Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese"

Transcript

1 Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese Paola Marotta a cura di: Leonardo Di Mauro NEL CENTENARIO DELLA NASCITA DI ADRIANO OLIVETTI, NON POTEVA MANCARE UNA TESTIMONIANZA ED UNA RIFLESSIONE SUL CONTRIBUTO CHE EGLI VENNE A DARE NEGLI ANNI 50 ALL IDEA ED ALLA PRATICA DELLA PIANIFICAZIONE D AREA VASTA NEL NOSTRO PAESE. PAOLA MAROTTA, NELLA RUBRICA CURATA DA LEONARDO DI MAURO, NE RIPERCORRE LE TAPPE PRINCIPALI CON RIFERIMENTO ALL ATTIVITÀ DELL ISTITUTO PER IL RINNOVAMENTO URBANO E RURALE COSTITUITO NEL 1954 PER RIQUALIFICARE IL TERRITORIO DEL CANAVESE GRAVITANTE INTORNO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE INSEDIATE AD IVREA (areavasta online n.3/2001) Nel 1949 riprende la pubblicazione della rivista Urbanistica. La direzione è affidata ad Adriano Olivetti che, nel suo primo articolo, scrive: l attività urbanistica è in crisi dal momento in cui l individualismo è in declino e il faticoso stabilirsi di un nuovo rapporto tra persona e comunità è lungi dall essere concluso. L urbanistica reclama la pianificazione; e può darsi una pianificazione democratica, cioè libera? Questo interrogativo dominerà implicitamente o esplicitamente il nostro lavoro. E soltanto, abbiamo detto, nella soluzione del rapporto individuo-collettività, più propriamente oggi indicato nella relazione persona-comunità, che è possibile anticipare la soluzione naturale. Tuttavia questa rimane affidata al progredire della sistematica ricerca scientifica, onde l urbanistica, erigendosi finalmente a scienza positiva, vorrà garantirsi i necessari titoli di responsabilità e serietà 1. Ridefinire il ruolo dell urbanistica all interno della complessa realtà configuratasi all indomani della guerra, costituiva per Olivetti 2 un obiettivo importante per l attivazione di programmi e processi di riorganizzazione sociale. Nel pensiero di Olivetti, secondo quanto scrive Giuseppe Berta, all urbanista spettava di ricomporre i momenti della vita economica e sociale in un disegno unitario, ricercando una connessione organica tra privato e pubblico, tra residenza e luogo di lavoro, tra centri di produzione e centri di consumo, tra le sedi di istruzione e di formazione professionale e gli spazi demandati alla fruizione del tempo libero ( ). Era la realizzazione piena dell utopia di Lewis Mumford che delegava al piano il compito di saldare, in una prospettiva armoniosa e priva di soluzioni di continuità, l intero arco entro cui si dipanavano le tappe della vita umana, dall infanzia alla maturità, che l urbanistica doveva rappresentare come un ininterrotta educazione alla socialità e al recupero dei valori comunitari. L urbanistica era il veicolo privilegiato per la valorizzazione di una prospettiva umanistica e universalistica che si realizzava mediante l instaurazione di un ordine sociale risultante dall accostamento e dalla concatenazione di tante microcellule della vita organizzata 3. In questo contesto teorico si inseriscono in parte le proposte di Adriano Olivetti, ma è nelle operazioni da lui attivate e coordinate che si delineano con maggiore forza gli obiettivi del suo pensiero. Figura 1 - Completamento della rete stradale previsto dal piano regolatore della Valle d Aosta del Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Già agli inizi degli anni trenta nei programmi di espansione e di trasformazione del territorio teorizzati da Adriano Olivetti, venivano delineate le intenzionalità di definire programmi su vasta scala. In effetti, il piano regolatore della Valle d Aosta, coordinato appunto da Adriano Olivetti, definisce per la prima volta un piano esteso alla scala provinciale. Nella prefazione al piano di un nuovo quartiere a Ivrea 4, redatto nel 1934 da Luigi Figini e Gino Pollini, in riferimento ai processi di trasformazione da definire nel piano, troviamo esplicitato il programma di Olivetti: 1. Realizzare una densità-abitante al kmq intermedia fra la eccessiva densità tradizionale e la irrealizzabilità di una soluzione totale nel senso della casa individuale. Pertanto, pur prevedendo in regioni topograficamente adatte zone di case singole allo scopo di soddisfare una insopprimibile esigenza in questo senso, sarà fatto posto in larga misura a elementi d abitazione adatti alla convivenza di famiglie, provvisti di servizi comuni e orientati nel modo più

2 razionale dal punto di vista sia dell insolazione, sia della componente panoramica. Vasti giardini, orti, campi sportivi, saranno a disposizione di ogni singola unità e larghe zone verdi saranno realizzabili fra le unità stesse. 2. Una tale espansione richiede un urbanizzazione di vaste zone agricole, talché il piano stesso deve prevedere nel suo complesso territoriale un importante trasformazione agraria, di cui enunciamo i sommi capi: a) trasformazione di vaste unità agricole in appoderamenti razionali da cedersi ai proprietari agricoli delle zone da espropriare; b) trasformazione agraria della regione circostante, attualmente legata alla rotazione tradizionale, in unità agricole specializzate nella produzione di latte, frutta, verdura, abbandonando le colture di minor reddito e specializzandole quindi verso un altra unità produttiva di generi consumati direttamente dalla popolazione operaia; c) creazione di centri sperimentali agricoli capaci di organizzare e facilitare la trasformazione agraria sopra descritta. In questo nuovo piano il problema del decentramento industriale con le sue conseguenze tecniche e sociali sarà esaminato fino al raggiungimento di nuove soluzioni di equilibrio, realizzando una esemplificazione atta a suggerire la soluzione di problemi relativi alle zone industriali. Il piano così tracciato assume già l importanza di un piano territoriale e può e deve inquadrarsi nel piano generale della Valle d Aosta 5. Veniva in questo modo introdotta la questione della necessità di correlare le trasformazioni della città alle trasformazioni del territorio. Esigenza che è possibile ritrovare anche in altri piani degli anni trenta. In particolare, nel 1939, nel piano per Napoli di Luigi Piccinato veniva estesa all intera area regionale la volontà di risoluzione delle problematiche interne alla città. Come afferma lo stesso Piccinato: Un piano regolatore di Napoli che abbia, come il presente, come primo obiettivo una messa a punto di tutte le questioni, dalle più generali alle particolari, deve pertanto affrontare prima di ogni altro tema quello di un piano regionale, come quello che inquadra in sé e misura ogni altro problema urbanistico cittadino. Di un piano regionale cioè, nel quale le ragioni economiche, le questioni amministrative, quelle del grande traffico, quelle del turismo, quelle della conservazione del paesaggio e quelle delle comunicazioni siano studiate, proporzionate e risolte in un programma generale 6. Ma il maggiore impegno di Olivetti si manifesta nell immediato dopoguerra, in un momento in cui la consapevolezza dei danni causati dalla non pianificazione, caratterizzante il periodo post bellico, emergeva negli studi e nei dibattiti di quegli anni. Figura 2 - Planimetria del territorio di Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 In un testo del 1951, Luigi Piccinato, proprio in riferimento ai processi di espansione e di ricostruzione, esprime una critica verso lo stato del territorio e degli strumenti pianificatori: Fino ad oggi infatti le zone residenziali: a) si sono sviluppate all infuori di qualunque pianificazione seguendo i dettami dell interesse immediato dei singoli e quello della speculazione; b) si sono sviluppate seguendo un piano regolatore locale di dettaglio ma senza la guida di un piano generale della città il quale avrebbe potuto (sia pure nel quadro del solo interesse locale cittadino) intervenire per individuare zone adatte o diverse da quelle nelle quali praticamente si è realizzata la zona residenziale; c) si sono sviluppate seguendo un piano regolatore generale sbagliato in quanto avulso appunto dal quadro della pianificazione regionale che avrebbe dettato norme ben diverse. Basta guardarsi attorno per rendersi conto della gravità delle conseguenze di ciò, quartieri interi a forma di lunghi infiniti sobborghi allineati lungo le arterie di traffico; gruppi di case distribuite inorganicamente in località nelle quali sono difficili o impossibili i servizi elementari cittadini (acqua, luce, gas, medico, scuole, ecc.); quartieri interi addossati e frammisti alle industrie; zone di turismo di villeggiatura soffocati da quartieri che distruggono o annullano l efficienza delle spiagge, delle zone termali, caotici gruppi di abitazione senza regola distanziatissimi dai centri di lavoro ecc. ( ). Ingrandire a macchia d olio un villaggio esistente trasformandolo in una cittadina sarebbe un errore: logico invece strutturare la unità cittadina componendola con varie comunità una delle quali sarà rappresentata dal villaggio esistente il quale, in molti casi, assumerà nuova funzione e una nuova fisionomia nel nuovo quadro 7. Da cui la proposta: Se si vuole raggiungere lo scopo di risollevare dai mali di una pessima urbanistica (anzi: da quelli dell assenza totale di urbanistica) quale quella che ci angustia da più di un secolo, sia le città che le campagne che le montagne non vi è che un mezzo: razionalizzare le future attività industriali, agricole ed edilizie attraverso una ordinata distribuzione dei centri di produzione, di lavoro, di

3 residenza; programmare una logica urbanizzazione del suolo attraverso nuove comunità organiche ben attrezzate ed economicamente efficienti 8. Figura 3 - Aerofotografia di Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Un anno dopo, in occasione del discorso inaugurale del IV Congresso dell Inu del La pianificazione regionale - Adriano Olivetti evidenziando la necessità di integrare le scelte della pianificazione di quartiere con le scelte di pianificazione regionale, sottolineava come il ritardo della pianificazione regionale fosse imputabile sia al mancato coordinamento tra gli strumenti pianificatori e l organizzazione economica, sia ad un errata scala dimensionale della regione storica. Nella situazione attuale disponiamo di taluni strumenti essenziali della pianificazione, ne abbiamo cioè completa padronanza tecnica: alludo all unità residenziale autosufficiente, alla borgata rurale, al piano paesistico. Fino ad oggi questi strumenti sono stati però troppo spesso scarsamente o malamente usati attraverso parziali e dispendiosi tentativi di innestare iniziative nuove su vecchie e inadeguate strutture. L inizio della pianificazione apre perciò nuove e grandi possibilità. Ma è d uopo renderci conto delle difficoltà che ci attendono. Figura 4 - Sezione stradale con il progetto di un nuovo quartiere ad Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Non basterà infatti - ai fini di una certa politica sociale ed economica - che il piano regionale sia elaborato ed assuma forma giuridica. Occorrerà che esso sia integrato di taluni elementi di espressione e di attuazione urbanistica che sono, abbiamo detto, i quartieri residenziali, i piani particolari. Sono noti gli ostacoli gravissimi che si frappongono alla realizzazione di questi elementi organizzati del dispositivo d intervento: disponibilità o accessibilità delle aree più razionabili, organizzazione delle attrezzature economiche e dei servizi sociali e culturali, finanziamento delle opere igieniche stradali e delle altre sussidiarie. In particolare, una condizione essenziale di progresso risiede nel coordinamento armonico tra il dispositivo urbanistico e le fonti di vita economica. Quest indispensabile coordinamento è invece considerato ancor oggi come fattore secondario. Prima procedono le industrie a costruire o ingrandire fabbriche senza una visione precisa delle conseguenze urbanistiche delle loro attività; poi, sotto la pressione del disordine sociale, si cercano rimedi quando le soluzioni organiche sono ormai divenute impossibili ( ). Non sarà mai inutile ripetere che il piano regionale va inteso come piano territoriale di coordinamento. Come tale, il piano regionale è indispensabile per porre in evidenza i problemi d insieme. La soluzione atta a divenire esecutiva di complessi edilizi rispondenti alla coscienza sociale dei nuovi tempi ed alle esigenze produttive dell industria, dell agricoltura, di un turismo seriamente inteso, suscita problemi ravvicinati di collegamento, postulando infine una scala dimensionale più

4 ristretta della regione storica. La regione ha la giusta dimensione per prospettare in un quadro sintetico i molti e diversi problemi sociali, economici e territoriali che si pongono nel nostro paese, ma la definizione esecutiva del piano richiede pertanto questa limitazione organica 9. Oltre al tema del ruolo e della necessità della pianificazione regionale, nelle intenzioni politico-urbanistiche di Adriano Olivetti vi era, dunque, la convinzione che la soluzione ai problemi della società italiana all indomani della seconda guerra mondiale, poteva essere la realizzazione di un piano in cui le componenti economiche fossero strettamente connesse e relazionate alle componenti territoriali: Il piano organico cui guardava Olivetti era il prodotto di un coerente raccordo tra le trasformazioni economiche e la loro dislocazione sul territorio, dell interazione tra sviluppo economico e riassetto delle risorse ambientali: esso era in una parola la risultante della fusione di economia e urbanistica ( ). Ma l istanza della fusione delle due discipline celava in realtà il primato dell urbanistica, come scienza chiamata a dare forma organizzata alla progettualità dei disegni di trasformazione sociale ( ). Ciò esplicitava il principio, che avrebbe naturalmente trovato applicazione nella società canavesana, secondo cui l analisi economica doveva rappresentare l atto preliminare della politica di piano e indicare ad essa le coordinate di sviluppo da seguire, ma il momento gestionale della pianificazione doveva essere demandato agli urbanisti 10. Figura 5 - Stralcio planimetrico di Ivrea. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Inoltre, secondo Olivetti, per evitare che la pianificazione stessa finisse col favorire un azione centralistica e autoritaria da parte della struttura statale, occorreva attivare processi di riorganizzazione territoriale legati alla definizione di programmi economici: Difficile dire in quali anni, lungo il decennio tra il 40 e il 50, Olivetti abbia sviluppato in direzione risolutamente antistatalista le sue teorie sulla pianificazione ( ). Subito dopo la liberazione, Olivetti aveva sperato in una rifondazione su basi totalmente decentrate e regionaliste dello Stato, in parallelo con una definizione delle sue funzioni nella sfera della pianificazione: quando vide disattesa questa speranza, dovette convincersi che ben poco spazio andava lasciato allo stato nella promozione dell attività economica 11.

5 Figura 6 - Schema di ipotetico sviluppo industriale e residenziale del Canavese. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Il programma di studi per l area del Canavese costituisce l occasione per attuare le idee e le convinzioni che Olivetti sosteneva potessero trasformare in modo organico il territorio. In effetti, nel programma per il Canavese è possibile individuare l applicazione delle teorie urbanistiche più significative di Olivetti. Osserva Bruno Caizzi: Senza essere contrastato da mille resistenze, senza doversi estenuare nelle anticamere dei ministeri alla ricerca di compromessi amministrativi e di accondiscendenze burocratiche, (Adriano Olivetti) poté studiare un piano urbanistico meno esteso di quello della Valle d Aosta, rimasto sulla carta, ma più puntuale e nella sua parte fondamentale, attuato. Ivrea col suo territorio intorno offriva un tema assai impegnativo e allettante di piano regolatore: una città nuova da armonizzare col vecchio centro faticosamente articolato fra fiume e colle, una grande industria in espansione, una popolazione operaia che in larga misura si sposta quotidianamente verso il capoluogo dai paesi minori del Canavese, una persistente complementarità fra l economia industriale della città e quella prevalentemente agricola del contado 12. Nel 1952 il Comune di Ivrea, appoggiato dai finanziamenti della società Olivetti, decise di far redigere il piano regolatore generale della città. L incarico fu affidato ad un gruppo di tecnici, il Gtcuc gruppo tecnico per il coordinamento urbanistico del Canavese - composto dagli architetti Quaroni, Renacco, Fiocchi e dall ingegnere Ranieri. Il gruppo lavorò in collaborazione con l autorità comunale di Ivrea e con una squadra di consulenti specializzati in statistica, geografia antropica, economia agraria, economia generale, pedagogia e igiene mentale. Il piano assunse le forme di un piano intercomunale col fine di analizzare, valutare e programmare l influenza economica e sociale che la città esercitava sul suo circondario. In sette punti vennero individuate le proposte e le linee direttrici del piano: 1. Il concetto di espansione di Ivrea a grappolo, al fine di mantenere nella crescita della città il maggior perimetro di contatto con il verde circostante. 2. L idea di una città federazione di unità residenziali, capace di soddisfare i desideri di ciascuno dei suoi componenti e più ancora quelli delle loro associazioni. 3. La previsione di una anulare interna che dia maggior vita al punto ambientalmente più interessante della città e del nuovo ponte sul fiume che offra la possibilità di comunicazione nel senso più stretto della parola e nel suo più ampio significato di contatto umano stabilisca anche formalmente un tentativo di unione tra la città vecchia e quella nuova. 4. La previsione di quartieri residenziali adatti a soddisfare una sentita esigenza di vita associata integrati da sufficienti attività complementari che escludano il materializzarsi di uno zoning di classe. 5. L oculato risanamento del vecchio centro che, salvaguardando l aspetto generale della zona ed il suo caratteristico impianto urbanistico, sarà verificato con l inserimento di ampie attrezzature a servizio di tutta la città e dei comuni limitrofi onde allontanare il pericolo di trasformare questa zona storica un pezzo da museo archeologico. 6. L espansione industriale che avverrà non in modo intensivo tale da formare compatti monoblocchi ma in modo estensivo e discontinuo separando le officine con spazi liberi, agricoli, che ne assicurino un certo respiro ed un senso di libertà, creando così un quadro ambientale sano, vivace e più gradevole, tale da influire positivamente sulla psicologia di chi lavora. 7. L ordinamento della rete delle grandi comunicazioni che, senza intaccare le zone di naturale sviluppo della città, sia sufficientemente prossima al complesso urbano, onde riversare in questo i benefici dell importante traffico turistico che i programmi in atto favoriranno sempre di più 13.

6 Figura 7 - Progetto di una scuola nel quartiere di nuova costruzione ad Ivrea. Progetto di L. Quaroni e A. De Carlo. Fonte: Tafuri M. (1964), Ludovico Quaroni e lo sviluppo dell architettura moderna in Italia, Milano All interno del programma per l area del Canavese, due sono le questioni in cui si rispecchia fortemente l ideologia e la metodologia proposta da Adriano Olivetti: l importanza della interdisciplinarità nella fase di analisi e la dimensione dell area di intervento. Nel discorso tenuto nel 1956 al VI Congresso Inu - Piani intercomunali e piani comunali - Adriano Olivetti dirà: Nella maggior parte delle nostre regioni, con l eccellenza di quelle minori che comprendono soltanto una o due province, né i confini delle regioni stesse, né le unità amministrative locali, le province in cui sono divise si basano su fatti economici, storici e culturali omogenei e unitari. Risultato: l assenza di una vera e feconda, vitale iniziativa entro l area locale, onde una dispersione di interessi e una confusione nello sforzo ( ). L uomo non può più operare da solo in tutti i campi. La concreta, nuova definizione delle aree subregionali - un tracciamento scientifico di queste aree e l instaurazione di una nuova volontà amministrativa e culturale - è uno degli essenziali compiti, preliminari alla creazione di una civiltà cooperativa ed assistenziale. Poiché, ci ricorda un sociologo illuminato, il Mumford, come l uomo non può avere rapporti fecondi col mondo circostante finché non possiede un intima e ferma personalità, così una comunità non può impegnarsi nei necessari scambi e rapporti con altre comunità finché non ha una vita completa su basi indipendenti e solide. Questo significa che la ricostruzione culturale nell ambito della regione è una parte essenziale del compito politico ed amministrativo. I nostri piani più razionali devono rispettare l urgenza emotiva delle finalità, dei desideri, dei bisogni umani; il meccanismo più perfetto resta immoto finché i suoi organi non vengano azionati da questi mezzi 14. In effetti nella relazione al piano, lo stesso Nello Renacco spiegava come: Tutti gli aspetti della vita si ritrovano in una collettività urbana. Perciò tutte le discipline che in qualche modo si riferiscono all uomo e al suo ambiente, dovrebbero collaborare con l urbanistica nello studio di una pianificazione urbana e ancor più nelle pianificazioni di portata più vasta. Nell équipe di Ivrea si è cercato di avere la collaborazione di quelle scienze che sembravano fondamentali: la geografia, in quanto studio dell ambiente, e pensando naturalmente alla geografia umana e ai settori di questa che più si interessano al significato dinamico dei dati geografici; l economia, come studio delle possibilità produttive della collettività, ed anche delle sue possibilità di consumo; l agraria data la particolare importanza dell economia agricola nella zona; la statistica come moderno strumento di indagine dei fenomeni collettivi; infine, quelle che più tradizionalmente sono chiamate scienze umane: la storia, la pedagogia, la psicologia, la sociologia. In quest ultima, che ha per suo oggetto lo studio delle società umane nel loro insieme, sembrerebbero assorbite tutte le altre ricerche, come altrettanti capitoli particolari di un opera generale. E non è ben chiaro se l urbanistica debba essere anch essa un capitolo. È posto così il problema dei rapporti tra le diverse discipline all interno dell équipe. Il problema non si presenta facile, per l incerta definizione dei campi di studio di alcune discipline. La soluzione dovrebbe essere cercata in una cooperazione di tutte, piuttosto che in una subordinazione di alcune ad altre. O, meglio, nella subordinazione di tutte, alla pari, ad una scienza della pianificazione, che non coincida più con nessuna disciplina specializzata, ma che abbia per sua specialità esclusiva lo studio delle interrelazioni: che tragga dalle scienze specializzate i suoi dati, relativi all ambiente o alla produzione o alla struttura sociale o ad altro, e che rinvii alla scienze specializzate per i provvedimenti tecnici necessari ad intervenire nelle situazioni ( ). Data la complessa struttura delle città moderne, e dato ciò che oggi si chiede alla pianificazione, l urbanista non può essere una sola persona a meno di non farne un autocrate. Se l urbanista è chi fa il piano, l urbanista coincide con l intera èquipe 15. La fase di analisi fu così strutturata: Per 48 comuni, attenendosi a uno schema preordinato che i fatti modificavano (e curando all estremo la storicizzazione dei dati) con la propria evidenza, vennero stese 48 monografie che contenevano: dati fisici, dati economici, dati edili, dati urbanistici, dati sociologici, ecc. praticamente dalle coerenze alle condizioni delle strade; dalle caratteristiche atmosferiche alle colture e divisioni delle proprietà; dalla situazione religiosa a quella politica; dalle professioni alle età della popolazione; dalle caratteristiche dei nuclei familiari alla frequentazione e condizione delle scuole, asili; dai bilanci comunali al numero di lettere, cartoline, di telegrammi, di telefonate in arrivo o in partenza; dalla demografia alle emigrazioni e immigrazioni; dalla partecipazione alla lotta partigiana, alla presenza o meno di oratori, sale da ballo, cinema, ecc., nulla venne trascurato. Di tutto si cercò di dar ragione, indicando anche quali rapporti si desumevano, dai dati e dagli incontri con la popolazione, tra il comune in esame e la città di Ivrea 16.

7 Figura 8 - Grafico indicante l andamento della popolazione nel Canavese. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Nel 1952 Olivetti affermava: Un piano regionale - esteso cioè al territorio di una regione storica - non può coordinare l economia edilizia. Esso si presta invece assai bene a predisporre la rete delle comunicazioni stradali, autostradali, ferroviarie e a porre taluni problemi di insieme. Ma la soluzione atta a diventare esecutiva di complessi edilizi rispondenti alla coscienza dei nuovi tempi e alle esigenze umane e sociali dell industria, dell agricoltura, ai problemi di un nuovo turismo seriamente inteso, investe problemi ravvicinati di coordinamento e problemi tecnico-organizzativi che solo un autorità nuova, dotata di vasti e congeniali poteri, potrà realizzare con successo ed adeguatezza 17. Questa tematica fu appunto ripresa negli studi per il Canavese per la definizione dell area di intervento. Nella relazione, Renacco sosteneva appunto: La regione individuata intorno a Ivrea, che si è convenuto chiamare eporediese, rappresenta una subregione del Canavese che a sua volta per lunga tradizione storica costituisce una subregione del Piemonte. L eporediese o comprensorio di Ivrea, rappresenta dunque l unità territoriale minima a cui possa applicarsi un piano regionale che abbia per centro Ivrea. La sua definizione solleva l esigenza di una pianificazione urbanistica subregionale. La legge urbanistica, come è noto, prevede tre livelli di pianificazione: i piani comunali, i piani intercomunali e i piani territoriali di coordinamento, il cui campo di applicazione non è ulteriormente definito. Di fatto, nella pratica riconosciuta dal Ministero dei lavori pubblici i piani territoriali sono stati interpretati come piani regionali identificando i territori di loro competenza con quelle regioni in cui, per lunga tradizione, si è abituati a ripartire il territorio nazionale e che hanno, per certo una realtà storica e sociale ma non hanno una precisa figura giuridica. Crediamo che gli studi condotti a Ivrea, in questo campo, valgano a mostrare l opportunità di prendere in considerazione i piani subregionali, intermedi tra quelli comunali e quelli regionali. Si intende che non bisogna fermarsi a questo: i piani subregionali, o comprensoriali, saranno a loro volta nuclei di piani intercomprensoriali; ed infine di piani regionali 18. Intanto, nel 1954 venne costituito l Istituto per il rinnovamento urbano e rurale (I-Rur) del Canavese, il cui obiettivo era l orientamento dello sviluppo e del riequilibrio delle aree in cui l espansione della Olivetti gravitava. Come osserva Giuseppe Berta: Con la costituzione dell I-Rur del Canavese nel 1954, Olivetti aveva sperato di fornire un esemplificazione pratica di ciò che intendeva per pianificazione decentrata basata sull integrazione di industria e agricoltura, e di offrire una soluzione organizzata che fosse trasferibile anche in realtà sociali assai difformi dalla situazione canavesana. L I-Rur può a giusto titolo essere considerato come punto d approdo nella storia dell impegno olivettiano per una gestione razionale del territorio, un impegno che aveva avuto inizio con l elaborazione del piano regolatore della Valle d Aosta nel 1937 e aveva trovato slancio negli anni cinquanta col problema della redazione del piano regolatore di Ivrea 19. L aspetto più innovativo è costituito senz altro da una applicazione dell ideologia di Olivetti che vedeva in una riorganizzazione dei confini amministrativi, definita dal piano, la possibilità di realizzazione del piano stesso. Olivetti intendeva l istituzione dell I-Rur, ente tecnico-finanziario, come atto a realizzare questi strumenti di lavoro della pianificazione urbanistica per rendere la formazione di un piano e la sua esecuzione un processo unitario continuo 20.

8 In effetti, nello statuto dell I-Rur si legge: Art. 3. L I-Rur si propone: a) di studiare ed effettuare programmi su base comunale ed intercomunale, intesi a migliorare le condizioni sociali ed economiche del Canavese, lo standard di vita ed il livello culturale della popolazione, in vista soprattutto di dare un contributo al problema del pieno impiego della mano d opera; b) di promuovere, creare o sviluppare l organizzazione tecnica necessaria all esecuzione dei piani di cui alla precedente lettera a); di promuovere, creare o sviluppare ed eventualmente gestire concrete attività artigiane, industriali od agricole, ed assumere partecipazione ad attività artigiane, industriali od agricole ed in genere a qualunque attività economica, sempre nell ambito ed agli scopi di cui alla precedente lettera a); c) di coordinare e controllare gli organismi di cui alla lettera b); d) di porre a disposizione la sua organizzazione ed attività per la più celere esecuzione di tutti i piani di interesse sociale che verranno formulati dalle amministrazioni comunali del Canavese, anche svolgendo per le medesime amministrazioni una consulenza sociale ed economica; e) di assumere tutte le funzioni che gli possono essere delegate da enti pubblici centrali o locali, nell ambito dei suoi scopi statuari; f) di aderire, associarsi o federarsi ad istituti che si pongano sul piano provinciale, regionale, nazionale o internazionale scopi analoghi a quello dell I-Rur 21. Nel 1955 il consiglio comunale respinse il piano. Un anno dopo, venne approvato un piano ispirato agli stessi criteri di quello respinto di cui fu utilizzato solo il materiale di indagine. Figura 9 - Schema andamento della popolazione dei 48 comuni nel Canavese: i cerchi pieni indicano la crescita della popolazione; i cerchi vuoti indicano la decrescita. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961

9 Figura 10 - Ambiente di lavoro nello stabilimento Olivetti di Pozzuoli Note 1 Olivetti A.(1949), Riprendendo il cammino, in Urbanistica, n. 1, p Al riguardo si confronti il testo di Rossano Astarita (2000), Gli architetti di Olivetti. Una storia di committenza industriale, Milano. 3 Berta G.(1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Il piano per un nuovo quartiere per Ivrea costituiva una parte integrante del piano per la Valle d Aosta. Il territorio del circondario di Ivrea fu restituito alla provincia di Torino in occasione della costituzione della Regione autonoma della Valle d Aosta nel febbraio del Olivetti A.(1934), Prefazione al Piano di un quartiere nuovo a Ivrea, Ivrea. Edizione consultata: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001, p Piccinato L. (1976), Relazione al Piano Regolatore della città di Napoli, in Urbanistica, n. 65, 1976, p Piccinato L. (1951), Pianificazione regionale, in Malusardi F.(1993), Luigi Piccinato e l urbanistica moderna, Roma, p Ivi, p Olivetti A. (1952), Discorso inaugurale al IV Congresso INU, in Urbanistica, n. 10/11, p Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Ivi, p Caizzi B.(1962), Camillo e Adriano Olivetti, Torino, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Olivetti A. (1956), Urbanistica e libertà locali, in Comunità n. 44, consultato in Fabbri M., Greco A., Menozzi L., Valeriani E. (1986), (a cura di), Architettura urbanistica in Italia nel dopoguerra, Roma, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Carlo Doglio, direttore della fase di analisi in Caizzi B. (1962), Camillo e Adriano Olivetti, Torino, p Olivetti A. (1952), Condizioni per il progresso dell urbanistica italiana, in Urbanistica, n. 9, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Olivetti A. (1952), Condizioni per il progresso dell urbanistica italiana, in Urbanistica, n. 9, p Statuto dell Istituto per il rinnovamento urbano e rurale nel Canavese in Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p.260.

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Progettare e valutare per competenze per contrastare la dispersione scolastica

Progettare e valutare per competenze per contrastare la dispersione scolastica PROGETTO DI CORSO DI FORMAZIONE IN RETE PER I DOCENTI RETE EST MARTESANA ADDA comprendente gli istituti comprensivi di Basiano- Masate, Cassano d Adda, Inzago, Pozzuolo Martesana, Trezzano Rosa, Vaprio

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA Università degli studi di Milano Università degli studi di Genova Politecnico di Torino Università degli studi di Torino Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

II. Che tale decreto è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania del 14 giugno 2004;

II. Che tale decreto è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania del 14 giugno 2004; Protocollo d intesa Tra Regione Campania Comune di Napoli Napoli Orientale S.c.p.a. Kuwait Petroleum Italia S.p.A e Kuwait Raffinazione e Chimica S.p.A. Premesso: I. Che con decreto del Presidente della

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: Questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto Dall

Dettagli

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Monza (MI) Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Il Comune di Monza è dotato di Prg approvato

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO

PIANO DI MONITORAGGIO IN RECEPIMENTO DEL PARERE DELL ORGANO TECNICO COMUNALE PR. N.17160 DEL 10.12.2012 E DEL CONTRIBUTO DELL ORGANO TECNICO REGIONALE N. PR. 1088/DB0805 DEL 15.11.2012 DETERMINA DI INCARICO N. 24 DEL 6.12.2012

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Il curricolo geografico nella scuola primaria Il curricolo geografico nella scuola primaria 1 La crisi dell insegnamento della geografia in Italia Curricolare (la geografia come transdisciplina) Epistemologica (quale sia il vero obiettivo dell insegnamento

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro sulla Conciliazione lavoro-famiglia

OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro sulla Conciliazione lavoro-famiglia OSSERVATORIO NAZIONALE DELLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro sulla Conciliazione lavoro-famiglia I concetti che sono emersi in gruppo sono stati alcuni di ordine antropologico, altri relativi ad un pensiero

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci Università IUAV di Venezia Facoltà di Architettura Clasa - AA 2010-2011 Progettazione urbanistica 1G La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce Chiara Barattucci (Sintesi per

Dettagli

Il settore dei laterizi in Italia

Il settore dei laterizi in Italia 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 In base alle Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

Modelli 2: città giardino

Modelli 2: città giardino Modelli 2: città giardino La Garden City di Howard Riferimenti bibliografici: Benevolo Leonardo Storia dell architetturra moderna Laterza ed Bari 1985 - Benevolo Leonardo, Storia dell architetturra moderna,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

ESAME DI STATO 2008/2009. Tema di Economia Aziendale

ESAME DI STATO 2008/2009. Tema di Economia Aziendale ESAME DI STATO 2008/2009 Tema di Economia Aziendale Elaborato a cura della redazione di www.votailprof.it Il controllo di gestione è un sistema di processi e di strumenti che guida la gestione verso il

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

All Assessore alle Autonomie Locali Paolo Panontin

All Assessore alle Autonomie Locali Paolo Panontin Trasmesso via mail Udine, 4 novembre 2014 Sede e Segreteria: presso Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Udine via Paolo Canciani n. 19, 33100 UDINE Al

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI PREMESSA I Centri Territoriali di documentazione, risorse e servizi trovano la loro ispirazione dalla storia del processo di

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate?

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Faq Aster Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Certamente sì, uno dei principali scopi di ASTER è quello di creare nuova imprenditorialità e nuova occupazione.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

LE FATTORIEF DIDATTICHE

LE FATTORIEF DIDATTICHE LE FATTORIEF DIDATTICHE Educazione alla campagna amica Opuscolo realizzato nell ambito del progetto di consulenza alla gestione Il riorientamento dell impresa agricola tramite l analisi economica - L.R.37/99

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli