SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013"

Transcript

1 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di avvio dell utilizzo di SISTRI (al 3 marzo 2014, per i produttori iniziali; al 1 ottobre 2013, per gli altri soggetti obbligati)? È necessario prendere in carico le giacenze? e, in caso affermativo, in quali termini? 2 Come gestire i rifiuti pericolosi già in carico nel registro cartaceo/registro di impianto, con SISTRI? Risposta fornita (sulla base della nota ministeriale del 1 ottobre 2013) La normativa SISTRI in vigore (d.m. n. 52/2011, art. 13, comma 1) si limita a prevedere che, anche con SISTRI, i rifiuti prodotti debbano essere registrati entro 10 giorni lavorativi dalla produzione. Allo stesso modo, per i rifiuti ricevuti da terzi resta fermo il termine di 2 giorni lavorativi dal ricevimento del rifiuto. Viene peraltro precisato che i rifiuti debbono comunque essere presi in carico prima della movimentazione. In altre parole, non possono essere movimentati rifiuti che prima non siano stati registrati in carico. Ciò premesso, i rifiuti in giacenza al 30 settembre 2013 (o al 1 ottobre) presso l impianto di trattamento, sia quelli in stoccaggio ritirati da terzi che quelli prodotti nell impianto stesso come esito dei trattamenti eseguiti, sono (o dovrebbero essere) già registrati in carico nel registro già in uso: l obbligo di registrazione entro 2 o 10 giorni è stato assolto (o comunque va assolto entro detti termini registrando sul registro di cui all art. 190 del d.lgs. n. 152/2006, la cui compilazione resta obbligatoria e sanzionata fino al 31 ottobre). L avvio di SISTRI non determina un nuovo obbligo di ri presa in carico entro un termine prestabilito, salvo la necessità di registrare preventivamente in SISTRI la presenza dei (soli) rifiuti che si intendono movimentare. Stando alla norma, quindi, il gestore dell impianto può liberamente decidere tempi e modalità di trasferimento in SISTRI delle giacenze risultanti dai saldi algebrici delle registrazioni eseguite fino al 30 settembre, avendo come unica condizione che, al momento della movimentazione con SISTRI eseguita dal 1 ottobre, il tipo e la quantità di rifiuto oggetto di movimentazione risulti caricato ossia giacente anche per Sistri SISTRI (si veda anche nota ministeriale al punto 6). Per quanto riguarda i produttori iniziali, valgono analoghe indicazioni con riferimento alle giacenze al 2(3) marzo L impresa procede a inserirli in carico nel registro cronologico prima di movimentarli, anche con un solo movimento di carico per singolo rifiuto, indicando nella causale di carico giacenza per avvio SISTRI. Nuovi produttori 3 Qual è la procedura che il nuovo Per i rifiuti ottenuti dal nuovo produttore, come defini

2 produttore deve seguire per movimentare un rifiuto pericoloso? 4 Come deve essere registrato il rifiuto pericoloso generato da un impianto di trattamento? Produttori iniziali 5 Come gestire con SISTRI i rifiuti pericolosi già presi in carico nel registro cartaceo? 6 Nel registro di carico e scarico già in uso e da utilizzarsi quanto meno fino al 2 aprile 2014 i produttori i niziali di rifiuti pericolosi devono inserire anche gli estremi della scheda SISTRI? 7 Come deve gestire il produttore iniziale di rifiuti pericolosi le discrepanze che dovessero risultare in SISTRI tra peso presunto e peso verificato a destino? to al paragrafo 1, lett. d), della nota ministeriale, la procedura è la seguente: il nuovo produttore prende in carico il rifiuto nel registro cronologico produttore/detentore; prima della movimentazione verso terzi, il nuovo produttore apre una scheda movimentazione almeno 2 ore prima dell inizio del viaggio; il trasportatore compila la sua sezione della scheda movimentazione almeno 1 ora prima dell inizio del viaggio; il trasportatore può utilizzare sia la procedura non contestuale per la sincronizzazione dei dati con la black box, sia quella contestuale inserendo la chiave USB del veicolo nel pc del produttore e firmando contestualmente la scheda movimentazione; se viene utilizzata la procedura contestuale, il nuovo produttore deve effettuare contestualmente l associazione della scheda movimentazione al registro cronologico creando il movimento di scarico relativo a quel viaggio. Il rifiuto deve essere caricato sul registro cronologico produttore/detentore e si consiglia di inserire nelle annotazioni l attività di trattamento (ad es.: R4, D10, ) che lo ha generato. A partire dal 3 marzo 2014, il produttore iniziale di rifiuti pericolosi, già presi in carico ed ancora in giacenza in depositi temporaneo (o in stoccaggio) deve provvedere ad inserirli nel registro cronologico SISTRI, non necessariamente in unica soluzione, né entro una data prestabilita, ma comunque prima di movimentarli. Per ogni tipologia di rifiuto può essere eseguita anche una sola operazione di ri presa in carico indicando nella causale di carico giacenza per avvio SISTRI. Non è necessario che le giacenze risultino caricate in SISTRI fin dal primo giorno. No. Premesso che i produttori iniziali di rifiuti pericolosi sono obbligati a continuare a compilare anche i registri ed i formulari con le modalità oggi in uso fino ad aprile 2014, si consiglia di proseguire con le attuali modalità di gestione senza alcuna variazione e tenendo separata ed autonoma la gestione delle schede movimentazione, salvo, se ritenuto comodo, archiviarle spillandole con il corrispondente formulario. Il produttore iniziale di rifiuti pericolosi al momento non è tenuto a operare con il registro cronologico di SISTRI (almeno fino al 3 marzo 2014); deve continuare a compilare registri e formulari esattamente come ha fatto fino al 30 settembre. Ciò vale anche per le discrepanze tra peso presunto e peso verificato a destino, a prescindere

3 8 Per un produttore iniziale sia di rifiuti pericolosi che di non pericolosi, qual è la procedura da seguire dal 3 marzo 2014? 9 Come si deve comportare dopo l avvio di SISTRI il produttore iniziale di rifiuti non pericolosi? 10 Un impresa che produce rifiuti non pericolosi, appena produce rifiuti pericolosi, anche occasionalmente, deve iscriversi al SISTRI? E quando? 11 Nel caso di produzione accidentale di rifiuti pericolosi è obbligatoria l iscrizione a SISTRI? 12 Che valore ha la firma del produttore iniziale sulla scheda SISTRI stampata? dal fatto che dal 1 ottobre tale discrepanza risulterà anche in SISTRI. Per il produttore iniziale di rifiuti pericolosi dal 1 ottobre, per questo aspetto, l unica novità sarà che sulla copia della scheda movimentazione, che gli verrà inviata dopo l accettazione da parte del destinatario, verrà indicato lo stesso peso verificato a destino riportato sulla quarta copia del corrispondente FIR, che gli verrà restituita. Per i produttori iniziali di rifiuti l obbligo di utilizzare SI STRI dal 3 marzo 2014 riguarda solo i rifiuti pericolosi, mentre non hanno alcun nuovo obbligo per quelli non pericolosi, per i quali dovranno continuare ad utilizzare registri e FIR anche dopo l aprile Dal 1 ottobre 2013, per il produttore iniziale di rifiuti non pericolosi non cambia nulla e, salvo ulteriori modifiche legislative, non cambierà nulla nemmeno dal 3 marzo Deve continuare a tenere il registro di carico e scarico (per i rifiuti per i quali questo registro è prescritto) e ad utilizzare il FIR quando li avvia a smaltimento o a recupero. La norma non prevede, come caso particolare, la produzione occasionale di rifiuti. In via generale, dal 3 aprile 2014 chi produce rifiuti pericolosi deve registrarli sul registro cronologico SISTRI (entro 10 giorni lavorativi) e poi movimentarli con la scheda SISTRI. Conseguentemente l impresa deve provvedere all iscrizione non appena prevede la produzione di rifiuti pericolosi, altrimenti rischia di trovarsi nell impossibilità di registrarli e di movimentarli. Qualora decida di trasportare questi rifiuti, deve anche iscriversi all Albo gestori ambientali per l attività di trasporto. In ogni caso per entrambe le attività (produzione e trasporto dei propri rifiuti), l obbligo di utilizzo di SISTRI decorre dal 3 marzo Secondo quanto indicato all articolo 188 ter, comma 10, del D.Lgs. n. 152/2006, il produttore è tenuto ad iscriversi entro 3 giorni lavorativi dall accertamento della pericolosità dei rifiuti accidentalmente prodotti. Il produttore iniziale di rifiuti pericolosi, fino al 3 aprile 2014, è soggetto unicamente al regime sanzionatorio connesso alla corretta tenuta dei registri e formulari di cui ai vigenti articoli 190 e 193 del d.lgs. n. 152/2006. Dal 1 novembre 2013, però, per i soggetti tenuti all utilizzo di SISTRI dal 1 ottobre, entrano in vigore le sanzioni di cui all art. 260 bis del d.lgs. n. 152/2006 e tra queste quelle relative alla corretta compilazione della scheda SISTRI area movimentazione, sanzioni che fino al 3 aprile 2014 sono applicabili in via principale solo al trasportatore, ma che potrebbero coinvolgere, a titolo di concorso, anche il produttore. È quindi più che opportuno che,

4 13 Quali sono i termini per la restituzione al produttore iniziale della quarta copia del formulario e della scheda SISTRI area movimentazione? Se il produttore iniziale non riceve tali copie, cosa deve fare? 14 Nelle schede SISTRI c è la possibilità di indicare il volume, ma sul registro cronologico è possibile indicare solo il peso. È così? da subito, il produttore eviti di sottoscrivere informazioni non corrette, in pratica verificando che le indicazioni contenute nella scheda movimentazione che il trasportatore gli consegna e gli fa sottoscrivere corrispondano a quelle del formulario della cui correttezza e completezza, come s è detto, resta responsabile. Per quanto riguarda la quarta copia del formulario resta valido il termine fissato dall art. 188, comma 3, lett. b), del d.lgs. n. 152/2006: 3 mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore. In caso di spedizioni transfrontaliere di rifiuti detto termine è di 6 mesi ed è riferito al documento di accompagnamento al trasporto di cui al Reg. 1013/2006. Qualora, nel termine stabilito, il produttore non riceva di ritorno la copia del documento firmata per accettazione dal destinatario, per liberarsi da responsabilità deve, nello stesso termine, dare comunicazione alla Provincia della mancata ricezione. Per quanto riguarda la scheda SISTRI area movimentazione, l art. 20 del Dm n. 52/2011 prevede che l accettazione del rifiuto da parte dell impianto arrivi per via telematica alla casella di posta elettronica del produttore entro 30 giorni dal conferimento dei rifiuti. In caso di mancato ricevimento, il produttore deve comunicarlo a SISTRI e alla Provincia competente. Non sono invece stabiliti termini di restituzione della scheda SISTRI area movimentazione nel caso in cui il produttore iniziale non sia operante su SISTRI, come per tutti i produttori iniziali di rifiuti pericolosi avverrà fino al 3 marzo Sì, ma il produttore iniziale al momento non è ancora tenuto alla compilazione del registro cronologico. Nella scheda movimentazione si può indicare il quantitativo in volume come sul FIR. All arrivo poi il destinatario indicherà il quantitativo accettato in peso. Produttore iniziale con attività di recupero e smaltimento in proprio 15 Come si deve comportare il produttore iniziale che esercita anche delle attività di gestione dei propri rifiuti pericolosi? Trasportatore di rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi I produttori iniziali di rifiuti pericolosi sono tenuti per tali rifiuti ad utilizzare SISTRI a partire dal 3 marzo 2014 e ciò anche per quanto riguarda le attività di messa in riserva (R13) o deposito preliminare (D15) dei propri rifiuti pericolosi (si veda la nota ministeriale, par. 1, lett. a). I produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che esercitano attività di recupero e smaltimento dei propri rifiuti diverse dalla messa in riserva e dal deposito preliminare (ad esempio incenerimento, trattamenti, ecc) sono invece tenuti ad utilizzare SISTRI, per le sole attività di recupero o di smaltimento, a partire dal 1 ottobre 2013.

5 16 Nel corso della compilazione della scheda movimentazione viene richiesta l autorizzazione dell impianto di destinazione con la data di rilascio, ma non viene chiesta la data dell iscrizione del trasportatore; quest ultima non è necessaria? 17 Il trasportatore di rifiuti pericolosi, nel mese di doppia gestione, dovrà archiviare il FIR oltre alle schede SISTRI? 18 Chi è il soggetto tenuto a firmare la scheda movimentazione cartacea per conto del trasportatore? Il delegato dell impresa di trasporto che ha firmato elettronicamente la scheda? 19 Per un trasporto di rifiuti pericolosi eseguito inserendo delle tappe intermedie, per raccogliere lungo il percorso anche rifiuti non pericolosi, e quindi non soggetti a SI STRI, cosa si deve fare? Si deve avvisare SISTRI di ciò? E come? 20 Se è stata predisposta una scheda movimentazione pianificando il viaggio per un determinato giorno e poi il viaggio viene posticipato, si deve annullare la scheda e predisporne una nuova? 21 I trasportatori devono rispettare dei vincoli temporali per la predisposizione delle schede movimentazione? 22 Se viene commissionato un ritiro urgente mentre il veicolo è già in viaggio per altri ritiri, può il delegato dell impresa di trasporto Gli estremi dell iscrizione del trasportatore all Albo gestori non sono richiesti. SISTRI è interconnesso con la banca dati dell Albo gestori ambientali ed in questo modo può recuperare tutte le informazioni relative alle iscrizioni. Le autorizzazioni degli impianti, invece, non sono al momento disponibili su alcun database. In ogni caso, nemmeno grazie all interconnessione con la banca dati dell Albo, SISTRI, allo stato, esegue verifiche in tempo reale. Spetta al compilatore verificare e controllare tutte le autorizzazioni, comprese quelle del trasportatore. Sì. Fino allo scadere dei trenta giorni a decorrere dall avvio dell obbligo di utilizzo di SISTRI restano in tutto e per tutto i vigenti obblighi (e sanzioni) relativi ai registri e formulari, ivi compreso l obbligo di archiviazione e conservazione dei FIR (con il registro di cui costituiscono parte integrante e quindi per cinque anni). La copia cartacea della scheda movimentazione costituisce un supporto che accompagna il rifiuto nel viaggio. Spetta all impresa di trasporto disporre per la firma, né più né meno di quanto avviene oggi per la firma del formulario. Nella programmazione del viaggio con SISTRI per la raccolta e trasporto dei rifiuti pericolosi si dovrà indicare un percorso che comprenda anche i luoghi di raccolta dei rifiuti non pericolosi; questi ultimi, comunque, non saranno inseriti in SISTRI, ma verranno regolarmente accompagnati da FIR. Sì, se si vuole modificare la data programmata, poiché il sistema non consente di modificare la data di prevista esecuzione del trasporto, ma solo di inserire la data e l ora effettive in cui il viaggio è iniziato e si è concluso. Non è comunque obbligatorio annullare la scheda, si può semplicemente posticipare il viaggio ed inserire i dati del viaggio stesso entro le successive 48 ore. Sì. Trattandosi di rifiuti pericolosi, il trasportatore deve predisporre la scheda movimentazione, comprensiva di tutti i dati anche del produttore, almeno 1 ora prima dell inizio del viaggio per i primi 6 mesi di utilizzo di SI STRI, come previsto dalla procedura ordinaria, anche in caso di produttore non iscritto di cui all art. 14 del dm 52/2011 (si veda nota ministeriale, par. 3). Sì, purché sia rispettato il tempo di compilazione della scheda (almeno 1 ora prima della presa in carico del rifiuto).

6 compilare la scheda movimentazione, inviarla al produttore che ne stampa le copie necessarie? 23 Quante copie cartacee della scheda movimentazione devono essere stampate dal trasportatore? 24 In caso di utilizzo non contestuale dei dispositivi, c è un tempo minimo o massimo da rispettare per l inserimento del dispositivo Usb nel PC? Lo si può sincronizzare la sera prima? 25 Quale causale inserimento deve indicare il trasportatore che compila la scheda SISTRI area movimentazione al posto del produttore? Trasportatore dei propri rifiuti speciali pericolosi 26 L attività di trasporto rifiuti pericolosi in conto proprio (ossia dei propri rifiuti) è soggetta al SISTRI dal 1 ottobre 2013? Intermediario e commerciante 27 Nella mia stampata della scheda SISTRI area movimentazione non compare l intermediario, mentre questo compare a video. E corretto? 28 In caso di doppia intermediazione (due intermediari coinvolti nella stessa movimentazione da due soggetti diversi, es. produttore e destinatario), qual è la procedura? Nel FIR si possono inserire entrambi. 29 L intermediario può compilare la scheda movimentazione per il produttore? Se si tratta di un trasporto semplice (non intermodale e comunque senza trasbordi) almeno due: una per il produttore e una che accompagna il viaggio; può essere utile un ulteriore copia per il destinatario, da utilizzarsi in attesa che questi inserisca, entro le 48 dal ricevimento del rifiuto, i dati nel sistema. Non c è un tempo minimo o massimo: la sincronizzazione deve essere effettuata (quando si vuole purché) prima dell inizio del trasporto. Sino al 3 marzo 2014 il trasportatore di rifiuti pericolosi dovrà (sempre) selezionare la causale produttore non iscritto. Come chiarito dalla nota ministeriale, dal 1 ottobre 2013 sono soggetti all obbligo di utilizzo di SISTRI solo i trasportatori di rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi. I produttori iniziali di rifiuti pericolosi che trasportano i rifiuti da loro prodotti dovranno utilizzare SISTRI dal 3 marzo La stampa della scheda SISTRI area movimentazione non contiene l indicazione dell intermediario. Premesso che nel FIR non è prevista l indicazione dell intermediario e che è solo una prassi quella di inserire uno o più intermediari nel campo annotazioni, nella scheda movimentazione è possibile inserire un secondo intermediario mediante il pulsante aggiungi, se la scheda movimentazione viene compilata nel sistema informatico; se invece viene compilata su supporto cartaceo, il secondo intermediario può essere inserito in annotazione, per poi essere riportato successivamente nel sistema a conclusione del viaggio da parte del trasportatore. Il manuale prevede che l intermediario compili la scheda movimentazione per il produttore e per tutti gli altri soggetti in caso di trasporto intermodale e transfrontaliero, negli altri casi sono gli altri soggetti (produttore, se obbligato, trasportatore e destinatario) a dover inserire

7 30 Chi manda la scheda SISTRI area movimentazione completa all intermediario? Non funzionamento delle BB 31 Esistono delle difficoltà legate al riallineamento dei dispositivi associati ai mezzi di trasporto ed al loro effettivo funzionamento. È possibile dopo il 1 novembre 2013 per il trasporto di rifiuti pericolosi (o per conferirli a soggetti terzi) u tilizzare mezzi di trasporto che non sono ancora provvisti di BB? 32 Se il trasportatore si presenta dal produttore o da un destinatario con una black box non funzionante cosa può fare il produttore o il destinatario per tutelarsi? Trasporto transfrontaliero 33 Qual è la procedura da utilizzare per il trasporto transfrontaliero di rifiuti pericolosi? l intermediario nella scheda movimentazione. Una volta completata dal destinatario, la scheda SISTRI area movimentazione,tramite web mail pec, viene inviata dal sistema all intermediario, in quanto soggetto obbligato all utilizzo di SISTRI. No. Dopo i primi trenta giorni di doppio regime, nel corso del quale restano sanzionabili solo le violazioni degli obblighi relativi ai registri ed ai formulari, entreranno in vigore, sia pur con riduzioni, le sanzioni relative all utilizzo di SISTRI. In ogni caso, la norma prevede che dal 1 ottobre il soggetto abilitato al trasporto di rifiuti pericolosi, oltre alla regolare iscrizione all Albo gestori ambientali, abbia anche l iscrizione a SISTRI e sia dotato delle black box sui mezzi adibiti al trasporto di rifiuti pericolosi (art. 2012, comma 9, del d.lgs. 152/2006). L Albo Gestori Ambientali ha il compito di provvedere a sospendere dall iscrizione per il trasporto di rifiuti pericolosi i mezzi non dotati di black box e successivamente, entro i successivi 3 mesi dalla sospensione, di cancellare dall iscrizione i codici di rifiuti pericolosi attribuiti ai mezzi che non si sono dotati, nel frattempo, di Black box. Il produttore non ha alcun obbligo di verifica del funzionamento delle black box e questo nemmeno quando SI STRI sarà obbligatorio anche per i produttori iniziali. Per giunta, l utilizzo della black box da parte del trasportatore non si interfaccia in alcun modo con gli obblighi relativi a SISTRI a carico del produttore: detti obblighi potranno essere compiutamente e regolarmente assolti e risultare corretti anche in assenza di utilizzo delle black box da parte del trasportatore. Il mancato o irregolare utilizzo della black box costituisce una violazione commessa dal solo trasportatore che diventerà sanzionabile a partire dal 1 novembre Per il trasporto transfrontaliero di rifiuti pericolosi restano in tutto e per tutto obbligatorie le procedure previste dal regolamento CE n. 1013/2006; in particolare resta obbligatorio il documento di movimento previsto da detto regolamento. Le spedizioni transfrontaliere di rifiuti pericolosi sono i noltre soggette a SISTRI per i rifiuti in uscita dall Italia e fino al confine, anche se il trasporto viene eseguito da un impresa di altro Paese, anche se dell Unione. Oltre che dal documento di movimento CE, il rifiuto sarà accompagnato anche dalla scheda movimentazione a perta dal produttore (se nuovo produttore ) o dal trasportatore (se trattasi di un rifiuto di un produttore ini

8 Impianti di trattamento 34 Se un trasportatore arriva all impianto di destinazione con scheda compilata su carta precedentemente scaricata in bianco da SISTRI e FIR, il destinatario deve aspettare che il trasportatore inserisca i dati della scheda in SISTRI per inserire i propri? Intanto procede a inviare la scheda SISTRI compilata al produttore? 35 Qual è la procedura di presa in carico del rifiuto in ingresso ad un impianto che stocca e tratta rifiuti pericolosi prodotti da terzi? 36 Come devono essere gestite le u scite da un impianto autorizzato al deposito preliminare (D15) o messa in riserva (R13) di rifiuti pericolosi prodotti da terzi? 37 Fino a quando il produttore iniziale non avrà l obbligo di utilizzare SISTRI, il destinatario, una volta completata la compilazione della scheda SISTRI area movimentazione nel sistema e provveduto alla sua stampa, deve anche timbrarla e firmarla? Delegato 38 Se cambia la persona delegata titolare della chiavetta USB è possibile aggiornare i dati della chiavetta e con quale procedura? Impianti mobili ziale non obbligato a sistri fino al 3 marzo 2014). Nel caso in cui il produttore sia un nuovo produttore (e dal 3 marzo 2014, comunque per tutti i produttori di rifiuti pericolosi), al ricevimento del documento di movimento firmato dal destinatario estero il produttore stesso inserisce detto documento in formato pdf in allegato alla registrazione di scarico effettuata con invio all estero del rifiuto. Il destinatario che riceve rifiuti con FIR e con scheda compilata su carta precedentemente scaricata in bianco da SISTRI, deve: compilare, firmare e restituire la quarta copia del FIR (per mezzo del trasportatore), compilare in sostituzione del trasportatore la scheda movimentazione nel sistema, compilare anche la propria sezione con l indicazione della quantità accettata, firmare e restituire al produttore la scheda SI STRI cartacea, associare la scheda al registro cronologico pertinente per prendere in carico quei rifiuti Il rifiuto viene accettato con la scheda movimentazione che viene associata al registro cronologico dello stoccaggio. Come affermato anche nella nota ministeriale non è praticabile la gestione dei registri cronologici attribuiti da SISTRI alle attività di trattamento, pertanto il registro cronologico dello stoccaggio è l unico ad essere alimentato. Si consiglia di inserire in annotazione la dicitura vedasi registro interno dell impianto. Il gestore dello stoccaggio di rifiuti prodotti da terzi (D15 o R13) carica il rifiuto in ingresso nel registro cronologico (D15 o R13) e lo movimenta in uscita dallo stesso registro. La scheda SISTRI area movimentazione deve essere completata dal destinatario nel sistema con i dati di sua competenza e deve essere firmata elettronicamente. Salvo sopravvengano diverse indicazioni, tale scheda non sostituisce il FIR e pertanto non è necessario apporre timbro e firma dopo la stampa. La variazione avviene da remoto: il cambio del delegato deve essere comunicato a SISTRI che provvede ad emettere un nuovo certificato elettronico. Il dispositivo viene aggiornato quando l impresa accede a una specifica area autenticata di SISTRI.

9 39 Un impresa che in un proprio impianto mobile di trattamento di rifiuti non pericolosi produce rifiuti pericolosi derivanti dall utilizzo dei macchinari utilizzati in quel trattamento è obbligata ad utilizzare SISTRI dal 1 ottobre 2013 come nuovo produttore? 40 Se un impresa, con un proprio impianto mobile, tratta rifiuti pericolosi è obbligata ad utilizzare Sistri dal 1 ottobre 2013? Interoperabilità 41 È possibile usare SISTRI tramite il software gestionale già in uso? Cosa occorre fare per attivare l interoperabilità? Se l impianto mobile tratta rifiuti non pericolosi l impresa per tale attività non è soggetta a SISTRI. I rifiuti derivanti dalla manutenzione degli impianti mobili (ma anche fossero fissi, non cambia) sono gestiti dall impresa come i rifiuti di un produttore iniziale con obbligatorietà di SISTRI da 3 marzo 2014 se sono pericolosi. Sì, come tutte le altre imprese che trattano rifiuti pericolosi. Le imprese che utilizzano un software gestionale possono continuare ad utilizzarlo collegandolo a SISTRI attraverso l interoperabilità, se detto software è compatibile con le interfacce di gestione previste da SISTRI per il sistema di interoperabilità. La software house che ha fornito il software è in grado di verificarne la compatibilità. L impresa che vuole utilizzare l interoperabilità deve effettuare la procedura di accreditamento ai servizi di interoperabilità e compilare il modulo di richiesta autorizzazione all utilizzo dei servizi di interoperabilità, entrambi disponibili sul sito di SISTRI.

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario.

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario. 1 Richiesta Associazione Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di

Dettagli

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di rifiuti non pericolosi?

Dettagli

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI INDICE MANUALE ESTARWEB-SISTRI 1. Presentazione 2. Sistri menù generale ESTARweb 2.1. Inserimento dei certificati di interoperabilità 2.2. Inserimento nuovo dispositivo (chiavetta SISTRI) 2.3. Visualizzazione

Dettagli

NOVITA SISTRI. IL TESTO UNICO. ABROGATE TUTTE LE NORME PRECEDENTI

NOVITA SISTRI. IL TESTO UNICO. ABROGATE TUTTE LE NORME PRECEDENTI NOVITA SISTRI. IL TESTO UNICO. ABROGATE TUTTE LE NORME PRECEDENTI di Avv. Rosa Bertuzzi Il Sistri si dota di un Testo unico. E stato pubblicato nella G.U. n. 95 del 26 aprile 2011 il Decreto 18 febbraio

Dettagli

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI

QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI QUADRO SINOTTICO SISTRI ASPETTI NORMATIVI Richiesta Associazione 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di I nuovi produttori sono obbligati

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi. Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014

SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi. Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014 SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014 Come è cambiato il Sistri nel corso degli ultimi due

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE PISANA

UNIONE INDUSTRIALE PISANA UNIONE INDUSTRIALE PISANA SISTRI 2014 Sintesi normativa in vista dell operatività del sistema Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014 TRACCIABILITA DEI RIFIUTI con SISTRI (D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia 20 maggio 2014 *ATTENZIONE* Le informazioni riportate sono da ritenersi valide alla data di svolgimento

Dettagli

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2 SISTRI 1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2. I NODI NORMATIVI E INTERPRETATIVI CHE ANCORA IMPEDISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRACCIAMENTO

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI 7 agosto 2013 www.sistri.it Sommario Indice delle Revisioni... 6 1. Descrizione generale del Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI... 7 1.1.

Dettagli

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti 27 marzo 2015 CONFINDUSTRIA RAVENNA Servizio QSAE Le problematiche ancora aperte Sistema complesso ancora in attesa di semplificazioni

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio IL TRASPORTO DEI RIFIUTI NELL'AMBITO DELL'ATTIVITÀ DI "GESTIONE ALLA LUCE DELLE MODIFICHE APPORTATE AL DECRETO LEGISLATIVO N. 152/2006 PER L'INTRODUZIONE DEL NUOVO SISTEMA SIS.T.R.I. SISTRI - Cos è Il

Dettagli

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Ing. Domenico Sole Greco Responsabile Servizio Rifiuti e Bonifiche X Settore Territorio

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014

Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Decreto Ministeriale del 24 aprile 2014 Disciplina delle modalità di applicazione a regime del SISTRI del trasporto intermodale nonché specificazione delle categorie di soggetti obbligati ad aderire, ex

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?... 8 marzo 2011 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...14

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi Viale Shakespeare n. 29 DEFINIZIONI (Art. 183, lett. f) DLgs

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 26 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Dm Ambiente 18 febbraio 2011,n. 52 in vigore dal 11/5/2011

Dettagli

SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE

SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO E MODALITA DI CANCELLAZIONE Le discussioni sull applicabilità del Sistema zombi così comè stato definito nella nuova campagna stop-sistri portata avanti dalle associazioni

Dettagli

Continueranno ad utilizzare SISTRI anche coloro che sono soggetti all'obbligo dallo scorso 1 ottobre 2013, ossia:

Continueranno ad utilizzare SISTRI anche coloro che sono soggetti all'obbligo dallo scorso 1 ottobre 2013, ossia: SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi in vista dell'avvio dell'operatività il 3 marzo 2014 Linee Guida del sistema Confindustria 1. Chi sono i soggetti obbligati dal 3 marzo

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 14 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI LA GESTIONE E LA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SIS.T.RI Relatore: Giovanni Cadeddu 16 Dicembre 2014 STUDIO DI CONSULENZA AMBIENTALE GIOVANNI CADEDDU Uff. Mantova Via Solferino, 1 46049 VOLTA M.NA (MN) tel.

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

Chi opera professionalmente nel settore dei rifiuti è tenuto a rendicontare, attraverso un'apposita documentazione, l attività di gestione svolta.

Chi opera professionalmente nel settore dei rifiuti è tenuto a rendicontare, attraverso un'apposita documentazione, l attività di gestione svolta. Chi opera professionalmente nel settore dei rifiuti è tenuto a rendicontare, attraverso un'apposita documentazione, l attività di gestione svolta. Ambiente.Net è la soluzione semplice, economica e completa

Dettagli

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine Home Ricerca CER Ricerca Impianti Documenti Notizie CollaborAZIONE Contatti Home Notizie SISTRI ABBIAMO TESTATO LA DEMO CARATTERE A A A - Lo scorso 28 maggio 2010 abbiamo partecipato a Milano presso ASSOLOMBARDA

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 17 dicembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti,

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

Nica Srl Informatica Aziendale

Nica Srl Informatica Aziendale Gentile Cliente, con la presente intendiamo illustrarle i passaggi da effettuare, per poter configurare ed utilizzare la procedura Winwaste.Net in suo possesso con i servizi di Interoperabilità, previsti

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA... 30 settembre 2010 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...11

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna MUD 2015 Confindustria Ravenna 27 marzo 2015 Servizio QSAE Confindustria Ravenna Riferimenti normativi Sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA:

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: CATEGORIE DI SOGGETTI CON ISCRIZIONE AL SISTRI OBBLIGATORIA ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: attività di demolizione, costruzione,

Dettagli

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA Condizioni Generali ANCI-CDCNPA per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali 1 Oggetto ed ambito applicativo Le presenti prescrizioni costituiscono condizioni

Dettagli

TARGET OBIETTIVO SICUREZZA

TARGET OBIETTIVO SICUREZZA TARGET OBIETTIVO SICUREZZA NEWSLETTER MENSILE DI GRUPPO SICURA n. 29 GENNAIO 2010 OBIETTIVO SICUREZZA IN QUESTO NUMERO: BENVENUTO 2010 P. 1 BULLSEYE: addestramento antincendio con estintore laser PROGETTO

Dettagli

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Focus di pratica professionale di Marco Thione Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Considerazioni introduttive: la dematerializzazione come opportunità La cosiddetta

Dettagli

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211 RE.TE. Imprese Italia ha lanciato la proposta dell organizzazione, in stretta collaborazione con il Ministero dell Ambiente, di una Giornata dedicata alla utilizzazione concreta del SISTRI, in occasione

Dettagli

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015 SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06 Revisione OO del 01/06/2015 Copyright 2015 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli S.p.A. Azienda con sistema qualità certificato ISO

Dettagli

Adotta il seguente decreto:

Adotta il seguente decreto: Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Fatturazione Elettronica verso le PA

Fatturazione Elettronica verso le PA Piergiorgio Licciardello Fatturazione Elettronica verso le PA Bologna, 13 maggio 2014 AGENDA Normativa e Adempimenti Scenario Attori Processi coinvolti 2 Normativa e Adempimenti IL NUOVO CAD (CODICE AMMINISTRAZIONE

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

PrometeoSISTRI. Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08

PrometeoSISTRI. Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08 PrometeoSISTRI Manuale N 4 Intermediari Versione 14.08.08 Questo manuale, si pone l obiettivo di renderti subito operativo all utilizzo del modulo SISTRI di Prometeo indicandoti solo il caricamento dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 Gentile Cliente, quelle che seguono sono le istruzioni per la corretta esportazione dal software So.Ge.R.

Dettagli

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce ***

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** L articolo esamina le novità introdotte dalla Finanziaria 2008

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

Nuova classificazione dei rifiuti

Nuova classificazione dei rifiuti Nuova classificazione dei rifiuti 14/05/2015 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Nuova classificazione dei rifiuti... 5 3.1 Riclassificazione

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli