Bilancio sociale 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio sociale 2014"

Transcript

1 Bilancio sociale 2014 PREMESSE 3 Lettera del presidente 4 Dati significativi 5 Metodologia e riferimenti normativi 8 IDENTITÀ 9 Dai valori agli obiettivi 10 Organi di governo e di controllo 12 STAKEHOLDER 13 Soci 14 Collaboratori 16 Clienti 19 Sistema bancario e istituzioni economico-finanziarie 27 Reti territoriali 30 Fornitori 32

2 Francesca con euro ha aperto una merceria a L Aquila

3 Premesse

4 Lettera del Presidente Microcredito per l Italia è nato nel segno di una duplice sfida. Da un lato la volontà di allargare anche nel nostro paese l ambito d intervento del microcredito, sia come strumento di sviluppo economico a sostegno della microimpresa che come opportunità per sperimentare forme di welfare innovativo. Dall altro l ambizione di agire come impresa sociale, adottando uno status inconsueto per un intermediario finanziario e, in generale, poco diffuso in Italia. Essere impresa sociale, per noi, significa collocarsi nel solco di una tradizione di impegno che parte dall individuazione di nuove emergenze sociali per definire a sua volta risposte innovative. Dove la novità è soprattutto una novità di approccio e di gestione dei processi; tanto più in un ambito, come quello del microcredito, dove a contare non sono tanto i tecnicismi, quanto la capacità di costruire (spesso di ri-costruire) relazioni e legami sociali che la diffusione di un modello economico orientato alla massimizzazione del profitto ha contribuito a spezzare e ora la crisi ci aiuta a riscoprire. Per definizione l impresa sociale si colloca in uno spazio intermedio: dove lo Stato non può arrivare, per mancanza di risorse e di competenze specifiche, e il mercato non vuole o non può spingersi, a causa di rischi eccessivi o margini di profitto ritenuti poco appetibili. Microcredito per l Italia si riconosce nella concretezza di questa definizione, non solo come spazio ibrido, intermedio, ma come luogo dove mondi e attori diversi si incontrano, dialogano e agiscono in sinergia. Ne risulta una catena di valore che tiene assieme il mondo non profit delle fondazioni (cui appartiene interamente la base sociale), l universo del volontariato e dell associazionismo, il sistema bancario (nella sua dimensione cooperativa e popolare), la realtà della micro e piccola impresa (come target prevalente di clientela), le famiglie. Ed è proprio la specificità di questa catena di valore, economico e sociale insieme, che abbiamo cercato di rappresentare attraverso i dati e le riflessioni di questo bilancio sociale. Buona lettura! Paolo Nicoletti Presidente Microcredito per l Italia 4

5 Dati significativi I grafici e le tabelle che seguono riportano l andamento dei dati operativi più significativi nel corso degli anni. Va sottolineato che le attività e le erogazioni riferite al 2011 e al 2012 sono state realizzate nell ambito del progetto MxA-Microcredito per l Abruzzo da Etimos Foundation e soltanto successivamente trasferite all interno del portafoglio di Microcredito per l Italia. Numero richieste di credito/ascolti Numero erogazioni Cumulativo 2011/ Andamento richieste di credito ed erogazioni Numero di richieste credito/ascolti Numero erogazioni Il 57% delle richieste di credito ricevute nel corso dei primi quattro anni di attività si sono concretizzate in un finanziamento. Nota: nelle pagine che seguono tutti i valori dei grafici e delle tabelle sono espressi in euro. 5

6 Andamento volume garanzie e finanziamenti erogati Volume garanzie erogate da MxIT Volume finanziamenti erogati dal sistema bancario Cumulativo 2011/ Volume finanziamenti erogati dal sistema bancario a fronte della garanzia di MxIT Volume garanzie erogate da MxIT Fino al 2014 Microcredito per l Italia ha operato esclusivamente attraverso la concessione di garanzie che permettono l accesso ai finanziamenti erogati attraverso le banche nostre partner. A fronte di oltre 21 milioni di euro di garanzie concesse, sono stati erogati quasi 28 milioni di euro di finanziamenti. Andamento portafoglio garanzie in essere Portafoglio in essere Portafoglio garanzie in essere L andamento del portafoglio delle garanzie ha conosciuto una rapida crescita nei primi anni di attività e una successiva stabilizzazione nel corso del 2014, legata anche al progressivo rimborso dei primi finanziamenti erogati. 6

7 Numero crediti Numero microimprese crediti Numero a crediti microimprese a microimprese % Confronto numero crediti per target Numero crediti a microimprese % Numero crediti Numero Numero crediti crediti privati a privati a privati % Numero crediti a privati La prevalenza del target impresa rispetto ai privati è una delle specificità che contraddistinguono Microcredito per l Italia nel contesto italiano della microfinanza. % Numero crediti Numero Volume a garanzie microimprese crediti erogate a a microimprese microimprese Numero crediti Numero Numero garanzie a crediti privati erogate a privati a privati % 88% Confronto volume garanzie per target Volume garanzie erogate a microimprese Volume garanzie erogate a privati In termini di volumi di garanzie erogate la prevalenza del target impresa è ancora più marcata, in virtù del valore medio più consistente dei finanziamenti alla microimpresa (vedi grafico seguente). Importo medio erogato a microimprese Importo medio erogato a privati Importo medio garanzie concesse Importo medio erogato a privati Importo medio erogato a microimprese 7

8 Metodologia e riferimenti normativi Il bilancio sociale 2014 di Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal Presidente e dai dipendenti e collaboratori, con il supporto di alcune professionalità esterne appartenenti a Etimos Foundation, la fondazione promotrice e socia di Microcredito per l Italia che ha accompagnato la crescita della società in questi suoi primi anni di attività. Per la stesura del documento ci si è ispirati sia ai Principi di Redazione elaborati dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS) del 2001 sia agli Standard Internazionali del GRI (Global Reporting Initiative). Dal punto di vista normativo i riferimenti sono rappresentati dal Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del , che contiene le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale da parte delle organizzazioni che esercitano l impresa sociale. Il presente bilancio sociale è stato presentato e condiviso nell assemblea dei soci del 30 maggio 2015, che ne ha deliberato l approvazione. Il presente bilancio sociale viene diffuso attraverso la pubblicazione sul sito 8

9 Identità Maurizio con euro ha aperto un negozio di ottica a L Aquila 9

10 Dai valori agli obiettivi Microcredito per l Italia è un impresa sociale, specializzata in microcredito e riconosciuta come intermediario finanziario da Banca d Italia. Microcredito per l Italia cerca di offrire risposta al bisogno di accesso al credito da parte di micro e piccole imprese, famiglie e organizzazioni del Terzo settore; e lo fa attraverso la sua specificità di impresa sociale. La sua azione si colloca in uno spazio intermedio: dove lo Stato non può arrivare, per mancanza di risorse e di competenze specifiche, e il mercato bancario non vuole più spingersi, a causa di un eccessivo rischio e di vincoli troppo stringenti. Per questo opera secondo una logica che disegna modelli di gestione, d intervento e di collaborazione innovativi. Microcredito per l Italia crede nel microcredito come strumento non assistenziale di sviluppo economico e welfare, per offrire risposta al bisogno di sostegno finanziario di imprese sociali, micro e piccole imprese da un lato, per combattere fenomeni di esclusione sociale e povertà dall altro. Storia La società è nata a dicembre 2011, come spin-off del progetto post terremoto MxA-Microcredito per l Abruzzo, coordinato e gestito da Etimos Foundation su incarico della Protezione Civile nel territorio colpito dal sisma del Nel 2012 ha ottenuto l iscrizione al Registro intermediari finanziari di cui all art. 106 D.Lgs. 385/1993. Nella seconda metà dell anno ha avviato un progetto di microcredito post terremoto nei comuni di Emilia e Lombardia colpiti dal sisma pochi mesi prima, grazie alle risorse messe a disposizione da Renzo Rosso, fondatore del marchio Diesel e presidente della holding OTB. Nel 2013 ha progressivamente ereditato la gestione delle attività di microcredito in Abruzzo, affidate in precedenza a Etimos Foundation, e sviluppato le attività in Emilia e Lombardia. Nel 2014 ha lavorato su più fronti: consolidamento istituzionale, con l ingresso di un nuovo socio: Fondazione Un Raggio di Luce; allargamento dell operatività, in termini sia di presenza geografica (avvio delle attività in Lazio, Veneto e Toscana), che di prodotti (messa a punto di un prodotto di erogazione diretta del credito, a fianco del meccanismo di erogazione di garanzie, già ampiamente collaudato) e servizi (accompagnamento alla microimpresa, supporto alle politiche di welfare aziendale, educazione finanziaria e prevenzione del sovraindebitamento); riorganizzazione e rafforzamento della rete territoriale di associazioni e volontari che completano con servizi di ascolto e accompagnamento la nostra attività di microcredito. 10

11 Denominazione e forma giuridica Indirizzo sede legale Microcredito per l Italia Impresa Sociale - Società per Azioni Via San Giovanni Laterano 83, Roma Informazioni riassuntive Data di costituzione 29 dicembre 2011 Iscrizione Registro intermediari finanziari (Registro intermediari finanziari di cui all art. 106 D.Lgs. 385/1993) Telefono Sito web Qualifica impresa sociale Sì 11

12 Organi di governo e controllo Consiglio di amministrazione Il Consiglio di amministrazione è composto da quattro membri che devono possedere i requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza stabiliti dal Ministero dell Economia e delle Finanze a norma dell art. 26 del D.Lgs. 385/1993. I consiglieri in carica sono stati nominati il 30 maggio 2013 (con l eccezione di Paolo Carrara, subentrato a Paolo Floretta il 12 maggio 2014) e la scadenza del loro mandato è prevista in sede di approvazione del bilancio 2015 da parte dell assemblea dei soci. Nel 2014 il Consiglio di amministrazione si è riunito 11 volte. Di seguito la tabella riassuntiva che comprende nomi, incarichi e compensi lordi ricevuti nel corso dell anno. Nome Incarico Compenso 2014 Paolo Nicoletti Presidente Marco Santori Amministratore delegato Giovanni Gagliardi Consigliere Paolo Carrara Consigliere Nessun compenso Collegio dei Sindaci Il Collegio dei Sindaci è composto da tre sindaci effettivi e due supplenti. I sindaci devono possedere i requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza stabiliti dal Ministro dell Economia e delle Finanze a norma dell art. 26 del D.lgs. 385/1993. La scadenza del loro mandato è prevista in sede di approvazione del bilancio 2015 da parte dell assemblea dei soci. Nel 2014 il Collegio dei Sindaci ha esercitato anche compiti di monitoraggio dell osservanza delle finalità sociali da parte dell impresa. Di seguito la tabella riassuntiva che comprende nomi, incarichi e compensi lordi ricevuti nel corso dell anno. Nome Incarico Compenso 2014 Costantino Magro Sindaco effettivo e presidente Collegio dei Sindaci Renzo Boldrini Sindaco effettivo Pietro Paolo Rampino Sindaco effettivo Alberto Berengo Sindaco supplente Nessun compenso Paolo Parolin Sindaco supplente Nessun compenso Dal 2012 Microcredito per l Italia si affida alla società di revisione contabile PricewaterhouseCoopers. 12

13 Stakeholder Benedetta con euro ha aperto un laboratorio di alimenti senza glutine a Finale Emilia 13

14 Soci Nel 2014 la compagine sociale di Microcredito per l Italia ha visto l ingresso di un nuovo socio, Fondazione Un Raggio di Luce onlus, che si è affiancato a Etimos Foundation. Il nuovo socio ha effettuato un versamento di capitale per euro, che è stato così suddiviso: euro a valore nominale e euro a riserva sovrapprezzo azioni. Ripartizione capitale sociale 5% Etimos Foundation Fondazione Un Raggio di Luce onlus 95% Andamento capitale sociale Il capitale sociale a fine esercizio ammonta a euro con un incremento di euro rispetto al Capitale sociale Profilo dei soci Etimos Foundation: è una fondazione di partecipazione che da oltre dieci anni si occupa di finanza ed economia sociale in Italia e all estero. Ha indirizzato la sua attenzione soprattutto verso i temi dell inclusione finanziaria, della finanza per lo sviluppo, della microfinanza e dell impact investing. In questi ambiti si propone come incubatore di progetti, imprese e fondi d investimento capaci di coniugare impatto sociale e sostenibilità economica. A supporto di queste imprese e di que- 14

15 sti progetti mette a disposizione il proprio know-how tecnico e investe gran parte del proprio patrimonio. Fondazione Un Raggio di Luce: è una fondazione onlus a-politica e a-confessionale a scopo umanitario che opera nei Paesi in via di sviluppo e in Italia. La sua missione è migliorare la qualità della vita delle collettività più svantaggiate, con azioni e aiuti diretti che rispondano in modo mirato ai bisogni concreti dei singoli, delle famiglie e delle comunità, rivolgendo particolare attenzione alle donne e ai bambini. Un Raggio di Luce collabora con tutti coloro che operano per difendere i diritti umani e per sostenere lo sviluppo globale dell uomo fornendo strumenti che consentano a tutti di guadagnare autonomia e dignità. L ampliamento della compagine sociale, con l ingresso di Fondazione Un Raggio di Luce, è significativo per più motivi: per il profilo del nuovo socio, una fondazione che da anni sperimenta, in Italia e all estero, un idea innovativa di filantropia nella quale il microcredito e gli investimenti sociali occupano un ruolo di primo piano; perché offre l opportunità di allargare le attività di Microcredito per l Italia anche alla Toscana (nelle province di Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara), confermando una vocazione operativa di respiro nazionale ma al tempo stesso legata a partnership locali forti e alla costruzione di reti territoriali capillari e diffuse; perché ha stimolato una diversificazione dei prodotti, con la sperimentazione dell erogazione diretta del credito (in alternativa all erogazione di garanzie), e un focus d attenzione particolare verso l impresa sociale come target privilegiato dei finanziamenti. Una compagine sociale allargata 15

16 Collaboratori L andamento delle risorse umane rispecchia fedelmente l evoluzione, la crescita e la fisionomia specifica di Microcredito per l Italia. Crescita risorse umane Contratto full time a tempo indeterminato Contratto a progetto 6 3 Contratto di apprendistato Contratto di collaborazione coordinata e continuativa Contratto a tempo determinato (sostituzione maternità) Contratto full time a tempo determinato Come evidenziano i grafici di questa pagina, il 2014 è stato accompagnato da un forte investimento in nuovi collaboratori, sia pure per ora sotto forma di contratti a tempo determinato o di collaborazione coordinata e continuativa. Scelta dettata da un lato dall esigenza di supportare l espansione delle attività, dall altro dall incertezza rispetto alla continuità e alla sostenibilità di alcuni potenziali sviluppi. Tipologia di contratti in essere nel 2014 Full time a tempo indeterminato 30% 30% Collaborazione coordinata e continuativa A tempo determinato (sostituzione di maternità) 10% Full time a tempo determinato 20% 10% Apprendistato 16

17 Rispetto a questo quadro d insieme, vanno fatte alcune precisazioni: le collaborazioni attive a fine 2014 sono 10, ma l organico effettivo impiegato è composto da 8 persone (2 infatti sono in congedo di maternità); nel corso dell anno le sostituzioni di maternità hanno riguardato due posizioni: quella di responsabile amministrativa e quella di project manager delle attività post terremoto in Emilia e Lombardia; tra i nuovi collaboratori (nella tipologia contratti di collaborazione coordinata e continuativa) si segnala l inserimento di una persona già coinvolta, nel corso del 2013, in uno stage presso Microcredito per l Italia. La prevalenza di donne è una costante nell evoluzione di Microcredito per l Italia, anche nei ruoli di responsabilità e coordinamento. Sono donne la direttrice operativa, la responsabile amministrativa e le responsabili dei progetti nei diversi territori. Nel 2014 le lavoratrici hanno fruito complessivamente di 7 mesi di congedo di maternità (tra obbligatoria e facoltativa). Suddivisione per genere Donne Uomini La maggioranza dei collaboratori rientra nella fascia d età tra i 35 e i 50 anni. L età media a fine 2014 è di 45 anni. Suddivisione per fasce d età < 35 anni 35/50 anni > 50 anni 17

18 Suddivisione per titolo di studio Il livello di scolarizzazione è alto e specializzato: l 80% dei collaboratori ha ottenuto la laurea magistrale (in scienze politiche, economia, economia e finanza, cooperazione allo sviluppo) o ulteriori titoli post laurea Laurea magistrale Diploma Formazione post laurea 18

19 Clienti È opportuno analizzare la clientela di Microcredito per l Italia distinguendo due macro aree di attività: l area del credito che opera attraverso l erogazione di garanzie o di finanziamenti diretti (prodotto, quest ultimo, messo a punto nel corso del 2014, che ha registrato le prime erogazioni nella primavera 2015) a soggetti esclusi dai canali tradizionali del credito. All interno di quest area si possono individuare due target distinti: da un lato i privati; dall altro le persone giuridiche (che comprendono piccole e microimprese, liberi professionisti e organizzazioni del Terzo settore); l area dei servizi che comprende consulenze in materia di microcredito, accompagnamento alla microimpresa, ascolto, educazione finanziaria e prevenzione del sovraindebitamento. All interno di quest area la clientela è composta da enti, organizzazioni e aziende che si affidano a Microcredito per l Italia per offrire a loro volta questi servizi ai propri clienti, ai propri dipendenti o ad altri target individuati. AREA del credito Microcredito per l Italia opera a sostegno di privati e famiglie in tre contesti: in Emilia e Lombardia (nei comuni colpiti dal terremoto del 2012) e in Abruzzo. Il prodotto di credito che offre consiste in una garanzia che permette l accesso ai finanziamenti erogati attraverso le banche nostre partner in risposta a bisogni primari (ad esempio: piccole spese di sistemazione degli edifici, dilazione nel pagamento di utenze, spese mediche, spese per l educazione e l istruzione). Target clienti privati: erogazione di garanzie La garanzia copre fino all 85% del finanziamento ed è legata a un prodotto di credito, erogato dalle banche partner, che ha le seguenti caratteristiche: Mutuo Chirografario a tasso variabile importo massimo: euro durata massima: 60 mesi tasso massimo d interesse: Euribor 3 mesi + 4,25 tasso di mora, spese di istruttoria e spese estinzione anticipata: 0 Nelle pagine che seguono sono riportate le principali caratteristiche riferite alla clientela di privati e famiglie finanziata da Microcredito per l Italia. 19

20 Numero clienti privati Numero clienti La diminuzione nel numero di clienti finanziati appartenenti al target privati è collegata a un più generale rallentamento delle attività di Microcredito per l Italia in Abruzzo ed Emilia. In entrambe le regioni l operatività è legata a specifici progetti post terremoto che hanno determinato un impennata delle erogazioni a ridosso dei due eventi sismici e un successivo assestamento, accompagnato da un azione di monitoraggio del portafoglio. Volume garanzie e finanziamenti erogati Volume garanzie erogate Volume finanziamenti erogati a fronte della garanzia di Mxit Volume finanziamenti erogati a fronte della garanzia di MxIT Volume garanzie erogate La diminuzione del numero di clienti finanziati si traduce anche in una riduzione dei volumi di garanzie (e di relativi finanziamenti) erogate. 20

21 Suddivisione clienti privati per genere nel Donne 28 Uomini Le donne si confermano categoria privilegiata all interno della clientela di Microcredito per l Italia, anche nel segmento dei privati Abruzzo Suddivisione clienti privati per regione nel 2014 Emilia 39 Lombardia L Abruzzo è la regione con il maggior numero di clienti finanziati nel segmento privati. CREDITI IN DEFAULT NEL 2014 Numero Volume Microcredito per l Italia opera a sostegno di piccole e micro imprese, liberi professionisti e organizzazioni del Terzo settore attraverso l erogazione di garanzie in Emilia e Lombardia (nei comuni colpiti dal terremoto del 2012), in Abruzzo e in Veneto (in quest ultima regione le erogazioni si sono concretizzate nel corso dei primi mesi del 2015, pertanto non risultano comprese nei dati che presentiamo di seguito). Target persone giuridiche: erogazione di garanzie Il prodotto di credito offerto consiste in una garanzia che permette l accesso ai finanziamenti erogati attraverso le banche nostre partner. La garanzia copre fino al 75% del finanziamento (percentuale che sale all 85% nel caso di organizzazioni del Terzo settore) ed è legata a un prodotto di credito che ha le seguenti caratteristiche: Mutuo Chirografario a tasso variabile importo massimo: euro ( in Veneto) durata massima: 60 mesi tasso massimo d interesse: Euribor 3 mesi + 4,25 tasso di mora, spese di istruttoria e spese estinzione anticipata: 0 21

22 Nelle pagine che seguono sono riportate le principali caratteristiche riferite alla clientela di persone giuridiche finanziata da Microcredito per l Italia. Volume garanzie e finanziamenti erogati Numero clienti Nel caso del target persone giuridiche la flessione del numero di finanziamenti erogati nel 2014 risulta meno marcata rispetto al target privati. A dimostrazione che l operatività di Microcredito per l Italia in Emilia e Abruzzo, pur nata come sostegno post terremoto, continua a dare il suo contributo ancora oggi in un quadro d intervento legato soprattutto alla crisi economica e occupazionale. Volume garanzie e finanziamenti erogati Volume garanzie erogate Volume finanziamenti erogati a fronte della garanzia di Mxit Volume finanziamenti erogati a fronte della garanzia di MxIT Volume garanzie erogate La diminuzione del volume di garanzie erogate è in linea con la flessione del numero di erogazioni. 22

23 9 Suddivisione microimprese finanziate per regione nel 2014 Abruzzo 96 Emilia 109 Lombardia Nel 2014 l Emilia è stata la regione che ha conosciuto l attività di erogazione più intensa sul fronte della piccola e micro impresa. Gestione attività sportive Agricoltura 5 5 Principali ambiti produttivi finanziati nel 2014 Attività di libera professione e consulenza Tessile manifatturiero Trasporti Commercio all ingrosso Saloni di bellezza/parrucchieri 18 Edilizia 27 Ristorazione 41 Commercio al dettaglio 48 Commercio al dettaglio, ristorazione ed edilizia si confermano i principali ambiti produttivi finanziati. Un dato che sottolinea il ruolo del microcredito a sostegno della micro e piccola impresa come forma di autoimpiego. 23

24 Finanziamenti a categorie significative: start up, donne e under Imprese di nuova costruzione Imprese femminili Imprese under 35 Imprese di nuova costituzione, donne e under 35 sono categorie che più di altre conoscono difficoltà nell accesso al credito. I dati dimostrano un attenzione particolare nei loro confronti da parte di Microcredito per l Italia, a conferma di un autentica vocazione di inclusione finanziaria. CREDITI IN DEFAULT NEL 2014 Numero Volume Studio d impatto: primi risultati A fine 2014 Microcredito per l Italia, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Statistiche dell Università di Padova, ha promosso uno studio per misurare l impatto dei suoi finanziamenti sul target impresa. Le rilevazioni sono ancora in corso e si concluderanno nel Una prima analisi, su un campione di 70 imprese, ci restituisce informazioni interessanti sulla dimensione delle imprese finanziate, sia in relazione al fatturato mensile, sia in relazione al numero di addetti. Fatturato mensile Per numero imprese Fino a 999 euro /1.499 euro /1.999 euro /2.499 euro /2.999 euro /3.999 euro /4.999 euro 6 Più di euro 31 Numero addetti Per numero imprese /

25 Microcredito per l Italia opera attraverso l erogazione diretta di finanziamenti soltanto in Toscana (nelle province di Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara), dove ha individuato un target composto da: microimprese, cooperative e imprese sociali in fase di avvio o esistenti da non più di 48 mesi; imprese sociali ex lege già costituite, anche da più di 48 mesi, o in fase di costituzione. Persone giuridiche: erogazione diretta di finanziamenti Le imprese che possono accedere al credito sono state individuate attraverso la partecipazione a un Concorso di idee. Al 31 dicembre 2014, data ultima per l invio delle domande di partecipazione, sono pervenute 28 richieste. Di queste, 19 hanno superato la prima fase di valutazione della validità dell idea d impresa e del business plan presentato. Le prime erogazioni, al termine dell istruttoria di Microcredito per l Italia, sono previste a maggio Di seguito le caratteristiche del prodotto di erogazione diretta: Mutuo Chirografario a tasso variabile importo massimo: euro durata massima: 60 mesi tasso massimo d interesse: Euribor 3 mesi + 5,50 tasso di mora: 4% rispetto al tasso pattuito per il finanziamento Spese di istruttoria: 200 euro Spese estinzione anticipata: nessuna. AREA dei SERVizi In Lazio Etimos Foundation ha collaborato con l Ente Nazionale per il Microcredito nell ambito di un progetto di sensibilizzazione sui temi dell accesso al credito a sostegno dell impresa femminile, che si chiama Microcredito Donna. Ente Nazionale per il Microcredito Il progetto avviato ad aprile 2014 ha previsto, oltre all erogazione di finanziamenti grazie a un fondo di garanzia messo a disposizione dall Ente, servizi di ascolto, supporto e accompagnamento durante tutto il percorso di credito, prima dell erogazione e successivamente in fase di rimborso. Questi servizi sono stati affidati da Etimos Foundation a Microcredito per l Italia, che ha lavorato in sinergia con la propria rete territoriale di associazioni e volontari attivi in Lazio. Nel corso del 2014 le donne incontrate e supportate nel percorso di creazione d impresa sono state 96. Per 11 di queste Microcredito per l Italia ha dato parere favorevole all erogazione della garanzia, presentando le richieste di finanziamento alla banca partner (ancora in corso di valutazione ad aprile 2015). La tabella che segue riassume le attività realizzate all interno del progetto Microcredito Donna. Donne contattate 185 Numero di ascolti 96 Parere favorevole all erogazione della garanzia 11 25

26 Welfare aziendale Microcredito per l Italia ha avviato nel 2014 un iniziativa di microcredito all interno del sistema di welfare aziendale di una delle principali aziende manifatturiere italiane. In questo contesto il microcredito è stato individuato come strumento di aiuto e di sostegno finanziario rivolto a persone in situazioni di disagio economico che non hanno possibilità di accedere ai canali ordinari del credito e devono far fronte a spese indifferibili nei seguenti ambiti: - salute; - istruzione; - assistenza familiare: infanzia anziani e persone in situazioni di non autosufficienza; - abitazione: (prima casa). Il microcredito consiste in un prestito fino a euro, senza la richiesta di alcuna garanzia personale, erogato da una banca partner a fronte di un fondo di garanzia costituito dall azienda stessa. Microcredito per l Italia è stata incaricata di gestire l attività di ascolto, esame e valutazione della situazione personale, patrimoniale ed economica dei potenziali beneficiari. La gestione avviene sia attraverso un numero verde (che permette di fornire le prime informazioni e di fissare i successivi appuntamenti), sia attraverso il presidio di cinque sportelli d ascolto nei territori dove si trovano gli stabilimenti. Presso gli sportelli, Microcredito per l Italia svolge le seguenti attività: - ascolto attivo; - analisi delle motivazioni della richiesta e verifica del possesso dei requisiti di base per l accesso al credito; - valutazione sulla sostenibilità della richiesta; - decisione in merito all ammissibilità della richiesta. A seguito dell erogazione del credito, Microcredito per l Italia mantiene un legame con i lavoratori impegnati nella restituzione del prestito e li affianca costruendo dei percorsi di accompagnamento individuali utili a garantire una maggiore consapevolezza rispetto ai temi dell educazione finanziaria, della pianificazione del bilancio familiare e/o della razionalizzazione delle posizioni debitorie. L operatività è cominciata a dicembre Nel primi 3 mesi del 2015 sono già stati realizzati 139 contatti telefonici e 68 ascolti. Enaip Veneto Nell ambito del progetto IDEA la tua impresa, promosso da Enaip Veneto, Microcredito per l Italia ha offerto i seguenti servizi: - attività di docenza sul tema dei canali di accesso al credito per le imprese (finanziamenti ordinari, contributi europei, nazionali e regionali, finanziamenti agevolati, microcredito, crowdfunding ecc.); - assistenza tecnica; - possibilità di accesso allo strumento del microcredito. 26

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli