LE CAMPANE DI CAMPERTOGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE CAMPANE DI CAMPERTOGNO"

Transcript

1 LE CAMPANE DI CAMPERTOGNO Il suono delle campane aveva scandito per molti secoli il ritmo della vita della comunità ed era in un certo senso il veicolo dei suoi principali messaggi. Il campanone nei giorni di festa aveva diffuso il suo suono pieno e armonioso fino ai paesi vicini, trasmettendo il suo messaggio di pace. Le altre campane avevano avuto ciascuna la propria funzione, rigorosamente definita nei tempi e nelle forme. L intero concerto campanario era stato in particolari momenti coinvolto nella festosa dinedéina, un caratteristico scampanio a tema fisso che esprimeva gioia ed allegria, ma che talvolta era anche un po trasgressivamente suonata sull aria della baghëtta, un motivetto popolare che iniziava con le parole: Din e din e della, dumàň l è festa bella. La tastiera con la quale dalla cella campanaria si suonava la dinedéina. Quando, per ragioni liturgiche le campane avevano dovuto tacere secondo la tradizione in segno di lutto, come nella settimana santa, il loro richiamo era stato sostituito da quello della tanèbbra, caratteristico strumento il cui rumore gracidante era ottenuto facendo saltellare una sottile lamina di legno su una ruota dentata imperniata su un lungo manico. Non meno pittoresco di quello delle campane della chiesa parrocchiale era stato per secoli il suono a distesa delle campanelle degli oratori, prima tra tutti quella del Callone, quando accompagnava la tradizionale fiaccolata con cui l immagine della Madonna era portata in paese. Queste sono alcune delle buone ragioni per cui le campane di Campertogno sono da sempre considerate protagoniste indiscusse della vita della comunità. Inventario Già alla fine del 600 gli inventari parrocchiali elencano le campane esistenti e ne descrivono le caratteristiche: del 1582 era la campana maggiore (campanùň), dedicata a S. Maria, del peso di 210 rubbi (un rubbo equivaleva a Decorazioni riportate sulla superficie delle campane di Campertogno. Da sinistra: campana piccola, campana dei morti, campana media e campana maggiore. 1

2 circa 9 Kg), del 1607 era la campana media (mèšàna), dedicata a S. Giacomo, del peso di 130 rubbi, mentre la campana piccola, la più antica (del 1493), dedicata a S. Giovanni, pesava solo 70 rubbi. Queste tre campane furono benedette nel 1675 dal vescovo di Novara, G.M. Odescalchi. Successivamente, nei primi anni del 1700, si decise di acquistare una nuova campana di media grandezza da dedicare al culto dei definti (campàna d i mört) che completò il concerto campanario. Maniglie di alcune delle campane di Campertogno. Da sinistra: campana piccola, campana media e campana maggiore. Il rifacimento del castello delle campane fu effettiuato da Pietro Antonio Carestia di Vogna nel Negli ultimi decenni si provvide alla meccanizzazione ed elettrificazione del concerto campanario. Tutti gli oratori avevano la loro campanella, ospitata in piccoli campanili a torre o a vela, con base molto spesso incorporata nella struttura perimetrale e minuscola cella campanaria per lo più accessibile solo dal tetto, ma altre volte semplicemente appese al muro esterno. Esse erano suonate tirando una corda pendente all interno o all esterno dell edificio. Al Callone una campana era già presente nel 600 (indicata di rubbi 6 negli inventari), ma secondo la tradizione essa fu sostituita nel 1888 dalla campana dell oratorio di San Pantaleone di Goreto, trascinata fin sui prati della Rusa, sulla sponda opposta del Sesia, dalla valanga che distrusse quell oratorio. L oratorio di Carata ancora nel 1677 non aveva il campanile, ma solo una campanella all interno, mentre a Camproso l oratorio era un edificio di dimensioni piuttosto piccole, poco più di una cappella, con una campanella fissata sulla facciata. Uso liturgico Il suono delle campane, pieno e vibrante, è un piacevole ricordo per chi abbia vissuto anche per poco in paese. Dell Angelus o Ave Maria del mattino non ho un gran ricordo perché a quell ora solitamente dormivo, ma ho ben presente lo scampanio dell Ave Maria della sera (così era abitualmente chiamato), mescolato allo stridio delle rondini in volo attorno al campanile, che accompagnava gli ultimi giochi sul sagrato; i rintocchi dell agonia, scanditi tra la muta attenzione della gente; il pressante richiamo della campana a martello che convocava i volontari per i primi soccorsi, in caso di incendi e calamità; il suono a distesa del campanùň nelle feste grandi e durante la fiaccolata del Callone. L alba ed il tramonto, che significavano anche i momenti di inizio e di fine del lavoro, furono sempre un criterio fondamentale di riferimento per il suono delle campane. Erano tempi variabili al variare delle stagioni, e quindi erano di fatto espressione di un ora legale ante-litteram. A queste circostanze si 2

3 aggiungeva l Angelus suonato a mezzogiorno per sollecitare la preghiera e più prosaicamente per confermare legittimità all appetito. Era detto agunìa il lento rintocco delle campane effettuato al momento della morte di una persona; la regola era di suonare 7 rintocchi se si trattava di una donna e 9 se il defunto era un uomo (una discriminazione maschilista in accordo con lo spirito dei tempi passati). Era invece chiamato sègñ lo scampanio della campana d i mört che precedeva le funzioni liturgiche associate al decesso, in particolare il rosario (curóna), il funerale (sepultüra) e la funzione di suffragio del settimo giorno dalla morte (sètima). Molti sicuramente ricordano alcune altre tipiche modalità, tuttora in uso, di suonare le campane Erano lo scampanio effettuato mezz ora prima della messa o del vespro (sunê mëssa, sunê vèspri) e gli ultimi rintocchi (bòit o ültimi), suonati poco prima dell inizio della funzione religiosa. Fino a non molti anni or sono si poteva ancora udire, nei giorni di festa e in occasione particolarmente soleeni, la già ricordata dinedéina, tipico scampanìo che mani esperte (Angiulìň, Bèrtu) sapevano trarre dalle campane percuotendo una tastiera, situata nella cella campanaria, i cui tasti erano collegati con funi ai battacchi delle campane. Il solenne suono della campana maggiore era di prammatica nei giorni di San Giacomo (festa patronale) e di Sant Anna (in occasione della tradizionale processione), durante la fiaccolata del Callone e in altre circostanze particolarmente solenni. Le consorelle partecipavano abitualmente alle funzioni liturgiche ed ai funerali: si dice che a tale scopo venissero convocate (ma la notizia non mi è stata confermata) con un particolare richiamo delle campane. Anche il suono delle campane a martello, un insistente e per certi versi angosciante successione di rintocchi ravvicinati, fa parte delle tradizioni. Ad Otra si verificò alcuni decenni or sono un incendio, l ultimo non doloso che si ricordi in paese, che distrusse completamente una casa. Col suono delle campane a martello furono immediatamente convocati dei volontari, che accorsero numerosi. Ma a nulla valsero l uso delle pompe a mano (di recente acquisite) e le catene umane per il trasferimento di secchi d acqua dal vicino torrente Artogna. Tutti quelli elencati erano momenti indimenticabili e fortemente suggestivi. Ma, al là di queste modalità di impiego che si possono considerare tipiche di ogni tempo e di ogni paese, a Campertogno le campane furono usate anche per altri scopi, per il conseguimento dei quali venivano applicate regole molto precise. Uso civile La principale funzione delle campane dalle chiese e degli oratori era ovviamente quella di annunciare alla popolazione le imminenti funzioni religiose. Ma un tempo, soprattutto nelle frazioni, il suono delle campane serviva anche per convocare le riunioni della comunità. In buona sostanza campane e campanelle erano un fermo punto di riferimento sociale ed erano determinanti sia per consolidare il senso della comunità nel suo insieme, rafforzando i legami sociali tra gli abitanti del paese e i terrieri delle frazioni, sia per trasmettere messaggi di interesse religioso e civile. Alcune di queste funzioni meritano di essere ricordate. 3

4 Sono del 1631 le Ordinationes pro innovationibus observatis contra antiquissimos mores communitatis Campertonii in cui si proclama che, all arrivo di estranei che intendano abitare in paese, se ne devono denunciare le generalità e, se la comunità non ne approva la permanenza, debbono essere allontanati, scacciati a suon di campane qualora resistano. Nei tempi in cui esisteva la milizia valsesiana (siamo nel XVII secolo) era stabilito che tutti gli uomini dagli anni dieciotto ai settanta dovevano far parte della milizia, ed al bisogno, appena si sentivano le campane suonare a stormo, ognuno era in dovere di uscire armato e di mettersi sotto i suoi capi per difendere il comune e i vicini Nel manoscritto del 28 Aprile 1631 dal titolo Capitulazione nel tempo di contagio, si descrivono i provvedimenti presi dalla Comunità per prevenire la diffusione della peste che si era verificata in forma epidemica nei peasi dell alta valle, raggiungendo Goreto, nella Squadra superiore. Il popolo, convocato a suono di campane, elegge i deputati pro sanitate nelle persone di Antonio Gilardi, Giovanni Selletto e Giovanni Gilardone Gallizia, che resteranno in carica tre mesi con pieni poteri. Nella Supplica a reggio decreto per li banditi, un manoscritto del 1672 in cui Carlo Clemente Giacobino, rappresentante di Campertogno, si rivolge a Carlo II di Spagna e alla regina Anna Maria d Austria per far presente che la Comunità di Campertogno è sovente a torto molestata dall autorità di Varallo per una presunta tolleranza verso i banditi, la cui presenza nel territorio, si afferma, è invece legata non tanto alla inadempienza degli abitanti quanto alla vicinanza dei confi ni con la Savoia. A difesa dell operato della popolazione si segnala che la comunità, quando viene a conoscenza della presenza di banditi, fa suonare le campane a martello e si adopera per la loro cattura Anche per le riunioni delle comunità delle Frazioni, a cui in circostanze importanti dovevano partecipare il Console (esisteva allora un Console per ogni Frazione) e gli uomini e capi di casa in numero superiore ai 2/3 dei residenti in patria; la riunione doveva essere convocata con biglietto monitorio affisso in luogo pubblico, avviso verbale e suono di campane (1762). I due ambiti, civile e religioso, erano strettamente embricati, tanto che in più di una occasione la Comunità sentì la necessità di esprimersi in Capitoli e Pretensioni: sui compiti del custode della chiesa, sulle regole per il suono delle campane ed anche sulle incombenze dei preti. Regole Fin dal 1600, e a più riprese nei secoli successivi, la comunità di Campertogno sentì l esigenza di fissare le regole per il suono delle campane. Ne dà testimonianza il documento Capitoli che è tenuto osservare il Custode della Chiesa Parochiale... (in: Verbali del Consiglio Comunale di Campertogno negli anni , Varallo, Camaschella e Zanfa, 1895). Si tratta della copia di un ben più antico documento del 2 gennaio 1634, già esistente nell Archivio Comunale, di cui esiste anche un edizione successiva riveduta e pubblicata a stampa su tre facciate nel 1693, conservata nell Archivio Parrocchiale. Tutti questi documenti descrivevano in dettaglio le molte incombenze del custode della Chiesa parrocchiale, praticamente del sacrestano. Vi si trattava del suono delle campane, della pulizia, della custodia della chiesa e del campanile, del servizio religioso, del controllo dell orologio, della paga dovuta ecc.. Al XVII secolo risalgono pure i Capitoli, patti e convenzioni conservati nell Archivio 4

5 Parrocchiale che, oltre alle mansioni dei parroci e dei custodi della chiesa, ed ai diritti e doveri dei membri della Comunità, stabilivano le regole per il suono delle campane. Sono tutti documenti di notevole interesse per la conoscenza delle consuetudini di vita della Comunità, da cui risulta come le campane fossero vere protagoniste della vita del paese. Intorno al 1750 fu stilato un altro manoscritto dal titolo Regole per il suono delle Campane. che così recitava:...la campana maggiore sia suonata a distesa nelle feste principali... Ia mezzana con tocco della campana maggiore nelle altre feste di M. Vergine Orario per l Ave Maria della mattina: manoscritto redatto nel XIX secolo a cura del parroco (Arciprete Don Pasquale Massini) e del sindaco (Giuseppe Amedeo Molino) di Campertogno. (si suonerà un poco da festa) e cosi tutte le altre feste di apostolo e di S. Cuore, S. Lorenzo, S. Michele Arcangelo, S. Giuseppe... tutte le campane per la commemorazione dei morti... il funerale di mezza quaresima e il giorno delle Congregazioni si suonerà le tre campane scludendo la maggiore, per gli uffi ci della Confraternite si suonerà le tre campane come il solito e cosi per gli offici dei particolari si suonerà come il solito. La campana maggiore si suonerà nella deposizione del Sig. Arciprete e del Sig. Coadiutore... suonerà il custode nelle feste degli oratori la mezzana con il tocco della maggiore... E concludeva:...che non sia lecito alli sindaci di dar licenza di sonare fuor dalle regole descritte senza consenso dei consiglieri... È della metà del XIX secolo l ultimo documento reperito sul suono delle campane, redatto insieme da parroco e sindaco per fissare l orario per l Ave Maria della mattina in funzione del sorgere del sole. Tradizioni La voce popolare sostiene che la particolare sonorità delle campane di Campertogno sia dovuta all abbondanza di metalli preziosi mescolati al bronzo al momento della loro fusione. In particolare, la tradizione vuole che al momento della realizzazione del campanùň, la campana maggiore, fosse stato chiesto alla popolazione di fornire un volontario contributo in oro e argento. Scrisse in merito L. di Breme all inizio del XIX secolo [Di Breme 1961]: Nessune, cred io, più sonore delle campane della Valsesia: e ciò perché i valsesiani hanno una incredibile generosità per le loro chiese: allorché si gittarono quelle di Campertogno, non restò in paese un monile, un orecchino, una minima verghetta d oro o di argento, se si eccettuano gli anuli coniugali, ché tutto fu recato a gara da quelle donne sulla rovente fusione a renderne più risonante il metallo e il tintinnir più lontano. Si dice anche che, quando la mèšàna fu fusa in loco, secondo la consuetudine in quei tempi, su richiesta di Don Pietro Bertolino fu inserito nella decorazione della campana lo stemma della sua famiglia. Egli apparteneva ad una facoltosa famiglia di Mollia dove era nato nel 1553.; nominato parroco di 5

6 Campertogno nel 1579, aveva rinunciato poi all incarico nel 1610 per dedicarsi alla fondazione e al servizio dell Ospedale di San Carlo, istituzione benefica per pellegrini e infermi, e della Cappellania ad esso associata, formalmente istituiti nel 1623 con un testamento con cui si legava a tal fine una casa e il capitale di 6000 lire imperiali, di cui sarebbe poi divenuto il titolare, La popolazione non apprezzò questa sua iniziativa, non prevista né pattuita con i esponsabili della Comunità, e molti si ribellarono chiedendo la rimozione dello stemma o il pagamento da parte del Bertolino delle spese di fusione. Si dice che prevalse la seconda soluzione. Una curiosità: c è chi ancora ricorda che, all Ave Maria della sera, per far rientrare a casa i bambini si diceva loro che quand ch i sônu la campana i dastàccu l lüf (quando suonano la campana liberano il lupo). Campane e campanelle Di altre campane e campanelle si potrebbe parlare a lungo. Tra queste vi sono da ricordare le campanelle fissate con una molla alla porta dei negozi e di qualche casa privata, che suonavano ad ogni apertura o chiusura della porta stessa. Del tutto atipiche, ma degne di essere ricordate come curiosità, le campanelle dell organo della chiesa parrocchiale. Nel 1819, scrive Pietro Strigini [Strigini 1938], l organo venne rimodernato con sostituzione del somiere e con aggiunta di altri nuovi registri: fagotto, tromba, flauto, traverso, ottavino nei bassi, violoncello, timpani, tamburo (alto più di un metro) e del chinese, ossia la ventina di campanelli fatti suonare separatamente, od assieme al tamburo. Questo per opera di un certo Biroldi (Luigi Moroni Biroldi) di Varese. Più umile e dimesso, ma non meno caratteristico, è il suono delle campane delle mucche nelle loro diverse forma (brùnša, tübba, sciamunì). Esso riempie la valle nell ora del pascolo: dagli alpeggi, dove nei mesi estivi si portano le mandrie, scende a settembre a valle, creando qui, sui prati a ridosso dell abitato, un indimenticabile atmosfera pastorale che ben si armonizza con le prime ombre della sera umida dell autunno. Altrettanto pittoresco è il corale e acuto suono delle campanelle (sunàjji) delle capre durante i veloci trasferimenti del gregge. (Se non altrimenti indicato, i documenti citati nel testo fanno parte dell Archivio parrocchiale di Campertogno) Di Breme Ludovico. Il Romitorio di Sant Ida. Commissione per i testi di lingua, Collezione di opere inedite e rare, Dispensa CCLVII, Bologna, 1961 Strigini Pietro. Il grande organo della chiesa parrocchiale di Campertogno. Bollettino Parrocchiale di Campertogno, Settembre

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale CHIESE E ORATORI DI RASSA Chiesa parrocchiale La parrocchiale anticamente non era che una semplice chiesuola dedicata a S. Maiolo, o direm meglio, questa chiesuola era dove si facevano i divini officii,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Ottocento nel Comune di Paluzza 51

Ottocento nel Comune di Paluzza 51 Ottocento nel Comune di Paluzza 51 rosta Fra le Torri ), la decorrenza annua si ritiene aver equamente avuto inizio col primo giorno del mese di giugno, nel qual giorno di ciascun anno avvenire verrà corrisposto

Dettagli

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA - CITTÀ DELLA PIEVE OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA! VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO MONS. GUALTIERO BASSETTI 2013-2017 FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA-CITTÀ

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

PROGRAMMA San Valentino 2015

PROGRAMMA San Valentino 2015 Dal 5 al 13 Febbraio Novena di Preparazione alla Festa del Santo Animata dai diversi Gruppi Ecclesiali Diocesani Ore 17,00: Basilica San Valentino - Rosario e Celebrazione Eucaristica SABATO 7 FEBBRAIO

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

IL SUONO DELLE CAMPANE E IL PATRIMONIO CAMPANARIO NELLA DIOCESI DI BERGAMO

IL SUONO DELLE CAMPANE E IL PATRIMONIO CAMPANARIO NELLA DIOCESI DI BERGAMO Suono delle campane - Indicazioni della Commissione campane - 2004 Vedi allegato CURIA VESCOVILE DI BERGAMO COMMISSIONE TECNICA PER LE CAMPANE IL SUONO DELLE CAMPANE E IL PATRIMONIO CAMPANARIO NELLA DIOCESI

Dettagli

Indice MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI. Premessa... 3

Indice MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI. Premessa... 3 MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI Indice Premessa... 3 SECOLI X XI XII L egida edificatrice dei conti di Ventimiglia... 11 Villa Giunco... 14 Podium Rainaldi... 18 La decadenza dei Conti... 20 SECOLO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA FINALITA DEI CONFRATELLI

REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA FINALITA DEI CONFRATELLI REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA Nel comune di Tovo San Giacomo nella Frazione di Bardino Vecchio SV, nel territorio della Parrocchia di San Giovanni Battista esiste e opera la Confraternita Immacolata Concezione

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA

L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA Comune di Vestenanova L ANTICA PIEVE DI SANT ANTONIO ABATE A VESTENAVECCHIA Provincia di Verona AMBIENTE E STORIA La chiesetta di Sant Antonio Abate è incastonata in un anfiteatro di colline e montagne

Dettagli

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Inviato da assergi il Mar, 07/05/2011-14:43 STATUTO COMITATO PERMANENTE FESTEGGIAMENTI PATRONALI ASSERGI Anche questo anno 2011 si è costituito

Dettagli

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE approvato con delibera di Consiglio Comunale n.40 del 09/10/2012 ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO Il presente regolamento contiene l insieme delle

Dettagli

La gatta Arcibalda e altre storie

La gatta Arcibalda e altre storie ADRIANA ZARRI La gatta Arcibalda e altre storie Riflessioni sugli animali e sulla natura prefazione di MONS. LUIGI BETTAZZI postilla di NATALE FIORETTO 2011 PREFAZIONE Adriana Zarri era una donna di fede.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale

Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale CONCERTO CAMPANARIO DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIUSEPPE FALEGNAME IN BOVOLONE (Vr) Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale Nota Ø mm Anno fusione Fonditore

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI

Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI Largo Fermo Stella, 3 23100 - Sondrio Bilancio dell anno 2013 Caro Socio, anche quest anno, come previsto dallo statuto vigente, la nostra Associazione

Dettagli

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Eraldo Canegallo Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Sant Agata Fossili Dicembre 2001 Introduzione La presente ricerca si riferisce alla parrocchia di Sant Agata, sita nel comune di

Dettagli

La chiesa di San Biagio al Tegoleto

La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa, secolare, è sempre appartenuta al Capitolo della Cattedrale Aretina. Alcuni documenti attestano la sua esistenza già prima dell anno 1000. Varie sono state

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ONORIO

V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ONORIO ARCIDIOCE DI GAETA V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ORIO 2014-2015 PARROCCHIA DI ESEGUITA IL PARROCO 1 INDICE DEL QUESTIONARIO DATI ANAGRAFICI DELLA PARROCCHIA... 3 STATO

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIA SAN BERNARDINO DA SIENA TORINO 1907: anno di fondazione della Parrocchia 20.000: abitanti della Parrocchia 5 frati operanti in Parrocchia 1 diacono permanente diocesano

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

Gli eventi. La Settimana Santa

Gli eventi. La Settimana Santa Gli eventi La Settimana Santa I suggestivi riti spagnoli della Settimana Santa di Iglesias risalgono al seicento e sono curati da secoli dall Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Sacro Monte.

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica di San Marino

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica di San Marino Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica di San Marino La Santa Sede e la Repubblica di San Marino, desiderando la Chiesa cattolica e lo Stato, nel reciproco rispetto della indipendenza e sovranità che

Dettagli

Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Diocesi di Padova AGENZIA

Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Diocesi di Padova AGENZIA Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Diocesi di Padova AGENZIA 1 ENTI ASSICURABILI CON IL NUOVO PIANO PARROCCHIE Strutture adibite ad attività istituzionali Strutture non adibite a culto, concesse in uso

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI

V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI DIOCESI DI SAN MINIATO V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI 2007 Per la verifica amministrativa PARROCCHIA DI UNITA PASTORALMENTE CON VICARIATO ESEGUITA IL PARROCO 1 INDICE DEL QUESTIONARIO

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum. canti per l amicizia e la pace in Terra Santa

DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum. canti per l amicizia e la pace in Terra Santa DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum FRATELLI IN CRISTO canti per l amicizia e la pace in Terra Santa Incontri di preghiera e canto corale novembre - dicembre 2011 XXV di

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 2 Codice Ente SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SCHEDA DI RILEVAZIONE - SOGGETTO PRODUTTORE ENTE 7 Denominazione Denominazione parallela Scuola Materna Achille Carsana (Alzano

Dettagli

Grecia: Monasteri delle Meteore Le porte del Paradiso

Grecia: Monasteri delle Meteore Le porte del Paradiso Posti in cima ad alte rocce a picco, un tempo accessibili solo per mezzo di scale a corda, fa bella mostra di sé l originale complesso dei Monasteri delle Meteore, nella regione della Tessaglia già il

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna La costruzione del nuovo Arcispedale avvenne in gran parte tra il 1912 e il 1914 Primo lotto - A partire dall aprile 1912 furono realizzati i due gruppi di padiglioni doppi con la relativa galleria a due

Dettagli

SANTUARIO NATIVITÀ DI MARIA SANTISSIMA MUSSOTTO D ALBA

SANTUARIO NATIVITÀ DI MARIA SANTISSIMA MUSSOTTO D ALBA SANTUARIO NATIVITÀ DI MARIA SANTISSIMA MUSSOTTO D ALBA STORIA DEL SANTUARIO DELLA NATIVITÀ DI MARIA SANTISSIMA Alcuni cenni storico-artistici La località che oggi è denominata Mussotto era, in antico,

Dettagli

Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba

Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba Carissimi parrocchiani, con questo nuovo numero del nostro periodico vi raggiungo nelle vostre case in prossimità delle feste pasquale per porgere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

Tesori Sacri 2005. Esito del bando

Tesori Sacri 2005. Esito del bando Tesori Sacri 2005 Esito del bando Al bando Tesori Sacri 2005 hanno aderito 127 progetti, di cui 105 dal Piemonte e 22 dalla Liguria. A conclusione delle procedure di valutazione effettuate dagli Uffici,

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

La villa Arca del Santo di Anguillara

La villa Arca del Santo di Anguillara La villa Arca del Santo di Anguillara Veneta è stata per oltre tre secoli la sede locale della Ven. Arca del Santo di Padova, l Istituzione padovana creata per gestire il patrimonio della Basilica di S.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse Ore 14:00 Assegnazione alloggi PROGRAMMA Dalle ore 8:00 alle ore 9:00 Accoglienza e consegna pettorali

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

Natura, scopo e costituzione della Confraternita

Natura, scopo e costituzione della Confraternita STATUTO CONFRATERNITA DEL S. S. SACRAMENTO Nelllla parrocchiia San Leonardo iin Inttiimiiano Confratterniitta Maschiille dell Santtiissiimo Sacramentto,, iisttiittuiitta durantte lla viisiitta pasttoralle

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com TOUR DEL GUSTO,VINO E CIOCCOLATO 2 PERSONE 229 EURO 3 PERSONE 329 EURO 4 PERSONE 429 EURO 5 PERSONE 559 EURO Da 6 a

Dettagli

Programma manifestazioni 2014-2016

Programma manifestazioni 2014-2016 Programma manifestazioni 2014-2016 Cosa è il G.A.S.P. Il PREMIO SAN ZENONE Programma 2014-2016 Riflessione Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c è qualcosa

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

TITOLO 24 RELIGIONE. 1121 24.1.1 Contiene:

TITOLO 24 RELIGIONE. 1121 24.1.1 Contiene: TITOLO 24 RELIGIONE 1121 24.1.1 Contiene: 1858-1878 fasc.1: Funerali per la morte del Papa Pio IX ; 1878 - carteggio generale, con stampati; 1858-1873 1122 24.1.2 Contiene carteggio generale, con ritagli

Dettagli

In cammino con Cristo

In cammino con Cristo Bollettino della Parrocchia di SAN MARTINO Vs. Borgio-Verezzi (SV) (www.parrocchiasanmartinoborgioverezzi.org) In cammino con Cristo DICEMBRE-GENNAIO GIUBILEO STRAORDINARIO GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA

Dettagli

Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca.

Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca. Si ringrazia la FONDAZIONE CREDITO BERGAMASCO per il sostegno all attività di ricerca. ANNALI DELLA FONDAZIONE PAPA GIOVANNI XXIII Bergamo 2013 - n. 1. EDITORIALE ALBERTO CARRARA 5 GIOVANNI GUSMINI 7

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Case history. Alcune nostre realizzazioni

Case history. Alcune nostre realizzazioni Alcune nostre realizzazioni Arcibasilica Papale di San Giovanni in Laterano (Roma) Estate 2013: Tecnologia i-vox e centrale audio digitale totalmente gestibile in remoto via ipad. Grazie alla flessibilità

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

LE CAMPANE DEL DUOMO DI RAVENNA

LE CAMPANE DEL DUOMO DI RAVENNA LE CAMPANE DEL DUOMO DI RAVENNA LUC A CHIAVEGATO NICOL A PATRIA In Ravenna, splendente capitale dell Esarcato d Italia sotto l impero bizantino, le torri campanarie venivano edificate con sette, nove o

Dettagli

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Linee di indirizzo progettuali Percorsi didattici Biblioteca Teresiana - Biblioteca G. Baratta - a.s. 2015/2016 Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Dal libro di carta al libro

Dettagli

Corso giocoso di teoria della musica.

Corso giocoso di teoria della musica. Corso giocoso di teoria della musica. Lezione 1: suoni, rumori e strumenti musicali. Ti sei mai chiesto di cosa è fatta la musica? La musica è fatta di SUONI E RUMORI Il nostro orecchio riesce a percepire

Dettagli

L ACQUASANTIERA LA PIANETA

L ACQUASANTIERA LA PIANETA L ACQUASANTIERA È un recipiente, di pietra o di marmo, posto all entrata della Chiesa, che contiene acqua benedetta. In esso intingi la mano destra, prima di farti il segno della croce. Segnarsi con l

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Il Rito del. Matrimonio. Sussidio liturgico per le coppie che si accingono a celebrare il Sacramento del Matrimonio

Il Rito del. Matrimonio. Sussidio liturgico per le coppie che si accingono a celebrare il Sacramento del Matrimonio Il Rito del Matrimonio Sussidio liturgico per le coppie che si accingono a celebrare il Sacramento del Matrimonio PARROCCHIA SANTA MARIA ASSUNTA - CISLAGO INTRODUZIONE Il presente sussidio è stato pensato

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

FASCICOLO 4 L AMMINISTRAZIONE

FASCICOLO 4 L AMMINISTRAZIONE ARCHIDIOCESI DI PERUGIA - CITTÀ DELLA PIEVE OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA! VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO MONS. GUALTIERO BASSETTI 2013-2017 FASCICOLO 4 L AMMINISTRAZIONE ARCHIDIOCESI DI PERUGIA-CITTÀ

Dettagli

Movimenti meccanici. Perché Longines ha inserito orologi con movimenti meccanici nelle proprie collezioni?

Movimenti meccanici. Perché Longines ha inserito orologi con movimenti meccanici nelle proprie collezioni? Movimenti meccanici LE QUALITÀ E LA CURA DEGLI OROLOGI MECCANICI Perché Longines ha inserito orologi con movimenti meccanici nelle proprie collezioni? La risposta è semplice: un orologio dotato di movimento

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni UFFICIO LITURGICO DIOCESANO Proclamiamo la tua risurrezione I. Il nuovo sussidio della CEI Proclamiamo la tua risurrezione E questo il titolo dell ultima pubblicazione a

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Premessa Il nostro Istituto Comprensivo è stato individuato, a partire dall'anno scolastico 2014/2015, quale Scuola Primaria sede di specifici corsi

Dettagli