BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI"

Transcript

1 BREVE STORIA DELLE OLIMPIADI Le olimpiadi nascono nel mondo greco e, la loro storia ci è narrata in larga misura dalle due opere ascrivibili ad Omero: L Iliade e L Odissea nelle quali si raccontano le vicende legate alla città di Troia, colonia greca. Nell Iliade troviamo la narrazione del funerale di Paco, amico e fratello di Achille, durante il quale si inducono delle competizioni sportive in onore del defunto. Nell Odissea, il capitolo dedicato allo sport, è quello che narra dell incontro tra Ulisse ed una principessa, in seguito alla sua vittoria in alcuni giochi. Gli elementi distintivi degli sport nell età antica sono l essere riservati all aristocrazia e l essere istituiti in onore di qualche divinità o per onorare un defunto consentendogli un più agile passaggio nella vita ultraterrena. Si pensava, infatti, che il sangue ed il sudore versati in occasione di questi giochi fossero fonte di energia per il defunto. Quattro erano i giochi grandi che si svolgevano (non solo nell Ellade, ma in tutte le regioni vicine e le colonie). Erano riservati ai cittadini di cultura greca. I quattro giochi grandi erano distinti in: 1) OLIMPICI (dedicati a Zeus/Giove); 2) PITICI o DELFICI (dedicati ad Apollo); 3) NEMEI (dedicati a Zeus/Giove); 4) ISTMICI (dedicati a Poseidone/Nettuno). L' essere dedicati ad un Dio era tra le caratteristiche di questi giochi. La loro importanza era tale che gli anni cominciarono a contarsi a partire dalle Olimpiadi. In questo modo il 776 a.c. era chiamato il 1 anno dei primi giochi olimpici; il 775 a.c. 2 anno dopo i primi giochi olimpici; 774 a.c. 3 anno dopo i primi giochi olimpici; 773 a.c. 4 anno dopo i primi giochi olimpici; 772 a.c. 1 anno dei secondi giochi olimpici e così via. Il premio per questi giochi era solo simbolico, costituito da un ramoscello intrecciato a mo di corona, con il quale si cingeva il vincitore. Ma la vittoria aveva un enorme valore per l atleta che, tornato a casa, era trattato da eroe e poteva rivestire importanti cariche nella vita sociale della città Stato di appartenenza. Per comprendere l importanza attribuita a ciò, basti pensare che, in occasione dei giochi, erano sospese anche le guerre con la cosiddetta Tregua Sacra. I giochi si succedettero regolarmente sino al 200 a.c., successivamente si svolsero in maniera meno rigorosa sino alla loro definitiva sospensione nel 393 d.c. A decretarne la fine fu un editto dell allora imperatore Teodosio, sotto l influenza del vescovo di Milano Ambrogio Pagina 79

2 (S. Ambrogio), essendo ormai la Grecia sotto la dominazione romana. I motivi della loro cessazione sono da ricercarsi nel fatto che rappresentavano riti pagani, quindi in contrasto con la religione Cattolica. La ripresa dei giochi dopo ben 2672 anni fu merito del barone Pierre de Coubertin, grande appassionato di sport che, con la sua perseveranza, ed investendo buona parte dei suoi capitali, riuscì nell'impresa di far risorgere il mito delle olimpiadi nel Pagina 80

3 LO SPORT NELL ANTICA GRECIA I giochi erano un elemento rilevante nella vita del guerriero omerico. In origine, la cultura greca fu privilegio di un aristocrazia di guerrieri. Gli eroi omerici non erano dei brutali soldati, dei guerrieri barbari, ma, in un certo senso erano dei cavalieri. I giovani curoi (guerrieri) prestavano al loro re un vero e proprio servizio di corte servendolo a tavola, accompagnandolo alle cerimonie, prendendo parte nei sacrifici accanto al celebrante, cantavano e danzavano. Prestavano, insomma, al loro re un servizio nobile, ben distinto da quello dei servi. I giochi, insieme alle cerimonie, costituivano l elemento dominante dei cavalieri e l atletismo faceva parte d ogni guerriero acheo e lo distingueva dal mercante. Ogni guerriero acheo era amante dell atletismo ed era: un atleta. A questi guerrieri il vigore fisico, l agilità, la prontezza dei riflessi, la destrezza nel maneggio delle armi, erano indispensabile in battaglia che si risolveva sempre in un duello. E se non si erano riunioni atletiche ufficiali, molte ve ne erano indette per i più svariati motivi: impetrare i favori degli dei; onorare la memoria di un valoroso caduto; tributare onore ad un condottiero; intrattenere un ospite di riguardo. Di solito erano premiati tutti i concorrenti. I giochi omerici erano dei trattenimenti a cui prendevano parte solo gli invitati, prevalentemente aristocratici, ma spesso, erano ammessi a partecipare anche i soldati. I re e i nobili vi eccellevano. In onor di Patroclo Achille organizzò una serie di competizioni che meritarono di essere osservate un po da vicino. 1. La corsa dei cocchi. Fra tutti i più suggestivi, spettacolari ed il più apprezzato. Un eroe, un valido guerriero, non sarebbe stato tale se non fosse stato un esperto nell arte di condurre cavalli. L ippodromo improvvisato sulla marina davanti a Troia non erano certo come quelli che poi sorgeranno ad Olimpia o nelle altre città del mondo greco. Consisteva in uno spiazzo piuttosto lungo, tanto che gli spettatori a ridosso delle navi ancorate al lido, sia per la polvere sollevata dai cocchi, sia per la distanza, non potevano seguire tutto lo svolgimento della gara. Il punto estremo dove i carri dovevano girare, per riprendere il rettilineo di ritorno (la meta) era segnato dal tronco di una vecchia quercia ed era sorvegliato, per incarico d Achille, dal suo vecchio precettore e Maestro Fenice. Vincitore fu Diomede, 2 classificato Antiloco, 3 Menelao e 4 Merione. 2. Il pugilato. Pagina 81

4 I premi in palio consistevano in una mula per il vincitore ed una coppa per la sconfitta. Achille, invitò i migliori due guerrieri valenti nel pugilato a farsi avanti. Uno era Eurialo un peso medio che si misurava con un peso massimo di nome Epeo. Questi era figlio di Panope ed era un abile ingegnere, costruttore, poi, del famoso cavallo di Troia e presunto costruttore di Metaponto. Epeo fu il vincitore della mula. 3. La lotta. Premi in palio: un tripode grande, da fuoco, del valore di dodici buoi per il vincitore e una donna esperta di molti lavori del valore di quattro buoi, per lo sconfitto. Aiace e Ulisse arrivarono, dopo un lungo combattimento e per volere di Achille, a pari merito. 4. La corsa a piedi. Achille stabilì i premi: al vincitore un cratere di inestimabile valore, al 2 un bue grasso e al 3 un mezzo talento d oro. I tre concorrenti erano Oileo, Ulisse e Antiloco. Il cratere andò a Ulisse, il bue e Oileo e il mezzo talente d oro ad Antiloco. 5. Il duello al primo sangue. Per questa prova, più militare che atletico, come premi furono poste da Achille le armi di Sarpedonte, vinte da Patroclo: una lunga lancia, l elmo e lo scudo da ripartirsi tra i due gareggianti, un lauto banchetto in comune e, in più, al vincitore, una spada tracia dalle borchie d argento. Achille invitò a presentarsi i due guerrieri più forti con l armatura e la spada in pugno. La vittoria sarà determinata dalla prima scalfittura che l uno procurerà all altro: insomma un duello al primo sangue. Chi erano i due guerrieri più valenti? Era in gioco il prestigio di parecchi eroi. Si presentarono Aiace e Diomede. Nessuno fiatò: a parte Achille erano conosciuti e riconosciuti per i due più valorosi. Vinse Aiace e Diomede fu sconfitto. 6. Il lancio del disco. Per la sesta gara il premio fu il disco stesso, di ferro grezzo, già del re Eezione, padre di Andromaca, moglie di Ettore. Achille prima della controversia con Agamennone a causa di Briseide, l amata schiava, aveva combattuto, vinto ed ucciso quel re e, tra le prede belliche, si era preso anche il disco. Omero fa rilevare il valore dell attrezzo che avrebbe potuto essere utilizzato, come ferro, da molte generazioni, trasformato in arnesi utili alla coltivazione dei campi. A quei tempi il ferro era prezioso quasi quanto l oro. A questa competizione Achille non pose limite al numero dei partecipanti. Pagina 82

5 Vinse Polirete. 7. Il tiro con l arco. La settimana gara ebbe quali premi: dieci bipenne di ferro per colui che avesse colpito la colomba e dieci scuri per l arciere che avesse colpito la fune che la legava. Vinse Merino e arrivò secondo Teucro. 8. Il lancio dell asta. Premi per l ultima gara: una lancia e un lebete nuovo. Vinse Agamennone, secondo Merione. L educazione spartana con il passare del tempo non avrà più lo scopo di selezionare degli eroi, ma quello di formare un intera città di eroi consacrati alla patria. La prima vittoria spartana conosciuta nella XV olimpiade (720) da Acanto, vincitore nella corsa lunga. IL PROGRAMMA CLASSICO Il programma classico comprendeva le seguenti discipline: 1. la corsa a piedi 2. il salto con gli alteri 3. il lancio del disco 4. il lancio del giavellotto 5. la lotta 6. il pentatlon 7. il pugilato 8. il pancrazio 9. le gare ippiche 1. LA CORSA A PIEDI Per i greci non vi erano corse ad ostacoli né corse campestri. Essi conoscevano e praticavano solo le corse su pista piana e rettilinea. La prova caratteristica,e più fortunata tra le diverse specie di corse, era la corsa dello stadio (stàdion); la medesima parola stava ad indicare la corsa, la pista e la distanza su cui era percorsa: 600 piedi. Ma siccome il piede non aveva la stessa misura in tutte le città, si trattava di una misura variabile che si avvicinava ai duecento metri. Ad Olimpia lo stadio era lungo m. 192,27; a Delfi m. 177,50; a Pergamo m. 210 (una eccezione). I greci non conoscevano distanze minori. Oltre alla corsa dello stadio si disputavano corse più lunghe: la corsa doppia (diaulos); su due stadi (a Olimpia m. 385), più raramente la corsa di quattro stadi (ippios); invece si praticava dovunque la corsa di fondo (dolicos), la cui lunghezza variava, di luogo in luogo, da sette a dodici a venti stadi o a ventiquattro, come ad Olimpia (circa 4600 metri). Il programma della maggior parte dei giochi comprendeva anche la corsa con le armi nelle quali i corridori (oplites) portavano elmo, scudo e schinieri (questi ultimi abbandonati dopo il 450). La distanza variava a seconda dei luoghi: due stadi ad Olimpia e ad Atene; quattro a Nemea, forse più a Platea. A margine delle corse agonistiche si avevano le corse Pagina 83

6 con torce di origine ed ispirazione chiaramente religiosa. I concorrenti correvano completamente nudi con il corpo spalmato di olio e ricoperto di polvere. 2. IL SALTO CON GLI ALTERI L atletismo greco conosceva soltanto una specie di salto. Il salto in lungo con rincorsa quale prova del pentatlon. Il salto senza rincorsa era considerato esercizio preparatorio da ginnasio. 3. IL LANCIO DEL DISCO Il disco greco a differenza di quello attuale, che è di legno cerchiato di ferro, era di pietra o di ferro e, alla fine del V secolo, di bronzo. Pare che il disco per gli antichi elleni sia stato più pesante del nostro (kg. 1,293). Gli esemplari conservati variano considerevolmente e appartengono a tipi diversi pesanti Kg. 1,300, 2,100, 2,800, 4,000. se ne è rinvenuto uno pesante 5,707 che, probabilmente, sarà stato un disco volitivo che non aveva niente a che fare con quelli usati in gara. Probabilmente il tipo variava secondo le epoche ed i luoghi (più leggeri sono del VI secolo). I fanciulli lanciavano un disco più leggero di quello lanciato dagli adulti. Lo stile di lancio sembra sia stato molto diverso da quello che i moderni hanno reinventato, quando stabilirono questa specialità nelle prime Olimpiadi dell epoca moderna, svoltesi nel 1896 ad Atene. 4. IL LANCIO DEL GIAVELLOTTO Per gli antichi il giavellotto(dai greci chiamato àcon, àcontion, mesàngulon, apotomas)) prima di essere un attrezzo sportivo, era un arma di uso corrente per la guerra e per la caccia. Asta dritta, quasi d altezza di un uomo, dello spessore di un dito circa. Per le gare atletiche, nella maggior parte dei casi, era smussato. I giavellotti appuntiti erano raramente raffigurati nelle scese atletiche. Per altro venivano usati anche in gara da quanto apprendiamo dall arringa di Antifonte in difesa di un giovane che aveva colpito ed ucciso, col giavellotto, un ragazzo che, sconsideratamente, aveva attraversato l area del tiro durante un lancio. Il giavellotto, arma da guerra o da caccia, era lanciato per colpire un determinato bersaglio; nell atletica, invece, era lanciato per raggiungere la massima distanza in una determinata direzione. I greci lanciavano il giavellotto con l ausilio di una cinghia, in generale di cuoio (angle o amento), avvolta al centro del giavellotto chiamato, perciò, mesàngulon. L amento era lungo dai 30 ai 40 cm., faceva due o tre giri intorno al terzo e terminava con un cappio, nel quale il lanciatore introduceva l indice ed il medio della mano destra (o sinistra). L amento si distaccava dall attrezzo ma, prima del lancio, era saldamente avvolto. Il punto di attacco era vicino al centro di gravità; nei giavellotti per gare atletiche e, quindi, con la punta leggera quasi al centro dell asta; in quelli da battaglia o da caccia, più pesanti, in genere più vicino alla punta. Probabilmente, però, il punto di attacco variava anche in relazione allo scopo per cui lo si usava e cioè se per il tiro ad un bersaglio, o per raggiungere la massima distanza. Avvolgendo l amento al di là del centro di gravità, si aumentava la gittata a danno della precisione. L utilità del propulsore è stata controllata Pagina 84

7 sperimentalmente e si è constatato che la gittata si raddoppia o, addirittura, si triplica. Cioè perché si assicura stabilità all attrezzo, imprimendogli un movimento di rotazione intorno al suo asse e si aumenta in modo notevole la lunghezza del braccio di leva, prolungando il braccio dell uomo. Al riguardo i campioni di giavellotto erano selezionati tra atleti con le dita particolarmente lunghe. Le modalità del lancio del giavellotto erano simili a quelle per il lancio del disco. Gli atleti lanciavano da dietro una linea che non dovevano oltrepassare. Tale linea, forse, era quella della partenza della corsa dello stadio. Se il lanciatore la oltrepassava, il lancio era annullato. 5. LA LOTTA Questa specialità era la più antica e, forse, la più popolare fra tutte. Lo testimoniano le scene di lotta descritte in letteratura e nelle arti, i richiami mitologici ed il fatto che la parola palàistra, propriamente terreno per la lotta pàle, è stata usata poi, quasi sempre, per indicare genericamente il terreno o la scuola di educazione fisica. Per i greci la lotta era scienza ed arte, e la loro fervida fantasia raffigurava in questi combattimenti il trionfo della civiltà e il trionfo della scienza sulla barbarie e sulla forza bruta. Teseo, lo scopritore della lotta scientifica, ne aveva appreso le regole direttamente da Atena. Grandissima importanza era data allo stile ed all eleganza. Non era sufficiente rovesciare l avversario, bisognava farlo correttamente nel pieno rispetto delle regole. Anche quando l atletica fu corrotta dal professionismo, la lotta rimase immune dalle brutalità. Il metodo d istruzione particolareggiato e severamente progressivo. C erano regole diverse per gli adulti e per i ragazzi. I vari movimenti, prese, schienate erano insegnati separatamente e progressivamente, passando dai più semplici ai più complessi. Gli allievi erano addestrati a coppie ed in principio l iniziando era accoppiato con un atleta esperto che gli potesse far da guida. Solo successivamente si passava ai movimenti combinati. I pedotribi assistevano con estrema attenzione e spesso accompagnavano con vergate teoria e pratica. Pur non essendo giunto a noi che qualche frammento, sappiamo che esistevano numerosi manuali per l addestramento. Le gare di lotta si svolgevano in giorni con sistema del sorteggio. Il numero di partecipanti, sia in Olimpia che altrove, variava. Talvolta accadeva che qualche celebre atleta non trovasse competitori. In tal caso era dichiarato vincitore e definito aconito, aveva cioè vinto aconiti, senza essersi sporcato il corpo con la sabbia con la quale, come sappiamo, gli atleti si cospargevano dopo il bagno e l unzione. I greci conoscevano due tipi di lotta: in piedi il cui scopo era quello di mettere l avversario a terra (catabletichè) o a terra ( cùlisis o olindesis), il cui combattimento proseguiva a terra fino a che uno dei contendenti non si dichiarasse sconfitto. 6. IL PENTATLON Il pentatlon era costituito dalle cinque gare che abbiamo esaminato: corsa a piedi, corsa con gli alteri, lancio del disco, lancio del giavellotto e Pagina 85

8 lotta. E uno dei pochi dati certi che abbiamo tra i moltissimi incerti e discutibili sull atletica greca. 7. IL PUGILATO Altra specialità antichissima, che con la lotta si contendeva il favore popolare, era il pugilato. Ad Olimpia Apollo sconfisse Ares nel pugilato; gli abitanti di Delfi consacrarono ad Apollo il pugilato; Aracle, Tideo e Polluce furono tutti pugili famosi. Il pugilato sarebbe stato inventato da Teseo. Sia nell Iliade che nell Odissea appare come specialità molto popolare, considerata dai greci gara di abilità più che di forza bruta. 8. IL PANCRAZIO Era il più violento e brutale esercizio dell atletica antica. Ordinariamente suol definirsi come una combinazione della lotta e del pugilato. In realtà era qualcosa di abbastanza diverso e di molto originale che, forse, si potrebbe avvicinare al jiu-jiutsu. Si trattava di mettere l avversario fuori combattimento o a seguito di perdita di sensi, o per resa a seguito alzata di braccio. In questa competizione tutti erano permessi, non soltanto i pugni portati dovunque e le prese nella lotta regolamentare, ma anche ogni altra specie di attacco: calci nello stomaco o al ventre, torsioni delle membra, strangolamento, ecc., era interdetto solo il ficcare le dita negli occhi e negli altri orifizi del viso dell avversario. In generale, dopo qualche assalto, i combattenti, avvinti l uno all altro, cadevano a terra, dove la gara seguitava e normalmente, trovava conclusione. Ciò che contribuiva a dare a questa specialità un carattere selvaggio era anche il fatto che veniva disputata su un terreno smosso dalla zappa, e innaffiato. I concorrenti pestavano nel fango, scivolavano, vi si avvoltolavano e ben presto ne erano tutti ricoperti. 9. LE GARE IPPICHE Il cavallo fu sempre appannaggio di una minoranza di grandi proprietari terrieri di un ambiente aristocratico. E nello stesso ambiente che, nell epoca ellenistica, l equitazione continuò ad essere praticata dalla gioventù. Nel collegio efebico di Atene gli esercizi ippici erano considerati alla pari della ginnastica e della pratica delle armi, come si rileva dalle iscrizioni datate fino al Come nella buona società di molti stati moderni l equitazione veniva fatta praticare ai fanciulli fin da tenera età (Galeno consigliava sette anni). Ma il cavallo era anche il mezzo di competizioni agonistiche, a tutti i livelli, particolarmente amate dai greci. Nel corso dei secoli gli agoni ippici (agòn ippicòs) abbinarono sempre di più le loro tecniche sicché, ad un certo punto della storia greca, ebbero un programma assai nutrito ed articolato. Alle gare col cavallo montato ( chèles) e da quelle a dorso di giumenta (càlpe), nelle quali il cavaliere non usava né sella e né staffa, si aggiungevano numerosissime, quelle con i carri. Tiro a quattro (tètrippon), tiro a due ( sumorìs), distinti per cavalli adulti (tèleioi) e puledri (pòloi) su percorso rettilineo (acàmpion) e con curve (dìaulon); tiro da muli (apèn), tipico della Sicilia, con il carro da processione (zeughei rampicò), con il carro da guerra (zeughei polemistèrio). A dorso di cavallo si praticavano anche corse con il Pagina 86

9 lanciatore di giavellotto (aippo acontìzein), con le torce (afippolanpàs), con il cavallo da guerra ( ippoi polemistei) e la doppia corsa in ami (diaulon en oplois). Altra specialità era la corsa con il saltatore (apobàtes): accanto all auriga, sul carro, prendeva posto un secondo atleta che, ad un punto prestabiliyo, doveva saltare giù dal carro in corsa e procedere, correndo a piedi, verso il traguardo. Particolarmente spettacolare, forse come il carosello dei carabinieri che chiude il nostro concorso ippico internazionale di Roma era la cosiddetta manovra di cavalleria (antipassia). Quando la passione per le gare ippiche col carro fosse profondamente sentita in ogni tempo, ce lo hanno testimoniato grandi poeti quali Omero, Pindaro e grandi taumaturghi che ci hanno descritto, il modo superlativo le corse dei cocchi. LO STADIO Lo stadio era il luogo dove si effettuavano le corse a piedi. I competitori, allineati su una riga, correvano verso un punto prefissato (meta) o, girando intorno a questo, ritornavano al punto di partenza. In origine lo stadi era rettangolare contrassegnato alle due estremità da due linee. Gli spettatori seguivano dai lati lunghi, su rialzi naturali o artificiali, in piedi o seduti per terra. Forse, nel V secolo, furono costruiti allo stadio di Epidauro seggi di pietra. Nel III secolo si ebbero seggi in pietra anche al centro dello stadio, forse quali posti d onore. Il lato curvo, chiamato sfendone, apparve in periodo ellenistico prima ad uno, poi ad entrambi i lati. Lo stadio fu quasi sempre una parte del ginnasio e divenne costruzione a sé stante solo quando le gare di corsa acquistarono grande importanza ed ebbero larga diffusione. Come ho già detto, la parola stadio indicava la corsa (stàdion), la pista e la distanza su cui era percorsa, 600 piedi. Ma siccome il piede non era uguale in tutte le città greche possiamo affermare che si trattava di una misura variabile intorno ai 200 metri. Lo stadio greco si avvicinò al tipo romano (circo) dopo che si costruirono gli sfondoni ed entrambi i lati corti e dopo che si incominciarono ad adornare i bordi della pista e delle curve con colonnati. Le linee di partenza e di arrivo, prima segnate da una linea terra (grammè), cominciarono ad essere contrassegnate da pilastri (nùssa), prima mobili e poi fissi, ai due lati. Dd Olimpia e a Delfi, nel V secolo, le linee di partenza erano in pietra con una doppia scanalatura. Le frequenti menzioni delle linee di partenza nelle iscrizioni dimostrano la importanza data ad esse dai greci. In periodo romano le linee di partenza furono sostituite da una fila di pilastri fra cui era posta una speciale barriera. Lo stadio era usato anche per le altre gare oltre la corsa a piedi. Non siamo, però, in grado di indicare con esattezza in quali precisi punti si svolgessero e con quali attrezzature. Forse le linee di partenza della corsa erano usate per i lanci. Pagina 87

10 Nei primi tempi è probabile che il pugilato si svolgesse al centro della pista, e, più tardi, nello sfondone. Ma sono solo supposizioni. Ad Olimpia il pugilato avveniva sull Alti. Si conoscono i resti di stadi di moltissime città: Olimpia, Delfi, Epidauro, Atene, Piene, Messene, Ezani, Efeso, Laodicea, Afrodisia, Pergamo, Pessinunte ed altre. LE OLIMPICHE La parola Olimpiade deriva dall'antica città di Olimpia, nella regione dell'elide. I giochi Olimpici erano dedicati a Zeus, re degli dei nella religione greca. Oltre a questi esistevano anche altri giochi. Ad Olimpia ogni quattro anni nel periodo estivo, tra la mietitura e la vendemmia, si celebravano le Olimpiadi, un insieme di manifestazioni sportive e religiose. Le Olimpiadi nacquero in origine come festa religiosa e solo più tardi presero un valore sportivo-sociale. Durante questo periodo veniva istituita la tregua sacra che veniva proclamata quando il quadriennio stava per scadere: "Si ponevano le armi" e gli atleti che rappresentavano ogni polis si riunivano ad Olimpia per celebrare i giochi. La tregua sacra veniva proclamata dai Tedofori che percorrevano con la fiamma olimpionica tutta la Grecia. Le gare iniziavano con la seconda o la terza luna piena e finivano alla metà di agosto. La prima olimpiade risale al 776 a.c. Le olimpiadi avvenivano ogni 4 anni a causa delle ingenti spese necessarie alla loro organizzazione. In un primo periodo però si era deciso di realizzarle tutti gli anni. Per la storia, le Feste di Olimpia ebbero inizio nel 776, allorché per pacificare l Elide e gran parte del Peloponneso, dilaniati da guerre, affamati da carestie, stremati da epidemie, re Ifito di Elide, re Licurgo di Sparta e re Cleostene di Pisa stabilirono di ripristinare gli antichi giuochi di Olimpia. Il regolamento della Festa fu inciso su un disco (il disco di Ifito), custodito nel tempio di Era, primo documento storico dei giochi. Quella prima edizione storica, vinta da Coreico, si esauriva nella sola corsa dello stadio che rimase l unica prova olimpica fino alla tredicesima olimpiade (728). Sembra accertato che Olimpia fosse luogo sacro prima della venuta degli achei e che l origine dei giuochi fosse posteriore al loro arrivo ma anteriore alla cosiddetta invasione dei dori, dagli antichi definita il ritorno degli Eraclidi. Però, per quanto locale potesse essere la rilevanza di tali feste, nella convinzione degli antichi elleni esse avevano avuto origine divina. Erano state volute e fondate, niente meno, che da Eracle. Eracle fu, probabilmente, in origine, un eroe dei dori di Tirinto e di Micene; se nonché la fama della sua colossale statura e della sua eccezionale vigoria fisica si diffuse, portata dai marinai greci che solcavano il Mediterraneo, in tutte le terre bagnate da questo mare, ed in lui confluirono le tradizioni relative ad eroi del suo tipo ellenici ed asiatici. Il suo nome era Alceo o Alcide, ma dalla Pizia, la sacerdotessa Pagina 88

11 del santuario di Delfi, fu chiamato Eracle, cioè Gloria di Era, in quanto a causa dell avversione della moglie di Zeus egli dovette superare i cimenti che lo resero famoso. Dallo stupendo epinicio di Pindaro quella prima edizione leggendaria dei giochi ci appare già organica, articolata com era in 6 gare autonome: la corsa dello stadio, la lotta, il pugilato, la corsa dei carri a quattro cavalli, il lancio del giavellotto a bersaglio e il lancio del disco (manca il salto con gli alteri). In epoca storica, la lotta, il lancio del giavellotto (che sarà a distanza) e il lancio del disco non si effettueranno come gare autonome ma, insieme con il salto con gli alteri e la corsa dello stadio (che, per altro, si effettuerà anche come gara autonoma), faranno parte del pentatlon. Circa il giavellotto non sò se, nei lontanissimi tempi, venisse lanciato, come in epoca storica, con l aiuto del mensangulon. SVOLGIMENTO Dopo che la fiamma sacra termina il giro della Grecia la tregua sacra è stata istituita. Una volta che gli atleti hanno raggiunto Olimpia i giochi cominciano ad essere suddivisi nel seguente modo: a) il primo giorno è dedicato al culto e gli atleti giurano fedeltà a Zeus, b) in effetti le competizioni cominciano il secondo giorno. c) Il terzo giorno è dedicato alle gare di corsa: il dolicos, gara di fondo che si disputa sulla lunghezza di 24 stadi i fondisti lasciavano il campo agli spinter nella antichità; chiudeva la giornata la corsa del diabus 2 giri di pista per un totale di 400 m. In queste gare come in molte altre gli atleti gareggiavano nudi. L'accesso era vietato alle donne sposate mentre le fanciulle erano ammesse. d) Il quarto giorno era dedicato alle gare che i greci definivano "atletica pesante" la lotta, il pugilato e il pancrazio. Una delle gare più emozionanti era il pentathlon che consisteva in 5 gare: lancio del disco, lancio del giavellotto, corsa, salto e lotta. Agli atleti che partecipavano a tutte e 5 le discipline venivano conferiti grandi onori. I giuochi si effettuavano ogni due anni (al secondo e al quarto di ogni olimpiade), in primavera, tra aprile e maggio (munichione e targelione) con inizio storico nel 589 (quarto anno della 47^ olimpiade 592) sotto la presidenza dei Corinzi. LE DISCIPLINE Un altro sport molto importante nelle olimpiadi era la corsa a cavallo. La gara veniva disputata su un percorso di circa 1200 metri, gli atleti cavalcavano senza una sella e gli incedenti erano frequenti. La corsa dei carri era la gara più popolare cioè gli atleti dovevano effettuare 12 giri dell'ippodromo. Esistevano 2 tipi di carri: le bighe e le quadrighe. Le bighe erano trainate da 2 cavalli mentre le quadrighe da 4. Esistevano 3 tipi di lotta: pugilato, lotta e pancrazio. - Il pugilato consisteva nel colpirsi con dei cesti intorno alle mani che rendevano il colpo più forte e si combatteva fino a quando uno dei due atleti non chiedeva la resa. Pagina 89

12 - La lotta era un combattimento in cui si potevano usare anche i piedi e si andava avanti fino a quando uno dei due atleti non chiedeva la resa. - Il pancrazio era un misto di pugilato e lotta. I due atleti potevano usare tutte le loro forze per uccidere l'avversario, si potevano usare addirittura i denti. La lotta terminava con la morte di uno dei 2 atleti. Un tempo queste erano riservate solo ai greci ma in un tempo più tardo fu aperta a tutte le popolazioni del mediterraneo. Le gare olimpiche premiavano solo il vincitore, la vittoria era il segno indubbio del favore degli dei e il vincitore veniva considerato un eroe. Nell'antichità già esisteva un sentimento legato allo sport. Migliaia di persone si affollavano nello "stadio" per acclamare il loro campione. Gli spettatori potevano essere uomini, ragazzi o ragazze: le donne sposate non potevano assistere ai giochi. ROMA 1960 Finalmente Roma! Si proprio così, dopo che De Coubertin, organizzatore delle prime edizioni delle Olimpiadi Moderne, l aveva decantata come nuova Grecia e richiesta inutilmente più volte, così dopo 64 anni Roma è eletta sede della XVII edizione dei Giochi Olimpici (25 Agosto - 11 Settembre). Fu un vero successo sia per il paesaggio, caratteristico e imponente, pieno di opere d arte sia per l armonia con cui furono organizzati i Giochi. Complessivamente le nazioni partecipanti furono 83 e fu l ultima volta che il Sud Africa partecipò alle Olimpiadi dalle quali fu poi escluso per protesta contro la discriminazione razziale che stava coinvolgendo anche lo sport.. L organizzazione risultò perfetta e gli atleti furono 5348 (di cui 610 donne) che si sfidano nei diciannove sport in programma. Bellissimo ed emozionante il successo di Livio Berruti che riuscì sotto lo sguardo e lo stupore di tutti a dominare e vincere nei 200 metri, battendo e lasciando senza parole, o meglio senza possibilità di vittoria, i blasonati campioni Statunitensi. Nell ambito dei Giochi, Roma organizza la maratona al di fuori dello stadio, con partenza dal Campidoglio ed arrivo sotto l arco di Costantino dove la vittoria è assegnata ad Abele Bikila, etiope che corre a piedi nudi. Donne di rilievo dell epoca furono Wilma Rudolph, "la gazzella nera" che vinse ogni gara di velocità e Larissa Latynina schermitrice. Nella categoria ginnastica la squadra più forte si dimostrò l Unione Sovietica che riuscì ad imporsi con gran vantaggio anche nel sollevamento pesi con Juri Vlassov, soprannominato "Ercole di Roma", con un sollevamento in tre riprese di oltre 537 chili, mentre nella boxe si fecero notare due atleti Pagina 90

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

TIRO CON L ARCO. Un po di storia

TIRO CON L ARCO. Un po di storia TIRO CON L ARCO Un po di storia Le prime tracce evidenti dell uso dell arco e delle frecce risalgono all uomo preistorico di venticinquemila anni fa. Questo tipo di arma resta importantissimo nel corso

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia ATLETICA LEGGERA Un po di storia L atletica leggera è nata insieme all uomo, il quale, per muoversi, per procurarsi il cibo e per ogni necessità era costretto a correre, a saltare, a lanciare un sasso,

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

L importante è vincere

L importante è vincere laboratorio Prerequisiti 7 conoscere le strutture fondamentali delle prime poleis conoscere i principali eventi della storia greca conoscere i concetti-chiave della religione greca e delle principali divinità

Dettagli

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO Civiltà minoica e micenea Quale civiltà si sviluppò nell isola di Creta?

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara Dieci regole d oro per una scrittura più chiara 1. Mantieni corte le frasi; 2. Preferisci il semplice al complesso; 3. Preferisci le parole familiari, più conosciute; 4. Evita le parole inutili; 5. Metti

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia 1 ognome... Nome... lasse... ata... LE OLIMPII OLIMPII NTIHE 1. Le Olimpiadi dell antichità si disputarono per: circa 100 anni circa 1000 anni circa 500 anni circa 10 000 anni 2. Nelle Olimpiadi dell antichità

Dettagli

VIAGGIO IN GRECIA. Giuseppe Cappello

VIAGGIO IN GRECIA. Giuseppe Cappello Giuseppe Cappello VIAGGIO IN GRECIA Un itinerario fotografico della Grecia classica con a fronte storia, miti, letteratura e filosofia dell antica civiltà ellenica Giuseppe Cappello, Viaggio in Grecia

Dettagli

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00 SCHEDA GRECIA Achille e Patroclo ARTE VASCOLARE GRECA Achille, mitico eroe greco che fascia il braccio all'amico Patroclo. Questi, posato il suo elmo, volta la testa da un lato per non far notare le smorfie

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

PREFAZIONE 1. CONFERIMENTO

PREFAZIONE 1. CONFERIMENTO PREFAZIONE Il Deutsches Sportabzeichen è l onorificenza sportiva del DOSB ed è riconosciuta dallo stato Tedesco. Lo Sportabzeichen brevetto sportivo e un onorificenza per una buona e molteplice prestazione

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014 Olympic Village, un percorso ludico-didattico che ha come tema l origine dei Giochi Olimpici e la Magna Grecia. Il progetto propone un viaggio indietro nel tempo di migliaia di anni alla scoperta della

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

TITOLO: La pittura vascolare

TITOLO: La pittura vascolare 1E 120308_CaloriPitturavascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO: La pittura vascolare La pittura vascolare: tutto ciò che resta della pittura greca Vario utilizzo e tipologie dei vasi Vari stili di pittura vascolare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

REGOLAMENTO GIOCHI RIONALI "PERUGIA 1416 - Passaggio tra Medioevo e Rinascimento"

REGOLAMENTO GIOCHI RIONALI PERUGIA 1416 - Passaggio tra Medioevo e Rinascimento REGOLAMENTO GIOCHI RIONALI "PERUGIA 1416 - Passaggio tra Medioevo e Rinascimento" Art.1 Denominazione e colori dei Rioni Il territorio comunale di Perugia è suddiviso in 5 Rioni denominati Rione Porta

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

PALLAVOLO campo di gioco

PALLAVOLO campo di gioco PALLAVOLO campo di gioco Geometria di un campo di gioco di pallavolo (visto dall'alto). Le partite di pallavolo si disputano al coperto, la zona libera deve misurare almeno 3 metri dalle linee di fondo

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

FOOTVOLLEY PRESENTAZIONE

FOOTVOLLEY PRESENTAZIONE 1 IL Il Footvolley, sport emergente di origini brasiliane si colloca tra il calcio in quanto viene giocato senza l utilizzo delle mani e delle braccia e il beach volley in quanto oltre ad essere praticato

Dettagli

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Parlare oggi, di Cavalli e Cavalieri nella storia e sopratutto parlare di Cavalieri Medioevali, ci rievoca nei nostri pensieri immagini stereotipati d uomini senza

Dettagli

GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO. 10 Giugno 2012. Regolamento giochi. Dalle 15.00 in poi

GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO. 10 Giugno 2012. Regolamento giochi. Dalle 15.00 in poi GIOCHI I PALIO DEL VOLONTARIATO 10 Giugno 2012 Dalle 15.00 in poi Regolamento giochi 1 GIOCO Svuotiamo la cantina!! Gioco per 3 giocatori della squadra. LA GARA AVRA UN TEMPO MASSIMO DI 3 MINUTI Il primo

Dettagli

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio:

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio: Palio delle Contrade Ceresaresi Regolamento e appuntamenti - edizione 2015 Lo scopo del Palio è quello di unire tutti gli abitanti dei Borghi in un clima di festa nell ambito della rievocazione storica.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli

Pallacanestro. La storia

Pallacanestro. La storia Pallacanestro La storia La pallacanestro, conosciuta anche come basket, diminutivo del termine inglese basketball, è uno sport di squadra in cui due squadre di cinque giocatori ciascuna si affrontano per

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

Fb; ASD Sport&Turismo Club. (Verso l'olimpiade del 2016 che vedrà per la prima volta l'ingresso del beach tennis)

Fb; ASD Sport&Turismo Club. (Verso l'olimpiade del 2016 che vedrà per la prima volta l'ingresso del beach tennis) http://www.ascsport.it/ Fb: ASC Sport Beach Tennis ascsportsardegna.jimdo.com ASD Sport&Turismo Club Sardegna Via Roma, 250-09040 Siurgus Donigala officesolutionstrexenta@gmail.com ASC Sport Sardegna Beach

Dettagli

Giochi Scuole Elementari

Giochi Scuole Elementari Nuova Agimap Amici Genitori Istituto Maestre Pie Via Montello, 42 40131 Bologna www.agimap.org agimap@.it www.miniolimpiadi.org Giochi Scuole Elementari 0. GENERALITA 0.1. I Giochi si svolgeranno il 09

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA

CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO PALLAVOLO TIRO ALLA FUNE FRECCETTE STAFFETTA CORSA DEI MILLEPIEDI IL PUNGIGLIONE BASKET 3C3 CAPITAN DADO FLEBO IN CORSA CALCETTO Dimensioni Gare Palio Dimensioni Lunghezza m. 38 Larghezza m. 18,40

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Carpi Il laboratorio linguistico proposto è di avviamento allo studio per alunni stranieri delle classi 4 e 5 della Scuola Primaria. Il progetto presentato

Dettagli

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 ESORDIENTI M/F (6-11 anni) NORME GENERALI Gli Esordienti sono suddivisi in tre fasce d età secondo il seguente schema: Esordienti C 6-7 anni (nati negli anni 2007-2006)

Dettagli

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI Fattore: CAPACITA AEROBICA * Materiale: - un cronometro; - pista di atletica o altro. * Istruzioni al ragazzo: - corri per sei minuti in maniera più costante possibile e

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO

REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO REGOLAMENTO PALIO DEL SANTO ANELLO (Versione 3.0 aggiornata al 09/06/2014) NORME GENERALI Art. 1 Gli arcieri che parteciperanno alla gare dovranno presentarsi rigorosamente in costume storico. Non potranno

Dettagli

RTI 2014/2015 Reg. 140-151

RTI 2014/2015 Reg. 140-151 RTI 2014/2015 Reg. 140-151 Il Fiduciario Regionale ti convoca quale Arbitro ad una gara di salto in alto nel centro della tua città. Sarà valida?...e le prestazioni? La regola prevede che qualunque superficie

Dettagli

LEISTUNGSABZEICHEN DER BUNDESWEHR FITNESS TEST 2013. Traduzione dal testo in tedesco.

LEISTUNGSABZEICHEN DER BUNDESWEHR FITNESS TEST 2013. Traduzione dal testo in tedesco. LEISTUNGSABZEICHEN DER BUNDESWEHR FITNESS TEST 2013 Traduzione dal testo in tedesco. 1. Situazione Come prova deve essere superato da ogni militare uomo/donna (di seguito nominato "candidato") una volta

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

SAGGIO DELLE SCUOLE CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE TROFEO ITALIANO ALLIEVI DEBUTTANTI TROFEO ITALIANO ALLIEVI

SAGGIO DELLE SCUOLE CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE TROFEO ITALIANO ALLIEVI DEBUTTANTI TROFEO ITALIANO ALLIEVI SAGGIO DELLE SCUOLE CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE TROFEO ITALIANO ALLIEVI DEBUTTANTI TROFEO ITALIANO ALLIEVI Tor di Quinto Roma, Ippodromo militare Gen. Giannattasio, data 30 Ottobre/2 Novembre SAGGIO

Dettagli

LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA

LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA DOCUMENTO ELABORATO: CONSULTA DEGLI STUDENTI DELLA PROVINCIA DI CROTONE STUDENTI DELL ITIS G. DONEGANI GIOVANI DELLE ACLI I GIOCHI DELLA MAGNA GRECIA

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

Giostre e tornei. da " I vanhoe": Da scudiero a cavaliere

Giostre e tornei. da  I vanhoe: Da scudiero a cavaliere Giostre e tornei Fig.1 da " I vanhoe": Da scudiero a cavaliere C on uno sbuffo, i due cavalli corazzati partirono dalle cime della lizza e, alzando nubi di polvere, si lanciarono a galoppo. A metà della

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

CAVALLO DI BASTONI FERRARA

CAVALLO DI BASTONI FERRARA CUS FERRARA RUGBY OLD CAVALLO DI BASTONI FERRARA 2 TORNEO RUGBY OLD MEMORIAL ISIDORO QUAGLIO 1 GIUGNO 2014 FERRARA IMPIANTI CUS FERRARA RUGBY VIA GRAMICIA, 41 FERRARA Ritrovo ore 12 Calcio d inizio ore

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Grande gioco. Cerimonia iniziale

Grande gioco. Cerimonia iniziale Grande gioco Regolamento Il numero degli stand è pari a quello degli educatori e le squadre sono una in meno rispetto agli stand (ciò per essere sicuri che ci sia sempre un gioco libero). I ragazzi scelgono

Dettagli

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA.

LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. LEGGI IL TESTO FORNITO E PAGINA 9 DEL LIBRO, POI COMPLETA LA TABELLA. ATENE POSIZIONE GEOGRAFICA Si trova in Grecia,nella penisola del Peloponneso e vicino al mare. DUE CITTÀ A CONFRONTO SPARTA POSIZIONE

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO Approvato con Decreto del Commissario Straordinario n. 45/2014 Articolo 1 SQUADRE a) La gara viene giocata da due squadre.

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

CONCORSO DI ARTE EQUESTRE. Pre-selezione degli spettacoli dei Laboratori Teatrali Equestri per la Fiera Cavalli a Roma 2014.

CONCORSO DI ARTE EQUESTRE. Pre-selezione degli spettacoli dei Laboratori Teatrali Equestri per la Fiera Cavalli a Roma 2014. CONCORSO DI ARTE EQUESTRE Pre-selezione degli spettacoli dei Laboratori Teatrali Equestri per la Fiera Cavalli a Roma 2014 Regolamentazione Il Concorso di Arte Equestre si propone come evento pilota per

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08

PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08 PROGETTO CLASSI IN...MOVIMENTO SCUOLA ELEMENTARE VALLICELLI DI VILLAFRANCA ATTIVITA DI GIOCO-SPORT ANNO SCOLASTICO 2007/08 PALLAVOLO BASKET ATLETICA SCHERMA TAMBURELLO ORIENTAMENTO CLASSI IV e V Insegnante

Dettagli