A cura del Dott. Giovanni Rubino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura del Dott. Giovanni Rubino"

Transcript

1 A cura del Dott. Giovanni Rubino

2 CURE TERMALI NELLA STORIA Nelle civiltà del passato, sia occidentali che orientali, accanto all immagine generatrice dell acqua si associano con frequenza i concetti di purezza, fertilità e soprattutto di sacralità dell acqua.

3 Gerusalemme: Piscina Probativa e Chiesa di S. Anna

4 CURE TERMALI NELLA STORIA Ai primordi della storia la sacralità delle acque andava spesso di pari passo con l attività terapeutica. L immersione in alcuni fiumi sacri ( il Giordano, il Gange, il Nilo ), oltre a purificare lo spirito, serviva a curare i mali del corpo.

5 CURE TERMALI NELLA STORIA Il culto dell acqua purificatrice e sanatrice è stato tramandato fino ai nostri giorni sopravvivendo non solo in Africa ed in Asia, ma anche in alcuni paesi europei dove si conserva l usanza dei bagni miracolosi in determinati corsi d acqua.

6 purificazione nel Gange

7 il bagno nell acqua sacra del Gange purifica uomini e cose

8 Lourdes: l immersione è vissuta dai pellegrini come una tappa di conversione

9 CURE TERMALI NELLA STORIA La medicina nella Grecia antica identificava la purezza dell acqua con le sue proprietà benefiche. Per tale ragione i templi in cui si celebrava il culto della medicina ( in particolare quelli dedicati al dio Asclepio ) erano costruiti in prossimità di sorgenti minerali, dove i malati potevano fare le loro purificazioni rituali. Il più famoso di questi templi si trovava nell isola di Coo ed era la sede della scuola di Ippocrate: il padre della medicina occidentale.

10

11 CURE TERMALI NELLA STORIA La scuola di Coo produsse il Corpus Hippocraticum che può considerarsi il primo trattato di medicina della storia. Molti capitoli sono dedicati al problema delle acque considerate sotto vari aspetti: caratteri organolettici, igiene, uso dei bagni in varie malattie, azione dell acqua calda e di quella fredda sul corpo umano.

12 CURE TERMALI NELLA STORIA Il significato dei bagni termali cambia profondamente in epoca romana allorchè assumono un ruolo specifico sotto l aspetto sociale e culturale. Le terme vengono costruite in ogni centro abitato ed in epoca imperiale raggiunsero la massima importanza per la vita della città.

13 CURE TERMALI NELLA STORIA Terme Romane in epoca imperiale: Edifici lussuosi Accesso consentito a tutte le classi sociali Prezzi controllati e contenuti Dal 31 a. C. accesso permesso anche alle donne, in reparti riservati o in orari differenti da quelli degli uomini Sistema di riscaldamento centralizzato ( ipocaustum ) Dotazione di biblioteche,sale conferenze, palestre, stadi, solari ecc.

14 Roma Le Terme di Caracalla, costruite intorno al 215 d.c., potevano ospitare fino a 1600 persone.

15 CURE TERMALI NELLA STORIA L idroterapia prevedeva diverse fasi: Ginnastica in palestra o bagno di sole o massaggio energico Calidarum: bagno ad alta temperatura in ambiente saturo di vapori Tepidarium: bagno a temperatura più bassa per abituarsi alla fase successiva Frigidarium: immersione in acqua fredda Il ciclo poteva essere ripetuto più volte durante la giornata. Alcune strutture erano dotate del laconicum, sala surriscaldata con nicchie alle pareti per effettuare i bagni di sudore

16 Terme romane: planimetria

17 CURE TERMALI NELLA STORIA La scuola atomista considerava le malattie come effetto della sproporzione tra atomi e pori del corpo. L alternarsi del caldo e del freddo aveva il compito di allenare la sostanza corporea a non ricevere danno in conseguenza dell attacco di fattori morbosi.

18 CURE TERMALI NELLA STORIA I medici romani fecero le prime classificazioni delle acque, cercando di trovare un nesso tra azione curativa e caratteristiche chimico-fisiche Plinio classifica le acque in sulfuree, saline, ferruginose, bituminose ed albuminose a seconda della tinta assunta dal residuo per effetto del calore o a seconda delle macchie lasciate sul rame.

19 CURE TERMALI NELLA STORIA Il declino dell Impero Romano portò alla rovina le terme, gli acquedotti, le fontane e le vie di scolo; i consistenti flussi d acqua che attraversavano le città non furono più disponibili, determinando l abbassamento del livello igienico generale e favorendo il proliferare delle malattie.

20 CURE TERMALI NELLA STORIA Con l ascesa del Cristianesimo il bagno di piacere divenne il simbolo del peccato, e per l intero corso del Medioevo l acqua fu vista come una fonte di pericolo per la salute. Veniva sostituita con pezze, unguenti e borotalco ed era credenza diffusa che fosse meglio non lavarsi mai.

21 CURE TERMALI NELLA STORIA L idrologia riceve nuovo e forte slancio a partire dall 800 per effetto dei progressi della chimica e della biologia. Si abbandona l empirismo prevalso nei secoli precedenti e si ricercano gli elementi chimici, presenti nelle acque minerali, che spiegano gli effetti biologici. Inizia una stagione che vede svilupparsi in Europa molti centri termali. Passare le acque o andare ai bagni diventa una moda diffusa. E la nascita del termalismo moderno.

22 Terme di Levico Grand Hotel Imperial

23 Origine e formazione delle acque minerali e termali L acqua nelle rocce L acqua è contenuta nelle rocce in forma diversa: come acqua di cristallizzazione (in alcuni minerali), come acqua di ritenzione e come acqua di gravità. L acqua di cristallizzazione è saldamente legata nelle molecole dei minerali; l acqua di ritenzione è trattenuta nei micropori dei granuli. Questa acqua è ferma, in quanto le forze di attrazione del dipolo H2O sono superiori alla gravità. L acqua di gravità occupa tutti gli spazi lasciati liberi dall acqua di ritenzione (spazi vuoti entro le rocce) ed è quella che si muove per gravità. E questa l acqua comunemente indicata come acqua presente in una falda, ed è quindi mobile: può esser estratta attraverso pozzi oppure fuoriuscire da sorgenti. L acqua di interesse estrattivo è quindi contenuta nel sottosuolo in depositi più o meno estesi definiti falde. Le falde possono avere estensioni di decine o di centinaia di chilometri con spessori di decine di metri.

24 Origine e formazione delle acque minerali e termali Si hanno acquiferi liberi quando il livello dell acqua sotterranea contenuta nell acquifero (livello freatico) è libero di scendere e salire in funzione di flussi idrici in uscita o in ingresso. Si distingue una zona di saturazione (interamente occupata dall acqua) e il volume sovrastante il deposito d acqua (zona non satura). In particolare, in aree dove gli acquiferi sono presenti in rocce sedimentarie (ghiaie, sabbie, ecc.), si possono avere più falde idriche sovrapposte: si definisce acquifero freatico il primo acquifero libero che si incontra procedendo dalla superficie verso il basso

25 Origine e formazione delle acque minerali e termali Acquifero libero o freatico. Si osserva una zona di saturazione (interamente occupata dall acqua) e la superficie superiore del deposito d acqua. Il relativo livello (livello freatico) è libero di scendere e salire nell acquifero in funzione di flussi idrici in uscita o in ingresso (Disegno di G. Domini).

26 Origine e formazione delle acque minerali e termali Si hanno acquiferi confinati o artesiani quando presentano un tetto di rocce impermeabili; tutto lo spessore dell acquifero è saturo d acqua in pressione. L eventuale presenza di un pozzo perforato in un acquifero confinato determina una risalita di acqua fino a che la colonna idrostatica equilibra la pressione dell acqua presente nell acquifero. Si può introdurre così il concetto di superficie piezometrica come l insieme dei punti che corrispondono alla pressione esistente nell acquifero. Quando la superficie piezometrica è superiore al piano di campagna si ha fuoruscita di acqua spontaneamente dal pozzo. Sono questi gli acquiferi confinati o artesiani e le falde contenute sono definite falde artesiane

27 Origine e formazione delle acque minerali e termali Acquifero artesiano. L acqua contenuta è in pressione perché il tetto superiore è impermeabile e la struttura è tale che la superficie piezometrica è posta a livello superiore al piano di campagna. La perforazione di un pozzo determina la fuoriuscita spontanea di acqua. (Disegno di G. Domini).

28 Origine e formazione delle acque minerali e termali Proprietà delle rocce La permeabilità delle rocce indica la differente disponibilità delle roccia a lasciarsi attraversare dall acqua. Generalmente si distingue una permeabilità per porosità quando questa è dovuta ad una struttura formata da granuli poco coerenti che lasciano passare l acqua (sabbie, ghiaie, ecc.) e una permeabilità per fratture, quando una roccia, sottoposta a fratturazione, dà origine a spazi vuoti che permettono il passaggio dell acqua. Sono permeabili i terreni alluvionali formati da ghiaie e sabbie, i depositi morenici, i depositi di origine eolica (dune), molte rocce vulcaniche perché spesso formate da depositi incoerenti, infine rocce apparentemente compatte come calcari e marmi, dolomie, sono spesso molto permeabili per fratturazione. Si definiscono impermeabili i terreni entro cui non si hanno movimenti significativi di acque: fra queste si ricordano le argille e gli strati rocciosi formati da marne (quando non fratturate) e altre rocce come graniti, alcune lave, purché non fessurate..

29 Origine e formazione delle acque minerali e termali La porosità (Pr) di una roccia è il rapporto fra il volume degli spazi vuoti (Vv) e il volume totale (Vt); quanto più è elevata la porosità, tanto maggiore è il volume di acqua che può essere immagazzinata in una roccia. La porosità varia con la tipologia delle rocce: si ha una porosità interstiziale quando vi sono spazi lasciati dai granuli depositati (rocce sciolte come ghiaie e sabbie), oppure fessure

30 Origine e formazione delle acque minerali e termali In relazione alla porosità, le rocce hanno un diverso comportamento nei confronti dell acqua. Si definiscono rocce acquifughe quelle praticamente prive di porosità: queste non contengono quantità significative di acqua e non hanno capacità di trasmissione (graniti e calcari non fratturati). Sono acquiclude le rocce con bassa porosità che contengono acqua quasi tutta di ritenzione (acqua trattenuta dalle forze di adesione e legata per effetto della polarità della molecola dell acqua), sono rocce quasi impermeabili che differiscono poco dalle acquifughe. Le rocce acquifere sono quelle di interesse ai fini del contenuto e della possibilità di estrazione di acqua. Sono rocce porose e con possibilità di essere attraversate dall acqua; principalmente ghiaie, sabbie e le rocce fratturate come calcari, dolomie e altre. In senso più esteso, con il termine acquifero si intende l insieme di rocce con capacità di trasportare e contenere acqua.

31 Origine e formazione delle acque minerali e termali La composizione chimica di un'acqua sotterranea dipende dalla natura mineralogica e dalla solubilità delle rocce con cui è venuta in contatto, dal tempo di residenza e dal potere solvente dell'acqua, legato soprattutto alla temperatura e al ph. I principali componenti delle acque (sodio, potassio, calcio, magnesio, idrogenocarbonato, solfato, cloruro) costituiscono circa il 99% di tutte le sostanze presenti nelle acque naturali e sono perciò definiti componenti principali.

32 Origine e formazione delle acque minerali e termali Si definiscono elementi in traccia quegli elementi presenti in un'acqua in concentrazioni molto basse, di solito dell'ordine dei microgrammi per litro (µg/l) e dei nanogrammi per litro (ng/l). Tra questi, quelli di maggior interesse farmacologico sono elementi come arsenico, cromo, manganese, ferro, selenio. Alcuni di questi sono elementi che possono determinare le peculiari caratteristiche medicamentose di alcune acque termali, ma con uso fuori dal controllo medico possono avere effetti tossici.

33 Origine e formazione delle acque minerali e termali Le rocce da cui provengono solitamente le principali specie chimiche sono: a) Rocce carbonatiche La circolazione delle acque nelle rocce calcaree e dolomitiche avviene soprattutto attraverso condotti di origine carsica ben localizzati. Ciò limita la superficie di contatto tra acqua e roccia e quindi il passaggio di ioni in soluzione. Le acque provenienti da acquiferi carbonatici sono in genere ricche in bicarbonati e povere di cloruri e solfati, con tenori percentualmente elevati di Ca e Mg e bassi di Na e K.

34 Origine e formazione delle acque minerali e termali b) Rocce evaporitiche Rocce di questa natura, possono trovarsi disperse in depositi terrigeni o come strati a se stanti; esse sono formate frequentemente da solfati e cloruri misti di sodio, potassio, calcio e magnesio. In particolare, le acque che vengono a contatto con rocce contenti gesso si arricchiscono rapidamente in solfati grazie alla loro elevata solubilità. Anche il salgemma (cloruro di sodio), per la sua solubilità molto elevata, fa sì che acque che attraversano queste rocce ne sciolgano grandi quantità arricchendosi in misura considerevole di ioni Cl- e Na+.

35 Origine e formazione delle acque minerali e termali c) Argille e marne I terreni ricchi di argilla sono caratterizzati da una permeabilità bassissima, pertanto le acque che si trovano in acquiferi contenenti argille hanno moti lentissimi e quindi hanno tutto il tempo di arricchirsi di ioni. Nel caso delle marne (roccia formata da calcare e argilla in percentuale variabile) assume rilevanza il contenuto di calcio e magnesio. Le acque provenienti da argille, quando queste si sono formate in ambienti riducenti, contengono talvolta ammonio.

36 Origine e formazione delle acque d) Sabbie e ghiaie minerali e termali Le acque circolanti in questo tipo di rocce presentano medie velocità di flusso e un elevato sviluppo della superficie di contatto acquaroccia. Se la componente calcarea dei clasti è rilevante si avranno alti tenori di calcio disciolto (ad es. acque ad elevata durezza). Ghiaie, sabbie e ciottoli costituiscono oltre l 80% di tutti gli acquiferi del mondo sfruttati per la produzione di acqua.

37 Origine e formazione delle acque e) Rocce cristalline minerali e termali Le rocce cristalline (graniti, gneiss, filladi, ecc.) sono costituite per lo più da minerali a bassa solubilità e pertanto le acque che vengono a contatto con questi tipi di rocce si arricchiscono assai poco di minerali. I pochi ioni in soluzione sono costituiti prevalentemente da sodio e potassio.

38 Origine e formazione delle acque minerali e termali La mineralizzazione delle acque è prodotta da vari meccanismi, tra cui sembra avere effetto prevalente l azione dell anidride carbonica disciolta nelle acque di pioggia (ma anche quella prodotta nel suolo attraverso reazioni metaboliche da parte della flora microbica) che attacca le rocce (carbonati e silicati) determinando la formazione di un acqua ricca principalmente in bicarbonato, calcio e magnesio. Si verifica anche un attacco, di minore entità, da parte di soluzioni acide prodotte dalla solubilizzazione di gas acidi come ossidi zolfo e ossidi di azoto prodotti da fonti naturali e di natura antropica.

39 Origine e formazione delle acque minerali e termali Le acque termali ad elevata mineralizzazione e a temperatura elevata sono originate da differenti processi, fra questi i più importanti sono: Penetrazione delle acque superficiali di alimentazione a grandi profondità, dove si trovano rocce calde che riscaldando l acqua ne determinano la risalita. Il prolungato contatto con le rocce e la temperatura elevata determinano l arricchimento in vari composti e elementi, alcuni dei quali poco solubili in differenti condizioni ambientali. In zone profonde della crosta dove si riscontrano elevati flussi di calore, le acque possono essere coinvolte in fasi di vaporizzazione e condensazione interessando differenti strati geologici. Immissione in acque sotterranee di fluidi caldi contenenti sostanze volatili: per questo motivo alcune acque calde sono ricche di sostanze gassose o volatili, come CO2, B, As, Sb, Hg, CH4, H2S, He, Rn.

40 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Una classificazione che può sufficientemente comprendere l insieme di tutte le acque in uso, può essere la seguente: acque potabili acque di sorgente acque minerali naturali acque termali

41 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque potabili

42 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque potabili Sono le acque comunemente definite potabili e distribuite tramite pubblici acquedotti, ma anche in cisterne, in bottiglie e altri contenitori. Fra queste acque sono comprese anche quelle impiegate per la preparazione dei cibi, bevande o per usi domestici; e quelle utilizzate nelle industrie alimentari. I requisiti di qualità delle acque destinate al consumo umano vengono valutati sulla base dei valori e delle indicazioni relative a 56 parametri chimici e 6 microbiologici riportati nell'allegato 1 del DPR 236/88. I valori di riferimento sono le concentrazioni massime ammissibili (C.M.A.): un solo parametro con valore superiore alla C.M.A. determina la non potabilità di un acqua, quindi la C.M.A. di ciascun parametro non può essere superata.

43 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque potabili depurate Le acque di acquedotto vengono talvolta sottoposte a trattamenti, definiti genericamente (e impropriamente) di depurazione, sia presso l utilizzo domestico, sia presso ristoranti, comunità e mense. Con questi trattamenti si rimuove principalmente l odore di cloro, spesso di riduce la durezza, inoltre si possono effettuare aggiunte di anidride carbonica (gassatura), rendendo in molti casi (ma non sempre) l acqua migliore sotto il profilo organolettico. Gli apparecchi di trattamento devono soddisfare specifiche normative: generalmente le tecniche attuali consentono senza problemi di raggiungere quanto previsto dalle leggi. Tuttavia le acque prodotte sono frequentemente di qualità insoddisfacente

44 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque potabili ricostruite Alcune nuove tipologie di acque stanno acquistando progressivamente quote di mercato con prodotti di non facile identificazione: ad esempio, di fronte ad un acqua depurata tramite osmosi e successivamente ricostruita con aggiunta di sali (si legge in etichetta Acqua sottoposta a mineralizzazione controllata e microfiltrazione [ ] con i componenti equilibrati ), il consumatore non dispone di alcun elemento per comprendere a quale categoria di acque appartenga questo prodotto

45 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque di sorgente

46 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque di sorgente sono rigorosamente di origine sotterranea: possono provenire da un emergenza naturale o da pozzi; non sono sottoposte a disinfezione. Sono consentiti solo alcuni trattamenti (gli stessi che sono permessi per le acque minerali), fra questi: rimozione dell arsenico, separazione dei composti instabili del ferro, manganese e zolfo; è possibile inoltre l eliminazione totale o parziale dell anidride carbonica e la possibiltà di reintrodurla successivamente. Sono acque che non possono essere trasportate (se non attraverso le tubature di adduzione allo stabilimento) e quindi confezionate all origine; la composizione chimica e la temperatura non devono subire variazioni significative nel tempo; i valori dei parametri organolettici (odore, sapore, ecc), di composizione e le sostanze contaminanti devono rispettare i valori limite indicati per le acque destinate al consumo umano (DPR 236/88); i parametri microbiologici, invece, devono rispettare quanto previsto dal Decreto 12 novembre 1992 n. 542 per le acque minerali;

47 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE in particolare, il contenuto dei sali disciolti non può superare il valore di 1500 milligrammi per litro; grazie all assenza del trattamento di disinfezione, manifestano caratteristiche molto simili alle acque minerali naturali per quanto riguarda i parametri organolettici; non si possono comunque attribuire a queste acque proprietà favorevoli alla salute; per quanto riguarda le etichette sui contenitori, a differenza delle acque minerali naturali, non è obbligatorio riportare la composizione chimica; è previsto il riconoscimento del Ministero della sanità. L attuale produzione di queste acque si aggira intorno a 30 milioni di litri/anno: rispetto a quelle minerali naturali è una produzione molto bassa.

48 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque minerali naturali L acqua minerale naturale (di seguita definita, per semplicità, acqua minerale) è stata usata, principalmente in passato, come acqua con caratteristiche curative. In anni recenti l uso è divenuto principalmente quello di acque da tavola, in sostituzione delle acque di acquedotto. Le caratteristiche principali sono pertanto le seguenti: si differenzia dall acqua potabile per l assenza di qualsiasi trattamento di disinfezione. presenta una grande varietà di composizione (non c è un limite per il contenuto dei sali disciolti) presenta dei limiti di accettabilità per alcune sostanze definite contaminanti o indesiderabili (articolo 6 Decreto 542/92) diversi dai corrispondenti limiti per le acque potabili. Queste differenze sono originate dal fatto che le acque minerali erano in passato prevalentemente utilizzate a scopo curativo e ne era previsto un uso limitato nel tempo.

49 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE per la valutazione delle caratteristiche delle acque minerali sono, fra l altro, previsti esami farmacologici e clinici e valutazioni degli effetti sull organismo umano (Articolo 2, punto d, Decreto lgs. 105/92 e successive modifiche); per l assenza di trattamenti di disinfezione, le acque minerali (ma anche quelle di sorgente) richiedono tutta una serie di precauzioni e di impianti avanzati per l estrazione e l imbottigliamento

50 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque minerali: differenze con le acque di sorgente sono diversi i valori limite per le sostanze contaminanti; non è prevista per le acque di sorgente la valutazione sul piano farmacologico, clinico e fisiologico; non si possono quindi attribuire alle acque di sorgente proprietà favorevoli alla salute. le acque minerali sono imbottigliate in contenitori della capacità massima di 2 litri; per le acque di sorgente non sono previste limitazioni di capacità.

51 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque minerali: i sali disciolti I componenti principali (talvolta chiamati macrocostituenti o sali disciolti) delle acque minerali sono: sodio, potassio, calcio, magnesio, cloruri, solfati e bicarbonati. E il residuo fisso il parametro che esprime il quantitativo dei sali disciolti in un acqua (mineralizzazione). Sulle etichette è sempre riportato il Residuo fisso a 180 C : questo valore corrisponde alla parte solida che rimane, dopo aver evaporato alla temperatura di 180 C, un litro di acqua. Nelle acq ue minerali il residuo fisso costituisce un parametro di notevole importanza perché permette di classificare le acque minerali e di scegliere le acque in base alle varie esigenze.

52 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Classificazione residuo fisso minimamente mineralizzata: fino a 50 mg/l oligominerale o leggermente mineralizzata: da 50 a 500 mg/l mediominerale: da 500 a 1500 mg/l ricca di sali minerali: oltre 1500 mg/l

53 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque minerali: elementi in traccia Per elementi in traccia si intendono sia gli elementi presenti in minime quantità come litio, bario, stronzio (sempre presenti nelle acque naturali), ma anche i metalli pesanti come piombo, cadmio, nichel, mercurio ed altri. Fra gli elementi in traccia vi sono sia quelli essenziali all organismo umano (ad esempio, come componenti di enzimi), sia quelli tossici: pertanto è di interesse la loro determinazione analitica. Alcuni elementi (rame, selenio, cromo, ecc.) sono essenziali quando sono assunti in bassi quantitativi, ma diventano tossici quando sono introdotti in quantità elevate in quanto la dose efficace a livello fisiologico è molto vicina alla dose tossica; inoltre, altri elementi (piombo, mercurio, cadmio e altri) non sembrano avere alcuna funzione biologica.

54 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

55 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Ci sono numerose acque minerali in commercio e per sceglierne una adatta alle proprie esigenze è importante saper leggere l'etichetta e conoscere il significato di alcuni termini: minimamente mineralizzata (residuo fisso, non superiore a 50 mg/l): è un acqua leggera, stimola la diuresi ed è particolarmente indicata per la ricostituzione di latte ed alimenti per l infanzia. oligominerale o leggermente mineralizzata (residuo fisso non superiore a 500 mg/l): favorisce la diuresi e contiene poco sodio e quindi può essere indicata nei casi di ipertensione.

56 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE mediominerale : (residuo fisso compreso tra 500 e mg/l): è utile in estate o durante la pratica di attività sportive, perché consente di reintegrare i liquidi ed i minerali persi con la sudorazione. ricca di sali minerali : (residuo fisso superiore a mg/l): è un acqua terapeutica, ricca di sali, da bere sotto controllo medico.

57 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

58 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali Le acque termali possiedono una particolare composizione salina a cui si associano le seguenti caratteristiche: sono batteriologicamente pure hanno origine da una falda o giacimento sotteraneo presentano proprietà terapeutiche o igieniche speciali

59 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali

60 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: differenze rispetto alle acque minerali Nelle acque termali sono ammesse quantità superiori di alcuni elementi (boro, arsenico, bario e altri) rispetto a quelli consentiti nelle acque minerali imbottigliate: ciò non deve destare meraviglia perché il loro uso è limitato nel tempo e l ambito di impiego è sotto controllo medico; inoltre alcuni elementi possono determinare l attività farmacologica delle acque termali.

61 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: temperatura La temperatura è un importante parametro fisico che caratterizza un acqua termale. La temperatura di un acqua sotterranea è in genere uguale a quella della roccia con cui è in contatto. Questa a sua volta risente di due diverse fonti di calore: la prima è l'irraggiamento solare, il cui effetto si risente solo ad una profondità limitata, l altra è il calore proveniente dal basso per effetto del gradiente geotermico. Oltre una certa profondità gli scambi termici con la superficie sono trascurabili e inizia a farsi sentire solo l'effetto del gradiente geotermico che porta ad un progressivo aumento della temperatura con la profondità, con valori medi di circa 1 C ogni 33 m. In ambienti geologici dove sono presenti fenomeni di termalismo, il gradiente geotermico più elevato determina un maggior aumento di temperatura delle acque che vi circolano

62 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: temperatura fredde < 20 C alla scaturigine ipotermali tra 20 e 30 C termali tra 30 e 40 C ipertermali > 40 C

63 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: conducibilità elettrica In una soluzione, le sostanze ioniche presenti consentono il passaggio della corrente elettrica. Poiché aumenta la conducibilità elettrica in modo proporzionale alla concentrazione delle sostanze disciolte, la conducibilità elettrica è un parametro utile per ottenere una misura, seppur approssimativa, del contenuto salino di un acqua. L acqua molto pura presenta una conducibilità elettrica molto bassa. Quando la misura della conducibilità elettrica viene effettuata con elettrodi con superficie di 1cm2 posti alla distanza di 1 cm si ricava la conducibilità elettrica specifica. L unità di misura della C. E. è il Siemens per centimetro (S.cm-1). Per le acque sotterranee con mineralizzazione comunemente compresa fra 50 e 2000 mg/l viene utilizzato un sottomultiplo: il microsiemens per centimetro (µs.cm-1). La conducibilità elettrica specifica è direttamente proporzionale alla quantità di cariche, cioè di ioni, presenti

64 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: residuo fisso Il contenuto in sali di un'acqua può essere misurato attraverso il residuo fisso. Il residuo fisso o residuo totale a 180 C, corrisponde alla parte solida che rimane dopo aver evaporato ed essiccato alla temperatura di 180 C, una quanti tà nota di acqua, in genere 1 litro. Esso esprime la quantità totale di sali contenuti. Il valore determinato in questo modo non coincide con esattezza con il valore teorico calcolato in base al contributo dei vari ioni e delle sostanze disciolte: varie interferenze sono dovute alla presenze dei solfati che possono trattenere acqua di cristallizzazione, le sostanze organiche che possono non essere rimosse completamente durante l essiccamento e infine i bicarbonati, che dopo la trasformazione in carbonati, possono trasformarsi parzialmente in ossidi e ossidi basici.

65 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Acque termali: residuo fisso Per le acque termali si fa riferimento alla classificazione di Marotta e Sica: Classificazione residuo fisso Acque oligominerali fino a 200 mg/l Acque medio-minerali tra 200 e 1000 mg/l Acque minerali propriamente dette oltre i 1000 mg/l

66 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE Le acque si possono suddividere a seconda del tipo di sali minerali contenuti in: acque bicarbonate (il tenore di bicarbonato è superiore a 600 mg/l): sono indicate nell ipersecrezione gastrica e nelle patologie renali. acque solfate (il tenore dei solfati è superiore a 200 mg/l): sono lievemente lassative e quindi indicate in caso d insufficienze digestive. acque clorulate (il tenore di cloruro è superiore a 200 mg/l): hanno azione equilibratrice dell intestino, delle vie biliari e del fegato. Hanno inoltre azione lassativa e purgativa tipica delle acque salse o salso solfate. acque calciche (il tenore di calcio è superiore a 150 mg/l): agiscono a livello dello stomaco e del fegato. Sono indicate nella crescita e prevenzione dell osteoporosi e dell ipertensione. acque acidule (il tenore di anidride carbonica libera è superiore a 250 mg/l): facilitano la digestione.

67 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE acque magnesiache (se il tenore di magnesio è superiore a 50 mg/l): svolgono prevalentemente un azione purgativa, ma trovano anche indicazioni nella prevenzione dell arteriosclerosi. acque fluorate o contenente fluoro (il tenore di fluoro è superiore a 1 mg/l): utili per rinforzare la struttura dei denti e per la prevenzione della carie dentale. acque ferruginose o contenente ferro (il tenore di ferro bivalente è superiore a 1 mg/l): indicate nelle anemie da carenza di ferro. acque sodiche (il tenore di sodio è superiore a 200 mg/l): influenzano positivamente l eccitabillità neuro-muscolare. Indicate in stati di carenze specifiche e nell attività sportiva. acque a basso contenuto di sodio (il tenore di sodio è inferiore a 20 mg/l): indicate per le diete povere di sodio

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA. manuale di cure mediche alle Terme

TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA. manuale di cure mediche alle Terme TERME DI BOARIO LA SALUTE VIEN DALL ACQUA manuale di cure mediche alle Terme TERME DI BOARIO PREMIO QUALITÀ ACQUA TERMALE Il CERAM, Centro Europeo di Ricerca Acque Minerali, a seguito di un accurato studio

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 Indice RIASSUNTO 2 INTRODUZIONE 4 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DELLE TERME DI TELESE INDICE

LA CARTA DEI SERVIZI DELLE TERME DI TELESE INDICE LA CARTA DEI SERVIZI DELLE TERME DI TELESE INDICE PREMESSA TELESE TERME E LE SUE ACQUE L ATTIVITÀ TERMALE INFORMAZIONI GENERALI : Le piscine Il parco Il soggiorno alberghiero Convenzioni Accesso alle terapie

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli