Riflettendo sui funerali di Stato per Placido Rizzotto. di Giuseppe Oddo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riflettendo sui funerali di Stato per Placido Rizzotto. di Giuseppe Oddo"

Transcript

1 Riflettendo sui funerali di Stato per Placido Rizzotto di Giuseppe Oddo L avessero detto al mio bisnonno mastro Ciccio il sellaio che, centocinquantadue anni dopo le pubbliche esequie tributate in differita dalla dittatura garibaldina ai resti di Francesco Bentivegna, Corleone sarebbe divenuta ancora una volta teatro di un analogo funerale di Stato (e per giunta alla presenza delle massime autorità della Repubblica), la buonanima si sarebbe fatto di sicuro ibernare pur di potervi partecipare di nuovo con la bandiera nazionale abbrunata. Ma purtroppo morì di crepacuore nella primavera 1905 e si portò nella tomba il rammarico di aver bruciato la propria vita inseguendo la stessa utopia della libertà e il medesimo miraggio della terra per cui il 10 marzo 1948 il sindacalista Placido Rizzotto fu sequestrato dalla mafia, ucciso e buttato in una foiba della Rocca Busambra, coll illusoria speranza d impedirne il seppellimento. Nulla di nuovo sotto il sole, però, neanche per quest aspetto! Sul fare dell alba della nostra storia unitaria, un trattamento simile era stato riservato ad altri generosi corleonesi, primo dei quali Filippo Bentivegna, eroe dimenticato e fratello del martire risorgimentale. È vero, il 21 luglio 1851 il ventottenne gentiluomo, secondogenito di don Giliberto (agiato borghese di Corleone) e di donna Teresa Cordova dei marchesi della Giostra, fu ucciso nel carcere palermitano dell Ucciardone, e non già dai mafiosi, bensì dagli aguzzini borbonici, che lo torturarono a morte e subito dopo lo diedero in pasto ai pesci, nel tratto di mare compreso tra l arsenale e il forte di Castellammare. Ma le sue disavventure erano cominciate tra la fine del 1839 e l inizio del 1840, per motivi simili a quelli che negli quaranta e cinquanta del '900 avrebbero armato la mano all esercito della lupara che scaricò la furia omicida contro Placido Rizzotto e tanti altri capipopolo della Sicilia occidentale. Certo, Filippo Bentivegna (allora diciassettenne) non era sindacalista come Placido Rizzotto. I sindacati avrebbero cominciato a fare la loro prima timida comparsa diversi decenni dopo. Di mafia si sarebbe iniziato a parlare senza molta cognizione di causa solo dopo l unità d Italia. Ma già negli ultimi decenni della dominazione borbonica si registravano i primi inequivocabili segni del famigerato fenomeno (allora tutto siciliano) che, ancorché allo stato embrionale, non era certo meno pericoloso e inquietante di quanto sarebbe diventato negli anni ruggenti delle faide mafiose, che insanguinarono diverse realtà dell Isola. Sì, perché soprattutto le città contadine della Sicilia occidentale erano ancora fortemente connotate dalla massiccia presenza del latifondo cerealicolo e dei gabelloti (grossi affittuari) che, oltre a monopolizzare il mercato del lavoro e l erogazione dei soccorsi alimentari ad usura,

2 detenevano le più importanti leve di potere nei municipi. Erano peraltro venuti al pettine i nodi storici dell assetto fondiario post-feudale a causa delle ultime norme sulla liquidazione dei diritti promiscui, cui si aggiungeva il groviglio di aspettative più o meno lecite, suscitate dal regio decreto 19 dicembre 1838, n. 5010, che creava le premesse per la suddivisione dei latifondi ecclesiastici di regio patronato. A testimonianza dell imbarbarimento dei rapporti di convivenza tra i soggetti interessati al futuro assetto delle campagne, basti citare due suppliche inviate nell estate 1840 alla «Sacra Real Corona, a nome dell Altissimo Iddio». La prima, anonima e recante la data del 3 agosto, recitava: «Gli agricoli coloni di Sicilia, entrati in massimo scoraggiamento e quasi impossibilitati a proseguire le loro industrie di campagna a causa di un infinito numero di furti d abigeato vi si commetton, oltre le famose comitive armate di briganti, che con violenza tanto negli arbitri di campagna che a passo commettono furti e assassinj, con massima umiliazione alla Sovrana Maestà Sua ricorrono onde imporre con sovrana legge un mezzo più opportuno, onde cessare i furti di abigeato, ed estinguere le comitive». La seconda, scritta il giorno dopo (forse su suggerimento delle autorità borboniche) portava le firme dei più grossi gabelloti della Sicilia occidentale e forniva maggiori dettagli: I sottoscritti massai ed affittuari di terra, prostrati ai piedi del Real Trono, col più profondo rispetto umiliano a V. M. che le due Valli di Palermo e di Trapani oltre ad essere continuamente infestate da gravi furti di abigeato sono attualmente sottoposte alle terribili concussioni di tutti gli assassini e corridori di strada. Non vi ha comune dove non sia quasi ogni giorno uno o più proprietari, e costretto a ricomprare la sua libertà con lo sborso di considerevoli somme. Possono citarsi per l autenticità dei fatti in esempio: Isidoro Cristina del Comune di Prizzi; sac. D. Gioacchino Di Bella in Palermo nell ex feudo di Traversa; D. Francesco Tomasini di Giuliana nell ex feudo Casalotto; don Antonino Milana nell interno del Comune di Partinico; Filippo Sparacia del Comune di Castelvetrano nell ex feudo di Abbesi; il figlio di Girolamo La Monica vicino il Comune di Alcamo; don Angelo Di Stefano del Comune di Santa Ninfa recentemente sequestrato con tutta la sua famiglia ed un figlio arciprete, ed attualmente in potere degli assassini. In questa deplorevole situazione gli oratori non possono più recarsi nei rispettivi lor fondi per attendere alle campestri occupazioni, e son costretti ad abbandonare all intutto la cultura delle terre che è la primaria fonte di sussistenza di quest isola. La pubblica tranquillità e sicurezza delle persone sono nel più ignominioso e violento modo attaccate e compromesse. Gli oratori pertanto supplicano l alta

3 giustizia di V. M., affinché si degni di emettere gli ordini più severi ed efficaci ad ovviare ad un tanto inconveniente. In questo clima turbolento si colloca la vicenda umana e politica di Filippo Bentivegna, che (avendo abbandonato gli studi) fu incaricato dal padre di occuparsi della gestione dell estesa tenuta di famiglia nella contrada Mendola, alle falde orientali della Rocca Busambra. I prodromi della brutta fine che l attendeva non tardarono a manifestarsi con la perdita di un braccio che, a detta del comandante della Gendarmeria reale di fanteria e cavalleria in Sicilia, gli si «dovette amputare perché rovinato dallo scoppio di un fucile che si caricava a caccia». Vuole tuttavia la tradizione familiare che lo sfortunato giovane sia rimasto mutilato a soli diciassette anni a causa di una ferita da arma da fuoco, riportata in un duello con un gabelloto del luogo, che si sentiva danneggiato dal tipo di conduzione aziendale diretta praticata nelle terre di don Giliberto Bentivegna. Non per questo quel «ragazzo fiero e discolo» smise di occuparsi delle terre della Mendola. Nell autunno 1840 le tenute dei Bentivegna furono teatro di un duro conflitto a fuoco tra la gendarmeria e un accolta di ladri di bestiame. Nella contrada Mendola i militari arrestarono alcuni malfattori cui sequestrarono 16 animali rubati in altre contrade. A tal proposito il 13 ottobre il sottintendente di Corleone Emanuele Di Giorgio, abruzzese ma amico dei gabelloti del luogo, si affrettò a rapportare ai superiori «che il fondo della Mendola e quello di Marosella dove fu il primo incontro della forza pubblica con i ribaldi si appartenevano a D. Giliberto Bentivegna» e che «con quei ladri aveva pratica il di lui campiere cognominato Mamola e qualche volta il suo proprio figlio per nome Filippo». A rincarare la dose fu un mese dopo una lettera anonima all intendente: Tutti i proprietari di Corleone reclamano a V.E., qualmente mesi uno addietro nello ex feudo della Mendola accadde un forte attacco tra molti assassini e molti gendarmi reali. Varij animali rubati restarono nel luogo e condotti a questa giustizia, il domani si fecero molti arresti. Interrogati dal giudice Paternostro dichiararono che D. Pippo Bentivegna era stato il promotore della comitiva ed il ricettatore, con scienza certa, degli animali ed altri oggetti ottenuti in varii furti con violenza commessi. Intanto perché il capo ladro, figlio di don Giliberto Bentivegna, si mantenne occulto, si cambiano le carte del processo con positivo attrasso della verità e della giustizia si mette in libertà. Il popolo prega perché venghi un giudice istruttore per verificare che si pratica il monopolio per proteggere un assassino. Si augura giustizia pronta. Ciò fosse stato ancora poco, Filippo fu accusato di omicidio «in persona di D. Alessio D Amore». Fu

4 perciò tratto in arresto per misura di polizia, ma «subito scarcerato perché si scoprì falsa l imputazione». Questa circostanza sconcertò le massime autorità borboniche al punto che da Palermo il capo della polizia chiese al sottintendente Di Giorgio cosa ci fosse di vero nella voce malevola che considerava «don Pippo Bentivegna supposto protettore di ladri, e come costui era riuscito in forza di sue aderenze liberarsi di procedimenti giudiziari». La risposta fu sin troppo vaga: «Questo giovane si portava spesso in quei luoghi»; era quindi probabile che avesse avuto occasione di vedere i malfattori. L inchiesta si chiuse per il momento così, anche perché frattanto un rapporto del comandante della gendarmeria reale aveva restituito onore alla verità dei fatti e don Giliberto aveva deciso di tenere il figlio «sempre presso di sé e senza lasciarlo in Palermo, avendo dato anco in affitto la possessione per togliergli qualunque occasione di andare in campagna; e ne ha anco allontanato il fattore, persona sospetta». I gabelloti avevano dunque vinto su tutta la linea. Ma il loro amico sottintendente continuò a perseguitare il giovane mutilato, la cui presenza a Corleone era di per sé una mina vagante per il blocco di potere agrario borbonico protomafioso. Appresa la notizia di un furto di bestiame con sequestro di persona commesso la notte del 2 ottobre 1841 in una masseria della lontana Mistretta (al confine con il territorio di Nicosia), l implacabile funzionario abruzzese fece cadere i sospetti ancora una volta su Filippo Bentivegna, che il 19 ottobre fu costretto a darsi alla latitanza in attesa di poter documentare la propria estraneità ai fatti che gli venivano imputati. Per tutta risposta, il sottintendente si attivò per farlo inserire nella cosiddetta «lista di fuorbando» provinciale (che autorizzava qualsiasi delinquente prezzolato ad ucciderlo e riscuotere una taglia), e non senza notificare al padre che si stava rendendo responsabile di «rigorose misure a carico della di lui famiglia». A questo punto il giovane fuggiasco non potè fare a meno di consegnarsi alla giustizia. Affrontò a testa alta il processo, che dopo lunghe peripezie e non poche visite ispettive di un abile investigatore inviato dal governo nelle sedi giudiziarie di mezza Sicilia, fu celebrato a Messina il 28 agosto Filippo Bentivegna fu naturalmente assolto. Ma il sottintendente di Corleone «credette opportuno non farlo tornare in Patria, ma gli assegnò domicilio forzoso in Palermo sotto la diretta sorveglianza di questo Prefetto di Polizia». Per farla breve, a causa del veto del sottintendente amico dei gabelloti e degli abigeatari, il povero mutilato non potè rientrare a Corleone nemmeno il 27 agosto 1847, quando morì suo padre. Vale la pena di aggiungere che le sue disavventure segnarono anche il destino degli altri fratelli (Francesco, Giuseppe e Stefano), che da quel momento divennero tra i principali esponenti della

5 cospirazione antiborbonica nella Sicilia occidentale e paladini della giustizia sociale. Nella rivoluzione del i due fratelli maggiori, Francesco e Filippo, ebbero un ruolo di primissimo piano nella fase eroica della lotta armata. Il primo fu poi nominato comandante militare del distretto di Corleone (di cui accettò la carica ma non lo stipendio) e, subito dopo, deputato al parlamento. Filippo venne acclamato capitan d arme del distretto e, benché mutilato, lasciò il segno nella lotta ai malfattori che infestavano quel vasto territorio circondato da quattro grandi boschi. L uno e l altro opposero armi in pugno l estrema resistenza alle truppe napoletane che si apprestavano a riconquistare Palermo liquidando la memoria stessa dell esperienza rivoluzionaria. E quando poi furono chiamati a collaborare con la restaurazione borbonica, si rifiutarono entrambi. A pagare per primo fu Filippo, che ritornò in carcere (nuovamente per motivi di polizia) pochi giorni prima che nascesse il suo primo ed unico figlio, Gilberto. Il resto lo sappiamo già. L 11 settembre 1852 fu la volta di Giuseppe, cui fu inflitta la condanna alla pena dei ferri a vita «come imputato di essersi momentaneamente riunito nel 1850 [in occasione della rivolta di Nicolò Garzilli] alla disciolta comitiva di Corleone per commettere reati». Ma già nei primi giorni di dicembre 1851 anche Stefano, che pure doveva ancora compiere 17 anni, era stato arrestato e inviato al soggiorno obbligato a Palermo dal nuovo sottintendente Gaetano Coffaro, cui era stato descritto come «giovane sconsigliato e capace di trascorre qualche delinquenza». In forza di questo marchio infamante di chiaro stampo reazionario, Stefano aveva corso addirittura il rischio di avere assegnata come sede del soggiorno obbligatorio Catania, dove si era trasferita sua madre in preda allo strazio per la brutta fine fatta da Filippo. Le traversie affrontate da Francesco, ho avuto modo di raccontarle con dovizia di particolari. È però il caso di ricordare che dall autunno 1849 alla fine del 1856, l ardimentoso corleonese (nato il 4 marzo 1820) fu a centro di quasi tutte le cospirazioni e le rivolte antiborboniche nell Isola. In occasione dello sfortunato tentativo di Nicolò Garzilli (27 gennaio 1850) aveva già mobilitato circa contadini, i più svegli dei quali, su sua indicazione e del mazziniano villafratese Stefano Scaccia, avevano organizzato diverse azioni dimostrative nei mulini idraulici per abolire la tassa sul macinato; altri reclamavano l assegnazione delle terre pubbliche usurpate. Nel dicembre 1851 Francesco diresse un assalto alle Grandi prigioni di Palermo (Ucciardone) nel generoso ma vano tentativo di liberare 89 detenuti politici. Costretto a vivere alla macchia dal gennaio 1850 al febbraio 1853, il prode corleonese non esitò a svendere una cospicua fetta del patrimonio avito per finanziare la cospirazione antiborbonica e soccorrere i poveri della città e delle campagne.

6 Messia del riscatto sociale, «uomo di consiglio ed azione, capace per l energia del carattere e della parola a concitare le masse ad avventati partiti», in quei tre anni di latitanza Francesco Bentivegna riuscì a tessere una rete cospirativa estesa da Corleone a Sciacca, da Palermo a Catania da Termini a Cefalù e Messina, da Catelvetrano a Marsala, a Menfi e Monte San Giuliano. Rete che accomunava popolani e borghesi, studenti e artigiani ambulanti, professionisti ed esponenti di vari ordini religiosi, carrettieri e uomini di mare come Mario La Bianca che lo mise presto in contatto con Mazzini, su segnalazione di Stefano Scaccia. Non a caso, incoraggiato dai moti scoppiati in Italia e all estero, nel 1853 Bentivegna tentò di fare insorgere Palermo. Ma il tentativo fallì per la delazione di una spia borbonica, che il 19 febbraio aveva partecipato ad una riunione in un casolare della contrada Santa Maria di Gesù, nell agro palermitano. Furono arrestati i cospiratori di mezza Sicilia. Lo stesso Bentivegna fu catturato nottetempo nella casa di una tessitrice del quartiere Albergheria di Palermo. «Questa recrudescenza ne conati demagogici commentò a caldo il luogotenente generale del re è l eco de fatti di Milano, è l eco del fatto più terribile di Vienna e forse [ ] è l azione simultanea di Mazzini, che coordina i tumulti in tutta Europa». Resta nondimeno il fatto che, accusato «cospirazione contro la sicurezza interna dello Stato, tendente ad eccitare i sudditi e gli abitanti del regno», Francesco Bentivegna sarebbe stato fucilato se non fosse intervenuta la Corte Suprema di Sicilia, che trasmise le carte processuali alla Gran Corte Criminale di Trapani. La quale, il 25 luglio 1856, nel clima d isolamento internazionale in cui si trovava il Regno di Sicilia per la guerra di Crimea, assolse tutti gli imputati. Il prode corleonese tornò a casa il 2 agosto, ma non senza pagare una forte mallevaria e restare a disposizione dell ispettore di polizia Antonio Pitino. Per quanto guardato a vista, il generoso capopopolo trovò comunque il modo di organizzare (su mandato di Rosolino Pilo, Carlo Pisacane, Nicola Fabrizi, Giuseppe Fanelli e non senza il tacito assenso del governo piemontese) la rivolta del 22 novembre 1856 che vide levarsi in armi centinaia di contadini di Mezzojuso, Campofelice di Fitalia, Villafrati, Ciminna e poi anche gli antiborbonici di Cefalù guidati dai fratelli Botta e Salvatore Spinuzza, che (liberato dal carcere) fu acclamato capo. Il risultato, come sappiamo, fu disastroso. I soli condannati alla pena capitale furono più di trenta, tra i quali il bisnonno di chi scrive, mastro Ciccio il sellaio (reo di aver portato il tricolore) e Stefano Bentivegna. Ma i fucilati furono solo due: Francesco Bentivegna (Mezzojuso 20 dicembre 1856) e Salvatore Spinuzza (Cefalù 14 marzo 1857). Tutti gli altri furono costretti a chiedere la grazia al re e se la cavarono con diciotto anni di ferri da scontare con una grossa palla di piombo

7 attaccata alla caviglia nel forte di San Giacomo a Favignana. Particolarmente barbaro fu il trattamento riservato a Francesco Bentivegna. Tanto per cominciare, l eroe fu fucilato davanti alla porta della cognata Rosario Apàro, vedova del povero Filippo risposata con il cav. Nicolò Di Marco. Il suo corpo rimase a lungo sul selciato senza nessun riguardo. E solo per la pietà della popolana Caterina Calagna fu poi coperto da un vecchio manto nero. Il resto è forse il caso di raccontarlo con le parole di Alfonso Sansone:.L infame De Simone, soldato codardo [che aveva comandato il plotone d esecuzione], vietò onorata sepoltura alla salma di un prode né permise, sprezzando le sacre ossa di un morto, che fosse avvolta in una candida coltre, segno di riverenza ai trapassati. Fecela, al contrario, buttare colla veste del condannato in una specie di carnajo del convento di S. Antonino; intimorì quei frati, e lasciò Mezzojuso fra il fremore sommesso dell attonita popolazione. Alla partenza di quel manigoldo, la baronessa Rosaria Aparo, volendo apprestare degna sepoltura al corpo del cognato, si volse per aiuto al signor Nicolò Romano, caldo patriota del quarantotto. Questi, messosi sollecitamente all opera pietosa, trasse dalla sua frate Antonio da Lercara, francescano, il quale, solo, di notte, aprì colla massima circospezione il carnajo, ne tolse la salma del martire, l adagiò in una cassa, e la depose, coll aiuto di altri due frati, in una sepoltura della stessa chiesa, dove rimase, aspettando giorni men rei sino a 1860, anno del nostro riscatto. Le parole dell illustre storico non necessitano di commenti. Non è tuttavia ozioso ricordare che, nel dare quelle rischiose disposizioni, donna Rosaria Apàro non fu solo mossa dalla pietà per il cognato (che peraltro aveva tenuto a battesimo assieme alla suocera suo figlio Gilberto), ma dovette rivivere il dramma di quel terribile 21 luglio di cinque anni prima, quando le fu negato persino il diritto di portare un fiore sulla tomba del marito torturato a morte dagli aguzzini del tiranno. Recuperando il corpo straziato di Francesco, la giovane signora cominciò a coltivare la speranza di poter assicurare almeno a lui degna sepoltura. E così fu. Nel giugno 1860, quando Angelo Paternostro, governatore del distretto di Corleone (fresco di nomina), propose di trasportare i resti di Bentivegna nella città natale, i soli patrioti che tentarono di opporsi furono quelli di Mezzojuso, che di quelle reliquie si sentivano i custodi naturali. Ma tutti gli altri, e segnatamente quelli dei paesi vicini, si mostrarono subito entusiasti di accompagnare (sabato 23 giugno 1860) all ultima dimora nella terra natia la salma del martire. Da poco liberato dai ceppi, che lo tenevano inchiodato alla Fossa di Favignana, il mio bisnonno mastro Ciccio il sellaio ci andò con il

8 glorioso vessillo della libertà, che nel 56 aveva avuto l onore e il privilegio di portare e poi sotterrare, in attesa di tempi migliori, dentro «un vaso di creta», nelle campagne di Villafrati. Ma lasciamo la parola a don Spiridione Franco, cittadino di Mezzojuso, veterano del 1848, membro dello Stato maggiore di Bentivegna e combattente nella battaglia di Palermo dal 27 al 30 maggio Per ora [ ] racconterò ai miei pietosi lettori le onoranze fatte nel 1860, dai Corleonesi, e di [sic] molte persone dei vicini paesi, alle spoglie immortali di Francesco Bentivegna. I di lui fratelli Giuseppe e Stefano Bentivegna liberati dalla catena, che da parecchi anni portavano, accompagnati da un gran numero di Corleonesi, corsero in Mezzojuso ripresero con gran pompa funebre, i sacri avanzi di quella salma, e li condussero nella chiesa madre di Corleone, tutti gli abitanti di ogni ceto di persone, andarono fuori dalla Città, ad incontrare riverente [sic] il mesto, ma glorioso convoglio. Le campane di tutte le chiese battevano il lutto, la banda cittadina suonava la marcia funebre. La commozione ed il pianto furono generali, il dolore era immenso nel popolo quella acerba piaga, il tempo solo lenir può, sanar giammai! Celebrati i funeri onori, che mai si sono visti in quel paese, chiusa e sigillata la cassa, e degnamente collocata nella chiesa madre che viene spesso visitata da coloro che giungono a Corleone. Sulla tomba sovrasta una bandiera, quella stessa che il Bentivegna fece costruire in Villafrate il 23 novembre 1856 che portava e conservò Francesco Labarbiera, come ho detto di sopra. Le parole di Franco meritano qualche precisazione. Ai funerali di Bentivegna erano presenti anche personalità di primissimo piano della dittatura garibaldina, a cominciare da Luigi La Porta che era stato uno dei più stretti collaboratori di Bentivegna e poi comandante di tutte le guerriglie d insorti e stava per diventare ministro dell Interno. C era suo fratello Stefano reduce da Favignana, ma non c era Giuseppe, che continuava a languire nelle Latomie di Siracusa finché il 22 ottobre non sarà liberato da Garibaldi. C era invece un altro eroe, già condannato a morte perché nella rivolta del 1856 aveva portato «la bandiera colla quale si sovvertiva l ordine pubblico», e che meno di un mese dopo si sarebbe coperto di gloria nella battaglia di Milazzo fino al punto di guadagnarsi sul campo i gradi di «uffiziale del Battaglione detto di Bentivegna». Era il mio bisnonno e si chiamava Francesco Barbera, anche se nessuno l aveva chiamato mai più così dal 1849, quando dalla sua Menfi si trasferì a Villafrati e (per sfuggire ai rigori della restaurazione borbonica) cominciò a camuffarsi sotto l improbabile cognome La Barbera, che per colmo di sventura molti (compreso don Spiridione Franco) chiamavano

9 Labarbiera. Il tricolore del 1856 rimase sulla tomba di Bentivegna solo un anno. Poi fu tolto dall asta e avvolto attorno al feretro del martire. Nessuna lapide ricorda il portabandiera della libertà e della giustizia sociale, che per essere riconosciuto danneggiato politico ai sensi della legge dell 8 luglio 1882 dovette recarsi a Roma a piede. Mastro Ciccio il sellaio morì sotto falso nome e fu inumato sulla nuda terra, non si sa bene in quale angolo del piccolo cimitero di Villafrati. Ben vengano dunque i funerali di Stato in differita. Onore a Placido Rizzotto, la cui tomba sarà il monumento simbolo a tutti eroi italiani senza nome, il Pantheon dei martiri dimenticati. Onore alla Patria repubblicana, nata dalla resistenza al nazi-fascismo, che vide il futuro sindacalista corleonese tra i più motivati militanti! Onore alle nuove generazioni corleonesi impegnate sulla trincea avanzata del riscatto del buon nome della città dei Santi Leoluca e Bernardo, dei fratelli Bentivegna, di Bernardino Verro, di Placido Rizzotto e di tutte le vittime della barbarie mafiosa. Giuseppe Oddo

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni Domenica 4 Gennaio 2015 BARCELLONA, IERI DEPOSITATI I VERBALI CON LE CLAMOROSE DICHIARAZIONI DEL PENTITO CARMELO D AMICO: C ERA UN PATTO TRA MAFIA E MASSONERIA. GLI INTRECCI E I NOMI SVELATI DAL COLLABORATORE

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA 1 LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA Non prima degli anni Settanta sappiamo di più delle strutture interne della mafia, dei complicati rapporti socali e del clima psicologico nei clan della mafia.

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Come è bella Milano, imbandierata a festa, che si unisce

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli