Aspetti ambientali della manutenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti ambientali della manutenzione"

Transcript

1 Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011

2 Indice della presentazione Inquadramento normativo Scenari gestionali

3 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 230 «Rifiuti derivanti da attività di manutenzione delle infrastrutture», che così recita: 1. Il luogo di produzione dei rifiuti derivanti da attività di manutenzione alle infrastrutture, effettuata direttamente dal gestore dell'infrastruttura a rete e degli impianti..., può coincidere con la sede del cantiere che gestisce l'attività manutentiva o con la sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione ovvero con il luogo di concentramento dove il materiale tolto d'opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica,...

4 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 230 (continua): 1-bis La valutazione tecnica del gestore della infrastruttura di cui al comma 1 è eseguita non oltre sessanta giorni dalla data di ultimazione dei lavori. La documentazione relativa alla valutazione tecnica è conservata, unitamente ai registri di carico e scarico, per cinque anni Fermo restando quanto previsto nell'articolo 190, comma 3, i registri di carico e scarico relativi ai rifiuti prodotti... possono essere tenuti nel luogo di produzione dei rifiuti così come definito nel comma 1.

5 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 230 (continua): 5. I rifiuti provenienti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia, sia pubbliche che asservite ad edifici privati, si considerano prodotti dal soggetto che svolge l'attività di pulizia manutentiva. Tali rifiuti potranno essere conferiti direttamente ad impianti di smaltimento o recupero o, in alternativa, raggruppati temporaneamente presso la sede o unità locale del soggetto che svolge l'attività di pulizia manutentiva.... Il soggetto che svolge l'attività di pulizia manutentiva è comunque tenuto all'iscrizione all'albo dei gestori ambientali, prevista dall'articolo 212, comma 5, per lo svolgimento delle attività di raccolta e trasporto di rifiuti. 1^ ipotesi: reti fognarie NON comprendono sifoni, griglie, tombini, pozzetti, fosse imhoff (v. D.Lgs. 152/06, art. 74, comma 1, lettera dd) 2^ ipotesi: reti fognarie COMPRENDONO tali strutture

6 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 230 (continua): Quindi, nel caso dei rifiuti da manutenzione delle infrastrutture: sede del cantiere che gestisce l'attività manutentiva Luogo di produzione = Luogo di tenuta del Registro C/S sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione luogo di concentramento dove il materiale tolto d'opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica

7 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 230 (continua): Inoltre, nel caso dei rifiuti da manutenzione di reti fognarie (sia pubbliche che private): Impianti di smaltimento / recupero Produttore = (con obbligo iscr. art. 212, c.5) soggetto che svolge l'attività di pulizia manutentiva Raggruppamento temporaneo presso la sede o unità locale del manutentore

8 Il D.Lgs. 152/06 (T.U.A.) si occupa espressamente di rifiuti da manutenzione: all art. 266 «Disposizioni finali, c. 4: 4. I rifiuti provenienti da attività di manutenzione o assistenza sanitaria si considerano prodotti presso la sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività 1^ ipotesi: l aggettivo «sanitaria» si riferisce sia a manutenzione che ad assistenza sicché l art. 266, c. 4, riguarda meramente le sole attività di manutenzione ed assistenza che si svolgono in ambito sanitario 2^ ipotesi: la disgiunzione logica «o» separa la generica attività di manutenzione dalla specifica assistenza sanitaria (interpretazione maggiormente diffusa)

9 Gli artt. 230 e 266, c. 4 del D.Lgs. 152/06: DEFINISCONO CHIARAMENTE chi è considerato «produttore» solo nel caso di rifiuti provenienti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie (pubbliche e private) Facendo un passo indietro... Produttore = v. art. 183, comma 1, lettera b): «la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè il produttore iniziale e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento, di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione di detti rifiuti»

10 Attività = «Esplicazione delle proprie Rifiuto = v. art. 183, c. 1, lettera a) capacità Inquadramento fisiche, normativo intellettuali e Qualsiasi sostanza od oggetto di cui pratiche, operosità» il detentore si disfi o abbia Imprenditore (v. art CC) = l'intenzione o abbia l'obbligo di «Chi Gli esercita artt. 230 professionalmente e 266, c. 4 una del D.Lgs. 152/06: disfarsi attività economica organizzata al Detentore = v. art. 183, c. 1, lettera fine DEFINISCONO della produzione CHIARAMENTE o dello chi h) «Il è considerato produttore dei «produttore» rifiuti o la scambio solo nel di caso beni di o rifiuti servizi» provenienti persona dalle fisica o attività giuridica di che pulizia ne è in si intende manutentiva svolta delle in piena reti autonomia fognarie (pubbliche possesso» e private) e con specifico rischio d impresa Facendo un passo indietro... Produttore = v. art. 183, comma 1, lettera b): «la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè il produttore iniziale e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento, di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato Con sentenza n. 902 del 25 gennaio 1999 (Cass. Pen. Sez. 3), si è stabilito... che non può essere considerato produttore dei rifiuti propri il soggetto che provvede allo smantellamento di veicoli altrui non più funzionanti... È importante esaminare "nell'interesse di chi" viene svolta l'attività di manutenzione, ovvero se vi è un intervento diretto del proprietario del la natura o la composizione di detti rifiuti» bene o se si affidi a terzi qualificati, imprenditori autonomi, se direttamente controllati dal committente o se tali imprenditori autonomi qualificati operino in totale autonomia gestionale e decisionale, con una propria struttura imprenditoriale

11 Gli artt. 230 e 266, c. 4 del D.Lgs. 152/06: in linea generale: se l'impresa di manutenzione svolge tale attività, con regolare contratto di affidamento da parte del committente, nel quale viene specificato che la manutenzione, sostituzione dei pezzi meccanici, revisione, ecc., è da espletarsi in totale autonomia decisionale del manutentore, purchè venga garantita l'efficienza del bene, impianto o macchinario, senza dover procedere dietro approvazione scritta o verbale del committente IL PRODUTTORE DEL RIFIUTO che ne deriva, sia esso pericoloso che non, È IL MANUTENTORE se a decidere cosa sostituire, come e quando, è il committente, che con espresso ordine commerciale o contratto, indica il servizio da espletare da parte del manutentore, perché già consapevole (il committente) di cosa si deve sostituire perché rotto o obsoleto ecc. È IL COMMITTENTE che giuridicamente "si disfa" di tale bene (e, quindi, è IL PRODUTTORE), è il committente che per espressa volontà decide di demolire o sostituire un bene che acquisisce da quel momento il carattere e natura giuridica di rifiuto (Cass. 902/99), il terzo manutentore rimane un materiale esecutore, che come sopra indicato (Cass. 5006/97) ne è il detentore

12 Gli artt. 230 e 266, c. 4 del D.Lgs. 152/06: DEFINISCONO CHIARAMENTE quali sedi possono essere considerate «luogo di produzione» (e, di conseguenza, dove possa essere tenuto il Registro C/S) NON DEFINISCONO CON CHIAREZZA se il trasporto dei rifiuti: dal luogo di produzione del rifiuto al luogo di concentramento dove il materiale tolto d'opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica oppure dal luogo di produzione del rifiuto da manutenzione di reti fognarie al raggruppamento temporaneo presso la sede o unità locale del manutentore oppure dal luogo di svolgimento della manutenzione (o dell assistenza sanitaria) alla sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività debba essere accompagnato dal FIR o meno (???)

13 Due ipotesi: A. Inquadramento trasporto con FIR normativo B. trasporto senza FIR Ipotesi supportata: dall art. Introduzione 193, c. 1 del D.Lgs. normativa 152/06: «Per gli enti e le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi di cui all'articolo 212, comma Gli artt. 230 e 266, c. 4 del D.Lgs. 152/06: DEFINISCONO 8,... i rifiuti devono essere CHIARAMENTE accompagnati da un quali sedi possono essere formulario di identificazione...» dal considerate c. 5 del medesimo art.: «luogo «... le di disposizioni produzione» di tecnica...» (e,(quindi, conseguenza, si abbracciasse la dove tesi del cui al comma 1 non si applicano al trasporto... di FIR, il materiale trasportato sarebbe rifiuto sin dalla possa essere tenuto il Registro C/S) rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore dei sua origine e il luogo di concentramento sarebbe NON rifiuti stessi, DEFINISCONO in modo occasionale e saltuario, CON che CHIAREZZA equivalente ad uno se stoccaggio) il trasporto dei non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o di dal fatto che il deposito temporaneo, ammesso trenta rifiuti: litri... Sono considerati occasionali e saltuari presso il luogo di concentramento / la sede o unità i trasporti di rifiuti, effettuati complessivamente per non più di quattro volte l'anno non eccedenti i trenta chilogrammi o trenta litri al giorno e, comunque, i cento chilogrammi o cento litri l'anno» dal fatto che, fra le esclusioni di cui al c. 5, non rientrano i rifiuti da manutenzione Ipotesi supportata: dal fatto che l art. 230, c. 1 del D.Lgs. 152/06 ammetta, come luogo di produzione dei rifiuti da manutenzione di infrastrutture «il luogo di concentramento dove il materiale tolto d'opera viene trasportato per la successiva valutazione locale del manutentore / la sede o il domicilio del dal luogo di produzione del rifiuto al luogo di concentramento dove il soggetto che svolge tali attività non può essere materiale tolto d'opera viene trasportato preceduto per la da successiva un operazione valutazione di trasporto (in tecnica senso oppure giuridico) dal luogo di produzione del rifiuto dal da DM manutenzione 145/98 che prevede: di reti fognarie al l indicazione, nella casella (2) raggruppamento temporaneo presso la sede o unità locale del manutentore oppure «Destinatario», dei dati relativi all'impresa che effettua il recupero o lo smaltimento dal luogo di svolgimento della manutenzione (o dell assistenza sanitaria) alla sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività debba essere accompagnato dal FIR o meno (???)

14 Due Alcune ipotesi: Province sono però espresse in favore dell ipotesi A. Introduzione A. (trasporto trasporto con normativa con FIR) omettendo però di indicare come debba, nella FIRrealtà operativa, B. trasporto senza FIR essere compilato detto FIR: Ipotesi supportata (continua): l indicazione, nella casella (5) l'indicazione se il rifiuto è destinato ad operazioni di recupero o di smaltimento... Gli artt. 230 e 266, c. 4 del D.Lgs. 152/06: DEFINISCONO CHIARAMENTE quali l indicazione, sedi nella possono casella (11) da essere parte del destinatario dei rifiuti, il carico di rifiuti è considerate «luogo di produzione» stato (e, accettato di conseguenza, o respinto e, nel primo dove caso, la quantitè di rifiuti ricevuta, nonché la data, possa essere tenuto il Registro C/S) l'ora e la firma NON DEFINISCONO CON CHIAREZZA se il trasporto dei rifiuti: dal luogo di produzione del rifiuto al luogo di concentramento dove il Secondo questa ipotesi, le consequenziali fasi materiale tolto d'opera viene trasportato per della la raccolta successiva e del valutazione trasporto, rientranti tecnica a oppure pieno nell'alveo della gestione dei rifiuti, dal luogo di produzione del rifiuto da hanno manutenzione inizio (dal punto di reti di vista fognarie giuridico) al dopo il deposito temporaneo, tenuto presso raggruppamento temporaneo presso la sede o unità locale del manutentore il luogo di produzione, in questo caso oppure coincidente con una sede diversa da quella dal luogo di svolgimento della manutenzione di effettiva (o dell assistenza produzione rifiuto sanitaria) alla sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività debba essere accompagnato dal FIR o meno (???)

15 Con l entrata in vigore del sistema SISTRI sono state disciplinate (*) le attività di gestione dei rifiuti: prodotti dalle attività di cantiere (solo se pericolosi) prodotti dalle attività di manutenzione N.B. Nel manuale operativo, non nel DM 17/12/2009 e ss.mm.ii.

16 CANTIERI CON PRODUZIONE DI RIFIUTI PERICOLOSI DURATA MAGGIORE DI 6 MESI: OBBLIGO DI ISCRIZIONE AL SISTRI COME UNITÀ LOCALI ESTERNE E USB PRESSO IL CANTIERE DURATA MINORE DI 6 MESI: ISCRIZIONE AL SISTRI SE SONO DISPONIBILI ADEGUATE TECNOLOGIE PER L ACCESSO, CON USB PRESSO IL CANTIERE ALTRIMENTI: ISCRIZIONE AL SISTRI DELLA SEDE LEGALE O UNITÀ LOCALE DI RIFERIMENTO DELL IMPRESA i carichi e le aperture delle AREE MOVIMENTAZIONE saranno effettuati da tale sede su indicazione del responsabile di cantiere la sede del trasportatore stamperà 2 copie dell AREA MOVIMENTAZIONE e le consegnerà al conducente, che sarà tenuto anche a raccogliere i dati con la USB del mezzo presso la propria sede tali copie, all atto del carico del rifiuto in cantiere, saranno firmate dal responsabile del cantiere, che ne conserverà una; l altra copia resterà al conducente, che la ritornerà alla propria sede, da dove verranno inseriti a sistema la data e l ora del carico

17 RIFIUTI DA MANUTENZIONE Luogo in cui avviene la manutenzione e la produzione di rifiuti (pericolosi) Visto che, trattandosi di pericolosi, il produttore deve essere iscritto a SISTRI Il trasporto effettuato dal manutentore stesso senza black box (non iscritto al SISTRI per il trasporto) è accompagnato da una AREA MOVIMENTAZIONE scaricata in bianco dal sistema, compilata e firmata dal manutentore (che deve quindi avere un numero sufficiente di schede stampate prima di partire). Unità locale o sede di riferimento delle operazioni di manutenzione N.B. L esenzione dall installazione della Black Box si applica solo per i mezzi che trasportano rifiuti dal sito di manutenzione all unità locale o sede legale di riferimento ovvero la sede legale o l unità locale alla quale viene formalmente imputata la produzione di rifiuti) All arrivo presso l UL o la sede di riferimento, il produttore carica i rifiuti sul REGISTRO CRONOLOGICO, indicando nelle annotazioni che si tratta di rifiuti da manutenzione e il luogo di produzione; in seguito, l invio del rifiuto a terzi segue le normali procedure. Nota: il manuale operativo non indica se: tale procedura si applica anche ai rifiuti non pericolosi (per i quali, in caso di non adesione a SISTRI la scheda AREA movimentazione non può essere stampata) per trasferire i rifiuti da manutenzione presso la propria sede o unità locale di riferimento, è necessaria l iscrizione all albo nazionale gestori ambientali (art. 212, comma 8).

18 RIFIUTI DA MANUTENZIONE (continua) INVECE: per portare i propri rifiuti direttamente a destinazione è necessario essere iscritti all albo nazionale gestori ambientali (art. 212 comma 8). Se sono pericolosi è altresì obbligatorio iscriversi al SISTRI Luogo in cui avviene la manutenzione e la produzione di rifiuti Impianto di destinazione dei rifiuti prodotti Il trasporto effettuato dal manutentore stesso senza black box (non iscritto al SISTRI per il trasporto di rifiuti non pericolosi) è accompagnato dalla scheda AREA MOVIMENTAZIONE predisposta e firmata dalla sede, indicando nelle annotazioni che si tratta di rifiuti da manutenzione e il luogo di produzione. Senza essere iscritti al SISTRI si possono portare in impianto SOLO rifiuti non pericolosi. Se anche il produttore non è iscritto al SISTRI (es. rifiuti non pericolosi da attività di servizi), si deve usare il formulario.

19 RIFIUTI DA MANUTENZIONE DI INFRASTRUTTURE A RETE UNICO CASO PREVISTO: Materiali prodotti Movimentazione in apposito luogo di concentramento Riutilizzabilità? No Contatto sede legale produttore e trasferim. inform. Compilazione registro cronologico (Carico con effett. ubicazione) Luogo di concentramento per verifica riutilizzabilità Ecc. Avvio a recupero / smaltimento con accesso a area movimentazione Trasporto effettuato da un impresa di trasporto regolarmente iscritta a SISTRI Impianto di gestione rifiuti

20 Quindi, il manuale SISTRI chiarisce che: il trasporto di rifiuti da manutenzione (PERICOLOSI) dal luogo di svolgimento della manutenzione alla sede o il domicilio del soggetto che svolge tali attività deve essere accompagnato da un documento (AREA MOVIMENTAZIONE scaricata in bianco dal sistema SISTRI), compilata e firmata dal manutentore MA NON SPECIFICA chiaramente se: tale procedura si applica anche ai trasferimenti di rifiuti NP per operare tale trasferimento, il manutentore debba essere iscritto al trasporto c/proprio (art. 212, c. 8) * * N.B. L iscrizione all art. 212, comma 8, implicherebbe il rispetto dei limiti pari a 30 kg o lt/gg per i rifiuti pericolosi.

21 Rischio basso Effettuazione trasporto rifiuti da manutenzione da luogo di produzione a impianto di trattamento [con iscrizione art. 212, c. 8 (SEMPRE) ed iscrizione a SISTRI (SE RIFIUTI PERICOLOSI)] Trasferimento rifiuti da luogo di produzione a sede / domicilio del soggetto che svolge attività di manutenzione (SOLO SE NON PERICOLOSI) nel rispetto dei limiti quantitativi che esonerano dalla compilazione del FIR ( 4 volte/anno, 30 kg o lt/anno, 100 kg o lt/anno) Trasferimento rifiuti da luogo di produzione a sede / domicilio del soggetto che svolge attività di manutenzione (SOLO SE PERICOLOSI) con scheda movimentazione stampata in bianco da SISTRI e compilata Trasferimento rifiuti da luogo di produzione a sede / domicilio del soggetto che svolge attività di manutenzione (SIA PERICOLOSI CHE NON PERICOLOSI) con scheda movimentazione stampata in bianco da SISTRI e compilata Rischio elevato Trasferimento rifiuti da luogo di produzione a sede / domicilio del soggetto che svolge attività di manutenzione (SIA PERICOLOSI CHE NON PERICOLOSI) senza alcun documento

22 Scenari gestionali Attività di manutenzione Spurgo pozzi neri e impianti di trattamento acque reflue Manutenzione impianti di illuminazione Manutenzione impianti di riscaldamento e condizionamento Manutenzione impianti produttivi Manutenzione opere edili Tipologia rifiuto Rifiuti dalla pulizia di griglie, pozzi neri, vasche imhoff, impianti di trattamento biologico dei reflui Neon e altre lampade a fluorescenza Batterie (al nichel-cadmio / contenenti mercurio / alcaline) Filtri degli impianti di condizionamento Ferro e acciaio Oli esausti per motori e ingranaggi Codici CER * * / * / Calcinacci * / *

23 Scenari gestionali 1. Appaltatore con elevata autonomia gestionale 2 scenari possibili 2. Appaltatore con limitata autonomia gestionale

24 Scenari gestionali 1. Appaltatore con elevata autonomia gestionale Committente Appaltatore Produttore Detentore Deposito temporaneo e trasporto FIR Regsitro C/S Può dare un area in comodato d uso Rifiuti portati a fine giornata presso la sede del manutentore senza FIR Rifiuti portati direttamente all impianto di destinazione con FIR Note Acquisizione copia autorizzazioni (trasporto / trattamento) Acquisizione fotocopia 4^ copia FIR (se compilati) SI SI SI Manutentore = produttore Unità locale = sede dell Azienda da cui si originano i rifiuti SI (compilazione e conservazione)

25 Scenari gestionali 2. Appaltatore con ridotta autonomia gestionale Produttore Detentore Deposito temporaneo e trasporto FIR Regsitro C/S Note Committente SI SI Affidamento trasporto a soggetto autorizzato SI Risulta come produttore (= unità locale) SI (compilazione e conservazione) Appaltatore SI Rifiuti portati a fine giornata presso la sede del manutentore senza FIR Rifiuti portati direttamente all impianto di destinazione con FIR Effettuazione operazioni in nome e per conto del committente Il Committente si prende in carico i rifiuti prodotti dalle attività di manutenzione anche se questi (tutti o parte) potrebbero essere stati prodotti (in senso giuridico) dalla ditta appaltatrice

26 Scenari gestionali 2. Appaltatore con ridotta autonomia gestionale Il fatto che la ditta appaltatrice si faccia onere dello smaltimento dei rifiuti derivanti da demolizioni, con espressa clausola contrattuale, non impedisce l unitaria posizione di garanzia di impedimento di una illegale gestione dei rifiuti, da parte dell appaltante (espresso obbligato contrattuale) ed il trasferimento dell obbligo di controllo su un altro soggetto (Sentenza Cass. 4957/2000)

27 Fine della presentazione Grazie per l attenzione prestata Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA Dipartimento Attività Tecnico-Patrimoniali e Tecnologiche U.O.Edile Impiantistica Azienda USL di Ferrara Comacchio, 23 ottobre 2009 COMPITI DEL SERVIZIO

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata*

IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* IL TRASPORTO DI RIFIUTI LIQUIDI: il controllo delle cisterne e degli autospurgo a cura del dott. Tiziano Granata* INTRODUZIONE Basta collegare un tubo all autobotte e il contenuto viene scaricato e fatto

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Ing. Domenico Sole Greco Responsabile Servizio Rifiuti e Bonifiche X Settore Territorio

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI Aggiornate al 6 maggio 2010 Indice Gestione-Rifiuti.it ISCRIZIONE E OPERATIVITÀ...5 1.01 Fino a quando è possibile iscriversi?...5

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE Per fare in modo che le aziende che fanno attività di manutenzione, attuino in modo corretto la gestione dei rifiuti provenienti appunto dalla loro

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna Giuseppe Liuzzi Servizio Pianificazione, Ambiente e Politiche Culturali Convegno 4/4/214 Sede Reggio Emilia Rifiuti agricoli: dall esperienza

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA:

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: CATEGORIE DI SOGGETTI CON ISCRIZIONE AL SISTRI OBBLIGATORIA ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: attività di demolizione, costruzione,

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm RIFIUTI AGRICOLI I rifiuti derivanti da attività agricole e agro-industriali sono normati, come tutti i rifiuti, dal Dlgs 152/2006. Detti rifiuti sono classificati come rifiuti speciali (art. 184, comma

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI Registri di carico e scarico e formulari Promosso da Realizzato da Ottobre 2014 Ecocerved Guida alla gestione amministrativa dei rifiuti. Registri di carico

Dettagli

2014 GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI

2014 GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI Ottobre 2014 GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI SOMMARIO INTRODUZIONE REGISTRO DI CARICO E SCARICO COMPILAZIONE DEL REGISTRO MODELLO A COMPILAZIONE DEL REGISTRO MODELLO B GESTIONE DEL REGISTRO

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI CONFINDUSTRIA PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VICENZA GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI FEBBRAIO 2014 Numero verde Le Associazioni di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza hanno sottoscritto un Accordo di collaborazione

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez L articolo 12 comma 1 del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Attuazione

Dettagli

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014 TRACCIABILITA DEI RIFIUTI con SISTRI (D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia 20 maggio 2014 *ATTENZIONE* Le informazioni riportate sono da ritenersi valide alla data di svolgimento

Dettagli

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Disciplina delle modalità di applicazione a regime del SISTRI del trasporto intermodale nonché specificazione delle categorie di soggetti obbligati ad aderire, ex

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto

Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98. sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Circolare 4 agosto 1998, n. GAB/DEC/812/98 sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di trasporto Pubblicato nella Gazzetta ufficiale 11 settembre 1998 n. 212 MINISTERO

Dettagli

Adotta il seguente decreto:

Adotta il seguente decreto: Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE Tra: L Associazione di Categoria Unione Provinciale Agricoltori di Ancona con sede legale in Ancona, Corso

Dettagli

RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI

RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGRICOLI Potenza 10 Maggio 2012 1 Giuseppe Mele AMBASCIATOR NON PORTA PENE! Responsabile "AGRICOLTURA BIOLOGICA E AREE PROTETTE Giuseppe.mele@alsia.it 2 3 4 LA CORRETTA

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE ATTIVITÀ DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE. Adempimenti normativi e indicazioni pratiche per una corretta gestione

LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE ATTIVITÀ DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE. Adempimenti normativi e indicazioni pratiche per una corretta gestione LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE ATTIVITÀ DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Adempimenti normativi e indicazioni pratiche per una corretta gestione COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI DI BRESCIA E PROVINCIA Brescia, 11

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 17 dicembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE ALBO IMPRESE DI FIDUCIA PER L'AFFIDAMENTO DEI LAVORI MEDIANTE COTTIMO APPALTO CONTRATTO APERTO IL DIRIGENTE AREA TECNICA

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE ALBO IMPRESE DI FIDUCIA PER L'AFFIDAMENTO DEI LAVORI MEDIANTE COTTIMO APPALTO CONTRATTO APERTO IL DIRIGENTE AREA TECNICA In liquidazione Sede Operativa: Zona Industriale II Fase Viale 11 n. 3/A 97100 Ragusa Telefono 0932.255347 fax 0932.644553 Cap. Sociale euro 100.000,00 P.I. e C.F. 0121700881 AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà LA GESTIONE DEI

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA MANTOVA, 18 SETTEMBRE 2013 Relatore: Andrea Minari LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D?

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Cap. 2.A Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Nella parte denominata Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati del D.lgs. 152/2006, di cui all art.183,

Dettagli

NORMATIVA E GESTIONE DEI RIFIUTI DEI TRATTAMENTI FITOSANITARI. Bologna, 22 febbraio 2012

NORMATIVA E GESTIONE DEI RIFIUTI DEI TRATTAMENTI FITOSANITARI. Bologna, 22 febbraio 2012 informa.fito. Aggiornamento di strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (LR 28/98 Det. n 16819 del 31/12/2008) NORMATIVA E GESTIONE DEI

Dettagli

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi La normativa di riferimento a livello nazionale in materia di rifiuti è rappresentata dal Decreto legislativo

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti 27 marzo 2015 CONFINDUSTRIA RAVENNA Servizio QSAE Le problematiche ancora aperte Sistema complesso ancora in attesa di semplificazioni

Dettagli

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI.

La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. La GESTIONE dei RIFIUTI delle AVIS ed il NUOVO SISTEMA di CONTROLLO della TRACCIABILITÀ dei RIFIUTI SISTRI. Visto gli Statuti delle Avis, persone giuridicche di diritto privato. Vista la legge 23 dicembre

Dettagli

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI Colverde 29/11/2014 Dott.ssa Claudia Testanera LA GESTIONE DEI RIFIUTI Alcune nozioni: Definizione di Rifiuto Definizione di Sottoprodotto

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti?

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? Di Avv. Rosa Bertuzzi Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? di Avv. Rosa Bertuzzi Circa i rottami ferrosi, in questa rivista, si è già trattato l argomento in passato. L ultimo articolo, risalente al

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002)

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18,

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

S.P.T. Servizi Pubblici Teramani S.p.A. Via Nicola Dati n. 20 64100 Teramo Tel. 0861-246301 - 251301 Fax 0861-253926

S.P.T. Servizi Pubblici Teramani S.p.A. Via Nicola Dati n. 20 64100 Teramo Tel. 0861-246301 - 251301 Fax 0861-253926 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI AUTOSPURGO C/O RETI FOGNARIE ED IMPIANTI DEPURATIVI CONDOTTI DALLA S.P.T. S.p.A. 1 1- GENERALITA Il presente capitolato d oneri ha per oggetto gli interventi

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli