REGOLAMENTO PER L'ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE SEDI LUOGO DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L'ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE SEDI LUOGO DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L'ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE SEDI LUOGO DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 453 del 19/11/2012 1

2 INDICE Articolo 1 Oggetto Articolo 2 - Definizione del divieto Articolo 3 - Compiti dei Datori di Lavoro e dei Dirigenti Articolo 4 - Istituzione dell'ufficio di Coordinamento delle contravvenzioni Articolo 5 - Compiti degli incaricati alla vigilanza, accertamento e contestazione dell infrazione Articolo 6 - Regime sanzionatorio Articolo 7 - Normativa di riferimento Articolo 8 Norma finale 2

3 Articolo 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina il divieto di fumo assoluto nei locali chiusi del Comune di Busto Arsizio, al fine della tutela del diritto alla salute dei Lavoratori e alla salubrità degli ambienti di lavoro. Ai sensi del D.M. 10 marzo 1998, inoltre, l identificazione delle aree dove è proibito fumare e la regolamentazione sul fumo nelle altre aree è una delle misure per ridurre i pericoli d incendio causati da sorgenti di calore. Articolo 2 - Definizione del divieto Il divieto di fumare, oggetto del presente Regolamento, trova applicazione in tutti i luoghi chiusi con accesso ai Lavoratori, compresi corridoi, atrii, vani scale, scantinati, ascensori e servizi igienici. E consentito fumare nei locali chiusi privati non accessibili ai Lavoratori. Articolo 3 - Compiti del Datore di lavoro e dei Dirigenti Il Datore di Lavoro e i Dirigenti provvedono a dotare ciascuna sede di competenza nei luoghi di accesso o comunque di particolare evidenza, di appositi cartelli, adeguatamente visibili, che evidenziano tale divieto, completi delle indicazioni fissate dalla specifica normativa: - VIETATO FUMARE ; - indicazione della norma che impone il divieto; - sanzioni applicabili; - soggetto cui spetta la vigilanza sull osservanza del divieto e cui compete accertare le infrazioni; Nelle strutture con più locali, sono adottabili cartelli con la sola scritta VIETATO FUMARE. Per ciascuna delle strutture sedi di lavoro dei dipendenti comunali, spetterà ai soggetti individuati con atto formale dal Datore di Lavoro o dai Dirigenti, lo svolgimento dei compiti previsti all articolo 5 del presente Regolamento. Articolo 4 - Istituzione dell'ufficio di Coordinamento delle contravvenzioni Viene istituito l'ufficio di Coordinamento delle contravvenzioni presso il Datore di Lavoro Ufficio Sicurezza sul lavoro, con compiti di coordinamento e controllo dell'attività di vigilanza sul rispetto del divieto di fumo nell'intero Ente e di comunicazione delle infrazioni rilevate all Autorità competente ai sensi dell articolo 9 della Legge 584/1975. Presso l'ufficio confluiscono, in copia, i verbali delle contestazioni e le comunicazioni di eventuali provvedimenti disciplinari intrapresi nei confronti dei dipendenti inadempienti. Articolo 5 - Compiti degli incaricati alla vigilanza, accertamento e contestazione dell infrazione L'incaricato preposto alla vigilanza: a. vigila sul rispetto del divieto di fumare; 3

4 b. richiama il trasgressore e deve richiedere l intervento dei Pubblici Ufficiali incaricati ossia del personale delle ASL o della Polizia locale ai fini dell accertamento e della contestazione delle violazioni; c. fa pervenire copia dei verbali delle contestazioni redatti dai Pubblici Ufficiali del personale delle ASL o della Polizia Locale all Ufficio di Coordinamento presso il Datore di Lavoro Ufficio Sicurezza sul lavoro. Articolo 6 Regime sanzionatorio In caso di violazione della normativa sul divieto di fumare si applicano le sanzioni previste ai sensi dell articolo 7 della Legge 584/1975, dell art. 52 della Legge 448/2001, dell art. 51 della Legge 3/2003 e dell articolo 1, comma 189, della Legge 30 dicembre 2004 n Tutto il procedimento amministrativo sanzionatorio è disciplinato dalla Legge 24 novembre 1981, n. 689, artt. 9, 10, 14, 16 e 17 nonché dalla Legge Regionale 5 dicembre 1983, n. 90 e dalla Legge Regionale 3 aprile 2001, n. 6, comma 58-quinquies oltre che dalle loro s.m.i. Le sanzioni applicabili in caso di violazione della normativa sul divieto di fumare sono le seguenti: a. fumare in luogo chiuso soggetto al divieto di fumare, debitamente segnalato, è sanzionato con una sanzione amministrativa da 27,50 a 275,00; b. fumare in luogo chiuso soggetto al divieto di fumare, debitamente segnalato, in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o di un lattante o di un bambino di età inferiore a 12 anni è sanzionato con una sanzione amministrativa da 55,00 a 550,00. Ai soggetti incaricati di vigilare sulla corretta applicazione del divieto di fumare all interno di un locale o di una struttura comunale che non ottemperino alle disposizioni di cui agli articoli 1, 2 e 5 della Legge n. 584/1975 ed ai commi 1, 2 e 3 della Legge 3/2003, si applicano le sanzioni di cui al primo e secondo comma dell articolo 7 della Legge 584/1975, all articolo 52 comma 20 della Legge 448/2001, all articolo 51 comma 5 della Legge 3/2003 e all articolo 1 comma 189 della Legge 311/2004. L entità della sanzione è prevista: da 220,00 a 2.200,00 per chi omette di apporre i cartelli di divieto di fumo con le indicazioni previste, per chi omette di richiamare il trasgressore, per chi omette di richiedere l intervento dei pubblici ufficiali incaricati dell accertamento e contestazione delle violazioni; da 330,00 a 3.300,00 per la non ottemperanza all osservanza della disposizioni circa il corretto funzionamento degli impianti di condizionamento o ventilazione ed ai requisiti tecnici previsti dall allegato 1 del D.P.C.M per il locale eventualmente riservato ai fumatori. La violazione al divieto impone, in ogni caso, l applicazione da parte dei soggetti preposti alla vigilanza, delle sanzioni disciplinari previste nei vigenti contratti collettivi ai dipendenti contravventori; Per le suddette violazioni è previsto, da parte del trasgressore o, in sua vece, da parte dell obbligato in solido, ai sensi dell art. 16 della Legge 689/81, il pagamento con effetto liberatorio e in misura ridotta, entro il termine di 60 giorni dalla data della contestazione o notificazione del verbale steso dal funzionario incaricato 4

5 ai sensi dell art. 13 della Legge 689/81, del doppio del minimo della sanzione prevista. E facoltà del trasgressore e/o dell obbligato in solido inviare, entro il termine di 30 giorni dalla data di contestazione o notificazione del verbale, scritti difensivi, documenti o richiesta di audizione personale a ASL della Provincia di Varese - Organo Giudicante Sanzioni Depenalizzate Dipartimento di Prevenzione Medico Via Ottorino Rossi 9 CAP VARESE. La violazione al divieto, costituendo un illecito nei luoghi di lavoro, dovrà essere valutata, oltre che alla luce della normativa specifica sul divieto di fumo, anche in relazione alle sanzioni previste dalla normativa a tutela della salute e della sicurezza dei Lavoratori. A tal fine è necessario valutare il carattere continuativo o occasionale della condotta omissiva, applicando nel caso della ripetitività, anche la sanzione penale per la violazione della normativa a tutela del Lavoratore. Articolo 7 Normativa di riferimento 1. Legge 11 novembre 1975, n. 584 recante norme in materia di divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico; 2. Legge n. 689 del 1981, recante norme in materia di sanzioni amministrative; 3. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 dicembre 1995 Divieto di fumo in determinati locali della pubblica amministrazione o dei gestori di servizi pubblici ; 4. Circolare del Ministero della Sanità n. 4 del ; 5. Legge 16 gennaio 2003, n. 3 art. 51 Tutela della salute dei non fumatori ; Decreto Presidenza del Consiglio dei Ministri del , Attuazione dell'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificato dall'art. 7 della legge 21 ottobre 2003, n. 306, in materia di «tutela della salute dei non fumatori». 6. Accordo del 16 dicembre 2004 tra Ministro della salute, Ministro della Giustizia e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano in materia di tutela della salute dei non fumatori; 7. Legge 30 dicembre 2004, n. 311 (finanziaria 2005) commi 189,190 e 191 per il nuovo importo della sanzione; 8. Circolare 17/12/2004 del Ministero della Salute, Indicazioni interpretative ed attuative dei divieti conseguenti all entrata in vigore dell art. 51 della Legge 16/01/2003, n.3 ; 9. Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.; 10. Statuto comunale; 11. Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro ; Articolo 8 - Norma finale Per quanto non espressamente previsto nel presente Regolamento, è fatto rinvio alle disposizioni di legge vigenti ed a quelle che dovessero intervenire in futuro sulla materia. 5

Giunta Regionale della Campania Ufficio del Datore di Lavoro

Giunta Regionale della Campania Ufficio del Datore di Lavoro Allegato A) DISPOSIZIONI PER L'ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI CHIUSI, SEDI DI LAVORO DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE INDICE Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Ambito di applicazione del divieto

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE INDICE Articolo 1 Articolo 2 - Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5

Dettagli

COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza)

COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza) COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 30.1.2012 Art. 1 Norme

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER GARANTIRE LA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO ATTIVO E PASSIVO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO Legge 11 novembre 1975, n. 584 (G.U. 5 dicembre 1975, n. 322, recante: Divieto di fumare in determinati

Dettagli

Oggetto: direttive in applicazione della normativa in materia di divieto di fumo.

Oggetto: direttive in applicazione della normativa in materia di divieto di fumo. Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL della Regione Lombardia Ai Sindaci dei Comuni della Regione Lombardia Ai Presidenti delle Province della Regione

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO

PROCEDURA OPERATIVA L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Data: 14/09/2015 rev. 1 Pagina 2 di 7 1. Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SANT'AGOSTINO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI SANT'AGOSTINO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI SANT'AGOSTINO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Approvato con delibera di G.C. n. 1 del 07.01.2005 I N D I C E Art. 1 Scopo e contenuto

Dettagli

SETTEMBRE 2010 SEMINARIO INFORMATIVO SULL APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

SETTEMBRE 2010 SEMINARIO INFORMATIVO SULL APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA SEMINARIO INFORMATIVO SULL APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA SETTEMBRE 2010 SEMINARIO INFORMATIVO SULL APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELL UNIVERSITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO ALVISE PISANI DI STRA - VE

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO ALVISE PISANI DI STRA - VE 1 REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO ALVISE PISANI DI STRA - VE Art. 1 Principi L I.C. Alvise Pisani di Stra, con il presente Regolamento s impegna a far rispettare il

Dettagli

IL RETTORE. Decreto Rettorale Repertorio nr. 302 del 2003 Prot. n del Tit. IX cl. 3 DECRETA

IL RETTORE. Decreto Rettorale Repertorio nr. 302 del 2003 Prot. n del Tit. IX cl. 3 DECRETA Decreto Rettorale Repertorio nr. 302 del 2003 Prot. n. 16097 del 29.09.2003 Tit. IX cl. 3 IL RETTORE la Legge 11 novembre 1975, n. 584 e successive integrazioni o modificazioni concernenti il divieto di

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Regolamento aziendale Art.1 - Principi 1. L Azienda ULSS n. 13 si impegna, con il presente

Dettagli

Percorso sanzionatorio nella P.A. : compiti dei Dirigenti e dei delegati/incaricati/accertatori

Percorso sanzionatorio nella P.A. : compiti dei Dirigenti e dei delegati/incaricati/accertatori Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO AZIENDALE. Divieto di fumo nei locali della AULSS 15 e disciplina del procedimento sanzionatorio

ALLEGATO A REGOLAMENTO AZIENDALE. Divieto di fumo nei locali della AULSS 15 e disciplina del procedimento sanzionatorio ALLEGATO A REGOLAMENTO AZIENDALE Divieto di fumo nei locali della AULSS 15 e disciplina del procedimento sanzionatorio approvato con Delibera n.424 del 12.05.2011 e successivamente integrato con deliberazione

Dettagli

DIVIETO DI FUMO NELLA SCUOLA

DIVIETO DI FUMO NELLA SCUOLA DIVIETO DI FUMO NELLA SCUOLA Il Dirigente Scolastico, vista la normativa vigente sul Divieto di Fumo, in accordo con il R.S.P.P., determina il seguente Regolamento. ILOCALI SOGGETTI AL DIVIETO DI FUMOI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO Istituto Professionale Industria e Artigianato Giovanni Giorgi - Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE NORME RELATIVE AL DIVIETO DI FUMO Art. 1 - Premessa Art. 32 della Costituzione "La Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA Servizio di Prevenzione e Protezione - U.O. Gestione del Personale Pag. 1 Art. 1 Premessa

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO

PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO C.so Bramante 88 10126 Torino Cod. Fiscale 05438190018 REGOLAMENTO AZIENDALE PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA

Dettagli

Regolamento sul divieto di fumo

Regolamento sul divieto di fumo Regolamento sul divieto di fumo (Reg. n. 51/2017) Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 4/C.d.A./0058 del 20 luglio 2017 RA C.d.A 32 Regolamento sul divieto di fumo Rev. 0 del

Dettagli

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 70 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 70 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 70 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO Approvato con D.G.P. 14.03.2005 n. 116 reg. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento sul divieto di fumo nei locali del Comune di Arona

Regolamento sul divieto di fumo nei locali del Comune di Arona Regolamento sul divieto di fumo nei locali del Comune di Arona Approvato con delibera Giunta Comunale n. 45 / 08.04.2004 Modificato con delibera Giunta Comunale n. 26 / 10.03.2005 PREMESSA Il fumo di sigaretta,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI DIVIETO DI FUMO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI DIVIETO DI FUMO Emanato con Decreto Rettorale n. 632 del 10/11/2015 ART. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE, DESTINATARI E FINALITÀ Il presente Regolamento

Dettagli

ITIS G.GALILEI CONEGLIANO

ITIS G.GALILEI CONEGLIANO Adottato dal Consiglio d Istituto con delibera n. 22 del 17/10/2013 ed emanato con Decreto del Dirigente Scolastico n. del 29 ottobre 2013, affisso all albo e pubblicato sul sito web dell Istituto il 30

Dettagli

Art.1 Principi Art. 2 Oggetto Art. 3 Ambito di applicazione del divieto di fumo Art. 4 Cartellonistica

Art.1 Principi Art. 2 Oggetto Art. 3 Ambito di applicazione del divieto di fumo Art. 4 Cartellonistica Divieto di fumo nei locali dell ULSS 16 e disciplina del procedimento sanzionatorio Revisione n. 2 'HOLEHUD GHO 'LUHWWRUH *HQHUDOH Q GHO SDJLQD GL Art.1 Principi L Azienda ULSS n.16 si impegna, con il

Dettagli

RELAZIONE. E necessario adempiere alle disposizioni normative circa il divieto di fumare in determinati locali.

RELAZIONE. E necessario adempiere alle disposizioni normative circa il divieto di fumare in determinati locali. OGGETTO: Approvazione del Regolamento per l applicazione del divieto di fumo nella Pubblica Amministrazione (legge n 584 dell 11.11.1975 DPCM 14.12.1995). RELAZIONE E necessario adempiere alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO PER IL DIVIETO DI FUMO Pagina 1 di 5 1. REGOLAMENTO AZENDALE E PROCEDIMENTO SANZIONATORIO Art.1 Principi 1. L Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 3 Alto Friuli, Collinare, Medio Friuli si impegna, con il presente regolamento,

Dettagli

IL RETTORE. lo Statuto dell Università degli Studi della Basilicata ed in particolare l'art. 8;

IL RETTORE. lo Statuto dell Università degli Studi della Basilicata ed in particolare l'art. 8; Ripartizione Affari Generali ed Istituzionali Area Affari Generali Ufficio Atti Normativi ed Affari Generali IL RETTORE D.R. n. 592 VISTA lo Statuto dell Università degli Studi della Basilicata ed in particolare

Dettagli

Il Fumo di tabacco. U.F. Igiene e Sanità Pubblica 1

Il Fumo di tabacco. U.F. Igiene e Sanità Pubblica 1 Il Fumo di tabacco Il fumo di tabacco contiene più di 4.000 sostanze chimiche, di queste circa 60 sono sospettate o riconosciute cancerogene È la principale fonte di inquinamento dell aria negli ambienti

Dettagli

DECRETO RETTORALE NR. 266/2016 del IL RETTORE

DECRETO RETTORALE NR. 266/2016 del IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 266/2016 del 28.06.2016 IL RETTORE VISTA la Legge 11 novembre 1975, n. 584 e successive integrazioni o modificazioni concernenti il divieto di fumo in determinati locali e su mezzi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO. Art. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO. Art. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO Art. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente Regolamento e emanato ai sensi della normativa vigente e in particolare: art. 32 della Costituzione che tutela la salute come fondamentale

Dettagli

Prot. N 4277/A23 Perfugas, AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA COSSU MARIA LUISA A TUTTO IL PERSONALE

Prot. N 4277/A23 Perfugas, AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA COSSU MARIA LUISA A TUTTO IL PERSONALE Prot. N 4277/A23 Perfugas, 18.10.2013 AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA COSSU MARIA LUISA A TUTTO IL PERSONALE ALL ALBO LORO SEDI Oggetto: D.lgs 81/2008 Sicurezza e Salute dei lavoratori.

Dettagli

COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE

COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con deliberazione di C.C. n. del 14 Maggio 2011

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO REVISIONE DATA DESCRIZIONE / TIPO MODIFICA MATRICE DELLE REVISIONI REDATTA DA 00 05/10/2016 Prima emissione Dante Cinello VERIFICATA DA APPROVATA DA 01 18/10/2016 Prima

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL'IISS GUALA E SEZ. ASSOCIATA SOBRERO DI BRA

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL'IISS GUALA E SEZ. ASSOCIATA SOBRERO DI BRA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL'IISS GUALA E SEZ. ASSOCIATA SOBRERO DI BRA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze Comune di Bagnolo Mella Provincia di Brescia Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 65 / 06.10.2003 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona

TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con D.C.C. n. 17 del 30.09.2003-1 - Articolo

Dettagli

PROCEDURA E REGOLAMENTO DI SORVEGLIANZA SUL DIVIETO DI FUMO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

PROCEDURA E REGOLAMENTO DI SORVEGLIANZA SUL DIVIETO DI FUMO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROCEDURA E REGOLAMENTO DI SORVEGLIANZA SUL DIVIETO DI FUMO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 1. OGGETTO: La presente procedura ha per oggetto l'attuazione, nell'istituto "G. Guarini" di Modena, della normativa

Dettagli

SCHEDA REQUISITI TECNICI DEI LOCALI PER FUMATORI D.P.C.M. 23 DICEMBRE 2003 ART. 51, COMMA 2 l. 16/01/2003 N. 3 come modificato dalla L.

SCHEDA REQUISITI TECNICI DEI LOCALI PER FUMATORI D.P.C.M. 23 DICEMBRE 2003 ART. 51, COMMA 2 l. 16/01/2003 N. 3 come modificato dalla L. REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana COMUNE DI AZIENDA U.S.L. N 2 Lucca AREA FUNZIONALE DELLA PREVENZIONE Ufficio Coordinamento

Dettagli

PROCEDURE E REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO ISTITUTO M. BARTOLO PACHINO 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE:

PROCEDURE E REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO ISTITUTO M. BARTOLO PACHINO 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE: PROCEDURE E REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO ISTITUTO M. BARTOLO PACHINO 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE: Il presente regolamento ha per oggetto l attuazione nell Istituto della normativa nazionale e

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore M. Montessori L. Da Vinci

Istituto di Istruzione Superiore M. Montessori L. Da Vinci 7 Istituto di Istruzione Superiore M. Montessori L. Da Vinci Via della Repubblica, 3 40046 Porretta Terme C.F. 80071330379 - Tel. 0534/521211 Fax 0534/23098 bois00100p@istruzione.it www.scuolamontessoridavinci.it

Dettagli

Procedura e regolamento di sorveglianza sul DIVIETO DI FUMO nelle istituzioni SCOLASTICHE (ALLEGATO A)

Procedura e regolamento di sorveglianza sul DIVIETO DI FUMO nelle istituzioni SCOLASTICHE (ALLEGATO A) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE STENIO Sezioni: Amministrazione, Finanza e Marketing Sistemi Informativi Aziendali Costruzioni, Ambiente e Territorio Elettrotecnica ed Elettrotecnica Manutenzione

Dettagli

1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Regolamento sul divieto di fumo (emanato con DD n. 412 del 26 luglio 2016 pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line, entrata in vigore 10 agosto 2016) Art. 1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il

Dettagli

ISTRUZIONI GENERALI PER LE CONTRAVVENZIONI AL DIVIETO DI FUMO

ISTRUZIONI GENERALI PER LE CONTRAVVENZIONI AL DIVIETO DI FUMO ISTRUZIONI GENERALI PER LE CONTRAVVENZIONI AL DIVIETO DI FUMO Gli enti non statali (come le ASL, che dipendono dalle Regioni) richiedono il pagamento della sanzione e le relative spese di notifica secondo

Dettagli

Modelli organizzativi di applicazione del divieto di fumo negli Ospedali e Servizi Sanitari dell Azienda USL di Cesena

Modelli organizzativi di applicazione del divieto di fumo negli Ospedali e Servizi Sanitari dell Azienda USL di Cesena Modelli organizzativi di applicazione del divieto di fumo negli Ospedali e Servizi Sanitari dell Azienda USL di Cesena Bologna, 4 giugno 2009 1975 - Primo provvedimento legislativo In Italia fino al 1975

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Cerveteri (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 85 del 16 novembre

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO. Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali.

COMUNE DI NERVIANO. Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali. COMUNE DI NERVIANO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali. INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

60013 CORINALDO (AN) ANIC834008

60013 CORINALDO (AN) ANIC834008 ISTITUTO COMPRENSIVO di CORINALDO di scuola dell Infanzia,Primaria, Secondaria di 1 grado di Castelleone di Suasa, Corinaldo, Ostra Vetere Via Dante,45 60013 CORINALDO (AN) Codice Meccanografico ANIC834008

Dettagli

Ai Direttori Generali delle ASL Ai Direttori Generali AA.OO. Ai Commissari Straordinari degli IRCCS di diritto pubblico

Ai Direttori Generali delle ASL Ai Direttori Generali AA.OO. Ai Commissari Straordinari degli IRCCS di diritto pubblico Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data: Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL Ai Direttori Generali AA.OO. Ai Commissari Straordinari degli IRCCS di diritto pubblico Ai Legali Rappresentanti

Dettagli

Normativa sul divieto di fumo nei luoghi di vita e di lavoro

Normativa sul divieto di fumo nei luoghi di vita e di lavoro Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Art. 3 - AUTORITA COMPETENTE Art. 4 - SOGGETTI ACCERTATORI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO REVISIONE DATA DESCRIZIONE / TIPO MODIFICA MATRICE DELLE REVISIONI REDATTA DA 00 05/10/2016 Prima emissione Dante Cinello VERIFICATA DA APPROVATA DA 01 18/10/2016 Prima

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.13/0000219/DG Del 3 Ottobre 2013 DELIBERA N. 13/0000219/DG OGGETTO: Modificazioni ed integrazioni al

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 30.03.2007 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 23.04.2013 INDICE: Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI (Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 5 del 27/11/2017)

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI (Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 5 del 27/11/2017) REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI (Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 5 del 27/11/2017) Art. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente regolamento è emanato ai sensi della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI ART. 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento ha per oggetto l attuazione nell Istituto della normativa nazionale e regionale in

Dettagli

Approvato con DCC n.39 del 25/7/2003

Approvato con DCC n.39 del 25/7/2003 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE DI REGOLAMENTI COMUNALI E DI ORDINANZE DEL SINDACO E DEI DIRIGENTI Approvato con DCC n.39 del 25/7/2003 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE NORME SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE NORME SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE NORME SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE. ART.1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha per

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA Provincia di Cremona Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 indirizzo

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA Provincia di Cremona Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 indirizzo COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA Provincia di Cremona Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 indirizzo e-mail comunecampagnolacr@libero.it REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO C.A.P. 15049 PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento viene adottato nell ambito della potestà

Dettagli

COMUNE DI SEMINARA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI SEMINARA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DI REGOLAMENTI E ORDINANZE COMUNALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento... 1 Art. 2 - Definizioni... 2 Art. 3 - Applicazione

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 310 DEL 31/05/2016 OGGETTO Regolamento del divieto di fumo nell'azienda per l'assistenza Sanitaria n. 5 "Friuli Occidentale" IL DIRETTORE GENERALE Dott. Giorgio Simon

Dettagli

VIETATO FUMARE Ruolo dell agente accertatore nella promozione della salute

VIETATO FUMARE Ruolo dell agente accertatore nella promozione della salute VIETATO FUMARE Ruolo dell agente accertatore nella promozione della salute Azienda USL Rimini Gruppo Progetto Territorio senza fumo Ospedali e Servizi Sanitari senza Fumo MATERIALI DEL CORSO http://www.ausl.rn.it/docebocms/page

Dettagli

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI (Approvato con D.C.C. n 21 in data 27/09/2010) INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO Art. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente Regolamento è emanato ai sensi della normativa vigente e in particolare: art. 32 della Costituzione che tutela la salute come fondamentale

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE AGOSTINO NIFO CON SEZIONI ASSOCIATE DI Liceo Classico Agostino Nifo Liceo Scientifico Ettore Majorana Sessa Aurunca

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE AGOSTINO NIFO CON SEZIONI ASSOCIATE DI Liceo Classico Agostino Nifo Liceo Scientifico Ettore Majorana Sessa Aurunca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE AGOSTINO NIFO REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO (Regolamento approvato dal Collegio dei Docenti nella seduta del ) art. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente Regolamento è

Dettagli

Città di Giugliano in Campania

Città di Giugliano in Campania Città di Giugliano in Campania Provincia di Napoli SETTORE SERVIZI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNALI Approvato

Dettagli

Regolamento comunale per l applicazione delle sanzioni amministrative

Regolamento comunale per l applicazione delle sanzioni amministrative Regolamento comunale per l applicazione delle sanzioni amministrative 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie Art.

Dettagli

COMUNE DI CANTAGALLO PROVINCIA DI PRATO REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F.

COMUNE DI CANTAGALLO PROVINCIA DI PRATO REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. COMUNE DI CANTAGALLO PROVINCIA DI PRATO REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con atto del Consiglio Comunale nr. 13 del 31.03.2007 Pubblicato all Albo Pretorio dal 03 al 17 aprile 2007

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE attività a.s. 2015/2016

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE attività a.s. 2015/2016 attività a.s. 2015/2016 Allegato A VERBALE DI ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO L. 584/75 e art. 51 della L. n.3/03 VIOLAZIONE AMMINISTRATIVA L. 68/81 VERBALE N. PLESSO In data alle ore nei

Dettagli

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/2006 - art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Il Corpo nazionale esercita, con i poteri di polizia amministrativa e giudiziaria, la vigilanza sull'applicazione della

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.S. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

IL COORDINATORE UNICO S.S. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000882 del 01/06/2016 - Atti U.O. Servizio Prevenzione e Protezione Oggetto:PRESA D ATTO DEL D.LGS. n 6 DEL 12.01.2016, CHE MODIFICA LE LEGGI

Dettagli

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO CASERTA Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione

Dettagli

OGGETTO: DIVIETO DI FUMO-

OGGETTO: DIVIETO DI FUMO- LICEO GINNASIO STATALE G. D Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI COMUNE DI BIENTINA Provincia di Pisa PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI Sommario Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Pagamento in misura ridotta delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 742 DEL 28/07/2016

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 742 DEL 28/07/2016 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 742 DEL 28/07/2016 OGGETTO: Adozione Regolamento per la Gestione delle sanzioni amministrative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE STRUTTURE AZIENDALI ALLEGATO A

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE STRUTTURE AZIENDALI ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NELLE STRUTTURE AZIENDALI ALLEGATO A SOMMARIO Art. 1 PRINCIPI - PROMOZIONE DI UN AMBIENTE LIBERO DAL FUMO..2 Art. 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 Art. 3

Dettagli

COMUNE DI TUILI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI COMUNALI. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del

COMUNE DI TUILI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI COMUNALI. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del COMUNE DI TUILI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI COMUNALI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del INDICE Art.1 Principi Art. 2 Riferimenti normativi Art. 3 Definizioni Art. 4 Locali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ADDIZIONALE I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO COMUNALE ADDIZIONALE I.R.P.E.F. REGOLAMENTO COMUNALE ADDIZIONALE I.R.P.E.F. RO/043 CITTA DI SANTENA NORMAZIONE Edizione 1 Revisione 1 EDIZIONI REV ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATO IN VIGORE 1 0 C.C. n.64 in data 20.12.2007 1.01.2008

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del 29.1.2007 Il Sindaco Il Segretario Comunale REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Art. 1 Oggetto del regolamento Il

Dettagli

Città di Mesagne (Provincia di Brindisi)

Città di Mesagne (Provincia di Brindisi) Città di Mesagne (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCERTAMENTO E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI, ALLE ORDINANZE DEL SINDACO ED

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Settore Amministrativo Servizio Affari Generali REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE AI REGOLAMENTI COMUNALI E ALLE ORDINANZE DEL SINDACO E DEI RESPONSABILI

Dettagli

DECRETO n. 475 del 25/11/2016

DECRETO n. 475 del 25/11/2016 Agenzia di Tutela della Salute di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.ats-brescia.it - informa@ats-brescia.it Posta certificata: protocollo@pec.ats-brescia.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI Il presente Regolamento è stato approvato nella seduta n. 20 del Consiglio di Istituto del 29/05/2014 Art. 1 - Riferimenti normativi Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F.

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. INDICE 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Pag. 3 Art. 2 Soggetto attivo Pag. 3 Art. 3 Soggetti passivi Pag. 3 Art. 4 Criteri di calcolo dell addizionale Pag. 3

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DECRETO 16 febbraio 2012, n. 51 Regolamento recante disposizioni in materia di tutela della salute e della sicurezza degli uffici all'estero ai sensi dell'articolo 3, comma

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 20 luglio 2017 Modalita' attuative relative alle attivita' di controllo e sanzioni in materia di pesca marittima. (17A06365) (GU n.219

Dettagli

Regolamento per l'applicazione della Normativa sul Divieto del Fumo. Articolo 1. PRINCIPI

Regolamento per l'applicazione della Normativa sul Divieto del Fumo. Articolo 1. PRINCIPI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO GALILEI Via Dino Menci, 1-52100 Arezzo - Tel. 05753131 - Fax 0575313206 E-mail: galilei@itis.arezzo.it; Posta Certificata: itisgalilei@pec.itis.arezzo.it Sito

Dettagli

ESTRATTO DELLA PROCEDURA SULLA GESTIONE SISTEMA SANZIONATORIO

ESTRATTO DELLA PROCEDURA SULLA GESTIONE SISTEMA SANZIONATORIO Rev. N.2 Del 26 aprile 2016 Codice procedura 05-DAP-PR-GSS Redatto da Staff Dipartimentale Delibera n 3199 del 5 dicembre 2013 Verificato ed approvato da Direttore del Dipartimento di Prevenzione Condiviso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DEI PLESSI/SEZIONI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORMIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DEI PLESSI/SEZIONI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORMIO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO M.ANZI DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 C.F. 93022020148 e-mail: SOIC822007@istruzione.it

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina Deliberazione del Direttore Generale n 415 del 23/03/2016 A seguito di Proposta n 327 del 18.03.2016 U.O.C. Settore Affari Generali

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO PROVINCIA DI BRESCIA SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE

COMUNE DI BORGOSATOLLO PROVINCIA DI BRESCIA SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione C.C. n. 12 del 05/04/2011 1 INDICE Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3 Notificazione

Dettagli

Regolamento sulla procedura di applicazione della normativa sul divieto di fumo negli ambienti dell Università degli Studi Roma Tre

Regolamento sulla procedura di applicazione della normativa sul divieto di fumo negli ambienti dell Università degli Studi Roma Tre Regolamento sulla procedura di applicazione della normativa sul divieto di fumo negli ambienti dell Università degli Studi Roma Tre INDICE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 2 2. PROCEDIMENTO

Dettagli

AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n del 27/12/2012

AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n del 27/12/2012 AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1026 del 27/12/2012 Proposta 2012/1034 Protocollo 2012/80168 - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Oggetto: Approvazione nuovo Regolamento aziendale

Dettagli

COMUNE DI CALATABIANO PROV. DI CATANIA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNALI

COMUNE DI CALATABIANO PROV. DI CATANIA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNALI COMUNE DI CALATABIANO PROV. DI CATANIA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNALI INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento aziendale per l'applicazione della normativa sul divieto di fumo. Art. 1 - Oggetto e Finalità

Regolamento aziendale per l'applicazione della normativa sul divieto di fumo. Art. 1 - Oggetto e Finalità Regolamento aziendale per l'applicazione della normativa sul divieto di fumo Art. 1 - Oggetto e Finalità Il presente regolamento ha per oggetto l'attuazione nell'azienda Unità Sanitaria Locale della normativa

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO

COMUNE DI MESAGNE REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO COMUNE DI MESAGNE REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 70 del 29.11.2011 1 INDICE Art.1 Principi Art. 2 Riferimenti normativi Art. 3 Definizioni Art. 4 Locali

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO.

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIVIETO DI FUMO. Pagina 1 di 14 REGOLAMENTO AZIENDALE PER. MATRICE DELLE REVISIONI REVISIONE DATA DESCRIZIONE / TIPO MODIFICA REDATTA DA VERIFICATA DA APPROVATA DA 00 Prima emissione Gruppo strategie di contrsto all abitudine

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DEI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DEI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DEI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE ARTICOLO 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento, adottato

Dettagli