IL PRIMO GIORNALE DI ECONOMIA E INFORMAZIONE DEDICATO ALLA FAMIGLIA MILANESE. MilanoRisparmia. Anno 2 - numero 7 23 marzo 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PRIMO GIORNALE DI ECONOMIA E INFORMAZIONE DEDICATO ALLA FAMIGLIA MILANESE. MilanoRisparmia. Anno 2 - numero 7 23 marzo 2006"

Transcript

1 IL PRIMO GIORNALE DI ECONOMIA E INFORMAZIONE DEDICATO ALLA FAMIGLIA MILANESE Anno 2 - numero 7 23 marzo 2006 Quote rosa alla riscossa Dirigiamoci a grandi passi verso una società in cui donne e uomini hanno le stesse possibilità Un futuro duro per l Italia secondo il Fondo monetario internazionale di Loredana Bonucci È la conclusione a cui sono arrivati gli esperti del Fondo monetario internazionale (Fmi): una crescita potenziale di appena l 1,25 per cento annuo, risultato di uno sviluppo della produttività che è stato il più basso tra i paesi industrializzati dal 1996 al L Italia ha come unica possibilità per uscire dalla crisi rimettere ordine nei conti pubblici e attivare interventi strutturali nei mercati del lavoro, dei prodotti e dei servizi. Bella scoperta, verrebbe da commentare. Che per riattivare una situazione in stallo si debbano rompere le posizioni di rendita a scapito dei consumatori, è una regola che ci insegna persino il Monopoli. Secondo il documento del Fmi il problema economico dell Italia, e il conseguente scarso sviluppo tecnologico, ha origine nel fatto che esistono troppe piccole e medie imprese a carattere familiare, cosa che scoraggia l innovazione e la propensione al rischio. Insomma, le colpe sono tutte di carattere domestico: certo Il grande valore della memoria Comunicare è anche mantenere viva la memoria storica di una città e dei suoi abitanti se il costo del lavoro fosse più basso, forse le imprese familiari un dipendente che dia una mano lo assumerebbero anche. Ad appesantire la situazione, sempre secondo il documento del Dipartimento europeo, anche la mancata liberalizzazione dei prodotti e dei servizi e un export indebolito in seguito alla forza dell euro e alla concorrenza dei mercati emergenti. I suggerimenti sono chiari: controllo dei conti pubblici, deficit sotto il 3 per cento, riforme. Una modesta ripresa c è, forse anche grazie a un sistema finanziario solido che riesce ancora a reggere: le banche resistono, anche se i consumatori non ne percepiscono ancora alcun riflesso sul prezzo dei prodotti e sulla qualità dei servizi. Intanto Confindustria lancia un grido d allarme: dal dopoguerra, non si ricorda un periodo di stasi tanto lungo e le cause vanno identificate nella mancanza di concorrenza, soprattutto nei servizi. «Chiediamo uno sforzo per un cambiamento culturale, una vera e propria Rete Civica Milano: la rete siete voi Un servizio a disposizione dei cittadini che vogliono partecipare alla vita della città APAG. 4 APAG. 5 APAG. 9 Servono riforme per la ripresa economica inversione, a favore della concorrenza» ha detto il vicepresidente della Confindustria Andrea Pininfarina rivolgendosi all incontro con i leader dei due principali schieramenti politici, Romano Prodi e Silvio Berlusconi. L obiettivo di Confindustria è trasferire la cultura e i valori della concorrenza in tutta la collettività, rivolgendo l appello anche ai sindacati affinché facciamo proprie queste stesse ragioni. Che al Paese servano riforme per riattivare soprattutto la media e piccola impresa, per alleggerire il costo del lavoro e favorire l assunzione di nuovo personale è un dato di fatto. L elevato tasso di rissa che sta caratterizzando questa campagna elettorale purtroppo sta ponendo in secondo piano i contenuti dei programmi di governo. L augurio è che la prossima legislatura riesca ad attuare tutto questo nel più breve tempo possibile e che a farne le spese non siano sempre le categorie più deboli. Il 9 aprile si avvicina, staremo a vedere. Un voto ai trasporti pubblici Un progetto cofinanziato da Cittadinanzattiva e Regione Lombardia per valutare la soddisfazione dei passeggeri del trasporto urbano a Milano: 515 interviste, su un totale di 51 linee, per capire quale sia il reale grado di soddisfazione dell utenza milanese. APAG. 13 Dalla corte di Giustizia Europea L Irap duplica l Iva e va abolita di Bruno Bonucci La Corte di Giustizia Europea del Lussemburgo, per voce dell avvocato generale Christine Stix-Hackl, si espressa a riguardo dell Irap dicendo che non è in linea con le norme fiscali europee e dovrebbe essere abolita. Secondo Stix-Hackl, l imposta regionale sulle attività produttive sostanzialmente duplica l Iva. L avvocato, nelle sue conclusioni, propone comunque che la sentenza della Corte non abbia effetto retroattivo e che sia valida solo a partire dalla fine dell esercizio tributario durante il quale essa sarà pronunciata. La parola passa ora ai giudici della Corte del Lussemburgo che nelle sentenze di solito fanno proprie le conclusioni dell avvocato generale. In 43 pagine di analisi giuridica Christine Stix-Hackl dichiara che l Irap «abbia le stesse caratteristiche dell Iva, a causa SEGUE A PAG. 2 STRATEGIE SOCIETARIE CONSULENZA E PIANIFICAZIONE FISCALI ASSISTENZA CONTABILE-FINANZIARIA CONSULENZA, TUTELA LEGALE ED ASSISTENZA NOTARILE SUPPORTO GESTIONALE, SELEZIONE E FORMAZIONE DEL PERSONALE MERCATO IMMOBILIARE MARKETING DEL PRODOTTO Sala Riva & Associati Consulenza globale d Impresa Gli studi: v.le Giustiniano, Milano - Tel Fax via Giuseppe Parini, Milano - Tel Tel Fax

2 pag. 2 in primo piano DALLA PRIMA PAGINA della sua applicabilità generale, della sua proporzionalità rispetto ai prezzi, del fatto che è riscossa a ogni stadio della produzione e distribuzione e che viene riscossa sul valore aggiunto alla cessione a ogni stadio, con un meccanisco per la detrazione della tassa pagata negli stadi precedenti, purché il rapporto tra gli importi pagati da un campione rappresentativo di imprese a titolo di Irap e a Titolo di Iva risulti sostanzialmente costante». Ma quale sarà l effetto sui nostri conti pubblici qualora la Corte di Giustizia Europea dovesse effettivamente cancellare l Irap già nel 2006? Scampato il pericolo di un maxi rimborso da 120 miliardi (questo è quanto ha fruttato l Irap), produrrà un buco da quasi 35 miliardi di euro all anno, oltre a circa un miliardo di euro da rimborsare ai tre-quattro mila contribuenti che ne hanno fatto richiesta prima del 17 marzo L imposta sulle attività produttive è stata introdotta nel 1998 per finanziare le regioni, sostituendo sette diverse tasse pagate dalle imprese e dai lavoratori autonomi. Il procedimento presso la Corte di Strasburgo è stato avviato da un paio di anni e da allora si è molto discusso su come modificare l Irap. Nonostante le previsioni di intervento più volte rilanciate durante i lavori della Finanziaria, l imposta non è però mai stata modificata preferendo altri tipi di intervento: con la Finanziaria 2005 si è scelto di modificare le aliquote dell Irpef (o meglio dell Ire) mentre nella manovra 2006 si è preferito ridurre di un punto percentuale il costo del lavoro. L Irap era stata già tema di controversia tra noi e gli Stati Uniti che ci rimproveravano per il problema della doppia imposizione sulle società multinazionali presenti in Italia, caso che poi si è risolto con un trattato bilaterale tra i due paesi. «Un passo avanti verso il superamento di un imposta ingiusta» il commento di Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Confindustria. Il ministro dell Economia, Giulio Tremonti, ha commentato la notizia attaccando il leader dell Unione Romano Prodi, premier ai tempi della sua introduzione da parte di Vincenzo Visco. «Si alzi e chieda scusa per aver inventato l Irap, tanto siamo in campagna elettorale». «Se l Irap è così dannosa e comunista» ha risposto Enrico Letta, responsabile economico della Margherita «perché Berlusconi e Tremonti dopo averne promesso l abolizione in tutte le campagne elettorali non ne hanno modificato nemmeno una virgola?». Resta un mistero come il centrodestra, in caso di vittoria elettorale, sostituirà i 35 miliardi di euro che l Irap ogni anno garantisce allo Stato per il finanziamento delle Regioni. di Fabio Ciccolella Di fronte ad una pubblicità ingannevole, una nuova legge ha attribuito all Autorità Garante il potere di multare i pubblicitari dal naso lungo, con sanzioni che vanno da un minimo di a un massimo di euro, tenuto conto della gravità e della durata dell inganno. Le multe finiscono nel Fondo per iniziative a favore dei consumatori, presso il ministero delle Attività produttive. Le sanzioni comminate a partire dalla metà di novembre, periodo da cui le nuove norme sono risultate effettivamente applicabili, sono 24, per un totale di circa euro. Tra le società più colpite dalle sanzioni dell Autorità spiccano i gestori di telefonia. Wind è in cima alla lista, colpita da quattro multe per quattro diversi messaggi ingannevoli, per un totale di euro: tariffa tutto incluso; promozione casa e Wind; special card di Wind; Wind happy city. Multate anche Fastweb ( euro) e Digitel Italia (7.600 euro): la prima per una connessione Adsl 6 Mega gratis, che in realtà era a pagamento e non era così veloce; e la seconda per non aver specificato che i costi dei servizi indicati sul sito erano da intendersi Iva esclusa. Le pubblicità dei servizi di telefonia si confermano, quindi, tra le più ingannevoli, tanto che l Autorità ha diffuso alcuni suggerimenti ad uso dei consumatori per non cadere nella trappola delle offerte che vengono prospettate come vantaggiose, ma E MILANO È LA CITTÀ PIÙ CARA DELLE TREDICI CAMPIONE DELL ISTAT Scende a febbraio l inflazione tendenziale, attestandosi attorno al 2,1 per cento contro il 2,2 di gennaio. I prezzi al consumo sono aumentati dello 0,2 per cento su base mensile. Lo ha annunciato l Istat, confermando la stima preliminare. Come spiega l Istat, la decelerazione è dovuta alla «stabilizzazione del ritmo di crescita su base annua dei prezzi dei beni energetici e alla flessione registrata nel comparto alimentare». Su base tendenziale sono cresciuti soprattutto i prezzi della voce abitazione (+6,1%), bevande alcoliche e tabacchi (+5%), trasporti (+4,3%) e istruzione (+3%), mentre sono calati quelli delle comunicazioni (-2,7%). All interno dei singoli capitoli di spesa l Istat segnala il rallentamento di alcune voci del comparto degli alimentari come gli ortaggi e i legumi freschi (da +6% a +3,5% tendenziale tra gennaio e febbraio) e la frutta fresca (i cui prezzi sono diminuiti dello 0,7% congiunturale e del 6,4% annuo). «Continua il ristagno dei consumi alimentari» è stato il commento di Paolo Landi, Adiconsum. «Il primo impegno del prossimo governo dovrà essere quello di contenere le tariffe per salvaguardare il potere di acquisto delle famiglie. «I dati Istat sull inflazione» prosegue Landi «non fanno gioire i consumatori. Continua il ristagno dei consumi alimentari: molte famiglie ricorrono sempre di più agli hard-discount, sacrificando la qualità per contenere la spesa. Corrono invece i prezzi di energia e trasporti, cioè i settori legati al petrolio dove emerge una non concorrenza. Per Adiconsum il problema del contenimento delle tariffe dovrà essere al primo posto nell agenda del prossimo Governo, anche rispetto che poi vantaggiose non sono. Chi dimostra buona volontà vede diminuire l importo della sanzione: è il caso di Digitel Italia, che all avvio del procedimento di fronte all Autorità ha prontamente modificato la pubblicità dei propri servizi di telefonia, specificando che i costi indicati sul sito erano Iva esclusa. La dimostrazione di buona volontà è valsa una diminuzione della sanzione, che da euro è passata a euro. Pubblicità per le tariffe dei cellulari Il termine gratis che appare nell offerta della tariffa pubblicizzata, va approfondito; spesso questi messaggi indicano che il traffico telefonico, già effettuato, verrà rimborsato in un secondo momento attraverso un bonus. Controllare sempre che le caratteristiche e le condizioni di utilizzazione del servizio corrispondano effettivamente a quanto promesso in pubblicità. Ad esempio, in un caso relativo alla trasmissione dati con tecnologia Umts, è emerso che le velocità massime di trasmissione pubblicizzate erano raggiungibili solo in via teorica in quanto al momento di diffusione del messaggio la copertura territoriale non era an- all'impegno preso da Prodi a salvaguardare il potere di acquisto delle famiglie, sia in riferimento ai redditi da lavoro che alle pensioni. Intanto Milano vince il record negativo e sale in testa alle tredici città campione dell Istat: sale più velocemente il costo della vita, il carrello della spesa è sempre più pesante e i conti per servizi sanitari sono salatissimi. Un impennata che fa crescere i prezzi dello 0,5 per cento e l inflazione fino al 2,2 per cento, contro il 2,1 nazionale. «È un campanello d allarme su cui dobbiamo fare delle valutazioni immediate. Studieremo i dati con gli esperti e poi convocheremo un tavolo dell' osservatorio prezzi», dice l assessore al Commercio Roberto Predolin. Una riunione che anche le associazioni dei consumatori evocano: «è il segno che Milano è la città più cara».

3 in primo piano pag. 3 cora stata completata. Valutare con attenzione tutti i costi compresi nelle tariffe pubblicizzate: in alcuni casi esaminati dall Autorità emergeva, ad esempio, una incompletezza del messaggio, non venendo indicato il costo per lo scatto alla risposta. Altro inganno, quello dei telefonini di ultima generazione venduti a prezzi molto convenienti: una volta acquistato il telefonino, infatti, si è soggetti a contratti di medio-lungo periodo che vincolano a sostenere una spesa mensile minima obbligatoria. Nel fare le comparazioni tra le diverse offerte occorre verificare quanto durerà la tariffa scontata e quanto incide il costo di attivazione; può capitare, infatti, che le tariffe pubblicizzate appaiano molto convenienti ma siano in realtà di breve durata, senza che questo venga specificato nella promozione, oppure siano accompagnate da un costo fisso di attivazione non facilmente identificabile. Altre aziende illustri multate dall antitrust L attività sanzionatoria dell Antitrust ha toccato i portafogli di altre aziende. Molte le società che pubblicizzano prodotti dimagranti costrette a pagare, complessivamente, euro per aver attribuito ai propri prodotti la proprietà miracolosa di far perdere peso senza nessun sacrificio: Euromarket Srl (Dimafango, Snelly), Ibs Srl (Dimagranti Labo, Real-Riva, Beauty-Bioline), Equilibra (Equilibra equilife). Multa salata ( euro) anche per Finleader group, società d intermediazione finanziaria: la pubblicità lasciava intendere che i servizi proposti fossero gratuiti e si potesse ottenere in modo veloce un prestito; in realtà occorrevano tempi lunghi e il pagamento della consulenza. Alitalia si è meritata una multa di euro per la promozione Scopri l Europa, basata sul classico trabocchetto in fatto di tariffe aeree: voli pubblicizzati a prezzi molto bassi ma nessuna informazione sui costi aggiuntivi (fuel charge, emissione biglietto, tasse aeroportuali). Fondazione Monte dei Paschi di Siena si è vista multare euro per aver indicato come numero verde per la prenotazione dei biglietti di una mostra, un numero che invece era a pagamento. Eukanuba, il noto marchio di cibo per cani, è incorso nelle sanzioni dell Autorità a causa di spot pubblicitari eccessivi e fuorvianti del prodotto Puppy & Junior: stando alla pubblicità i cuccioli alimentati con quel prodotto sarebbero più intelligenti e quindi più facilmente addestrabili; ma le prove dell efficacia del prodotto non hanno convinto l Autorità, che ha giudicato ingannevole il messaggio e imposto una multa di euro. Ultima a essere multata, per euro, è la Coop, per i suoi sacchetti 100 per cento biodegradabili ; secondo l Antitrust le buste non potevano essere utilizzate per contenere rifiuti organici e la pubblicità non sottolineava l impossibilità di riciclarli. di Bruno Bonucci Il nono rapporto di Centredil-Ance Lombardia e Scenari Immobiliari sostiene che, dopo sette anni di crescita senza freni, il mercato immobiliare italiano rallenta. Il 2005 si è concluso con un fatturato di oltre 114 miliardi di euro, aumentato del 4 per cento rispetto al Le quotazioni sono salite tra il 4 e il 6 per cento nel 2005, ma si avviano a non crescere oltre il 2-3 per cento nel Nel prossimo biennio saranno stabili, quindi, quotazioni e fatturato, ma si prevede, secondo una lettura ragionevolmente ottimista, una lieve contrazione delle compravendite. Il mercato degli immobili ad uso terziario-uffici in Italia nel 2005 è stato positivo anche in un quadro europeo difficile. La presenza degli investitori domestici e internazionali ha movimentato il comparto, nonostante la domanda degli utilizzatori sia risultata in calo. Il fatturato nel 2005 si è posizionato sui 6,6 miliardi di euro, con un peso crescente delle città intermedie rispetto a città come Milano, che risulta La casa degli anziani, un patrimonio immobiliare che supera i 900 miliardi di euro e che suscita non pochi interessi per istituti di credito e intermediari finanziari. Stiamo parlando del prestito vitalizio ipotecario, una sorta di esproprio coatto ma legale dell immobile in cambio di pochi soldi, come lo definisce l Osservatorio Terza Età. In proprietari di tale patrimonio immobiliare sono 8,5 milioni di famiglie sopra i 65 anni e su di loro, denuncia l Ote, incombe il rischio di finire intrappolati in un contratto che nasconde furbizie, trucchi e clausole penalizzanti: in 10 anni la somma da restituire aumenta del 250 per cento. La corsa al bottino dei poveri pensionati, si è aperta dopo l attuazione della norma contenuta all interno della finanziaria sul prestito vitalizio ipotecario, a metà strada fra un prestito personale e il classico mutuo ipotecario, che consente finanziamenti a medio e lungo termine con capitalizzazione annuale di interessi e spese, e rimborso integrale in un unica soluzione alla scadenza, assistiti da ipoteca di primo grado su immobili residenziali, riservati a persone fisiche con età superiore ai 65 anni compiuti. Il prodotto, peraltro già presente sul mercato, offre la possibilità di ottenere una somma variabile fra il 20 e il 50 per cento del valore dell immobile, lasciando agli eredi il compito di restituirla, con i dovuti interessi e spese. L Ote ha rilevato che questa manovra, che a un primo colpo d occhio sembrerebbe una nuova forma di credito di sostegno per gli 8 milioni di anziani con casa. In realtà rappresenterebbe un eccellente affare per gli operatori del settore, che si candideranno ad acquisire una cospicua fetta di patrimonio immobiliare italiano, erogando in media somme per circa un terzo del valore della casa, remunerate con tassi variabili (oggi tra il 6 e il 6,5 per cento), e con spese fisse determinate da una serie di clausole e di condizioni capestro. Purtroppo i nostri poveri pensionati non invece stazionaria. I prezzi di vendita sono saliti del 3,9 per cento in dodici mesi. I rendimenti a livello nazionale variano fra il 5,2 e il 6,4 per cento. Le previsioni, per il 2006, sono positive, con una domanda più attenta alla qualità che potrebbe far crescere il mercato di un ulteriore 3 per cento fino al raggiungimento di 6,8 miliardi di fatturato. La presenza degli investitori esteri dovrebbe restare consistente. Anche i sanno che successivamente alla firma del contratto l immobile diventerà a tuttu gli effetti di proprietà della banca,quindi sarà vietato sub affittarla, ristrutturarla, ne si potrà cambiare domicilio o residenza. Va inoltre evidenziato che, nel momento in cui viene erogato un prestito vitalizio ipotecario, ad esempio, di 100 mila euro, bisognerà sottrarre circa il 20 per cento di oneri fissi (spese notarili, rogito, perizie, assicurazione, spese bancarie) quindi ben 20 mila euro che se ne vanno in fumo e non nelle tasce del proprietario. L Ote calcola che, dopo dieci anni, ammesso che i tassi di interesse non abbiano subito variazioni, chi eredita il bene immobile dovrà restituire ben 98 mila euro, a cui vanno aggiunti altri 5-6 mila euro, e forse più, già pagati annualmente (rinnovo polizza assicurativa, spese registrazione,invio estratti conto ecc). Insomma tutto farebbe pensare che, sfruttando il momento di grande difficoltà della nostra economia, soprattutto per i poveri pensionati italiani, già esitano poteri forti, pronti a sfruttare il bisogno altrui. Prevista una lieve contrazione fondi italiani aumenteranno la quota di investimenti in uffici. Il fatturato del settore commerciale, localizzato per il 70 per cento al Centro- Nord, con oltre il 50 per cento del fatturato totale, ha raggiunto quota sette miliardi di euro alla fine del 2005, evidenziando una crescita del 7,5 per cento rispetto al Nel 2004 l incremento rispetto al 2003 era stato del 5,7 per cento. La ricerca dice che il mercato è stato, insieme al residenziale, il settore ad aver meno sofferto della pessima situazione economica, grazie principalmente alla tenuta dei consumi. Nel 2005 si sono sentiti gli effetti positivi degli investimenti nella grande distribuzione, con l apertura di strutture innovative e di grandi centri commerciali; ma il futuro deve fare i conti con l indebitamento delle famiglie e le deboli prospettive occupazionali, che potrebbero indurre una contrazione dei consumi. Nonostante questo andamento, però, si prevede una lieve risalita di prezzi e canoni.

4 pag. 4 linea diretta L 8 MARZO A MILANO A Milano, l 8 marzo è stato festeggiato invitando tutte le donne della città a due brindisi augurali, uno al mattino, organizzato dal sindaco, Gabriele Albertini; l altro, la sera, offerto dalla Presidenza del Consiglio comunale e dalla Commissione Pari Opportunità, ha aperto i battenti dell incantevole Sala Alessi per tributare l omaggio del Comune di Milano a tutte le donne. Ad accoglierle, oltre al Presidente Giudice e a me, le signore Consigliere di Palazzo Marino e le rappresentanti di tutte le Associazioni Femminili della città. Quest anno, celebriamo il sessantesimo anniversario del voto alle donne, una data fondamentale per la democrazia italiana: il 31 gennaio del 1945, con l Italia divisa e il Nord sottoposto all occupazione tedesca, il Consiglio dei Ministri, presieduto da Ivano Bonomi, emanò un decreto che riconosceva il diritto di voto alle donne. Venne così riconosciuto il diritto al suffragio universale, e il 2 giugno del 1946 le donne votarono per il referendum istituzionale e per le elezioni dell assemblea costituente. Da quella data le donne italiane diventarono cittadine a pieno titolo, potendo votare ed essere elette. infatti, il diritto al voto aprì alle donne le porte della politica. Da quei giorni, sono trascorsi sessanta anni. Oggi pari diritti e opportunità sono riconosciuti dalla Costituzione del nostro Paese ad entrambi i sessi e la campagna del ministero per le Pari Opportunità ha dato i suoi frutti: la percentuale delle candidate alle ultime elezioni europee e amministrative del 2004 è salita dal 16 al 33,7 per cento. I numeri parlano chiaro: che abbiano vinto o meno, le donne sono state le vere protagoniste. Su candidati, 534 sono stati rappresentanti del gentil sesso. Anche gli uomini si devono sentire rappresentati da una donna. Il compito delle Istituzioni, nella fattispecie del Comune di Milano, è duplice: incentivare la presenza femminile nel mondo del lavoro, investendo nella formazione, mirata alle donne, valorizzando le loro potenzialità e professionalità e stipulare accordi con le aziende, facendosi garante proprio di quelle pari opportunità tra uomini e donne nel mondo del lavoro. In assoluta coerenza con le tendenze europee, anche in Italia, negli ultimi anni si è registrato un incremento addirittura esponenziale dell occupazione femminile, soprattutto a Milano e in Lombardia. Secondo i dati Istat del 2004, la percentuale femminile della forza lavoro è del 28,9 per cento a fronte di un tasso di occupazione complessivo del 41,6 per cento. Secondo i dati Censis il 56 per cento dei nuovi occupati del 2004 sono donne. Studi condotti sulla performance lavorativa femminile hanno rilevato che molte lavoratrici risultano essere soddisfatte del loro lavoro e della loro capacità di gestire carriera e famiglia contemporaneamente. La strada da percorrere è ancora lunga, ma sono sicura che con la buona volontà di tutti, donne e uomini, ce la faremo. Maddalena Di Mauro di Maddalena Di Mauro presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano Marzo è il mese della Donna. Forse è solo una magnifica coincidenza ma, da questo mese, due importanti iniziative editoriali vedono il debutto della Commissione Pari opportunità di Palazzo Marino nel settore della comunicazione. Sì, diciamocelo, ci siamo fatti due splendidi regali. da questo numero ospiterà una rubrica fissa a cura della Commissione Pari Opportunità del Consiglio comunale di Milano. Di ciò ringrazio per la sua lungimiranza e ospitalità l editore di questo importante e serio magazine non solo economico. Sono convinta che la straordinaria opera di trasparenza che il dottor Bruno Bonucci sta allestendo gioverà sia alle donne, sia ai cittadini di Milano in generale, sia al Consiglio comunale di Milano e ovviamente alla Commissione da me presieduta. Anch io come il presidente del Consiglio comunale di Milano, Vincenzo Giudice, ho sempre creduto nel giornalismo al servizio del lettore, così come credo nella politica al servizio dei cittadini e penso che questa sinergia sia un ulteriore dimostrazione dell opera d informazione e di servizio che sia sia il Comune di Milano stanno mettendo a segno. La seconda iniziativa editoriale è ospitata dal sito del Comune si tratta della sezione Essere donna a Milano, un portale rosa, una sorta di rete nella rete, che metterà in collegamento tutte le associazioni femminili milanesi e tutti gli organismi di Pari Opportunità. La realizzazione di questa iniziativa è un esempio di sinergia tra la Commissione pari Opportunità e l Assessorato ai Servizi civici e Innovazione tecnologica, guidato dal professor Giancarlo Martella. Il Portale nasce dall esigenza di collegare, tra loro, tutte le realtà dell arcipelago femminile in città, sia per coordinare tutti gli eventi e le iniziative, evitando inutili sovrapposizioni, sia per elevare il livello di comunicazione e di informazione nel Paese sull universo femminile. In realtà il primo debutto della Commissione Pari Opportunità nel campo Foto Paolo Liaci MADDALENA DI MAURO Presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano. della comunicazione è stato con la partecipazione alla nona puntata, dal titolo appunto pari Opportunità di Milano in Comune, il programma giornalistico televisivo di approfondimento sull attività svolta dal Consiglio comunale di Milano in questi ultimi cinque anni. Milano in Comune è stata una trasmissione molto bella, ma soprattutto intelligente e nuova nel panorama dei talk show politico-televisivi, edita dalla Presidenza del Consiglio, diretta dal Responsabile per la Comunicazione del Settore Presidenza, Alfredo D Amato e condotta da Marilisa Pagani, giornalista di Telereporter, l emittente che si è aggiudicata la gara d appalto, bandita dal Comune. La nostra puntata è andata in onda mercoledì 8 febbraio e ha visto in studio, oltre a me, i consiglieri Maria Letizia Gilardelli, Maria Rosaria Parlanti e Paolo Massari, l ex Presidente della Commissione. La Pari Opportunità è una novità di questa legislatura e vanta due primati: il primo, essere veramente trasversale politicamente al punto non è quasi mai teatro di scontri politico-partitici, ma, anzi, lo si può constatare partecipando a una seduta qualsiasi, il clima è molto sereno, un isola felice, che vede al lavoro ben 29 componenti, secondo primato, metà del Consiglio comunale di Palazzo Marino. I componenti sono, infatti, Graziella Giobbi Martini, Vice Presidente, Marilena Adamo, Riccardo Albertini, Alessandro Antoniazzi, Gianfranco Baldassarre, Paolo Bianco, Milly Moratti, Giuliana Carlino, Stefano Cargo, Barbara Ciabò, Adriano Ciccioni, Stefano Di Martino, Diego Ferrara, Maria Letizia Gilardelli, Gianmarco Liva, Domenico Maio, Andrea Mascaretti, Paolo Massari, Laura Molteni, Manfredi Palmeri, Maria Rosaria Parlanti, Milko Pennini, Stefano Pillitteri, Alan Christian Rizzi, Basilio Rizzo, Giovanni Terzi, Davide Tinelli, Armando Vagliati Citavo, in apertura, il mese della Donna e, a proposito, vorrei ricordare l appello del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il quale durante la cerimonia in Quirinale Pari opportunità, servono azioni concrete ha dichiarato: «Basta retorica, sì alle quote rosa. L uomo lavori più in casa». Il presidente Ciampi ha colto l occasione per rilanciare il suo appello a creare condizioni effettive di pari opportunità: «Si fa un gran parlare di pari opportunità» ha detto «ma il pericolo è quello di scadere nella retorica senza fare niente di concreto perché donne e uomini abbiano le stesse possibilità di accesso alla vita sociale, politica e culturale del Paese». «Il diritto alle pari opportunità tra uomini e donne è conclamato ma ancora ben lontano dall essere tradotto in azioni concrete. Dobbiamo rifuggire la retorica delle pari opportunità e guardare la realtà», ha esortato il capo dello Stato ricevendo nel Salone delle Feste 39 donne insignite dell onorificenza al merito della Repubblica. Era presente il Ministro per le Pari opportunità Stefania Prestigiacomo, che ha insistito sulla necessità di una legge che acceleri un «processo che in Italia è troppo lento» e che colloca il Paese all 89esimo posto nel mondo per la rappresentanza femminile nelle assemblee elettive. Pieno sostegno alla causa del ministro da parte del capo dello Stato che, nel suo intervento, ha ricordato la necessità di tutelare e promuovere il ruolo della donna nella società, di «rimuovere gli ostacoli di fatto alla partecipazione femminile alla vita della società, ad esempio migliorando i servizi per l infanzia».

5 linea diretta pag. 5 Foto Paolo Liaci di Vincenzo Giudice, presidente del Consiglio comunale di Milano Credo che tra i compiti più nobili di un Presidente del Consiglio comunale vi sia quello di mantenere viva la memoria storica della città. Pensate che sono previsti addirittura veri e propri atti, nel corso di una seduta consiliare prima del dibattito politico in aula, dedicati al ricordo di chi ha significato molto per la sua città, le cosiddette commemorazioni. Milano è legatissima a questa tradizione. Il Giorno dei Morti, per esempio, ogni 2 di novembre iscriviamo con una cerimonia particolare il nome di cittadini illustri e benemeriti nel marmo del Famedio del Cimitero Monumentale. E, ogni 27 di gennaio, Giornata della Memoria, Palazzo Marino apre i battenti e invita la cittadinanza nella prestigiossima Sala Alessi, location ideale per spettacoli teatrali, convegni o concerti dedicati al ricordo della Shoah. Quest anno non mi è bastato ho voluto andare oltre la singola Giornata. Il Comune di Milano ha voluto celebrare il Giorno della Memoria, e il sessantunesimo anniversario della liberazione del lager di Auschwitz, con un iniziativa molto particolare dal titolo Auschwitz vista da vicino. Undici giovani studenti milanesi hanno presentato un filmato e una raccolta di diapositive commentate attraverso le loro personali impressioni scaturite dal viaggio organizzato nello scorso settembre dalla Presidenza del Consiglio comunale nel campo di concentramento di Auschwitz e di sterminio di Birchenau. Una delegazione ufficiale del Consiglio comunale, guidata da me, si è recata a Cracovia dal 22 al 25 settembre scorso. La delegazione era composta dai consiglieri Emanuele Fiano, Domenico Maio e Marco Ricci. Scopo della missione nella città polacca gemellata era accompagnare questi undici studenti delle scuole superiori milanesi a effettuare una visita ufficiale al campo di concentramento di Auschwitz per poter poi descrivere le loro impressioni nel giorno della Memoria a Palazzo Marino. Gli studenti, Ilaria Manzi, Emanuele Daniele, Alessio Cerioli, Francesco Petrangeli, Jashmine Corsini, Cristina Lelli, Domenico De Luise, Martina Chiodi, Valentina Comaschi, Riccardo Frontini, Emanuele Osimo, sono stati accompagnati anche dal professor Marcello Pezzetti, uno dei massimi studiosi a livello mondiale dello sterminio nazista, consulente storico di Roberto Benigni per La vita è bella. «Siamo scesi in quel buco nero della storia dell umanità che è Auschwitz», ha commentato il professor Pezzetti, «ne abbiamo studiato ogni più piccolo angolo, ne abbiamo scoperto ogni più piccolo segreto. Oggi viviamo portandoci appresso grumi di dolore. Coltivo nel cuore una speranza: che ciò che fu non si ripeta, che le giovani generazioni crescano con consapevolezza e responsabilità, che sulla Shoah non cali l oblio». Il 27 gennaio è un giorno che ha un significato speciale per tutti noi: è dedicato al ricordo. Il nostro pensiero per tutti quegli innocenti deve essere il filo di una memoria comune che non si spezza: una scelta di responsabilità umana, civile e morale, un segno di rispetto verso le vittime e le loro sofferenze. Ma è anche un atto di giustizia doveroso nei confronti della storia, contro il revisionismo, l indifferenza e il cinismo che, per molto, troppo tempo, hanno appannato la più grande delle tragedie del Novecento. Per salvaguardare la Memoria di ciò che è stata la storia recente del nostro Paese, e per scongiurare il rischio che nuovi strascichi di intolleranza possano nuovamente infettare l umanità. Fra il 1933 e il 1945 l Europa fu avvolta dalle tenebre del nazismo e di tutti i regimi che lo sostennero. Un sogno malefico di potere, di ordine e perfezione che portò alla rovina e alla distruzione, che impose leggi inaccettabili, che discriminò e portò alla morte milioni di esseri umani, fra cui sei milioni di ebrei: di loro erano bambini e adolescenti. Oggi altri adolescenti testimoniano la Shoah e raccolgono l invito di Palazzo Marino a mantenere vivo il ricordo di quei loro coetanei così come di tutte le vittime. Il racconto fotografico di tutte le tappe di questa immensa tragedia, dei fatti, dei luoghi, dei risvolti emotivi e psicologici, degli episodi più eclatanti come di quelli apparentemente più insignificanti, delle atrocità, delle complicità, delle bassezze umane, dell intollerabilità, dell orrore, della burocrazia del male, della banalità, della metodicità, delle implicazioni, delle conseguenze, della disperazione. Tutto questo, e molto di più, è materia inesauribile di studio e di riflessione da (segue a pag. 6) Scompare un grande artista In questa pagina dedicata alla Memoria, voglio ricordare anche un grande artista scomparso a fine febbraio il grande Daniele Oppi. Nato a Milano nel 1932, ricercatore creativo nel campo della comunicazione, Oppi si dedicò fin dalla giovinezza al rapporto fra gli studi umanistici e la scienza e tra esistenzialità e progetto utopico. Dipinse per oltre cinquant anni con rispetto unito a scetticismo riguardo all impostazione del mercato delle opere d arte e alle consuetudini generate dalla mercificazione invalsa nel secolo scorso. Oppi espresse sempre perplessità riguardo ai sistemi di fruizione e di raccordo tra cittadini e arte: oltre a dipingere, lavorò per l innovazione e la riconciliazione tra creatività e società. Espose, invitato, in molte parti d Europa, Americhe e Asia. Fu pittore, scrittore, saggista e didatta. Le sue opere giovanili riverberano le lezioni di Sironi, Kocoschka, Savinio, El Greco, Grosz, Bosch. Oppi, nei 10 anni di attività diretta come pubblicitario, creò la linea Chicco per l Artsana, l ago Pic, la grappa Bocchino, nuove forme di packaging per le bambole Ratti e per Pongo, il marchio Boario, fino all invenzione di Brooklyn, la gomma del ponte. Già dal 1954, si presentava come protagonista nei linguaggi di comunicazione creativa legati a Lambretta, Zucchi, Isolabella, Chicco, Ago Pic Indolor, Boario, Bocchino. Ognuno di noi vive e ha vissuto tutta la vita accanto alle invenzioni di Oppi, ma pochi lo sanno. La sua esistenza artistica tenne aperte le pagine di un fitto diario culturale ed esistenziale, facendo così scattare il meccanismo dicotomico tra una solitaria ricerca della forma e del colore attraverso le tele, le carte, e gli interventi creativi e immaginari nel campo dell invenzione diretta di prodotti di consumo e loro profilo all interno, questa volta sì, del mercato dei mercati, quasi Oppi fosse conscio di menomazione di committenza. Per segnalare il suo ultimo tratto di strada: fondò nel 1991, con un nucleo di artisti e autori di tutte le discipline, la cooperativa Raccolto, struttura propositrice di modelli di cambiamento tra arte e committenza. Nel febbraio 1994 in piena Tangentopoli festeggiò il suo 62 compleanno con la personale intitolata Usciamo dalla catastrofe di Milano, con oltre 30 opere recentissime e alcune opere testimoni del Nel dicembre 2002 Il Comune di Milano conferì a Daniele Oppi la Medaglia d Oro di Benemerenza Civica (Ambrogino d Oro) con questa motivazione: Una vita dedicata e vissuta in nome dell arte. Uno spirito libero e trasgressivo quello di Daniele Oppi, indomito nel suo istinto creativo che lo ha condotto, sempre ai massimi livelli, dalla pubblicità all arte». Spese gli ultimi 35 anni della sua fantastica esistenza vivendo e lavorando alla Cascina del Guado, sulle rive del Naviglio Grande in Robecchetto con Induno, a 30 chilometri da Milano, sede di continue e incessanti ricerche socio culturali da parte di diversi gruppi transgenerazionali.

6 pag. 6 a disposizione dei cittadini segue da pagina 5 quasi sessant anni, in migliaia di testi, centri di ricerca, musei, memoriali, università e scuole. Oggi, a tutta questa documentazione si aggiunge il materiale fotografico e umano realizzato da questi giovani. Un viaggio attraverso le loro impressioni nella memoria tra tenebre e luce. Credo che ognuno di noi, accostandosi a questa cerimonia in un giorno tanto sacro - non solo dal punto di vista religioso, ma anche civile - ne avverta la solennità propria degli eventi che segnano maggiormente la storia e il Consiglio comunale di Milano ha reso omaggio alla Memoria di queste donne, di questi uomini, troppo a lungo dimenticati. Guardando le fotografie di quei ragazzi, ho visto i binari che conducevano i treni della morte al capolinea di Aushwitz. Il mio pensiero è corso ad altri binari, quelli di partenza. Alcuni dei quali erano purtroppo qui a Milano alla Stazione Centrale. Da qui partivano gli ebrei milanesi deportati. Voglio esprimere il significato del fare memoria oggi: gli ebrei hanno diritto ad una patria, a una casa dove vivere in pace. Nessuno al mondo può dire diversamente in nome del fatto che oggi è egli stesso a soffrire. Memoria è riconoscere il diritto di chi ha pagato per la più grande delle depravazioni del genere umano. Oggi vanno percorse vie di pace e di giustizia, che non neghino la patria agli ebrei, e che permettano a tutti di avere una casa in cui dimori la serenità. L allestimento in Sala Alessi ha inteso testimoniare gli errori commessi, al fine di comunicare alle generazioni future che questa storia è veramente indimenticabile e dovrà rimanere unica e irripetibile finché l Uomo vivrà su questa Terra. Oggi il mio compito di comunicatore al servizio dei lettori della città va oltre il mio dovere di rendere pubbliche le attività del Consiglio comunale. Ho affidato al responsabile della comunicazione della Presidenza del Consiglio comunale, Alfredo D Amato, studioso, tra l altro, della questione ebraica e della Shoah, la redazione dei testi che andranno a corredare le fotografie scattate dai ragazzi ad Aushwitz nel libro di prossima pubblicazione, dovrebbe essere pronto per fine marzo, Aushwitz vista da vicino, curato per il Settore Presidenza da una bravissima funzionaria, la dottoressa Franca Schiavon, che tutti gli anni segue le celebrazioni in Comune della Giornata della Memoria. di Lara Corso Uno strumento per tutelare il consumatore negli acquisti trasfrontalieri Può capitare che l auto o un prodotto acquistato all estero sia difettoso, che che il bagaglio vada perduto, che il costo di un bonifico transfrontaliero non sia trasparente: da oggi è possibile rivolgersi al Cec-Centro Europeo Consumatori, che ti saprà dire quali sono i tuoi diritti e quali le strade per esercitarli. Con l introduzione dell Euro il Mercato Unico nei Paesi dell Unione Europea è ormai una realtà consolidata: più ampia scelta di prodotti e servizi, maggiore concorrenza. Per aiutare i consumatori a cogliere questa opportunità e tutelarli nell accesso al consumo transfrontaliero, è nata la rete dei Centri Europei Consumatori Ecc- Net (European Consumer Centres Network), promossa dalla Dg Sanco Il Pit Servizi Milano è una struttura di Cittadinanzattiva che offre gratuitamente informazione, consulenza e intervento a tutti i cittadini che lo contattano per la tutela dei loro diritti nell area della pubblica amministrazione e dei servizi di pubblica utilità. «Con il Pit Servizi Milano» ha commentato Liberata Dell Arciprete, coordinatrice delle politiche dei consumatori regionale dell Associazione «Cittadinanzattiva offre un punto di riferimento sul territorio per i consumatori e gli utenti bisognosi di tutelare i propri diritti». Il Pit Servizi (Progetto Integrato di Tutela nell area dei Servizi) svolge attività d impegno civico e di tutela dei diritti nell area dei servizi di pubblica utilità: trasporti (ferroviari, aerei, urbani, marittimi, stradali); poste (servizi pubblici e privati di spedizione e di consegna); telecomunicazioni (telefonia fissa e mobile); energia e utenze domestiche (acqua, luce e gas), servizi bancari (credito e servizi di sportello); servizi assicurativi; pubblica amministrazione e servizi amministrativi (servizi di sportello di enti pubblici e privati; certificazione; autorizzazioni). Oltre a fornire assistenza e intervento, il Pit Servizi Milano - animato dal collegio dei procuratori dei cittadini di Cittadinanzattiva di Milano - raccoglie informazioni e buone pratiche sul funzionamento e la qualità dei servizi di pubblica utilità, sull attuazione di leggi, propone campagne a tema in merito a problemi segnalati da larghe fasce di utenti, promuove la partecipazione attiva dei cittadini nell elaborazione delle politiche dei consumatori nel proprio territorio. Da gennaio 2005 a oggi, Pit Servizi Milano ha raccolto oltre 400 segnalazioni, che hanno riguardato principalmente i servizi finanziari (28 per cento) e la Pubblica amministrazione (20 per cento). A seguire, telecomunicazioni (15 per cento), trasporti (10 per cento), energia (9 per cento), servizi assicurativi (2 per cento) e postali (3 per cento), così come indicato nel grafico a seguire. «La gestione di oltre 400 segnalazioni provenienti da Milano in pochi mesi» ha aggiunto Liberata Dell Arciprete «è la dimostrazione dell urgenza e dell efficacia della tecnologia Pit, che integra la tutela giurisdizionale a quella sociale e amministrativa, evitando di delegare sempre tutto ad un legale». L iniziativa, prevista nell ambito di un progetto promosso da Cittadinanzattiva e co-finanziato dal Ministero delle Attività Produttive con le multe antitrust, porterà ben presto all apertura di altri tre servizi di assistenza e tutela in Lombardia e in particolare a Brescia, Mantova e Pavia. Le coordinate AMilano, il Pit Servizi di Cittadinanzattiva è in via Mecenate 25 ed è aperto martedì, mercoledì e giovedì dalle ore alle I recapiti sono: tel , fax , indirizzo mail Inoltre, ogni lunedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00 il Pit Servizi sarà attivo presso il Negozio Civico di Chiama- Milano in largo Corsia dei Servi, a pochi passi dal Duomo di Milano. della Commissione Europea e dai governi nazionali. In Italia, il Centro Ecc- Net è cofinanziato dal nostro Ministero delle Attività Produttive, dalla provincia Autonoma di Bolzano e da Adiconsum. Il Cec svolge attività di informazione (diffusione di pubblicazioni e consulenza individuale); assistenza in caso di reclamo transfrontaliero; assistenza in caso di controversie transfrontaliere in sede pre-giudiziale. Inoltre promuove l accesso all Adr Alternative Dispute Resolution (risoluzione extragiudiziale) per risolvere il contenzioso transfrontaliero; svolge funzioni di monitoraggio delle problematiche legate al consumo in ambito Ue, coopera con la Commissione Europea, con le istituzioni nazionali a tutela dei consumatori e con gli altri Centri Europei della rete Ecc-Net, per migliorare la tutela dei consumatori nel Mercato Unico europeo. «È uno strumento che si affianca al ruolo svolto dalle associazioni nazionali, ed è rivolto a tutelare il consumatore negli acquisti transfrontalieri, per gestire eventuali reclami o casi di contenzioso. Ma il Centro Europeo intende svolgere anche un ruolo di promozione informando prontamente i consumatori su quelle che sono le normative in atto, i possibili vantaggi e i possibili rischi» così spiega Paolo Landi, segretario generale Adiconsum. La sede milanese del Cec si trova in via Tadino 18, Milano, e -mail:

7 a disposizione dei cittadini pag. 7 NEGOZIO CIVICO CHIAMAMILANO. 150 metri quadrati dove si alternano consulenti ed esperti che propongono soluzioni concrete. di Lara Corso ChiamaMilano è associazione senza scopo di lucro che nasce nel 2002 con la finalità di stimolare e sostenere la partecipazione dei cittadini alla vita della Città, valorizzandone il ruolo attivo e l atteggiamento propositivo nella risoluzione delle problematiche che la riguardano. Per sostenere la partecipazione dei cittadini alla vita e alle decisioni inerenti l area metropolitana, attraverso la creazione di un luogo che raccolga servizi sotto forma di informazione, assistenza, fruizione e produzione di cultura e momenti di incontro, sostegno alla visibilità di realtà medio piccole, il 13 dicembre 2005 viene inaugurato il Negozio Civico. Negozio Civico è un polo di offerta e fruizione di servizi completamenti gratuiti prestati da volontari che sostengano la partecipazione e la condivisione dei saperi e delle competenze dei cittadini. Ma è anche la possibilità di usufruire dello spazio per riunioni, incontri, seminari, dibattiti ed eventi per tutti coloro che non hanno un punto di riferimento per incontrarsi o hanno bisogno di dare visibilità ai propri progetti. Nel Negozio Civico, al fine di perseguirne la missione, sono attivi sportelli di consulenza e informazione ad opera di professionisti e di cittadini che prestano in modo volontario tempo e competenze. Nei prossimi giorni sono previsti diversi incontri. mercoledì 22 marzo ore 18:30, organizza: Energia produrla e risparmiarla. giovedì 23 marzo ore 18:00: presentazione del libro Tecniche Complementari Sportive edito da Libreria dello Sport e realizzato dal prof. Stefano Tirelli, docente presso la facoltà di Scienze Motorie dell Università Cattolica di Milano. Durante l incontro verranno proiettate immagini inerenti alla Coppa d Africa 2006 tenutasi in Egitto nella quale lo staff di Ecolife International Shiatsu School del professor Tirelli ha lavorato con la nazionale del Ghana anche in previsione dei prossimi Mondiali di Germania. giovedì 23 marzo ore 11:20; conferenza stampa della campagna Volomondo. Presentazione delle iniziative di volontariato internazionale per giovani da realizzarsi nell estate 2006 e dell avvio del programma di borse di studio e borse progetto per favorire la partecipazione dei giovani ai programmi all estero e soprattutto la valorizzazione della loro esperienza a ritorno nelle comunità di Consultazione quotidiani & materiali informativi Ogni mattina e per l intera settimana saranno a disposizione alcuni quotidiani per tutti coloro che vorranno fermarsi per leggere e riflettere. Sono inoltre disponibili per la consultazione tutti i materiali informativi prodotti da cittadini, comitati ed associazioni. Orientamento legale Due avvocati si alterneranno per offrire un parere competente e un orientamento. L obiettivo è la formazione di consapevolezza della gamma delle possibili soluzioni. Ogni sabato dalle 11:00 alle 13:00. ll diritto di famiglia è una branca del diritto privato che disciplina il matrimonio, i rapporti personali fra i coniugi, i rapporti patrimoniali nella famiglia, la filiazione, i rapporti fra genitori e figli, la separazione e il divorzio. Un avvocato esperto in Diritto di famiglia vi consiglierà e orienterà per illustrare le possibili soluzioni ai diversi problemi. Ogni mercoledì (dal 15 appartenenza. Il negozio civico è un esperimento inedito, traduzione concreta del sito chiamamilano.it, che offre servizi e accoglie proposte per i cittadini milanesi e non. Lo spazio si sviluppa in 150 metri quadrati nel cuore di Milano e vuol essere un occasione per partecipare in modo attivo alla vita della città, incontrando persone e condividendo esperienze. Presso la nuova sede di largo Corsia dei Servi (MM1 S. Babila) vengono offerti dei servizi completamente gratuiti che vanno ad affiancare l attività primaria di informazione sugli aspetti del vivere a Milano con particolare attenzione per marzo) dalle 16:00 alle 18:00. Logopedia La prima iniziativa dello sportello logopedia è il corso di lingua dei segni, il primo passo verso l apertura di uno sportello per avvicinare la comunità sordomuta all offerta culturale milanese, cominciando dalla popolazione che sordomuta non è per creare primi strumenti di comunicazione. Ogni venerdì dalle 17:30 alle 19:00. l ambiente, la qualità dell aria e della vita in città. Tra le 9:00 e le 19:00, dal lunedì alla domenica, ChiamaMilano è a disposizione per raccogliere e girare informazioni, per raccontare il progetto e ricevere suggerimenti, per organizzare momenti di incontro e proporre occasioni di scambio. Il negozio civico è inoltre uno spazio libero a disposizione per tutte le associazioni, comitati o gruppi che necessitano di uno spazio per riunirsi, farsi conoscere e proporre attività, progetti, laboratori, eventi, il tutto gratuitamente e orientato al miglioramento della qualità della vita nella nostra città. Sportelli di orientamento a disposizione gratuitamente: Milano, Largo Corsia dei Servi (MM1 San Babila) Banca del Tempo La Banca del Tempo è il luogo dello scambio paritario. Si basa sulla parità dei soggetti che sono contemporaneamente portatori di bisogni e risorse: sono privilegiate le relazioni umane e si mettono in moto una molteplicità di scambi volti a soddisfare i bisogni materiali, culturali e relazionali dei singoli in un clima di cooperazione. ChiamaMilano e il coordinamento milanese delle Bdt collaboreranno mettendo a disposizione dei cittadini che risiedono e transitano lo spazio e la rete di contatti per instaurare relazioni sociali di reciproca collaborazione. Ogni secondo mercoledì del mese dalle 16:00 alle 18:00 Mediazione culturale Un consulente del lavoro e un mediatore culturale saranno a disposizione per chiarire i dubbi sugli iter burocratici e amministrativi alla popolazione extra-comunitaria. Ogni giovedì dalle 16:00 alle 18:30. Sportello Abitare (in arrivo) Un rappresentante di un Sindacato Inquilini offrirà la sua esperienza per informare i cittadini sulle possibili soluzioni relative alla questione abitativa di Milano. Scrivici per informazioni e prenotazioni Sportello Bici (in arrivo) Dalla ruota forata, al percorso sicuro: utensili e informazioni per sostenere ciclisti e biciclette. Scrivi per informazioni e prenotazioni.

8

9 servizi on line pag. 9 di Fabio Ciccolella Rcm, Rete Civica Milano, ha sviluppato dal 1994 a oggi un ambiente digitale on-line, libero e gratuito, ideato per promuovere e favorire la comunicazione, la cooperazione e lo scambio di servizi tra i cittadini e tutti gli attori pubblici e privati presenti nella comunità locale. Un servizio che risponde alle molteplici esigenze dei cittadini milanesi di avere a disposizione uno spazio per discutere, scambiare opinioni e pareri, fare domande ed ottenere risposte, essere informati e informare. Rcm significa, insomma, parlare degli argomenti che stanno più a cuore a ciascun cittadino, in un contesto garantito : improntato cioè sul rispetto, sulla pluralità di opinione e sull efficacia nella comunicazione telematica. I forum tematici sono animati da una Community Manager e da diversi moderatori volontari che hanno permesso in questi anni all utenza meneghina di sperimentare i vantaggi del contatto diretto con gli amministratori della città: nei forum Linea diretta con... il cittadino ha potuto porre in evidenza problemi, pareri, proposte, rivolgendosi direttamente al presidente della Provincia di Milano, al vicesindaco, al presidente del Consiglio comunale, ai responsabili di uffici pubblici, di associazioni, scuole o enti privati. Trasparenza e partecipazione sono l importante risultato ottenuto grazie all utilizzo di questo canale informativo: messaggi e risposte restano in rete visibili a tutti. Ben diverso dal pubblicare un semplice indirizzo che spesso si trasforma in un buco nero in cui i messaggi arrivano e poi non si sa più nulla. E sulla potenza di questi strumenti messi a disposizione dalla rete ci sono tantissimi esempi dimostrativi: uno dei più recenti riguarda la petizione per il Bosco di Gioia ; grazie, infatti, a un tam-tam telematico, partito dal blog di Beppe Grillo, centinaia di cittadini hanno fatto sentire la loro voce a favore della difesa di uno spazio verde attraverso la linea diretta del presidente della Provincia. In pochi minuti sono arrivati centinaia di messaggi, cui il presidente ha poi dato pubblica risposta. Comunali Milano 2006 Parlando di partecipazione on-line dei cittadini si arriva inevitabilmente sul sito nato per la più recente ed ambiziosa delle iniziative di Rcm: spazio di confronto tra candidati (sindaco, consigliere comunale, consiglieri di zona) e cittadini sui temi della città. La piattaforma dispone di strumenti per dare peso al parere dei cittadini. Esiste, infatti, la possibilità di esprimere il proprio gradimento, attraverso un meccanismo di voto, per le posizioni espresse nel forum. Un esempio delle dinamiche che si creano in questo ambiente è rappresentato molto bene dalla pagina virtuale Riformare i Consigli di Zona, presente nel forum Democrazia e cittadinanza, nella quale vengono promossi dibattiti da normali cittadini grazie al meccanismo di brainstorming (dall inglese, la fabbrica delle idee, dove ognuno propone diversi temi che vengono votati e, superata una certa soglia limite, approfonditi con una più ampia discussione). Strumento tipico e fondamentale di ogni community di rete è il profilo personale, grazie al quale è possibile farsi un idea di chi sia l autore del messaggio, che può eventualmente evidenziare anche il tipo di ruolo ricoperto dallo stesso autore nello specifico ambito di appartenenza. Ma ComunaliMilano2006.it è anche lo spazio dove trovare informazioni sui singoli candidati e sui blog attraverso i quali il cittadino può confrontarsi direttamente con loro. Rete Civica di Milano vuole in questo modo ribadire il suo ruolo di tramite tra cittadino, città e amministratori. Rcm, 11 anni in breve Rcm nasce nel 1994 come sperimentazione del Laboratorio di Informatica Civica (Lic) dell Università degli Studi di Milano, con l obiettivo di dare un accesso telematico ai cittadini milanesi e favorire la comunicazione tra i diversi soggetti. L obiettivo di Rcm è, ancora oggi, lo sviluppo di un ambiente digitale on line, libero e gratuito, disegnato per promuovere e favorire la comunicazione, la cooperazione e lo scambio di servizi RETE CIVICA MILANO. Un ambiente digitale on line, libero e gratuito, 200 forum tematici per un totale di visitarori giornalieri, che si incontrano per discutere, scambiare opinioni e pareri, risolvere, fare domande, informare e essere informati: tra i cittadini e tutti gli attori pubblici e privati nella comunità locale, aprendo nel contempo la comunità locale alla comunicazione on line con il resto del mondo. Questa comunicazione diretta tra istituzioni e cittadini è la base per impostare progetti democratici e avviare sperimentazioni complesse che possano riuscire a conquistare la fiducia dei cittadini. Per dare solidità giuridica ed economica alla Rete Civica di Milano, nel 1998, è stata costituita una Fondazione di Partecipazione (la Fondazione Rcm - Rete Civica di Milano), che ha sede presso il Dipartimento di Informatica e Comunicazione dell Università degli Studi di Milano (via Comelico 39) e di cui sono soci fondatori la Regione Lombardia, la Provincia di Milano, la Camera di Commercio, l Università degli Studi di Milano e l Associazione Libera Informatica Civica. Il Lic prima e Fondazione Rcm dopo hanno instaurato importanti collaborazioni con la Pubblica Amministrazione Locale, volte a qualificare la presenza in rete della Pubblica Amministrazione locale stessa (Pal) attraverso servizi di dialogo con i cittadini. Tra questi servizi, di particolare rilievo sono le Linee dirette forum telematici pubblici che mettono i cittadini in contatto diretto con amministratori, dirigenti e funzionari che governano ed operano all interno della Pal. La fondatrice di Rcm, Fiorella De Cindio, è stata l anima della rete civica: docente di Scienze dell Informazione presso l Università degli Studi, ha ricevuto l Ambrogino d oro nel 2001 per essere riuscita a portare Milano in rete, con le sue strade telematiche percorse da idee, progetti, proposte. Il dialogo della città reale attraverso lo spazio virtuale annulla le frontiere e favorisce l incontro tra istituzioni, cittadini, associazioni, imprese. Più di cittadini registrati dal 1994 ad oggi. Circa 200 forum tematici con 150 moderatori volontari. Oltre di 20 linee dirette con la pubblica amministrazione locale. 300 associazioni ospitate nel sito In media pagine servite ogni giorno e visitatori giornalieri. 1000, il numero di login quotidiani (aderenti distinti che entrano in community). Aderisci anche tu a Rcm: è semplice e gratuito! Compila il modulo che trovi su entro 24 ore riceverai conferma della registrazione da un messaggio di benvenuto. Se vuoi saperne di più su questo ambiente telematico consulta Registrandoti a Rcm avrai un indirizzo protetto da un sistema anti-spamming/antivirus, non ricevendo così messaggi indesiderati; potrai creare agevolmente la tua home page e disporre di agenda, rubrica, bookmarks, help online e potrai partecipare a uno dei 200 forum di discussione tematici moderati da più di 150 moderatori volontari. La moderazione non è censura ma garanzia che la discussione sia civile e rispettosa dell opinione di tutti. Il galateo è lo strumento per avere un ambiente sicuro e gradevole I forum ti offrono l occasione di conoscere, tra gli oltre aderenti di Rcm, quelli che condividono i tuoi stessi interessi. Potrai tu stesso proporre e moderare un nuovo forum attraverso numerose linee dirette, potendo dialogare con istituzioni, scuole, associazioni e alcune aziende; potrai avvalerti della consulenza di alcuni esperti on-line nelle aree del lavoro, della salute, della giurisprudenza; potrai segnalare eventi culturali su appuntamenti metropolitani gestito in collaborazione con la Provincia di Milano. Link a progetti e iniziative: la fondazione Rete Civica di Milano; strumenti e servizi gratuiti per le associazioni no-profit; l agenda on line degli eventi e delle manifestazioni nel territorio della provincia di Milano; la community sull information tecnology per le piccole e medie imprese; il sito di divulgazione della ricerca scientifica universitaria.

10

11 la pagina dei consumatori pag. 11 a cura del Movimento dei Consumatori Le farmacie oggi sono dei veri e propri bazar con prodotti miracolosi per la cellulite o il dimagrimento, giocattoli, prodotti di bellezza, calzature. Presto la liberalizzazione dei farmaci da banco nei supermercati e lo sblocco della corporazione. «Questa campagna è un pessimo esempio di un mix tra terrorismo psicologico e romanticismo patetico» commenta Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino. «Più che case della salute, come forse erano un tempo, le farmacie sono diventate dei veri e propri bazar, che mettono in vetrina anzitutto i prodotti contro cellulite o dimagrimento, spesso oggetto di provvedimenti per pubblicità ingannevole da parte dell'autorità Antitrust. Senza parlare poi dei giocattoli e delle calzature, che ingombrano ormai buona parte degli scaffali». «Ed è inaccettabile poi il fatto che la campagna in questione» continua Antonio Longo «insinui il dubbio che anche una normale aspirina può causare una malattia iatrogena. Si tratta di un vero e proprio terrorismo psicologico finalizzato soprattutto a scongiurare quello che ormai tutti chiedono, e cioè la vendita dei farmaci da banco anche nei supermercati, naturalmente sotto la vigilanza di personale specializzato. Lo chiedono l Autorità Garante per la concorrenza, le associazioni dei consumatori come la nostra, le centinaia di migliaia di cittadini che stanno firmando la proposta della Coop». «Federfarma, invece, dovrebbe fare una scelta: se i farmacisti vogliono difendere l esclusività della vendita dei farmaci, devono rinunciare a tutte le altre merci varie e soprattutto devono rinunciare a quel rapporto farmacie-popolazione che è una vera rendita di posizione che assicura ai farmacisti lauti redditi, impedendo a migliaia di giovani laureati in farmacia di trovare un lavoro. Se poi Federfarma teme che con la vendita nei supermercati aumenti il consumo dei farmaci da banco, non si capisce davvero perché non protesti contro la massicce e dispendiose campagna pubblicitarie che da sempre vengono fatte in tv nelle ore più costose per questo tipo di farmaci (tipo Moment, Viamal e analgesici vari...)». Mentre il Garante della privacy assume provvedimenti contro i servizi non richiesti nella telefonia, l Autorità delle Comunicazioni propone un Codice di autoregolamentazione fra i gestori. «Una proposta» afferma Paolo Landi, segretario generale Adiconsum, «del tutto inutile, che porterà come unica conseguenza a un ulteriore presa di tempo da parte dei gestori nel continuare ad adottare pratiche commerciali scorrette, e quindi nel continuare a non tutelare gli utenti telefonici». Landi ricorda che da oltre un anno le associazioni di consumatori hanno cercato una soluzione negoziata con Telecom senza riuscirci. Adiconsum chiede, quindi, all Autorità per le Comunicazioni di assumersi le proprie responsabilità, non rinviando ai gestori un autoregolamentazione sulla pratiche commerciali scorrette da loro stessi attuate, ma adottando i provvedimenti necessari, e le relative sanzioni, per impedire che i nuovi servizi telefonici non siano oggetto di furbizie, vessazioni e truffe nei confronti dei consumatori. Secondo Adiconsum, siamo di fronte, non solo a un tentativo di limitazione della concorrenza, ma anche a un trust per autolimitarsi le sanzioni rispetto a pratiche commerciali scorrette illegali che invece devono essere sanzionate dallautorità. In una lettera ai presidenti dell Autorità per le Comunicazioni e dell Antitrust, Adiconsum ricorda le migliaia di segnalazioni ricevute dalle associazioni consumatori e dalle stesse Autorità e chiede da parte delle stesse un provvedimento urgente, come quello già espresso dal Garante della privacy. Le segnalazioni e i reclami riguardano: informazioni parziali e ingannevoli da parte dei call-center; addebiti in bolletta e sulle carte prepagate per servizi non richiesti; tentativi di minacce di interruzione della linea telefonica; impossibilità, nonostante i ripetuti reclami, a farsi togliere il costo degli abbonamenti dei servizi addebitati, ma non richiesti. Adiconsum sottolinea l importanza del ruolo delle Autorità di regolazione per assicurare anche al mercato della telefonia trasparenza e concorrenza. Il Movimento Consumatori informa News dal sito «Nel quanto mai eterogeneo panorama di partiti che si presentano alle prossime elezioni politiche, siamo totalmente estranei a liste che affermano di rappresentare i consumatori». Così Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino ribadiscono la piena autonomia nei confronti di fantomatici partitini che hanno fatto della tutela dei diritti dei consumatori il cavallo di battaglia del loro programma politico per le elezioni di aprile. «Siamo contrari alla presentazione di liste di consumatori. Diciture quantomeno fuorvianti, visto che per quanto ci riguarda ribadiamo la nostra piena autonomia e indipendenza da schieramenti politici» afferma Lorenzo Miozzi, presidente del Movimento Consumatori. «Certo» spiega Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino «questo non vuol dire che siamo indifferenti ai programmi presentati dai due schieramenti, ma giudicheremo in base a quello che è giusto per i cittadini». Le associazioni dei consumatori si sono sempre distinte per essere organismi super partes e per avere sempre posto al centro dei propri interessi, l interesse dei consumatori. La presentazione alle elezioni politiche significherebbe venir meno a questo patto con i consumatori e minaccerebbe di ostacolare il principale lavoro delle associazioni: quello di garantire alle persone la difesa dei propri diritti al di là di intrecci politici e di giochi di potere. Dopo il via libera definitivo della Commissione europea all importazione del mais transgenico della linea 1507, prodotto dal gruppo Pioneer, in quanto nuovo alimento o nuovo ingrediente alimentare, il Movimento Consumatori tiene a precisare che, in questioni delicate come questa, deve valere sempre il principio di precauzione e che è necessario che l Efsa si assuma piena responsabilità su quelle che sono o che saranno, anche a lungo termine, le eventuali conseguenze d assunzione del mais per la salute dei consumatori. La decisione della Commissione segue il nulla di fatto del Consiglio Agricoltura del 20 dicembre scorso che non riuscì a esprimersi sulla questione e, prende come base per l approvazione, l opinione favorevole arrivata dall Efsa del 3 marzo Nel parere si stabiliva che non esistono prove del fatto che l immissione sul mercato di prodotti contenenti il nuovo Ogm possa avere conseguenze nocive sull uomo, sugli animali e sull ambiente. La richiesta di adesione dell associazione è stata accolta dal consiglio nazionale del Forum. Al Forum Permanente del Terzo Settore aderiscono le principali realtà del mondo del volontariato, dell associazionismo, della cooperazione sociale, della solidarietà internazionale, della mutualità integrativa volontaria del nostro Paese. Una preziosa e multiforme rete di esperienze e di attività, per un coordinamento ufficiale unico nel vasto panorama europeo e che vede il coinvolgimento di oltre 14 milioni di cittadine e cittadini. I suoi principali ambiti di attività sono: la rappresentanza sociale e politica nei confronti di governo e istituzioni; il coordinamento e il sostegno alle reti interassociative; lo sviluppo e lo studio della comunicazione sociale quale mezzo essenziale per dar voce a valori, progetti e istanze. Delegati e rappresentanti del Forum partecipano a numerosi tavoli ministeriali, interministeriali e istituzionali, Rai di consultazione e confronto.

12 pag. 12 trasporti di Francesco Emma L assessore ai Trasporti di Milano parla di una situazione in miglioramento. Una buona notizia dato che nella città meneghina c è solo un taxi ogni 286 residenti. Il valore delle licenze, di conseguenza, è alto e al mercato nero costano circa euro. Alla scarsità di taxi nelle ore notturne si è cercato di porre rimedio attraverso una modifica dei turni e aumentando le licenze. Il tira e molla con la corporazione ha ottenuto il risultato di 270 nuove licenze, sulle 500 previste. In cambio il Comune ha dovuto concedere aumenti tariffari, che saliranno ancora nel futuro prossimo. I tassisti milanesi si difendono puntando il dito sul traffico, 200 giorni all anno e 6 ore al giorno, che non permette fluidità negli spostamenti. Il costo di un taxi a Milano: quota fissa 3 euro; scatti ogni 129,9 metri 0,10 euro; scatti ogni 16,6 secondi di fermata 0,10 euro. A Roma, ogni mille abitanti, ci sono poco più di due taxi. Durante il giorno circolano in media vetture a pagamento, mentre di notte sono meno di Sono numerosi i turisti che usano le auto bianche per spostarsi dagli alberghi, ma chi spera di prendere un taxi al volo, come succede a New York (5 taxi ogni abitanti), deve aspettare a lungo sul marciapiede. Nella Capitale, infatti, le vetture sono talmente poche, e la domanda è tanto alta, che una licenza da tassista, al mercato nero, vale addirittura euro. Nei prossimi mesi dovrebbero, però, essere introdotte nuove licenze. È già stata indetta la gara per l assegnazione di 150 licenze e nei prossimi mesi il concorso sarà aperto ad altri 300 nuovi conducenti. In cambio, i tassisti hanno ottenuto il potenziamento delle corsie preferenziali, saranno aumentati i posteggi dedicati al servizio e saranno installate 149 colonnine di chiamata, che permettono di ordinare un taxi direttamente dalla strada. Aumentando le licenze, quindi, il Comune è riuscito a raggiungere un accordo con i tassisti, concedendo servizi utili anche ai cittadini e mantenendo ferme le tariffe, già alte. Il costo di un taxi a Roma: quota fissa 2,33 euro; scatti ogni 141 metri sopra i 20 km/h 0,78 euro; scatti da fermo ogni 19,2 secondi 0,11 euro. Firenze è una città poco vasta, si gira a piedi e i cittadini prendono il taxi raramente, probabilmente anche perché fra le città prese in considerazione, il capoluogo toscano ha la più bassa densità di vetture a tassametro, soltanto una ogni 613 residenti. E le licenze sono sempre le stesse ormai dal Non si vogliono aumentare in quanto i residenti sono diminuiti del 10 per cento nell ultimo decennio; l amministrazione comunale sostiene, infatti, l utilità di un maggior numero di vetture solo in alcuni mesi, coincidenti con la grande affluenza di turisti. Il costo di un taxi a Firenze: quota fissa 2,65 euro; scatti ogni 117 metri 0,10 euro; scatti da fermo ogni 16 secondi 0,10 euro. Napoli è un esempio atipico. Pur esistendo 14 cooperative, i taxi scarseggiano. In compenso, c è poca richiesta. Le vetture a tassametro sono spesso ferme nei parcheggi, perché gli unici clienti, di solito, sono i turisti, presi di mira, specie alle stazioni di Napoli centrale e di Mergellina, anche da un gruppo tenace di abusivi. L amministrazione comunale sostiene che nei periodi di bassa stagione ci sono 600 veicoli in eccesso. Sembra incredibile, visto che per ogni taxi, a Napoli, ci sono 422 cittadini. Nuove licenze non sembrano in vista, dal momento in cui è raro che il napoletano prenda il tassì, anche perché il trasporto pubblico è molto variegato, e le ultime sono state rilasciate nel 1998; inoltre, la popolazione residente è diminuita e si è spostata nei comuni limitrofi. Perciò in questo periodo, dal momento che i turisti sono pochi, i posteggi restano pieni e invece dei clienti sono i taxi a fare la fila. Il costo di un taxi a Napoli: quota fissa e chiamata 3,40 euro; scatti ogni 70 metri 0,05 euro; scatti da fermo ogni 15 secondi 4,30 euro. Verso la libera concorrenza e la liberalizzazione I tassisti difendono compatti i loro interessi e si tramandano il mestiere di padre in figlio come succedeva nelle antiche corporazioni. Chi riesce ad ottenere una licenza, infatti, può garantire un futuro anche al figlio, e poi al nipote, perché la concessione comunale per la guida dei taxi è un bene ereditario. Non c è da stupirsi, quindi, se le licenze hanno un valore altissimo, e arrivino attualmente ad essere vendute, in città come Roma e Milano, anche a euro. Il commercio delle licenze sembra essere una pratica molto diffusa, anche se illegale: la Guardia di finanza, un anno e mezzo fa, ha coinvolto in un inchiesta alcuni tassisti milanesi che sono stati condannati soltanto per evasione fiscale. La legge consente il trasferimento delle licenze, ma l autorizzazione a portare un auto a tassametro può essere trasferita ad un aspirante tassista, senza chiedere denaro in cambio. Anche perché le licenze appartengono soltanto al Comune e chi le vende, quindi, lucra su un bene che non gli appartiene. Ad ogni modo, dopo l inchiesta della Guardia di Finanza, a Milano, la vendita delle licenze sottobanco è diventata molto più difficile. La trasmissione ereditaria delle licenze è una pratica contraria alla libera concorrenza, occorre più trasparenza nelle gare per le concessioni, occorrono piani per gestire le situazioni di emergenza e tariffe semplificate e diversificate. È necessaria una vera liberalizzazione del settore. Le tariffe italiane: le più care d Europa In tutte le principali città italiane, il servizio taxi costa tanto e funziona male, soprattutto nel centro-nord. I tassisti intervistati danno la colpa al traffico, ai sensi unici, ai lavori in corso, all urbanistica e al maltempo. Di contro, gli assessori comunali ai Trasporti se la prendono con i tassisti, accusati di chiedere molto e concedere poco, di essere sempre pronti allo sciopero e di non rispettare i turni di lavoro. Alcuni economisti, poi, accusano le amministrazioni comunali, rimarcando la necessità di liberalizzare il settore. Il servizio di trasporto pubblico non di linea è regolato nel dettaglio dalle amministrazioni comunali che, d accordo con le Regioni e con le cooperative dei tassisti, stabiliscono il numero delle licenze e delle vetture in circolazione, regolando turni e definendo tariffe. Eppure i taxi, nelle principali città, sono pochissimi. Nelle ore di punta le vetture non bastano e non esistono piani per fronteggiare gli eventi straordinari. Il numero delle licenze, negli ultimi vent anni, è rimasto pressoché invariato. Mentre a Roma si discute l introduzione di 450 nuove licenze, non succedeva dal 1993, a Milano, due anni fa, sono entrati in circolazione 270 nuovi taxi, ma è la prima volta dal lontano 1981: le tariffe, in cambio, sono aumentate,e saliranno ancora nei prossimi mesi. Poche centinaia di licenze, comunque, rimangono ancora insufficienti. Sono state lanciate molte iniziative per disincentivare l uso delle auto private. I blocchi periodici del traffico, la circolazione a targhe alterne e la chiusura dei centri storici, sono solo alcune delle misure viste di buon occhio dai tassisti. Il taxi, che fino a qualche anno fa poteva ancora essere considerato un lusso, per molti è diventato un mezzo indispensabile. La domanda è aumentata e il numero delle vetture a tassametro, già scarso, è divenuto inadeguato. A Roma le licenze sono e, se tutto va bene, presto saranno 6.471, mentre a Milano circolano taxi; pochi, se si considera che a Parigi sono state concesse più di licenze e che a Londra viaggiano oltre taxi. In altre parole, a Londra esiste un taxi ogni 120 residenti, a Roma, invece, uno ogni 457 cittadini. Purtroppo, ogni volta che le amministrazioni comunali hanno provato ad aumentare il numero dei taxi in circolazione, cambiando i turni e concedendo nuove licenze, i rappresentanti di categoria si sono opposti con forza organizzando, soprattutto a Roma e Milano, manifestazioni di protesta. In realtà i taxi in circolazione sono talmente pochi che, se aumentassero, gli incassi resterebbero inalterati.

13 speciale Cittadinanzattiva pag. 13 di Brando Quaglietti (su progetto a cura di Liberata Dell Arciprete Coordinatrice area politiche dei consumatori regionale) Un monitoraggio per valutare il livello di soddisfazione nei confronti dei mezzi pubblici dell area milanese che ha rappresentato un azione di analisi critica del servizio di trasporto urbano e che si è tradotto in un attività di controllo realizzata per verificare il funzionamento del servizio stesso. Sono state condotte 515 interviste, su un totale di 51 linee, suddivise sulla base delle diverse fasce orarie: ora morbida (dalle 9:30 alle 12:30, dalle 14:30 alle 16:30, dalle 19:00 in poi); ora di punta (dalle 7:30 alle 9:30, dalle 16:30 alle 19:00); ora di semi-punta (dalle 12:30 alle 14:30). Il quadro che ne scaturisce non è particolarmente positivo, si evidenziano criticità in merito alla regolarità ed alla puntualità, alla pulizia e al confort, ma le maggiori evidenze riguardano l accessibilità e le informazioni in caso di grave disservizio. In particolare quest ultimo dato risulta avere un peso notevole, se si considera che la prima forma di auto-tutela per il cittadino è proprio la corretta informazione. I dati così raccolti possono costituire una base molto utile per un confronto tra l amministrazione o l azienda pubblica e i cittadini, basato su fatti e situazioni specifiche e non sul singolo caso. In condizioni abituali, quanti giorni alla settimana utilizza il servizio di trasporto pubblico? È soddisfatto della regolarità e della puntualità rispetto all orario previsto? È soddisfatto del comfort a bordo dei servizi pubblici? È soddisfatto della pulizia a bordo dei veicoli, alle stazioni e alle fermate? È soddisfatto delle informazioni che ha ricevuto in caso di grave disservizio? È soddisfatto della cortesia del personale a bordo e alle stazioni? Se raggiunge la fermata o la stazione con un mezzo proprio trova soddisfacente lo spazio parcheggio e la sicurezza del suo mezzo durante la sua assenza? Come valuta la facilità di interscambio tra un mezzo e l altro (es. metro-bus, tram-bus, bub-bus ecc.)? Ritiene garantita l accessibilità ai mezzi di trasporto per chi ha difficoltà nel camminare? Come giudica l offerta di mezzi pubblici nella zona in cui vive/lavora? Ritiene che lei aumenterebbe l uso di mezzi di trasporto se la qualità della loro offerta migliorasse? Lei sarebbe disposto a pagare di più il servizio di trasporto pubblico se migliorasse sensibilmente? No Sì Non risponde No Sì Non risponde LA SODDISFAZIONE DI CHI UTILIZZA I TRASPORTI PUBBLICI A MILANO. Campione composto per il 57 per cento da donne e per il 43 per cento da uomini e omogeneo per età.

14

15 dedicato ai meno giovani pag. 15 Teleassistenza per gli anziani Anzianinsieme è un iniziativa di un gruppo di volontari pensionati, appartenenti al mondo dell associazionismo, che opera in convenzione con la Provincia per offrire supporto tecnico ai centri sociali esistenti, a quelli che intendono costituirsi e alle amministrazioni comunali che vogliono promuoverli. Allo scopo di promuovere il diritto a una vita autonoma e serena nel proprio contesto familiare, dall anno 2001 è stato offerto, nei territori comunali sprovvisti di analoghe opportunità, il servizio gratuito di Teleassistenza. Per incrementare le conoscenze dei singoli e la capacità di organizzare e gestire iniziative ricreative, culturali e di solidarietà nell ambito della vita associativa dei centri anziani vengono organizzate attività formative, di informazione e sensibilizzazione, e opportunità di acquisire gli strumenti tecnici appropriati per lo sviluppo degli interessi, della partecipazione e dell interazione con l ambiente di riferimento. Come Nonni on line : corsi di computer-internet e sviluppo dei rapporti intergenerazionali, corsi di sensibilizzazione, consulenza e formazione, corsi di primo soccorso, di ortofrutticoltura e giardinaggio, di tecniche di animazione di gruppo. Per offrire concreto supporto all autonoma programmazione e realizzazione delle attività vengono assegnati, su richiesta, contributi ad enti e associazioni per lo svolgimento di iniziative a favore delle persone anziane alle associazioni di anziani per ristrutturazione o acquisizione di strutture e strumenti per la realizzazione delle attività a centri sociali anziani o relativi comuni per l allestimento e la gestione/manutenzione di orti da assegnare ad anziani pensionati. Per informazioni gli uffici sono a disposizione dal lunedì al giovedì dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 17:15 e il venerdì dalle alle 12:30 ai seguenti recapiti telefonici: , fax di Ennio Marino Un gruppo di signore anziane in un palazzo di Milano, dalle parti di Quarto Oggiaro, ha stretto un patto di mutua assistenza per cercare di vivere con dignità e decoro. Per la maggior parte sono vedove, con la pensione sociale frutto di una vita spesa come casalinghe. Le loro esigenze sono minime, non chiedono la luna ma solo di arrivare alla fine del mese in tranquillità. Non solo si curano a vicenda per essere sicure che nessuna resti sola in caso di malattia o che qualcuna possa essere truffata: il loro vero punto di forza è la spesa collettiva. Elvira è la più arzilla del gruppo e l addetta a1 vettovagliamento. Sostiene che due panini hanno un costo esorbitante, ma è convinta che comprando cinque chili di pane l esborso diventa accettabile. Lo stesso discorso vale per la frutta e la verdura che compra a cassette, dividendole per sei persone. Per la carne e il formaggio, invece, si servono dei discount: pur non essendo prodotti di marca vanno bene ugualmente. Al discount comprano anche latte, caffè, zucchero, e tutti i prodotti necessari per la pulizia della casa. Due volte a settimana raccolgono le ordinazioni e si organizzano per gli acquisti. Ma non è tutto. La comunità sta pensando ad altri progetti. Stanno addirittura studiando la possibilità di mettere la lavatrice in comune per risparmiare sulle bollette della luce e sul detersivo. Sarebbe un po come tornare ai tempi della loro giovinezza, quando nelle case c era un lavatoio per tutti. Era bello, tutti si conoscevano e si socializzava parecchio. Adesso, invece, si muore senza che nessuno quasi si accorga di niente. Queste baldanzose signore, poi, tutte le sere alle cinque, si trovano in casa per dire il rosario, e ringraziare il signore della giornata appena trascorsa. Con i soldi risparmiati sulla spesa, ogni tanto il gruppo riesce anche a concedersi qualche sfizio. Grazie alle organizzazioni che vendono prodotti, e con un esborso minimo, riescono, infatti, a visitare qualche città d arte. Con euro riescono a passare una giornata insieme. Vivere da pensionati in una grande città come Milano è difficile: si devono fare i conti con la noia e la solitudine. Molte persone si lasciano sopraffare dalla malinconia non uscendo più di casa se non per delle visite o per andare in ospedale. Per molte la morte arriva come una liberazione. Queste persone, invece, sono state fortunate, si sono trovate e capite. E, non senza qualche sforzo iniziale, hanno creato un bel gruppo, compatto e unito. Perché non fare così in ogni palazzo?... Nuove tecnologie e qualità della vita per le persone non più giovanissime L iniziativa con la quale la Provincia di Milano riconosce e intende ulteriormente valorizzare e sostenere gli interventi dei Comuni, singoli o associati, per favorire la permanenza delle persone anziane presso il loro domicilio è un bando per promuovere progetti di investimento in tecnologie, reti, strumenti e ausili utilizzati nell area socio sanitaria che aiutino e favoriscano la vita dell anziano, parzialmente o totalmente non autosufficiente, presso la famiglia e la propria casa, ritardando il più possibile il ricovero nelle strutture residenziali collettive o la loro ospedalizzazione. Le priorità individuate riguardano il livello di integrazione che il progetto realizza tra i servizi comunali singoli o associati, Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere e terzo settore; i progetti gestiti con titolarità delle associazioni e del terzo Settore; l innovazione di gestione, tecnologica, di servizio e di processo; la dimensione del partenariato e rappresentatività della rete dei comuni all interno dell ambito di zona. Si potranno acquistare: strumenti, tecnologie, impianti e attrezzature finalizzati ai servizi di domiciliarietà di sicurezza sociale sanitaria presso l abitazione degli anziani o presso i centri semi residenziali per persone fragili, apparecchiature, macchinari e beni strumentali strettamente pertinenti alla realizzazione del progetto, installazione ausili e tecnologie, spese per materiali di prova e collaudi finali e software strettamente correlato alla esecuzione e al funzionamento delle attrezzature da acquisire grazie al progetto. Per informazioni: Prendi in casa uno studente : la Provincia di Milano mette a disposizione dei pensionati che accolgono uno studente universitario 1000 euro per opere di miglioria nell abitazione. Il contributo consentirà di affrontare il problema della sicurezza domestica accanto a quello dell accoglienza e della solidarietà nei casi in cui non è stato possibile avviare l ospitalità per inadeguatezza dell appartamento. Accanto alla Provincia l associazione MeglioMilano mette a disposizione dei pensionati che accoglieranno gli studenti altri apprezzati incentivi: rilevatori elettronici e tecnologie domotiche offerti da società aderenti al Csi (Componenti e Sistemi per Impianti) e, grazie alla partecipazione di Fastweb, 30 collegamenti Internet gratuiti per un anno (uno strumento di lavoro necessario per gli studenti e una possibilità di alfabetizzazione informatica apprezzata dal pensionato). L iniziativa permette altresì di confermare la propria funzione di mediazione per l avvio e il proseguimento delle convivenze, fornirà agli studenti ingressi di favore a musei, cinema e teatri. Molte le richieste degli studenti che si sono rivolti all associazione MeglioMilano per trovare un alloggio dove trascorrere l anno accademico. Il progetto è originale e pratico: oltre i vantaggi sopra descritti, infatti, gli anziani ricevono compagnia e aiuti in piccole incombenze domestiche come gettare la spazzatura o acquistare l acqua; gli studenti hanno un posto letto assicurato versando un rimborso spese mensile che varia tra i 150 e i 250 euro, molto meno, quindi, dei 400 euro richiesti da molti padroni di casa per una stanza singola. In collaborazione con il Politecnico, il Consiglio di Zona 9 e Ras Assicurazioni, MeglioMilano ha avviato, in via sperimentale, 17 convivenze che sono state il frutto di più di cento offerte di pensionati e di oltre duecento richieste di studenti. Gli anziani sono reclutati attraverso Asl o enti che operano sul territorio; queste persone devono essere autosufficienti e avere una stanza adeguata alle esigenze di uno studente. I giovani interessati ad aderire all iniziativa possono rivolgersi in orario d ufficio al numero di telefono ; le liste di attesa, per ora, raggiungono le 150 persone.

16 pag. 16 auto, bollo&assicurazioni di Fabio Ciccolella Ogni famiglia italiana ha un debito pari a 12mila euro. È l Intesa Consumatori a lanciare l allarme. Secondo i consumatori, è la difficoltà delle famiglie italiane di arrivare a fine mese a spingere l indebitamento, e questo a causa della totale assenza del Governo nelle politiche sociali e di contrasto al debito. L Intesa sostiene che, invece di aiutare le famiglie, le scelte dell esecutivo hanno arricchito la rendita, i monopoli e i cartelli. Banche, assicurazioni, Eni, Enel e Autostrade fanno utili per un valore stimato in 30 miliardi di euro, mentre i consumatori subiscono i rincari di tariffe insostenibili. Intanto, l attenzione si è indirizzata verso pericolose formule d indebitamento, come la cessione del quinto dello stipendio estesa a lavoratori atipici e pensionati (prima erano esclusi) e di certo non a costo zero. I tassi di interesse viaggiano, infatti, oltre il 20 per cento su base annua. In questo clima di grande difficoltà economica e finanziaria, sempre più persone che devono cambiare automobile scelgono per un acquisto rateizzato: i dati dicono che il 75 per cento degli italiani compra l auto a rate. Oggi, infatti, anche chi potrebbe permetterselo sceglie di non intaccare i risparmi e di non smobilitare li investimenti. Il tasso zero è l argomento che più incide nell acquisto rateale. Un affare, anche se occorre sapere che, spesso, in realtà un interesse si paga: è il Taeg, da non confondere con il Tan. Il tasso annuo nominale (Tan) è l interesse applicato sul prestito, espresso in percentuale. È a questo tasso d interesse che di solito si fa riferimento quando si parla di finanziamento a tasso zero. Attenzione, però, perché bisogna considerare anche Consigli utili di Bruno Giletti Anche se il pagamento è dilazionato conviene sempre chiedere uno sconto e, nel caso si tratti di un auto di seconda mano comprata a rate, se rifiutano lo sconto, si può chiedere di non pagare il passaggio di proprietà. Confrontare il Taeg per riconoscere la proposta più conveniente, più è basso, minore sarà il costo da affrontare. Più sono lunghi i tempi di rimborso, più cresce il costo del finanziamento. Valutare se è meglio fare qualche sacrificio e liberarsi presto delle rate. Il finanziamento della Casa è più vantaggioso, rispetto a quello della banca, i costi sono divisi tra costruttore e concessionario. Alcuni venditori rilasciano finanziamenti per l intero importo dell auto e pagano in contanti l usato. Anche se è facile lasciarsi attrarre, prima occorre valutare bene gli interessi, che potrebbero essere pesanti. Leggere attentamente il contratto prima di firmarlo. Se ci sono dubbi è bene fotocopiarlo e studiare le clausole scritte in piccolo. Attenzione a non ritardare i pagamenti, in quanto si è soggetti a penali addebitate tutte insieme alla fine del debito. Verificare le clausole sull estinzione anticipata dell intero debito, in caso di furto, ad esempio, per legge si paga l 1 per cento del valore residuo, ma non sempre è richiesto. Se una volta firmato il finanziamento ci sono ripensamenti, conviene bloccarlo prima dell erogazione e farsi dare copia del contratto annullato. le spese per aprire la pratica, per le commissioni d incasso delle rate, per le assicurazioni. Tutti questi costi, considerati in percentuale sull importo totale del credito, formano il Taeg, il vero interesse da pagare sul prestito. È proprio il Taeg, infatti, l indicatore che bisogna considerare per valutare l effettiva convenienza di un finanziamento e poter fare i confronti tra le varie proposte. Può capitare, in casi eccezionali, che anche il Taeg sia pari a zero e che quindi è la casa ad accollarsi tutte le spese obbligatorie del finanziamento. A garanzia del consumatore, per legge, ogni promozione deve riportare sul contratto d acquisto, oltre al periodo di validità dell offerta, sia il Tan sia il Taeg. In tanti, ad esempio, comprerebbero un auto pagando solo 50 euro al mese. L offerta strillata dalla pubblicità è allettante, ma basta leggere le note in piccolo per scoprire che la promozione è più articolata. Per esempio, per la Chevrolet Kalos, la casa offre 2 anni d assicurazione incendio e furto e due scaglioni di minirate: le prime 24 da 50 euro, le altre 56 da 198,50 (Tan 4,91 per cento; Taeg 5,51 per cento). L importo resta basso, ma ci s indebita per quasi 7 anni. È proprio la lunga durata del debito il punto debole delle minirate. Acquistare versando un anticipo Un altra formula di pagamento dilazionata consiste nel versare in contanti un anticipo del per cento, cominciando, poi, a pagare 2 anni di piccole rate. In questo modo il cliente ha tre possibilità di scelta: tenersi l auto, saldando il debito con una maxirata o rifinanziandolo; restituire la macchina, senza dover più nulla; cambiarla con un altra della stessa marca, alle medesime condizioni. Ford Idea e Jaguar Privilege sono due esempi che presentano formule di questo tipo. Offrono il vantaggio del pagamento dilazionato, dell auto nuova ogni due anni, dell eliminazione del problema dell usato. Ma gli svantaggi ci sono. Forte anticipo, alti tassi d interesse (nel caso della Ford Tan 9,50 per cento, Taeg 10,59 per cento), forzata fedeltà al marchio. Comprare a rate l usato Anche l usato proposto da concessionarie è possibile comprarlo a rate. Rispetto ai finanziamenti sul nuovo, in genere, il tasso d interesse è più alto. Ma, per smaltire un ingombrante parco auto di seconda mano, a volte i venditori stimolano i clienti con il tasso zero. Generalmente è possibile rateizzare tutto l importo, ma è difficile che si possa anche rimandare di qualche mese il pagamento della prima rata. Occorre prestare attenzione ad alcuni passaggi. È opportuno, infatti, confrontare diverse offerte di finanziamento, controllando il Taeg, e controllare che la finanziaria proposta sia iscritta all Associazione degli operatori del settore (Assofin). In caso di richiesta di finanziamento respinta Scelta l auto, pianificata la rateazione, versato l anticipo, è possibile che la finanziaria respinga la richiesta. Se in passato sono state pagate in ritardo molte rate o se si hanno ancora rate in sospeso o si è assunti a tempo determinato, si corre questo rischio. La richiesta può venire respinta anche perché l importo mensile è troppo alto in rapporto al proprio reddito, o perché risultano altri prestiti in corso. Per cautelarsi è opportuno prendere la precauzione di far scrivere sul contratto di aver versato un deposito cauzionale che garantisca la validità del contratto a condizione che la richiesta dì finanziamento sia accolta. In questo modo, in caso di rifiuto, almeno verrà restituito l anticipo.

17 auto, bollo&assicurazioni pag. 17 Cambiare olio e filtri dell aria Per preservare il motore della propria auto, è opportuno sostituire l olio con regolarità in quanto, da questo semplice gesto, dipende buona parte della durata del motore. La sua capacità lubrificante, infatti, non è infinita: con l aumentare dei chilometri, lo stress termico cui è sottoposto e gli idrocarburi incombusti che lo inquinano, ne alterano le caratteristiche e a farne le spese è soprattutto la fluidità alle basse temperature. Nella stagione invernale, in particolare nelle partenze a freddo, del carburante incombusto può scivolare lungo le canne dei cilindri, inquinando l olio. Per questo motivo, finito il freddo, conviene sostituirlo, soprattutto a coloro che viaggiano spesso in autostrada se o a pieno carico. E il filtro nuovo ogni due cambi d olio Il filtro raccoglie i residui e con il tempo si satura: è consigliabile quindi sostituirlo ogni due cambi d olio. Dopo aver fatto defluire tutto l olio nella bacinella, svitare il filtro in senso antiorario usando l apposita chiave e facendo attenzione a non sporcare il vano motore, in quanto nel filtro restano sempre circa 250 grammi d olio. Prima di montare la cartuccia occorre ungere la guarnizione con dell olio per migliorarne l aderenza. Usare un filtro originale o, comunque, compatibile. di Ennio Marino Se si causa un sinistro la Rca rincara. In certi casi, invece di fare la constatazione amichevole conviene rimborsare direttamente la controparte. La classe di merito, infatti, è il fattore che più incide sul costo della Rca e, considerando l innalzamento di almeno due classi per coloro che provocano il sinistro, e di conseguenza l aumento della tariffa al rinnovo della polizza, a volte è meglio pagare subito. Per finire nelle classi superiori, cioè più costose, non conta la gravità dei danni causati; è sufficiente un leggero tamponamento. Insomma, un graffietto da pochi euro si può rivelare un salasso sulla polizza: se in un incidente si provoca un danno a un altra auto di euro, ci sono due possibilità da intraprendere: denunciare il sinistro alla propria assicurazione attraverso la constatazione amichevole o pagare il carrozziere di tasca propria, senza mettere al corrente del sinistro la propria compagnia, considerando che la legge lo consente. Valutare l entità del danno per risparmiare Se l incidente è lieve, un controllo sommario dei danni può rivelare un idea del costo della riparazione: un fanale si può riparare sostituendo solo il singolo vetro (spesa minima) o l intero blocco (risarcimento più caro). Per sapere il costo della riparazione è necessario che l altro guidatore porti l auto dal carrozziere. Una volta considerato il preventivo, chi resta indeciso tra pagare o denunciare, può chiedere consiglio al proprio assicuratore. Per prendere la decisione definitiva, occorre mettere a confronto due spese: quella per far riparare il veicolo danneggiato dell altro guidatore, e quella dovuta al rincaro della Rc auto (passaggio in due classi di merito superiori). Occorre la consulenza (gratuita) del proprio assicuratore, che conosce sia le tariffe Rca sia i ribassi e i rincari legati alle classi di merito. Ogni compagnia adotta una propria tabella di classi ed è, quindi, libera di applicare i prezzi che crede e di farli aumentare anche in assenza di sinistri. Ad ogni modo, chi è in una classe di merito dall ottava (inclusa) in su, ha convenienza a pagare fino a euro di danni; dalla settima in giù, meglio denunciare il sinistro e salire di due classi. Per fare bene i calcoli bastano una calcolatrice e pochi minuti di tempo. Che cosa serve per cambiarsi l olio da sé, senza rivolgersi a un officina specializzata Per il cambio dell olio, se la vettura è ancora in garanzia bisogna rivolgersi a una concessionaria, oppure a un officina che rilasci una ricevuta dell intervento conforme alle prescrizioni della casa. Tuttavia, per cambiare l olio non serve una competenza particolare, si risparmiano alcune decine di euro e bastano pochi e semplici attrezzi: è possibile trovarli nei centri commerciali, costano poco e si riutilizzano. Solo la chiave speciale per svitare il filtro si acquista nei negozi di accessori per auto. II tappo, secondo il tipo di bullone, si svita con una chiave inglese o a brugola. Dopo aver scaldato il motore, lasciarlo spento per 20 minuti. Togliere il tappo dell olio e sfilare l astina per il controllo del livello. Dopo aver messo una bacinella sotto l auto, iniziare a svitare lentamente il tappo di scarico con la chiave inglese oppure a brugola, lasciando scolare tutto l olio nella bacinella. Eseguire l operazione con calma: d inverno può richiedere anche un ora. Prima di riavvitare il tappo, non serrandolo troppo, sostituire se presente la rondella che fa da guarnizione. Versare il nuovo lubrificante nel bocchettone sulla testata, stando bene attenti a non sporcare (servirsi di un imbuto). Non esagerare con la quantità: verificate sul libretto d uso quanto ne serve e controllare infine il livello con l astina. L olio usato è molto inquinante: va raccolto in una tanica di plastica e affidato ad una sede del Consorzio Oli Usati oppure consegnato ai benzinai. Per conoscere il centro più vicino chiamare il numero verde o consultare il sito internet Milioni di italiani hanno ricevuto a casa richieste di pagamento, riguardanti anni passati, di bolli, le tasse di proprietà dell auto. Se, per alcuni si è trattato, effettivamente, di mancato pagamento, oppure di versamento parziale o, addirittura, in eccesso, per molti si è trattato di un errore tecnico o dei computer, in quanto i bolli sono risultati regolarmente pagati. Ad ogni modo, coloro che non hanno versato la somma dovuta in passato, saranno obbligati al saldo del debito con gli interessi: se, ad esempio, il ritardo è di oltre 12 mesi, ci sono la maggiorazione del 30 per cento e gli interessi dell 1,375 per cento per ogni semestre. Multa da pagare anche per chi ha regolarmente pagato ma ha smarrito le ricevute di versamento. Non esiste, infatti, una legge nazionale che stabilisca la prescrizione, cioè dopo quanti anni si possa richiedere il pagamento di vecchi bolli; ogni Regione si comporta, infatti, in base al proprio regolamento: può esserci una prescrizione di tre, quattro, cinque o anche più anni; e le norme regionali possono cambiare e la prescrizione allungarsi ulteriormente. Per dimostrare di aver pagato tutti i bolli passati ogni contribuente deve basarsi sulla lettera che la sua Regione gli ha inviato a casa: a volte, basta un fax a un numero indicato dall Ufficio tributi, ma spesso occorre recarsi di persona in uno sportello regionale, con ovvi disagi e perdite di tempo. Ma per evitare di pagare sanzioni amministrative che non spettano, è opportuno, innanzitutto, non gettare mai le ricevute di pagamento dei bolli, neppure se si è a conoscenza della vigente prescrizione della propria Regione. In secondo luogo, a ogni scadenza del bollo, non bisogna pagare automaticamente come l anno prima perché potrebbero esserci state variazioni nei parametri da considerare. Infine, è buona prassi conservare sempre tutti i documenti attestanti che la cessata proprietà della propria vettura: denunce di furto, atti di vendita notarili, ricevute dei demolitori autorizzati.

18 pag. 18 carovita PERFEZIONAMENTO DEL SISTEMA IDRICO INTEGRATO. I pochi investimenti nella manutenzione della rete idrica ha dato origine a un deterioramento delle condutture. di Bruno Giletti Negli ultimi anni il prezzo dell acqua, in Italia, è andato crescendo e oggi si fa ancora fatica a quantificare quale possa essere il giusto costo per poter avere un acqua limpida e buona che esca comodamente dai rubinetti di casa. Abbondano i gestori e i tempi di fatturazione coprono tutte le diverse scansioni temporali, dal bimestrale all annuale. La Federconsumatori ha posto in essere un indagine dalla quale si è riscontrato che, oltre alle spese derivanti dagli adeguamenti agli obblighi di legge, i fattori maggiormente incidenti sulle tariffe sono diversi: l assetto idrogeologico, il numero di utenti serviti, i chilometri di rete, il volume di acqua distribuita e eventualmente acquistata, la sua qualità e servizio, gli investimenti, le perdite nella rete, i costi e la tipologia di gestione. Questo importante periodo di transizione prevede il perfezionamento del servizio idrico integrato, ossia l integrazione funzionale di tutto il ciclo dell acqua, dalla distribuzione e raccolta alla depurazione; il procedimento attraverso il quale tutto ciò avverrà è subordinato alla costituzione degli Ambiti territoriali ottimali (Ato), che opereranno in regime di monopolio. Finora i prezzi dell acqua erano stati fissati dalle delibere del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe); d ora in avanti, invece, sarà possibile avere localmente più ampi margini di autonomia, parallelamente ad aumenti significativi per le famiglie che potrebbero superare il 5 per cento annuo. La conseguenza di tutto ciò va ricercata nei pochi investimenti nella rete idrica degli ultimi anni che ha permesso il deteriorarsi delle condutture. A dimostrazione del peggioramento della situazione ci sono i dati rilevati dalla Federconsumatori: il 26,7 per cento dell acqua va, infatti, perduta sull intero territorio nazionale. Secondo il presidente dell associazione Zanini crescerà anche il prezzo dell acqua dell attività produttiva a maggior consumo, l agricoltura, con un aumento che andrà a gravare soprattutto sui produttori, già messi in ginocchio dalle bizzarrie del clima e dal caro-petrolio. Occorre,inoltre,vigilare con sempre maggior attenzione sui gestori, che spesso sono società partecipate dal Comune: con la quotazione in borsa delle più importanti, si rischia il venir meno della logica di servizio pubblico in favore di un più facile profitto,con danni per gli utenti e per l ambiente. Le azioni da intraprendere per andare incontro ai consumatori, sarebbero di segno opposto: sarebbe funzionale un omogeneizzazione delle tariffe, prevedendo agevolazioni per le fasce più deboli e per le famiglie più numerose, ma occorrono anche iniziative per l educazione a un consumo responsabile. Scorrendo le cifre dell indagine si scopre che ciò che costa meno non necessariamente viene sprecato. A Milano, ad esempio, le basse tariffe vanno di pari passo con i bassi consumi; emerge, infatti, l esistenza di un enorme divario tra le varie città per quanto concerne i consumi essenziali, la cosiddetta fascia agevolata. Stupisce che la tariffa più economica al metro cubo nella prima fascia sia riscontrata a Milano con 0,084 centesimi di euro per metro cubo; nella seconda fascia, tariffa base, le variazioni vanno da un minimo di 0,134 centesimi di euro/mc registrati a Milano ad un massimo di 0,956 centesimi di euro/mc a Cesena con una media nazionale di 0,506 centesimi/mc; nella terza fascia, Cesena si riconferma la città con la tariffa più cara con 1,731 euro/mc, mentre la tariffa più economica si registra ancora a Milano con 0,232 centesimi di euro/mc. Dal 2001 al 2004 anche il noleggio dei contatori ha subito aumenti notevoli con ritocchi di prezzo perfino durante il medesimo anno. La media nazionale è passata così da 6,471 euro/anno nel 2001 a 11,277 euro/anno nel 2004, e al costo base si deve aggiungere sempre il 10 per cento di Iva. Considerando la quota fissa, l Iva, il costo del servizio di depurazione e fognatura, il consumo medio annuo di acqua in Italia per unità abitativa risulta essere 163,5 mc d acqua. Nel 2004 la media nazionale di spesa per il medesimo consumo si è attestata sui 214,22 euro con un aumento dello 0,03 per cento. Quasi in tutte le città esaminate è stata eliminata la quota fissa che l utente doveva pagare ogni anno indipendentemente dal consumo, e che quindi lo portava a consumare anche oltre il necessario. Sempre più depuratori nelle case degli italiani Tra coloro che scelgono di bere la vecchia acqua del rubinetto e coloro che simpatizzano per l acqua imbottigliata, c è la terza via dell acqua fai-da-te, scelta da chi acquista un impianto domestico di depurazione. Grazie a massicci investimenti pubblicitari, gli italiani si sono definitivamente convinti che l acqua imbottigliata è più buona e più sicura, e dunque se proprio bisogna ricorrere al rubinetto tanto vale purificare l acqua che ne esce, con uno degli impianti che il mercato offre in abbondanza. Ce n è per tutti i gusti e prezzi: si va dalle brocche a cartucce contenenti una combinazione di resine a scambio ionico e carbone attivato, che costano solo poche decine di euro, a prodotti che sfruttano il processo di osmosi inversa e vanno ammortizzati in un paio di anni. Orientarsi tra filtri e addolcitori d acqua sembra abbastanza complicato, non tutti sanno, infatti, che i primi, senza una corretta manutenzione, rischiano di inquinare l acqua fino a renderla non più potabile mentre i secondi agiscono chimicamente sull acqua aumentandone la quantità di sodio. Bisogna anche tener presente la frivolezza di alcune società che si sono buttate sul mercato all ultimo momento in cerca di facili guadagni, commercializzando prodotti di dubbia qualità; contro di loro si è quasi subito scatenata una massiccia campagna mediatica che ha finito col danneggiare anche chi aveva sempre lavorato seriamente. Tra la mancata informazione sull elevata qualità delle nostre acque potabili e la forte tentazione di cedere alle lusinghe di promesse di acqua magica trattata con propri apparecchi, rimangono coloro che non resistono al desiderio di farsi in casa la propria acqua da tavola intervenendo in qualsiasi modo su quella del rubinetto. È opportuno comunque ricordare che un acquisto d impulso non è un ottima premessa per una scelta corretta.

19 medicina&salute pag. 19 di Lara Corso Le donne sono reticenti al fatto che il loro partner usi il Viagra, lo sostiene un sondaggio effettuato dal mensile cattolico Club3, rivelando che sono più della metà le mogli a non volere l utilizzo del farmaco per superare la disfunzione erettile incombente nei mariti dopo i 50 anni. Il direttore della rivista sostiene, invece, l importanza del consenso della partner all uso della pillola anche perché, scoprendolo casualmente, ne provocherebbe irritazione e sensazione di imbroglio. E difficile sapere con precisione quanti uomini abbiano problemi di disfunzione erettile: nonostante i tempi, è ancora diffuso un atteggiamento di riservatezza se non addirittura di vergogna circa questi problemi. I dati desunti da ricerche effettuate in varie occasioni sono quindi da considerarsi per difetto. Secondo uno studio del British Medical Journal del 1998, i soggetti con disfunzioni erettili sono circa 100 milioni nel mondo e la metà dei soggetti tra i 50 e i 70 anni. In Italia gli uomini che hanno questo problema sono 3 milioni. Queste disfunzioni non riguardano solo persone anziane: se è vero che la frequenza aumenta con l età, non è un disturbo connesso con l invecchiamento: infatti può essere riscontrato anche in uomini relativamente giovani, dal momento che intorno ai 40 anni il 30 per cento della popolazione maschile ha disfunzioni erettili di lieve o media gravità. A Milano, alcuni centri per gli anziani hanno chiesto all assessore alle Politiche sociali del Comune di prevedere nel bilancio municipale una cifra che consenta ai settantenni di ottenere il Viagra a un prezzo politico. Una confezione da quattro pastiglie costa, infatti, 40 euro e tenendo in considerazione le pensioni attuali, non risulta semplice affrontare una spesa simile. Inizialmente, da entrambi gli schieramenti politici si erano registrate reazioni favorevoli alla proposta del rilassamento del prezzo del farmaco, ipotizzando più che a uno sconto, uno stanziamento a favore dei consultori allo scopo di distribuire la pastiglia gratis ai settantenni. In conclusione, pur ammettendo che la vita sessuale è indice di benessere a tutte le età, i politici non hanno dato sfogo alla proposta e l idea è rimasta tale. Ad ogni modo, l iniziativa politica e l inchiesta del periodico cattolico sembrano avere, sia pure indirettamente, un punto in comune: il confronto aperto su un tema che è stato finora considerato argomento tabù e che invece, se affrontato e risolto, rappresenta un fattore determinante per il raggiungimento di uno standard di vita sereno. Salute In seguito all introduzione della legge 149/2005, che prevede la possibilità per tutte le farmacie di applicare uno sconto fino al 20 per cento sui farmaci di classe C non soggetti ad obbligo di prescrizione medica, è stato svolto da rilevatori civici un primo monitoraggio nel giugno 2005 effettuato in 162 farmacie. Lo sconto sui farmaci citati è stato applicato nel 30 per cento delle farmacie monitorate e nel 57 per cento dei casi non era al di sopra del 5 per cento. Un secondo monitoraggio è stato svolto nel novembre 2005 in 327 farmacie da 114 rilevatori civici. Il risultato è che il 77 per cento delle farmacie monitorate applica gli sconti. Lo sconto medio applicato è del 13 per cento e l 11 per cento delle farmacie applica sconti del 20 per cento. Sempre relativamente al settore sanitario è stata svolta un indagine per individuare i costi globali sostenuti dal cittadino per effettuare una radiografia del torace in una struttura pubblica o convenzionata. L indagine è stata effettuata in 16 comuni e ha voluto evidenziare, con una valutazione quantitativa, i costi economici indiretti che l utente deve spesso sostenere per carenze delle infrastrutture oppure organizzative. Se il costo economico sostenuto in una struttura pubblica o convenzionata (costo del ticket in media 21 euro) è sempre inferiore a quello di un ambulatorio privato (in media 44 euro), il costo globale (comprensivo di costo economico e costo opportunità, legato alla stima economica del tempo perso per effettuare tutte le fasi del processo: prescrizione del medico curante, prenotazione della radiografia del torace, erogazione della prestazione e ritiro del referto) è sempre superiore. Il sistema sanitario pubblico risulta, infatti, caratterizzato da alcuni elementi di criticità che rendono il sistema più burocratico e, quindi, più oneroso per l utente. I risultati di un indagine del Ministero della Salute e di Federfarma Un indagine del Ministero della Salute e di Federfarma ha rivelato che la spesa farmaceutica complessiva, nel 2004, per l acquisto di farmaci da parte di Stato e Regioni e da parte dei privati cittadini ha superato i milioni di euro. Oltre i due terzi di questi sono stati spesi dal Servizio Sanitario, mentre la rimanenza è stata a carico direttamente dai cittadini per l acquisto di farmaci di classe C. Nel 2000 la spesa farmaceutica complessiva era stata inferiore del 22 per cento rispetto al valore raggiunto nel Negli ultimi due anni ci sono stati vari interventi per contenere questo andamento, soprattutto per quanto riguarda l incremento di spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale. L effetto è stato che, in alcuni casi, le aziende hanno trasferito sui farmaci di classe C i mancati introiti derivanti dagli sconti imposti per legge dal Governo sui farmaci di classe A. Tra il 2000 e il 2004 gli italiani hanno comprato a proprie spese meno confezioni di medicine, spendendo sensibilmente di più. Questo significa che i prezzi delle singole confezioni sono aumentati tanto da ammortizzare il calo della domanda. Nel 2003 su farmaci di classe C ben hanno subito aumenti di prezzo. Alcuni di questi, e si tratta di quelli tra i più richiesti, sono aumentati fino a quasi il 200 per cento, mentre altri hanno subìto rincari superiori al 10 per cento. Disagi nell applicazione della legge per gli sconti sui farmaci Ogni farmacia si regola come preferisce mettendo il difficoltà il consumatore. La legge 149 del luglio 2005 dà ai farmacisti la possibilità di applicare sconti fino al 20 per cento sui farmaci senza obbligo di ricetta medica e su quelli da automedicazione, ma raccapezzarsi nel labirinto dei prodotti scontati per molti è ancora difficile. Da alcune lettere di protesta, pervenute al Corriere della Sera, sembra che a praticare gli sconti, siano farmacie fantasma. Altre lettere invitano a prestare attenzione a chi promette medicinali da banco e da automedicazione ribassati, in quanto, non chiedendo espressamente lo sconto, i farmacisti fanno finta di dimenticarsi e, addirittura, su alcuni prodotti si rifiutano proprio di applicarlo, spiegando che non sono compresi nell elenco, anche se per acquistarli non c è bisogno della prescrizione medica. Del resto, la legge ha solo introdotto la possibilità di scontare i farmaci, ma senza alcun obbligo per i negozianti. I cittadini, quindi, non hanno diritto ad avere lo stesso sconto in ogni farmacia, ma spetta al singolo farmacista stabilire se farlo e come applicarlo. La riduzione, ad esempio, può essere anche inferiore al 20 per cento. Dunque è facile imbattersi in situazioni in cui si presentano stessa medicina e scontrino diverso a seconda del venditore. Da un sondaggio realizzato su un campione di 180 farmacie private sulle 338 presenti in città, la federazione che riunisce i titolari di farmacia (Federfarma), rivela che a Milano il 59 per cento dei farmacisti applica sconti diversi all interno di un paniere di prodotti, il 40 per cento fa scattare una riduzione fissa in media del 10 per cento, 1 1 per cento non attua alcun ribasso. Per legge può essere tagliato solo il prezzo delle medicine che non richiedono la ricetta, farmaci che servono soprattutto per mal di testa, dolori di vario tipo, febbre, raffreddore tosse, occhi irritati, disturbi digestivi, nausea, stitichezza, gambe pesanti, problemi di vene, punture di insetto e trattamento delle piccole ferite. Le farmacie che fanno sconti fissi espongono in vetrina un cartello, quelle che li applicano su un paniere di prodotti, invece, hanno appeso un avviso all interno del negozio con il nome del medicinale e il relativo ribasso. Ad ogni modo, è utile chiedere delucidazioni al farmacista in caso di dubbi. f.c.

20 pag. 20 abitare Secondo i dati del Borsino immobiliare presentato dalla Confedilizia, che ha censito i valori di compravendita degli immobili adibiti ad uso abitativo, per comprare una casa in una zona centrale di Milano si spendono mediamente euro al metro quadro. Il capoluogo lombardo risulta la città più cara d Italia per le zone semicentrali (4.595 euro al metro quadro). La nota dolente è che per il 2006 è prevista una crescita ulteriore delle quotazioni. Il presidente di Confedilizia rassicura che non ci sarà nessun pericolo di scoppio della bolla speculativa anche se all aumento del valore non corrisponde un aumento di redditività. La maggiore confederazione della proprietà edilizia punta il dito sia contro il nuovo provvedimento di blocco degli sfratti per alcune aree metropolitane, che scoraggiano nell investimento di immobili da locare, sia e, soprattutto, contro il peso del Fisco, al quale viene riversato tra il 50 e il 60 per cento del canone di locazione. Occorrerebbe trasferire la tassazione della casa dal valore al reddito con una conseguente e necessaria riforma del catasto. I prezzi dei valori massimi delle case a Milano sono superiori ai minimi mediamente di 10 volte. Un esempio: La casa-tipo, 100 metri quadri in zona semicentrale costa euro. Prezzi complessivamente destinati a crescere, se pur con un trend rallentato rispetto al passato: nonostante, infatti, la riduzione del rendimento lordo degli immobili diminuito, secondo la Banca d Italia, dal 3,6 per cento del 2002 al 2,89 di oggi, non è stata assorbita tutta la liquidità dopo la crisi dei mercati azionari, né questi hanno conquistato la fiducia dei risparmiatori che continuano a rifugiarsi nel fidato mattone. di Fabio Ciccolella La bioedilizia sembra essere la strada maestra per il risparmio energetico. Le imprese specializzate si moltiplicano e le istituzioni, in un epoca a rischio di blackout estivo e con la questione del gas russo ancora aperta, cominciano a prenderne in considerazione i vantaggi. Questa nuova tecnica dedica particolare attenzione all isolamento termico dell edificio progettato, oltre che alla riduzione delle emissioni ambientali, alla protezione dalle onde elettromagnetiche e all utilizzo di materiali non tossici, biodegradabili e riciclati. In una Milano assediata dalle polveri sottili, il quadro dei consumi in edificio dice che ben il 31 per cento dell energia elettrica e il 44 per cento dell energia termica vengono utilizzate in ambito residenziale, in uffici e aree commerciali, per alimentare riscaldamento invernale e raffrescamento estivo, tramite elettrodomestici e apparati elettrici o elettronici. Mentre tv, radio, computer e frigoriferi giustificano la maggior quantità di emissioni energetiche, l illuminazione rappresenta, invece, una piccola quota, circa il 2 per cento, dei consumi totali e, comunque, solo il 15 per cento dei costi dell energia elettrica consumata in interni civili. In ultima analisi, sul totale di energia consumata in casa, solamente il 2 per cento è utilizzata per l illuminazione, il 5 per cento per cucinare e per il funzionamento degli elettrodomestici, il 15 per cento per il rifornimento di acqua calda e ben il 78 per cento per il riscaldamento, a cui si deve aggiungere un buon 25 per cento di consumi se si possiede un impianto di climatizzazione. Le tecniche adottate nelle costruzioni ecologiche Per ridurre i consumi energetici la bioedilizia prescrive abbondante utilizzo di legno o di particolari laterizi, sistemi solari passivi, impianti di recupero dell acqua piovana, tetto ventilato e, comunque, 3500 nuovi alloggi Nei giorni scorsi presso l Urban Center di Milano si è tenuto il convegno L abitare sostenibile promosso dal Comune di Milano, quello di Cesano Boscone, di Corsico e di Trezzano sul Naviglio. Il convegno si è stata l'occasione per far conoscere i contenuti dello studio di fattibilità per la costituzione di una Società di Trasformazione Urbana (STU) per l asse Vigevanese, realizzato da un ATI, composta da Fondazione Censis (capofila), Asset srl e Ispredil, che ha lavorato con i quattro comuni e a stretto contatto con il Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia Pubblica del Comune di Milano. L area oggetto della STU rappresenta la porzione centrale (circa 8 km quadrati) di un più vasto settore metropolitano sviluppatosi lungo la direttrice del Naviglio Grande, della ferrovia Milano-Mortara e della strada per Vigevano. La popolazione di riferimento, circa abitanti, corrisponde a quella di un capoluogo di provincia di media dimensione (più di Bergamo, come Ferrara). Obiettivo generale della STU è quello di realizzare, all interno di un quadro di obiettivi di trasformazione condivisi, alcune importanti iniziative sul fronte dell abitare, dell ambiente e della mobilità a scala intercomunale. In questo ambito la priorità riguarda la sperimentazione della partnership pubblico-privato nel settore dell housing sociale. Si prevede di promuovere la realizzazione di più di nuovi alloggi, puntando su alcuni fattori innovativi quali una prevalenza dell offerta in affitto a canoni accessibili (ben alloggi) ed il ricorso a tecnologie costruttive bio-compatibili. Inoltre verrà realizzato il recupero integrale di ulteriori alloggi del quartiere Aler Lorenteggio. I vari interventi sono stati calibrati per rendere possibile la partecipazione di capitali e soggetti privati. Complessivamente si tratta di 4 moduli che determinano investimenti in housing sociale pari a 235 milioni di euro ed investimenti in edilizia libera pari a 230 milioni di euro. Il piano finanziario prevede che l operazione non sia solo sostenibile economicamente, ma anche capace di generare ulteriori risorse, nella misura di 8 milioni di euro da reinvestire in opere pubbliche per il territorio. Uno dei moduli è già oggetto di un finanziamento della Regione Lombardia pari a circa 30 milioni di euro in relazione all Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (di cui alla D.G.R. del n. 7/20913) che grazie ad una intesa tra i Comuni di Milano, Corsico e Cesano Boscone, riguarda una proposta unitaria intercomunale per la realizzazione di una prima tranche di circa 700 alloggi a canone sociale e moderato. (fonte Censis)

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli