DAL MAROCCO LA NASCITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL MAROCCO LA NASCITA"

Transcript

1 DAL MAROCCO LA NASCITA In Marocco, solitamente, quando un bambino nasce, il primo che lo prende in braccio: generalmente il padre, gli sussurra nell orecchio la frase che recita l Himam quando chiama i fedeli alla preghiera. Qualcuno usa mettere accanto al neonato, nel suo giaciglio, il Corano. Una volta, secondo la tradizione, il nome veniva dato il settimo giorno. Non c era la consuetudine di registrare la nascita all anagrafe, così, spesso le famiglie nelle quali i figli erano numerosi, essendosi affidate solo alla propria memoria, col passare del tempo non ricordavano più la data esatta della nascita dei propri figli. È per questo motivo che sui documenti di molte persone marocchine è riportato come giorno il giorno 01 e come mese quello di gennaio, dell anno che, presumibilmente corrisponde a quello esatto della nascita. Pare che l uso di attribuire il cognome ai figli: quello del padre, sia nato durante il dominio francese del Marocco. Nel settimo giorno dalla nascita, giorno in cui viene attribuito il nome, si segue un rituale: viene ucciso un montone e nel momento in cui viene ucciso, il padre del neonato dice: _ Allah akebar, bismillah, sminna: es. Fatima, che tradotto significa: Dio è grande, in nome di Dio ti abbiamo chiamato Fatima. Poi insieme ai parenti si cucina, si mangia il montone e si fa festa.

2 LA MORTE IN MAROCCO QUANDO QUALCUNO MUORE SI AVVISANO I PARENTI E SI CHIAMA L HIMAM PER IL FUNERALE. IL MORTO DEVE ESSERE LAVATO CON CANFORA, SE È UOMO VIENE LAVATO DA UOMINI, SE È DONNA DA DONNE E DEVE ESSERE SEPPELLITO SUBITO. QUINDI, SUBITO DOPO ESSERE STATO LAVATO VIENE AVVOLTO IN UN TELO BIANCO: KHFAN, SIMBOLO DI PURIFICAZIONE, E COSÌ, SENZA LA BARA, VIENE TRASPORTATO DAGLI UOMINI AL CIMITERO. LA BARA VIENE USATA SOLO QUANDO LA MORTE È AVVENUTA PER INCIDENTE, IN OSPEDALE O ALL ESTERO. DURANTE LA PROCESSIONE GLI UOMINI E L HIMAM PREGANO. LE DONNE RESTANO A CASA A PIANGERE IL DEFUNTO E A RECITARE IL CORANO. UNA VOLTA GIUNTI AL CIMITERO SI VA IN UNA PARTE DI ESSO E, DAVANTI AL MORTO, SI RECITA LA PARTICOLARE PREGHIERA PER I MORTI: SALAT AL JANAZA. QUESTA PREGHIERA SERVE AD AIUTARE IL MORTO A PURIFICARSI DAI PECCATI. PERÒ LE PREGHIERE DEI CARI NON SERVONO A MANDARLO IN PARADISO, PERCHÉ SOLO ALLAH PUÒ GIUDICARE LA SUA ANIMA. NELLA TOMBA IL MORTO VA POSIZIONATO SUL FIANCO DESTRO, CON IL VOLTO RIVOLTO ALLA MECCA. LA SERA DEL FUNERALE E PER ALTRI DUE GIORNI SI FA LA SADAKA, CIOÈ, SI CENA INSIEME AI PARENTI E SI RECITA IL CORANO. COSÌ ACCADE ANCHE DOPO SETTE GIORNI E DOPO QUARANTA. QUALCUNO NON FA LA SADAKA, PERCHÉ NON È PRESCRITTA DAL CORANO E, RITENENDO LA MORTE UN EVENTO TROPPO TRISTE PREFERISCE NON FESTEGGIARE. LA DONNA VEDOVA NON ESCE DI CASA E IN SEGNO DI LUTTO SI VESTE DI BIANCO PER QUATTRO MESI E DIECI GIORNI. QUESTO HA ANCHE UN VALORE LEGALE, PER L ATTRIBUZIONE DELL EREDITÀ: È IL PERIODO CHE DEVE TRASCORRERE PER VERIFICARE SE LA DONNA È INCINTA E SE LA PATERNITÀ VA ATTRIBUITA AL DEFUNTO. L UOMO VEDOVO PUÒ USCIRE E NON MOSTRA IL LUTTO CON ABITI PARTICOLARI.

3 NEI CIMITERI MUSULMANI, IN ARABO LHAMATH, LE TOMBE SONO FATTE DA MUCCHI DI TERRA CON ALLE ESTREMITÀ DUE LASTRE DI PIETRA A FORMA DI ROMBO, POSTE IN VERTICALE. SU UNA DI QUESTE TALVOLTA VIENE SCRITTO IL NOME DEL DEFUNTO, MA NON VI È MAI UNA FOTO CHE LO RICORDI. CHI VA A TROVARE IL PROPRIO CARO AL CIMITERO LEGGE IL CORANO E NON METTE SULLA TOMBA NÈ FIORI NÈ LUMINI. SOLO NELLE CITTÀ LE TOMBE SONO SIMILI A QUELLE EUROPEE.

4 L ABBIGLIAMENTO IN MAROCCO, NELLE ZONE PROSSIME ALLE GRANDI CITTÀ E NELLE CITTÀ STESSE L ABBIGLIAMENTO RISENTE OGGI DELL INFLUENZA EUROPEA E L ABBIGLIAMENTO TRADIZIONALE VA A POCO A POCO SCOMPARENDO. NELLE ZONE POPOLATE PREVALENTEMENTE DALLE POPOLAZIONI BERBERE, VICINO AL DESERTO, AI PIEDI DELL ATLAS O SULLE MONTAGNE, INVECE, L USO DI ABITI TRADIZIONALI È TUTTORA MOLTO DIFFUSO. GLI UOMINI PORTANO I SERUEL: PANTALONI LARGHI FERMATI AL GINOCCHIO E UNA LUNGA CAMICIA DI TELA: QMĪŜ. LE DONNE INDOSSANO LA ĜILEBA CHE È UNA SPECIE DI TUNICA LUNGA FINO ALLE CAVIGLIE E APERTA IN BASSO SUI LATI, CON UN AMPIO CAPPUCCIO. È DIFFUSO ANCHE L USO DEL KAFTAN: ABITO FEMMINILE DA CERIMONIA. IL VELO CHE COPRE I CAPELLI E INCORNICIA IL VOLTO DELLE DONNE È LARGAMENTE UTILIZZATO.

5 VESTITO MASCHILE: JABADOR

6 KAFTAN È IL NOME DI QUESTO VESTITO ARABO. È DI RASO, CUCITO A MANO, ANCHE LE DECORAZIONI SONO FATTE A MANO. È UN ABITO MOLTO ELEGANTE CHE SI METTE IN OCCASIONE DI FESTE IMPORTANTI COME I MATRIMONI, L AID AL KEBIR, L AID AL SAGHRER IL LAKTIB È UN PARTICOLARE VELO BERBERO, LAVORATO A MANO, USATO SOLITAMENTE NEI COLORI ROSSO, GIALLO, CELESTE O NERO. VA PORTATO CON LE TIPICHE FRANGE CHE SCENDONO SUL VISO, LE QUALI POSSONO ANCHE ESSERE ARRICCHITE E RESE PIÙ ELEGANTI DA PERLINE. TASHDAT O TABOAMARAN È UNA TIPICA FASCIA BERBERA DA METTERE SOPRA AL VELO PER RENDERLO PIÙ ELEGANTE.

7 TASRÀ È LA TRADIZIONALE COLLANA BERBERA FATTA DI BRONZO E DI UNA PLASTICA PARTICOLARE. È RICCA DI DECORAZIONI FATTE A MANO CON L USO DI PERLINE COLORATE.

8 QUESTO OGGETTO SI CHIAMA TABGIÁ (IN BERBERO), È UN CONTENITORE CHE HA COME TAPPO IL MROD: UN BASTONCINO DI LEGNO. IL TABGIÁ SERVE A CONTENERE UNA SOSTANZA NATURALE: TAZOLT, LA QUALE, MESSA SUL BASTONCINO DI LEGNO, VIENE UTILIZZATA COME MATITA PER GLI OCCHI. TAZOLT È UNA SOSTANZA NATURALE CHE SI PUÒ TROVARE NEL DESERTO O SULLE MONTAGNE A PICCOLI BLOCCHI, SOTTO FORMA DI TERRICCIO COMPRESSO, CHE PESTATO SI SGRETOLA FINO A DIVENTARE POLVERE. TAZOLT OLTRE AD AVERE PROPRIETÁ ESTETICHE, HA ANCHE PROPRIETÁ CURATIVE: PUÒ ESSERE USATO PER TOGLIERE L INFIAMMAZIONE DEGLI OCCHI, PROPRIO COME IL COLLIRIO.

9 EMSUAK (IN BERBERO) O SUAK (IN ARABO) È UN PEZZO DI CORTECCIA DELL ALBERO DI NOCI. VIENE USATA PRINCIPALMENTE PER L IGIENE ORALE E PER CURARE L INFIAMMAZIONE DELLE GENGIVE O PER FACILITARE LA DIGESTIONE, IN QUESTO CASO, BISOGNA MASTICARLA COME UN CHEWINGUM. INOLTRE PUÒ ESSERE USATA ANCHE COME TRUCCO PER COLORARE LE LABBRA PROPRIO COME UN ROSSETTO.

10 QUESTA FOTO RITRAE LE MANI E I PIEDI DI UNA DONNA MAROCCHINA DECORATI CON L HENNA.

11 L'henna viene estratta da una particolare pianta, la Lawsonia Alba, sempreverde, che da arbusto può raggiungere l'altezza di sei metri e che cresce spontanea in Medio oriente, Africa del Nord, Asia centrale. Le parti della pianta: foglie, fiori e bacche, vengono lasciate seccare naturalmente, all'aria aperta, e poi macinate fino ad essere trasformate in polvere finissima, dal profumo intenso e caratteristico e dal colore ambrato. La polvere di henna, diluita in acqua e con l'aiuto di succo di limone, o con dello zucchero, diventa una pasta morbida, liscia e profumata, che deve essere fatta riposare per un po' di tempo prima di essere utilizzata. Una volta pronta va stesa con l'aiuto di un sottile attrezzo sulle parti da decorare. Si lascia asciugare per un tempo variabile (a seconda dell'intensità di colore che si intende dare al disegno che può andare dall arancione al bruno). Quando sarà trascorso il tempo di posa, basta risciacquare con cura le parti trattate, con acqua tiepida, utilizzando del sapone neutro. La colorazione dura per qualche settimana, a seconda dell'intensità del colore e del tempo di posa. Le donne decorano le mani e i piedi con l henna in occasione di feste religiose, in particolare al proprio matrimonio e alla fine del Ramadan. L henna, appena stesa ha un colore verdognolo, e il verde nei paesi arabi è il simbolo della fortuna, per questo essa viene usata anche come segno di buon augurio. Questa sostanza naturale viene usata anche per tingere i capelli: li rende più corposi, morbidi e lucenti. In alcune zone le donne la usano tutti i giorni, perché la considerano una buona pratica igienica per disinfettare le mani. In altre zone i mariti proibiscono alle donne di farne uso perché dicono che emani un cattivo odore. Ciò però è molto meno frequente!

12 IL CAMMELLO A UNA GOBBA: DROMEDARIO QUESTO GRANDE MAMMIFERO VIVE NELLA ZONA DELL AFRICA DEL NORD: IN MAROCCO, TUNISIA, ALGERIA (PAESI DEL MAGHREB). IL SUO AMBIENTE NATURALE È IL DESERTO. SI NUTRE DI PIANTE MOLTO SUCCOSE, MA IN ASSENZA MANGIA ARBUSTI SPINOSI. È UN ANIMALE CHE TOLLERA LA SICCITÀ: PUÒ STARE CIRCA UNA SETTIMANA SENZA BERE E SENZA MANGIARE. QUANDO BEVE INTRODUCE NELLA SUA GOBBA, CHE FUNGE DA RISERVA IDRICA, UNA GRANDE QUANTITÀ DI ACQUA. LA SUA GOBBA PUÒ ESSERE PIÙ O MENO VOLUMINOSA A SECONDA DELL ACQUA CHE CONTIENE. IL CAMMELLO PUÒ ESSERE UN ANIMALE DA SOMA (TRASPORTO MERCI) O DA SELLA (TRASPORTO UOMINI); VIENE SPESSO USATO DAI NOMADI DEL DESERTO. INOLTRE, PRODUCE LATTE DAL QUALE SI RICAVA IL BURRO E PUÒ ESSERE ANCHE MACELLATO. LA SUA CARNE È PREGIATA: IN TUNISIA LA SI PUÒ MANGIARE NEI RISTORANTI; IN MAROCCO LA SI PUÒ COMPRARE AL MERCATO SETTIMANALE: IL SUK. IL CAMMELLO È ANCHE UN ATTRAZIONE PER I TURISTI, COSÌ NELLE DIVERSE LOCALITÀ DA ESSI FREQUENTATE, LA GENTE DEL POSTO HA CREATO DELLE ZONE RECINTATE DOVE VENGONO TENUTI DEI CAMMELLI SUI QUALI, PAGANDO OVVIAMENTE, SI PUÒ FARE UN BREVE GIRO NATURALMENTE ACCOMPAGNATI!

13 UN ESEMPLARE DI CAMMELLO CHE SI GODE DALL ALTO IL PANORAMA DI AGADIR.

14 EVENTI E FESTIVITÀ AID AL-FITR Alla fine del mese di ramadan (nono mese) e il primo giorno del mese successivo, che è shawwal, si festeggia l' Aid al-fitr, detta anche aid al-saghir : piccola festa ; è il primo giorno della fine del digiuno di Ramadan: il digiuno è uno dei cinque pilastri della religione islamica. Durante tutto il mese di Ramadan i musulmani, dal sorgere del sole fino al tramonto sono tenuti ad astenersi dal mangiare, dal bere e dal fumare e si recano in moschea più spesso, soprattutto per le preghiere di mezzogiorno e del pomeriggio. Dopo il tramonto si ritrovano tutti in famiglia attorno alla tavola e fanno un po di festa: solitamente mangiano la harira, una minestra fatta con acqua, ceci, lenticchie, sedano, prezzemolo, farina e pomodoro. Nel giorno di festa della fine di Ramadan tutti indossano vestiti nuovi, si scambiano dolciumi e si fanno gli auguri. Le scuole restano chiuse per tre giorni.

15 AID AL-ADHA: FESTA DEL SACRIFICIO Celebrata durante il 10 giorno del mese del Pellegrinaggio, l Aid al-adha o Aid al-kabir (la Grande Festa ), o festa del sacrificio, è la solennità più importante del calendario islamico. Si commemora il miracolo che Allah compì sostituendo il figlio di Abramo con un montone durante il sacrificio. La festa, quindi, prevede il sacrificio di un montone, un pezzo del quale verrà dato ai poveri. LAILAT AL KADR: LA NOTTE DEL CORANO Lailat al Kadr, ossia, la notte del Corano è la festa del 27 giorno del Ramadan. La sera del 26 giorno di Ramadan, verso le ore 22.00, gli adulti cominciano a pregare e a recitare il Corano e proseguono così per tutta la notte, fino all alba del giorno dopo, quando si riprende il digiuno. Questa giornata è festa grande per i bambini, i quali ricevono dei regali e vengono vestiti in modo elegante, con abiti tradizionali. In occasione di questa festa le famiglie possono noleggiare dei troni per portare i propri figli a sfilare per le vie della città, accompagnati dalla musica. la tradizione vuole che sul trono salga il figlio che ha fatto il ramadan per la prima volta, ma generalmente vengono portati anche gli altri.

16 ACHOURA Nel decimo giorno del mese di muharram (primo mese dell anno lunare) si festeggia la asura o achoura. La festa dell Achoura non è citata nel corano. Segue di dieci giorni l'inizio dell'anno musulmano. In Marocco, ricorda l'obbligo di fare la zakat: cioè di liberarsi da un contributo materiale, che va destinato ai poveri i poveri. È una festa per i bambini che ricevono regali, trombe, tamburi, petardi ed altri giocattoli., comparabile a Natale o al nuovo anno.

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Incontro con Fatima, musulmana osservante

Incontro con Fatima, musulmana osservante Incontro con Fatima, musulmana osservante Il 4 marzo2014, la mia classe ha avuto l opportunità di incontrare una testimone di religione musulmana, Fatima, accompagnata da Antonella una operatrice del Centro

Dettagli

PAESI ARABI. Aspetti socio-culturali

PAESI ARABI. Aspetti socio-culturali Piano Territoriale per l'integrazione Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13 Azienda U.L.S.S.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira PAESI ARABI Aspetti socio-culturali

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SUL MESE DI RAMADHĀN

SCHEDA INFORMATIVA SUL MESE DI RAMADHĀN SCHEDA INFORMATIVA SUL MESE DI RAMADHĀN Responsabili e volontari di Protezione Civile Campi degli sfollati del terremoto emiliano di maggio e giugno 2012 Cos è il Ramadhān? Ramadhān è il nono mese del

Dettagli

PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini

PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini $//(*$72% 67$7872'(*/,,0$0'(//$)('(5$=,21('(//,6/$0,7$/,$12 PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini

Dettagli

GIORNI SANTI e SAGRE

GIORNI SANTI e SAGRE GIORNI SANTI e SAGRE Il calendario Islamico (Il calendario Hijri) È un calendario lunare Dura 354 o 355 giorni Inizia nel 622, quando Mohammad fuggì da Mecca a Medina (Hijra = Emigrazione) Calendario Calendario

Dettagli

Islam. Gli appunti di questo libretto sono stati tratti da:

Islam. Gli appunti di questo libretto sono stati tratti da: Gli appunti di questo libretto sono stati tratti da: Centro Federico Peirone, Islam. Storia, dottrina rapporti con il cristianesimo, Elledici 2004 Collana Nuovi Amici, Salam aleikum Yasmin. L islam raccontato

Dettagli

Il permesso di soggiorno

Il permesso di soggiorno Il permesso di soggiorno Febbraio, giornate fredde e ventose, il vento tramontano investe in pieno le persone e le case, ci si ripara con difficoltà, cappotti lunghi e cappucci in capo. Ieri Scegersada

Dettagli

Cibo e religione: definizione e struttura del Ramadan

Cibo e religione: definizione e struttura del Ramadan Cibo e religione: definizione e struttura del Ramadan SIGNIFICATO DEL CIBO dal valore simbolico a quello nutrizionale: viaggio all interno dell uomo alla riscoperta dei valori culturali, emotivi e relazionali

Dettagli

IL MIO PRIMO RAMADAN

IL MIO PRIMO RAMADAN Collezione: Imparo la mia religione IL MIO PRIMO RAMADAN dai 5 anni ~ 1 ~ CHE TU SIA IL BENVENUTO, RAMADAN! RAMADAN MUBARAK! Che tu sia il benvenuto, Ramadan! Benvenuto! Tu sei il mese della luce, e quando

Dettagli

La Comunità Araba in Italia Dati sulla presenza araba in Italia e sul mantenimento linguistico - culturale

La Comunità Araba in Italia Dati sulla presenza araba in Italia e sul mantenimento linguistico - culturale La Comunità Araba in Italia Dati sulla presenza araba in Italia e sul mantenimento linguistico - culturale A cura di Lara Ferrari Fonti www.ec.europa.ec www.gris.it www.immiweb.org www.istat.it www.istruzione.it

Dettagli

Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1

Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1 Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1 Il Sig. Agron Hoxha, direttore delle pubbliche relazioni. Domanda:

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Osmé Profumeria Artistica 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) VIA STEFANO BONSIGNORI, 3 TEL. +39 0331 026.108 Sito internet: www.profumeriartistica.

Osmé Profumeria Artistica 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) VIA STEFANO BONSIGNORI, 3 TEL. +39 0331 026.108 Sito internet: www.profumeriartistica. ARGILLA DEL MAROCCO: DAL CUORE DELLA TERRA SCOPRIAMO I SEGRETI DEL RASSOUL La Gahssoul, Rassoul o Rhassoul, è un minerale naturale, un argilla saponifaera del Marocco estratta nella zona dell Atlas ed

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CIMITERI

REGOLAMENTO SUI CIMITERI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUI CIMITERI Regolamento sui cimiteri Pagina 1 di 11 Indice I. NORME GENERALI...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Oggetto...4 Art. 3 Competenza...4 Art.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino 2 CAPITOLO I: Organizzazione del cimitero Art. 1 Autorità competente Art. 2 Registrazione Art.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio DALLA CINA LA NASCITA TRADIZIONI CINESI secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio In Cina, tutti sono contenti quando

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

dal 1910 una tradizione lunga 100 anni

dal 1910 una tradizione lunga 100 anni dal 1910 una tradizione lunga 100 anni " Quando ero piccola, mia madre mi mandava spesso, insieme a mia sorella, a comprare dei biscotti, che rivendeva nel suo negozio, da uno dei più bravi torronai del

Dettagli

Le diverse pratiche di culto

Le diverse pratiche di culto Materiale di supporto per il buon giorno o altri brevi momenti di riflessione Le diverse pratiche di culto Nelle seguenti pagine troverai la descrizione delle diverse pratiche di culto delle principali

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF La Direzione Nazionale, riunitasi presso la sede nazionale a Roma, il giorno 17 giugno 2011, viste le proposte

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL SEGRETO DELL OLIO DI ARGAN BIO DEL MAROCCO

IL SEGRETO DELL OLIO DI ARGAN BIO DEL MAROCCO Sapone Orientale all Olio di Oliva Panetto 150 g NOME DEL EGETALE ESTRATTO EGETALE estrae un prezioso olio: l PAROLE CHIAE Pulire e addolcire la pelle. Per chi vuole godere di un momento distensivo nella

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

INVERTIAMO LE FRECCE SULLE CARTE GEOGRAFICHE

INVERTIAMO LE FRECCE SULLE CARTE GEOGRAFICHE 02 INVERTIAMO LE FRECCE SULLE CARTE GEOGRAFICHE MAROCCO 2003 CAMBIAMO LA DIREZIONE DELLE FRECCE: DA SUD VERSO NORD A NORD VERSO! Il nostro progetto nell alta valle del Tessaout. A medio termine: PERCORSI

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 30 giugno 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 30 giugno 2002 Accogliere Gesù L'artista della settimana Loredana Sommaiuolo Colori in movimento "Abbasso

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006 Viaggio in Senegal 1 13 Gennaio 2006 I volontari di SOS Diritti Umani Energia per i Diritti Umani onlus si sono recati in Senegal dal 1 al 13 gennaio 2006. Attività svolte 1. Campagna di Sostegno a distanza.

Dettagli

1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo

1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo Sottomesse A chi?! 1. Le fonti del sapere islamico 2. Lo status della donna nell islam 3. I diritti che l islam ha garantito alla donna 4. Temi controversi: 1. Matrimonio 2. Divorzio 3. Poligamia 4. Velo

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1 I.C. BALANGERO scuola casa Vivere in sicurezza a a pag. 1 e... FILASTROCCA SICURA Ecco arriva la bidella che ci suona la campanella, se sicuro vuoi entrare certo non devi accelerare. Ecco posa la cartella

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA DELL INFANZIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA DELL INFANZIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA DELL INFANZIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Coopselios, in occasione dell Assemblea Generale di Piacenza, del 6 dicembre 2013, ha firmato il protocollo d intesa per l

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

Con l'aiuto di Walter e delle nostre maestre siamo riusciti a tingere alcuni pezzi di stoffa per realizzare questo albero.

Con l'aiuto di Walter e delle nostre maestre siamo riusciti a tingere alcuni pezzi di stoffa per realizzare questo albero. Lo sapevate che ortaggi, fiori, frutti, e spezie hanno delle qualità tintorie? Da essi si possono ricavare dei meravigliosi colori per tingere pezzi di stoffa, carta, legno e sassi. Con l'aiuto di Walter

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 Premessa Titolo del presente lavoro è L antico Egitto. Gli Egizi e la Religione. Questo testo semplificato vuole essere un aiuto

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI GORIZIA Aggiornamento 2010. Multietnicità e multiculturalità: approccio infermieristico

COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI GORIZIA Aggiornamento 2010. Multietnicità e multiculturalità: approccio infermieristico COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI GORIZIA Aggiornamento 2010 Multietnicità e multiculturalità: approccio infermieristico Monfalcone, 26 ottobre 2010 Edi Maurizio FEDEL Affinché gli esseri umani vivano e sopravvivano

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Dopo la prima colazione, visita di Casablanca, la capitale

Dopo la prima colazione, visita di Casablanca, la capitale 1 giorno: Aeroporto-Casablanca Benvenuti all'aeroporto Mohammed V dal personale ATLAS VIAGGI. Incontro con la vostra guida che vi darà una breve rassegna del tour durante il trasferimento in albergo. Arrivo,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran SUL MATRIMONIO Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos è il Matrimonio, maestro? E lui rispose dicendo: Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre. Sarete insieme quando le bianche ali

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Vacanze di Natale 2011 a casa per l 83% degli italiani

Vacanze di Natale 2011 a casa per l 83% degli italiani PianetaDonna Cosa stai cercando? Username Memorizza Registrati Password persa? Mi piace 14 mila 11 News Foto Alimentazione Ambiente Bellezza Casa Coppia Fitness Psicologia Salute Tecnologie Viaggi Cerca

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE INDICE AMMINISTRAZIONE... 5 Art. 1 Amministrazione e sorveglianza... 5 CAPITOLO I SEPOLTURE E INUMAZIONI... 5 Art 2. Norme Tecniche... 5 Art. 3. Autorizzazione... 5 Art.

Dettagli

Dicembre 2010 n.1. Redazione giornalino di Cantiano Piazza del mercato Telefono: 0721/788902

Dicembre 2010 n.1. Redazione giornalino di Cantiano Piazza del mercato Telefono: 0721/788902 Dicembre 2010 n.1 Redazione giornalino di Cantiano Piazza del mercato Telefono: 0721/788902 1 SOMMARIO 1. come vivi a Cantiano? pp. 3-4 2. il mio desiderio; pp. 5 3. tempo libero ( hobby e amici) ; pp.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Il galateo del matrimonio

Il galateo del matrimonio Il giorno del matrimonio è destinato a diventare una delle date più ricordate e festeggiate, quindi è importante che la cerimonia e i festeggiamenti che la seguono appaghino i gusti e la volontà degli

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

Argan. L oro del Marocco per la tua bellezza

Argan. L oro del Marocco per la tua bellezza Argan L oro del Marocco per la tua bellezza Antica tradizione di bellezza Dall arido cuore del Marocco un eccezionale olio che è oro per la bellezza. L Argan è un grande albero che cresce spontaneo nel

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Realizzare la frutta martorana

Realizzare la frutta martorana Realizzare la frutta martorana istruzioni La frutta martorana, è un dolce Palermitano, fatto con pasta reale (simile al marzapane), che, modellata e decorata, vi consente di riprodurre, appunto, la frutta

Dettagli

Preghiera, Liturgia, Ministeri

Preghiera, Liturgia, Ministeri Preghiera, Liturgia, Ministeri Primi passi della nuova comunità nel mondo Riunione di preghiera in casa Passaggio dalla casa privata alla casa dedicata al culto Passaggio dalla DOMUS ECCLESIA ai TITOLI

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

COME DIO SI È STANCATO

COME DIO SI È STANCATO COME DIO SI È STANCATO Una volta Dio viveva vicino agli uomini. Abitava su un albero molto alto e da lì vedeva tutto. Gli uomini lo rispettavano: ogni volta che passavano, si inchinavano. Sotto l albero

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

L importanza della prevenzione

L importanza della prevenzione Le Culture della Salute - Medicine Islamiche - Medicina Unani tibb Autore: Khan,Muhammad Salim L importanza della prevenzione Testo tratto da "La medicina islamica", RED Edizioni, anno 1992, ISBN 88-7031-443-X,

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

ALLAH. Una parte dei 99 nomi di Allāh. Particolare della Moschea di Abu Dhabi

ALLAH. Una parte dei 99 nomi di Allāh. Particolare della Moschea di Abu Dhabi Che cos'è l'islam? L'Islam è l'insieme di credenze,di leggi,di riti fondati sul Corano, diffuso da Maometto. Il termine deriva dal verbo ''aslama'' che vuol dire completa sottomissione del fedele da Allah.

Dettagli

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Leggia Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO SUL CIMITERO L`assemblea del comune Politico di Leggia - vista la legge Cantonale sull`igiene pubblica del 2 dicembre

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI. Incontro tra culture. InconTRo Tra CulTure. Ottobre 2012 n.7. Innocenti Evasioni n 7 2012

INNOCENTI EVASIONI. Incontro tra culture. InconTRo Tra CulTure. Ottobre 2012 n.7. Innocenti Evasioni n 7 2012 INNOCENTI EVASIONI Incontro tra culture Ottobre 2012 n.7 Le feste del mondo arabo Una festa Rumena 2 LA PICCOLA FESTA: sarebbe l ultimo giorno di Ramadan in cui si interrompe il digiuno. Il Ramadan viene

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

L ACQUASANTIERA LA PIANETA

L ACQUASANTIERA LA PIANETA L ACQUASANTIERA È un recipiente, di pietra o di marmo, posto all entrata della Chiesa, che contiene acqua benedetta. In esso intingi la mano destra, prima di farti il segno della croce. Segnarsi con l

Dettagli