento economico generale Interessi attivi e proventi assimilati Commissioni attive (Commissioni passive) Profitti / (Perdite) da operazioni finanziarie 0-2 Altri proventi di gestione (Altri oneri di gestione) MARGINE OPERATIVO LORDO Spese amministrative Rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali e materiali MARGINE ATTIVITà ORDINARIE Proventi straordinari (Oneri straordinari) UTILE / (PERDITA) DA ATTIVITà STRAORDINARIE

9 Imposte anticipate sul reddito dell esercizio UTILE / (PERDITA) D ESERCIZIO Commento e analisi degli indicatori di risultato Nei paragrafi che seguono vengono separatamente analizzati l andamento economico, patrimoniale e finanziario con l utilizzo di specifici indicatori di risultato. Gli indicatori di risultato economici e finanziari sono ricavati direttamente dai dati di bilancio, previa sua riclassificazione. Infatti, al fine di meglio comprendere l andamento gestionale, si fornisce di seguito una riclassificazione del Conto economico e dello Stato patrimoniale per l esercizio in chiusura e per quello precedente. I metodi di riclassificazione sono molteplici. Quelli ritenuti più utili per l analisi della situazione complessiva della società sono per lo stato patrimoniale la riclassificazione finanziaria e per il conto economico la riclassificazione a valore aggiunto Principali dati economici Il conto economico riclassificato della società confrontato con quello dell esercizio precedente è il seguente (in migliaia di euro): CONTO ECONOMICO A VALORE AGGIUNTO RICAVI LORDI DI VENDITA RICAVI NETTI DI VENDITA VARIAZIONE RIMANENZE P.E. PRODOTTO DI ESERCIZIO CONSUMI DI MATERIE 1 3 SPESE PER SERVIZI OP.INDUSTR SPESE PER SERVIZI OP.COMM SPESE PER SERVIZI OP.AMM TOTALE COSTI OPERATIVI EST V.A. VALORE AGGIUNTO COSTO DEL LAVORO M.O.L. Margine operativo lordo AMMORTAMENTI ED ACCANT ROGC REDDITO OP. GEST. CARAT ONERI E PROVENTI GEST. ACC PROVENTI FINANZIARI ROGA REDDITO OP. GLOB AZ ONERI FINANZIARI 2 3 R.O. REDDITO ORDINARIO ONERI STRAORDINARI 10 2 PROVENTI STRAORDINARI 1 4 SALDO GESTIONE STRAORDINARIA

10 R.A.I. REDDITO ANTE-IMPOSTE Imposte sul reddito R.N. REDDITO NETTO ESERCIZ Principali dati patrimoniali Lo stato patrimoniale riclassificato della Società confrontato con quello dell esercizio precedente è il seguente: STATO PATRIMONIALE FINANzIARIO LIQUIDITà IMMEDIATE LIQUIDITà DIFFERITE MAGAZZINO RIMANENZE 0 0 ATTIVO CORRENTE (C) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE ATTIVO FISSO ATTIVITà - IMPIEGHI (K) PASSIVO CORRENTE (P) PASSIVO CONSOLIDATO 16 7 CAPITALE NETTO (N) PASSIVO E NETTO - FONTI Principali indicatori Ai sensi dell art. 2428, comma 1-bis, c.c. di seguito vengono analizzati alcuni indicatori di risultato scelti tra quelli ritenuti più significativi in relazione alla situazione della società. Indicatori economici ROE (Return On Equity) È il rapporto tra il reddito netto e il patrimonio netto dell azienda. Esprime in misura sintetica la redditività e la remunerazione del capitale proprio. ROI (Return On Investment) È il rapporto tra il reddito operativo e il totale dell attivo. Esprime la redditività caratteristica del capitale investito, ove per redditività caratteristica si intende quella al lordo della gestione finanziaria, delle poste straordinarie e della pressione fiscale. GLI INDICI DI REDDITIVITà NETTA ANNO 2014 ANNO 2013 ROE-Return on equity: (RN/N) Risultato netto d esercizio/capitale netto ROI-Return on investment: (ROGA/K) Risultato op. globale/capitale investito -9,21% -4,50% -11,53% -5,83% Grado di indebitamento: (K/N) 1,06 1,03 ROD-Return on debts (Oneri fin./debiti) 1,13% 3,47% 10

11 Spread: ROI-ROD -12,66% -9,30% Coefficiente moltiplicativo: (Debiti/N) 0,06 0,03 ROS (Return On Sale) È il rapporto tra la differenza tra valore e costi della produzione e i ricavi delle vendite. Esprime la capacità dell azienda di produrre profitto dalle vendite. EBIT (Earnings Before Interest and Tax) Indica il risultato operativo al netto degli ammortamenti e delle svalutazioni, prima degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte. Esprime il risultato prima degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte. EBITDA (Earnings Before Interest, Tax, Depreciation and Amortization) Indica il risultato operativo al lordo degli ammortamenti e delle svalutazioni. Esprime il risultato prima degli ammortamenti e delle svalutazioni, degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte. GLI INDICI DI REDDITIVITà OPERATIVA ANNO 2014 ANNO 2013 ROI-Redditività del capitale investito nella gestione caratteristica: (ROGC/K) ROS-Return on sales Redditività delle vendite: (ROGC/RICAVI) Reddito operativo/ Ricavi di vendita ROA (Reddito operativo+reddito extra operativo+proventi finanziari)/ Capitale investito ROGA/K EBIT (earnings before interest and tax) (Utile d esercizio±saldo gestione finanziaria±saldo gestione straord.+imposte) -18,45% -32,78% -226,01% -181,85% -11,53% -5,83% -406,00-251,00 Rotazione del capitale investito: (Ricavi/K) 0,05 0,04 Rotazione del capitale circolante: (Ricavi/C) 0,09 0,21 Rotazione del magazzino: (CV/M) 0,00 0,00 Rotazione dei crediti: (Ricavi/Crediti) 0,91 0,97 Grado di leva operativa (MC/ROGA) -8,89% -71,00% Indicatori Patrimoniali Gli indicatori patrimoniali significativi possono essere quelli di seguito indicati. Margine di Struttura Primario (detto anche Margine di Copertura delle Immobilizzazioni) Misura in valore assoluto la capacità dell azienda di finanziare le attività immobilizzate con il capitale proprio, ovvero con le fonti apportate dai soci. Permette di valutare se il patrimonio netto sia sufficiente o meno a coprire le attività immobilizzate. Anno 2014 Anno ,00 567,00 11

12 Indice di Struttura Primario (detto anche Copertura delle Immobilizzazioni) Misura la capacità dell azienda di finanziare le attività immobilizzate con il capitale proprio. Permette di valutare il rapporto percentuale tra il patrimonio netto (comprensivo dell utile o della perdita dell esercizio) e il totale delle immobilizzazioni. Anno 2014 Anno ,39 1,21 Margine di Struttura Secondario Misura in valore assoluto la capacità dell azienda di finanziare le attività immobilizzate con il capitale proprio e i debiti a medio e lungo termine. Permette di valutare se le fonti durevoli siano sufficienti a finanziare le attività immobilizzate. Anno 2014 Anno ,00 574,00 Indice di Struttura Secondario Misura la capacità dell azienda di finanziare le attività immobilizzate con il capitale proprio e i debiti a medio e lungo termine. Permette di valutare in che percentuale le fonti durevoli finanziano le attività immobilizzate. Anno 2014 Anno ,40 1,21 Mezzi propri / Capitale investito Misura il rapporto tra il patrimonio netto e il totale dell attivo (N/K). Permette di valutare l incidenza di come il capitale apportato dai soci finanzia l attivo dello stato patrimoniale. Anno 2014 Anno ,94 0,97 Rapporto di Indebitamento Misura il rapporto tra il capitale raccolto da terzi, in qualunque modo procurato, e il totale dell attivo. Permette di valutare la percentuale di debiti che a diverso titolo l azienda ha contratto per reperire le fonti necessarie a soddisfare le voci indicate nel totale dell attivo di stato patrimoniale. Anno 2014 Anno ,06 0,03 Gli indici di solidità patrimoniale Anno 2014 Anno 2013 Grado di autonomia finanziaria: N/Debiti 17,15 35,80 Grado di autonomia finanziaria: N/K 0,94 0,97 Copertura delle immobilizzazioni: (N+Pass.consolidato)/Immobilizzazioni 24,17 30,40 12

13 Copertura del magazzino: (N+Pass.cons-Immob.)/Magazzino Incidenza oneri finanziari sul fatturato: Of/Ricavi 0,00 0,00 1,18% 2,30% Indicatori di liquidità Gli indici di liquidità Anno 2014 Anno 2013 Liquidità generale/corrente o quoziente di disponibilità: C/P 12,03 7,78 Liquidità secondaria: I+L/P 12,03 7,78 Liquidità primaria: liquidità immediate/p 7,25 3,31 Periodo medio copertura magazzino: M/CVx365 Durata media crediti commerciali: crediti/v x 365 Durata media debiti commerciali: f/acquisti x 365 0,00 0,00 399,06 377, , ,90 Durata del ciclo del capitale circolante , ,48 I primi tre comuni e significativi indicatori finanziari misurano il grado di liquidità posseduto dall azienda alla data di chiusura dell esercizio Indice di Liquidità Primario Misura in valore assoluto la capacità dell impresa di estinguere i debiti entro i dodici mesi utilizzando le liquidità immediatamente disponibili. Permette di valutare se le liquidità sono sufficienti o meno a coprire le passività correnti. Anno 2014 Anno ,25 3,31 Margine di Liquidità Secondario o Margine di Tesoreria Misura in valore assoluto la capacità dell impresa di estinguere i debiti entro i dodici mesi utilizzando le liquidità immediatamente disponibili e le liquidità differite (tutto il capitale circolante, a esclusione delle rimanenze). Permette di valutare se le liquidità immediate e quelle differite sono sufficienti o meno a coprire le passività correnti. Anno 2014 Anno ,00 574,00 Capitale Circolante Netto (CCN) Misura in valore assoluto la capacità dell impresa di estinguere i debiti entro i dodici mesi utilizzando tutto il capitale circolante. Rappresenta il vero baluardo di giudizio dell equilibrio finanziario. Significativa, in tal senso, la sua coincidenza con il valore del Margine di Struttura Secondario. Anno 2014 Anno ,00 574,00 13

14 Commenti finali Commento degli indicatori di risultato finanziari Come si evince dagli indici, l andamento della società è fortemente penalizzato dal ritardo nell implementazioni delle azioni correttive previste dal piano strategico che non hanno avuto corso durante l esercizio In particolare l erogazione diretta e una nuova relazione contrattuale con il sistema bancario. Si ritiene che l inversione di tendenza dovrebbe avvenire già alla fine del semestre 2015 consolidandosi nel secondo semestre dello stesso anno. Commento e analisi degli indicatori di risultato non finanziari Gli indicatori di risultato non finanziari possono elaborare valori ricavabili dagli schemi di bilancio ma anche dati non ricavabili dagli schemi di bilancio, congiuntamente o disgiuntamente tra loro. Di seguito vengono analizzati alcuni indicatori di risultato non finanziari scelti tra quelli ritenuti più significativi in relazione alla situazione della società. Informazioni relative alle relazioni con il personale Nel corso dell esercizio 2014 è stato ampliato l assetto organizzativo della società. Al fine di rendere più efficiente la struttura operativa e in vista dello sviluppo di nuove progettualità si è ritenuto opportuno effettuare una riorganizzazione della struttura operativa, potenziando l assetto amministrativo e operativo. L organico è stato incrementato di 6 persone. La composizione del personale della società al termine dell esercizio, è di n. 9 (nove) donne e n. 1 (uno) uomo, come risulta dalla seguente tabella. COMPOSIzIONE DIRIGENTI QUADRI IMPIEGATI OPERAI ALTRE CATEGORIE Uomini (numero) 1 Donne (numero) 9 Età media 45 Anzianità lavorativa 3 anni Contratto a tempo indeterminato 3 Contratto di apprendistato 1 Contratto a tempo determinato 3 Contratto di collaborazione 3 Altre tipologie contrattuali Titolo di studio: laurea 8 Titolo di studio: diploma 2 Titolo di studio: licenza media 14

15 TURNOVER 1/1 ASSUNzIONI DImIssIonI, PENSIONAMENTI E CESSAzIONI PASSAGGI DI CATEGORIA 31/12 Contratto a tempo indeterminato 3 3 Dirigenti Quadri Impiegati 3 3 Operai Altri Contratto di apprendistato 1 1 Dirigenti Quadri Impiegati 1 1 Operai Altri Contratto a tempo determinato 3 3 Dirigenti Quadri Impiegati 3 3 Operai Altri Contratto di collaborazione 3 3 Dirigenti Quadri Impiegati 3 3 Operai Altri Informativa sull attività di direzione e coordinamento La Società è soggetta all attività di direzione e di coordinamento, ex art c.c., di Etimos Foudation con sede in Padova, Via G. De Menabuoi 25/a, C.F Informazioni sui principali rischi e incertezze I rischi di credito sono ricollegabili alla posizione di garante dei secondo grado dei crediti aperti dal sistema bancario agli utenti finali, e si possono ritenere di rischiosità molto limitata, dato il loro frazionamento e la loro modesta entità complessiva. I rischi finanziari sono da escludersi anche in virtù del partenariato stretto con il socio Etimos Foundation. I rischi di compliance sono monitorati e presidiati. Il rischio reputazionale è stato monitorato e presidiato. Sedi secondarie La Società dal ha attivato una sede amministrativa a Padova in via Giusto de Menabuoi n. 27. Cessione dei crediti a Etimos Foundation In forza dei fondi di garanzia costituiti in capo a Etimos Foundation, alla chiusura del bilancio 2014, Microcredito per l Italia ha ceduto a Etimos Foundation i crediti relativi alle garanzie escusse, al prezzo di ,56, relativo alle garanzie emesse a favore di BCC di Roma, Banca Popolare dell Emilia Romagna e Banca Popolare Etica. 15

16 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio I fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 2014 sono già stati esplicitati nel primo paragrafo della relazione. Evoluzione prevedibile della gestione In relazione all andamento della gestione, l evoluzione dei ricavi dovrebbe continuare a crescere come previsto dai piani industriali di avvio dell attività, pur in periodo estremamente difficile e rarefatto. Attività di vigilanza La società, in qualità di intermediario finanziario ex art. 106 del TUB, è soggetta ad attività di vigilanza da parte della Banca d Italia. Nell esercizio si è dato corso agli adempimenti previsti dalla normativa. Privacy Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, si dà atto che la Società si è adeguata alle misure in materia di protezione dei dati personali secondo i termini e le modalità ivi indicate. Proposta di destinazione del risultato d esercizio Si propone all Assemblea di così destinare il risultato d esercizio: Perdita d esercizio al EURO Riporto all esercizio successivo EURO Vi ringraziamo per la fiducia accordataci e Vi invitiamo ad approvare il bilancio così come presentato. Per il Consiglio di amministrazione Il Presidente Paolo Nicoletti 16

17 Bilancio di esercizio 2014

18 Bilancio di esercizio 2014 Stato patrimoniale BILANCIO al di Microcredito per l Italia STATO PATRIMONIALE ATTIVO CASSA E DISPONIBILITà Crediti verso enti creditizi a) a vista Crediti verso clientela Obbligazioni e altri titoli a reddito fisso b) di enti creditizi Partecipazioni in imprese del gruppo b) altre Immobilizzazioni immateriali di cui costi di impianto Immobilizzazioni materiali Altre attività Ratei e risconti attivi a) ratei attivi b) risconti attivi TOTALE DELL ATTIVO MICROCREDITO PER L ITALIA IS SPA Costituita il 29/12/2011 Codice fiscale Partita iva SEDE LEGALE: VIA S. GIOVANNI IN LATERANO ROMA RM Numero R.E.A. RM Registro Imprese di ROMA n Iscritta al nr dell elenco gen. degli intermed.fin. di cui all art. 106 D.Lgs. 385/1993 Capitale Sociale ,00 i.v. STATO PATRIMONIALE PASSIVO DEBITI VERSO ENTI CREDITIZI a) a vista Altre passività Ratei e risconti passivi a) ratei passivi 0 0 b) risconti passivi Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato Capitale Riserve d) altre riserve Utili (perdite) portate a nuovo Utile (perdita) d esercizio TOTALE DEL PASSIVO E PATRIMONIO NETTO

19 STATO PATRIMONIALE ATTIVO GARANZIE E IMPEGNI TOTALE CONTI D ORDINE Conti d ordine COSTI Commissioni passive Perdite da operazioni finanziarie Spese amministrative: a) spese per il personale di cui salari e stipendi di cui oneri sociali di cui trattamento di fine rapporto di cui altri costi del personale b) altre spese amministrative Rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali e materiali Altri oneri di gestione Oneri straordinari Imposte sul reddito dell'esercizio TOTALE Conto Economico RICAVI Interessi attivi e proventi assimilati di cui su titoli a reddito fisso Commissioni attive Altri proventi di gestione Proventi straordinari Utile / (Perdita) d esercizio TOTALE Il presente bilancio è reale e corrisponde alle scritture contabili. 19

20

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

Associazione 21 Luglio Onlus

Associazione 21 Luglio Onlus Associazione 21 Luglio Onlus Sede in Roma, Via Bassano del Grappa n.24 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 Criteri di formazione Il bilancio è redatto in forma abbreviata ed è composto da

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Reg. Imp. 96015140823 Rea 259417 Sede in VIA GARIBALDI 2 C/O UFFICI COMUNALI - 90018 TERMINI IMERESE (PA) Capitale sociale Euro 100.000,00 di cui Euro 79.250,00

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Reg. Imp. 07068730725 Rea 529866 Sede in VIA ROSARIO LIVATINO - 70125 BARI (BA) Capitale sociale Euro 3.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA. Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158

COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA. Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 Premessa Il Bilancio che

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Bilancio abbreviato al 31/12/2011

Bilancio abbreviato al 31/12/2011 LAMETIASVILUPPO SCRL Sede Legale: C.DA MADDAMMA LAMEZIA TERME (CZ) Iscritta al Registro Imprese di: CATANZARO C.F. e numero iscrizione: 02582730798 Iscritta al R.E.A. di CATANZARO n. 170344 Capitale Sociale

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2012 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

FONDI RUSTICI S.p.A.

FONDI RUSTICI S.p.A. FONDI RUSTICI S.p.A. Sede in Peccioli, via Marconi n 5 Capitale sociale 9.000.000,00 interamente versato Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02108740503 Iscritta al Registro delle Imprese di PISA Nr. R.E.A. PI 181649

Dettagli

Stazione di Erba - Anni 30

Stazione di Erba - Anni 30 1 Stazione di Erba - Anni 30 2 3 Eurocombi S.r.l. in liquidazione Liquidatore Massimo Stoppini BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 BILANCIO DI ESERCIZIO 31.12.2013 _ Situazione Patrimoniale

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

Rendiconto Gestionale al 31/12/2014

Rendiconto Gestionale al 31/12/2014 Rendiconto Gestionale al 31/12/2014 ONERI Anno Anno PROVENTI E RICAVI Anno Anno 2014 2013 2014 2013 1) Oneri da attività tipiche 1) Proventi e ricavi da attività tipiche 1.1) Oneri su progetti 2.423.268

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ASSITECA: il CdA approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 giugno 2015

COMUNICATO STAMPA. ASSITECA: il CdA approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA ASSITECA: il CdA approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 giugno 2015 IN CRESCITA RICAVI EBITDA E RISULTATO NETTO. Principali risultati economico-finanziari

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2010 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014 Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014 Introduzione Ai sensi delle disposizioni contenute nel Codice Civile in tema di bilancio di esercizio e in ottemperanza a quanto previsto dall art. 2427,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro.

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro. NOTA INTEGRATIVA Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE Il seguente bilancio

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A.

Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. S&A Strumenti 1/97 93 Analisi per indici del bilancio dell esercizio 1995 della Fiat Auto S.p.A. di MARIAERSILIA LISI RICATTI Da Relazione e bilancio al 31 dicembre 1995 pubblicati dalla, si riportano

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2014 NOTA INTEGRATIVA Premessa generale Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2014, è redatto in base alle

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 NOTA INTEGRATIVA Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2011, è redatto in base alle risultanze delle

Dettagli

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro.

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. NOTA INTEGRATIVA Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE Il seguente bilancio

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

NUVOVEC S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013

NUVOVEC S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013 NUVOVEC S.R.L. Reg. Imp. 01909910380 Rea 209152 Sede in VIA FOSSATO DI MORTARA, 70-44121 FERRARA (FE) Capitale sociale Euro 20.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013 Premessa Signori

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Nota Integrativa Rendiconto al 31/12/2013. Premessa. Signori Soci,

Nota Integrativa Rendiconto al 31/12/2013. Premessa. Signori Soci, COMI Cooperazione per il mondo in via di sviluppo Associazione senza fini di lucro - ONG Sede legale via S. Giovanni in Laterano n. 266 Roma Codice fiscale n. 80404090583 Nota Integrativa Rendiconto al

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI:

Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI: Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI: L assemblea approva il bilancio 2005 che si chiude positivamente e con un forte miglioramento della posizione finanziaria netta Approvata la distribuzione di un dividendo

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 31/12/2012 31/12/2013 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 204.984,48 328.310,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

MARCO BERRY MAGIC FOR CHILDREN onlus Sede legale in Torino, C.so Duca degli Abruzzi 6 Codice Fiscale 97747030019 NOTA INTEGRATIVA SUL BILANCIO CHIUSO

MARCO BERRY MAGIC FOR CHILDREN onlus Sede legale in Torino, C.so Duca degli Abruzzi 6 Codice Fiscale 97747030019 NOTA INTEGRATIVA SUL BILANCIO CHIUSO MARCO BERRY MAGIC FOR CHILDREN onlus Sede legale in Torino, C.so Duca degli Abruzzi 6 Codice Fiscale 97747030019 NOTA INTEGRATIVA SUL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2012 Signori associati, il presente documento

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

APPLIED RESEARCH TO TECHNOL. SRL

APPLIED RESEARCH TO TECHNOL. SRL APPLIED RESEARCH TO TECHNOL. SRL Sede in VIA CRISTOFORO COLOMBO 440-00145 ROMA (RM) Codice Fiscale 12543671007 - Numero Rea RM 000001382153 P.I.: 12543671007 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010 Società soggetta a direzione e coordinamento di BANCA POPOLARE ETICA S.C. Sede in VIA NAZARIO SAURO N. 15-35100 PADOVA (PD) Capitale sociale Euro 150.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2010 Reg. Imp. 04464490285

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it è disponibile un semplice ed utilissimo software sull analisi di bilancio predisposto dall autore in vendita

Dettagli