BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI"

Transcript

1 BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI Le olimpiadi nascono nel mondo greco e, la loro storia ci è narrata in larga misura dalle due opere ascrivibili ad Omero: L Iliade e L Odissea nelle quali si raccontano le vicende legate alla città di Troia, colonia greca. Nell Iliade troviamo la narrazione del funerale di Paco, amico e fratello di Achille, durante il quale si inducono delle competizioni sportive in onore del defunto. Nell Odissea, il capitolo dedicato allo sport, è quello che narra dell incontro tra Ulisse ed una principessa, in seguito alla sua vittoria in alcuni giochi. Gli elementi distintivi degli sport nell età antica sono l essere riservati all aristocrazia e l essere istituiti in onore di qualche divinità o per onorare un defunto consentendogli un più agile passaggio nella vita ultraterrena. Si pensava, infatti, che il sangue ed il sudore versati in occasione di questi giochi fossero fonte di energia per il defunto. Quattro erano i giochi grandi che si svolgevano (non solo nell Ellade, ma in tutte le regioni vicine e le colonie). Erano riservati ai cittadini di cultura greca. I quattro giochi grandi erano distinti in: 1) OLIMPICI (dedicati a Zeus/Giove); 2) PITICI o DELFICI (dedicati ad Apollo); 3) NEMEI (dedicati a Zeus/Giove); 4) ISTMICI (dedicati a Poseidone/Nettuno). L' essere dedicati ad un Dio era tra le caratteristiche di questi giochi. La loro importanza era tale che gli anni cominciarono a contarsi a partire dalle Olimpiadi. In questo modo il 776 a.c. era chiamato il 1 anno dei primi giochi olimpici; il 775 a.c. 2 anno dopo i primi giochi olimpici; 774 a.c. 3 anno dopo i primi giochi olimpici; 773 a.c. 4 anno dopo i primi giochi olimpici; 772 a.c. 1 anno dei secondi giochi olimpici e così via. Il premio per questi giochi era solo simbolico, costituito da un ramoscello intrecciato a mo di corona, con il quale si cingeva il vincitore. Ma la vittoria aveva un enorme valore per l atleta che, tornato a casa, era trattato da eroe e poteva rivestire importanti cariche nella vita sociale della città Stato di appartenenza. Per comprendere l importanza attribuita a ciò, basti pensare che, in occasione dei giochi, erano sospese anche le guerre con la cosiddetta Tregua Sacra. I giochi si succedettero regolarmente sino al 200 a.c., successivamente si svolsero in maniera meno rigorosa sino alla loro definitiva sospensione nel 393 d.c. A decretarne la fine fu un editto dell allora imperatore Teodosio, sotto l influenza del vescovo di Milano Ambrogio Pagina 79

2 (S. Ambrogio), essendo ormai la Grecia sotto la dominazione romana. I motivi della loro cessazione sono da ricercarsi nel fatto che rappresentavano riti pagani, quindi in contrasto con la religione Cattolica. La ripresa dei giochi dopo ben 2672 anni fu merito del barone Pierre de Coubertin, grande appassionato di sport che, con la sua perseveranza, ed investendo buona parte dei suoi capitali, riuscì nell'impresa di far risorgere il mito delle olimpiadi nel Pagina 80

3 LO SPORT NELL ANTICA GRECIA I giochi erano un elemento rilevante nella vita del guerriero omerico. In origine, la cultura greca fu privilegio di un aristocrazia di guerrieri. Gli eroi omerici non erano dei brutali soldati, dei guerrieri barbari, ma, in un certo senso erano dei cavalieri. I giovani curoi (guerrieri) prestavano al loro re un vero e proprio servizio di corte servendolo a tavola, accompagnandolo alle cerimonie, prendendo parte nei sacrifici accanto al celebrante, cantavano e danzavano. Prestavano, insomma, al loro re un servizio nobile, ben distinto da quello dei servi. I giochi, insieme alle cerimonie, costituivano l elemento dominante dei cavalieri e l atletismo faceva parte d ogni guerriero acheo e lo distingueva dal mercante. Ogni guerriero acheo era amante dell atletismo ed era: un atleta. A questi guerrieri il vigore fisico, l agilità, la prontezza dei riflessi, la destrezza nel maneggio delle armi, erano indispensabile in battaglia che si risolveva sempre in un duello. E se non si erano riunioni atletiche ufficiali, molte ve ne erano indette per i più svariati motivi: impetrare i favori degli dei; onorare la memoria di un valoroso caduto; tributare onore ad un condottiero; intrattenere un ospite di riguardo. Di solito erano premiati tutti i concorrenti. I giochi omerici erano dei trattenimenti a cui prendevano parte solo gli invitati, prevalentemente aristocratici, ma spesso, erano ammessi a partecipare anche i soldati. I re e i nobili vi eccellevano. In onor di Patroclo Achille organizzò una serie di competizioni che meritarono di essere osservate un po da vicino. 1. La corsa dei cocchi. Fra tutti i più suggestivi, spettacolari ed il più apprezzato. Un eroe, un valido guerriero, non sarebbe stato tale se non fosse stato un esperto nell arte di condurre cavalli. L ippodromo improvvisato sulla marina davanti a Troia non erano certo come quelli che poi sorgeranno ad Olimpia o nelle altre città del mondo greco. Consisteva in uno spiazzo piuttosto lungo, tanto che gli spettatori a ridosso delle navi ancorate al lido, sia per la polvere sollevata dai cocchi, sia per la distanza, non potevano seguire tutto lo svolgimento della gara. Il punto estremo dove i carri dovevano girare, per riprendere il rettilineo di ritorno (la meta) era segnato dal tronco di una vecchia quercia ed era sorvegliato, per incarico d Achille, dal suo vecchio precettore e Maestro Fenice. Vincitore fu Diomede, 2 classificato Antiloco, 3 Menelao e 4 Merione. 2. Il pugilato. Pagina 81

4 I premi in palio consistevano in una mula per il vincitore ed una coppa per la sconfitta. Achille, invitò i migliori due guerrieri valenti nel pugilato a farsi avanti. Uno era Eurialo un peso medio che si misurava con un peso massimo di nome Epeo. Questi era figlio di Panope ed era un abile ingegnere, costruttore, poi, del famoso cavallo di Troia e presunto costruttore di Metaponto. Epeo fu il vincitore della mula. 3. La lotta. Premi in palio: un tripode grande, da fuoco, del valore di dodici buoi per il vincitore e una donna esperta di molti lavori del valore di quattro buoi, per lo sconfitto. Aiace e Ulisse arrivarono, dopo un lungo combattimento e per volere di Achille, a pari merito. 4. La corsa a piedi. Achille stabilì i premi: al vincitore un cratere di inestimabile valore, al 2 un bue grasso e al 3 un mezzo talento d oro. I tre concorrenti erano Oileo, Ulisse e Antiloco. Il cratere andò a Ulisse, il bue e Oileo e il mezzo talente d oro ad Antiloco. 5. Il duello al primo sangue. Per questa prova, più militare che atletico, come premi furono poste da Achille le armi di Sarpedonte, vinte da Patroclo: una lunga lancia, l elmo e lo scudo da ripartirsi tra i due gareggianti, un lauto banchetto in comune e, in più, al vincitore, una spada tracia dalle borchie d argento. Achille invitò a presentarsi i due guerrieri più forti con l armatura e la spada in pugno. La vittoria sarà determinata dalla prima scalfittura che l uno procurerà all altro: insomma un duello al primo sangue. Chi erano i due guerrieri più valenti? Era in gioco il prestigio di parecchi eroi. Si presentarono Aiace e Diomede. Nessuno fiatò: a parte Achille erano conosciuti e riconosciuti per i due più valorosi. Vinse Aiace e Diomede fu sconfitto. 6. Il lancio del disco. Per la sesta gara il premio fu il disco stesso, di ferro grezzo, già del re Eezione, padre di Andromaca, moglie di Ettore. Achille prima della controversia con Agamennone a causa di Briseide, l amata schiava, aveva combattuto, vinto ed ucciso quel re e, tra le prede belliche, si era preso anche il disco. Omero fa rilevare il valore dell attrezzo che avrebbe potuto essere utilizzato, come ferro, da molte generazioni, trasformato in arnesi utili alla coltivazione dei campi. A quei tempi il ferro era prezioso quasi quanto l oro. A questa competizione Achille non pose limite al numero dei partecipanti. Pagina 82

5 Vinse Polirete. 7. Il tiro con l arco. La settimana gara ebbe quali premi: dieci bipenne di ferro per colui che avesse colpito la colomba e dieci scuri per l arciere che avesse colpito la fune che la legava. Vinse Merino e arrivò secondo Teucro. 8. Il lancio dell asta. Premi per l ultima gara: una lancia e un lebete nuovo. Vinse Agamennone, secondo Merione. L educazione spartana con il passare del tempo non avrà più lo scopo di selezionare degli eroi, ma quello di formare un intera città di eroi consacrati alla patria. La prima vittoria spartana conosciuta nella XV olimpiade (720) da Acanto, vincitore nella corsa lunga. IL PROGRAMMA CLASSICO Il programma classico comprendeva le seguenti discipline: 1. la corsa a piedi 2. il salto con gli alteri 3. il lancio del disco 4. il lancio del giavellotto 5. la lotta 6. il pentatlon 7. il pugilato 8. il pancrazio 9. le gare ippiche 1. LA CORSA A PIEDI Per i greci non vi erano corse ad ostacoli né corse campestri. Essi conoscevano e praticavano solo le corse su pista piana e rettilinea. La prova caratteristica,e più fortunata tra le diverse specie di corse, era la corsa dello stadio (stàdion); la medesima parola stava ad indicare la corsa, la pista e la distanza su cui era percorsa: 600 piedi. Ma siccome il piede non aveva la stessa misura in tutte le città, si trattava di una misura variabile che si avvicinava ai duecento metri. Ad Olimpia lo stadio era lungo m. 192,27; a Delfi m. 177,50; a Pergamo m. 210 (una eccezione). I greci non conoscevano distanze minori. Oltre alla corsa dello stadio si disputavano corse più lunghe: la corsa doppia (diaulos); su due stadi (a Olimpia m. 385), più raramente la corsa di quattro stadi (ippios); invece si praticava dovunque la corsa di fondo (dolicos), la cui lunghezza variava, di luogo in luogo, da sette a dodici a venti stadi o a ventiquattro, come ad Olimpia (circa 4600 metri). Il programma della maggior parte dei giochi comprendeva anche la corsa con le armi nelle quali i corridori (oplites) portavano elmo, scudo e schinieri (questi ultimi abbandonati dopo il 450). La distanza variava a seconda dei luoghi: due stadi ad Olimpia e ad Atene; quattro a Nemea, forse più a Platea. A margine delle corse agonistiche si avevano le corse Pagina 83

6 con torce di origine ed ispirazione chiaramente religiosa. I concorrenti correvano completamente nudi con il corpo spalmato di olio e ricoperto di polvere. 2. IL SALTO CON GLI ALTERI L atletismo greco conosceva soltanto una specie di salto. Il salto in lungo con rincorsa quale prova del pentatlon. Il salto senza rincorsa era considerato esercizio preparatorio da ginnasio. 3. IL LANCIO DEL DISCO Il disco greco a differenza di quello attuale, che è di legno cerchiato di ferro, era di pietra o di ferro e, alla fine del V secolo, di bronzo. Pare che il disco per gli antichi elleni sia stato più pesante del nostro (kg. 1,293). Gli esemplari conservati variano considerevolmente e appartengono a tipi diversi pesanti Kg. 1,300, 2,100, 2,800, 4,000. se ne è rinvenuto uno pesante 5,707 che, probabilmente, sarà stato un disco volitivo che non aveva niente a che fare con quelli usati in gara. Probabilmente il tipo variava secondo le epoche ed i luoghi (più leggeri sono del VI secolo). I fanciulli lanciavano un disco più leggero di quello lanciato dagli adulti. Lo stile di lancio sembra sia stato molto diverso da quello che i moderni hanno reinventato, quando stabilirono questa specialità nelle prime Olimpiadi dell epoca moderna, svoltesi nel 1896 ad Atene. 4. IL LANCIO DEL GIAVELLOTTO Per gli antichi il giavellotto(dai greci chiamato àcon, àcontion, mesàngulon, apotomas)) prima di essere un attrezzo sportivo, era un arma di uso corrente per la guerra e per la caccia. Asta dritta, quasi d altezza di un uomo, dello spessore di un dito circa. Per le gare atletiche, nella maggior parte dei casi, era smussato. I giavellotti appuntiti erano raramente raffigurati nelle scese atletiche. Per altro venivano usati anche in gara da quanto apprendiamo dall arringa di Antifonte in difesa di un giovane che aveva colpito ed ucciso, col giavellotto, un ragazzo che, sconsideratamente, aveva attraversato l area del tiro durante un lancio. Il giavellotto, arma da guerra o da caccia, era lanciato per colpire un determinato bersaglio; nell atletica, invece, era lanciato per raggiungere la massima distanza in una determinata direzione. I greci lanciavano il giavellotto con l ausilio di una cinghia, in generale di cuoio (angle o amento), avvolta al centro del giavellotto chiamato, perciò, mesàngulon. L amento era lungo dai 30 ai 40 cm., faceva due o tre giri intorno al terzo e terminava con un cappio, nel quale il lanciatore introduceva l indice ed il medio della mano destra (o sinistra). L amento si distaccava dall attrezzo ma, prima del lancio, era saldamente avvolto. Il punto di attacco era vicino al centro di gravità; nei giavellotti per gare atletiche e, quindi, con la punta leggera quasi al centro dell asta; in quelli da battaglia o da caccia, più pesanti, in genere più vicino alla punta. Probabilmente, però, il punto di attacco variava anche in relazione allo scopo per cui lo si usava e cioè se per il tiro ad un bersaglio, o per raggiungere la massima distanza. Avvolgendo l amento al di là del centro di gravità, si aumentava la gittata a danno della precisione. L utilità del propulsore è stata controllata Pagina 84

7 sperimentalmente e si è constatato che la gittata si raddoppia o, addirittura, si triplica. Cioè perché si assicura stabilità all attrezzo, imprimendogli un movimento di rotazione intorno al suo asse e si aumenta in modo notevole la lunghezza del braccio di leva, prolungando il braccio dell uomo. Al riguardo i campioni di giavellotto erano selezionati tra atleti con le dita particolarmente lunghe. Le modalità del lancio del giavellotto erano simili a quelle per il lancio del disco. Gli atleti lanciavano da dietro una linea che non dovevano oltrepassare. Tale linea, forse, era quella della partenza della corsa dello stadio. Se il lanciatore la oltrepassava, il lancio era annullato. 5. LA LOTTA Questa specialità era la più antica e, forse, la più popolare fra tutte. Lo testimoniano le scene di lotta descritte in letteratura e nelle arti, i richiami mitologici ed il fatto che la parola palàistra, propriamente terreno per la lotta pàle, è stata usata poi, quasi sempre, per indicare genericamente il terreno o la scuola di educazione fisica. Per i greci la lotta era scienza ed arte, e la loro fervida fantasia raffigurava in questi combattimenti il trionfo della civiltà e il trionfo della scienza sulla barbarie e sulla forza bruta. Teseo, lo scopritore della lotta scientifica, ne aveva appreso le regole direttamente da Atena. Grandissima importanza era data allo stile ed all eleganza. Non era sufficiente rovesciare l avversario, bisognava farlo correttamente nel pieno rispetto delle regole. Anche quando l atletica fu corrotta dal professionismo, la lotta rimase immune dalle brutalità. Il metodo d istruzione particolareggiato e severamente progressivo. C erano regole diverse per gli adulti e per i ragazzi. I vari movimenti, prese, schienate erano insegnati separatamente e progressivamente, passando dai più semplici ai più complessi. Gli allievi erano addestrati a coppie ed in principio l iniziando era accoppiato con un atleta esperto che gli potesse far da guida. Solo successivamente si passava ai movimenti combinati. I pedotribi assistevano con estrema attenzione e spesso accompagnavano con vergate teoria e pratica. Pur non essendo giunto a noi che qualche frammento, sappiamo che esistevano numerosi manuali per l addestramento. Le gare di lotta si svolgevano in giorni con sistema del sorteggio. Il numero di partecipanti, sia in Olimpia che altrove, variava. Talvolta accadeva che qualche celebre atleta non trovasse competitori. In tal caso era dichiarato vincitore e definito aconito, aveva cioè vinto aconiti, senza essersi sporcato il corpo con la sabbia con la quale, come sappiamo, gli atleti si cospargevano dopo il bagno e l unzione. I greci conoscevano due tipi di lotta: in piedi il cui scopo era quello di mettere l avversario a terra (catabletichè) o a terra ( cùlisis o olindesis), il cui combattimento proseguiva a terra fino a che uno dei contendenti non si dichiarasse sconfitto. 6. IL PENTATLON Il pentatlon era costituito dalle cinque gare che abbiamo esaminato: corsa a piedi, corsa con gli alteri, lancio del disco, lancio del giavellotto e Pagina 85

8 lotta. E uno dei pochi dati certi che abbiamo tra i moltissimi incerti e discutibili sull atletica greca. 7. IL PUGILATO Altra specialità antichissima, che con la lotta si contendeva il favore popolare, era il pugilato. Ad Olimpia Apollo sconfisse Ares nel pugilato; gli abitanti di Delfi consacrarono ad Apollo il pugilato; Aracle, Tideo e Polluce furono tutti pugili famosi. Il pugilato sarebbe stato inventato da Teseo. Sia nell Iliade che nell Odissea appare come specialità molto popolare, considerata dai greci gara di abilità più che di forza bruta. 8. IL PANCRAZIO Era il più violento e brutale esercizio dell atletica antica. Ordinariamente suol definirsi come una combinazione della lotta e del pugilato. In realtà era qualcosa di abbastanza diverso e di molto originale che, forse, si potrebbe avvicinare al jiu-jiutsu. Si trattava di mettere l avversario fuori combattimento o a seguito di perdita di sensi, o per resa a seguito alzata di braccio. In questa competizione tutti erano permessi, non soltanto i pugni portati dovunque e le prese nella lotta regolamentare, ma anche ogni altra specie di attacco: calci nello stomaco o al ventre, torsioni delle membra, strangolamento, ecc., era interdetto solo il ficcare le dita negli occhi e negli altri orifizi del viso dell avversario. In generale, dopo qualche assalto, i combattenti, avvinti l uno all altro, cadevano a terra, dove la gara seguitava e normalmente, trovava conclusione. Ciò che contribuiva a dare a questa specialità un carattere selvaggio era anche il fatto che veniva disputata su un terreno smosso dalla zappa, e innaffiato. I concorrenti pestavano nel fango, scivolavano, vi si avvoltolavano e ben presto ne erano tutti ricoperti. 9. LE GARE IPPICHE Il cavallo fu sempre appannaggio di una minoranza di grandi proprietari terrieri di un ambiente aristocratico. E nello stesso ambiente che, nell epoca ellenistica, l equitazione continuò ad essere praticata dalla gioventù. Nel collegio efebico di Atene gli esercizi ippici erano considerati alla pari della ginnastica e della pratica delle armi, come si rileva dalle iscrizioni datate fino al Come nella buona società di molti stati moderni l equitazione veniva fatta praticare ai fanciulli fin da tenera età (Galeno consigliava sette anni). Ma il cavallo era anche il mezzo di competizioni agonistiche, a tutti i livelli, particolarmente amate dai greci. Nel corso dei secoli gli agoni ippici (agòn ippicòs) abbinarono sempre di più le loro tecniche sicché, ad un certo punto della storia greca, ebbero un programma assai nutrito ed articolato. Alle gare col cavallo montato ( chèles) e da quelle a dorso di giumenta (càlpe), nelle quali il cavaliere non usava né sella e né staffa, si aggiungevano numerosissime, quelle con i carri. Tiro a quattro (tètrippon), tiro a due ( sumorìs), distinti per cavalli adulti (tèleioi) e puledri (pòloi) su percorso rettilineo (acàmpion) e con curve (dìaulon); tiro da muli (apèn), tipico della Sicilia, con il carro da processione (zeughei rampicò), con il carro da guerra (zeughei polemistèrio). A dorso di cavallo si praticavano anche corse con il Pagina 86

9 lanciatore di giavellotto (aippo acontìzein), con le torce (afippolanpàs), con il cavallo da guerra ( ippoi polemistei) e la doppia corsa in ami (diaulon en oplois). Altra specialità era la corsa con il saltatore (apobàtes): accanto all auriga, sul carro, prendeva posto un secondo atleta che, ad un punto prestabiliyo, doveva saltare giù dal carro in corsa e procedere, correndo a piedi, verso il traguardo. Particolarmente spettacolare, forse come il carosello dei carabinieri che chiude il nostro concorso ippico internazionale di Roma era la cosiddetta manovra di cavalleria (antipassia). Quando la passione per le gare ippiche col carro fosse profondamente sentita in ogni tempo, ce lo hanno testimoniato grandi poeti quali Omero, Pindaro e grandi taumaturghi che ci hanno descritto, il modo superlativo le corse dei cocchi. LO STADIO Lo stadio era il luogo dove si effettuavano le corse a piedi. I competitori, allineati su una riga, correvano verso un punto prefissato (meta) o, girando intorno a questo, ritornavano al punto di partenza. In origine lo stadi era rettangolare contrassegnato alle due estremità da due linee. Gli spettatori seguivano dai lati lunghi, su rialzi naturali o artificiali, in piedi o seduti per terra. Forse, nel V secolo, furono costruiti allo stadio di Epidauro seggi di pietra. Nel III secolo si ebbero seggi in pietra anche al centro dello stadio, forse quali posti d onore. Il lato curvo, chiamato sfendone, apparve in periodo ellenistico prima ad uno, poi ad entrambi i lati. Lo stadio fu quasi sempre una parte del ginnasio e divenne costruzione a sé stante solo quando le gare di corsa acquistarono grande importanza ed ebbero larga diffusione. Come ho già detto, la parola stadio indicava la corsa (stàdion), la pista e la distanza su cui era percorsa, 600 piedi. Ma siccome il piede non era uguale in tutte le città greche possiamo affermare che si trattava di una misura variabile intorno ai 200 metri. Lo stadio greco si avvicinò al tipo romano (circo) dopo che si costruirono gli sfondoni ed entrambi i lati corti e dopo che si incominciarono ad adornare i bordi della pista e delle curve con colonnati. Le linee di partenza e di arrivo, prima segnate da una linea terra (grammè), cominciarono ad essere contrassegnate da pilastri (nùssa), prima mobili e poi fissi, ai due lati. Dd Olimpia e a Delfi, nel V secolo, le linee di partenza erano in pietra con una doppia scanalatura. Le frequenti menzioni delle linee di partenza nelle iscrizioni dimostrano la importanza data ad esse dai greci. In periodo romano le linee di partenza furono sostituite da una fila di pilastri fra cui era posta una speciale barriera. Lo stadio era usato anche per le altre gare oltre la corsa a piedi. Non siamo, però, in grado di indicare con esattezza in quali precisi punti si svolgessero e con quali attrezzature. Forse le linee di partenza della corsa erano usate per i lanci. Pagina 87

10 Nei primi tempi è probabile che il pugilato si svolgesse al centro della pista, e, più tardi, nello sfondone. Ma sono solo supposizioni. Ad Olimpia il pugilato avveniva sull Alti. Si conoscono i resti di stadi di moltissime città: Olimpia, Delfi, Epidauro, Atene, Piene, Messene, Ezani, Efeso, Laodicea, Afrodisia, Pergamo, Pessinunte ed altre. LE OLIMPICHE La parola Olimpiade deriva dall'antica città di Olimpia, nella regione dell'elide. I giochi Olimpici erano dedicati a Zeus, re degli dei nella religione greca. Oltre a questi esistevano anche altri giochi. Ad Olimpia ogni quattro anni nel periodo estivo, tra la mietitura e la vendemmia, si celebravano le Olimpiadi, un insieme di manifestazioni sportive e religiose. Le Olimpiadi nacquero in origine come festa religiosa e solo più tardi presero un valore sportivo-sociale. Durante questo periodo veniva istituita la tregua sacra che veniva proclamata quando il quadriennio stava per scadere: "Si ponevano le armi" e gli atleti che rappresentavano ogni polis si riunivano ad Olimpia per celebrare i giochi. La tregua sacra veniva proclamata dai Tedofori che percorrevano con la fiamma olimpionica tutta la Grecia. Le gare iniziavano con la seconda o la terza luna piena e finivano alla metà di agosto. La prima olimpiade risale al 776 a.c. Le olimpiadi avvenivano ogni 4 anni a causa delle ingenti spese necessarie alla loro organizzazione. In un primo periodo però si era deciso di realizzarle tutti gli anni. Per la storia, le Feste di Olimpia ebbero inizio nel 776, allorché per pacificare l Elide e gran parte del Peloponneso, dilaniati da guerre, affamati da carestie, stremati da epidemie, re Ifito di Elide, re Licurgo di Sparta e re Cleostene di Pisa stabilirono di ripristinare gli antichi giuochi di Olimpia. Il regolamento della Festa fu inciso su un disco (il disco di Ifito), custodito nel tempio di Era, primo documento storico dei giochi. Quella prima edizione storica, vinta da Coreico, si esauriva nella sola corsa dello stadio che rimase l unica prova olimpica fino alla tredicesima olimpiade (728). Sembra accertato che Olimpia fosse luogo sacro prima della venuta degli achei e che l origine dei giuochi fosse posteriore al loro arrivo ma anteriore alla cosiddetta invasione dei dori, dagli antichi definita il ritorno degli Eraclidi. Però, per quanto locale potesse essere la rilevanza di tali feste, nella convinzione degli antichi elleni esse avevano avuto origine divina. Erano state volute e fondate, niente meno, che da Eracle. Eracle fu, probabilmente, in origine, un eroe dei dori di Tirinto e di Micene; se nonché la fama della sua colossale statura e della sua eccezionale vigoria fisica si diffuse, portata dai marinai greci che solcavano il Mediterraneo, in tutte le terre bagnate da questo mare, ed in lui confluirono le tradizioni relative ad eroi del suo tipo ellenici ed asiatici. Il suo nome era Alceo o Alcide, ma dalla Pizia, la sacerdotessa Pagina 88

11 del santuario di Delfi, fu chiamato Eracle, cioè Gloria di Era, in quanto a causa dell avversione della moglie di Zeus egli dovette superare i cimenti che lo resero famoso. Dallo stupendo epinicio di Pindaro quella prima edizione leggendaria dei giochi ci appare già organica, articolata com era in 6 gare autonome: la corsa dello stadio, la lotta, il pugilato, la corsa dei carri a quattro cavalli, il lancio del giavellotto a bersaglio e il lancio del disco (manca il salto con gli alteri). In epoca storica, la lotta, il lancio del giavellotto (che sarà a distanza) e il lancio del disco non si effettueranno come gare autonome ma, insieme con il salto con gli alteri e la corsa dello stadio (che, per altro, si effettuerà anche come gara autonoma), faranno parte del pentatlon. Circa il giavellotto non sò se, nei lontanissimi tempi, venisse lanciato, come in epoca storica, con l aiuto del mensangulon. SVOLGIMENTO Dopo che la fiamma sacra termina il giro della Grecia la tregua sacra è stata istituita. Una volta che gli atleti hanno raggiunto Olimpia i giochi cominciano ad essere suddivisi nel seguente modo: a) il primo giorno è dedicato al culto e gli atleti giurano fedeltà a Zeus, b) in effetti le competizioni cominciano il secondo giorno. c) Il terzo giorno è dedicato alle gare di corsa: il dolicos, gara di fondo che si disputa sulla lunghezza di 24 stadi i fondisti lasciavano il campo agli spinter nella antichità; chiudeva la giornata la corsa del diabus 2 giri di pista per un totale di 400 m. In queste gare come in molte altre gli atleti gareggiavano nudi. L'accesso era vietato alle donne sposate mentre le fanciulle erano ammesse. d) Il quarto giorno era dedicato alle gare che i greci definivano "atletica pesante" la lotta, il pugilato e il pancrazio. Una delle gare più emozionanti era il pentathlon che consisteva in 5 gare: lancio del disco, lancio del giavellotto, corsa, salto e lotta. Agli atleti che partecipavano a tutte e 5 le discipline venivano conferiti grandi onori. I giuochi si effettuavano ogni due anni (al secondo e al quarto di ogni olimpiade), in primavera, tra aprile e maggio (munichione e targelione) con inizio storico nel 589 (quarto anno della 47^ olimpiade 592) sotto la presidenza dei Corinzi. LE DISCIPLINE Un altro sport molto importante nelle olimpiadi era la corsa a cavallo. La gara veniva disputata su un percorso di circa 1200 metri, gli atleti cavalcavano senza una sella e gli incedenti erano frequenti. La corsa dei carri era la gara più popolare cioè gli atleti dovevano effettuare 12 giri dell'ippodromo. Esistevano 2 tipi di carri: le bighe e le quadrighe. Le bighe erano trainate da 2 cavalli mentre le quadrighe da 4. Esistevano 3 tipi di lotta: pugilato, lotta e pancrazio. - Il pugilato consisteva nel colpirsi con dei cesti intorno alle mani che rendevano il colpo più forte e si combatteva fino a quando uno dei due atleti non chiedeva la resa. Pagina 89

12 - La lotta era un combattimento in cui si potevano usare anche i piedi e si andava avanti fino a quando uno dei due atleti non chiedeva la resa. - Il pancrazio era un misto di pugilato e lotta. I due atleti potevano usare tutte le loro forze per uccidere l'avversario, si potevano usare addirittura i denti. La lotta terminava con la morte di uno dei 2 atleti. Un tempo queste erano riservate solo ai greci ma in un tempo più tardo fu aperta a tutte le popolazioni del mediterraneo. Le gare olimpiche premiavano solo il vincitore, la vittoria era il segno indubbio del favore degli dei e il vincitore veniva considerato un eroe. Nell'antichità già esisteva un sentimento legato allo sport. Migliaia di persone si affollavano nello "stadio" per acclamare il loro campione. Gli spettatori potevano essere uomini, ragazzi o ragazze: le donne sposate non potevano assistere ai giochi. ROMA 1960 Finalmente Roma! Si proprio così, dopo che De Coubertin, organizzatore delle prime edizioni delle Olimpiadi Moderne, l aveva decantata come nuova Grecia e richiesta inutilmente più volte, così dopo 64 anni Roma è eletta sede della XVII edizione dei Giochi Olimpici (25 Agosto - 11 Settembre). Fu un vero successo sia per il paesaggio, caratteristico e imponente, pieno di opere d arte sia per l armonia con cui furono organizzati i Giochi. Complessivamente le nazioni partecipanti furono 83 e fu l ultima volta che il Sud Africa partecipò alle Olimpiadi dalle quali fu poi escluso per protesta contro la discriminazione razziale che stava coinvolgendo anche lo sport.. L organizzazione risultò perfetta e gli atleti furono 5348 (di cui 610 donne) che si sfidano nei diciannove sport in programma. Bellissimo ed emozionante il successo di Livio Berruti che riuscì sotto lo sguardo e lo stupore di tutti a dominare e vincere nei 200 metri, battendo e lasciando senza parole, o meglio senza possibilità di vittoria, i blasonati campioni Statunitensi. Nell ambito dei Giochi, Roma organizza la maratona al di fuori dello stadio, con partenza dal Campidoglio ed arrivo sotto l arco di Costantino dove la vittoria è assegnata ad Abele Bikila, etiope che corre a piedi nudi. Donne di rilievo dell epoca furono Wilma Rudolph, "la gazzella nera" che vinse ogni gara di velocità e Larissa Latynina schermitrice. Nella categoria ginnastica la squadra più forte si dimostrò l Unione Sovietica che riuscì ad imporsi con gran vantaggio anche nel sollevamento pesi con Juri Vlassov, soprannominato "Ercole di Roma", con un sollevamento in tre riprese di oltre 537 chili, mentre nella boxe si fecero notare due atleti Pagina 90

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

TIRO CON L ARCO. Un po di storia

TIRO CON L ARCO. Un po di storia TIRO CON L ARCO Un po di storia Le prime tracce evidenti dell uso dell arco e delle frecce risalgono all uomo preistorico di venticinquemila anni fa. Questo tipo di arma resta importantissimo nel corso

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

FOOTVOLLEY PRESENTAZIONE

FOOTVOLLEY PRESENTAZIONE 1 IL Il Footvolley, sport emergente di origini brasiliane si colloca tra il calcio in quanto viene giocato senza l utilizzo delle mani e delle braccia e il beach volley in quanto oltre ad essere praticato

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara Dieci regole d oro per una scrittura più chiara 1. Mantieni corte le frasi; 2. Preferisci il semplice al complesso; 3. Preferisci le parole familiari, più conosciute; 4. Evita le parole inutili; 5. Metti

Dettagli

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tecnica PROBLEMA: COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio:

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio: Palio delle Contrade Ceresaresi Regolamento e appuntamenti - edizione 2015 Lo scopo del Palio è quello di unire tutti gli abitanti dei Borghi in un clima di festa nell ambito della rievocazione storica.

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia ATLETICA LEGGERA Un po di storia L atletica leggera è nata insieme all uomo, il quale, per muoversi, per procurarsi il cibo e per ogni necessità era costretto a correre, a saltare, a lanciare un sasso,

Dettagli

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro LA GRECIA -Forma di governo: Repubblica -Capitale: Atene -Lingua: greco -Religione: ortodossa -Moneta: euro La Grecia si trova nel sud dei monti Balcani. La Grecia confina a nord con l Albania, la Macedonia

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

15. L accampamento romano

15. L accampamento romano 15. L accampamento romano Polibio (6, 27-32) descrive come ai suoi tempi (un secolo prima dell età cesariana) i Romani ponevano i loro accampamenti. 27. Il modo di accamparsi dei Romani è il seguente.

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA

I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA Via Grotte 90011 BAGHERIA (PA) «LE MACCHINE SEMPLICI» prof. Antonino Lupo 05/06/2014 1 INTRODUZIONE ALLE MACCHINE Generalmente si pensa ad una macchina come a qualcosa di molto

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

Associazione Storico Culturale I Cavalieri de li Terre Tarentine

Associazione Storico Culturale I Cavalieri de li Terre Tarentine La Spada a due mani La spada a due mani è l arma principale nei secoli XIV e XV e a riprova di ciò i primi manoscritti di arti marziali occidentali risalenti agli inizi del XV secolo, trattano con più

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI

REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI REGOLAMENTO 2015 Giochi di Apertura GIOCO 1/4 - PRENDI I BARATTOLI ART 1 - PARTECIPANTI: Le categorie sono le seguenti: Categoria bambini dai 6 ai 10 anni (anni di nascita dal 2009 al 2005) Categoria ragazzi

Dettagli

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO VADEMECUM DELLA PALLAVOLO A. Il campo Il campo della pallavolo misura 18x9 metri ed é diviso in due metá uguali dalla linea di metá campo sopra la quale corre le rete. La linea di metá campo appartiene

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA.

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. ATENE POSIZIONE GEOGRAFICA Si trova in Grecia,nella penisola del Peloponneso e vicino al mare. DUE CITTÀ A CONFRONTO SPARTA POSIZIONE

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Parlare oggi, di Cavalli e Cavalieri nella storia e sopratutto parlare di Cavalieri Medioevali, ci rievoca nei nostri pensieri immagini stereotipati d uomini senza

Dettagli

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: UNA REGIONE IN MOVIMENTO MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014 Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO IL MINIVOLLEY Prof. Carmine Cavallaro GIOCOSPORT Premessa Mentre dagli

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

La preparazione per le gare brevi

La preparazione per le gare brevi I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare brevi La maggior parte delle competizioni su cui si cimentano i podisti, sono le gare su strada, le cui lunghezze solitamente sono intorno

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 ESORDIENTI M/F (6-11 anni) NORME GENERALI Gli Esordienti sono suddivisi in tre fasce d età secondo il seguente schema: Esordienti C 6-7 anni (nati negli anni 2007-2006)

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Numerose sono state le competizioni, per le varie discipline e per numerose classi. Mi limito qui ad uno scorcio che ho ritenuto di osservare con maggior interesse

Dettagli

CAVALLO DI BASTONI FERRARA

CAVALLO DI BASTONI FERRARA CUS FERRARA RUGBY OLD CAVALLO DI BASTONI FERRARA 2 TORNEO RUGBY OLD MEMORIAL ISIDORO QUAGLIO 1 GIUGNO 2014 FERRARA IMPIANTI CUS FERRARA RUGBY VIA GRAMICIA, 41 FERRARA Ritrovo ore 12 Calcio d inizio ore

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi.

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. Capitolo Ivo e Caramella Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. DIECI NNI È IL MIO CNE MI CHIMO IN CMPGN CIO! IO IVO. HO. ITO. CRMELL! Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. COMINRE

Dettagli

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com I FUNARI del Vesuvio 1 Parte seconda Di Aniello Langella La storia dei funari è sicuramente una storia comune a tanti luoghi di mare. Ma certamente le vicende che legano questo antico mestiere all uomo

Dettagli

IL PIRATA BUCAGNACCIO

IL PIRATA BUCAGNACCIO SCUOLA DELL INFANZIA DI MELEDO ANIMAZIONE MUSICA-LETTURA BAMBINI-GENITORI IL PIRATA BUCAGNACCIO da Storie in un fiato di R.Piumini ENTRARE NEL CLIMA L insegnante consegna delle bacchettine con frange azzurre

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

4 anno GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00

4 anno GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 4 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0640-3

Dettagli

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita.

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita. Il metodo Sorin Questo intervento sulla canoa polo non ha un nome, non è un lavoro scientifico ma può considerarsi come il punto di vista di un allenatore di olimpica, nonché giocatore di canoa polo, che

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00 SCHEDA GRECIA Achille e Patroclo ARTE VASCOLARE GRECA Achille, mitico eroe greco che fascia il braccio all'amico Patroclo. Questi, posato il suo elmo, volta la testa da un lato per non far notare le smorfie

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Fondo Transi SCHEDA FONDO. Numero identificativo: 19. Collocazione: TRA-19. Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig.

Fondo Transi SCHEDA FONDO. Numero identificativo: 19. Collocazione: TRA-19. Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig. SCHEDA FONDO Numero identificativo: 19 Collocazione: TRA-19 Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig. Transi Donazione o deposito: deposito Consistenza: 1 Dvd Durata: 1h 25' Formato:

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

regolamento giochi medievalia 2015 Palio delle Botte Palo della Cuccagna Corsa nel sacco Palio della Botte Junior Lancio degli anelli Junior

regolamento giochi medievalia 2015 Palio delle Botte Palo della Cuccagna Corsa nel sacco Palio della Botte Junior Lancio degli anelli Junior regolamento giochi medievalia 2015 I giochi sono articolati in tre giorni, 04/05/06 settembre 2015, devono essere svolti solo ed esclusivamente da persone residenti a Faicchio oppure stabilitesi a Faicchio.

Dettagli

MAPPA CONCETTUALE LA LEVA

MAPPA CONCETTUALE LA LEVA 1 MAPPA CONCETTUALE LA LEVA Definizione Legge di equilibrio Storia I tre generi Leva vantaggiosa Leva indifferente Leva svantaggiosa 1 genere 2 genere 3 genere esempi esempi esempi esempi nel corpo umano

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Carpi Il laboratorio linguistico proposto è di avviamento allo studio per alunni stranieri delle classi 4 e 5 della Scuola Primaria. Il progetto presentato

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Storia e filosofia del Body-building

Storia e filosofia del Body-building Storia e filosofia del Body-building Stefano Campitelli STORIA E FILOSOFIA DEL BODY-BUILDING Questo libro è dedicato a mia moglie Emilia, mia sostenitrice nelle gare agonistiche e compagna di vita. Storia

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli