LATIN VULGAIRE LATIN TARDIF X Actes du X e colloque international sur le latin vulgaire et tardif

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LATIN VULGAIRE LATIN TARDIF X Actes du X e colloque international sur le latin vulgaire et tardif"

Transcript

1 LATIN VULGAIRE LATIN TARDIF X Actes du X e colloque international sur le latin vulgaire et tardif Bergamo, 5-9 septembre 2012 Édités par Piera Molinelli, Pierluigi Cuzzolin et Chiara Fedriani BERGAMO UNIVERSITY PRESS sestante edizioni

2 Università degli Studi di Bergamo Dipartimento di Lingue, letterature straniere e comunicazione Centro di Ricerca in Linguistica e Filologia (CRiLeF) Comitato scientifico Mario Bensi Giuliano Bernini Maria Grazia Cammarota Pierluigi Cuzzolin Maria Gottardo Roberta Grassi Federica Guerini Piera Molinelli Maria Chiara Pesenti Andrea Trovesi Ada Valentini Federica Venier 2014, Bergamo University Press Sestante Edizioni - Bergamo LATIN VULGAIRE - LATIN TARDIF X (TRE VOLUMI) Piera Molinelli, Pierluigi Cuzzolin, Chiara Fedriani (Édités par) p cm. 15,5x22,0 ISBN: Printed in Italy by Sestanteinc - Bergamo

3 Comité international pour l étude du latin vulgaire et tardif Gualtiero CALBOLI (Bologna, Italia), Presidente onorario del Comité Frédérique BIVILLE (Lyon 2, France), Presidente del Comité Carmen ARIAS ABELLÁN (Sevilla, España) Louis CALLEBAT (Caen, France) Benjamín GARCÍA HERNÁNDEZ (Madrid, España) Gerd HAVERLING (Uppsala, Sverige) Maria ILIESCU (Innsbruck, Österreich) Sándor KISS (Debrecen, Magyarország) Piera MOLINELLI (Bergamo, Italia) Harm PINKSTER (Amsterdam, Nederland) Maria SELIG (Regensburg, Deutschland) Heikki SOLIN (Helsinki, Suomi) Roger WRIGHT (Liverpool, United Kingdom) Biblioteca di Linguistica e Filologia 1. Latin Vulgaire - Latin Tardif X Actes du X e colloque international sur le latin vulgaire et tardif Bergamo, 5-9 septembre 2012 Édités par Piera Molinelli, Pierluigi Cuzzolin et Chiara Fedriani Questo volume è stato stampato con contributo del Dipartimento di Lingue, letterature straniere e comunicazione, Fondi di ricerca PRIN (prot. 2010HXPFF2), titolare Piera Molinelli ed è parte del progetto nazionale PRIN Rappresentazioni linguistiche dell identità. Modelli sociolinguistici e linguistica storica coordinato da Piera Molinelli Ogni contributo di questo volume è stato sottoposto a doppia revisione anonima. I curatori ringraziano i revisori anonimi

4 Indice generale Piera MOLINELLI Presentazione p. XIII Indice alfabetico in ordine di autore» XVII VOLUME I FONETICA E FONOLOGIA Daniele BAGLIONI Il nesso GN dal latino alle lingue romanze: questioni aperte e prospettive di ricerca» 3 Marina BENEDETTI & Giovanna MAROTTA Monottongazione e geminazione in latino: nuovi elementi a favore dell isocronismo sillabico» 25 Lorenzo FILIPPONIO Il dibattito sull eterosillabismo di alcuni nessi consonantici in latino tardo e le sue implicazioni strutturali» 45 Ágnes JEKL Cambiamenti fonetici nel latino della provincia della Moesia Inferior» 63 Rémy VIREDAZ Les produits romans de ŭ, ĭ latins en syllabe finale 1. l aspect phonétique» 79 V

5 Indice generale MORFOLOGIA Vincenzo FARAONI La formazione del plurale italo-romanzo nella documentazione notarile altomedievale p. 99 Franco FINCO Tracce di un sistema bicasuale tardolatino nelle varietà ladine dolomitiche e friulane» 119 Emanuela MARINI Les verbes en -ficare dans les siècles II/III à VII: une mise au point» 133 Cristina MARTÍN PUENTE & Matilde CONDE SALAZAR Vice de sustantivo a prefijo (pasando por adposición)» 151 Bruno ROCHETTE Génitif -aes/-es pour -ae: hellénisme ou vulgarisme?» 163 SINTASSI Colette BODELOT Les propositions complétives dans la Chronique originale de Frédégaire (I.4, chap. 1-90)» 183 Bernard BORTOLUSSI Le placement des pronoms compléments en latin tardif. Indices d une mutation ou illusion d optique?» 205 Guido CAVALLO Sintassi dei verba affectuum e transitivizzazione nel latino tardo» 227 Pierluigi CUZZOLIN Grecismi sintattici antichi e grecismi sintattici tardi: osservazioni per un riesame anche terminologico» 247 VI

6 Chiara FEDRIANI Paeniteo errorem (Hier. Tract in Ps. II, 84, 37). Un caso di mutamento sintattico semanticamente motivato p. 263 Paolo GRECO Sull alternanza dei complementatori quod, quia e ut in dipendenza da verba dicendi et sentiendi in alcune agiografie di epoca merovingica (VI-VII secolo)» 287 Adriana MANFREDINI...tamquam mendici spolium etiam fastidiose venditabat (Petr. 13.1): observaciones sobre la función, estructura y el significado de tamquam+sintagmas no verbales» 305 Vincenzo ORTOLEVA La congiunzione nē nel latino tardo (a proposito di Veg. mil. 4,41,4)» 323 Rosanna SORNICOLA La costruzione dico ut con valore evidenziale. Tra sviluppi strutturali interni al latino ed influenze esterne» 343 Lyliane SZNAJDER Ordre VOS et le statut des objets pronominaux dans la Vulgate» 371 VOLUME II SEMANTICA Carmen ARIAS ABELLÁN Metáforas adjetivas de color para la designación epigráfica del esplendor de la vida» 397 Brigitte BAUER Indefinite HOMO in the Gospels of the Vulgata» 415 VII

7 Indice generale Sean GLEASON The Rise of the Dual Copula in Late Latin p. 437 Maja MATASOVIC Chronology and Semantics of the Earliest Latin Loanwords in Croatian» 457 Oswald PANAGL Semantica della formazione delle parole e produttività nel latino tardo e volgare» 473 Francesco ROVAI Da participi presenti a preposizioni deverbali: le basi semantiche della transcategorizzazione» 483 LESSICO Tamás ADAMIK Vocabulary of the Mitologiae of Fulgentius» 499 Cécile BERTRAND-DAGENBACH & Dominique LONGRÈE Le traitement de l Histoire Auguste selon les méthodes du LASLA: descriptif du projet et perspectives linguistiques» 519 Moreno CAMPETELLA La terminologia tecnica dell Opus Agriculturae di Palladio: analisi lessicale diacronica e studio dei derivati italo-romanzi» 531 Simona GEORGESCU Cómo reaccionaban los latinohablantes frente a un préstamo griego? El proceso de integración del gr. aer en el latín vulgar» 541 Theodor GEORGESCU Le latin à la cuisine: lagana, qui vulgo dicitur lasagna... Quelques noms de pâtisseries en latin vulgaire» 557 VIII

8 Marie-Dominique JOFFRE Remarques sur certains emplois de habere chez Césaire d Arles p. 567 Peggy LECAUDÉ Les concurrents de lat. uis en latin tardif: uirtus, uiolentia, fortia» 581 Marco MAGGIORE Note di etimologia romanza a margine dell articolo */'kuɛr-e-/ (quaerĕre) del Dictionnaire Étymologique Roman» 599 Maria Rosaria PETRINGA Le attestazioni del verbo clepto nel latino tardo e medievale» 615 Etienne WOLFF Remarques sur le latin uespillo» 627 TESTI E CONTESTI Bela ADAMIK In Search of the Regional Diversification of Latin: Changes of the Declension System According to the Inscriptions» 641 Florica BECHET Familia uero - babae babae! (Pétrone 37, 9) Les axiologiques interjectives - marque de l oralité du latin vulgaire» 663 Frédérique BIVILLE Description du latin et métalangue au VI e siècle. Priscien, Martyrius, Cassiodore» 679 IX

9 Indice generale Heiner BÖHMER In che grado può essere ricostruito il Protoromanzo iberico? p. 713 Gualtiero CALBOLI Persistence and innovation in the studies of Vulgar Latin: Bilingualism and Regional Diversification» 739 VOLUME III Paolo DE PAOLIS Tracce di latino volgare e tardo nella trattatistica ortografica tardoantica» 765 Giovanbattista GALDI Considerazioni paleografiche e linguistiche sulle opere di Jordanes» 789 Benjamín GARCÍA-HERNÁNDEZ La fresca corriente de latín vulgar que fluye desde Plauto. Del discutido factare al esp. residual hechar» 807 Alfonso GARCÍA LEAL La donación de Alfonso II del año 812: un acercamiento filológico» 827 Gerd HAVERLING Il latino letterario della tarda antichità» 845 Mari HERTZENBERG The valley or that valley? Ille and ipse in the Itinerarium Egeriae» 873 Rossella IOVINO Ille entre démonstratif, article et pronom dans le traité Mulomedicina Chironis» 893 X

10 Sándor KISS Latin tardif et préroman: les problèmes de la diglossie et de la variation p. 911 Robert MALTBY Evidence for Late and Colloquial Latin in the sections de barbarismis et soloecismis of the Grammatici Latini» 923 Marco MANCINI Il latino di Gallia e Virgilio grammatico: tra ecdotica e linguistica storica» 937 Gabriel NOCCHI MACEDO Il latino dell Alcestis Barcinonensis» 993 Anna ORLANDINI & Paolo POCCETTI Gli aspetti semantico-pragmatici del futuro II latino e la loro evoluzione romanza» 1011 Maria Chiara SCAPPATICCIO Tra canonizzazione della norma ed infrazione. Sondaggi dai frammenti grammaticali latini su papiro (I-VI sec. d.c.)» 1031 Daniela URBANOVÁ Die lateinischen tabellae defixionum, der Usus und die Spezifika auf dem Gebiet des Imperium Romanum» 1047 Remy VERDO Les registres de langue dans les sermons de Césaire d Arles: enquête en cours» 1099 Indice degli autori moderni» 1123 XI

11 MARINA BENEDETTI (Università per Stranieri di Siena) GIOVANNA MAROTTA (Università di Pisa) Monottongazione e geminazione in latino: nuovi elementi a favore dell isocronismo sillabico* Abstract Among the instances of non-etymological (or expressive ) gemination of voiceless stops after high vowels in Latin, in a conspicuous number of words the sequences ĭtt / ŭtt (T = voiceless stop) actually go back to etymological ei T / eṷt (oṷt): cf. mĭttō < *mei tō, Iuppiter < *di eṷpəter. Against the common opinion, we argue that the process of monophthongisation did play a crucial role in the development into ĭtt / ŭtt. The arguments are based on the joint consideration of sociolinguistic dynamics operating in the Latin diasystem and of general phonological issues, relating the [±tense] feature in vowels and in consonants. Within this picture, the alternations arising in this specific context increase the overall incidence of the prosodic pattern V:C ~ VCC (V = any vowel; C = any consonant) related to the emergence of syllable isochronism, typical of Late Latin and Romance languages. 1. La legge littera Nelle grammatiche storiche del latino si è ripetutamente osservata la presenza di casi di geminazione consonantica spontanea (non etimologica, cioè non ereditaria e non dovuta ad assimilazioni), con concomitante abbreviamento di una vocale lunga precedente: la ricorrenza, dunque, di sequenze del tipo vocale breve e consonante geminata (d ora in poi VCC) in luogo di più antiche (documentate o ricostruite) sequenze del tipo del tipo vocale lunga e consonante semplice (d ora in poi V:C). * Il lavoro è stato discusso ed elaborato dalle due AA. in maniera congiunta; tuttavia, a soli scopi accademici, si precisa che MB è responsabile dei 1 e 2; GM dei 3, 4, 5 e 6; il 7 è comune. 25

12 Fonetica e Fonologia Il fenomeno, anzi la varietà di fenomeni inquadrabili in questa tipologia (talora sussunti sotto l etichetta di legge littera o legge Iuppiter ), hanno ricevuto, nei diversi saggi o manuali storici del Latino, varie formulazioni (per es., Sommer 1914: 202 s.; Niedermann 1931; Leumann 1977: 183; Giannini & Marotta 1989: 250 s.; Sihler 1995: 224; Benedetti 1995; 1996; Rix 1998: 625; Meiser 1998: 77; Weiss 2009: 144) 1. Si cita qui, a titolo esemplificativo, la formulazione presente in Safarewicz (1969: 104): (1) in einer Reihe von Wörtern ist an Stelle der Verbindung eines langen Vokals mit einem einzelnen Konsonant die Folge «kurzer Vokal und verdoppelter Konsonant» entstanden. Dafür einige Beispiele: Iuppiter [...] aus dem früheren Iūpiter, lĭttera, neben dem älteren leiteras [...], cippus neben dem arch. ceip(om) cippum [...], mittō aus dem ältern *mītō oder *meitō usw.. È noto altresì che il rapporto tra forme con V:C e forme con VCC non si lascia inquadrare in una comune legge diacronica (del tipo V:C > VCC), e ciò non solo perché varie sequenze con V:C non presentano il mutamento (dīcō e non *dĭccō), ma anche perché in un numero non trascurabile di casi V:C e VCC alternano come varianti in uno stesso vocabolo, in un quadro documentario talora incerto 2 e che non presenta la sistematicità comunemente associata alla nozione di legge fonetica (come osserva Lühr 1988: 77 s.) rivelando, d altra parte, chiare implicazioni sul piano sociolinguistico (Meiser 1998: 77). Sul piano fonologico, il fenomeno presenta diversi aspetti oscuri. È evidente che il principio dell isocronismo sillabico stabilisce una solidarietà, diciamo, paradigmatica tra le due classi, con V:C e VCC rispettivamente (Giannini & Marotta 1989), ma non fornisce la chia- 1 Non sono mancati, d altra parte, scetticismi sull esistenza del fenomeno; per la discussione e per ulteriori riferimenti, cfr. Giannini & Marotta (1989: 250 s.). 2 Chiaramente descritto da Ferdinand Sommer (1914: 202): Die einzelnen Fälle, in denen das Lateinische einen ursprünglich einfachen Konsonanten ohne Assimilation eines vorhergehenden oder folgenden Lautes zur Geminata umgestaltet hat, sind schwer zu systematisieren und zu beurteilen, da vielfach die handschriftliche Überlieferung ein heilloses Durcheinander zeigt, aus dem sich nicht entnehmen läßt, wie viel auf alte Tradition, auf die Ausprache zur Zeit der Abschreiber oder gar auf Schreibfehler zurückzuführen ist. 26

13 MARINA BENEDETTI - GIOVANNA MAROTTA ve per comprendere quali fattori potevano innescare uno sviluppo diacronico V:C > VCC (il ricorso a fattori di ordine espressivo appare inevitabilmente e soprattutto in rapporto a certi vocaboli una spiegazione ad hoc). La domanda cruciale parrebbe dunque essere la seguente: (2) che cosa rendeva instabili forme come Iūpiter, lītera, cīpos, mītō etc. favorendone l evoluzione in Iŭppiter, lĭttera, cĭppus e mĭttō, etc.? I fenomeni che attestano o potrebbero attestare uno sviluppo del tipo V:C > VCC (con eventuale mantenimento di entrambe le forme) costituiscono una classe composita ed eterogenea, prodotto di dinamiche differenti, per tipologia e per stratificazione cronologica. L approfondimento di ambiti circoscritti e relativamente omogenei è dunque premessa indispensabile per una migliore comprensione del quadro generale. In questa prospettiva, il dominio della nostra ricerca è delimitato innanzitutto da parametri di ordine fonologico: la combinazione di una specifica classe di consonanti le occlusive sorde 3 e di una specifica classe di vocali le vocali alte i e u. Si tratterà, insomma, di sequenze del tipo ĭtt / ŭtt (T = occlusiva sorda), come quelle presenti negli esempi in (1). 2. Dittonghi e geminazione Il campo d indagine così delimitato, d altra parte, apre la strada a interessanti considerazioni di ordine storico ed etimologico: in un numero non trascurabile di casi (tra cui tutti gli esempi in (1)), le sequenze ĭtt / ŭtt con geminazione non etimologica risalgono verisimilmente, in ultima istanza, a sequenze con antico dittongo ei T / (eṷt >) oṷt. Nel rilevare questo aspetto, gli studiosi con l eccezione di Benedetti (1996) e Weiss (2009; 2010) ne hanno al contempo negato la pertinenza, proponendo una cronologia relativa a tre stadi (Tabella 1): le monottongazioni rispettivamente in ī e ū, stadio II precede- 3 Ripetutamente indicate in letteratura come bersaglio privilegiato di geminazione in latino. 27

14 Fonetica e Fonologia rebbero l insorgere della geminazione della consonante e il concomitante abbreviamento della vocale (stadio III): I II III mei tō mītō (cf. dīcō) mĭttō Dieṷpater Iūpiter (cf. dūcō) Iŭppiter Tabella 1. I tre stadi dell evoluzione (ipotesi tradizionale) Questa ipotetica cronologia relativa ha precise ricadute in termini di cronologia assoluta: la nascita delle forme con geminata deve essere collocata in una fase successiva alle definitive monottongazioni di ei e (eṷ>) oṷ (ovvero: alla definitiva confluenza di questi dittonghi in ī e ū), dunque in una data posteriore al 200 a.c. circa (Leumann 1977: 183) 4. È da sottolineare, tuttavia, che la trafila sintetizzata nella Tabella 1, e la relativa cronologia, costituiscono delle semplici ipotesi, non imposte da evidenza documentaria 5. In particolare, la documentazione epigrafica non fornisce indicazioni dirimenti in proposito: la resa grafica delle consonanti geminate, che comincia ad apparire intorno al 200 a.c., si generalizza intorno alla fine del II sec. a.c. (Sommer 1914: 30; Leumann 1977: 14; Meiser 1998: 49). In quell arco temporale, grafie doppie e scempie alternano, anche all interno di uno stesso testo (basti qui citare la compresenza di <dimitere> e <demittito> nella Lex Repetundarum del 123/2 a.c.); le grafie scempie, insomma, ricadono in una sorta di cono d ombra che oscura l opposizione /TT/ ~ /T/. A ciò si aggiunge un ulteriore complicazione: la difficoltà di determinare la realtà fonetica/fonologica soggiacente, nelle iscrizioni latine arcaiche, a digrafi come <ei> <ou>, divenuti, a partire da una certa epoca, grafie arcaizzanti, tra l altro occasionalmente sovraestese a rappresentare indifferentemente vocali lunghe o brevi, rispetti- 4 Secondo l opinione corrente, infatti, le definitive monottongazioni di ei, e (eṷ >) oṷ risalirebbero al II sec. a.c. (leggermente più antica quella di (eṷ >) oṷ, collocabile all inizio del secolo, rispetto a quella di ei, collocabile intorno alla metà del secolo); cfr. Sommer (1914: 73; 81); Leumann (1977: 62); Meiser (1998: 58 e 60). 5 A questo proposito, si riassumono qui nel seguito alcune argomentazioni svolte in modo più disteso in Benedetti (1996). 28

15 MARINA BENEDETTI - GIOVANNA MAROTTA vamente della serie anteriore e posteriore. Per fare un esempio, casi ben noti come la grafia <leiteras> (ancora nella Lex Repetundarum) non si prestano a interpretazione univoca; esclusa, in questa epoca, la conservazione del dittongo, līteras e lĭtteras sono tra le letture possibili: la grafia <ei> vale qui spesso ī (ad es. <audeire> per audīre), ma ricorre anche per ĭ (<seine> per sĭne) e, d altra parte, come si è osservato sopra, le geminate non sono regolarmente notate. Quanto ai supposti antecedenti di mĭttō e Iŭppiter, cioè mītō e Iūpiter, addirittura non ne esiste, a quanto ci risulta, documentazione certa (dettagli in Benedetti 1996). La trafila rappresentata nella Tabella 1 resta, insomma, una semplice ipotesi, la cui validità dipende strettamente dalla sua capacità esplicativa dei dati: (*)mītō, (*)Iūpiter etc. sono in grado si render conto della nascita di mĭttō e Iŭppiter etc. meglio di quanto non lo siano, magari, *mei tō, *Dieu pater, etc.? L interrogativo acquista particolare valore alla luce di un ulteriore considerazione: i casi in cui ĭtt / ŭtt risalgono in ultima analisi a dittongo + T (cf. (3)) appaiono numericamente significativi rispetto a quelli in cui ĭtt / ŭtt risalgono in ultima analisi a vocale lunga + T (cf. (4)): (3) ei T > ĭtt (eu T >) ou T > ŭtt (4) īt > ĭtt ūt > ŭtt Tentare di indicare un preciso rapporto quantitativo sarebbe impresa ardua se non velleitaria, data l innumerevole quantità di etimi irrisolti. È tuttavia indicativo che, sulla base dell elenco fornito da Weiss (2010) che seleziona opportunamente solo vocaboli con etimologia probabile / possibile, il tipo in (3) risulti decisamente preponderante sul tipo in (4). Nel dettaglio: 5 (o 6) esempi di ei T> ĭtt (lĭttera, mĭttō, glĭttus, cĭppus, lĭppus; forse sĭccus) contrastano con un solo esempio di īt > ĭtt (vĭtta); 10 esempi di (eu T >) ou T > ŭtt (Iŭppiter, sŭppus, cŭppes, fŭttilis, gŭttur, glŭttiō, glŭttus, sŭccus, mŭccus, tŭcca) contrastano con 2 esempi di ūt > ŭtt (cŭppa, mŭttō). Il dato è, ovviamente, approssimativo, ma la schiacciante prevalenza del tipo in (3) appare nondimeno significativa. 29

16 Fonetica e Fonologia Riassumendo, dunque: i. l ipotesi che la geminazione sia insorta dopo la definitiva confluenza dei dittonghi in ī e ū non è imposta da evidenza documentaria; ii. l insorgere della geminazione sembra trovare nella presenza di un antico dittongo una condizione statisticamente privilegiata. Ciò incoraggia ad approfondire l ipotesi di un nesso tra presenza del dittongo e geminazione, riformulando la domanda in (2) nel modo seguente: (5) che cosa rendeva instabili forme come *Dieu pater, *lei tera, *cei pos, *mei tō etc. favorendone l evoluzione con Iŭppiter, lĭttera, cĭppus e mĭttō etc.? Nelle dinamiche stesse delle monottongazioni e degli adattamenti dei relativi foni vocalici andrà quindi ricercata la chiave per comprendere congiuntamente l esito in vocale breve e consonante geminata. Assumiamo come punto di partenza la coesistenza di due esiti distinti, A. e B.: (6) A. ei T > īt (eu T >) ou T > ūt B. ei T > ĭtt (eu T >) ou T > ŭtt con distribuzione in parte lessicalizzata. Un fattore che poteva favorire l esito A è indubbiamente la pressione paradigmatica: nelle famiglie di dīcō e dūcō, per es., coesistono, legate da un rapporto paradigmatico trasparente, forme dal grado pieno (dunque con antico dittongo) e forme dal grado zero, dunque con ĭ e ŭ; queste ultime non offrivano, nel nostro quadro, le condizioni per la geminazione e, d altra parte, favorivano indubbiamente la generalizzazione della forma con /T/ all intero paradigma. Il doppio esito va inquadrato in una prospettiva di analisi diasistemica, secondo le linee efficacemente indicate da Vineis (1984: 46 s.): molti fatti apparentemente contraddittori documentabili all interno del latino e al tempo stesso l incoerenza di alcuni esiti romanzi possono ricevere una spiegazione adeguata solo se inquadrati in una prospettiva di analisi diasistemica. 30

17 MARINA BENEDETTI - GIOVANNA MAROTTA L elemento cruciale è il riferimento a un diasistema in cui, a partire dalla fine del III sec. a.c., coesistono e interagiscono tratti tipologicamente contrastanti, in particolare quello di lunghezza (ereditato dall Indoeuropeo) e quello di tensione (precursore degli sviluppi romanzi). Con Vineis (1984), ricostruiamo un registro conservatore ( alto ) in cui è pertinente il tratto di lunghezza e un registro innovatore ( basso ) in cui invece ha pertinenza il tratto di tensione. La coesistenza dei due registri, connotati sia diastraticamente che diafasicamente, è documentata da numerosi indizi, già indicati in letteratura (cfr. Hofmann 1926; Väänanän 1963; Vineis 1984; Adams 2007). 3. I tratti di tensione e di lunghezza A nostro parere, gli esiti VTT da antico dittongo vanno interpretati alla luce dell interazione tra i tratti di lunghezza e di tensione in latino. Nella letteratura recente sui processi fonologici che si verificano nelle lingue naturali, il tratto [+teso] è normalmente associato ad un grado maggiore di tensione nelle pliche vocali ed a un parallelo aumento nello sforzo muscolare, che si traduce in un allungamento segmentale (Kohler 1984; Jessen 1998). Questi aspetti sono essenzialmente dovuti ad un aumento della pressione (sia ipolaringea che orale). Le proprietà sopra elencate, relative al piano articolatorio, corrispondono ad un innalzamento dei valori di ampiezza e di durata sul livello acustico, e di intensità e di lunghezza, sul livello percettivo. In sintesi, i segmenti marcati dal tratto [+teso] sono di norma più forti e più lunghi di quelli marcati [ teso]. D altro lato, i segmenti [ tesi] sono prodotti con un minore grado di tensione nelle pliche vocali e una parallela riduzione dello sforzo muscolare, con conseguenti valori minori di pressione e di durata 6. I parametri sopra elencati spiegano dunque perché i fenomeni di tensing sono equivalenti a processi di rafforzamento, mentre all opposto, i fenomeni di lenition corrispondono a processi di indebolimento. In ogni caso, i tratti di quantità e di tensione sono strettamente 6 Sul versante terminologico, i due tratti in esame fanno riferimento per se a livelli di analisi differenti: il tratto di lunghezza è strettamente correlato al piano della percezione, mentre quello di tensione, al piano della produzione fonetica. 31

18 Fonetica e Fonologia correlati. Non è del resto ignoto che la letteratura su questo argomento riconosce di solito una sorta di sincretismo tra i due tratti nelle lingue del mondo (Jakobson 1960; Maddieson 1984; 1997; Hayes 1989; Ladefoged 1997). Lo schema classico che viene adottato è il seguente: (7) i. [+ teso] [+ lungo]; [ teso] [ lungo] ii. [+ lungo] [+ teso]; [ lungo] [ teso]. Va tuttavia ricordato che Roman Jakobson (1960) aveva già avuto modo di esprimersi criticamente in merito all assunzione di un rapporto di costante ridondanza tra questi due tratti, con riferimento cruciale alla lingua olandese. Proviamo ora ad applicare al vocalismo latino i parametri articolatori che abbiamo individuato, considerando il tratto di tensione in primo luogo. Una diversa marca rispetto a questo tratto conferirà diversi valori di forza e di durata ai segmenti ad esso associati: un segmento [+ teso] sarà tendenzialmente più forte e più lungo di un segmento [ teso]. Quanto possiamo ricavare dalla moderna analisi fonetica conferma pertanto l ipotesi tradizionale che assume un rapporto di ridondanza tra tensione e quantità nelle vocali lunghe in latino, almeno nel cosiddetto latino classico quale ci è pervenuto attraverso i testi letterari. È essenziale a nostro parere sottolineare che questo quadro, ascrivibile essenzialmente ad una relazione di tipo sincretico tra lunghezza e tensione, può essere ritenuto valido soltanto per uno specifico registro della lingua, per dirla con termini più moderni, per uno specifico livello diastratico e diafasico del diasistema latino. Seguendo il solco interpretativo già indicato da Vineis (1984), vorremmo quindi proporre che i due tratti potessero istituire anche una relazione diversa da quella sopra descritta, riassumibile nei termini di una sostanziale ridondanza del tratto di tensione rispetto a quello prosodico di lunghezza. In questa ottica nuova, e con riferimento cruciale alle tematiche di recente portate in primo piano dalla ricerca sociofonetica, possiamo legittimamente supporre che i due tratti fonologici avessero un differente statuto in latino: fin dall epoca antica, il tratto di quantità vocalica era impiegato e percepito come una marca di sermo politus atque urbanus, mentre il tratto di tensione era associato ai registri bassi della lingua, costituiva cioè una 32

19 MARINA BENEDETTI - GIOVANNA MAROTTA sorta di etichetta sociolinguistica, con i connotati negativi di uno shibolleth appartenente al sermo cotidianus ed evitato nei milieux culturalmente elevati. In altri termini, il tratto di tensione potrebbe essere assimilato ad un vero e proprio indice sociofonetico quale si riscontra nelle moderne comunità linguistiche di area metropolitana (Foulkes & Docherty 2006; Jannedy & Hay 2006). 4. Il diasistema latino Una volta riconosciuta la variazione sociolinguistica che doveva esistere nella lingua latina (cf. 3), analizziamo l interazione dei tratti di lunghezza e tensione nei due registri basilari del repertorio latino. Uno dei parametri che ab antiquo distingueva i due registri riguardava crucialmente la resa fonetica dei fonemi vocalici lunghi: nel registro alto, le vocali lunghe erano anche tese; nel registro basso, data l imperfetta competenza fonologica dei parlanti meno colti in relazione al tratto di lunghezza vocalica, il sincretismo di lunghezza e tensione poteva non applicarsi. In altri termini, in virtù dello statuto cognitivo dei tratti fonologici, il possesso imperfetto di un tratto poteva determinare una fusione/confusione ( near-merger ) di due diverse categorie fonologiche, con conseguenti aspetti problematici sul piano percettivo più che su quello articolatorio. Stiamo in altri termini supponendo che nel diasistema latino coesistessero due registri sociolinguistici: un registro alto, in cui funzionava il sincretismo di tensione e quantità vocalica; un registro basso, in cui questo sincretismo non era attivo. Nel dettaglio, nel registro alto, nell opposizione tra una vocale lunga ed una breve, il tratto di quantità era quello distintivo, mentre quello di tensione era ridondante; viceversa, nel registro basso, era il tratto di tensione ad essere distintivo, mentre il tratto di lunghezza non era controllato in modo adeguato né interpretato in modo automatico a partire da quello di tensione. Schematicamente: 33

20 Fonetica e Fonologia (8) Registro Tratto Vocale a. [alto] [lungo] distintivo [+ lungo, + teso] [teso] ridondante b. [basso] [teso] distintivo [+ teso], [ lungo] o [+ lungo] [lungo] ridondante [+ lungo], [ teso] o [+ teso] In assenza di sincretismo tra i due tratti in questione, poteva svilupparsi una divergenza del loro valore assegnato alle vocali. L imperfetto controllo del tratto di lunghezza da parte dei parlanti che utilizzavano il registro basso della lingua poteva dar luogo non solo e non tanto a vocali lunghe tese, e a vocali brevi rilassate (come avveniva nel registro alto) quanto piuttosto a foni tesi, ma non lunghi, oppure, in alternativa, lunghi, ma rilassati. D altra parte, dato il persistente statuto distintivo della lunghezza vocalica in latino (o dei suoi surrogati, vale a dire proprio la tensione), una totale convergenza di vocali brevi e di vocali lunghe non era ancora possibile, pena la messa in crisi dell intero sistema fonologico, con pesanti ed insopportabili conseguenze sul piano semantico. Solo in seguito, cioè nel corso della lunga deriva che si protrarrà nei secoli seguenti e che condurrà alle lingue romanze, assisteremo al collasso globale della quantità vocalica. 5. Il tratto di geminazione consonantica Passiamo ora a considerare il tratto di lunghezza all interno del consonantismo. Com è noto, il latino applica il tratto di quantità sia ai segmenti vocalici che a quelli consonantici. In entrambe le classi segmentali, il tratto di quantità è distintivo, perlomeno nel registro colto della lingua (cfr. quanto detto supra per le vocali in rapporto essenziale ai due registri). Anche nel caso delle consonanti possiamo parlare di tensione come tratto sincretico di lunghezza. Tuttavia, il tratto di lunghezza mostra un diverso destino in diacronia ed un diverso statuto sociofonetico, a seconda che si tratti di consonanti o di vocali. Consideriamo infatti gli elementi essenziali di questa divergenza esistente tra le due classi segmentali: nelle fasi della storia linguistica del latino in cui la quantità voca- 34

21 MARINA BENEDETTI - GIOVANNA MAROTTA lica è già in crisi nel registro basso (II sec. a.c.), non vi sono ancora segni di parallela crisi del medesimo tratto in ambito consonantico 7 ; la geminazione, vale a dire l impiego del tratto di lunghezza consonantica (e sincreticamente di quello di tensione), è già nel latino dell età repubblicana ed imperiale un marcatore sociofonetico, cioè un tratto in espansione nei registri meno elevati della lingua (Giannini & Marotta 1989). Il punto cruciale che fa da perno nella nostra interpretazione dei dati è dunque lo statuto sociolinguistico del tratto di quantità consonantica, che è opposto a quello di quantità vocalica. Nel repertorio sociolinguistico del latino, mentre il tratto di tensione è connotato negativamente sia in associazione a segmenti vocalici che a segmenti consonantici, il tratto di lunghezza riceve invece un valore differente a seconda che si applichi alle vocali o alle consonanti: nel primo caso (vocali), il tratto di lunghezza è un marcatore sociofonetico associato ad un valore positivo, con conseguente adozione nel registro alto della lingua, mentre nel secondo (consonanti) si associa ad un valore negativo, con concomitante e congruente suo impiego nel registro basso. Nella complessa dinamica sociolinguistica ricostruibile per la lingua latina (cfr. da ultimo Adams 2003; 2007), quando la quantità vocalica entra in crisi nel vocalismo, e dunque un parlante appartenente al livello medio-basso del diasistema latino non era più in grado di controllare il tratto di lunghezza vocalica, la quantità consonantica poteva entrare in gioco quasi automaticamente e senza costi, specialmente per quei registri che già impiegavano ampiamente il tratto nel consonantismo come marca sociofonetica, cioè a livello di lingua parlata e di Allegro-formen, dunque per i registri bassi della lingua. All interno del quadro che abbiamo ragionevolmente dipinto per il tratto di quantità nel diasistema latino, vediamo ora come si configura la questione relativa agli sviluppi dei dittonghi ei, eu, ou che sviluppano varianti con consonante geminata seguente. 7 Com è noto, la quantità consonantica andrà poi perduta in buona parte del dominio romanzo, ma assai più tardivamente di quella vocalica; cfr. Lausberg (1969); Holtus et al. (1996); Loporcaro

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60.

1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60. Curriculum Vitae et Studiorum Nadia Nocchi ISTRUZIONE 1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60.

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica Fonologia Secondo livello di analisi linguistica Dalla fonetica alla fonologia Dalla fonetica alla fonologia Quando si sono spiegati tutti i movimenti dell apparato vocale necessari a produrre le singole

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Riflessione linguistica

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA 1) Introduzione 2) Discorso preliminare sulle abilità 3) Il word processor come cognitive tool 4) Sviluppo della riflessione sulla lingua 5) Produzione orale/esposizione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

Programma d aula e d esame

Programma d aula e d esame Programma d aula e d esame Lingua Francese (seconda lingua) Codice 30232, Percorso 1 Coordinatore: Prof. Bianca Maria SAN PIETRO Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati e consigliati

Dettagli

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese 5.6. LINGUE COMUNITARIE Coordinatore del Dipartimento di lingue comunitarie: prof.ssa Elena Galeotti Docenti componenti il Dipartimento di lingue comunitarie: proff. Isabella Birrini, Stefania Colavizza,

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA di LINGUA INGLESE Classe 1 a sez. A a.s. 2013 2014 Prof.ssa Montesano Erminda

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA di LINGUA INGLESE Classe 1 a sez. A a.s. 2013 2014 Prof.ssa Montesano Erminda ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA I GRADO Via Molinelli, 27-87020 - Verbicaro (CS) - Tel.0985 6114 Fax.0985 60365 pec: csic834009@pec.istruzione.it e-mail: csic834009@istruzione.it

Dettagli

Parte 1. Biiettività fonematica

Parte 1. Biiettività fonematica 53 Rapporti tra lingue e matematica: Esperanto e oltre Parte 1. Biiettività fonematica Ce s c o Re a l e Associazione Mondiale di Esperanto, rappresentante ONU Festival di Giochi Matematici (www.tuttoenumero.it)

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: CRITELLI ANNA CLASSE: 1F MATERIA: INGLESE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 201/1 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO D ISTITUTO) Ascolto

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO DI LORENZO SPREAFICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO DI LORENZO SPREAFICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO DI LORENZO SPREAFICO (A) Generalità nato a: Bergamo il 28/05/1978 recapiti: lorenzo.spreafico@unibz.it Libera Università di Bolzano Centro di Ricerca Lingue Via Dante,

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc.

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. La scrittura I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. - sistemi sillabici: un simbolo > una sillaba es. loma, (Liberia

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche)

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche) CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA PRIMARIA Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006).. Competenze

Dettagli

L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA

L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA L APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA NELLA LINGUA ITALIANA Dott.ssa Elisa Damian, logopedista Progetto: Comincio bene la scuola, a.s. 2013-2014 il linguaggio verbale competenza innata emerge

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Luisa Bortolotti Trento, 30.04.04 Lezione 26 : IL SISTEMA K-G (3) 2. MODALITA

Dettagli

PROF. YVES ORLANDINI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 3 A

PROF. YVES ORLANDINI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 3 A PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. YVES ORLANDINI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 3 A DATA DI PRESENTAZIONE: 29 novembre 2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

fp SCHEMA SECONDA LINGUA

fp SCHEMA SECONDA LINGUA fp SCHEMA SECONDA LINGUA 1 Definizione di alcuni termini: Fonologia: le unità minime del linguaggio. I fonemi: a - e - i - ch Lessico: le parole di una lingua Morfologia: le regole per la formazione delle

Dettagli

Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo

Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo Silvia Dal Negro (Bolzano) 1. Alcune premesse 1.1. L oggettiva difficoltà nell applicare in modo convincente il fattore età negli studi

Dettagli

DICHIARAZIONE D INTENTI

DICHIARAZIONE D INTENTI DICHIARAZIONE D INTENTI dell Università di Trieste, attraverso il suo Comitato per le Pari Opportunità, insieme con l Università di Udine e la Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste per la condivisione

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Classe I Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LINGUA E CULTURA

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea. Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea. Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Il Quadro Premesse Scopi Contenuti Attività Premesse Quadro Comune Europeo

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa S.I.S. Piemonte Scrittura creativa Specializzata: Olga Cotronei Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2005-2006 Contesto In questo lavoro vengono proposte quattro attività di scrittura creativa,

Dettagli

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione ITALIANO L2 Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione 1. Definire il significato di interlingua, lingua per comunicare e lingua per lo studio 2. Definire il ruolo della grammatica

Dettagli

------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) PIANO DI LAVORO

------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) PIANO DI LAVORO ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Cenni sulla pronuncia dell antico francese

Cenni sulla pronuncia dell antico francese Cenni sulla pronuncia dell antico francese Questa guida si riferisce alla pronuncia dell antico francese intorno ai secoli XII e XIII, periodo in cui la lingua era in evoluzione e dunque non facilmente

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Guida per l insegnante/tutor 1. 0. Presentazione della Guida

Guida per l insegnante/tutor 1. 0. Presentazione della Guida Guida per l insegnante/tutor 1 0. Presentazione della Guida Questo documento è una guida all uso del corso di lingua italiana come L2 per adulti realizzato dall Università per Stranieri di Siena nell ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico TURISMO CLASSE TERZA TURISMO CONOSCENZE ABILITA' DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico Mercato turistico Specificità e rischi di gestione delle imprese

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista PierLuigi Zoccatelli Brevi cenni sull indagine Nella settimana fra il 30 settembre e il 7 ottobre 2010 si è svolta un

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio.

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Formatrice AID Legnago 26 aprile2012 DSA: DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELLE ABILITA SCOLASTICHE Sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA Presentazione della classe PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA All inizio dell anno scolastico vengono effettuate prove d ingresso e osservazioni sistematiche che

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE a cura di Roberto Vetrugno, Antonio Morone (per i corsi di storia), Barbara Airò (per i corsi di traduzione).

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 4^ A -TUR Materia: Tedesco (2^Lingua) Docente: A. Zaniol Situazione di partenza della classe La classe è composta da 19 alunni che studiano

Dettagli

Obiettivi formativi specifici del Corso di studio e descrizione del percorso formativo

Obiettivi formativi specifici del Corso di studio e descrizione del percorso formativo Nome del corso FILOLOGIA E STORIA DELL'ANTICHITA' Classe LM-15 - Filologia, letterature e storia dell'antichità Obiettivi formativi qualificanti della classe LM-15 I laureati nei corsi di laurea magistrale

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 )

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) Funzioni comunicative previste. Per il lessico si fa riferimento alla metodologia del docente Funzioni comunicative per: salutare, congedarsi,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lingue e letterature straniere Manifesto degli Studi P. I: Requisiti di accesso e norme relative Per accedere al corso di laurea in Lingue e letterature

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS Le caratteristiche delle prove di produzione orale Centro CILS Siena, 8 maggio 2014 LE TIPOLOGIE TESTUALI parlato bidirezionale faccia a faccia con presa di parola

Dettagli

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER

2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER Progetto Vivere in Italia. L'italiano per il lavoro e la cittadinanza Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-101909 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E82I12000230007 QCER e didattica delle in una prospettiva

Dettagli

Piera Molinelli Curriculum Vitae Sintetico. Versione analitica alla pagina personale del sito UniBG: www00.unibg.it/cineca_pers?piera.

Piera Molinelli Curriculum Vitae Sintetico. Versione analitica alla pagina personale del sito UniBG: www00.unibg.it/cineca_pers?piera. Piera Molinelli Curriculum Vitae Sintetico Versione analitica alla pagina personale del sito UniBG: www00.unibg.it/cineca_pers?piera.molinelli Afferenza istituzionale Università degli studi di Bergamo

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Profilo generale e competenze della disciplina Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE Ferrara, 14 aprile 2014 FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE LA SEMPLIFICAZIONE DEL PARLATO di Tania Pasqualini «Ogni lingua dice il mondo a modo suo» Rudolf Steiner LA SEMPLIFICAZIONE L insegnante, da un lato,

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE INGLESE COMMERCIALE 1 INGLESE BUSINESS BASE/INTERMEDIO 1 CORSO DI LINGUA INGLESE 2 CORSO DI ITALIANO PER STRANIERI 3 LIVELLO BASE/INTERMEDIO/AVANZATO

Dettagli

La grammatica del CHE e delle frasi relative

La grammatica del CHE e delle frasi relative La grammatica del CHE e delle frasi relative Valente R.: a.s. 1999-2000, la frase interrogativa diretta ed indiretta in inglese, II Liceo Scientifico. Penello N.: a.s. 2000-2001, esperienza dedicata alle

Dettagli

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI L incidenza dei DSA nella scuola superiore - I disturbi specifici dell apprendimento non scompaiono con l ingresso alla scuola

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Appendice tecnica all analisi delle iscrizioni negli elenchi delle persone in cerca di occupazione dei Centri per l Impiego della

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in STORIA DELL ARTE E BENI CULTURALI approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento

Dettagli