Casa Gazzetta: forum con l amministratore delegato bianconero «Siamo tornati in alto. Conte è il nostro profeta, bravo Agnelli a volerlo»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casa Gazzetta: forum con l amministratore delegato bianconero «Siamo tornati in alto. Conte è il nostro profeta, bravo Agnelli a volerlo»"

Transcript

1 NELLE PAGINE ICILIANE IL CARNEVALE FELICE DI MUTTI IN EDICOLA CON LA GAZZETTA: NON PERDETELO DOMANI IL NUOVO PORTWEEK venerdì 24 febbraio ,20 REDAZIONE DI MILANO VIA OLFERINO 28 TEL REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL POTE ITALIANE PED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO Anno anno 116 Numero numero 47 ITALIA BREGA, D ANGELO, DELLA VALLE, FANI, MANCINI, PAOTTO DA PAG. 5 A 9 ILOGNODIMAROTTA «Vincere con due gol di Pirlo» Casa Gazzetta: forum con l amministratore delegato bianconero «iamo tornati in alto. Conte è il nostro profeta, bravo Agnelli a volerlo» GRAZIANO, IARIA, OLIVERO E UN ARTICOLO DI GARLANDO ALLE PAGG Giuseppe Marotta, 54 anni, e a sinistra Andrea Pirlo, 32 BOZZANI POLARI IBRA ACAA! TOCCAAPATO Rossoneri furiosi per il mancato sconto: «E stato un grave errore giuridico» Il brasiliano dall inizio con Robinho Domani Milan Juve: votano in 100, scudetto a... 3 Zlatan Ibrahimovic e Pato LA CRII Inter: arabi o indonesiani per il rilancio Inarrivounsocio o uno sponsor ul futuro di Ranieri si decide dopo ilanpaolo DALLA VITE, ELEFANTE, PECCHIA PAGG Massimo Moratti, 66 anni YTEM GRADUATORIA UEFA Il Napoli scala il ranking solo Barça e Real davanti LICARI, MALFITANO A PAGINA 13 LA PROMEA Della Valle: «25 milioni per la nuova Fiorentina» GOZZINI A PAGINA > COMMEE/ L ECLUIVA BIANCHI, CENITI, ROMANI A PAGINA 22 EUROPA LEAGUE I FRIULANI(3 0 A ALONICCO) NEGLI OTTAVI CONTRO L ALKMAAR E Udinese spettacolo Trovato Gegic il superlatitante: «Vi dico tutto» CIERI, TOPPINI, VELLUZZI, VERNAZZA PAGG «Italia paese delle combine: dalla B ingiùgarefintenelleultime5giornate» CICLIMO/ LA TORIA «Adesso salviamo l uomo Riccò» Firmato Cipollini «Glihodetto: Bastabici,pensaatuofiglio. Cercati un lavoro e racconta la verità» GIALANELLA A PAGINA 28 Danilo Floro Domizzi, Paok strapazzato. Lazio k.o. a Madrid (1 0), ma Reja forse resta leopinioni apagina21 ORA ANCHE IN PAGNA TEMONO L EFFETTO MILAN di ANTIAGO EGUROLA GRINTA E QUALITA E IL MODELLO MAZZARRI di ARRIGO ACCHI IL ROMPI PALLONE DI GENE GNOCCHI w Lotito ha spiegato perché non ha ancora accettato le dimissioni di Reja: «Non erano scritte in latino» INIZIATIVE I CAPOLAVORI DELLE GRANDI CIVILTA IN DVD Inedicolaalprezzospecialedi1

2 2 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 GLI INCONTRI IN GAZZETTA VERO IL UPERDUELLO Milan lanciato da due successi Juve in crescita Il Milan arriva alla supersfida con il morale alto: nelle ultime 3 gare di campionato ha conquistato 7 punti, 2 vittorie e 1 pareggio, 5 gol fatti e 2 subiti. Fondamentale il successo di Udine che, nell ambiente rossonero, viene considerato la svolta della stagione. La Juve arriva carica, ma con 2 punti in meno rispetto ai rossoneri: nelle ultime 3 gare di campionato ha conquistato 1 vittoria e 2 pareggi (entrambi per 0-0). I bianconeri devono ancora recuperare la partita in trasferta contro il Bologna (il 7 marzo). (nelle foto, Robinho e Chiellini) Tanto è un gioco DI LUIGI GARLANDO Dura senza Ibra Proprio sicuri? Il Milan perde il più decisivo, ma guadagna alcuni effetti collaterali «enza di me occhi aperti», ordina Ibrahimovic (ANA) Quanto perde il Milan senza Zlatan Ibrahimovic? Perde l uomo più decisivo del campionato: 15 gol, 5 assist. Basterebbe questo a chiudere il discorso. Non c è giocatore in Italia più capace a sbilanciare un match con una sola giocata e siccome uno scontro diretto, per costituzione, tende all equilibrio, il suo talento mancherà ancora di più ad Allegri. E mancherà molto anche in rapporto alle caratteristiche tattiche e fisiche della Juventus. In coppa Italia, il Milan ha già sperimentato quanto sia difficile fare uscire la palla dalla difesa davanti al pressing alto e assatanato di Conte. Con Ibra, il Milan perde una via di fuga importante: lancio lungo di Thiago ilva per Ibra defilato in fascia che la mette giù e suggerisce per Robinho o per gli incursori del centrocampo. I gol di Nocerino dettati da Zlatan sono diventati proverbiali. e colta di sorpresa, senza la copertura degli esterni, la difesa a 3 di Conte potrebbe offrire maglie larghe, ghiotte per le imbucate dei mediani: più difficile imbeccarli senza Ibra. Il Milan perde molto anche nei calci da fermo. Non pensate solo alle punizioni a favore, pensate anche ai corner contro. ono tanti i palloni che Ibra respinge di testa davanti ad Abbiati, che si sentirà più nudo quando avanzerà Chiellini. Più in generale, dovesse mancare anche Boateng, come pare, la fisicità sarà un fattore totalmente a favore della Juve. Quindi il Milan deve sentirsi spacciato? No, anche perché l assenza di Ibra genera effetti collaterali positivi, che magari non compensano il vuoto, però... Restiamo pure sulla fisicità. Chiellini e la difesa muscolare di Conte reggono meglio il corpo a corpo che l attacco in velocità di due punte veloci come Binho e Pato, soprattutto se mobili e difficili da localizzare. La gamba fresca di El haarawy potrebbe inserire altre punture a partita in corso. e il Milan, superato lo scoglio del pressing alto, correrà in mare aperto e riuscirà a spendere la sua tecnica in velocità, come a Cesena, la Juve potrebbe pagare. Ibra dà sicurezza, ma crea anche dipendenza. Magari inconsciamente, sei portato a credere che, prima o poi, ci penserà Gulliver, come lo chiama Conte. enza il totem, i rossoneri dovranno cavarsela come uomini di buona volontà, mettendocene più del solito. Come un anno fa. Ibra meritò 5 turni di qualifica per le espulsioni contro Bari e Fiorentina: il Milan ne vinse 4, a cominciare dal derby-scudetto, in cui Gulliver lo fece Pato con due gol. Ecco, il Milan si augura che la storia si ripeta e che il Papero, alleggerito dalla presenza critica di Ibra, possa tornare immarcabile. Battere La Juve senza Ibra sarebbe poi una dimostrazione di forza che psicologicamente potrebbe intimidire i bianconeri. E infine diciamolo. Con garbo, ma diciamolo: sicuri che Ibra sarebbe stato protagonista? Da interista e da milanista ha affrontato la Juve sette volte e le ha segnato un solo gol, inutile (Milan-Juve 1-2, ). All andata fu timido e insufficiente, come in tanti match caldi della sua carriera, specie in coppa. Quando diciamo che Ibra è il più decisivo del campionato, mettiamo nel conto anche i tanti incroci con le piccole. Ibra era in campo in Inter-Juve 1-0 del 22 novembre 2008, però il gol decisivo lo segnò Muntari. Può servire ai milanisti per consolarsi. v vi dico anche su Conte «Decisivo il primo confronto con l allenatore. Abbiamo capito che sarebbe stato il nostro profeta» su Buffon «Gigi è un grandissimo campione e un grande uomo. e vuole rimanere a vita nella Juventus, va benissimo» sull arbitro «Tagliavento è un ottimo arbitro, una garanzia per una gara di alto livello. Ha l esperienza necessaria» iamo fort «MIRKO GRAZIANO G.B. OLIVERO MILANO Da Varese a Milano ci sono circa 60 chilometri. In macchina meno di un ora. Beppe Marotta ci ha messo una vita: una vita intensa da bravo dirigente, che a Varese è nato e cresciuto professionalmente e a Milano si gioca la partita più bella e importante. Domani Milan-Juve: in palio c è lo scudetto. Al solo pensiero, gli occhi dell amministratore delegato bianconero brillano. Marotta, che sapore ha questo Milan-Juve? «Un sapore inaspettato: pur essendo ottimista, non immaginavo di vivere una vigilia così importante. E poi un sapore dolce perché la Juve torna a essere al centro dell attenzione generale. Domani tutto il mondo avrà gli occhi puntati su Milan-Juve: il nostro brand è tornato là dove deve stare». Non ci sarà Ibrahimovic. oddisfatti? «Indifferenti. Il Milan, purtroppo, è fortissimo con o senza Ibra. La gara resta difficilissima. Affascinante, ma dura». Qual è stata la svolta nel processo di crescita della Juve? «Il primo confronto con Conte: quel giorno capimmo che lui sarebbe stato il nostro "profeta" e avrebbe potuto mettere in pratica la nostra filosofia». «Aggiungeremo qualità, ma è dura prendere giocatori da 30 milioni UL MERCATO LA TRATEGIA Pirlo è il vostro leader. Quando l avete contattato? «Appena il regolamento ce lo ha consentito. Il Milan è stato molto corretto. Al di là delle sue qualità tecniche, Andrea è fondamentale nello spogliatoio per il suo carisma e la carriera. Il dubbio era legato alle sue condizioni fisiche, ma a parte l ultimo anno nel Milan ha sempre giocato oltre 30 gare a campionato». E più difficile riformare o rifondare una squadra? «E più difficile capire dove sei e se il gruppo esprime le sue potenzialità. Durante il primo colloquio con Andrea Agnelli, discutemmo di un ambiente demotivato. Un ciclo era finito e bisognava intervenire». Marotta «ogno di battere il Milan a an iro con due gol di Pirlo» «Finalmente in alto, là dove dobbiamo stare. Conte il nostro profeta: bravo Agnelli a volerlo» La frase di Agnelli su Del Piero le creò un problema? «Tra Ale e la Juve il rapporto è ottimo. Quel giorno il presidente non fece altro che parlare pubblicamente di un accordo tra le parti». Qual è il rischio più grande che corre chi fa il suo lavoro? «I giudizi gratuiti: nel calcio si fanno bilanci settimanali, non stagionali. Ho imparato che quando le cose vanno bene il grande problema diventa piccolo e viceversa. E non esiste una squadra vincente con alle spalle una società debole». In quasi due anni alla Juve qual è la cosa più importante che ha fatto? «cegliere dei bravi collaboratori. Abbiamo completamente rinnovato l azienda calcio Juventus: è rimasto un solo dirigente del passato. Abbiamo cambiato medici, allenatori, giocatori, magazzinieri, direttore commerciale e marketing. Della rosa di due anni fa ci sono appena cinque giocatori». Contro il Catania è scesa in campo una Juve tutta italiana. E una filosofia? «No, è stato casuale. Però è vero che dovendo ricostruire in tempi ristretti gli italiani non hanno il problema dell ambientamento». tate già cercando il top player per l ultimo salto di qualità? «Il nostro modello è il gioco di squadra, ma vorremmo aggiungere qualità. E difficile non solo per la Juve ma per tutte le squadre italiane approcciare giocatori che costano più di 30 milioni e guadagnano in proporzione». Però un grande campione in attacco è necessario. «i sottolineano le difficoltà del nostro attacco senza contare l enorme lavoro tattico e fisico delle punte. E poi per quanto riguarda la differenza reti siamo secondi dietro al Milan: significa che abbiamo un buon gruppo e una squadra equilibrata». La Champions vi garantirebbe gli introiti necessari per un grande colpo? «Di sicuro vogliamo tornare in Champions per essere competitivi. Non possiamo dimenticare di aver registrato uno dei fatturati più bassi degli ultimi anni, ma grazie anche allo stadio siamo convinti di poterci muovere bene sul mercato. Ci confronteremo con il nostro allenatore per capire le sue esigenze». Il gruppo attuale della Juve sta già dando il massimo o può ancora crescere? «Volendo fare un paragone, noi

3 VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 3 IL PARERE DEL C.T. Prandelli: «La sfida non sarà decisiva Lotta fino in fondo» Il c.t. Cesare Prandelli sulla supersfida: «E troppo presto per dire che sarà una partita decisiva, queste sono due squadre che lotteranno fino alla fine per il titolo. Il Milan cercherà di abbassare il ritmo e tenere il possesso di palla e la Juve cercherà di accelerare». IL DOPPIO EX Ancelotti all attacco «Non avrei mai dato Pirlo alla Juventus» «Non avrei mai ceduto Pirlo alla Juve - racconta Carlo Ancelotti (nella foto a destra), ex allenatore di Milan e Juve, a Mediaset Premium - Vedo i bianconeri con grandissimo entusiasmo, anche se non li darei favoriti. Degli anni juventini ricordo tante cose: a cominciare da Zidane, in assoluto il giocatore più forte che io abbia mai allenato. La cosa di cui più mi vanto degli anni al Milan è stata l'invenzione del modulo ad albero di Natale: avevo tantissimi centrocampisti dai piedi buoni e fu la chiave per farli giocare tutti insieme dando alla squadra un equilibrio unico». abbiamo creato un modello di auto in cui è vincente il pilota, ossia Conte, che ha trasmesso la giusta mentalità. Noi siamo affamati e vogliamo continuare a esserlo. Tra gli obiettivi c è il progressivo inserimento di quattro o cinque prodotti del settore giovanile. Dal 1996 a oggi c è il solo Marchisio titolare e De Ceglie nella rosa: non è accettabile. Per i prossimi 5 anni abbiamo previsto un investimento di 30 milioni (6 milioni all anno, ndr) per ingaggiare nuovi talenti». Chi ha scelto Conte? E chi erano gli altri allenatori in ballo? «Il nostro team dirigenziale si confronta di continuo. Ma l intuizione fu di Andrea Agnelli che ne «Nei prossimi 5 anni investiremo 6 milioni l anno per prendere i migliori talenti UI GIOVANI IL PROGRAMMA ha parlato con me, Nedved e Paratici. Ci siamo trovati d accordo in fretta. Gli altri candidati? I nomi li avete fatti sul giornale...». Avete rinnovato la rete di osservatori. Ma la Juve può permettersi di andare a pescare un piccolo campione come, ad esempio, anchez e aspettare che cresca? «La Juve è obbligata a vincere. L Udinese, che comunque fa ottimi risultati, può scegliere i giocatori, farli crescere e rivenderli. Certo, anche noi dobbiamo trovare i campioni del futuro». Buffon ha detto in tv che si vede alla Juve per altri tre anni. La Juve che ne dice? «Gigi è un campione con grandissime qualità tecniche, fisiche e umane. E tornato il vero Buffon e il suo desiderio è comune al nostro. e vuole restare a vita per noi è ok». Quella di domani è la partita più importante della sua carriera? «ì. La mia carriera è iniziata in provincia, adesso sto toccando il massimo anche se inizia il difficile. Ma per tutta la nuova Juve questa sfida ha un sapore speciale. Agnelli ha detto ai ragazzi della Primavera dopo il successo al Torneo di Viareggio: "Non dimenticherò mai la vostra vittoria, è il mio primo trofeo". Galliani ha vinto tutto». La Juve sembra serena. E una sensazione giusta? «La nostra serenità nasce dalla compattezza. E ora dobbiamo avere la presunzione e l arroganza di partecipare per vincere». e la Juve perdesse, lei sarebbe deluso? «Ci rimarrei male. ono ottimista, la squadra è in forma». i, siamo la Juve Il primo gol di Pirlo con la maglia della Juve, segnato al Catania su punizione «Pirlo è fondamentale nello spogliatoio per il suo carisma UL REGITA LA PERONALITA Le va bene la designazione di Tagliavento? «E un ottimo arbitro. Io ho sempre parlato della gestione della gara, non degli episodi. E credo che Tagliavento, che ricordo nel famoso Inter-ampdoria del gesto delle manette di Mourinho, sia una garanzia: un arbitro esperto per una partita di alto livello». Le polemiche possono caricare la squadra? «No, semmai c è il rischio che le diano un alibi». Crede ai complotti anti-juve? «No. Trovo però che ci sia l impossibilità di comunicare con il settore arbitrale. Calciopoli è una ferita profonda che dà spazio a interpretazioni differenti. Resta il fatto che una situazione di iniquità non si può cancellare». Esiste il peso politico di alcuni club? «Mi auguro di no». Va più orgoglioso dell acquisto di Pirlo o di Barzagli? «Di entrambi. E mi ha lasciato grande amarezza l avventura di Martinez: un buon giocatore che ha sentito troppo il peso della maglia della Juve. Krasic invece non rientra negli schemi tattici di Conte. In un contesto differente resta un buon giocatore». ull eventuale 1-0 per il Milan, la Juve potrebbe pensare al doppio confronto favorevole (decisivo in caso di arrivo a pari punti) e «accettare» il k.o. di misura? «Conoscendo Conte mi sembra impossibile». e la Juve vince a an iro, si prende anche lo scudetto? «Non sarebbe decisivo, ma significherebbe essere alla loro altezza». E se la Juve perde? «Non so cosa dire, non siamo più abituati a gestire le sconfitte (risata, ndr)». All andata doppietta di Marchisio, in Coppa Italia doppietta di Caceres. Domani sera chi fa due gol? «arebbe bello se li segnasse Pirlo. Entrerebbe nella leggenda del calcio. arebbe come chiudere il» cerchio». 4 I NUMERI 14 i gol subiti dalla Juve che ha la miglior difesa del campionato davanti a Milan (21) e Udinese (22) 14 i gol delle punte della Juve. Matri è a quota 9, Vucinic 3, Quagliarella 2. Tutta la Juve ha realizzato 36 reti, 12 meno del Milan. Hanno fatto meglio anche Napoli (41), Palermo e Lazio (38), Roma (37) +22 la differenza reti della Juve: è la seconda della A dietro al Milan (+27) 23 le partite giocate da Andrea Barzagli: sempre titolare, mai sostituito 2 le sfide ufficiali in questa stagione tra Juve e Milan. In campionato la Juve ha vinto in casa 2-0, in Coppa Italia ha vinto in trasferta 2-1 POLITICA E ALLEANZE «erie A a 18 e una Lega da riformare» L a.d.: «In assemblea si parla solo di soldi. L Inter sfiducia Beretta? Non la capisco...» Beppe Marotta, 54 anni, a.d. della Juventus BOZZANI MARCO IARIA MILANO C è bisogno di riforme, non solo nel Paese ma anche nel calcio. Anche se i veti incrociati in Federazione e gli interessi economici in Lega rendono la strada tutta in salita. Realtà o utopia, a Beppe Marotta, ospite in Gazzetta, interessa comunque lanciare dei messaggi, scuotere le coscienze, dettare le priorità dell agenda. Ecco perché la Juventus, nella Lega delle geometrie variabili, s iscrive senza indugi al partito dei riformisti, assieme all alleato di sempre Milan, ma anche a Napoli, Roma, Udinese e Fiorentina. Intanto, c è una scadenza importante: venerdì prossimo, cioè tra una settimana, l assemblea di Lega sarà chiamata a discutere del suo presidente, Maurizio Beretta, al quale otto società su venti hanno chiesto di ratificare le dimissioni annunciate lo scorso marzo quando decise di accettare un incarico in UniCredit. «Quello che non capisco dice l amministratore delegato bianconero è la posizione dell Inter», unica tra le grandi ad aver sottoscritto la lettera e compagna di viaggio di Palermo, Cagliari, Bologna, iena, Novara, Cesena e Lecce. oldi La Juve è schierata sull altro fronte, perché - al di là dei giudizi di merito sulla presidenza di Lega teme che la prova di forza delle otto ribelli possa trasformarsi in qualcosa di esiziale per le casse del club, quando bisognerà discutere della ripartizione dei proventi tv del triennio Già nel , col ritorno alla vendita collettiva, il salasso è stato pesantissimo per le big. Proprio l estenuante telenovela sui bacini d utenza fa dire a Marotta: «In Lega non si parla mai di politica calcistica, perché ci si occupa soprattutto dei soldi da distribuire. Eppure con Andrea Agnelli ci confrontiamo spesso su questi temi e sono tante le cose da fare». Intanto, proprio per restare all interno della Lega, «va cambiata la governance, perché ora tutto passa dall assemblea e il consiglio non conta». E poi, «bisognerebbe concepire una erie A a 18 squadre e ridurre l intera area professionistica italiana. Un modello economico da seguire? La Bundesliga, dove i ricavi sono diversificati e i conti in equilibrio».

4 4 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012

5 DOMANI MILAN-JUVE VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 5 Niente sconto Ibra resta fuori Il Milan: «Grave errore giuridico» Ricorso respinto: prevale la condotta violenta Il legale rossonero: «Maltrattati fatti e diritto» MARCO PAOTTO MILANO Pollice verso. Alle cinque di ieri pomeriggio la Corte di giustizia federale ha gelato le speranze del mondo rossonero, respingendo il ricorso del Milan e confermando le tre giornate di squalifica per Zlatan Ibrahimovic. Bye bye Juve, lo svedese avrà l occasione di incontrare i bianconeri soltanto nel ritorno della semifinale di Coppa Italia a marzo. Il Milan l ha presa male. Malissimo. Tanto da affidare al proprio sito, pochi minuti dopo il verdetto, un comunicato molto duro: «La decisione della Corte di giustizia federale è ingiusta, perché ha applicato una sanzione destinata agli atti violenti, a un atto che violento non è stato. È un grave errore giuridico». Precedenti Questo è il commento ufficiale di via Turati. Il resto è intuibile. Il Milan confidava che sarebbe prevalsa la COÌ ENZA ZLATAN condotta antisportiva avrebbe comportato la decurtazione di una giornata rispetto a quella violenta. E invece no. Da qui la definizione di «grave errore giuridico» e una sensazione palese di ingiustizia. Il legale rossonero Leandro Cantamessa, che davanti alla Cgf ha fatto un arringa di una ventina di minuti, si definisce «furioso. ono stati maltrattati i fatti e il diritto. Che non ci sia stata violenza è fatto certo: il guardalinee ha detto che lo schiaffo non ha prodotto conseguenze. In più sono stati ignorati precedenti con dinamiche e condizioni identiche, che avevano portato alla riduzione della squalifica». Precedenti che ovviamente l avvocato rossonero ha esposto alla Corte. ono tre: una gomitata di D Aversa a Basha in Treviso-Rimini del , uno schiaffo di Zammuto a Eder in Empoli-Piacenza del e una manata sulla nuca di Maietta a un avversario in Grosseto-Frosinone del Niente immagini La tesi difensiva del Milan si reggeva ovviamente sulla discriminante che differenzia la condotta violenta da quella antisportiva: ovvero il potenziale danno fisico arrecabile all avversario. In tal senso il precedente dello scorso campionato, quando Ibra tirò una manata in pancia a Marco Rossi del Bari e si vide ridurre la squalifica di un turno, faceva ben sperare. Pare anche che un eventuale utilizzo della prova tv avrebbe potuto cambiare le sorti del verdetto, ma i giudici non hanno potuto visionare alcuna immagine: la prova tv non era infatti stata usata nemmeno dal giudice sportivo, perché la scorrettezza era stata rilevata dalla terna arbitrale. La Cgf si è quindi attenuta al referto arbitrale, dove era menzionato il termine «schiaffo», evidentemente sufficiente per considerare la condotta violenta. In attesa delle motivazioni della Corte, che arriveranno fra un mese, una cosa è certa: questa sentenza è destinata a creare un precedente e a fare giurisprudenza. In pratica d ora in poi, in presenza di uguali condizioni, dare uno schiaffo a un avversario equivarrà a tre giornate di stop. Brutta settimana Al Milan tre turni sono ritenuti eccessivi probabilmente anche perché vanno a sommarsi ai 25 minuti senza Zlatan contro il Napoli. Di certo questa non è stata una gran settimana per lui: prima il piccolo incidente in auto con una donna che voleva intervistarlo fuori da Milanello, ieri la doccia fredda della giustizia sportiva. e non altro lo svedese ha potuto tirare un po il fiato seppur forzatamente in vista dello sprint di primavera. Lì non saranno più ammesse assenze. 4 IL I NUMERI 5 espulsioni per Ibrahimovic in campionato nella sua carriera italiana: 2 con l Inter nel , 2 con il Milan la scorsa stagione più quella di quest anno contro il Napoli. 19 le giornate di squalifica rimediate da Ibrahimovic in Italia. Il massimo è stato l anno scorso: 6 giornate, 4 per rossi diretti e 2 per somma d ammonizioni. 10 ammonizioni di Ibrahimovic in campionato con la Juve: nessuna espulsione e 4 giornate di squalifica scontate, tre consecutive nel 2004/05 dopo Juve-Inter 0-1 (1 per diffida e 2 per prova tv). 9 gialli con il Milan, di cui uno quest anno. RENDIMENTO ROONERO enza Zlatan 10 vittorie e solo 2 k.o. Il primo gol di Pato nel derby di ritorno dello scorso campionato. Il Milan vinse 3-0 senza Ibra LAPREE FABIANA DELLA VALLE MILANO A volte anche i numeri possono portare un po di conforto. Così il tifoso milanista deluso per la conferma delle tre giornate di squalifica a Ibrahimovic potrà consolarsi con il bilancio positivo della sua squadra senza lo svedese. Già, perché Zlatan è un giocatore fondamentale per Allegri, come dimostrano i 22 gol stagionali (15 in campionato) realizzati finora, però il Milan ha fatto bene anche senza di lui. olo due sconfitte Ibrahimovic è diventato rossonero a fine agosto 2010, da allora ha saltato 16 partite e il Milan ne ha perse solo due (entrambe in trasferta): a Palermo l anno scorso (1-0) e a Napoli (3-1) in questa stagione. Il Milan senza Ibrahimovic ha messo insieme 10 vittorie e 4 pareggi, per un totale di 34 punti, ma soprattutto ha ottenuto risultati molto importanti in chiave scudetto. L anno scorso, per esempio, Ibrahimovic fu squalificato due volte nel momento caldo della stagione: saltò Palermo ma anche il derby di ritorno con l Inter (3-0 con doppietta di Pato), poi venne espulso di nuovo con la Fiorentina e non giocò contro ampdoria (3-0), Brescia (1-0) e Bologna (1-0). Bilancio: 1 sconfitta e 4 vittorie. Quest anno invece ha saltato per infortunio la gara d andata con il Barcellona (sua ex squadra) ma il Milan è riuscito a strappare un prezioso 2-2 al Camp Nou (reti di Pato e Thiago ilva). Le ultime due giornate confermano la tendenza: anche in una situazione d emergenza (oltre a Ibra squalificato, il Milan aveva tanti giocatori infortunati) Robinho e compagnia sono tornati a casa con sei punti e cinque gol segnati dalle trasferte di Udine e Cesena. GD Una manata evitabile 5 febbraio, Milan-Napoli, 19 della ripresa: Ibra accorre nei pressi dell area avversaria in difesa di Nocerino e colpisce Aronica con una sberla al volto. Rizzoli, dopo essersi consultato con l assistente Cariolato, lo espelle Terza occasione Di sicuro Allegri avrebbe preferito avere il suo numero 11, però l assenza di Ibra non viene vissuta come un dramma. E non è detto che per i bianconeri sarà più facile affrontare una squadra priva del suo punto di riferimento. Ibrahimovic infatti monopolizza l azione offensiva e impone un certo tipo di gioco, con Udinese e Cesena però il Milan è sembrato più squadra, come se i giocatori si sentissero più responsabilizzati dall assenza di Zlatan. Con lui in campo quest anno i rossoneri hanno perso due volte con la Juventus, in campionato e Coppa Italia. Domani hanno la possibilità di invertire la tendenza. L ARBITRO RITORNA A AN IRO IL DIRETTORE DI GARA CHE FECE INFURIARE MOURINHO Garanzia Tagliavento, ma è una prima volta Il fischietto di Terni non ha mai diretto Milan-Juve celta «obbligata» per Braschi FRANCECO CENITI Era il segreto di Pulcinella: da ieri è diventato ufficiale quello che tutti avevano capito da un paio di settimane. Braschi ha scelto Paolo Tagliavento per la sfida che può decidere lo scudetto. E la prima volta che al fischietto di Terni tocca Milan-Juventus, già questa potrebbe sembrare un anomalia. In realtà la sua crescita professionale è diventata irresistibile dopo il 2006 e quindi nel momento peggiore della Juve, tornata competitiva per il primo posto solo in questa stagione. Ecco spiegato il «mistero». Grande futuro Nel frattempo Tagliavento è diventato uno dei nostri arbitri più importanti. Per qualche addetto ai lavori è il vero erede di Pierluigi Collina, non solo per le qualità tecniche, ma anche per la personalità con cui affronta ogni partita. I giocatori lo considerano una garanzia e accettano le sue decisioni senza molte proteste. Anche perché cascano male: Tagliavento in campo cerca sempre il dialogo, ma non accetta invasioni. In questo è aiutato da un fisico possente e da un temperamento deciso. E non si lascia intimorire. Ne sa qualcosa Jose Mourinho: nel febbraio 2010 si gioca Inter-amp, l arbitro di Terni espelle nel primo tempo i difensori amuel e Cordoba. Il tecnico si gira verso i tifosi e fa il gesto delle manette. L effetto è immediato: an iro si scatena, urla e sbraita. Nella ripresa c è spazio per una panolada. Tagliavento non si scompone, dirige in modo perfetto. La partita finisce 0-0 e l arbitro concluderà alla grande quella che forse rimane la sua migliore stagione. Paolo Tagliavento, 39 anni REUTER Campo e famiglia Ma c è anche un Tagliavento poco conosciuto. Ed è l esatto contrario di quello che tiene a bada i giocatori. A casa diventa quasi timido ed è la «vittima» preferita dei due figli (una bimba di 9 anni e un bimbo di 3). Il tempo libero lo passa con loro, mentre sono lontani i tempi in cui andava ad aiutare il papà nella bottega di famiglia a tagliare i capelli. Cosa che faceva con i colleghi nei primi raduni. Adesso non più. E internazionale dal 2007, al prossimo Europeo andrà come giudice di porta, ma il futuro è suo. E inizia domani: luci a an iro, c è Tagliavento. clic DOMANI E DOMENICA TORNA IL ORTEGGIO CON LE VECCHIE LIRE Per la 25 a giornata gli arbitri di erie A effettueranno il sorteggio del campo utilizzando una moneta che riproduce una particolare coniazione d argento delle 500 lire.

6 6 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 DOMANI MILAN-JUVE Tocca a Pato con Robinho Per Boateng poche chance Il Papero in pole per sostituire Ibra, difficile il recupero del centrocampista Maxi Lopez acciaccato: da valutare Alexandre Pato, 22 anni IMAGE PORT FABIANA DELLA VALLE MILANO Ibrahimovic no, Pato sì. Quando Gulliver non c è, il Milan s aggrappa al suo Papero, finalmente recuperato. Domani toccherà a lui il compito di non far sentire la mancanza dell attaccante svedese e quasi sicuramente anche di Boateng, che difficilmente sarà recuperato. Allegri non ha aspettato il giorno del verdetto per varare una formazione anti Juve senza Zlatan. Già dall inizio della settimana ha cominciato a fare i suoi esperimenti per cercare l undici più equilibrato e convincente. E Pato è sempre stato il candidato numero uno per sostituire lo squalificato Ibra. Maxi Lopez acciaccato Ale ha recuperato dall infortunio che l ha costretto a fermarsi per un mese, è stato tenuto precauzionalmente a riposo a Cesena e ora è pronto per fare coppia con l amico Robinho. In più Maxi Lopez ha accusato qualche problema fisico (una botta al polpaccio che l ha costretto a lavorare in palestra negli ultimi due giorni) e verrà valutato oggi. Questo fa aumentare le chance del Papero, considerato più adatto di El haarawy per una partita ad alto impatto come quella con la Juve. enza Ibra Pato ha già tolto il Milan dai guai nel derby di aprile scorso, segnando due gol, e quest anno ha freddato il Barcellona a partita appena iniziata nella prima gara di Champions League. Ha solo 22 anni, però sa come s interpretano e si vincono le gare importanti. Finora ha segnato un solo gol alla Juventus (nel 4-2 per i bianconeri giocato a Torino nel ) e ha saltato la gara dell andata per un infortunio. Poche speranze per Boa Alle spalle della coppia brasiliana giocherà quasi certamente Emanuelson. Più passano le ore più diminuiscono le possibilità di vedere in campo Boateng: il giocatore continua a fare palestra e fisioterapia ma sembra difficile che possa farcela per domani. Così Allegri punterà di nuovo sull olandese, che a Cesena ha giocato la sua miglior partita nel ruolo di trequartista. In difesa Nesta e Mexes sono recuperati (e il primo pare favorito sul secondo per giocare accanto a Thiago ilva), a centrocampo però la coperta è di nuovo corta: con l avanzamento di Emanuelson restano quattro giocatori per una maglia. Ambrosini ha recuperato dalla botta alla caviglia destra ma dovrebbe andare in panchina. Al centro giocherà Van Bommel, con Muntari confermato mezzala e Nocerino. Conte pensa a Quagliarella Per la fascia vantaggio Pepe Barzagli intoccabile in difesa: «Anche senza Ibra il Milan resta la favorita» Il Bologna apre per Gaston Ramirez Fabio Quagliarella, 28 anni PIERANUNZI DAL NOTRO INVIATO MIRKO GRAZIANO TORINO Antonio Conte ha cominciato a lavorare duro sulla tattica. edute intense. Di fatto, nove undicesimi della squadra anti Milan sono fatti. Il sistema è il 3-5-2: «intoccabili» Buffon in porta; Barzagli, Bonucci e Chiellini dietro; Lichtsteiner sulla fascia destra; Vidal, Pirlo e Marchisio in mezzo al campo; Vucinic in avanti. Dunque, solo un paio di dubbi per il Mourinho italiano: fascia sinistra e partner di Vucinic. In corsa, per quanto riguarda l ala, ci sono Pepe, Estigarribia e De Ceglie. Favorito il primo, incalzato dal nazionale paraguaiano, che però ultimamente è apparso meno brillante rispetto a un inizio di stagione decisamente convincente. In attacco, Conte ha girato un po tutti durante la settimana. Vucinic, però, sembra il punto fermo, mentre salgono ora dopo ora le quotazioni di Fabio Quagliarella. Il napoletano se la dovrebbe giocare soprattutto con Alessandro Matri. Leggermente più staccate le candidature di Marco Borriello e Alessandro Del Piero. ia chiaro, nulla è ancora deciso, e la stessa rifinitura di questo pomeriggio potrebbe lasciare ancora qualche dubbio: Conte si prenderà tutto il tempo a disposizione. L «intoccabile» Per Andrea Barzagli, «non cambia nulla la conferma della squalifica di Ibra. Il Milan resta comunque la squadra favorita». Il 30enne difensore della Nazionale parla ai microfoni Rai, «e ritengo davvero che i rossoneri siamo la squadra da battere per lo scudetto. Lo dice la rosa, la forza di alcuni suoi campioni e ciò che hanno appena fatto in Europa, in Champions League, dove di fatto sono già fra le prime otto squadre. Detto questo, noi andiamo a an iro per giocarcela, convinti di poter vincere». E lui la grande sorpresa di questa stagione in casa Juve. Da «disperso» in Bundesliga, a punto fermo della Juventus di Conte: sempre presente in questa stagione, sempre titolare, mai sostituito. E Prandelli lo ha già di fatto promosso a titolare sicuro per l Europeo in Polonia e Ucraina. «Ho fiducia nelle mia Juve conclude Barzagli, il gruppo è forte, compatto. Remiamo tutti nella stessa direzione». Apertura Ramirez... «Ramirez? Dipenderà più da lui che da noi. Difficile dire no a grandi piazze, che sono il sogno di tutti i giocatori». Così ha parlato il presidente del Bologna Guaraldi, aprendo di fatto l asta per il 21enne gioiellino uruguaiano. E la Juve non si farà pregare: già pronti 15 milioni di euro.

7 VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 7

8 8 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 DOMANI MILAN-JUVE 100VOCI Più Milan che Juve La supergiuria si sbilancia così Il risultato più probabile? 2-1. I marcatori più accreditati? Robinho e Matri. E sullo scudetto... 9 Abbiamo chiesto a 100 personaggi famosi, dello sport e non, come finirà il big match di domani sera. E non solo: ecco le quattro domande. A) Chi vince la sfida? B) Il risultato? C) Chi segna? D) Chi vince lo scudetto? MARCO PAROLO centrocampista Cesena C) Thiago ilva, Pato; Giaccherini MARCO VALIANI esterno Parma C) Thiago ilva, Emanuelson; Matri ALVATORE ARONICA difensore Napoli C) Maxi Lopez, Robinho; Quagliarella MIMMO DI CARLO allenatore Chievo C) Robinho, Pato; Vucinic TEFANO PIOLI allenatore Bologna B) 1-1 C) Robinho; Vucinic FABIO COZZOLI nuotatore C) Nocerino, Maxi Lopez; Matri d) Juventus IN META HANNO CELTO IL MILAN A cura di BREGA, D ANGELO, FANÌ, MANCINI e VELLUZZI La sfida potrebbe decidere la stagione. E malgrado l assenza di Ibra, sorprende il dato che vede il 50% degli intervistati sicuri del successo del Milan. Ma il sondaggione è anche una sintesi dei bar italiani: raccoglie tutte le tipologie di tifoso. C è lo scaramantico alla Paolo Belli, juventino perso, che si gioca il 5-0 con 5 gol di Nocerino, e l originale alla Ganz, che prevede i gol di Thiago ilva e Del Piero, con il Milan vincente nello scontro diretto e perdente nella corsa scudetto. Un bookmaker lo quoterebbe almeno a 80. E ancora, il nostalgico alla Bigon (gol di Ambrosini, come nel 2008), il riconoscente alla Parolo, che fa segnare l ex compagno Giaccherini, e il sognatore. Come Noemi, che tifa Roma e prevede la rimonta giallorossa, con Luis Enrique in trionfo al Circo Massimo e lei pronta «a farmi i capelli giallorossi». I più divertenti però sono gli alternativi. Marzullo ovviamente si fa una domanda e si dà una risposta originale: «Come finisce? Uno a zero per il Milan, gol di Maxi Lopez». A sorpresa, non è il solo. La stessa risposta arriva dall interista Ignazio La Russa e da Alessia Filippi, che addirittura raddoppia: 2-0, doppio Maxi. Dalla tribuna Galliani, che su quell acquisto ha costruito il suo mercato di gennaio, regalerebbe esultanze memorabili. Nel complesso, il risultato più gettonato è il 2-1, un po perché di solito in partite così qualche gol arriva, un po perché lo dice il pugile Clemente Russo e, nel dubbio, è meglio non contraddirlo. A seguire un altrettanto classico 1-1 e un 1-2 che manderebbe lo scudetto verso Torino. Mauro Berruto, allenatore della nazionale di volley, granata nell anima, non apprezzerebbe. Molto trascurato invece lo 0-0, scelto solo da Gianni Bugno e da alvatore Bocchetti, che ha la testa da difensore e si vede. Duello nel golf, dove il milanista Matteo Manassero (impegnato al Wgc Accenture Match Play a Marana, in Arizona) e lo juventino Edoardo Molinari non nascondono le proprie ambizioni da scudetto. i lascia andare Evelina Christillin: «Un modesto ma accurato 1-0, e stavolta decide Quagliarella. Basta traverse». Domani scopriremo chi avrà avuto ragione. GIACOMO AGOTINI ex pilota B) 1-0 C) Robinho NINO BENVENUTI ex pugile B) 2-0 C) Robinho, Thiago ilva D) Incentro fino alla fine EVELINA CHRITILLIN dirigente sportivo A) Juventus, B) 0-1 C) Quagliarella MATTEO TAGLIARIOL schermidore, spada C) Robinho, Nocerino; Marchisio GUGLIELMO TENDARDO difensore Atalanta B) 2-0 C) Nocerino, Robinho D) Incerto fino alla fine ANDRO CAMPAGNA c.t. ettebello pallanuoto B) 1-1 C) Maxi Lopez; Marchisio IMONE VERGAOLA capitano del iena B) 1-1 C) Pato; Pirlo TEFANIA BELMONDO 2 ori olimpici sci di fondo A) Juventus B) 0-1 C) Marchisio DJ RINGO direttore Virgin Radio B) 3-2 C) Robinho, Mesbah, Nocerino; Chiellini, Matri D) Incerto fino alla fine CATERINA BALIVO conduttrice tv A) Juventus B) 2-3 C) Pato, Nocerino; Matri, Chiellini e Vidal LARA COMI europarlamentare Pdl B) 2-0 C) Abate, Robinho ANTONIO CABRINI sei scudetti con la Juve B) 1-1 C) Pato; Matri D) Incerto fino alla fine MARCO BALLOTTA portiere, uno scudetto con la Lazio B) 2-2 C) Doppietta Robinho; Chiellini, Pirlo FRANCO COLOMBA allenatore B) 1-1 C) Robinho; Matri BRUNO GIORDANO attaccante, uno scudetto con il Napoli B) 1-1 C) Robinho; Del Piero ANDRO MAZZOLA 4 scudetti con l Inter B) 2-2 C) Robinho, Thiago; Quagliarella, Pepe D) Incerto ANDREA ANATAI pallavolo, c.t. Polonia uomini A) Juventus B) 1-2 C) El haarawy; Vucinic, Quagliarella D) Incerto ERGIO PELLIIER attaccante del Chievo B) 2-2 C) Robinho, Boateng; Matri, Vucinic NICOLA AMORUO 3 scudetti con la Juve A) Juventus B) 1-2 C) Robinho; Matri, Borriello ALVATORE BOCCHETTI difensore Rubin Kazan B) 0-0 C) nessuno GIANNI BUGNO due Mondiali ciclismo su strada B) 0-0 C) nessuno DAVIDE ATORI difensore del Cagliari B) 1-1 C) Nocerino; Matri BRUNO CIRILLO difensore Paok alonicco B) 1-0 C) Robinho GIANCARLO CAMOLEE allenatore B) 1-1 C) Emanuelson Marchisio ENRICO CHIEA attaccante, una Coppa Uefa con il Parma B) 1-1 C) Robinho; Matri ERE COMI allenatore del Lecce B) 1-1 C) Thiago ilva; Vucinic D) Incerto fino alla fine MAURIZIO GANZ attaccante, uno scudetto con il Milan C) Thiago ilva, Nocerino; Del Piero LUCA MARCHEGIANI uno scudetto con la Lazio B) 1-1 C) Pato; Marchisio MAURO BERRUTO pallavolo, c.t. Italia uomini B) 1-0 C) El haarawy MARIO BERETTA allenatore del Cesena B) 3-1 C) Thiago ilva, Robinho, Nocerino; Pirlo BEPPE BERGOMI ex capitano dell Inter B) 1-1 C) Pato; Marchisio MAIMO BARBOLINI c.t. Italia femminile di pallavolo B) 1-1 C) Robinho; Marchisio OTTAVIO BIANCHI allenatore, uno scudetto con il Napoli B) 1-1 C) Pirlo e Robinho D) Incerto fino alla fine NICOLA AVINO conduttore e autore B) 1-1 C) Pato; Pirlo GIGI MARZULLO conduttore televisivo B) 1-0 C) Maxi Lopez FRANCO CAUIO sei scudetti con la Juve A) Juventus B) 1-2 C) Robinho; Matri, Vucinic ANDREA CAMPAGNOLO portiere del Catania B) 3-1 C) Robinho, Maxi Lopez, Pato; Quagliarella GUILLERMO GIACOMAZZI capitano del Lecce B) 1-1 C) Ambrosini; Vucinic KRITIAN GHEDINA 3 medaglie ai Mondiali di sci alpino C) El haarawy, Maxi; Pirlo CAROLINA MORACE ex calciatrice, 12 scudetti A) Juventus B) 1-2 C) Robinho; Pirlo, Matri ANTONIO ROI canoista, tre ori olimpici B) 1-0 C) Robinho LAFFRANCO DETTORI fantino A) Juve B) 0-1 C) Pirlo DAVIDE OLDANI Chef B) 2-2 C) Muntari, Robinho; Borriello, Pirlo D) Inter FULVIO COLLOVATI uno scudetto con il Milan A) Juventus B) 1-2 C) Pato; Matri, Vucinic DAVIDE BIONDINI mediano del Genoa B) 1-0 C) Robinho ENRICO LETTA vicesegretario del Pd C) El haarawy, Maxi Lopez; Marchisio ANDREA DOVIZIOO pilota MotoGp C) El haarawy, Nocerino; Matri D) Incerto fino alla fine ALBERTO BIGON allenatore, uno scudetto con il Napoli B) 1-1 C) Ambrosini; Marchisio D) Incerto fino alla fine ANDREA COU trequartista del Cagliari B) 2-0 C) Pato, Nocerino MARGHERITA GRANBAI schermitrice, fioretto B) 2-2 C) Pato, Robinho; Pirlo, Chiellini DARIO HUBNER attaccante, capocannoniere in A B) 3-1 C) Robinho, Matri, Boateng; Matri RUGGIERO RIZZITELLI attaccante, campione tedesco con il Bayern C) Nocerino, Maxi; Vucinic EBATIANO NELA opinionista tv B) 1-1 C) Nocerino, Borriello D) Incerto fino alla fine PAQUALE FOGGIA attaccante ampdoria B) 2-0 C) Nocerino, Robinho

9 VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 9 IVAN BAO Ciclista Liquigas C)Emanuelson, Robinho; Quagliarella ATTILIO TEER ex tecnico del Novara B) 1-1 C) Robinho; Quagliarella D) Incerto fino alla fine IMONE TIRIBOCCHI attaccante Atalanta C) Thiago ilva, Nocerino; Vucinic IGNAZIO LA RUA ex ministro della Difesa B) 1-0 C) Maxi Lopez GIACOMO BONAVENTURA giocatore Atalanta B) 1-1 C) El haarawy; Matri MAIMO GOBBI esterno Parma B) 2-2 C) Doppio Pato; Pirlo, Vucinic ALBERTO PALOCHI attaccante Chievo C) Nocerino, Robinho; Matri FELIPE MAA pilota F1 C) Robinho, Pato; Quagliarella GIUEPPE MACARA attaccante Novara B) 2-2 C) Boateng, Maxi Lopez; Matri, Quagliarella MARCO ORI nuotatore C) Due Boateng; Matri CLEMENTE RUO pugile C) Robinho, Nocerino; Matri BORTOLO MUTTI all. Palermo B) 2-2 C) Robinho, Nocerino; Marchisio, Vucinic D) Incerto fino alla fine NOEMI cantante B) 1-1 C) Thiago ilva; Matri D) Roma MAIMO GILETTI conduttore A) Juventus B) 1-2 C) Pato; Vucinic, Marchisio. d) Juventus MAX PECATORI campione del mondo poker B) 2-0 C) Emanuelson Robinho MATTEO MANAERO golfista C) Nocerino Robinho; Quagliarella ALEANDRO DIAMANTI trequartista Bologna B) 1-1 C) Thiago ilva; Matri LUCA MARIN nuotatore A) Juventus B) 1-2 C) Pato; Matri, Pirlo ALEANDRO PITTIN combinata nordica C) Robinho, Pato; Matri FILIPPO VOLANDRI tennista B) 1-0 C) Pato ALEANDRO GAMBERINI capitano della Fiorentina B) 2-0 C) doppietta di Boateng GIULIO MIGLIACCIO centrocampista Palermo. B) 2-0 C) Ambrosini, Nocerino. PAOLO BELLI cantante B) 5-0 C) 5 gol di Nocerino DUAN BATA esterno Udinese B) 1-0 C) Thiago ilva LORENZO BERNARDI all. Wegiel volley (Pol) B) 1-1 C) Boateng; Matri FILIPPO POZZATO ciclista Farnese B) 2-0 C) Pato, El haraawy PIETRO ACCARDI difensore Brescia C) Pato, Robinho; Vucinic PANAGIOTI KONE mediano Bologna C) Boateng, Thiago ilva; Matri LUCA DOTTO nuotatore B) 2-2 C) Maxi Lopez, El haawary; Vucinic, Marchisio, FULVIO PEA allenatore assuolo B) 2-2 C) Nocerino, Robinho; Matri, Chiellini GD PIERINO PRATI al Milan dal 1967 al 73 C) Thiago ilva, Maxi Lopez; Vucinic DAVIDE BALLARDINI allenatore Cagliari C) Robinho, Nocerino; Matri ANDREA AGOTINELLI allenatore B) 2-2 C) Robinho, Nocerino; Matri, Marchisio D) Incerto MAURIZIO DOMIZZI difensore Udinese C) Robinho, Nocerino; Matri ELIA VIVIANI ciclista A) Juventus B) 1-2 C) Thiago ilva; Matri, Pirlo EDOARDO MOLINARI golfista A) Juventus B) 0-2 C) Matri, Vidal RAFFAELE RUBINO attaccante Novara C) Pato, Thiago ilva; Vucinic LEANDRO RINAUDO difensore Novara A) Juventus B) 1-2 C) Robinho; Vidal, Borriello ALEIA FILIPPI nuotatrice B) 2-0 C) doppietta di Maxi Lopez D) Roma ANDRA CARACCIOLO attaccante Novara C) Robinho, Thiago ilva; Pirlo

10 10 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 DOPO LA CHAMPION Nuove alleanze oci per Moratti: pista araba calda e spunta l Indonesia Uno sponsor è più probabile della cessione di quote Il presidente deciderà su Ranieri dopo Napoli-Inter MATTEO DALLA VITE MARCO IARIA MILANO Nuovi soci per l Inter di Massimo Moratti. L anticipazione de La Gazzetta dello port del 15 febbraio scorso trova conferme e riscontri anche negli ambienti finanziari. Milano-Finanza (quotidiano economico) rilancia l ipotesi di un ingresso nel club nerazzurro. Così. «I rumor delle settimane scorse sul possibile ingresso di soci arabi racconta MF hanno lasciato spazio a qualcosa di più concreto e alcune società di consulenza sarebbero già al lavoro per capire quale potrebbe essere il valore economico nerazzurro». Nuovi orizzonti da non escludere quindi, anche se ancora non quantificabili e soprattutto non definiti. Quota e presidenza I sussurri di metà febbraio lasciavano intravvedere più una sponsorizzazione forte che un ingresso vero nelle quote del club. Quest ultima ipotesi, comunque non esclusa a priori, pareva più difficile e complicata rispetto a un appoggio esterno che si tradurrebbe proprio in uno sponsor come può essere l attuale (principale) legato a Pirelli o gli Emirates per il Milan o la Qatar Foundation per il Barcellona. Adesso, sempre secondo Milano-Finanza, «l obiettivo sarebbe quello di valutare un eventuale cessione di una quota del capitale della società, che al momento sarebbe però minoritaria... perché non sarebbe ipotizzabile la vendita del 49% né che la famiglia Moratti lasci a breve la presa sulla Massimo Moratti, 66 anni, è presidente dell Inter dal uo padre Angelo lo fu tra gli Anni 50 e 60 PHOTOVIEW società calcistica». Di certo, comunque, è da tempo che si vocifera un passaggio di mano da Massimo (che comunque non uscirebbe certo dal pianeta-inter) al figlio Angelomario che fra l altro è stato nominato vicepresidente esecutivo nell ultimo consiglio di amministrazione. Arabia o Indonesia? Fin qui la conferma di MF, ma l ultima indiscrezione da ambienti sportivi allargherebbe gli orizzonti: tempo fa parlammo di interessi provenienti dagli Emirati Arabi nei quali l Inter ha avviato diverse iniziative, calcistiche e imprenditoriali. L ipotesi araba resterebbe comunque la più attendibile ma sussurri dell ultima ora aprirebbero un percorso verso l Indonesia, nella quale l Inter sta allestendo due amichevoli di fine stagione e comunque intrecciando rapporti che potrebbero avere un futuro. L Indonesia, economia in crescita, non fa più parte della Opec (Organizzazione dei Paesi esportatori di Petrolio) dal 2009 ma negli ultimi anni ha registrato importanti scoperte di giacimenti di gas, anche questo un settore di forte interesse per la aras della famiglia Moratti. Ipotesi nuovo stadio? Naturalmente, come detto, l eventuale ingresso di sponsor/soci che avverrebbe attorno alla metà del 2012 riporterebbe a galla vecchi discorsi legati alla realizzazione di un nuovo stadio, vecchia idea di Massimo Moratti accantonata ma mai dimenticata. L ingresso di quelle (arabe o indonesiane) nuove forze, potrebbe anche portare allo sviluppo di nuove vie di investimento fra le quali proprio l impianto sportivo avrebbe un ruolo non secondario. Ma, visto che i «nuovi ricchi» amano fare shopping in Occidente semplicemente per accreditarsi in determinate piazze finanziarie, ecco che l Inter potrebbe essere la testa di ponte per ulteriori business. A ogni modo, l ingresso di capitali freschi darebbe una boccata d ossigeno alle finanze personali di Moratti, al quale l Inter continua a costare tanto. L ultimo bilancio, relativo alla stagione , ha registrato un deficit di 86,8 milioni e si è reso necessario l ennesimo aumento di capitale (da 40 milioni) facendo ammontare l esborso del patron, dal 2006 in avanti, a 400 milioni. Il destino del tecnico resta sotto esame: il an Paolo lo spartiacque Il numero uno era andato via dal Velodrome molto infastidito e in silenzio Ranieri e Napoli In tutto questo, c è anche la parte sportiva. Il k.o. di Marsiglia ha aggiunto un altra perla «bacata» nella collana delle sconfitte. Massimo Moratti è uscito dal Velodrome senza passare dagli spogliatoi, sia per il fastidio post 1-0 e sia per evitare le tante telecamere prontissimo ad attenderlo. Ma la domanda che si fanno tutti è: se perde a Napoli, Claudio Ranieri salta? Ipotesi da non escludere, se sarà un altro tracollo tipo Roma. Ma senza dare l esonero per scontato. Moratti è convinto che prima o poi l Inter vera riapparirà. 4 I NUMERI 86,8 milioni il deficit dell ultimo bilancio dell Inter, relativo alla stagione , con 217,3 milioni di ricavi (al netto delle plusvalenze) e 333,8 di costi. Rosso in aumento rispetto al -69 dell esercizio milioni le iniezioni di capitale che Massimo Moratti, socio di riferimento dell Inter, ha dovuto effettuare soltanto nel periodo tra il 2006 e il 2011, per ripianare i rossi di bilancio del club nerazzurro TAMPA FRANCEE «Il Marsiglia ha fatto una rapina all italiana» L Equipe titola «Un gol per sognare» Le Parisien: «Gol che cambia tutto» ALEANDRO GRANDEO PARIGI (Francia) Una rapina, all italiana. olo che a realizzarla non è stata l Inter, ma il Marsiglia di Didier Deschamps, uno che il calcio italiano lo conosce bene. Così la stampa francese riassume la vittoria al 93 del Marsiglia contro una squadra vecchia, ma dura, in assetto da «Quella sporca dozzina», ma senza Lee Marvin, scrive con toni cinematografici il quotidiano Le Parisien. Ovvero una squadra di galeotti che in confronto, Brandao, l attaccante accusato di stupro, passava per un chierichetto. Rapina olo che alla fine, i chierichetti si sono trasformati in rapinatori, perché, sempre secondo l ispirato Le Parisien, «Deschamps e i suoi uomini hanno realizzato un colpo all italiana», un furto, «una rapina a volto scoperto», come aveva annunciato lo stesso Deschamps martedì alla Gazzetta, ma programmandola per il ritorno. Anche per l Equipe, l 1-0 al 93 è tipico scenario all italiana, ma per una volta a godere è una squadra francese. LE ULTIME BUONE NOTIZIE PER IL LATERALE, MA C E UN ALTRO IMPREVITO. E OGGI RANIERI PARLA ALLA QUADRA Maicon per il Marsiglia, va k.o. Ranocchia Il brasiliano può recuperare anche per la gara di Chievo. Il centrale out tre settimane ANDREA ELEFANTE MILANO Claudio Ranieri potrà recuperare Maicon al massimo in tre settimane forse anche prima ma in compenso per tre settimane perde Andrea Ranocchia. La buona notizia, rispetto ai timori della vigilia, riguarda il brasiliano: si era temuta una distorsione al ginocchio destro, in realtà gli esami hanno riscontrato solo un elongazione miotendinea della zampa d'oca, che è un tendine che si trova subito al di sotto del ginocchio, nella faccia interna dell'articolazione. Ginocchio che ieri era gonfio e dolorante, ma è ragionevole pensare che il brasiliano possa puntare a rientrare per la partita di ritorno con il Marsiglia, anche se potrebbe farcela già per Chievo-Inter del venerdì precedente. Che colpo per il morale Un po di pazienza in più servirà per rivedere in campo Ranocchia, che ieri mattina si è fermato poco dopo aver iniziato l allenamento per uno stiramento fra il primo e il secondo grado all adduttore breve della coscia destra. Un duro colpo soprattutto per il morale del ragazzo: stava già vivendo un momento difficile nell Inter e ora dovrà rinunciare anche alla convocazione in Nazionale, IL GUAIO DELL ETERNO GD Per l azzurro salta la convocazione di Prandelli: un altro duro colpo per il morale Maicon, 30 anni, in un contrasto di gioco col francese Valbuena IPP che vedeva come parentesi positiva, anche per rilanciarsi. Oggi faccia a faccia Al di là degli infortuni, ieri alla Pinetina è stata una mattinata tranquilla, senza contestazioni da parte di tifosi. Ranieri, che ha pranzato con il d.s. Ausilio, non ha parlato approfonditamente con la squadra, se non per invitarla a insistere sulla strada percorsa a Marsiglia: lo farà oggi, anche per analizzare più concretamente gli errori di mercoledì sera. IL REFERENDUM Il «Numero 1» di Gazzetta.it è solo Messi empre, solo Messi. Cavani e Lavezzi giocano il loro miglior calcio, ma nel referendum «Vota il numero uno della Champions» vince sempre Leo. u Gazzetta.it e Marca.com, la Pulce ha preso altri voti, il più votato della settimana, e in generale è salito a Zanetti e Callejon restano lontani, mentre risale Cristiano Ronaldo, terzo della settimana dietro a Lavezzi. Questa la top10 della generale: Messi Zanetti Callejon Ronaldo Kakà Benzema Pato Xavi Ribery Cavani

11 DOPO LA CHAMPION VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 11 4 Nonna Inter La più vecchia in Champions VINCITRICI IN COPPA Ecco l età media degli 11 titolari in finale delle squadre vincitrici della Champions negli ultimi 10 anni. 2001/02 R. MADRID 28 anni 5 mesi 2002/03 MILAN 28 anni 11 mesi 2003/04 PORTO 27 anni 8 mesi 2004/05 LIVERPOOL 26 anni 11 mesi 2005/06 BARCELLONA 27 anni 10 mesi 2006/07 MILAN 31 anni 1 mese 2007/08 MAN. UTD 27 anni 11 mesi 2008/09 BARCELLONA 27 anni 2 mesi 2009/10 INTER 30 anni 3 mesi 2010/11 BARCELLONA 27 anni 2 mesi fiorati i 32 anni: l età media più alta fra le 16 squadre titolari degli ottavi E IL BAYER LA FORMAZIONE BABY GD MATTEO DALLA VITE MILANO Nonna si fa per dire, ma una cosa è certa: l Inter è la squadra più «datata» delle sedici squadre scese in campo nell andata degli Ottavi di finale. La più vecchiotta insomma. Un analisi statistica racconta e certifica quel che si immaginava: con 31 anni e 11 mesi di età media, la squadra allenata da Claudio Ranieri rappresenta l Old style di questa Champions League. Una risposta a tante domande. Undici iniziali In questa statistica sono stati presi in considerazione gli undici iniziali delle rispettive squadre che si sono incontrare nella Gara-1: i 38 anni di Javier Zanetti (comunque tonico a Marsiglia), i 33 di tankovic, i 31 di Cambiasso, i 32 di Julio Cesar, i 33 di Lucio e amuel fanno dell Inter la squadra più «in là con gli anni» di questo primo turno degli ottavi di finale. Tradotto: al di là del valore (indiscutibile) dei Campioni di tutto (dall Italia al tetto del mondo), non c è dubbio che Massimo Moratti e lo staff del mercato dovranno dare un altra pennellata di freschezza a una squadra che - ora come ora - sembra proprio risentire più di sempre del timbro sulla carta d identità. Rinnovamento a giugno Vero è che il processo di rinnovamento è già partito da due anni (Coutinho e Ranocchia, Castaignos, Juan Jesus, Alvarez e a suo modo Nagatomo e Pazzini che hanno 25 e 27 anni), ma è altrettanto vero che dovrà essere fatto ancora di più e ancora tanto: ed è per questo che da diverso tempo si parla di grandi cambiamenti a fine anno, Ma il Milan che vinse ad Atene nel 2007 dà fiducia: età simile all Inter di oggi Javier Zanetti, 38 anni FOTOPRE perché tipi come Lucas Moura, Yann M Vila e altri di fascia medio-bassa di età sono i protagonisti nel mirino di una rinascita che non può più attendere. Paese per «vecchi» L età (più alta di questa Champions League) dell Inter batte quella dell Apoel di un anno e 2 mesi. Il Milan è terzo in questa speciale classifica con 29 anni e 9 mesi di età media. A seguire, Napoli, Zenit, Barcellona, Chelsea e poi il Marsiglia che si attesta sui 27 anni e un po. La curiosità sta proprio nel vedere che le nostre tre rappresentanti sono nella Top Four di questa edizione. La squadra baby è il Bayer Leverkusen, più giovane di 7 mesi rispetto al Basilea e di 10 rispetto all Arsenal. Quel Milan insegna che... Le curiosità, poi, non si fermano qui: nelle ultime 10 finali di Champions League, solo il Milan che vinse la... rivincita contro il Liverpool nel 2007 batte (con 31 anni e 1 mese) l Inter che ha conquistato il Triplete (30 anni e 3 mesi) e il Mondiale per Club. In tutto questo c è una considerazione da fare che dà stimoli agli interisti meno sbarbati: quando il Milan perse la finale ad Istanbul era di un anno più giovane di quello che - due anni dopo - trionfò proprio contro il Liverpool ad Atene. Liverpool che fra l altro aveva 26 anni di età media. Questo significa che la «vecchiaia» in sé non è per forza di cose un ostacolo per andare a vincere il trofeo più prestigioso dei club europei. E anche due anni dopo un altra finale. Insomma, sarà anche nonna-inter, però non si sa mai... COME I FA A LAVORARE ENZA PORTER? OGGI PUOI AVERLO A PARTIRE DA EURO* Oggi puoi avere uno strumento di lavoro formidabile a partire da Euro*. Con una capacità di carico fino a kg, Porter è ancora più efficiente ed economico nei consumi grazie alle nuove motorizzazioni diesel, benzina e bi-fuel Euro 5. L utilità non è mai stata così conveniente. VEICOLI COMMERCIALI PIAGGIO. GRANDI LAVORATORI DI PICCOLA TAGLIA. piaggioveicolicommerciali.it * IVA,IPT,trasporto e messa in strada esclusi.prezzo riferito a Porter Multitech cc pianale standard disponibile in rete.verifica presso i Concessionari Piaggio che aderiscono all iniziativa le offerte dettagliate su tutta la gamma Porter e Porter Maxxi. Offerta valida fino al 31 marzo L immagine si riferisce ad un Porter pianale ribaltabile extra e ad un Porter Maxxi pianale ribaltabile extra.

12 12 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 DOPO LA CHAMPION Focus CINQUE ITUAZIONI DI MARIGLIA-INTER U CUI MEDITARE In campo per 90 Forlan non al 100% Giusto dare fiducia a Forlan (foto), dopo il rientro, e per di più nel suo ruolo di punta. Ma perché farlo giocare improvvisamente per 90? Mai titolare in tre mesi Trequartista e due punte In Francia schierati per 90 Ruggine Zarate orpresa per tutti Esperti da dosare Non si è rivelata azzeccata la scelta di schierare in una gara così delicata un giocatore, Zarate (foto), che non era titolare da tre mesi L Inter col trequartista e le due punte ha sorpreso Deschamps ma forse pure i nerazzurri. neijder (foto) ha saputo di giocare solo martedì sera La scelta di puntare sui giocatori più esperti (nella foto Cambiasso) ha pagato, ma forse poteva essere utile risparmiare a qualcuno gli interi 90 Il sistema di gioco E ora continuità Ora serve un po di continuità tattica, evitando l alternanza di sistemi di gioco (e anche dell impiego di alcuni giocatori, vedi Poli, nella foto) 7 L Inter non vince da 7 gare consecutive: un pari e 6 sconfitte il bilancio YNC neijder e 2 punte Ranieri adesso è convinto: si può Ma insisterà? Ha sorpreso il Marsiglia e forse anche i suoi: imprevedibili anche i 90 di Forlan, la scelta di Zarate e il no a Milito. Che c è rimasto male ANDREA ELEFANTE MILANO Non tutto è stato da buttare, dell Inter di mercoledì sera: Marsiglia non è stata Roma, e neanche il crollo con il Bologna. Però non tutto ha convinto. toria vecchia, la storia di quest anno: come se a questa squadra saltasse sempre l ingranaggio che poi fa inceppare il meccanismo; come se le idee dell allenatore contemplassero sempre anche il possibile errore che rischia di vanificarle, o le vanifica. Anche ieri, come sempre dopo una sconfitta, Claudio Ranieri ha cercato di raccogliere nuove energie e di trasmettere positività: forse, rispetto a qualche tempo fa, gli viene meno istintivo pensare al suo futuro nerazzurro a più lunga scadenza, ma è ancora ben concentrato sul presente. Quelle tre palle-gol Alla squadra chiederà per l ennesima volta di meditare sui suoi errori, mostrandoglieli: quelli difensivi, che hanno portato a prendere 18 gol nelle ultime nove partite; ma anche quelli offensivi, perché questa squadra non ha fatto gol in sei delle ultime sette partite, le ultime quattro consecutive. E se in Champions si hanno tre palle-gol in trasferta e non si segna neanche una volta, come minimo vuol dire che non si è data una mano all allenatore. Che pure, detto a posteriori, ha fatto anche scelte che non hanno convinto fino in fondo. Rabbia Milito Iniziare a puntare su Forlan era giusto, come dargli almeno una chance di giocare nel suo ruolo: punta e non esterno. Però: perché, anche se da quando Forlan è rientrato Ranieri ha sempre detto di non potergli ancora chiedere il cento per cento, improvvisamente farlo giocare per 90'? Perché far scaldare Milito per mezzora abbondante e poi (idem per Pazzini) non utilizzarlo, per provare a vincere? Visto il Marsiglia non sarebbe stata utopia: invece dall ingresso di Obi la squadra forse si è compattata, ma di sicuro ha pensato ancora di più a conservare lo 0-0. E nel frattempo Milito (reduce da un influenza pesante, ma si sentiva in grado di giocare almeno un po ) e Pazzini di sicuro non ci sono rimasti benissimo. oluzioni più «garantite» Meno azzeccata era sembrata, e si è poi dimostrata, la chance concessa a Zarate: proprio in una delle partite più delicate della Claudio Ranieri, 60 anni, è subentrato a Gasperini a settembre ANA Le chiavi sono una maggiore solidità difensiva e più efficacia in zona-gol stagione, spazio ad un giocatore che non era titolare da tre mesi (iena, fine novembre), e da allora, prima di Marsiglia, era subentrato sette volte, quattro volte era andato in tribuna e cinque era rimasto in panchina per 90. Ok il cercare nuove soluzioni, ma forse sarebbe stato meglio un po più «garantite». L effetto sorpresa Anche perché l effetto sorpresa ha sì disorientato Deschamps, come il tecnico francese ha ammesso per primo, ma forse perfino i giocatori nerazzurri. Ranieri non solo aveva annunciato pubblicamente (microfoni Rai, domenica sera) che «la squadra va troppo in difficoltà con il trequartista più due punte»; ma aveva mescolato le carte anche in allenamento, senza lasciar capire di volersi affidare a quel «rombo» che così tanto sbilancerebbe la squadra. Che fosse un bluff o (più improbabile) che il tecnico abbia cambiato idea in corsa, fatto sta che neijder tanto per fare un esempio solo martedì sera ha saputo che avrebbe giocato, dopo aver pensato il contrario. I ragazzi e la continuità In ogni caso, con almeno tre giocatori di qualità là davanti, la squadra ha ben impressionato Ranieri, che pare essersi convinto: questa soluzione non è per forza dannosa, soprattutto se la copertura dei centrocampisti è soddisfacente come per un ora a Marsiglia. E magari lo sarebbe stata ancora di più, dando un po di fiato a qualcuno e un po di continuità a ragazzi come Poli e Faraoni, sempre in altalena fra campo, panchina e tribuna. Avanti con il «rombo» E a proposito di continuità: perché dire, come ha fatto il tecnico a fine gara, «Vedremo gara dopo gara che sistema di gioco usare»? Meglio a questo punto dare certezze e insistere salvo eccezioni sporadiche e strettamente necessarie su un solo indirizzo tattico, dunque su neijder. Anche se da quando è tornato titolare in campionato, con lui l Inter ha sommato quattro sconfitte e un pareggio. L ATMOFERA LA CURVA NORD NON PUNTA L INDICE CONTRO NEUNO, PERO... La soluzione dei tifosi: «Ci vuole l uomo forte» Non ci saranno contestazioni, ma viene ribadito un chiaro invito alla società GIORGIO PECCHIA Il cuore del tifo nerazzurro, la Curva Nord, ha seguito in massa l Inter anche nella trasferta di Marsiglia. Erano almeno in gli interisti, compresi tanti club da tutta Italia, stretti nella morsa di un Velodrome in via di ristrutturazione e da lavori in corso. L ultima sberla Eppure, come sta accadendo dal derby in poi (sei sconfitte e un pareggio in sette gare), l apporto canoro della Nord non è servito a invertire la tendenza. E arrivato un altro k.o., questa volta all ultimo secondo. Un colpo improvviso, che ha lasciato esterrefatti anche gli uomini di Ranieri. olo tankovic e neijder sono andati lì, sotto i tifosi, a prendersi applausi (per il gesto) e qualche rimprovero (per il risultato). Contestazione? No. Rassegnazione? No, perché i tifosi sono gli ultimi a mollare e c è ancora il ritorno degli ottavi di Champions che può cambiare tutto. C è solo l Inter Ma allora qual è lo stato d animo del tifoso nerazzurro, quello che va allo stadio e non quello da salotto o da calcio alla tv? Il solito. Nessuna contestazione alla società, nessuna contestazione su un singolo giocatore. Insomma, c è solo l Inter, riprendendo l inno nerazzurro, anche quando lo sconforto regna. L Inter intesa come sistema Inter. E qui la presa di posizione della Nord è nota da tempo ed è stata ben spiegata con lo striscione esposto lo scorso 17 settembre in occasione di Inter-Roma. Che recitava: «Ne contro la squadra, ne contro l allenatore. Moratti, dopo Il tifo nerazzurro nel Velodrome di Marsiglia IMAGE PORT Mourinho dov è l uomo forte della società?». Quello striscione è ancora attualissimo e il tifo nerazzurro resta fermo su quella posizione. Ciò che più preoccupa, in definitiva, è la mancanza di progettualità, di un uomo alla Mourinho o di un grande manager. Ma quale passato... Il coro per José Mourinho, levatosi a an iro nei minuti finali di Inter-Bologna, stava a indicare e sottolineare proprio questo. Non era affatto un coro da nostalgici del tifo, ma il «José Mourinho» era lì a sottolineare la mancanza di una gestione come quella del portoghese che dà la sensazione che si stia andando in una direzione precisa. E che ha portato, guarda caso, l Inter a vincere tutto.

13 ERIE A VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 13 Finalmente Inler «Il modulo? Ora l ho capito Più intesa con Gargano» Arrivato al Napoli per essere un leader, aveva perso lamaglia da titolare. Con Fiorentina e Chelsea s è ritrovato: «E ora c è l Inter...» DAL NOTRO INVIATO MIMMO MALFITANO CATELVOLTURNO (Caserta) Vanno via via cancellandosi i dubbi. Perplessità, è bene chiarirlo subito, che non hanno mai messo in discussione il valore e le qualità di Gokhan Inler. Piuttosto, sott accusa è finita la questione tattica ed il modulo voluto da Walter Mazzarri. Uno schema ( ) nel quale l ex centrocampista dell Udinese ha sempre fatto fatica ad inserirsi, al punto che lo scarso rendimento gli è costato persino il posto di titolare per un paio di settimane. Ma, le ultime due gare, Fiorentina e Chelsea, gli sono servite per ritornare in formazione e per riguadagnarsi gli apprezzamenti della critica. «In Champions ci meritiamo tutto. E vogliamo il massimo anche in campionato» Evoluzione C è stato, in ogni modo, qualcosa di evolutivo nel processo d inserimento nello schema praticato dell allenatore. «Ne ho parlato con Mazzarri, sto cercando di capire meglio il suo modulo di gioco per fare quello che mi chiede. Le ultime prestazioni hanno confermato i progressi. Con Gargano, l intesa va sempre più perfezionandosi. e funzioniamo noi due è ovvio che ne trae giovamento tutta la squadra anche se poi, alla fine, la differenza la fanno Lavezzi e Cavani che possono stravolgere la storia di una partita in qualsiasi momento», ha spiegato il centrocampista svizzero intervenendo a Martelive. Crisi alle spalle Dunque, Inler vuole guardare al futuro con ottimismo dopo aver archiviato il momento no che ne ha caratterizzato buona parte della stagione. Contro il Chelsea s è rivisto quel mediano dai piedi buoni, premiato dalla Gazzetta al termine della passata stagione, come miglior centrocampista del campionato. Martedì sera, s è rivisto lo stesso talento che aveva esaltato la notte di Napoli nella gara col Manchester City, al an Paolo, nella fase a gironi di Champions League. «Tutta la squadra è stata grande. E contro gli inglesi non era facile. Ci abbiamo messo tanto cuore, la gente ci ha dato una spinta incredibile. Il 3-1 è un buon risultato, ma a Londra dovremo stare attenti. Loro sono forti, ma noi abbiamo dimostrato di esserlo di più. Andremo a tamford Bridge per fare una partita da Napoli. Del resto, se siamo agli ottavi è perché ce lo meritiamo ed ora vogliamo andare avanti», ha osservato Inler. Arriva l Inter L impresa europea non dovrà distrarre il Napoli dal campionato. Lo ha chiesto il centrocampista svizzero, ma è quanto si aspettano anche i tifosi che continuano a sognare il terzo posto che servirebbe per confermare, quantomeno, la partecipazione alla prossima Champions. «Domenica ci attende un altra sfida difficile, ma siamo pronti. Vogliamo dare continuità ai risultati per non perdere i contatti con l alta classifica. Non sarà semplice, ripeto, perché l Inter vive un momento negativo, che non sminuisce il valore di un collettivo di prima qualità. Per vincere, dovremo fare un altra grande prestazione, per intenderci. Il terzo posto? Vogliamo fare il massimo in tutte le competizioni, poi si vedrà», ha concluso Gokhan Inler che Mazzarri confermerà anche per la sfida di domenica sera, al an Paolo. Gokhan Inler sembra aver risolto gli equivoci tattici: così ha recuperato il suo posto al centro del Napoli FOTOPRE DE LAURENTII, I COLPI: HIT PARADE IN MILIONI 18 Quagliarella dall Udinese ( ) 17 Cavani dal Palermo ( ) 16 Inler dall Udinese ( ) 11 Vargas dall Univ. de Chile (gennaio 2012) 9 Dz i dal Parma ( ) v identikit & CARRIERA RANKING UEFA Walter Mazzarri, 50 anni ANA Dopo Real e Barcellona gli azzurri al 3 posto (f.li.) Non significa niente in concreto, ma è una piccola grande soddisfazione: in questo momento il Napoli è al terzo posto del ranking Uefa stagionale per club. Quindi i suoi risultati in Champions League (la fase a gruppi nella quale ha eliminato il Manchester City, il primo ottavo con il Chelsea) sono stati i migliori in assoluto dopo quelli di Real Madrid e Barcellona. Aspettando naturalmente il ritorno contro la barcollante squadra di Andre Villas Boas, c è da essere orgogliosi. Ranking assoluto Non significa niente perché quello che conta ai fini del sorteggio è il ranking assoluto, cioè quello che considera le ultime cinque stagioni: e in questa classifica il Napoli è al 54 o posto. Il ranking assoluto decide i posti nelle urne del sorteggio di Montecarlo: le prime sette, più il detentore, sono teste di serie, e giù così fino alla quarta fascia. E la squadra di Mazzarri difficilmente sarebbe tra le prime. Verso le coppe La strada verso le coppe è ancora lunga. Intanto l Italia perderà un posto in Champions e quindi la terza andrà ai preliminari. Poi, in Europa League, passeranno quarta e quinta del campionato più la vincente di Coppa Italia (o la finalista se la vincente è già qualificata). Al momento: Milan e Juve in Champions; Udinese o Lazio una ai preliminari e una in Europa League (assieme alla Roma e alla vincente di Napoli-iena in semifinale di Coppa). La classifica 1 Real Madrid e Barcellona 24,457; 3 Napoli 21,043; 4 Bayern 20,25; 5 Basilea 20,2; 6 Marsiglia 20,067; 7 Milan 20,043; 8 Zenit 19,95; 9 Benfica 19,833; 10 Arsenal 19,625. VERO L INTER: TURNOVER IN DIFEA IL CENTRALE E ANCORA ALLE PREE CON LA FERITA ALLA TETA RIMEDIATA CON IL CHELEA Dubbio Campagnaro, la soluzione è Grava Dossena-Zuniga altra staffetta. E con la squalifica di Hamsik è di nuovo l ora di Pandev DAL NOTRO INVIATO CATELVOLTURNO (Caserta) Ci sta pensando, Walter Mazzarri, al turnover. E laddove dovesse farlo, non bisogna aspettarsi grandi stravolgimenti. Difficilmente, si vedranno rivoluzioni in formazione tipo quelle di Verona (Chievo), per intenderci. La discontinuità nei risultati evidenziata in campionato, ha convinto l allenatore a cambiare il meno possibile. E farà la stessa cosa anche contro l Inter, nel posticipo di domenica sera, al an Paolo. Potrebbero essere 3 le novità nella squadra che andrà inizialmente in campo. Il dubbio vero riguarda la difesa, in ogni modo. Campagnaro è alle prese con la ferita alla testa rimediata e suturata nella notte di Champions League, dopo uno scontro con Drogba. e non dovesse recuperare al 100 per cento, Mazzarri ha pronta la soluzione Grava. L esperto difensore è l unico giocatore della rosa che veste la maglietta azzurra dall inizio dell era De Laurentiis. Gianluca Grava, 34, a destra, interviene in scivolata sul viola Amauri ANA Dossena e Pandev L inserimento di Andrea Dossena, in luogo di Zuniga, lascia intendere che Mazzarri vorrà un Napoli d attacco, che sappia spingere sulle fasce e dominare negli ultimi 25 metri. Lo scarso stato di forma dei nerazzurri apre all ottimismo, anche se c è il rischio che si possa snobbare la rabbia dell avversario. La squalifica di Marek Hamsik, invece, rimette in gioco Goran Pandev, ritornato in panchina dopo alcune settimane di gloria pura. L attaccante ritroverà nuovamente l Inter dopo averla incontrata nello scorso mese in coppa Italia. mi.mal. PROCURA FEDERALE Mediazioni, anche il Napoli tra i club deferiti Ancora la vicenda dei trasferimenti dei calciatori della lunga inchiesta della Procura federale. Anche ieri sono arrivati deferimenti relativi a sei società di serie A: Atalanta, Napoli, Juventus, Bologna, Genoa, Parma; cinque società di serie B: Bari, ampdoria, Torino, Padova, Livorno; quindici dirigenti e dieci calciatori tra serie A e B e ventitrè agenti di calciatori. Molti i nomi noti. Tra i dirigenti Tommaso Ghirardi, Giorgio Perinetti, Giuseppe Marotta, Alessio ecco, Jean Claude Blanc, Pietro Leonardi, Urbano Cairo, Le società rischiano solo ammende.

14 14 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 MAGIC CHAMPION Basilea: il miracolo costruito in casa Ha steso il Bayern con i ragazzi del vivaio. A Monaco l ira di Rummenigge: «veglia» DAL NOTRO INVIATO PIERFRANCECO ARCHETTI BAILEA (vizzera) Per un minuto, il baccano intorno al Bayern è stato domato. Ieri a mezzogiorno la Germania intera ha commemorato le dieci vittime di un gruppo terroristico neonazista, con sessanta secondi di silenzio: Angela Merkel ha presentato le scuse pubbliche del governo tedesco alle famiglie degli assassinati (anche) per il modo in cui la polizia ha condotto l inchiesta su questi omicidi. Il calcio non è un argomento così serio e tragico, per fortuna. Quindi, se si parla di processi e di sbagli, lo si può fare anche in maniera ironica. Come Franz Beckenbauer, che ha spiegato la sconfitta del Bayern mercoledì sera in Champions con queste parole: «Non siamo stati capaci di tenere lo 0-0». E Manuel Neuer, il portiere, ha aggiunto: «Eravamo tutti felici di aver perso», quando gli hanno chiesto indicazioni sull atmosfera nello spogliatoio. Carnevale A Basilea si tiene un Carnevale particolare: inizia il lunedì successivo al mercoledì delle ceneri, quando gran parte del mondo è in quaresima. Quest anno è partito prima, dal t.jakob, lo stadio vicino all autostrada e riempito di negozi. Aleksandar Dragovic, il difensore che ha anche colpito un palo, ha confermato che girerà nudo per Vienna, la sua città, in caso di qualificazione: prima scherzava, adesso non proprio. Il migliore in campo, il portiere Yann ommer è stato chiamato in nazionale (insieme ad altri quattro compagni) e dovrebbe anche debuttare. ommer ha solo 23 anni ed è il più anziano del quintetto. Anche gli altri convocati (haqiri, Fabian Frei, tocker e Xhaka) provengono tutti dalle giovanili, perché il Basilea è il più ricco club svizzero ma riesce a formare in casa i talenti. E quando l offerta è irrinunciabile, come i dieci milioni del Bayern per haqiri, li fa partire. uccesse nel decennio scorso con i vari treller, Alex Frei e Huggel oggi tornati nella società d origine senza intaccare la potenzialità: sei titoli e cinque coppe nazionali dal I quarti di Champions non sarebbero una novità assoluta (visti già nel 73-74, ma era un altra competizione), però il successo dell altra sera sui Valentin tocker, 22 anni, cresciuto nelle giovanili del club svizzero. Esterno sinistro, ha segnato la rete della vittoria per il Basilea sul Bayern in Champions League mercoledì sera EPA tedeschi è stato definito il miracolo parte seconda dai giornali della città. Il primo prodigio fu l eliminazione del Manchester United in dicembre, con un successo per 2-1 nell ultimo turno. Il Basilea è in serie positiva da 14 partite (18 ottobre) e in campionato non perde dal 20 agosto. Il tifoso Roger Federer ha scritto: «Grandiosi». Ira Rummenigge Il Bayern comincia ad aver paura e Karl-Heinz Rummenigge, nel banchetto di fine trasferta, non ha trattenuto la sua arrabbiatura: «Dovete svegliarvi. Dovete diventare cattivi. Non ha senso andare in campo e pensare che tutto si aggiusta perché siamo il Bayern. iamo in un momento critico della stagione, dovete giocare con aggressività e applicare, sin da domenica, il vecchio motto che dice: "tutti per uno e uno per tutti". Dobbiamo dare una sterzata alla stagione e subito. Abbiamo l occasione della finale in casa, non si può uscire agli ottavi. Ma dobbiamo lavorare duro per tirarci fuori dalla m... in cui ci siamo cacciati». A Basilea non si sono offesi, hanno sorriso. 4 I NUMERI 6falli commessi dal Basilea nella partita contro il Bayern: le maniere forti non servivano per fermare i tedeschi. 43% possesso palla degli svizzeri. Il pallino del gioco è rimasto in mano ai bavaresi ma l unica rete è stata segnata dal Basilea. CHELEA Villas Boas perde già negli spogliatoi: 11 giocatori contro I giornali inglesi pubblicano la lista dei fedeli al tecnico: solo 9 sono a suo favore DAL NOTRO CORRIPONDENTE TEFANO BOLDRINI LONDRA Contro e pro André Villas Boas: finisce 11-9, secondo il Times, che ha pubblicato ieri la radiografia dello spogliatoio del Chelsea. Tra i pro, il clan brasilportoghese (Meireles, Ferrieira, Luiz, Ramires e Bosingwa) e i «cani sciolti» (Terry, Mata, Ivanovic e Cahill). Contro, falchi (Torres, Lampard, Essien, turridge e Cole) e delusi (Drogba, Mikel, Lukaku, Cech, Romeu e Malouda). Uno dei pro, Ivanovic, ha chiamato a raccolta il gruppo («bisogna compattarsi e reagire, la squadra prima di tutto, l allenatore sta cercando di fare al meglio il suo lavoro e va aiutato»), ma è presto per dire se le parole del difensore serbo siano servite a qualcosa. Benitez In questo caos, la candidatura di Rafa Benitez avrebbe guadagnato nelle ultime ore consensi: lo spagnolo è diventato il grande favorito per sostituire AVB, in corsa o a fine stagione. Abramovich sarebbe però furibondo con la vecchia guardia, ritenuta la causa della frattura all interno dello spogliatoio. Ashley Cole, convocato ieri in Nazionale insieme con turridge e Cahill per l amichevole con l Olanda del 29 febbraio, sarebbe il primo nome nella lista della cessioni. Il secondo è quello di Lampard, che però vuole restare. Nel marasma, la notizia che Villas Boas avrebbe chiesto il supporto di due psicologi e la conferenza stampa tenuta ieri dal tecnico portoghese. AVB ha fatto autocritica («se siamo in questa situazione, io sono il primo responsabile»), ma ha ripetuto per l ennesima volta di godere del pieno sostegno di Abramovich: «E così. Ho parlato con persone vicino a lui e mi hanno detto che è molto deluso. Ha chiesto informazioni sulla situazione della squadra e ho provveduto a fare un quadro di quanto sta accadendo». Villas Boas ha ribadito di non essersi pentito della formazione schierata a Napoli («non ho rimpianti») e ha negato di aver escluso Cole dopo la discussione di domenica («aveva solo due allenamenti veri nelle gambe»), smentendo però gli annunci della vigilia, in cui aveva dichiarato che era pronto. Ha ammesso di avere avuto una discussione con Lampard «ma non è vero che voglio la sua cessione, anzi, spero che rimanga. E chiaro che non può essere soddisfatto di una esclusione, ma io scelgo sempre per il bene della squadra». Crisi totale Il Chelsea sta però colando a picco. Quattro vittorie nelle ultime quattordici gare, quinto posto in Premier League, la Champions League appesa ad un filo dopo il risultato del an Paolo e la gara di Coppa d Inghilterra da ripetere a Birmingham: basteranno gli psicologi per risolvere i problemi dei Blues? Domani, contro il Bolton, è attesa la prima risposta. PORTIERI Gr. qu. Cod. Nome Costo Punti A (BMON) 108 BUTT 4 - A (BMON) 136 NEUER 16 6 A (BMON) 159 ATTELMAIER 1 - A (NAP) 118 DE ANCTI 16 5,5 A (NAP) 140 ROATI 1 - A (NAP) 168 COLOMBO 1 - B (CK) 104 AKINFEEV 7 - B (CK) 149 GABULOV 9 - B (CK) 162 CHEPCHUGOV 1 6,5 B (INT) 110 CATELLAZZI 4 - B (INT) 128 JULIO CEAR 16 5,5 B (INT) 163 ORLANDONI 1 - C (BA) 141 OMMER 11 8 C (BA) 156 COLOMBA 1 - C (BA) 157 HERZOG 1 - C (BEN) 107 ARTUR 13 3 C (BEN) 160 EDUARDO 2 - C (BEN) 161 MIKA 1 - D (LIO) 133 LLORI 16 7 D (LIO) 143 VERCOUTRE 1 - D (LIO) 164 VALVERDE 1 - D (REA) 102 ADAN 1 - D (REA) 109 CAILLA 19 5 D (REA) 169 MEJIA 1 - E (BLEV) 103 ADLER 6 - E (BLEV) 148 LENO 8 3 E (BLEV) 158 YELLDELL 1 - E (CHE) 112 CECH P E (CHE) 127 HILARIO 2 - F (AR) 142 ZCZENY 13 1 F (AR) 153 FABIANKI 3 - F (AR) 154 MANNONE 1 - F (MAR) 135 MANDANDA 18 6,5 F (MAR) 165 BRACIGLIANO 1 - F (MAR) 166 ANDRADE 1 - G (APO) 114 CHIOTI 5 6 G (APO) 151 PARDO 7 - G (APO) 152 KIA 1 - G (ZEN) 134 MALAFEEV 14 - G (ZEN) 170 ZHEVNOV 1 3 G (ZEN) 171 BORODIN 1 - H (BAR) 138 PINTO 1 - H (BAR) 145 VICTOR VALDE 17 5 H (BAR) 155 OIER 1 - H (MIL) 101 ABBIATI 15 7 H (MIL) 106 AMELIA 3 - H (MIL) 167 ROMA 1 - DIFENORI Gr. qu. Cod. Nome Costo Punti A (BMON) 217 BADTUBER 3 5,5 A (BMON) 223 BOATENG 12 5,5 A (BMON) 229 BRENO 2 - A (BMON) 250 CONTENTO 4 - A (BMON) 304 LAHM 13 6 A (BMON) 352 RAFINHA 11 5,5 A (BMON) 393 VAN BUYTEN 9 - A (NAP) 215 ARONICA 7 7,5 A (NAP) 231 BRITO 4 - A (NAP) 235 CAMPAGNARO 10 7 A (NAP) 236 CANNAVARO 9 5 A (NAP) 272 FERNANDEZ 8 - A (NAP) 282 GRAVA 3 - B (CK) 219 BEREZUTKIY A. 7 6,5 B (CK) 220 BEREZUTKIY V. 7 5 B (CK) 288 IGNAEVICH 8 6,5 B (CK) 328 NABABKIN 5 - B (CK) 335 ODIAH 4 - B (CK) 373 CHENNIKOV 6 6 B (CK) 419 FEDOTOV 1 - B (INT) 243 CHIVU 6 4,5 B (INT) 251 CORDOBA 3 - B (INT) 310 LUCIO 11 6 B (INT) 313 MAICON 11 5,5 B (INT) 330 NAGATOMO 7 5,5 B (INT) 356 RANOCCHIA 10 - B (INT) 369 AMUEL 14 6,5 B (INT) 420 FARAONI 1 - C (BA) 203 ABRAHAM 4 5,5 C (BA) 263 DRAGOVIC 7 6 C (BA) 302 KOVAC 3 - C (BA) 341 PARK 5 6 C (BA) 385 TEINHOFER 7 6 C (BEN) 237 CAPDEVILA 5 - C (BEN) 265 EMERON 7 6 C (BEN) 278 GARAY 11 6 C (BEN) 311 LUIAO 12 5 C (BEN) 319 MAXI PEREIRA 10 9 C (BEN) 344 PEIXOTO 4 - C (BEN) 415 JARDEL 2 - C (BEN) 416 LUI MARTIN 2 - D (LIO) 246 CIOKHO 11 6 D (LIO) 254 CRI 6 6,5 D (LIO) 297 KOLODZIEJCZAK 3 - D (LIO) 299 KONE' B. 12 6,5 D (LIO) 308 LOVREN 9 - D (LIO) 360 REVEILLERE 7 6 D (LIO) 421 MENAH 3 - D (REA) 206 ALBIOL 4 - D (REA) 214 ARBELOA 6 5,5 D (REA) 238 CARVALHO 8 - D (REA) 248 COENTRAO 13 4,5 D (REA) 316 MARCELO 10 - D (REA) 345 PEPE 10 6 D (REA) 376 ERGIO RAMO 15 6 D (REA) 409 VARANE 4 - E (BLEV) 239 CATRO 10 6 E (BLEV) 276 FRIEDRICH 7 5 E (BLEV) 295 KADLEC 9 9,5 E (BLEV) 334 OCZIPKA 1 - E (BLEV) 359 REINARTZ 8 5,5 E (BLEV) 375 CHWAAB 5 5 E (BLEV) 390 TOPRAK 6 - E (BLEV) 414 CORLUKA 6 7,5 E (CHE) 228 BOINGWA 8 - E (CHE) 249 COLE A. 13 6,5 E (CHE) 258 DAVID LUIZ 11 5 E (CHE) 290 IVANOVIC 13 6 E (CHE) 342 PAULO FERREIRA 2 - E (CHE) 388 TERRY 13 - E (CHE) 417 CAHILL 4 4 E (CHE) 418 BERTRAND 1 - F (AR) 210 ANDRE ANTO 11 - F (AR) 262 DJOUROU 3 4 F (AR) 301 KOCIELNY 5 4,5 F (AR) 322 MERTEACKER 11 - F (AR) 367 AGNA 7 5 F (AR) 383 QUILLACI 4 - F (AR) 395 VERMAELEN 13 5 F (AR) 412 GIBB 2 5 F (MAR) 216 AZPILICUETA 10 6,5 F (MAR) 261 DIAWARA 11 5,5 F (MAR) 269 FANNI 5 - F (MAR) 326 MOREL 7 6 F (MAR) 333 N'KOLOU 8 6 F (MAR) 366 ABO 3 - F (MAR) 392 TRAORE 4 - G (APO) 224 BOAVENTURA 1 5,5 G (APO) 343 PAULO JORGE 5 7 G (APO) 349 POURAITIDE 1 5 G (APO) 381 OLOMOU 1 - G (APO) 411 OLIVEIRA 3 - G (ZEN) 212 ANJUKOV 8 5,5 G (ZEN) 232 BRUNO ALVE 5 5,5 G (ZEN) 255 CRICITO 9 - G (ZEN) 284 HUBOTAN 6 7,5 G (ZEN) 307 LOMBAERT 9 6 G (ZEN) 312 LUKOVIC 4 - H (BAR) 202 ABIDAL 11 5,5 H (BAR) 204 ADRIANO 10 5,5 H (BAR) 257 DANI ALVE 14 8 H (BAR) 275 FONTA 1 - H (BAR) 347 PIQUE' 11 - H (BAR) 351 PUYOL 10 5,5 H (BAR) 410 MONTOYA 1 - H (BAR) 413 MUNIEA 1 - H (MIL) 201 ABATE 9 6,5 H (MIL) 213 ANTONINI 6 6,5 H (MIL) 225 BONERA 5 - H (MIL) 323 MEXE 8 6 H (MIL) 331 NETA 11 - H (MIL) 378 ILVA T H (MIL) 400 YEPE 4 - H (MIL) 404 ZAMBROTTA 5 - H (MIL) 422 MEBAH 4 - CENTROCAMPITI Gr. qu. Cod. Nome Costo Punti A (BMON) 502 ALABA 8 6,5 A (BMON) 624 KROO 15 5 A (BMON) 629 LUIZ GUTAVO 7 - A (BMON) 671 PRANJIC 4 - A (BMON) 676 RIBERY 22 6,5 A (BMON) 678 ROBBEN 18 6 A (BMON) 689 CHWEINTEIGER 13 - A (BMON) 709 TYMOCHUK 7 5 A (BMON) 710 UAMI 2 - A (NAP) 555 DONADEL 4 - A (NAP) 556 DOENA 8 - A (NAP) 559 DZ I 10 6,5 A (NAP) 579 GARGANO 8 7,5 A (NAP) 593 HAMIK 19 6,5 A (NAP) 605 INLER 15 8 A (NAP) 631 MAGGIO 12 7 A (NAP) 729 ZUNIGA 7 6,5 B (CK) 504 ALDONIN 8 6 B (CK) 558 DZAGOEV 16 5,5 B (CK) 583 GONZALEZ 4 - B (CK) 596 HONDA 11 6,5 B (CK) 634 MAMAEV 5 - B (CK) 672 RAHIMIC 7 - B (CK) 692 EMBERA 6 - B (CK) 747 VERNBLOOM 7 9 B (CK) 748 OLIEH 4 6,5 B (INT) 506 ALVAREZ 11 - B (INT) 535 CAMBIAO 16 6 B (INT) 655 OBI 3 6 B (INT) 670 POLI 4 - B (INT) 698 NEIJDER 18 5,5 B (INT) 702 TANKOVIC 10 5,5 B (INT) 727 ZANETTI 11 6 B (INT) 749 PALOMBO 5 - C (BA) 532 CABRAL 8 - C (BA) 541 CHIPPERFIELD 3 - C (BA) 574 FREI F. 13 5,5 C (BA) 599 HUGGEL 7 6,5 C (BA) 688 CHURPF 4 - C (BA) 695 HAQIRI 12 6,5 C (BA) 723 YAPI YAPO 3 - C (BA) 745 XHAKA G. 6 6 C (BA) 752 TOCKER 8 10 C (BEN) 501 AIMAR 16 5,5 C (BEN) 578 GAITAN 12 6 C (BEN) 610 JAVI GARCIA 7 - C (BEN) 639 MATIC 4 5,5 C (BEN) 681 RUBEN AMORIM 8 - C (BEN) 720 WITEL 11 6,5 C (BEN) 736 CEAR B. 10 5,5 D (LIO) 524 BATO 13 6 D (LIO) 561 EDERON 8 6 D (LIO) 582 GONALON 12 6 D (LIO) 585 GOURCUFF 18 5,5 D (LIO) 588 GRENIER 4 - D (LIO) 615 KALLTROM 8 6 D (LIO) 622 KONE'. 3 - D (LIO) 669 PIED 3 - D (LIO) 742 FOFANA 3 - D (REA) 505 ALTINTOP HAM. 6 - D (REA) 534 CALLEJON 11 6 D (REA) 551 DI MARIA 19 - D (REA) 553 DIARRA 4 - D (REA) 586 GRANERO 5 - D (REA) 614 KAKA' 14 5 D (REA) 619 KHEDIRA 9 6,5 D (REA) 660 OZIL 23 6,5 D (REA) 683 AHIN 8 - D (REA) 721 XABI ALONO 17 5,5 E (BLEV) 517 BALITCH 4 - E (BLEV) 518 BALLACK 12 - E (BLEV) 522 BARNETTA 3 - E (BLEV) 528 BENDER 10 6 E (BLEV) 675 RENATO AUGUTO 8 6 E (BLEV) 679 ROLFE 13 5,5 E (BLEV) 685 AM 11 - E (CHE) 566 EIEN 6 6 E (CHE) 616 KALOU 10 - E (CHE) 625 LAMPARD 20 6 E (CHE) 633 MALOUDA 14 5,5 E (CHE) 638 MATA 21 9,5 E (CHE) 642 MCEACHRAN 1 - E (CHE) 643 MEIRELE 14 5,5 E (CHE) 644 MIKEL 6 - E (CHE) 673 RAMIRE 14 5,5 E (CHE) 746 ROMEU 4 - F (AR) 512 ARHAVIN 10 - F (AR) 513 ARTETA 12 5,5 F (AR) 526 BENAYOUN 11 - F (AR) 552 DIABY 6 - F (AR) 575 FRIMPONG 3 - F (AR) 674 RAMEY 7 5 F (AR) 680 ROICKY 12 5,5 F (AR) 699 ONG 8 5,5 F (AR) 717 WALCOTT 14 5 F (AR) 719 WILHERE 2 - F (MAR) 507 AMALFITANO 6 6 F (MAR) 540 CHEYROU 13 6,5 F (MAR) 554 DIARRA A F (MAR) 612 KABORE' 6 - F (MAR) 628 LUCHO GONZALEZ 14 - F (MAR) 641 MBIA 10 - F (MAR) 711 VALBUENA 19 7 G (APO) 595 HELIO PINTO 5 5 G (APO) 608 JAHIC 1 - G (APO) 635 MANDUCA 9 - G (APO) 636 MARCINHO 5 5,5 G (APO) 654 NUNO MORAI 6 6,5 G (APO) 738 CHARALAMBIDE 6 5 G (APO) 743 ALEXANDROU 3 - G (ZEN) 531 BYTROV 11 7,5 G (ZEN) 550 DENIOV 11 6 G (ZEN) 568 FAJZULIN 8 6 G (ZEN) 600 HUZTI 4 - G (ZEN) 606 IONOV 2 - G (ZEN) 691 EMAK 6 10 G (ZEN) 696 HIROKOV 15 13,5 G (ZEN) 730 ZYRIANOV 9 5,5 G (ZEN) 751 ROINA 4 - H (BAR) 530 BUQUET 12 7 H (BAR) 567 FABREGA 21 7,5 H (BAR) 604 INIETA 19 5,5 H (BAR) 618 KEITA 9 - H (BAR) 637 MACHERANO 11 6 H (BAR) 703 THIAGO ALCANTARA 10 6 H (BAR) 722 XAVI 18 - H (BAR) 741 ERGI ROBERTO 1 - H (BAR) 744 JONATHAN DO ANTO 1 - H (MIL) 508 AMBROINI 8 6 H (MIL) 511 AQUILANI 9 - H (MIL) 529 BOATENG 18 10,5 H (MIL) 562 EL HAARAWY 3 - H (MIL) 563 EMANUELON 6 7 H (MIL) 653 NOCERINO 9 7,5 H (MIL) 690 EEDORF 13 - H (MIL) 714 VAN BOMMEL 8 7,5 H (MIL) 750 MERKEL 3 - ATTACCANTI Gr. qu. Cod. Nome Costo Punti A (BMON) 842 GOMEZ 32 5,5 A (BMON) 873 MUELLER 19 4 A (BMON) 878 OLIC 8 - A (BMON) 890 PETEREN 7 - A (NAP) 825 CAVANI 29 11,5 A (NAP) 861 LAVEZZI A (NAP) 865 LUCARELLI 2 - A (NAP) 882 PANDEV 12 - A (NAP) 937 VARGA 6 - B (CK) 833 DOUMBIA 26 5 B (CK) 874 NECID 8 - B (CK) 914 TOIC 6 5,5 B (CK) 926 CAUNA 5 - B (CK) 934 ERDEROV 2 - B (CK) 938 MUA 10 6,5 B (INT) 838 FORLAN 25 5,5 B (INT) 870 MILITO 22 - B (INT) 887 PAZZINI 20 - B (INT) 922 ZARATE 16 4,5 C (BA) 839 FREI A. 19 5,5 C (BA) 881 PAK 5 - C (BA) 910 TRELLER 15 6,5 C (BA) 931 ZOUA 4 7,5 C (BEN) 822 CARDOZO C (BEN) 876 NOLITO 12 - C (BEN) 904 AVIOLA 9 - C (BEN) 928 RODRIGO 4 6 C (BEN) 932 DJALO 3 - D (LIO) 812 BELFODIL 1 - D (LIO) 816 BRIAND 17 5 D (LIO) 843 GOMI 26 - D (LIO) 860 LACAZETTE 8 10 D (LIO) 864 LIANDRO 23 5 D (REA) 813 BENZEMA 36 - D (REA) 845 HIGUAIN 21 5,5 D (REA) 899 RONALDO E (BLEV) 831 DERDIYOK 15 - E (BLEV) 852 JORGENEN N. 4 - E (BLEV) 855 KIELING 19 6 E (BLEV) 905 CHURRLE 18 6 E (CHE) 834 DROGBA 26 6 E (CHE) 913 TORRE 29 - E (CHE) 933 TURRIDGE 8 6 F (AR) 826 CHAMAKH 10 - F (AR) 840 GERVINHO 17 - F (AR) 884 PARK CHOU-YOUNG 12 - F (AR) 916 VAN PERIE 29 5,5 F (AR) 925 OXLADE-CHAMBERLAIN 4 5 F (AR) 930 HENRY 8 5,5 F (MAR) 807 AYEW A F (MAR) 808 AYEW J. 7 6 F (MAR) 841 GIGNAC 18 - F (MAR) 894 REMY 22 - F (MAR) 935 BRANDAO 9 5,5 G (APO) 804 AILTON 13 5 G (APO) 907 OLARI 2 5 G (APO) 915 TRICKOVKI 7 5,5 G (ZEN) 818 BUCHAROV 7 - G (ZEN) 828 DANNY 16 - G (ZEN) 853 KERZHAKOV 15 6 G (ZEN) 862 LAZOVIC 14 - H (BAR) 802 AFELLAY 6 - H (BAR) 869 MEI 45 11,5 H (BAR) 888 PEDRO 30 6 H (BAR) 903 ANCHEZ 21 13,5 H (BAR) 918 VILLA 30 - H (BAR) 929 CUENCA 6 - H (MIL) 847 IBRAHIMOVIC H (MIL) 885 PATO 27 - H (MIL) 895 ROBINHO H (MIL) 936 MAXI LOPEZ 7 -

15 ERIE A VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 15 DAL 2002 A FIRENZE Breve storia dei fratelli Della Valle in viola Della Valle costituiscono una nuova società, la Florentia Viola che, dopo il fallimento, riparte dalla C I Della Valle acquistano marchio e colori della vecchia Fiorentina Andrea Della Valle si dimette da carica di presidente della Fiorentina Diego Della Valle annuncia dimissioni da carica di presidente onorario Luglio 2011 Andrea Della Valle torna a ricoprire la carica di presidente onorario y «E pazzesco discutere ancora la fedeltà dei Della Valle» Andrea: «Metterò altri 25 milioni per il bilancio e su Jovetic costruiremo la nuova Fiorentina» ALEANDRA GOZZINI FIRENZE Considerato che l'amore nel pallone si quantifica anche in milioni di euro, certi discorsi sembrerebbero in contrasto con l evidenza: «Mi sorprendo quando sento parlare di disamore dei Della Valle verso la Fiorentina, ancora dobbiamo finire di pagare il nuovo centro sportivo, investimento da sei milioni di euro. Per una proprietà che se ne vuole andare, mi sembra un bel controsenso. e poi a qualcuno fa comodo dire che ce ne andiamo allora è un'altra storia». Altro rilevantissimo bonifico quello pianificato tra qualche settimana. Ancora ADV: «Metterò altri venticinque milioni per ripianare la perdita in bilancio: tra chi ha gli introiti della Champions e chi ha un fatturato triplo rispetto al nostro, non vedo altri presidenti che fanno come me. ono orgoglioso di quello che è stato costruito qui e che, spero mai, in futuro lascerò. Mio fratello Diego soffre come me, tornerà presto a seguire le partite». Credito Dunque, non c'è alcuna ritirata della proprietà, se c'è logorio è nel prestarsi ai soliti argomenti: «Dopo dieci anni sentir sempre mettere in discussione la fedeltà dei Della Valle è pazzesco». Nel periodo di gestione rientrano la scalata di quattro categorie e le gite in Europa: eventi che secondo la proprietà dovrebbero costituire un ingente credito, specie di fronte all'ultimo biennio di depressione. Anche su questo Della Valle frena: «Parliamo di difficoltà solo per l'ultimo anno e mezzo, ora pensiamo a fare quei punti che ci diano serenità per provare a fare un altro tipo di campionato: non vorremo un'altra stagione anonima. Quello che fa il Napoli con più fortuna è quello che abbiamo già fatto noi». Anche il tempo è un concetto che può giocare a favore: «Come in cinque giorni siamo tornati a parlare di crisi viola, in cinque giorni tutto può ricambiare in positivo». Blindato Altro accertamento della solidità del vincolo Della Valle-Fiorentina è l'autografo sul lungo contratto di Jo-Jo: «Cosa possiamo fare più che blindarlo? Vogliamo aprire un nuovo ciclo e ricostruire un futuro importante intorno a lui, che non mi sembra proprio uno che sotto-sotto se ne vuole andare». Nell'attualità viola lampeggiano altri due temi: il nuovo stadio e il rinnovo di Corvino. Punto uno: «C'è la buona volontà del indaco e Da sinistra Diego (58 anni) e Andrea (46) Della Valle. otto tefan Jovetic, 22 anni IMAGE-PIERANUNZI lo ringrazio, ma finché non vedo un progetto non posso essere tanto ottimista. e si può fare sarò il primo a volerlo». Punto due: «Quando Corvino tornerà parleremo per trovare un accordo. Intanto faccio gli auguri a sua mamma che non sta bene». Appello Andrea Della Valle è in città, cosa non insolita per il week-end, ma presenza che stavolta ha più valore, considerato il momento di desolazione viola: «Faccio un appello ai tifosi, chiedo loro di starci vicino. La loro amarezza è anche la mia, ma non mollo. Tutto il gruppo vuole restituire il sorriso alla gente: fidatevi di noi, ne usciremo stando uniti. Non accetto più episodi come gli sputi in tribuna, anche se gli errori ci sono stati e a giugno saremo di fronte alla città a renderne conto». COPPA ITALIA PRIMAVERA Per i baby viola c è la semifinale contro la Juve (a.g.-a.m.) Quattro giorni dopo la vittoria in finale contro la Roma alla Viareggio Cup, la Juve di Baroni torna in campo (oggi alle diretta portitalia) sul campo del Chisola, per la semifinale di ritorno (andata 0-0) di Coppa Italia contro la Fiorentina. E la 4 a sfida stagionale contro i viola (detentori del trofeo). In finale c è già la Roma. La Fiorentina invece è col punto interrogativo Zohore, centravanti viola non al top per un problema al tendine. emplici spera di recuperarlo, altrimenti Acosty farà la prima punta. PREENTATO RICORO Fallimento Fiorentina: Cecchi Gori a trasburgo ROMA L ex presidente della fiorentina, Vittorio Cecchi Gori ha presentato ricorso alla Corte Europea dei diritti dell'uomo a trasburgo «contro lo tato italiano ed i suoi organi giurisdizionali per le patenti e sistematiche violazioni della convenzione dei diritti dell'uomo perpetrate nella vicenda processuale relativa al fallimento della Fiorentina». Il ricorso è stato proposto dalla Regal srl, società facente capo a Cecchi Gori. Lo ha reso noto ieri l Avv. Gianfranco Passalacqua, che assiste Cecchi Gori e la Regal. «La condanna a 15 anni di carcere per le accertate manipolazioni delle procedure fallimentari a lui assegnate (tra le quali, ovviamente, quella della Fiorentina) inflitta dal Tribunale di Genova poche settimane fa al giudice Puliga (relatore del fallimento Fiorentina) costituisce l'indizio più evidente della assoluta assenza di terzietà, serenità ed indipendenza del collegio fallimentare, tale da inficiare radicalmente la legittimità dell'intero iter giudiziario. Desta sconcerto prosegue il legale la successiva e sistematica condotta delle autoritá giudiziarie adite, fino all'ultima sentenza della Cassazione, che hanno nel corso degli anni sempre rigettato le doglianze di Cecchi Gori e della Regal, società che deteneva il pacchetto totalitario della Fiorentina». Gazzetta.it Gazza Tv f Ezequiel Lavezzi, 26 anni ANA GAZZA CHAMPION E L INCREDIBILE PAPERA BRAILIANA Tutto quello che bisogna sapere sulla tornata di Champions: è in onda la nuova puntata di Gzzza Champions, la rubrica di Alessandro de Calò. Restando in ambito internazionale, guarda le incredibile immagini che arrivano dal Brasile... L INCIDENTE DI IBRA LA AGA DEI MOER E LA TOP HORROR Le immagini di Ibra e di quello che è successo con la giornalista a Milanello. Top Horror udamerica, la collezione del peggio. Infine la nuova puntata di Bike: Antonino Morici intervista Moreno Moser, nipote di Francesco e vincitore a Laigueglia Taccuino NOVARA Mazzarani in forma A segno 5 volte NOVARA Amichevole infrasettimanale per il Novara di Mondonico che domenica giocherà in trasferta a Catania. I piemontesi hanno affrontato la formazione del Bassa Val usa imponendosi per 7-0. In evidenza il centrocampista Andrea Mazzarani che ha realizzato cinque reti. Di Rubino e Coubronne le altre due. PARMA Accordo con i cinesi dello Jangsu ainty PARMA (s.p.) Il Parma guarda al calcio cinese. Ufficializzato un accordo tecnico con lo Jangsu ainty. Due giovani della società cinese, Qu Cheng (punta, 89) e Yang Xiao-Tian (difensore, 90), si alleneranno a Parma per 3 settimane. GIUDICE PORTIVO Una giornata per Calaiò Il giudice sportivo, dopo il recupero iena-catania, ha squalificato per 1 turno Calaiò (iena). DONNE Roma travolta La B è a un passo (g.l.g.) Roma k.o. nel recupero: la sconfitta la condanna praticamente alla retrocessione: Riviera di Romagna-Roma 3-0. GIOVANI L U15 vince in Belgio A segno Casiraghi jr L Under 15 di Rocca vince a Malines (Bel): 4-0 al Belgio con reti di Casiraghi jr, Minelli e doppietta di Bonazzoli. Vuoi Internet a velocità supersonica? Ovunque sei, scegli Tooway! Chiama il o visita Internet a 10 Mbps Telefonate via Internet A partire da 1 al giorno Kit gratuito* *In base al piano tariffario scelto Powered by kylogic, a Eutelsat company.

16 16 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 ERIE A 25 a GIORNATA La Classifica QUADRE PT PARTITE RETI G V N P F MILAN JUVENTU UDINEE LAZIO ROMA NAPOLI INTER PALERMO CAGLIARI CATANIA CHIEVO GENOA FIORENTINA BOLOGNA PARMA ATALANTA* IENA LECCE NOVARA CEENA CHAMPION PRELIMINARI CHAMPION EUROPA LEAGUE RETROCEIONE La classifica tiene conto di quest ordine preferenziale: 1) punti; 2) a parità di partite giocate, la differenza reti; 3) numero di gol segnati. *Atalanta ha sei punti di penalizzazione GENOA (4-4-2) PARMA (3-5-2) DOMANI ore 18 ARB. Romeo (and. 1-3) 1 FREY METO GRANQVIT KALADZE CONTANT 7 25 ROI BELLUCHI 11 JANKOVIC 10 6 LUCARELLI 4 VELOO 8 PALACIO 33 KUCKA GIOVINCO FLOCCARI MODETO VALIANI MARIGA MUACCI MORRONE 19 FERRARIO MIRANTE 5 ZACCARDO PANCHINA 22 Lupatelli, 24 Moretti, 3 Carvalho, 31 ampirisi, 10 Birsa, 19 Jorquera, 9 Zé Eduardo. ALLENATORE Marino. BALLOTTAGGI Mesto-Carvalho 60-40%. QUALIFICATI culli (1), Biondini (1). DIFFIDATI Granqvist. INDIPONIBILI Bovo (10 giorni), Antonelli (20 giorni), Gilardino (10 giorni). PANCHINA 1 Pavarini, 33 antacroce, 2 Jonathan, 18 Gobbi, 8 Galloppa, 7 Biabiany, 21 Okaka. ALL. Donadoni. BALLOTTAGGI Modesto-Gobbi 55-45%, Valiani-Jonathan 55-45%, Morrone-Galloppa 55-45%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Morrone, Valiani. INDIPONIBILI Paletta, Palladino e Brandao (da verificare). MILAN ( ) JUVENTU (3-5-2) DOMANI ARB. Tagliavento (0-2) 32 ABBIATI ABATE NETA THIAGO ILVA ANTONINI NOCERINO VAN BOMMEL MUNTARI 28 7 EMANUELON 70 PATO ROBINHO VUCINIC QUAGLIARELLA PEPE LICHTTEINER MARCHIIO PIRLO VIDAL CHIELLINI BONUCCI BARZAGLI 1 BUFFON PANCHINA 1 Amelia, 5 Mexes, 25 Bonera, 15 Mesbah, 23 Ambrosini, 92 El haarawy, 9 Inzaghi. ALLENATORE Allegri. BALL. Antonini-Mesbah 70-30%. QUALIFICATI Ibrahimovic (1). DIFFI- DATI Antonini, Bonera, Mesbah, eedorf, Aquilani. INDIPONIBILI Gattuso e Cassano (da valutare), Merkel (30 giorni) Boateng (2 giorni), tasser (35 giorni), eedorf (25 giorni), Maxi Lopez (2 giorni). PANCHINA 30 torari, 4 Caceres, 24 Giaccherini, 28 Estigarribia, 23 Borriello, 10 Del Piero, 32 Matri. ALLENATORE Conte. BALLOTTAGGI Quagliarella-Matri 55-45%; Pepe-Estigarribia 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Pepe, Lichtsteiner, Giaccherini. INDIPONIBILI Marrone (7 giorni). ATALANTA ( ) ROMA ( ) DOMENICA ore 15 ARB. Damato (1-3) 3 LUCCHINI 18 CARROZZA 47 CONIGLI TENDARDO MANFREDINI PELUO 33 BRIGHI 89 MARILUNGO 21 CIGARINI 19 DENI 11 MORALEZ 9 OVALDO 8 31 BORINI LAMELA PJANIC DE ROI GAGO TADDEI HEINZE JUAN ROI 24 TEKELENBURG PANCHINA 78 Frezzolini, 6 Bellini, 44 Cazzola, 7 chelotto, 10 Bonaventura, 28 Gabbiadini, 90 Tiribocchi. ALLENATORE Colantuono. BALLOTTAGGI Carrozza-chelotto 60-40%. QUALIFICATI Doni (febbraio 2015). DIFFIDATI Capelli, Consigli, Denis, Marilungo, Moralez, Peluso. INDIPONIBILI Capelli (maggio 2012), Carmona (1 settimana). PANCHINA 1 Lobont, 3 Josè Angel, 44 Kjaer, 30 implicio, 23 Greco, 7 Marquinho, 14 Bojan. ALLENATORE Luis Enrique. BALLOTTAGGI Juan-Kjaer 60-40%, Rosi-Josè Angel 60-40%, Gago-implicio-Marquinho %. QUALIFICATI Totti (1). DIFFIDATI Cassetti, Gago, Juan. INDIPONIBILI Burdisso (90 giorni). CAGLIARI ( ) LECCE (3-5-2) DOMENICA ore 15 ARB. Rocchi (2-0) 1 AGAZZI PIANO CANINI ATORI AGOTINI DEENA CONTI NAINGGOLAN 7 19 COU 51 THIAGO RIBEIRO PINILLA MURIEL DI MICHELE BRIVIO CUADRADO 28 GIACOMAZZI BERTOLACCI DELVECCHIO MIGLIONICO CARROZZIERI ODDO 81 BENAI PANCHINA 25 Avramov, 24 Perico, 2 Gozzi, 3 Ariaudo, 20 Ekdal, 23 Ibarbo, 9 Larrivey. ALLENATORE Ballardini. BALLOTTAGGI Cossu-Ibarbo 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Agostini, Agazzi. INDIPONIBILI El Kabir (10 giorni), Rui ampaio (10 giorni), Eriksson (30 giorni). PANCHINA 27 Julio ergio, 5 Esposito, 40 Tomovic, 3 Di Matteo, 6 Giandonato, 10 Bojinov, 11 eferovic. ALLENATORE Cosmi. BALLOTTAGGI Miglionico-Esposito 60-40%; Bertolacci-Giandonato 55-45%. QUALIFICATI Obodo (1), Blasi (1). DIFFIDATI Corvia, Esposito, Tomovic. INDIPONIBILI Grossmuller (20 giorni). CATANIA (4-3-3) NOVARA (5-3-2) DOMENICA 15 ARB. Calvarese (3-3) 20 MOTTA CARRIZO MARCHEE LEGROTTAGLIE POLLI BIAGIANTI LODI ALMIRON GOMEZ BERGEIO CATELLANI 29 CARACCIOLO 25 MACARA RIGONI RADOVANOVIC PORCARI GARCIA ILVA 30 CENTURIONI 1 UJKANI LIUZZO 4 3 GEMITI PANCHINA 1 Kosicky, 16 Llama, 14 Bellusci, 8 eymout, 19 Ricchiuti, 22 Ebagua, 7 Lanzafame. ALLENATORE Montella. BALLOTTAGGI Biagianti-Ricchiuti 60-40%, Motta-Bellusci 70-30%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Lodi e Potenza. INDIP. Capuano, uazo, Izco, e Potenza (da definire), Campagnolo (10 giorni), Texeira (non in sede), Barrientos (7 gg). PANCHINA 31 Fontana, 14 Morganella, 24Paci, 77Rinaudo, 21Mazzarani, 9 Rubino, 27 Jeda. ALLENATORE Mondonico. BALLOTTAGGI Mascara Jeda 60-40%, Porcari Jeda 60-40%, Porcari Mazzarani 70-30%. QUALIFICATI Pesce (1). DIFFIDATI Marianini. INDIPONIBILI Ludi (20 giorni), Marianini (da valutare), Morimoto (da valutare), Jensen (7 giorni). MARCATORI 17 RETI: Di Natale (3) (Udinese) 15 RETI: Ibrahimovic (6) (Milan); Cavani (2) (Napoli) 12 RETI: Denis (3) (Atalanta); Jovetic (4) (Fiorentina); Palacio (2) (Genoa); Milito (3) (Inter); Klose (Lazio) 11 RETI: Miccoli (1) (Palermo) 10 RETI: Calaiò (4) (iena) 9 RETI: Matri (Juventus); Giovinco (3) (Parma) 8 RETI: Di Vaio (1) (Bologna) 7 RETI: Mutu (2) (Cesena); Hernanes (3) (Lazio); Di Michele (3) (Lecce); Nocerino (Milan); Osvaldo (Roma); Lodi (5) (Catania); 6 RETI: Marchisio (Juventus); Hamsik (Napoli); M. Rigoni (3) (Novara) 5 RETI: Moralez (Atalanta); Bergessio (Catania); Thereau (Chievo); Jankovic (Genoa); Pazzini (Inter); Pepe (Juventus); Rocchi (Lazio); Lavezzi e Pandev (Napoli); Budan (Palermo); Borini (Roma); Destro (iena) CHIEVO ( ) CEENA ( ) DOMENICA 15 ARB. De Marco (0-0) 54 ORRENTINO ARDO ANDREOLLI ACERBI JOKIC LUCIANO RIGONI HETEMAJ 8 31 CRUZADO 23 PELLIIER PALOCHI 10 MUTU 7 9 IAQUINTA ANTANA PAROLO COLUCCI GUANA PUDIL ROI RODRIGUEZ CECCARELLI 1 ANTONIOLI IENA (4-4-2) PALERMO ( ) DOMENICA 15 ARBITRO Gava (0-2) VITIELLO 2 19 TERZI 25 PEGOLO 13 ROETTINI DEL GROO 3 7 GIORGI 8 VERGAOLA 14 GAZZI 23 BRIENZA DETRO BOGDANI MICCOLI 27 BUDAN ILICIC BARRETO DONATI MIGLIACCIO 42 MANTOVANI BALZARETTI 2 1 VIVIANO ILVETRE 3 31 PIANO BOLOGNA ( ) UDINEE ( ) DOMENICA ARB.Mazzoleni (0-2) 1 GILLET RAGGI PORTANOVA ANTONON PULZETTI PEREZ MUDINGAYI MORLEO 10 6 RAMIREZ 9 TAIDER DI VAIO ARMERO DOMIZZI 83 FLORO FLORE 20 AAMOAH PAZIENZA 4 25 TORJE 6 FERNANDE 5 DANILO 1 HANDANOVIC BATA 8 17 BENATIA LAZIO ( ) FIORENTINA (3-5-2) DOMENICA ARB. Brighi (2-1) 22 MARCHETTI KONKO BIAVA TANKEVICIU LULIC 6 15 GONZALEZ 8 24 LEDEMA 87 MAURI HERNANE CANDREVA 25 KLOE 8 JOVETIC 11 AMAURI PAQUAL MONTOLIVO DE ILVETRI LAZZARI BEHRAMI 15 NATAIC 14 NATALI 1 BORUC 31 CAMPOREE NAPOLI ( ) INTER ( ) DOMENICA ARB. Bergonzi (3-0) 1 DE ANCTI CAMPAGNARO CANNAVARO ARONICA 11 MAGGIO 23 GARGANO 88 INLER 8 DOENA PANDEV 7 LAVEZZI CAVANI 22 MILITO 10 9 FORLAN NEIJDER CAMBIAO TANKOVIC POLI AMUEL NAGATOMO LUCIO 6 1 JULIO CEAR 4 ZANETTI PROIMO TURNO RECUPERI Mercoledì 7 marzo ore CEENA-CATANIA (22 a gio.) (0-1) BOLOGNA-JUVENTU (23 a gio.) (1-1) PARMA-FIORENTINA (23 a gio.) (0-3) 26 a GIORNATA abato 3 marzo PALERMO-MILAN (ore 18) (and. 0-3) JUVENTU-CHIEVO (ore 20.45) (0-0) Domenica 4 marzo ore 15 PARMA-NAPOLI (ore 12.30) (2-1) BOLOGNA-NOVARA (2-0) FIORENTINA-CEENA (0-0) LECCE-GENOA (0-0) ROMA-LAZIO (1-2) IENA-CAGLIARI (0-0) UDINEE-ATALANTA (0-0) INTER-CATANIA (ore 20.45) (1-2) PANCHINA 17 Puggioni, 21 Frey, 12 Cesar, 36 Gulan, 25 Vacek, 9 Moscardelli, 90 Uribe. ALLENATORE Di Carlo. BALLOTTAGGI Paloschi-Moscardelli 55-45%, Andreolli-Cesar 60-40%. QUALIFICATI Thereau, Dramé, Bradley (1). DIFFIDATI Mandelli, Pellissier, Luciano, ammarco, Dainelli, ardo, Andreolli. INDIPONIBILI ammarco (5 giorni), Morero (5 giorni). PANCHINA 88 Ravaglia, 6 Lauro, 16 Comotto, 28 Benalouane, 15 Martinho, 55 Martinez, 17 Malonga. ALL. Beretta. BALLOTTAGGI Ceccarelli-Comotto 55-45%, Rossi-Lauro 55-45%, Pudil-Martinho 55-45%, Colucci-Martinez 90-10%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Guana, Mutu, Parolo, Rodriguez, Von Bergen. INDIP. Djokovic (da valut.), Moras (5 gg), Von Bergen (30 gg). PANCHINA 12 Farelli, 26 Pesoli, 21 Rossi, 36 Bolzoni, 55 Parravicini, 70 Mannini, 18 Gonzalez. ALLENATORE annino. BALLOTTAGGI Gazzi-Bolzoni 55-45%. QUALIFICATI Calaiò (1). DIFFIDATI Rossi, Destro, Brienza. INDIPONIBILI Brkic (7 giorni), D'Agostino (7 giorni), Angelo (2 giorni). PANCHINA 33 Tzorvas, 6 Munoz, 20 Acquah, 7 Della Rocca, 14 Bertolo, 17 Vazquez, 16 Zahavi. ALLENATORE Mutti. BALLOTTAGGI Ilicic-Zahavi 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Hernandez, Pisano, Bertolo, ilvestre. INDIPONIBILI Hernandez (da valutare), Bacinovic (15 giorni). PANCHINA 25 Agliardi, 21 Cherubin, 48 Rubin, 8 Garics, 33 Kone, 77 Gimenez, 99 Acquafresca. ALLENATORE Pioli. BALLOTTAGGI Pulzetti-Garics 60-40%, Taider-Kone 60-40%. QUALIFICATI Diamanti (1). DIFFIDATI Di Vaio, Mudingayi e Raggi. INDIPONIBILI Loria (5 giorni). PANCHINA 21 Padelli, 32 Ferronetti, 16 Coda, 26 Pasquale, 18 Battocchio, 31 Fabbrini, 9 Barreto. ALL. Guidolin. BALLOTTAGGI Torje-Fabbrini 70-30% Armero-Pasquale 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Isla e Domizzi. INDIPONIBILI Di Natale (7 giorni), Pinzi (7 giorni), Badu (50 giorni), Isla (stagione finita), Abdi (da valutare). PANCHINA 1 Bizzarri, 5 caloni, 78 Zauri, 14 Garrido, 41 Zampa, 53 Rozzi, 18 Kozak. ALLENATORE Reja. BALLOTTAGGI Candreva-Zauri 60-40%. QUALIFICATI Dias e Matuzalem (1). DIFFIDATI Candreva, Dias, Hernanes, Radu. INDIPONIBILI Brocchi (10 giorni), Cana (10 giorni), Radu (5 giorni), Rocchi (10 giorni). PANCHINA 89 Neto, 19 Felipe, 17 alifu, 32 Marchionni, 6 Vargas, 7 Cerci, 22 Ljajic. ALLENATORE Rossi. BALLOTTAGGI Camporese-Felipe 55-45%. QUALIFICATI Gamberini (1), Cassani (1), Olivera (3). DIFFIDATI Behrami, Nastasic, Montolivo. INDIPONIBILI Kroldrup (10 giorni), Kharja (10 giorni). PANCHINA 83 Rosati, 2 Grava, 23 Fernandez, 85 Britos, 18 Zuniga, 20 Dz i, 16 Vargas. ALLENATORE Mazzarri. BALLOTTAGGI Pandev-Dz i 55-45%, Campagnaro-Grava 55-45%. QUALIFICATI Hamsik (1). DIFFIDATI Aronica, Inler, Dz i, Zuniga, Britos. INDIPONIBILI nessuno. PANCHINA 12 Castellazzi, 2 Cordoba, 26 Chivu, 37 Faraoni, 20 Obi, 7 Pazzini, 28 Zarate. ALLENATORE Ranieri. BALLOTTAGGI Nagatomo-Chivu 60-40%, Poli-Obi 60-40%. QUALIFICATI Castaignos (3). DIFFIDATI nessuno. INDIPONIBILI Maicon (15-20 gg.), Ranocchia (3 settimane), Guarin e Alvarez (2 settimane) IL PERONAGGIO GIALLOROI TRAFORMATI: 13 PUNTI NELLE ULTIME 11 PARTITE Cosmi: «Il Lecce mi sta facendo godere» Il tecnico vive un momento magico: «Ma non sono solo un grande motivatore» GIUEPPE CALVI LECCE Non ne può più di essere etichettato solo come «grande motivatore». erse Cosmi prova a spingersi oltre il solito clichet: con i 13 punti conquistati nelle 11 partite (media-gara 1,18 punti) della sua gestione, il Lecce sarebbe salvo, limitatamente alla classifica del relativo periodo. «Basta con la storia del Cosmi che trasmette solo cattiveria agonistica - dice il tecnico perugino -. D altra parte, non immagino un allenatore che non sappia essere pure motivatore. Il Lecce mi sta facendo godere e il successo sul iena mi ha riportato alla mia ultima straordinaria gioia. Col Palermo vincemmo contro l imbattuto Milan, però 20 minuti dopo la fine dell incontro capii che per me sarebbe stata la vittoria di Pirro. apevo che presto si sarebbe chiusa la mia avventura con Zamparini». «Dimentichiamo iena: per restare in erie A, servono 6 vittorie e un pari Come Mazzone Nel alento hanno amato subito l uomo del fiume, soprattutto perché la gente rivede in lui Mazzone, condottiero di un Lecce guerriero. «ono orgoglioso di essere accostato a Carletto, che mi considera quasi un suo figlioccio, per il carattere e la determinazione sottolinea Cosmi. La scorsa estate ci siamo incontrati al mare, a an Benedetto del Tronto. Ho avvertito l effetto Mazzone anche a Perugia e Brescia, dove erse Cosmi, 53 anni LEZZI ha fatto tanto bene. Mi piacerebbe lasciare, come lui, il marchio sulla salvezza del Lecce. Ma dimentichiamo l exploit contro il iena. Già a Cagliari ci tocca un compito duro. Per restare in A, dobbiamo ottenere 6 vittorie e un pareggio. Dopo il k.o. del iena col Catania è una corsa a 4 per la salvezza? No, ci saranno le solite sorprese». Piccoli fenomeni Nel 2012 i giallorossi si sono trasformati: in 8 incontri, 12 punti, 9 reti segnate e 6 subite, solo Juve (3) e Milan (5) hanno incassato meno gol. erse coccola qualche protagonista in casa Lecce. «Merito di tutta la squadra se ora subiamo pochi gol: penso anche a Blasi, con lui in campo non abbiamo mai perso. Di Michele e Giacomazzi sono esempi per come sanno sacrificarsi e David ha firmato 7 reti nelle mie 11 partite. Muriel e Cuadrado entro 2-3 anni finiranno in un grande club. Il primo già adesso vale più del anchez che esplose nell Udinese; non mi sorprenderei se lo vedessi giocare nel Barcellona o nel Real Madrid. Cuadrado mi ricorda, per la fase offensiva, Moriero, rispetto al quale ha più corsa ma meno tecnica. Tra i giocatori più forti che ho allenato, metto in fila Miccoli, tra gli italiani, Hamsik e O Neill tra gli stranieri. Il simbolo della crescita del Lecce è Brivio. Quando arrivai, mi metteva paura ogni volta che toccava il pallone; ora mi dà sicurezza anche se lo utilizzo come marcatore centrale».

17 VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 17 L iniziativa Il Bologna torna a scuola per reclutare baby tifosi NICOLA ZANARINI BOLOGNA Il Bologna torna a scuola per allevare tifosi in erba e sottrarne qualcuno al fascino di Juve, Milan ed Inter. Da marzo ogni martedì Ramirez e compagni soddisferanno a turno le curiosità dei potenziali piccoli fans rossoblù nella speranza di attirarne qualcuno allo stadio con la famiglia. «I bambini hanno molta voglia di sapere come si diventa calciatori e ti fanno domande belle ed inaspettate; in un ora recepiscono tanto e questi incontri sono molto formativi non solo per loro ma anche per noi» spiega Di Vaio, che ha girato le scuole di Parma e dintorni per un anno quando giocava in gialloblù. «Nelle giovanili della Lazio ti lasciavano a casa per un paio di mesi se avevi una brutta pagella. Il mio rapporto con la scuola era di odio-amore, odio per le aule e amore per i campi da calcio» scherza Di Vaio in conferenza prima di essere bacchettato per ben due volte dalla Direttrice dell Ufficio Provinciale di Bologna. La romanista Maria Luisa Martinez ha rimproverato Di Vaio sia per il passato biancoceleste che per l avversione per la matematica, sua ex materia d insegnamento. Gillet era invece un disastro in storia ma molto portato per le lingue. «Questa iniziativa mi fa sentire una grande responsabilità perché da bambino impazzivo per i giocatori. Il calcio può lanciare messaggi molto diretti e dobbiamo stare attenti a come i più piccoli recepiscono le nostre parole e gli atteggiamenti in campo». Genoa FILIPPO GRIMALDI GENOVA Ferraris, prato k.o. E l Italia cerca casa Zolle nuove dopo Genoa-Parma Fino a mercoledì campo inagibile «U l è un tappullo», hanno esclamato ieri i tifosi rossoblucerchiati, alla notizia dell ennesima rizollatura del Ferraris, poche settimane dopo l ultimo rifacimento del prato. In dialetto, sotto la Lanterna, si dice così: una toppa, una soluzione provvisoria, destinata a non risolvere i mali di uno stadio che sta diventando un problema (e un onere) per troppi. Però mercoledì prossimo arrivano gli azzurri di Prandelli, e dopo la foto che domenica scorsa ha fatto il giro d Italia (con i giocatori del Genoa mentre cercano di rimettere a posto una maxizolla saltata nella gara col Chievo), è stato necessario correre subito ai ripari. Niente rifinitura? In breve: l anticipo di domani Genoa-Parma verrà giocato su un prato parzialmente rifatto. Poi, a fine gara, avanti con le ultime zolle nuove da sistemare. A quel punto il Ferraris dovrà probabilmente osservare ore di riposo, e pazienza se sulla carta sono previste due sedute pre-gara dell Italia a Marassi (lunedì e martedì pomeriggio), oltre a una terza a porte chiuse al «ignorini», la casa del Genoa, martedì mattina. Il gol di Thereau e in primo piano le zolle di Marassi ANA Atalanta GUIDO MACONI BERGAMO E l ora di riposare, soldato chelotto Niente Roma per l esterno e si torna al : tocca a Carrozza L Atalanta cambia di nuovo volto: contro la Roma si torna al e si va verso l esclusione di chelotto. Niente «lupa» per il «levriero», almeno dall inizio. Il Galgo che finora ha saltato una sola partita per squalifica, ieri è stato schierato con le riserve e domenica potrebbe far riposare il motore, finora sfruttato sempre a pieno regime con mille corse sulla fascia destra. L esterno italo-argentino è stato tra i più impiegati e solo in altre due partite era partito dalla panchina, a Bologna e in casa con il Cesena. Ora potrebbe tirare il fiato e recuperare energie preziose per chiudere in crescendo il campionato. Ieri Colantuono nella sgambata contro la Primavera ha presentato coi titolari Carrozza, che in poche settimane a Bergamo ha scalato i gradi e conquistato la fiducia di tutti. Colantuono ripresenta anche la difesa a quattro, consegna le chiavi del centrocampo a Brighi e Cigarini e per infilare la Roma pensa a due esterni rapidi (Moralez e appunto Carrozza) con Marilungo e Denis in attacco. Intanto arrivano buone notizie per Capelli: dopo l operazione al crociato di 3 mesi fa, può tornare in tempo per le ultime giornate di campionato. Roma senza Totti Ci prova Lamela 5 k.o. in 7 gare per i giallorossi senza il capitano L argentino sbarca nella eleccion e si candida Roma MAIMO CECCHINI ROMA Freudianamente, si dice che per diventare adulti occorrere uccidere il padre (in modo simbolico, è ovvio). Più modestamente, la Roma bambina, quella finora condannata agli alti e bassi da immaturità congenita, avrebbe bisogno, se necessario, di saper andare avanti anche senza il papà virtuale che da vent anni la scorrazza in giro per il mondo: Francesco Totti. Una prova d appello per i giallorossi è già in calendario per domenica, perché la squadra di Luis Enrique giocherà a Bergamo contro l Atalanta senza il proprio capitano, squalificato (tatticamente) in vista del derby in programma il 4 marzo. Bilancio negativo Fin qui lo score della Roma senza Totti è negativo, se si pensa che nelle 7 occasioni in cui è stato assente sono arrivate 5 sconfitte (Lazio, Udinese, Genoa, Milan e Fiorentina) e 2 sole vittorie (Palermo e Novara). E allora urgono rimedi. Quali? Candidato a prendere il posto del numero dieci è Erik Lamela, il 19enne talento argentino che dal giorno del suo esordio (ad ottobre proprio contro il Palermo) ha sempre giocato, partendo solo due volte dalla panchina, l ultima domenica col Parma. Tra l altro, il ragazzo non va in gol in campionato dal suo esordio e non è escluso che risbloccarsi gli servirebbe. Catania FRANCECO CARUO CATANIA Carrizo, la rinascita «Qui sono sereno» «Dopo i problemi familiari adesso mi sento più forte» Pablo Carrizo è proprio l ultimo. E come scrive Matteo nel Vangelo, gli ultimi saranno i primi. Ultimo ad essere arrivato a Catania, ingaggiato nel mercato di riparazione, o invernale che dir si voglia. E ultimo dei 4 portieri che quest anno han difeso la porta del Catania. Dopo Andujar, Campagnolo e Kocicky, ecco un altro argentino, che tanto alle falde dell Etna son sempre i benvenuti. Un record, almeno in questo campionato, che valeva la pena stabilire, visto il risultato. Vetrina Argentina A Bergamo potrebbe essere il giorno giusto per tornare protagonista, tanto più che il giovane è gasato per la convocazione con la Nazionale per l amichevole del 29 febbraio a Berna contro la vizzera. A maggio Lamela aveva fatto il suo esordio con la elecciòn,ma in un gruppo privo di alcune stelle. tavolta invece è diverso, perché il giovane potrà giocare con Messi, Higuain, Aguero, Di Maria e tutti i quarti di nobiltà a disposizione del c.t. abella. Insomma, quanto basta perché Lamela ci tenga mettere in vetrina tutto il suo (grande) talento. Opzione Pjanic Occhio, però, se è vero che l argentino ha sempre detto di preferire il ruolo di trequartista a quello di punta pura, in assenza di Totti dietro le punte ha giocato spesso anche Pjanic, quasi sempre con rendimento elevato. Un bel rebus per Luis Enrique, che schierando il bosniaco alle spalle dei due attaccanti assicurerebbe più copertura a centrocampo, ma in qualche modo andrebbe a depotenziare quella trazione anteriore che è stato un po il suo marchio di fabbrica. Pizarro & City Restando in tema di piedi buoni, c è da segnalare come il d.g. Baldini apra alla cessione definitiva al City di Pizarro, protagonista in Europa League contro il Porto. «Non abbiamo concordato il prezzo per l acquisto, ma siamo felici per il suo successo. Abbiamo buoni rapporti col Manchester e, se lo vorranno, sarà Pizarro a decidere se rimanere lì». Impressioni? Toccherà a Lamela e Pjanic non far soffrire di nostalgia la Roma. La zona Champions non attende. Il migliore A iena, mercoledì sera Carrizo è stato infatti il migliore in campo, ha salvato la sua squadra quando il punteggio era ancora sullo 0 a 0 e ha protetto la vittoria dopo il rigore di Lodi con altri 2 ottimi interventi. arà difficile a questo punto togliergli la maglia di titolare appena conquistata, anche perché il guascone delle papere sembra ormai un lontano ricordo affogato dalla nuova maturità: «Una seconda possibilità la si deve concedere a tutti spiega quasi con occhi lucidi l estremo difensore rossazzurro - ed io me la sono conquistata col sudore e con pazienza». E racconta cosa è successo in tutto questo tempo: «Ho un divorzio alle spalle, non vedevo quasi mai la mia bambina, Delfina e col cervello mi perdevo dietro mille pensieri. Oggi con l affetto della mia nuova compagna, Eugenia ho riconquistato la serenità anche perché per fortuna posso vedere sempre più spesso mia figlia». toria riscritta A iena, per strana coincidenza, aveva giocato l ultima partita con la maglia della Lazio, un mese e mezzo addietro, sostituendo Bizzarri che era stato espulso sul punteggio di 2-0 per i toscani, Carrizo poi prese altri 2 gol. Ma al Franchi 2 giorni fa probabilmente il portiere di anta Fe ha riscritto la storia, la sua. E dopo la partita uno dei primi pensieri è stato per Kosicky, il compagno a cui aveva appena soffiato il posto: «Thomas è giovane e avrà tempo di rifarsi. Il calcio è così, un giorno da e l altro toglie. Ma lui è bravo, saprà sfruttare la prossima occasione». Proprio come è riuscito a fare Carrizo che dal flop è rimbalzato verso il successo: «In passato ho commesso qualche sciocchezza. Ho sbagliato, è vero, ma è successo senza volerlo. Oggi finalmente sono cresciuto, mi sento più forte come uomo e anche come atleta e penso di poter dare ancora tanto». Fra 2 giorni assaporerà il calore dei suoi nuovi tifosi: «Non vedo l ora di giocare al Cibali e di battere il Novara, dobbiamo vincere anche per dare un senso all impresa di iena». Cagliari MARIO FRONGIA CAGLIARI Incubo ant Elia Cellino si dimette Il Cda lo blocca Massimo Cellino, 55 anni, presidente del Cagliari ANA Il presidente, indagato, lascia: decisione congelata fino a giugno «Basta, me ne vado!». Massimo Cellino si è dimesso ieri poco dopo le 21. Alla sua maniera, decisa e senza mezzi termini. Tanto da lasciare basiti i consiglieri rossoblù, convocati per «comunicazioni urgenti della presidenza». Dopo oltre tre ore di seduta il cda del Cagliari pareva al capolinea. Il patron che pronuncia la parola fine, spiazza un po' tutti. E non è stato, racconta chi l'ha vissuto da vicino, un colpo di teatro. O la solita sparata per smuovere acque e coscienze. Il numero uno rossoblù è imbufalito, pronto a rovesciare il tavolo. La stessa motivazione delle dimissioni «Un atto moralmente dovuto» in seguito all'indagine della procura di Cagliari spiega tutto. Cellino è accusato di abuso d'ufficio assieme al sindaco di Elmas, Valter Piscedda, e di estorsione nell'ambito dei terreni acquistati e destinati ad ospitare il nuovo stadio Karalis Arena. La scorsa settimana ha chiesto al sostituto Emanuele ecci, titolare dell'inchiesta nata da un esposto dell'enac e della ogaer (società di gestione dell'aeroporto di Elmas), di essere interrogato. Il pm lo ha accontentato. Oltre cinque ore con la consegna di atti e documenti per spiegare l'iniziativa: costruire un impianto moderno e di proprietà. Comunque sia andato l'interrogatorio, il patron ne è uscito provato. Da qui, un malessere e una delusione che chi lo conosce definisce simile a quella provata quando fu sconfitto nella corsa all'acquisto del West Ham. Insomma, ieri al terzo piano della sede di viale La Playa pare non ci sia stata una boutade. Resosi irrintracciabile fino a notte fonda, Cellino ha ceduto solo dopo le insistenze dei consiglieri, presenti al completo: dimissioni respinte all'unanimità. Alla seduta c'erano i figli Ercole ed Edoardo, Renzo Marini, Mario Marongiu, Marcello Vasapollo, Giovanni Pinna, Gianfranco Matteoli, Paolo Caboni e andro Angioni. Tutti attoniti nel sentirlo ricordare avvilito di una squadra a 4 punti dalla zona Uefa che anche domenica col Lecce giocherà la quarta partita di fila in uno stadio dimezzato e fuori norma. «Forse, il problema sono io. Allora mi faccio da parte», ha detto Cellino qualche giorno fa dopo le lungaggini del comune nel terminare le opere di risanamento per riaprire i Distinti e la Curva ud del ant'elia. Ieri, Cellino ha sfidato se stesso e i consiglieri. Poi, ha accettato la trattativa per ricucire, lunga e senza sbocchi: il nuovo stadio al palo, il ant Elia impresentabile. Ha accettato il congelamento delle sue dimissioni, ma solo fino alla fine del campionato. Una decisione presa nell interesse dei tifosi e della squadra. Ma la storia è tutt altro che chiusa. EGUI LA TUA QUADRA tutte le notizie in tempo reale su a

18 18 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 EUROPA LEAGUE RITORNO EDICEIMI PAOK UDINEE le altre sfide 0 3 GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-2 MARCATORI Danilo (U) al 6, Floro Flores (U) al 14 p.t.; Domizzi (U) su rig. al 6 s.t. PAOK ( ) Kresic; znaucner (dall 8 s.t. Apostolopoulos), Cirillo, Malezas, tafylidis (dal 31 p.t. Georgiadis); Lazar, Garcia; alpingidis, Giannou (dal 20 s.t. Nimani), Lino; Athanasiadis. PANCHINA Chalkias, Balafas, Papazoglu, Tsoukalas. ALLENATORE Boloni. UDINEE ( ) Handanovic; Benatia (dal 42 s.t. Ferronetti), Danilo, Domizzi; Basta, Abdi (dal 1 s.t. Battocchio), Pazienza, Asamoah, Pasquale; Fabbrini (dal 24 s.t. Armero); Floro Flores. PANCHINA Padelli, Neuton, Ekstrand, Marsura. AL- LENATORE Guidolin. ARBITRO Hagen (Norvegia). EPULI nessuno. AMMONITI Cirillo (P), Garcia (P), znaucner (P) e Fabbrini (U) per gioco scorretto; Malezas (P) e Benatia (U) per proteste. NOTE pettatori 25 mila circa. Tiri in porta: 3-5. Tiri fuori: 6-7. In fuorigioco: 2-1. Angoli: Recuperi: p.t. 4, s.t. 3 La squadra di Guidolin si impone 3-0 sul campo del Paok alonicco: vola agli ottavi dove trova gli olandesi dell Alkmaar DAL NOTRO INVIATO EBATIANO VERNAZZA ALONICCO (Grecia) Udinese grandi imprese. La squadra di Guidolin si qualifica agli ottavi di Europa League con un indiscutibile 3-0 a casa Paok. Vendicata la sconfitta di tanti anni fa, stagione , quando a alonicco l'udinese in Coppa Uefa venne eliminata ai supplementari. Il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge. i temevano fracasso e intimidazioni dello stadio Toumba. Col senno di poi, è stata una passeggiata. Quattro passi tra le fiamme e questo non sminuisce, ma amplifica, l'importanza dell'impresa: giocare in un posto così non è facile per nessuno, la lista di chi ha lasciato le piume al Toumba è lunga da qui a là. ul campo è emerso il divario tecnico-tattico tra le due formazioni. Al Friuli il Paok aveva resistito, si era difeso. Qui non poteva giocare la stessa partita d'attesa ed è stato piallato, anche se i tre gol non sono arrivati su chissà quali contropiede, ma su tre calci da fermo. DECIDE MUNIAIN, IL BILBAO RIBALTA METALIT E PV A VALANGA TREPITOO HUNTELAAR: TRE GOL Un osso duro per l Udinese agli ottavi. Di fronte si troverà l AZ Alkmaar, capolista in Olanda (insieme al Psv), che dopo aver vinto in casa con l Anderlecht all andata ha bissato al Vanden tock grazie a un lampo del trequartista Martens. i qualifica con autorità l Athletic Bilbao, che ribalta il 2-1 di Mosca grazie a una rete di Muniain, dopo essere rimasti in 10 per l espulsione nel secondo tempo di Amorebieta. Non riesce invece l impresa al Braga, che vince solo 1-0 in casa del Besiktas. Goleade di Psv e Metalist contro Trabzonspor e alisburgo. chalke 04 e Viktoria Plzen, invece, bissano l 1-1 e vanno ai supplementari: l eroe è Huntelaar, che segna al 106 e al 120. A. BILBAO-LOKOMOTIV MOCA 1-0 Muniain (A) al 17 s.t. CLUB BRUGGE-HANNOVER 0-1 Diouf (H) al 21 p.t. Danilo, 27 anni, festeggia dopo aver aperto le marcature: per il centrale brasiliano primo gol stagionale con la maglia dell Udinese LAPREE Danilo-Floro-Domizzi EuroUdinese da sogno Alla faccia delle campane La liturgia del Toumba prevede che all'entrata in campo delle squadre si suonino le campane a morto: i rintocchi diffusi sono tratti da «Hell's Bells», canzone degli AcDc. È successo anche ieri e l'effetto acustico è stato impressionante. i annunciava una discesa agli inferi. Per condizionare la squadra di Guidolin ci voleva però altro che una scenografia congegnata bene. Un approccio con forte personalità e due palle inattive hanno spento subito l'incendio. Dopo sei minuti, corner di Pasquale e testata vincente di Danilo. Dopo 14, strepitosa punizione di Floro Flores. Al quarto d'ora 2-0 per l'udinese. Partita finita ancor prima di cominciare. Paok sotto choc, al punto che i greci hanno tentato di confezionare l'auto-gollonzo dell'anno: il portiere ha rinviato, il pallone è rimpallato sulla faccia di Cirillo, è ritornato verso la porta ed è uscito di poco. arebbe stato un autogol bellissimo, da «attapirati» veri. L'uomo che non c'era Rispetto allo 0-0 dell'andata la differenza l'hanno marcata i tiri «piazzati» (un gol su corner, uno su punizione e il terzo su rigore) PV-TRABZONPOR 4-1 Mertens (P) su rig. al 15, Matavz (P) al 31, trootman (P) al 38, Yilmaz (T) al 43 p.t.; Matavz (P) all 8 s.t. T. LIEGI-WILA CRACOVIA 0-0 TWENTE-TEAUA BUCARET 1-0 Chadli (T) al 28 p.t. VALENCIA-TOKE CITY 1-0 Jonas (V) al 24 p.t. ANDERLECHT-AZ ALKMAAR 0-1 Martens (AZ) al 9 s.t. BEIKTA-BRAGA 0-1 Lima (BR) al 25 p.t. METALIT-ALIBURGO 4-1 aut. Hinteregger () al 28 p.t.; Jantscher () al 12, Cristaldo (M) al 17, Blanco (M) al 18 e al 42 s.t. OLYMPIACO-RUBIN KAZAN 1-0 Djebbour (O) al 14 p.t. CHALKE 04-VIKTORIA PLZEN 3-1 dts Huntelaar () all 8 p.t.; Rajtoral (V) al 43 s.t.; Huntelaar () al 1 e 15 s.t.s. PORTING L.-LEGIA VARAVIA 1-0 M. Fernandez () al 39 s.t. la Moviola DI G.D.F. I greci picchiano Rigore severo ma ci può stare Ineccepibile la punizione da cui nasce il 2-0 dell Udinese: fallo da tergo di Cirillo su Fabbrini, e cartellino giallo per il difensore italiano. otto di due reti, i greci picchiano: corrette le ammonizioni a znaucner e Garcia per gioco scorretto. Per quest ultimo poteva starci il secondo giallo allo scadere del primo tempo quando abbatte Fabbrini, ma l arbitro Hagen (dal cartellino facile) assegna soltanto la punizione dai 30 metri. Il rigore per l Udinese dopo 3 nella ripresa è generoso, ma ci può stare: znaucner e Floro Flores sgomitano entrambi, ma poi il difensore del Paok però mette un braccio davanti all avversario e lo trascina a terra. Domizzi trasforma, seppur con tanti laser in volto. e il ritorno di Asamoah. In Grecia si è capito che il ghanese in questa squadra è importante quanto Di Natale e Isla, grandi infortunati del momento. Asamoah ha tenuto assieme il centrocampo. Impressionante la sua continuità nelle due fasi. Era ovunque: avanti e indietro, in chiusura e in spinta. e a gennaio non fosse stato ghermito dalla Coppa d'africa, l'udinese in campionato certe partite non le avrebbe perse o pareggiate. Altra novità di ieri, Fabbrini titolare al posto di Armero. Il ragazzo riccioluto si è dato una mossa: è stato lui a procurarsi la punizione dello 0-2, ha combattuto e pressato. In attacco, però, il segno l'ha lasciato Floro Flores: la superba punizione dello 0-2 e il rigore procurato con astuzia (l'arbitro non si è accorto di una mano galeotta di Floro su znaucner, da qui il parapiglia dei greci). Negli ottavi sfida all Alkmaar (Olanda). L'Udinese è l'unica squadra italiana rimasta in Europa League. Era già successo nel 2009, quando si uscì ai quarti contro il Werder di Diego. Questo significa che l Udinese non snobba l'europa, maggiore o minore che sia. IL TABELLONE FINALE A BUCARET IL 9 MAGGIO FLORO FLORE «Ci giocavamo mezza stagione È riuscito tutto» ALONICCO E un mix di emozioni. Ma il sorriso di Guidolin stavolta rimane impresso. «Da giocatore in questo stadio avrei sofferto. I ragazzi hanno fatto bene quel che ho chiesto. ono orgoglioso di questo gruppo che ha mostrato carattere e personalità». Dallo spogliatoio dell Udinese escono facce felici. oprattutto quella di Floro Flores, il protagonista, l uomo che ha mille occhi puntati addosso perché sostituisce un certo Di Natale: «Prima o poi doveva girare. A me serve per il morale perché per un attaccante il gol è tutto. Ci giocavamo mezza stagione e stavolta abbiamo risposto alla grande, a differenze delle sfide con Paok e Cagliari, ci è riuscito tutto». Anche Fabbrini è felice per la sua prova: «Giocando tra le linee così riesco a dare il meglio». E un po sconsolato Benatia per il giallo rimediato: «Ho solo chiesto all arbitro: "È possibile parlare con te?" Mi ha mostrato il giallo». Abdi è un po preoccupato: «Il bicipite femorale, temo sia uno stiramento, spero di essermi fermato in tempo». Il patron Gianpaolo Pozzo è entusiasta, ma parla al suo pubblico: «Dobbiamo trovare il modo per fidelizzarlo così come quello del Paok per rendere questa squadra tanto appetibile anche per i nostri calciatori». fr.vell. GD di FRANCECO VELLUZZI AAMOAH CHIACCIAAI BENE FABBRINI GIANNOU BUONO PER UNA BIG PAOK 5 KREIC 5 Non prontissimo su Danilo, calcia una palla addosso a Cirillo rischiando l autogol. La punizione di Floro è troppo forte. ZNAUCNER 4,5 Fatica con Asamoah e Pasquale e provoca il rigore. APOTOLOPOULO 6 Fa meno danni del titolare. CIRILLO 5,5 Meno reattivo che all andata, tocca duro Fabbrini, va meglio in avanti, prende il palo. MALEZA 5 fiora il gol di testa ma è nei guai con Floro. TAFYLIDI 4,5 Non è tempo per lui. Esce dopo 30. GEORGIADI 6 Prova a dare una scossa. LAZAR 6 Fa anche il lavoro dell inutile compagno di reparto. GARCIA 4 Un solo aggettivo: imbarazzante. ALPINGIDI 5,5 Corre, ma in avvio. Di solito segna (7 gol), ma qui non punge. h 6 IL MIGLIORE GIANNOU Il ragazzino ci sa fare. Impegna Handanovic in avvio e crea scompiglio. A giugno qualche big lo piglia. NIMANI 6 Entra quando la frittata è servita e mangiata. LINO 5,5 a far male, ma costretto a retrocedere non incide. ATHANAIADI 4,5 Tredici gol in stagione, evidentemente l Udinese gli è simpatica. Non pervenuto. ALL. BOLONI 5 Non era Giannou quello da cambiare. UDINEE 7 HANDANOVIC 6 Pronto su Giannou, poi amministra. BENATIA 6 Attento dietro. Giallo inspiegabile. (Ferronetti s.v.) DANILO 7 Da quanto ci provavi Dani? Il primo gol con l Udinese è arrivato, naturalmente di testa. Le punte greche le addomestica. DOMIZZI 6,5 olita puntualità dietro. Vice Totò con la fascia e dal dischetto, non lo fa rimpiangere. BATA 7 Uomo ovunque, Europa o serie A, non fa differenza. ABDI 6 Buon lavoro in mezzo, il suo ruolo è qui. Poi si infortuna. BATTOCCHIO 6 Mette minuti e mostra qualche spunto. PAZIENZA 6 Distratto in più situazioni. Poi si riprende. AAMOAH 7,5 Basta la sua presenza per cambiare tutto. Un rullo compressore. Ah, se non fosse mancato un mese e mezzo... PAQUALE 6,5 Corre meno di Armero ma se ha fiducia la ripaga sempre. In questa doppia sfida ha grandi meriti. FABBRINI 6,5 Ci prova da fuori, svelto, usa il dribbling e si procura falli, compreso quello della punizione del 2-0. Peccato per il giallo: salterà l andata degli ottavi ARMERO 6 Non spinge, ma contiene. h le Pagelle IL MIGLIORE 7,5 FLORO FLORE All andata non riuscì a travestirsi da Totò, stavolta ci riesce anche se Carnevale è finito. La punizione è un capolavoro. Pericolo costante, trova il rigore. Il vero Floro. All GUIDOLIN 7 Azzecca la scelta di Fabbrini e Pasquale. TERNA ARBITRALE: HAGEN 6 ul rigore Floro Flores un po spinge, poi subisce fallo. Haglund 6, Handas 6.

19 EUROPA LEAGUE RITORNO EDICEIMI VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 19 ATLETICO MADRID LAZIO 1 0 GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORI Godin al 3 s.t. ATL. MADRID (4-4-2) Courtois; Perea, Miranda (dal 25 s.t. ilvio), Godin, Dominguez; Juanfran (dal 13 s.t. Turan), Assuncao, Gabi, Koke; alvio, Adrian (dal 16 s.t. Falcao). PANCHINA Asenjo, Tiago, Filipe, Pizzi. ALL. imeone. LAZIO ( ) Bizzarri; Zauri, Diakite, Dias, Lulic (dal 33 s.t. Rozzi); Ledesma (dal 36 s.t. Zampa), Matuzalem; Candreva (dal 12 s.t. Gonzalez), Hernanes, Mauri; Kozak. PANCHINA Marchetti, Biava, erpieri, Fagioli. ALL. Reja. ARBITRO Atkinson (Inghilterra). EPULI nessuno. AMMONITI Godin (AM), Diakite (L), Matuzalem (L) e Assuncao (AM) per gioco scorretto. NOTE spettatori 20 mila circa. Angoli: Tiri in porta: 7(1 palo)-3. Tiri fuori: 4-2. In fuorigioco: 1-2. Recuperi: p.t. 0 ; s.t. 2. LA PARTITA LA TETA È AL CAMPIONATO, ALL ATLETICO BATA UN GOL DI GODIN Niente miracolo: Lazio ancora k.o. DAL NOTRO INVIATO MADRID I miracoli non esistono, specie poi se devi inseguirli avendo la testa altrove (caso Reja) e senza mezza squadra. Così al Calderon la Lazio dice ufficialmente addio all Europa League, certificando un verdetto già ampiamente scritto dopo l andata. Anche a Madrid vince l Atletico, ma con lo scarto (e l impegno) minimo. La Lazio, se non altro, evita la terza figuraccia consecutiva (dopo l andata con l Atletico e Palermo) e si consola con l elenco degli infortunati. Che una volta tanto non deve registrare aggiornamenti (e questo sì è un mezzo miracolo). Atletico sobrio imeone, con l Atletico che domenica è atteso dalla super-sfida con il Barcellona, lascia a riposo quattro titolari: Falcao, Turan, Tiago e Filipe. E un quinto, Diego, è infortunato. Gradita, per la Lazio, soprattutto l assenza di Falcao che all andata con due gol e un assist era stato il mattatore. Il colombiano (come Turan) entrerà solo nel finale, a partita ormai già in archivio. Pur rimaneggiata, la squadra di casa non rinuncia a proporre il suo gioco di trame veloci ed avvolgenti. Lo fa nelle battute iniziali dei due tempi. Nella prima parte è Bizzarri a dire per due volte no. In entrambi i casi è alvio tentare la rete. Nella prima occasione la parata è tutto merito del portiere argentino, nella seconda è fondamentale l aiuto del palo. L Atletico ci riprova in avvio di ripresa e stavolta Bizzarri s arrende. ull angolo di Gabi è Godin a svettare più in alto di tutti (Diakite e Kozak non impeccabili nella circostanza). Esperimenti Reja La Lazio pensa a limitare i danni e ad amministrare le forze in vista del match di domenica con la Fiorentina. Reja ne approfitta per qualche esperimento. Come quello di Gonzalez terzino destro nella mezzora finale. Con Konko difficilmente recuperabile, è probabile che a sostituirlo sia proprio l uruguaiano. Altre notizie confortanti arrivano da Mauri. Il centrocampista, rientrato domenica a Palermo ma solo nel finale, gioca la sua prima partita intera dopo 4 mesi. Dimostrando di essere pienamente recuperato. Di questi tempi è già qualcosa. s.cie. Diego Godin, 26 anni REUTER Edy...etrofront Reja-Lotito più vicini Vertice a Formello per sancire la pace Oggi la riconciliazione con il presidente, fino a giugno «Attaccato ai colori, aspetto una risposta del club» DAI NOTRI INVIATI TEFANO CIERI DAVIDE TOPPINI MADRID (pagna) Come un romanzo d appendice. Con colpi di scena a getto continuo e con situazioni che si ribaltano completamente nel giro di poche ore. Le strade di Edy Reja e della Lazio tornano clamorosamente a riavvicinarsi dopo che mercoledì il tecnico aveva presentato le proprie dimissioni formali e solo in extremis era stato fatto salire (quasi a forza) sull aereo che portava i biancocelesti a Madrid. embrava una situazione non ricucibile e invece ieri, sia pur a distanza (Reja era a Madrid, Lotito è invece rimasto a Roma), ci sono stati dei segnali di disgelo che hanno riavvicinato le parti. L epilogo della vicenda, però, è ancora tutto da scrivere. arà decisivo il vertice che si terrà oggi pomeriggio a Formello tra l allenatore e il presidente. Un incontro al quale si arriva però con la volontà di entrambe le parti a mettere da parte i malumori che avevano indotto Reja alle dimissioni. In modo di ricominciare a lavorare assieme da subito e in sintonia. Lo stesso Reja, a fine partita, conferma l importanza dell appuntamento odierno: «Le dimissioni? Le ho date con una lettera e sono ancora convinto. Aspetto una risposta dalla società, vediamo cosa succede. ono attaccato a questi colori, e sono ancora l allenatore della Lazio». Il tecnico Ma come è stata possibile in così poco tempo una simile conversione? Probabile che, a mente fredda, Reja abbia riconsiderato in maniera diversa i motivi che lo avevano spinto al gesto forte. Non che quei motivi (dalla delusione per il mercato ai contrasti sulla Edy Reja, 66 anni, ieri allo stadio Calderon durante Atletico Madrid-Lazio REUTER PRIMA DELLA FIDA Militarizzato il centro città Incidenti, auto in fiamme e una rissa: sei feriti MADRID Militarizzato: ecco come si presentava il centro di Madrid ieri. In particolar modo la zona intorno a Plaza Mayor, il punto di ritrovo dei laziali, da dove le forze dell ordine spagnole avevano consigliato l avvicinamento al Vicente Calderon. Il problema è nato per chi è arrivato allo stadio in maniera indipendente. Nei dintorni dell impianto sono scoppiati incidenti: auto in fiamme, vetri a terra, ambulanze al lavoro e una rissa tra opposte tifoserie davanti a un bar subito sedata dalla polizia. Il bilancio è di 6 contusi (5 italiani e uno spagnolo), di cui 3 portati in ospedale. gestione degli infortunati) siano venuti meno, però evidentemente il tecnico ha pensato che abbandonare in questo momento sarebbe insensato. Meglio arrivare a fine stagione e poi ognuno per la sua strada. A far cambiare idea al tecnico sono stati anche gli attestati di stima ricevuti dalla squadra e dai tifosi. Dai giocatori, con i quali Reja ha parlato ieri mattina al termine della rifinitura svolta allo stadio del Rayo Vallecano, l allenatore ha ricevuto gesti non formali di affetto e riconoscenza. «Il mio rapporto coi ragazzi è ottimo, abbiamo un legame profondo», dirà poi a fine gara. Poi è stata la volta dei tifosi. Una loro delegazione (a Madrid ce n erano oltre 2 mila) è stata ricevuta dal tecnico nell albergo che ospita la Lazio poco prima di pranzo. I tifosi hanno supplicato Reja di restare e in serata al Vicente Calderon lo hanno osannato a ripetizione. arà stato anche per questo che, a un certo punto, Reja ha fatto sapere, tramite ky, che le sue non sono dimissioni irrevocabili. Puntualizzazione che sa tanto di apertura nei confronti di Lotito. La società I vertici dirigenziali hanno accolto con piacere la parziale retromarcia del tecnico. Lotito era rimasto sorpreso dalle dimissioni dell allenatore. Il vertice di martedì a Formello era stato sì duro, ma secondo il presidente non al punto da giustificare il gesto di Reja. Un gesto che però non ha scalfito la stima che il presidente ha nei confronti del tecnico. Così oggi Lotito si presenterà al vertice con l intenzione di ricucire il rapporto. Vorrà solo verificare che le motivazioni dell allenatore siano intatte. Perché c è un terzo posto da inseguire che il patron vuole a tutti i costi. A mente fredda, il tecnico ha rivisto la sua posizione: decisiva la stima di atleti e tifosi top ai contatti con i sostituti. A meno che oggi non succeda un altra sorpresa Le alternative i sono così raffreddati i sondaggi che la società aveva avviato nelle ore in cui la crisi tecnica era esplosa. I contatti con De Canio e Delneri (i maggiori candidati alla eventuale successione) sono stati così congelati. Così come le alternative a queste due ipotesi. Che chiamano in causa Zenga, Papadopulo e Giordano. Mercoledì è stato anche sondato il terreno con Tassotti. L allenatore in seconda del Milan ha fatto sapere di non essere disponibile, ma è una pista che potrebbe tornare in auge per la prossima stagione. Il presente è invece ancora Reja. A meno che oggi il romanzo d appendice non sforni un nuovo colpo di scena. 4 I NUMERI 6 vittorie interne dell Atletico Madrid contro rivali italiane, su 10 gare 47 giorni dall ultima partita senza segnare reti della Lazio, il 7 gennaio a iena (4-0). Da allora, una striscia di 10 partite sempre in gol 6 sconfitte nelle ultime 7 trasferte per i biancocelesti, l unica eccezione è il successo in casa del Chievo il 29 gennaio per 3-0 di DAVIDE TOPPINI GABI CHE REGIA LULIC È L UNICO A CREDERCI CANDREVA DA DIMENTICARE ATLETICO MADRID 6,5 COURTOI 6 Prima parata a sei minuti dalla fine, su Zampa. PEREA 6 Compitino ben svolto. MIRANDA 6,5 Cancella Kozak. ILVIO 6 Entra a giochi fatti. GODIN 7 Attento dietro, implacabile sui calci piazzati. DOMINGUEZ 6,5 Duetta con Koke. JUANFRAN 6,5 Piede divertente, intelligenza sopra la media. TURAN 6 Un numero da applausi. P.AUNCAO 6,5 palla di Gabi. h 7 IL MIGLIORE GABI Piede sopraffino, grande regia. KOKE 6,5 Bizzarri gli nega un eurogol. ALVIO 6,5 e la prenda con Bizzarri e con il palo. ADRIAN 6,5 Pericolo costante. FALCAO 6 Minuti con vista Barcellona. ALL. IMEONE 6,5 Turnover e qualificazione: meglio di così? LAZIO 5,5 BIZZARRI 6,5 Due interventi da applausi. ZAURI 5,5 Preso in mezzo spesso. DIAKITE 5 Dimentica Godin. E tanti altri strafalcioni. DIA 5,5 Fuori forma, quasi sempre in ritardo: dov è finito? h le Pagelle IL MIGLIORE 6 LULIC 6 L unico a crederci. Poi si addormenta pure lui (Rozzi sv) LEDEMA 6 Meno preciso del solito: ma a centrocampo è il suo posto. (Zampa sv) MATUZALEM 5,5 Perde il pallone che porta al palo di alvio. MAURI 5,5 Arrugginito: le gambe non seguono la testa. HERNANE 5 Passeggia: non era serata da frizzi e lazzi. CANDREVA 4,5 Giocava? Ddifficile conquistare il posto così. GONZALEZ 6 Fa il terzino: test in chiave campionato. KOZAK 5 erata da stopper, ma i palloni giocabili non erano tanti. ALL. REJA 6 Con i cambi dimostra di pensare più che altro al futuro. GLI ARBITRI ATKINON 6 Gialli giusti, ritmi da amichevole. (Kirkup 6-Child 6; Clattenburg 6-Oliver 6).

20 20 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 EUROPA LEAGUE RITORNO EDICEIMI Brividi a Old Trafford ma lo United si salva Gol di Hernandez, l Ajax rimonta con Ozbiliz e Alderweireld fiora la qualificazione, però lo 0-2 dell andata lo condanna DAL NOTRO INVIATO TEFANO BOLDRINI MANCHETER (Inghilterra) Il bello del calcio olandese è che anche quando stai sotto 3-0 cerchi il gol e magari di ribaltare la situazione. L Ajax non è riuscito nell impresa di evitare un destino che sembrava già segnato dopo lo 0-2 incassato all andata e diventato condanna a morte dopo l 1-0 firmato ieri sera da Hernandez dopo appena 6, ma ha avuto dignità e orgoglio per mettere alla frusta lo United fino all ultimo secondo. L imprecisione dell attacco olandese e le parate di De Gea hanno salvato i Red Devils, ma le coronarie di Ferguson sono state messe a dura prova: il santone scozzese è uscito dal campo con l aria stravolta e un filino incavolata. Passano gli inglesi, con il fiatone, sotto gli occhi di Roberto Mancini e di tuart Pearce, il ct ad interim della nazionale. Il film La rete di Hernandez, la decima nella stagione dell attaccante messicano, ha scosso la gara, dandole una fisionomia ben precisa: olandesi all assalto e United attento a non incassare gol. L Ajax ha Il gol di Hernandez che ha portato in vantaggio lo United sull Ajax EPA MANCHETER UTD 1 AJAX 2 MANCHETER UNITED (4-4 2) De Gea 7; Rafael 6,5, malling 6,5, Jones 6,5, Fabio6; Nani6, Cleverley 6 (dal 15 s.t. choles 5,5), Park 6, Young 5 (dal 15 s.t. Evans 5,5); Hernandez 6,5, Berbatov 6,5 (dal 27 s.t. Welbeck 5,5). PANCHINA Amos, Evra, Carrick, Giggs. ALLENATORE Ferguson 6. GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Hernandez (M) al 6 p.t., Ozbiliz (A) al 37 p.t., Alderweireld (A) al 41 s.t. ARBITRO komina (VN) 6. AJAX (4-3-3) Vermeer 6; van Rhijn 6, Alderweireld 6, Vertonghen 5, Koppers 5,5 (dal 1 s.t. Klassen 6);. De Jong 6,5, Anita 5,5, Eriksen 5,5 (dal 15 s.t. erero 6); Ozbiliz 7, Lodeiro 5,5 (dal 35 s.t. Blind s.v.), ulejimani 6. PANCHINA Cillessen, Ooijer, Ebecillo, Aissati. ALLENATORE F. De Boer 6. AMMONITI Rafael, Evans (M) e. De Jong (A) per gioco scorretto. NOTE spettatori Tiri in porta: 5-6. Tiri fuori: 2-3. Angoli: 3-7. In fuorigioco: 4-2. Recuperi: 1 p.t.; 4 s.t. sprecato molto: con. De Jong, Ozbiliz paratona di De Gea, poi al 37 con lo stesso Obliliz è arrivato il pareggio: botta imparabile per il portiere spagnolo. Anche lo United ha dato qualche brivido a Vermeer, sull asse Berbatov-Hernandez, ma gli inglesi sono rimasti intrappolati più volte nel fuorigioco degli olandesi. Il momento chiave della serata è stato la parata di De Gea al 12 della ripresa su botta di iem De Jong: un grande riflesso dello spagnolo che ha evitato allo United di vivere mezz ora di paura. La traversa di Nani al 73 è stato quasi un episodio nella ripresa modello indietro tutta degli inglesi. Il 2-1 dell Ajax, capocciata di Alderweireld su punizione del solito Ozbiliz, è arrivato troppo tardi per le speranze olandesi, ma lo United ha vissuto un epilogo di paura. Ajax con nove uomini nell area inglese, cross nel mucchio mandando in malora bel calcio e ricami: alla fine, soffrendo, lo United ha tenuto. Ferguson ha però poca voglia di festeggiare: «ono deluso. Abbiamo commesso troppi errori». Qualcosa non torna: non bastano le assenze di Rooney, Vidic, Anderson e Ferdinand per giustificare la paura di ieri. IL CAO RIOLTO Pace tra Mancini e Carlitos Tevez L argentino dopo 149 giorni è tornato ad allenarsi col Manchester City MANCHETER (bold) Pace, finalmente. Ieri mattina, Roberto Mancini e Carlos Tevez si sono confrontati e, alla fine del colloquio, c è stata la stretta di mano. Tevez si è poi allenato con la prima squadra, accolto dagli applausi dei compagni. Il grande gesto è arrivato dopo 149 giorni: tutto cominciò il 27 settembre 2011, Bayern-Manchester City e rifiuto da parte dell argentino di scendere in campo a gara in corsa. Mancini fu durissimo con Tevez poi, a catena, le multe, la fuga del centravanti nel suo paese, un bagno di sangue per il conto in banca di Carlitos con una perdita di 9,7 milioni di sterline. Ora l esigenza di Tevez di interrompere l emorragia di denaro e la necessità del City di giocarsi tutte le sue carte nella volata finale in lafotonotizia Ronaldo a cena con Rafa Nadal Rafa Nadal e Cristiano Ronaldo, coppia d'assi a cena, dopo aver girato un nuovo spot. Premier, siamo arrivati alla pace/tregua. e Mancini non ha mai parlato male di Tevez, esigendo le scuse per una questione di principio, l argentino non ne può più di Manchester. Ma dopo cinque mesi senza calcio, non aveva scelta. Meglio cospargersi il capo di cenere, tornare in campo e rimettersi in pista per il mercato. BUNDELIGA Oggi l anticipo tra Monchengladbach e Amburgo Anticipo della 23ªesima giornata stasera tra Borussia Monchengladbach (seconda in classifica a 3 punti dal Dortmund) e Amburgo. Domani: Asburgo-Hertha, Colonia-Bayer, Mainz-Kaiserlautern, toccarda-friburgo, Wolfsburg-Hoffenheim, W. Brema-Norimberga, domenica Bayern-chalke 04 e Borussia Dortmund-Hannover. QUALUNQUE COA TI PORTINO I PROIMI 7 ANNI, AVRAI LO PAZIO NECEARIO. KIA VENGA. LA MONOVOLUME COMPATTA PIÙ OPITALE CHE C È, TUA CON 7 ANNI DI GARANZIA E 7 ANNI DI FINANZIAMENTO CON INCLUI 7 ANNI DI AICURAZIONE FURTO E INCENDIO. Garanzia 7 anni/ km. Dettagli e condizioni sul sito e nei concessionari. Consumo combinato (l x 100 km) da 4,7 a 7,0. Emissioni CO 2 (g/km) da 124 a 164. Annuncio pubblicitario con finalità promozionale. Esempio rappresentativo di finanziamento: Kia Venga 1.4 CVVT LX EAY: Prezzo promozionale (al netto dell incentivo KIA) anticipo 0; Importo Netto Finanziato ,25 in 84 mesi; importo totale dovuto dal consumatore ,57; ammontare delle singole 84 rate mensili 209; tasso di interesse TAN 7,96% (tasso fisso) Tasso annuo effettivo globale TAEG 9,56% (tasso fisso); spese comprese nel costo totale del credito: istruttoria 300, spese incasso rate 2,50 cad a mezzo rid, produzione e invio lettera conferma contratto 1,00; comunicazioni periodiche 1,00 (almeno una volta l anno); imposte 33,57. Creditor Protection Insurance 578,25 (facoltativa e perciò non inclusa nel Taeg), non è necessario sottoscrivere contratti relativi a uno o più servizi accessori connessi con il contratto di credito (ad esempio una polizza assicurativa), questi contratti, se proposti al cliente, sono facoltativi. Nel finanziamento sono compresi 7 anni di assicurazione Furto/Incendio. Offerta valida dal 01/02/2012 al 29/02/2012. Condizioni contrattuali ed economiche nelle Informazioni europee di base sul credito ai consumatori disponibili presso i Concessionari. alvo approvazione di antander Consumer Bank.

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1 Settimanale di scommesse sportive QUOTE 2 LA SCOMMESSA Puntiamo su Napoli, Milan, Cesena e Palermo. OVER in Genoa-Roma Prevalenza del fattore casalingo di Vincenzo

Dettagli

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo:

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: 1) Toro-Inter 2) Sampdoria Toro 3) Toro Verona 4) Cagliari Toro

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE IL PRONOSTICO DI... Per il doppio ex mister di Napoli e Cagliari, il

Dettagli

Se un grande campione come Ronaldinho, al termine della prima fase della stagione, ha lasciato il Milan per accordarsi con il Flamengo, in un clima

Se un grande campione come Ronaldinho, al termine della prima fase della stagione, ha lasciato il Milan per accordarsi con il Flamengo, in un clima Introduzione Il Milan ha appena concluso una partita di campionato, a Genova, contro la Sampdoria. È una partita di fine novembre, con la nuova squadra di Zlatan Ibrahimovic reduce da un positivo impegno

Dettagli

Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00. Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010

Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00. Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010 Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00 Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010 TROPPI ASSENTI IN AVANTI OKAKA LONDRA ROMA LONDRA E una Roma in chiara emergenza

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto :

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A1...... A2...... A3... paolo Cont... Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A4...... A5...... A6... paolo

Dettagli

La stagione sarà divisa (secondo calendario, vedi sezione 9) tra campionato di SERIE A e COPPA ITALIA.

La stagione sarà divisa (secondo calendario, vedi sezione 9) tra campionato di SERIE A e COPPA ITALIA. REGOLAMENTO FANTALION S 2012/2013 1. REGOLE GENERALI Ogni squadra partecipante al Fantalion deve avere una rosa formata da 28 calciatori. L unico vincolo è il possedere minimo 1 portiere (i due di riserva

Dettagli

SERIE A Cifre e curiosità 17^ Giornata

SERIE A Cifre e curiosità 17^ Giornata SERIE A Cifre e curiosità 17^ Giornata Sono in totale 24116 i match disputati fino ad oggi nella massima serie. Si annoverano 16752 vittorie (di cui 11904 in casa e 4848 in trasferta) e 7364 pareggi totali;

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2015/2016

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2015/2016 REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO Stagione 2015/2016 1. Ogni squadra deve avere un numero minimo di 22 giocatori sempre presente in organico. Per evitare turbative o danneggiamenti d asta, ogni squadra,

Dettagli

FIORENTINA - MILAN. Firenze - Stadio Artemio Franchi Domenica 23 agosto 2015 - ore 20:45. Copia Omaggio EFFETTO SOUSA

FIORENTINA - MILAN. Firenze - Stadio Artemio Franchi Domenica 23 agosto 2015 - ore 20:45. Copia Omaggio EFFETTO SOUSA FIORENTINA - MILAN Firenze - Stadio Artemio Franchi Domenica 23 agosto 2015 - ore 20:45 Copia Omaggio 191 2015 EFFETTO SOUSA 2 3 Editore: Publialpi sas Direttore Editoriale: Massimo Pieri Direttore responsabile:

Dettagli

Federazione InterLeghe Forum Associate

Federazione InterLeghe Forum Associate Federazione InterLeghe Forum Associate REGOLAMENTO FANTACOPPE 2013 / 2 014 REGOLA 1 FANTACOPPE 1. La F.I.L.F.A. organizza e promuove una serie di tornei in cui si confrontano i migliori fantallenatori

Dettagli

Turno 1: Campionato Serie A

Turno 1: Campionato Serie A Turno 1: Campionato Serie A 1.1 Solo due giocatori nello scorso campionato hanno segnato sia contro il Milan, che contro l Inter e la Juventus, chi sono? / 2 1.2 Tra le squadre che partecipano a questo

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE Edizione 9 REGOLAMENTO UFFICIALE STAGIONE 2012-13 STAGIONE 2012-13 DURATA Il campionato avrà svolgimento dalla seconda giornata fino giornata del campionato di Calcio di serie A. Saranno giocate un totale

Dettagli

Doppietta di Llorente e la Juventus ristabilisce gli 8 punti di distacco dalla Roma. Il Milan rincorre l Europa

Doppietta di Llorente e la Juventus ristabilisce gli 8 punti di distacco dalla Roma. Il Milan rincorre l Europa di NICOLO' AMORUSO I posticipi del Lunedì Doppietta di Llorente e la Juventus ristabilisce gli 8 punti di distacco dalla Roma. Il Milan rincorre l Europa 1 / 6 Juventus 2 Livorno 0. Con questo successo

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

Fantacavabù 2015/2016 III Edizione

Fantacavabù 2015/2016 III Edizione Fantacavabù 2015/2016 III Edizione Regolamento ufficiale della F.A.F. (Fantacalcio Amatoriale Fantacavabù) 1. Introduzione Il Fantacavabù è un torneo di fantacalcio realizzato tra amici e svolto per essere

Dettagli

REGOLE DEL GIOCO 2013-2014

REGOLE DEL GIOCO 2013-2014 1 - Iscrizione. REGOLE DEL GIOCO 2013-2014 Il gioco si svolge interamente sul sito www.fantacalcioparolise.com Il quota d iscrizione a Fantacalcio Parolise per l anno 2014/2015 è di 40,00euro (quaranta/00),

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

FANTACHEVANTON 2015/2016 http://fantachevanton.altervista.org/index.php

FANTACHEVANTON 2015/2016 http://fantachevanton.altervista.org/index.php FANTACHEVANTON 2015/2016 http://fantachevanton.altervista.org/index.php REGOLA 1: LA LEGA 1. La lega è costituita da quattordici società. 2. La Lega è governata dal Presidente di Lega, Giovanni Borraccino

Dettagli

Regolamento. Sommario

Regolamento. Sommario Regolamento Sommario LE COMPETIZIONI... 2 TORNEO LIGA E PREMIER... 2 SERIE A (CAMPIONATO A 16 SQUADRE)... 2 CLASSIFICA A PUNTEGGIO... 2 CLASSIFICA FORMULA 1... 2 COPPA D ANDATA E COPPA DI RITORNO... 3

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

il MODIFICATORE DEL PORTIERE ed il MODIFICATORE DELLA DIFESA (Vedi regolamento alla fine)

il MODIFICATORE DEL PORTIERE ed il MODIFICATORE DELLA DIFESA (Vedi regolamento alla fine) REGOLAMENTO FANTACALCIO 2013/14 Le squadre saranno 8 Si gioca con: il MODIFICATORE DEL PORTIERE ed il MODIFICATORE DELLA DIFESA (Vedi regolamento alla fine) CAMPIONATO a 35 giornate Dalla 3 di serie A

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO DEI MIGLIORI

REGOLAMENTO CAMPIONATO DEI MIGLIORI REGOLAMENTO CAMPIONATO DEI MIGLIORI 2014 2015 CAMPIONATO DEI MIGLIORI Il Campionato dei Migliori è composto da quattro società, le quali compongono l Assemblea di Lega. La Lega è gestita da un Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2014/2015

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2014/2015 REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO Stagione 2014/2015 1. Ogni squadra deve avere un numero minimo di 24 giocatori sempre presente in organico. Per evitare turbative o danneggiamenti d asta, ogni squadra,

Dettagli

PIVOTTI GIORGIO I GOL IMPARABILI VIDEOCASSETTA VHS 4 - DVD 4 GOL PARTITE DA 340 A 461 - (STAGIONI 200/7/8/910/11)

PIVOTTI GIORGIO I GOL IMPARABILI VIDEOCASSETTA VHS 4 - DVD 4 GOL PARTITE DA 340 A 461 - (STAGIONI 200/7/8/910/11) VIDEOCASSETTA VHS 4 - DVD 4 GOL PARTITE DA 340 A 461 - (STAGIONI 200/7/8/910/11) (inevitabili) si riferiscono a quei gol a fronte dei quali il portiere poco o nulla può fare per impedire alla palla di

Dettagli

REGOLAMENTO COMPLETO:

REGOLAMENTO COMPLETO: REGOLAMENTO COMPLETO: Iscrizione Torneo: La quota d iscrizione dovrà essere versata entro i tempi indicati dallo staff. In caso di rinuncia fuori tempo massimo, ossia dopo aver lasciato la caparra, quest

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE Organizzatrice esclusiva della Primavera TIM Cup 2012/2013 è la Lega Nazionale Professionisti Serie

Dettagli

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento evento Scaricato da Bologna, 26 ottobre 2007 www.largoconsumo.info IL BACINO DEI TIFOSI DELLA SERIE A 2 I TIFOSI DELLE SQUADRE DI SERIE A Oltre

Dettagli

1 Campionato Lega A HAPPINESS

1 Campionato Lega A HAPPINESS 1 Campionato Lega A HAPPINESS 2012-2013 Regolamento Il Centro sportivo HAPPINESS organizza una manifestazione a carattere amatoriale che si svolgerà a Nardò ( Le) in Via Penta 1 Campionato Lega A Calcio

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto segue all interno di questo

Dettagli

Dentro o fuori per Ferrara, che sfide in zona Champions

Dentro o fuori per Ferrara, che sfide in zona Champions Anno 3 - N 19 - Lunedì 4 gennaio 2010 Settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Dentro o fuori per Ferrara, che sfide in zona Champions

Dettagli

REGOLAMENTO FANTANAVIGLI

REGOLAMENTO FANTANAVIGLI REGOLAMENTO FANTANAVIGLI 1. Creazione Squadra 1.1 Ogni presidente deve creare una rosa di 23 calciatori tra quelli che prendono parte al Campionato di Calcio di Serie A. 1.2 Il presidente ha a disposizione

Dettagli

Analisi del valore delle celebrities sui social media. Gli Azzurri della Nazionale di calcio. 4-24 giugno 2014. Report dimostrativo Social Celebrities

Analisi del valore delle celebrities sui social media. Gli Azzurri della Nazionale di calcio. 4-24 giugno 2014. Report dimostrativo Social Celebrities Analisi del valore delle celebrities sui social media Gli Azzurri della Nazionale di calcio 4-24 giugno 2014 Report dimostrativo Social Celebrities Indice SINTESI ANALISI COMPLESSIVA AZZURRI FOCUS VALORIALE

Dettagli

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus.

Porta imbattuta Valore: +1 Descrizione: viene assegnato al portiere che prende voto e che non subisce reti. Un portiere SV non riceve tale bonus. Per determinare il risultato delle partite si calcola il punteggio totale di ogni squadra e lo si converte in gol equivalenti in base ad opportune fasce di punteggio che definiremo elastiche. Il significato

Dettagli

Menzione speciale per i cucchiai di legno Bella Fica e Water Team, che nonostante un ottimo campionato, se so attaccati

Menzione speciale per i cucchiai di legno Bella Fica e Water Team, che nonostante un ottimo campionato, se so attaccati REGOLAMENTO FANTA PLAZET: Ciao a tutti ragazzi! Anche questa edizione è passata più o meno in maniera perfetta Le piccole cosa da sistemare sono state riviste, tipo qualche partecipante furbetto! Quindi

Dettagli

Liste Serie A, guida alle nuove rose da 25: come cambia il calciomercato delle big

Liste Serie A, guida alle nuove rose da 25: come cambia il calciomercato delle big Liste Serie A, guida alle nuove rose da 25: come cambia il calciomercato delle big Guida alla riforma sul tetto delle rose, in vigore (parzialmente) dalla stagione 2015/16. Juventus, Inter, Milan, Lazio,

Dettagli

LA PROVA DEL NOVE PER IL DIAVOLO ROSSONERO

LA PROVA DEL NOVE PER IL DIAVOLO ROSSONERO Anno 4 - N 22 - Sabato 5 marzo 201 1 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive LA PROVA DEL NOVE PER IL DIAVOLO ROSSONERO IL PRONOSTICO DI... L ex bresciano,

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

REGOLAMENTO FANTABARMARIO 2014-2015*

REGOLAMENTO FANTABARMARIO 2014-2015* REGOLAMENTO FANTABARMARIO 2014-2015* * evidenziate in verde le modifiche apportate al Regolamento 201 3-201 4 * testo barrato arancione i paragrafi eliminati rispetto al Regolamento 201 3-201 4 INDICE:

Dettagli

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO GENERALITA' Il Torneodelvenerdì nasce nel 2009 per iniziativa di alcuni ragazzi desiderosi di creare un appuntamento calcistico settimanale per la propria squadra

Dettagli

REGOLAMENTO FANTADAL 2014/2015

REGOLAMENTO FANTADAL 2014/2015 REGOLAMENTO FANTADAL 2014/2015 SOMMARIO 1. PREMESSA 2. CALCOLI DEI PUNTEGGI E REGOLE GENERALI 3. FORMAZIONE E GOL 4. CAMPIONATO 5. CHAMPIONS LEAGUE 6. COPPA UEFA 7. COPPA ITALIA 8. SUPERCOPPE 9. CALENDARIO

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO 1. La squadra Con il termine squadra si intende l insieme di rosa e staff tecnico. 1.1. La rosa Con il termine rosa si comprendono tutti i giocatori acquistati durante

Dettagli

NEWS ROMA NUN FA LA STUPIDA!

NEWS ROMA NUN FA LA STUPIDA! NEWS Anno 3 - N 7 - dicembre 2014 ROMA NUN FA LA STUPIDA! Ultima giornata decisiva per la qualificazione agli ottavi di Champions League. Per i giallorossi contro il Manchester City conta solo vincere,

Dettagli

REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015

REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015 SITO UFFICIALE: http://fantalegasalento.altervista.org/ E-MAIL: fantalegasalento@gmail.com N partecipanti: 8 1) ASTA INIZIALE e MERCATO DI RIPARAZIONE

Dettagli

FANTACALCIO 2014-15. Regolamento Ufficiale (12 squadre)

FANTACALCIO 2014-15. Regolamento Ufficiale (12 squadre) FANTACALCIO 2014-15 Regolamento Ufficiale (12 squadre) 1. SPESE D ISCRIZIONE I pagamenti al fantacalcio di quest anno saranno uguali a quello dell anno scorso con un importo totale che sarà per tutti di

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

LEGA FANTACALCIO FRASCATI Regolamento 2015/2016 stagione numero 21

LEGA FANTACALCIO FRASCATI Regolamento 2015/2016 stagione numero 21 LEGA FANTACALCIO FRASCATI Regolamento 2015/2016 stagione numero 21 PREMESSA Di seguito il nuovo regolamento ufficiale: si prega di leggerlo attentamente in ogni sua parte perché rispetto allo scorso anno

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1.1. ISCRIZIONE E QUOTE L iscrizione è di 25,00 e deve essere versata al momento dell Asta iniziale. Sarà versata un ulteriore quota di 25,00 il

Dettagli

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015)

ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) ANALIZE MATCH: ROMA-LAZIO 2-2 (Serie A 11-01-2015) MARCATORI Mauri (L) al 25', Felipe Anderson (L) al 29' p.t.; Totti (R) al 2' e 19' s.t. ROMA De Sanctis; Maicon, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De

Dettagli

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1

campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 Stagione 2013-2014 campionato serie D FEMMINILE : GRUPPO FASSINA C5 - FENICE C5 7-1 26-01-2014 13:46 - serie D Femminile - campionato FENICE C5 - COMPAGNIA MONTE DI MALO 0-1 19-01-2014 11:26 - serie D

Dettagli

Inter Roma - Inter. Lazio Inter - Lazio Roma Inter - Roma

Inter Roma - Inter. Lazio Inter - Lazio Roma Inter - Roma 5 Campionati di calcio di serie A Che cosa si impara nel capitolo 5 Si può vedere come è cambiato il gioco del calcio - partite vinte/perse/pareggiate e goal fatti/subiti attraverso la tabella a doppia

Dettagli

LE SQUADRE. A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) A.C. SEVEN81 (ANTONIO CANNARILE 331/3608472- seven81.antonio@libero.

LE SQUADRE. A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) A.C. SEVEN81 (ANTONIO CANNARILE 331/3608472- seven81.antonio@libero. 1 LE SQUADRE A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) BAICO (PAOLO BIGI 333/6459529 baigo2002@virgilio.it) BRIGATA ROSSONERA (GIANLUCA MURRU 349/1294057 gianlu.murru@alice.it)

Dettagli

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio REGOLAMENTO FANTA PLAZET: ISCRIZIONE E SOLDI L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio del mercato. Oltre ai 25 Euro dovranno essere consegnati ulteriori

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011 agosto 2010 Sommario Introduzione.. pag. 3 Analisi del business pag. 5 Analisi dei bacini d utenza pag. 16 2 Introduzione (1/2) La stagione di Serie

Dettagli

Lo staff. Cesare Prandelli. Allenatore

Lo staff. Cesare Prandelli. Allenatore Lo staff Cesare Prandelli Allenatore Nato a Orzinuovi il 19 agosto 1957, Prandelli è il nuovo Commissario tecnico della Nazionale. Alle spalle ha una brillante carriera da giocatore ed altrettanto da allenatore.

Dettagli

1.INTRODUZIONE E SALVAGUARDIA

1.INTRODUZIONE E SALVAGUARDIA 1.INTRODUZIONE E SALVAGUARDIA Il Regolamento Ufficiale ha validità effettiva per 1 anno e dovrà essere firmato da tutte le squadre prima dell'inizio di ogni campionato. Se per qualsiasi motivo in questo

Dettagli

REGOLAMENTO FANTA MANACORE LEAGUE. Stagione 2005-2006. (Versione BETA 1.1b)

REGOLAMENTO FANTA MANACORE LEAGUE. Stagione 2005-2006. (Versione BETA 1.1b) REGOLAMENTO FANTA MANACORE LEAGUE Stagione 2005-2006 (Versione BETA 1.1b) I N D I C E # REGOLA 01: OGGETTO DEL GIOCO # REGOLA 02: MODALITA DEL GIOCO # REGOLA 03: LA LEGA # REGOLA 04: LE SOCIETA # REGOLA

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.)

5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.) Stagione 2014-2015 5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.) 27-10-2014 18:25 - Campionato GIOVANISSIMI B Nella 5 gara di campionato i giovanissimi B incontrano

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

Scommesse Antepost: CALCIO

Scommesse Antepost: CALCIO Scommesse Antepost: ANTEPOST Vincente: Si deve pronosticare la squadra che si classifica al primo posto. Vincente Gruppo Si deve pronosticare la squadra che si classifica al primo posto del proprio gruppo.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Torneo "Città di Spoleto":

RASSEGNA STAMPA Torneo Città di Spoleto: RASSEGNA STAMPA Torneo "Città di Spoleto": marzo 2016 Milano Roma Genova Berlin Brussels London New York INDICE ITALMATCH CHEMICALS 16/03/2016 Il Giornale dello Sport.net 6 Italmatch Chemicals Group: il

Dettagli

Michele Di Sano-Fc 118 Organismo Sociale Aziendale :

Michele Di Sano-Fc 118 Organismo Sociale Aziendale : Anno XXXIII Martedi 8 Luglio 2013 Giornale sportivo gratuito Osa, in uscita ogni Venerdi sul sito cral-osa.it - Email: cralosa@gmail.com Achille Lunghi-Presidente Osa E stata un esperienza nuova e positiva

Dettagli

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010 Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid maggio 2010 Sommario Introduzione pag.3 La Finale in cifre pag.4 Le sfidanti a confronto pag.9 Analisi dei Premi

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 REGOLAMENTO UFFICIALE - Il Presidente di Lega I compiti del presidente di lega sono fondamentalmente i seguenti: 1. Gestione dell asta di calciomercato 2. Contabilità

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SCOMMESSE: CON IZIPLAY IL SALTO IN SERIE A È TRIPLO

RASSEGNA STAMPA SCOMMESSE: CON IZIPLAY IL SALTO IN SERIE A È TRIPLO RASSEGNA STAMPA SCOMMESSE: CON IZIPLAY IL SALTO IN SERIE A È TRIPLO 21 ottobre 2015 INDICE RASSEGNA STAMPA 21 ottobre Agipronews - SCOMMESSE: CON IZIPLAY SALTO TRIPLO IN SERIE A Tvbet - SCOMMESSE: CON

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Gianluca Scarlata La carica di Vittorioso «Lazio, ora non fallire» 1 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Pagina

Dettagli

UFFA INTERLEAGUE 2010/2011 IIª EDIZIONE

UFFA INTERLEAGUE 2010/2011 IIª EDIZIONE Prima di leggere il regolamento integrale della Champions/Europa League alcune precisazioni riguardanti la nostra lega: - Le formazioni devono essere inserite nell apposito argomento inserito nel nostro

Dettagli

ARTICOLO 1 Della Lega e del suo ordinamento

ARTICOLO 1 Della Lega e del suo ordinamento ARTICOLO 1 Della Lega e del suo ordinamento 1- La Lega è composta da otto Squadre 2- L Assemblea di Lega comprende tutti gli allenatori 3- La Lega è presieduta dal Presidente, eletto dall Assemblea 4-

Dettagli

Regolamento Edizione 2012/2013

Regolamento Edizione 2012/2013 Regolamento Edizione 2012/2013 SOMMARIO 1. Generale... 2 1.1 TITOLARI...2 1.2 PANCHINA...2 2. Quota di partecipazione... 2 3. Calcolo punteggi... 2 3.1 CALCOLO DEI VOTI...2 3.2 PARITA TRA DUE O PIU SQUADRE...3

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 27 DEL 2 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 27 DEL 2 SETTEMBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 27 DEL 2 SETTEMBRE 2015 PRIMAVERA TIM CUP 2015/2016 REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE Organizzatrice esclusiva della Primavera TIM Cup 2015/2016 è la Lega Nazionale Professionisti Serie

Dettagli

Regolamento Fantacalcio Fancazzisti Fanta League 2015/2016

Regolamento Fantacalcio Fancazzisti Fanta League 2015/2016 Estratto, adattato e integrato dal Regolamento Ufficiale Federazione Fantacalcio FFC Regolamento Fantacalcio Fancazzisti Fanta League 2015/2016 Articolo 1: LA LEGA Questo regolamento si riferisce alla

Dettagli

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu...

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Gaetanu.. Ù mattu canta li stornelli de Genzano: N mezzo a lo petto tuo ce sta n canale, ce curre l acqua e nun

Dettagli

Fantacalcio Stigranca 2009/10

Fantacalcio Stigranca 2009/10 Fantacalcio Stigranca 2009/10 Art. 1 : Sito internet: WWW.STIGRANCA.TK Il sito è stato creato dall'organizzazione al fine di ottenere la massima trasparenza e tenere aggiornati i partecipanti. Su questo

Dettagli

La lealtà ed il puro divertimento sono alla base del nostro Fantacalcio

La lealtà ed il puro divertimento sono alla base del nostro Fantacalcio 1 La lealtà ed il puro divertimento sono alla base del nostro Fantacalcio 1. Composizione formazioni Le formazioni dovranno essere composte da 3 portieri 8 difensori 8 centrocampisti 6 attaccanti 2. Schieramenti

Dettagli

REGOLE DEL GIOCO v1.7.3

REGOLE DEL GIOCO v1.7.3 REGOLE DEL GIOCO v1.7.3 REGOLE GENERALI 1. Il presente regolamento si applica a tutti i partecipanti del Fantacalcio; la risoluzione di una qualsiasi situazione non prevista dal regolamento, o non chiarita

Dettagli

REGOLAMENTO AFA 2014 2015

REGOLAMENTO AFA 2014 2015 REGOLAMENTO AFA 2014 2015 ARROGANCE FOOTBALL ASSOCIATION (AFA) L AFA è composta da otto società, le quali compongono l Assemblea di Lega. La Lega è gestita da un Presidente e da un Vice Presidente i quali

Dettagli

Viareggio Cup World Football Tournament Coppa Carnevale

Viareggio Cup World Football Tournament Coppa Carnevale 64 Viareggio Cup World Football Tournament Coppa Carnevale 2012 Dal 06 al 20 febbraio 2012 19 GENNAIO-FEBBRAIO-MARZO 2012 Viareggio Cup World Football Tournament Coppa Carnevale POSSIBILITA DI ESSERE IL

Dettagli

Regolamento Fantacalcio 2014-2015

Regolamento Fantacalcio 2014-2015 Regolamento Fantacalcio 2014-2015 Il fantacalcio è divertimento tra amici nato dalla passione per il calcio: prendiamoci in giro in maniera responsabile e non roviniamo tutto con astio e polemiche inutili.

Dettagli

FANTACALCIO 2014/2015

FANTACALCIO 2014/2015 FANTACALCIO 2014/2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 SQUADRE PARTECIPANTI E QUOTA DI PARTECIPAZIONE... 4 Squadre Partecipanti... 4 COMPETIZIONI E PREMI... 5 CAMPIONATI... 5 COPPE NAZIONALI... 6 COPPE EUROPEE...

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010 agosto 2009 Sommario 2 Introduzione Analisi dei bacini d utenza L interesse per la Serie A Le sponsorizzazioni Le scommesse Introduzione - LA STAGIONE

Dettagli

Campionato : la Juve risponde al Napoli e resta in testa

Campionato : la Juve risponde al Napoli e resta in testa Campionato : la Juve risponde al Napoli e resta in testa LLa Juventus si conferma in testa al campionato anche al termine il 28 turno, il Napoli comunque tiene il passo della capolista, Roma e Inter non

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

regolamento stagione 2012-2013

regolamento stagione 2012-2013 regolamento stagione 2012-2013 www.carifa.it IL PRESIDENTE CARDOLINI RIZZO FABIO Riunita la commissione Carifantacalcio in data 09 agosto 2012 con la presenza di: CARRIERI MINO, ANCORA CIRO, CARRIERI GIOVANNI

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

LEGA " EZIO VENDRAME" since 1992 legaeziovendrame@gmail.com 2015-2016

LEGA  EZIO VENDRAME since 1992 legaeziovendrame@gmail.com 2015-2016 LEGA " EZIO VENDRAME" since 1992 legaeziovendrame@gmail.com 2015-2016 1. Normative generali. 1.1 Fanta Mercato. Mercato: Inizialmente si provvederà alla discussione dei giocatori svincolati nella quale

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

STAGIONE 2015 REGOLAMENTO

STAGIONE 2015 REGOLAMENTO pag 1/6 STAGIONE 2015 REGOLAMENTO Art.1 - SCOPO E FINALITÀ. 1. È costituito un gruppo di amanti del gioco del calcio denominato Amici del Calcetto (AdC). 2. Lo scopo unico degli AdC è il divertimento settimanale

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI

REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI IL GIOCO Lo scopo del gioco Tuttosport League - Torneo a Gironi 2012-13 Leghe di Amici (di seguito chiamato Gioco ) è creare

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

FINAL FOUR COPPA ITALIA 2016

FINAL FOUR COPPA ITALIA 2016 FINAL FOUR COPPA ITALIA 2016 Tra sabato 16 e domenica 17 gennaio, Santa Lucia, Brianta 84, Giulianova e Porto Torres si contendono la coppa nazionale al PalaWhirpool di Varese. Differita RAI domenica alle

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

CS - CUS AD MAIORA RUGBY 1951: Lucas D'Angelo è il nuovo direttore tecnico del CUS Ad Maiora Rugby 1951.

CS - CUS AD MAIORA RUGBY 1951: Lucas D'Angelo è il nuovo direttore tecnico del CUS Ad Maiora Rugby 1951. CS - CUS AD MAIORA RUGBY 1951: Lucas D'Angelo è il nuovo direttore tecnico del CUS Ad Maiora Rugby 1951. Lucas D Angelo: Nato a: Rosario (Argentina) Età: 38 anni Carriera: ha giocato per 19 anni nel Jockey

Dettagli