Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese"

Transcript

1 Adriano Olivetti e l'esperienza del Canavese Paola Marotta a cura di: Leonardo Di Mauro NEL CENTENARIO DELLA NASCITA DI ADRIANO OLIVETTI, NON POTEVA MANCARE UNA TESTIMONIANZA ED UNA RIFLESSIONE SUL CONTRIBUTO CHE EGLI VENNE A DARE NEGLI ANNI 50 ALL IDEA ED ALLA PRATICA DELLA PIANIFICAZIONE D AREA VASTA NEL NOSTRO PAESE. PAOLA MAROTTA, NELLA RUBRICA CURATA DA LEONARDO DI MAURO, NE RIPERCORRE LE TAPPE PRINCIPALI CON RIFERIMENTO ALL ATTIVITÀ DELL ISTITUTO PER IL RINNOVAMENTO URBANO E RURALE COSTITUITO NEL 1954 PER RIQUALIFICARE IL TERRITORIO DEL CANAVESE GRAVITANTE INTORNO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE INSEDIATE AD IVREA (areavasta online n.3/2001) Nel 1949 riprende la pubblicazione della rivista Urbanistica. La direzione è affidata ad Adriano Olivetti che, nel suo primo articolo, scrive: l attività urbanistica è in crisi dal momento in cui l individualismo è in declino e il faticoso stabilirsi di un nuovo rapporto tra persona e comunità è lungi dall essere concluso. L urbanistica reclama la pianificazione; e può darsi una pianificazione democratica, cioè libera? Questo interrogativo dominerà implicitamente o esplicitamente il nostro lavoro. E soltanto, abbiamo detto, nella soluzione del rapporto individuo-collettività, più propriamente oggi indicato nella relazione persona-comunità, che è possibile anticipare la soluzione naturale. Tuttavia questa rimane affidata al progredire della sistematica ricerca scientifica, onde l urbanistica, erigendosi finalmente a scienza positiva, vorrà garantirsi i necessari titoli di responsabilità e serietà 1. Ridefinire il ruolo dell urbanistica all interno della complessa realtà configuratasi all indomani della guerra, costituiva per Olivetti 2 un obiettivo importante per l attivazione di programmi e processi di riorganizzazione sociale. Nel pensiero di Olivetti, secondo quanto scrive Giuseppe Berta, all urbanista spettava di ricomporre i momenti della vita economica e sociale in un disegno unitario, ricercando una connessione organica tra privato e pubblico, tra residenza e luogo di lavoro, tra centri di produzione e centri di consumo, tra le sedi di istruzione e di formazione professionale e gli spazi demandati alla fruizione del tempo libero ( ). Era la realizzazione piena dell utopia di Lewis Mumford che delegava al piano il compito di saldare, in una prospettiva armoniosa e priva di soluzioni di continuità, l intero arco entro cui si dipanavano le tappe della vita umana, dall infanzia alla maturità, che l urbanistica doveva rappresentare come un ininterrotta educazione alla socialità e al recupero dei valori comunitari. L urbanistica era il veicolo privilegiato per la valorizzazione di una prospettiva umanistica e universalistica che si realizzava mediante l instaurazione di un ordine sociale risultante dall accostamento e dalla concatenazione di tante microcellule della vita organizzata 3. In questo contesto teorico si inseriscono in parte le proposte di Adriano Olivetti, ma è nelle operazioni da lui attivate e coordinate che si delineano con maggiore forza gli obiettivi del suo pensiero. Figura 1 - Completamento della rete stradale previsto dal piano regolatore della Valle d Aosta del Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Già agli inizi degli anni trenta nei programmi di espansione e di trasformazione del territorio teorizzati da Adriano Olivetti, venivano delineate le intenzionalità di definire programmi su vasta scala. In effetti, il piano regolatore della Valle d Aosta, coordinato appunto da Adriano Olivetti, definisce per la prima volta un piano esteso alla scala provinciale. Nella prefazione al piano di un nuovo quartiere a Ivrea 4, redatto nel 1934 da Luigi Figini e Gino Pollini, in riferimento ai processi di trasformazione da definire nel piano, troviamo esplicitato il programma di Olivetti: 1. Realizzare una densità-abitante al kmq intermedia fra la eccessiva densità tradizionale e la irrealizzabilità di una soluzione totale nel senso della casa individuale. Pertanto, pur prevedendo in regioni topograficamente adatte zone di case singole allo scopo di soddisfare una insopprimibile esigenza in questo senso, sarà fatto posto in larga misura a elementi d abitazione adatti alla convivenza di famiglie, provvisti di servizi comuni e orientati nel modo più

2 razionale dal punto di vista sia dell insolazione, sia della componente panoramica. Vasti giardini, orti, campi sportivi, saranno a disposizione di ogni singola unità e larghe zone verdi saranno realizzabili fra le unità stesse. 2. Una tale espansione richiede un urbanizzazione di vaste zone agricole, talché il piano stesso deve prevedere nel suo complesso territoriale un importante trasformazione agraria, di cui enunciamo i sommi capi: a) trasformazione di vaste unità agricole in appoderamenti razionali da cedersi ai proprietari agricoli delle zone da espropriare; b) trasformazione agraria della regione circostante, attualmente legata alla rotazione tradizionale, in unità agricole specializzate nella produzione di latte, frutta, verdura, abbandonando le colture di minor reddito e specializzandole quindi verso un altra unità produttiva di generi consumati direttamente dalla popolazione operaia; c) creazione di centri sperimentali agricoli capaci di organizzare e facilitare la trasformazione agraria sopra descritta. In questo nuovo piano il problema del decentramento industriale con le sue conseguenze tecniche e sociali sarà esaminato fino al raggiungimento di nuove soluzioni di equilibrio, realizzando una esemplificazione atta a suggerire la soluzione di problemi relativi alle zone industriali. Il piano così tracciato assume già l importanza di un piano territoriale e può e deve inquadrarsi nel piano generale della Valle d Aosta 5. Veniva in questo modo introdotta la questione della necessità di correlare le trasformazioni della città alle trasformazioni del territorio. Esigenza che è possibile ritrovare anche in altri piani degli anni trenta. In particolare, nel 1939, nel piano per Napoli di Luigi Piccinato veniva estesa all intera area regionale la volontà di risoluzione delle problematiche interne alla città. Come afferma lo stesso Piccinato: Un piano regolatore di Napoli che abbia, come il presente, come primo obiettivo una messa a punto di tutte le questioni, dalle più generali alle particolari, deve pertanto affrontare prima di ogni altro tema quello di un piano regionale, come quello che inquadra in sé e misura ogni altro problema urbanistico cittadino. Di un piano regionale cioè, nel quale le ragioni economiche, le questioni amministrative, quelle del grande traffico, quelle del turismo, quelle della conservazione del paesaggio e quelle delle comunicazioni siano studiate, proporzionate e risolte in un programma generale 6. Ma il maggiore impegno di Olivetti si manifesta nell immediato dopoguerra, in un momento in cui la consapevolezza dei danni causati dalla non pianificazione, caratterizzante il periodo post bellico, emergeva negli studi e nei dibattiti di quegli anni. Figura 2 - Planimetria del territorio di Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 In un testo del 1951, Luigi Piccinato, proprio in riferimento ai processi di espansione e di ricostruzione, esprime una critica verso lo stato del territorio e degli strumenti pianificatori: Fino ad oggi infatti le zone residenziali: a) si sono sviluppate all infuori di qualunque pianificazione seguendo i dettami dell interesse immediato dei singoli e quello della speculazione; b) si sono sviluppate seguendo un piano regolatore locale di dettaglio ma senza la guida di un piano generale della città il quale avrebbe potuto (sia pure nel quadro del solo interesse locale cittadino) intervenire per individuare zone adatte o diverse da quelle nelle quali praticamente si è realizzata la zona residenziale; c) si sono sviluppate seguendo un piano regolatore generale sbagliato in quanto avulso appunto dal quadro della pianificazione regionale che avrebbe dettato norme ben diverse. Basta guardarsi attorno per rendersi conto della gravità delle conseguenze di ciò, quartieri interi a forma di lunghi infiniti sobborghi allineati lungo le arterie di traffico; gruppi di case distribuite inorganicamente in località nelle quali sono difficili o impossibili i servizi elementari cittadini (acqua, luce, gas, medico, scuole, ecc.); quartieri interi addossati e frammisti alle industrie; zone di turismo di villeggiatura soffocati da quartieri che distruggono o annullano l efficienza delle spiagge, delle zone termali, caotici gruppi di abitazione senza regola distanziatissimi dai centri di lavoro ecc. ( ). Ingrandire a macchia d olio un villaggio esistente trasformandolo in una cittadina sarebbe un errore: logico invece strutturare la unità cittadina componendola con varie comunità una delle quali sarà rappresentata dal villaggio esistente il quale, in molti casi, assumerà nuova funzione e una nuova fisionomia nel nuovo quadro 7. Da cui la proposta: Se si vuole raggiungere lo scopo di risollevare dai mali di una pessima urbanistica (anzi: da quelli dell assenza totale di urbanistica) quale quella che ci angustia da più di un secolo, sia le città che le campagne che le montagne non vi è che un mezzo: razionalizzare le future attività industriali, agricole ed edilizie attraverso una ordinata distribuzione dei centri di produzione, di lavoro, di

3 residenza; programmare una logica urbanizzazione del suolo attraverso nuove comunità organiche ben attrezzate ed economicamente efficienti 8. Figura 3 - Aerofotografia di Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Un anno dopo, in occasione del discorso inaugurale del IV Congresso dell Inu del La pianificazione regionale - Adriano Olivetti evidenziando la necessità di integrare le scelte della pianificazione di quartiere con le scelte di pianificazione regionale, sottolineava come il ritardo della pianificazione regionale fosse imputabile sia al mancato coordinamento tra gli strumenti pianificatori e l organizzazione economica, sia ad un errata scala dimensionale della regione storica. Nella situazione attuale disponiamo di taluni strumenti essenziali della pianificazione, ne abbiamo cioè completa padronanza tecnica: alludo all unità residenziale autosufficiente, alla borgata rurale, al piano paesistico. Fino ad oggi questi strumenti sono stati però troppo spesso scarsamente o malamente usati attraverso parziali e dispendiosi tentativi di innestare iniziative nuove su vecchie e inadeguate strutture. L inizio della pianificazione apre perciò nuove e grandi possibilità. Ma è d uopo renderci conto delle difficoltà che ci attendono. Figura 4 - Sezione stradale con il progetto di un nuovo quartiere ad Ivrea. Fonte: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001 Non basterà infatti - ai fini di una certa politica sociale ed economica - che il piano regionale sia elaborato ed assuma forma giuridica. Occorrerà che esso sia integrato di taluni elementi di espressione e di attuazione urbanistica che sono, abbiamo detto, i quartieri residenziali, i piani particolari. Sono noti gli ostacoli gravissimi che si frappongono alla realizzazione di questi elementi organizzati del dispositivo d intervento: disponibilità o accessibilità delle aree più razionabili, organizzazione delle attrezzature economiche e dei servizi sociali e culturali, finanziamento delle opere igieniche stradali e delle altre sussidiarie. In particolare, una condizione essenziale di progresso risiede nel coordinamento armonico tra il dispositivo urbanistico e le fonti di vita economica. Quest indispensabile coordinamento è invece considerato ancor oggi come fattore secondario. Prima procedono le industrie a costruire o ingrandire fabbriche senza una visione precisa delle conseguenze urbanistiche delle loro attività; poi, sotto la pressione del disordine sociale, si cercano rimedi quando le soluzioni organiche sono ormai divenute impossibili ( ). Non sarà mai inutile ripetere che il piano regionale va inteso come piano territoriale di coordinamento. Come tale, il piano regionale è indispensabile per porre in evidenza i problemi d insieme. La soluzione atta a divenire esecutiva di complessi edilizi rispondenti alla coscienza sociale dei nuovi tempi ed alle esigenze produttive dell industria, dell agricoltura, di un turismo seriamente inteso, suscita problemi ravvicinati di collegamento, postulando infine una scala dimensionale più

4 ristretta della regione storica. La regione ha la giusta dimensione per prospettare in un quadro sintetico i molti e diversi problemi sociali, economici e territoriali che si pongono nel nostro paese, ma la definizione esecutiva del piano richiede pertanto questa limitazione organica 9. Oltre al tema del ruolo e della necessità della pianificazione regionale, nelle intenzioni politico-urbanistiche di Adriano Olivetti vi era, dunque, la convinzione che la soluzione ai problemi della società italiana all indomani della seconda guerra mondiale, poteva essere la realizzazione di un piano in cui le componenti economiche fossero strettamente connesse e relazionate alle componenti territoriali: Il piano organico cui guardava Olivetti era il prodotto di un coerente raccordo tra le trasformazioni economiche e la loro dislocazione sul territorio, dell interazione tra sviluppo economico e riassetto delle risorse ambientali: esso era in una parola la risultante della fusione di economia e urbanistica ( ). Ma l istanza della fusione delle due discipline celava in realtà il primato dell urbanistica, come scienza chiamata a dare forma organizzata alla progettualità dei disegni di trasformazione sociale ( ). Ciò esplicitava il principio, che avrebbe naturalmente trovato applicazione nella società canavesana, secondo cui l analisi economica doveva rappresentare l atto preliminare della politica di piano e indicare ad essa le coordinate di sviluppo da seguire, ma il momento gestionale della pianificazione doveva essere demandato agli urbanisti 10. Figura 5 - Stralcio planimetrico di Ivrea. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Inoltre, secondo Olivetti, per evitare che la pianificazione stessa finisse col favorire un azione centralistica e autoritaria da parte della struttura statale, occorreva attivare processi di riorganizzazione territoriale legati alla definizione di programmi economici: Difficile dire in quali anni, lungo il decennio tra il 40 e il 50, Olivetti abbia sviluppato in direzione risolutamente antistatalista le sue teorie sulla pianificazione ( ). Subito dopo la liberazione, Olivetti aveva sperato in una rifondazione su basi totalmente decentrate e regionaliste dello Stato, in parallelo con una definizione delle sue funzioni nella sfera della pianificazione: quando vide disattesa questa speranza, dovette convincersi che ben poco spazio andava lasciato allo stato nella promozione dell attività economica 11.

5 Figura 6 - Schema di ipotetico sviluppo industriale e residenziale del Canavese. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Il programma di studi per l area del Canavese costituisce l occasione per attuare le idee e le convinzioni che Olivetti sosteneva potessero trasformare in modo organico il territorio. In effetti, nel programma per il Canavese è possibile individuare l applicazione delle teorie urbanistiche più significative di Olivetti. Osserva Bruno Caizzi: Senza essere contrastato da mille resistenze, senza doversi estenuare nelle anticamere dei ministeri alla ricerca di compromessi amministrativi e di accondiscendenze burocratiche, (Adriano Olivetti) poté studiare un piano urbanistico meno esteso di quello della Valle d Aosta, rimasto sulla carta, ma più puntuale e nella sua parte fondamentale, attuato. Ivrea col suo territorio intorno offriva un tema assai impegnativo e allettante di piano regolatore: una città nuova da armonizzare col vecchio centro faticosamente articolato fra fiume e colle, una grande industria in espansione, una popolazione operaia che in larga misura si sposta quotidianamente verso il capoluogo dai paesi minori del Canavese, una persistente complementarità fra l economia industriale della città e quella prevalentemente agricola del contado 12. Nel 1952 il Comune di Ivrea, appoggiato dai finanziamenti della società Olivetti, decise di far redigere il piano regolatore generale della città. L incarico fu affidato ad un gruppo di tecnici, il Gtcuc gruppo tecnico per il coordinamento urbanistico del Canavese - composto dagli architetti Quaroni, Renacco, Fiocchi e dall ingegnere Ranieri. Il gruppo lavorò in collaborazione con l autorità comunale di Ivrea e con una squadra di consulenti specializzati in statistica, geografia antropica, economia agraria, economia generale, pedagogia e igiene mentale. Il piano assunse le forme di un piano intercomunale col fine di analizzare, valutare e programmare l influenza economica e sociale che la città esercitava sul suo circondario. In sette punti vennero individuate le proposte e le linee direttrici del piano: 1. Il concetto di espansione di Ivrea a grappolo, al fine di mantenere nella crescita della città il maggior perimetro di contatto con il verde circostante. 2. L idea di una città federazione di unità residenziali, capace di soddisfare i desideri di ciascuno dei suoi componenti e più ancora quelli delle loro associazioni. 3. La previsione di una anulare interna che dia maggior vita al punto ambientalmente più interessante della città e del nuovo ponte sul fiume che offra la possibilità di comunicazione nel senso più stretto della parola e nel suo più ampio significato di contatto umano stabilisca anche formalmente un tentativo di unione tra la città vecchia e quella nuova. 4. La previsione di quartieri residenziali adatti a soddisfare una sentita esigenza di vita associata integrati da sufficienti attività complementari che escludano il materializzarsi di uno zoning di classe. 5. L oculato risanamento del vecchio centro che, salvaguardando l aspetto generale della zona ed il suo caratteristico impianto urbanistico, sarà verificato con l inserimento di ampie attrezzature a servizio di tutta la città e dei comuni limitrofi onde allontanare il pericolo di trasformare questa zona storica un pezzo da museo archeologico. 6. L espansione industriale che avverrà non in modo intensivo tale da formare compatti monoblocchi ma in modo estensivo e discontinuo separando le officine con spazi liberi, agricoli, che ne assicurino un certo respiro ed un senso di libertà, creando così un quadro ambientale sano, vivace e più gradevole, tale da influire positivamente sulla psicologia di chi lavora. 7. L ordinamento della rete delle grandi comunicazioni che, senza intaccare le zone di naturale sviluppo della città, sia sufficientemente prossima al complesso urbano, onde riversare in questo i benefici dell importante traffico turistico che i programmi in atto favoriranno sempre di più 13.

6 Figura 7 - Progetto di una scuola nel quartiere di nuova costruzione ad Ivrea. Progetto di L. Quaroni e A. De Carlo. Fonte: Tafuri M. (1964), Ludovico Quaroni e lo sviluppo dell architettura moderna in Italia, Milano All interno del programma per l area del Canavese, due sono le questioni in cui si rispecchia fortemente l ideologia e la metodologia proposta da Adriano Olivetti: l importanza della interdisciplinarità nella fase di analisi e la dimensione dell area di intervento. Nel discorso tenuto nel 1956 al VI Congresso Inu - Piani intercomunali e piani comunali - Adriano Olivetti dirà: Nella maggior parte delle nostre regioni, con l eccellenza di quelle minori che comprendono soltanto una o due province, né i confini delle regioni stesse, né le unità amministrative locali, le province in cui sono divise si basano su fatti economici, storici e culturali omogenei e unitari. Risultato: l assenza di una vera e feconda, vitale iniziativa entro l area locale, onde una dispersione di interessi e una confusione nello sforzo ( ). L uomo non può più operare da solo in tutti i campi. La concreta, nuova definizione delle aree subregionali - un tracciamento scientifico di queste aree e l instaurazione di una nuova volontà amministrativa e culturale - è uno degli essenziali compiti, preliminari alla creazione di una civiltà cooperativa ed assistenziale. Poiché, ci ricorda un sociologo illuminato, il Mumford, come l uomo non può avere rapporti fecondi col mondo circostante finché non possiede un intima e ferma personalità, così una comunità non può impegnarsi nei necessari scambi e rapporti con altre comunità finché non ha una vita completa su basi indipendenti e solide. Questo significa che la ricostruzione culturale nell ambito della regione è una parte essenziale del compito politico ed amministrativo. I nostri piani più razionali devono rispettare l urgenza emotiva delle finalità, dei desideri, dei bisogni umani; il meccanismo più perfetto resta immoto finché i suoi organi non vengano azionati da questi mezzi 14. In effetti nella relazione al piano, lo stesso Nello Renacco spiegava come: Tutti gli aspetti della vita si ritrovano in una collettività urbana. Perciò tutte le discipline che in qualche modo si riferiscono all uomo e al suo ambiente, dovrebbero collaborare con l urbanistica nello studio di una pianificazione urbana e ancor più nelle pianificazioni di portata più vasta. Nell équipe di Ivrea si è cercato di avere la collaborazione di quelle scienze che sembravano fondamentali: la geografia, in quanto studio dell ambiente, e pensando naturalmente alla geografia umana e ai settori di questa che più si interessano al significato dinamico dei dati geografici; l economia, come studio delle possibilità produttive della collettività, ed anche delle sue possibilità di consumo; l agraria data la particolare importanza dell economia agricola nella zona; la statistica come moderno strumento di indagine dei fenomeni collettivi; infine, quelle che più tradizionalmente sono chiamate scienze umane: la storia, la pedagogia, la psicologia, la sociologia. In quest ultima, che ha per suo oggetto lo studio delle società umane nel loro insieme, sembrerebbero assorbite tutte le altre ricerche, come altrettanti capitoli particolari di un opera generale. E non è ben chiaro se l urbanistica debba essere anch essa un capitolo. È posto così il problema dei rapporti tra le diverse discipline all interno dell équipe. Il problema non si presenta facile, per l incerta definizione dei campi di studio di alcune discipline. La soluzione dovrebbe essere cercata in una cooperazione di tutte, piuttosto che in una subordinazione di alcune ad altre. O, meglio, nella subordinazione di tutte, alla pari, ad una scienza della pianificazione, che non coincida più con nessuna disciplina specializzata, ma che abbia per sua specialità esclusiva lo studio delle interrelazioni: che tragga dalle scienze specializzate i suoi dati, relativi all ambiente o alla produzione o alla struttura sociale o ad altro, e che rinvii alla scienze specializzate per i provvedimenti tecnici necessari ad intervenire nelle situazioni ( ). Data la complessa struttura delle città moderne, e dato ciò che oggi si chiede alla pianificazione, l urbanista non può essere una sola persona a meno di non farne un autocrate. Se l urbanista è chi fa il piano, l urbanista coincide con l intera èquipe 15. La fase di analisi fu così strutturata: Per 48 comuni, attenendosi a uno schema preordinato che i fatti modificavano (e curando all estremo la storicizzazione dei dati) con la propria evidenza, vennero stese 48 monografie che contenevano: dati fisici, dati economici, dati edili, dati urbanistici, dati sociologici, ecc. praticamente dalle coerenze alle condizioni delle strade; dalle caratteristiche atmosferiche alle colture e divisioni delle proprietà; dalla situazione religiosa a quella politica; dalle professioni alle età della popolazione; dalle caratteristiche dei nuclei familiari alla frequentazione e condizione delle scuole, asili; dai bilanci comunali al numero di lettere, cartoline, di telegrammi, di telefonate in arrivo o in partenza; dalla demografia alle emigrazioni e immigrazioni; dalla partecipazione alla lotta partigiana, alla presenza o meno di oratori, sale da ballo, cinema, ecc., nulla venne trascurato. Di tutto si cercò di dar ragione, indicando anche quali rapporti si desumevano, dai dati e dagli incontri con la popolazione, tra il comune in esame e la città di Ivrea 16.

7 Figura 8 - Grafico indicante l andamento della popolazione nel Canavese. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961 Nel 1952 Olivetti affermava: Un piano regionale - esteso cioè al territorio di una regione storica - non può coordinare l economia edilizia. Esso si presta invece assai bene a predisporre la rete delle comunicazioni stradali, autostradali, ferroviarie e a porre taluni problemi di insieme. Ma la soluzione atta a diventare esecutiva di complessi edilizi rispondenti alla coscienza dei nuovi tempi e alle esigenze umane e sociali dell industria, dell agricoltura, ai problemi di un nuovo turismo seriamente inteso, investe problemi ravvicinati di coordinamento e problemi tecnico-organizzativi che solo un autorità nuova, dotata di vasti e congeniali poteri, potrà realizzare con successo ed adeguatezza 17. Questa tematica fu appunto ripresa negli studi per il Canavese per la definizione dell area di intervento. Nella relazione, Renacco sosteneva appunto: La regione individuata intorno a Ivrea, che si è convenuto chiamare eporediese, rappresenta una subregione del Canavese che a sua volta per lunga tradizione storica costituisce una subregione del Piemonte. L eporediese o comprensorio di Ivrea, rappresenta dunque l unità territoriale minima a cui possa applicarsi un piano regionale che abbia per centro Ivrea. La sua definizione solleva l esigenza di una pianificazione urbanistica subregionale. La legge urbanistica, come è noto, prevede tre livelli di pianificazione: i piani comunali, i piani intercomunali e i piani territoriali di coordinamento, il cui campo di applicazione non è ulteriormente definito. Di fatto, nella pratica riconosciuta dal Ministero dei lavori pubblici i piani territoriali sono stati interpretati come piani regionali identificando i territori di loro competenza con quelle regioni in cui, per lunga tradizione, si è abituati a ripartire il territorio nazionale e che hanno, per certo una realtà storica e sociale ma non hanno una precisa figura giuridica. Crediamo che gli studi condotti a Ivrea, in questo campo, valgano a mostrare l opportunità di prendere in considerazione i piani subregionali, intermedi tra quelli comunali e quelli regionali. Si intende che non bisogna fermarsi a questo: i piani subregionali, o comprensoriali, saranno a loro volta nuclei di piani intercomprensoriali; ed infine di piani regionali 18. Intanto, nel 1954 venne costituito l Istituto per il rinnovamento urbano e rurale (I-Rur) del Canavese, il cui obiettivo era l orientamento dello sviluppo e del riequilibrio delle aree in cui l espansione della Olivetti gravitava. Come osserva Giuseppe Berta: Con la costituzione dell I-Rur del Canavese nel 1954, Olivetti aveva sperato di fornire un esemplificazione pratica di ciò che intendeva per pianificazione decentrata basata sull integrazione di industria e agricoltura, e di offrire una soluzione organizzata che fosse trasferibile anche in realtà sociali assai difformi dalla situazione canavesana. L I-Rur può a giusto titolo essere considerato come punto d approdo nella storia dell impegno olivettiano per una gestione razionale del territorio, un impegno che aveva avuto inizio con l elaborazione del piano regolatore della Valle d Aosta nel 1937 e aveva trovato slancio negli anni cinquanta col problema della redazione del piano regolatore di Ivrea 19. L aspetto più innovativo è costituito senz altro da una applicazione dell ideologia di Olivetti che vedeva in una riorganizzazione dei confini amministrativi, definita dal piano, la possibilità di realizzazione del piano stesso. Olivetti intendeva l istituzione dell I-Rur, ente tecnico-finanziario, come atto a realizzare questi strumenti di lavoro della pianificazione urbanistica per rendere la formazione di un piano e la sua esecuzione un processo unitario continuo 20.

8 In effetti, nello statuto dell I-Rur si legge: Art. 3. L I-Rur si propone: a) di studiare ed effettuare programmi su base comunale ed intercomunale, intesi a migliorare le condizioni sociali ed economiche del Canavese, lo standard di vita ed il livello culturale della popolazione, in vista soprattutto di dare un contributo al problema del pieno impiego della mano d opera; b) di promuovere, creare o sviluppare l organizzazione tecnica necessaria all esecuzione dei piani di cui alla precedente lettera a); di promuovere, creare o sviluppare ed eventualmente gestire concrete attività artigiane, industriali od agricole, ed assumere partecipazione ad attività artigiane, industriali od agricole ed in genere a qualunque attività economica, sempre nell ambito ed agli scopi di cui alla precedente lettera a); c) di coordinare e controllare gli organismi di cui alla lettera b); d) di porre a disposizione la sua organizzazione ed attività per la più celere esecuzione di tutti i piani di interesse sociale che verranno formulati dalle amministrazioni comunali del Canavese, anche svolgendo per le medesime amministrazioni una consulenza sociale ed economica; e) di assumere tutte le funzioni che gli possono essere delegate da enti pubblici centrali o locali, nell ambito dei suoi scopi statuari; f) di aderire, associarsi o federarsi ad istituti che si pongano sul piano provinciale, regionale, nazionale o internazionale scopi analoghi a quello dell I-Rur 21. Nel 1955 il consiglio comunale respinse il piano. Un anno dopo, venne approvato un piano ispirato agli stessi criteri di quello respinto di cui fu utilizzato solo il materiale di indagine. Figura 9 - Schema andamento della popolazione dei 48 comuni nel Canavese: i cerchi pieni indicano la crescita della popolazione; i cerchi vuoti indicano la decrescita. Fonte: Urbanistica n. 33, 1961

9 Figura 10 - Ambiente di lavoro nello stabilimento Olivetti di Pozzuoli Note 1 Olivetti A.(1949), Riprendendo il cammino, in Urbanistica, n. 1, p Al riguardo si confronti il testo di Rossano Astarita (2000), Gli architetti di Olivetti. Una storia di committenza industriale, Milano. 3 Berta G.(1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Il piano per un nuovo quartiere per Ivrea costituiva una parte integrante del piano per la Valle d Aosta. Il territorio del circondario di Ivrea fu restituito alla provincia di Torino in occasione della costituzione della Regione autonoma della Valle d Aosta nel febbraio del Olivetti A.(1934), Prefazione al Piano di un quartiere nuovo a Ivrea, Ivrea. Edizione consultata: Il Piano Regolatore della Valle d Aosta, Torino, 2001, p Piccinato L. (1976), Relazione al Piano Regolatore della città di Napoli, in Urbanistica, n. 65, 1976, p Piccinato L. (1951), Pianificazione regionale, in Malusardi F.(1993), Luigi Piccinato e l urbanistica moderna, Roma, p Ivi, p Olivetti A. (1952), Discorso inaugurale al IV Congresso INU, in Urbanistica, n. 10/11, p Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Ivi, p Caizzi B.(1962), Camillo e Adriano Olivetti, Torino, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Olivetti A. (1956), Urbanistica e libertà locali, in Comunità n. 44, consultato in Fabbri M., Greco A., Menozzi L., Valeriani E. (1986), (a cura di), Architettura urbanistica in Italia nel dopoguerra, Roma, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Carlo Doglio, direttore della fase di analisi in Caizzi B. (1962), Camillo e Adriano Olivetti, Torino, p Olivetti A. (1952), Condizioni per il progresso dell urbanistica italiana, in Urbanistica, n. 9, p Renacco N. (1955), Il Piano Regolatore Generale di Ivrea, in Urbanistica, n. 15/16, p Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p Olivetti A. (1952), Condizioni per il progresso dell urbanistica italiana, in Urbanistica, n. 9, p Statuto dell Istituto per il rinnovamento urbano e rurale nel Canavese in Berta G. (1980), Le idee al potere. Adriano Olivetti tra la fabbrica e la Comunità, Ivrea, p.260.

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Laboratorio tematico opzionale, 2014/2015

Laboratorio tematico opzionale, 2014/2015 Laboratorio tematico opzionale, 2014/2015 Estetica del processo di paesaggio Massimo Venturi Ferriolo Pianificazione urbanistica per il paesaggio Massimo Rossati Tecnica urbanistica del paesaggio Pier

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli