La città in. 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica. A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La città in. 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica. A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini"

Transcript

1 La città in 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini con Gilda Berruti, Francesco Bonsinetto, Giulia Di Donato, Stefano Erba, Laura Forgione, Estella Marino, Renata Marino, Alessandro Marotta, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Andrea Stanghellini, Anna Uttaro Prefazione di Alessandro Balducci Introduzione di Giorgio Ferraresi Politecnico di Milano Dipartimento di Architettura e Pianificazione Dottorato in Pianificazione Urbana, Territoriale e Ambientale 1 Libreria CLUP

2 Indice Prefazione di Alessandro Balducci... 5 Introduzione di Giorgio Ferraresi... 8 La riattivazione della rete interdottorato in Urbanistica e Pianificazione territoriale e ambientale: percorsi ed opportunità di Filomena Pomilio Rete interdottorato 1994_2004: permanenze e variazioni nelle domande di ricerca di Luca Tamini La città in governabile Governo del territorio e processi decisionali: un legame sempre più stretto di Massimiliano Pacifico La città in governabile: resoconto di un esperienza di Stefano Erba e Laura Forgione Piani e programmi Il paesaggio come risorsa: per una evoluzione in senso strategico e progettuale dell immaginario disciplinare italiano di Cecilia Scoppetta...34 I programmi complessi, strumenti di innovazione delle politiche urbane (?) di Valeria Lingua...41 La valutazione strategica delle politiche di trasformazione urbana: riflessioni teoriche e implicazioni metodologiche di Giovanni Virgilio Partecipazione, democrazia ed equità I processi democratici nelle decisioni sul rischio. Limiti e convenienze di Daniele F. Bignami...55 Spazio pubblico, occasione di rinnovo, rilancio e qualità di una governance urbana di Alessandro Marotta e Laura Forgione Specialisti e specialisti Fattori culturali e socio-organizzativi che influenzano le politiche di prevenzione dei rischi ambientali di Simona Caragliano..68 Mitigazione del rischio naturale mediante delocalizzazione degli abitanti: quali politiche possibili? di Gianfranco de Tullio...73 Reti Ecologiche e Contesti di Interazione. Il processo di pianificazione ambientale a Roma di Roberto Marcelli...81 Sviluppo in-sostenibile e governo del territorio di Maria Chiara Tomasino

3 2. La città in evoluzione Il punto di vista del discussant di Augusto Cagnardi Dalla complessità alla trasformazione: la città come laboratorio in evoluzione di Francesco Bonsinetto, Laura Ferrari, Federico Jappelli Programmare la complessità Novara: il nuovo ruolo territoriale, la strategia urbanistica, i programmi complessi di Loris Antonio Servillo I processi di rigenerazione urbana nelle realta territoriali di piccole dimensioni. Il caso del contratto di quartiere di Rogliano (Cs) di Maria Francesca Viapiana Pic Urban Reggio Calabria: contributi innovativi e nuove concezioni per le politiche urbane di Anna Del Grande Diffusione urbana e multietnicità al Sud. Strategie di integrazione e forme del progetto urbanistico di Giuseppe Guida Trasformazioni urbane: elementi/approcci/opportunità La spettacolarizzazione dei nuovi grandi interventi urbani di Andrea De Matteis Il progetto della trasformazione urbana di Marcello Capucci Spazio comunità. I servizi di quartiere in aree di edilizia residenziale pubblica nella prospettiva dello sviluppo di comunità di Daniela Ciaffi Nuovi scenari per la trasformazione urbana: il caso della città di Napoli di Daniela Mello Bucarest In evoluzione: espansione vs. riqualificazione? di Gregorio Indelicato Pianificazione dello sviluppo, implicazioni ambientali e scenari territoriali: l abilitazione all intermodalità del porto di Taranto nel trasporto delle merci di Angelo Micolucci Città come laboratorio in evoluzione Design e Territorio: un approccio per la valorizzazione delle risorse locali di Beatrice Villari e Stefano Maffei Il ruolo delle infrastrutture stradali nella configurazione della città contemporanea di Paola Marotta Strumenti innovativi per la gestione della domanda di mobilità: potenzialità, efficacia e prospettive dei Piani degli Spostamenti Casa Lavoro di Andrea Airoldi L istruttoria per la riqualificazione dei complessi monumentali dismessi. Il caso dell ex ospedale militare a Napoli di Annalisa Manna La ricerca in città Un resoconto come cornice di Gilda Berruti, Giulia Di Donato, Paola D Onofrio, Estella Marino, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Francesco Procacci, Anna Uttaro Un punto di vista esterno di Alessio Torti Alcuni punti di vista interni di Alberto Budoni, Lidia Decandia, Daniela Lepore, Anna Laura Palazzo Più che un bilancio, un rilancio di Gilda Berruti, Giulia Di Donato, Paola D Onofrio, Estella Marino, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Francesco Procacci, Anna Uttaro I paper discussi Certificazione ambientale come cerniera tra diversi linguaggi disciplinari di Riccardo Cecatiello

4 Il ricercatore ed il politico: relazioni e responsabilità di Stefano Erba Altri sguardi sulla città di Renata Marino Discipline e incertezze di una ricerca urbanistica di Alice Sotgia La qualità degli spazi pubblici: costruzione e divenire. Un percorso (tortuoso) di ricerca operativa di Irma Visalli Allegato 1. Traccia del questionario docenti Allegato 2. Traccia del questionario dottorandi La città in movimento La città marginale come sfondo spaziale del movimento di Paolo Vari e Antonio Bocola Un modo di raccontare, per descrivere, trasformare e partecipare la città di Alessandro Marotta, Andrea Stanghellini, Renata Marino, Diego Bianchi La città in movimento La percezione del movimento e le trasformazioni territoriali di Maurizio Francesco Errigo Zapp-IN-g City. Indifferenza e movimento nella percezione della città contemporanea di Andrea Fiorista Uno sguardo ampio: i grandi movimenti della città Ruffle city. Profili, frammenti, e destrutturazioni nella forma urbana contemporanea di Elena Elisabetta Minghini La città è morta. Viva la città! Gentrification: un concetto in evoluzione di Silvia Infusino I nuovi flussi sociali nelle metropoli postmoderne. Contaminazione e integrazione di Concetta Alessandra Sottile Frammentazione e segregazione spaziale: tendenze attuali dell urbanizzazione in Brasile di Adriana Genro Uno sguardo nel particolare: le trasformazioni di parti di città Gli spazi tecnologici delle periferie metropolitane: analisi delle aree nord orientali della città di Barcellona di Vanna Madama Urbanità cangianti di Giovanni Attili Il valore urbano dei centri commerciali di Francesco Procacci Multiblock-shopping-centre-city di Carlo Molteni Oltre la produzione: il commercio al dettaglio come risorsa nella trasformazione del distretto calzaturiero di Romans-Sur-Isère di Maria Antonietta Clerici Progettazione delle infrastrutture viarie e riqualificazione degli intorni urbani e territoriali di Federico Jappelli Uno sguardo dal basso: i movimenti della città contemporanea visti da chi li provoca AlterAzione. Comunità e politiche di riuso di Maria Lina La China Mobilità e Mobilitazioni Urbane. Prove tecniche di cicloattivismo di Laura Basco Creazioni collettive dello spazio urbano di Anna M. Uttaro Attivazione delle comunità locali. Riflessione sulle contaminazioni generative tra linguaggi e pratiche dell arte e della pianificazione urbana di Anna dell Olio Esperienze di partecipazione a Roma di Angelica Fortuzzi Riferimenti bibliografici. Le letture dei dottorandi

5 1.1. Governo del territorio e processi decisionali: un legame sempre più stretto di Massimiliano Pacifico Quando si progettano interventi che riguardano il territorio si deve innanzitutto fare appello alle competenze degli esperti in pianificazione ambientale e urbanistica. Tuttavia, si è ormai constatato che le politiche per il territorio non si esauriscono con il contributo esclusivo dei tecnici ma devono necessariamente fare i conti con i soggetti che a vario titolo interagiscono sulla quella stessa area, ossia cittadini, associazioni, imprese, enti locali e l elenco non è certamente esaustivo. Fare i conti significa il più delle volte tenere in considerazione i punti di vista di ogni attore o la definizione del problema di cui ciascuno è portatore. Ciò significa accettare anche il fatto che vi siano visioni differenti dello stesso problema e dunque riconoscere che esistono aspettative, bisogni ma anche interessi diversi a seconda di chi esamina il problema e a seconda dell angolazione da cui si osserva. Per riuscire a integrare e combinare ogni esigenza bisogna guardare tanto a teorie e competenze urbanistiche quanto alla natura dei processi decisionali che si sviluppano fra attori e stakeholder 5 di volta in volta coinvolti. Questa è la principale lezione che si trae da ciascuno dei contributi presentati dai dottorandi nella sessione la città IN-governabile : a mio avviso, è un indicazione particolarmente preziosa e significativa proprio perché giunge da urbanisti e pianificatori i quali, ogni volta che bisogna intervenire sul territorio, sono sempre una delle parti chiamate in causa. Il problema non è dunque esclusivamente circoscritto tra committente - quasi sempre una amministrazione pubblica - e progettista ma bensì un po più esteso e articolato. Ogni paper sottolinea infatti da un lato, la necessità di rielaborare gli strumenti utili a governare il territorio, dall altro l esigenza di ampliare l arena dei decisori per migliorare o riformulare i processi decisionali che accompagnano gli interventi e quindi la buona riuscita del progetto. A questo punto il dibattito tra addetti ai lavori di politiche urbane non verte tanto sul se sia opportuno coinvolgere gli stakeholders ma piuttosto sul come farlo nel modo migliore e quindi su quali siano le metodologie da adottare. Del resto, sono proprio le esperienze sul campo e le best-practices a confermarci che è ragionevole, e peraltro quasi sempre indispensabile, decidere e attuare le politiche di trasformazione urbana attraverso la partecipazione di molti attori. Nessun intervento che intenda avere un impatto positivo sul territorio è escluso: non fanno dunque eccezione gli interventi in tema di mitigazione o prevenzione del rischio naturale di eventi calamitosi, gli interventi per lo sviluppo sostenibile di un area o i più tradizionali strumenti di pianificazione urbanistica e di riqualificazione dei quartieri degradati. Corep, Torino - 5 Sulla definizione di stakeholder rinvio al Dizionario di politiche pubbliche, a cura di Capano e Giuliani. 27

6 Governance e territorio In molte delle relazioni di seguito presentate ricorre frequentemente il concetto di governance soprattutto per quanto concerne la progettazione e l organizzazione dello spazio. Il termine governance si riferisce all attività del governare e si contrappone al termine government che invece indica l istituzione che governa, ossia il soggetto che esercita il potere. In ogni relazione presentata di seguito emerge un interpretazione specifica di governance ma il significato più generale del termine, e il carattere comune a tutte le definizioni, fa riferimento a processi nei quali il coordinamento e la cooperazione orizzontale tra attori avvengono senza il ricorso a principi gerarchici o di libero mercato. Il concetto di governance include ogni attività che contribuisce alla formulazione e alla messa in opera di politiche pubbliche e si sviluppa dopo il fallimento di modelli decisionali sinottici o prescrittivi. I modelli fondati sulla governance sono frutto della diffusione di pratiche di interazione tra attori, dello sviluppo di capacità di governo senza il ricorso a istituzioni forti e conducono alla condivisione di risorse e responsabilità 6 ; inoltre, si tratta di modelli che disegnano percorsi idonei a evitare conflitti che possano portare a situazione indesiderate (paralisi dei progetti o grandi difficoltà nell attuazione). Va precisato che le teorie sulla governance si sviluppano nello stesso periodo in cui si diffondono i concetti di decentramento di funzioni, partnership pubblico-privato, coproduzione di beni e servizi pubblici, ossia idee che vanno di pari passo con la concezione di attori in rete. Le politiche pubbliche si producono pertanto in ambienti frammentati all interno di sistemi nei quali gli attori sviluppano relazioni di varia densità e in cui le risorse 7 o il potere sono nelle mani di una molteplicità di attori: è dunque ragionevole allargare il campo della progettazione, dell attuazione e della valutazione degli interventi. Quello che emerge, in maniera trasversale a tutti i settori di intervento dai lavori presentati è che le politiche per il territorio, al pari di altre politiche pubbliche, non sono quasi mai attuate grazie all azione di un unico attore, ma piuttosto ad una rete di attori che cooperano seconda modalità di volta in volta differenti. Dopo aver abbondato modelli decisionali di tipo gerarchico o razionale, 8 si è consolidato un modello che tiene conto sia della complessità e dell interdipendenza dei problemi a cui le decisioni politico- 6 Una tipologia specifica del concetto di governance è quello di governance urbana che si può definire come l insieme delle azioni volte al rafforzamento, alla mobilitazione di istituzioni, gruppi e interessi nell ambito di una strategia collettiva (Bagnasco e Le Galès, 1997). Scopo degli studi sulla governance urbana è capire a quali condizioni e attraverso quali interazioni viene assicurato un governo in contesti locali sempre più complessi (Bobbio, 2002). 7 Le risorse, quasi mai concentrate nelle mani di un unico attore, possono essere almeno di quattro tipi: finanziarie (chi detiene il denaro per progettare e realizzare un intervento), legali (il sistema normativo nel quale l intervento di inserisce), politiche (il consenso) e tecniche (competenze e conoscenze specifiche necessarie per realizzare il progetto). 8 Nel modello razionale prevale un decisore unico capace di compiere sempre la scelta migliore in assoluto, in un ambiente in cui i fini e i mezzi sono sempre chiaramente definiti e conosciuti. 28

7 amministrative cercano di dare risposta, sia della pluralità di soggetti (istituzionali e non) che intervengono nel processo. Per queste ragioni, sempre più spesso, si adottano modelli decisionali inclusivi. Includere conviene davvero? E importante dunque provare a capire quando è conveniente fare ricorso a processi decisionali inclusivi. In generale, vale la pena ogni volta che il decisore è cieco, ossia quando possiede solo alcune delle risorse e conoscenze che servono per decidere; oppure quando c è seriamente il rischio che le decisioni assunte non possano essere messe in pratica o possano esserlo solamente con grandissime difficoltà. La regola principale dovrebbe essere nessun impatto senza rappresentanza (Bobbio, 2004). Di solito, chi si oppone a un progetto ha buone ragioni per farlo: le percezioni e gli interessi di chi si sente minacciato non possono essere sottovalutati e spesso è più conveniente anticipare gli eventuali conflitti invece che rimandarli il più possibile nel tempo. Ma come fare allora? Certamente non è pensabile interpellare ogni volta chiunque sia in qualche modo coinvolto ma è realistico cercare di accogliere ed esaminare le istanze di tutti coloro che hanno un punto di vista rilevante sul problema, a prescindere dalle competenze o dal potere formale di cui dispongono. Può anche capitare che sia utile lavorare con qualcuno che, pur non avendo un ruolo formale o qualche competenza settoriale, abbia comunque una conoscenza del problema (si pensi per esempio ai comitati di cittadini o al mondo dell associazionismo locale, costituito cioè da persone e/o soggetti che vivono e operano sull area da tempo). In altre parole, è conveniente costruire la mappa degli attori dopo aver effettuato un attenta indagine sul campo. La peculiarità dei processi decisionali inclusivi, ben distinti dai processi di negoziazione e dalla votazione, consiste nel fatto che le preferenze degli attori sono endogene, ossia si possono formare, modificare e trasformare nel corso del processo stesso in virtù del confronto che a tratti può anche assumere la veste di conflitto che si sviluppa tra gli stakeholder. Il percorso, senza dubbio, è molto più difficile e probabilmente più lungo rispetto a quello di altri modelli decisionali sebbene presenti altri vantaggi: il risultato può condurre a decisioni migliori - più eque e più semplici da attuare - e al tempo stesso può facilitare la creazione e diffusione di capitale sociale tra i partecipanti. Una delle riflessioni che emergono dall intera sessione, a mio avviso, è il forte desiderio della comunità degli urbanisti e dei pianificatori di accentuare ancor di più il carattere interdisciplinare degli interventi di trasformazione del territorio: il bisogno di integrazione tra discipline e tra punti di vista differenti è segno della consapevolezza che per portare a termine con successo gli interventi progettati non è sufficiente soltanto la competenza degli urbanisti, per quanto importante. L esperienza dimostra che c è l esigenza e lo spazio sia per il contributo di attori tradizionali l amministrazione competente, i tecnici incaricati di redigere il progetto sia di altri soggetti legittimamente interessati a partecipare. 29

8 Bibliografia Bagnasco A., Le Galés P. (1999), Le città nell Europa contemporanea, Liguori, Napoli. Bobbio L. (2002), I governi locali nelle democrazie contemporanee, Laterza, Roma Bari. Bobbio L., (2004), A più voci, Dipartimento della Funzione Pubblica, Roma. Il volume è scaricabile on line dal sito Capano G. e Giuliani M., (a cura di) (2^ ediz. 2002) Dizionario di politiche pubbliche, Carocci, Roma. Mayntz R. (1999), La teoria della governance: sfide e prospettive, Rivista Italiana di Scienza Politica, Vol. XXIX - n.1 - pp

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE?

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE? L ARCHITETTURA concept Cosa hanno da dire i docenti di progettazione ad un paese la cui forma fisica pare imprigionata nelle gabbie delle procedure burocratiche, nelle impasse delle decisioni politiche,

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento di Giorgio Casoni Il concetto di capacità competitiva territoriale è entrato a far parte del linguaggio comune degli amministratori.

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana.

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana. RAINEWS MI CHIAMO CITTA edizione 2012 un programma di Marta Francocci in collaborazione con Ordine degli Architetti di Roma INU Istituto Nazionale di Urbanistica Compagnia di San Paolo, Torino Ance Genova

Dettagli

corso triennale HABITAT DESIGN [HD]

corso triennale HABITAT DESIGN [HD] corso triennale HABITAT DESIGN [HD] Progetto: Valerio Calamari, Valentina Ciocci, Devil D Angelo, Giulia Lombardi, Jessica Pizzuto, Alessio Rubini L habitat è il complesso delle strutture fisiche, naturali

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. RAFFAELLA FLORIO Coordinatrice ReCS e Firenze 2010 12 maggio 2006 Buongiorno a tutti. Io sono chiamata

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004 Provincia di Ferrara Comune di Ferrara Aprile 2004 Una chiave di lettura del territorio: la partecipazione INQUADRAMENTO DEL TEMA La denominazione di partecipazione copre oggi i più svariati significati

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA I Programmi complessi Si innestano in una duplice riflessione: 1. scarsità delle risorse pubbliche per la gestione delle trasformazioni urbane; 2. limiti della operatività del Piano Regolatore Generale.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI FONDAMENTI DI ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO A.A. 2009_2010

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

CONVEGNO PROFESSIONI E LAVORI GREEN L EDILIZIA EFFICIENTE E SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI

CONVEGNO PROFESSIONI E LAVORI GREEN L EDILIZIA EFFICIENTE E SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI CONVEGNO PROFESSIONI E LAVORI GREEN L EDILIZIA EFFICIENTE E SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI ROMA, 26 MARZO 2014 CASA DELL ARCHITETTURA piazza Manfredo Fanti, 48 ROMA RELAZIONE INTRODUTTIVA ARCH. PATRIZIA

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

T_cesit. n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities. sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli

T_cesit. n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities. sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli ISSN 2039-2303 T_cesit n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli Centrostudi suisistemi ditrasporto CarloMarioGuerci

Dettagli

LABORATORIO PESCARA CONNESSIONI - TRA AREE MARGINALI E NUOVE CENTRALITA FOCUS TEMATICO ORTI URBANI ISTANT REPORT

LABORATORIO PESCARA CONNESSIONI - TRA AREE MARGINALI E NUOVE CENTRALITA FOCUS TEMATICO ORTI URBANI ISTANT REPORT LABORATORIO PESCARA CONNESSIONI - TRA AREE MARGINALI E NUOVE CENTRALITA FOCUS TEMATICO ORTI URBANI ISTANT REPORT a cura di Raffaella Radoccia Il focus è stato rivolto ad esperti e studiosi, perlopiù locali,

Dettagli

CONVENZIONE 2006-2007. 1 Relazione

CONVENZIONE 2006-2007. 1 Relazione PROGRAMMA INTEGRATO DI EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CONVENZIONE 2006-2007 1 Relazione Nel corso dei primi mesi di attività sono stati sviluppati i seguenti punti: A. Sperimentazione del laboratorio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. CRISPI AD INDIRIZZO MUSICALE Piazza Giulio Cesare, n 1-92016 Ribera (AG) e-mail agic85700q@istruzione.it - pec agic85700q@pec.istruzione.it-

Dettagli

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione normativa-regolativa Dimensione strategica GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione ambientale Dimensione del progetto urbano Dimensione delle politiche di sviluppo A cosa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale della Sezione Sociologia dell Ambiente e del Territorio Conoscere e governare la città metropolitana in tempi di crisi

Quarta Conferenza Nazionale della Sezione Sociologia dell Ambiente e del Territorio Conoscere e governare la città metropolitana in tempi di crisi Sezione Sociologia dell Ambiente e del Territorio Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Quarta Conferenza Nazionale della Sezione Sociologia dell Ambiente e del Territorio Conoscere e governare

Dettagli

La governance del territorio

La governance del territorio La governance del territorio Università di Pavia 2013/2014 Modulo di Sociologia Docente: Emanuele Polizzi Governo come governance Dal governo come autorità al governo come regia Non più governo dall alto,

Dettagli

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri A cura di - Alinea, Firenze, 2009 Il Laboratorio del Parco Agricolo Sud Milano tra produzioni di qualità

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Disegno urbano 3 Aggiornamento ottobre 2012 ACCESSIBILITÀ AI SERVIZI ED AL MERCATO

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

II. Che tale decreto è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania del 14 giugno 2004;

II. Che tale decreto è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania del 14 giugno 2004; Protocollo d intesa Tra Regione Campania Comune di Napoli Napoli Orientale S.c.p.a. Kuwait Petroleum Italia S.p.A e Kuwait Raffinazione e Chimica S.p.A. Premesso: I. Che con decreto del Presidente della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI SCHEDA RIASSUNTIVA Direzione Direttore Scientifico: Prof. Sergio

Dettagli

Dal New Public Management alla Public Governance

Dal New Public Management alla Public Governance Dal New Public Management alla Public Governance Processi di cambiamento della pa e valutazione delle politiche pubbliche 9 maggio 2008 cinzia raimondi 1 Valutazione e amministrazione Processi di riforma

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Como waterfront: between city and lake landscape

Como waterfront: between city and lake landscape WORKSHOP INTERNAZIONALE DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA E AMBIENTALE 16-27 SETTEMBRE 2013 Como waterfront: between city and lake landscape PROVINCIA DI COMO- Settore Cultura PROGETTO E REALIZZAZIONE A

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

INTERVISTE E FOCUS GROUP A STAKEHOLDERS - QUESTIONARIO. LABORATORIO DI DISCUSSIONE aperto a tutta la cittadinanza

INTERVISTE E FOCUS GROUP A STAKEHOLDERS - QUESTIONARIO. LABORATORIO DI DISCUSSIONE aperto a tutta la cittadinanza Andrea Panzavolta è urbanista pianificatore. Ha lavorato dal 2005 al 2007 presso la Provincia di Venezia e il COSES Ve (Centro per la ricerca e la formazione) come principale responsabile del processo

Dettagli

C OSTI, AGEVOLAZIONI E CALENDARIO

C OSTI, AGEVOLAZIONI E CALENDARIO S ONO APERTE LE ISCRIZIONI AL NUOVO M ASTER IN GESTIONE DELLA T RASFORMAZIONE U RBANA (MTU) ALL ISTITUTO A DRIANO O LIVETTI DI STUDI PER LA GESTIONE DELL ECONOMIA E DELLE AZIENDE (ISTAO), ANCONA Il Master

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

STRATEGIE e TECNICHE per il rilancio e il sostegno delle costruzioni nel Mezzogiorno RIGENERAZIONE URBANA E RISCHIO STRUTTURALE

STRATEGIE e TECNICHE per il rilancio e il sostegno delle costruzioni nel Mezzogiorno RIGENERAZIONE URBANA E RISCHIO STRUTTURALE 2 CONVEGNO NAZIONALE STRATEGIE e TECNICHE per il rilancio e il sostegno delle costruzioni nel Mezzogiorno RIGENERAZIONE URBANA E RISCHIO STRUTTURALE BARI 19 GIUGNO 2015 ore 14:00 FIERA DEL LEVANTE - SPAZIO

Dettagli

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO Ivana Summa, 2003 Il quadro giuridico L art. 21, comma 10 della Legge 15 marzo 1997 n. 59 attribuisce alle singole istituzioni scolastiche autonome anche

Dettagli

Milano che cambia: il programma per l Edilizia residenziale pubblica

Milano che cambia: il programma per l Edilizia residenziale pubblica Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Milano Milano che cambia: il programma per l Edilizia residenziale pubblica Il tema della residenza temporanea si impone nella totalità delle

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

Direttore e Responsabile Scientifico Prof. Luigi Guerra

Direttore e Responsabile Scientifico Prof. Luigi Guerra CORSO ANNUALE DI FORMAZIONE CON VALORE ABILITANTE PER L ACCESSO ALL INSEGNAMENTO NELLA SCUOLA MEDIA INFERIORE E SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE E ALL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA INGLESE ED EDUCAZIONE FISICA

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

Genova, 14 settembre2012

Genova, 14 settembre2012 COMUNICATO STAMPA Si svolgerà dal 19 novembre al 19 marzo 2013 la seconda edizione del Master in Political Economy, promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone in collaborazione con il DISPO - Dipartimento

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIO EMILIA Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA I.D. n. 238 in data 20-09-2011 P.G. n. 16673 L'anno duemilaundici addì 20-venti- del mese settembre alle ore

Dettagli

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio Commercio e territorio Alberto Bassani Paolo Gariboldi Giorgio Limonta Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio presentazione di Corinna Morandi IL MULTIPLEX Forme, strategie e rapporto

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010 2011. Arch. Filippo Boschi 13 aprile 2011

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010 2011. Arch. Filippo Boschi 13 aprile 2011 PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010 2011 RIFLESSIONI SUL PROGETTO URBANO Arch. Filippo Boschi 13 aprile 2011 ALCUNI MOTIVI DELL AFFERMAZIONE DEL PROGETTO URBANO CRISI DEL PIANO URBANISTICO NEL GOVERNO

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Collana dell Istituto di Teoria e Tecniche dell Informazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Collana dell Istituto di Teoria e Tecniche dell Informazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche Collana dell Istituto di Teoria e Tecniche dell Informazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche diretta da Costantino Ciampi (direttore dell ITTIG) Serie «Studi e documenti», n. 9 Indice

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni

Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Le Associazioni delle Autorità Locali per le riforme sul decentramento: ruolo, iniziative e azioni Milano, 21 giugno 2013 Sede del FPMCI Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione internazionale Spazio

Dettagli

Corso di formazione sulla programmazione, attuazione e valutazione delle politiche di sviluppo

Corso di formazione sulla programmazione, attuazione e valutazione delle politiche di sviluppo Corso di formazione sulla programmazione, attuazione e valutazione delle politiche di sviluppo Anno 2009 Contesto e finalità del Corso La realizzazione delle politiche di sviluppo e coesione nel ciclo

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato Oggetto: CONCLUSIONE DEL PROGETTO BOXTUTTI PERCORSI PARTECIPATI SULLA FRUIZIONE CONDIVISA DEGLI SPAZI URBANI NEL QUARTIERE SAN DONATO AREA RICOMPRESA TRA VIA PEZZANA E VIA ZAGO IL

Dettagli

Il progetto ECO LEARNING

Il progetto ECO LEARNING APAT e ARPA Lazio Corso laboratorio di educazione ambientale STRATEGIE E INTERVENTI PER LA GOVERNANCE DELL AMBIENTE URBANO Roma 15 e 16 novembre La formazione come supporto alla governance urbana Il progetto

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

L esperienza di accompagnamento. del Piano di Governo del Territorio di Bergamo COMUNE DI BERGAMO IN-FORMAZIONE PARTECIPAZIONE COMUNICAZIONE FUTURA

L esperienza di accompagnamento. del Piano di Governo del Territorio di Bergamo COMUNE DI BERGAMO IN-FORMAZIONE PARTECIPAZIONE COMUNICAZIONE FUTURA COMUNE DI BERGAMO FUTURA L esperienza di accompagnamento P G T del Piano di Governo del Territorio di Bergamo IN-FORMAZIONE PARTECIPAZIONE COMUNICAZIONE MARINA ZAMBIANCHI Dir. Territorio e Ambiente Resp.

Dettagli

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

Il presente Piano di Sviluppo, pertanto, si compone di tre parti:

Il presente Piano di Sviluppo, pertanto, si compone di tre parti: PREMESSA L esigenza di disporre di uno strumento avanzato di conoscenza, finalizzato alla promozione dello sviluppo del territorio della Comunità Montana della Presila Catanzarese, ha fatto sì che venisse

Dettagli

WELFARE E TERRITORIO Esplorare il legame tra politiche dei servizi e dimensione urbana. a cura di Filomena Pomilio .. ( \~~ ' I I ' FICI

WELFARE E TERRITORIO Esplorare il legame tra politiche dei servizi e dimensione urbana. a cura di Filomena Pomilio .. ( \~~ ' I I ' FICI WELFARE E TERRITORIO Esplorare il legame tra politiche dei servizi e dimensione urbana a cura di Filomena Pomilio ).. ( \~~.. I ' I ' I I ' I FICI .. IUAV - VENEZIA '-. AREA SERV. BIBLIOGRAFICI E DOCUMENTALI

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO DISMESSO E DELLE RISORSE TERRITORIALI

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO DISMESSO E DELLE RISORSE TERRITORIALI laboratorio organizzato da : INU Liguria Comune di Genova in collaborazione con Comune di Genova, Provincia di Genova e Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di

Dettagli

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Docente di diritto amministrativo e Legislazione sanitaria Monica De Angelis Presidente Membro del

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

Premessa: Dalle parole ai significati alle pratiche. Per aprire nuove possibilità

Premessa: Dalle parole ai significati alle pratiche. Per aprire nuove possibilità O.S.A. Orientar/si in un Sistema che Apprende Ricerca cooperativa sulle pratiche di orientamento e la professionalità orientante nel passaggio tra primo grado e secondo grado della Scuola Secondaria Percorso

Dettagli

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Daniel Zimmermann Ufficio federale della cultura Hallwylstrasse 15 3003 Berna daniel.zimmermann@bak.admin.ch

Dettagli

LECCE CITTA PUBBLICA Concorso di idee. bando

LECCE CITTA PUBBLICA Concorso di idee. bando bando Che cos è oggi la città per noi? Penso d aver scritto qualcosa come un ultimo poema d amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle come città. Italo Calvino PRESENTAZIONE

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

presso SEDE AZIENDALE FI.MA Via M.llo Tito 65/A Montecavolo (RE) tel 0522 880920 info@ fima-arredo.it ORE 10-17

presso SEDE AZIENDALE FI.MA Via M.llo Tito 65/A Montecavolo (RE) tel 0522 880920 info@ fima-arredo.it ORE 10-17 presso SEDE AZIENDALE FI.MA Via M.llo Tito 65/A Montecavolo (RE) tel 0522 880920 info@ fima-arredo.it 11 DICEMBRE 2015 ORE 10-17 CONVEGNO CITTA & DESIGN PROGETTO E COSTRUZIONE DELL ARREDO URBANO NELLA

Dettagli

Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive

Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive 18 novembre 2005 FORUM DEL TERZO SETTORE DI VALLE CAMONICA Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com XXI secolo: da azienda GruppoMazzoleni opificio

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte

Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte Giuseppe Clerico è Professore ordinario di Scienza delle Finanze

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015

LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. Torino, 8 luglio 2015 LA GESTIONE DEI FIUMI TRA TUTELA, VALORIZZAZIONE E DISSESTO IDRAULICO. POSSIBILI MODELLI DI GOVERNANCE Torino, 8 luglio 2015 Ore 14 INTRODUZIONE a cura di Alberto Rudellat, Patrizia Saroglia (LaPo) Ore

Dettagli

Programma Progetti urbani Integrazione sociale nelle zone abitative. Bando di concorso per la seconda fase (2012-2015)

Programma Progetti urbani Integrazione sociale nelle zone abitative. Bando di concorso per la seconda fase (2012-2015) 12 aprile 2011 Programma Progetti urbani Integrazione sociale nelle zone abitative Bando di concorso per la seconda fase (2012-2015) 1/10 Indice 1 Situazione iniziale...3 2 Retrospettiva e prospettive

Dettagli

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Economia e istituzioni dei beni comuni a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai DONZELLI EDITORE L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Indice p. IX 3 4 5 Prefazione

Dettagli