RACCONTI DI VITA VISSUTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RACCONTI DI VITA VISSUTA"

Transcript

1 RACCONTI DI VITA VISSUTA I. Il funerale più affollato di Trischene Elenina uscì di casa sbattendo la porta quella sera era già tardi per i suoi 14 anni. Ed era ancor più tardi per la sua personale inquietudine. Fischiava un vento insistente, e lei lo sfidava curva e determinata, con le foglie, cicche e cartacce che le volavano intorno mentre imboccava via Italia, l abbaiare furibondo in lontananza di un cane si mescolava al rumore sordo dei suoi pensieri, quando, attraversato il grande arco ed il portone del Cantinone, si trovò davanti alla nota finestrella, con le sbarre grosse, arrugginite e pesanti, e accanto, il portoncino chiuso, con quel numero civico 17, a testimoniare quanto a volte può essere cinico e beffardo il destino e l inquietudine di Elenina aumentò. Si fece forza, prese un bel fiato, e cominciò a correre a più non posso. Quando attraversò il piccolo spiazzo e s immise nella strettoia che costeggiava i ruderi dell antica Chiesa Madre di San Silvestro, correva così tanto, che sentiva il cuore possente, dalla trachea, pulsarle fino in gola. Sempre più agitata saltò i grandi gradoni in pietra a due a due e, a perdifiato, svoltò in Via Bruzio. Alla fine dell ardua discesa finalmente potè cominciare a voltarsi repentinamente all indietro Il pericolo era scampato e all imbocco del Ponte Pranno potè tirare un bel sospiro di sollievo. II. E noto a tutti come spesso il paese è fonte e veicolo di pettegolezzi e storielle. A volte si tratta di chiacchiere innocenti, innocue ed inoffensive, o di voci e dicerie bizzarre, singolari e strampalate. Ma a volte sono indiscrezioni insensate ed ottuse o peggio maldicenze infami e maligne. E talora arrivano ad essere finanche delle volgari e spregevoli insolenze o peggio ancora, miserabili e vergognose calunnie. E così talvolta capita che queste, chiamiamole storielline, si trasformino in vere e proprie censure e condanne ai danni del malcapitato personaggio, che suo malgrado, si trova al centro di situazioni scaturite solo dalle fantasie morbose e perverse dei concittadini, che, nel tempo, possono dare origine a vere e proprie leggende, come del resto questa, che mi trovo così per caso a tramandare.

2 C è da dire ancora che spesso i chiacchieroni indiscreti ed intriganti, o meglio, i pettegoli, si giustificano appellandosi ad alcuni proverbi di origine dubbia, come ad es. : si nun fai un se sa o ancora puru ca un si vistu si sentutu. E nel ridente e solare paesino di Trischene, tra strade e stradine, vicoli, piazze e piazzette, portoni, battenti o usci di casa, erano tanti i luoghi dove potevi ascoltare la fatidica frase d esordio: u vo cuntatu nu fattu? oppure u sai chi m hannu dittu! A Trischene, la Piazza Poerio era il veicolo e luogo deputato per eccellenza. Era naturalmente aperto a tutti i cittadini, che partecipavano in base alle proprie mansioni e in base ai propri ruoli: c era lo scettico, il dubbioso, il sospettoso, l incredulo, il difensore d ufficio, ed i molti e semplici uditori. Ma i più numerosi erano sempre gli accusatori, o accusaturi, nel gergo trischeneo, e quella mattina, vicino ai giardinetti che ospitavano la statua del Mattia Preti, disposti in cerchio, numerosi personaggi di Trischene cuntavanu intorno agli accadimenti, o meglio, alle avventure e tribolazioni, o meglio ancora, intorno alle traversie, disavventure e disgrazie di don Filomeno Ricca. III. Una delle cose più incredibili che si dicevano di don Filomeno era che fosse adoratore del demonio e che avesse fatto un patto col diavolo. E quella mattina uscì fuori tutto il campionario più incredibile e assurdo intorno alla sua casa ed alla sua figura. Cicciu u Barbaru esordì: - m ha dittu antura Peppinuzzu u Tartanu ca l athru jornu è thrasutu alla casa ma ce porìa a spisa e ca ha vistu tutte chiddhe maschere di metallu mpennute alla parete comu si forannu quathri. Eo vi l aju sempre dittu ca don Filomenu se cumpessa c u diavulu. E quannu a notte un c è nessunu e vida nu foresteru, fincia ca un ce vida bonu e parra shranu ca para quasi Ntonuzzu u Mutu. Allu foresteri le dispiacia e cussì l ajuta mu fa thrasire dinthra. E allora ZZAANN!!! Orlandu u Scimunitu che era uno degli scettici del gruppo, a quel punto chiese:

3 - A parte u fattu ca foresteri dinthr a notte nun aju ncunthratu mai, eo volerra sapire chi vo dire tu cu chiddhu ZZAANN!! E Ciccio in risposta - Ma allora si nu babbareddhu daveru. Su mancia! E Orlando fra i risolini di scherno e l incredulità generale - Ma statte quetu ca è medgghiu. Su mancia mò!e poi su mancia pè fame o pe malacarne. Un bastava tuttu u restu, mo don Filomenu diventau puru cannibbalu. Ma poi dicu eo, l ha vistu ancunu per casu? Rivolgendosi alla folla - L hannu vistu Orlà, l hannu vistu. Peppinuzzu u Tartanu m ha dittu ca l annu scorsu don Filomenu s ha accattatu u comu u chiamanu u friggideru - disse qualcuno. E Orlando correggendolo - U fregoriferu - Chiddhu! Chiddhu! - ribattè Ciccio - e si l ha accattatu ma ce minta tutte e restatine di foresteri c ammazza a notte, ca cussì un puzzanu. E via di questo tono. Per quanto surreali ed esagerati potevano sembrare i racconti di Cicciu u Barbaru, i toni su cui vertevano le discussioni intorno a don Filomeno non erano molto dissimili. Si parlava soprattutto delle sue strane usanze come quella di uscire soltanto nella notte, e mai per il paese, ma soltanto nel suo orto. Del resto la sua figura non aiutava. Longilineo, vestito di nero con lungo cappotto. Piegato dagli anni, con quei peli luridi che gli uscivano dalle orecchie e dal naso, i capelli e le mani gialle per il troppo fumo trinciato forte. E poi quel suo intercedere strisciante e rumoroso. E non aiutava nemmeno l orrendo delitto di cui s era macchiato in gioventù e che l avrebbe segnato per tutta la vita.

4 IV. Tuttavia intorno a quella figura così leggendaria l argomento più discusso era sicuramente la sua grande casa. E tutti gli aberranti ed inconfessabili segreti che celava. In verità, nell abitazione di don Filomeno, nessuno a memoria d uomo vi aveva mai messo piede. E neanche Peppinuzzu u Tartanu, che vantava una certa confidenza, non era mai andato al di là della soglia. Eppure era proprio da Peppinuzzu u Tartanu che traevano origine quasi tutte le leggende intorno a quella casa. Essendo Peppinuzzu il bottegaio di Trischene, era l unico che poteva avvicinarsi con la scusa di portare la spesa. Persino Giovanninu u Postinu consegnava la posta nelle sue mani per fargliela recapitare. Ma Peppinuzzu non era mai andato oltre a qualche sguardo fugace a quell entrata così misteriosa ed imperscrutabile, e a quella casa, che con le sue imposte e tende sempre chiuse, stuzzicava ed eccitava in profondità l ingerenza e la curiosità invadente dei trischenei. C era chi come Cicciu u Barbaru avallava dunque la collezione di maschere di metallo chiù brutte du scuru da menzannotte. Chi invece sosteneva che conservasse aborti ed ogni genere di piccoli animali che servivano per i suoi insoliti e strambi esperimenti. C era poi chi pensava ad un laboratorio, come se ne vedevano in alcune illustrazioni, pieno di ampolle rigurgitanti fumo e liquidi colorati. E poi marchingegni strani ed utensili bizzarri, che servivano per chissà quali esperimenti alchemici. C era poi chi immaginava tutte le più moderne invenzioni, come la lavatrice, il frigorifero, e tutte quelle cose meravigliose e fantastiche che i trischenei da qualche tempo potevano ammirare nella sala adiacente la Chiesa di Santa Barbara, dove, come in una sorta di cinematografo, l Arciprete Arrotta aveva fatto installare una di quelle scatole magiche che chiamavano televisione. C erano poi i più cattivi, che spinti dalla loro fantasia esagerata, immaginavano figli malformi, incatenati nei sotteranei, o corpi di belle donne, che don

5 Filomeno avrebbe rapito chissà dove. Eppure il Palazzo Ricca era all origine la dimora di un antica e nobile casata trischenea, con tanto di blasone e stemma in bella vista sul portone d ingresso, a testimonianza ancor oggi di tutta la sua importanza. Sontuoso e particolarmente interessante dal punto di vista architettonico, conservava nel suo cortile interno un pregevole colonnato e degli apprezzati affreschi ad abbellire i riquadri delle pareti e la copertura. Ma tutto oggi si mostrava in decadenza in declino era il Palazzo Ricca e parallelamente in declino appariva tutta la famiglia, don Filomeno compreso, che ultimo di tanti fratelli, era l unico rimasto ancora a Trischene. V. A questo punto c è da dire che quando parliamo di leggende e credenze popolari, i bambini, col loro mondo immaginario e fantastico, sono molto ricettivi, sensibili e pronti. E suscettibili. Soprattutto quando c è di mezzo un personaggio così tenebroso, oscuro e controverso. Ed anche i genitori son lesti ad introdurlo in un loro particolare e tramandato codice educativo. Infatti ne fanno narrazione che possa stimolare la loro infantile ed atavica paura, come un monito, un deterrente o ammonimento per eventuali

6 malefatte. Ed allora ecco come nascono tutte quelle presenze misteriose e tutti quei fantasmi che occupano ed aleggiano intorno a quel numero civico 17. Elenina coi suoi 14 anni era già più di una bambina, ma la sua inquietudine era comprensibile a quell ora e davanti a quella casa. Ma non si trattava soltanto di panico, fifa o terrore. C era in lei anche un forte sentimento d angoscia, di pena, d afflizione, perché nella sua casa, nota a Trischene come la casa dei Fiordalisi, s era abbattuto, come un temporale, una sofferenza, un dolore. Rosario, detto da tutti Santo, e fratello maggiore a cui Elenina era molto legata, aveva contratto il tifo e versava in condizioni disperate. Nella casa dei Fiordalisi era arrivata la notizia che la penicellina, una nuova e costosa medicina, avrebbe potuto guarire Santo. Quella sera Mamma Rosa e Papà Floro non erano in casa in quanto lontani per lavoro, nei pressi del Marchesato di Cutro. E quando loro non erano in casa, come del resto sovente accadeva, era Rosetta, la sorella maggiore, a prendere le redini della casa di San Silvestro. Rosetta, seppur dotata di gran cuore, era una donna molto severa, che non esitava nelle maniere forti quando si trattava d impartire l educazione ai fratelli più piccini. Tanto che più volte ricorreva alle botte, particolarmente nerborute per Nino, il più scapestrato tra i fratelli. Intanto le condizioni di Santo peggioravano lambendo l avvilimento e la disperazione. Rosetta prese la decisione che bisognava assolutamente recarsi al Circolo buono di Trischene, per chiedere la penicellina a don Cettino il farmacista. Era Teresina che solitamente s occupava di queste incombenze, in quanto la più energica, risoluta e determinata fra tutti i fratelli e sorelle. Ma quella sera Teresina non era ancora rincasata perché in quel periodo amoreggiava con Antonio Diviso, figlio del notissimo don Pepè. Mamma Rosa e papà Floro erano felicissimi di questo amore in quanto Teresina avrebbe presto sposato il rampollo di una delle più ricche famiglie di Trischene. E tutto ciò grazie alla sua bellezza. Bellezza che nella famiglia Fiordalisi e forse in tutta Trischene era seconda soltanto alla sorella Elenina. La quale si trovò così costretta quella sera ad uscire e a percorrere la strada che come abbiamo visto

7 attraversava la casa di don Filomeno, con il terrore e la paura d incontrare i fantasmi, o come venivano chiamati a Trischene le paurate VI. Dunque avevamo lasciato Elenina a tirare un bel sospiro di sollievo all altezza del Ponte Pranno. Ella, boccheggiante ed affannata per la lunga corsa, lo attraversò, e si trovò immessa nella via principale del paese, Corso Mattia Preti. Ancora pochi passi e sarebbe arrivata al Circolo buono, frequentato dai notabili, dalle autorità, in sostanza dai maggiorenti di Trischene. Il Circolo aveva sempre le tende serrate per evitare che si potesse curiosare all interno, e questo denotava come i soci fossero molto attenti alla loro riservatezza, tanto che nessuno dei non aventi diritto poteva assolutamente entrare. La stessa Elenina non era mai stata in quel luogo bandito alle donne, così emblematico della potenza e ricchezza delle maggiori famiglie di Trischene. Tutto ciò, non faceva altro che aumentare la sua agitazione e il suo nervosismo.la porta era socchiusa, e timidamente, entrò ed attraversò una prima sala deserta dove arrivavano attutite le voci dei soci, riuniti nella sala adiacente. Elenina questa volta bussò. Nessuno rispose. Così aprì la porta e si trovò al centro degli sguardi sorpresi ed indagatori dei presenti. Elenina si sforzò di non fare caso a tutti quegli occhi giudicanti e tirò dritta verso un tavolo da gioco in fondo, all angolo della sala, dove era seduto don Cettino il farmacista. Insieme a lui, immersi in una partita di ramino, c erano don

8 Carmelo Maserati, sindaco di Trischene, don Franco Cina, il medico curante, e don Ciccio Cerchiato, avvocato. Essi furono in verità molto seccati ed irritati alla vista dell affannata e trepidante Elenina. Come si permetteva questa piccola impicciona, questa mocciosa così invadente ed intrigante, a disturbare quell atto così vitale, quella pratica così importante e consolidata. Ma cosa ne poteva sapere quella piccola ignorante delle loro faccende altolocate!? Il Sindaco don Carmelo la squadrò da sotto gli occhialini dicendo: - Allora! Cosa vuole la nostra fiordalisina!? Ed Elenina, a quella domanda dal tono così saccente ed arrogante, rispose intimorita - C è Santo che sta molto male Al che don Franco le disse: - Domani mattina lo vengo a visitare - Veramente Rosetta diceva se don Cettino ci può dare la penicellina - rispose Elenina - Non ce n è penicellina! E poi, ce li avete i soldi per pagare? disse sempre più irritato don Cettino. Ormai ci mancava poco che Elenina scoppiasse in lacrime, ma si trattenne ed ingoiando i sussulti e mordendosi le labbra disse - Ha detto Rosetta che poi vi paghiamo quando viene papà E Don Cettino incollerito e rabbioso le disse - Ma guarda sta piccola impertinente maleducata. Non ce n è penicellina, come te lo devo dire, in francese?dì a Rosetta di stare tranquilla che domani mattina viene il dottore per visitare Santo. Ohhh! E che sarà mai! Elenina corse via piangendo mentre don Cettino, don Ciccio, don Carmelo e don Franco, crucciati, ripresero la partita a ramino. Quando Elenina rincasò piangente, prese anche il resto da Rosetta, sotto forma di ceffoni. Ma intanto era arrivata Teresina che, infilandosi il cappotto appena riposto, uscì dicendo: - ci vado io!

9 Elenina tirò su col naso e asciugandosi gli occhi stava sulla soglia della stanza da letto. Osservava quel suo fratello così sventurato che continuava sotto le coperte in quel suo gemito ossessivo, in quel suo lamento sordo ed incessante. Si avvicinò al letto e gli si sdraiò accanto. Gli prese la mano e gliela strinse con tenerezza, ed accarezzandogli la testa, cominciò a sussurargli dolcissime parole d amore. Era così forte la rassegnata amarezza per l avvenimento accaduto poc anzi al Circolo, ed era altresì profondo ed intenso l amore che nutriva per quel suo fratello così infelice, che la percorse per un attimo nella mente un insano proposito: avrebbe soffocato in un ultimo appassionato abbraccio Santo, così avrebbe posto fine a tutte quelle sofferenze. E se l avessero scoperta, tanto peggio. Si sarebbe uccisa anche lei. Intanto arrivò Teresina con la penicellina. Era riuscita col suo fare deciso e sicuro a convincere don Cettino. Ma sicuramente, vista anche l ipocrisia dei tempi, per l opera di convincimento fu fondamentale che Teresina presto si sarebbe sposata col rampollo di don Pepè Diviso.

10 VII. Sin dall infanzia Don Filomeno appariva taciturno, introverso e strano. Decisamente strano. Sembrava, ad un occhio attento, una persona che già dalla nascita sosteneva dentro sé un gran dolore. I Ricca, la sua famiglia, possedevano numerose terre ed immobili, ed era, almeno fino all immediato dopoguerra, la famiglia più ricca e potente di Trischene. I

11 genitori di don Filomeno, addolorati della sua diversità e stranezza, lo indirizzarono verso gli studi di teologia. E fu così che lo chiusero in seminario avviandolo alla carriera ecclesiastica. Don Filomeno subì questa decisione con rassegnata sofferenza. Ma quando arrivò ai 21 anni si liberò dell abito talare, e si trasferì a Roma, per studiare filosofia. A Roma nondimeno, continuò a fare vita molto ritirata. Ma un giorno per lui fatale, conobbe una bella ragazza, e se ne innamorò perdutamente. Destino volle che il suo equilibrio, già fortemente minato, cominciò seriamente a vacillare. Ad un anno dal suo trasferimento a Roma, e a due mesi dal suo innamoramento, invitò Anna Maria nella sua casa di San Lorenzo, per un chiarimento. Quella sera lui le disse: - non sai quanto ti amo - e invece tu sai benissimo quanto non ti amo rispose Anna Maria. E poi sempre più sprezzante - mi ero illusa che dicessi la verità e che dopo quella sera che hai osato darmi uno schiaffo non mi avresti più vista. Ed invece eccoti qua, di nuovo ad implorarmi. Spero comunque che sia l ultima. Don Filomeno, a testa bassa, rassegnato e sempre più afflitto, le rispose - non preoccuparti amore mio, che oggi, e qui a casa mia, sarà l ultima volta che mi vedrai. E finita. Finita come la mia vita quando t ho incontrata quel giorno maledetto. Io non posso più vivere senza di te. Sei la mia ossessione. Anna Maria, non curante del pericolo incombente e con tono sempre più acido, disse - ma io si! Anzi, io voglio assolutamente vivere senza di te - Va bene! Allora addio per sempre e Don Filomeno le si avvicinò minaccioso, completamente fuori di sé e agitando una robusta corda. Anna Maria, indietreggiando, e a quel punto seriamente impaurita, lo implorò - No! Che fai? Lasciami! E Don Filomeno sempre più preda del suo raptus omicida - Tu non devi vivere senza di me! E così la strangolò

12 Dopo il delitto don Filomeno trascorse alcuni anni nel carcere romano di Rebibbia e nel manicomio criminale d Aversa. Tuttavia i genitori, dopo oltre vent anni, riuscirono a farlo liberare. Ma i tempi stavano per cambiare e la sua famiglia era ormai in lento declino. Don Filomeno poco più che quarantenne si trasferì nella vecchia casa di Trischene. All epoca dei fatti qui narrati, quando Santo s ammalò di tifo, nessuno dei Ricca stava più a Trischene, se si eslude il sempre più vecchio e sempre più solo don Filomeno. Ritiratosi definitivamente dalla vita sociale, don Filomeno usciva soltanto la notte, per recarsi nell orto. Nel tragitto non incontrava mai nessuno in quanto l orto si trovava all interno della proprietà, la quale comprendeva anche la sua abitazione. L unico rapporto sociale che intratteneva, era quello con Peppinuzzu u Tartanu, bottegaio di Trischene, che gli consegnava la spesa, il trinciato forte che fumava in continuazione, e talvolta anche la posta. Ma a nessuno e tantomeno a Peppinuzzu era consentito varcare la soglia. E sicuramente questa era la motivazione principale per cui nacquero tutti quei misteri, quegli enigmi ed arcani intorno a quella casa.

13 VIII Santo guarì dal tifo, ma ne restò segnato profondamente, nella mente e nello spirito. Intanto la vita continuava a scorrere per le vie di Trischene. Erano anni di grandi cambiamenti sociali, politici ed economici. In una soleggiata mattina di maggio, un fetore insopportabile aleggiava intorno a quel civico 17 di via Italia. Don Filomeno si era spento. La notizia della morte di don Filomeno si sparse velocemente, e nel giorno dei funerali, già dalla prima mattina, cominciarono ad accorrere persone da Trischene e dai suoi dintorni. Lentamente e per tutta la giornata, una fila interminabile di donne, uomini e bambini aspettavano di entrare in quella casa. Apparentemente per rendere omaggio alla salma, ma in verità per vedere finalmente coi propri occhi tutte le particolarità, tutte le stravaganze, le stranezze e le atrocità che quella leggendaria casa aveva per così tanto tempo occultato, celato ai così saggi, onesti, bravi e irreprensibili abitanti di Trischene. Certamente il funerale di don Filomeno fu a memoria d uomo, quello più partecipato, gremito e affollato della storia di Trischene. Ma con enorme e stupefatta sorpresa, tutti i trischenei e tutti gli abitanti accorsi dai paesi vicini scoprirono una normalissima casa: i mobili vecchi ma ben curati, quadri appesi alle pareti, diverse librerie con tanto di libri, e una cucina pulita ed ordinata. Non c era nessun frigorifero e né tantomeno nessuna lavatrice o televisore. E nessuna diavoleria o arnese strano. E né tantomeno marchingegni fuori dal comune. Ma tutte quelle persone accorse al funerale, si trovarono davanti, con enorme stupore, ad un orto curato inaspettatamente in una maniera prodigiosa, sbalorditiva e con abilità e pratica imprevista e sorprendente. C era la lattuga, i pomodori, le fave, i piselli, i peperoni, le zucche, i cetrioli e i fagiolini. C erano poi dei bellissimi alberi da frutta: nespoli, ciliegie, mele, pere, pesche, aranci, mandarini e limoni. C era inoltre qualche ulivo e una piccola vigna curatissima che gli assicurava una minima ma buonissima

14 produzione di vino rosso cerasuolo e bianco falanghina. Anche Elenina accorse al funerale. Prima d entrare si rammentò di quella brutta serata di qualche mese prima quando Santo s era ammalato. Pensò a quanto a volte siano insensate, cattive, ottuse, brutte ed ingiustificate le paure. E più della casa e dell orto, a colpire profondamente Elenina fu un foglio lasciato sulla scivania dove in una bellissima ed ordinata grafìa don Filomeno aveva appuntato un suo ultimo pensiero: Di lacrime e di sangue, di polvere e di vento di tutti i nostri sogni è la sabbia del deserto perché è lì che son scritte le storie di noi tutti puttane, assassini e sognatori, eroi per caso e farabutti e il deserto è il cimitero della gente senza storia di paure, gran menzogne e amori ignoti alla memoria tra rovine di un passato di violenze e di rancori per trovarsi nel domani una volta ancor più soli. Ma non si fermerà e, anzi, mai sarà finita La canzone del deserto Il deserto della vita. Post Scriptum Ancora oggi a Trischene, alcune persone molto anziane, (magari i nonni ai nipotini) davanti ad una persona che non esce e sta chiuso in casa da diversi giorni, le si dice: Te sta riducennu comu a don Filomenu

15 NB Le persone ed i fatti narrati in questa storia non corrispondono a verità e sono da considerarsi come frutto della fantasia dell autore. DANIELE RADANO TAVERNA (CZ)

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli