che l'azienda Ospedaliera con il presente reclamo, da un lato, censura l'ordinanza di accoglimento nella parte in cui, pur avendo ipotizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "che l'azienda Ospedaliera con il presente reclamo, da un lato, censura l'ordinanza di accoglimento nella parte in cui, pur avendo ipotizzato"

Transcript

1 IL TRIBUNALE DI LATINA -SEZIONE LAVOROquale giudice del lavoro in composizione collegiale riunito in camera di consiglio nelle persone dei Magistrati Dott. Alessandro Gatani - Presidente Dott. ssa Corinna Papetti - Giudice Dott. ssa Simona Marotta - Giudice relatore ha emesso la seguente ORDINANZA nel procedimento iscritto al n. rg. affari contenziosi 127/2013 promosso da AZIENDA OSPEDALIERA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA, in persona del Commissario Straordinario in carica, rappresentata e difesa dall'avv.(omissis), giusta delega in atti (reclamante) contro ALFA, BETA, in proprio e nella qualità di genitori esercenti la potestà sul minore GAMMA rappresentati e difesi dagli Avv.ti (Omissis), giusta procura in atti (reclamata) e contro MINISTERO DELLA SALUTE, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso ex lege dall'avvocatura dello Stato (terzo interveniente) a scioglimento della riserva assunta all'udienza del , esaminati gli atti e la documentazione prodotta, uditi i procuratori delle parti, PREMESSO che con ricorso cautelare ex art. 700 c.p.c., i genitori di GAMMA -affetta da morbo di Niemann Pick -, ha chiesto il riconoscimento del diritto alla somministrazione delle cellule staminali secondo il metodo Stamina, richiamando gli artt. 3 e 32 della Cost. e la disciplina in materia di cure compassionevoli di cui al D.M e il D.L. n. 24/2013, convertito in legge 23 maggio 2013, n. 57; che, con ordinanza emessa il , il Giudice monocratico del lavoro, in accoglimento della domanda, ha ordinato agli Spedali Civili di Brescia di somministrare in favore della ricorrente le cellule staminali secondo il metodo Stamina;

2 che l'azienda Ospedaliera con il presente reclamo, da un lato, censura l'ordinanza di accoglimento nella parte in cui, pur avendo ipotizzato l'illegittimità costituzionale dell'art 2, commi 2 e 3 del D.L. n. 24/2013, ha concesso la tutela cautelare senza sollevare la questione di legittimità costituzionale; dall'altro, evidenzia che in seguito alla valutazione operata dal Comitato medico istituito dal Ministro della Salute e di cui il Ministero stesso ha preso atto con determina del , non residua più alcuno spazio per la somministrazione delle cellule con metodo Stamina; che, nel costituirsi in giudizio, parte reclamata, propone le medesime conclusioni già spese in sede di giudizio di prime cure, contestando puntualmente le avverse deduzioni di cui chiede l'integrale rigetto; che, in esito all'integrazione del contraddittorio disposto dal Collegio all'udienza dell' , si è costituito il Ministero della Salute, che ha chiesto la riforma dell'ordinanza impugnata; OSSERVA Sul difetto di legittimazione passiva dell'azienda Ospedaliera Infondata è l'eccezione del difetto di legittimazione passiva sollevata dell'azienda Ospedaliera convenuta, atteso che la giurisprudenza più recente - alla quale si ritiene di aderire - riconduce la verifica dell'esistenza di detta condizione dell'azione non già all'effettiva titolarità del diritto sostanziale fatto valere - che attiene al merito della controversia - bensì alla titolarità "affermata" dello stesso. Nel caso in esame, parte ricorrente individua nell'azienda resistente il soggetto passivo tenuto alla somministrazione della terapia richiesta sulla base della prescrizione medica che indica specificamente gli Spedali Civili di Brescia come la struttura pubblica ove deve essere praticato il trattamento, pertanto non può ravvisarsi alcun vizio relativo alla corretta instaurazione del contraddittorio. Sul quadro normativo di riferimento Il quadro normativo di riferimento è costituito in primo luogo dall'art. 32 co. 1 Cost., che "tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo", attraverso una norma immediatamente precettiva (Corte Cost n. 104; Corte Cost n. 104), che comprende anche il diritto all'assistenza sanitaria e farmaceutica (Cass. S.U n. 1504; Cass n. 9969; Cass n. 2776). La materia, risulta poi disciplinata dal D.M. 5/12/2006 n rubricato "Utilizzazione di medicinali per terapia genica e per terapia cellulare somatica al di fuori di sperimentazioni cliniche e norme transitorie per la produzione di detti medicinali", che consente l'impiego dei predetti medicinali anche senza la preventiva autorizzazione all'immissione in commercio dell'aifa, purchè vi siano le condizione di cui all'art. 1, commi 3 e 4. In particolare, l'art. 1 comma 3 prevede che "con provvedimento del direttore generale della Agenzia italiana del farmaco (Aifa), da aggiornare periodicamente, sentita la Commissione consultiva tecnico scientifica della medesima Agenzia, vengono elencati gli impieghi di medicinali per terapia cellulare somatica considerati clinicamente e scientificamente consolidati". Il successivo comma 4, soggiunge e chiarisce che: "Fermo restando il disposto di cui al comma 3, è consentito l'impiego dei medicinali di cui al comma 1 su singoli pazienti, in mancanza di valida

3 alternativa terapeutica, nei casi di urgenza ed emergenza che pongono il paziente in pericolo di vita o di grave danno alla salute, nonché nei casi di grave patologia a rapida progressione, sotto la responsabilità del medico prescrittore e, per quanto concerne la qualità del medicinale, sotto la responsabilità del direttore del laboratorio di produzione di tali medicinali purché: a) siano disponibili dati scientifici, che ne giustifichino l'uso, pubblicati su accreditate riviste internazionali; b) sia stato acquisito il consenso informato del paziente; c) sia stato acquisito il parere favorevole del Comitato etico di cui all'art. 6 del decreto legislativo 24 giugno 2003, n. 211, con specifica pronuncia sul rapporto favorevole fra i benefici ipotizzabili ed i rischi prevedibili del trattamento proposto, nelle particolari condizioni del paziente; d) siano utilizzati, non a fini di lucro, prodotti preparati in laboratori in possesso dei requisiti di cui all'art. 2, anche nei casi di preparazioni standard e comunque nel rispetto dei requisiti di qualità farmaceutica approvati dalle Autorità competenti, qualora il medicinale sia stato precedentemente utilizzato per sperimentazioni cliniche in Italia; se il medicinale non è stato sperimentato in Italia, dovrà essere assicurato il rispetto dei requisiti di qualità farmaceutica approvati dall'istituto superiore di sanità, secondo modalità da stabilirsi con provvedimento del Presidente del medesimo Istituto; e) il trattamento sia eseguito in Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico o in struttura pubblica o ad essa equiparata. f) pregressa trasmissione all'aifa di autocertificazione del possesso di quanto indicato nelle lettere a), b), c), d) ed e)". Successivamente, come noto, sulla materia delle terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali è intervenuta una regolamentazione specifica per mezzo del D.L. n. 24 del 25 marzo 2013 (c.d. decreto Balduzzi) convertito in legge n. 57 del 23 maggio 2013 che, in particolare, ne ha previsto ed attivato la relativa sperimentazione clinica. In particolare, l'art. 2 del citato decreto legge n. 24/13, come modificato dalla legge di convezione n. 57/13, contiene la seguente disciplina: "2. Le strutture pubbliche in cui sono stati avviati, anteriormente alla data di entrata in vigore del presente decreto, trattamenti su singoli pazienti con medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, lavorati in laboratori di strutture pubbliche e secondo procedure idonee alla lavorazione e alla conservazione di cellule e tessuti, possono completare i trattamenti medesimi, sotto la responsabilità del medico prescrittore, nell'ambito delle risorse finanziarie disponibili secondo la normativa vigente. 2-bis. Il Ministero della salute, avvalendosi dell'agenzia italiana del farmaco e del Centro nazionale trapianti, promuove lo svolgimento di una sperimentazione clinica, coordinata dall'istituto superiore di sanità, condotta anche in deroga alla normativa vigente e da completarsi entro 18 mesi a decorrere dal 1 luglio 2013, concernente l'impiego di medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, utilizzate nell'ambito dei trattamenti di cui al comma 2, a condizione che i predetti

4 medicinali, per quanto attiene alla sicurezza del paziente, siano preparati in conformità alle linee guida di cui all'articolo 5 del regolamento (CE) n. 1394/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 novembre Al fine di garantire la ripetibilità delle terapie di cui al primo periodo, le modalità di preparazione sono rese disponibili all'agenzia italiana del farmaco e all'istituto superiore di sanità. L'Istituto superiore di sanità fornisce un servizio di consulenza multidisciplinare di alta specializzazione per i pazienti arruolati. L'Istituto superiore di sanità e l'agenzia italiana del farmaco curano la valutazione della predetta sperimentazione. (Omissis) 3. Si considerano avviati, ai sensi del comma 2, anche i trattamenti in relazione ai quali sia stato praticato, presso strutture pubbliche, il prelievo dal paziente o da donatore di cellule destinate all'uso terapeutico e quelli che siano stati già ordinati dall'autorità giudiziaria. Alla luce dell'art. 2 (in particolare i commi 2, 2 bis e 3) risulta, quindi, consentito l'avvio di un percorso di sperimentazione clinica, coordinata dall'istituto superiore di sanità, della durata di 18 mesi a fare tempo dall'1 luglio 2013, concernente l'impiego di medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, da condurre secondo delle indicazioni specifiche contenute nel citato comma 2 bis dell'art. 2, aggiunto dalla legge di conversione, stanziando anche le necessarie risorse economiche. La norma, inoltre, ha consentito alle strutture pubbliche il completamento dei trattamenti a base di cellule staminali mesenchimali esclusivamente per i trattamenti: 1. comunque avviati anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto; 2. in relazione ai quali sia già stato praticato, entro tale data e presso strutture pubbliche, il prelievo dal paziente o da donatore di cellule destinate all'uso terapeutico; 3. che siano già stati ordinati, entro tale data, con provvedimenti dell'autorità Giudiziaria. Va poi osservato che, in sede di conversione è stato soppresso il comma 1, dell'art. 2 del citato D.L. n. 24/2013, secondo cui le disposizioni del DM avrebbero avuto applicazione solo sino all'adozione della nuova disciplina regolamentare dell'impiego di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva, con la conseguenza che il DM 2006 continua a trovare applicazione alle cure compassionevoli e alle cure terapeutiche con finalità di sollievo, diverse dalla sperimentazione clinica di cui all'art. 2bis della legge n. 57/2013. E' infatti opinione del Collegio, espressa anche dall'assoluta prevalenza delle decisioni sulla questione in esame, che quest'ultimo intervento normativo non abbia inciso sulla vigenza del DM , concernente, come s'è visto, terapie geniche e cellulari "al di fuori delle sperimentazioni cliniche", ovverosia le cd. cure compassionevoli, regolando le due discipline ipotesi e fattispecie non sovrapponibili. Invero, mentre il decreto legge prevede la sperimentazione di nuovi farmaci e procedure cliniche su esseri umani al fine di verificarne la validità, il decreto ministeriale del 2006 prevede la messa a disposizione, per motivi umanitari, di medicinali o trattamenti clinici non ancora oggetto di autorizzazione da parte delle autorità competenti in favore di pazienti affetti a malattie croniche o

5 gravemente invalidanti, i quali non possono essere curati in modo soddisfacente con le terapie autorizzate (cfr. sul punto, Trib. Genova, 3 ottobre 2013). Quanto agli sviluppi della sperimentazione clinica con il metodo stamina, il Comitato Scientifico ha emesso un parere ostativo alla ulteriore prosecuzione della stessa, rilevando la carenza dei necessari presupposti di scientificità e sicurezza (cfr. documentazione depositata all'odierna udienza dalla parte reclamante) In particolare, dal parere rilasciato su richiesta del Ministro dall'avvocatura Generale dello Stato in data , prodotto all'odierna udienza emerge che detto Comitato ha "motivatamente ed in modo articolato espresso il proprio convincimento sulla qualità della preparazione del farmaco, quale risultante dal Metodo Stamina (consegnato in data 1 agosto 2013). Anche se la sperimentazione poteva svolgersi in deroga alla normativa vigente, la normativa subordinava comunque la prosecuzione della procedura (art. 2 comma 2 bis cit.) al pieno rispetto dell'art. 5 del Regolamento (CE) n. 1384/2007 del Parlamento europeo, secondo cui, devono essere rispettate le c.d. "Buone prassi di fabbricazione", elaborate dalla Commissione europea, previa consultazione della competente Agenzia europea del farmaco. [...] Esaminato il parere del Comitato scientifico, ed in particolare, la nota di accompagnamento alla relazione tecnica per il Ministero della Salute, risulta che il Comitato scientifico "ha sottolineato la necessità da parte di Fondazione Stamina di presentare una descrizione metodica di preparazione sufficientemente dettagliata e standardizzata da consentire la riproducibilità e quindi l'impiego nell'ambito della sperimentazione clinica" (pag. 1 della nota di accompagnamento). Il Comitato, poi, ha sinteticamente riportato i principali elementi di discussione, nella quale i membri hanno, in particolare, evidenziato a) la "inadeguata descrizione del metodo", mancando una descrizione del differenziamento in senso neurale delle cellule (pag. 2 della nota cit.); b) la "insufficiente definizione del prodotto" (pag. 3) sia perché le cellule da iniettare non sono definite in maniera corretta, sia perché non viene presentato alcun saggio funzionale che ne dimostri le proprietà biologiche; in difetto di questa adeguata caratterizzazione e dei pochi controlli di qualità, vi è un problema sia di efficacia del trattamento, per la difficoltà di riprodurre il metodo, sia di sicurezza; c) i "potenziali rischi" per i pazienti (pag. 3), in specie per quanto concerne l'utilizzazione di cellule allogeniche, per la mancanza di un piano di identificazione, screening e testing dei donatori, con conseguente esclusione della verifica del rischio di malattie e agenti trasmissibili (HIV1, HIV2, HBV, HCV, ecc. ecc.); d) altri rischi di fenomeni di sensibilizzazione anche gravi (ad esempio encefalo mielite) (pag. 4) sono dovuti anche al fatto che il protocollo prevede Somministrazione ripetute; non essendo prevista la filtrazione delle sospensioni ottenute dal materiale di partenza (carota ossea), vi è anche il rischio di iniezione di materiale osseo a livello del sistema nervoso.

6 In conclusione il parere negativo del comitato è fondato sia sulla mancanza di originalità del metodo, sia sulla assenza di requisiti scientifici e di sicurezza ". Il Ministero, con provvedimento direttoriale del 10 ottobre 2013, ha preso atto del "parere negativo sul metodo esaminato" espresso all'unanimità dal Comitato scientifico, condividendo le conclusioni di mancanza dei " presupposti di scientificità e sicurezza per avviare la sperimentazione clinica di cui all'articolo 1 del DM 18 giugno 2013" (cfr. doc. depositato all'odierna udienza dalla parte reclamante). Deve conseguentemente escludersi che parte ricorrente possa essere inserita nella sperimentazione di cui all'art. 2 comma 2 bis del D.L. n. 24/13, così come convertito poiché la predetta sperimentazione non può aver luogo per carenza dei presupposti scientifici essenziali. Ma in ogni caso parte ricorrente non può essere ammessa alle cure secondo le disposizioni di cui all'art. 2, commi 2 e 3 del D.L. citato, che prevede il solo completamento dei trattamenti già iniziati ove per tali si considerano solo i trattamenti nei quali sia stato praticato, presso strutture pubbliche, il prelievo da paziente o da donatore di cellule destinate all'uso terapeutico e quelli che siano stato già ordinati dalla autorità giudiziaria, risultando pacifico nel caso in esame il difetto di detti presupposti. Peraltro, l'eventuale dubbio circa la legittimità costituzionale della sperimentazione a numero chiuso rimane - allo stato - superato atteso che nella vicenda in esame la sperimentazione della metodica Stamina non ha mai avuto inizio e, per quanto indicato dal Decreto Ministeriale del , neppure avrà inizio, con conseguente non configurabilità di situazioni di diseguaglianza nell'accesso alla stessa. I requisiti richiesti dal DM Quanto alla domanda di accesso alle cure compassionevoli secondo la disciplina del D.M , osserva il Collegio che la delicatezza del tema esige una rigorosa verifica degli elementi necessari per accedere al trattamento, nell'interesse primario dei suoi destinatari. Sulla scorta di ciò il Collegio non condivide le conclusioni cui è giunto il Giudice di prime cure sul punto e, al contrario, ritiene che difettino i requisiti richiesti dall'art 1, comma 4, del DM In particolare, con riferimento al requisito sub b), non risulta resa alcuna informazione sulle modalità e soprattutto sui rischi conseguenti alla sottoposizione ai cicli di iniezione. Ritiene il Collegio, aderendo alla giurisprudenza ormai prevalente sul punto, che l'acquisizione del consenso informato esige che il paziente sia edotto in maniera esaustiva in ordine alla terapia, avendo ricevuto "una informazione adeguata sullo scopo, sulla natura dell'intervento, e sulle sue conseguenze e i suoi rischi" (Convenzione di Oviedo, art. 5, co. 2) e che l'esistenza di tale condizione venga valutata considerando le peculiarità dei casi concreti, non potendosi prescindere dall'attenta ponderazione di situazioni, quali quella oggetto del presente giudizio, in cui l'alternativa è rappresentata dalla totale assenza di qualsivoglia possibilità terapeutica, e in cui la norma autorizzatoria muove dal presupposto dell'utilizzazione di preparazioni per terapia genica e cellulare somatica, al di fuori dell'ambito di sperimentazione, per uso compassionevole (cfr. ad esempio T. Milano del )

7 Nella specie, la carenza di informazioni in ordine alla metodologia Stamina, quanto l'assenza di dati sperimentali atti a consentire una valutazione dei benefici ipotizzabili e dei rischi prevedibili del trattamento in questione, rende oggettivamente impossibile informare adeguatamente il destinatario della cura che tramuta il consenso informato in un'accettazione del rischio di sottoporsi a un trattamento, a sua volta privo di riscontro medico scientifico concreto e obiettivo, se non addirittura pericoloso. Peraltro, dalla documentazione prodotta in atti si evince che il dott. X ha prescritto alla parte ricorrente l'iniezione di cellule staminali trattate con il metodo Stamina. In particolare nella prescrizione si legge: "(...) considerato il successo ottenuto a Brescia in due pazienti con malattia simile e altri pazienti con malattie neurodegenerative, (...) considerata l'inefficacia di cellule staminali coltivate in maniera differente presso " stem cell factories" pur autorizzate dall'aifa, come risulta da un articolo pubblicato dagli specialisti di Trieste" (cfr. doc. n. 33 all.to al fasc.lo del ricorso cautelare). Osserva il Collegio che l'articolo citato nella prescrizione è redatto dallo stesso medico prescrittore che, a propria volta, è stato indagato per fatti avvenuti a Trieste ed il quale, come documentato da parte resistente, in una propria mail personale indirizzata a colleghi in data (cfr. doc. 5 parte resistente) ha sostanzialmente dichiarato di prescrivere d'ora in poi la cura anche per le patologie meno gravi proprio in ragione della conflittualità che si era creata tra la Stamina- del cui comitato scientifico il dottore notoriamente fa parte - e l'azienda sanitaria convenuta. Pertanto, avuto riguardo alla genericità della prescrizione (la stessa che si legge in analoghi giudizi davanti i vari tribunali della Repubblica allegati in atti) il Collegio dubita fortemente che -allo statosussista una prescrizione consapevole e responsabile ai sensi del decreto indicato. Difetta, inoltre, anche il requisito il requisito sub c), del parere del Comitato Etico che è necessario proprio nelle situazioni in cui, a fronte di un metodo non ancora sperimentato secondo le procedure previste, si deve evitare che il paziente possa essere sottoposto a rischi maggiori dei benefici che ne potrebbe trarre. Tale parere, poi, non può essere qualificato come mero atto burocratico, considerato che il Comitato Etico è chiamato a esprimersi sul bilanciamento e sulla giustificazione dei rischi e degli inconvenienti prevedibili rispetto al vantaggio per il paziente e, prima ancora, dovrebbe assicurare a quest'ultimo la piena comprensione degli obiettivi, dei rischi e degli inconvenienti della sperimentazione. La pronuncia del Comitato Etico quindi si prospetta come necessaria proprio per la piena estrinsecazione del diritto alla salute ex art.32 Cost. Il diritto alla salute pone senz'altro a carico dello Stato il dovere di garantire a tutti i cittadini il pieno e libero accesso alle cure indipendentemente dalle possibilità economiche di ciascun individuo. Tuttavia, esso pone altresì a carico dello Stato uno specifico obbligo di protezione, che assume rilievo ogni volta la salute di un individuo sia pregiudicata, o anche solo messa in pericolo, da una libera iniziativa del medesimo (cfr. Trib. Firenze di data ).

8 Difetta, pure, il requisito sub a) relativo ai dati scientifici pubblicati su accreditate riviste internazionali, non risultando prodotto in atti alcun documento in tal senso. Di contro, parte reclamante ha prodotto in giudizio alcune consulenze tecniche d'ufficio disposte nell'ambito di procedimenti analoghi al presente le cui conclusioni si pongono in coerenza con quelle espresse dal Comitato Scientifico sopra menzionato. In particolare, il C.T.U. nominato dal Tribunale di Brescia - prof. A. Vercelli del Dipartimento di Neuroscienze dell'università degli Studi di Torino - ha chiarito che in relazione alla terapia cellulare delle malattie neurovegetative "mancano dei veri trial clinici che dimostrino legittime aspettative di efficacia nell'uso di tali medicinali, sia per lo scarso numero di pazienti trattati, sia per la mancata standardizzazione nella preparazione del farmaco. Per quanto riguarda il metodo Stamina, non è possibile esprimere un giudizio di merito non essendo di dominio pubblico". [...] "In ogni caso, l'utilizzo delle cellule staminali mesenchimali, come quello di ogni altro farmaco, non può prescindere dai criteri di GMP per garantire la sicurezza del paziente e la riproducibilità delle terapie e degli eventuali risultati ottenuti. Tali garanzie non sembrano essere offerte dalle cellule preparate dai collaboratori della Stamina Foundation che hanno operato presso gli Spedali Civili. Sempre per quanto riguarda la sperimentazione del cosiddetto Metodo Stamina mancano dati oggettivi sugli esiti della terapia, per un non adeguato controllo ex post dei pazienti sinora trapiantati" (depositata all'odierna udienza). Pertanto, la domanda della parte reclamata non può trovare fondamento in questa fonte normativa. Sul diritto alla Salute costituzionalmente garantito Infine, ritiene il Collegio che gli ostacoli normativi finora evidenziati non sembrano superabili mediante la diretta applicazione nella specie dell'art. 32 Cost.. Così com'è stato ben osservato, esso pone certamente a carico dello Stato il dovere di garantire a tutti i cittadini il pieno e libero accesso alle cure indipendentemente dalle possibilità economiche di ciascun individuo. Ma il diritto alla salute gl'impone non di meno uno specifico obbligo di protezione, un obbligo che assume rilievo ogni qualvolta la salute di un individuo sia pregiudicata, o anche solo messa in pericolo, da una libera iniziativa del medesimo. Conviene allora osservare che se il diritto di cui all'art. 32 Cost. compendia anche il diritto del cittadino malato di ricevere terapie che prolunghino la propria aspettativa di vita o migliorino la qualità dell'esistenza in caso di malattia senza speranza, ciò non consente di ricomprendervi il diritto di sottoporsi a trattamenti non assistiti da una provata scientificità o di cui non sono determinati l'efficacia, gli eventuali effetti collaterali ed il margine di sicurezza per il paziente. Invero, la soglia minima della sicurezza del paziente viene chiaramente indicata come necessaria anche dalla normativa comunitaria in materia (cfr. regolamento CE n. 1394/2007). Del resto è proprio l'esito del recente provvedimento ministeriale, che impone la tutela del diritto costituzionale alla salute e che legittima il divieto di accesso a cure non sperimentate e neppure

9 sperimentabili quale quella in oggetto, per assenza delle condizioni minime di validità scientifica e di cui non sono esclusi rischi di dannosità. Alla luce di quanto sin qui argomentato, il reclamo deve essere accolto, con conseguente revoca dell'ordinanza cautelare emessa in data ; Le spese di lite, stante la complessità e la delicatezza delle questioni trattate, induce il Collegio a ritenere sussistenti i presupposti per una integrale compensazione delle stesse. PQM il Tribunale di Latina, in composizione collegiale, visto l'art. 669 terdecies c.p.c., disattesa ogni diversa o ulteriore istanza, eccezione e difesa, così provvede: 1) accoglie il reclamo e, per l'effetto, revoca l'ordinanza cautelare gravata; 2) compensa integralmente tra le parti le spese del giudizio. Così deciso in Latina, nella camera di consiglio del 19 novembre 2013 Si comunichi.

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG Legge 23 maggio 2013, n. 57 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2013, n. 24, recante disposizioni urgenti in materia sanitaria. Pubblicata nella G.U. 25 maggio 2013, n.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO STAMINALI. Claudio De Giuli

MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO STAMINALI. Claudio De Giuli IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO SULL IMPIEGO DI CELLULE STAMINALI Itit Istituto t Superiore di Sanità, 9 dicembre 2014 Claudio De Giuli 1 La definizione di medicinale

Dettagli

SENTENZA N. 274 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Alessandro CRISCUOLO

SENTENZA N. 274 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Alessandro CRISCUOLO SENTENZA N. 274 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Alessandro CRISCUOLO Presidente - Paolo Maria NAPOLITANO Giudice - Paolo GROSSI

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 298-B DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (MONTI) e dal Ministro della salute (BALDUZZI) di concerto con il Ministro della

Dettagli

SENTENZA N. 274 ANNO 2014

SENTENZA N. 274 ANNO 2014 vai a:fatto Diritto Dispositivo Sentenza 274/2014 Giudizio Presidente CRISCUOLO Redattore MORELLI Camera di Consiglio del 18/11/2014 Decisione del 01/12/2014 Deposito del 05/12/2014 Pubblicazione in G.

Dettagli

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA 90 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA (D.L. 25 marzo 2013, n. 24) 17 maggio 2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente INDICE 2

Dettagli

I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica

I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica Allo scopo di tutelare la salute pubblica e in adempimento alle norme nazionali e comunitarie è compito dell AIFA la valutazione continua

Dettagli

on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013

on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013 Audizione su vicenda Stamina-Commissione XII Senato della Repubblica on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013 Per una chiara comprensione delle modalità con le quali

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

700 c.p.c.: disapplicabile l atto amministrativo che vieta l infusione di cellule staminali

700 c.p.c.: disapplicabile l atto amministrativo che vieta l infusione di cellule staminali Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 8.1.2014 La Nuova Procedura Civile, 1, 2014 Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore ordinario

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

LA CORTE DI APPELLO DI ROMA

LA CORTE DI APPELLO DI ROMA REPUBBLICA ITALIANA C. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DI APPELLO DI ROMA SEZIONE SPECIALE USI CIVICI composta dai seguenti Magistrati: 1. dott.. Luigi Miraglia 2. dott.. Gaetano Antonio Bursese Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Concorso in magistratura: valgono più le ragioni di spesa della difesa erariale o quelle di salute dell aspirante magistrato disabile? Divergenza di vedute fra Giudici amministrativi in sede cautelare»

Dettagli

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Approvato dal Comitato Etico nella seduta del 20 luglio 2010 Redatto da: -

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Deliberazione n. 1/2008/P

Deliberazione n. 1/2008/P Deliberazione n. 1/2008/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza congiunta del I e II Collegio

Dettagli

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI Presidente - Luigi MAZZELLA Giudice - Sabino CASSESE - Giuseppe

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00638/2011 REG.PROV.COLL. N. 01077/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Attuazione della direttiva 2005/28/CE relativa ai principi e le linee guida dettagliate per la buona pratica clinica, ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente TAR Piemonte, Sez. II, Sentenza n. 1180 del 10 marzo 2007 Nel concorso per titoli ed esami indetto dalla ASL per la copertura di un posto di dirigente medico, la mancata predeterminazione dei criteri di

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 Agevolazioni fiscali benefici per l acquisto della prima casa abitazione non di lusso secondo i parametri di cui al D.M. 2/8/1969 disposizione dell art. 10

Dettagli

Tar Lazio: la Regione non può condizionare la scelta del medico sui farmaci da prescrivere

Tar Lazio: la Regione non può condizionare la scelta del medico sui farmaci da prescrivere Tar Lazio: la Regione non può condizionare la scelta del medico sui farmaci da prescrivere Va annullata la delibera con cui la Regione impone ai medici obblighi di motivazione per i farmaci prescritti

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente N. 00341/2015 REG.PROV.COLL. N. 01803/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

per l accertamento e la declaratoria

per l accertamento e la declaratoria N. 00954/2010 REG.SEN. N. 01709/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

Dettagli

Ordinanza 526/2002 GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE

Ordinanza 526/2002 GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE Ordinanza 526/2002 Giudizio Presidente RUPERTO - Redattore ONIDA Camera di Consiglio del GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE 23/10/2002 Decisione del 21/11/2002 Deposito del 09/12/2002

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 12332 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 15/06/2015 SENTENZA sul ricorso 21120-2013 proposto da: - I.N.P.S. - ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 15131 Anno 2015 Presidente: LUCCIOLI MARIA GABRIELLA Relatore: CAMPANILE PIETRO Data pubblicazione: 20/07/2015 sul ricorso proposto da: AGENZIA DEL TERRITORIO SENTENZA Rappresentata

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori:

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori: Sentenza n. 2045/05 del TAR Campania in tema di equipollenza dei titoli di studio (nella specie: laurea in Economia del commercio e dei mercati valutari rispetto a Economia e commercio). Registro sentenze:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 6 N. 10119/2014 REG.PROV.COLL. N. 19506/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis)

Dettagli

N. 2189/2012 Reg. Prov. Coll. N. 1820 Reg. Ric. ANNO 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 2189/2012 Reg. Prov. Coll. N. 1820 Reg. Ric. ANNO 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 2189/2012 Reg. Prov. Coll. N. 1820 Reg. Ric. ANNO 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Seconda)

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di N. 843/05 Reg. Sent. N. 4742/2004 R.G. Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA N. R.G. 2015/435 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 Il Giudice del Lavoro dott. Mariarosa Pipponzi, a scioglimento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17434 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 4419-2014 proposto da: MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D.

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. Deliberazione n. SCCLEG/5/2015/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 SENTENZE IN SANITÀ TAR LAZIO TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 Non vi sono norme di legge che menzionano tra i motivi di incompatibilità o di esclusione da scuole di specializzazione il possesso di altre

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008 1 CORTE DEI CONTI nell adunanza del 16 ottobre 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del Grosso Cons. Silvano Di Salvo

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 3130 del 2016, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 3130 del 2016, proposto da: N. 01685/2016 REG.PROV.CAU. N. 03130/2016 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

3 di 9 Tutti i ricorrenti sono stati esclusi dalla procedura in quanto ritenuti non in possesso del titolo di studio previsto dall avviso. Quindi hanno proposto il ricorso indicato in epigrafe, impugnando

Dettagli

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX Verbale n. 3 Adunanza del 3 febbraio 2015 L anno duemilaquindici il giorno tre del mese di febbraio alle ore 11,00 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Lombardia/231/2009/PAR

Lombardia/231/2009/PAR Lombardia/231/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai

R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai Sigg.: Dott. Antonella NUOVO Presidente Dott. Geo ORLANDINI

Dettagli

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente DECISIONE SENTENZE IN SANITÀ CONSIGLIO DI STATO CONSIGLIO DI STATO Sezione IV - sentenza n. 1212/2002 NO A RIMBORSO CURE SE GIUNTA NON AUTORIZZA Non è possibile ottenere il rimborso delle spese sostenute sul territorio

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma Consiglio di Stato, Sez. IV, 05.02.2015 n. 556 Materia: esclusione concorso VFP R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale in composizione monocratica ed in funzione di giudice del lavoro

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00170/2010 00561/2008 REG.SEN. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche ha pronunciato la presente (Sezione Prima)

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

SENTENZA N. 195 ANNO 2015

SENTENZA N. 195 ANNO 2015 Sentenza 195/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO - Redattore CARTABIA Udienza Pubblica del 22/09/2015 Decisione del 22/09/2015 Deposito del 09/10/2015 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Legge della

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA N. 10661/2015 REG.PROV.COLL. N. 01760/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato

Dettagli

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Non può essere posta in dubbio la legittimità del diritto del paziente

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

Deliberazione n. 15/2009/P

Deliberazione n. 15/2009/P Deliberazione n. 15/2009/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza del 30 luglio 2009 ******

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Indagine Conoscitiva Metodo Stamina (art. 42 Reg.)

Indagine Conoscitiva Metodo Stamina (art. 42 Reg.) III Commissione Sanità e Politiche Sociali Indagine Conoscitiva Metodo Stamina (art. 42 Reg.) Relazione conclusiva 10 settembre 2014 Oggetto dell indagine conoscitiva L indagine conoscitiva sul metodo

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

Breve storia del caso Stamina a Brescia

Breve storia del caso Stamina a Brescia Breve storia del caso Stamina a Brescia A cura Ministero della Salute Anno 2011: inizia la vicenda La Regione Lombardia, nel corso del 2011, ha proposto di effettuare presso l ospedale di Brescia, in un

Dettagli

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente FNOMCeO Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente Tar Lazio Svolgimento delle funzioni di medico competente Il Collegio ha affermato che è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale

Dettagli

TRIBUNALE DI VENEZIA SEZIONE LAVORO PROC. EX ART. 700 CPC ante causam CARRER CELESTE c/ SPEDALI CIVILI DI BRESCIA depositato il 7.8.2012 n.

TRIBUNALE DI VENEZIA SEZIONE LAVORO PROC. EX ART. 700 CPC ante causam CARRER CELESTE c/ SPEDALI CIVILI DI BRESCIA depositato il 7.8.2012 n. TRIBUNALE DI VENEZIA SEZIONE LAVORO PROC. EX ART. 700 CPC ante causam CARRER CELESTE c/ SPEDALI CIVILI DI BRESCIA depositato il 7.8.2012 n. 1817/2012 RG - in punto: somministrazione di cellule staminali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

Indagine Conoscitiva (art. 42 Reg.) Metodo Stamina. Relazione

Indagine Conoscitiva (art. 42 Reg.) Metodo Stamina. Relazione III Commissione Sanità e Politiche Sociali Indagine Conoscitiva (art. 42 Reg.) Metodo Stamina Relazione 9 Luglio 2014 Contesto generale L indagine conoscitiva sul metodo Stamina, approvata ai sensi dell

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Sezione Seconda SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA N. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Sezione Seconda composto dai Signori: Luigi TOSTI Silvestro Maria RUSSO Stefano TOSCHEI Presidente

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 Immobili classa mento atto di classamento motivazione caratteristiche Immobili classa mento atto di classamento comproprietari litisconsorzio necessario

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli