La città in. 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica. A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La città in. 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica. A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini"

Transcript

1 La città in 4 Convegno Nazionale dei Dottorati di Ricerca in Pianificazione Territoriale e Urbanistica A cura di Filomena Pomilio e Luca Tamini con Gilda Berruti, Francesco Bonsinetto, Giulia Di Donato, Stefano Erba, Laura Forgione, Estella Marino, Renata Marino, Alessandro Marotta, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Andrea Stanghellini, Anna Uttaro Prefazione di Alessandro Balducci Introduzione di Giorgio Ferraresi Politecnico di Milano Dipartimento di Architettura e Pianificazione Dottorato in Pianificazione Urbana, Territoriale e Ambientale 1 Libreria CLUP

2 Indice Prefazione di Alessandro Balducci... 5 Introduzione di Giorgio Ferraresi... 8 La riattivazione della rete interdottorato in Urbanistica e Pianificazione territoriale e ambientale: percorsi ed opportunità di Filomena Pomilio Rete interdottorato 1994_2004: permanenze e variazioni nelle domande di ricerca di Luca Tamini La città in governabile Governo del territorio e processi decisionali: un legame sempre più stretto di Massimiliano Pacifico La città in governabile: resoconto di un esperienza di Stefano Erba e Laura Forgione Piani e programmi Il paesaggio come risorsa: per una evoluzione in senso strategico e progettuale dell immaginario disciplinare italiano di Cecilia Scoppetta...34 I programmi complessi, strumenti di innovazione delle politiche urbane (?) di Valeria Lingua...41 La valutazione strategica delle politiche di trasformazione urbana: riflessioni teoriche e implicazioni metodologiche di Giovanni Virgilio Partecipazione, democrazia ed equità I processi democratici nelle decisioni sul rischio. Limiti e convenienze di Daniele F. Bignami...55 Spazio pubblico, occasione di rinnovo, rilancio e qualità di una governance urbana di Alessandro Marotta e Laura Forgione Specialisti e specialisti Fattori culturali e socio-organizzativi che influenzano le politiche di prevenzione dei rischi ambientali di Simona Caragliano..68 Mitigazione del rischio naturale mediante delocalizzazione degli abitanti: quali politiche possibili? di Gianfranco de Tullio...73 Reti Ecologiche e Contesti di Interazione. Il processo di pianificazione ambientale a Roma di Roberto Marcelli...81 Sviluppo in-sostenibile e governo del territorio di Maria Chiara Tomasino

3 2. La città in evoluzione Il punto di vista del discussant di Augusto Cagnardi Dalla complessità alla trasformazione: la città come laboratorio in evoluzione di Francesco Bonsinetto, Laura Ferrari, Federico Jappelli Programmare la complessità Novara: il nuovo ruolo territoriale, la strategia urbanistica, i programmi complessi di Loris Antonio Servillo I processi di rigenerazione urbana nelle realta territoriali di piccole dimensioni. Il caso del contratto di quartiere di Rogliano (Cs) di Maria Francesca Viapiana Pic Urban Reggio Calabria: contributi innovativi e nuove concezioni per le politiche urbane di Anna Del Grande Diffusione urbana e multietnicità al Sud. Strategie di integrazione e forme del progetto urbanistico di Giuseppe Guida Trasformazioni urbane: elementi/approcci/opportunità La spettacolarizzazione dei nuovi grandi interventi urbani di Andrea De Matteis Il progetto della trasformazione urbana di Marcello Capucci Spazio comunità. I servizi di quartiere in aree di edilizia residenziale pubblica nella prospettiva dello sviluppo di comunità di Daniela Ciaffi Nuovi scenari per la trasformazione urbana: il caso della città di Napoli di Daniela Mello Bucarest In evoluzione: espansione vs. riqualificazione? di Gregorio Indelicato Pianificazione dello sviluppo, implicazioni ambientali e scenari territoriali: l abilitazione all intermodalità del porto di Taranto nel trasporto delle merci di Angelo Micolucci Città come laboratorio in evoluzione Design e Territorio: un approccio per la valorizzazione delle risorse locali di Beatrice Villari e Stefano Maffei Il ruolo delle infrastrutture stradali nella configurazione della città contemporanea di Paola Marotta Strumenti innovativi per la gestione della domanda di mobilità: potenzialità, efficacia e prospettive dei Piani degli Spostamenti Casa Lavoro di Andrea Airoldi L istruttoria per la riqualificazione dei complessi monumentali dismessi. Il caso dell ex ospedale militare a Napoli di Annalisa Manna La ricerca in città Un resoconto come cornice di Gilda Berruti, Giulia Di Donato, Paola D Onofrio, Estella Marino, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Francesco Procacci, Anna Uttaro Un punto di vista esterno di Alessio Torti Alcuni punti di vista interni di Alberto Budoni, Lidia Decandia, Daniela Lepore, Anna Laura Palazzo Più che un bilancio, un rilancio di Gilda Berruti, Giulia Di Donato, Paola D Onofrio, Estella Marino, Daniela Mello, Barbara Pizzo, Francesco Procacci, Anna Uttaro I paper discussi Certificazione ambientale come cerniera tra diversi linguaggi disciplinari di Riccardo Cecatiello

4 Il ricercatore ed il politico: relazioni e responsabilità di Stefano Erba Altri sguardi sulla città di Renata Marino Discipline e incertezze di una ricerca urbanistica di Alice Sotgia La qualità degli spazi pubblici: costruzione e divenire. Un percorso (tortuoso) di ricerca operativa di Irma Visalli Allegato 1. Traccia del questionario docenti Allegato 2. Traccia del questionario dottorandi La città in movimento La città marginale come sfondo spaziale del movimento di Paolo Vari e Antonio Bocola Un modo di raccontare, per descrivere, trasformare e partecipare la città di Alessandro Marotta, Andrea Stanghellini, Renata Marino, Diego Bianchi La città in movimento La percezione del movimento e le trasformazioni territoriali di Maurizio Francesco Errigo Zapp-IN-g City. Indifferenza e movimento nella percezione della città contemporanea di Andrea Fiorista Uno sguardo ampio: i grandi movimenti della città Ruffle city. Profili, frammenti, e destrutturazioni nella forma urbana contemporanea di Elena Elisabetta Minghini La città è morta. Viva la città! Gentrification: un concetto in evoluzione di Silvia Infusino I nuovi flussi sociali nelle metropoli postmoderne. Contaminazione e integrazione di Concetta Alessandra Sottile Frammentazione e segregazione spaziale: tendenze attuali dell urbanizzazione in Brasile di Adriana Genro Uno sguardo nel particolare: le trasformazioni di parti di città Gli spazi tecnologici delle periferie metropolitane: analisi delle aree nord orientali della città di Barcellona di Vanna Madama Urbanità cangianti di Giovanni Attili Il valore urbano dei centri commerciali di Francesco Procacci Multiblock-shopping-centre-city di Carlo Molteni Oltre la produzione: il commercio al dettaglio come risorsa nella trasformazione del distretto calzaturiero di Romans-Sur-Isère di Maria Antonietta Clerici Progettazione delle infrastrutture viarie e riqualificazione degli intorni urbani e territoriali di Federico Jappelli Uno sguardo dal basso: i movimenti della città contemporanea visti da chi li provoca AlterAzione. Comunità e politiche di riuso di Maria Lina La China Mobilità e Mobilitazioni Urbane. Prove tecniche di cicloattivismo di Laura Basco Creazioni collettive dello spazio urbano di Anna M. Uttaro Attivazione delle comunità locali. Riflessione sulle contaminazioni generative tra linguaggi e pratiche dell arte e della pianificazione urbana di Anna dell Olio Esperienze di partecipazione a Roma di Angelica Fortuzzi Riferimenti bibliografici. Le letture dei dottorandi

5 1.1. Governo del territorio e processi decisionali: un legame sempre più stretto di Massimiliano Pacifico Quando si progettano interventi che riguardano il territorio si deve innanzitutto fare appello alle competenze degli esperti in pianificazione ambientale e urbanistica. Tuttavia, si è ormai constatato che le politiche per il territorio non si esauriscono con il contributo esclusivo dei tecnici ma devono necessariamente fare i conti con i soggetti che a vario titolo interagiscono sulla quella stessa area, ossia cittadini, associazioni, imprese, enti locali e l elenco non è certamente esaustivo. Fare i conti significa il più delle volte tenere in considerazione i punti di vista di ogni attore o la definizione del problema di cui ciascuno è portatore. Ciò significa accettare anche il fatto che vi siano visioni differenti dello stesso problema e dunque riconoscere che esistono aspettative, bisogni ma anche interessi diversi a seconda di chi esamina il problema e a seconda dell angolazione da cui si osserva. Per riuscire a integrare e combinare ogni esigenza bisogna guardare tanto a teorie e competenze urbanistiche quanto alla natura dei processi decisionali che si sviluppano fra attori e stakeholder 5 di volta in volta coinvolti. Questa è la principale lezione che si trae da ciascuno dei contributi presentati dai dottorandi nella sessione la città IN-governabile : a mio avviso, è un indicazione particolarmente preziosa e significativa proprio perché giunge da urbanisti e pianificatori i quali, ogni volta che bisogna intervenire sul territorio, sono sempre una delle parti chiamate in causa. Il problema non è dunque esclusivamente circoscritto tra committente - quasi sempre una amministrazione pubblica - e progettista ma bensì un po più esteso e articolato. Ogni paper sottolinea infatti da un lato, la necessità di rielaborare gli strumenti utili a governare il territorio, dall altro l esigenza di ampliare l arena dei decisori per migliorare o riformulare i processi decisionali che accompagnano gli interventi e quindi la buona riuscita del progetto. A questo punto il dibattito tra addetti ai lavori di politiche urbane non verte tanto sul se sia opportuno coinvolgere gli stakeholders ma piuttosto sul come farlo nel modo migliore e quindi su quali siano le metodologie da adottare. Del resto, sono proprio le esperienze sul campo e le best-practices a confermarci che è ragionevole, e peraltro quasi sempre indispensabile, decidere e attuare le politiche di trasformazione urbana attraverso la partecipazione di molti attori. Nessun intervento che intenda avere un impatto positivo sul territorio è escluso: non fanno dunque eccezione gli interventi in tema di mitigazione o prevenzione del rischio naturale di eventi calamitosi, gli interventi per lo sviluppo sostenibile di un area o i più tradizionali strumenti di pianificazione urbanistica e di riqualificazione dei quartieri degradati. Corep, Torino - 5 Sulla definizione di stakeholder rinvio al Dizionario di politiche pubbliche, a cura di Capano e Giuliani. 27

6 Governance e territorio In molte delle relazioni di seguito presentate ricorre frequentemente il concetto di governance soprattutto per quanto concerne la progettazione e l organizzazione dello spazio. Il termine governance si riferisce all attività del governare e si contrappone al termine government che invece indica l istituzione che governa, ossia il soggetto che esercita il potere. In ogni relazione presentata di seguito emerge un interpretazione specifica di governance ma il significato più generale del termine, e il carattere comune a tutte le definizioni, fa riferimento a processi nei quali il coordinamento e la cooperazione orizzontale tra attori avvengono senza il ricorso a principi gerarchici o di libero mercato. Il concetto di governance include ogni attività che contribuisce alla formulazione e alla messa in opera di politiche pubbliche e si sviluppa dopo il fallimento di modelli decisionali sinottici o prescrittivi. I modelli fondati sulla governance sono frutto della diffusione di pratiche di interazione tra attori, dello sviluppo di capacità di governo senza il ricorso a istituzioni forti e conducono alla condivisione di risorse e responsabilità 6 ; inoltre, si tratta di modelli che disegnano percorsi idonei a evitare conflitti che possano portare a situazione indesiderate (paralisi dei progetti o grandi difficoltà nell attuazione). Va precisato che le teorie sulla governance si sviluppano nello stesso periodo in cui si diffondono i concetti di decentramento di funzioni, partnership pubblico-privato, coproduzione di beni e servizi pubblici, ossia idee che vanno di pari passo con la concezione di attori in rete. Le politiche pubbliche si producono pertanto in ambienti frammentati all interno di sistemi nei quali gli attori sviluppano relazioni di varia densità e in cui le risorse 7 o il potere sono nelle mani di una molteplicità di attori: è dunque ragionevole allargare il campo della progettazione, dell attuazione e della valutazione degli interventi. Quello che emerge, in maniera trasversale a tutti i settori di intervento dai lavori presentati è che le politiche per il territorio, al pari di altre politiche pubbliche, non sono quasi mai attuate grazie all azione di un unico attore, ma piuttosto ad una rete di attori che cooperano seconda modalità di volta in volta differenti. Dopo aver abbondato modelli decisionali di tipo gerarchico o razionale, 8 si è consolidato un modello che tiene conto sia della complessità e dell interdipendenza dei problemi a cui le decisioni politico- 6 Una tipologia specifica del concetto di governance è quello di governance urbana che si può definire come l insieme delle azioni volte al rafforzamento, alla mobilitazione di istituzioni, gruppi e interessi nell ambito di una strategia collettiva (Bagnasco e Le Galès, 1997). Scopo degli studi sulla governance urbana è capire a quali condizioni e attraverso quali interazioni viene assicurato un governo in contesti locali sempre più complessi (Bobbio, 2002). 7 Le risorse, quasi mai concentrate nelle mani di un unico attore, possono essere almeno di quattro tipi: finanziarie (chi detiene il denaro per progettare e realizzare un intervento), legali (il sistema normativo nel quale l intervento di inserisce), politiche (il consenso) e tecniche (competenze e conoscenze specifiche necessarie per realizzare il progetto). 8 Nel modello razionale prevale un decisore unico capace di compiere sempre la scelta migliore in assoluto, in un ambiente in cui i fini e i mezzi sono sempre chiaramente definiti e conosciuti. 28

7 amministrative cercano di dare risposta, sia della pluralità di soggetti (istituzionali e non) che intervengono nel processo. Per queste ragioni, sempre più spesso, si adottano modelli decisionali inclusivi. Includere conviene davvero? E importante dunque provare a capire quando è conveniente fare ricorso a processi decisionali inclusivi. In generale, vale la pena ogni volta che il decisore è cieco, ossia quando possiede solo alcune delle risorse e conoscenze che servono per decidere; oppure quando c è seriamente il rischio che le decisioni assunte non possano essere messe in pratica o possano esserlo solamente con grandissime difficoltà. La regola principale dovrebbe essere nessun impatto senza rappresentanza (Bobbio, 2004). Di solito, chi si oppone a un progetto ha buone ragioni per farlo: le percezioni e gli interessi di chi si sente minacciato non possono essere sottovalutati e spesso è più conveniente anticipare gli eventuali conflitti invece che rimandarli il più possibile nel tempo. Ma come fare allora? Certamente non è pensabile interpellare ogni volta chiunque sia in qualche modo coinvolto ma è realistico cercare di accogliere ed esaminare le istanze di tutti coloro che hanno un punto di vista rilevante sul problema, a prescindere dalle competenze o dal potere formale di cui dispongono. Può anche capitare che sia utile lavorare con qualcuno che, pur non avendo un ruolo formale o qualche competenza settoriale, abbia comunque una conoscenza del problema (si pensi per esempio ai comitati di cittadini o al mondo dell associazionismo locale, costituito cioè da persone e/o soggetti che vivono e operano sull area da tempo). In altre parole, è conveniente costruire la mappa degli attori dopo aver effettuato un attenta indagine sul campo. La peculiarità dei processi decisionali inclusivi, ben distinti dai processi di negoziazione e dalla votazione, consiste nel fatto che le preferenze degli attori sono endogene, ossia si possono formare, modificare e trasformare nel corso del processo stesso in virtù del confronto che a tratti può anche assumere la veste di conflitto che si sviluppa tra gli stakeholder. Il percorso, senza dubbio, è molto più difficile e probabilmente più lungo rispetto a quello di altri modelli decisionali sebbene presenti altri vantaggi: il risultato può condurre a decisioni migliori - più eque e più semplici da attuare - e al tempo stesso può facilitare la creazione e diffusione di capitale sociale tra i partecipanti. Una delle riflessioni che emergono dall intera sessione, a mio avviso, è il forte desiderio della comunità degli urbanisti e dei pianificatori di accentuare ancor di più il carattere interdisciplinare degli interventi di trasformazione del territorio: il bisogno di integrazione tra discipline e tra punti di vista differenti è segno della consapevolezza che per portare a termine con successo gli interventi progettati non è sufficiente soltanto la competenza degli urbanisti, per quanto importante. L esperienza dimostra che c è l esigenza e lo spazio sia per il contributo di attori tradizionali l amministrazione competente, i tecnici incaricati di redigere il progetto sia di altri soggetti legittimamente interessati a partecipare. 29

8 Bibliografia Bagnasco A., Le Galés P. (1999), Le città nell Europa contemporanea, Liguori, Napoli. Bobbio L. (2002), I governi locali nelle democrazie contemporanee, Laterza, Roma Bari. Bobbio L., (2004), A più voci, Dipartimento della Funzione Pubblica, Roma. Il volume è scaricabile on line dal sito Capano G. e Giuliani M., (a cura di) (2^ ediz. 2002) Dizionario di politiche pubbliche, Carocci, Roma. Mayntz R. (1999), La teoria della governance: sfide e prospettive, Rivista Italiana di Scienza Politica, Vol. XXIX - n.1 - pp

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1 Posti disponibili A 245 CIACCI Angela pos.214 punt.70,20 CHEILAN Claria Marie pos.221 punt.70,00 MELLI CREMONINI Elisabetta pos.210 punt.70,50 MUCCHINO Valentina pos.212 punt.70,30 APPIGNANESI SIMONA pos.224

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata.

Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata. Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata. Ambito Tematico: Definizione di una visione condivisa della città futura:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana.

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Da sempre, le città sono soggette a processi di adattamento/rinnovamento conseguenti al degrado fisico ed ambientale di

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za Cod. Tip o In cl. Ri s Post o Cognome Nome Data Nascita Punt eggi o AN 1 PROIETTI MANCINI SIMONA 30/09/1975 200 AN 2 CALCATERRA LUCIA 24/09/1969 198 AN 3 COPPOLA MARIA TERESA 25/06/1962 196 AN 4 MARCON

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

draco dottorato in architettura e costruzione

draco dottorato in architettura e costruzione draco dottorato in architettura e costruzione XXIX ciclo ANTONIADIS STEFANOS LOCURCIO MARCO CIOTOLI PINA CAMPOREALE ANTONIO DESIDERI ANDREA OLTREMARINI ALESSANDRO LEFOSSE DEBORAH CHIARA SALAMONE GIANCARLO

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Modalità di selezione. Modalità di affidamento

Modalità di selezione. Modalità di affidamento UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Ufficio X A.T.P. DATA COMPILAZIONE 23.10.2014 e della Ricerca ELENCO DEGLI INCARICHI RETRIBUITI E NON RETRIBUITI CONFERITI O AUTORIZZATI DALL'AMMINISTRAZIONE AL PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HM-SDO06 GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) BATTAGLIA FRANCESCO MATEMATICA Giovedì / 08.58 09.56 CECCHINI ANTONELLA INGLESE Riceve su appuntamento CEOTTO PIETRO TECN MECC ed APPLIC

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014 la scuola in... forma Notizie dall interno curiosando nella scuola A cura di: Clara, Camilla, Lorenzo di classe 5, Elisa,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio Trento dal 27/05/2012 al 27/05/2012 RIEPILOGO 100 Dorso Esordienti A Femminile - Serie 1) DONINI Valentina 00 RARI NANTES TRENTO 1'125 2) BAZZANELLA Chiara 00 2001 TEAM ASD - ROVER 1'153 3) CRISTOFALETTI

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*)

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*) Prot. AOOUSPNO 5969/U Novara, 22/08/2013 IL DIRIGENTE la CM n. 8004 del 02/08/2013 e il relativo contingente assegnato a questa provincia per l attribuzione di contratto a tempo indeterminato per il PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli